Sei sulla pagina 1di 48

Ed.

UMBRIA e ABRUZZO

GRIT IMMOBILIARE
mensile di informazione immobiliare

qualsiasi idea di casa

TASSI: stangata mutuatari in arrivo


GLI ITALIANI ED IL FISCO
EDILIZIA: in caduta libera
CASA CAPRIATA Mollino
mensile n°10 - anno 2° - 03/2011 - free press

01

SPECIALE “Sondaggio Congiunturale” mercato abitazioni


Mutuo
Mutuo immobiliare
immobiliare
LA NOSTRA
PROPOSTA Mutuo immobiliare
Sostituzione del mutuo
INTEGRATA
ALLA FAMIGLIA Mutuo del
Portabilità immobiliare
mutuo o “surroga”

Mutuo
Prestito immobiliare
personale
Affiliato: CONCORDIA MEDIAZIONI SRL
PERUGIA CITTA' - PONTE PATTOLI
Via della Concordia 6/B
zfin0@kiron.it Cessione del quinto
Tel. 075.58.38.521

Affiliato: CENTRO MEDIAZIONI SRL Carta


Mutuo
di credito
immobiliare
revolving
BASTI - ASSISI
BASTIA
SPELLO- COLLESTRADA
Via Galilei 2
kpgac@kiron.it Mutuo immobiliare
Consolidamento debiti
Tel. 075.80.10.227

Affiliato: SERVIZIO MEDIAZIONI SRL


Mutuo
Prestito immobiliare
vitalizio
FOLIGNO - GUBBIO
GUALDO TADINO
Via Mazzini 104/A
if2fo@kiron.it
Tel. 0742.26.14.76 0742.34.47.05

Affiliato: PERUGIA OVEST SRL


ELLERA DI CORCIANO
S. SISTO - LAGO
Via G. Di Vittorio 64
kpgaa@kiron.it
Tel. 075.51.73.616

02
03
Editoriale

IMMOBILI: FRENA IL MATTONE. CALANO MUTUI E SI ALLUNGA-


NO TEMPI (PUNTO)

Battuta d’arresto per il mercato immobiliare italiano, al Sud in particolare, men-


tre continua la crisi del settore commerciale e si allungano i tempi delle trattative.
Incrociando gli ultimi dati Istat e quelli degli operatori del settore, emerge infatti
come tra la seconda meta’ del 2010 e l’inizio del 2011 la ripresa del mattone,
partita un anno fa, abbia perso gran parte dell’abbrivio. L’Istituto di Statistica ha
segnalato che nel terzo trimestre del 2010 le compravendite immobiliari sono
diminuite del 3,4% rispetto allo stesso periodo di un anno fa registrando un
nuovo valore negativo dopo i segnali di ripresa manifestatisi nei due trimestri
precedenti. Miglioramenti, quelli di un anno fa, che comunque non avevano
riportato il volume delle transazioni ai valori del 2006, prima dell’avvio della fase
di discesa. La flessione e’ stata molto piu’ accentuata al al Sud (-11,7%) e nelle
Isole mentre le vendite sono rimaste sostanzialmente stabili al Centro (-0,4%) ed
in progresso al Nord (+1,1%). Resta comunque ancora un piccolo segno positivo
se si guarda al complesso dei primi nove mesi del 2010 (+0,6% a 586.801 com-
pravendite) rispetto alle 583.459 dello stesso periodo del 2009. Scomponendo
il dato Istat del terzo trimestre si rileva che le vendite di immobili residenziali,
dopo un periodo di risalita, siano diminuite del 2,7% mentre quelle di immobili
commerciali hanno accentuato la caduta con un -11,6%, segnando un nuovo mi-
nimo da 13 anni a questa parte. La battuta d’arresto del mattone si riflette anche
nel mercato dei mutui con le stipule che sono scese del 2,2% nel terzo trimestre
dopo il dato ‘boom’ del primo (+13,3%) e la crescita dels econdo (+3,4%). Ma
le cattive notizie non si fermano qui. Da un’analisi realizzata dall’Ufficio Studi di
Tecnocasa emerge anche un allungamento dei tempi di vendita degli immobili. I
dati mostrano che nel gennaio scorso nelle grandi citta’ i tempi medi di vendita
si attestano intorno ai 168 giorni contro i 156 giorni registrati a gennaio 2010.
Attese che si allungano ancora di piu’ nei capoluoghi di provincia, con una media
di 201 giorni contro i 167 di gennaio dell’anno scorso. Da segnalare, infine, che
sono in diminuzione anche gli investimenti dei costruttori. Secondo i dati diffusi
dall’Ance nel 2010 gli investimenti in costruzioni sono diminuiti del 6.4% e la
stessa associazione prevede un’ulteriore flessione, pari a -2.4%, per il 2011. Com-
plessivamente si arriva a un calo complessivo, dal 2008 al 2011, del 17,8% con
una perdita di fatturato per il settore di circa 29 miliardi di euro.

ASCA del 9 marzo 2011

04
GRIT IMMOBILIARE
mensile di informazione immobiliare
Num.10 - Anno 2° - marzo 2011 - Free Press

SOMMARIO

Sondaggio Congiunturale Mercato Abitazioni pag 08

Proroga sanatoria catastale pag 12

Proroga sfratti pag 13

Tassi mutui: stangata in arrivo pag 16

Gli italiani e il Fisco pag 20

Gli italiani e le Banche pag 24

Settore edile in caduta pag 35

Casa Capriata Mollino pag 38

Se l’Italia distrugge la bellezza pag 42

Direttore Editoriale Art Director


Antonio Guerrieri Caterina Guerrieri Marketing e Pubblicità
Direttore Responsabile •Responsabile di zona:
Caterina Guerrieri Direzione e
Sig. Natalino Altea
Amministrazione
075.8005389/392.3870504
Collaboratori: Via Hanoi, 2 392/4233314
Giangiacomo Bei, 06083 • Bastia Umbra
Francesco Fiumarella, (PG) Tel. 075 8005389 • Carmela Aprea
Paolo Nicoletti, Fax.075 8004270
Marco Nicoletti, gritimmobiliare@gmail.com
Stefania Legumi Stampa
Editore Properzio srl di05
Progetto Grafico E.G.I. s.r.l. Bastia Umbra PG
E.G.I. s.r.l. Reg. Tribunale di Perugia Free Press
N. 14/2010 del 16/02/2010
www.tlcradio.it

Strumentazione ricondizionata
pronta all’uso, assistenza e
calibrazione strumenti
dalla dc a 50 ghz Sale & Repair Test Equipments
in laboratorio 400 mq di strumentazione esposta
certificato
iso 9002

TLC Radio srl


via Val Sassina 51/53 Roma
06 tel 06.8183033 fax 06.87190254
Mobile 338.9453915 info@tlcradio.it
Entra nella green Economy
Gruppo di coogenerazione di auto produzione
Piccolo investimento

Elevato rendimento
Licenze, documentazioni,
business plain,
tutto chiavi in mano. Tecnologia e
Tele Assistenza 24 h/365
affidabilità
Siamo presenti nelle più
importanti fiere italiane
per l'energia alternativa. Tutto
chiavi in mano.

Informazioni

sei tu.
preventivi
392 91 68 926

partner tecnico

sede legale: Via Cavour 81, 64011 Alba Adriatica;


mobile 392 91 68 926 Tel 085 800 65 82
naturenergia@hotmail.com 07
SONDAGGIO CONGIUNTURALE
speciale: MERCATO ABITAZIONI IN ITALIA
Banca d'Italia, Tecnoborsa e Agenzia del Territorio

Roma, 7 Marzo 2011 - Nel quarto trimestre del 2010 si indebolisce


il quadro del mercato immobiliare. Alla prosecuzione della tenden-
za positiva dei nuovi incarichi a vendere si sono contrapposti il calo
su base annua delle compravendite intermediate dalle agenzie e
più diffuse indicazioni di flessione dei prezzi. Anche le attese a bre-
ve degli agenti sulle condizioni del mercato di riferimento mostrano
un peggioramento, mentre prosegue, pur attenuandosi, l’ottimismo
circa le prospettive di medio periodo del mercato nazionale.

Il Sondaggio congiunturale sul mercato delle possono spiegare le discrepanze osservabili


abitazioni in Italia, avviato nel gennaio 2009 se si confrontano le stime qui presentate con
da Banca d'Italia e Tecnoborsa, a partire dal- quelle basate sugli atti notarili.
la edizione di novembre 2010 si avvale della
cooperazione dell’Agenzia del Territorio. Tra il
12 gennaio e il 3 febbraio 2011 si sono svolte
le interviste dell’edizione relativa al quarto tri-
mestre 2010, a cui hanno partecipato 1.412
I PRINCIPALI RISULTATI
agenti, fornendo informazioni sull’attività di
compravendita e sui prezzi nel trimestre di
riferimento (ottobre/dicembre 2010), nonché Prezzi delle abitazioni – Nel quarto
trimestre del 2010 la quota di agenti che
sulle prospettive del settore. Le stime relati-
hanno segnalato una diminuzione dei prezzi
ve al numero di case vendute sono basate
è aumentata per la prima volta dall’inizio delle
sull'osservazione delle transazioni interme-
rilevazioni nel 2009, salendo al 40% (31,6%
diate. Dal punto di vista degli agenti immo-
nella precedente indagine); ne è derivato un
biliari, la transazione è generalmente conclu-
netto peggioramento del saldo negativo tra
sa con la firma del preliminare di vendita, la
le percentuali di risposte “in aumento” e “in
quale può precedere, anche di diversi mesi,
diminuzione” (−38 punti percentuali contro
il passaggio di proprietà vero e proprio regi-
−28 nel terzo trimestre). L’intensificarsi delle
strato negli atti notarili (rogito). Questi aspetti
valutazioni negative è stato particolarmente
pronunciato e diffuso nelle regioni del Nord,
mentre nel resto del Paese ha interessato,
in misura assai più contenuta, unicamente le
aree urbane.

Numero di compravendite – Ri-


spetto allo stesso trimestre dell’anno prece-
dente, la quota di agenzie che hanno vendu-
to almeno un immobile si è ridotta di circa
dieci punti percentuali; anche il numero com-
plessivo delle compravendite intermediate
ha segnato un calo, stimabile nell’ordine dei
Si
tre punti percentuali1. Tali indicazioni vanno
considerate con particolare cautela alla luce
dell’elevato grado di variabilità che ha carat-
terizzato le valutazioni degli agenti.

08
Incarichi a vendere – Il saldo tra ri-
sposte di aumento e diminuzione congiuntu-
rale delle giacenze di incarichi a vendere è ri-
masto positivo, pur riducendosi leggermente
(a 16,6 punti percentuali da 19 nella prece- Modalità di finanziamento degli
dente rilevazione). Per i nuovi incarichi il sal-
do rimane positivo e sostanzialmente stabile
acquisti – La quota di acquisti di abita-
zioni effettuata con accensione di un mutuo
(15,7 punti percentuali); la dinamica rimane
ipotecario è salita al 72,6%, 2,5 punti in più
più sostenuta nelle regioni del Sud, in parti-
rispetto all’indagine precedente. L’incremen-
colare nelle aree non urbane.
to è stato uniforme tra tutte le macroaree a
Tra le cause prevalenti di cessazione degli
eccezione del Sud - dove la crescita è stata
incarichi, si è intensificata l’assenza di pro-
di circa 7 punti percentuali - e si è concentra-
poste di acquisto a fronte di richieste del
to nelle aree non urbane. Il rapporto tra pre-
venditore ritenute troppo elevate (64,7%
stito erogato e valore dell’immobile è rimasto
dei casi contro il 61,6% rilevato in ottobre)
stabile al 71,3 %.
e, in misura più contenuta, quella di proposte
di acquisto a prezzo giudicato troppo bas-
so dal venditore (49,6% contro 48,2%). Si è Le prospettive del mercato in
invece ridotta l’incidenza dei ritiri dovuti sia cui operano le agenzie – Il saldo
a difficoltà nel reperimento del mutuo (da tra giudizi “favorevoli” e “sfavorevoli” sulle
51,8% a 45,2%), sia ad attese di prezzi più attese a breve circa le condizioni del mer-
favorevoli (da 24,9% a 19,6%). cato di riferimento, pur rimanendo positivo,
si è ridotto a 6,3 punti percentuali da 10,7.
È migliorato il saldo positivo tra le attese di
aumento e diminuzione dei nuovi incarichi a
vendere (circa 25 punti contro 22 in ottobre
2010), mentre è peggiorato quello negativo
circa le attese sui prezzi (−30,1 punti contro
-24,9).

Le prospettive del mercato na-


Trattative e tempi di vendita – zionale – Il divario tra i giudizi di migliora-
Nel quarto trimestre del 2010 si è interrotta mento e quelli di peggioramento delle pro-
la tendenza alla contrazione del margine di spettive a breve del mercato nazionale,
riduzione dei prezzi di vendita, che è tornato positivo per 0,6 punti percentuali nella rile-
ai livelli dell’inizio dell’anno (11,7%, era 11% vazione precedente, è tornato negativo per
nella precedente rilevazione). Il fenomeno ha circa 5 punti. riflettendo principalmente la
interessato unicamente le regioni settentrio- maggiore incidenza delle valutazioni sfavore-
nali, a fronte di una sostanziale invarianza voli a fronte di una sostanziale invarianza di
nel resto del territorio. Rimangono stabili, in- quelle favorevoli. Il quadro per i prossimi due
torno ai 7 mesi, i tempi che intercorrono tra anni rimane positivo, nonostante il saldo tra
conferimento dell’incarico e vendita effetti- le attese di miglioramento e peggioramento
va, confermandosi inferiori di circa un mese si sia lievemente ridotto, a 45,8 punti per-
nelle aree urbane. centuali (rispetto ai 48 di ottobre 2010).

sirio
■ ■
■ Via dei molini, 65 - Magione (Pg)

■ edilizia residenziale Tel 075.8472790 / 075.8472790


e-mail: info@siriocostruzioni.it
costruzioni engineering ■ Mobile: 347.4320162 / 348.6055396

Sirio Costruzioni VENDE/AFFITTA appartamenti con rifiniture di pregio, lottizzazione C/11 di Via dei Pioppi loc. Magione
PROSSIMA REALIZZAZIONE:
villetta unifamiliare Realizzazioni - per Sirio e conto terzi - :
VISTA LAGO
EDILCAPALBO di Capalbo Emanuele
via dei molini 09
65, Magione (pg)
in San Feliciano (PG) Tel 347/4320162
loc. La Rocca.
Tel: 075.8044255 Fax: 075.8044265
Via G.Becchetti, 2/L S.Maria degli Angeli - Assisi - PG

Proponiamo in vendita nel pieno centro storico

di Perugia attività di ristorante


con importante avviamento e alto reddito
dimostrabile. L'attività viene venduta comprensiva
di arredi e attrezzature da lavoro. Affiancamento
iniziale.

TRATTATIVA RISERVATA
Per Info rivolgersi allo 075 - 8044255

ASSISI ASSISI S.M.ANGELI S.M.ANGELI

Vendesi appartamento in condomi-


Nelle vicinanze della basilica di San nio signorile con ampi spazi verdi Vendesi appartamento di mq 80 ca.
Francesco vendesi mini apparta- condominiali, composto da ingresso, al secondo piano composto da: in-
mento con soppalco ristrutturato ed soggiorno con angolo cottura, came- gresso, soggiorno, cucina abitabile, Vendesi mansarda da ristrutturare
affittato. Ottimo per investimento. ra matrimoniale, studio e doppi ser- due camere, servizio, ripostiglio, due con ampia terrazza abitabile in posi-
Possibilità di averlo libero. vizi. Ottimo per punto di appoggio terrazze e fondo. Zona centrale. Ri- zione centralissima con splendida vi-
Richiesti € 95.000 o investimento. Richiesti € 145.000 chiesti € 125.000 trattabili sta sulla basilica. Trattativa in ufficio.

BASTIA S.M.ANGELI COLLEMANCIO S.M.ANGELI

Centralissima palazzina di sole 6 uni-


Via Veneto: su complesso di nuova Vendesi appartamento al piano attico Casale predisposto per attività di tà, con finiture di primissima scelta,
realizzazione appartamento al piano di mq 110 ca. composto da ingresso, b&b. la casa padronale composta da: vendiamo in esclusiva appartamenti
secondo di mq 68 ca. composto da ampio soggiorno con angolo cottura ingresso, cucina abitabile, salone, tre di varie tipologie: una camera, due
ingresso, soggiorno con angolo cot- e camino, camera matrimoniale con camere e due bagni oltre alle tre ca- camere, tre camere, anche con giardi-
tura, camera matrimoniale, camera cabina armadio, due camere, due ser- mere per ospiti al piano inferiore tut- no privato. Possibilità di garage e po-
singola, ripostiglio, servizio, oltre a vizi, terrazzo comunicante e garage. te con ingresso indipendente. Com- sti auto esclusivi. Ottima esposizione
posto auto coperto esclusivo. Ottime Ottime finiture interne. pleta la proprietà la piscina e 1 ha di al sole e panorama su assisi.
finiture. Richiesti € 165.000 Richiesti € 185.000 terreno.Trattativa riservata Informazioni in ufficio

10
CARATTERISTICO
APPARTAMENTO Forcatura
RISTRUTTURATO
composto da: ingresso, soggiorno con camino, CARATTERISTICO
cucina abitabile, tre camere da letto, due bagni e
ripostiglio. Riscaldamento autonomo. APPARTAMENTO
RISTRUTTURATO

Monterone composto da:


ingresso,
soggiorno,
cucina abitabi-
le, tre camere da
letto, due bagni
oltre a locale al
piano interrato
ad uso cantina e
giardino privato
di mq. 45 ca.
parzialmente
lastricato.
Riscaldamento
autonomo.

11
Immobili Fantasma:
prorogati ulteriormente i termini
Il termine per la regolarizzazione degli immo- presunta (accatastamento d’ufficio) con ef-
bili ignoti al catasto viene prorogato ulterior- fetti fiscali a partire dal 1° gennaio 2007 ed
mente di un mese. Non sarà più il 31 marzo ulteriori oneri e sanzioni a carico dei proprie-
quindi, ma il 30 aprile. Al 30 settembre 2010 tari . Le successive verifiche della regolari-
infatti - termine ultimo delle operazioni di rile- tà urbanistica degli immobili emersi spetterà
vamento di fabbricati irregolari - le abitazio- poi ai comuni. Provvedere alla regolarizza-
ni conformatesi alle disposizioni del decreto zione del proprio immobile entro i termini sta-
legge risultavano essere solo una su quattro biliti permette di pagare le sanzioni in misura
e quasi sempre su sollecito da parte dell’A- ridotta. Gli interessati possono ricorrere alla
genzia delle Entrate. E’ chiaro quindi che allo sanatoria successivamente la scadenza del
scadere del termine ultimo, a gran parte di termine soltanto nel caso in cui possa dimo-
quei 2 milioni di case fantasma rilevate dalle strare all’ufficio provinciale competente che
autorità competenti - che evadono il fisco il tecnico abilitato necessario per predispor-
per un gettito pari ad un miliardo di euro - re la denuncia al catasto è stato già contat-
verrà attribuita la famosa rendita catastale tato.

12
PROROGA SFRATTI, Pascucci Uniat:
primo passo di tutela delle famiglie
“La proroga degli sfratti al 31 dicembre 2011 non devono avere altra residenza nella re-
a seguito di un emendamento in extremis sul gione. Tenendo in considerazione tutti questi
decreto mille proroghe autorizzato dal consi- punti – dichiara Pascucci – appare evidente
glio dei ministri su proposta del ministro delle la necessità di dotarsi di ulteriore misure in
infrastrutture Matteoli segna un primo pas- grado di affrontare con coerenza l’emergen-
so per la tutela dei soggetti più deboli della za abitativa in cui versa il nostro paese. Una
popolazione”. E’ quanto dichiara Fabrizio Pa- misura necessaria e fondamentale da con-

UFFICIO STAMPA UNIAT Roma


scucci presidente dell’Uniat. “La proroga de- cretizzare in tempi brevi riguarda l’aumento
gli sfratti prevista da questo emendamento del fondo affitti, che attualmente è stato ta-
purtroppo si rivolge soltanto ad un piccolo gliato di 2/3. I dati parlano chiaro, le famiglie in
segmento di famiglie , cioè coloro che anno difficoltà sono migliaia , circa 600 mila quelle
un reddito dell’intero nucleo familiare non su- in attesa di assicurarsi una casa popolare e
periore ai 27 mila euro e che abbiano in fami- circa 50 mila quelle oggetto di nuovi sfratti
glia un ultra 65enne oppure malati terminali o per morosita’. Tutte queste famiglie vanno
portatori di handicap o figli a carico dal punto tutelate, aiutate, sostenute, - conclude il pre-
di vista fiscale escludendo quelle per morosi- sidente dell’uniat- il problema casa, le gravi
tà. Ma non basta, il blocco degli sfratti 2011 è difficoltà in cui versano migliaia di cittadini
previsto solo nei capoluoghi di provincia o nei non si risolve soltanto con un emendamento,
comuni confinanti con almeno 10mila abitanti ma ci deve essere un impegno forte da par-
oppure nelle città ad alta densità abitativa. te di tutti , parti sociali, associazioni inquilini,
Inoltre Coloro che usufruiscono della proroga istituzioni.

Tel: 0742.357196 affiliato FOLIGNO via Garibaldi, 87 foligno@gabetti.it

TREVI: FOLIGNO: FOLIGNO: FOLIGNO:

Casa singola con da 2 unità abitative, gara- Borroni, su palazzian di recentissima co- Via Ferraris (zona via Oslavia): terreno
Primissima periferia: villa singola di 420
ge, annessi e giardino circostante di 700 mq struzione appartamento composto da salone, con possibilità di edificare 220 mq ca. Ot-
mq ca. completamente ristrutturata con ru-
ca. € 248.000,00 trattabili cucina, 2 camere, 2 bagni, terrazzo e garage. timo per villa singola e bifamiliare. Prezzo
stico e giardino circostante. Ottime finiture.
€ 115.000,00 interessante.
Trattative riservate.

FOLIGNO: MONTEFALCO: NOCERA U. FOLIGNO:

Viale Roma: in posizione esclusiva e cen-


Via Piave: casa indipendente composta da 2 Villa singola del 2005 di ampia metratura Casa indipendente composta da 3 unità abi- trale, su villa in ristrutturazione, dispo-
appartamenti con fondi, garage e giardino. € con rustico, garage e giardino circostante. tative ed ampi fondi. niamo di appartamenti ed uffici di varie
285.000,00 Ottime finiture. metrature. Prezzi a partire da € 120.000,00

13
OFFERTAOFFERTAOFFERTAOFFERTA

14
OFFERTAOFFERTAOFFERTAOFFERTA
www.egipress.it

S U P E R CONSEGNA
OF F E R T A IN 24H
BIGLIETTI DA VISITA
Stampa solo fronte a 4 colori su carta patinata opaca da 300gr.
Formato mm 80x50

250 pz. 500 pz. 1.000 pz.

€ 19 € 25 € 35
CARTELLI VETRINA
Cartelli vetrina formato A3 (mm 297 x 420) / SRA3 (mm 320 x 450).
Stampa solo fronte a 4 colori su carta patinata opaca da 115gr.

a soli € 0,50 cad. su carta patinata opaca da 200gr.

a soli € 0,80 cad.


VOLANTINI
Stampa solo fronte a 4 colori su carta patinata opaca da 115gr.
Formato A5.

500 pz. 1.000 pz. 2.500 pz.

€ 79 € 89 € 110
15

E.G.I. srl stampa ed editoria - Tel. 075.800.66.05 - mail: stampa@egipress.it


TUTTI I PREZZI SONO INTESI IVA ESCLUSA - REALIZZAZIONE GRAFICA ESCLUSA
TASSI:
il 7 aprile la Banca Centrale Europea profila stangata mutuatari
indicizzati fino a 624 euro anno per circa 2,3 milioni famiglie.
Maggiori oneri su debito da 1,4 fino a 7 miliardi euro.
L’imminente decisione della BCE,che nella ipotesi; mentre se i tassi dovessero aumen-
riunione del 7 aprile 2011,procederà ad un tare dello 0,50%,le rate saliranno da 1.862/
aumento dei tassi di riferimento,da 0,25 a mese a 1.866/mese (+ 46 euro mesili,che si-
0,50 per cento,avrà forti ricadute su circa gnifica un maggiore esborso di 552 euro l’an-
2,3 milioni di famiglie che ascoltando i cattivi no. Stangata doppia per un mutuo ventenna-
consigli delle banche,si sono indebitate a tas- le di 200.000 euro (dal 2 al 2,50 per cento)
so variabile,invece degli irripetibili tassi fissi. che comporterà un aggravio di 624 euro l’an-
Le rate dei mutui indicizzati subiranno una no (+ 52 euro mensili) con un aumento dello
stangata variabile,da 11 euro al mese (132 0,50%, mentre nel caso di rincari più lievi, la
euro l’anno) qualora la Bce dovesse aumen- rata mensile passa da 1.012 euro a 1.036
tare un quarto di euro (+24 mese +
punto per un pre- 264 euro l’anno),
stito a tasso va- a patto che le iro-
riabile che passa vore banche italia-
dal 2 al 2,25 per ne non facciano la
cento con il costo cresta,rincarando
della rata men- ulteriormente i tas-
sile, per un mu- si. L’aumento dei
tuo decennale di tassi comporterà
100.000 euro,che maggiori oneri per
passa da 920 a rinnvore lo stock
931 euro, mentre del debito pubblico
qualora BCE do- pari a 281 miliardi
vesse aumentare di euro in scadenza
di mezzo punto, nel 2011,rispettiva-
il rincaro sarebbe mente 125,982 mi-
di 23 euro-mese, liardi di euro in Bot;
276 annui,con il costo rateale mensile che 87,785 in Btp; 30,048 in Cct; 37,301 miliardi
salirebbe a 943 euro l’annoMaggiori oneri in Ctz. Con un ritocco dello 0,25% dei tassi
per un mutuo di 100.000 euro di durata ven- di riferimento BCE, l’onere maggiore sarà di
tennale che passerebbe rispettivamente da 550 milioni di euro nel 2011; con un aumen-
506 euro al mese a 518,con un aumento di to dello 0,50 per cento, l’aggravio potrebbe
12 euro mensili (144 euro l’anno) nel caso essere di 1,1 miliardi di euro che il Tesoro
di un + 0,25; di + 26 euro mensili (312 euro dovrà mettere in conto nei 9 mesi scarsi che
l’anno) nel caso Bce dovesse aumentare di separano la fine del 2011 (dal 7 aprile), con
mezzo punto,dall’1 all’1,50% il suo tasso di una proiezione a regime sull’intero stock del
riferimento. Una maggiore stangata subi- debito pubblico, attestato a fine dicembre
rebbero i mutuatari con prestiti da 200.000 2010 a 1.843,2 miliardi di euro (119% sul Pil)
euro a 10 anni, che prestando fede alle sire- con un gravame di 87.771 euro a famiglia,
ne delle banche,sono stati indotti ad indebi- 30.720 euro sulle spalle di ognuno dei 60 mi-
tarsi a tasso variabile,con i ratei che passa- lioni di baitanti.
no da 1.840 euro mensili a 1.862 (+22 euro
al mese,+ 264 euro annui) nella migliore delle Elio Lannutti (Adusbef) - Rosario Trefiletti (Federconsumatori)

16
S.M.ANGELI:

Tel: 075.8044550
GABETTI, SOLUZIONI DI VALORE Gabetti Affiliato Assisi - Servizi Immobiliari snc - Via Los Angeles 185
www.gabetti.it assisi@gabetti.it
Villa bifamiliare composta da salone, PIANELLO:
BASTIA UMBRA:
cucina e bagno al piano terra, tre came-
re, doppi servizi e due terrazzi al piano
primo, garage e lavanderia al piano
interrato. Giardino di cirac 250 mq,
portico e veranda. Trattativa riservata
in ufficio.
In zona centrale cielo terra con due ap-
BASTIA UMBRA: partamenti. Primo piano interamente ri-
strutturato composto da salone, cucina,
tre camere, ripostiglio e servizio. Secon-
Nel cuore di bastia umbra, in comples-
do piano composto da sala,cucina, due
so residenziale di pregio, disponiamo camere, rispostiglio, servizio e terrazzo
di appartamenti di diversa ampiezza. di 30 mq coperto. Tre fondi rifiniti e due
Prezzi a partire da € 120.000. garages al piano terra. € 105.000.

PALAZZO: ASSISI:

Appartamento di recente costruzione


mai abitato disposto su due livelli con
soggiorno, angolo cottura, tre camere
e doppi servizi al piano terra, rustico e
garage al piano interrato. Giardino di
mq. 150. € 210.000.
In collina, bellissima villa con struttura In zona panoramica disponiamo di
antisismica, composta da due apparta- bellissima torre del 600 di 110 mq
AFFITTI menti e garage. 6.000 mq di terreno e suddivisa in 3 piani e 150.00 mq di
pozzo privato. Vista panoramica. Trat- terreno circostante. Trattative riservate
BASTIA UMBRA: tative in ufficio. in ufficio.
P.zza mazzini in palazzina ristruttura-
ta, ingresso, soggiorno, angolo cottu- BASTIA UMBRA: BETTONA:
ra, camera, bagno, arredamento nuo-
vo, no condominio (a016)

S.M.DEGLI ANGELI:
Ottimo arredamento, ingresso, sog-
giorno, angolo cottura, camera, bagno,
terrazzino, no condominio (A004) In zona centrale e panoramica splendida
casa in legno rbner costruita secondo i
In zona residenziale disponiamo di criteri dell’antisimica e del risparmio
appartamento composto da soggiorno energetico e finiture di pregio composta
con angolo cottura, camera matrimo- da salone, cucina abitabile, tre camere
AFFITTI niale e bagno. Ampio terrazzo. e doppi servizi. Rustico al piano semin-
terrato e rimessa attrezzi di circa 40 mq.
€ 88.000.
Terreno circostante di circa 5.200 mq.
BASTIA UMBRA:
In ottima posizione, panoramico attico PETRIGNANO: S.M.ANGELI
composto da ingresso, soggiorno (ca-
mino), cucina, camera, bagno, ampio
terrazzo, posto auto €. 450,00 (A002)

S.M.DEGLI ANGELI:
palazzina cielo-terra composta da in-
gresso, soggiorno, cucina (camino), Casa singola composta da salone, cu-
3 camere, 2 bagni, studiolo, soffitta: cina camera e bagno, quattro camere e In zona centralissima appartamento
(C005) un altro bagno al piano primo. Soffitta composto da soggiorno, cucina abi-
abitabile, cantina al piano interrato. tabile, tre camere, doppi servizi e due
Giardino di 400 mq. € 340.000. balconi. Garage di mq. 30. € 190.000.

17
PROMUOVI LA TUA ATTIVITA’ CON
GRIT IMMOBILIARE
www.gritimmobiliare.it/mensile

FAI LA MOSSA GIUSTA!


ACQUISTANDO UNO SPAZIO PUBBLICITARIO
DEL MENSILE GRIT IMMOBILIARE,
AVRAI UN BANNER GRATUITO SULLA STESSA RIVISTA ONLINE!!
NON PERDERE ALTRO TEMPO,
CHIAMACI SUBITO

allo
075.8005389
oppure
al 392.4233314
Responsabile Marketing per la provincia di Perugia
18

EGI Editore srl - via hanoi 2 - 06083 Perugia Bastia Umbra - 075.8005389 075.8006605 075.8004270
• La Umbra Pallets
opera nel campo della produzione,
riparazione e commercio di pallet e imballaggi in legno.

• Regolarmente autorizzata alla


riparazione dei pallets EUR/EPAL come da licenza
I-461 rilasciataci dalla European Pallets Association.

• Acquista pallet usati e rotti, con valutazione a


seconda del tipo di pallet o permuta con pallet nuovi.

• Può fornire servizio di ritiro e trasporto rifiuti (imbal-


laggi in legno) in base alle autorizzazioni di legge rila-
sciateci dal Ministero dell’Ambiente – Albo Nazionale
delle Imprese che effettuano la gestione dei rifiuti.

professionali e competitivi!

Tel: 075.9291560 Fax: 075.9293107


19

Zona Indostriale Padule - Gubbio - info@umbrapallets.it


IL FISCO?
INGIUSTO, INEFFICIENTE, ESOSO
E L’EVASIONE E’ PIU’ ODIATA DELLE TASSE

RICERCA CENSIS-COMMERCIALISTI SUL RAPPORTO


DEGLI ITALIANI CON IL SISTEMA FISCALE CHE CI FA
SENTIRE PREVARICATI E ANCORA PRIVI DI TUTELE

La percezione che gli italiani hanno del fisco meno servizi», la maggioranza (il 55,7%) pro-
continua ad essere sostanzialmente negati- pende per la prima ipotesi. Gli italiani sem-
va: ingiusto per il 36,2%, inefficiente per il brano dunque chiedere un ritorno alla fun-
25,5% ed esoso per il 23,7%. Solo il 9,9% lo zione di protezione tradizionalmente svolta
giudica efficiente e il 4,7% lo ritiene solidale. dallo Stato, affievolitasi negli ultimi due de-
È quanto emerge da una ricerca realizzata cenni. E il richiamo all’abbassamento delle
dal Censis per il Consiglio Nazionale dei Dot- tasse sembra avere meno appeal rispetto
tori Commercialisti e degli Esperti Contabili. alla voglia di una maggiore giustizia fiscale.
Un giudizio tranchant al quale si somma, con
una certa sorpresa, l’indicazione dell’evasio-
ne fiscale come il principale problema del
fisco. È così per il 44,4% degli intervistati,
esattamente il doppio di quanti (il 22%) indi-
viduano in un eccessivo livello di tassazione
il male maggiore. La condanna dell’evasione
è il tema che più scalda il cuore degli italiani.
La sensazione diffusa della gente, che emer-
ge dall’inchiesta, è che sono sempre più nu-
merosi quelli che, nonostante l’incremento
degli accertamenti, riescono a farla franca,
sottraendosi ai propri doveri di contribuen-
ti. Il 60% del campione ritiene che l’evasione
fiscale sia addirittura aumentata negli ultimi
tre anni.

Tante tasse, pochi servizi. Come prevedibile,


la grande maggioranza degli italiani giudica Scarse tutele per i contribuenti. La mancan-
elevato il carico fiscale. La pensa così ben za di tutele per il cittadino di fronte al siste-
l’81,1% del campione. Le imposte più indige- ma fiscale è l’altro grande tema che emerge
ste sono: il canone Rai (per il 47,3%), il bol- dalla ricerca. Stare dietro al fisco continua
lo auto (14,5%), l’Ici (12,7%), la tassa sulla ad essere ancora molto faticoso. La com-
nettezza urbana (12,1%) e l’Irpef (11,6%). plessità e la scarsa chiarezza del sistema
Ma le tasse non sono giudicate troppo alte tributario sono la principale fonte di disagio
in assoluto, quanto piuttosto in relazione alla per il 79,9% del campione, seguono la diffi-
qualità dei servizi ricevuti (è così per il 58,1% coltà a vedere tutelati i propri diritti di contri-
degli intervistati). Posti di fronte all’opzione buente (72,3%) e la mole di documentazione
«più servizi, più tasse» oppure «meno tasse, necessaria per avere accesso alle agevola-

20
zioni (72,2%). Il 68,2% lamenta poi i tempi di italiani. Anche perché il 55,7% non usa In-
attesa troppo lunghi per ottenere i rimborsi. ternet in nessun modo per il disbrigo degli
Complessivamente, per il 36,8% degli inter- adempimenti fiscali, il 28,1% lo fa unicamen-
vistati il sistema fiscale negli ultimi tre anni te per cercare informazioni e solo il 15,7%
è peggiorato, è rimasto uguale per il 48,6% effettua pagamenti, quando è possibile, per
ed è migliorato solo per 14,6%. Unica ecce- via telematica.
zione positiva è la facilità di pagamento dei
tributi, migliorata per il 52,7% del campione. Cosa mettere in agenda per una riforma del
Ai più il fisco continua ad apparire poco ami- sistema fiscale. Il 51,7% degli italiani ritiene
co. Quasi 8 italiani su 10 (il 76,9%) si sento- l’aumento dei controlli e degli accertamenti
no poco o per niente tutelati, e addirittura il fiscali per combattere l’evasione l’interven-
55,4% non ha mai sentito parlare dello Sta- to più urgente da attuare, mentre «solo» il
tuto del contribuente (il 22,1% ne ha senti- 23,4% chiede di abbassare il livello dell’im-
to parlare, ma non sa di cosa si tratta). Lo posizione fiscale e il 22,1% di semplificare
strumento che dovrebbe garantire maggiore il sistema tributario. Aumentare le forme di
certezza giuridica per i contribuenti è quindi tutela del contribuente è la priorità per il
sostanzialmente sconosciuto ai più. 20% del campione, per il 16,6% la soluzione
è l’attuazione del federalismo fiscale, per il
La funzione insostituibile degli intermediari. 12,5% occorre invece introdurre il quoziente
Timorosi di sbagliare o di incappare in errori familiare.
del fisco, l’82% degli italiani si affida al sup-
porto degli intermediari. Per la dichiarazione Questi sono i principali risultati di una ricerca sul rap-
dei redditi il 40,5% si affida ai commercialisti porto degli italiani con il fisco presentata oggi a Roma
dal Direttore Generale del Censis Giuseppe Roma, dal
e il 41,5% ai Caf. La funzione di intermedia- Presidente del Censis Giuseppe De Rita e dal Presiden-
zione svolta dai commercialisti viene vista te del Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti e
come decisiva: la giudica utile il 76,5% degli degli Esperti Contabili Claudio Siciliotti.

LA NUOVA DIMENSIONE DI PULIZIA E FRESCHEZZA

PER IL BENESSERE
DELL’AMBIENTE DOMESTICO E LAVORATIVO

Tel: 0742.391033 mobile: 337.653856


Referente: Sig.Rondoni Feliciano
- cercasi collaboratori zona Perugia -

CHIAMA SUBITO PER UNA DIMOSTRAZIONE GRATUITA!!

CI SIAMO SPECIALIZZATI
IN COMUNICAZIONE IMMOBILIARE
un’immagine vincente ti fa vendere molto di più

GRAFICA & STAMPA


E S I
END INE
SU QUALSIASI SUPPORTO E MATERIALE
CARTELLONISTICA PER I CANTIERI
BANNER - MANIFESTI - VOLANTINI VIMMAGENTE
RENDERING 3D - PRODOTTI MULTIMEDIALI C
VIN
21

GRAFIDEA & IMPRONTA CREATIVA


Via Adriatica, 100 - Ponte San Giovanni Perugia - Tel. 075398467 - Tel. 347.347.82.84
ELCE: in zona centrale e ben ser- SAN MARTINO: in palazzina di
vita ultimo piano appartamento 90 recente costruzione appartamento di
mq. Possibilità già locato. soggiorno con angolo cottura, due
camere, doppi servizi, terrazzi abita-
bili e garage. Euro 150.000

VIA DEI FILOSOFI: : in palazzo PREPO: in piccola palazina disponiamo di quattro unità SAN SISTO: in piccola palazzina
ristrutturato signorile appartamen- immobiliari con ingresso indipendente , giardino o terrazzo piano alto 75 mq oltre garage e sof-
to 150 mq oltre fondo, garage e fitta. colmpletamente ristrutturato.
abitabile. Finiture di pregio. Realizzazione in clesse A. Ottime condizioni.
posto auto . Panoramico su Perugia.

PILA
RESIDENCE
LA FONTANA
In complesso residenziale in
fase di ultimazione ultime di-
sponibilità di porzioni di bifa-
miliari ed appartamenti varie
tipologie. Realizzazione in CASTEL DEL PIANO: in palazzo
VIA MARIO ANGELONI
di recente costruzione piano alto di
in palazzo di recente costruzione si- classe B, finiture di alto livello.
soggiorno con camino, cucina abi-
gnorile attico 100 mq oltre ampio
tabile, 3 camere, doppi servizi, ampi
terrazzo, fondo e posto auto. Otti-
terrazzi, fondo e garage. Ottima
me finiture.
esposizione.
CENERENTE: in posizione
collinare e dominante disponia-
mo di soluzioni indipendenti
ed appartamenti con giardino, a
terrazzi abitabili, garage e posto
auto. Varia metratura.

SANTA SABINA: in zona verde e


servita porzione di bifamiliare con
FUTUR CENTER ampia corte circostante e cubatura
MADONNA ALTA: in zona cen-
trale e ben collegata appartamento In centro commer- residua. Ottimo prezzo.
di ingresso, salone doppio, tre am- ciale già avviato, di-
pie camere, doppi servizi e garage. sponiamo in pronta
Buone condizioni. consegna di locali
commerciali ed uf-
fici varia metratura.
Ottime finiture, da
vedere.

MONTEBELLO: in zona centrale


e servita ultimo piano di soggiorno
con angolo cottura, due camere ma-
FERRO DI CAVALLO
trimoniali bagno e terrazzo. Pano-
in contesto residenziale appar-
ramico e luminoso. Come nuovo.
tamento 78 mq oltre terrazzo,
Ideale sia per abitazione che investi-
piccolo giardino e garage. ottime
mento. Euro 118.000
condizioni.

CENTRO STORICO: splendida villa finemente ristrutturata.


Ideale anche per due nuclei abitativi.

22

Perugia via della pallotta 18 A/2 - e-mail perugia@gabetti.it - Tel./Fax 07530040 a


LA SOSTA H24
BAR
Ristorante Pizzeria
APERTO A PRANZO E A CENA

menù o
del gio
rn
uro ! Pizza e Pesce!!
a 12 e

a Bastia Umbra in via Cipresso 32 Tel: 075.8019748 338.8356144 e-mail: lasostah24@gmail.com

Country House
Il Borghetto “La Meta”
il posto ideale per chi cerca relax e tranquillità

“La Meta” dispone di appartamenti, camere,


ristorante, enoteca,
piscina, sala polivalente con video... tutti
comfort per una vacanza
indimenticabile. 23

a Bettona (PG), in via della Fattoria 46 Tel: 0759889084 www.countryhouselameta.com


BANCHE:
SONO LE PIU’ ODIATE DA UTENTI
E CONSUMATORI SEMPRE PIU’
SFIDUCIATI !

DATI CONCORDANTI SIA DAL RAPPORTO EURISPES, CHE DAL SONDAGGIO ADUSBEF
SERVIZI VESSATORI,USI ABUSI, SOPRUSI QUOTIDIANI,PERMESSI DA BANKITALIA

L’ultimo rapporto elaborato dall’Eurispes,che i giorni di valuta,oltre ad evitare qualsiasi


ha fotografato un risparmiatore scettico eventuale rischio. Dalla ricerca Eurispes è
e disincantato rispetto alla capacità delle emerso un giudizio molto critico per l’onero-
banche di contribuire allo sviluppo dei nuclei sità dei tassi d’interesse applicati ai prestiti,
familiari, delle aziende e più in generale della indagini che hanno evidenziato i costi ec-
crescita dell’economia, conferma il consue- cessivi per le operazioni allo sportello e per
to sondaggio Adusbef sulla fiducia verso le la gestione dei conti correnti pari in Italia ad
banche. Gli istituti di credito infatti, risulta- una media di 295 euro,contro 114 dei Pae-
no avidi, arroganti, menefreghisti e inaffida- si dell’area euro. La maggioranza assoluta
bili, soggetti detestati - e detestabili, poi- del campione Eurispes (57,3%) ha indica-
ché, sia secondo le rilevazioni dell’Eurispes, to un netto peggioramento della situazione
che attribuisce all’88,3% della popolazione economica individuale dell’ultimo anno, che
un giudizio negativo degli istituti di credito legata alla tracotanza ed alla vessatorietà
molto (48,2%) o abbastanza (40,1%) avidi, dei contratti ed all’onerosità dei costi ed al
che secondo il sondaggio Adusbef, che re- fenomeno del risparmio tradito, ha genera-
gistra affidabilità e credibilità delle banche to sfiducia,diffidenzafacendo attestare le
pari allo zero. Non solo chiedere denaro in banche tra le più odiate dagli italiani. In un
prestito alle banche,ma anche la più sempli- sondaggio effettuato da Adusbef su 1.323
ci delle operazioni bancarie, come quella di consumatori (che ricordiamo non ha carat-
cambiare un assegno bancario o circolare tere di scientificità in base a campione rap-
di poche centinaia di euro,presso lo spor- presentativo, ma è un chiaro indicatore del
tello dove è tratto ed è radicato il conto sentimento degli iscritti Adusbef verso le
corrente è una missione impossibile. Perché istituzioni finanziarie), emerge una sfiducia
le banche,piuttosto che offrire un servizio, crescente verso banche, poste, compagnie
come il più semplice allo sportello di cam- di assicurazioni. In quest’ultimo sondaggio
biare un assegno,in un accordo di cartello infatti, effettuato dal 24 al 31 gennaio 2011
certificato dalla Banca d’Italia,preferiscono (che non ha la pretesa del campione rappre-
negare il cambio in contanti di quel titolo di sentativo della popolazione adulta, ma che
credito, imponendo che venga versato sul resta un serio indicatore degli orientamenti
conto corrente, in modo da poter lucrare le dei consumatori),viene confermato l’atteg-
commissioni,di versamento e di prelievo ed giamento di sfiducia dei cittadini nei con-

24
fronti delle tre maggiori istituzioni finanziarie scorrette (27 %), abbastanza scorrette (12
che basano i loro rapporti proprio sulla fi- per cento),con l’8% convinta che fanno solo
ducia. Alla domanda secca: “Quanta fiducia i loro interessi, l’1% risponde che sono cor-
ha nelle banche” ? Il 4 per cento ha risposto rette o abbastanza corrette. Alla domanda:
“molta”, il 10 per cento “abbastanza”, il 33 “ Come definirebbe il rapporto con la sua

Comunicato stampa - Elio Lannutti - presidente Adusbef


per cento “poca”, il 53 per cento “nessuna”: banca”, l’1% lo ritiene “eccellente”, il 9 nor-
in pratica, il 14 per cento dei consumato- male, il 5% “buono”, il 31 % cattivo, il 51%
ri nutre “molta” o “sufficiente” fiducia nelle pessimo,l’1 % non sa, non risponde. Alla
banche, l’86 per cento “poca” o “nessuna” domanda che chiede di conoscere la gene-
! Adusbef,che non ha alcuna intenzione di si dello strapotere delle banche e da cosa
sostituirsi agli uffici demoscopici, ma ritiene deriva l’avidità e la vessatorietà del siste-
importante il giudizio degli associati (forse ma bancario,il 51% lo fa risalire dai mancati
più sensibili di altri, alle tematiche dei diritti) controlli di Bankitalia; il 18% dall’assenza di
ha chiesto: quanta fiducia ha nelle Poste ? concorrenza; il 16% da leggi troppo favore-
L’11 per cento molta; il 18 abbastanza; il 29 voli alle banche; il 15% da una informazio-
poca; il 42 nessuna: il 71 per cento non si ne poco obiettiva perché troppo schierata
fida delle poste,che pur godono di maggior con gli interessi delle banche. In merito alla
fiducia rispetto a banche e compagnie di frequenza agli sportelli bancari da parte del
assicurazioni. Alla domanda, quanta fiducia campione degli intervistati, il 10 per cento
ha nelle assicurazioni non va mai in ban-
? Il 6 per cento molta; ca perché ha un
il 12% abbastanza; il conto on-line; il 31
35 poca; il 47 nessu- % va nell proprio
na: l’82 % per cento sportello bancario
non si fida delle com- almeno 1 volta al
pagnie. Alla doman- mese; il 23 % alme-
da quali delle figure no una volta ogni
professionali tra cas- 2 mesi; il 12% ogni
sieri di banca o di sei mesi, il 24%
posta, agenti di assi- quando capita: In-
curazioni e promotori fine, L’81% ritiene
finanziari godono di che i tassi di inte-
maggior fiducia ? Il ressi che pagano
71 per cento non ha su mutui e prestiti
alcuna fiducia in nes- siano troppo alti;
suna di quelle suggerite,l’11% nel cassiere che siano equi il 19 %; L’84 per cento con-
postale, il 9% nel cassiere di banca; il 5 per sidera costi di gestione dei conti correnti
cento si fida dell’agente assicurativo; l’1 del e commissioni troppo elevati contro il 16%
promotore finanziario.il 2 di altre figure, l’1 che li considera giusti. Le banche dopo la
per cento, non sa o non risponde. Alla do- lunga catena di scandali finanziari e gli evi-
manda: nell’attuale situazione di crisi,quale denti fenomeni del risparmio tradito che
dei seguenti prodotti scegliereste per i vo- hanno bruciato 50 miliardi di euro ad 1 mi-
stri investimenti ? Il 70% sceglierebbe Titoli lione di risparmiatori,da Cirio a Parmalat,dai
di Stato; il 10% Buoni Postali; il 5% i certi- bond argentini a Giacomelli, hanno ricevu-
ficati di depositi, l’1% fondi comuni; polizze to il colpo di grazia con il fallimento della
pensionistiche; bond bancari e societari; ge- Lehman Brothers i cui bond assieme ad altri
stioni patrimoniali. Alla successiva doman- 57 titoli tossici erano bollinati come affida-
da: “a chi affidereste ad occhi chiusi i vostri bili dal Sito dell’Abi Patti Chiari, che invece
risparmi ?” L’8% li affiderebbe alle poste, il di essere doverosamente chiuso, continua
3 per cento alle banche, il 3% alle assicu- a dispensare laute prebende ai più variegati
razioni, l’1% a Sim,finanziarie e società di garanti. Fiducia e reputazione non si conqui-
gestione patrimoniali, mentre ben l’82% non stano pagando qualche garante delle male-
affiderebbe i risparmi a nessuna di esse: da fatte bancarie riciclati ad hoc sulla strada
notare che le risposte alla domanda prece- della collusione ,ma in quei comportamenti
dente sulla scelta degli investimenti, BOT, di correttezza e trasparenza che tardano
BTP e CCT sono graditi dal 70 per cento, i a venire, specie da parte di amministratori
buoni postali dal 10%,i certificati di deposito che continuano ad operare nella più totale
dal 5%, le obbligazioni dall’1 per cento. Alla illegalità,perché certi del silenzio complice
domanda che chiede di esprimere un giudi- di Bankitalia e del Governatore Draghi, sulla
zio sulle banche in generale, l’89 per cento cui affidabilità e fiducia, Adusbef sta pre-
afferma che sono molto scorrette (50 %), parando un ulteriore sondaggio.

25
TEST & MEASUREMENT INSTRUMENTS

VENDITA, NOLEGGIO, ASSISTENZA, RIPARAZIONE E


CALIBRAZIONE STRUMENTI ELETTRONICI
BF/RF/MICROONDE/OTTICI

26

TELES di Calandri Roberto via S.Penna 115 S.Andrea delle Fratte Perugia
Tel +39 075 529 2418 Mob. +39 335 23 65 34 Fax +39 075 529 2426
GRIT IMMOBILIARE
divisione pubblicitaria abruzzese

27
28
Naturalmente casa

doppia.indd 1-2
meta-adv.it
cata
la prop ria ca sa con la qualità certifi nde
Arredare delle Az ie
oprio dei prodotti ner, sono il
significa arredare il pr nostre pa rt
mondo.
po ne nt i fo nd am ento su cui poter
CTE propone co m perienza
l’a rre do di al tis sim a costruire la tua esservizi di
per stri
unire abitativa. I no
qualità, in grado di tica. consulenza ti aiuteranno
funzionalità ed este e il a personalizzare i tuoi
La nostra esperienza me spazi.
nostroknow-how,insie

Porte, Finestre, Scale


Zona Industriale - TREGLIO (Ch)
in prossimità del casello A14 Lanciano
Tel. 0872 716760 Fax 0872 709213
www.ctesrl.com info@ctesrl.com

29

12-07-2010 15:53:41
30
NOI SIAMO
QUELLO CHE
BEVIAMO
IL CICLO DI PULIZIA DELL’ACQUA NON
È PIÚ IN GRADO DI GARANTIRE ACQUA
PURA A CAUSA DI VARI FATTORI: ACIDITÁ
ELEVATA, INQUINAMENTO ATMOSFERICO
E INFILTRAZIONE DI ELEMENTI INQUINANTI
NELLA FALDA A CAUSA DI SCARICHI
INCONTROLLATI
La presenza

REGOLE PER SCONFIGGERE I NITRATI inquinamento


E’ diventato
parallelo con
1°- Evitare di bollire i cibi. La bollitura, infatti, peggiora la situazione, fa evaporare deterioramen
RISCHIANO
parte dell’acqua e aumenta quindi la concentrazione di nitrati. 2°- Collocare un filtro sul Di per sè ste
perché in seg
rubinetto, cosi è possibile depurare l’acqua dalla gran parte dei nitrati eventualmente nitriti, che a
nitrosammine

presenti. I filtri più indicati in questo senso sono quelli a OSMOSI INVERSA o dotati Recenti ricer
nel lungo pe

di resine a scambio ionico.


tumore dello
Anche perché
e spinaci, e

Fonte: AIRC consultabile sul sito http://www.airc.it/ o sulla rivista FONDAMENTALE pubblicata dall’AIRC
formazione
intossicazion
essere respo
hanno scarsa
Il neonato a
L’OSMOSI INVERSA biberon, prep

ECONOMICO
una flora bat

L’osmosi inversa è un processo fisico naturale ben conosciuto in natura, che opera una filtrazione nitrito ; e
metaemoglob

molecolare a livello meccanico, ciò viene concretizzato attraverso l’utilizzo di membrane semipermeabili,
blu “, con gra
La riduzione
liberazione d

niente acqua da acquistare le quali sono strutture che permettono il passaggio dell’acqua, trattenendo gli elementi minerali disciolti
REGOLE
ed i batteri nocivi per la salute.
nei supermercati L’acqua così prodotta è della migliore qualità, indipendentemente dalle caratteristiche dell’acqua in
1°- Evitare d
La bollitura
e aumenta q
ingresso, è oligominerale ed adatta a bambini piccoli, donne in stato di gravidanza e persone anziane, 2°- Collocar

SILENZIOSO
con la peculiarità, a differenza delle acque in bottiglia, di non avere mai preso luce solare e di non essere dalla gran p
I filtri più in

stata esposta a fonti di calore (così come scritto e consigliato su tantissime acque in bottiglia) in quanto
resine a scam

Con queste c
pompata direttamente dal pozzo dell’acquedotto ai vostri rubinetti di casa. un’acqua pr
nessun fastidioso rumore verdure, cioè

PROPORZIONE TRA IL FORO DELLA


ANALISI E MEMBRANA E LA GRANDEZZA DI
VIRUS E BATTERI
DIMOSTRAZIONE Fonte: AIRC consultabile sul sito http://www.airc.it/
Porosità o grandezza del foro

IGIENICO
GRATUITA di una membrana osmotica
(0,0001 micron)
DELL’ACQUA A
CASA TUA
acqua perfettemente pura VIRUS
acqua
per qualsiasi utilizzo Avrai un risultato BATTERI
acqua di casa filtrata
(da 0,1 a 1 micron)
simile alla foto
rappresentata

ECOLOGICO
mai più bottiglie in plastica
qui sotto

che inquinano l’ambiente


Feliceacqua s.r.l.
PRATICO Via dell’Artigianato, 7/a - 64025 Pineto (TE)
direttamente a casa tua
senza faticosi trasporti
Tel. 085- 9463084
31
L’esperienza trentennale della
Savini Group nel campo delle costru-
zioni ed il sempre più consapevole ap-
proccio ecosostenibile dell’azienda,
ne hanno permesso il miglioramen-
to delle tecnologie operative, facen-
dola diventare - negli anni - un pun-
to di riferimento nel settore edilizio.

L’obiettivo del Gruppo Savini è quel-


lo di focalizzare l’attenzione sul-
le competenze tecnologiche e sui
sistemi costruttivi che abbiano un
basso impatto ambientale e un con-
tinuo rispetto dell’ambiente, miglio-
rando - inoltre - le prestazioni lavo-
rative e la qualità delle realizzazioni.

32

ZONA IND.LE PACCIANO - ISOLA DEL GRAN SASSO - 64045 TERAMO - TEL 0861.976065 FAX 0861.976888
Qui
16 primo piano

NE
FACCIAMO
DI TUTTI
I COLORI.
Edizioni
Grafica
Stampa
Legatoria
Mailing
Web

La Cassandra Edizioni
64025 Pineto (TE) - Zona Ind.le Via dell’Artigianato
Tel. 085.9463084 - 9461011 - Fax 085.9461013
info@lacassandra.com
33
www.lacassandra.com
Il Tuo Impianto
Fotovoltaico

CHIAMA
SUBITO! L a Tu a E n e r g i a I d e a l e

> Non paghi più la Bolletta


> Guadagni con il Conto Energia
> Salvi la Natura
> Tutto con Finanziamento al 100%

ACCE(N)DI AL RISPARMIO!
INFORMATI SUBITO, CHIAMA I SEGUENTI NUMERI.
Tel. +39 085 9463084 / +39 06 97242454 / +86 21 5116-6838

34
Felicioni Energy s.r.l Pineto – Roma – Shanghai – Mumbai
Skype: felicioni.energy - www.felicionienergy.com - info@felicionienergy.com
A
SETTORE EDILE...
ANCORA IN CADUTA!

Nonostante i deboli segnali di ripresa eco- che operano nell’edilizia privata, in quanto
nomica vissuti dall’Italia nel corso del 2010, c’è una recessione generale determinata -
il settore edile è in caduta libera. I segnali prima di tutto - dalla profonda incertezza
sono davvero allarmanti, i livelli di produzione economico finanziaria generata dalla crisi ed
equivalgono a quelli osservati alla fine degli - in secondo luogo - da quella stretta cre-
anni ‘90 e negative sono le previsioni rela- ditizia degli istituti bancari che, imponendo
tive al prossimo semestre 2011. Le stime sempre maggiori garanzie a fronte dei po-
dell’Ance indicano chiaramente che il 2011 tenziali finanziamenti, va ad avvilire il setto-
si concluderà con un - 2,4% di investimenti re. E’ inevitabile poi che tutto questo induca
in costruzioni rispetto allo scorso anno. Se ad un’ulteriore preoccupante crisi occupa-
consideriamo il - 6,4% registrato nel 2010, zionale che impone soventi impietosi tagli
il -7,7% del 2009 ed il -2,7% del 2008 arri- alla manodopera. A parte il canale estero
viamo a calcolare perdite di investimenti per - importante alternativa che l’Ance gesti-
circa 29 miliardi di euro in 4 anni. Ancora sce con cura per i propri associati affinchè
più scoraggianti sono i segnali del comparto
l’acquisizione di incarichi internazionali pos-
“nuove abitazioni” che, nello stesso arco di
sa incrementarne il portafoglio investimenti
tempo, avrà perso il 34% del volume di affa-
e salvaguardare buona parte del settore -
ri... anche a causa di quella progressiva dimi-
resta da chiedersi se non è il caso di ten-
nuzione dei permessi di costruzione iniziata
nel 2006. Questo forte disagio è determina- tare la rivalsa puntando sulle energie rinno-
to, in parte, dalla pubblica amministrazione vabili e sulla bioarchitettura. Se le imprese
che per mancanza di risorse economiche li- edili sapessero riconvertirsi in questo senso,
mita notevolmente gli investimenti pubblici, operando nell’ambito delle costruzioni ecolo-
indugiando nell’autorizzare le piccole opere giche e considerando i notevoli - ed incen-
cantierabili di edilizia sociale relative - ad tivati - obiettivi che l’Italia insieme al resto
esempio - alla viabilità o all’edilizia scola- dell’Europa deve raggiungere entro il 2020
stica e bloccando gli stessi pagamenti... ( ridurre del 20% le emissioni dannose, por-
consuetudine che non solo sottrae liquidità tare al 20% del totale il consumo energetico
alle imprese già impegnate nella committen- da fonti rinnovabili, migliorare del 20% l’effi-
za pubblica, ma nemmeno permette loro di cienza energetica, promuovere un’economia
provvedere all’indispensabile programmazio- più efficiente dal punto di vista delle risorse,
ne della loro attività nel lungo termine. Ma più verde e più competitiva) la decisione po-
negativi sono anche i risultati delle imprese trebbe rivelarsi realmente risolutiva.

la tranquillità di fare centro...


35

Affiliato: Studio Chieti Scalo D.I. V.le Benedetto Croce, 70 - Tel: 0871.562324 chscl@tecnocasa.it www.tecnocasa.com
36
37
LA CASA CAPRIATA...
Carlo Mollino

Come ci ha gentilmente comunicato l’Ufficio sono delle fondazioni superficiali. L’edificio è


Relazioni Esterne del Politecnico di Torino, energeticamente efficiente, è realizzato se-
non appena le condizioni meteo - ed in parti- condo gli standard del protocollo Casa Clima
colare lo scioglimento della neve - lo permet- classe A gold ed aspira alla certificazione di
teranno, la Casa Capriata Carlo Mollino verrà “casa passiva”. “Basata sull’idea di “una co-
ultimata delle finiture interne per essere final- struzione leggera in legno” la Casa Capriata
mente inaugurata entro la fine della primave- utilizza un’ossatura costituita da tre capriate
ra 2011. La Casa Capriata è uno straordi- a catena portante gli orizzontamenti: in tal
nario esempio di bioedilizia che sorge ad una modo, le pareti laterali sono costituite dalle
quota di 2100 metri nell’alta valle di Gresso- falde stesse del tetto interamente esteso a
ney in Valle d’Aosta; si tratta di una strut- tutto il lato inclinato della capriata. Distribuita
tura di carpenteria lignea - con impianto di su tre piani, l’abitazione ospita al primo piano
fitodepurazione e pavimentazione in gomma il soggiorno-pranzo, la cucina, un servizio e un
- che resta sospesa su tre blocchetti di cal- piccolo disimpegno per il deposito degli sci a
cestruzzo armato - i plinti - che, in sostanza, fianco dell’ingresso; al secondo piano due ca-

38
mere e un bagno aggregato in modo da for- di Torino, maestro di scii FISI e direttore della
mare un quadrato; il terzo piano, di minuscole commissione delle scuole e dei maestri di scii,
dimensioni, è occupato da due camere e da la Coscuma; detto progetto è stato più volte
una serie di armadi.” La Casa Capriata si rielaborato tra il 1946 ed il 1954 (in occasio-
trova proprio nel comprensorio sciistico della ne dell X Triennale di Milano e del Concorso
località Gressoney e sarà raggiungibile solo Vetrflex ) per poi passare nel 2008 attraver-
a piedi, con gli sci o con la seggiovia. “Una so la firma di un protocollo d’intesa tra il co-
casa per sciatori estremisti...” come la defi- mune di Gressoney, la Regione Valle d’Aosta,
nì nel lontano 1948 Carlo Mollino, l’architetto il Politecnico di Torino ed altri sponsor anco-
torinese che la progettò. Il progetto origina- ra. L’iniziativa trova anche il sostegno dell’Or-
rio della Casa Capriata apparteneva infatti a dine e della Federazione degli Architetti della
questo grande architetto e designer italiano, regione. Il cantiere viene attivato nel luglio del
nonchè docente alla Facoltà di Architettura 2010 con il contributo della Comunità Monta-

na Walser ed è stato seguito passo passo nel lo di sponsorizzazione. Callegari ha fatto in


suo percorso in divenire dall’architetto ricer- modo che la Casa Capriata venisse realizza-
catore Guido Callegari che segue il discorso ta nel rispetto delle condizioni e dei principi
da quando, nel 2006, l’iniziativa viene lanciata che avevano ispirato Mollino: il contesto, le
come progetto culturale dal Politecnico di To- peculiarità architettoniche, strutturali, tecno-
rino nell’ambito dell’esposizione “Carlo Molli-
logiche ed impiantistiche... nonchè l’impiego
no architetto. Costruire la modernità”, allesti-
ta per celebrare l’anniversario della nascita sperimentale di materiali innovativi come re-
dell’architetto. Nella costruzione del rifugio, sinflex, gommapiuma e la plastica abbinati
aziende qualificate hanno partecipato al ta- al legno e al cristallo. L’involucro esterno del
volo di lavoro progettuale, fornendo anche rifugio è stato ultimato. L’edificio entrerà in
materiali, sistemi e componenti edilizi a tito- funzione con l’avvento dell’estate.

39
PAVIMENTARE NON E’ MAI S

LIBELLULA 3
(produttività 7.5-21 m2/h)
pavimetatrice per abitazioni,
piccoli locali commerciali, ecc.

LIBELLULA 1
(produttività 8-39 m2/h)
pavimentatrice per capannoni in-
dustriali, centri commerciali, ecc.

LIBELLULA 2
(produttività 19-51 m2/h)
pavimentatrice per locali commer-
ciali di medie dimensioni, ecc.

40

www.digisrl.com
STATO COSI’ SEMPLICE!

COLEOTTERO 1
(produttività 45-55 m2/h)
spalma colla automatica da ab-
binare alle macchine pavimen-
tatrici automatiche

COLEOTTERO 2
(produttività 85 m2/h)
spalma colla automatica per di-
stribuire la colla direttamente
sulla superficie da pavimentare

Di.Gi.
La Di.Gi. Srl produce macchine pavimentatrici automatiche (sulla
base di brevetti internazionali) che hanno l'obiettivo di ridurre dra-
sticamente i tempi e i costi della posa in opera di piastrelle per pa-
vimentazioni e di migliorare le condizioni di lavoro degli addetti ai
lavori. L'azienda dispone di un team professionalmente motivato
Costruzioni Meccaniche e collabora con fornitori di servizi e prodotti altamente qualificati.

contatti: 3356282467 - 334 9517366

41

Via delle Contrade 3 VALLEMARE DI CEPAGATTI (PE) fax +39 871 572882 digisrl@hotmail.com
Se l’Italia distrugge
la bellezza (e il turismo)
Articolo tratto dal Corriere della Sera,
scritto da
Sergio Rizzo e Gian Antonio Stella
“Non abbiamo il petrolio, noi. Non abbiamo il
gas, non abbiamo l’oro, non abbiamo i dia-
manti, non abbiamo le terre rare, non abbia-
mo le sconfinate distese di campi di grano
del Canada o i pascoli della pampa argenti-
na. Abbiamo una sola, grande, persino imme-
ritata ricchezza: la bellezza dei nostri pae-
saggi, la bellezza dei nostri siti archeologici,
la bellezza dei nostri borghi medievali, la bel-
lezza delle nostre residenze patrizie, la bel-
lezza dei nostri musei, la bellezza delle no-
stre città d’arte. E ce ne vantiamo. Ce ne
vantiamo sempre. Fino a fare addirittura la
parte dei «ganassa» («Abbiamo il 40% dei
capolavori planetari!», «No, il 50%!», «No, il
60%!») giocando a chi la spara più grossa.
Primato che, per quanto ne sappiamo, spetta
all’unica «rossa» che piace al Cavaliere, la
ministra del Turismo Michela Vittoria
Brambilla. Che nel portale in cinese con il
logo «Ministro del Turismo» lancia un
messaggio al popolo dell’Impero di mezzo e
sostiene non solo che «le grandi marche di
moda sono italiane» e «tutti i tifosi del mondo
seguono il campionato di serie A italiano» ma
anche che l’Italia «possiede il 70% del
patrimonio culturale mondiale». Bum! E il Ma-
chu Picchu, i templi di Angkor, le piramidi,
Santa Sofia e il Topkapi a Istanbul, il Prado,
San Pietroburgo, la Torre di Londra, la citta-
della di Atene, i castelli della Loira, Granada,
la città proibita di Pechino, il Louvre, la thai-
landese Sukothai, il Taj Mahal, il Cremlino,
l›esercito di terracotta di Xi›an, Petra, Sana›a
e tutto il resto del pianeta? Si spartiscono gli
avanzi. Un›intervista di Marcello di Falco
all›allora ministro del Turismo Egidio Ariosto
sul Giornale ci ricorda che nel maggio 1979
l›Italia era «il secondo Paese del mondo per
attrezzatura ricettiva, il primo per presenze
estere, il primo per incassi turistici, il primo
per saldo valutario». Tre decenni più tardi

42
siamo scivolati al quinto posto. E la classifica
per la «competitività» turistica, che tiene
conto di tante cose che richiamano, scorag-
giano o irritano i visitatori (non aiutano ad
esempio le notizie su «1 spaghetto aragosta:
366 euro» al ristorante La Scogliera alla
Maddalena) ci vede addirittura al ventottesi-
mo posto. Certo, è verissimo che abbiamo la
fortuna di avere ereditato dai nostri nonni
più siti Unesco di tutti. Ne abbiamo 45 con-
tro 42 della Spagna, 40 della Cina, 35 della
Francia, 33 della Germania, 28 del Regno
Unito, 21 degli Stati Uniti. Ma questa è
un›aggravante, che inchioda i nostri gover-
nanti, del passato e del presente, alle loro
responsabilità. Al loro fallimento. Spiega in-
fatti un dossier del dicembre 2010 di Pwc
(Pricewaterhouse Coopers, la più grossa so-
cietà di analisi del mondo per volume d›affari)
che lo sfruttamento turistico dei nostri siti
Unesco è nettamente inferiore a quello degli
altri. Fatta 100 l›Italia, la Cina sta a 270, la
Francia a 190, la Germania a 184, il Regno
Unito a 180, il Brasile e la Spagna a 130.
Umiliante. E suicida. Non abbiamo molte al-
tre carte da giocare. Ce lo dicono i dati del
Fondo monetario internazionale e il confron-
to con le nuove grandi potenze. Dal 1994 a
oggi, in quella che per noi è stata la Seconda
Repubblica, mentre il nostro Pil cresceva di
1,9 volte in valuta corrente, inflazione com-
presa, quello brasiliano si moltiplicava per
3,6 volte, quello indiano per 4,9 volte, quello
cinese addirittura di 11,5 volte (...).
Alla fine di gennaio del 2011 Giampaolo Vi-
setti scriveva sulla Repubblica che «sarà il
turista cinese ad alimentare la crescita dei
viaggi a lungo raggio ed entro il 2015 diven-
terà il padrone assoluto dei pacchetti orga-
nizzati e dello shopping di lusso in Europa. Il
rapporto annuale dell›Accademia cinese del
turismo prevede che nell›anno in corso tra-
scorreranno le ferie all›estero 57 milioni di
cinesi (...) e il Piano turistico nazionale calco-
la che entro il 2015 si recheranno all›estero
tra i 100 e i 130 milioni di persone, arrivando
a spendere oltre 110 miliardi di euro» (...).
Peccato che non ci capiscano. L›Italia, agli
occhi di Pechino, rappresenta un incompren-
sibile caso a sé. Dieci anni fa era la meta
preferita dei pionieri dei viaggi in Europa. I
cinesi amano il mito dello «stile di vita», il cli-
ma mediterraneo, la passata potenza impe-
riale e culturale, la moda e il lusso, la natura,
la varietà gastronomica che esalta la qualità
dei vini. «Eravate il punto di partenza ideale»
dice Zhu Shanzhong, vicecapo dell›Ufficio
nazionale del turismo cinese «per un tour eu-

43
ropeo. Poi ci avete un pochino trascurati». Al niehuanyingni.com (...). Ma ancora più stupe-
punto che «la promozione turistica dell›Italia facenti sono i video che illustrano le nostre
in Cina è inferiore a quella dei Paesi Bassi». venti regioni. Dove non solo non c›è un testo
Una follia. Ma per capire la fondatezza in cinese (forse costava troppo: i milioni di
dell›accusa basta farsi un giro sul portale tu- euro erano finiti...) ma ogni filmato è accom-
ristico aperto dal governo italiano in cinese, pagnato da un sottofondo musicale. Clic-
www.yidalinihao.com. Costato un occhio del- chiamo il Veneto? Ecco il ponte di Rialto, le
la testa e messo su con una sciatteria suici- gondole, il Canal Grande, le maschere, i ve-
da che grida vendetta. Per cominciare, le trai di Murano... E la musica? Sarà di Antonio
quattro grandi foto di copertina che riassu- Vivaldi o Baldassarre Galuppi, Tomaso Albi-
mono l›Italia mostrano una Ferrari, una moto noni o Benedetto Marcello, Pier Francesco
Ducati, un pezzo di parmigiano e un pro- Cavalli o Giuseppe Tartini? Sono talmente
sciutto di Parma. In mezzo: Bologna. Con tanti i grandi compositori veneziani del pas-
tanto di freccette sulla mappa che ricordano sato... Macché: la Carmen del francese Ge-
la sua centralità rispetto a Roma, Milano, Ve- orges Bizet rivista dal russo Alfred Schnitt-
nezia e Firenze. Oddio: hanno sbagliato capi- ke! La musica dell›Umbria? Del polacco
tale? No, come ha scoperto il Fatto Quotidia- Fryderyk Chopin. Quella della Campania?
no, è solo un copia-incolla dal sito cinese Del norvegese Edvard Grieg. Quella del La-
della Regione Emilia-Romagna aimiliyaluoma- zio? Dell›austriaco Wolfgang Amadeus Mo-

44
zart. Quella dell›Abruzzo? Dell›inglese
Edward Elgar. E via così: tutti ma proprio tut-
ti i video che dovrebbero far conoscere
l›Italia ai cinesi, fatta eccezione per quello
della Basilicata dove la colonna sonora è del
toscano Luigi Boccherini, sono accompa-
gnati dalle note di musicisti stranieri. Amatis-
simi, ma stranieri (...). Il guaio è che da molto
tempo immaginiamo che tutto ci sia dovuto.
Che gli stranieri, per mangiar bene, bere
torium dello stesso museo newyorkese han-
bene, dormire bene, fare dei bei bagni e ve-
no prodotto ricavi per 19,7 milioni di euro, tre
dere delle belle città, non abbiano altra scel-
in più di tutte le entrate di Pompei, il nostro
ta che venire qui, da noi. Che cortesemente
gioiello archeologico. Dove i «servizi aggiunti-
acconsentiamo a intascare i loro soldi, quan-
vi» sono stati pari a 46 centesimi per visita-
ti più è possibile, concedendo loro qualche
tore: un ottavo che agli Uffizi, un quindicesi-
spizzico del dolce vivere italiano. Peggio: sia-
mo che alla Tate, un ventisettesimo che al
mo convinti che questi nostri tesori siano lì,
Metropolitan, un quarantesimo che al MoMa,
in cassaforte. Destinati a risplendere per
l›eternità senza avere alcun bisogno di pro- il Museum of Modern Art. Un disastro. Per
tezione. Di cura. Di amore. Non è così (...). non dire di come custodiamo le nostre ric-
Spiega uno studio dell›Associazione euro- chezze (...). Dice l›Ufficio delle Nazioni unite
pea cementieri che l›Austria nel 2004 ha per il controllo della droga e la prevenzione
prodotto 4 milioni di tonnellate di cemento, il del crimine di Vienna che quello delle opere
Benelux 11, la Gran Bretagna 12, la Francia d›arte trafugate è il terzo business mondiale
21 e mezzo, la Germania 33 e mezzo, la del crimine dopo i traffici di droga e di armi.
Scandinavia meno di 36 e noi 46,05, battuti Eppure tra i 69.000 detenuti nelle carceri
di un soffio solo dalla Spagna. Solo che la italiane all›inizio del 2011 neanche uno era in
Spagna ha 90,6 abitanti per chilometro qua- cella per avere scavato una tomba etrusca,
drato, noi 199,3: più del doppio. Insomma, di rubato un quadro o trattato la vendita di un
territorio ne abbiamo già consumato troppo vaso antico a un ricettatore straniero. Se sei
(...). Pochi mesi prima di morire, rispondendo ricercato per «tentato furto di una mucca»,
a un lettore che gli chiedeva aiuto per salva- come capitò all›albanese Florian Placu, puoi
re la riviera ligure, Indro Montanelli maledì sul restare sei mesi a San Vittore. Se cerchi di
Corriere questo nostro Paese che tanto vendere all›estero la statua di Caligola non
aveva amato. E scrisse che le ruspe sono vai in carcere. Se poi trovi certi giudici, puoi
sempre in agguato per «dare sfogo all›unica perfino tenerti la merce. È successo ad An-
vera vocazione di questo nostro popolo di gelo Silvestri, un sub laziale denunciato per
cialtroni che non vedono di là dal proprio essersi «impossessato di beni culturali ap-
naso: l›autodistruzione» (...). Diamo qualche partenenti allo Stato». Aveva trovato, guar-
flash sullo spreco. Le gallerie della Tate Bri- dandosi bene dall›avvertire la soprintenden-
tain hanno «fatturato» nell›ultimo anno fisca- za, 28 pezzi tra i quali varie anfore antiche e
le 76,2 milioni di euro, poco meno degli 82 un set di preziosissimi strumenti chirurgici
milioni entrati nelle casse con i biglietti di tut- romani con tanto di astuccio, perfettamente
ti i musei e i siti archeologici statali italiani integri. Il pubblico ministero chiese una con-
messi insieme. Il merchandising ha reso nel danna ridicola: sei mesi e 2500 euro di mul-
2009 al Metropolitan Museum quasi 43 milio- ta. «Esagerato!», pensò il giudice di Latina
ni di euro, ben oltre gli incassi analoghi di tut- Luigi Carta. E il 3 maggio 2004 assolse
ti i musei e i siti archeologici della penisola, l›imputato perché «di anfore, piatti di terra-
fermi a 39,7. Ristorante, parcheggio e audi- cotta, crateri e vasi, manufatti di vario gene-
re, sono pieni i nostri mari» (...). C›è poi da
stupirsi se i musei stranieri, davanti alla no-
stra richiesta che venga restituito questo o
quel pezzo ricettato, che magari loro con
amore custodiscono e con amore offrono in
visione a milioni di visitatori, fanno resistenza
pensando che quel pezzo finirà anonima-
mente nel mucchio delle tante ricchezze ab-
bandonate in qualche museo di periferia?”

45
BELLISARIO
impresa edile

Tel: 085.8999273
mobile: 336.600744

46

di Paolo Bellisario - Contrada Giardino, 30 - 64026 Roseto Degli Abruzzi TE


PROMUOVI LA TUA ATTIVITA’ CON
GRIT IMMOBILIARE
www.gritimmobiliare.it/mensile

FAI LA MOSSA GIUSTA!


ACQUISTANDO UNO SPAZIO PUBBLICITARIO
DEL MENSILE GRIT IMMOBILIARE,
AVRAI UN BANNER GRATUITO SULLA STESSA RIVISTA ONLINE!!
NON PERDERE ALTRO TEMPO,
CHIAMACI SUBITO

allo
075.8005389
oppure
al 389.9862480
Responsabile Marketing per la provincia di Chieti
47

E EGI Editore srl - via hanoi 2 - 06083 Perugia Bastia Umbra - 075.8005389 075.8006605 075.8004270