Sei sulla pagina 1di 389

COMMITTENTE:

ALTA SORVEGLIANZA:

GENERAL CONTRACTOR:

INFRASTRUTTURE FERROVIARIE STRATEGICHE DEFINITE DALLA


LEGGE OBIETTIVO N. 443/01
TRATTA A.V. /A.C. TERZO VALICO DEI GIOVI
PROGETTO ESECUTIVO

GALLERIA NATURALE VALICO


CAMERONE TIPO C
Relazione geotecnica e di calcolo

GENERAL CONTRACTOR DIRETTORE DEI LAVORI

Consorzio

Cociv
Ing. A. Pelliccia

COMMESSA LOTTO FASE ENTE TIPO DOC. OPERA/DISCIPLINA PROGR. REV.


I G 5 1 0 3 E C V R O G N 1 3 0 X 0 0 1 A

Progettazione :
Progettista IL PROGETTISTA
Rev Descrizione Redatto Data Verificato Data Data
Integratore
Rocksoil Rocksoil A. Palomba
A00 Emissione 26/02/2015 26/02/2015 27/02/2015

n. Elab.: File: IG51-03-E-CV-RO-GN13-0X-001-A00

CUP: F81H92000000008
GENERAL CONTRACTOR ALTA SORVEGLIANZA

IG5103ECVROGN130X001A00 Foglio
3 di 128

INDICE
INDICE .............................................................................................................................3
1. INTRODUZIONE ..................................................................................................7
2. NORMATIVE E RACCOMANDAZIONI ................................................................8
3. MATERIALI IMPIEGATI .....................................................................................11
3.1. Gallerie naturali ............................................................................................................................. 11
4. DESCRIZIONE DEI METODI DI CALCOLO UTILIZZATI ..................................14
4.1. Metodo delle curve caratteristiche ................................................................................................ 14
4.1.1. Aspetti generali ............................................................................................................................. 14
4.1.2. Consolidamento del fronte di scavo .............................................................................................. 17
4.1.3. Consolidamento al contorno (metodo “transfer-matrix) ................................................................ 18
4.2. Analisi numeriche bidimensionali: FLAC....................................................................................... 19
4.3. Analisi stabilità del fronte in gallerie superficiali ............................................................................ 22
4.3.1. Metodo di Tamez & Cornejo (1985) .............................................................................................. 22
4.3.2. Metodo di Broms e Bennermark (1967)........................................................................................ 24
4.3.3. Metodo del tasso di deconfinamento critico λE (Panet, 1990) ...................................................... 25
5. INQUADRAMENTO GEOLOGICO E GEOTECNICO ........................................26
5.1. Inquadramento Geologico – Geomorfologico - Idrogeologico ...................................................... 26
5.1.1. Condizioni geologiche attese in corrispondenza dell’opera .......................................................... 27
5.1.2. La Formazione delle Argille a Palombini ....................................................................................... 28
5.2. Assetto idrogeologico dell'area ..................................................................................................... 29
5.2.1. Complesso 15 (aP, dM, d”, f, Mn, Se”) ......................................................................................... 29
5.2.2. Condizioni idrogeologiche attese in corrispondenza dell’opera .................................................... 30
5.3. Inquadramento Geotecnico .......................................................................................................... 32
6. PRINCIPALI FASI ESECUTIVE .........................................................................35
7. PREVISIONI SUL COMPORTAMENTO DEGLI AMMASSI ALLO SCAVO (FASE DI
DIAGNOSI) ....................................................................................................................45
7.1. Calcolo e determinazione delle categorie di comportamento allo scavo ...................................... 46
7.1.1. Stabilità del fronte di scavo ........................................................................................................... 47
7.1.2. Verifica di stabilità del fronte ......................................................................................................... 48
7.2. Linee caratteristiche ...................................................................................................................... 52
8. DESCRIZIONE DELLE SEZIONI TIPO (FASE DI TERAPIA) ............................57
8.1. Tipologie di intervento in fase costruttiva ...................................................................................... 57
8.2. Sezioni tipo di avanzamento ......................................................................................................... 59
GENERAL CONTRACTOR ALTA SORVEGLIANZA

IG5103ECVROGN130X001A00 Foglio
4 di 128

9. INDIVIDUAZIONE DELLE SEZIONI DI CALCOLO E VERIFICA DELLE SEZIONI


TIPO DI SCAVO ............................................................................................................60
9.1. Premessa ...................................................................................................................................... 60
9.1.1. Camerone tipo C ........................................................................................................................... 60
9.2. Verifiche di stabilità del fronte con metodi analitici ....................................................................... 63
9.2.1. Verifica di stabilità del fronte ......................................................................................................... 64
9.3. Linee caratteristiche ...................................................................................................................... 65
9.4. Modelli numerici di calcolo: Ipotesi di base ................................................................................... 66
9.4.1. Modellazione degli elementi geotecnici e strutturali ...................................................................... 67
9.4.2. Taratura modelli di calcolo ............................................................................................................ 71
9.5. Modello 1: Sezione tipo 2 – B2 ..................................................................................................... 71
9.5.1. Rivestimenti di prima fase e fasi di calcolo ................................................................................... 74
9.6. Modello 2: Sezione tipo 2 – C2 ..................................................................................................... 75
9.6.1. Rivestimenti di prima fase e fasi di calcolo ................................................................................... 78
9.7. Modello 3: Sezione tipo 4 .............................................................................................................. 79
9.7.1. Rivestimenti di prima fase e fasi di calcolo ................................................................................... 85
10. RISULTATI ANALISI NUMERICHE E VERIFICHE ............................................88
10.1. Rivestimento di prima fase ........................................................................................................... 88
10.2. Verifiche Rivestimento definitivo in Calcestruzzo Armato ............................................................. 88
10.3. Modello 1: Sezione Tipo 2 – B2 .................................................................................................... 91
10.3.1. Analisi deformativa ................................................................................................................ 91
10.3.2. Analisi Tensionale.................................................................................................................. 93
10.4. Modello 2: Sezione Tipo 2 – C2 .................................................................................................... 94
10.4.1. Analisi deformativa ................................................................................................................ 94
10.4.2. Analisi Tensionale.................................................................................................................. 96
10.5. Modello 3: Sezione Tipo 4............................................................................................................. 97
10.5.1. Analisi deformativa ................................................................................................................ 97
10.5.2. Analisi Tensionale................................................................................................................ 104
11. INTERFERENZA SCAVO-EDIFICI – CLASSIFICAZIONE DEL DANNO ........109
11.1. Ipotesi di calcolo ......................................................................................................................... 109
11.2. Descrizione del metodo di calcolo .............................................................................................. 110
11.2.1. Cenni teorici ......................................................................................................................... 110
11.2.2. Bacino trasversale di subsidenza ........................................................................................ 111
11.2.3. Cedimenti longitudinali......................................................................................................... 112
11.2.4. Categorie di danno .............................................................................................................. 114
11.2.5. Spostamenti e distorsioni limite ........................................................................................... 115
11.2.6. Stima delle deformazioni e definizione delle categorie di danno ......................................... 116
GENERAL CONTRACTOR ALTA SORVEGLIANZA

IG5103ECVROGN130X001A00 Foglio
5 di 128

11.3. Sintesi dei risultati ....................................................................................................................... 121


11.3.1. Classificazione del danno sui fabbricati ............................................................................... 121
12. CONCLUSIONI ................................................................................................124
13. ALLEGATI DI CALCOLO ................................................................................125
13.1. Stabilità del fronte ....................................................................................................................... 125
13.2. Linee caratteristiche .................................................................................................................... 126
13.3. Analisi numeriche: Verifiche........................................................................................................ 127
13.4. Analisi delle subsidenze .............................................................................................................. 128
GENERAL CONTRACTOR ALTA SORVEGLIANZA

IG5103ECVROGN130X001A00 Foglio
6 di 128
GENERAL CONTRACTOR ALTA SORVEGLIANZA

IG5103ECVROGN130X001A00 Foglio
7 di 128

1. INTRODUZIONE

Oggetto della presente relazione è la descrizione delle principali problematiche legate allo scavo del
camerone tipo C previsto per la galleria di Valico necessario per il collegamento dei tratti di galleria
a singolo binario (tratti a doppia canna) con quelli contenenti il doppio binario (canna singola). Le
scelte progettuali effettuate con conseguente definizione delle sezioni tipo d’avanzamento e la
verifica di tali sezioni, con riferimento alle condizioni critiche ritenute rappresentative di tutte le
condizioni presenti lungo lo sviluppo dell’opera saranno discusse nel seguito.
Il camerone in oggetto si sviluppa immediatamente dopo la galleria a doppio binario della Valico
(afferente alla WBS GN12) e si estende dalla PK 1+425.90 (B.P.) alla PK 1+660.12 (B.P.),
coprendo quindi un tratto di lunghezza pari a circa 234.20m.
Lo scavo avviene principalmente all’interno delle Argille a Palombini (aP).
La massima copertura in chiave calotta prevista per l’opera in esame risulta pari a circa 100m.
Nei capitoli che seguono, dopo aver riepilogato le diverse sezioni tipo di avanzamento degli scavi,
verranno riportate le fasi esecutive necessarie alla realizzazione di ciascuno di essi. Sarà eseguito
un dimensionamento degli interventi da mettere in opera per garantire la stabilità del fronte e del
cavo nel breve e nel lungo termine; l’analisi è stata svolta utilizzando sia un software alle differenze
finite che metodi semplificati nel seguito descritti. Si sottolinea che, date le dimensioni del cavo, in
taluni sezioni si adotteranno metodi fasi e modalità costruttive del tutto particolari, che non hanno
alcun riscontro con quelle comunemente adottate per la galleria di linea scavate mediante metodo
tradizionale.
GENERAL CONTRACTOR ALTA SORVEGLIANZA

IG5103ECVROGN130X001A00 Foglio
8 di 128

2. NORMATIVE E RACCOMANDAZIONI

Per il calcolo e per le verifiche delle opere strutturali si è fatto riferimento alle seguenti norme:

- Legge 5/11/1971 n. 1086


Norme per la disciplina delle opere di conglomerato cementizio armato, normale e precompresso ed
a struttura metallica.
- Legge n° 64 del 2 febbraio 1974
Provvedimenti per le costruzioni con particolari prescrizioni per le zone sismiche.
- Circolare Ministero Lavori Pubblici n. 11951 del 14/2/1974
Legge 5 novembre 1971, n. 1086. Norme per la disciplina delle opere di conglomerato cementizio
armato, normale e precompresso ed a struttura metallica. Istruzioni per l'applicazione.
- Circolare Ministero Lavori Pubblici n. 20049 del 9/1/1980
Legge 5 novembre 1971 n. 1086 - Istruzioni relative ai controlli sul conglomerato cementizio
adoperato per le strutture in cemento armato.
- Istruzioni C.N.R. 10012-81
Azioni sulle costruzioni.
- Decreto Ministero Lavori Pubblici 11/3/1988
Norme tecniche riguardanti le indagini sui terreni e sulle rocce, la stabilità dei pendii naturali e delle
scarpate, i criteri generali e le prescrizioni per la progettazione, l'esecuzione e il collaudo delle opere
di sostegno delle terre e delle opere di fondazione.
- Circolare Ministero Lavori Pubblici n. 30483 del 24/9/1988
Legge 2 febbraio 1974 art. 1-D.M. 11 marzo 1988. Norme tecniche riguardanti le indagini sui terreni
e sulle rocce, la stabilità dei pendii naturali e delle scarpate, i criteri generali e le prescrizioni per la
progettazione l'esecuzione e il collaudo delle opere di sostegno delle terre e delle opere di
fondazione. Istruzioni per l'applicazione.
- Nota Ministero Lavori Pubblici n. 183 del 13/4/1989
D.M. 11.3.88. Norme tecniche riguardanti le indagini sui terreni e sulle rocce, la stabilità dei pendii
naturali e delle scarpate, la progettazione e il collaudo delle opere di sostegno delle terre e delle
opere di fondazione.
- Decreto Ministero Lavori Pubblici 14/02/1992
Norme tecniche per l’esecuzione delle opere in cemento armato normale e precompresso e per le
strutture metalliche.
- Circolare Ministero Lavori Pubblici 24/06/1993 n. 406/STC
GENERAL CONTRACTOR ALTA SORVEGLIANZA

IG5103ECVROGN130X001A00 Foglio
9 di 128

Istruzioni per l’applicazione delle Norme tecniche per il calcolo, l’esecuzione ed il collaudo delle
opere in cemento armato normale e precompresso e per le strutture metalliche di cui al D. M.
14/02/1992.
- Decreto Ministero Lavori Pubblici 9/01/1996
Norme tecniche per il calcolo, l’esecuzione ed il collaudo delle strutture in cemento armato, normale
e precompresso e per le strutture metalliche.
- Decreto Ministero Lavori Pubblici 16/01/1996
Norme tecniche relative ai "Criteri generali per la verifica di sicurezza delle costruzioni e dei carichi
e sovraccarichi”.
- Decreto Ministero Lavori Pubblici 16/01/1996
Norme tecniche per le costruzioni in zone sismiche
- Circolare Ministero Lavori Pubblici 15/10/1996 n. 252
Istruzioni per l’applicazione delle Norme tecniche per il calcolo, l’esecuzione ed il collaudo delle
opere in cemento armato normale e precompresso e per le strutture metalliche di cui al D. M.
9/01/96.
- Circolare Ministero Lavori Pubblici 4/07/1996 n. 156AA.GG/STC
Istruzioni per l'applicazione delle "Norme tecniche relative ai criteri generali per la verifica di
sicurezza delle costruzioni e dei carichi e sovraccarichi" di cui al decreto ministeriale 16 gennaio
1996.
- Circolare Ministero Lavori Pubblici 10/04/1997 n. 65/AA./GG.
Istruzioni per l’applicazione delle “Norme tecniche per le costruzioni in zone sismiche” di cui al D. M.
16/01/96.
- Decreto Ministero Lavori Pubblici 5/08/1999
Modificazioni al decreto ministeriale 9 gennaio 1996 contenente norme tecniche per il calcolo,
l'esecuzione ed il collaudo delle strutture in cemento armato normale e precompresso e per le
strutture metalliche.
- D.P.R. 6 Giugno 2001, n°380
Testo unico delle disposizioni legislative e regolamenti in materia edilizia
GENERAL CONTRACTOR ALTA SORVEGLIANZA

IG5103ECVROGN130X001A00 Foglio
10 di
128

RACCOMANDAZIONI

- Eurocodice 1 UNI-EN-1991
Criteri generali di progettazione strutturale
- Eurocodice 2 UNI-EN-1992
Progettazione delle strutture in calcestruzzo
- Eurocodice 3 UNI-EN-1993
Progettazione delle strutture in acciaio
- Eurocodice 4 UNI-EN-1994
Progettazione delle strutture composte acciaio-calcestruzzo
- Eurocodice 7 UNI-EN-1997
Progettazione Geotecnica
- Eurocodice 8 UNI-EN-1998
Progettazione delle strutture per la resistenza sismica
GENERAL CONTRACTOR ALTA SORVEGLIANZA

IG5103ECVROGN130X001A00 Foglio
11 di
128

3. MATERIALI IMPIEGATI

3.1. Gallerie naturali

Consolidamenti e rivestimenti provvisori

- Resistenza media su carote h/φ = 1 a 48 ore > 13


MPa, a 28 gg >25 MPa
Spritz beton fibrorinforzato
- dosaggio per fibre in acciaio > 30 kg/m3

Acciaio per centine, piastre e collegamenti: S275

Acciaio per catene S275


Acciaio per armatura e rete elettrosaldata: B450 C

Acciaio bulloni ad ancoraggio continuo B450 C


Tubi microfessurati in PVC
- φest > 60 mm, sp. 5 mm
- Resistenza alla trazione 4.5 MPa, rivestiti con
Drenaggi TNT
- I primi 10m da boccaforo devono essere ciechi
- Diametro di perforazione = 100-120 mm

- teli sp. > 2mm +/- 5%,


- Resistenza a trazione > 15 MPa
- Allungamento a rottura > 250%
- Resistenza alla lacerazione > 100N/mm
- Resistenza alla giunzione > 10.5 MPa
- Stabilità al calore = 70°C
Impermeabilizzazione in PVC
- Flessibilità a freddo = -30°C
- Resistenza alle soluzioni acide alcaline = +/-20%
max allungamentio
- Comportamento al fuoco B2
- Resistenza alla pressione dell’acqua a 1 MPa per
10 ore : impermeabile
GENERAL CONTRACTOR ALTA SORVEGLIANZA

IG5103ECVROGN130X001A00 Foglio
12 di
128

- Diametro esterno = 60 mm ad aderenza migliorata


- Diametro di perforazione =100-120 mm
- Spessore medio = 10 mm
- Densità > 1.8 t/mc
- Res. a trazione > 600 MPa

Tubi in VTR (caratteristiche del composito) - Res. a taglio > 100 MPa
- Modulo elastico > 30000 MPa
- Contenuto in vetro > 50 %
- Resistenza a flessione > 600 MPa
- Resistenza allo scoppio > 8MPa
- Perforazione eseguita a secco

Cemento 42.5R
- Rapporto a/c = 0.5-0.7
Miscele cementizie per cementazione a bassa
- Fluidificante = 4 % di peso sul cemento
pressione
- Resistenza a compressione a 48 ore > 5 MPa

Cemento R32.5 – R42.5


- Rapporto a/c ≈ 1.5-2
- Bentonite ≈5- 8 % sul peso di cemento
Iniezioni di guaina
- Densità ≈ 1.3 t/m3
- Rendimento volumetrico >= 95%
- Viscosità Marsh (ugello 4.7 mm) 30-35 sec.

Cemento R42.5
- Cemento a finezza di macinazione non inferiore a
4500 cm/g Blaine
- Rapporto a/c ≈ 0.4-0.7
- Bentonite <2 %
Iniezione di consolidamento
- Additivo fluidificante (Flowcable o simili) ≈ 4 % di
peso del cemento
- Viscosità Marsh (ugello 4.7 mm) 35-45 sec.
- Densità ≈ 1.8 t/m3
- Rendimento volumetrico > 95%
GENERAL CONTRACTOR ALTA SORVEGLIANZA

IG5103ECVROGN130X001A00 Foglio
13 di
128

- Resistenza a compressione 48h > 1.0 MPa


- Resistenza a compressione 7gg > 1.5 MPa
Parametri minimi del terreno consolidato - R.Q.D. 48h > 50%
- R.Q.D. 7gg > 70%

Rivestimenti definitivi

Acciaio per armatura: B450 C


Calcestruzzo strutturale calotta e piedritti C25/30, XC2, S4

Calcestruzzo strutturale arco rovescio C25/30, XC2, S3


Magrone di pulizia di sottofondo Rm ≥15 MPa

Valori di verifica

Le verifiche strutturali sono condotte mediante il metodo delle tensioni ammissibili; nel seguito si
indicano i valori di resistenza di progetto per i vari materiali.

Acciaio S275 σamm =190 MPa

Acciaio B450 C σamm=160 MPa (*)

Calcestruzzo proiettato Fcm ≥ 25 Mpa σamm= 25/1.3=19.2 MPa

σamm = 9.75 Mpa


τc0 = 0.60 Mpa
Calcestruzzo strutturale armato C25/30 Mpa
τc1 = 1.80 Mpa

(*) In condizioni sismiche o in condizioni di esercizio con verifica a fessurazione σamm=255 Mpa
GENERAL CONTRACTOR ALTA SORVEGLIANZA

IG5103ECVROGN130X001A00 Foglio
14 di
128

4. DESCRIZIONE DEI METODI DI CALCOLO UTILIZZATI

I metodi di calcolo utilizzati per la verifica delle sezioni tipo delle gallerie naturali sono i seguenti:
1) Metodo delle curve caratteristiche;
2) Metodi numerici agli elementi finiti;
3) Analisi di stabilità del fronte (metodi numerici in forma chiusa)
Nei paragrafi successivi della presente relazione verranno spiegate le ipotesi principali su cui si
basano i metodi sopra elencati.
I software di calcolo utilizzati per la progettazione della galleria oggetto della presente relazione
sono i seguenti:
• GV4-rev1/2003: “Metodo convergenza-confinamento e similari” – Sial.Tec-Engineering-
Bergamo
• FLAC 7.0: Programma ad elementi finiti – Itasca Consulting.

4.1. Metodo delle curve caratteristiche

4.1.1. Aspetti generali

Le curve caratteristiche consistono nel simulare lo scavo di una galleria nell’ipotesi di simmetria
assiale e di stato di deformazione piana.
Per curve caratteristiche di una cavità si intendono delle curve che legano le pressioni di
contenimento, esercitate in senso radiale sul bordo della galleria dalle opere di stabilizzazione e di
rivestimento, agli spostamenti radiali al suo contorno (convergenze).
Lo scavo è rappresentato come una graduale riduzione di una pressione fittizia “p” applicata alle
pareti della galleria, tramite cui si simula il progressivo deconfinamento della roccia prodotto
dall’avvicinarsi del fronte di scavo alla sezione di calcolo e al successivo avanzamento del fronte
stesso, cui corrisponde una convergenza radiale “u” crescente in funzione delle caratteristiche
dell’ammasso.
Esse possono quindi essere utilizzate, oltre che per valutare il comportamento dell'ammasso allo
scavo, anche per determinare lo stato di sollecitazione sui diversi interventi costituenti la galleria,
mediante la sovrapposizione degli effetti delle curve caratteristiche della cavità e dei singoli
interventi che la costituiscono.
Per ogni galleria è possibile costruire due curve caratteristiche principali:
• quella valida presso il fronte di scavo, detta curva caratteristica del fronte, che tiene conto
dell'effetto tridimensionale delle tensioni vicino ad esso e che permette di risalire, mediante
considerazioni sulla resistenza del nucleo, all'entità della convergenza già subita dalla
galleria nella sezione in corrispondenza al fronte di scavo,
GENERAL CONTRACTOR ALTA SORVEGLIANZA

IG5103ECVROGN130X001A00 Foglio
15 di
128

• quella valida per qualsiasi sezione sufficientemente lontana dal fronte, detta curva
caratteristica della cavità, per la quale lo stato di tensione può considerarsi piano.

In generale, ove la curva caratteristica non intersechi in un valore finito l'asse delle deformazioni
radiali, la galleria risulta instabile senza adeguati interventi di stabilizzazione.

Se la galleria è scavata in assenza di sostegni, il valore finale della pressione di confinamento è pari
a 0; in caso contrario allo stato finale è presente una pressione di confinamento > 0 che
rappresenta la pressione di equilibrio del cavo ottenuta dall’intersezione della curva caratteristica
della cavità e dei rivestimenti impiegati. Quest’ultima curva, a sua volta, dipende dalle proprietà dei
materiali impiegati e dalle deformazioni subite dall’ammasso prima della posa in opera dei sostegni
provvisori e quindi, in ultima analisi, è legata al comportamento del fronte di scavo e al tipo di
interventi previsti in avanzamento.
Mediante la sovrapposizione degli effetti delle curve "caratteristiche" della galleria, dei sostegni
provvisori e definitivi e del fronte è possibile ridurre il problema tridimensionale in prossimità del
fronte di scavo ad un problema bidimensionale; l’intersezione delle varie curve permette di
determinare graficamente il comportamento della galleria allo scavo.
GENERAL CONTRACTOR ALTA SORVEGLIANZA

IG5103ECVROGN130X001A00 Foglio
16 di
128

La curva caratteristica del rivestimento, o curva di confinamento, è individuata dalla rigidezza


della struttura Kst e dallo spostamento radiale Ud0 che si è già generato nell’intorno del cavo prima
dell’installazione del supporto, messo in opera a distanza d0 dal fronte di avanzamento della
galleria.
Il valore della convergenza alla distanza di posa in opera del rivestimento, udo, viene determinato
simulando l’effetto di deconfinamento dovuto allo scavo e all’allontanamento del fronte per mezzo di
una pressione fittizia applicata alla parete della galleria. Tale pressione, inizialmente pari allo stato
di sforzo originario, viene ridotta fino ad un valore P* definito da un tasso di rilascio λ:
P*=(1-λ)*σ0
In tutti i casi è necessario valutare lo spostamento al fronte “uf” per risalire allo spostamento radiale
alla distanza d0.
Tracciando la curva caratteristica del fronte, non solo si ricava il valore “uf”, tenendo conto del
tipo di preconsolidamento eventualmente effettuato in avanzamento dal fronte stesso, ma è anche
possibile individuare a priori il comportamento della galleria, distinguendo tra fronte stabile (A),
stabile a breve termine (B) ed instabile (C), secondo la classificazione A.De.Co.Rs già presentata
nei paragrafi precedenti.
Noto lo spostamento al fronte e determinato l’andamento della curva di convergenza longitudinale
della galleria tramite la funzione che fornisce il tasso di deconfinamento λ, si calcola il valore della
convergenza radiale già subita dal cavo, prima della posa in opera del rivestimento; la curva di
confinamento risulta a questo punto completamente definita.
La condizione di equilibrio, individuata dallo spostamento radiale ure o dalla pressione radiale P=Pe,
è determinata dall’intersezione della curva caratteristica del terreno e di quella del rivestimento. Tale
condizione risulta verificata se la pressione di equilibrio è inferiore alla resistenza massima propria
del rivestimento.
GENERAL CONTRACTOR ALTA SORVEGLIANZA

IG5103ECVROGN130X001A00 Foglio
17 di
128

In virtù dei sistemi di avanzamento proposti, volti a conservare le caratteristiche meccaniche del
terreno indisturbato, limitando al minimo il rimaneggiamento e l'alterazione dello stesso
conseguente alle operazioni si scavo, diviene estremamente importante sapere quanto il terreno è
effettivamente in grado di incassare nelle sue condizioni naturali e indisturbate, prima di giungere
alla rottura. La conoscenza delle caratteristiche di resistenza al taglio del terreno nelle sue
condizioni naturali è indispensabile per determinare con discreta accuratezza il contributo al
contenimento del cavo che i vari interventi adottati saranno in grado di fornire.
Il discorso così impostato sulla sensibilità del terreno dovrà essere poi allargato per mettere in conto
anche l’eterogeneità strutturale dell'ammasso, che in rapporto alle coperture in gioco, è
determinante nella parametrizzazione geotecnica dell'ammasso. Non essendo realmente praticabile
l'ipotesi di una perfetta conoscenza delle condizioni del terreno ad ogni avanzamento sarà
necessario individuare, anche facendo ipotesi di lavoro sulla base di esperienze maturate in casi
analoghi, condizioni geotecniche standard in base alle quali svolgere i calcoli.
Si precisa inoltre che i calcoli svolti fanno riferimento a condizioni puramente statiche, considerando
il consolidamento del fronte come un irrigidimento del nucleo e non come uno strumento di
stabilizzazione del paramento, che pertanto rimane pur sempre una fonte di pericolo da tenere
costantemente sotto controllo, evitando che le maestranze permangano entro il suo raggio di azione
in particolare durante le operazioni di scavo.
Infatti quando il fronte è assoggettato all'opera di demolizione mediante utensili quali la sega
dentata del pretaglio, il ripper, ecc. si vanno a modificare le condizioni iniziali, che quindi in tale
contesto perdono la loro validità anche a prescindere dalla stabilità dimostrata dal fronte prima della
sua demolizione.
4.1.2. Consolidamento del fronte di scavo

Nel caso di presenza di trattamenti di rinforzo del fronte (VTR, Jet-grouting ecc.) posti in opera in
avanzamento, il loro effetto stabilizzante può utilmente essere tenuto in conto incrementando la
resistenza coesiva dell’ammasso.
Infatti la chiodatura esercita un’azione di contenimento passivo del fronte, rappresentabile, nel caso
di impiego di elementi strutturali in VTR, da una tensione di confinamento σ3vVTR fittizia, funzione dei
parametri tecnici del trattamento secondo le equazioni:
τ A ⋅ LA ⋅ 2 p A
σ3vVTRA=
Ai
σ ⋅ AT
σ3vVTRB= T
Ai
σ3vVTR=minimo (σ3vVTRA, σ3vVTRB)
dove:
τa= tensione di aderenza ammasso-fondazione
LA = semi-lunghezza dell’elemento di rinforzo (si assume che mezzo elemento costituisca la
fondazione)
GENERAL CONTRACTOR ALTA SORVEGLIANZA

IG5103ECVROGN130X001A00 Foglio
18 di
128

2pA = perimetro della sezione reagente a sfilamento


σt = resistenza a trazione dell’elemento di rinforzo
Ai = area di influenza di un elemento strutturale
At = sezione dell’elemento resistente a trazione
L’effetto di σ3vVTR può essere considerato come incremento di coesione dell’ammasso:
σ 3VTR
∆σCFronte = * Kp
2
Se il fronte di scavo è rinforzato con trattamenti colonnari in jet-grouting, allora i parametri di
coesione sono migliorati specificando un incremento della coesione di picco pari alla differenza tra
la coesione dell’ammasso non trattato e quella dell’ammasso trattato; quest’ultima è valutata come
media pesata della coesione originaria del terreno e di quella del trattamento:
c jet ⋅ A jet + c ammasso ⋅ Aammasso
∆c= cammasso trattato-cammasso = − c ammasso
Atot
dove:
cjet = coesione dei trattamenti colonnari in jet grouting
c ammasso = coesione dell’ammasso senza trattamenti
Ajet, Aammasso, Atot = sono le aree, rispettivamente, dei trattamenti colonnari, della sezione di scavo al
netto dei trattamenti e della sezione di scavo.

4.1.3. Consolidamento al contorno (metodo “transfer-matrix)

In particolare, per tenere in conto sia la caduta di resistenza graduale della roccia sia la presenza
dei consolidamenti al contorno previsti per i materiali più scadenti, le analisi di terapia sono state
effettuate con una tecnica di soluzione semi-analitica chiamata metodo “transfer-matrix”,
implementato nel programma GV4.
Questa procedura si basa sull’osservazione che in generale, per piccoli incrementi di tensione e
deformazione, le equazioni costitutive in stato di deformazione piana in un generico punto della
roccia possono essere linearizzate esprimendole in forma incrementale:

dove ∆σr, ∆σθ, ∆εr e ∆εθ rappresentano le variazioni di tensione e le corrispettive variazioni di
deformazione, mentre i coefficienti Depij rappresentano gli elementi della matrice di rigidezza
elastoplastica Dep che può variare da punto a punto della roccia essendo funzione della storia
tensio-deformativa.
Il programma discretizza la roccia attorno alla galleria in una sequenza di N anelli concentrici di
raggio ri, sufficientemente sottili da poter considerare Dep costante all’interno di ognuno di essi.
GENERAL CONTRACTOR ALTA SORVEGLIANZA

IG5103ECVROGN130X001A00 Foglio
19 di
128

In questo modo, in corrispondenza di una variazione ∆p della pressione sul bordo dello scavo,
sufficientemente piccola da consentire la linearizzazione delle equazioni costitutive incrementali, è
possibile scrivere una coppia di equazioni costitutive ∆u-r e ∆σ-r per ognuno degli N anelli tramite
delle costanti di integrazione. Imponendo la continuità dello spostamento e della tensione radiale sul
confine comune di ognuna delle coppie adiacenti di anelli, una volta determinate le costanti del
primo anello, è possibile ricostruire lo stato tenso-deformativo dell’intera discretizzazione. Questo
metodo permette quindi di definire degli anelli di materiale trattato intorno al cavo definito come un
materiale elasto-plastico ideale (privo di caduta di resistenza), ottenendo così una distribuzione di
tensioni e spostamenti ed una curva caratteristica della galleria che tengono in conto della
disomogeneità radiale del terreno.

4.2. Analisi numeriche bidimensionali: FLAC

Le analisi tenso-deformative presentate nel seguito, sono state condotte impiegando il codice di
calcolo FLAC 7.0 (Fast Lagrangian Analysis of Continua), sviluppato da ITASCA Consulting, il quale
consente di affrontare problemi di meccanica del continuo, determinando gli stati tensionali e
deformativi in un dominio bidimensionale, le cui caratteristiche sono definite da leggi di
comportamento di tipo elastico o plastico e da imposte condizioni al contorno, implementando il
metodo delle differenze finite. Tale metodo si basa sulla discretizzazione delle equazioni
differenziali che governano il problema fisico in esame attraverso la sostituzione delle derivate con
quozienti di differenze finite. Le equazioni differenziali vengono così trasformate in equazioni
algebriche da risolversi in successivi passi di calcolo. L’algoritmo di calcolo segue uno schema
lagrangiano denominato “esplicito per integrazione diretta nel tempo“ (explicit time marking), il quale
è in grado di lavorare agevolmente e molto velocemente per sistemi con grandi deformazioni, con
stati di collasso molto avanzati e in condizioni di instabilità (la possibilità di giungere al collasso non
è infatti limitata da problemi di stabilità numerica, quale l’invertibiltà di matrici). L’adattamento del
metodo alle differenze finite a casi di griglia di forma qualunque segue l’approccio di Wilkins M.L..
La discretizzazione viene operata sovrapponendo alla porzione di continuo considerata un reticolo,
in genere di maglie quadrilatere, in corrispondenza dei cui nodi (gridpoints) sono definite le
grandezze in gioco. E’ allora possibile approssimare la derivata prima di una funzione rispetto a una
variabile indipendente, con il rapporto tra la variazione subita dalla funzione stessa nel passare da
un nodo ad uno contiguo, e la corrispondente variazione della variabile indipendente.
Con riferimento alla figura seguente, può assumersi ad un certo istante t una delle seguenti
equivalenze:
 ∂u  uit+1, j − uit, j
  ≈ ,
 ∂x  i , j ∆x
 ∂u  uit+1, j − uit−1, j
  ≈ ,
 ∂x  i , j 2∆x
 ∂u  uit, j − uit−1, j
  ≈ .
 ∂x  i , j ∆x
GENERAL CONTRACTOR ALTA SORVEGLIANZA

IG5103ECVROGN130X001A00 Foglio
20 di
128

In modo analogo si opera per le derivate rispetto ad y, e per le derivate di ordine superiore. La
legge costitutiva del materiale viene espressa nella seguente forma:

Il codice di calcolo FLAC usa uno schema di soluzione “esplicito condizionatamente stabile”, la cui
sequenza di calcolo iterativo, illustrata schematicamente nella figura seguente, comprende i
seguenti passi:
• per ogni nodo della griglia si valuta la massa m, la risultante delle forze esterne Fe (gravità,
carichi esterni ...), la risultante delle forze interne Fi, calcolata per integrazione degli sforzi
nelle zone collegate al nodo stesso, così che è possibile determinare la forza squilibrata
agente sul nodo Fu (unbalaced force Fu=Fe-Fi);
• per ogni gridpoint si scrive l’equazione di Newton Fu=m•a , tramite la quale è possibile
determinare l’accelerazione del nodo in esame; integrando due volte l’accelerazione si
ottiene la velocità e lo spostamento incrementale di ogni nodo;
• dal campo di spostamenti incrementali, è possibile risalire al campo di deformazioni
incrementali e quindi, attraverso il legame costitutivo dei materiali, al campo di variazioni
degli sforzi nel reticolo;
• la variazione degli sforzi comporta la modifica, per ogni nodo della griglia, della risultante
delle forze interne e conseguentemente la necessità di rideterminare la Fu, dando inizio ad
un nuovo passo di calcolo. Il processo iterativo ha termine qualora si ottenga una forza
squilibrata che abbia un valore minore di una tolleranza prestabilita.

Equazioni di
equilibrio dinamico

Nuove velocità e Nuovi sforzi o


spostamenti forze

Legame costitutivo

Figura 1– Fasi di computazione del codice di calcolo FLAC

Il codice di calcolo consente di adottare un modello di comportamento del terreno elastoplastico di


tipo strain-softening.
Il criterio di rottura adottato è quello di Mohr-Coulomb: in condizioni di strain-softening, i parametri di
resistenza (coesione e angolo d’attrito interno) vengono gradualmente ridotti in funzione della
GENERAL CONTRACTOR ALTA SORVEGLIANZA

IG5103ECVROGN130X001A00 Foglio
21 di
128

deformazioni plastica sviluppata, secondo una legge di tipo lineare e adottando i parametri di picco
e residui individuati nei capitoli successivi.
La funzione di plasticizzazione F definita dal criterio di rottura consente di individuare quelle zone di
terreno in cui lo stato tensionale ha superato il limite al di sotto del quale il materiale mantiene un
comportamento elastico e che sono quindi soggette a sollecitazioni tali da comportare deformazioni
irreversibili nell’ammasso.
Per un generico stato di sforzo, individuato dalle tensioni principali σ1, σ2, σ3, il criterio di rottura di
Mohr-Coulomb, è rappresentato dalle seguenti equazioni lineari:

 (σ 1 + σ 2 ) 
σ 1 − σ 2 = ±2 ⋅  c'⋅ cos(φ ' ) + ⋅ sin(φ ' ) 
 2 
 (σ 2 + σ 3 ) 
σ 2 − σ 3 = ±2 ⋅  c'⋅ cos(φ ' ) + ⋅ sin(φ ' ) 
 2 
 (σ + σ 1 ) 
σ 3 − σ 1 = ±2 ⋅  c'⋅ cos(φ ' ) + 3 ⋅ sin(φ ' ) 
 2 

Tale criterio è rappresentato, nello spazio delle tensioni principali, da una piramide a base
esagonale non regolare avente, come asse, la trisettrice del primo ottante:

Figura 2 – Dominio di rottura di Mohr-Coulomb

Nel criterio di rottura di Mohr-Coulomb la resistenza al taglio non è influenzata dallo sforzo
principale avente intensità intermedia; la resistenza del materiale è variabile in funzione dello stato
di sforzo esistente.
La simulazione dello scavo avviene mediante il progressivo annullamento delle forze interne al
profilo di scavo, fino al loro completo rilassamento; gli step di rilassamento vengono operati in
GENERAL CONTRACTOR ALTA SORVEGLIANZA

IG5103ECVROGN130X001A00 Foglio
22 di
128

funzione della distanza dal fronte della sezione considerata nell’analisi, mediante l’impiego delle
curve di Panet. Per quanto riguarda i valori di rilassamento si fa riferimento a quanto riportato nei
paragrafi relativi alle analisi numeriche.

4.3. Analisi stabilità del fronte in gallerie superficiali

4.3.1. Metodo di Tamez & Cornejo (1985)

La valutazione della stabilità del fronte di scavo può essere condotta mediante l’impiego di metodi
analitici semplificati all’equilibrio limite. In particolare si fa riferimento alle teorie di Tamez e Cornejo
che ipotizzano che esistano dei prismi di terreno in distacco secondo sezioni longitudinali,
giungendo a definire un coefficiente di sicurezza FSF nei confronti della stabilità del fronte di scavo.
Tali metodi consentono inoltre di tenere in conto degli interventi di preconsolidamento assumendo
per il terreno trattato caratteristiche meccaniche incrementate rispetto a quelle del terreno naturale.
Si riporta nel seguito una breve sintesi di riepilogo del metodo adottato.
Il metodo dell’equilibrio limite proposto da Tamez tiene conto della riduzione dello stato di
confinamento triassiale del nucleo di terreno oltre il fronte per mezzo di un meccanismo di rottura
del tipo effetto volta, con il quale il volume di terreno gravante sulla corona della galleria è definito
da un paraboloide, approssimato mediante tre solidi prismatici, come illustrato nelle figure seguenti.
Z5

5
w

γ3

4
Z4

Z
Z3

3
γ4
Z2

2
C2
γ1

h1
Z1

C1

1
45
γ2

h
°-
ϕ/2

B
Figura 4-3 – Schema proposto da Tamez.

In questo modo si determinano le massime tensioni tangenziali che si possono sviluppare sulle
facce di ogni prisma senza che avvengano scorrimenti (forze resistenti) e le forze di massa di ogni
prisma (forze agenti). Il rapporto tra i momenti delle forze resistenti e delle forze agenti fornisce un
coefficiente di sicurezza, denominato FSF (face security factor).
GENERAL CONTRACTOR ALTA SORVEGLIANZA

IG5103ECVROGN130X001A00 Foglio
23 di
128

Z
3 2

h1
a l

1
PE

h
45°-ϕ
/2

Figura 4-4 – Schema proposto da Tamez.

Nel caso di presenza di trattamenti di rinforzo del fronte (VTR, Jet-grouting ecc.) posti in opera in
avanzamento, il loro effetto stabilizzante può utilmente essere tenuto in conto incrementando la
resistenza coesiva dell’ammasso.
Infatti la chiodatura esercita un’azione di contenimento passivo del fronte, rappresentabile, nel caso
di impiego di elementi strutturali in VTR, da una tensione di confinamento σ3vVTR fittizia, funzione dei
parametri tecnici del trattamento secondo le equazioni:
τ A ⋅ LA ⋅ 2 p A
σ3vVTRA=
Ai
σ ⋅ AT
σ3vVTRB= T
Ai
σ3vVTR=minimo (σ3vVTRA, σ3vVTRB)
dove:
τa= tensione di aderenza ammasso-fondazione
LA = semi-lunghezza dell’elemento di rinforzo (si assume che mezzo elemento costituisca la
fondazione)
2pA = perimetro della sezione reagente a sfilamento
σt = resistenza a trazione dell’elemento di rinforzo
Ai = area di influenza di un elemento strutturale
At = sezione dell’elemento resistente a trazione
L’effetto di σ3vVTR può essere considerato come incremento di coesione dell’ammasso:
σ 3VTR
∆σC Fronte
= * Kp
2
Se il fronte di scavo è rinforzato con trattamenti colonnari in jet-grouting, allora i parametri di
coesione sono migliorati specificando un incremento della coesione di picco pari alla differenza tra
GENERAL CONTRACTOR ALTA SORVEGLIANZA

IG5103ECVROGN130X001A00 Foglio
24 di
128

la coesione dell’ammasso non trattato e quella dell’ammasso trattato; quest’ultima è valutata come
media pesata della coesione originaria del terreno e di quella del trattamento:
c jet ⋅ A jet + c ammasso ⋅ Aammasso
∆c= cammasso trattato-cammasso = − c ammasso
Atot
dove:
cjet = coesione dei trattamenti colonnari in jet grouting
c ammasso = coesione dell’ammasso senza trattamenti
Ajet, Aammasso, Atot = sono le aree, rispettivamente, dei trattamenti colonnari, della sezione di scavo al
netto dei trattamenti e della sezione di scavo.

4.3.2. Metodo di Broms e Bennermark (1967)

Un secondo metodo per valutare la stabilità del fronte è basato sulla definizione del rapporto di
stabilità definito da Broms e Bennermark (1967) nella seguente maniera:

σ s + γz − σ T
N=
cu
dove:
γ = peso dell’unità di volume del terreno
z = profondità dell’asse della galleria
σs = sovraccarico eventualmente presente in superficie
σT = eventuale pressione di sostegno applicata al fronte
cu = resistenza al taglio, in condizioni non drenate, alla profondità della galleria.
Sulla base di prove di estrusione eseguite in laboratorio e d’osservazioni in sito, Broms e
Bennermark (1967) hanno concluso che il valore del rapporto di stabilità critico N c perché si
manifesti il collasso è pari a circa 6. A conclusioni simili giunse Peck (1969).
Il rapporto di stabilità definito da Broms e Bennermark può ovviamente essere visto come un
coefficiente di sicurezza, ma tenendo tuttavia in conto che un valore del rapporto di stabilità più
elevato corrisponde ad un coefficiente di sicurezza più basso e pertanto il margine di sicurezza non
è facilmente definibile.
La seguente tabella fornisce una indicazione della relazione fra il numero di stabilità e le
deformazioni attese (P.B. Attewell in Geddes, 1978).
GENERAL CONTRACTOR ALTA SORVEGLIANZA

IG5103ECVROGN130X001A00 Foglio
25 di
128

N Deformazioni
<1 Trascurabili
1–2 Elastiche
2–4 Elasto-plastiche
4-6 Plastiche
>6 Collasso
Tabella 1 - Relazione fra il numero di stabilità e le deformazioni attese

4.3.3. Metodo del tasso di deconfinamento critico λE (Panet, 1990)

Il metodo convergenza-confinamento proposto da Panet permette di analizzare l’interazione fra


l’ammasso roccioso ed il sostegno in funzione dell’avanzamento del fronte di scavo.
La sua applicazione agli ammassi rocciosi a debole resistenza suppone la definizione di un mezzo
continuo equivalente al quale attribuire un comportamento elastoplastico rammollente. In questi
ammassi, lo scavo di una galleria situata a profondità tali da sviluppare la resistenza massima
(gallerie profonde H>2D), provoca elevate convergenze legate alla formazione di una zona
decompressa attorno al cavo.
Sotto queste ipotesi, il criterio di Panet consente di verificare le condizioni di stabilità del cavo in
funzione del valore critico del tasso di deconfinamento (λe) del materiale (valore cui si manifestano
le prime plasticizzazioni). Tale indice, in relazione al criterio di rottura di Mohr-Coulomb, è funzione
del coefficiente di spinta passiva Kp e del fattore di stabilità N secondo l’equazione:

1  2
λe = K − 1 +
K p + 1  N 
p

2σz
dove N =
σc
Nel caso di una galleria priva di rivestimento, se N < 1, non si raggiunge mai la resistenza massima
dell’ammasso roccioso. Raggiunto il limite di rottura (N > 1) l’autore suggerisce i seguenti valori
limite del tasso di deconfinamento, ai quali corrispondono determinate condizioni di stabilità del
fronte:
• se 0,6 < λe <1 il fronte di scavo è stabile; le pressioni raggiungono il valore massimo di
resistenza dell’ammasso a tergo del fronte;
• se 0,3 < λe < 0,6 il fronte di scavo è stabile a breve termine; al fronte di scavo le pressioni
raggiungono il valore di resistenza massima prima in vicinanza del bordo poi verso il nucleo;
• se λe < 0,3 il fronte di scavo instabile; il fronte di scavo è in condizioni di instabilità per cui
necessita di interventi preventivi di consolidamento.
GENERAL CONTRACTOR ALTA SORVEGLIANZA

IG5103ECVROGN130X001A00 Foglio
26 di
128

5. INQUADRAMENTO GEOLOGICO E GEOTECNICO

L’opera in oggetto rientra nella realizzazione della tratta A.V./A.C. del terzo valico dei Giovi ed in
particolare nella realizzazione della galleria ferroviaria di Valico – tratto GN13. Tale galleria si
estende per una lunghezza totale di circa 235m, con coperture massime di circa 95m.

5.1. Inquadramento Geologico – Geomorfologico - Idrogeologico

L’area di studio si colloca nella zona di giustapposizione tra i domini orogenici alpino e appenninico
nota in letteratura come “nodo collisionale ligure” (Laubscher at. al., 1992).
Nell’area del Foglio Genova è possibile distinguere, da W verso E, tre settori caratterizzati
dall’associazione di unità di crosta oceanica e di mantello, unità di margine continentale e unità
costituite da flysch:
1. le unità tettonometamorfiche1 Voltri e Palmaro-Caffarella (“Gruppo di Voltri” auct.): sono
costituite dalle associazioni pre-cenomaniane di ofioliti e metasedimenti carbonatici del
dominio oceanico ligure-piemontese. La distinzione sicura tra i litotipi delle due unità è in
genere possibile solo a scala microscopica, in base ai caratteri mineralogico-petrografici.
2. la Zona Sestri-Voltaggio auct. (nel seguito ZSV): è costituita da tre unità
tettonometamorfiche, di cui due ofiolitiche (Cravasco-Voltaggio e Figogna) e una di margine
continentale (Gazzo-Isoverde). Il livello del metamorfismo è progressivamente decrescente
passando dalle unità Cravasco-Voltaggio e Gazzo-Isoverde (facies scisti blu) all'Unità
Figogna (facies pumpellyite-actinolite).
3. Il dominio dei Flysch Appenninici: è rappresentato dalle quattro unità tettoniche
Mignanego, Montanesi, Ronco e Antola, sovrapposte con vergenza europea. Procedendo
verso est, il grado metamorfico decresce da basso a bassissimo nelle prime tre unità fino ad
arrivare a condizioni di diagenesi per l’Unità Antola.
La Zona Sestri-Voltaggio è in contatto, a est, con le unità tettoniche di basso grado che
compongono il dominio dei Flysch Appenninici e, a ovest, con le unità tettonometamorfiche Voltri e
Palmaro-Caffarella. Il contatto occidentale è sottolineato da una discontinuità regionale con
direzione N-S, nota in bibliografia come Linea Sestri-Voltaggio; questo lineamento strutturale è
classicamente ritenuto il limite fisico tra la catena alpina e quella appenninica, anche se le
interpretazioni sulla sua natura sono spesso state tra loro discordanti: faglia trascorrente (Elter &
Pertusati, 1973), sovrascorrimento (Cortesogno & Haccard, 1984) o faglia estensionale
(Hoogerduijn Strating, 1994).
Il tracciato della linea AC/AV Milano-Genova si sviluppa, in territorio ligure, a cavallo delle unità
tettonometamorfiche Palmaro-Caffarella e Sestri-Voltaggio. A scala locale, il territorio in cui si
colloca il sito di intervento è ubicato nell’areale di affioramento della ZSV e più precisamente entro
1Con il termine di “unità tettonometamorfica” si intende un volume roccioso caratterizzato da incompatibilità metamorfiche e strutturali rispetto ai
volumi adiacenti.
GENERAL CONTRACTOR ALTA SORVEGLIANZA

IG5103ECVROGN130X001A00 Foglio
27 di
128

la formazione delle “Argille a Palombini del Passo della Bocchetta” (aP), dell’unità
tettonometamorfica Figogna.

5.1.1. Condizioni geologiche attese in corrispondenza dell’opera

Il tratto di galleria considerato si sviluppa all’interno della formazione delle Argille a Palombini del
Passo della Bocchetta (aP), costituita da argilloscisti, metapeliti scistose grigio-nerastre, più o meno
siltose, metasiltiti e metaareniti in strati centimetrici, con intercalazioni di metacalcilutiti siltose più o
meno marnose, di colore grigio o grigio-bruno in strati e banchi.
La litofacies a “Palombini” (alternanze di calcari silicei micritici a tessitura massiva, calcari arenacei
e meno frequenti calcari marnosi, in strati e banchi di potenza da centimetrica a metrica) è assente,
in affioramento, nell’area di studio. Tuttavia, i due sondaggi AA301G045 (PP) e SC18 (PD),
realizzati nello stesso punto, mettono in evidenza a profondità compresa tra circa 40 e 80 m, la
presenza di livelli carbonatici che potrebbero essere riferiti ai calcari sopra descritti.
A livello del tunnel è probabile che vengano attraversati essenzialmente argilloscisti privi di
intercalazioni calcaree riferibili alla litofacies AGF, anche se non si può escludere che, a causa di
deformazioni duttili e/o per faglia, localmente possano essere intercettate zone con presenza di
interstrati calcarei (AGI).
La scomparsa dei livelli calcarei nella parte bassa del sondaggio SC18, fa effettivamente pensare
che la comparsa in galleria della litofacies a “Palombini” (AGI) sia legata a una cerniera di piega a
grande scala, probabilmente riferibile alla fase D3.
L’unità interessata dallo scavo della galleria è quindi rappresentata in prevalenza dalla litofacies
degli“Argilloscisti di Murta” (AGF), con possibile locale presenza della litofacies degli“Argilloscisti di
Costagiutta” con livelli calcarei (AGI).
Lo scavo della galleria verrà realizzato in un ammasso roccioso caratterizzato da una discreta
omogeneità litologica ma da una forte anisotropia strutturale.
Al di fuori delle zone di faglia, gli argilloscisti saranno quindi abbastanza omogenei, se considerati
alla scala dell’intero sviluppo dell’opera, ma strutturalmente eterogenei alla scala del fronte di scavo:
il motivo geometrico dominante lungo lo sviluppo dell’opera sarà la presenza di pieghe aperte e
disarmoniche, da centimetriche a pluridecametriche, con vergenza prevalente verso W o WSW,
probabilmente associate a piccoli piani di taglio cataclastico, immergenti verso E-ENE, con
cinematismo prevalentemente inverso, sviluppati parallelamente al piano assiale delle pieghe e più
frequenti in zona di cerniera e di fianco inverso.
Non è possibile allo stato attuale estrapolare con certezza eventuali zone di faglia a quota galleria.
L’unica faglia potenzialmente in grado di intercettare l’asse della WBS GN13 intorno alla PK 1+625
è quella attraversata dal sondaggio SC18, che presenta un piano di deformazione principale
potente almeno 2-3 m ed associato a numerosi piani minori subparalleli, per una potenza
complessiva stimabile in almeno 5-6 m. Oltre a questa struttura, è probabile che l’ammasso sia
GENERAL CONTRACTOR ALTA SORVEGLIANZA

IG5103ECVROGN130X001A00 Foglio
28 di
128

caratterizzato dalla presenza di piani di taglio cataclastico a basso-medio angolo, a cinematismo


prevalentemente inverso, paralleli ai clivaggi di piano assiale
Diverse faglie minori, rappresentate sia da strutture discordanti, sia da piani di taglio lungo superfici
di scorrimento flessurale intra-foliazione, potranno essere incontrate in più punti lungo lo scavo,
tuttavia non si tratta di strutture in grado di determinare un sensibile decadimento delle condizioni
geomeccaniche generali.
Il grado di fratturazione al di fuori delle zone di faglia può variare da medio a basso, con sviluppo di
fratture più nette all'interno di livelli più compatti e di clivaggi di fratturazione pervasivi nei livelli più
fillosilicatici.
Per quanto riguarda la valutazione qualitativa del grado di stabilità del fronte di scavo, sono state
stimate condizioni di stabilità a breve-medio termine, al di fuori delle zone di faglia; condizioni di
instabilità localizzata, con possibili splaccamenti, localizzati principalmente in calotta o sul
paramento sinistro (considerando una direzione di avanzamento verso Nord), potranno verificarsi
nel caso che la foliazione intersechi l’asse tunnel con direzione ad esso subparallela, immersione
prevalente verso Ovest e inclinazione a medio-basso angolo (20-50° dall’orizzontale).

5.1.2. La Formazione delle Argille a Palombini

Nel settore oggetto di studio affiorano, in superficie, i litotipi della formazione delle “Argille a
Palombini del Passo della Bocchetta” (aP); secondo quanto riportato nel Foglio CARG “Genova”, il
settore interessato dallo scavo della WBS in oggetto ricade a cavallo di due aree in cui affiorano sia
l’unità degli Argilloscisti di Murta (AGF), sia l’unità degli Argilloscisti di Costagiutta (AGI),
strutturalmente soprastante.
In sintesi, le due litofacies si differenziano per la presenza (Argilloscisti di Costagiutta, AGI) o
l’assenza (Argilloscisti di Murta, AGF) di livelli di calcari micritici silicei a grana fine (“Palombini”).
Per una più dettagliata descrizione delle caratteristiche della formazione si rimanda alle specifiche
relazioni.
GENERAL CONTRACTOR ALTA SORVEGLIANZA

IG5103ECVROGN130X001A00 Foglio
29 di
128

Figura 5. Argilloscisti in sponda destra del Rio Trasta.

5.2. Assetto idrogeologico dell'area

La zona interessata dal progetto della linea del III Valico è stata suddivisa, su base litologica, in
diversi complessi idrogeologici a permeabilità differente, distinguendo lungo l’asse delle gallerie
settori con comportamento idrogeologico omogeneo.
I sistemi di flusso idrico sotterraneo possono svilupparsi all’interno di un solo complesso
idrogeologico, quando questo è limitato lateralmente da complessi meno permeabili, oppure
possono attraversare più complessi permeabili adiacenti.
La formazione delle “Argille a Palombini del Passo della Bocchetta” (aP) corrisponde, insieme ad
altre unità litostratigrafiche, al complesso idrogeologico 15.

5.2.1. Complesso 15 (aP, dM, d”, f, Mn, Se”)

I litotipi di questo complesso idrogeologico fanno parte di unità metamorfiche ove la permeabilità è
sostanzialmente legata al grado di fratturazione dell’ammasso roccioso, a sua volta dipendente
dalla reologia del tipo di roccia considerato.
I test idraulici disponibili sull’intera area di progetto indicano per l’ammasso roccioso al di fuori delle
zone di faglia, conducibilità idrauliche prevalenti variabili tra 1x10-7 e 1x10-8 m/s, meno
frequentemente tendenti 1x10-6 m/s, come evidenziato dal diagramma di Figura 6.
I test idraulici disponibili sull’intera area di progetto indicano per l’ammasso roccioso al di fuori delle
zone di faglia, conducibilità idrauliche prevalenti variabili tra 1x10-7 e 1x10-8 m/s, meno
frequentemente tendenti 1x10-6 m/s, come evidenziato dal diagramma di Figura 6.
GENERAL CONTRACTOR ALTA SORVEGLIANZA

IG5103ECVROGN130X001A00 Foglio
30 di
128

Il grafico evidenzia altresì valori per la conducibilità fino a 1x10-10 m/s, che possono essere
riconducibili a situazioni locali in cui la frazione fillosilicatica, essendo predominante, abbassa
ulteriormente i valori di conducibilità dell’ammasso roccioso.
Dall’osservazione dei sondaggi è stato possibile inserire nel diagramma di Figura 6 una serie di dati
che rappresentano la permeabilità dell’ammasso roccioso detensionato nei primi metri al di sotto
della superficie (indicativamente da 5 fino a 20 m); tali dati mostrano conducibilità molto più elevate,
comprese tra 1x10-5 e 1x10-7 m/s.

Figura 6. Grafico delle conducibilità idrauliche per gli argilloscisti da prove in foro

Dall’analisi dei sondaggi e dal confronto con i dati di terreno sono state individuate delle zone di
faglia ove sono state eseguite delle prove di tipo idraulico. Il grafico (Figura 6) mostra una certa
dispersione dei valori, anche se si può osservare che la conducibilità nelle faglie è distribuita in un
intervallo tra 10-6 e 10-7 m/s nelle prove eseguite a profondità più basse (fino a 100 m), mentre
l’intervallo si sposta tra 10-7 e 10-9 m/s man mano che la profondità aumenta. Dalle osservazioni di
terreno si può ipotizzare che lungo le faglie di questo complesso le permeabilità maggiori siano
relative alle zone di danneggiamento, mentre le zone di nucleo possono presentare un effetto di
compartimentazione per lo sviluppo di rocce di faglia a granulometria fine e con componente
argillosa (gouge di faglia) generalmente impermeabile.

5.2.2. Condizioni idrogeologiche attese in corrispondenza dell’opera

Durante lo scavo del tratto della galleria di linea in oggetto, potranno essere incontrate condizioni
idrogeologiche di due tipi:
1. ammasso roccioso in normali condizioni di fratturazione (con eventuali zone di faglia minori);
2. zone di faglia maggiori.
GENERAL CONTRACTOR ALTA SORVEGLIANZA

IG5103ECVROGN130X001A00 Foglio
31 di
128

Nel primo caso non si attendono problematiche particolari dal punto di vista idrogeologico,
considerata la bassa permeabilità dei litotipi attraversati; le condizioni idrogeologiche saranno
analoghe a quelle incontrate nello scavo della finestra Val Lemme, con umidità e deboli stillicidi.
Nella galleria in esame quindi, negli argilloscisti della formazione aP con o senza “palombini”, si
attendono in assenza di faglie, condizioni generalizzate di umidità e solo localmente stillicidi da
deboli a diffusi, in particolare nelle zone con debole copertura, dove gli scisti sono alterati e
maggiormente permeabili.
La presenza di una possibile zona di faglia intorno alla PK 1+625 potrebbe indurre un aumento
localizzato della permeabilità e la comparsa di manifestazioni idriche più consistenti, con stillicidi
diffusi e/o venute puntuali concentrate, per una tratta di lunghezza che si può stimare dell’ordine di
una decina di metri. Anche qualora la zona di faglia ipotizzata dovesse mettere in comunicazione
idraulica lo scavo con l’alveo del Rio Ciliegia (distante circa 220 m lungo strike verso NNE), non
sono ipotizzabili interferenze significative nei confronti del corso d’acqua, che si trova a quota più
bassa (circa 10 m) rispetto allo scavo.
Nel complesso quindi lo scavo dell’opera in esame non presenta problematiche particolari dal punto
di vista idrogeologico, considerata la bassa permeabilità dei litotipi interessati, la bassa copertura,
l’assenza di un acquifero profondo significativo e l’assenza di un bacino di alimentazione esteso.
Le prove Lugeon eseguite nei fori più prossimi alla WBS hanno fornito valori di conducibilità
dell’ordine di 1E-08÷1E-09.
Il carico idraulico in regime imperturbato è valutato in base alle indicazioni fornite dai piezometri
collocati in diversi sondaggi e in particolare dal piezometro del foro AA301G049 attrezzato con cella
Casagrande, che indica oscillazioni del livello di falda in roccia tra -1 e-5 m dal pc. Si tratta
dell’unico dato utile a ipotizzare il carico idraulico in roccia, in quanto i sondaggi AA301G045 e
SC18 forniscono dati riferiti alla quota del fondovalle del Rio Ciliegia, a una certa distanza
dall’opera.
Ciò premesso, si può stimare che il carico idraulico in galleria, riferito alla quota del piano del ferro,
variabile tra 70 e 90 m lungo lo sviluppo della WBS in oggetto.

Con riferimento alle classi di portata indicate nella tabella sottostante e riportate nel profilo
geologico-idrogeologico previsionale, gli afflussi idrici stimati per questa tratta, in fase di scavo
(regime transitorio), rientrano nella classe 1 (tra 0 e 0.16 l/s per 10 m di galleria) come condizione
dominante al di fuori della faglia, ipotizzata alla pk 1+625. All’interno di tale faglia s è ipotizzato un
aumento fino a quasi il limite superiore della classe 2 (0.38l/s/10m).
GENERAL CONTRACTOR ALTA SORVEGLIANZA

IG5103ECVROGN130X001A00 Foglio
32 di
128

classe da a unità di misura


1 0 0.16
2 0.16 0.4
l/s per 10 m di galleria
3 0.4 2
4 >2
Tabella 2. Classi di portata delle venute d’acqua in galleria utilizzate nel profilo geologico-idrogeologico
previsionale.

I risultati ottenuti per il regime stabilizzato, in l/s, sono riportati nell’ultima colonna (Qs) di Tabella 3,
per una portata totale, nel tratto interessato dalla WBS in esame, pari a circa 0,45 l/s.

pk (km) lunghezza Qt1g Qs


da a (m) l/s/10 m l/s
1,425 1,500 75 0,01 0,03
1,500 1,600 100 0,01 0,04
1,600 1,630 30 (F) 0,38 0,36
1,630 1,660 30 0,01 0,02
Tabella 3 – Portate drenate dalla galleria in regime transitorio a 1 giorno dallo scavo (Qt1g, in l/s/10 m) e in regime
stabilizzato nella tratta di camerone a binario doppio (Qs, in l/s), in cui si colloca la WBS in progetto. (F): zone di
faglia.

Per quanto riguarda invece l’interferenza con le sorgenti presenti in sito, tra tutti i punti d’acqua
localizzati nella zona di influenza dello scavo della galleria di linea in prossimità della WBS, quattro
di questi presentano pericolosità di isterilimento non nulla. Per maggiori approfondimenti si rimanda
alle relazioni specifiche.

5.3. Inquadramento Geotecnico

La Formazione delle Argilliti a Palombini sarà quella che interagirà maggiormente con l’opera. Per
la sua caratterizzazione si sono presi a riferimento i dati e le considerazioni già svolte nel corso
degli studi precedenti, sulla base dei dati raccolti, scaturiti dai rilievi strutturali, dalle colonne
stratigrafiche ricavate dai sondaggi, nonché dai rilievi del fronte di scavo durante l’avanzamento del
cunicolo esplorativo, è stato possibile effettuare una suddivisione dell’ammasso roccioso in 3 gruppi
geomeccanici (gruppi 1, 2 e 3).
L’omogeneità e l’assimilabilità nell’ambito di ciascun gruppo sono state definite in base a criteri
litologici (composizione mineralogica e petrografica, percentuale di palombino relativamente alla
matrice argillitica, grado di alterazione).

I principali fattori considerati per l’individuazione di tali gruppi sono:


• Criteri litologici (composizione mineralogica e petrografica, percentuale di palombino
relativamente alla matrice argillitica, grado di alterazione, eventuale presenza di acqua)
GENERAL CONTRACTOR ALTA SORVEGLIANZA

IG5103ECVROGN130X001A00 Foglio
33 di
128

• Criteri strutturali (caratteristiche delle strutture di separazione, indice RDQ, intensità della
foliazione, intensità della tettonizzazione come ad esempio la presenza di struttura a pieghe
fino alla microscala,
• Criteri litomeccanici (con riferimento ad una prima valutazione delle proprietà fisiche, di
resistenza e deformabilità).

In sintesi il Gruppo 3 può essere considerato rappresentativo del comportamento dell’ammasso


roccioso delle zone a bassa copertura o in corrispondenza di importanti strutture geologiche (es.
faglie, nuclei di pieghe, sovrascorrimenti, ecc.); il Gruppo 1, al contrario, può essere considerato
rappresentativo delle condizioni migliori d’ammasso roccioso.
Si riportano di seguito le caratteristiche geomeccaniche delle formazioni, rimandando alla relazione
geotecnica per una descrizione adeguata sui criteri di caratterizzazione.
Si è scelto in fase di progettazione esecutiva di suddividere all’interno delle Argille a Palombini i
gruppi geomeccanici 2 e 3 in due ulteriori sottogruppi così da ottenere una maggiore correlazione
con quanto richiesto dall’applicabilità delle sezioni tipo. Per un maggiore approfondimento sui
parametri si rimanda alla relazione geomeccanica relativa all’opera in oggetto.
I parametri di calcolo utilizzati sono presentati nella seguente tabella assumendo i valori sotto
riportati in base al criterio di rottura di Hoek e Brown. Laddove non sarà impiegato direttamente tale
modello costituitivo verranno utilizzati i parametri secondo il modello di Mohr Coulomb, ottenuti
mediante linearizzazione dei valori di Hoek e Brown alle differenti coperture. In ogni caso i parametri
puntuali verranno presentati per le singole analisi.

γ ν Eop σc mi GSI a mbp sp mbr sr


Formazione
[kN/m3] [-] [GPa] [MPa] [-] [-] [-] [-] [-] [-] [-]
GR1 27 0,3 5,4 35 17,5 50 0,506 2,93 0,0039 2,14 0,0021
GR2a 27 0,3 1,75 12 20 42 0,510 2,52 0,0016 1,75 0,0008
GR2b 27 0,3 1,25 10 17,5 37 0,514 1,84 0,0009 1,24 0,0004
GR3a 26 0,3 1,1 7 33 0,518 1,74 0,0006 1,14 0,0003
19
GR3b 26 0,3 0,9 5 28 0,526 1,45 0,0003 0,92 0,0001

Tabella 4. Parametri geotecnici/geomeccanici di calcolo, criterio di rottura di Hoek-Brown

Nelle analisi di stabilità del fronte secondo il metodo di Tamez-Cornejo, per le quali era necessario
impiegare un criterio di rottura di tipo Mohr-Coulomb, si sono ottenuti i valori sotto riportati
linearizzando i parametri di Hoek e Brown per le coperture esaminate.
GENERAL CONTRACTOR ALTA SORVEGLIANZA

IG5103ECVROGN130X001A00 Foglio
34 di
128

Tabella 5: Parametri geotecnici utilizzati per il calcolo (linearizzazione modello Mohr – Coulomb)

Per quanto riguarda le portate indicate dall’inquadramento idrogeologico e valutate all’interno della
relazione geologica ed idrogeologica, esse risultano piuttosto limitate già in fase di scavo
nonostante le cautelative ipotesi di calcolo: verranno quindi adottati drenaggi in avanzamento
capaci di captare tali portate consentendo in ultimo di limitare le pressioni idrostatiche al fronte.
Vista la sostanziale impermeabilità della formazione pertanto, in fase definitiva tali afflussi
risulteranno ancora inferiori provvedendo inoltre ad inserire opportuni elementi atti a convogliare le
acque captate. Le analisi sono state condotte in assenza di carico idraulico agente sui rivestimenti
definitivi: la galleria in esame è stata infatti considerata, in conformità alla fase di Progetto
Definitivo, drenante.
GENERAL CONTRACTOR ALTA SORVEGLIANZA

IG5103ECVROGN130X001A00 Foglio
35 di
128

6. PRINCIPALI FASI ESECUTIVE

Nel seguito si riportano le principali fasi esecutive dello scavo del camerone tipo C della galleria di
Valico in funzione delle sezioni tipo di avanzamento previste, per la cui descrizione dettagliata si
rimanda alle relative tavole. Nello specifico il camerone è costituito da due sezioni (Sezione 1 e
Sezione 2), a partire dalla WBS precedente (WBS GN12), in cui viene eseguito uno scavo a
sezione piena con dimensioni in aumento. Le successive sezioni “3” e “4”, aventi area di scavo
maggiori, verranno realizzate parzializzando lo scavo mediante l’uso di due cunicoli laterali,
procedendo secondo le fasi esposte in seguito. Sono inoltre presenti quattro sezioni di raccordo,
rispettivamente prima della sezione “1”, tra la sezione “1”-“2”, “2”-“3” e “3”-“4”, denominate
rispettivamente T1, T2, T3 e T4. Tali sezioni di transizione vengono applicate per una lunghezza di
9m ad eccezione della sezione denominata “T3” che presenta uno sviluppo di 18m. L’impiego di tali
sezioni viene adottato al fine di consentire il cambiamento di sagoma.

Fasi esecutive dalla pk 1+435 (B.P.) alla pk 1+537 (B.P.) e dalla pk 1+546 (B.P.) alla pk 1+582
(B.P.) (sezione 1 e sezione 2)
Fase I: Si esegue il consolidamento del fronte di scavo ed eventualmente al contorno mediante
VTR cementati.

Fase II: Si procede con lo scavo a piena sezione con campi d’avanzamento pari a 12m.

Fase III: Si realizzano dunque i prerivestimenti mediante la posa di centine metalliche e spritz –
beton nel rispetto delle sezioni e degli spessori previsti.

Fase IV: Si gettano le murette e l’arco rovescio in cemento armato ad una distanza massima pari a
3 diametri dal fronte di scavo.

Fase V: Si eseguono le operazioni necessarie alla posa dell’impermeabilizzazione.


GENERAL CONTRACTOR ALTA SORVEGLIANZA

IG5103ECVROGN130X001A00 Foglio
36 di
128

Fase IV: Si procede con il getto del rivestimento definitivo in cemento armato della calotta ad una
distanza massima dal fronte di scavo pari a 5 diametri.

Fasi esecutive dalla pk 1+600 (B.P.) alla pk 1+627 (B.P.) e dalla pk 1+636 (B.P.) alla pk 1+660.15
(B.P.) (sezione 3, sezione 4)

Fase I: Si esegue l’eventuale preconsolidamento del fronte dei cunicoli mediante tubi in VTR
cementati. Si procede con lo scavo dei cunicoli con campi d’avanzamento massimi pari a 9m. Si
posano le centine metalliche nel rispetto delle sezioni previste e lo spritz beton armato con rete
elettrosaldata o in alternativa fibrorinforzato. Durante la fase di scavo i cunicoli potranno procedere
parallelamente ad una distanza tra loro non inferiore ai 30m.

Fase II: Si eseguono gli interventi di consolidamento al contorno della calotta del camerone eseguiti
dall’interno dei cunicoli di piedritto. Si realizza tale consolidamento mediante tubi in VTR valvolati le
cui lunghezze sono riportate negli elaborati previsti.
GENERAL CONTRACTOR ALTA SORVEGLIANZA

IG5103ECVROGN130X001A00 Foglio
37 di
128

Fase III: Si completano gli scavi e gli interventi di consolidamento dei cunicoli di piedritto e si
effettua il completamento di armatura e casseratura. Si gettano murette e piedritti ad una distanza
massima pari a 9 diametri al fronte di scavo.

Fase IV: Si esegue il riempimento dei cunicoli con terreno


GENERAL CONTRACTOR ALTA SORVEGLIANZA

IG5103ECVROGN130X001A00 Foglio
38 di
128

Fase V: Si consolida tramite VTR cementati il fronte di scavo del camerone e si scava la calotta del
camerone con campi d’avanzamento di 9m. Si esegue il taglio della parte superiore delle centine
dei cunicoli di piedritto e si applica uno strato di spritz beton sul profilo di calotta superiore del
camerone. Si effettuano le operazioni di posa delle centine nel rispetto della sezione prevista previa
esecuzione di uno strato di spritz fibro rinforzato di spessore minimo 10 cm al fronte qualora se ne
verificasse la necessità durante le operazioni di scavo. Al termine di ogni sfondo si applica uno
strato di spritz beton di 5cm.

Fase VI: Si procede con la posa in opera del sistema di impermeabilizzazione seguita dall’armatura,
dalla casseratura e dal getto della calotta del camerone in cemento armato. Si quantifica in 30m la
distanza massima tra il fronte d’allargo e la calotta in cemento armato. Si esegue lo scavo di ribasso
dei piedritti per campi pari a 30m. Si prosegue con l’armatura e con il getto di tale arco. Il getto
dell’arco rovescio verrà eseguito ad una distanza massima di 30m dal fronte di scavo.
GENERAL CONTRACTOR ALTA SORVEGLIANZA

IG5103ECVROGN130X001A00 Foglio
39 di
128

Fase VII: Si completano le operazioni di getto dell’arco rovescio.

Si vuole precisare che le fasi esecutive dovranno subire leggere variazioni nel caso si incontrasse
durante gli scavi un materiale assimilabile al GR3. In questo caso lo scavo del secondo cunicolo
dovrà avvenire solo dopo che il primo sia stato riempito di terreno e al suo interno siano stati gettati
murette e piedritto a distanza di 9Φ dal fronte. Si nota pertanto che gli interventi radiali di
consolidamento dall’interno dei due cunicoli dovranno essere eseguiti in fasi differenti.

Si riporta la pianta del camerone in esame dove si evidenziano le sezioni tipo, le sezioni di
passaggio oggetto delle fasi esecutive precedentemente analizzate e le relative progressive.
GENERAL CONTRACTOR ALTA SORVEGLIANZA

IG5103ECVROGN130X001A00 Foglio
40 di
128

Figura 7 – Planimetria camerone

Si presentano le carpenterie delle sezioni tipo dei cameroni, dei cunicoli di piedritto e delle sezioni di
passaggio.
GENERAL CONTRACTOR ALTA SORVEGLIANZA

IG5103ECVROGN130X001A00 Foglio
41 di
128

Figura 8 - Sezione tipo T1

Figura 9 - Sezione tipo 1


GENERAL CONTRACTOR ALTA SORVEGLIANZA

IG5103ECVROGN130X001A00 Foglio
42 di
128

Figura 10 - Sezione tipo T2

Figura 11 - Sezione tipo 2


GENERAL CONTRACTOR ALTA SORVEGLIANZA

IG5103ECVROGN130X001A00 Foglio
43 di
128

Figura 12 - Sezione tipo T3

Figura 13 – Sezione tipo 3


GENERAL CONTRACTOR ALTA SORVEGLIANZA

IG5103ECVROGN130X001A00 Foglio
44 di
128

Figura 14 – Sezione tipo T4

Figura 15 – Sezione 4
GENERAL CONTRACTOR ALTA SORVEGLIANZA

IG5103ECVROGN130X001A00 Foglio
45 di
128

7. PREVISIONI SUL COMPORTAMENTO DEGLI AMMASSI ALLO SCAVO (FASE DI


DIAGNOSI)

L'apertura di una cavità in un materiale caratterizzato da un campo di tensioni naturali preesistente


indisturbato, dovuto essenzialmente a carichi litostatici e a sforzi tettonici, porta ad una generale
ridistribuzione degli sforzi, sia in direzione trasversale che longitudinale, con conseguente
incremento delle tensioni al contorno della galleria e già oltre il fronte di scavo.
Si genera così un nuovo campo tensionale che tende a far evolvere l'ammasso intorno al cavo
verso una nuova situazione di equilibrio diversa da quella naturale, dando luogo a fenomeni
deformativi.
Sulla base delle conoscenze dei terreni interessati dalle gallerie, è possibile, elaborando anche le
esperienze maturate in lavori analoghi, svolgere delle previsioni sul comportamento dei terreni allo
scavo, necessarie alla definizione degli interventi di stabilizzazione e degli schemi di avanzamento.
Queste previsioni sono strettamente connesse con lo studio dello stato tenso-deformativo
instauratosi nell'ammasso al contorno della galleria e indotto dalle operazioni di scavo.
La previsione delle modalità di avanzamento in sotterraneo è stata principalmente condotta
secondo l’approccio del “Metodo per l’Analisi delle Deformazioni Controllate nelle Rocce e nei Suoli
(ADECO-RS)”. Sulla base dei dati raccolti in fase di studio geologico e di caratterizzazione
geomeccanica degli ammassi da attraversare, sono state effettuate le previsioni di comportamento
tenso-deformativo della galleria in assenza di interventi, ed in particolare modo la previsione sul
“comportamento deformativo del fronte di scavo”, il quale riveste notevole importanza nella
definizione delle condizioni di stabilità, a breve e lungo termine, e degli interventi più idonei per
garantirle. Il comportamento del fronte è principalmente condizionato da:
• le caratteristiche di resistenza e deformabilità dell'ammasso connesse con le varie strutture
geologiche che interessano le gallerie;
• il comportamento del materiale nel breve e lungo termine: rigonfiamento, squeezing, fluage
e rilasci tensionali;
• i carichi litostatici corrispondenti alle coperture in gioco;
• la forma e le dimensioni della sezione di scavo;
• lo schema di avanzamento e la tipologia dello scavo.

Il comportamento del fronte di scavo, al quale è legato quello della cavità, può essere
sostanzialmente di tre tipi: “stabile”, “stabile a breve termine” e “instabile”, come di seguito
brevemente illustrato.
GENERAL CONTRACTOR ALTA SORVEGLIANZA

IG5103ECVROGN130X001A00 Foglio
46 di
128

Gallerie a fronte stabile (CASO A)


Se il fronte di scavo è stabile, ciò significa che lo stato tensionale al contorno della cavità in
prossimità del fronte si mantiene in campo prevalentemente elastico e i fenomeni deformativi
osservabili sono di piccola entità e tendono ad esaurirsi rapidamente. In questo caso anche il
comportamento del cavo sarà stabile (rimanendo prevalentemente in campo elastico) e quindi non
si rendono necessari interventi preventivi di consolidamento. Saranno sufficienti, nel breve termine,
interventi di confinamento delle pareti di scavo, e nel lungo termine, la realizzazione del rivestimento
definitivo.
Gallerie a fronte stabile a breve termine (CASO B)
Questa condizione si verifica quando lo stato tensionale indotto dall'apertura della cavità supera le
caratteristiche di resistenza meccanica del materiale al fronte, che assume un comportamento di
tipo elasto-plastico. I fenomeni deformativi connessi con tale ridistribuzione delle tensioni sono più
accentuati che nel caso precedente e producono nell'ammasso roccioso al fronte una
decompressione che porta ad una riduzione della resistenza interna. Questa decompressione deve
essere opportunamente regimata, nel breve termine, mediante adeguati interventi di
preconsolidamento al fronte (e talora al contorno del cavo), in grado di contenere l'ammasso e
condurlo verso condizioni di stabilità; diversamente lo stato tenso-deformativo può evolvere verso
condizioni di instabilità del cavo. Il rivestimento definitivo costituirà il margine di sicurezza a lungo
termine.
Gallerie a fronte instabile (CASO C)
L'instabilità progressiva del fronte di scavo è attribuibile ad una accentuazione dei fenomeni
deformativi nel campo plastico, che risultano immediati, più rilevanti e si manifestano prima ancora
che avvenga lo scavo, oltre il fronte stesso. Di conseguenza tali deformazioni producono una
decompressione più spinta nell'ammasso roccioso al fronte e portano ad un decadimento rapido e
progressivo delle caratteristiche meccaniche d'ammasso. Questo tipo di decompressione più
accentuata deve essere contenuta prima dell'arrivo del fronte di scavo e richiede pertanto interventi
di preconsolidamento sistematici in avanzamento che consentiranno di creare artificialmente quell'
effetto arco capace di far evolvere la situazione verso configurazioni di equilibrio stabile nel breve
termine e, con l’aggiunta del rivestimento definitivo, anche nel lungo termine.

7.1. Calcolo e determinazione delle categorie di comportamento allo scavo

Nel seguito verrà determinato il comportamento dell'ammasso allo scavo in considerazione della
stratigrafia presente in sito ed in funzione dei carichi litostatici dovuti alle differenti coperture
riscontrate lungo il tracciato della galleria in oggetto.
Sarà così possibile ottenere diverse classi di comportamento allo scavo in funzione delle diverse
coperture in esame. Nella successiva fase di terapia, in cui si definiranno gli interventi necessari per
l'avanzamento nelle diverse classi di comportamento, ad una stessa classe di comportamento
potranno corrispondere diverse sezioni tipo, adeguate alle caratteristiche geologiche e fisiche di
ogni formazione.
GENERAL CONTRACTOR ALTA SORVEGLIANZA

IG5103ECVROGN130X001A00 Foglio
47 di
128

Nella fase di diagnosi, sulla base degli elementi raccolti nella fase conoscitiva, vengono sviluppate
le previsioni sul comportamento deformativo del fronte e del cavo in assenza di interventi, al fine di
giungere all’individuazione di tratte a comportamento omogeneo, suddivise nelle tre categorie di
comportamento precedentemente descritte.
Per la determinazione del comportamento dell’ammasso allo scavo sono state effettuate analisi di
stabilità del fronte.
Considerata la metodologia realizzativa del camerone che richiede fasi e modalità costruttive del
tutto particolari, che non hanno alcun riscontro con quelle comunemente adottate per le gallerie di
linea, nel seguito vengono presentate due differenti analisi, le prime relative ai cunicoli di piedritto,
le seconde relative allo scavo della calotta del camerone. Si sottolinea che per la sezione tipo “1” e
tipo “2”, invece, tali cunicoli non sono previsti e lo scavo della galleria avviene a piena sezione.

7.1.1. Stabilità del fronte di scavo

Compatibilmente con il profilo stratigrafico dell’opera in oggetto si sono svolte le analisi di stabilità
del fronte di scavo per le formazioni geologiche interessate dalle operazione di scavo. Le Argille a
Palombini (aP) sono dunque oggetto di verifiche di stabilità in fase di diagnosi. Tale formazione è
presente per l’intero sviluppo del camerone in esame e costituisce la copertura della galleria fino a
piano campagna. Le analisi sono state svolte in funzione delle altezze di copertura presenti nel
tracciato in esame, analizzando le condizioni ritenute esaustive di tutto lo sviluppo dell’opera.
Le analisi si sono svolte, laddove lo scavo viene parzializzato, considerando sia l’area di scavo dei
cunicoli che quella relativa al fronte di scavo nella zona di calotta del camerone.
GENERAL CONTRACTOR ALTA SORVEGLIANZA

IG5103ECVROGN130X001A00 Foglio
48 di
128

7.1.2. Verifica di stabilità del fronte

ANALISI STABILTA' DEL FRONTE - FASE DI DIAGNOSI - Tamez & Cornejo

Copertura
Analisi Formazione Deq (m) g (kN/m3) c’ (kPa) f (°) SF
(m)
AN1 Ap_GR1 75 14,09 27 520 40 4,68
AN2 Ap_GR1 75 17,66 27 520 40 6,31
AN3 Ap_GR1 93 11,62 27 520 40 3,95
AN4 Ap_GR1 93 15,05 27 520 40 4,78
AN5 Ap_GR1 93 11,62 27 520 40 3,95
AN6 Ap_GR1 93 18,19 27 520 40 4,61
AN7 Ap_GR2a 75 14,09 27 300 38 3,24
AN8 Ap_GR2a 75 17,66 27 300 38 3,66
AN9 Ap_GR2a 93 11,62 27 300 38 2,89
AN10 Ap_GR2a 93 15,05 27 300 38 3,36
AN11 Ap_GR2a 93 11,62 27 300 38 2,89
AN12 Ap_GR2a 93 18,19 27 300 38 3,17
AN13 Ap_GR2b 75 14,09 27 250 33 2,87
AN14 Ap_GR2b 75 17,66 27 250 33 3,08
AN15 Ap_GR2b 93 11,62 27 250 33 2,61
AN16 Ap_GR2b 93 15,05 27 250 33 2,95
AN17 Ap_GR2b 93 11,62 27 250 33 2,61
AN18 Ap_GR2b 93 18,19 27 250 33 2,77
AN19 Ap_GR3a 75 14,09 26 200 30 2,56
AN20 Ap_GR3a 75 17,66 26 200 30 2,58
AN21 Ap_GR3a 93 11,62 26 200 30 2,37
AN22 Ap_GR3a 93 15,05 26 200 30 2,63
AN23 Ap_GR3a 93 11,62 26 200 30 2,37
AN24 Ap_GR3a 93 18,19 26 200 30 2,45
AN25 Ap_GR3b 75 14,09 26 160 28 2,26
AN26 Ap_GR3b 75 17,66 26 160 28 2,07
AN27 Ap_GR3b 93 11,62 26 160 28 2,15
AN28 Ap_GR3b 93 15,05 26 160 28 2,32
AN29 Ap_GR3b 93 11,62 26 160 28 2,15
AN30 Ap_GR3b 93 18,19 26 160 28 2,15
Figura 16 – Riepilogo analisi di stabilità - Fase di diagnosi – Tamez & Cornejo
GENERAL CONTRACTOR ALTA SORVEGLIANZA

IG5103ECVROGN130X001A00 Foglio
49 di
128

ANALISI STABILITA' - DIAGNOSI - TAMEZ & CORNEJO


SF (-)
7,00

6,00

5,00 Ap_GR1
Ap_GR2a
4,00
Ap_GR2b
3,00 Ap_GR3a
Ap_GR3b
2,00
SF_minimo

1,00

0,00
0 50 100
Copertura (m)

Figura 17 – Risultati analisi di stabilità - Fase di diagnosi - Tamez & Cornejo


GENERAL CONTRACTOR ALTA SORVEGLIANZA

IG5103ECVROGN130X001A00 Foglio
50 di
128
ANALISI STABILTA' DEL FRONTE - FASE DI DIAGNOSI

Formazio Copertura Stability


Analisi z 0 (m) g (kN/m3) GSI (-) s ci (MPa) mi le
ne (m) Ratio
AN1 Ap_GR1 75 80,70 27 50 35000 17,50 0,7187 1,140
AN2 Ap_GR1 75 82,20 27 50 35000 17,50 0,732059 1,131
AN3 Ap_GR1 93 98,88 27 50 35000 17,50 0,880563 1,048
AN4 Ap_GR1 93 97,88 27 50 35000 17,50 0,871702 1,053
AN5 Ap_GR1 93 98,88 27 50 35000 17,50 0,880563 1,048
AN6 Ap_GR1 93 98,95 27 50 35000 17,50 0,881231 1,048
AN7 Ap_GR2a 75 80,72 27 42 12000 20,00 2,548019 0,766
AN8 Ap_GR2a 75 82,20 27 42 12000 20,00 2,594737 0,764
AN9 Ap_GR2a 93 98,88 27 42 12000 20,00 3,121102 0,739
AN10 Ap_GR2a 93 97,88 27 42 12000 20,00 3,089694 0,740
AN11 Ap_GR2a 93 98,88 27 42 12000 20,00 3,121102 0,739
AN12 Ap_GR2a 93 98,95 27 42 12000 20,00 3,123469 0,739
AN13 Ap_GR2b 75 80,70 27 37 10000 17,50 3,854151 0,663
AN14 Ap_GR2b 75 82,20 27 37 10000 17,50 3,925789 0,661
AN15 Ap_GR2b 93 98,88 27 37 10000 17,50 4,72217 0,641
AN16 Ap_GR2b 93 97,88 27 37 10000 17,50 4,67465 0,642
AN17 Ap_GR2b 93 98,88 27 37 10000 17,50 4,72217 0,641
AN18 Ap_GR2b 93 98,95 27 37 10000 17,50 4,725752 0,641
AN19 Ap_GR3a 75 80,72 26 33 7000 19,00 5,773124 0,587
AN20 Ap_GR3a 75 82,20 26 33 7000 19,00 5,878974 0,585
AN21 Ap_GR3a 93 98,88 26 33 7000 19,00 7,071576 0,571
AN22 Ap_GR3a 93 97,88 26 33 7000 19,00 7,000414 0,571
AN23 Ap_GR3a 93 98,88 26 33 7000 19,00 7,071576 0,571
AN24 Ap_GR3a 93 98,95 26 33 7000 19,00 7,07694 0,571
AN25 Ap_GR3b 75 80,72 26 28 5000 19,00 9,49594 0,525
AN26 Ap_GR3b 75 82,20 26 28 5000 19,00 9,670048 0,524
AN27 Ap_GR3b 93 98,88 26 28 5000 19,00 11,6317 0,515
AN28 Ap_GR3b 93 97,90 26 28 5000 19,00 11,517 0,516
AN29 Ap_GR3b 93 98,88 26 28 5000 19,00 11,6317 0,515
AN30 Ap_GR3b 93 98,95 26 28 5000 19,00 11,64053 0,515

Figura 18 – Riepilogo analisi di stabilità - Fase di diagnosi - Broms & Bennermark e Panet
GENERAL CONTRACTOR ALTA SORVEGLIANZA

IG5103ECVROGN130X001A00 Foglio
51 di
128

ANALISI STABILITA' - DIAGNOSI - BROMS & BENNERMARK


Stability
ratio (-) Copertura (m)
0 50 100
0
1
2
3
4 Ap_GR1
5 Ap_GR2a
6
Ap_GR2b
7
Ap_GR3a
8
9 Ap_GR3b
10 Def elastiche
11 Def elastoplastiche
12
Def plastiche
13
14
15

Figura 19 – Risultati analisi di stabilità - Fase di diagnosi - Broms & Bennermark

ANALISI STABILITA' - DIAGNOSI - PANET


Stability
ratio (-)
Ap_GR1
1,200
Ap_GR2a
Ap_GR2b
1,000
Ap_GR3a
Ap_GR3b
0,800
Def elastiche
Def elastoplastiche
0,600
Def plastiche

0,400

0,200

0,000
0 50 100
Copertura (m)

Figura 20 – Risultati analisi di stabilità - Fase di diagnosi – Panet

Esame critico dei risultati e considerazioni conclusive

L’analisi permette di valutare le condizioni di stabilità del fronte di scavo delle sezioni tipo impiegate
per il camerone e per i cunicoli di piedritto nei diversi contesti geotecnici in funzione delle coperture.
Sintetizzando le analisi, si nota come il metodo di Tamez Cornejo indichi per tutte le analisi
GENERAL CONTRACTOR ALTA SORVEGLIANZA

IG5103ECVROGN130X001A00 Foglio
52 di
128

effettuate un fattore di sicurezza maggiore del valore minimo. Si vuole comunque mettere in
evidenza come le sezioni di calcolo interessate da questa formazione presentino in fase di diagnosi
valori prossimi ai minimi consentiti. Tale formulazione non evidenzia in altri casi fenomeni di
instabilità globale del fronte, ma gli interventi di consolidamento saranno comunque necessari per
contenere gli effetti deformativi. Tale aspetto è evidenziato dai risultati presentati secondo il metodo
di Broms & Bennermark e di Panet dove risaltano evidenti deformazioni in campo elastoplastico e
plastico. Si noti come tutte le analisi relative ai cunicoli, data l’area di scavo limitata, indichino minori
problematiche rispetto a quanto evidenziato considerando le aree di scavo relative al fronte di scavo
del camerone.

7.2. Linee caratteristiche

Le “linee caratteristiche” di una cavità sono delle curve che legano le pressioni di contenimento
esercitate in senso radiale sul contorno della galleria dalle opere di stabilizzazione agli spostamenti
radiali sul contorno stesso (convergenze). Per ogni galleria si possono determinare due linee
caratteristiche principali:
• La linea caratteristica del fronte, valida presso il fronte di scavo, che tiene conto dell’effetto
tridimensionale delle tensioni vicino ad esso e che permette di risalire all’entità della
convergenza già subita dalla galleria in corrispondenza del fronte di scavo;
• La linea caratteristica del cavo, valida per qualsiasi sezione sufficientemente lontana dal
fronte per la quale lo stato tensionale possa considerarsi piano.
Il Metodo delle Linee Caratteristiche è valido nei casi in cui si ritenga lecito ipotizzare che
l’andamento delle sollecitazioni indotte dallo scavo, sotto l’azione delle spinte di montagna, sia di
tipo idrostatico; ciò si verifica generalmente per coperture H>3D (D=diametro di scavo della
galleria); valori di copertura inferiori conducono a un risultato poco rappresentativo dell’effettivo
comportamento dell’ammasso roccioso.
Le analisi sono state condotte per tutte le formazioni incontrate lungo il tracciato della galleria con
coperture superiori ai 75 m. Le analisi si sono svolte, laddove lo scavo viene parzializzato,
considerando sia l’area di scavo dei cunicoli che quella relativa al fronte di scavo nella zona di
calotta del camerone.
Sulla base delle elaborazioni effettuate, è possibile esprimere delle considerazioni sul
comportamento dell’ammasso allo scavo, con particolare riguardo alla prevedibile entità dei
fenomeni deformativi del fronte e del cavo e all’estensione dell’eventuale fascia di materiale al
contorno della cavità in cui il livello tensionale supera il limite elastico.
In generale, ove le linee caratteristiche non intersecano per un valore finito l’asse delle deformazioni
radiali, la galleria risulta instabile senza adeguati interventi di contenimento. Si possono verificare
altresì casi in cui il metodo porta a prevedere deformazioni radiali finite tali da non essere ritenute
compatibili con la stabilità e la funzionalità dell’opera, oppure un’estensione della fascia d’ammasso
a comportamento plastico non accettabile. Dall’esame dell’andamento della curva caratteristica è
GENERAL CONTRACTOR ALTA SORVEGLIANZA

IG5103ECVROGN130X001A00 Foglio
53 di
128

possibile quindi definire il comportamento del fronte di scavo come “stabile”, “stabile a breve
termine”, o “instabile”.
Si sono costruite le linee caratteristiche relative alle situazioni a diverso comportamento
geomeccanico. Il loro andamento, calcolato sulla base dei parametri geomeccanici caratteristici dei
materiali attraversati, è riportato nelle figure allegate alla presente relazione.
La definizione delle categorie di comportamento secondo il Metodo ADECO viene effettuata
procedendo alla valutazione comparata e sistematica di tre fattori:
• Entità del fenomeno deformativo al fronte e a scavo avvenuto;
• Entità della fascia plasticizzata al fronte e a scavo avvenuto;
• Andamento della linea caratteristica (forma e ampiezza del tratto elastico e plastico).
In particolare, in questo caso, sulla base delle caratteristiche dei materiali si è considerato in
linea generale per la definizione della classe di comportamento quanto di seguito:
• Se la convergenza prevista al fronte è inferiore a 0.5-0.6% del raggio il comportamento è di
classe A, se la convergenza prevista al fronte è inferiore a 1.0-1.5% del raggio il
comportamento è di classe B, altrimenti di classe C;
• Se la fascia plastica risulta non rilevante (inferiore a 0.5 volte il raggio) il comportamento è di
classe A, se la fascia plastica è inferiore a 1-2 volte il raggio il comportamento è di classe B,
altrimenti di classe C;
• Si valuta la forma della linea caratteristica del cavo; in classe A questa è quasi interamente
lineare (tratto elastico); in classe B compare una parte curva (tratto plastico) ma non
rilevante; in classe C il tratto curvo è rilevante e generalmente, a pressione nulla, con
convergenze del cavo non compatibili con lo scavo.
GENERAL CONTRACTOR ALTA SORVEGLIANZA

IG5103ECVROGN130X001A00 Foglio
54 di
128
RISULTATI ANALISI LC - FASE DI DIAGNOSI

Formazione Copertura* Rm H/Dmedio U rad Rpl U fronte Rpl fronte Rpl fronte
Sezione Par. Rpl/Rm Ufronte /Rm Comportamento
geologica /Rm
[m] [m] [m] [cm] [m] [cm] [m]
AP - GR1 75 medi 7,0 5,4 0,42 8,26 1,18 0,19 0,03% 7,32 1,05 A
AP - GR2a 75 medi 7,0 5,4 2,01 10,50 1,50 0,79 0,11% 8,21 1,17 A
Tipo 1 - scavo a
AP - GR2b 75 medi 7,0 5,4 4,27 13,34 1,91 1,51 0,22% 9,17 1,31 B
piena sezione
AP - GR3a 75 medi 7,0 6,3 6,28 15,98 2,28 2,07 0,30% 10,02 1,43 B
AP - GR3b 75 medi 7,0 5,4 11,78 20,29 2,90 3,52 0,50% 11,24 1,61 B/C
AP - GR1 75 medi 8,8 4,3 0,53 10,40 1,18 0,23 0,03% 9,22 1,05 A
AP - GR2a 75 medi 8,8 4,3 2,53 13,23 1,50 0,99 0,11% 10,34 1,17 A
Tipo 2 - scavo a
AP - GR2b 75 medi 8,8 4,3 5,38 16,81 1,91 1,90 0,22% 11,67 1,32 B
piena sezione
AP - GR3a 75 medi 8,8 4,3 7,91 20,13 2,28 2,61 0,30% 12,62 1,43 B
AP - GR3b 75 medi 8,8 4,3 14,84 25,56 2,90 4,43 0,50% 14,17 1,61 B/C
AP - GR1 93 medi 5,8 8,0 0,49 7,35 1,26 0,21 0,04% 6,29 1,08 A
AP - GR2a 93 medi 5,8 8,0 2,46 9,53 1,64 0,93 0,16% 7,12 1,22 A/B
Tipo 3-4 - scavo
AP - GR2b 93 medi 5,8 8,0 5,51 12,45 2,14 1,86 0,32% 8,08 1,39 B
cunicolo
AP - GR3a 93 medi 5,8 8,0 8,35 15,15 2,60 2,62 0,45% 8,89 1,53 B
AP - GR3b 93 medi 5,8 8,0 16,30 19,64 3,38 4,57 0,79% 10,08 1,73 C
AP - GR1 93 medi 7,5 6,2 0,63 9,52 1,26 0,27 0,04% 8,15 1,08 A
AP - GR2a 93 medi 7,5 6,2 3,19 12,35 1,64 1,20 0,16% 9,23 1,22 A/B
Tipo 3 - scavo
AP - GR2b 93 medi 7,5 6,2 7,14 16,13 2,14 2,41 0,32% 10,47 1,39 B
calotta
AP - GR3a 93 medi 7,5 6,2 10,82 19,63 2,60 3,39 0,45% 11,52 1,53 B
AP - GR3b 93 medi 7,5 6,2 21,12 25,45 3,38 5,92 0,79% 13,06 1,73 C
AP - GR1 93 medi 9,1 5,1 0,76 11,49 1,26 0,32 0,04% 9,83 1,08 A
AP - GR2a 93 medi 9,1 5,1 3,85 14,91 1,64 1,45 0,16% 11,14 1,22 A/B
Tipo 4 - scavo
AP - GR2b 93 medi 9,1 5,1 8,61 19,47 2,14 2,91 0,32% 12,63 1,39 B
calotta
AP - GR3a 93 medi 9,1 5,1 13,06 23,69 2,60 4,09 0,45% 13,90 1,53 B
AP - GR3b 93 medi 9,1 5,1 25,49 30,72 3,38 7,15 0,79% 15,77 1,73 C

Figura 21- Riepilogo analisi di stabilità metodo delle linee caratteristiche

Dove:

• Rm= raggio medio di scavo


• Urad=spostamento radiale del cavo
• Ufronte=spostamento al fronte
• Rpl=raggio plastico del cavo
• Rpl fronte=raggio plastico al fronte
In particolare, secondo le formulazioni di Lombardi (1985), il valore di Ufronte indica la convergenza
del cavo presso il fronte (ovvero la preconvergenza del nucleo).
Considerazioni conclusive sul comportamento dello scavo in fase di diagnosi
Le analisi condotte, con riferimento ai risultati ottenuti dalle Linee Caratteristiche hanno permesso di
assegnare a ciascun contesto geomeccanico uno dei tre comportamenti del fronte allo scavo
menzionati nei paragrafi precedenti. In particolare è stato evidenziato un comportamento
predominante allo scavo di tipo “fronte stabile a breve termine” (categoria B). Si registra un
comportamento di tipo C (fronte instabile) per la formazione geomeccanica delle Argille a Palombini
classificate nel gruppo 3a e 3b (AP-GR3a e AP-GR3b) per le quali si notano spostamenti
particolarmente rilevanti con una preconvergenza al fronte piuttosto pronunciata e spostamenti
radiali del cavo superiori ai 20 cm per le sezioni di maggiori dimensioni.
Di seguito verranno discusse le principali formazioni geomeccaniche analizzate.
GENERAL CONTRACTOR ALTA SORVEGLIANZA

IG5103ECVROGN130X001A00 Foglio
55 di
128

Argilliti a Palombini (GR1)

Le analisi condotte, con riferimento alla linee caratteristiche in assenza di interventi, hanno
evidenziato un comportamento allo scavo di tipo “fronte stabile” per tutte le coperture prese in
considerazione con spostamenti al fronte inferiori al mezzo centimetro. Anche lo spostamento
radiale risulta limitato con valori massimi appena superiori ai 0.7 centimetri nel caso del gruppo
geomeccanico più alterato. I fenomeni di plasticizzazione attorno allo scavo sono limitati a circa
1.18-1.26 volte il raggio.
Per materiali dotati di tali caratteristiche meccaniche si potrà pensare di adottare in fase di terapia
un sistema di confinamento delle pareti dello scavo al fine di contrastare i fenomeni deformativi del
cavo.

Argilliti a Palombini (GR2a)

Le analisi condotte, con riferimento alla linee caratteristiche in assenza di interventi, hanno
evidenziato un comportamento allo scavo di tipo A per coperture fino a 75 m, per le quali si
ottengono spostamenti massimi al fronte di circa 1 cm. Per coperture maggiori il comportamento del
cavo è classificabile come “stabile a breve termine” (categoria B), sebbene siano presenti per le
coperture massime spostamenti non trascurabili. Le Linee caratteristiche evidenziano degli
spostamenti radiali massimi dell’ordine di circa 4 cm; i fenomeni di plasticizzazione al fronte si
estendono per una fascia prossima a 1.6 volte il raggio di scavo per le sezioni a massima copertura.
Da quanto discusso attraverso il Metodo delle Linee Caratteristiche appare evidente la necessità di
operare per le coperture esaminate un adeguato confinamento delle pareti dello scavo e di
contrastare tempestivamente i fenomeni deformativi del cavo mediante l’utilizzo di sistemi di
prerivestimento di adeguata rigidezza. Si ritiene opportuno prevedere anche la possibilità di
effettuare interventi di preconsolidamento del fronte, volti ad incrementare il valore di resistenza del
nucleo.

Argilliti a Palombini (GR2b)

Le analisi condotte, con riferimento alla linee caratteristiche in assenza di interventi, hanno
evidenziato generalmente un comportamento allo scavo del tipo “stabile a breve termine” per tutte
le coperture esaminate. Infatti le linee caratteristiche evidenziano degli spostamenti radiali al fronte
che nelle peggiori delle condizioni analizzate raggiungono i 8.6 cm alla massima copertura ed una
deformazione del cavo significativa; i fenomeni di plasticizzazione si estendono per una fascia
prossima a 1,5 – 2 volte il raggio di scavo.
Da quanto discusso attraverso il Metodo delle Linee Caratteristiche appare evidente la necessità di
operare per le massime coperture un adeguato confinamento delle pareti dello scavo e di
contrastare tempestivamente i fenomeni deformativi del cavo mediante l’utilizzo di sistemi di
prerivestimento di adeguata rigidezza e di prevedere interventi di preconsolidamento del fronte, volti
ad incrementare il valore di resistenza del nucleo.
GENERAL CONTRACTOR ALTA SORVEGLIANZA

IG5103ECVROGN130X001A00 Foglio
56 di
128

Argilliti a Palombini (GR3a e GR3b)

Le analisi condotte, con riferimento alla linee caratteristiche in assenza di interventi, hanno
evidenziato un comportamento classificabile come a “fronte instabile”(categoria C) per il gruppo
GR-3b e fronte “fronte stabile a breve termine” (categoria B) per il gruppo GR-3a.
Le Linee caratteristiche evidenziano infatti delle deformazioni radiali del cavo che raggiungono
valori massimi di circa 25 cm per il gruppo GR3b e all’incirca dimezzati per il gruppo GR3a. Tuttavia
anche per il gruppo GR-3a la plasticizzazione raggiunge estensioni importanti di circa 2.6 volte il
raggio di scavo, superando le 3 volte il raggio di scavo nel gruppo GR-3b. Per questo motivo è
consigliabile considerare anche il gruppo GR-3a con comportamento classificabile a “fronte
instabile” (categoria C).
Da quanto discusso attraverso il Metodo delle Linee Caratteristiche appare evidente la necessità di
prevedere interventi di preconsolidamento del fronte, volti ad incrementare il valore di resistenza del
nucleo, e del contorno dello scavo, per favorire la creazione di un effetto arco.
Inoltre sarà necessario operare un adeguato confinamento delle pareti dello scavo e contrastare
tempestivamente i fenomeni deformativi del cavo mediante l’utilizzo di sistemi di prerivestimento di
adeguata rigidezza ed eventualmente con il getto ravvicinato al fronte dei rivestimenti definitivi.
GENERAL CONTRACTOR ALTA SORVEGLIANZA

IG5103ECVROGN130X001A00 Foglio
57 di
128

8. DESCRIZIONE DELLE SEZIONI TIPO (FASE DI TERAPIA)

Sulla base delle analisi condotte nella fase di diagnosi, si presentano gli aspetti che hanno guidato
la definizione degli interventi, allo scopo di garantire condizioni di stabilità del fronte e del cavo. Per
la descrizione delle sezioni tipo di avanzamento, i campi di impiego e le relative percentuali di
applicazione previste lungo il tracciato si rimanda alla Relazione Tecnica e alle Linee Guida.

8.1. Tipologie di intervento in fase costruttiva

Nei capitoli precedenti sono stati definiti tre tipi di comportamento d'ammasso allo scavo che
prevedono l'impiego di opportuni interventi scelti in base alle caratteristiche
geotecniche/geomeccaniche dei terreni interessati dagli scavi, determinando così la scelta delle
sezioni tipo più adatte.

CASO A) fronte stabile:


I fenomeni deformativi avvengono in campo elastico; il materiale ha comportamento di tipo lapideo
per cui si possono ipotizzare locali fenomeni di instabilità al contorno riconducibili per lo più al
distacco gravitativo di blocchi o volumi rocciosi, individuati dall'intreccio di superfici di discontinuità
preesistenti nell' ammasso oppure create dai fenomeni di distensione prodotti dalle modalità di
scavo. Il probabile comportamento allo scavo tipo A, “a fronte stabile”, consente di prevedere, quali
interventi di prima fase, interventi di solo contenimento del cavo, quale la realizzazione di uno strato
di spritz-beton a seguito della messa in opera di bulloni radiali o centine, in funzione del grado di
discontinuità dell’ammasso. I carichi gravanti sulla struttura in questi contesti geomeccanici sono
prevalentemente di tipo gravitativo, funzione della frequenza dei giunti e delle fratture ed in
particolare modo della resistenza al taglio delle superfici di discontinuità. Il rilascio di tali solidi di
carico, in categorie di comportamento tipo A, non avviene generalmente all’apertura del cavo, bensì
in un secondo tempo quale conseguenza del richiamo di umidità al contorno dello scavo, della
circolazione d’acqua nelle fratture, dall’alterazione della roccia a contatto con gli agenti atmosferici,
nonché dalle sollecitazioni dinamiche conseguenti alle vibrazioni prodotte durante le operazioni di
scavo con esplosivo.
E’ pertanto opportuno stabilizzare i suddetti cunei mediante la messa in opera di bulloni metallici
radiali di tipo passivo, ad ancoraggio puntuale in presenza di modesti gradi di separazione
d’ammasso, o ad ancoraggio continuo per gradi di separazione maggiori, e realizzare un guscio di
spritz-beton a protezione della superficie di scavo ed a contenimento del cavo.
GENERAL CONTRACTOR ALTA SORVEGLIANZA

IG5103ECVROGN130X001A00 Foglio
58 di
128

CASO B) fronte stabile a breve termine:


Si possono ipotizzare fenomeni di instabilità più o meno diffusi al contorno del cavo, dovuti alla
plasticizzazione dell'ammasso roccioso e conseguenti fenomeni deformativi (convergenze radiali) di
ordine centimetrico.
Tali deformazioni, se non regimate mediante opportuni e tempestivi interventi di preconsolidamento
e/o di consolidamento, possono innescare decompressioni progressivamente crescenti all'interno
dell'ammasso roccioso, sviluppando di conseguenza carichi maggiori sia nel breve termine che nel
lungo termine.
Come interventi di preconsolidamento si possono utilizzare:
chiodi in vetroresina al fronte per aumentare le caratteristiche di resistenza del nucleo;
drenaggi al contorno in caso di presenza d'acqua per lo scarico delle pressioni interstiziali.
Gli interventi di consolidamento lungo la cavità consistono principalmente in:
• prerivestimento costituito da spritz-beton;
• centine metalliche.
Questi interventi di preconsolidamento e consolidamento concorreranno a formare diverse sezioni
tipo (descritte in seguito) che si differenziano tra di loro in funzione delle formazioni geologiche
incontrate.

CASO C) fronte instabile:


I fenomeni deformativi, in assenza di interventi, sono di entità maggiore rispetto al caso precedente,
fino ad arrivare alla rottura e al collasso del cavo, legato all'instabilità del fronte di scavo. Perché si
possa realizzare l'avanzamento in galleria, senza innescare fenomeni deformativi incontrollabili, è
indispensabile operare "preconsolidamenti" lanciati oltre il fronte di scavo, che garantiscano sia la
tenuta del fronte stesso che quella della fascia di terreno perimetrale al cavo.
Questi preconsolidamenti possono essere di diversa natura, in funzione delle differenti
caratteristiche geologiche delle formazioni attraversate lungo il tracciato:
- jet-grouting sub-orizzontale;
- anello consolidato da iniezioni cementizie;
- chiodi in vetroresina al fronte;
- drenaggi.
Sono inoltre necessari interventi di consolidamento al contorno del cavo in modo da fornire il
necessario contenimento nel breve termine. Questi interventi possono essere il rivestimento di 1ª
fase con spritz-beton e centine metalliche.
In previsione di un comportamento tipo C, al fine di effettuare un controllo dello stato deformativo al
fronte, appare consigliabile l’esecuzione di un preconsolidamento sistematico del fronte mediante
GENERAL CONTRACTOR ALTA SORVEGLIANZA

IG5103ECVROGN130X001A00 Foglio
59 di
128

elementi strutturali o tubi in vetroresina ad aderenza migliorata, tali da irrigidire il nucleo di scavo e
ridurre i valori di estrusione del fronte e conseguentemente di preconvergenza del cavo. Tale
operazione consentirebbe di mantenere le proprietà del materiale prossime alle condizioni di picco,
o al limite di ridurne il decadimento. Le deformazioni al fronte si traducono infatti in decompressione
al contorno del cavo con decremento della resistenza d’ammasso e incremento delle spinte sui
prerivestimenti.
Andrà inoltre prevista la realizzazione dei prerivestimenti a seguito di ogni singolo sfondo di
avanzamento, mediante posa in opera di centine metalliche ed un congruo strato di spritz-beton.
Sempre per la categoria di comportamento C occorre inoltre prevedere la possibilità di stabilizzare,
a breve distanza dal fronte, il piede della centina, mediante il getto di arco rovescio e murette a
distanze anche inferiori ai 2 diametri dal fronte di scavo.

8.2. Sezioni tipo di avanzamento

Per il camerone in esame, date le dimensioni del cavo, la realizzazione richiede fasi e modalità
costruttive del tutto particolari, che non hanno alcun riscontro con quelle comunemente adottate per
la galleria di linea. Essendo il camerone un’opera di raccordo tra i tratti di galleria a singolo binario
(tratti a doppia canna) con quelli contenenti il doppio binario (canna singola), si è operato alla
suddivisione delle sezioni tipo in funzioni delle geometrie necessarie per permettere il collegamento
di queste tratte. Gli interventi di preconsolidamento del fronte di scavo sono stati valutati in funzione
delle geometrie di scavo e dalla litologia degli ammassi attraversati, delle caratteristiche
geomeccaniche dello stato tensionale in situ, ovvero del valore di copertura (H). Nel seguito si
illustrano sinteticamente le modalità di realizzazione del camerone secondo le sezioni tipo previste,
rimandando per il dettaglio degli interventi e delle fasi esecutive alle Linee Guida ed agli elaborati
grafici di progetto.
In corrispondenza dell’imbocco del camerone, è previsto l’utilizzo della sezione tipo “1” e
successivamente della sezione tipo “2”, entrambe da realizzarsi mediante scavo a piena sezione
impiegando interventi di preconsolidamento del fronte ed eventualmente al contorno oltre a sostegni
di adeguata rigidezza, da scegliere in funzione del gruppo geomeccanico attraversato. La differenza
tra le due sezioni tipo risiede nelle maggiori dimensioni della sezione tipo “2” e di conseguenza nelle
caratteristiche dei presostegni e dei rivestimenti da mettere in opera.
Per quanto riguarda le sezioni tipo “3” e tipo “4” si opererà tramite scavo parzializzato secondo le
fasi riassunte nei capitoli precedenti e secondo quanto riportato nel dettaglio negli elaborati grafici.
Le sezioni di scavo di cunicoli e calotta sono state differenziate in funzione del gruppo
geomeccanico incontrato. Lo scavo della calotta nella sezione tipo 3 e nella sezione tipo 4 avverrà
mediante consolidamenti al fronte mentre lo scavo dei cunicoli nelle due sezioni potrà avvenire sia
con consolidamenti al fronte in VTR sia in assenza di essi, a seconda delle caratteristiche
geomeccaniche dei materiali attraversati. Si predisporrà inoltre un intervento di consolidamento al
contorno eseguito dall’interno dei cunicoli e sostegni di adeguata rigidezza sia per i cunicoli laterali
che per lo scavo della zona centrale di calotta del camerone.
GENERAL CONTRACTOR ALTA SORVEGLIANZA

IG5103ECVROGN130X001A00 Foglio
60 di
128

9. INDIVIDUAZIONE DELLE SEZIONI DI CALCOLO E VERIFICA DELLE SEZIONI


TIPO DI SCAVO

9.1. Premessa
Nei seguenti paragrafi sono riportati i risultati delle analisi numeriche che hanno permesso di
investigare il regime tenso-deformativo nei rivestimenti strutturali previsti in progetto.
Questo è stato raggiunto tramite tre approcci differenti:

1. Stabilità del fronte


2. Linee caratteristiche
3. Analisi agli elementi finiti
Le analisi di stabilità del fronte hanno consentito di cogliere le caratteristiche deformative del fronte
in funzione della copertura e del materiale di scavo e quindi di predimensionare, qualora le analisi
ne avessero evidenziato la necessità, gli interventi di preconsolidamento del fronte.
Il Metodo delle Linee Caratteristiche ha permesso di cogliere approssimativamente l’entità delle
sollecitazioni e delle convergenze nel prerivestimento e nel rivestimento definitivo, rappresentando
una fase di predimensionamento degli interventi di sostegno e di guidare le scelte circa le sezioni di
galleria da sottoporre ad analisi più accurate.
L’analisi agli elementi finiti ha permesso invece di indagare più dettagliatamente per le condizioni
più rappresentative il regime tensionale e deformativo nelle strutture e nell’ammasso circostante,
nelle principali fasi esecutive fino alla completa realizzazione dell’opera, consentendo quindi di
valutare l’evoluzione del comportamento dell’opera nel breve, medio e lungo termine.
Nel seguito vengono indicati gli interventi previsti per la realizzazione dei cunicoli propedeutici allo
scavo del camerone ove presenti e degli interventi del camerone stesso per ogni sezione tipo di
avanzamento.

9.1.1. Camerone tipo C


PRERIVESTIMENTI
Variabilità centine passo Sfondi spritz beton
SEZIONE TIPO
[-] [-] [m] [m] [cm]
B2 Media HEB 240 1 1 30
Sezione 1
C2 Media HEB 240 1 1 30
B2 Media HEB 260 1 1 30
Sezione 2
C2 Media HEB 260 1 1 30
B0 Media HEB 200 1 2 30
cunicolo piedritto
Sezione 3 B2 Media HEB 200 1 1 30
calotta C Media 2 X HEA 300 1 1 30
B0 Media HEB 200 1 2 30
cunicolo piedritto
Sezione 4 B2 Media HEB 200 1 1 30
calotta C Media 2 X HEA 300 1 1 35
Si prevede l’utilizzo di puntoni HEB200 passo 1.0 m per i cunicoli
Tabella 6 – Fase di terapia: prerivestimenti camerone
GENERAL CONTRACTOR ALTA SORVEGLIANZA

IG5103ECVROGN130X001A00 Foglio
61 di
128

RIVESTIMENTI
Variabilità Classe cls Sp. AR Sp. CAL
SEZIONE TIPO
[-] Rck [cm] [cm]
B2 Media 30 Mpa 120 120
Sezione 1
C2 Media 30 Mpa 120 120
B2 Media 30 Mpa 120 120
Sezione 2
C2 Media 30 Mpa 120 120
B0 Media - - -
cunicolo piedritto
Sezione 3 B2 Media 30 Mpa - -
calotta C Media 30 Mpa - 140
B0 Media - - -
cunicolo piedritto
Sezione 4 B2 Media 30 Mpa - -
calotta C Media 30 Mpa - 200

Per indicazioni in merito alle fasi di getto e alle relative distanze si rimanda agli elaborati grafici relativi alle fasi
esecutive e al capitolo 6 dove tali fasi sono descritte e rappresentate.
Tabella 7 – Fase di terapia: rivestimento definitivo camerone

CONSOLIDAMENTI FRONTE
Variabilità TIPO N° L-interventi L-sovrapp
SEZIONE TIPO
[-] [-] [-] [m] [m]
B2 Media VTR - CEM 101 24 12
Sezione 1
C2 Media VTR - CEM 101 24 12
B2 Media VTR - CEM 130 24 12
Sezione 2
C2 Media VTR - CEM 130 24 12
B0 Media - - - -
cunicolo piedritto
Sezione 3 B2 Media VTR - CEM 50 15 6
calotta C Media VTR - CEM 70 18 9
B0 Media - - - -
cunicolo piedritto
Sezione 4 B2 Media VTR - CEM 50 18 6
calotta C Media VTR - CEM 125 24 12
Tabella 8 – Fase di terapia: consolidamenti al fronte camerone

CONSOLIDAMENTI AL CONTORNO
Variabilità TIPO N° L-interventi iniettato L-interventi cementato Passo long. Passo trasv.
SEZIONE TIPO
[-] [-] [-] [m] [m] [m] [m]
B2 Media - - - - - -
Sezione 1
C2 Media VTR - VLV 73 23,5 - - 0,4
B2 Media - - - - - -
Sezione 2
C2 Media VTR - VLV 91 23,5 - * 0,4
B0 Media - - - - - -
cunicolo piedritto
Sezione 3 B2 Media - - - - - -
calotta (da cunicolo) C Media VTR - VLV 13 8.20-10.5 0.45-9 1 0.9-1.5
B0 Media - - - - - -
cunicolo piedritto
Sezione 4 B2 Media - - - - - -
calotta (da cunicolo) C Media VTR - VLV 13 10-15 0.80-14 1 1.10-1.75

Tabella 9 – Fase di terapia: consolidamento al contorno camerone


GENERAL CONTRACTOR ALTA SORVEGLIANZA

IG5103ECVROGN130X001A00 Foglio
62 di
128
CONSOLIDAMENTI AL PIEDE CENTINA
Variabilità TIPO N° L-interventi L-sovrapp
SEZIONE TIPO
[-] [-] [-] [m] [m]
B2 Media - - - -
Sezione 1
C2 Media VTR - VLV 6+6 (eventuali) 24 12
B2 Media - - - -
Sezione 2
C2 Media VTR - VLV 6+6 (eventuali) 24 12
B0 Media - - - -
cunicolo piedritto
Sezione 3 B2 Media - - - -
calotta C Media - - - -
B0 Media - - - -
cunicolo piedritto
Sezione 4 B2 Media - - - -
calotta C Media - - - -

Tabella 10 – Fase di terapia: consolidamento al piede centina camerone

Si vuole notare gli interventi di consolidamento al fronte dei cunicoli (sezione tipo B2) verranno
realizzati solo per il 40% della tratta dove tali cunicoli sono previsti così come indicato sulle tavole di
progetto. Il restante 60% sarà realizzato in assenza di consolidamenti (sezione tipo B0).
Relativamente alle analisi con il metodo delle linee caratteristiche, gli interventi di consolidamento al
fronte sono stati tenuti in conto tramite un incremento di coesione atto a simulare la presenza dei
consolidamenti in VTR così come riportato al 4.1.2. Per quanto riguarda i consolidamenti al
contorno si suppone di modellare tale interventi tramite una coronella di terreno rinforzato con
ipotesi differenti in relazione alla formazione geologica attraversata.
Nel caso in esame l’unica formazione presente lungo lo sviluppo del camerone è costituita dalle
Argille a Palombini (aP) per la quale sono stati ricavati i parametri di Hoek e Brown della coronella
di terreno trattato in base alle seguenti ipotesi:
• modulo elastico pari a 2 volte il valore relativo al terreno non trattato
• sci = Pari al valore del terreno non trattato
• GSI = 50
• mi = Pari al valore medio del terreno non trattato
In questo modo si è ottenuta una resistenza a compressione semplice del terreno trattato pari a
0.31 MPa. È stato considerato uno spessore di 2.0 m della coronella.
Relativamente alle analisi di stabilità del fronte gli interventi di consolidamento al contorno sono stati
tenuti in conto con uno strato di terreno di 2.0 m di spessore dotato di una coesione di 500 kPa.
Tale parametro di resistenza deriva dall’ipotesi di comportamento alla Tresca del materiale e da una
resistenza massima a compressione di 1 MPa (resistenza minima richiesta a 48h).
GENERAL CONTRACTOR ALTA SORVEGLIANZA

IG5103ECVROGN130X001A00 Foglio
63 di
128

9.2. Verifiche di stabilità del fronte con metodi analitici

Compatibilmente con il profilo stratigrafico fornito si sono definite le sezioni più significative oggetto
delle analisi di stabilità del fronte di scavo. Relativamente alle sezioni di tipo 1 e di tipo 2 le analisi
sono state condotte con la copertura di 75 metri entrambe relative alla formazione delle Argille a
Palombini (aP) con una variazione dei parametri in funzione del grado di alterazione. Si sono
condotte per la sezione di tipo 3 e di tipo 4 le analisi di stabilità relativamente alla copertura di 93
metri, sempre con una variazione dei parametri in funzione del grado di alterazione. Le medesime
analisi sono state svolte per i cunicoli di piedritto per tutti i gruppi geomeccanici definiti.
Le tabelle di seguito riportate riassumono le sezioni e i ricoprimenti oggetto di analisi.

Tabella 11 – Sezioni e coperture di calcolo

Nel seguito sono riepilogate le analisi svolte e i risultati ottenuti per tutti e tre metodi considerati.
Le analisi di stabilità in fase di terapia sono state condotte in conformità con quanto
precedentemente presentato in termini di sezioni e parametri di calcolo nei paragrafi relativi alle
analisi di diagnosi .
GENERAL CONTRACTOR ALTA SORVEGLIANZA

IG5103ECVROGN130X001A00 Foglio
64 di
128

9.2.1. Verifica di stabilità del fronte


ANALISI STABILTA' DEL FRONTE - FASE DI TERAPIA - Tamez & Cornejo

Copertura Sfondo
Analisi Formazione Sezione tipo Deq (m) N° VTR taderenza (KPa) g (kN/m3) c’ (kPa) f (°) FSF
(m) (m)
AN7 Ap_GR2a tipo 1 B2 75,00 14,09 101 250 27,00 300 38,000 1 4,640
AN13 Ap_GR2b tipo 1 B2 75,00 14,09 101 220 27,00 300 26,000 1 4,203
AN19 Ap_GR3a tipo 1 C2 75,00 14,09 101 150 26,00 200 30,000 1 3,171
AN25 Ap_GR3b tipo 1 C2 75,00 14,09 101 150 26,00 160 28,000 1 2,813
AN8 Ap_GR2a tipo 2 B2 75,00 17,66 130 250 27,00 300 38,000 1 4,857
AN14 Ap_GR2b tipo 2 B2 75,00 17,66 130 220 27,00 300 26,000 1 4,258
AN20 Ap_GR3a tipo 2 C2 75,00 17,66 130 150 26,00 200 30,000 1 3,126
AN26 Ap_GR3b tipo 2 C2 75,00 17,66 130 150 26,00 160 28,000 1 2,537
AN10 Ap_GR2a tipo 3 calotta 93,00 15,05 70 250 27,00 300 38,000 1 3,773
AN16 Ap_GR2b tipo 3 calotta 93,00 15,05 70 220 27,00 300 26,000 1 3,485
AN22 Ap_GR3a tipo 3 Calotta 93,00 15,05 70 150 26,00 200 30,000 1 2,871
AN28 Ap_GR3b tipo 3 Calotta 93,00 15,05 70 150 26,00 160 28,000 1 2,562
AN9 Ap_GR2a tipo 3-4 cunicolo B0 93,00 11,62 0 0 27,00 300 38,000 2 2,517
AN15 Ap_GR2b tipo 3-4 cunicolo B2 93,00 11,62 50 220 27,00 300 26,000 1 3,026
AN21 Ap_GR3a tipo 3-4 cunicolo B2 93,00 11,62 50 150 26,00 200 30,000 1 2,513
AN27 Ap_GR3b tipo 3-4 cunicolo B2 93,00 11,62 50 150 26,00 160 28,000 1 2,280
AN12 Ap_GR2a tipo 4 calotta 93,00 18,19 125 250 27,00 300 38,000 1 3,864
AN18 Ap_GR2b tipo 4 calotta 93,00 18,19 125 220 27,00 300 26,000 1 3,515
AN24 Ap_GR3a tipo 4 Calotta 93,00 18,19 125 150 26,00 200 30,000 1 2,842
AN30 Ap_GR3b tipo 4 Calotta 93,00 18,19 125 150 26,00 160 28,000 1 2,528

Figura 22 – Riepilogo analisi di stabilità - Fase di terapia

SF (-)
ANALISI STABILITA' - TERAPIA - TAMEZ & CORNEJO
6

5 tipo 1 B2
tipo 1 C2
tipo 2 B2
4
tipo 2 C2
tipo 3-4 cunicolo B0
tipo 3-4 cunicolo B2
3
tipo 3 calotta
tipo 4 calotta

2 SF_minimo

0
0 50 100 150
Copertura (m)

Figura 23 – Risultati analisi di stabilità - Fase di terapia

Come si evince dal grafico sopra riportato, tutte le sezioni tipo previste grazie agli interventi previsti
in fase di terapia presentano un fattore di sicurezza maggiore di 2 consentendo inoltre un buon
margine di sicurezza rispetto al valore minimo da ottenere date le semplificazioni dovute alla
schematizzazione di calcolo e alle incertezze geologico/geotecniche. Si evidenzia come l’analisi di
stabilità presenti discreti margini di sicurezza all’interno delle formazioni geomeccaniche
caratterizzate da un minore grado di alterazione.
GENERAL CONTRACTOR ALTA SORVEGLIANZA

IG5103ECVROGN130X001A00 Foglio
65 di
128

9.3. Linee caratteristiche

I principali risultati in termini deformativi e tensionali ottenuti in fase di terapia sono riassunti nelle
seguenti tabelle. Si ricorda che si impiegheranno i parametri medi del range impiegando un criterio
di rottura di tipo Hoek -Brown. È necessario inoltre specificare che l’utilizzo del metodo “transfer-
matrix” (cfr. 4.1.3), che permette di tenere in conto la presenza del preconsolidamento al contorno,
riporta valori di convergenze e spostamenti al fronte e in galleria generalmente più bassi rispetto ai
risultati calcolati con le classiche soluzioni in forma chiusa di letteratura e anche rispetto ai valori
evidenziati da scavi in materiali simili. In ogni caso comunque questa differenza è percentualmente
contenuta e non influenza la classificazione del comportamento dell’ammasso. Le verifiche in fase
di terapia pertanto sono state condotte tutte con il metodo “transfer-matrix” per coerenza numerica,
nel tentativo di evidenziare l’effetto degli interventi, rimandando per una valutazione più realistica
degli effetti deformativi di fronte e scavo alle analisi numeriche. Le analisi sono state condotte per
tutte le sezioni precedentemente riepilogate; per le sezioni con fronte di scavo parzializzato (sezione
tipo 3 e sezione tipo 4), sono state condotte separatamente le analisi per i cunicoli di piedritto e per
la calotta. I cunicoli di piedritto per le sezioni tipo “3” e tipo “4” presentano la stessa sezione sia in
termini di geometria che di interventi previsti per cui si sono svolte le indagini alla massima
copertura di 93 metri relativamente alla formazione delle Argille a Palombini per i diversi gradi di
alterazione previsti. Come riportato negli elaborati grafici si prevede una distanza di getto per i
rivestimenti definitivi compresa tra i 30 metri e i 90 metri, funzione del diametro del fronte di scavo;
tale distanza è stata utilizzata per l’attivazione dei rivestimenti definitivi. Nelle analisi dei cunicoli di
piedritto non si è attivato tale rivestimento.
RISULTATI ANALISI LC - FASE DI TERAPIA Prerivestimenti Rivestimenti definitivi
Sezione U fronte Rpl fronte Rpl fronte Umessa opera σspritz σcent Convrad,prer σcls *
Sezione Formazione geologica Copertura Rm (m) U eq (cm) Rpl,eq (m)
tipologica (cm) (m) /Rm (cm) (MPa) (MPa) iv (cm) (MPa)
B2 AP - GR2a 75 7 0,53 7,00 1,00 0,71 2,01 16,01 0,49 1,21 8,56 0,64
TIPO 1 - scavo a B2 AP - GR2b 75 7 0,75 7,19 1,03 1,03 3,22 25,60 0,78 1,82 9,33 1,04
piena sezione C2 AP - GR3a 75 7 0,87 7,57 1,08 1,25 4,37 34,76 1,05 2,32 10,37 1,09
C2 AP - GR3b 75 7 1,14 7,84 1,12 1,62 5,16 41,06 1,24 2,89 10,85 1,53
B2 AP - GR2a 75 8,82 0,66 8,82 1,00 0,85 2,23 17,98 0,69 1,55 10,87 0,70
TIPO 2 - scavo a B2 AP - GR2b 75 8,82 0,96 9,21 1,04 1,25 3,57 28,73 1,10 2,37 11,90 1,17
piena sezione C2 AP - GR3a 75 8,82 1,15 9,74 1,10 1,56 4,75 38,20 1,46 3,04 13,28 1,23
C2 AP - GR3b 75 8,82 1,52 10,11 1,15 2,02 5,75 46,29 1,77 3,83 13,97 1,75
B0 AP - GR1 93 5,82 0,19 6,16 1,06 0,28 0,47 4,42 0,11 - - -
B0 AP - GR2a 93 5,82 0,71 6,68 1,15 1,05 1,51 14,25 0,36 - - -
TIPO 3-4 - scavo
B2 AP - GR2b 93 5,82 0,96 6,69 1,15 1,25 3,73 29,37 0,74 - - -
cunicoli
B2 AP - GR3a 93 5,82 1,27 7,20 1,24 1,58 4,29 33,75 0,85 - - -
B2 AP - GR3b 93 5,82 1,83 7,67 1,32 2,24 4,70 44,40 1,12 - - -
C AP - GR3a 93 7,54 1,56 9,17 1,22 1,36 4,49 43,07 1,41 2,80 10,82 1,87
TIPO 3 -scavo calotta
C AP - GR3b 93 7,54 2,22 9,72 1,29 1,93 5,16 49,43 1,61 3,58 11,43 2,23
TIPO 4 - scavo C AP - GR3a 93 9,1 1,65 10,55 1,16 1,43 5,13 49,61 1,95 3,41 12,13 1,58
calotta C AP - GR3b 93 9,1 2,26 11,06 1,22 1,93 5,70 54,73 2,46 4,12 13,54 2,05

Figura 24 – Riepilogo analisi di stabilità con metodo delle linee caratteristiche

Dove:

• Rm= raggio medio di scavo


• ν=coefficiente di Poisson
• Ufronte=spostamento al fronte
• Umessa in opera=spostamento alla messa in opera del prerivestimento
GENERAL CONTRACTOR ALTA SORVEGLIANZA

IG5103ECVROGN130X001A00 Foglio
66 di
128

• Ueq=spostamento all’equilibrio (rivestimenti definitivi)


• Rpl fronte=raggio plastico al fronte
• Req=raggio plastico all’equilibrio (rivestimenti definitivi)
• σspritz=tensione nello spritz beton
• σcent=tensione nelle centine metalliche
• σcls =tensione nei rivestimenti definitivi

Considerazioni conclusive sul comportamento dello scavo in fase di terapia


Le indagini svolte in fase di terapia, svolte coerentemente con quanto esposto nei capitoli
precedenti, mostrano spostamenti massimi alla messa in opera dei prerivestimenti appena superiori
ai 2 cm per le sezioni tipo analizzate in presenza della formazione alterata delle Argille a Palombini.
Si sottolinea che alle massime coperture e nei contesti di peggiori caratteristiche geotecniche andrà
sempre previsto un adeguato sistema di controllo e monitoraggio dei prerivestimenti al fine di
valutare i tassi di lavoro effettivi ed il mantenimento degli adeguati margini di sicurezza richiesti delle
caratteristiche di resistenza dei materiali impiegati.
In accordo con quanto previsto nelle linee guida e specificato nel profilo geomeccanico si sono
svolte le analisi per le sezioni 3 e 4 dei cunicoli prive di consolidamenti al fronte. Tali analisi hanno
presentato uno scenario ovviamente penalizzante rispetto a quello emerso considerando la
medesima sezione con consolidamento al fronte, anche se si ritengono comunque accettabili i
risultati scaturiti in termini di spostamenti e deformazioni.
I valori delle convergenze calcolati dovranno essere poi valutati ed amplificati con opportuni
coefficienti per tenere in conto dei reali fattori non schematizzabili numericamente al fine di definire
quelle soglie di convergenza necessarie al monitoraggio delle sezioni e all’applicazione delle
variabilità.

9.4. Modelli numerici di calcolo: Ipotesi di base

Nei seguenti paragrafi verranno descritti i modelli di calcolo impiegati per il dimensionamento dei
rivestimenti di prima fase e definitivi. In particolare si svolgeranno 3 differenti analisi numeriche
relative alle sezioni tipo “2” e “4” rispettivamente per simulare gli scavi nella zona in cui si procederà
a piena sezione e in quella in cui si effettuerà la parzializzazione del fronte. Per la sezione tipo 2
sono stati simulati gli interventi B2 e C2 mentre per la sezione tipo 4 è stato preso in esame solo
l’intervento B2 previsto per i cunicoli.
Al fine di definire le condizioni di carico sui rivestimenti (di prima fase e definitivi), è stato fatto
riscorso alla modellazione numerica bidimensionale, condotta impiegando il codice di calcolo FLAC
7.0. In particolare, le modellazioni numeriche effettuate hanno permesso di simulare in maniera
approfondita la complessità dell’interazione terreno-struttura. La simulazione dello scavo nelle sue
GENERAL CONTRACTOR ALTA SORVEGLIANZA

IG5103ECVROGN130X001A00 Foglio
67 di
128

fasi, cercando di rappresentare in maniera più fedele possibile la progressione, permette la


definizione del comportamento dell’ammasso e dei carichi sui prerivestimenti in funzione della
distanza di applicazione dal fronte.
Il rivestimento definitivo viene posto in opera alla distanza di progetto, gravandosi del carico residuo
di sua competenza e del carico che risultava gravante sul sostegno di prima fase, considerato
cautelativamente non più resistente nel lungo termine. Nelle analisi si è inserito inoltre uno strato di
terreno consolidato per simulare la coronella per le sezioni 2 (intervento C2) e 4 (consolidamento da
cunicoli). Tale materiale è stato poi disattivalo nella fase di lungo termine.

FORMAZIONE GEOLOGICA
ANALISI SEZIONE TIPO Copertura
PREVALENTE [m]
1 2 – B2 Argille a Palombini (aP) – GR2b 75
2 2 – C2 Argille a Palombini (aP) – GR3a 75
3 4 Argille a Palombini (aP) – GR3a 100
Tabella 12 – Descrizioni dei modelli numerici impiegati

9.4.1. Modellazione degli elementi geotecnici e strutturali

Parametri Geotecnici

Il criterio di rottura adottato nelle analisi, come riportato in precedenza, è quello di Mohr-Coulomb.
In condizioni di strain-softening, i parametri di resistenza (coesione e angolo d’attrito interno)
vengono gradualmente ridotti in funzione della deformazioni plastica sviluppata, secondo una legge
di tipo lineare e adottando i parametri di picco e residui individuati nei capitoli successivi.
Il decadimento dei parametri geomeccanici è conseguenza diretta dello sviluppo di deformazioni
plastiche e della progressiva evoluzione della zona plasticizzata al contorno dello scavo, a fronte del
progredire delle deformazioni.
Le legge di decadimento dei parametri geotecnici può quindi essere rappresentata come in figura,
in funzione della deformazione plastica sviluppata dall’ammasso. Al fine di comprendere meglio il
fenomeno, ci si è posti l’obiettivo di definire la deformazione plastica massima, cui corrispondono i
parametri residui indicati in tabella pari a εpl = 3.00%. Il decadimento lineare dei parametri del valore
di picco avviene a partire da una deformazione pari a ε = 1.00%.
GENERAL CONTRACTOR ALTA SORVEGLIANZA

IG5103ECVROGN130X001A00 Foglio
68 di
128

Figura 25 – Legge di decadimento dei parametri geotecnici

Nella seguente tabella vengono mostrati i parametri geotecnici di calcolo in cui vengono riportati
anche i parametri residui di resistenza ed i valori del terreno consolidato al contorno del cavo
previsto per la coronella simulata nelle elaborazioni numeriche in termini di incremento delle
caratteristiche di resistenza e di deformabilità nella fascia di terreno trattato.

Unità Litologia g c'p -c'r Fp - Fr n E

[-] [-] [KN/m3] [Kpa] [°] [-] [Mpa]

aP-GR2b Argille a Palombini 27 250-200 33-26 0.3 1250

aP-GR3a Argille a Palombini 22 200-170 30-24 0.3 1100

Tabella 13 – Parametri geotecnici di calcolo

Nella prima fase dell’analisi numerica viene ricostruita in termini di sforzi e di deformazioni la
situazione iniziale preesistente allo scavo della galleria. Il carico applicato in direzione verticale
corrisponde al carico geostatico alle varie quote del modello. Il carico applicato in direzione
orizzontale è stato determinato in funzione del carico verticale, attraverso il coefficiente di spinta a
riposo (K0) per le analisi in esame pari a 1.

Consolidamento al contorno

Gli interventi valvolati di consolidamento al contorno del cavo sono simulati nelle elaborazioni
numeriche in termini di incremento delle caratteristiche di resistenza e di deformabilità nella fascia di
terreno trattato. Tali valori si sono ottenuti secondo le medesime osservazioni esposte in
precedenza per l’analisi della fase di terapia delle linee caratteristiche.
Per quanto riguarda i parametri di Hoek e Brown della coronella risultano essere pari a quelli del
terreno non trattato ad eccezione del GSI e del modulo elastico che subiscono un incremento:
• modulo elastico adottao nella modellazione (E) pari a 2 volte quello del terreno non trattato
(E0p)
• sci pari a quello del terreno non trattato
GENERAL CONTRACTOR ALTA SORVEGLIANZA

IG5103ECVROGN130X001A00 Foglio
69 di
128

• GSI = 50
• mi pari a quello del terreno non trattato
Linearizzando i parametri di Hoek-Brown sono stati ottenuti i parametri di Mohr-Coulomb della
coronella alle profondità di interesse: rispettivamente 75 m per la sezione 2 (intervento C2) e 100 m
per la sezione 4 (interventi da cunicoli).

Condizioni idrogeologiche

Il carico idrostatico si considera non agente sulle opere in esame durante lo scavo in virtù del
sistema di drenaggio previste e all’azione drenante dovute allo scavo stesso: in conformità a quanto
indicato nell’inquadramento idrogeologico le portate emunte rimangono piuttosto contenute in tutta
la tratta in oggetto, date le basse permeabilità dei contesti attraversati.

Modellazione degli elementi strutturali

Il calcestruzzo utilizzato per i rivestimenti definitivi della galleria naturale è stato modellato come un
materiale elastico lineare. Questo modello rappresenta la legge di Hooke dell’elasticità isotropa
lineare e richiede due parametri di rigidezza elastici, che sono il modulo di Young E, ed il
coefficiente di Poisson ν, pari a E=31220 MPa e n=0.2.
Per quanto riguarda i rivestimenti di prima fase si è provveduto ad omogenizzare le centine e lo
spritz – beton. Laddove queste sono state modellate come elementi “beam”, si è ottenuto un
modulo elastico ed uno spessore equivalente tramite la seguente formulazione:

Dove:
E Modulo elastico dello spritz beton impiegato
Ecen Modulo elastico delle centine metalliche
Icen Modulo di inerzia delle centine metalliche
Acen Area delle centine metalliche
s Spessore di spritz beton impiegato
d Passo delle centine metalliche
Dove invece si sono impiegati modelli quadrangolari aventi spessore totale pari a quello dello spritz
beton per simulare i rivestimenti di prima fase, si è provveduto ad omogenizzare le centine e lo
GENERAL CONTRACTOR ALTA SORVEGLIANZA

IG5103ECVROGN130X001A00 Foglio
70 di
128

spritz – beton ottenendo un modulo elastico equivalente tramite la seguente formulazione, in


funzione del numero e del passo di centine al metro:

Ecen ⋅ I cen + E sb ⋅ I sb
Eom =
I sb
Dove:
Esb Modulo elastico dello spritz beton impiegato
Ecen Modulo elastico delle centine metalliche
Icen Modulo di inerzia delle centine metalliche
Per simulare le fasi di maturazione dello spritz-beton si è utilizzata la seguente formulazione che
mostra la variazione del modulo elastico in funzione del tempo trascorso dalla messa in opera.

Dove con E28 si indica il modulo elastico dello spritz-beton dopo 28 giorni di maturazione e con t il
tempo trascorso in giorni. Di seguito si riporta la curva di maturazione ottenuta attraverso tale
formulazione:
Et - 1
25,000

20,000
Modulo elastico (Gpa)

15,000

Et - 1
10,000

5,000

0,000
0 5 10 15 20 25 30
Giorni di maturazione (gg)

In particolare si sono utilizzati nei modelli di calcolo 3 differenti moduli elastici per lo spritz beton
relativi a 0.5, 3 e 28 giorni, i cui valori sono nel seguito riportati. Come si nota dal grafico già a
partire da 10 giorni di maturazione il modulo elastico risulta pressoché pari al valore finale, per cui
risulta verosimile non variare le caratteristiche del supporto a partire da tale istante temporale.
GENERAL CONTRACTOR ALTA SORVEGLIANZA

IG5103ECVROGN130X001A00 Foglio
71 di
128

Spritz beton fcm = 25 MPa a 28gg


Maturazione E,t Fcm
[gg] [Gpa] [MPa]
0.5 3.79 4 (*)
3 14.33 14
28 20.00 25

(*)Valori medi stimati in assenza di prove dirette


Si rimanda alle singole sezioni di calcolo per la descrizione dei parametri adottati.

9.4.2. Taratura modelli di calcolo

Per simulare il progressivo allontanamento del fronte di scavo dalla sezione di verifica e la
contemporanea posa in opera dei sostegni con un’analisi bidimensionale, è necessario introdurre
numericamente l’”effetto fronte”, rilassando progressivamente le forze di scavo.
L'introduzione del concetto di "effetto fronte" nel calcolo richiede la definizione di una legge di
rilassamento del nucleo in grado di simulare il progressivo incremento della deformazione della
cavità, con conseguente diminuzione della pressione esercitata sui rivestimenti. Tale concetto
risulta adeguatamente espresso in termini analitici dalla curva 1-l = sr/s0 di Panet, che rappresenta
in termini di sforzi radiali il passaggio dal comportamento tridimensionale a quello piano. Nelle
analisi presentate nel seguito, in considerazione delle ridotte coperture presenti in sito si è
considerata l'adozione della sola curva l.
I valori adottati nelle varie time di calcolo per ogni sezione tipo analizzata sono riportati nelle
descrizione dei singoli modelli a cui si rimanda.

9.5. Modello 1: Sezione tipo 2 – B2

L’analisi della sezione tipo 2 – intervento B2 – è stata condotta in condizioni di copertura massima
pari a 75m circa all’interno delle Argille a Palombini. Con tali analisi, considerate le dimensioni del
cavo che in questa sezione risultano le massime previste nel camerone, vengono inviluppate e
pertanto considerate verificate anche le sezioni tipo “1” e le sezioni di passaggio “T1” e “T2”, che
presentano geometrie di scavo inferiori. Nella seguente tabella viene indicata la stratigrafia adottata
nel calcolo:

Formazione Spessori
aP-GR2b da P.C. a fondo modello
Tabella 14 – Stratigrafia di calcolo

Il criterio di rottura adottato nelle analisi è quello di Mohr-Coulomb.


GENERAL CONTRACTOR ALTA SORVEGLIANZA

IG5103ECVROGN130X001A00 Foglio
72 di
128

La modellazione del rivestimento provvisorio costituito da spritz-beton e centine in calotta è stato


modellato attraverso una successione di aste rettilinee, elementi tipo “beam”, collegate con
continuità tra loro ed ai nodi della mesh. In questo modo si sono determinate le sollecitazioni agenti
sul rivestimento stesso in termini di azioni interne.
I rivestimenti definitivi del camerone sono invece stati modellati in base alla loro reale geometria
tramite elementi quadrangolari di mesh. L’utilizzo di elementi quadrangolari per la simulazione dei
rivestimenti non restituisce direttamente le azioni interne M, N, T, le quali devono essere ricavate a
partire dalle tensioni σxx, σyy e σxy secondo il metodo di trasformazione delle tensioni tramite
cerchio di Mohr.
Risulta così possibile definire completamente lo stato tensionale in ogni nodo della griglia che
simula i rivestimenti, per mezzo delle sue componenti normali e tangenziali, qualunque sia
l’inclinazione della superficie che contiene il nodo stesso.
Per uno stato piano di tensione, si dimostra che la conoscenza delle tensioni agenti su due piani
mutuamente perpendicolari è sufficiente per conoscere lo stato tensionale su qualunque superficie
passante per il punto considerato.
Tramite le equazioni di trasformazione per uno strato piano di tensione è possibile ricavare le
tensioni σ e τ necessarie per il calcolo delle azioni interne.

Ricavati i valori di σn e τ per ogni sezione, tramite l’integrazione delle stesse è possibile ottenere
l’azione interna N ed l’azione di taglio T e di conseguenza il momento M. La modellazione dei
rivestimenti così condotta ha permesso di verificare le singole sezioni di calcolo secondo la reale
geometria definite nelle relative tavole di carpenteria.
L’analisi è stata condotta utilizzando un modello di tipo Plane strain costituito da elementi
quadrangolari. Nel seguito si riporta quindi la mesh di calcolo utilizzata per la galleria naturale,
costituita da n° 24480zone.
GENERAL CONTRACTOR ALTA SORVEGLIANZA

IG5103ECVROGN130X001A00 Foglio
73 di
128

Figura 26 – Mesh di calcolo

Per un migliore inquadramento dell’analisi effettuata, nelle seguenti immagini si riportano i dettagli
della mesh di calcolo nell’intorno della galleria.

Figura 27 – Particolare del modello di calcolo

Le dimensioni della mesh alle differenze finite sono fissate in maniera tale da evitare che il
problema in esame risulti influenzato dalle condizioni di vincolo al contorno. Per quanto concerne le
condizioni di vincolo applicate, esse sono definite come “automatic boundary conditions” all’interno
del programma FLAC ovvero un doppio vincolo allo spostamento al contorno inferiore e un vincolo
allo spostamento orizzontale alle posizioni laterali. La formulazione del vincolo laterale permette
dunque lo sviluppo di tensioni normali di compressione ma non di tensioni di taglio agenti in
direzione verticale. Tali tensioni sono invece generate al contorno inferiore.
GENERAL CONTRACTOR ALTA SORVEGLIANZA

IG5103ECVROGN130X001A00 Foglio
74 di
128

Nella prima fase dell’analisi numerica viene ricostruita in termini di sforzi e di deformazioni la
situazione iniziale preesistente allo scavo della galleria. Il carico applicato in direzione verticale
corrisponde al carico geostatico alle varie quote del modello. Il carico applicato in direzione
orizzontale è stato determinato in funzione del carico verticale, attraverso il coefficiente di spinta a
riposo (K0) definito nei capitoli precedenti.
L’analisi si basa su una successione di fasi di calcolo, che permettono di descrivere i differenti
interventi costruttivi e di schematizzare le differenti condizioni di carico.

9.5.1. Rivestimenti di prima fase e fasi di calcolo

Si riportano le caratteristiche principali delle sezioni omogenizzate composte da centine e spritz –


beton nel calcolo.
Centina HE 260 B
n° 1,0
Passo [m] 1,0
E [Gpa] 210,0

Spritz - Beton
E28gg [Gpa] 20
Spessore [m] 0,3

Maturazione Eom som EA EI


[gg] [Gpa] [m] [KN] [KN*m2]
0,5 9,857 0,3630 3578041 39290
3 19,815 0,3338 6614845 61430
28 25,256 0,3266 8249555 73348
28 25,256 0,3266 8249555 73348

Di seguito si riportano le fasi di calcolo secondo le fasi operative previste ed i valori di rilassamento
utilizzati.

LAVORO COCIV - TRATTA AV/AC TERZO VALICO DEI GIOVI


Sezione B2 75m Formazione Ap-GR2b
RIFERIMENTO PRIMA CANNA
INZIO STAGE FINE STAGE
MATURAZIONE
TIME DESCRIZIONE xfronte [m] R(FEM) xfronte [m] R(FEM)
SPRITZ BETON
Geostatico Geostatico -∞ 0,0% -∞ 0,0% -
Time 1 Fronte di scavo canna 0 0,0% 0 60,0% -
Time 2 Avanzamento mezzo sfondo 0 60,0% 0,5 65,0% -
Time 3 Installazione prerivestimento e avanzamento 0,5 65,0% 1,5 70,0% 0.5 gg
Time 4 Maturazione sb e avanzamento 1,5 70,0% 6 85,0% 3gg
Time 5 Maturazione sb e avanzamento 6 85,0% ≈ 3 diametri 97,0% 28gg
Time 6 Getto arco rovescio prima canna ≈ 3 diametri 97,0% ≈ 5 diametri 99,0% 28gg
Time 7 Completamento prima canna ≈ 5 diametri 99,0% ≈ 6 diametri 100,0% 28gg
Time 8 Lungo termine ≈ 6 diametri 100,0% +∞ 100,0% -
GENERAL CONTRACTOR ALTA SORVEGLIANZA

IG5103ECVROGN130X001A00 Foglio
75 di
128

Curva di Panet Ns = 1

1,0

0,9

0,8

0,7

0,6
Relax %

0,5

0,4

0,3

0,2 RPanet

RDEM
0,1

0,0
0,00

0,50

1,00

1,50

2,00

2,50

3,00

3,50

4,00
X/R

9.6. Modello 2: Sezione tipo 2 – C2

L’analisi della sezione tipo 2 – intervento C2 – è stata condotta in condizioni di copertura massima
pari a 75m circa all’interno delle Argille a Palombini. Con tali analisi, considerate le dimensioni del
cavo che in questa sezione risultano le massime previste nel camerone, vengono inviluppate e
pertanto considerate verificate anche le sezioni tipo “1” e le sezioni di passaggio “T1” e “T2”, che
presentano geometrie di scavo inferiori. Nella seguente tabella viene indicata la stratigrafia adottata
nel calcolo:

Formazione Spessori
aP-GR3a da P.C. a fondo modello
Tabella 15 – Stratigrafia di calcolo

Il criterio di rottura adottato nelle analisi è quello di Mohr-Coulomb.


La modellazione del rivestimento provvisorio costituito da spritz-beton e centine in calotta è stato
modellato attraverso una successione di aste rettilinee, elementi tipo “beam”, collegate con
continuità tra loro ed ai nodi della mesh. In questo modo si sono determinate le sollecitazioni agenti
sul rivestimento stesso in termini di azioni interne.
GENERAL CONTRACTOR ALTA SORVEGLIANZA

IG5103ECVROGN130X001A00 Foglio
76 di
128

I rivestimenti definitivi del camerone sono invece stati modellati in base alla loro reale geometria
tramite elementi quadrangolari di mesh. L’utilizzo di elementi quadrangolari per la simulazione dei
rivestimenti non restituisce direttamente le azioni interne M, N, T, le quali devono essere ricavate a
partire dalle tensioni σxx, σyy e σxy secondo il metodo di trasformazione delle tensioni tramite
cerchio di Mohr.
Risulta così possibile definire completamente lo stato tensionale in ogni nodo della griglia che
simula i rivestimenti, per mezzo delle sue componenti normali e tangenziali, qualunque sia
l’inclinazione della superficie che contiene il nodo stesso.
Per uno stato piano di tensione, si dimostra che la conoscenza delle tensioni agenti su due piani
mutuamente perpendicolari è sufficiente per conoscere lo stato tensionale su qualunque superficie
passante per il punto considerato.
Tramite le equazioni di trasformazione per uno strato piano di tensione è possibile ricavare le
tensioni σ e τ necessarie per il calcolo delle azioni interne.

Ricavati i valori di σn e τ per ogni sezione, tramite l’integrazione delle stesse è possibile ottenere
l’azione interna N ed l’azione di taglio T e di conseguenza il momento M. La modellazione dei
rivestimenti così condotta ha permesso di verificare le singole sezioni di calcolo secondo la reale
geometria definite nelle relative tavole di carpenteria.
L’analisi è stata condotta utilizzando un modello di tipo Plane strain costituito da elementi
quadrangolari. Nel seguito si riporta quindi la mesh di calcolo utilizzata per la galleria naturale,
costituita da n° 24480 zone.
GENERAL CONTRACTOR ALTA SORVEGLIANZA

IG5103ECVROGN130X001A00 Foglio
77 di
128

Figura 28 – Mesh di calcolo

Per un migliore inquadramento dell’analisi effettuata, nelle seguenti immagini si riportano i dettagli
della mesh di calcolo nell’intorno della galleria.

Figura 29 – Particolare del modello di calcolo

Le dimensioni della mesh alle differenze finite sono fissate in maniera tale da evitare che il
problema in esame risulti influenzato dalle condizioni di vincolo al contorno. Per quanto concerne le
condizioni di vincolo applicate, esse sono definite come “automatic boundary conditions” all’interno
del programma FLAC ovvero un doppio vincolo allo spostamento al contorno inferiore e un vincolo
allo spostamento orizzontale alle posizioni laterali. La formulazione del vincolo laterale permette
dunque lo sviluppo di tensioni normali di compressione ma non di tensioni di taglio agenti in
direzione verticale. Tali tensioni sono invece generate al contorno inferiore.
GENERAL CONTRACTOR ALTA SORVEGLIANZA

IG5103ECVROGN130X001A00 Foglio
78 di
128

Nella prima fase dell’analisi numerica viene ricostruita in termini di sforzi e di deformazioni la
situazione iniziale preesistente allo scavo della galleria. Il carico applicato in direzione verticale
corrisponde al carico geostatico alle varie quote del modello. Il carico applicato in direzione
orizzontale è stato determinato in funzione del carico verticale, attraverso il coefficiente di spinta a
riposo (K0) definito nei capitoli precedenti.
L’analisi si basa su una successione di fasi di calcolo, che permettono di descrivere i differenti
interventi costruttivi e di schematizzare le differenti condizioni di carico.

9.6.1. Rivestimenti di prima fase e fasi di calcolo

Si riportano le caratteristiche principali delle sezioni omogenizzate composte da centine e spritz –


beton nel calcolo.
Centina HE 260 B
n° 1,0
Passo [m] 1,0
E [Gpa] 210,0

Spritz - Beton
E28gg [Gpa] 20
Spessore [m] 0,3

Maturazione Eom som EA EI


[gg] [Gpa] [m] [KN] [KN*m2]
0,5 9,857 0,3630 3578041 39290
3 19,815 0,3338 6614845 61430
28 25,256 0,3266 8249555 73348
28 25,256 0,3266 8249555 73348

Di seguito si riportano le fasi di calcolo secondo le fasi operative previste ed i valori di rilassamento
utilizzati.

LAVORO COCIV - TRATTA AV/AC TERZO VALICO DEI GIOVI


Sezione C2 75m Formazione aP-GR3a
RIFERIMENTO PRIMA CANNA
INZIO STAGE FINE STAGE
MATURAZIONE
TIME DESCRIZIONE xfronte [m] R(FEM) xfronte [m] R(FEM)
SPRITZ BETON
Geostatico Geostatico -∞ 0,0% -∞ 0,0% -
Time 1 Fronte di scavo canna 0 0,0% 0 80,0% -
Time 2 Avanzamento mezzo sfondo 0 80,0% 0,5 82,5% -
Time 3 Installazione prerivestimento e avanzamento 0,5 82,5% 1,5 85,0% 0.5 gg
Time 4 Maturazione sb e avanzamento 1,5 85,0% 6 92,0% 3gg
Time 5 Maturazione sb e avanzamento 6 92,0% ≈ 3 diametri 97,0% 28gg
Time 6 Getto arco rovescio prima canna ≈ 3 diametri 97,0% ≈ 5 diametri 99,0% 28gg
Time 7 Completamento prima canna ≈ 5 diametri 99,0% ≈ 6 diametri 100,0% 28gg
Time 8 Lungo termine ≈ 6 diametri 100,0% +∞ 100,0% -
GENERAL CONTRACTOR ALTA SORVEGLIANZA

IG5103ECVROGN130X001A00 Foglio
79 di
128

Curva di Panet Ns = 1

1,0

0,9

0,8

0,7

0,6
Relax %

0,5

0,4

0,3

0,2 RPanet

RDEM
0,1

0,0
0,00

0,50

1,00

1,50

2,00

2,50

3,00

3,50

4,00
X/R

9.7. Modello 3: Sezione tipo 4

L’analisi della sezione tipo 4 è stata condotta in condizioni di copertura massima pari a 100m circa
all’interno delle Argille a Palombini. Con tali analisi, considerate le dimensioni del cavo che in questa
sezione risultano le massime previste nel camerone, vengono inviluppate e pertanto considerate
verificate anche le sezioni tipo “3” e le sezioni di passaggio “T3” e “T4”, che presentano geometrie
di scavo inferiori. Nella seguente tabella viene indicata la stratigrafia adottata nel calcolo:

Formazione Spessori
aP_GR3a da P.C. a fondo modello
Tabella 16 – Stratigrafia di calcolo

Lo scavo del camerone richiede fasi e modalità costruttive del tutto particolari, che non hanno alcun
riscontro con quelle comunemente adottate per la galleria di linea, che sono state tenute in
considerazione nella modellazione tramite la simulazione delle fasi realizzative secondo quanto
previsto a progetto. Avendo considerato la presenza di un materiale appartenente al Gruppo
geomeccanico 3 le fasi di scavo prevedono lo scavo del secondo cunicolo previo ritombamento del
primo.
Il criterio di rottura adottato nelle analisi è quello di Mohr-Coulomb. La modellazione del rivestimento
provvisorio dei cunicoli di piedritto costituito da spritz-beton e centine in calotta e da centine con
funzione di puntone in arco rovescio è stato modellato attraverso una successione di aste rettilinee,
GENERAL CONTRACTOR ALTA SORVEGLIANZA

IG5103ECVROGN130X001A00 Foglio
80 di
128

elementi tipo “beam”, collegate con continuità tra loro ed ai nodi della mesh. In questo modo si sono
determinate le sollecitazioni agenti sul rivestimento stesso in termini di azioni interne.
I rivestimenti di prima fase e i rivestimenti definitivi del camerone sono invece stati modellati in base
alla loro reale geometria tramite elementi quadrangolari di mesh. L’utilizzo di elementi quadrangolari
per la simulazione dei rivestimenti non restituisce direttamente le azioni interne M, N, T, le quali
devono essere ricavate a partire dalle tensioni σxx, σyy e σxy secondo il metodo di trasformazione
delle tensioni tramite cerchio di Mohr.
Risulta così possibile definire completamente lo stato tensionale in ogni nodo della griglia che
simula i rivestimenti, per mezzo delle sue componenti normali e tangenziali, qualunque sia
l’inclinazione della superficie che contiene il nodo stesso.
Per uno stato piano di tensione, si dimostra che la conoscenza delle tensioni agenti su due piani
mutuamente perpendicolari è sufficiente per conoscere lo stato tensionale su qualunque superficie
passante per il punto considerato.
Tramite le equazioni di trasformazione per uno strato piano di tensione è possibile ricavare le
tensioni σ e τ necessarie per il calcolo delle azioni interne.

Ricavati i valori di σn e τ per ogni sezione, tramite l’integrazione delle stesse è possibile ottenere
l’azione interna N ed l’azione di taglio T e di conseguenza il momento M. La modellazione dei
rivestimenti così condotta ha permesso di verificare le singole sezioni di calcolo secondo la reale
geometria definite nelle relative tavole di carpenteria.
L’analisi è stata condotta utilizzando un modello di tipo Plane strain costituito da elementi
quadrangolari. Nel seguito si riporta quindi la mesh di calcolo utilizzata per la galleria naturale,
costituita da n° 37700 zone.
GENERAL CONTRACTOR ALTA SORVEGLIANZA

IG5103ECVROGN130X001A00 Foglio
81 di
128

Figura 30 – Mesh di calcolo

Per un migliore inquadramento dell’analisi effettuata, nelle seguenti immagini si riportano i dettagli
della mesh di calcolo nell’intorno della galleria nella fase di cunicoli di piedritto scavati e nella
condizione di scavo del camerone ultimato con rivestimenti definitivi gettati in opera.
GENERAL CONTRACTOR ALTA SORVEGLIANZA

IG5103ECVROGN130X001A00 Foglio
82 di
128

Figura 31 – Particolare del modello di calcolo – Cunicoli di piedritto

Figura 32 – Particolare del modello di calcolo – Scavo camerone ultimato


GENERAL CONTRACTOR ALTA SORVEGLIANZA

IG5103ECVROGN130X001A00 Foglio
83 di
128

TERRENO
CONSOLIDATO

PIEDRITTO

SPRITZ BETON
ARCO
ROVESCIO

Figura 33 – Particolare dei rivestimenti nella zona di attacco

Particolare attenzione va data alla modellazione della sezione di contatto tra piedritto e calotta e tra
muretta e arco rovescio. Come mostrato nella seguente immagine, la ripresa di getto è a “coda di
rondine” e pertanto ha richiesto una modellazione tramite interfaccia.
GENERAL CONTRACTOR ALTA SORVEGLIANZA

IG5103ECVROGN130X001A00 Foglio
84 di
128

Figura 34 – Particolare piedritto

In FLAC l’interfaccia è rappresentata da una rigidezza normale e a taglio tra due piani che possono
essere posti a contatto l’uno con l’altro. Nella seguente figura è descritto il funzionamento
dell’elemento interfaccia.

Figura 35 – Interfaccia rappresentata da lato A e lato B connessi da molle con rigidezza normale kN e a taglio kS

In FLAC l’interfaccia è stata simulata come “unglued” ed agendo sui parametri di input così da
impedire lo scorrimento ma permettendo alla stessa di separarsi nel caso la sezione sia soggetta a
trazioni. Nella seguente tabella vengono riportati i parametri utilizzati nelle analisi per una corretta
simulazione della zona di attacco; si osserva che i parametri di angolo d’attrito e coesione sono da
ritenersi fittizi e non rientrano pertanto nei valori tipici di un’interfaccia piana tra due elementi in
calcestruzzo. Tali valori sono stati valutati al solo scopo di impedire qualsiasi scorrimento
all’interfaccia, così da massimizzare le azioni lungo tale superficie e poter verificare con le suddette
azioni il giunto a “coda di rondine” previsto a progetto.
I dati di input sono i seguenti:
GENERAL CONTRACTOR ALTA SORVEGLIANZA

IG5103ECVROGN130X001A00 Foglio
85 di
128

Rigidezza normale kn 1011 Pa/m

Rigidezza flessionale ks 108 Pa/m

Coesione c 4 MPa

Angolo d’attrito (*) 40

Angolo di dilatanza (*) 0°

Adesione 0 MPa

Tabella 17 – Parametri dell’interfaccia

In generale, le dimensioni della mesh alle differenze finite sono fissate in maniera tale da evitare
che il problema in esame risulti influenzato dalle condizioni di vincolo al contorno. Per quanto
concerne le condizioni di vincolo applicate, esse sono definite come “automatic boundary condition”
all’interno del programma FLAC ovvero un doppio vincolo allo spostamento al contorno inferiore e
un vincolo allo spostamento orizzontale alle posizioni laterali. La formulazione del vincolo laterale
permette dunque lo sviluppo di tensioni normali di compressione ma non di tensioni di taglio agenti
in direzione verticale. Tali tensioni sono invece generate al contorno inferiore.
Nella prima fase dell’analisi numerica viene ricostruita in termini di sforzi e di deformazioni la
situazione iniziale preesistente allo scavo della galleria. Il carico applicato in direzione verticale
corrisponde al carico geostatico alle varie quote del modello. Il carico applicato in direzione
orizzontale è stato determinato in funzione del carico verticale, attraverso il coefficiente di spinta a
riposo (K0) definito nei capitoli precedenti.
L’analisi si basa su una successione di fasi di calcolo, che permettono di descrivere i differenti
interventi costruttivi e di schematizzare le differenti condizioni di carico.

9.7.1. Rivestimenti di prima fase e fasi di calcolo

Si riportano le caratteristiche principali delle sezioni omogenizzate composte da centine e spritz –


beton nel calcolo relativamente ai cunicoli di piedritto.
GENERAL CONTRACTOR ALTA SORVEGLIANZA

IG5103ECVROGN130X001A00 Foglio
86 di
128
Centi na HE 200 B
n° 1,0
Pa s s o [m] 1,0
E [Gpa] 210,0

Spri tz - Beton
E28gg [Gpa ] 20
Spes s ore [m] 0,3

Ma tura zi one Eom s om EA EI


2
[gg] [Gpa ] [m] [KN] [KN*m ]
0,5 9,230 0,2976 2746595 20270
3 19,490 0,2989 5825891 43381
28 25,013 0,2992 7483474 55822

Tabella 18 – Caratteristiche rivestimento provvisorio dei cunicoli di piedritto

Le caratteristiche relative al rivestimento di prima fase della calotta del camerone sono riassunte
nella seguente tabella e viene considerata solo la maturazione a 28 gg.
Centina HEA 300
n° 2.0
Passo [m] 1.0
E [Gpa] 210.0

Spritz - Beton
E28gg [Gpa] 20
Spessore [m] 0.35
Tabella 19 – Caratteristiche prerivestimento di calotta

Di seguito si riportano le fasi di calcolo secondo le fasi operative previste ed i valori di rilassamento
impiegati.
GENERAL CONTRACTOR ALTA SORVEGLIANZA

IG5103ECVROGN130X001A00 Foglio
87 di
128
LAVORO COCIV - TRATTA AV/AC TERZO VALICO DEI GIOVI
Sezione SEZIONE 4
RIFERIMENTO PRIMO CUNICOLO RIFERIMENTO SECONDO CUNICOLO
INZIO STAGE FINE STAGE INZIO STAGE FINE STAGE
MATURAZIONE MATURAZIONE
TIME DESCRIZIONE xfronte [m] R(FEM) xfronte [m] R(FEM) xfronte [m] R(FEM) xfronte [m] R(FEM)
SPRITZ BETON SPRITZ BETON
Geostatico Geostatico -∞ 0,0% -∞ 0,0% - -∞ 0,0% -∞ 0,0% -
Time 1 Fronte di scavo primo cunicolo -∞ 0,0% 0 70,0% - -∞ 0,0% -∞ 0,0% -
Time 2 Avanzamento sfondo 0 70,0% 1 80,0% - -∞ 0,0% -∞ 0,0% -
Time 3 Installazione prerivestimento/puntone 1 80,0% 2 85,0% 0,5gg -∞ 0,0% -∞ 0,0% -
Time 4 Maturazione sb e avanzamento 2 85,0% 5 92,0% 3gg
Time 5 Maturazione sb e avanzamento 5 85,0% ≈30m 100,0% 28gg -∞ 0,0% -∞ 0,0% -
Esecuzione consolidamento, getto piedritti e ≈30m ≈30m
Time 6 100,0% 100,0% 28gg -∞ 0,0% -∞ 0,0%
riempimento primo cunicolo
Time 7 Fronte di scavo secondo cunicolo -∞ 0,0% 0 70,0% -
Time 8 Avanzamento sfondo 0 70,0% 1 80,0% -
Time 9 Installazione prerivestimento/puntone 0 80,0% 2 85,0% 0.5gg
Time 10 Maturazione sb e avanzamento 2 85,0% 5 92,0% 3gg
Time 11 Maturazione sb e avanzamento 5 92,0% ≈30m 100,0% 28gg
Esecuzione consolidamento, getto piedritti e
Time 12 ≈30m 100,0% ≈30m 100,0% 28gg
riempimento secondo cunicolo
RIFERIMENTO SCAVO CALOTTA
Time 13 Fronte di scavo sezione di calotta -∞ 0,0% 0 80,0% -
Time 14 Avanzamento sfondo 0 80,0% 1 86,0%
Time 15 Installazione prerivestimento e avanzamento 1 86,0% ≈30m 95,0% 28gg
Time 16 Getto calotta ≈30m 95,0% ≈30m 100,0% 28gg
Time 17 Scavo parte inferiore camerone ≈30m 0,0% ≈ 5 diametri 80,0% 28gg
Time 18 Getto arco rovescio cunicolo ≈ 5 diametri 80,0% > 5 diametri 100,0% 28gg
Time 19 Lungo termine +∞ 100,0% -

Curva di Panet Ns = 1 _ CUNICOLI


Relax %

Curva di Panet Ns = 1 _ CALOTTA CAMERONE


Relax %

1,0 1,0

0,9 0,9

0,8 0,8

0,7 0,7

0,6 0,6

0,5 0,5

0,4 0,4

0,3 0,3

0,2 RPanet 0,2 Serie1

RDEM Serie2
0,1 0,1

0,0 0,0
0,00

0,50

1,00

1,50

2,00

2,50

3,00

3,50

4,00

0,00

0,50

1,00

1,50

2,00

2,50

3,00

3,50

4,00

X/R X/R
GENERAL CONTRACTOR ALTA SORVEGLIANZA

IG5103ECVROGN130X001A00 Foglio
88 di
128

10. RISULTATI ANALISI NUMERICHE E VERIFICHE

10.1. Rivestimento di prima fase

I rivestimenti di prima fase sono realizzati impiegando centine metalliche e spritz- beton, per i quali
sono previsti i seguenti valori ammissibili:

σamm=190 MPa
Acciaio S 275
τamm=109.7 MPa

Calcestruzzo proiettato
σamm = 19.2 MPa a 28gg
(fcm 25 MPa a 28gg)

Per la verifiche tensionali relative ai rivestimenti di prima fase vengono utilizzate le sollecitazioni
calcolate durante gli step di calcolo effettuati nei modelli numerici.
In particolare il diagramma relativo al prerivestimento viene costruito considerando una sezione in
calcestruzzo armato di spessore pari allo spessore di spritz beton e un armatura pari all’area delle
ali della centina (AFTES “Recommendations for the DESIGN OF SPRAYED CONCRETE FOR
UNDERGROUND SUPPORT” – 09/11/2000)

σc<= σamm
σs<= σamm

Per quanto riguarda le sollecitazioni taglianti, si assume in via cautelativa che queste devono essere
affidate unicamente alle ali delle centine (Atw), senza alcun contributo da parte dello spritz-beton.
La verifica verrà quindi fatta valutando che la t dovuta all’azione di taglio sia inferiore al valore
ammissibile.

t= T / Atw <=tamm

10.2. Verifiche Rivestimento definitivo in Calcestruzzo Armato

I rivestimenti definitivi della galleria naturale sono realizzati in calcestruzzo armato ordinario, con
conglomerato cementizio di classe Rck=30 MPa e barre di tipo B450 C ad aderenza migliorata, a cui
corrispondono le seguenti tensioni ammissibili:
GENERAL CONTRACTOR ALTA SORVEGLIANZA

IG5103ECVROGN130X001A00 Foglio
89 di
128

Acciaio B450 C σamm=160 MPa (*)

σamm=9.75 MPa
τc0 = 0.60 MPa
Calcestruzzo strutturale armato Rck 30 MPa
τc1 = 1.80 MPa

(*) In condizioni di esercizio con verifica a fessurazione σamm=255 Mpa

Le verifiche di pressoflessione, come già precedentemente descritto, vengono svolte utilizzando le


sollecitazioni ricavate tramite l’integrazione delle tensioni agenti nella sezione analizzata. La verifica
a fessurazione è stata svolta secondo il D.M.L.P. 09/07/96.
Secondo tale normativa, in funzione della classe di esposizione (ambiente poco aggressivo), si
ritiengono accettabili aperture fessurative minori di 0.2 mm. In questo caso poichè il copriferro
minimo è pari a 4 cm > 1.5*cmin (con cmin = 2.5 cm), è ammesso un aumento del limite di apertura
delle fessure. Il limite di apertura wk sarà pari a
0.2*1.5 = 0.3 mm.
Si considera quindi:
Mf II = Wi*fcfm
dove
f cfm=1.2*0.27 (Rck)2/3 (N/mm2)

L’apertura delle fessure vale:


wk=1.7*wm=1.7*srm*εsm
dove:
srm= 2(c+s/10)+k2 k3 Φ/ρr
εsm =σs/Es (1-β 1 β 2 (σsr/σs)2)
per la sezione in esame si ha:

c= copriferro netto armatura tesa


s interasse tra i ferri
k2 = 0.4 per barre ad aderenza migliorata
k3 = 0.125 per diagramma delle s triangolare, dovuto a flessione o pressoflessione
GENERAL CONTRACTOR ALTA SORVEGLIANZA

IG5103ECVROGN130X001A00 Foglio
90 di
128

Φ diametro delle barre


ρr = As/Ac eff
σs = tensione dell’acciaio calcolata nella sezione fessurata per la
combinazione di azioni considerata
σsr = tensione dell’acciaio calcolata nella sezione fessurata per la sollecitazione
corrispondente al raggiungimento della resistenza a trazione fctm nella fibra
di calcestruzzo più sollecitata nella sezione interamente reagente.
β1 = 1 per barre ad aderenza migliorata
β 2 = 0.5 nel caso di azioni di lunga durata o ripetute.

Le verifiche a taglio vengono svolte in corrispondenza di tutte le sezioni con le quali si è


discretizzata la struttura. Le tensioni tangenziali sono calcolate come:
T
τ=
0,9 ⋅ b ⋅ d
con:
T = taglio agente sulla sezione;
b = larghezza della sezione (1 m)
d = altezza utile della sezione
GENERAL CONTRACTOR ALTA SORVEGLIANZA

IG5103ECVROGN130X001A00 Foglio
91 di
128

10.3. Modello 1: Sezione Tipo 2 – B2

10.3.1. Analisi deformativa

I risultati più significativi ottenuti dalla presente analisi sono riassunti nelle tabelle contenute nel
presente paragrafo. Ulteriori output grafici dell’elaborazione FLAC con i risultati deformativi in ogni
fase di calcolo sono riportati in allegato. Il modello ha indicato spostamenti contenuti con
deformazioni del cavo nel lungo termine di circa 1.5cm.
JOB TITLE : Spostamenti_x (*10^1)

FLAC (Version 7.00)

1.000
LEGEND

20-Jun-14 16:12
step 68032
0.000
-3.105E+01 <x< 3.645E+01
-4.970E+01 <y< 1.780E+01

X-displacement contours
-2.00E-02 -1.000
-1.50E-02
-1.00E-02
-5.00E-03
0.00E+00
5.00E-03 -2.000

1.00E-02
1.50E-02
2.00E-02
-3.000
Contour interval= 5.00E-03

-4.000

-2.500 -1.500 -0.500 0.500 1.500 2.500 3.500


(*10^1)

JOB TITLE : Spostamenti_y (*10^1)


3.000
FLAC (Version 7.00)

2.000
LEGEND

20-Jun-14 16:14 1.000


step 68032
-4.730E+01 <x< 5.153E+01
-6.670E+01 <y< 3.213E+01
0.000

Y-displacement contours
-2.00E-02
-1.000
-1.50E-02
-1.00E-02
-5.00E-03
0.00E+00 -2.000

5.00E-03
1.00E-02
1.50E-02 -3.000
2.00E-02

Contour interval= 5.00E-03 -4.000

-5.000

-6.000

-4.000 -3.000 -2.000 -1.000 0.000 1.000 2.000 3.000 4.000 5.000
(*10^1)

I fenomeni di plasticizzazione nel terreno al contorno della cavità nella fase di lungo termine sono
limitati. Dall’immagine si può notare che la zona che ha raggiunto la plasticizzazione nelle fasi
GENERAL CONTRACTOR ALTA SORVEGLIANZA

IG5103ECVROGN130X001A00 Foglio
92 di
128

precedenti raggiunge una fascia di circa 1.0 m nella zona della calotta e un’estensione maggiore in
arco rovescio.

JOB TITLE : Plasticizzazioni (*10^1)

FLAC (Version 7.00) 1.000

LEGEND
0.500

20-Jun-14 16:16
step 68032
-1.946E+01 <x< 2.664E+01 0.000
-3.287E+01 <y< 1.324E+01

Plasticity Indicator
* at yield in shear or vol. -0.500

X elastic, at yield in past


Boundary plot
-1.000
0 1E 1

-1.500

-2.000

-2.500

-3.000

-1.500 -1.000 -0.500 0.000 0.500 1.000 1.500 2.000 2.500


(*10^1)

Per quanto riguarda il prerivestimento, la convergenza totale media rilevata risulta inferiore al
centimetro, mentre il rivestimento definitivo è caratterizzato da una deformazione media, nel lungo
termine di ordine millimetrico. I valori di spostamento del prerivestimento sono stati rilevati in
corrispondenza della Time 7 ovvero prima della fase di lungo termine al momento della
disattivazione delle centine. I valori di convergenza dei rivestimenti definitivi sono stati invece rilevati
nel lungo termine. Data la tipologia di analisi effettuata, con modellazione dei rivestimenti tramite
elementi quadrangolari, ogni singolo elemento strutturale è stato attivato nella fase di calcolo in cui
ne è prevista la posa. Ciò ha permesso di ottenere valori di convergenza già depurati della
preconvergenza del terreno. Nella seguente tabella si riporta un riassunto dei risultati.

D Spostamento D spostamento
SEZIONE prerivestimenti rivestimento definitivo
(Time 7-2) (Time 8-6)
[cm] [cm]
Chiave calotta
0.7 ~0.1
Verticale
Piano centri
0.5 ~0.1
Orizzontale
Chiave arco rovescio
- ~0.1
Verticale
GENERAL CONTRACTOR ALTA SORVEGLIANZA

IG5103ECVROGN130X001A00 Foglio
93 di
128

10.3.2. Analisi Tensionale

I rivestimenti di prima fase utilizzati sono descritti nella seguente tabella:

Spessore spritz beton Centine Numero Passo


(m) (-) (-) (m)
0.3 HEB 260 1 1.0

Lo stato di sollecitazione nel prerivestimento è caratterizzato da momenti flettenti che raggiungono


130 KN*m/m circa ed azioni assiali prossime a 4000 KN/m.

Nella tabella sottostante viene riportato lo stato tensionale sia sulle ali delle centine che sullo spritz
beton. Si presentano unicamente le condizioni più gravose in base a quanto valutato nei vari step di
calcolo. Le sollecitazioni relative a tutti i beam e le relative tensioni valutate sui materiali sono
riportate in allegato.
FASE H N [KN/m] M [KNm/m] σc [Mpa] σc limite [Mpa] σs [Mpa] σs limite [Mpa] V [KN/m] τ [Mpa] τ limite[Mpa]
0.5gg 0,3 -250,2 10,0 -0,467 3,08 -24,2 190,0 21,1 7,8 109,7
3gg 0,3 -1595,0 -51,5 -5,51 10,77 -75,7 190,0 -78,0 -28,8 109,7
28gg 0,3 -3208,0 -126,7 -13,31 19,23 -129,3 190,0 160,5 59,4 109,7

Lo spritz-beton è caratterizzato da una tensione massima di compressione prossima a 14 MPa,


mentre l’acciaio si carica con una tensione massima pari a circa 130 MPa. La tensione tangenziale
massima risulta pari a circa 60 MPa sull’anima della centina, valore inferiore al limite da normativa.
Come si nota tutte le verifiche risultano soddisfatte.
Il rivestimento definitivo mostra in calotta sollecitazioni assiali massime che raggiungono i 3500
KN/m e momenti flettenti massimi di circa 120 kNm/m. In corrispondenza dell’arco rovescio le
sollecitazioni flettenti raggiungono valori di momento dell’ordine dei 700 KNm/m ed azioni assiali
dell’ordine dei 900 KN/m.

FERRI ARMATURA PRINCIPALE


Intradosso Estradosso

Arco rovescio Φ24/20 Φ24/20

Calotta Φ24/20 Φ24/20

In sintesi vengono indicate le condizioni più gravose per le diverse parti strutturali (arco rovescio,
piedritti e calotta) della sezione in esame in base a quanto valutato nella fase di lungo termine nella
quale si verificano le sollecitazioni maggiori. Nella tabella seguente viene riportato lo stato
tensionale e l’apertura della fessura qualora il momento agente risultasse superiore al momento di
fessurazione.
GENERAL CONTRACTOR ALTA SORVEGLIANZA

IG5103ECVROGN130X001A00 Foglio
94 di
128

H N M sc ss V t

[m] [kN] [kNm] [MPa] [MPa] [kN] [MPa]

AR -868,69 708,8 -2,3423666 43,6 -286,492 -0,2

PIEDRITTO -3142,06 176,9 -2,7526702 -40,5 -485,270 -0,5

CALOTTA -3582,84 -74,0 -3,100611 -46,0 465,640 0,4

Come si nota, tutte le verifiche risultano soddisfatte. Poiché si verifica ovunque τ < τc0 non è
necessario disporre armatura specifica a taglio; l’armatura sarà quella minima prescritta da
normativa.

10.4. Modello 2: Sezione Tipo 2 – C2

10.4.1. Analisi deformativa

I risultati più significativi ottenuti dalla presente analisi sono riassunti nelle tabelle contenute nel
presente paragrafo. Ulteriori output grafici dell’elaborazione FLAC con i risultati deformativi in ogni
fase di calcolo sono riportati in allegato. Il modello ha indicato spostamenti contenuti con
deformazioni del cavo nel lungo termine di circa 2.5cm.
JOB TITLE : Spostamenti_x (*10^1)

2.500
FLAC (Version 7.00)

LEGEND 1.500

20-Jun-14 17:32
step 87134
-3.976E+01 <x< 4.192E+01 0.500
-5.411E+01 <y< 2.756E+01

X-displacement contours
-3.00E-02 -0.500

-2.00E-02
-1.00E-02
0.00E+00
-1.500
1.00E-02
2.00E-02
3.00E-02
-2.500
Contour interval= 1.00E-02

-3.500

-4.500

-3.000 -2.000 -1.000 0.000 1.000 2.000 3.000 4.000


(*10^1)
GENERAL CONTRACTOR ALTA SORVEGLIANZA

IG5103ECVROGN130X001A00 Foglio
95 di
128

JOB TITLE : Spostamenti_y (*10^1)

5.000
FLAC (Version 7.00)

LEGEND
3.000

20-Jun-14 17:33
step 87134
-7.196E+01 <x< 7.274E+01
-8.929E+01 <y< 5.540E+01 1.000

Y-displacement contours
-3.00E-02
-2.00E-02
-1.000
-1.00E-02
0.00E+00
1.00E-02
2.00E-02
3.00E-02 -3.000

Contour interval= 1.00E-02

-5.000

-7.000

-6.000 -4.000 -2.000 0.000 2.000 4.000 6.000


(*10^1)

I fenomeni di plasticizzazione nel terreno al contorno della cavità nella fase di lungo termine sono
limitati. Dall’immagine si può notare che la zona che ha raggiunto la plasticizzazione nelle fasi
precedenti raggiunge una fascia di circa 3-4 m nella zona della calotta e un’estensione maggiore in
arco rovescio.

JOB TITLE : Plasticizzazioni (*10^1)

FLAC (Version 7.00)


1.000
LEGEND

20-Jun-14 17:35
step 87134
-2.348E+01 <x< 2.723E+01
-3.504E+01 <y< 1.567E+01 0.000

Plasticity Indicator
* at yield in shear or vol.
X elastic, at yield in past
Boundary plot
-1.000
0 1E 1

-2.000

-3.000

-1.500 -0.500 0.500 1.500 2.500


(*10^1)

Per quanto riguarda il prerivestimento, la convergenza totale media rilevata risulta di circa 1
centimetro, mentre il rivestimento definitivo è caratterizzato da una deformazione media, nel lungo
termine di ordine millimetrico. I valori di spostamento del prerivestimento sono stati rilevati in
GENERAL CONTRACTOR ALTA SORVEGLIANZA

IG5103ECVROGN130X001A00 Foglio
96 di
128

corrispondenza della Time 7 ovvero prima della fase di lungo termine al momento della
disattivazione delle centine. I valori di convergenza dei rivestimenti definitivi sono stati invece rilevati
nel lungo termine. Data la tipologia di analisi effettuata, con modellazione dei rivestimenti tramite
elementi quadrangolari, ogni singolo elemento strutturale è stato attivato nella fase di calcolo in cui
ne è prevista la posa. Ciò ha permesso di ottenere valori di convergenza già depurati della
preconvergenza del terreno. Nella seguente tabella si riporta un riassunto dei risultati.

D Spostamento D spostamento
SEZIONE prerivestimenti rivestimento definitivo
(Time 7-2) (Time 8-6)
[cm] [cm]
Chiave calotta
1.0 ~0.1
Verticale
Piano centri
0.8 ~0.1
Orizzontale
Chiave arco rovescio
- ~0.1
Verticale

10.4.2. Analisi Tensionale

I rivestimenti di prima fase utilizzati sono descritti nella seguente tabella:

Spessore spritz beton Centine Numero Passo


(m) (-) (-) (m)
0.3 HEB 260 1 1.0

Lo stato di sollecitazione nel prerivestimento è caratterizzato da momenti flettenti che raggiungono


50 KN*m/m circa ed azioni assiali prossime a 3000 KN/m.

Nella tabella sottostante viene riportato lo stato tensionale sia sulle ali delle centine che sullo spritz
beton. Si presentano unicamente le condizioni più gravose in base a quanto valutato nei vari step di
calcolo. Le sollecitazioni relative a tutti i beam e le relative tensioni valutate sui materiali sono
riportate in allegato.

FASE H N [KN/m] M [KNm/m] σc [Mpa] σc limite [Mpa] σs [Mpa] σs limite [Mpa] V [KN/m] τ [Mpa] τ limite[Mpa]
0.5gg 0,3 -380,2 -7,7 -0,592 3,08 -31,6 190,0 33,6 12,4 109,7
3gg 0,3 -1851,0 -24,6 -5,15 10,77 -73,0 190,0 86,7 32,1 109,7
28gg 0,3 -3097,0 47,5 -9,78 19,23 -98,8 190,0 -125,6 -46,4 109,7

Lo spritz-beton è caratterizzato da una tensione massima di compressione prossima a 10 MPa,


mentre l’acciaio si carica con una tensione massima pari a circa 100 MPa. La tensione tangenziale
massima risulta pari a circa 50 MPa sull’anima della centina, valore inferiore al limite da normativa.
Come si nota tutte le verifiche risultano soddisfatte.
GENERAL CONTRACTOR ALTA SORVEGLIANZA

IG5103ECVROGN130X001A00 Foglio
97 di
128

Il rivestimento definitivo mostra in calotta sollecitazioni assiali massime che raggiungono i 4300
KN/m e momenti flettenti massimi di circa 200 kNm/m. In corrispondenza dell’arco rovescio le
sollecitazioni flettenti raggiungono valori di momento dell’ordine dei 1200 KNm/m ed azioni assiali
dell’ordine dei 1300 KN/m.

FERRI ARMATURA PRINCIPALE


Intradosso Estradosso

Arco rovescio Φ24/20 Φ24/20

Calotta Φ24/20 Φ24/20

In sintesi vengono indicate le condizioni più gravose per le diverse parti strutturali (arco rovescio,
piedritti e calotta) della sezione in esame in base a quanto valutato nella fase di lungo termine nella
quale si verificano le sollecitazioni maggiori. Nella tabella seguente viene riportato lo stato
tensionale e l’apertura della fessura qualora il momento agente risultasse superiore al momento di
fessurazione.

H N M sc ss V t

[m] [kN] [kNm] [MPa] [MPa] [kN] [MPa]

AR -1226,79 1055,9 -3,54 72,6 -421,96 -0,29

PIEDRITTO -4065,46 227,6 -3,65 -53,8 583,00 0,52

CALOTTA -4158,90 -182,2 -3,95 -58,1 631,74 0,58

Come si nota, tutte le verifiche risultano soddisfatte. Poiché si verifica ovunque τ < τc0 non è
necessario disporre armatura specifica a taglio; l’armatura sarà quella minima prescritta da
normativa.

10.5. Modello 3: Sezione Tipo 4

10.5.1. Analisi deformativa

I risultati più significativi ottenuti dalla presente analisi sono riassunti nelle tabelle contenute nel
presente paragrafo. Considerata la complessità del calcolo e le fasi e le modalità costruttive del
tutto particolari, che non hanno alcun riscontro con quelle comunemente adottate per le gallerie di
linea nel seguito verranno riportati i risultati relativi alle fasi più significative ovvero al termine dello
scavo del primo cunicolo, dei due cunicoli di piedritto e nella fase di lungo termine in cui è stata
GENERAL CONTRACTOR ALTA SORVEGLIANZA

IG5103ECVROGN130X001A00 Foglio
98 di
128

completata la realizzazione del camerone e sono stati fatti decadere il prerivestimento di calotta e il
consolidamento al contorno.

Time5 – Completamento primo cunicolo di piedritto

In questa time di calcolo viene completata la realizzazione del primo cunicolo di piedritto con i
rivestimenti provvisori posati in opera. Il modello ha indicato spostamenti contenuti con spostamenti
del cavo dell’ordine di 1.5-2.0 cm.

JOB TITLE : Spostamenti Y (*10^1)

FLAC (Version 7.00)


1.500

LEGEND

4-Jul-14 16:14 0.500


step 85242
-4.585E+01 <x< 2.708E+01
-5.144E+01 <y< 2.148E+01

-0.500
Y-displacement contours
-2.00E-02
-1.50E-02
-1.00E-02
-5.00E-03 -1.500
0.00E+00
5.00E-03
1.00E-02
1.50E-02 -2.500
2.00E-02
2.50E-02

Contour interval= 5.00E-03


-3.500

-4.500

-4.000 -3.000 -2.000 -1.000 0.000 1.000 2.000


(*10^1)

JOB TITLE : Spostamenti X (*10^1)

FLAC (Version 7.00)

LEGEND 0.500

4-Jul-14 16:15
step 85242
-3.820E+01 <x< 1.659E+01
-4.134E+01 <y< 1.346E+01
-0.500

X-displacement contours
-3.00E-02
-2.00E-02
-1.00E-02
0.00E+00
-1.500
1.00E-02
2.00E-02
3.00E-02

Contour interval= 1.00E-02


-2.500

-3.500

-3.000 -2.000 -1.000 0.000 1.000


(*10^1)
GENERAL CONTRACTOR ALTA SORVEGLIANZA

IG5103ECVROGN130X001A00 Foglio
99 di
128

I fenomeni di plasticizzazione nel terreno al contorno delle cavità, risultano limitati come si può
vedere nella figura sottostante. Si osserva che nel corso della simulazione alcuni punti sono
plasticizzati rientrando in campo elastico all’interno della stessa fase di calcolo o nelle fasi di calcolo
successive risultando quindi esenti da criticità.
JOB TITLE : Plasticizzazioni (*10^1)

FLAC (Version 7.00) -0.400

LEGEND

4-Jul-14 16:13 -0.800


step 85242
-2.207E+01 <x< 1.422E+00
-2.640E+01 <y< -2.906E+00

Plasticity Indicator
-1.200
X elastic, at yield in past

-1.600

-2.000

-2.400

-2.000 -1.600 -1.200 -0.800 -0.400 0.000


(*10^1)

Nelle seguenti tabelle vengono mostrati i valori di spostamento dei punti significativi della struttura
depurati del valore di preconvergenza del terreno prima della posa dei rivestimenti. In funzione del
fatto che l’analisi è stata condotta considerando lo scavo del cunicolo sinistro come primario, gli
spostamenti del cunicolo di sinistra verranno depurati degli spostamenti della time 2 (Time 5 – Time
2).

Preconvergenza Cunicolo Sinistro


Cunicolo SX
SEZIONE (Time 2) (Time 5 - 2)

[cm] [cm]

Chiave calotta
1.5 ~0.5
Verticale

Piano centri
2.5 ~1.0
Orizzontale

Chiave puntone
1.5 ~0.5
Verticale
GENERAL CONTRACTOR ALTA SORVEGLIANZA

IG5103ECVROGN130X001A00 Foglio
100 di
128

Time11– Completamento secondo cunicolo di piedritto

In questa time di calcolo viene completata la realizzazione dei cunicoli di piedritto con i rivestimenti
provvisori posati in opera e si ha la massimizzazione degli effetti deformativi dovuti agli scavi di tali
opere. Il modello ha indicato spostamenti contenuti con deformazioni del cavo dell’ordine di 1.5 cm
in calotta, del centimetro in zona piedritti e arco rovescio.
JOB TITLE : Spostamenti Y (*10^1)

FLAC (Version 7.00) 2.000

LEGEND
1.000

4-Jul-14 16:29
step 380046
-3.742E+01 <x< 4.280E+01
-5.593E+01 <y< 2.429E+01 0.000

Y-displacement contours
-2.00E-02
-1.000
-1.00E-02
0.00E+00
1.00E-02
2.00E-02
-2.000

Contour interval= 1.00E-02

-3.000

-4.000

-5.000

-3.000 -2.000 -1.000 0.000 1.000 2.000 3.000 4.000


(*10^1)

JOB TITLE : Spostamenti X (*10^1)

FLAC (Version 7.00)


1.500

LEGEND

4-Jul-14 16:28 0.500


step 380046
-3.723E+01 <x< 3.570E+01
-5.152E+01 <y< 2.140E+01

-0.500
X-displacement contours
-3.00E-02
-2.00E-02
-1.00E-02
0.00E+00 -1.500
1.00E-02
2.00E-02
3.00E-02
-2.500
Contour interval= 1.00E-02

-3.500

-4.500

-3.000 -2.000 -1.000 0.000 1.000 2.000 3.000


(*10^1)
GENERAL CONTRACTOR ALTA SORVEGLIANZA

IG5103ECVROGN130X001A00 Foglio
101 di
128

I fenomeni di plasticizzazione nel terreno al contorno delle cavità, risultano limitati come si può
vedere nella figura sottostante. Si osserva che nel corso della simulazione alcuni punti sono
plasticizzati rientrando in campo elastico all’interno della stessa fase di calcolo o nelle fasi di calcolo
successive risultando quindi esenti da criticità.

JOB TITLE : Plasticizzazioni (*10^1)

FLAC (Version 7.00) 0.500

LEGEND

4-Jul-14 16:29
step 380046
-0.500
-2.345E+01 <x< 2.691E+01
-4.213E+01 <y< 8.234E+00

Plasticity Indicator
X elastic, at yield in past

-1.500

-2.500

-3.500

-1.500 -0.500 0.500 1.500 2.500


(*10^1)

Nelle seguenti tabelle vengono mostrati i valori di spostamento dei punti significativi della struttura
depurati del valore di preconvergenza del terreno prima della posa dei rivestimenti. Gli spostamenti
del cunicolo di destra verranno depurati degli spostamenti a partire dalla time 6 (Time 10 – Time 6).

Preconvergenza Cunicolo Destro


Cunicolo DX
SEZIONE (Time 6) (Time 10 - 6)

[cm] [cm]

Chiave calotta
1 ~1
Verticale

Piano centri
0.5 ~2
Orizzontale

Chiave puntone
2 ~0.5
Verticale
GENERAL CONTRACTOR ALTA SORVEGLIANZA

IG5103ECVROGN130X001A00 Foglio
102 di
128

Time 19 – Lungo termine

In questa time di calcolo a seguito del completamento dello scavo del camerone vengono fatti
decadere i parametri del prerivestimento in calotta e del consolidamento al contorno simulando così
il lungo termine e si ha la massimizzazione degli effetti deformativi dovuti agli scavi. Il modello ha
indicato spostamenti del cavo di circa 5 cm.

JOB TITLE : Spostamenti Y (*10^1)

FLAC (Version 7.00) 2.000

LEGEND
1.000

4-Jul-14 16:30
step 605564
-3.742E+01 <x< 4.280E+01
-5.593E+01 <y< 2.429E+01 0.000

Y-displacement contours
-5.00E-02
-1.000
-4.00E-02
-3.00E-02
-2.00E-02
-1.00E-02
-2.000
0.00E+00
1.00E-02
2.00E-02
3.00E-02
-3.000
4.00E-02

Contour interval= 1.00E-02


-4.000

-5.000

-3.000 -2.000 -1.000 0.000 1.000 2.000 3.000 4.000


(*10^1)

JOB TITLE : Spostamenti X (*10^1)

FLAC (Version 7.00)


1.500

LEGEND

4-Jul-14 16:31 0.500


step 605564
-3.723E+01 <x< 3.570E+01
-5.152E+01 <y< 2.140E+01

-0.500
X-displacement contours
-4.00E-02
-3.00E-02
-2.00E-02
-1.00E-02 -1.500
0.00E+00
1.00E-02
2.00E-02
3.00E-02 -2.500

Contour interval= 1.00E-02

-3.500

-4.500

-3.000 -2.000 -1.000 0.000 1.000 2.000 3.000


(*10^1)
GENERAL CONTRACTOR ALTA SORVEGLIANZA

IG5103ECVROGN130X001A00 Foglio
103 di
128

I fenomeni di plasticizzazione nel terreno al contorno delle cavità risultano limitati come si può
vedere nella figura sottostante.
JOB TITLE : Plasticizzazioni (*10^1)

FLAC (Version 7.00) 1.500

LEGEND

4-Jul-14 16:31 0.500


step 605564
-2.804E+01 <x< 3.290E+01
-4.299E+01 <y< 1.795E+01

Plasticity Indicator -0.500


* at yield in shear or vol.
X elastic, at yield in past

-1.500

-2.500

-3.500

-2.000 -1.000 0.000 1.000 2.000 3.000


(*10^1)

Nella seguente tabella vengono riportati i valori di spostamento calcolati sia nel prerivestimento che
nel rivestimento definitivo. I valori di spostamento del prerivestimento sono stati rilevati in
corrispondenza della Time 16 (relativa al getto dell’arco rovescio) e depurati dagli spostamenti della
time 12 (relativa all’avanzamento in calotta). I valori di convergenza dei rivestimenti definitivi sono
stati invece rilevati nel lungo termine (time 17) e, per l’analisi dell’arco rovescio, depurati dagli
spostamenti della time 15 (simulante lo scavo della parte inferiore del camerone) mentre sono stati
depurati dagli spostamenti della time 13 (relativa all’installazione del prerivestimento) per l’analisi
della calotta.
Prerivestimento Arco Rovescio Calotta

SEZIONE (Time 16-12) (Time 17-15) (Time 17-13)

[cm] [cm] [cm]

Chiave calotta
~1 ~0 ~0
Verticale

Piano centri ~1
~0 ~1
Orizzontale

Chiave arco
~0.5
rovescio ~0 ~0.5
Verticale
GENERAL CONTRACTOR ALTA SORVEGLIANZA

IG5103ECVROGN130X001A00 Foglio
104 di
128

10.5.2. Analisi Tensionale

Cunicoli di piedritto

I rivestimenti di prima fase utilizzati sono descritti nella seguente tabella:

Spessore spritz beton Centine Numero Passo


(m) (-) (-) (m)
0.3 HEB 200 1 1.0

Lo stato di sollecitazione nel prerivestimento risulta caratterizzato da momenti flettenti che


raggiungono i 140 KN*m/m ed azioni assiali massime prossime ai 3500 KN/m. Nel seguito si
riportano i risultati principali sul cunicolo più sollecitato. Le sollecitazioni relative a tutti i beam e le
relative tensioni valutate sui materiali sono riportate in allegato.

FASE H N [KN/m] M [KNm/m] σc [Mpa] σc limite [Mpa] σs [Mpa] σs limite [Mpa] V [KN/m] τ [Mpa] τ limite[Mpa]
0.5gg 0,3 -579,5 29,5 -1,783 3,08 -80,4 190,0 157,1 83,9 109,7
3gg 0,3 -1672,0 -101,8 -9,4 10,77 -109,4 190,0 -170,0 -90,8 109,7
28gg 0,3 -3167,0 -130,2 -15,7 19,23 -136,9 190,0 -195,1 -104,2 109,7

Lo spritz-beton è caratterizzato da una tensione massima di compressione prossima a 16 MPa,


mentre l’acciaio si carica con una tensione massima pari a circa 140 MPa. La tensione tangenziale
massima risulta pari a circa 105 MPa sull’anima delle centine, valore inferiore al limite da normativa.
Come si nota tutte le verifiche risultano soddisfatte.

Puntone dei cunicoli di piedritto

Per il puntone si utilizza il seguente elemento:

Spessore spritz beton Centine Numero Passo


(m) (-) (-) (m)
0.20 HEB 200 1 1.0

Il modello di calcolo ha mostrato, nella time relativa alla maturazione dello spritz di 28 gg, la
presenza di uno sforzo normale con andamento pressoché costante di circa 2500 kN/m e un
momento flettente massimo raggiunge valori di circa 90 kNm/m. Nel seguito si mostreranno le
verifiche delle sezioni più critiche del puntone più sollecitato (tra i due cunicoli) in allegato invece
sono riportate tutte le verifiche sezionali.
GENERAL CONTRACTOR ALTA SORVEGLIANZA

IG5103ECVROGN130X001A00 Foglio
105 di
128
FASE H N [KN/m] M [KNm/m] σc [Mpa] σc limite [Mpa] σs [Mpa] σs limite [Mpa] V [KN/m] τ [Mpa] τ limite[Mpa]
0.5gg 0,2 -24,7 -75,4 -2,182 3,08 135,7 190,0 162,6 86,9 109,7
3gg 0,2 -1133,0 -67,2 -8,7 12,31 -122,1 190,0 193,4 103,3 109,7
28gg 0,2 -2396,0 -84,3 -16,1 23,08 -163,6 190,0 -197,3 -105,4 109,7

Lo spritz-beton è caratterizzato da una tensione massima di compressione prossima a 16 MPa,


mentre l’acciaio si carica con una tensione massima pari a circa 165 MPa. La tensione tangenziale
massima risulta pari a circa 105 MPa sull’anima delle centine, valore inferiore al limite da normativa.
Come si nota tutte le verifiche risultano soddisfatte.

Prerivestimento calotta Camerone

Vengono riportate nel seguito le verifiche relative al camerone. I rivestimenti di prima fase di calotta
utilizzati sono descritti nella seguente tabella

Spessore spritz beton Centine Numero Passo


(m) (-) (-) (m)
0.35 HEA 300 2 1.0

Lo stato di sollecitazione nel prerivestimento risulta di discreta entità, con momenti flettenti prossimi
a 120 KN*m/m ed azioni assiali massime prossime ai 2500 KN/m. Le sollecitazioni relative a tutti i
beam e le relative tensioni valutate sui materiali sono riportate in allegato.
FASE H N [KN/m] M [KNm/m] σc [Mpa] σc limite [Mpa] σs [Mpa] σs limite [Mpa] V [KN/m] τ [Mpa] τ limite[Mpa]
28gg 0,35 -2486,2 117,4 -7,7 19,23 -74,1 190,0 -440,4 -85,9 109,7

Lo spritz-beton è caratterizzato da una tensione massima di compressione prossima a 8 MPa,


mentre l’acciaio si carica con una tensione massima pari a circa 75 MPa. La tensione tangenziale
massima risulta pari a circa 85 MPa sull’anima delle centine, valore inferiore al limite da normativa.
Come si nota tutte le verifiche risultano soddisfatte.
Nell’ultima Time di calcolo, il rivestimento definitivo mostra in calotta sollecitazioni flettenti massime
dell’ordine di 1000 KNm/m ed azioni assiali che raggiungono i 7600 KN. In corrispondenza dei
piedritti le sollecitazioni flettenti raggiungono valori di momento dell’ordine dei 2760 KNm/m ed
azioni assiali dell’ordine dei 6450KN. In corrispondenza dell’arco rovescio le sollecitazioni flettenti
raggiungono valori di momento dell’ordine dei 1770 KNm/m mentre l’azione assiale risulta essere
nell’ordine di 5600 kN/m.

FERRI ARMATURA PRINCIPALE


Intradosso Estradosso

Arco rovescio Φ24/20 Φ24/20

Calotta Φ24/20 Φ24/20


GENERAL CONTRACTOR ALTA SORVEGLIANZA

IG5103ECVROGN130X001A00 Foglio
106 di
128

In sintesi vengono indicate le condizioni più gravose per le diverse parti strutturali (arco rovescio e
calotta) della sezione in esame in base a quanto valutato nella fase di lungo termine nella quale si
verificano le sollecitazioni maggiori. Nella tabella proposta nel seguito viene riportato lo stato
tensionale e l’apertura della fessura qualora il momento agente risultasse superiore al momento di
fessurazione.
H N M sc ss V t

[m] [kN] [kNm] [MPa] [MPa] [kN] [MPa]

AR -7750,93 -1600,0 -6,23 -91,0 968,28 0,52

PIEDRITTO -4628,81 -2654,8 -6,39 -91,3 967,79 0,57

CALOTTA -6672,41 783,5 -4,30 -63,5 959,61 0,53

MURETTA -9974,10 4360,1 -7,56 -110,5 1105,54 0,58

Come si nota, tutte le verifiche risultano soddisfatte. Poiché si verifica ovunque τ < τc0 non è
necessario disporre armatura specifica a taglio; l’armatura sarà quella minima prescritta da
normativa. In allegato sono riportate invece le verifiche sezionali per le sezioni con le quali si è
discretizzata la struttura relativamente alle Time di calcolo considerate.

Verifica giunto a “coda di rondine”

Il giunto di contatto tra calotta e piedritti e tra arco rovescio e piedritti viene verificato nel seguito
con schema a mensola tozza.

Figura 36 – Particolare giunto a “coda di rondine”


GENERAL CONTRACTOR ALTA SORVEGLIANZA

IG5103ECVROGN130X001A00 Foglio
107 di
128

L’azione agente risulta pari al taglio ottenuto dal modello di calcolo in corrispondenza di tale
sezione. La verifica di tale mensola vengono condotte con riferimento a schematizzazioni basate
sull’individuazione di tiranti e puntoni.
Le verifiche di sicurezza sono condotte nei riguardi di:
• Resistenza dei tiranti costituiti dalle sole armature (PRs);
• Resistenza dei puntoni di calcestruzzo compresso (PRc);
Deve risultare la seguente gerarchia delle resistenze PRs < PRc
Il meccanismo resistente considerato è costituito da un tirante orizzontale superiore, corrispondente
all’armatura tesa, e da un puntone di calcestruzzo inclinato di ψ, che riporta il carico PEd entro la
sezione corrente di calotta.

Figura 37 – Esempio di modello a puntone e tirante con tirante orizzontale

Attraverso l’equilibrio del nodo caricato si ottiene la portanza della mensola in termini di resistenza
dell’armatura:
PR = PRs = (As f yd − H Ed )
1
λ
1
con λ = ctgψ ≅ . Per la verifica dovrà risultare:
0 .9 ⋅ d

PR ≥ PEd

Dovrà inoltre risultare una resistenza PRc del puntone di calcestruzzo non minore di quella correlata
all’armatura con:

c
PRc = 0.4 b d fcd ≥ PRs
1 + λ2

Con c=1 per sbalzi di piastre non provvisti di staffatura.


Nelle seguenti tabelle sono riportate le verifiche eseguite secondo le formulazioni sopra riportate.
Essendo i giunti delle medesime dimensioni per calotta e arco rovescio viene verificata nel seguito
GENERAL CONTRACTOR ALTA SORVEGLIANZA

IG5103ECVROGN130X001A00 Foglio
108 di
128

la sezione più critica ottenuta dal calcolo che risulta quella piedritto-calotta. Nelle verifiche
l’armatura consiste in ferri Φ24/20. Tutte le verifiche risultano soddisfatte.

PARAMETRI GEOMETRICI

Altezza mensola: h= [m] 0,6


copriferro sull'altezza: ch = [m] 0,05
Altezza utile: d= [m] 0,55
Luce mensola: l= [m] 0,15
copriferro sulla luce: ca = [m] 0,05
Luce utile: a= [m] 0,1
Proiezione del puntone sull'orizzontale: L= [m] 0,21
Profondità mensola: b= [m] 1
Dimensione trasversale biella: c= [m] 0,12
inclinazione puntone: ψ= [°] 69,1
Area biella di calcestruzzo: A cls = [mm2] 120000,0

MATERIALI
Resistenza cubica caratteristica: Rck = [MPa] 30
Resistenza di calcolo a compressione: fcd = [MPa] 13,23
Tensione ammissibile nel calcestruzzo: σc(adm) = [MPa] 14,94
Resistenza media a trazione semplice: fctm = [MPa] 2,61
Tensione di snervamento caratteristica: fy k = [MPa] 450
Resistenza di calcolo: fy d = [MPa] 391,3
Tensione ammissibile nell'acciaio: σs(adm) = [MPa] 255

AZIONI
Carico sulla mensola (SLU): P Sd = [kN] 1190,00
Carico sulla mensola (SLE): P Sk = [kN] 910,00
Compressione nel puntone (SLU): CSd = [kN] 1214,0
Compressione nel puntone (SLE): CSk = [kN] 928,4
Trazione nel tirante (SLU): TSd = [kN] 270,5
Trazione nel tirante (SLE): TSk = [kN] 206,8

VERIFICHE DEL PUNTONE


Portanza del puntone: P Rc = [kN] 2539,9
Carico sulla mensola (SLU): P Sd = [kN] 1190,0
Verifica del puntone (SLU): P Sd < PRc verificato
Sforzo nel puntone (SLE): σc = [MPa] 7,74
Tensione ammissibile nel calcestruzzo: σc(adm) = [MPa] 9,75
Verifica del puntone alle tensioni di esercizio: σc < σcls(adm) verificato

PROGETTO DELLE ARMATURE


Area di armatura teorica: A s,teor = [mm2] 811,1
Diametro barre: φ= [mm] 24,0
numero di barre considerate: n= [ ] 5,0
Area di armatura di progetto: As = [mm2] 2261,9

VERIFICHE DEL TIRANTE


Portanza del tirante: P Rs = [kN] 2318,1
Carico sulla mensola (SLU): P Sd = [kN] 1190,0
Verifica del tirante (SLU): P Sd < PRs verificato

VERIFICHE GERARCHIA DELLE RESISTENZE:


Carico sulla mensola (SLU): P Sd = [kN] 1190,0
Portanza del tirante: P Rs = [kN] 2318,1
Portanza del puntone: P Rc = [kN] 2539,9
Verifica gerarchia delle resistenze: PSd < P Rs < PRc verificata

Viene infine eseguita la verifica della pressione di contatto agente sul componente “femmina” del
giunto. Anche in questo caso tutte le verifiche risultano soddisfatte.

P
σc = = 6.07 MPa < σ amm
A
GENERAL CONTRACTOR ALTA SORVEGLIANZA

IG5103ECVROGN130X001A00 Foglio
109 di
128

11. INTERFERENZA SCAVO-EDIFICI – CLASSIFICAZIONE DEL DANNO

11.1. Ipotesi di calcolo

Nel seguito vengono presentati i risultati dello studio svolto per valutare l’interferenza tra gli scavi ed
i fabbricati presenti in superficie. Si valuteranno in dettaglio i bacini di subsidenza relativi agli scavi
ed i cedimenti/spostamenti determinati a piano campagna ed in corrispondenza dei piani
fondazione, così da valutare la classe di danno attesa per ciascun fabbricato.
Il lavoro è basato essenzialmente sui dati ottenuti da:

- caratterizzazione geotecnica;
- planimetrie e profili altimetrici di tracciato.

Non essendo in possesso di specifiche schede di censimento degli edifici si è assunta un’ipotesi di
quota di fondazione rappresentativa e pari a 1.5 m rispetto a piano campagna.
Non essendo note le caratteristiche degli edifici indagati, si è ipotizzata la presenza di strutture in
muratura, operando in maniera conservativa.
Lo studio effettuato si basa sulla valutazione del comportamento deformativo dei terreni, ossia
dell’entità dei cedimenti e delle distorsioni indotte dagli scavi applicando le “formulazioni empiriche”,
tipiche di letteratura, che riconducono il bacino di subsidenza a funzioni gaussiane di entità
dipendente dal volume perso in fase di scavo (Peck, 1969; O’Reilly e New 1982).
A seguito della definizione del probabile bacino di subsidenza e determinato quindi il regime di
cedimenti a piano campagna/piano fondazione che si verificano a seguito dallo scavo della futura
galleria, vengono valutate le deformazioni ad essi associabili e si procede ad individuare l’effetto
indotto sui fabbricati mediante il calcolo delle categorie di danno secondo quanto riportato in
letteratura (Mair e Taylor e Burland,1996).
Tale procedimento rappresenta una prima fase di analisi che consente di evidenziare le situazioni
più critiche, da sottoporre ad approfondimenti nelle successive fasi di progetto e/o per le quali
prevedere interventi di consolidamento a protezione dei fabbricati o dei manufatti interferiti.
Le analisi proposte nel seguito sono state condotte ipotizzando due valori di volume perso :
- Vp = 1% - scavo in condizioni di lavoro in linea con le attese progettuali;
- Vp = 2% - scenario di rischio, ipotesi di condizioni di lavoro non ottimali o anomalie
localizzate (fronti parzializzati, zone fortemente tettonizzate, presenza di acqua etc.).
Per quanto riguarda il parametro k si assume il seguente valore:
- k = 0.5 - terreni prevalentemente coesivi;
GENERAL CONTRACTOR ALTA SORVEGLIANZA

IG5103ECVROGN130X001A00 Foglio
110 di
128

11.2. Descrizione del metodo di calcolo

Allo scopo di esaminare il comportamento deformativo lungo l’asse delle gallerie, ossia valutare
l’entità dei cedimenti in avanzamento indotti dagli scavi, sono stati condotti, come accennato, calcoli
specifici secondo metodologie di carattere empirico. Nel presente paragrafo verrà descritto più nel
dettaglio tale approccio.

11.2.1. Cenni teorici

I metodi empirici si basano sull’osservazione sperimentale dei bacini di subsidenza di opere già
eseguite ed aventi una notevolissima bibliografia in merito (Peck 1969, Attewell e Fermer 1974;
Attwell 1977; Attwell &Woodman 1982; O’Reilly e New 1982; Rankin 1987; Shirlaw e Doran, 1988).
Le correlazioni che sono state dedotte consentono di valutare la distribuzione spaziale, l’ampiezza e
l’evoluzione delle subsidenze sulla base di parametri di semplice determinazione.
Definiti quindi i parametri geometrici delle gallerie e le caratteristiche del terreno attraversato è
possibile individuare i profili di subsidenza trasversale.

Figura 38 – Curva di subsidenza

L’inviluppo della zona interessata dalle deformazioni è quindi funzione della distanza dall’asse
verticale delle gallerie e dipende dalle dimensioni delle gallerie stesse, dalla sua quota, dal volume
perso, dai parametri di resistenza-deformabilità del terreno attraversato.
GENERAL CONTRACTOR ALTA SORVEGLIANZA

IG5103ECVROGN130X001A00 Foglio
111 di
128

11.2.2. Bacino trasversale di subsidenza

Gli andamenti della curva di subsidenza in direzione trasversale rispetto all’asse di una galleria sono
ben rappresentabili da una funzione normale di probabilità di tipo gaussiano, caratterizzata da due
parametri: il cedimento massimo Smax (in corrispondenza dell’asse della galleria) e la distanza i tra
l’asse della galleria ed il punto di flesso della curva, da cui dipende la larghezza della conca.
La funzione di subsidenza può quindi essere espressa dalla relazione:
 y2 
− 
 2i 2 
S ( x) = S max ⋅ e  

dove S(x) è il generico spostamento verticale a distanza y dall’asse della galleria, Smax è lo
spostamento massimo (ad y=0) ed i rappresenta la deviazione standard della curva.
Il volume totale della conca di subsidenza per unità di lunghezza della galleria Vs può essere
ottenuto dall’integrazione della (1) e risulta essere pari a

Vs = 2π ⋅ i ⋅ S max ≅ 2.5 ⋅ i ⋅ S max

La grandezza Smax può essere quindi ricavata stabilendo a priori il valore di Vs atteso

Vs
S max =
2 .5 ⋅ i
GENERAL CONTRACTOR ALTA SORVEGLIANZA

IG5103ECVROGN130X001A00 Foglio
112 di
128

Figura 39 – Profilo trasversale di subsidenza

Il valore del volume della conca Vs viene assunto pari al volume perso allo scavo, ovvero come una
percentuale del volume scavato Vexc.
Per la valutazione del parametro i, questo dipende dalla tipologia del terreno e dalla profondità della
galleria; in accordo con quanto proposto da O’Reilly e New (1991), per valori della copertura
maggiori del diametro della galleria, si ha una relazione lineare tra larghezza della conca e
profondità della galleria, con coefficiente diverso a seconda del tipo di terreno:

i = k ⋅Z

11.2.3. Cedimenti longitudinali

Per rappresentare la sezione della conca di subsidenza in direzione longitudinale, parallela all’asse
della galleria, Attewell e Woodman (1982) hanno proposto di utilizzare la funzione integrale della
funzione gaussiana, o curva di probabilità cumulata, F(x):

x
 −t2 
F (x ) =
1

−∞ 2π
exp
 2
dt

GENERAL CONTRACTOR ALTA SORVEGLIANZA

IG5103ECVROGN130X001A00 Foglio
113 di
128

x
-3 -2 -1 0 1 2 3
0.5

0.4

f(x) 0.3

0.2

0.1

a) 0

x
-3 -2 -1 0 1 2 3
1

0.8

F(x) 0.6

0.4

0.2

0
b)

Figura 40 – Curva gaussiana (a) e funzione di probabilità cumulata (b)

In un riferimento cartesiano (0, x, y, z) caratterizzato da:

- Origine 0 posizionata al piano campagna;


- Asse y orizzontale e perpendicolare all’asse della galleria;
- Asse x orizzontale, parallelo all’asse della galleria e diretto nel verso di avanzamento dello
scavo;
- Asse z: verticale e diretto verso il basso;

indicando con u, v e w le componenti dello spostamento lungo gli assi x, y e z, rispettivamente, e


con x0, y0 e z0 le coordinate del centro della galleria, le espressioni generali delle componenti del
campo di spostamenti indotto dallo scavo della galleria sono riportate di seguito (adattate da
Attewell e Woodman, 1982):

VS  − y 2    x − xi   x − xf 
w( x, y, z ) = exp  2   F   − F  
2π i  2i    i   i 
GENERAL CONTRACTOR ALTA SORVEGLIANZA

IG5103ECVROGN130X001A00 Foglio
114 di
128

−n
v ( x, y , z ) = y ⋅ w(x, y, z )
z0 − z

nVS  − y 2    − ( x − xi )2   − (x − x f )
2
 
u ( x, y, z ) = exp 2  exp   − exp  
2π ( z 0 − z )  2i    2i 2   2i 2  

Con n viene indicato l’esponente della legge di variazione con la profondità i(z) della distanza del
punto di flesso dall’asse della galleria. Il pedice “i” sta per “iniziale” e indica dove parte lo scavo, il
pedice “f” indica invece il fronte dello scavo.
In definitiva, ad ogni profondità z, nelle sezioni trasversali all’asse della galleria, il profilo degli
spostamenti verticali è sempre rappresentato da curve di tipo gaussiano amplificate attraverso la
funzione:

 x − xf 
F  
 i 
che permette di tenere conto della distanza del fronte di scavo dalla sezione trasversale.
Nel paragrafo successivo viene descritto il metodo empirico per l’analisi di interazione terreno-
struttura in cui sono analizzati gli effetti dei cedimenti indotti dallo scavo delle future gallerie sulle
preesistenze interferenti con riferimento ai valori di copertura tra piano di imposta fondazione e
chiave calotta, sulla base dei dati sulle strutture in nostro possesso a tutt’oggi.

11.2.4. Categorie di danno

Sulla base dello studio dei cedimenti indotti dallo scavo è possibile stimare l’entità dell’estensione
del bacino di subsidenza, quindi, unitamente alle caratteristiche geometriche, strutturali e di
conservazione degli edifici, si può conseguentemente effettuare una valutazione del probabile
rischio di danno in merito ai risentimenti provocati sugli edifici dallo scavo delle gallerie.
Nel seguito si riassumono i criteri di classificazione del danno rispettivamente basati sulla
determinazione della distorsione limite e sulla stima delle deformazioni di trazione generate nelle
strutture secondo le formulazioni di Mayer, Burland e Taylor.
Alla luce di un’attenta analisi delle interferenze presenti lungo la tratta in esame, l’analisi dei
cedimenti è stata finalizzata agli edifici ritenuti più significativi per lo studio proposto. Come riportato
sugli elaborati planimetrici si è considerata una fascia variabile tra 50 m circa, in funzione delle
coperture presenti e del diametro di scavo.
Una volta determinato il regime di cedimenti indotto dallo scavo delle future gallerie e valutate le
deformazioni associabili agli stessi si è proceduto ad individuare l’effetto indotto sui fabbricati
GENERAL CONTRACTOR ALTA SORVEGLIANZA

IG5103ECVROGN130X001A00 Foglio
115 di
128

mediante il calcolo delle categorie di danno secondo quanto riportato in letteratura (Mair e Taylor e
Burland,1996). Secondo tali approcci la categoria di danno è correlata con la deformazione unitaria
massima di allungamento εmax. Per i singoli edifici analizzati, sulla base della deformazione
massima di trazione εmax e del relativo bacino di subsidenza, è stato possibile associare ad un
valore di volume perso Vp (definito sulla base di contesti analoghi) un determinato valore del
parametro “categoria di danno” secondo quanto esposto nelle tabelle di sintesi riportate in
letteratura (Boscardin e Cording, 1989), ottenendo così una prima valutazione delle situazioni a
rischio.

11.2.5. Spostamenti e distorsioni limite

Al fine di stabilire le ripercussioni degli scavi sulle preesistenze in superficie, appare importante
individuare i valori limite di spostamento e distorsione.
Oltre al cedimento massimo, un parametro molto significativo per la valutazione dei danni a
fabbricati e manufatti è la “distorsione angolare” fra due punti dell’edificio/manufatto, essendo
principalmente il cedimento differenziale la causa dell’insorgere di lesioni e rotture.
Al riguardo, facendo riferimento alla bibliografia esistente sull’argomento, Skempton e MacDonald
(1956), basandosi sull’osservazione di 98 edifici e con riferimento anche allo studio di Ricceri e
Sorazo (1985) su 25 strutture realizzate in Italia, evidenziano che non si ha comparsa di fessure
sulle strutture di tamponamento fino a valori di β < 1/300 e per vedere danni sulle strutture portanti in
calcestruzzo è necessario arrivare a valori di β pari a 1/150.
In Polschin e Tokar (1957) si considera un approccio più conservativo, indicando valori ammissibili
pari a 1/500 per strutture a telaio in calcestruzzo armato con tamponature, e pari a 1/200 per telai
aperti.
Stessi valori vengono indicati anche nell’ambito dell’Eurocodice 7, appendice H, dove si indica come
ammissibile una distorsione pari a 1/500, evidenziando una condizione di stato limite ultimo pari a
1/150.
Un criterio di classificazione dei rischi indotti dai cedimenti, relativamente a strutture in cemento
armato, è stato proposto da Rankin (1988) secondo quanto esposto nella tabella sottostante.
GENERAL CONTRACTOR ALTA SORVEGLIANZA

IG5103ECVROGN130X001A00 Foglio
116 di
128

Categoria Massima Massimo


distorsione cedimento Descrizione del rischio
di rischio dell’edificio dell’edificio [cm]
1 β < 1/500 w<1 Non visibile

Leggero: crepe facilmente


2 da 1/500 a 1/200 da 1 a 5
rimovibili con una tinteggiatura

Moderato:danni a porte e
3 da 1/200 a 1/50 da 5 a 7.5 finestre, danni da infiltrazione di
umidità
Alto: danni strutturali, necessità
4 β >1/50 w > 7.5 di riparazioni notevoli, pericoli di
instabilità
Tabella 20 – Criterio di classificazione del rischio di Rankin

Il valore del cedimento assoluto, come pure il valore differenziale, dovrà essere valutato in dettaglio
in funzione delle condizioni dell’edificio e delle reali geometrie delle fondazioni.
In prima battuta, in assenza informazioni puntuali sulle caratteristiche dei fabbricati, le analisi di
danno sono state condotte considerando il valore degli spostamenti assoluti e tenendo conto delle
deformazioni di trazione generate nelle strutture secondo le formulazioni di Mayer, Burland e Taylor,
come illustrato nel seguito.

11.2.6. Stima delle deformazioni e definizione delle categorie di danno

Nel caso in esame si è proceduto ad individuare la categoria di danno secondo quanto suggerito
dalla letteratura (Mair e Taylor e Burland – Prediction of ground movements and assessment of risk
of building damage due to bored tunneling). Come indicato in Mair, Taylor e Burland, la categoria di
danno è correlata con la deformazione unitaria massima di allungamento εmax.
La determinazione di tale deformazione può essere individuata assimilando l’edificio ad un corpo
elastico di altezza H, lunghezza L, momento d’inerzia I e rapporto tra moduli elastici E/G pari a 12.5
per il cemento armato e a 2.6 per la muratura. Nell’analisi svolta cautelativamente gli edifici misti
muratura-c.a. sono stati considerati con un valore di E/G pari a 2.6, assimilati quindi a edifici in
muratura.
Il bacino di subsidenza può essere suddiviso in due zone distinte in base alle modalità di
deformazione del piano campagna, come rappresentato in figura.
GENERAL CONTRACTOR ALTA SORVEGLIANZA

IG5103ECVROGN130X001A00 Foglio
117 di
128

Figura 41 – Zona di hogging e sagging

zona di hogging (concavità della deformata orientata verso il basso ):


momento d’inerzia edificio⇒ I=H3/3
distanza asse neutro dal lembo teso = H
zona di sagging (concavità della deformata rivolta verso l’alto):
momento d’inerzia edificio⇒ I=H3/12
distanza asse neutro dal lembo teso = H/2
Il punto di inflessione dello spostamento, (i), divide quindi l’edificio nelle due zone sopra indicate.
Nella zona di hogging (-i > y > i) dove l’asse neutro è pari ad H, tutti gli sforzi dovuti alla flessione
sono di trazione, mentre nella zona di sagging, dove l’asse neutro si assume pari ad H/2, la
flessione induce sforzi sia di compressione che di trazione.
Definita l’inflessione massima ∆/L, così come indicato dagli Autori, è possibile risalire alle
deformazioni unitarie massime per trazione.
Per quanto dovuto a sollecitazioni di flessione, le deformazioni si sviluppano parallelamente all’asse
dell’edificio e valgono:

∆ 1
εb =   ×
L  L   3EI 
 12t  +  2tLHG 
   
dove t = (H;H/2) secondo se ci si trova in zona Hogging o Sagging.
GENERAL CONTRACTOR ALTA SORVEGLIANZA

IG5103ECVROGN130X001A00 Foglio
118 di
128

Invece per le deformazioni dovute taglio si ha:

∆ 1
εd =   ×
L   HL2G 
1 +  
  18 EI 
Si considera inoltre il contributo dovuto alle deformazioni orizzontali (εh ) che verrà combinato con la
deformazione di flessione e taglio.
εbt = εh + εb

ε dt = 0.35ε h + ((0.65ε ) + ε )
h
2
d
2

Si ottiene quindi la massima deformazione di trazione εmax pari al valore massimo tra εbt e εdt
Si riportano nel seguito le tabelle di sintesi di Boscarding e Cording (1989).

Categoria Intensità del Deformazione limite di trazione


del danno danno εlim (%)
0 Trascurabile 0÷0.05
1 Molto lieve 0.05÷0.075
2 Lieve 0.075÷0.15
3 Moderata 0.15÷0.3
4 Severa 0.3÷0.45
5 Molto severa >0.45
Tabella 21 – Boscardin e Cording, 1989

Categoria del Intensità del Descrizione


danno danno

0 Trascurabile Fessure capillari con aperture ≤ 0.1mm.

Fessure sottili cui si rimedia facilmente con lavori di


pitturazione. Il danno è limitato agli intonaci delle pareti
1 Molto lieve
interne. Fessure alle parti esterne rilevabili con attento
esame. Tipica apertura delle lesioni ≤ 1mm.
Fessure facilmente stuccabili, ripitturazione necessaria.
2 Lieve Le fessure ricorrenti possono essere mascherate con
opportuni rivestimenti. Fessure anche visibili all’esterno;
GENERAL CONTRACTOR ALTA SORVEGLIANZA

IG5103ECVROGN130X001A00 Foglio
119 di
128

può essere necessaria qualche ripresa della spillatura


per garantire l’impermeabilità. Possibili difficoltà
nell’apertura di porte e finestre. Tipica apertura delle
lesioni ≤ 5m.
Le fessure richiedono cuci e scuci della muratura. Anche
all’esterno necessari interventi sulla muratura. Possibile
3 Moderata blocco di porte e finestre. Rottura di tubazioni. Spesso
l’impermeabilità non è garantità. Tipica apertura delle
lesioni 5 ÷ 15 mm, oppure molte lesioni ≤ 3.
Necessarie importanti riparazioni, compresa demolizione
e ricostruzione di parti di muri, specie al di sopra di porte
e finestre. I telai di porte e finestre si distorcono;
4 Severa percepibile pendenza di pavimenti. Muri inclinati o
spanciati; qualche perdita d’appoggio di travi. Tubazioni
distrutte. Tipica apertura delle lesioni 15 ÷ 25 mm,
dipendente anche dal numero di lesioni.
Richiesti importanti lavori con parziale e totale
demolizione e ricostruzione. Le travi perdono l’appoggio,
i muri si inclinano fortemente e richiedono puntellatura.
5 Molto severa
Pericolo di instabilità. Tipica apertura delle lesioni
superiori a 25 mm, dipendente anche dal numero di
lesioni.
Tabella 22 – Boscardin e Cording, 1989

La categoria di danno ammissibile per un fabbricato dipende dalle caratteristiche dell’edificio stesso,
ovvero dalla metodologia costruttiva (strutture in c.a./acciaio o muratura), dallo stato di
conservazione (stato buono o precario) e dalla destinazione d’uso. In particolare vengono ritenute
ammissibili le classi di danno inferiori alla 3.
GENERAL CONTRACTOR ALTA SORVEGLIANZA

IG5103ECVROGN130X001A00 Foglio
120 di
128

Categoria del Intensità del Descrizione


danno danno

0 Trascurabile Fessure capillari con aperture ≤ 0.1mm.

Fessure sottili cui si rimedia facilmente con lavori di


pitturazione. Il danno è limitato agli intonaci delle pareti
1 Molto lieve
interne. Fessure alle parti esterne rilevabili con attento
esame. Tipica apertura delle lesioni ≤ 1mm.
Fessure facilmente stuccabili, ripitturazione necessaria.
Le fessure ricorrenti possono essere mascherate con
opportuni rivestimenti. Fessure anche visibili all’esterno;
2 Lieve può essere necessaria qualche ripresa della spillatura
per garantire l’impermeabilità. Possibili difficoltà
nell’apertura di porte e finestre. Tipica apertura delle
lesioni ≤ 5m.
Le fessure richiedono cuci e scuci della muratura. Anche
all’esterno necessari interventi sulla muratura. Possibile
3 Moderata blocco di porte e finestre. Rottura di tubazioni. Spesso
l’impermeabilità non è garantità. Tipica apertura delle
lesioni 5 ÷ 15 mm, oppure molte lesioni ≤ 3.
Necessarie importanti riparazioni, compresa demolizione
e ricostruzione di parti di muri, specie al di sopra di porte
e finestre. I telai di porte e finestre si distorcono;
4 Severa percepibile pendenza di pavimenti. Muri inclinati o
spanciati; qualche perdita d’appoggio di travi. Tubazioni
distrutte. Tipica apertura delle lesioni 15 ÷ 25 mm,
dipendente anche dal numero di lesioni.
Richiesti importanti lavori con parziale e totale
demolizione e ricostruzione. Le travi perdono l’appoggio,
i muri si inclinano fortemente e richiedono puntellatura.
5 Molto severa
Pericolo di instabilità. Tipica apertura delle lesioni
superiori a 25 mm, dipendente anche dal numero di
lesioni.
Tabella 23 – Boscardin e Cording, 1989

La categoria di danno ammissibile per un fabbricato dipende dalle caratteristiche dell’edificio stesso,
ovvero dalla metodologia costruttiva (strutture in c.a./acciaio o muratura), dallo stato di
conservazione (stato buono o precario) e dalla destinazione d’uso. In particolare vengono ritenute
ammissibili le classi di danno inferiori alla 3.
GENERAL CONTRACTOR ALTA SORVEGLIANZA

IG5103ECVROGN130X001A00 Foglio
121 di
128

11.3. Sintesi dei risultati

Nel seguito vengono riportati i risultati ottenuti a seguito delle analisi svolte considerando un volume
perso pari all’1% e al 2% e un parametro k=0.5.

11.3.1. Classificazione del danno sui fabbricati

Nella tratta in esame, in base alla documentazione disponibile (planimetrie e immagini satellitari),
sono stati identificati due edifici potenzialmente interferenti con l’opera in esame. La loro
identificazione è stata effettuata tracciando un’area di 75 metri intorno al tracciato della WBS GN13.
Per una rapida identificazione delle caratteristiche di ogni edificio interferente viene riportata una
tabella nel seguito. Le valutazioni proposte sono state effettuate senza specifiche schede di
censimento e gli unici strumenti a disposizione per definire i parametri necessari per le analisi sono
state le immagini satellitari e le planimetrie dell’area. Si ricorda che il piano di fondazioni è stato
posto ad 1.5 m sotto il piano campagna mentre è stata ipotizzata un’altezza degli edifici di 6.0 m.
Inoltre, a vantaggio di sicurezza, si è ipotizzato che tutte le strutture fossero in muratura.

Figura 42 – Edifici analizzati, tabella di sintesi

I dati mostrati si ritengono cautelativi per le analisi che saranno condotte ma dovranno essere
confermati dalle schede di censimento che verranno fornite in futuro.
Nella seguente figura, viene riportata la vista planimetrica con gli edifici analizzati, al fine di rendere
più chiara la lettura dei risultati ottenuti.
GENERAL CONTRACTOR ALTA SORVEGLIANZA

IG5103ECVROGN130X001A00 Foglio
122 di
128

75 m

Figura 43 – Planimetria interferenze

Nel seguito, ad inquadramento dell’area, viene invece mostrata un’immagine tratta da satellite in cui
viene riportata la vista dall’alto della zona in esame.

Figura 44 – Inquadramento dell’area


GENERAL CONTRACTOR ALTA SORVEGLIANZA

IG5103ECVROGN130X001A00 Foglio
123 di
128

Nella seguente tabella si riporta una sintesi comprendente la classe di danno calcolata per i due
edifici analizzati.

Tabella 24 – Sintesi dei risultati

Dai risultati dell’analisi effettuata, si riscontra che entrambi gli edifici ricadono nella categoria di
danno 0 per entrambe le ipotesi di volume perso. Ne risulta quindi che lo scavo della galleria
comporta danni classificati come trascurabili sugli edifici sovrastanti.
GENERAL CONTRACTOR ALTA SORVEGLIANZA

IG5103ECVROGN130X001A00 Foglio
124 di
128

12. CONCLUSIONI

Oggetto del presente elaborato è la descrizione delle principali problematiche legate allo scavo in
naturale del camerone tipo C previsto per la galleria di Valico necessario per il collegamento dei
tratti di galleria a singolo binario (tratti a doppia canna) con quelli contenenti il doppio binario (canna
singola). Tale opera si sviluppa dopo la galleria a doppio binario della Valico (afferente alla WBS
GN12) e si estende dalla PK 1+425.90 (B.P.) alla PK 1+660.12 (B.P.), coprendo quindi un tratto di
lunghezza pari a circa 234.20m. La massima copertura prevista per l’opera in esame risulta pari a
circa 95m e la formazione geomeccanica attraversata risulta essere costituita dalle Argille a
Palombini (aP).
Sono state esaminate le scelte progettuali effettuate con conseguente definizione delle sezioni tipo
d’avanzamento e la successiva verifica di tali sezioni, con riferimento alle condizioni critiche
rappresentative presenti lungo lo sviluppo della galleria. Le verifiche, condotte in conformità a
quanto previsto dal D.M. 1996, dimostrano l’idoneità della soluzione progettuale adottata.
Si sono inoltre svolte le analisi di subsidenza per gli edifici interferenti con lo scavo dell’opera in
esame.
GENERAL CONTRACTOR ALTA SORVEGLIANZA

IG5103ECVROGN130X001A00 Foglio
125 di
128

13. ALLEGATI DI CALCOLO

13.1. Stabilità del fronte


GENERAL CONTRACTOR ALTA SORVEGLIANZA

IG5103ECVROGN130X001A00 Foglio
126 di
128

13.2. Linee caratteristiche


GENERAL CONTRACTOR ALTA SORVEGLIANZA

IG5103ECVROGN130X001A00 Foglio
127 di
128

13.3. Analisi numeriche: Verifiche


GENERAL CONTRACTOR ALTA SORVEGLIANZA

IG5103ECVROGN130X001A00 Foglio
128 di
128

13.4. Analisi delle subsidenze


Camerone tipo C GN13 - AEXCAV. [m2] = 156
FACE STABILITY ANALYSIS - TAMEZ-CONEJO
DIAGNOSIS PHASE
scavo piena sezione

Tamez & Conejo (1985)

Geotecnical properties

Overburden ∆H γn c' φ' Excavated ∆H γn c' φ'


layers [m] [kNm-3] [kPa] [°] layers [m] [kNm-3] [kPa] [°]
Ap_GR1 75,0 27,0 520 40,0 Ap_GR1 11,4 27,0 520 40,0

Tunnel geometry

Type of ground CF/F CF Deep tunnel (Z>5D)


Total Overburden Z [m] 75,0 Equivalent tunnel diameter Deq [m] 14,1
Depth of water table W [m] 1000,0 Earth coefficient at rest k0 [-] 1,0
Excavated height h [m] 11,4 Depth coefficient kA [-] 1,0
Tunnel's width b [m] 16,00 Height of mass load at crown HP [m] 27,2
Free span length a [m] 1,0 Length of prisms in advance LP [m] 5,3

Prismatic volume properties

Aver. weight of load mass γP [kNm-3] 27,0 Aver. weight of Excav. layers γE [kNm-3] 27,0
Aver. cohesion of load mass c'P [kPa] 520,0 Aver. cohesion of Excav. layers c'E [kPa] 520,0
Aver. friction of load mass φ'P [°] 40,0 Aver. friction of load mass φ'E [°] 40,0

Effective soil press. at crown σ'V [kPa] 2025 hydraulic press. at crown u [kPa] 0

Shear resistance and Safety factor at Diagnosis phase

Shear resistance (prism 3) τm3 [kPa] 791 Safety factor (prism 3) FS3 22,57
Shear resistance (prisms 1-2) τm2 [kPa] 2049 Safety factor (MΣFR/MSFA) FSF 4,68

Permitted free span length amax [m] 61,6


Obtained safety factor SF 4,68
Pressure on primary supports PS [kPa] 681
Requierd pressure at face PE [kPa] 0 Requested safety factor SFR 2,00

Prismatic volume gravitating over the crown system of forces


Broms & Bennermark (1967)

σ
s u = cm
2
( )
σ cm = 0 . 0034 ⋅ m i 0 .8 ⋅ σ c ⋅ [1 . 029 + 0 . 025 ⋅ e ( − .01⋅ m i
]
) GSI

Input data

z0 γn σs σT σC mi GSI
Layers
[m] [kNm-3] [kPa] [kPa] [kPa] [-] [-]
Ap_GR1 80,7 27,0
0 0 0,0
0 0 35000 17,5 50
0 0 0,0
0 0 0,0

Results

∆H γn σC mi GSI σ0 σcm su
[m] [kNm-3] [kPa] [-] [-] [kPa] [kPa] [kPa]
80,7 27,0
0,0 0,0
35000,0 17,5 50,0 2178,9 6063,4 3031,7
0,0 0,0
0,0 0,0

Stability ratio N [-] 0,7

Neglectable deformations

Panet (1990)

Stability ratio N [-] 0,7


σ0 2 ⋅σ 0
NS = = Passive earth pressure Kp [-] 4,599
CU σ cm Deconfinement λe [-] 1,14

Stable face
Camerone tipo C GN13 - AEXCAV. [m2] = 156
FACE STABILITY ANALYSIS - TAMEZ-CONEJO
DIAGNOSIS PHASE
scavo piena sezione

Tamez & Conejo (1985)

Geotecnical properties

Overburden ∆H γn c' φ' Excavated ∆H γn c' φ'


layers [m] [kNm-3] [kPa] [°] layers [m] [kNm-3] [kPa] [°]
Ap_GR2a 75,0 27,0 300 38,0 Ap_GR2a 11,4 27,0 300 38,0

Tunnel geometry

Type of ground CF/F CF Deep tunnel (Z>5D)


Total Overburden Z [m] 75,0 Equivalent tunnel diameter Deq [m] 14,1
Depth of water table W [m] 1000,0 Earth coefficient at rest k0 [-] 1,0
Excavated height h [m] 11,4 Depth coefficient kA [-] 1,0
Tunnel's width b [m] 16,0 Height of mass load at crown HP [m] 27,2
Free span length a [m] 1,0 Length of prisms in advance LP [m] 5,6

Prismatic volume properties

Aver. weight of load mass γP [kNm-3] 27,0 Aver. weight of Excav. layers γE [kNm-3] 27,0
Aver. cohesion of load mass c'P [kPa] 300,0 Aver. cohesion of Excav. layers c'E [kPa] 300,0
Aver. friction of load mass φ'P [°] 38,0 Aver. friction of load mass φ'E [°] 38,0

Effective soil press. at crown σ'V [kPa] 2025 hydraulic press. at crown u [kPa] 0

Shear resistance and Safety factor at Diagnosis phase

Shear resistance (prism 3) τm3 [kPa] 552 Safety factor (prism 3) FS3 15,76
Shear resistance (prisms 1-2) τm2 [kPa] 1455 Safety factor (MΣFR/MSFA) FSF 3,24

Permitted free span length amax [m] 12,9


Obtained safety factor SF 3,24
Pressure on primary supports PS [kPa] 1086
Requierd pressure at face PE [kPa] 0 Requested safety factor SFR 2,00

Prismatic volume gravitating over the crown system of forces


Broms & Bennermark (1967)

σ
s u =
2
cm
( )
σ cm = 0 . 0034 ⋅ m i 0 .8 ⋅ σ c ⋅ [1 . 029 + 0 . 025 ⋅ e ( − .01⋅ m i
]
) GSI

Input data

z0 γn σs σT σC mi GSI
Layers
[m] [kNm-3] [kPa] [kPa] [kPa] [-] [-]
Ap_GR2a 80,72 27,0
0 0 0,0
0 0 12000 20 42
0 0 0,0
0 0 0,0

Results

∆H γn σC mi GSI σ0 σcm su
[m] [kNm-3] [kPa] [-] [-] [kPa] [kPa] [kPa]
80,7 27,0
0,0 0,0
12000,0 20,0 42,0 2179,4 1710,7 855,3
0,0 0,0
0,0 0,0

Stability ratio N [-] 2,5

Elastoplastic deformations

Panet (1990)

Stability ratio N [-] 2,5


σ0 2 ⋅σ 0
NS = = Passive earth pressure Kp [-] 4,204
CU σ cm Deconfinement λe [-] 0,77

Stable face
Camerone tipo C GN13 - AEXCAV. [m2] = 156
FACE STABILITY ANALYSIS - TAMEZ-CONEJO
THERAPY PHASE Parametro non influente al fine
sezione tipo 1 B2 del calcolo

Geotecnical properties

Overburden ∆H γn c' φ' Excavated ∆H γn c' φ'


layers [m] [kNm-3] [kPa] [°] layers [m] [kNm-3] [kPa] [°]
Ap_GR2a 75 27 300 38 Ap_GR2a 11,44 27 300 38

Tunnel geometry

Type of ground CF/F CF Deep tunnel (Z>5D)


Total Overburden Z [m] 75,0 Equivalent tunnel diameter Deq [m] 14,1
Depth of water table W [m] 1000,0 Earth coefficient at rest k0 [-] 1,0
Excavated height h [m] 11,4 Depth coefficient kA [-] 1,0
Tunnel's width b [m] 16,0 Height of mass load at crown HP [m] 27,2
Free span length a [m] 1,0 Length of prisms in advance LP [m] 5,6

Injection modality

Grout injection properties Face bolt properties


Cubic compression resistance Rck [MPa] 25,0 Tensile resistance of bar σb [MPa] 600,0
Injection influence ratio ii [-] 1 Tensile resistance at joint σj [MPa] 600,0
Curing factor γC [-] 1,0 Shear resistance of bar σt [MPa] 100,0
Material's safety factor γF [-] 1,6 Drilling diameter Ødril [mm] 100,0
Mortar's possion ratio νC [-] 0,2 External diameter Øext [mm] 60,0
Elastic module of mortar Ec [GPa] 20,0 Tube's Thickness thb [mm] 10,0
Grout-soil bond τa [kPa] 250,0 Overlapping length LLAP [m] 12,0
Injection penetrability coeff. αI [-] 1,0 Joint step ijoint [m] 24,0
ULS resistance of mortar σc [-] 15,6 Resistance area of single bar Ab [mm2] 1570,8

Improved face properties

Shear force resist. of bars Tt [kN] 157,1 Adopted number of bars Nb [-] 101,0
Tensile force resist. of bars TT [kN] 942,5 N° of bars for unit of area nb [m-2] 0,65
Pull-out resistance of bars TF [kN] 942,5 Confining pressure Pe [kPa] 610,2
Max. resistance offerd by bars Tmax [kN] 942,5 Increment of cohesion ∆c' [kPa] 625,5
Minimum needed bars nNS [-] -25,7 Improved cohesion at face c'eq [kPa] 925,5

Prismatic volume properties

Aver. weight of load mass γP [kNm-3] 27,0 Aver. weight of Excav. layers γE [kNm ]
-3
27,0
Aver. cohesion of load mass c'P [kPa] 300,0 Aver. cohesion of Excav. layers c'E [kPa] 300,0
Aver. friction of load mass φ'P [°] 38,0 Aver. friction of load mass φ'E [°] 38,0

Effective soil press. at crown σ'V [kPa] 2025 hydraulic press. at crown u [kPa] 0

Shear resistance and Safety factor at Diagnosis phase

Shear resistance (prism 3) τm3 [kPa] 552 Safety factor (prism 3) FS3 15,76
Shear resistance (prisms 1-2) τm2 [kPa] 1455 Safety factor (MΣFR/MSFA) FSF 4,64

Permitted free span length amax [m] 12,9


Obtained safety factor SF 4,64
Pressure on primary supports PS [kPa] 1086
Requierd pressure at face PE [kPa] 0 Requested safety factor SFR 2,00
Camerone tipo C GN13 - AEXCAV. [m2] = 156
FACE STABILITY ANALYSIS - TAMEZ-CONEJO
DIAGNOSIS PHASE
scavo piena sezione

Tamez & Conejo (1985)

Geotecnical properties

Overburden ∆H γn c' φ' Excavated ∆H γn c' φ'


layers [m] [kNm-3] [kPa] [°] layers [m] [kNm-3] [kPa] [°]
Ap_GR2b 75,0 27,0 250 33,0 Ap_GR2b 11,4 27,0 250 33,0

Tunnel geometry

Type of ground CF/F CF Deep tunnel (Z>5D)


Total Overburden Z [m] 75,0 Equivalent tunnel diameter Deq [m] 14,1
Depth of water table W [m] 1000,0 Earth coefficient at rest k0 [-] 1,0
Excavated height h [m] 11,4 Depth coefficient kA [-] 1,0
Tunnel's width b [m] 16,0 Height of mass load at crown HP [m] 27,2
Free span length a [m] 1,0 Length of prisms in advance LP [m] 6,2

Prismatic volume properties

Aver. weight of load mass γP [kNm-3] 27,0 Aver. weight of Excav. layers γE [kNm-3] 27,0
Aver. cohesion of load mass c'P [kPa] 250,0 Aver. cohesion of Excav. layers c'E [kPa] 250,0
Aver. friction of load mass φ'P [°] 33,0 Aver. friction of load mass φ'E [°] 33,0

Effective soil press. at crown σ'V [kPa] 2025 hydraulic press. at crown u [kPa] 0

Shear resistance and Safety factor at Diagnosis phase

Shear resistance (prism 3) τm3 [kPa] 460 Safety factor (prism 3) FS3 13,12
Shear resistance (prisms 1-2) τm2 [kPa] 1320 Safety factor (MΣFR/MSFA) FSF 2,87

Permitted free span length amax [m] 8,5


Obtained safety factor SF 2,87
Pressure on primary supports PS [kPa] 1244
Requierd pressure at face PE [kPa] 0 Requested safety factor SFR 2,00

Prismatic volume gravitating over the crown system of forces


Broms & Bennermark (1967)

σ
s u = cm
2
( )
σ cm = 0 . 0034 ⋅ m i 0 .8 ⋅ σ c ⋅ [1 . 029 + 0 . 025 ⋅ e ( − .01⋅ m i
]
) GSI

Input data

z0 γn σs σT σC mi GSI
Layers
[m] [kNm-3] [kPa] [kPa] [kPa] [-] [-]
Ap_GR2b 80,7 27,0
0 0 0,0
0 0 10000 17,5 37
0 0 0,0
0 0 0,0

Results

∆H γn σC mi GSI σ0 σcm su
[m] [kNm-3] [kPa] [-] [-] [kPa] [kPa] [kPa]
80,7 27,0
0,0 0,0
10000,0 17,5 37,0 2178,9 1130,7 565,3
0,0 0,0
0,0 0,0

Stability ratio N [-] 3,9

Elastoplastic deformations

Panet (1990)

Stability ratio N [-] 3,9


σ0 2 ⋅σ 0
NS = = Passive earth pressure Kp [-] 3,392
CU σ cm Deconfinement λe [-] 0,66

Stable face
Camerone tipo C GN13- AEXCAV. [m2] = 156
FACE STABILITY ANALYSIS - TAMEZ-CONEJO
THERAPY PHASE Parametro non influente al fine
sezione tipo 1 B2 del calcolo

Geotecnical properties

Overburden ∆H γn c' φ' Excavated ∆H γn c' φ'


layers [m] [kNm-3] [kPa] [°] layers [m] [kNm-3] [kPa] [°]
Ap_GR2b 75 27 250 33 Ap_GR2b 11,4 27 300 26

Tunnel geometry

Type of ground CF/F CF Deep tunnel (Z>5D)


Total Overburden Z [m] 75,0 Equivalent tunnel diameter Deq [m] 14,1
Depth of water table W [m] 1000,0 Earth coefficient at rest k0 [-] 1,0
Excavated height h [m] 11,4 Depth coefficient kA [-] 1,0
Tunnel's width b [m] 16,0 Height of mass load at crown HP [m] 27,2
Free span length a [m] 1,0 Length of prisms in advance LP [m] 7,1

Injection modality

Grout injection properties Face bolt properties


Cubic compression resistance Rck [MPa] 25,0 Tensile resistance of bar σb [MPa] 600,0
Injection influence ratio ii [-] 1 Tensile resistance at joint σj [MPa] 600,0
Curing factor γC [-] 1,0 Shear resistance of bar σt [MPa] 100,0
Material's safety factor γF [-] 1,6 Drilling diameter Ødril [mm] 100,0
Mortar's possion ratio νC [-] 0,2 External diameter Øext [mm] 60,0
Elastic module of mortar Ec [GPa] 20,0 Tube's Thickness thb [mm] 10,0
Grout-soil bond τa [kPa] 220,0 Overlapping length LLAP [m] 12,0
Injection penetrability coeff. αI [-] 1,0 Joint step ijoint [m] 24,0
ULS resistance of mortar σc [-] 15,6 Resistance area of single bar Ab [mm2] 1570,8

Improved face properties

Shear force resist. of bars Tt [kN] 157,1 Adopted number of bars Nb [-] 101,0
Tensile force resist. of bars TT [kN] 942,5 N° of bars for unit of area nb [m-2] 0,65
Pull-out resistance of bars TF [kN] 829,4 Confining pressure Pe [kPa] 537,0
Max. resistance offerd by bars Tmax [kN] 829,4 Increment of cohesion ∆c' [kPa] 429,7
Minimum needed bars nNS [-] -28,0 Improved cohesion at face c'eq [kPa] 729,7

Prismatic volume properties

Aver. weight of load mass γP [kNm-3] 27,0 Aver. weight of Excav. layers γE [kNm ]
-3
27,0
Aver. cohesion of load mass c'P [kPa] 250,0 Aver. cohesion of Excav. layers c'E [kPa] 300,0
Aver. friction of load mass φ'P [°] 33,0 Aver. friction of load mass φ'E [°] 26,0

Effective soil press. at crown σ'V [kPa] 2025 hydraulic press. at crown u [kPa] 0

Shear resistance and Safety factor at Diagnosis phase

Shear resistance (prism 3) τm3 [kPa] 460 Safety factor (prism 3) FS3 13,12
Shear resistance (prisms 1-2) τm2 [kPa] 1405 Safety factor (MΣFR/MSFA) FSF 4,20

Permitted free span length amax [m] 8,5


Obtained safety factor SF 4,20
Pressure on primary supports PS [kPa] 1244
Requierd pressure at face PE [kPa] 0 Requested safety factor SFR 2,00
Camerone tipo C GN13 - AEXCAV. [m2] = 156
FACE STABILITY ANALYSIS - TAMEZ-CONEJO
DIAGNOSIS PHASE
scavo piena sezione

Tamez & Conejo (1985)

Geotecnical properties

Overburden ∆H γn c' φ' Excavated ∆H γn c' φ'


layers [m] [kNm-3] [kPa] [°] layers [m] [kNm-3] [kPa] [°]
Ap_GR3a 75,0 26,0 200 30,0 Ap_GR3a 11,4 26,0 200 30,0

Tunnel geometry

Type of ground CF/F CF Deep tunnel (Z>5D)


Total Overburden Z [m] 75,0 Equivalent tunnel diameter Deq [m] 14,1
Depth of water table W [m] 1000,0 Earth coefficient at rest k0 [-] 1,0
Excavated height h [m] 11,4 Depth coefficient kA [-] 1,0
Tunnel's width b [m] 16,0 Height of mass load at crown HP [m] 27,2
Free span length a [m] 1,0 Length of prisms in advance LP [m] 6,6

Prismatic volume properties

Aver. weight of load mass γP [kNm-3] 26,0 Aver. weight of Excav. layers γE [kNm-3] 26,0
Aver. cohesion of load mass c'P [kPa] 200,0 Aver. cohesion of Excav. layers c'E [kPa] 200,0
Aver. friction of load mass φ'P [°] 30,0 Aver. friction of load mass φ'E [°] 30,0

Effective soil press. at crown σ'V [kPa] 1950 hydraulic press. at crown u [kPa] 0

Shear resistance and Safety factor at Diagnosis phase

Shear resistance (prism 3) τm3 [kPa] 379 Safety factor (prism 3) FS3 11,25
Shear resistance (prisms 1-2) τm2 [kPa] 1161 Safety factor (MΣFR/MSFA) FSF 2,56

Permitted free span length amax [m] 6,3


Obtained safety factor SF 2,56
Pressure on primary supports PS [kPa] 1305
Requierd pressure at face PE [kPa] 0 Requested safety factor SFR 2,00

Prismatic volume gravitating over the crown system of forces


Broms & Bennermark (1967)

σ
s u =
2
cm
( )
σ cm = 0 . 0034 ⋅ m i 0 .8 ⋅ σ c ⋅ [1 . 029 + 0 . 025 ⋅ e ( − .01⋅ m i
]
) GSI

Input data

z0 γn σs σT σC mi GSI
Layers
[m] [kNm-3] [kPa] [kPa] [kPa] [-] [-]
Ap_GR3a 80,72 26,0
0 0 0,0
0 0 7000 19 33
0 0 0,0
0 0 0,0

Results

∆H γn σC mi GSI σ0 σcm su
[m] [kNm-3] [kPa] [-] [-] [kPa] [kPa] [kPa]
80,7 26,0
0,0 0,0
7000,0 19,0 33,0 2098,7 727,1 363,5
0,0 0,0
0,0 0,0

Stability ratio N [-] 5,8

Plastic deformations

Panet (1990)

Stability ratio N [-] 5,8


σ0 2 ⋅σ 0
NS = = Passive earth pressure Kp [-] 3,000
CU σ cm Deconfinement λe [-] 0,59

Short term face stability


Camerone tipo C GN13- AEXCAV. [m2] = 156
FACE STABILITY ANALYSIS - TAMEZ-CONEJO
THERAPY PHASE Parametro non influente al fine
sezione tipo 1 C2 del calcolo

Geotecnical properties

Overburden ∆H γn c' φ' Excavated ∆H γn c' φ'


layers [m] [kNm-3] [kPa] [°] layers [m] [kNm-3] [kPa] [°]
Ap_GR3a 73 26 200 30 Ap_GR3a 11,4 26 200 30
Coronella 2 26,0 500 1,0

Tunnel geometry

Type of ground CF/F CF Deep tunnel (Z>5D)


Total Overburden Z [m] 75,0 Equivalent tunnel diameter Deq [m] 14,1
Depth of water table W [m] 1000,0 Earth coefficient at rest k0 [-] 1,0
Excavated height h [m] 11,4 Depth coefficient kA [-] 1,0
Tunnel's width b [m] 16,0 Height of mass load at crown HP [m] 27,2
Free span length a [m] 1,0 Length of prisms in advance LP [m] 6,6

Injection modality

Grout injection properties Face bolt properties


Cubic compression resistance Rck [MPa] 25,0 Tensile resistance of bar σb [MPa] 600,0
Injection influence ratio ii [-] 1 Tensile resistance at joint σj [MPa] 600,0
Curing factor γC [-] 1,0 Shear resistance of bar σt [MPa] 100,0
Material's safety factor γF [-] 1,6 Drilling diameter Ødril [mm] 100,0
Mortar's possion ratio νC [-] 0,2 External diameter Øext [mm] 60,0
Elastic module of mortar Ec [GPa] 20,0 Tube's Thickness thb [mm] 10,0
Grout-soil bond τa [kPa] 150,0 Overlapping length LLAP [m] 12,0
Injection penetrability coeff. αI [-] 1,0 Joint step ijoint [m] 24,0
ULS resistance of mortar σc [-] 15,6 Resistance area of single bar Ab [mm2] 1570,8

Improved face properties

Shear force resist. of bars Tt [kN] 157,1 Adopted number of bars Nb [-] 101,0
Tensile force resist. of bars TT [kN] 942,5 N° of bars for unit of area nb [m-2] 0,65
Pull-out resistance of bars TF [kN] 565,5 Confining pressure Pe [kPa] 366,1
Max. resistance offerd by bars Tmax [kN] 565,5 Increment of cohesion ∆c' [kPa] 317,1
Minimum needed bars nNS [-] -12,5 Improved cohesion at face c'eq [kPa] 517,1

Prismatic volume properties

Aver. weight of load mass γP [kNm-3] 26,0 Aver. weight of Excav. layers γE [kNm ]
-3
26,0
Aver. cohesion of load mass c'P [kPa] 208,0 Aver. cohesion of Excav. layers c'E [kPa] 200,0
Aver. friction of load mass φ'P [°] 29,2 Aver. friction of load mass φ'E [°] 30,0

Effective soil press. at crown σ'V [kPa] 1950 hydraulic press. at crown u [kPa] 0

Shear resistance and Safety factor at Diagnosis phase

Shear resistance (prism 3) τm3 [kPa] 382 Safety factor (prism 3) FS3 11,32
Shear resistance (prisms 1-2) τm2 [kPa] 1169 Safety factor (MΣFR/MSFA) FSF 3,17

Permitted free span length amax [m] 6,4


Obtained safety factor SF 3,17
Pressure on primary supports PS [kPa] 1301
Requierd pressure at face PE [kPa] 0 Requested safety factor SFR 2,00
Camerone tipo C GN13 - AEXCAV. [m2] = 156
FACE STABILITY ANALYSIS - TAMEZ-CONEJO
DIAGNOSIS PHASE
scavo piena sezione

Tamez & Conejo (1985)

Geotecnical properties

Overburden ∆H γn c' φ' Excavated ∆H γn c' φ'


layers [m] [kNm-3] [kPa] [°] layers [m] [kNm-3] [kPa] [°]
Ap_GR3b 75,0 26,0 160 28,0 Ap_GR3b 11,4 26,0 160 28,0

Tunnel geometry

Type of ground CF/F CF Deep tunnel (Z>5D)


Total Overburden Z [m] 75,0 Equivalent tunnel diameter Deq [m] 14,1
Depth of water table W [m] 1000,0 Earth coefficient at rest k0 [-] 1,0
Excavated height h [m] 11,4 Depth coefficient kA [-] 1,0
Tunnel's width b [m] 16,00 Height of mass load at crown HP [m] 27,2
Free span length a [m] 1,0 Length of prisms in advance LP [m] 6,9

Prismatic volume properties

Aver. weight of load mass γP [kNm-3] 26,0 Aver. weight of Excav. layers γE [kNm-3] 26,0
Aver. cohesion of load mass c'P [kPa] 160,0 Aver. cohesion of Excav. layers c'E [kPa] 160,0
Aver. friction of load mass φ'P [°] 28,0 Aver. friction of load mass φ'E [°] 28,0

Effective soil press. at crown σ'V [kPa] 1950 hydraulic press. at crown u [kPa] 0

Shear resistance and Safety factor at Diagnosis phase

Shear resistance (prism 3) τm3 [kPa] 325 Safety factor (prism 3) FS3 9,64
Shear resistance (prisms 1-2) τm2 [kPa] 1053 Safety factor (MΣFR/MSFA) FSF 2,26

Permitted free span length amax [m] 4,9


Obtained safety factor SF 2,26
Pressure on primary supports PS [kPa] 1397
Requierd pressure at face PE [kPa] 0 Requested safety factor SFR 2,00

Prismatic volume gravitating over the crown system of forces


Broms & Bennermark (1967)

σ
s u =
2
cm
( )
σ cm = 0 . 0034 ⋅ m i 0 .8 ⋅ σ c ⋅ [1 . 029 + 0 . 025 ⋅ e ( − .01⋅ m i
]
) GSI

Input data

z0 γn σs σT σC mi GSI
Layers
[m] [kNm-3] [kPa] [kPa] [kPa] [-] [-]
Ap_GR3b 80,72 26,0
0 0 0,0
0 0 5000 19 28
0 0 0,0
0 0 0,0

Results

∆H γn σC mi GSI σ0 σcm su
[m] [kNm-3] [kPa] [-] [-] [kPa] [kPa] [kPa]
80,7 26,0
0,0 0,0
5000,0 19,0 28,0 2098,7 442,0 221,0
0,0 0,0
0,0 0,0

Stability ratio N [-] 9,5

Collapse

Panet (1990)

Stability ratio N [-] 9,5


σ0 2 ⋅σ 0
NS = = Passive earth pressure Kp [-] 2,770
CU σ cm Deconfinement λe [-] 0,53

Short term face stability


Camerone tipo C GN13- AEXCAV. [m2] = 156
FACE STABILITY ANALYSIS - TAMEZ-CONEJO
THERAPY PHASE Parametro non influente al fine
sezione tipo 1 C2 del calcolo

Geotecnical properties

Overburden ∆H γn c' φ' Excavated ∆H γn c' φ'


layers [m] [kNm-3] [kPa] [°] layers [m] [kNm-3] [kPa] [°]
Ap_GR3b 73 26 160 28 Ap_GR3b 11,44 26 160 28
Coronella 2 26,0 500 1,0

Tunnel geometry

Type of ground CF/F CF Deep tunnel (Z>5D)


Total Overburden Z [m] 75,0 Equivalent tunnel diameter Deq [m] 14,1
Depth of water table W [m] 1000,0 Earth coefficient at rest k0 [-] 1,0
Excavated height h [m] 11,4 Depth coefficient kA [-] 1,0
Tunnel's width b [m] 16,0 Height of mass load at crown HP [m] 27,2
Free span length a [m] 1,0 Length of prisms in advance LP [m] 6,9

Injection modality

Grout injection properties Face bolt properties


Cubic compression resistance Rck [MPa] 25,0 Tensile resistance of bar σb [MPa] 600,0
Injection influence ratio ii [-] 1 Tensile resistance at joint σj [MPa] 600,0
Curing factor γC [-] 1,0 Shear resistance of bar σt [MPa] 100,0
Material's safety factor γF [-] 1,6 Drilling diameter Ødril [mm] 100,0
Mortar's possion ratio νC [-] 0,2 External diameter Øext [mm] 60,0
Elastic module of mortar Ec [GPa] 20,0 Tube's Thickness thb [mm] 10,0
Grout-soil bond τa [kPa] 150,0 Overlapping length LLAP [m] 12,0
Injection penetrability coeff. αI [-] 1,0 Joint step ijoint [m] 24,0
ULS resistance of mortar σc [-] 15,6 Resistance area of single bar Ab [mm2] 1570,8

Improved face properties

Shear force resist. of bars Tt [kN] 157,1 Adopted number of bars Nb [-] 101,0
Tensile force resist. of bars TT [kN] 942,5 N° of bars for unit of area nb [m-2] 0,65
Pull-out resistance of bars TF [kN] 565,5 Confining pressure Pe [kPa] 366,1
Max. resistance offerd by bars Tmax [kN] 565,5 Increment of cohesion ∆c' [kPa] 304,7
Minimum needed bars nNS [-] 2,4 Improved cohesion at face c'eq [kPa] 464,7

Prismatic volume properties

Aver. weight of load mass γP [kNm-3] 26,0 Aver. weight of Excav. layers γE [kNm ]
-3
26,0
Aver. cohesion of load mass c'P [kPa] 169,1 Aver. cohesion of Excav. layers c'E [kPa] 160,0
Aver. friction of load mass φ'P [°] 27,3 Aver. friction of load mass φ'E [°] 28,0

Effective soil press. at crown σ'V [kPa] 1950 hydraulic press. at crown u [kPa] 0

Shear resistance and Safety factor at Diagnosis phase

Shear resistance (prism 3) τm3 [kPa] 329 Safety factor (prism 3) FS3 9,76
Shear resistance (prisms 1-2) τm2 [kPa] 1062 Safety factor (MΣFR/MSFA) FSF 2,81

Permitted free span length amax [m] 5,0


Obtained safety factor SF 2,81
Pressure on primary supports PS [kPa] 1390
Requierd pressure at face PE [kPa] 0 Requested safety factor SFR 2,00
Camerone tipo C GN13 - AEXCAV. [m2] = 245
FACE STABILITY ANALYSIS - TAMEZ-CONEJO
DIAGNOSIS PHASE
scavo piena sezione

Tamez & Conejo (1985)

Geotecnical properties

Overburden ∆H γn c' φ' Excavated ∆H γn c' φ'


layers [m] [kNm-3] [kPa] [°] layers [m] [kNm-3] [kPa] [°]
Ap_GR1 75,0 27,0 520 40,0 Ap_GR1 14,4 27,0 520 40,0

Tunnel geometry

Type of ground CF/F CF Medium deep tunnel (3D<Z<5D)


Total Overburden Z [m] 75,0 Equivalent tunnel diameter Deq [m] 17,7
Depth of water table W [m] 1000,0 Earth coefficient at rest k0 [-] 0,5
Excavated height h [m] 14,4 Depth coefficient kA [-] 0,7
Tunnel's width b [m] 20,37 Height of mass load at crown HP [m] 75,0
Free span length a [m] 1,0 Length of prisms in advance LP [m] 6,7

Prismatic volume properties

Aver. weight of load mass γP [kNm-3] 27,0 Aver. weight of Excav. layers γE [kNm-3] 27,0
Aver. cohesion of load mass c'P [kPa] 520,0 Aver. cohesion of Excav. layers c'E [kPa] 520,0
Aver. friction of load mass φ'P [°] 40,0 Aver. friction of load mass φ'E [°] 40,0

Effective soil press. at crown σ'V [kPa] 2025 hydraulic press. at crown u [kPa] 0

Shear resistance and Safety factor at Diagnosis phase

Shear resistance (prism 3) τm3 [kPa] 520 Safety factor (prism 3) FS3 40,41
Shear resistance (prisms 1-2) τm2 [kPa] 1048 Safety factor (MΣFR/MSFA) FSF 6,31

Permitted free span length amax [m] -49,3


Obtained safety factor SF 6,31
Pressure on primary supports PS [kPa] 110
Requierd pressure at face PE [kPa] 0 Requested safety factor SFR 2,00

Prismatic volume gravitating over the crown system of forces


Broms & Bennermark (1967)

σ
s u = cm
2
( )
σ cm = 0 . 0034 ⋅ m i 0 .8 ⋅ σ c ⋅ [1 . 029 + 0 . 025 ⋅ e ( − .01⋅ m i
]
) GSI

Input data

z0 γn σs σT σC mi GSI
Layers
[m] [kNm-3] [kPa] [kPa] [kPa] [-] [-]
Ap_GR1 82,2 27,0
0 0 0,0
0 0 35000 17,5 50
0 0 0,0
0 0 0,0

Results

∆H γn σC mi GSI σ0 σcm su
[m] [kNm-3] [kPa] [-] [-] [kPa] [kPa] [kPa]
82,2 27,0
0,0
35000,0 17,5 50,0 2219,4 6063,4 3031,7
0,0 0,0
0,0 0,0

Stability ratio N [-] 0,7

Neglectable deformations

Panet (1990)

Stability ratio N [-] 0,7


σ0 2 ⋅σ 0
NS = = Passive earth pressure Kp [-] 4,599
CU σ cm Deconfinement λe [-] 1,13

Stable face
Camerone tipo C GN13 - AEXCAV. [m2] = 245
FACE STABILITY ANALYSIS - TAMEZ-CONEJO
DIAGNOSIS PHASE
scavo piena sezione

Tamez & Conejo (1985)

Geotecnical properties

Overburden ∆H γn c' φ' Excavated ∆H γn c' φ'


layers [m] [kNm-3] [kPa] [°] layers [m] [kNm-3] [kPa] [°]
Ap_GR2a 75,0 27,0 300 38,0 Ap_GR2a 14,4 27,0 300 38,0

Tunnel geometry

Type of ground CF/F CF Medium deep tunnel (3D<Z<5D)


Total Overburden Z [m] 75,0 Equivalent tunnel diameter Deq [m] 17,7
Depth of water table W [m] 1000,0 Earth coefficient at rest k0 [-] 0,5
Excavated height h [m] 14,4 Depth coefficient kA [-] 0,7
Tunnel's width b [m] 20,4 Height of mass load at crown HP [m] 75,0
Free span length a [m] 1,0 Length of prisms in advance LP [m] 7,0

Prismatic volume properties

Aver. weight of load mass γP [kNm-3] 27,0 Aver. weight of Excav. layers γE [kNm-3] 27,0
Aver. cohesion of load mass c'P [kPa] 300,0 Aver. cohesion of Excav. layers c'E [kPa] 300,0
Aver. friction of load mass φ'P [°] 38,0 Aver. friction of load mass φ'E [°] 38,0

Effective soil press. at crown σ'V [kPa] 2025 hydraulic press. at crown u [kPa] 0

Shear resistance and Safety factor at Diagnosis phase

Shear resistance (prism 3) τm3 [kPa] 300 Safety factor (prism 3) FS3 23,31
Shear resistance (prisms 1-2) τm2 [kPa] 605 Safety factor (MΣFR/MSFA) FSF 3,66

Permitted free span length amax [m] 27,2


Obtained safety factor SF 3,66
Pressure on primary supports PS [kPa] 920
Requierd pressure at face PE [kPa] 0 Requested safety factor SFR 2,00

Prismatic volume gravitating over the crown system of forces


Broms & Bennermark (1967)

σ
s u = cm
2
( )
σ cm = 0 . 0034 ⋅ m i 0 .8 ⋅ σ c ⋅ [1 . 029 + 0 . 025 ⋅ e ( − .01⋅ m i
]
) GSI

Input data

z0 γn σs σT σC mi GSI
Layers
[m] [kNm-3] [kPa] [kPa] [kPa] [-] [-]
Ap_GR2a 82,2 27,0
0 0 0,0
0 0 12000 20 42
0 0 0,0
0 0 0,0

Results

∆H γn σC mi GSI σ0 σcm su
[m] [kNm-3] [kPa] [-] [-] [kPa] [kPa] [kPa]
82,2 27,0
0,0
12000,0 20,0 42,0 2219,4 1710,7 855,3
0,0 0,0
0,0 0,0

Stability ratio N [-] 2,6

Elastoplastic deformations

Panet (1990)

Stability ratio N [-] 2,6


σ0 2 ⋅σ 0
NS = = Passive earth pressure Kp [-] 4,204
CU σ cm Deconfinement λe [-] 0,76

Stable face
Camerone tipo C GN13 - AEXCAV. [m2] = 245
FACE STABILITY ANALYSIS - TAMEZ-CONEJO
THERAPY PHASE Parametro non influente al fine
sezione tipo 2 B2 del calcolo

Geotecnical properties

Overburden ∆H γn c' φ' Excavated ∆H γn c' φ'


layers [m] [kNm-3] [kPa] [°] layers [m] [kNm-3] [kPa] [°]
Ap_GR2a 75 27 300 38 Ap_GR2a 14,4 27 300 38

Tunnel geometry

Type of ground CF/F CF Medium deep tunnel (3D<Z<5D)


Total Overburden Z [m] 75,0 Equivalent tunnel diameter Deq [m] 17,7
Depth of water table W [m] 1000,0 Earth coefficient at rest k0 [-] 0,5
Excavated height h [m] 14,4 Depth coefficient kA [-] 0,7
Tunnel's width b [m] 20,4 Height of mass load at crown HP [m] 75,0
Free span length a [m] 1,0 Length of prisms in advance LP [m] 7,0

Injection modality

Grout injection properties Face bolt properties


Cubic compression resistance Rck [MPa] 25,0 Tensile resistance of bar σb [MPa] 600,0
Injection influence ratio ii [-] 1 Tensile resistance at joint σj [MPa] 600,0
Curing factor γC [-] 1,0 Shear resistance of bar σt [MPa] 100,0
Material's safety factor γF [-] 1,6 Drilling diameter Ødril [mm] 100,0
Mortar's possion ratio νC [-] 0,2 External diameter Øext [mm] 60,0
Elastic module of mortar Ec [GPa] 20,0 Tube's Thickness thb [mm] 10,0
Grout-soil bond τa [kPa] 250,0 Overlapping length LLAP [m] 12,0
Injection penetrability coeff. αI [-] 1,0 Joint step ijoint [m] 24,0
ULS resistance of mortar σc [-] 15,6 Resistance area of single bar Ab [mm2] 1570,8

Improved face properties

Shear force resist. of bars Tt [kN] 157,1 Adopted number of bars Nb [-] 130,0
Tensile force resist. of bars TT [kN] 942,5 N° of bars for unit of area nb [m-2] 0,53
Pull-out resistance of bars TF [kN] 942,5 Confining pressure Pe [kPa] 500,1
Max. resistance offerd by bars Tmax [kN] 942,5 Increment of cohesion ∆c' [kPa] 512,7
Minimum needed bars nNS [-] -40,3 Improved cohesion at face c'eq [kPa] 812,7

Prismatic volume properties

Aver. weight of load mass γP [kNm-3] 27,0 Aver. weight of Excav. layers γE [kNm ]
-3
27,0
Aver. cohesion of load mass c'P [kPa] 300,0 Aver. cohesion of Excav. layers c'E [kPa] 300,0
Aver. friction of load mass φ'P [°] 38,0 Aver. friction of load mass φ'E [°] 38,0

Effective soil press. at crown σ'V [kPa] 2025 hydraulic press. at crown u [kPa] 0

Shear resistance and Safety factor at Diagnosis phase

Shear resistance (prism 3) τm3 [kPa] 300 Safety factor (prism 3) FS3 23,31
Shear resistance (prisms 1-2) τm2 [kPa] 605 Safety factor (MΣFR/MSFA) FSF 4,86

Permitted free span length amax [m] 27,2


Obtained safety factor SF 4,86
Pressure on primary supports PS [kPa] 920
Requierd pressure at face PE [kPa] 0 Requested safety factor SFR 2,00
Camerone tipo C GN13 - AEXCAV. [m2] = 245
FACE STABILITY ANALYSIS - TAMEZ-CONEJO
DIAGNOSIS PHASE
scavo piena sezione

Tamez & Conejo (1985)

Geotecnical properties

Overburden ∆H γn c' φ' Excavated ∆H γn c' φ'


layers [m] [kNm-3] [kPa] [°] layers [m] [kNm-3] [kPa] [°]
Ap_GR2b 75,0 27,0 250 33,0 Ap_GR2b 14,4 27,0 250 33,0

Tunnel geometry

Type of ground CF/F CF Medium deep tunnel (3D<Z<5D)


Total Overburden Z [m] 75,0 Equivalent tunnel diameter Deq [m] 17,7
Depth of water table W [m] 1000,0 Earth coefficient at rest k0 [-] 0,5
Excavated height h [m] 14,4 Depth coefficient kA [-] 0,7
Tunnel's width b [m] 20,4 Height of mass load at crown HP [m] 75,0
Free span length a [m] 1,0 Length of prisms in advance LP [m] 7,8

Prismatic volume properties

Aver. weight of load mass γP [kNm-3] 27,0 Aver. weight of Excav. layers γE [kNm-3] 27,0
Aver. cohesion of load mass c'P [kPa] 250,0 Aver. cohesion of Excav. layers c'E [kPa] 250,0
Aver. friction of load mass φ'P [°] 33,0 Aver. friction of load mass φ'E [°] 33,0

Effective soil press. at crown σ'V [kPa] 2025 hydraulic press. at crown u [kPa] 0

Shear resistance and Safety factor at Diagnosis phase

Shear resistance (prism 3) τm3 [kPa] 250 Safety factor (prism 3) FS3 19,43
Shear resistance (prisms 1-2) τm2 [kPa] 504 Safety factor (MΣFR/MSFA) FSF 3,08

Permitted free span length amax [m] 15,7


Obtained safety factor SF 3,08
Pressure on primary supports PS [kPa] 1105
Requierd pressure at face PE [kPa] 0 Requested safety factor SFR 2,00

Prismatic volume gravitating over the crown system of forces


Broms & Bennermark (1967)

σ
s u = cm
2
( )
σ cm = 0 . 0034 ⋅ m i 0 .8 ⋅ σ c ⋅ [1 . 029 + 0 . 025 ⋅ e ( − .01⋅ m i
]
) GSI

Input data

z0 γn σs σT σC mi GSI
Layers
[m] [kNm-3] [kPa] [kPa] [kPa] [-] [-]
Ap_GR2b 82,2 27,0
0 0 0,0
0 0 10000 17,5 37
0 0 0,0
0 0 0,0

Results

∆H γn σC mi GSI σ0 σcm su
[m] [kNm-3] [kPa] [-] [-] [kPa] [kPa] [kPa]
82,2 27,0
0,0
10000,0 17,5 37,0 2219,4 1130,7 565,3
0,0 0,0
0,0 0,0

Stability ratio N [-] 3,9

Elastoplastic deformations

Panet (1990)

Stability ratio N [-] 3,9


σ0 2 ⋅σ 0
NS = = Passive earth pressure Kp [-] 3,392
CU σ cm Deconfinement λe [-] 0,66

Stable face
Camerone tipo C GN13- AEXCAV. [m2] = 245
FACE STABILITY ANALYSIS - TAMEZ-CONEJO
THERAPY PHASE Parametro non influente al fine
sezione tipo 2 B2 del calcolo

Geotecnical properties

Overburden ∆H γn c' φ' Excavated ∆H γn c' φ'


layers [m] [kNm-3] [kPa] [°] layers [m] [kNm-3] [kPa] [°]
Ap_GR2b 75 27 250 33 Ap_GR2b 14,4 27 300 26

Tunnel geometry

Type of ground CF/F CF Medium deep tunnel (3D<Z<5D)


Total Overburden Z [m] 75,0 Equivalent tunnel diameter Deq [m] 17,7
Depth of water table W [m] 1000,0 Earth coefficient at rest k0 [-] 0,5
Excavated height h [m] 14,4 Depth coefficient kA [-] 0,7
Tunnel's width b [m] 20,4 Height of mass load at crown HP [m] 75,0
Free span length a [m] 1,0 Length of prisms in advance LP [m] 9,0

Injection modality

Grout injection properties Face bolt properties


Cubic compression resistance Rck [MPa] 25,0 Tensile resistance of bar σb [MPa] 600,0
Injection influence ratio ii [-] 1 Tensile resistance at joint σj [MPa] 600,0
Curing factor γC [-] 1,0 Shear resistance of bar σt [MPa] 100,0
Material's safety factor γF [-] 1,6 Drilling diameter Ødril [mm] 100,0
Mortar's possion ratio νC [-] 0,2 External diameter Øext [mm] 60,0
Elastic module of mortar Ec [GPa] 20,0 Tube's Thickness thb [mm] 10,0
Grout-soil bond τa [kPa] 220,0 Overlapping length LLAP [m] 12,0
Injection penetrability coeff. αI [-] 1,0 Joint step ijoint [m] 24,0
ULS resistance of mortar σc [-] 15,6 Resistance area of single bar Ab [mm2] 1570,8

Improved face properties

Shear force resist. of bars Tt [kN] 157,1 Adopted number of bars Nb [-] 130,0
Tensile force resist. of bars TT [kN] 942,5 N° of bars for unit of area nb [m-2] 0,53
Pull-out resistance of bars TF [kN] 829,4 Confining pressure Pe [kPa] 440,1
Max. resistance offerd by bars Tmax [kN] 829,4 Increment of cohesion ∆c' [kPa] 352,1
Minimum needed bars nNS [-] -44,0 Improved cohesion at face c'eq [kPa] 652,1

Prismatic volume properties

Aver. weight of load mass γP [kNm-3] 27,0 Aver. weight of Excav. layers γE [kNm ]
-3
27,0
Aver. cohesion of load mass c'P [kPa] 250,0 Aver. cohesion of Excav. layers c'E [kPa] 300,0
Aver. friction of load mass φ'P [°] 33,0 Aver. friction of load mass φ'E [°] 26,0

Effective soil press. at crown σ'V [kPa] 2025 hydraulic press. at crown u [kPa] 0

Shear resistance and Safety factor at Diagnosis phase

Shear resistance (prism 3) τm3 [kPa] 250 Safety factor (prism 3) FS3 19,43
Shear resistance (prisms 1-2) τm2 [kPa] 555 Safety factor (MΣFR/MSFA) FSF 4,26

Permitted free span length amax [m] 15,7


Obtained safety factor SF 4,26
Pressure on primary supports PS [kPa] 1105
Requierd pressure at face PE [kPa] 0 Requested safety factor SFR 2,00
Camerone tipo C GN13 - AEXCAV. [m2] = 245
FACE STABILITY ANALYSIS - TAMEZ-CONEJO
DIAGNOSIS PHASE
scavo piena sezione

Tamez & Conejo (1985)

Geotecnical properties

Overburden ∆H γn c' φ' Excavated ∆H γn c' φ'


layers [m] [kNm-3] [kPa] [°] layers [m] [kNm-3] [kPa] [°]
Ap_GR3a 75,0 26,0 200 30,0 Ap_GR3a 14,4 26,0 200 30,0

Tunnel geometry

Type of ground CF/F CF Medium deep tunnel (3D<Z<5D)


Total Overburden Z [m] 75,0 Equivalent tunnel diameter Deq [m] 17,7
Depth of water table W [m] 1000,0 Earth coefficient at rest k0 [-] 0,5
Excavated height h [m] 14,4 Depth coefficient kA [-] 0,7
Tunnel's width b [m] 20,4 Height of mass load at crown HP [m] 75,0
Free span length a [m] 1,0 Length of prisms in advance LP [m] 8,3

Prismatic volume properties

Aver. weight of load mass γP [kNm-3] 26,0 Aver. weight of Excav. layers γE [kNm-3] 26,0
Aver. cohesion of load mass c'P [kPa] 200,0 Aver. cohesion of Excav. layers c'E [kPa] 200,0
Aver. friction of load mass φ'P [°] 30,0 Aver. friction of load mass φ'E [°] 30,0

Effective soil press. at crown σ'V [kPa] 1950 hydraulic press. at crown u [kPa] 0

Shear resistance and Safety factor at Diagnosis phase

Shear resistance (prism 3) τm3 [kPa] 200 Safety factor (prism 3) FS3 16,14
Shear resistance (prisms 1-2) τm2 [kPa] 403 Safety factor (MΣFR/MSFA) FSF 2,58

Permitted free span length amax [m] 10,3


Obtained safety factor SF 2,58
Pressure on primary supports PS [kPa] 1214
Requierd pressure at face PE [kPa] 0 Requested safety factor SFR 2,00

Prismatic volume gravitating over the crown system of forces


Broms & Bennermark (1967)

σ
s u = cm
2
( )
σ cm = 0 . 0034 ⋅ m i 0 .8 ⋅ σ c ⋅ [1 . 029 + 0 . 025 ⋅ e ( − .01⋅ m i
]
) GSI

Input data

z0 γn σs σT σC mi GSI
Layers
[m] [kNm-3] [kPa] [kPa] [kPa] [-] [-]
Ap_GR3a 82,2 26,0
0 0 0,0
0 0 7000 19 33
0 0 0,0
0 0 0,0

Results

∆H γn σC mi GSI σ0 σcm su
[m] [kNm-3] [kPa] [-] [-] [kPa] [kPa] [kPa]
82,2 26,0
0,0
7000,0 19,0 33,0 2137,2 727,1 363,5
0,0 0,0
0,0 0,0

Stability ratio N [-] 5,9

Plastic deformations

Panet (1990)

Stability ratio N [-] 5,9


σ0 2 ⋅σ 0
NS = = Passive earth pressure Kp [-] 3,000
CU σ cm Deconfinement λe [-] 0,59

Short term face stability


Camerone tipo C GN13- AEXCAV. [m2] = 245
FACE STABILITY ANALYSIS - TAMEZ-CONEJO
THERAPY PHASE Parametro non influente al fine
sezione tipo 2 C2 del calcolo

Geotecnical properties

Overburden ∆H γn c' φ' Excavated ∆H γn c' φ'


layers [m] [kNm-3] [kPa] [°] layers [m] [kNm-3] [kPa] [°]
Ap_GR3a 73 26 200 30 Ap_GR3a 14,4 26 200 30
Coronella 2 26,0 500 1,0

Tunnel geometry

Type of ground CF/F CF Medium deep tunnel (3D<Z<5D)


Total Overburden Z [m] 75,0 Equivalent tunnel diameter Deq [m] 17,7
Depth of water table W [m] 1000,0 Earth coefficient at rest k0 [-] 0,5
Excavated height h [m] 14,4 Depth coefficient kA [-] 0,7
Tunnel's width b [m] 20,4 Height of mass load at crown HP [m] 75,0
Free span length a [m] 1,0 Length of prisms in advance LP [m] 8,3

Injection modality

Grout injection properties Face bolt properties


Cubic compression resistance Rck [MPa] 25,0 Tensile resistance of bar σb [MPa] 600,0
Injection influence ratio ii [-] 1 Tensile resistance at joint σj [MPa] 600,0
Curing factor γC [-] 1,0 Shear resistance of bar σt [MPa] 100,0
Material's safety factor γF [-] 1,6 Drilling diameter Ødril [mm] 100,0
Mortar's possion ratio νC [-] 0,2 External diameter Øext [mm] 60,0
Elastic module of mortar Ec [GPa] 20,0 Tube's Thickness thb [mm] 10,0
Grout-soil bond τa [kPa] 150,0 Overlapping length LLAP [m] 12,0
Injection penetrability coeff. αI [-] 1,0 Joint step ijoint [m] 24,0
ULS resistance of mortar σc [-] 15,6 Resistance area of single bar Ab [mm2] 1570,8

Improved face properties

Shear force resist. of bars Tt [kN] 157,1 Adopted number of bars Nb [-] 130,0
Tensile force resist. of bars TT [kN] 942,5 N° of bars for unit of area nb [m-2] 0,53
Pull-out resistance of bars TF [kN] 565,5 Confining pressure Pe [kPa] 300,1
Max. resistance offerd by bars Tmax [kN] 565,5 Increment of cohesion ∆c' [kPa] 259,9
Minimum needed bars nNS [-] -19,6 Improved cohesion at face c'eq [kPa] 459,9

Prismatic volume properties

Aver. weight of load mass γP [kNm-3] 26,0 Aver. weight of Excav. layers γE [kNm ]
-3
26,0
Aver. cohesion of load mass c'P [kPa] 208,0 Aver. cohesion of Excav. layers c'E [kPa] 200,0
Aver. friction of load mass φ'P [°] 29,2 Aver. friction of load mass φ'E [°] 30,0

Effective soil press. at crown σ'V [kPa] 1950 hydraulic press. at crown u [kPa] 0

Shear resistance and Safety factor at Diagnosis phase

Shear resistance (prism 3) τm3 [kPa] 208 Safety factor (prism 3) FS3 16,79
Shear resistance (prisms 1-2) τm2 [kPa] 411 Safety factor (MΣFR/MSFA) FSF 3,13

Permitted free span length amax [m] 11,2


Obtained safety factor SF 3,13
Pressure on primary supports PS [kPa] 1184
Requierd pressure at face PE [kPa] 0 Requested safety factor SFR 2,00
Camerone tipo C GN13 - AEXCAV. [m2] = 245
FACE STABILITY ANALYSIS - TAMEZ-CONEJO
DIAGNOSIS PHASE
scavo piena sezione

Tamez & Conejo (1985)

Geotecnical properties

Overburden ∆H γn c' φ' Excavated ∆H γn c' φ'


layers [m] [kNm-3] [kPa] [°] layers [m] [kNm-3] [kPa] [°]
Ap_GR3b 75,0 26,0 160 28,0 Ap_GR3b 14,4 26,0 160 28,0

Tunnel geometry

Type of ground CF/F CF Medium deep tunnel (3D<Z<5D)


Total Overburden Z [m] 75,0 Equivalent tunnel diameter Deq [m] 17,7
Depth of water table W [m] 1000,0 Earth coefficient at rest k0 [-] 0,5
Excavated height h [m] 14,4 Depth coefficient kA [-] 0,7
Tunnel's width b [m] 20,37 Height of mass load at crown HP [m] 75,0
Free span length a [m] 1,0 Length of prisms in advance LP [m] 8,7

Prismatic volume properties

Aver. weight of load mass γP [kNm-3] 26,0 Aver. weight of Excav. layers γE [kNm-3] 26,0
Aver. cohesion of load mass c'P [kPa] 160,0 Aver. cohesion of Excav. layers c'E [kPa] 160,0
Aver. friction of load mass φ'P [°] 28,0 Aver. friction of load mass φ'E [°] 28,0

Effective soil press. at crown σ'V [kPa] 1950 hydraulic press. at crown u [kPa] 0

Shear resistance and Safety factor at Diagnosis phase

Shear resistance (prism 3) τm3 [kPa] 160 Safety factor (prism 3) FS3 12,91
Shear resistance (prisms 1-2) τm2 [kPa] 323 Safety factor (MΣFR/MSFA) FSF 2,07

Permitted free span length amax [m] 6,9


Obtained safety factor SF 2,07
Pressure on primary supports PS [kPa] 1361
Requierd pressure at face PE [kPa] 0 Requested safety factor SFR 2,00

Prismatic volume gravitating over the crown system of forces


Broms & Bennermark (1967)

σ
s u = cm
2
( )
σ cm = 0 . 0034 ⋅ m i 0 .8 ⋅ σ c ⋅ [1 . 029 + 0 . 025 ⋅ e ( − .01⋅ m i
]
) GSI

Input data

z0 γn σs σT σC mi GSI
Layers
[m] [kNm-3] [kPa] [kPa] [kPa] [-] [-]
Ap_GR3b 82,2 26,0
0 0 0,0
0 0 5000 19 28
0 0 0,0
0 0 0,0

Results

∆H γn σC mi GSI σ0 σcm su
[m] [kNm-3] [kPa] [-] [-] [kPa] [kPa] [kPa]
82,2 26,0
0,0
5000,0 19,0 28,0 2137,2 442,0 221,0
0,0 0,0
0,0 0,0

Stability ratio N [-] 9,7

Collapse

Panet (1990)

Stability ratio N [-] 9,7


σ0 2 ⋅σ 0
NS = = Passive earth pressure Kp [-] 2,770
CU σ cm Deconfinement λe [-] 0,52

Short term face stability


Camerone tipo C GN13- AEXCAV. [m2] = 245
FACE STABILITY ANALYSIS - TAMEZ-CONEJO
THERAPY PHASE Parametro non influente al fine
sezione tipo 2 C2 del calcolo

Geotecnical properties

Overburden ∆H γn c' φ' Excavated ∆H γn c' φ'


layers [m] [kNm-3] [kPa] [°] layers [m] [kNm-3] [kPa] [°]
Ap_GR3b 73 26 160 28 Ap_GR3b 14,4 26 160 28
Coronella 2 26,0 500 1,0

Tunnel geometry

Type of ground CF/F CF Medium deep tunnel (3D<Z<5D)


Total Overburden Z [m] 75,0 Equivalent tunnel diameter Deq [m] 17,7
Depth of water table W [m] 1000,0 Earth coefficient at rest k0 [-] 0,5
Excavated height h [m] 14,4 Depth coefficient kA [-] 0,7
Tunnel's width b [m] 20,4 Height of mass load at crown HP [m] 75,0
Free span length a [m] 1,0 Length of prisms in advance LP [m] 8,7

Injection modality

Grout injection properties Face bolt properties


Cubic compression resistance Rck [MPa] 25,0 Tensile resistance of bar σb [MPa] 600,0
Injection influence ratio ii [-] 1 Tensile resistance at joint σj [MPa] 600,0
Curing factor γC [-] 1,0 Shear resistance of bar σt [MPa] 100,0
Material's safety factor γF [-] 1,6 Drilling diameter Ødril [mm] 100,0
Mortar's possion ratio νC [-] 0,2 External diameter Øext [mm] 60,0
Elastic module of mortar Ec [GPa] 20,0 Tube's Thickness thb [mm] 10,0
Grout-soil bond τa [kPa] 150,0 Overlapping length LLAP [m] 12,0
Injection penetrability coeff. αI [-] 1,0 Joint step ijoint [m] 24,0
ULS resistance of mortar σc [-] 15,6 Resistance area of single bar Ab [mm2] 1570,8

Improved face properties

Shear force resist. of bars Tt [kN] 157,1 Adopted number of bars Nb [-] 130,0
Tensile force resist. of bars TT [kN] 942,5 N° of bars for unit of area nb [m-2] 0,53
Pull-out resistance of bars TF [kN] 565,5 Confining pressure Pe [kPa] 300,1
Max. resistance offerd by bars Tmax [kN] 565,5 Increment of cohesion ∆c' [kPa] 249,7
Minimum needed bars nNS [-] 3,8 Improved cohesion at face c'eq [kPa] 409,7

Prismatic volume properties

Aver. weight of load mass γP [kNm-3] 26,0 Aver. weight of Excav. layers γE [kNm ]
-3
26,0
Aver. cohesion of load mass c'P [kPa] 169,1 Aver. cohesion of Excav. layers c'E [kPa] 160,0
Aver. friction of load mass φ'P [°] 27,3 Aver. friction of load mass φ'E [°] 28,0

Effective soil press. at crown σ'V [kPa] 1950 hydraulic press. at crown u [kPa] 0

Shear resistance and Safety factor at Diagnosis phase

Shear resistance (prism 3) τm3 [kPa] 169 Safety factor (prism 3) FS3 13,64
Shear resistance (prisms 1-2) τm2 [kPa] 332 Safety factor (MΣFR/MSFA) FSF 2,54

Permitted free span length amax [m] 7,5


Obtained safety factor SF 2,54
Pressure on primary supports PS [kPa] 1328
Requierd pressure at face PE [kPa] 0 Requested safety factor SFR 2,00
Camerone tipo C GN13 - AEXCAV. [m2] = 106
FACE STABILITY ANALYSIS - TAMEZ-CONEJO
DIAGNOSIS PHASE
scavo cunicolo piedritto

Tamez & Conejo (1985)

Geotecnical properties

Overburden ∆H γn c' φ' Excavated ∆H γn c' φ'


layers [m] [kNm-3] [kPa] [°] layers [m] [kNm-3] [kPa] [°]
Ap_GR1 93,0 27,0 520 40,0 Ap_GR1 11,75 27,0 520 40,0

Tunnel geometry

Type of ground CF/F CF Deep tunnel (Z>5D)


Total Overburden Z [m] 93,0 Equivalent tunnel diameter Deq [m] 11,6
Depth of water table W [m] 1000,0 Earth coefficient at rest k0 [-] 1,0
Excavated height h [m] 11,8 Depth coefficient kA [-] 1,0
Tunnel's width b [m] 10,60 Height of mass load at crown HP [m] 18,0
Free span length a [m] 1,0 Length of prisms in advance LP [m] 5,5

Prismatic volume properties

Aver. weight of load mass γP [kNm-3] 27,0 Aver. weight of Excav. layers γE [kNm-3] 27,0
Aver. cohesion of load mass c'P [kPa] 520,0 Aver. cohesion of Excav. layers c'E [kPa] 520,0
Aver. friction of load mass φ'P [°] 40,0 Aver. friction of load mass φ'E [°] 40,0

Effective soil press. at crown σ'V [kPa] 2511 hydraulic press. at crown u [kPa] 0

Shear resistance and Safety factor at Diagnosis phase

Shear resistance (prism 3) τm3 [kPa] 945 Safety factor (prism 3) FS3 14,84
Shear resistance (prisms 1-2) τm2 [kPa] 2416 Safety factor (MΣFR/MSFA) FSF 3,95

Permitted free span length amax [m] 30,7


Obtained safety factor SF 3,95
Pressure on primary supports PS [kPa] 905
Requierd pressure at face PE [kPa] 0 Requested safety factor SFR 2,00

Prismatic volume gravitating over the crown system of forces


Broms & Bennermark (1967)

σ
s u = cm
2
( )
σ cm = 0 . 0034 ⋅ m i 0 .8 ⋅ σ c ⋅ [1 . 029 + 0 . 025 ⋅ e ( − .01⋅ m i
]
) GSI

Input data

z0 γn σs σT σC mi GSI
Layers
[m] [kNm-3] [kPa] [kPa] [kPa] [-] [-]
Ap_GR1 98,875 27,0
0 0 0,0
0 0 35000 17,5 50
0 0 0,0
0 0 0,0

Results

∆H γn σC mi GSI σ0 σcm su
[m] [kNm-3] [kPa] [-] [-] [kPa] [kPa] [kPa]
98,9 27,0
0,0
35000,0 17,5 50,0 2669,6 6063,4 3031,7
0,0 0,0
0,0 0,0

Stability ratio N [-] 0,9

Neglectable deformations

Panet (1990)

Stability ratio N [-] 0,9


σ0 2 ⋅σ 0
NS = = Passive earth pressure Kp [-] 4,599
CU σ cm Deconfinement λe [-] 1,05

Stable face
Camerone tipo C GN13 - AEXCAV. [m2] = 106
FACE STABILITY ANALYSIS - TAMEZ-CONEJO
DIAGNOSIS PHASE
scavo cunicolo piedritto

Tamez & Conejo (1985)

Geotecnical properties

Overburden ∆H γn c' φ' Excavated ∆H γn c' φ'


layers [m] [kNm-3] [kPa] [°] layers [m] [kNm-3] [kPa] [°]
Ap_GR2a 93,0 27,0 300 38,0 Ap_GR2a 11,75 27,0 300 38,0

Tunnel geometry

Type of ground CF/F CF Deep tunnel (Z>5D)


Total Overburden Z [m] 93,0 Equivalent tunnel diameter Deq [m] 11,6
Depth of water table W [m] 1000,0 Earth coefficient at rest k0 [-] 1,0
Excavated height h [m] 11,8 Depth coefficient kA [-] 1,0
Tunnel's width b [m] 10,6 Height of mass load at crown HP [m] 18,0
Free span length a [m] 1,0 Length of prisms in advance LP [m] 5,7

Prismatic volume properties

Aver. weight of load mass γP [kNm-3] 27,0 Aver. weight of Excav. layers γE [kNm-3] 27,0
Aver. cohesion of load mass c'P [kPa] 300,0 Aver. cohesion of Excav. layers c'E [kPa] 300,0
Aver. friction of load mass φ'P [°] 38,0 Aver. friction of load mass φ'E [°] 38,0

Effective soil press. at crown σ'V [kPa] 2511 hydraulic press. at crown u [kPa] 0

Shear resistance and Safety factor at Diagnosis phase

Shear resistance (prism 3) τm3 [kPa] 695 Safety factor (prism 3) FS3 10,92
Shear resistance (prisms 1-2) τm2 [kPa] 1822 Safety factor (MΣFR/MSFA) FSF 2,89

Permitted free span length amax [m] 8,9


Obtained safety factor SF 2,89
Pressure on primary supports PS [kPa] 1329
Requierd pressure at face PE [kPa] 0 Requested safety factor SFR 2,00

Prismatic volume gravitating over the crown system of forces


Broms & Bennermark (1967)

σ
s u = cm
2
( )
σ cm = 0 . 0034 ⋅ m i 0 .8 ⋅ σ c ⋅ [1 . 029 + 0 . 025 ⋅ e ( − .01⋅ m i
]
) GSI

Input data

z0 γn σs σT σC mi GSI
Layers
[m] [kNm-3] [kPa] [kPa] [kPa] [-] [-]
Ap_GR2a 98,875 27,0
0 0 0,0
0 0 12000 20 42
0 0 0,0
0 0 0,0

Results

∆H γn σC mi GSI σ0 σcm su
[m] [kNm-3] [kPa] [-] [-] [kPa] [kPa] [kPa]
98,9 27,0
0,0
12000,0 20,0 42,0 2669,6 1710,7 855,3
0,0 0,0
0,0 0,0

Stability ratio N [-] 3,1

Elastoplastic deformations

Panet (1990)

Stability ratio N [-] 3,1


σ0 2 ⋅σ 0
NS = = Passive earth pressure Kp [-] 4,204
CU σ cm Deconfinement λe [-] 0,74

Stable face
Camerone tipo C GN13 - AEXCAV. [m2] = 106
FACE STABILITY ANALYSIS - TAMEZ-CONEJO
THERAPY PHASE Parametro non influente al fine
sezione tipo 3 cunicolo B0 del calcolo

Geotecnical properties

Overburden ∆H γn c' φ' Excavated ∆H γn c' φ'


layers [m] [kNm-3] [kPa] [°] layers [m] [kNm-3] [kPa] [°]
Ap_GR2a 93 27 300 38 Ap_GR2a 11,75 27 300 38

Tunnel geometry

Type of ground CF/F CF Deep tunnel (Z>5D)


Total Overburden Z [m] 93,0 Equivalent tunnel diameter Deq [m] 11,6
Depth of water table W [m] 1000,0 Earth coefficient at rest k0 [-] 1,0
Excavated height h [m] 11,8 Depth coefficient kA [-] 1,0
Tunnel's width b [m] 10,6 Height of mass load at crown HP [m] 18,0
Free span length a [m] 2,0 Length of prisms in advance LP [m] 5,7

Injection modality

Grout injection properties Face bolt properties


Cubic compression resistance Rck [MPa] 25,0 Tensile resistance of bar σb [MPa] 600,0
Injection influence ratio ii [-] 1 Tensile resistance at joint σj [MPa] 600,0
Curing factor γC [-] 1,0 Shear resistance of bar σt [MPa] 100,0
Material's safety factor γF [-] 1,6 Drilling diameter Ødril [mm] 100,0
Mortar's possion ratio νC [-] 0,2 External diameter Øext [mm] 60,0
Elastic module of mortar Ec [GPa] 20,0 Tube's Thickness thb [mm] 10,0
Grout-soil bond τa [kPa] 90,0 Overlapping length LLAP [m] 12,0
Injection penetrability coeff. αI [-] 1,0 Joint step ijoint [m] 24,0
ULS resistance of mortar σc [-] 15,6 Resistance area of single bar Ab [mm2] 1570,8

Improved face properties

Shear force resist. of bars Tt [kN] 157,1 Adopted number of bars Nb [-] 0,0
Tensile force resist. of bars TT [kN] 942,5 N° of bars for unit of area nb [m-2] 0,00
Pull-out resistance of bars TF [kN] 339,3 Confining pressure Pe [kPa] 0,0
Max. resistance offerd by bars Tmax [kN] 339,3 Increment of cohesion ∆c' [kPa] 0,0
Minimum needed bars nNS [-] -38,1 Improved cohesion at face c'eq [kPa] 300,0

Prismatic volume properties

Aver. weight of load mass γP [kNm-3] 27,0 Aver. weight of Excav. layers γE [kNm ]
-3
27,0
Aver. cohesion of load mass c'P [kPa] 300,0 Aver. cohesion of Excav. layers c'E [kPa] 300,0
Aver. friction of load mass φ'P [°] 38,0 Aver. friction of load mass φ'E [°] 38,0

Effective soil press. at crown σ'V [kPa] 2511 hydraulic press. at crown u [kPa] 0

Shear resistance and Safety factor at Diagnosis phase

Shear resistance (prism 3) τm3 [kPa] 695 Safety factor (prism 3) FS3 5,93
Shear resistance (prisms 1-2) τm2 [kPa] 1822 Safety factor (MΣFR/MSFA) FSF 2,52

Permitted free span length amax [m] 8,9


Obtained safety factor SF 2,52
Pressure on primary supports PS [kPa] 1329
Requierd pressure at face PE [kPa] 0 Requested safety factor SFR 2,00
Camerone tipo C GN13 - AEXCAV. [m2] = 106
FACE STABILITY ANALYSIS - TAMEZ-CONEJO
DIAGNOSIS PHASE
scavo cunicolo piedritto

Tamez & Conejo (1985)

Geotecnical properties

Overburden ∆H γn c' φ' Excavated ∆H γn c' φ'


layers [m] [kNm-3] [kPa] [°] layers [m] [kNm-3] [kPa] [°]
Ap_GR2b 93,0 27,0 250 33,0 Ap_GR2b 11,75 27,0 250 33,0

Tunnel geometry

Type of ground CF/F CF Deep tunnel (Z>5D)


Total Overburden Z [m] 93,0 Equivalent tunnel diameter Deq [m] 11,6
Depth of water table W [m] 1000,0 Earth coefficient at rest k0 [-] 1,0
Excavated height h [m] 11,8 Depth coefficient kA [-] 1,0
Tunnel's width b [m] 10,6 Height of mass load at crown HP [m] 18,0
Free span length a [m] 1,0 Length of prisms in advance LP [m] 6,4

Prismatic volume properties

Aver. weight of load mass γP [kNm-3] 27,0 Aver. weight of Excav. layers γE [kNm-3] 27,0
Aver. cohesion of load mass c'P [kPa] 250,0 Aver. cohesion of Excav. layers c'E [kPa] 250,0
Aver. friction of load mass φ'P [°] 33,0 Aver. friction of load mass φ'E [°] 33,0

Effective soil press. at crown σ'V [kPa] 2511 hydraulic press. at crown u [kPa] 0

Shear resistance and Safety factor at Diagnosis phase

Shear resistance (prism 3) τm3 [kPa] 579 Safety factor (prism 3) FS3 9,09
Shear resistance (prisms 1-2) τm2 [kPa] 1687 Safety factor (MΣFR/MSFA) FSF 2,61

Permitted free span length amax [m] 5,8


Obtained safety factor SF 2,61
Pressure on primary supports PS [kPa] 1527
Requierd pressure at face PE [kPa] 0 Requested safety factor SFR 2,00

Prismatic volume gravitating over the crown system of forces


Broms & Bennermark (1967)

σ
s u = cm
2
( )
σ cm = 0 . 0034 ⋅ m i 0 .8 ⋅ σ c ⋅ [1 . 029 + 0 . 025 ⋅ e ( − .01⋅ m i
]
) GSI

Input data

z0 γn σs σT σC mi GSI
Layers
[m] [kNm-3] [kPa] [kPa] [kPa] [-] [-]
Ap_GR2b 98,875 27,0
0 0 0,0
0 0 10000 17,5 37
0 0 0,0
0 0 0,0

Results

∆H γn σC mi GSI σ0 σcm su
[m] [kNm-3] [kPa] [-] [-] [kPa] [kPa] [kPa]
98,9 27,0
0,0
10000,0 17,5 37,0 2669,6 1130,7 565,3
0,0 0,0
0,0 0,0

Stability ratio N [-] 4,7

Plastic deformations

Panet (1990)

Stability ratio N [-] 4,7


σ0 2 ⋅σ 0
NS = = Passive earth pressure Kp [-] 3,392
CU σ cm Deconfinement λe [-] 0,64

Stable face
Camerone tipo C GN13- AEXCAV. [m2] = 106
FACE STABILITY ANALYSIS - TAMEZ-CONEJO
THERAPY PHASE Parametro non influente al fine
sezione tipo 3 cunicolo B2 del calcolo

Geotecnical properties

Overburden ∆H γn c' φ' Excavated ∆H γn c' φ'


layers [m] [kNm-3] [kPa] [°] layers [m] [kNm-3] [kPa] [°]
Ap_GR2b 93 27 250 33 Ap_GR2b 11,75 27 300 26

Tunnel geometry

Type of ground CF/F CF Deep tunnel (Z>5D)


Total Overburden Z [m] 93,0 Equivalent tunnel diameter Deq [m] 11,6
Depth of water table W [m] 1000,0 Earth coefficient at rest k0 [-] 1,0
Excavated height h [m] 11,8 Depth coefficient kA [-] 1,0
Tunnel's width b [m] 10,6 Height of mass load at crown HP [m] 18,0
Free span length a [m] 1,0 Length of prisms in advance LP [m] 7,3

Injection modality

Grout injection properties Face bolt properties


Cubic compression resistance Rck [MPa] 25,0 Tensile resistance of bar σb [MPa] 600,0
Injection influence ratio ii [-] 1 Tensile resistance at joint σj [MPa] 600,0
Curing factor γC [-] 1,0 Shear resistance of bar σt [MPa] 100,0
Material's safety factor γF [-] 1,6 Drilling diameter Ødril [mm] 100,0
Mortar's possion ratio νC [-] 0,2 External diameter Øext [mm] 60,0
Elastic module of mortar Ec [GPa] 20,0 Tube's Thickness thb [mm] 10,0
Grout-soil bond τa [kPa] 220,0 Overlapping length LLAP [m] 6,0
Injection penetrability coeff. αI [-] 1,0 Joint step ijoint [m] 15,0
ULS resistance of mortar σc [-] 15,6 Resistance area of single bar Ab [mm2] 1570,8

Improved face properties

Shear force resist. of bars Tt [kN] 157,1 Adopted number of bars Nb [-] 50,0
Tensile force resist. of bars TT [kN] 942,5 N° of bars for unit of area nb [m-2] 0,47
Pull-out resistance of bars TF [kN] 414,7 Confining pressure Pe [kPa] 195,6
Max. resistance offerd by bars Tmax [kN] 414,7 Increment of cohesion ∆c' [kPa] 156,5
Minimum needed bars nNS [-] -24,2 Improved cohesion at face c'eq [kPa] 456,5

Prismatic volume properties

Aver. weight of load mass γP [kNm-3] 27,0 Aver. weight of Excav. layers γE [kNm ]
-3
27,0
Aver. cohesion of load mass c'P [kPa] 250,0 Aver. cohesion of Excav. layers c'E [kPa] 300,0
Aver. friction of load mass φ'P [°] 33,0 Aver. friction of load mass φ'E [°] 26,0

Effective soil press. at crown σ'V [kPa] 2511 hydraulic press. at crown u [kPa] 0

Shear resistance and Safety factor at Diagnosis phase

Shear resistance (prism 3) τm3 [kPa] 579 Safety factor (prism 3) FS3 9,09
Shear resistance (prisms 1-2) τm2 [kPa] 1772 Safety factor (MΣFR/MSFA) FSF 3,03

Permitted free span length amax [m] 5,8


Obtained safety factor SF 3,03
Pressure on primary supports PS [kPa] 1527
Requierd pressure at face PE [kPa] 0 Requested safety factor SFR 2,00
Camerone tipo C GN13 - AEXCAV. [m2] = 106
FACE STABILITY ANALYSIS - TAMEZ-CONEJO
DIAGNOSIS PHASE
scavo cunicolo piedritto

Tamez & Conejo (1985)

Geotecnical properties

Overburden ∆H γn c' φ' Excavated ∆H γn c' φ'


layers [m] [kNm-3] [kPa] [°] layers [m] [kNm-3] [kPa] [°]
Ap_GR3a 93,0 26,0 200 30,0 Ap_GR3a 11,75 26,0 200 30,0

Tunnel geometry

Type of ground CF/F CF Deep tunnel (Z>5D)


Total Overburden Z [m] 93,0 Equivalent tunnel diameter Deq [m] 11,6
Depth of water table W [m] 1000,0 Earth coefficient at rest k0 [-] 1,0
Excavated height h [m] 11,8 Depth coefficient kA [-] 1,0
Tunnel's width b [m] 10,6 Height of mass load at crown HP [m] 18,0
Free span length a [m] 1,0 Length of prisms in advance LP [m] 6,8

Prismatic volume properties

Aver. weight of load mass γP [kNm-3] 26,0 Aver. weight of Excav. layers γE [kNm-3] 26,0
Aver. cohesion of load mass c'P [kPa] 200,0 Aver. cohesion of Excav. layers c'E [kPa] 200,0
Aver. friction of load mass φ'P [°] 30,0 Aver. friction of load mass φ'E [°] 30,0

Effective soil press. at crown σ'V [kPa] 2418 hydraulic press. at crown u [kPa] 0

Shear resistance and Safety factor at Diagnosis phase

Shear resistance (prism 3) τm3 [kPa] 481 Safety factor (prism 3) FS3 7,85
Shear resistance (prisms 1-2) τm2 [kPa] 1515 Safety factor (MΣFR/MSFA) FSF 2,37

Permitted free span length amax [m] 4,4


Obtained safety factor SF 2,37
Pressure on primary supports PS [kPa] 1600
Requierd pressure at face PE [kPa] 0 Requested safety factor SFR 2,00

Prismatic volume gravitating over the crown system of forces


Broms & Bennermark (1967)

σ
s u = cm
2
( )
σ cm = 0 . 0034 ⋅ m i 0 .8 ⋅ σ c ⋅ [1 . 029 + 0 . 025 ⋅ e ( − .01⋅ m i
]
) GSI

Input data

z0 γn σs σT σC mi GSI
Layers
[m] [kNm-3] [kPa] [kPa] [kPa] [-] [-]
Ap_GR3a 98,875 26,0
0 0 0,0
0 0 7000 19 33
0 0 0,0
0 0 0,0

Results

∆H γn σC mi GSI σ0 σcm su
[m] [kNm-3] [kPa] [-] [-] [kPa] [kPa] [kPa]
98,9 26,0
0,0
7000,0 19,0 33,0 2570,8 727,1 363,5
0,0 0,0
0,0 0,0

Stability ratio N [-] 7,1

Collapse

Panet (1990)

Stability ratio N [-] 7,1


σ0 2 ⋅σ 0
NS = = Passive earth pressure Kp [-] 3,000
CU σ cm Deconfinement λe [-] 0,57

Short term face stability


Camerone tipo C GN13- AEXCAV. [m2] = 106
FACE STABILITY ANALYSIS - TAMEZ-CONEJO
THERAPY PHASE Parametro non influente al fine
sezione tipo 3 cunicolo B2 del calcolo

Geotecnical properties

Overburden ∆H γn c' φ' Excavated ∆H γn c' φ'


layers [m] [kNm-3] [kPa] [°] layers [m] [kNm-3] [kPa] [°]
Ap_GR3a 93 26 200 30 Ap_GR3a 11,8 26 200 30

Tunnel geometry

Type of ground CF/F CF Deep tunnel (Z>5D)


Total Overburden Z [m] 93,0 Equivalent tunnel diameter Deq [m] 11,6
Depth of water table W [m] 1000,0 Earth coefficient at rest k0 [-] 1,0
Excavated height h [m] 11,8 Depth coefficient kA [-] 1,0
Tunnel's width b [m] 10,6 Height of mass load at crown HP [m] 18,0
Free span length a [m] 1,0 Length of prisms in advance LP [m] 6,8

Injection modality

Grout injection properties Face bolt properties


Cubic compression resistance Rck [MPa] 25,0 Tensile resistance of bar σb [MPa] 600,0
Injection influence ratio ii [-] 1 Tensile resistance at joint σj [MPa] 600,0
Curing factor γC [-] 1,0 Shear resistance of bar σt [MPa] 100,0
Material's safety factor γF [-] 1,6 Drilling diameter Ødril [mm] 100,0
Mortar's possion ratio νC [-] 0,2 External diameter Øext [mm] 60,0
Elastic module of mortar Ec [GPa] 20,0 Tube's Thickness thb [mm] 10,0
Grout-soil bond τa [kPa] 150,0 Overlapping length LLAP [m] 6,0
Injection penetrability coeff. αI [-] 1,0 Joint step ijoint [m] 15,0
ULS resistance of mortar σc [-] 15,6 Resistance area of single bar Ab [mm2] 1570,8

Improved face properties

Shear force resist. of bars Tt [kN] 157,1 Adopted number of bars Nb [-] 50,0
Tensile force resist. of bars TT [kN] 942,5 N° of bars for unit of area nb [m-2] 0,47
Pull-out resistance of bars TF [kN] 282,7 Confining pressure Pe [kPa] 133,4
Max. resistance offerd by bars Tmax [kN] 282,7 Increment of cohesion ∆c' [kPa] 115,5
Minimum needed bars nNS [-] -0,2 Improved cohesion at face c'eq [kPa] 315,5

Prismatic volume properties

Aver. weight of load mass γP [kNm-3] 26,0 Aver. weight of Excav. layers γE [kNm ]
-3
26,0
Aver. cohesion of load mass c'P [kPa] 200,0 Aver. cohesion of Excav. layers c'E [kPa] 200,0
Aver. friction of load mass φ'P [°] 30,0 Aver. friction of load mass φ'E [°] 30,0

Effective soil press. at crown σ'V [kPa] 2418 hydraulic press. at crown u [kPa] 0

Shear resistance and Safety factor at Diagnosis phase

Shear resistance (prism 3) τm3 [kPa] 481 Safety factor (prism 3) FS3 7,85
Shear resistance (prisms 1-2) τm2 [kPa] 1515 Safety factor (MΣFR/MSFA) FSF 2,51

Permitted free span length amax [m] 4,4


Obtained safety factor SF 2,51
Pressure on primary supports PS [kPa] 1600
Requierd pressure at face PE [kPa] 0 Requested safety factor SFR 2,00
Camerone tipo C GN13 - AEXCAV. [m2] = 106
FACE STABILITY ANALYSIS - TAMEZ-CONEJO
DIAGNOSIS PHASE
scavo cunicolo piedritto

Tamez & Conejo (1985)

Geotecnical properties

Overburden ∆H γn c' φ' Excavated ∆H γn c' φ'


layers [m] [kNm-3] [kPa] [°] layers [m] [kNm-3] [kPa] [°]
Ap_GR3b 93,0 26,0 160 28,0 Ap_GR3b 11,75 26,0 160 28,0

Tunnel geometry

Type of ground CF/F CF Deep tunnel (Z>5D)


Total Overburden Z [m] 93,0 Equivalent tunnel diameter Deq [m] 11,6
Depth of water table W [m] 1000,0 Earth coefficient at rest k0 [-] 1,0
Excavated height h [m] 11,8 Depth coefficient kA [-] 1,0
Tunnel's width b [m] 10,60 Height of mass load at crown HP [m] 18,0
Free span length a [m] 1,0 Length of prisms in advance LP [m] 7,1

Prismatic volume properties

Aver. weight of load mass γP [kNm-3] 26,0 Aver. weight of Excav. layers γE [kNm-3] 26,0
Aver. cohesion of load mass c'P [kPa] 160,0 Aver. cohesion of Excav. layers c'E [kPa] 160,0
Aver. friction of load mass φ'P [°] 28,0 Aver. friction of load mass φ'E [°] 28,0

Effective soil press. at crown σ'V [kPa] 2418 hydraulic press. at crown u [kPa] 0

Shear resistance and Safety factor at Diagnosis phase

Shear resistance (prism 3) τm3 [kPa] 419 Safety factor (prism 3) FS3 6,84
Shear resistance (prisms 1-2) τm2 [kPa] 1407 Safety factor (MΣFR/MSFA) FSF 2,15

Permitted free span length amax [m] 3,4


Obtained safety factor SF 2,15
Pressure on primary supports PS [kPa] 1705
Requierd pressure at face PE [kPa] 0 Requested safety factor SFR 2,00

Prismatic volume gravitating over the crown system of forces


Broms & Bennermark (1967)

σ
s u = cm
2
( )
σ cm = 0 . 0034 ⋅ m i 0 .8 ⋅ σ c ⋅ [1 . 029 + 0 . 025 ⋅ e ( − .01⋅ m i
]
) GSI

Input data

z0 γn σs σT σC mi GSI
Layers
[m] [kNm-3] [kPa] [kPa] [kPa] [-] [-]
Ap_GR3b 98,875 26,0
0 0 0,0
0 0 5000 19 28
0 0 0,0
0 0 0,0

Results

∆H γn σC mi GSI σ0 σcm su
[m] [kNm-3] [kPa] [-] [-] [kPa] [kPa] [kPa]
98,9 26,0
0,0
5000,0 19,0 28,0 2570,8 442,0 221,0
0,0 0,0
0,0 0,0

Stability ratio N [-] 11,6

Collapse

Panet (1990)

Stability ratio N [-] 11,6


σ0 2 ⋅σ 0
NS = = Passive earth pressure Kp [-] 2,770
CU σ cm Deconfinement λe [-] 0,52

Short term face stability


Camerone tipo C GN13- AEXCAV. [m2] = 106
FACE STABILITY ANALYSIS - TAMEZ-CONEJO
THERAPY PHASE Parametro non influente al fine
sezione tipo 3 cunicolo B2 del calcolo

Geotecnical properties

Overburden ∆H γn c' φ' Excavated ∆H γn c' φ'


layers [m] [kNm-3] [kPa] [°] layers [m] [kNm-3] [kPa] [°]
Ap_GR3b 93 26 160 28 Ap_GR3b 11,75 26 160 28

Tunnel geometry

Type of ground CF/F CF Deep tunnel (Z>5D)


Total Overburden Z [m] 93,0 Equivalent tunnel diameter Deq [m] 11,6
Depth of water table W [m] 1000,0 Earth coefficient at rest k0 [-] 1,0
Excavated height h [m] 11,8 Depth coefficient kA [-] 1,0
Tunnel's width b [m] 10,6 Height of mass load at crown HP [m] 18,0
Free span length a [m] 1,0 Length of prisms in advance LP [m] 7,1

Injection modality

Grout injection properties Face bolt properties


Cubic compression resistance Rck [MPa] 25,0 Tensile resistance of bar σb [MPa] 600,0
Injection influence ratio ii [-] 1 Tensile resistance at joint σj [MPa] 600,0
Curing factor γC [-] 1,0 Shear resistance of bar σt [MPa] 100,0
Material's safety factor γF [-] 1,6 Drilling diameter Ødril [mm] 100,0
Mortar's possion ratio νC [-] 0,2 External diameter Øext [mm] 60,0
Elastic module of mortar Ec [GPa] 20,0 Tube's Thickness thb [mm] 10,0
Grout-soil bond τa [kPa] 150,0 Overlapping length LLAP [m] 6,0
Injection penetrability coeff. αI [-] 1,0 Joint step ijoint [m] 15,0
ULS resistance of mortar σc [-] 15,6 Resistance area of single bar Ab [mm2] 1570,8

Improved face properties

Shear force resist. of bars Tt [kN] 157,1 Adopted number of bars Nb [-] 50,0
Tensile force resist. of bars TT [kN] 942,5 N° of bars for unit of area nb [m-2] 0,47
Pull-out resistance of bars TF [kN] 282,7 Confining pressure Pe [kPa] 133,4
Max. resistance offerd by bars Tmax [kN] 282,7 Increment of cohesion ∆c' [kPa] 111,0
Minimum needed bars nNS [-] 21,4 Improved cohesion at face c'eq [kPa] 271,0

Prismatic volume properties

Aver. weight of load mass γP [kNm-3] 26,0 Aver. weight of Excav. layers γE [kNm ]
-3
26,0
Aver. cohesion of load mass c'P [kPa] 160,0 Aver. cohesion of Excav. layers c'E [kPa] 160,0
Aver. friction of load mass φ'P [°] 28,0 Aver. friction of load mass φ'E [°] 28,0

Effective soil press. at crown σ'V [kPa] 2418 hydraulic press. at crown u [kPa] 0

Shear resistance and Safety factor at Diagnosis phase

Shear resistance (prism 3) τm3 [kPa] 419 Safety factor (prism 3) FS3 6,84
Shear resistance (prisms 1-2) τm2 [kPa] 1407 Safety factor (MΣFR/MSFA) FSF 2,28

Permitted free span length amax [m] 3,4


Obtained safety factor SF 2,28
Pressure on primary supports PS [kPa] 1705
Requierd pressure at face PE [kPa] 0 Requested safety factor SFR 2,00
Camerone tipo C GN13 - AEXCAV. [m2] = 178
FACE STABILITY ANALYSIS - TAMEZ-CONEJO
DIAGNOSIS PHASE
scavo calotta

Tamez & Conejo (1985)

Geotecnical properties

Overburden ∆H γn c' φ' Excavated ∆H γn c' φ'


layers [m] [kNm-3] [kPa] [°] layers [m] [kNm-3] [kPa] [°]
Ap_GR1 93,0 27,0 520 40,0 Ap_GR1 9,8 27,0 520 40,0

Tunnel geometry

Type of ground CF/F CF Deep tunnel (Z>5D)


Total Overburden Z [m] 93,0 Equivalent tunnel diameter Deq [m] 15,1
Depth of water table W [m] 1000,0 Earth coefficient at rest k0 [-] 1,0
Excavated height h [m] 9,8 Depth coefficient kA [-] 1,0
Tunnel's width b [m] 24,50 Height of mass load at crown HP [m] 41,7
Free span length a [m] 1,0 Length of prisms in advance LP [m] 4,6

Prismatic volume properties

Aver. weight of load mass γP [kNm-3] 27,0 Aver. weight of Excav. layers γE [kNm-3] 27,0
Aver. cohesion of load mass c'P [kPa] 520,0 Aver. cohesion of Excav. layers c'E [kPa] 520,0
Aver. friction of load mass φ'P [°] 40,0 Aver. friction of load mass φ'E [°] 40,0

Effective soil press. at crown σ'V [kPa] 2511 hydraulic press. at crown u [kPa] 0

Shear resistance and Safety factor at Diagnosis phase

Shear resistance (prism 3) τm3 [kPa] 811 Safety factor (prism 3) FS3 28,00
Shear resistance (prisms 1-2) τm2 [kPa] 2097 Safety factor (MΣFR/MSFA) FSF 4,78

Permitted free span length amax [m] 33,4


Obtained safety factor SF 4,78
Pressure on primary supports PS [kPa] 1133
Requierd pressure at face PE [kPa] 0 Requested safety factor SFR 2,00

Prismatic volume gravitating over the crown system of forces


Broms & Bennermark (1967)

σ
s u =
2
cm
( )
σ cm = 0 . 0034 ⋅ m i 0 .8 ⋅ σ c ⋅ [1 . 029 + 0 . 025 ⋅ e ( − .01⋅ m i
]
) GSI

Input data

z0 γn σs σT σC mi GSI
Layers
[m] [kNm-3] [kPa] [kPa] [kPa] [-] [-]
Ap_GR1 97,88 27,0
0 0 0,0
0 0 35000 17,5 50
0 0 0,0
0 0 0,0

Results

∆H γn σC mi GSI σ0 σcm su
[m] [kNm-3] [kPa] [-] [-] [kPa] [kPa] [kPa]
97,9 27,0
0,0
35000,0 17,5 50,0 2642,8 6063,4 3031,7
0,0 0,0
0,0 0,0

Stability ratio N [-] 0,9

Neglectable deformations

Panet (1990)

Stability ratio N [-] 0,9


σ0 2 ⋅σ 0
NS = = Passive earth pressure Kp [-] 4,599
CU σ cm Deconfinement λe [-] 1,05

Stable face
Camerone tipo C GN13 - AEXCAV. [m2] = 178
FACE STABILITY ANALYSIS - TAMEZ-CONEJO
DIAGNOSIS PHASE
scavo calotta

Tamez & Conejo (1985)

Geotecnical properties

Overburden ∆H γn c' φ' Excavated ∆H γn c' φ'


layers [m] [kNm-3] [kPa] [°] layers [m] [kNm-3] [kPa] [°]
Ap_GR2a 93,0 27,0 300 38,0 Ap_GR2a 9,8 27,0 300 38,0

Tunnel geometry

Type of ground CF/F CF Deep tunnel (Z>5D)


Total Overburden Z [m] 93,0 Equivalent tunnel diameter Deq [m] 15,1
Depth of water table W [m] 1000,0 Earth coefficient at rest k0 [-] 1,0
Excavated height h [m] 9,8 Depth coefficient kA [-] 1,0
Tunnel's width b [m] 24,5 Height of mass load at crown HP [m] 41,7
Free span length a [m] 1,0 Length of prisms in advance LP [m] 4,8

Prismatic volume properties

Aver. weight of load mass γP [kNm-3] 27,0 Aver. weight of Excav. layers γE [kNm-3] 27,0
Aver. cohesion of load mass c'P [kPa] 300,0 Aver. cohesion of Excav. layers c'E [kPa] 300,0
Aver. friction of load mass φ'P [°] 38,0 Aver. friction of load mass φ'E [°] 38,0

Effective soil press. at crown σ'V [kPa] 2511 hydraulic press. at crown u [kPa] 0

Shear resistance and Safety factor at Diagnosis phase

Shear resistance (prism 3) τm3 [kPa] 571 Safety factor (prism 3) FS3 19,71
Shear resistance (prisms 1-2) τm2 [kPa] 1503 Safety factor (MΣFR/MSFA) FSF 3,36

Permitted free span length amax [m] 13,0


Obtained safety factor SF 3,36
Pressure on primary supports PS [kPa] 1541
Requierd pressure at face PE [kPa] 0 Requested safety factor SFR 2,00

Prismatic volume gravitating over the crown system of forces


Broms & Bennermark (1967)

σ
s u =
2
cm
( )
σ cm = 0 . 0034 ⋅ m i 0 .8 ⋅ σ c ⋅ [1 . 029 + 0 . 025 ⋅ e ( − .01⋅ m i
]
) GSI

Input data

z0 γn σs σT σC mi GSI
Layers
[m] [kNm-3] [kPa] [kPa] [kPa] [-] [-]
Ap_GR2a 97,88 27,0
0 0 0,0
0 0 12000 20 42
0 0 0,0
0 0 0,0

Results

∆H γn σC mi GSI σ0 σcm su
[m] [kNm-3] [kPa] [-] [-] [kPa] [kPa] [kPa]
97,9 27,0
0,0
12000,0 20,0 42,0 2642,8 1710,7 855,3
0,0 0,0
0,0 0,0

Stability ratio N [-] 3,1

Elastoplastic deformations

Panet (1990)

Stability ratio N [-] 3,1


σ0 2 ⋅σ 0
NS = = Passive earth pressure Kp [-] 4,204
CU σ cm Deconfinement λe [-] 0,74

Stable face
Camerone tipo C GN13 - AEXCAV. [m2] = 178
FACE STABILITY ANALYSIS - TAMEZ-CONEJO
THERAPY PHASE Parametro non influente al fine
sezione tipo 3 calotta del calcolo

Geotecnical properties

Overburden ∆H γn c' φ' Excavated ∆H γn c' φ'


layers [m] [kNm-3] [kPa] [°] layers [m] [kNm-3] [kPa] [°]
Ap_GR2a 93 27 300 38 Ap_GR2a 9,76 27 300 38
0 0 0 0 0
0 0 0 0 0 0 0 0 0 0
0 0 0 0 0 0 0 0

Tunnel geometry

Type of ground CF/F CF Deep tunnel (Z>5D)


Total Overburden Z [m] 93,0 Equivalent tunnel diameter Deq [m] 15,1
Depth of water table W [m] 1000,0 Earth coefficient at rest k0 [-] 1,0
Excavated height h [m] 9,8 Depth coefficient kA [-] 1,0
Tunnel's width b [m] 24,5 Height of mass load at crown HP [m] 41,7
Free span length a [m] 1,0 Length of prisms in advance LP [m] 4,8

Injection modality

Grout injection properties Face bolt properties


Cubic compression resistance Rck [MPa] 25,0 Tensile resistance of bar σb [MPa] 600,0
Injection influence ratio ii [-] 1 Tensile resistance at joint σj [MPa] 600,0
Curing factor γC [-] 1,0 Shear resistance of bar σt [MPa] 100,0
Material's safety factor γF [-] 1,6 Drilling diameter Ødril [mm] 100,0
Mortar's possion ratio νC [-] 0,2 External diameter Øext [mm] 60,0
Elastic module of mortar Ec [GPa] 20,0 Tube's Thickness thb [mm] 10,0
Grout-soil bond τa [kPa] 250,0 Overlapping length LLAP [m] 9,0
Injection penetrability coeff. αI [-] 1,0 Joint step ijoint [m] 18,0
ULS resistance of mortar σc [-] 15,6 Resistance area of single bar Ab [mm2] 1570,8

Improved face properties

Shear force resist. of bars Tt [kN] 157,1 Adopted number of bars Nb [-] 70,0
Tensile force resist. of bars TT [kN] 942,5 N° of bars for unit of area nb [m-2] 0,39
Pull-out resistance of bars TF [kN] 706,9 Confining pressure Pe [kPa] 278,0
Max. resistance offerd by bars Tmax [kN] 706,9 Increment of cohesion ∆c' [kPa] 285,0
Minimum needed bars nNS [-] -30,7 Improved cohesion at face c'eq [kPa] 585,0

Prismatic volume properties

Aver. weight of load mass γP [kNm-3] 27,0 Aver. weight of Excav. layers γE [kNm ]
-3
27,0
Aver. cohesion of load mass c'P [kPa] 300,0 Aver. cohesion of Excav. layers c'E [kPa] 300,0
Aver. friction of load mass φ'P [°] 38,0 Aver. friction of load mass φ'E [°] 38,0

Effective soil press. at crown σ'V [kPa] 2511 hydraulic press. at crown u [kPa] 0

Shear resistance and Safety factor at Diagnosis phase

Shear resistance (prism 3) τm3 [kPa] 571 Safety factor (prism 3) FS3 19,71
Shear resistance (prisms 1-2) τm2 [kPa] 1503 Safety factor (MΣFR/MSFA) FSF 3,77

Permitted free span length amax [m] 13,0


Obtained safety factor SF 3,77
Pressure on primary supports PS [kPa] 1541
Requierd pressure at face PE [kPa] 0 Requested safety factor SFR 2,00
Camerone tipo C GN13 - AEXCAV. [m2] = 178
FACE STABILITY ANALYSIS - TAMEZ-CONEJO
DIAGNOSIS PHASE
scavo calotta

Tamez & Conejo (1985)

Geotecnical properties

Overburden ∆H γn c' φ' Excavated ∆H γn c' φ'


layers [m] [kNm-3] [kPa] [°] layers [m] [kNm-3] [kPa] [°]
Ap_GR2b 93,0 27,0 250 33,0 Ap_GR2b 9,8 27,0 250 33,0

Tunnel geometry

Type of ground CF/F CF Deep tunnel (Z>5D)


Total Overburden Z [m] 93,0 Equivalent tunnel diameter Deq [m] 15,1
Depth of water table W [m] 1000,0 Earth coefficient at rest k0 [-] 1,0
Excavated height h [m] 9,8 Depth coefficient kA [-] 1,0
Tunnel's width b [m] 24,5 Height of mass load at crown HP [m] 41,7
Free span length a [m] 1,0 Length of prisms in advance LP [m] 5,3

Prismatic volume properties

Aver. weight of load mass γP [kNm-3] 27,0 Aver. weight of Excav. layers γE [kNm-3] 27,0
Aver. cohesion of load mass c'P [kPa] 250,0 Aver. cohesion of Excav. layers c'E [kPa] 250,0
Aver. friction of load mass φ'P [°] 33,0 Aver. friction of load mass φ'E [°] 33,0

Effective soil press. at crown σ'V [kPa] 2511 hydraulic press. at crown u [kPa] 0

Shear resistance and Safety factor at Diagnosis phase

Shear resistance (prism 3) τm3 [kPa] 475 Safety factor (prism 3) FS3 16,40
Shear resistance (prisms 1-2) τm2 [kPa] 1368 Safety factor (MΣFR/MSFA) FSF 2,95

Permitted free span length amax [m] 9,2


Obtained safety factor SF 2,95
Pressure on primary supports PS [kPa] 1703
Requierd pressure at face PE [kPa] 0 Requested safety factor SFR 2,00

Prismatic volume gravitating over the crown system of forces


Broms & Bennermark (1967)

σ
s u =
2
cm
( )
σ cm = 0 . 0034 ⋅ m i 0 .8 ⋅ σ c ⋅ [1 . 029 + 0 . 025 ⋅ e ( − .01⋅ m i
]
) GSI

Input data

z0 γn σs σT σC mi GSI
Layers
[m] [kNm-3] [kPa] [kPa] [kPa] [-] [-]
Ap_GR2b 97,88 27,0
0 0 0,0
0 0 10000 17,5 37
0 0 0,0
0 0 0,0

Results

∆H γn σC mi GSI σ0 σcm su
[m] [kNm-3] [kPa] [-] [-] [kPa] [kPa] [kPa]
97,9 27,0
0,0
10000,0 17,5 37,0 2642,8 1130,7 565,3
0,0 0,0
0,0 0,0

Stability ratio N [-] 4,7

Plastic deformations

Panet (1990)

Stability ratio N [-] 4,7


σ0 2 ⋅σ 0
NS = = Passive earth pressure Kp [-] 3,392
CU σ cm Deconfinement λe [-] 0,64

Stable face
Camerone tipo C GN13- AEXCAV. [m2] = 178
FACE STABILITY ANALYSIS - TAMEZ-CONEJO
THERAPY PHASE Parametro non influente al fine
sezione tipo 3 calotta del calcolo

Geotecnical properties

Overburden ∆H γn c' φ' Excavated ∆H γn c' φ'


layers [m] [kNm-3] [kPa] [°] layers [m] [kNm-3] [kPa] [°]
Ap_GR2b 93 27 250 33 Ap_GR2b 9,76 27 300 26
0 0 0

Tunnel geometry

Type of ground CF/F CF Deep tunnel (Z>5D)


Total Overburden Z [m] 93,0 Equivalent tunnel diameter Deq [m] 15,1
Depth of water table W [m] 1000,0 Earth coefficient at rest k0 [-] 1,0
Excavated height h [m] 9,8 Depth coefficient kA [-] 1,0
Tunnel's width b [m] 24,5 Height of mass load at crown HP [m] 41,7
Free span length a [m] 1,0 Length of prisms in advance LP [m] 6,1

Injection modality

Grout injection properties Face bolt properties


Cubic compression resistance Rck [MPa] 25,0 Tensile resistance of bar σb [MPa] 600,0
Injection influence ratio ii [-] 1 Tensile resistance at joint σj [MPa] 600,0
Curing factor γC [-] 1,0 Shear resistance of bar σt [MPa] 100,0
Material's safety factor γF [-] 1,6 Drilling diameter Ødril [mm] 100,0
Mortar's possion ratio νC [-] 0,2 External diameter Øext [mm] 60,0
Elastic module of mortar Ec [GPa] 20,0 Tube's Thickness thb [mm] 10,0
Grout-soil bond τa [kPa] 220,0 Overlapping length LLAP [m] 9,0
Injection penetrability coeff. αI [-] 1,0 Joint step ijoint [m] 18,0
ULS resistance of mortar σc [-] 15,6 Resistance area of single bar Ab [mm2] 1570,8

Improved face properties

Shear force resist. of bars Tt [kN] 157,1 Adopted number of bars Nb [-] 70,0
Tensile force resist. of bars TT [kN] 942,5 N° of bars for unit of area nb [m-2] 0,39
Pull-out resistance of bars TF [kN] 622,0 Confining pressure Pe [kPa] 244,6
Max. resistance offerd by bars Tmax [kN] 622,0 Increment of cohesion ∆c' [kPa] 195,7
Minimum needed bars nNS [-] -27,1 Improved cohesion at face c'eq [kPa] 495,7

Prismatic volume properties

Aver. weight of load mass γP [kNm-3] 27,0 Aver. weight of Excav. layers γE [kNm ]
-3
27,0
Aver. cohesion of load mass c'P [kPa] 250,0 Aver. cohesion of Excav. layers c'E [kPa] 300,0
Aver. friction of load mass φ'P [°] 33,0 Aver. friction of load mass φ'E [°] 26,0

Effective soil press. at crown σ'V [kPa] 2511 hydraulic press. at crown u [kPa] 0

Shear resistance and Safety factor at Diagnosis phase

Shear resistance (prism 3) τm3 [kPa] 475 Safety factor (prism 3) FS3 16,40
Shear resistance (prisms 1-2) τm2 [kPa] 1453 Safety factor (MΣFR/MSFA) FSF 3,49

Permitted free span length amax [m] 9,2


Obtained safety factor SF 3,49
Pressure on primary supports PS [kPa] 1703
Requierd pressure at face PE [kPa] 0 Requested safety factor SFR 2,00
Camerone tipo C GN13 - AEXCAV. [m2] = 178
FACE STABILITY ANALYSIS - TAMEZ-CONEJO
DIAGNOSIS PHASE
scavo calotta

Tamez & Conejo (1985)

Geotecnical properties

Overburden ∆H γn c' φ' Excavated ∆H γn c' φ'


layers [m] [kNm-3] [kPa] [°] layers [m] [kNm-3] [kPa] [°]
Ap_GR3a 93,0 26,0 200 30,0 Ap_GR3a 9,8 26,0 200 30,0

Tunnel geometry

Type of ground CF/F CF Deep tunnel (Z>5D)


Total Overburden Z [m] 93,0 Equivalent tunnel diameter Deq [m] 15,1
Depth of water table W [m] 1000,0 Earth coefficient at rest k0 [-] 1,0
Excavated height h [m] 9,8 Depth coefficient kA [-] 1,0
Tunnel's width b [m] 24,5 Height of mass load at crown HP [m] 41,7
Free span length a [m] 1,0 Length of prisms in advance LP [m] 5,6

Prismatic volume properties

Aver. weight of load mass γP [kNm-3] 26,0 Aver. weight of Excav. layers γE [kNm-3] 26,0
Aver. cohesion of load mass c'P [kPa] 200,0 Aver. cohesion of Excav. layers c'E [kPa] 200,0
Aver. friction of load mass φ'P [°] 30,0 Aver. friction of load mass φ'E [°] 30,0

Effective soil press. at crown σ'V [kPa] 2418 hydraulic press. at crown u [kPa] 0

Shear resistance and Safety factor at Diagnosis phase

Shear resistance (prism 3) τm3 [kPa] 393 Safety factor (prism 3) FS3 14,08
Shear resistance (prisms 1-2) τm2 [kPa] 1208 Safety factor (MΣFR/MSFA) FSF 2,63

Permitted free span length amax [m] 7,1


Obtained safety factor SF 2,63
Pressure on primary supports PS [kPa] 1750
Requierd pressure at face PE [kPa] 0 Requested safety factor SFR 2,00

Prismatic volume gravitating over the crown system of forces


Broms & Bennermark (1967)

σ
s u =
2
cm
( )
σ cm = 0 . 0034 ⋅ m i 0 .8 ⋅ σ c ⋅ [1 . 029 + 0 . 025 ⋅ e ( − .01⋅ m i
]
) GSI

Input data

z0 γn σs σT σC mi GSI
Layers
[m] [kNm-3] [kPa] [kPa] [kPa] [-] [-]
Ap_GR3a 97,88 26,0
0 0 0,0
0 0 7000 19 33
0 0 0,0
0 0 0,0

Results

∆H γn σC mi GSI σ0 σcm su
[m] [kNm-3] [kPa] [-] [-] [kPa] [kPa] [kPa]
97,9 26,0
0,0
7000,0 19,0 33,0 2544,9 727,1 363,5
0,0 0,0
0,0 0,0

Stability ratio N [-] 7,0

Collapse

Panet (1990)

Stability ratio N [-] 7,0


σ0 2 ⋅σ 0
NS = = Passive earth pressure Kp [-] 3,000
CU σ cm Deconfinement λe [-] 0,57

Short term face stability


Camerone tipo C GN13- AEXCAV. [m2] = 178
FACE STABILITY ANALYSIS - TAMEZ-CONEJO
THERAPY PHASE Parametro non influente al fine
sezione tipo 3 Calotta del calcolo

Geotecnical properties

Overburden ∆H γn c' φ' Excavated ∆H γn c' φ'


layers [m] [kNm-3] [kPa] [°] layers [m] [kNm-3] [kPa] [°]
Ap_GR3a 85 26 200 30 Ap_GR3a 9,8 26 200 30
Coronella 8 26,0 500 1,0

Tunnel geometry

Type of ground CF/F CF Deep tunnel (Z>5D)


Total Overburden Z [m] 93,0 Equivalent tunnel diameter Deq [m] 15,1
Depth of water table W [m] 1000,0 Earth coefficient at rest k0 [-] 1,0
Excavated height h [m] 9,8 Depth coefficient kA [-] 1,0
Tunnel's width b [m] 24,5 Height of mass load at crown HP [m] 41,7
Free span length a [m] 1,0 Length of prisms in advance LP [m] 5,6

Injection modality

Grout injection properties Face bolt properties


Cubic compression resistance Rck [MPa] 25,0 Tensile resistance of bar σb [MPa] 600,0
Injection influence ratio ii [-] 1 Tensile resistance at joint σj [MPa] 600,0
Curing factor γC [-] 1,0 Shear resistance of bar σt [MPa] 100,0
Material's safety factor γF [-] 1,6 Drilling diameter Ødril [mm] 100,0
Mortar's possion ratio νC [-] 0,2 External diameter Øext [mm] 60,0
Elastic module of mortar Ec [GPa] 20,0 Tube's Thickness thb [mm] 10,0
Grout-soil bond τa [kPa] 150,0 Overlapping length LLAP [m] 9,0
Injection penetrability coeff. αI [-] 1,0 Joint step ijoint [m] 18,0
ULS resistance of mortar σc [-] 15,6 Resistance area of single bar Ab [mm2] 1570,8

Improved face properties

Shear force resist. of bars Tt [kN] 157,1 Adopted number of bars Nb [-] 70,0
Tensile force resist. of bars TT [kN] 942,5 N° of bars for unit of area nb [m-2] 0,39
Pull-out resistance of bars TF [kN] 424,1 Confining pressure Pe [kPa] 166,8
Max. resistance offerd by bars Tmax [kN] 424,1 Increment of cohesion ∆c' [kPa] 144,4
Minimum needed bars nNS [-] -0,3 Improved cohesion at face c'eq [kPa] 344,4

Prismatic volume properties

Aver. weight of load mass γP [kNm-3] 26,0 Aver. weight of Excav. layers γE [kNm ]
-3
26,0
Aver. cohesion of load mass c'P [kPa] 225,8 Aver. cohesion of Excav. layers c'E [kPa] 200,0
Aver. friction of load mass φ'P [°] 27,5 Aver. friction of load mass φ'E [°] 30,0

Effective soil press. at crown σ'V [kPa] 2418 hydraulic press. at crown u [kPa] 0

Shear resistance and Safety factor at Diagnosis phase

Shear resistance (prism 3) τm3 [kPa] 400 Safety factor (prism 3) FS3 14,33
Shear resistance (prisms 1-2) τm2 [kPa] 1233 Safety factor (MΣFR/MSFA) FSF 2,87

Permitted free span length amax [m] 7,3


Obtained safety factor SF 2,87
Pressure on primary supports PS [kPa] 1739
Requierd pressure at face PE [kPa] 0 Requested safety factor SFR 2,00
Camerone tipo C GN13 - AEXCAV. [m2] = 178
FACE STABILITY ANALYSIS - TAMEZ-CONEJO
DIAGNOSIS PHASE
scavo calotta

Tamez & Conejo (1985)

Geotecnical properties

Overburden ∆H γn c' φ' Excavated ∆H γn c' φ'


layers [m] [kNm-3] [kPa] [°] layers [m] [kNm-3] [kPa] [°]
Ap_GR3b 93,0 26,0 160 28,0 Ap_GR3b 9,8 26,0 160 28,0

Tunnel geometry

Type of ground CF/F CF Deep tunnel (Z>5D)


Total Overburden Z [m] 93,0 Equivalent tunnel diameter Deq [m] 15,1
Depth of water table W [m] 1000,0 Earth coefficient at rest k0 [-] 1,0
Excavated height h [m] 9,8 Depth coefficient kA [-] 1,0
Tunnel's width b [m] 24,50 Height of mass load at crown HP [m] 41,7
Free span length a [m] 1,0 Length of prisms in advance LP [m] 5,9

Prismatic volume properties

Aver. weight of load mass γP [kNm-3] 26,0 Aver. weight of Excav. layers γE [kNm-3] 26,0
Aver. cohesion of load mass c'P [kPa] 160,0 Aver. cohesion of Excav. layers c'E [kPa] 160,0
Aver. friction of load mass φ'P [°] 28,0 Aver. friction of load mass φ'E [°] 28,0

Effective soil press. at crown σ'V [kPa] 2418 hydraulic press. at crown u [kPa] 0

Shear resistance and Safety factor at Diagnosis phase

Shear resistance (prism 3) τm3 [kPa] 337 Safety factor (prism 3) FS3 12,10
Shear resistance (prisms 1-2) τm2 [kPa] 1100 Safety factor (MΣFR/MSFA) FSF 2,32

Permitted free span length amax [m] 5,7


Obtained safety factor SF 2,32
Pressure on primary supports PS [kPa] 1844
Requierd pressure at face PE [kPa] 0 Requested safety factor SFR 2,00

Prismatic volume gravitating over the crown system of forces


Broms & Bennermark (1967)

σ
s u = cm
2
( )
σ cm = 0 . 0034 ⋅ m i 0 .8 ⋅ σ c ⋅ [1 . 029 + 0 . 025 ⋅ e ( − .01⋅ m i
]
) GSI

Input data

z0 γn σs σT σC mi GSI
Layers
[m] [kNm-3] [kPa] [kPa] [kPa] [-] [-]
Ap_GR3b 97,9 26,0
0 0 0,0
0 0 5000 19 28
0 0 0,0
0 0 0,0

Results

∆H γn σC mi GSI σ0 σcm su
[m] [kNm-3] [kPa] [-] [-] [kPa] [kPa] [kPa]
97,9 26,0
0,0
5000,0 19,0 28,0 2545,4 442,0 221,0
0,0 0,0
0,0 0,0

Stability ratio N [-] 11,5

Collapse

Panet (1990)

Stability ratio N [-] 11,5


σ0 2 ⋅σ 0
NS = = Passive earth pressure Kp [-] 2,770
CU σ cm Deconfinement λe [-] 0,52

Short term face stability


Camerone tipo C GN13- AEXCAV. [m2] = 178
FACE STABILITY ANALYSIS - TAMEZ-CONEJO
THERAPY PHASE Parametro non influente al fine
sezione tipo 3 Calotta del calcolo

Geotecnical properties

Overburden ∆H γn c' φ' Excavated ∆H γn c' φ'


layers [m] [kNm-3] [kPa] [°] layers [m] [kNm-3] [kPa] [°]
Ap_GR3b 85 26 160 28 Ap_GR3b 9,8 26 160 28
Coronella 8 26,0 500 1,0

Tunnel geometry

Type of ground CF/F CF Deep tunnel (Z>5D)


Total Overburden Z [m] 93,0 Equivalent tunnel diameter Deq [m] 15,1
Depth of water table W [m] 1000,0 Earth coefficient at rest k0 [-] 1,0
Excavated height h [m] 9,8 Depth coefficient kA [-] 1,0
Tunnel's width b [m] 24,5 Height of mass load at crown HP [m] 41,7
Free span length a [m] 1,0 Length of prisms in advance LP [m] 5,9

Injection modality

Grout injection properties Face bolt properties


Cubic compression resistance Rck [MPa] 25,0 Tensile resistance of bar σb [MPa] 600,0
Injection influence ratio ii [-] 1 Tensile resistance at joint σj [MPa] 600,0
Curing factor γC [-] 1,0 Shear resistance of bar σt [MPa] 100,0
Material's safety factor γF [-] 1,6 Drilling diameter Ødril [mm] 100,0
Mortar's possion ratio νC [-] 0,2 External diameter Øext [mm] 60,0
Elastic module of mortar Ec [GPa] 20,0 Tube's Thickness thb [mm] 10,0
Grout-soil bond τa [kPa] 150,0 Overlapping length LLAP [m] 9,0
Injection penetrability coeff. αI [-] 1,0 Joint step ijoint [m] 18,0
ULS resistance of mortar σc [-] 15,6 Resistance area of single bar Ab [mm2] 1570,8

Improved face properties

Shear force resist. of bars Tt [kN] 157,1 Adopted number of bars Nb [-] 70,0
Tensile force resist. of bars TT [kN] 942,5 N° of bars for unit of area nb [m-2] 0,39
Pull-out resistance of bars TF [kN] 424,1 Confining pressure Pe [kPa] 166,8
Max. resistance offerd by bars Tmax [kN] 424,1 Increment of cohesion ∆c' [kPa] 138,8
Minimum needed bars nNS [-] 24,0 Improved cohesion at face c'eq [kPa] 298,8

Prismatic volume properties

Aver. weight of load mass γP [kNm-3] 26,0 Aver. weight of Excav. layers γE [kNm ]
-3
26,0
Aver. cohesion of load mass c'P [kPa] 189,2 Aver. cohesion of Excav. layers c'E [kPa] 160,0
Aver. friction of load mass φ'P [°] 25,7 Aver. friction of load mass φ'E [°] 28,0

Effective soil press. at crown σ'V [kPa] 2418 hydraulic press. at crown u [kPa] 0

Shear resistance and Safety factor at Diagnosis phase

Shear resistance (prism 3) τm3 [kPa] 350 Safety factor (prism 3) FS3 12,54
Shear resistance (prisms 1-2) τm2 [kPa] 1129 Safety factor (MΣFR/MSFA) FSF 2,56

Permitted free span length amax [m] 6,0


Obtained safety factor SF 2,56
Pressure on primary supports PS [kPa] 1823
Requierd pressure at face PE [kPa] 0 Requested safety factor SFR 2,00
Camerone tipo C GN13 - AEXCAV. [m2] = 106
FACE STABILITY ANALYSIS - TAMEZ-CONEJO
DIAGNOSIS PHASE
scavo cunicolo piedritto

Tamez & Conejo (1985)

Geotecnical properties

Overburden ∆H γn c' φ' Excavated ∆H γn c' φ'


layers [m] [kNm-3] [kPa] [°] layers [m] [kNm-3] [kPa] [°]
Ap_GR1 93,0 27,0 520 40,0 Ap_GR1 11,75 27,0 520 40,0

Tunnel geometry

Type of ground CF/F CF Deep tunnel (Z>5D)


Total Overburden Z [m] 93,0 Equivalent tunnel diameter Deq [m] 11,6
Depth of water table W [m] 1000,0 Earth coefficient at rest k0 [-] 1,0
Excavated height h [m] 11,8 Depth coefficient kA [-] 1,0
Tunnel's width b [m] 10,60 Height of mass load at crown HP [m] 18,0
Free span length a [m] 1,0 Length of prisms in advance LP [m] 5,5

Prismatic volume properties

Aver. weight of load mass γP [kNm-3] 27,0 Aver. weight of Excav. layers γE [kNm-3] 27,0
Aver. cohesion of load mass c'P [kPa] 520,0 Aver. cohesion of Excav. layers c'E [kPa] 520,0
Aver. friction of load mass φ'P [°] 40,0 Aver. friction of load mass φ'E [°] 40,0

Effective soil press. at crown σ'V [kPa] 2511 hydraulic press. at crown u [kPa] 0

Shear resistance and Safety factor at Diagnosis phase

Shear resistance (prism 3) τm3 [kPa] 945 Safety factor (prism 3) FS3 14,84
Shear resistance (prisms 1-2) τm2 [kPa] 2416 Safety factor (MΣFR/MSFA) FSF 3,95

Permitted free span length amax [m] 30,7


Obtained safety factor SF 3,95
Pressure on primary supports PS [kPa] 905
Requierd pressure at face PE [kPa] 0 Requested safety factor SFR 2,00

Prismatic volume gravitating over the crown system of forces


Broms & Bennermark (1967)

σ
s u = cm
2
( )
σ cm = 0 . 0034 ⋅ m i 0 .8 ⋅ σ c ⋅ [1 . 029 + 0 . 025 ⋅ e ( − .01⋅ m i
]
) GSI

Input data

z0 γn σs σT σC mi GSI
Layers
[m] [kNm-3] [kPa] [kPa] [kPa] [-] [-]
Ap_GR1 98,875 27,0
0 0 0,0
0 0 35000 17,5 50
0 0 0,0
0 0 0,0

Results

∆H γn σC mi GSI σ0 σcm su
[m] [kNm-3] [kPa] [-] [-] [kPa] [kPa] [kPa]
98,9 27,0
0,0 0,0
35000,0 17,5 50,0 2669,6 6063,4 3031,7
0,0 0,0
0,0 0,0

Stability ratio N [-] 0,9

Neglectable deformations

Panet (1990)

Stability ratio N [-] 0,9


σ0 2 ⋅σ 0
NS = = Passive earth pressure Kp [-] 4,599
CU σ cm Deconfinement λe [-] 1,05

Stable face
Camerone tipo C GN13 - AEXCAV. [m2] = 106
FACE STABILITY ANALYSIS - TAMEZ-CONEJO
DIAGNOSIS PHASE
scavo cunicolo piedritto

Tamez & Conejo (1985)

Geotecnical properties

Overburden ∆H γn c' φ' Excavated ∆H γn c' φ'


layers [m] [kNm-3] [kPa] [°] layers [m] [kNm-3] [kPa] [°]
Ap_GR2a 93,0 27,0 300 38,0 Ap_GR2a 11,75 27,0 300 38,0

Tunnel geometry

Type of ground CF/F CF Deep tunnel (Z>5D)


Total Overburden Z [m] 93,0 Equivalent tunnel diameter Deq [m] 11,6
Depth of water table W [m] 1000,0 Earth coefficient at rest k0 [-] 1,0
Excavated height h [m] 11,8 Depth coefficient kA [-] 1,0
Tunnel's width b [m] 10,6 Height of mass load at crown HP [m] 18,0
Free span length a [m] 1,0 Length of prisms in advance LP [m] 5,7

Prismatic volume properties

Aver. weight of load mass γP [kNm-3] 27,0 Aver. weight of Excav. layers γE [kNm-3] 27,0
Aver. cohesion of load mass c'P [kPa] 300,0 Aver. cohesion of Excav. layers c'E [kPa] 300,0
Aver. friction of load mass φ'P [°] 38,0 Aver. friction of load mass φ'E [°] 38,0

Effective soil press. at crown σ'V [kPa] 2511 hydraulic press. at crown u [kPa] 0

Shear resistance and Safety factor at Diagnosis phase

Shear resistance (prism 3) τm3 [kPa] 695 Safety factor (prism 3) FS3 10,92
Shear resistance (prisms 1-2) τm2 [kPa] 1822 Safety factor (MΣFR/MSFA) FSF 2,89

Permitted free span length amax [m] 8,9


Obtained safety factor SF 2,89
Pressure on primary supports PS [kPa] 1329
Requierd pressure at face PE [kPa] 0 Requested safety factor SFR 2,00

Prismatic volume gravitating over the crown system of forces


Broms & Bennermark (1967)

σ
s u = cm
2
( )
σ cm = 0 . 0034 ⋅ m i 0 .8 ⋅ σ c ⋅ [1 . 029 + 0 . 025 ⋅ e ( − .01⋅ m i
]
) GSI

Input data

z0 γn σs σT σC mi GSI
Layers
[m] [kNm-3] [kPa] [kPa] [kPa] [-] [-]
Ap_GR2a 98,875 27,0
0 0 0,0
0 0 12000 20 42
0 0 0,0
0 0 0,0

Results

∆H γn σC mi GSI σ0 σcm su
[m] [kNm-3] [kPa] [-] [-] [kPa] [kPa] [kPa]
98,9 27,0
0,0 0,0
12000,0 20,0 42,0 2669,6 1710,7 855,3
0,0 0,0
0,0 0,0

Stability ratio N [-] 3,1

Elastoplastic deformations

Panet (1990)

Stability ratio N [-] 3,1


σ0 2 ⋅σ 0
NS = = Passive earth pressure Kp [-] 4,204
CU σ cm Deconfinement λe [-] 0,74

Stable face
Camerone tipo C GN13 - AEXCAV. [m2] = 106
FACE STABILITY ANALYSIS - TAMEZ-CONEJO
THERAPY PHASE Parametro non influente al fine
sezione tipo 4 cunicolo B0 del calcolo

Overburden ∆H γn c' φ' Excavated ∆H γn c' φ'


layers [m] [kNm-3] [kPa] [°] layers [m] [kNm-3] [kPa] [°]
Ap_GR2a 93 27 300 38 Ap_GR2a 11,75 27 300 38

Tunnel geometry

Type of ground CF/F CF Deep tunnel (Z>5D)


Total Overburden Z [m] 93,0 Equivalent tunnel diameter Deq [m] 11,6
Depth of water table W [m] 1000,0 Earth coefficient at rest k0 [-] 1,0
Excavated height h [m] 11,8 Depth coefficient kA [-] 1,0
Tunnel's width b [m] 10,6 Height of mass load at crown HP [m] 18,0
Free span length a [m] 2,0 Length of prisms in advance LP [m] 5,7

Injection modality

Grout injection properties Face bolt properties


Cubic compression resistance Rck [MPa] 25,0 Tensile resistance of bar σb [MPa] 600,0
Injection influence ratio ii [-] 1 Tensile resistance at joint σj [MPa] 600,0
Curing factor γC [-] 1,0 Shear resistance of bar σt [MPa] 100,0
Material's safety factor γF [-] 1,6 Drilling diameter Ødril [mm] 100,0
Mortar's possion ratio νC [-] 0,2 External diameter Øext [mm] 60,0
Elastic module of mortar Ec [GPa] 20,0 Tube's Thickness thb [mm] 10,0
Grout-soil bond τa [kPa] 0,0 Overlapping length LLAP [m] 12,0
Injection penetrability coeff. αI [-] 1,0 Joint step ijoint [m] 24,0
ULS resistance of mortar σc [-] 15,6 Resistance area of single bar Ab [mm2] 1570,8

Improved face properties

Shear force resist. of bars Tt [kN] 157,1 Adopted number of bars Nb [-] 0,0
Tensile force resist. of bars TT [kN] 942,5 N° of bars for unit of area nb [m-2] 0,00
Pull-out resistance of bars TF [kN] 0,0 Confining pressure Pe [kPa] 0,0
Max. resistance offerd by bars Tmax [kN] 0,0 Increment of cohesion ∆c' [kPa] 0,0
Minimum needed bars nNS [-] #DIV/0! Improved cohesion at face c'eq [kPa] 300,0

Prismatic volume properties

Aver. weight of load mass γP [kNm-3] 27,0 Aver. weight of Excav. layers γE [kNm ]
-3
27,0
Aver. cohesion of load mass c'P [kPa] 300,0 Aver. cohesion of Excav. layers c'E [kPa] 300,0
Aver. friction of load mass φ'P [°] 38,0 Aver. friction of load mass φ'E [°] 38,0

Effective soil press. at crown σ'V [kPa] 2511 hydraulic press. at crown u [kPa] 0

Shear resistance and Safety factor at Diagnosis phase

Shear resistance (prism 3) τm3 [kPa] 695 Safety factor (prism 3) FS3 5,93
Shear resistance (prisms 1-2) τm2 [kPa] 1822 Safety factor (MΣFR/MSFA) FSF 2,52

Permitted free span length amax [m] 8,9


Obtained safety factor SF 2,52
Pressure on primary supports PS [kPa] 1329
Requierd pressure at face PE [kPa] 0 Requested safety factor SFR 2,00
Camerone tipo C GN13 - AEXCAV. [m2] = 106
FACE STABILITY ANALYSIS - TAMEZ-CONEJO
DIAGNOSIS PHASE
scavo cunicolo piedritto

Tamez & Conejo (1985)

Geotecnical properties

Overburden ∆H γn c' φ' Excavated ∆H γn c' φ'


layers [m] [kNm-3] [kPa] [°] layers [m] [kNm-3] [kPa] [°]
Ap_GR2b 93,0 27,0 250 33,0 Ap_GR2b 11,75 27,0 250 33,0

Tunnel geometry

Type of ground CF/F CF Deep tunnel (Z>5D)


Total Overburden Z [m] 93,0 Equivalent tunnel diameter Deq [m] 11,6
Depth of water table W [m] 1000,0 Earth coefficient at rest k0 [-] 1,0
Excavated height h [m] 11,8 Depth coefficient kA [-] 1,0
Tunnel's width b [m] 10,6 Height of mass load at crown HP [m] 18,0
Free span length a [m] 1,0 Length of prisms in advance LP [m] 6,4

Prismatic volume properties

Aver. weight of load mass γP [kNm-3] 27,0 Aver. weight of Excav. layers γE [kNm-3] 27,0
Aver. cohesion of load mass c'P [kPa] 250,0 Aver. cohesion of Excav. layers c'E [kPa] 250,0
Aver. friction of load mass φ'P [°] 33,0 Aver. friction of load mass φ'E [°] 33,0

Effective soil press. at crown σ'V [kPa] 2511 hydraulic press. at crown u [kPa] 0

Shear resistance and Safety factor at Diagnosis phase

Shear resistance (prism 3) τm3 [kPa] 579 Safety factor (prism 3) FS3 9,09
Shear resistance (prisms 1-2) τm2 [kPa] 1687 Safety factor (MΣFR/MSFA) FSF 2,61

Permitted free span length amax [m] 5,8


Obtained safety factor SF 2,61
Pressure on primary supports PS [kPa] 1527
Requierd pressure at face PE [kPa] 0 Requested safety factor SFR 2,00

Prismatic volume gravitating over the crown system of forces


Broms & Bennermark (1967)

σ
s u = cm
2
( )
σ cm = 0 . 0034 ⋅ m i 0 .8 ⋅ σ c ⋅ [1 . 029 + 0 . 025 ⋅ e ( − .01⋅ m i
]
) GSI

Input data

z0 γn σs σT σC mi GSI
Layers
[m] [kNm-3] [kPa] [kPa] [kPa] [-] [-]
Ap_GR2b 98,875 27,0
0 0 0,0
0 0 10000 17,5 37
0 0 0,0
0 0 0,0

Results

∆H γn σC mi GSI σ0 σcm su
[m] [kNm-3] [kPa] [-] [-] [kPa] [kPa] [kPa]
98,9 27,0
0,0 0,0
10000,0 17,5 37,0 2669,6 1130,7 565,3
0,0 0,0
0,0 0,0

Stability ratio N [-] 4,7

Plastic deformations

Panet (1990)

Stability ratio N [-] 4,7


σ0 2 ⋅σ 0
NS = = Passive earth pressure Kp [-] 3,392
CU σ cm Deconfinement λe [-] 0,64

Stable face
Camerone tipo C GN13- AEXCAV. [m2] = 106
FACE STABILITY ANALYSIS - TAMEZ-CONEJO
THERAPY PHASE Parametro non influente al fine
sezione tipo 4 cunicolo B2 del calcolo

Geotecnical properties

Overburden ∆H γn c' φ' Excavated ∆H γn c' φ'


layers [m] [kNm-3] [kPa] [°] layers [m] [kNm-3] [kPa] [°]
Ap_GR2b 93 27 250 33 Ap_GR2b 11,75 27 300 26

Tunnel geometry

Type of ground CF/F CF Deep tunnel (Z>5D)


Total Overburden Z [m] 93,0 Equivalent tunnel diameter Deq [m] 11,6
Depth of water table W [m] 1000,0 Earth coefficient at rest k0 [-] 1,0
Excavated height h [m] 11,8 Depth coefficient kA [-] 1,0
Tunnel's width b [m] 10,6 Height of mass load at crown HP [m] 18,0
Free span length a [m] 1,0 Length of prisms in advance LP [m] 7,3

Injection modality

Grout injection properties Face bolt properties


Cubic compression resistance Rck [MPa] 25,0 Tensile resistance of bar σb [MPa] 600,0
Injection influence ratio ii [-] 1 Tensile resistance at joint σj [MPa] 600,0
Curing factor γC [-] 1,0 Shear resistance of bar σt [MPa] 100,0
Material's safety factor γF [-] 1,6 Drilling diameter Ødril [mm] 100,0
Mortar's possion ratio νC [-] 0,2 External diameter Øext [mm] 60,0
Elastic module of mortar Ec [GPa] 20,0 Tube's Thickness thb [mm] 10,0
Grout-soil bond τa [kPa] 220,0 Overlapping length LLAP [m] 6,0
Injection penetrability coeff. αI [-] 1,0 Joint step ijoint [m] 18,0
ULS resistance of mortar σc [-] 15,6 Resistance area of single bar Ab [mm2] 1570,8

Improved face properties

Shear force resist. of bars Tt [kN] 157,1 Adopted number of bars Nb [-] 50,0
Tensile force resist. of bars TT [kN] 942,5 N° of bars for unit of area nb [m-2] 0,47
Pull-out resistance of bars TF [kN] 414,7 Confining pressure Pe [kPa] 195,6
Max. resistance offerd by bars Tmax [kN] 414,7 Increment of cohesion ∆c' [kPa] 156,5
Minimum needed bars nNS [-] -24,2 Improved cohesion at face c'eq [kPa] 456,5

Prismatic volume properties

Aver. weight of load mass γP [kNm-3] 27,0 Aver. weight of Excav. layers γE [kNm ]
-3
27,0
Aver. cohesion of load mass c'P [kPa] 250,0 Aver. cohesion of Excav. layers c'E [kPa] 300,0
Aver. friction of load mass φ'P [°] 33,0 Aver. friction of load mass φ'E [°] 26,0

Effective soil press. at crown σ'V [kPa] 2511 hydraulic press. at crown u [kPa] 0

Shear resistance and Safety factor at Diagnosis phase

Shear resistance (prism 3) τm3 [kPa] 579 Safety factor (prism 3) FS3 9,09
Shear resistance (prisms 1-2) τm2 [kPa] 1772 Safety factor (MΣFR/MSFA) FSF 3,03

Permitted free span length amax [m] 5,8


Obtained safety factor SF 3,03
Pressure on primary supports PS [kPa] 1527
Requierd pressure at face PE [kPa] 0 Requested safety factor SFR 2,00
Camerone tipo C GN13 - AEXCAV. [m2] = 106
FACE STABILITY ANALYSIS - TAMEZ-CONEJO
DIAGNOSIS PHASE
scavo cunicolo piedritto

Tamez & Conejo (1985)

Geotecnical properties

Overburden ∆H γn c' φ' Excavated ∆H γn c' φ'


layers [m] [kNm-3] [kPa] [°] layers [m] [kNm-3] [kPa] [°]
Ap_GR3a 93,0 26,0 200 30,0 Ap_GR3a 11,75 26,0 200 30,0

Tunnel geometry

Type of ground CF/F CF Deep tunnel (Z>5D)


Total Overburden Z [m] 93,0 Equivalent tunnel diameter Deq [m] 11,6
Depth of water table W [m] 1000,0 Earth coefficient at rest k0 [-] 1,0
Excavated height h [m] 11,8 Depth coefficient kA [-] 1,0
Tunnel's width b [m] 10,6 Height of mass load at crown HP [m] 18,0
Free span length a [m] 1,0 Length of prisms in advance LP [m] 6,8

Prismatic volume properties

Aver. weight of load mass γP [kNm-3] 26,0 Aver. weight of Excav. layers γE [kNm-3] 26,0
Aver. cohesion of load mass c'P [kPa] 200,0 Aver. cohesion of Excav. layers c'E [kPa] 200,0
Aver. friction of load mass φ'P [°] 30,0 Aver. friction of load mass φ'E [°] 30,0

Effective soil press. at crown σ'V [kPa] 2418 hydraulic press. at crown u [kPa] 0

Shear resistance and Safety factor at Diagnosis phase

Shear resistance (prism 3) τm3 [kPa] 481 Safety factor (prism 3) FS3 7,85
Shear resistance (prisms 1-2) τm2 [kPa] 1515 Safety factor (MΣFR/MSFA) FSF 2,37

Permitted free span length amax [m] 4,4


Obtained safety factor SF 2,37
Pressure on primary supports PS [kPa] 1600
Requierd pressure at face PE [kPa] 0 Requested safety factor SFR 2,00

Prismatic volume gravitating over the crown system of forces


Broms & Bennermark (1967)

σ
s u = cm
2
( )
σ cm = 0 . 0034 ⋅ m i 0 .8 ⋅ σ c ⋅ [1 . 029 + 0 . 025 ⋅ e ( − .01⋅ m i
]
) GSI

Input data

z0 γn σs σT σC mi GSI
Layers
[m] [kNm-3] [kPa] [kPa] [kPa] [-] [-]
Ap_GR3a 98,875 26,0
0 0 0,0
0 0 7000 19 33
0 0 0,0
0 0 0,0

Results

∆H γn σC mi GSI σ0 σcm su
[m] [kNm-3] [kPa] [-] [-] [kPa] [kPa] [kPa]
98,9 26,0
0,0 0,0
7000,0 19,0 33,0 2570,8 727,1 363,5
0,0 0,0
0,0 0,0

Stability ratio N [-] 7,1

Collapse

Panet (1990)

Stability ratio N [-] 7,1


σ0 2 ⋅σ 0
NS = = Passive earth pressure Kp [-] 3,000
CU σ cm Deconfinement λe [-] 0,57

Short term face stability


Camerone tipo C GN13- AEXCAV. [m2] = 106
FACE STABILITY ANALYSIS - TAMEZ-CONEJO
THERAPY PHASE Parametro non influente al fine
sezione tipo 4 cunicolo B2 del calcolo

Geotecnical properties

Overburden ∆H γn c' φ' Excavated ∆H γn c' φ'


layers [m] [kNm-3] [kPa] [°] layers [m] [kNm-3] [kPa] [°]
Ap_GR3a 93 26 200 30 Ap_GR3a 11,8 26 200 30

Tunnel geometry

Type of ground CF/F CF Deep tunnel (Z>5D)


Total Overburden Z [m] 93,0 Equivalent tunnel diameter Deq [m] 11,6
Depth of water table W [m] 1000,0 Earth coefficient at rest k0 [-] 1,0
Excavated height h [m] 11,8 Depth coefficient kA [-] 1,0
Tunnel's width b [m] 10,6 Height of mass load at crown HP [m] 18,0
Free span length a [m] 1,0 Length of prisms in advance LP [m] 6,8

Injection modality

Grout injection properties Face bolt properties


Cubic compression resistance Rck [MPa] 25,0 Tensile resistance of bar σb [MPa] 600,0
Injection influence ratio ii [-] 1 Tensile resistance at joint σj [MPa] 600,0
Curing factor γC [-] 1,0 Shear resistance of bar σt [MPa] 100,0
Material's safety factor γF [-] 1,6 Drilling diameter Ødril [mm] 100,0
Mortar's possion ratio νC [-] 0,2 External diameter Øext [mm] 60,0
Elastic module of mortar Ec [GPa] 20,0 Tube's Thickness thb [mm] 10,0
Grout-soil bond τa [kPa] 150,0 Overlapping length LLAP [m] 6,0
Injection penetrability coeff. αI [-] 1,0 Joint step ijoint [m] 18,0
ULS resistance of mortar σc [-] 15,6 Resistance area of single bar Ab [mm2] 1570,8

Improved face properties

Shear force resist. of bars Tt [kN] 157,1 Adopted number of bars Nb [-] 50,0
Tensile force resist. of bars TT [kN] 942,5 N° of bars for unit of area nb [m-2] 0,47
Pull-out resistance of bars TF [kN] 282,7 Confining pressure Pe [kPa] 133,4
Max. resistance offerd by bars Tmax [kN] 282,7 Increment of cohesion ∆c' [kPa] 115,5
Minimum needed bars nNS [-] -0,2 Improved cohesion at face c'eq [kPa] 315,5

Prismatic volume properties

Aver. weight of load mass γP [kNm-3] 26,0 Aver. weight of Excav. layers γE [kNm ]
-3
26,0
Aver. cohesion of load mass c'P [kPa] 200,0 Aver. cohesion of Excav. layers c'E [kPa] 200,0
Aver. friction of load mass φ'P [°] 30,0 Aver. friction of load mass φ'E [°] 30,0

Effective soil press. at crown σ'V [kPa] 2418 hydraulic press. at crown u [kPa] 0

Shear resistance and Safety factor at Diagnosis phase

Shear resistance (prism 3) τm3 [kPa] 481 Safety factor (prism 3) FS3 7,85
Shear resistance (prisms 1-2) τm2 [kPa] 1515 Safety factor (MΣFR/MSFA) FSF 2,51

Permitted free span length amax [m] 4,4


Obtained safety factor SF 2,51
Pressure on primary supports PS [kPa] 1600
Requierd pressure at face PE [kPa] 0 Requested safety factor SFR 2,00
Camerone tipo C GN13 - AEXCAV. [m2] = 106
FACE STABILITY ANALYSIS - TAMEZ-CONEJO
DIAGNOSIS PHASE
scavo cunicolo piedritto

Tamez & Conejo (1985)

Geotecnical properties

Overburden ∆H γn c' φ' Excavated ∆H γn c' φ'


layers [m] [kNm-3] [kPa] [°] layers [m] [kNm-3] [kPa] [°]
Ap_GR3b 93,0 26,0 160 28,0 Ap_GR3b 11,75 26,0 160 28,0

Tunnel geometry

Type of ground CF/F CF Deep tunnel (Z>5D)


Total Overburden Z [m] 93,0 Equivalent tunnel diameter Deq [m] 11,6
Depth of water table W [m] 1000,0 Earth coefficient at rest k0 [-] 1,0
Excavated height h [m] 11,8 Depth coefficient kA [-] 1,0
Tunnel's width b [m] 10,60 Height of mass load at crown HP [m] 18,0
Free span length a [m] 1,0 Length of prisms in advance LP [m] 7,1

Prismatic volume properties

Aver. weight of load mass γP [kNm-3] 26,0 Aver. weight of Excav. layers γE [kNm-3] 26,0
Aver. cohesion of load mass c'P [kPa] 160,0 Aver. cohesion of Excav. layers c'E [kPa] 160,0
Aver. friction of load mass φ'P [°] 28,0 Aver. friction of load mass φ'E [°] 28,0

Effective soil press. at crown σ'V [kPa] 2418 hydraulic press. at crown u [kPa] 0

Shear resistance and Safety factor at Diagnosis phase

Shear resistance (prism 3) τm3 [kPa] 419 Safety factor (prism 3) FS3 6,84
Shear resistance (prisms 1-2) τm2 [kPa] 1407 Safety factor (MΣFR/MSFA) FSF 2,15

Permitted free span length amax [m] 3,4


Obtained safety factor SF 2,15
Pressure on primary supports PS [kPa] 1705
Requierd pressure at face PE [kPa] 0 Requested safety factor SFR 2,00

Prismatic volume gravitating over the crown system of forces


Broms & Bennermark (1967)

σ
s u = cm
2
( )
σ cm = 0 . 0034 ⋅ m i 0 .8 ⋅ σ c ⋅ [1 . 029 + 0 . 025 ⋅ e ( − .01⋅ m i
]
) GSI

Input data

z0 γn σs σT σC mi GSI
Layers
[m] [kNm-3] [kPa] [kPa] [kPa] [-] [-]
Ap_GR3b 98,875 26,0
0 0 0,0
0 0 5000 19 28
0 0 0,0
0 0 0,0

Results

∆H γn σC mi GSI σ0 σcm su
[m] [kNm-3] [kPa] [-] [-] [kPa] [kPa] [kPa]
98,9 26,0
0,0 0,0
5000,0 19,0 28,0 2570,8 442,0 221,0
0,0 0,0
0,0 0,0

Stability ratio N [-] 11,6

Collapse

Panet (1990)

Stability ratio N [-] 11,6


σ0 2 ⋅σ 0
NS = = Passive earth pressure Kp [-] 2,770
CU σ cm Deconfinement λe [-] 0,52

Short term face stability


Camerone tipo C GN13- AEXCAV. [m2] = 106
FACE STABILITY ANALYSIS - TAMEZ-CONEJO
THERAPY PHASE Parametro non influente al fine
sezione tipo 4 cunicolo B2 del calcolo

Geotecnical properties

Overburden ∆H γn c' φ' Excavated ∆H γn c' φ'


layers [m] [kNm-3] [kPa] [°] layers [m] [kNm-3] [kPa] [°]
Ap_GR3b 93 26 160 28 Ap_GR3b 11,75 26 160 28

Tunnel geometry

Type of ground CF/F CF Deep tunnel (Z>5D)


Total Overburden Z [m] 93,0 Equivalent tunnel diameter Deq [m] 11,6
Depth of water table W [m] 1000,0 Earth coefficient at rest k0 [-] 1,0
Excavated height h [m] 11,8 Depth coefficient kA [-] 1,0
Tunnel's width b [m] 10,6 Height of mass load at crown HP [m] 18,0
Free span length a [m] 1,0 Length of prisms in advance LP [m] 7,1

Injection modality

Grout injection properties Face bolt properties


Cubic compression resistance Rck [MPa] 25,0 Tensile resistance of bar σb [MPa] 600,0
Injection influence ratio ii [-] 1 Tensile resistance at joint σj [MPa] 600,0
Curing factor γC [-] 1,0 Shear resistance of bar σt [MPa] 100,0
Material's safety factor γF [-] 1,6 Drilling diameter Ødril [mm] 100,0
Mortar's possion ratio νC [-] 0,2 External diameter Øext [mm] 60,0
Elastic module of mortar Ec [GPa] 20,0 Tube's Thickness thb [mm] 10,0
Grout-soil bond τa [kPa] 150,0 Overlapping length LLAP [m] 6,0
Injection penetrability coeff. αI [-] 1,0 Joint step ijoint [m] 18,0
ULS resistance of mortar σc [-] 15,6 Resistance area of single bar Ab [mm2] 1570,8

Improved face properties

Shear force resist. of bars Tt [kN] 157,1 Adopted number of bars Nb [-] 50,0
Tensile force resist. of bars TT [kN] 942,5 N° of bars for unit of area nb [m-2] 0,47
Pull-out resistance of bars TF [kN] 282,7 Confining pressure Pe [kPa] 133,4
Max. resistance offerd by bars Tmax [kN] 282,7 Increment of cohesion ∆c' [kPa] 111,0
Minimum needed bars nNS [-] 21,4 Improved cohesion at face c'eq [kPa] 271,0

Prismatic volume properties

Aver. weight of load mass γP [kNm-3] 26,0 Aver. weight of Excav. layers γE [kNm ]
-3
26,0
Aver. cohesion of load mass c'P [kPa] 160,0 Aver. cohesion of Excav. layers c'E [kPa] 160,0
Aver. friction of load mass φ'P [°] 28,0 Aver. friction of load mass φ'E [°] 28,0

Effective soil press. at crown σ'V [kPa] 2418 hydraulic press. at crown u [kPa] 0

Shear resistance and Safety factor at Diagnosis phase

Shear resistance (prism 3) τm3 [kPa] 419 Safety factor (prism 3) FS3 6,84
Shear resistance (prisms 1-2) τm2 [kPa] 1407 Safety factor (MΣFR/MSFA) FSF 2,28

Permitted free span length amax [m] 3,4


Obtained safety factor SF 2,28
Pressure on primary supports PS [kPa] 1705
Requierd pressure at face PE [kPa] 0 Requested safety factor SFR 2,00
Camerone tipo C GN13 - AEXCAV. [m2] = 260
FACE STABILITY ANALYSIS - TAMEZ-CONEJO
DIAGNOSIS PHASE
scavo calotta

Tamez & Conejo (1985)

Geotecnical properties

Overburden ∆H γn c' φ' Excavated ∆H γn c' φ'


layers [m] [kNm-3] [kPa] [°] layers [m] [kNm-3] [kPa] [°]
Ap_GR1 93,0 27,0 520 40,0 Ap_GR1 11,9 27,0 520 40,0

Tunnel geometry

Type of ground CF/F CF Deep tunnel (Z>5D)


Total Overburden Z [m] 93,0 Equivalent tunnel diameter Deq [m] 18,2
Depth of water table W [m] 1000,0 Earth coefficient at rest k0 [-] 1,0
Excavated height h [m] 11,9 Depth coefficient kA [-] 1,0
Tunnel's width b [m] 29,20 Height of mass load at crown HP [m] 49,6
Free span length a [m] 1,0 Length of prisms in advance LP [m] 5,5

Prismatic volume properties

Aver. weight of load mass γP [kNm-3] 27,0 Aver. weight of Excav. layers γE [kNm-3] 27,0
Aver. cohesion of load mass c'P [kPa] 520,0 Aver. cohesion of Excav. layers c'E [kPa] 520,0
Aver. friction of load mass φ'P [°] 40,0 Aver. friction of load mass φ'E [°] 40,0

Effective soil press. at crown σ'V [kPa] 2511 hydraulic press. at crown u [kPa] 0

Shear resistance and Safety factor at Diagnosis phase

Shear resistance (prism 3) τm3 [kPa] 766 Safety factor (prism 3) FS3 31,31
Shear resistance (prisms 1-2) τm2 [kPa] 1989 Safety factor (MΣFR/MSFA) FSF 4,61

Permitted free span length amax [m] 32,7


Obtained safety factor SF 4,61
Pressure on primary supports PS [kPa] 1210
Requierd pressure at face PE [kPa] 0 Requested safety factor SFR 2,00

Prismatic volume gravitating over the crown system of forces


Broms & Bennermark (1967)

222,3277

σ
s u =
2
cm
( )
σ cm = 0 . 0034 ⋅ m i 0 .8 ⋅ σ c ⋅ [1 . 029 + 0 . 025 ⋅ e ( − .01⋅ m i
]
) GSI

Input data

z0 γn σs σT σC mi GSI
Layers
[m] [kNm-3] [kPa] [kPa] [kPa] [-] [-]
Ap_GR1 98,95 27,0
0 0 0,0
0 0 35000 17,5 50
0 0 0,0
0 0 0,0

Results

∆H γn σC mi GSI σ0 σcm su
[m] [kNm-3] [kPa] [-] [-] [kPa] [kPa] [kPa]
99,0 27,0
0,0
35000,0 17,5 50,0 2671,7 6063,4 3031,7
0,0 0,0
0,0 0,0

Stability ratio N [-] 0,9

Neglectable deformations

Panet (1990)

Stability ratio N [-] 0,9


σ0 2 ⋅σ 0
NS = = Passive earth pressure Kp [-] 4,599
CU σ cm Deconfinement λe [-] 1,05

Stable face
Camerone tipo C GN13 - AEXCAV. [m2] = 260
FACE STABILITY ANALYSIS - TAMEZ-CONEJO
DIAGNOSIS PHASE
scavo calotta

Tamez & Conejo (1985)

Geotecnical properties

Overburden ∆H γn c' φ' Excavated ∆H γn c' φ'


layers [m] [kNm-3] [kPa] [°] layers [m] [kNm-3] [kPa] [°]
Ap_GR2a 93,0 27,0 300 38,0 Ap_GR2a 11,9 27,0 300 38,0

Tunnel geometry

Type of ground CF/F CF Deep tunnel (Z>5D)


Total Overburden Z [m] 93,0 Equivalent tunnel diameter Deq [m] 18,2
Depth of water table W [m] 1000,0 Earth coefficient at rest k0 [-] 1,0
Excavated height h [m] 11,9 Depth coefficient kA [-] 1,0
Tunnel's width b [m] 29,2 Height of mass load at crown HP [m] 49,6
Free span length a [m] 1,0 Length of prisms in advance LP [m] 5,8

Prismatic volume properties

Aver. weight of load mass γP [kNm-3] 27,0 Aver. weight of Excav. layers γE [kNm-3] 27,0
Aver. cohesion of load mass c'P [kPa] 300,0 Aver. cohesion of Excav. layers c'E [kPa] 300,0
Aver. friction of load mass φ'P [°] 38,0 Aver. friction of load mass φ'E [°] 38,0

Effective soil press. at crown σ'V [kPa] 2511 hydraulic press. at crown u [kPa] 0

Shear resistance and Safety factor at Diagnosis phase

Shear resistance (prism 3) τm3 [kPa] 529 Safety factor (prism 3) FS3 21,62
Shear resistance (prisms 1-2) τm2 [kPa] 1395 Safety factor (MΣFR/MSFA) FSF 3,17

Permitted free span length amax [m] 13,3


Obtained safety factor SF 3,17
Pressure on primary supports PS [kPa] 1612
Requierd pressure at face PE [kPa] 0 Requested safety factor SFR 2,00

Prismatic volume gravitating over the crown system of forces


Broms & Bennermark (1967)

σ
s u =
2
cm
( )
σ cm = 0 . 0034 ⋅ m i 0 .8 ⋅ σ c ⋅ [1 . 029 + 0 . 025 ⋅ e ( − .01⋅ m i
]
) GSI

Input data

z0 γn σs σT σC mi GSI
Layers
[m] [kNm-3] [kPa] [kPa] [kPa] [-] [-]
Ap_GR2a 98,95 27,0
0 0 0,0
0 0 12000 20 42
0 0 0,0
0 0 0,0

Results

∆H γn σC mi GSI σ0 σcm su
[m] [kNm-3] [kPa] [-] [-] [kPa] [kPa] [kPa]
99,0 27,0
0,0
12000,0 20,0 42,0 2671,7 1710,7 855,3
0,0 0,0
0,0 0,0

Stability ratio N [-] 3,1

Elastoplastic deformations

Panet (1990)

Stability ratio N [-] 3,1


σ0 2 ⋅σ 0
NS = = Passive earth pressure Kp [-] 4,204
CU σ cm Deconfinement λe [-] 0,74

Stable face
Camerone tipo C GN13 - AEXCAV. [m2] = 260
FACE STABILITY ANALYSIS - TAMEZ-CONEJO
THERAPY PHASE Parametro non influente al fine
sezione tipo 4 calotta del calcolo

Geotecnical properties

Overburden ∆H γn c' φ' Excavated ∆H γn c' φ'


layers [m] [kNm-3] [kPa] [°] layers [m] [kNm-3] [kPa] [°]
Ap_GR2a 93 27 300 38 Ap_GR2a 11,9 27 300 38
0 0 0 0 0 0 0 0 0 0
0 0 0 0 0 0 0 0 0 0
0 0 0 0 0 0 0 0 0 0

Tunnel geometry

Type of ground CF/F CF Deep tunnel (Z>5D)


Total Overburden Z [m] 93,0 Equivalent tunnel diameter Deq [m] 18,2
Depth of water table W [m] 1000,0 Earth coefficient at rest k0 [-] 1,0
Excavated height h [m] 11,9 Depth coefficient kA [-] 1,0
Tunnel's width b [m] 29,2 Height of mass load at crown HP [m] 49,6
Free span length a [m] 1,0 Length of prisms in advance LP [m] 5,8

Injection modality

Grout injection properties Face bolt properties


Cubic compression resistance Rck [MPa] 25,0 Tensile resistance of bar σb [MPa] 600,0
Injection influence ratio ii [-] 1 Tensile resistance at joint σj [MPa] 600,0
Curing factor γC [-] 1,0 Shear resistance of bar σt [MPa] 100,0
Material's safety factor γF [-] 1,6 Drilling diameter Ødril [mm] 100,0
Mortar's possion ratio νC [-] 0,2 External diameter Øext [mm] 60,0
Elastic module of mortar Ec [GPa] 20,0 Tube's Thickness thb [mm] 10,0
Grout-soil bond τa [kPa] 250,0 Overlapping length LLAP [m] 12,0
Injection penetrability coeff. αI [-] 1,0 Joint step ijoint [m] 24,0
ULS resistance of mortar σc [-] 15,6 Resistance area of single bar Ab [mm2] 1570,8

Improved face properties

Shear force resist. of bars Tt [kN] 157,1 Adopted number of bars Nb [-] 125,0
Tensile force resist. of bars TT [kN] 942,5 N° of bars for unit of area nb [m-2] 0,48
Pull-out resistance of bars TF [kN] 942,5 Confining pressure Pe [kPa] 453,1
Max. resistance offerd by bars Tmax [kN] 942,5 Increment of cohesion ∆c' [kPa] 464,5
Minimum needed bars nNS [-] -33,6 Improved cohesion at face c'eq [kPa] 764,5

Prismatic volume properties

Aver. weight of load mass γP [kNm-3] 27,0 Aver. weight of Excav. layers γE [kNm ]
-3
27,0
Aver. cohesion of load mass c'P [kPa] 300,0 Aver. cohesion of Excav. layers c'E [kPa] 300,0
Aver. friction of load mass φ'P [°] 38,0 Aver. friction of load mass φ'E [°] 38,0

Effective soil press. at crown σ'V [kPa] 2511 hydraulic press. at crown u [kPa] 0

Shear resistance and Safety factor at Diagnosis phase

Shear resistance (prism 3) τm3 [kPa] 529 Safety factor (prism 3) FS3 21,62
Shear resistance (prisms 1-2) τm2 [kPa] 1395 Safety factor (MΣFR/MSFA) FSF 3,86

Permitted free span length amax [m] 13,3


Obtained safety factor SF 3,86
Pressure on primary supports PS [kPa] 1612
Requierd pressure at face PE [kPa] 0 Requested safety factor SFR 2,00
Camerone tipo C GN13 - AEXCAV. [m2] = 260
FACE STABILITY ANALYSIS - TAMEZ-CONEJO
DIAGNOSIS PHASE
scavo calotta

Tamez & Conejo (1985)

Geotecnical properties

Overburden ∆H γn c' φ' Excavated ∆H γn c' φ'


layers [m] [kNm-3] [kPa] [°] layers [m] [kNm-3] [kPa] [°]
Ap_GR2b 93,0 27,0 250 33,0 Ap_GR2b 11,9 27,0 250 33,0

Tunnel geometry

Type of ground CF/F CF Deep tunnel (Z>5D)


Total Overburden Z [m] 93,0 Equivalent tunnel diameter Deq [m] 18,2
Depth of water table W [m] 1000,0 Earth coefficient at rest k0 [-] 1,0
Excavated height h [m] 11,9 Depth coefficient kA [-] 1,0
Tunnel's width b [m] 29,2 Height of mass load at crown HP [m] 49,6
Free span length a [m] 1,0 Length of prisms in advance LP [m] 6,5

Prismatic volume properties

Aver. weight of load mass γP [kNm-3] 27,0 Aver. weight of Excav. layers γE [kNm-3] 27,0
Aver. cohesion of load mass c'P [kPa] 250,0 Aver. cohesion of Excav. layers c'E [kPa] 250,0
Aver. friction of load mass φ'P [°] 33,0 Aver. friction of load mass φ'E [°] 33,0

Effective soil press. at crown σ'V [kPa] 2511 hydraulic press. at crown u [kPa] 0

Shear resistance and Safety factor at Diagnosis phase

Shear resistance (prism 3) τm3 [kPa] 440 Safety factor (prism 3) FS3 18,00
Shear resistance (prisms 1-2) τm2 [kPa] 1260 Safety factor (MΣFR/MSFA) FSF 2,77

Permitted free span length amax [m] 9,6


Obtained safety factor SF 2,77
Pressure on primary supports PS [kPa] 1763
Requierd pressure at face PE [kPa] 0 Requested safety factor SFR 2,00

Prismatic volume gravitating over the crown system of forces


Broms & Bennermark (1967)

σ
s u =
2
cm
( )
σ cm = 0 . 0034 ⋅ m i 0 .8 ⋅ σ c ⋅ [1 . 029 + 0 . 025 ⋅ e ( − .01⋅ m i
]
) GSI

Input data

z0 γn σs σT σC mi GSI
Layers
[m] [kNm-3] [kPa] [kPa] [kPa] [-] [-]
Ap_GR2b 98,95 27,0
0 0 0,0
0 0 10000 17,5 37
0 0 0,0
0 0 0,0

Results

∆H γn σC mi GSI σ0 σcm su
[m] [kNm-3] [kPa] [-] [-] [kPa] [kPa] [kPa]
99,0 27,0
0,0
10000,0 17,5 37,0 2671,7 1130,7 565,3
0,0 0,0
0,0 0,0

Stability ratio N [-] 4,7

Plastic deformations

Panet (1990)

Stability ratio N [-] 4,7


σ0 2 ⋅σ 0
NS = = Passive earth pressure Kp [-] 3,392
CU σ cm Deconfinement λe [-] 0,64

Stable face
Camerone tipo C GN13- AEXCAV. [m2] = 260
FACE STABILITY ANALYSIS - TAMEZ-CONEJO
THERAPY PHASE Parametro non influente al fine
sezione tipo 4 calotta del calcolo

Geotecnical properties

Overburden ∆H γn c' φ' Excavated ∆H γn c' φ'


layers [m] [kNm-3] [kPa] [°] layers [m] [kNm-3] [kPa] [°]
Ap_GR2b 93 27 250 33 Ap_GR2b 11,9 27 300 26
0 0 0
0 0 0 0 0
0 0 0 0 0

Tunnel geometry

Type of ground CF/F CF Deep tunnel (Z>5D)


Total Overburden Z [m] 93,0 Equivalent tunnel diameter Deq [m] 18,2
Depth of water table W [m] 1000,0 Earth coefficient at rest k0 [-] 1,0
Excavated height h [m] 11,9 Depth coefficient kA [-] 1,0
Tunnel's width b [m] 29,2 Height of mass load at crown HP [m] 49,6
Free span length a [m] 1,0 Length of prisms in advance LP [m] 7,4

Injection modality

Grout injection properties Face bolt properties


Cubic compression resistance Rck [MPa] 25,0 Tensile resistance of bar σb [MPa] 600,0
Injection influence ratio ii [-] 1 Tensile resistance at joint σj [MPa] 600,0
Curing factor γC [-] 1,0 Shear resistance of bar σt [MPa] 100,0
Material's safety factor γF [-] 1,6 Drilling diameter Ødril [mm] 100,0
Mortar's possion ratio νC [-] 0,2 External diameter Øext [mm] 60,0
Elastic module of mortar Ec [GPa] 20,0 Tube's Thickness thb [mm] 10,0
Grout-soil bond τa [kPa] 220,0 Overlapping length LLAP [m] 12,0
Injection penetrability coeff. αI [-] 1,0 Joint step ijoint [m] 24,0
ULS resistance of mortar σc [-] 15,6 Resistance area of single bar Ab [mm2] 1570,8

Improved face properties

Shear force resist. of bars Tt [kN] 157,1 Adopted number of bars Nb [-] 125,0
Tensile force resist. of bars TT [kN] 942,5 N° of bars for unit of area nb [m-2] 0,48
Pull-out resistance of bars TF [kN] 829,4 Confining pressure Pe [kPa] 398,7
Max. resistance offerd by bars Tmax [kN] 829,4 Increment of cohesion ∆c' [kPa] 319,1
Minimum needed bars nNS [-] -29,7 Improved cohesion at face c'eq [kPa] 619,1

Prismatic volume properties

Aver. weight of load mass γP [kNm-3] 27,0 Aver. weight of Excav. layers γE [kNm ]
-3
27,0
Aver. cohesion of load mass c'P [kPa] 250,0 Aver. cohesion of Excav. layers c'E [kPa] 300,0
Aver. friction of load mass φ'P [°] 33,0 Aver. friction of load mass φ'E [°] 26,0

Effective soil press. at crown σ'V [kPa] 2511 hydraulic press. at crown u [kPa] 0

Shear resistance and Safety factor at Diagnosis phase

Shear resistance (prism 3) τm3 [kPa] 440 Safety factor (prism 3) FS3 18,00
Shear resistance (prisms 1-2) τm2 [kPa] 1345 Safety factor (MΣFR/MSFA) FSF 3,51

Permitted free span length amax [m] 9,6


Obtained safety factor SF 3,51
Pressure on primary supports PS [kPa] 1763
Requierd pressure at face PE [kPa] 0 Requested safety factor SFR 2,00
Camerone tipo C GN13 - AEXCAV. [m2] = 260
FACE STABILITY ANALYSIS - TAMEZ-CONEJO
DIAGNOSIS PHASE
scavo calotta

Tamez & Conejo (1985)

Geotecnical properties

Overburden ∆H γn c' φ' Excavated ∆H γn c' φ'


layers [m] [kNm-3] [kPa] [°] layers [m] [kNm-3] [kPa] [°]
Ap_GR3a 93,0 26,0 200 30,0 Ap_GR3a 11,9 26,0 200 30,0

Tunnel geometry

Type of ground CF/F CF Deep tunnel (Z>5D)


Total Overburden Z [m] 93,0 Equivalent tunnel diameter Deq [m] 18,2
Depth of water table W [m] 1000,0 Earth coefficient at rest k0 [-] 1,0
Excavated height h [m] 11,9 Depth coefficient kA [-] 1,0
Tunnel's width b [m] 29,2 Height of mass load at crown HP [m] 49,6
Free span length a [m] 1,0 Length of prisms in advance LP [m] 6,9

Prismatic volume properties

Aver. weight of load mass γP [kNm-3] 26,0 Aver. weight of Excav. layers γE [kNm-3] 26,0
Aver. cohesion of load mass c'P [kPa] 200,0 Aver. cohesion of Excav. layers c'E [kPa] 200,0
Aver. friction of load mass φ'P [°] 30,0 Aver. friction of load mass φ'E [°] 30,0

Effective soil press. at crown σ'V [kPa] 2418 hydraulic press. at crown u [kPa] 0

Shear resistance and Safety factor at Diagnosis phase

Shear resistance (prism 3) τm3 [kPa] 363 Safety factor (prism 3) FS3 15,40
Shear resistance (prisms 1-2) τm2 [kPa] 1104 Safety factor (MΣFR/MSFA) FSF 2,45

Permitted free span length amax [m] 7,5


Obtained safety factor SF 2,45
Pressure on primary supports PS [kPa] 1801
Requierd pressure at face PE [kPa] 0 Requested safety factor SFR 2,00

Prismatic volume gravitating over the crown system of forces


Broms & Bennermark (1967)

σ
s u =
2
cm
( )
σ cm = 0 . 0034 ⋅ m i 0 .8 ⋅ σ c ⋅ [1 . 029 + 0 . 025 ⋅ e ( − .01⋅ m i
]
) GSI

Input data

z0 γn σs σT σC mi GSI
Layers
[m] [kNm-3] [kPa] [kPa] [kPa] [-] [-]
Ap_GR3a 98,95 26,0
0 0 0,0
0 0 7000 19 33
0 0 0,0
0 0 0,0

Results

∆H γn σC mi GSI σ0 σcm su
[m] [kNm-3] [kPa] [-] [-] [kPa] [kPa] [kPa]
99,0 26,0
0,0
7000,0 19,0 33,0 2572,7 727,1 363,5
0,0 0,0
0,0 0,0

Stability ratio N [-] 7,1

Collapse

Panet (1990)

Stability ratio N [-] 7,1


σ0 2 ⋅σ 0
NS = = Passive earth pressure Kp [-] 3,000
CU σ cm Deconfinement λe [-] 0,57

Short term face stability


Camerone tipo C GN13- AEXCAV. [m2] = 260
FACE STABILITY ANALYSIS - TAMEZ-CONEJO
THERAPY PHASE Parametro non influente al fine
sezione tipo 4 Calotta del calcolo

Geotecnical properties

Overburden ∆H γn c' φ' Excavated ∆H γn c' φ'


layers [m] [kNm-3] [kPa] [°] layers [m] [kNm-3] [kPa] [°]
Ap_GR3a 83 26 200 30 Ap_GR3a 11,9 26 200 30
Coronella 10 26,0 500 1,0

Tunnel geometry

Type of ground CF/F CF Deep tunnel (Z>5D)


Total Overburden Z [m] 93,0 Equivalent tunnel diameter Deq [m] 18,2
Depth of water table W [m] 1000,0 Earth coefficient at rest k0 [-] 1,0
Excavated height h [m] 11,9 Depth coefficient kA [-] 1,0
Tunnel's width b [m] 29,2 Height of mass load at crown HP [m] 49,6
Free span length a [m] 1,0 Length of prisms in advance LP [m] 6,9

Injection modality

Grout injection properties Face bolt properties


Cubic compression resistance Rck [MPa] 25,0 Tensile resistance of bar σb [MPa] 600,0
Injection influence ratio ii [-] 1 Tensile resistance at joint σj [MPa] 600,0
Curing factor γC [-] 1,0 Shear resistance of bar σt [MPa] 100,0
Material's safety factor γF [-] 1,6 Drilling diameter Ødril [mm] 100,0
Mortar's possion ratio νC [-] 0,2 External diameter Øext [mm] 60,0
Elastic module of mortar Ec [GPa] 20,0 Tube's Thickness thb [mm] 10,0
Grout-soil bond τa [kPa] 150,0 Overlapping length LLAP [m] 12,0
Injection penetrability coeff. αI [-] 1,0 Joint step ijoint [m] 24,0
ULS resistance of mortar σc [-] 15,6 Resistance area of single bar Ab [mm2] 1570,8

Improved face properties

Shear force resist. of bars Tt [kN] 157,1 Adopted number of bars Nb [-] 125,0
Tensile force resist. of bars TT [kN] 942,5 N° of bars for unit of area nb [m-2] 0,48
Pull-out resistance of bars TF [kN] 565,5 Confining pressure Pe [kPa] 271,9
Max. resistance offerd by bars Tmax [kN] 565,5 Increment of cohesion ∆c' [kPa] 235,4
Minimum needed bars nNS [-] -0,3 Improved cohesion at face c'eq [kPa] 435,4

Prismatic volume properties

Aver. weight of load mass γP [kNm-3] 26,0 Aver. weight of Excav. layers γE [kNm ]
-3
26,0
Aver. cohesion of load mass c'P [kPa] 232,3 Aver. cohesion of Excav. layers c'E [kPa] 200,0
Aver. friction of load mass φ'P [°] 26,9 Aver. friction of load mass φ'E [°] 30,0

Effective soil press. at crown σ'V [kPa] 2418 hydraulic press. at crown u [kPa] 0

Shear resistance and Safety factor at Diagnosis phase

Shear resistance (prism 3) τm3 [kPa] 375 Safety factor (prism 3) FS3 15,93
Shear resistance (prisms 1-2) τm2 [kPa] 1136 Safety factor (MΣFR/MSFA) FSF 2,84

Permitted free span length amax [m] 7,9


Obtained safety factor SF 2,84
Pressure on primary supports PS [kPa] 1780
Requierd pressure at face PE [kPa] 0 Requested safety factor SFR 2,00
Camerone tipo C GN13 - AEXCAV. [m2] = 260
FACE STABILITY ANALYSIS - TAMEZ-CONEJO
DIAGNOSIS PHASE
scavo calotta

Tamez & Conejo (1985)

Geotecnical properties

Overburden ∆H γn c' φ' Excavated ∆H γn c' φ'


layers [m] [kNm-3] [kPa] [°] layers [m] [kNm-3] [kPa] [°]
Ap_GR3b 93,0 26,0 160 28,0 Ap_GR3b 11,9 26,0 160 28,0

Tunnel geometry

Type of ground CF/F CF Deep tunnel (Z>5D)


Total Overburden Z [m] 93,0 Equivalent tunnel diameter Deq [m] 18,2
Depth of water table W [m] 1000,0 Earth coefficient at rest k0 [-] 1,0
Excavated height h [m] 11,9 Depth coefficient kA [-] 1,0
Tunnel's width b [m] 29,20 Height of mass load at crown HP [m] 49,6
Free span length a [m] 1,0 Length of prisms in advance LP [m] 7,2

Prismatic volume properties

Aver. weight of load mass γP [kNm-3] 26,0 Aver. weight of Excav. layers γE [kNm-3] 26,0
Aver. cohesion of load mass c'P [kPa] 160,0 Aver. cohesion of Excav. layers c'E [kPa] 160,0
Aver. friction of load mass φ'P [°] 28,0 Aver. friction of load mass φ'E [°] 28,0

Effective soil press. at crown σ'V [kPa] 2418 hydraulic press. at crown u [kPa] 0

Shear resistance and Safety factor at Diagnosis phase

Shear resistance (prism 3) τm3 [kPa] 310 Safety factor (prism 3) FS3 13,16
Shear resistance (prisms 1-2) τm2 [kPa] 996 Safety factor (MΣFR/MSFA) FSF 2,15

Permitted free span length amax [m] 6,0


Obtained safety factor SF 2,15
Pressure on primary supports PS [kPa] 1891
Requierd pressure at face PE [kPa] 0 Requested safety factor SFR 2,00

Prismatic volume gravitating over the crown system of forces


Broms & Bennermark (1967)

σ
s u =
2
cm
( )
σ cm = 0 . 0034 ⋅ m i 0 .8 ⋅ σ c ⋅ [1 . 029 + 0 . 025 ⋅ e ( − .01⋅ m i
]
) GSI

Input data

z0 γn σs σT σC mi GSI
Layers
[m] [kNm-3] [kPa] [kPa] [kPa] [-] [-]
Ap_GR3b 98,95 26,0
0 0 0,0
0 0 5000 19 28
0 0 0,0
0 0 0,0

Results

∆H γn σC mi GSI σ0 σcm su
[m] [kNm-3] [kPa] [-] [-] [kPa] [kPa] [kPa]
99,0 26,0
0,0
5000,0 19,0 28,0 2572,7 442,0 221,0
0,0 0,0
0,0 0,0

Stability ratio N [-] 11,6

Collapse

Panet (1990)

Stability ratio N [-] 11,6


σ0 2 ⋅σ 0
NS = = Passive earth pressure Kp [-] 2,770
CU σ cm Deconfinement λe [-] 0,52

Short term face stability


Camerone tipo C GN13- AEXCAV. [m2] = 260
FACE STABILITY ANALYSIS - TAMEZ-CONEJO
THERAPY PHASE Parametro non influente al fine
sezione tipo 4 Calotta del calcolo

Geotecnical properties

Overburden ∆H γn c' φ' Excavated ∆H γn c' φ'


layers [m] [kNm-3] [kPa] [°] layers [m] [kNm-3] [kPa] [°]
Ap_GR3b 83 26 160 28 Ap_GR3b 11,9 26 160 28
Coronella 10 26,0 500 1,0

Tunnel geometry

Type of ground CF/F CF Deep tunnel (Z>5D)


Total Overburden Z [m] 93,0 Equivalent tunnel diameter Deq [m] 18,2
Depth of water table W [m] 1000,0 Earth coefficient at rest k0 [-] 1,0
Excavated height h [m] 11,9 Depth coefficient kA [-] 1,0
Tunnel's width b [m] 29,2 Height of mass load at crown HP [m] 49,6
Free span length a [m] 1,0 Length of prisms in advance LP [m] 7,2

Injection modality

Grout injection properties Face bolt properties


Cubic compression resistance Rck [MPa] 25,0 Tensile resistance of bar σb [MPa] 600,0
Injection influence ratio ii [-] 1 Tensile resistance at joint σj [MPa] 600,0
Curing factor γC [-] 1,0 Shear resistance of bar σt [MPa] 100,0
Material's safety factor γF [-] 1,6 Drilling diameter Ødril [mm] 100,0
Mortar's possion ratio νC [-] 0,2 External diameter Øext [mm] 60,0
Elastic module of mortar Ec [GPa] 20,0 Tube's Thickness thb [mm] 10,0
Grout-soil bond τa [kPa] 150,0 Overlapping length LLAP [m] 12,0
Injection penetrability coeff. αI [-] 1,0 Joint step ijoint [m] 24,0
ULS resistance of mortar σc [-] 15,6 Resistance area of single bar Ab [mm2] 1570,8

Improved face properties

Shear force resist. of bars Tt [kN] 157,1 Adopted number of bars Nb [-] 125,0
Tensile force resist. of bars TT [kN] 942,5 N° of bars for unit of area nb [m-2] 0,48
Pull-out resistance of bars TF [kN] 565,5 Confining pressure Pe [kPa] 271,9
Max. resistance offerd by bars Tmax [kN] 565,5 Increment of cohesion ∆c' [kPa] 226,2
Minimum needed bars nNS [-] 26,3 Improved cohesion at face c'eq [kPa] 386,2

Prismatic volume properties

Aver. weight of load mass γP [kNm-3] 26,0 Aver. weight of Excav. layers γE [kNm ]
-3
26,0
Aver. cohesion of load mass c'P [kPa] 196,6 Aver. cohesion of Excav. layers c'E [kPa] 160,0
Aver. friction of load mass φ'P [°] 25,1 Aver. friction of load mass φ'E [°] 28,0

Effective soil press. at crown σ'V [kPa] 2418 hydraulic press. at crown u [kPa] 0

Shear resistance and Safety factor at Diagnosis phase

Shear resistance (prism 3) τm3 [kPa] 329 Safety factor (prism 3) FS3 13,95
Shear resistance (prisms 1-2) τm2 [kPa] 1032 Safety factor (MΣFR/MSFA) FSF 2,53

Permitted free span length amax [m] 6,5


Obtained safety factor SF 2,53
Pressure on primary supports PS [kPa] 1859
Requierd pressure at face PE [kPa] 0 Requested safety factor SFR 2,00
########## CALCOLO GALLERIE CON METODO
########### CONVERGENZA-CONFINAMENTO
### SOLUTORE ANALITICO
###
### ##### ## ## ##
### ##### ## ## ##
### ### ## ## ##
############ ## ## ## ##
########## #### ####### VERSIONE 4 (2003)
##

Tipo1_aP_GR1_75m

Fase di diagnosi

TIPO DI ANALISI: CALCOLO ACCOPPIATO FRONTE-GALLERIA


VALUTAZIONE DEFORMATA GALLERIA AL FRONTE: 1
1 -> metodo Panet-Guenot (galleria non sostenuta)
2 -> metodo trasformazione omotetica (galleria non sostenuta)
3 -> Nuovo Metodo Implicito (convergenza al fronte da vuoto sferico)
4 -> Nuovo Metodo Implicito (convergenza al fronte da correlazione Ns)
5 -> Nuovo Metodo Implicito (convergenza al fronte da trasformazione omotetica)

D A T I A N A L I S I

R galleria [m] .................................... 7.00000

PARAMETRI GEOTECNICI ----------------------------------------------


Tensione originaria [MPa] ......................... 2.02500
Modulo di Young [MPa] ............................. 5400.00000
Coefficiente di Poisson ........................... .30000
Peso specifico (sovraccarico gravitativo) [kN/m3] . .00000
RESISTENZA ROCCIA
Coesione picco [MPa] .............................. .52000
Angolo attrito picco [°] .......................... 40.00000
Coesione residua [MPa] ............................ .45000
Angolo attrito residuo [MPa] ...................... 32.00000
Angolo dilatanza [°] .............................. .00000

R I S U L T A T O A N A L I S I F R O N T E D I S C A V O

Press. fine calcolo galleria non sostenuta [MPa] .. .000000


Spostamento radiale galleria non sostenuta [m] .... .004216
Raggio plastico galleria non sostenuta [m] ........ 8.257438
Press. fine calcolo fronte sferico [MPa] .......... .000000
Spostamento radiale fronte sferico [m] ............ .001850
Spostamento radiale fronte (correl. Ns) [m] ....... .001261
Spostamento radiale fronte (trasf. omotet.) [m] ... .001223
Raggio plastico fronte sferico [m] ................ 7.315376

R I S U L T A T O A N A L I S I G A L L E R I A

Pressione fine calcolo [MPa] ...................... .000000


Spost. radiale galleria fine calcolo [m] .......... .004216
Raggio plastico galleria fine calcolo [m] ......... 8.257438
Tipo1_aP_GR1_75m

Fase di diagnosi

CURVE CARATTERISTICHE ANALISI BASE

GALLERIA
FRONTE SFERICO

0,0042

0,0038

0,0034

0,0030

S 0,0025
P
O
S
T 0,0021
A
M
E
N 0,0017
T
O
[m]
0,0013

0,0008

0,0004

0,0000
0,00 0,203 0,405 0,608 0,81 1,013 1,215 1,418 1,62 1,823 2,025

PRESSIONE [MPa]

giovedì 5 giugno 2014 10:09:37 ROCKSOIL SpA Gv4 - Versione 4H


########## CALCOLO GALLERIE CON METODO
########### CONVERGENZA-CONFINAMENTO
### SOLUTORE ANALITICO
###
### ##### ## ## ##
### ##### ## ## ##
### ### ## ## ##
############ ## ## ## ##
########## #### ####### VERSIONE 4 (2003)
##

Tipo1_aP_GR2a_75m

Fase di diagnosi

TIPO DI ANALISI: CALCOLO ACCOPPIATO FRONTE-GALLERIA


VALUTAZIONE DEFORMATA GALLERIA AL FRONTE: 1
1 -> metodo Panet-Guenot (galleria non sostenuta)
2 -> metodo trasformazione omotetica (galleria non sostenuta)
3 -> Nuovo Metodo Implicito (convergenza al fronte da vuoto sferico)
4 -> Nuovo Metodo Implicito (convergenza al fronte da correlazione Ns)
5 -> Nuovo Metodo Implicito (convergenza al fronte da trasformazione omotetica)

D A T I A N A L I S I

R galleria [m] .................................... 7.00000

PARAMETRI GEOTECNICI ----------------------------------------------


Tensione originaria [MPa] ......................... 2.02500
Modulo di Young [MPa] ............................. 1750.00000
Coefficiente di Poisson ........................... .30000
Peso specifico (sovraccarico gravitativo) [kN/m3] . .00000
RESISTENZA ROCCIA
Coesione picco [MPa] .............................. .30000
Angolo attrito picco [°] .......................... 38.00000
Coesione residua [MPa] ............................ .25000
Angolo attrito residuo [MPa] ...................... 30.00000
Angolo dilatanza [°] .............................. .00000

R I S U L T A T O A N A L I S I F R O N T E D I S C A V O

Press. fine calcolo galleria non sostenuta [MPa] .. .000000


Spostamento radiale galleria non sostenuta [m] .... .020097
Raggio plastico galleria non sostenuta [m] ........ 10.503321
Press. fine calcolo fronte sferico [MPa] .......... .000000
Spostamento radiale fronte sferico [m] ............ .007856
Spostamento radiale fronte (correl. Ns) [m] ....... .004152
Spostamento radiale fronte (trasf. omotet.) [m] ... .005828
Raggio plastico fronte sferico [m] ................ 8.204660

R I S U L T A T O A N A L I S I G A L L E R I A

Pressione fine calcolo [MPa] ...................... .000000


Spost. radiale galleria fine calcolo [m] .......... .020097
Raggio plastico galleria fine calcolo [m] ......... 10.503321
Tipo1_aP_GR2a_75m

Fase di diagnosi

CURVE CARATTERISTICHE ANALISI BASE

GALLERIA
FRONTE SFERICO

0,0201

0,0181

0,0161

0,0141

S 0,0121
P
O
S
T 0,0100
A
M
E
N 0,0080
T
O
[m]
0,0060

0,0040

0,0020

0,0000
0,00 0,203 0,405 0,608 0,81 1,013 1,215 1,418 1,62 1,823 2,025

PRESSIONE [MPa]

giovedì 5 giugno 2014 10:22:31 ROCKSOIL SpA Gv4 - Versione 4H


########## CALCOLO GALLERIE CON METODO
########### CONVERGENZA-CONFINAMENTO
### SOLUTORE ANALITICO
###
### ##### ## ## ##
### ##### ## ## ##
### ### ## ## ##
############ ## ## ## ##
########## #### ####### VERSIONE 4 (2003)
##

Tipo1_aP_GR2b_75m

Fase di diagnosi

TIPO DI ANALISI: CALCOLO ACCOPPIATO FRONTE-GALLERIA


VALUTAZIONE DEFORMATA GALLERIA AL FRONTE: 1
1 -> metodo Panet-Guenot (galleria non sostenuta)
2 -> metodo trasformazione omotetica (galleria non sostenuta)
3 -> Nuovo Metodo Implicito (convergenza al fronte da vuoto sferico)
4 -> Nuovo Metodo Implicito (convergenza al fronte da correlazione Ns)
5 -> Nuovo Metodo Implicito (convergenza al fronte da trasformazione omotetica)

D A T I A N A L I S I

R galleria [m] .................................... 7.00000

PARAMETRI GEOTECNICI ----------------------------------------------


Tensione originaria [MPa] ......................... 2.02500
Modulo di Young [MPa] ............................. 1250.00000
Coefficiente di Poisson ........................... .30000
Peso specifico (sovraccarico gravitativo) [kN/m3] . .00000
RESISTENZA ROCCIA
Coesione picco [MPa] .............................. .25000
Angolo attrito picco [°] .......................... 33.00000
Coesione residua [MPa] ............................ .20000
Angolo attrito residuo [MPa] ...................... 26.00000
Angolo dilatanza [°] .............................. .00000

R I S U L T A T O A N A L I S I F R O N T E D I S C A V O

Press. fine calcolo galleria non sostenuta [MPa] .. .000000


Spostamento radiale galleria non sostenuta [m] .... .042709
Raggio plastico galleria non sostenuta [m] ........ 13.342908
Press. fine calcolo fronte sferico [MPa] .......... .000000
Spostamento radiale fronte sferico [m] ............ .015065
Spostamento radiale fronte (correl. Ns) [m] ....... .005862
Spostamento radiale fronte (trasf. omotet.) [m] ... .012385
Raggio plastico fronte sferico [m] ................ 9.173440

R I S U L T A T O A N A L I S I G A L L E R I A

Pressione fine calcolo [MPa] ...................... .000000


Spost. radiale galleria fine calcolo [m] .......... .042709
Raggio plastico galleria fine calcolo [m] ......... 13.342908
Tipo1_aP_GR2b_75m

Fase di diagnosi

CURVE CARATTERISTICHE ANALISI BASE

GALLERIA
FRONTE SFERICO

0,0427

0,0384

0,0342

0,0299

S 0,0256
P
O
S
T 0,0214
A
M
E
N 0,0171
T
O
[m]
0,0128

0,0085

0,0043

0,0000
0,00 0,203 0,405 0,608 0,81 1,013 1,215 1,418 1,62 1,823 2,025

PRESSIONE [MPa]

giovedì 5 giugno 2014 10:24:46 ROCKSOIL SpA Gv4 - Versione 4H


########## CALCOLO GALLERIE CON METODO
########### CONVERGENZA-CONFINAMENTO
### SOLUTORE ANALITICO
###
### ##### ## ## ##
### ##### ## ## ##
### ### ## ## ##
############ ## ## ## ##
########## #### ####### VERSIONE 4 (2003)
##

Tipo1_aP_GR3a_75m

Fase di diagnosi

TIPO DI ANALISI: CALCOLO ACCOPPIATO FRONTE-GALLERIA


VALUTAZIONE DEFORMATA GALLERIA AL FRONTE: 1
1 -> metodo Panet-Guenot (galleria non sostenuta)
2 -> metodo trasformazione omotetica (galleria non sostenuta)
3 -> Nuovo Metodo Implicito (convergenza al fronte da vuoto sferico)
4 -> Nuovo Metodo Implicito (convergenza al fronte da correlazione Ns)
5 -> Nuovo Metodo Implicito (convergenza al fronte da trasformazione omotetica)

D A T I A N A L I S I

R galleria [m] .................................... 7.00000

PARAMETRI GEOTECNICI ----------------------------------------------


Tensione originaria [MPa] ......................... 1.95000
Modulo di Young [MPa] ............................. 1100.00000
Coefficiente di Poisson ........................... .30000
Peso specifico (sovraccarico gravitativo) [kN/m3] . .00000
RESISTENZA ROCCIA
Coesione picco [MPa] .............................. .20000
Angolo attrito picco [°] .......................... 30.00000
Coesione residua [MPa] ............................ .17000
Angolo attrito residuo [MPa] ...................... 24.00000
Angolo dilatanza [°] .............................. .00000

R I S U L T A T O A N A L I S I F R O N T E D I S C A V O

Press. fine calcolo galleria non sostenuta [MPa] .. .000000


Spostamento radiale galleria non sostenuta [m] .... .062806
Raggio plastico galleria non sostenuta [m] ........ 15.974811
Press. fine calcolo fronte sferico [MPa] .......... .000000
Spostamento radiale fronte sferico [m] ............ .020713
Spostamento radiale fronte (correl. Ns) [m] ....... .006249
Spostamento radiale fronte (trasf. omotet.) [m] ... .018214
Raggio plastico fronte sferico [m] ................ 10.014808

R I S U L T A T O A N A L I S I G A L L E R I A

Pressione fine calcolo [MPa] ...................... .000000


Spost. radiale galleria fine calcolo [m] .......... .062806
Raggio plastico galleria fine calcolo [m] ......... 15.974811
Tipo1_aP_GR3a_75m

Fase di diagnosi

CURVE CARATTERISTICHE ANALISI BASE

GALLERIA
FRONTE SFERICO

0,0628

0,0565

0,0502

0,0440

S 0,0377
P
O
S
T 0,0314
A
M
E
N 0,0251
T
O
[m]
0,0188

0,0126

0,0063

0,0000
0,00 0,195 0,39 0,585 0,78 0,975 1,17 1,365 1,56 1,755 1,95

PRESSIONE [MPa]

giovedì 5 giugno 2014 10:27:17 ROCKSOIL SpA Gv4 - Versione 4H


########## CALCOLO GALLERIE CON METODO
########### CONVERGENZA-CONFINAMENTO
### SOLUTORE ANALITICO
###
### ##### ## ## ##
### ##### ## ## ##
### ### ## ## ##
############ ## ## ## ##
########## #### ####### VERSIONE 4 (2003)
##

Tipo1_aP_GR3b_75m

Fase di diagnosi

TIPO DI ANALISI: CALCOLO ACCOPPIATO FRONTE-GALLERIA


VALUTAZIONE DEFORMATA GALLERIA AL FRONTE: 1
1 -> metodo Panet-Guenot (galleria non sostenuta)
2 -> metodo trasformazione omotetica (galleria non sostenuta)
3 -> Nuovo Metodo Implicito (convergenza al fronte da vuoto sferico)
4 -> Nuovo Metodo Implicito (convergenza al fronte da correlazione Ns)
5 -> Nuovo Metodo Implicito (convergenza al fronte da trasformazione omotetica)

D A T I A N A L I S I

R galleria [m] .................................... 7.00000

PARAMETRI GEOTECNICI ----------------------------------------------


Tensione originaria [MPa] ......................... 1.95000
Modulo di Young [MPa] ............................. 900.00000
Coefficiente di Poisson ........................... .30000
Peso specifico (sovraccarico gravitativo) [kN/m3] . .00000
RESISTENZA ROCCIA
Coesione picco [MPa] .............................. .16000
Angolo attrito picco [°] .......................... 28.00000
Coesione residua [MPa] ............................ .14000
Angolo attrito residuo [MPa] ...................... 22.00000
Angolo dilatanza [°] .............................. .00000

R I S U L T A T O A N A L I S I F R O N T E D I S C A V O

Press. fine calcolo galleria non sostenuta [MPa] .. .000000


Spostamento radiale galleria non sostenuta [m] .... .117760
Raggio plastico galleria non sostenuta [m] ........ 20.287370
Press. fine calcolo fronte sferico [MPa] .......... .000000
Spostamento radiale fronte sferico [m] ............ .035149
Spostamento radiale fronte (correl. Ns) [m] ....... .011717
Spostamento radiale fronte (trasf. omotet.) [m] ... .034150
Raggio plastico fronte sferico [m] ................ 11.242133

R I S U L T A T O A N A L I S I G A L L E R I A

Pressione fine calcolo [MPa] ...................... .000000


Spost. radiale galleria fine calcolo [m] .......... .117760
Raggio plastico galleria fine calcolo [m] ......... 20.287370
Tipo1_aP_GR3b_75m

Fase di diagnosi

CURVE CARATTERISTICHE ANALISI BASE

GALLERIA
FRONTE SFERICO

0,1178

0,1060

0,0942

0,0824

S 0,0707
P
O
S
T 0,0589
A
M
E
N 0,0471
T
O
[m]
0,0353

0,0236

0,0118

0,0000
0,00 0,195 0,39 0,585 0,78 0,975 1,17 1,365 1,56 1,755 1,95

PRESSIONE [MPa]

giovedì 5 giugno 2014 10:29:29 ROCKSOIL SpA Gv4 - Versione 4H


########## CALCOLO GALLERIE CON METODO
########### CONVERGENZA-CONFINAMENTO
### SOLUTORE ANALITICO
###
### ##### ## ## ##
### ##### ## ## ##
### ### ## ## ##
############ ## ## ## ##
########## #### ####### VERSIONE 4 (2003)
##

Tipo2_aP_GR1_75m

Fase di diagnosi

TIPO DI ANALISI: CALCOLO ACCOPPIATO FRONTE-GALLERIA


VALUTAZIONE DEFORMATA GALLERIA AL FRONTE: 1
1 -> metodo Panet-Guenot (galleria non sostenuta)
2 -> metodo trasformazione omotetica (galleria non sostenuta)
3 -> Nuovo Metodo Implicito (convergenza al fronte da vuoto sferico)
4 -> Nuovo Metodo Implicito (convergenza al fronte da correlazione Ns)
5 -> Nuovo Metodo Implicito (convergenza al fronte da trasformazione omotetica)

D A T I A N A L I S I

R galleria [m] .................................... 8.82000

PARAMETRI GEOTECNICI ----------------------------------------------


Tensione originaria [MPa] ......................... 2.02500
Modulo di Young [MPa] ............................. 5400.00000
Coefficiente di Poisson ........................... .30000
Peso specifico (sovraccarico gravitativo) [kN/m3] . .00000
RESISTENZA ROCCIA
Coesione picco [MPa] .............................. .52000
Angolo attrito picco [°] .......................... 40.00000
Coesione residua [MPa] ............................ .45000
Angolo attrito residuo [MPa] ...................... 32.00000
Angolo dilatanza [°] .............................. .00000

R I S U L T A T O A N A L I S I F R O N T E D I S C A V O

Press. fine calcolo galleria non sostenuta [MPa] .. .000000


Spostamento radiale galleria non sostenuta [m] .... .005312
Raggio plastico galleria non sostenuta [m] ........ 10.404371
Press. fine calcolo fronte sferico [MPa] .......... .000000
Spostamento radiale fronte sferico [m] ............ .002331
Spostamento radiale fronte (correl. Ns) [m] ....... .001589
Spostamento radiale fronte (trasf. omotet.) [m] ... .001541
Raggio plastico fronte sferico [m] ................ 9.217374

R I S U L T A T O A N A L I S I G A L L E R I A

Pressione fine calcolo [MPa] ...................... .000000


Spost. radiale galleria fine calcolo [m] .......... .005312
Raggio plastico galleria fine calcolo [m] ......... 10.404371
Tipo2_aP_GR1_75m

Fase di diagnosi

CURVE CARATTERISTICHE ANALISI BASE

GALLERIA
FRONTE SFERICO

0,0053

0,0048

0,0042

0,0037

S 0,0032
P
O
S
T 0,0027
A
M
E
N 0,0021
T
O
[m]
0,0016

0,0011

0,0005

0,0000
0,00 0,203 0,405 0,608 0,81 1,013 1,215 1,418 1,62 1,823 2,025

PRESSIONE [MPa]

giovedì 5 giugno 2014 10:33:14 ROCKSOIL SpA Gv4 - Versione 4H


########## CALCOLO GALLERIE CON METODO
########### CONVERGENZA-CONFINAMENTO
### SOLUTORE ANALITICO
###
### ##### ## ## ##
### ##### ## ## ##
### ### ## ## ##
############ ## ## ## ##
########## #### ####### VERSIONE 4 (2003)
##

Tipo1_aP_GR2a_75m

Fase di diagnosi

TIPO DI ANALISI: CALCOLO ACCOPPIATO FRONTE-GALLERIA


VALUTAZIONE DEFORMATA GALLERIA AL FRONTE: 1
1 -> metodo Panet-Guenot (galleria non sostenuta)
2 -> metodo trasformazione omotetica (galleria non sostenuta)
3 -> Nuovo Metodo Implicito (convergenza al fronte da vuoto sferico)
4 -> Nuovo Metodo Implicito (convergenza al fronte da correlazione Ns)
5 -> Nuovo Metodo Implicito (convergenza al fronte da trasformazione omotetica)

D A T I A N A L I S I

R galleria [m] .................................... 8.82000

PARAMETRI GEOTECNICI ----------------------------------------------


Tensione originaria [MPa] ......................... 2.02500
Modulo di Young [MPa] ............................. 1750.00000
Coefficiente di Poisson ........................... .30000
Peso specifico (sovraccarico gravitativo) [kN/m3] . .00000
RESISTENZA ROCCIA
Coesione picco [MPa] .............................. .30000
Angolo attrito picco [°] .......................... 38.00000
Coesione residua [MPa] ............................ .25000
Angolo attrito residuo [MPa] ...................... 30.00000
Angolo dilatanza [°] .............................. .00000

R I S U L T A T O A N A L I S I F R O N T E D I S C A V O

Press. fine calcolo galleria non sostenuta [MPa] .. .000000


Spostamento radiale galleria non sostenuta [m] .... .025322
Raggio plastico galleria non sostenuta [m] ........ 13.234185
Press. fine calcolo fronte sferico [MPa] .......... .000000
Spostamento radiale fronte sferico [m] ............ .009899
Spostamento radiale fronte (correl. Ns) [m] ....... .005231
Spostamento radiale fronte (trasf. omotet.) [m] ... .007343
Raggio plastico fronte sferico [m] ................ 10.337871

R I S U L T A T O A N A L I S I G A L L E R I A

Pressione fine calcolo [MPa] ...................... .000000


Spost. radiale galleria fine calcolo [m] .......... .025322
Raggio plastico galleria fine calcolo [m] ......... 13.234185
Tipo1_aP_GR2a_75m

Fase di diagnosi

CURVE CARATTERISTICHE ANALISI BASE

GALLERIA
FRONTE SFERICO

0,0253

0,0228

0,0203

0,0177

S 0,0152
P
O
S
T 0,0127
A
M
E
N 0,0101
T
O
[m]
0,0076

0,0051

0,0025

0,0000
0,00 0,203 0,405 0,608 0,81 1,013 1,215 1,418 1,62 1,823 2,025

PRESSIONE [MPa]

giovedì 5 giugno 2014 10:34:54 ROCKSOIL SpA Gv4 - Versione 4H


########## CALCOLO GALLERIE CON METODO
########### CONVERGENZA-CONFINAMENTO
### SOLUTORE ANALITICO
###
### ##### ## ## ##
### ##### ## ## ##
### ### ## ## ##
############ ## ## ## ##
########## #### ####### VERSIONE 4 (2003)
##

Tipo2_aP_GR2b_75m

Fase di diagnosi

TIPO DI ANALISI: CALCOLO ACCOPPIATO FRONTE-GALLERIA


VALUTAZIONE DEFORMATA GALLERIA AL FRONTE: 1
1 -> metodo Panet-Guenot (galleria non sostenuta)
2 -> metodo trasformazione omotetica (galleria non sostenuta)
3 -> Nuovo Metodo Implicito (convergenza al fronte da vuoto sferico)
4 -> Nuovo Metodo Implicito (convergenza al fronte da correlazione Ns)
5 -> Nuovo Metodo Implicito (convergenza al fronte da trasformazione omotetica)

D A T I A N A L I S I

R galleria [m] .................................... 8.82000

PARAMETRI GEOTECNICI ----------------------------------------------


Tensione originaria [MPa] ......................... 2.02500
Modulo di Young [MPa] ............................. 1250.00000
Coefficiente di Poisson ........................... .30000
Peso specifico (sovraccarico gravitativo) [kN/m3] . .00000
RESISTENZA ROCCIA
Coesione picco [MPa] .............................. .25000
Angolo attrito picco [°] .......................... 33.00000
Coesione residua [MPa] ............................ .20000
Angolo attrito residuo [MPa] ...................... 26.00000
Angolo dilatanza [°] .............................. .00000

R I S U L T A T O A N A L I S I F R O N T E D I S C A V O

Press. fine calcolo galleria non sostenuta [MPa] .. .000000


Spostamento radiale galleria non sostenuta [m] .... .053813
Raggio plastico galleria non sostenuta [m] ........ 16.812064
Press. fine calcolo fronte sferico [MPa] .......... .000000
Spostamento radiale fronte sferico [m] ............ .018982
Spostamento radiale fronte (correl. Ns) [m] ....... .007386
Spostamento radiale fronte (trasf. omotet.) [m] ... .015606
Raggio plastico fronte sferico [m] ................ 11.558534

R I S U L T A T O A N A L I S I G A L L E R I A

Pressione fine calcolo [MPa] ...................... .000000


Spost. radiale galleria fine calcolo [m] .......... .053813
Raggio plastico galleria fine calcolo [m] ......... 16.812064
Tipo2_aP_GR2b_75m

Fase di diagnosi

CURVE CARATTERISTICHE ANALISI BASE

GALLERIA
FRONTE SFERICO

0,0538

0,0484

0,0431

0,0377

S 0,0323
P
O
S
T 0,0269
A
M
E
N 0,0215
T
O
[m]
0,0161

0,0108

0,0054

0,0000
0,00 0,203 0,405 0,608 0,81 1,013 1,215 1,418 1,62 1,823 2,025

PRESSIONE [MPa]

giovedì 5 giugno 2014 10:36:28 ROCKSOIL SpA Gv4 - Versione 4H


########## CALCOLO GALLERIE CON METODO
########### CONVERGENZA-CONFINAMENTO
### SOLUTORE ANALITICO
###
### ##### ## ## ##
### ##### ## ## ##
### ### ## ## ##
############ ## ## ## ##
########## #### ####### VERSIONE 4 (2003)
##

Tipo2_aP_GR3a_75m

Fase di diagnosi

TIPO DI ANALISI: CALCOLO ACCOPPIATO FRONTE-GALLERIA


VALUTAZIONE DEFORMATA GALLERIA AL FRONTE: 1
1 -> metodo Panet-Guenot (galleria non sostenuta)
2 -> metodo trasformazione omotetica (galleria non sostenuta)
3 -> Nuovo Metodo Implicito (convergenza al fronte da vuoto sferico)
4 -> Nuovo Metodo Implicito (convergenza al fronte da correlazione Ns)
5 -> Nuovo Metodo Implicito (convergenza al fronte da trasformazione omotetica)

D A T I A N A L I S I

R galleria [m] .................................... 8.82000

PARAMETRI GEOTECNICI ----------------------------------------------


Tensione originaria [MPa] ......................... 1.95000
Modulo di Young [MPa] ............................. 1100.00000
Coefficiente di Poisson ........................... .30000
Peso specifico (sovraccarico gravitativo) [kN/m3] . .00000
RESISTENZA ROCCIA
Coesione picco [MPa] .............................. .20000
Angolo attrito picco [°] .......................... 30.00000
Coesione residua [MPa] ............................ .17000
Angolo attrito residuo [MPa] ...................... 24.00000
Angolo dilatanza [°] .............................. .00000

R I S U L T A T O A N A L I S I F R O N T E D I S C A V O

Press. fine calcolo galleria non sostenuta [MPa] .. .000000


Spostamento radiale galleria non sostenuta [m] .... .079135
Raggio plastico galleria non sostenuta [m] ........ 20.128262
Press. fine calcolo fronte sferico [MPa] .......... .000000
Spostamento radiale fronte sferico [m] ............ .026099
Spostamento radiale fronte (correl. Ns) [m] ....... .007874
Spostamento radiale fronte (trasf. omotet.) [m] ... .022949
Raggio plastico fronte sferico [m] ................ 12.618659

R I S U L T A T O A N A L I S I G A L L E R I A

Pressione fine calcolo [MPa] ...................... .000000


Spost. radiale galleria fine calcolo [m] .......... .079135
Raggio plastico galleria fine calcolo [m] ......... 20.128262
Tipo2_aP_GR3a_75m

Fase di diagnosi

CURVE CARATTERISTICHE ANALISI BASE

GALLERIA
FRONTE SFERICO

0,0791

0,0712

0,0633

0,0554

S 0,0475
P
O
S
T 0,0396
A
M
E
N 0,0317
T
O
[m]
0,0237

0,0158

0,0079

0,0000
0,00 0,195 0,39 0,585 0,78 0,975 1,17 1,365 1,56 1,755 1,95

PRESSIONE [MPa]

giovedì 5 giugno 2014 10:38:04 ROCKSOIL SpA Gv4 - Versione 4H


########## CALCOLO GALLERIE CON METODO
########### CONVERGENZA-CONFINAMENTO
### SOLUTORE ANALITICO
###
### ##### ## ## ##
### ##### ## ## ##
### ### ## ## ##
############ ## ## ## ##
########## #### ####### VERSIONE 4 (2003)
##

Tipo2_aP_GR3b_75m

Fase di diagnosi

TIPO DI ANALISI: CALCOLO ACCOPPIATO FRONTE-GALLERIA


VALUTAZIONE DEFORMATA GALLERIA AL FRONTE: 1
1 -> metodo Panet-Guenot (galleria non sostenuta)
2 -> metodo trasformazione omotetica (galleria non sostenuta)
3 -> Nuovo Metodo Implicito (convergenza al fronte da vuoto sferico)
4 -> Nuovo Metodo Implicito (convergenza al fronte da correlazione Ns)
5 -> Nuovo Metodo Implicito (convergenza al fronte da trasformazione omotetica)

D A T I A N A L I S I

R galleria [m] .................................... 8.82000

PARAMETRI GEOTECNICI ----------------------------------------------


Tensione originaria [MPa] ......................... 1.95000
Modulo di Young [MPa] ............................. 900.00000
Coefficiente di Poisson ........................... .30000
Peso specifico (sovraccarico gravitativo) [kN/m3] . .00000
RESISTENZA ROCCIA
Coesione picco [MPa] .............................. .16000
Angolo attrito picco [°] .......................... 28.00000
Coesione residua [MPa] ............................ .14000
Angolo attrito residuo [MPa] ...................... 22.00000
Angolo dilatanza [°] .............................. .00000

R I S U L T A T O A N A L I S I F R O N T E D I S C A V O

Press. fine calcolo galleria non sostenuta [MPa] .. .000000


Spostamento radiale galleria non sostenuta [m] .... .148378
Raggio plastico galleria non sostenuta [m] ........ 25.562086
Press. fine calcolo fronte sferico [MPa] .......... .000000
Spostamento radiale fronte sferico [m] ............ .044288
Spostamento radiale fronte (correl. Ns) [m] ....... .014764
Spostamento radiale fronte (trasf. omotet.) [m] ... .043030
Raggio plastico fronte sferico [m] ................ 14.165087

R I S U L T A T O A N A L I S I G A L L E R I A

Pressione fine calcolo [MPa] ...................... .000000


Spost. radiale galleria fine calcolo [m] .......... .148378
Raggio plastico galleria fine calcolo [m] ......... 25.562086
Tipo2_aP_GR3b_75m

Fase di diagnosi

CURVE CARATTERISTICHE ANALISI BASE

GALLERIA
FRONTE SFERICO

0,1484

0,1335

0,1187

0,1039

S 0,0890
P
O
S
T 0,0742
A
M
E
N 0,0594
T
O
[m]
0,0445

0,0297

0,0148

0,0000
0,00 0,195 0,39 0,585 0,78 0,975 1,17 1,365 1,56 1,755 1,95

PRESSIONE [MPa]

giovedì 5 giugno 2014 10:39:35 ROCKSOIL SpA Gv4 - Versione 4H


########## CALCOLO GALLERIE CON METODO
########### CONVERGENZA-CONFINAMENTO
### SOLUTORE ANALITICO
###
### ##### ## ## ##
### ##### ## ## ##
### ### ## ## ##
############ ## ## ## ##
########## #### ####### VERSIONE 4 (2003)
##

Tipo3-4_cunicolo_aP_GR1_93m

Fase di diagnosi

TIPO DI ANALISI: CALCOLO ACCOPPIATO FRONTE-GALLERIA


VALUTAZIONE DEFORMATA GALLERIA AL FRONTE: 1
1 -> metodo Panet-Guenot (galleria non sostenuta)
2 -> metodo trasformazione omotetica (galleria non sostenuta)
3 -> Nuovo Metodo Implicito (convergenza al fronte da vuoto sferico)
4 -> Nuovo Metodo Implicito (convergenza al fronte da correlazione Ns)
5 -> Nuovo Metodo Implicito (convergenza al fronte da trasformazione omotetica)

D A T I A N A L I S I

R galleria [m] .................................... 5.82000

PARAMETRI GEOTECNICI ----------------------------------------------


Tensione originaria [MPa] ......................... 2.51100
Modulo di Young [MPa] ............................. 5400.00000
Coefficiente di Poisson ........................... .30000
Peso specifico (sovraccarico gravitativo) [kN/m3] . .00000
RESISTENZA ROCCIA
Coesione picco [MPa] .............................. .52000
Angolo attrito picco [°] .......................... 40.00000
Coesione residua [MPa] ............................ .45000
Angolo attrito residuo [MPa] ...................... 32.00000
Angolo dilatanza [°] .............................. .00000

R I S U L T A T O A N A L I S I F R O N T E D I S C A V O

Press. fine calcolo galleria non sostenuta [MPa] .. .000000


Spostamento radiale galleria non sostenuta [m] .... .004888
Raggio plastico galleria non sostenuta [m] ........ 7.349721
Press. fine calcolo fronte sferico [MPa] .......... .000000
Spostamento radiale fronte sferico [m] ............ .002073
Spostamento radiale fronte (correl. Ns) [m] ....... .001329
Spostamento radiale fronte (trasf. omotet.) [m] ... .001417
Raggio plastico fronte sferico [m] ................ 6.289045

R I S U L T A T O A N A L I S I G A L L E R I A

Pressione fine calcolo [MPa] ...................... .000000


Spost. radiale galleria fine calcolo [m] .......... .004888
Raggio plastico galleria fine calcolo [m] ......... 7.349721
Tipo3-4_cunicolo_aP_GR1_93m

Fase di diagnosi

CURVE CARATTERISTICHE ANALISI BASE

GALLERIA
FRONTE SFERICO

0,0049

0,0044

0,0039

0,0034

S 0,0029
P
O
S
T 0,0024
A
M
E
N 0,0020
T
O
[m]
0,0015

0,0010

0,0005

0,0000
0,00 0,251 0,502 0,753 1,004 1,255 1,507 1,758 2,009 2,26 2,511

PRESSIONE [MPa]

giovedì 5 giugno 2014 10:49:39 ROCKSOIL SpA Gv4 - Versione 4H


########## CALCOLO GALLERIE CON METODO
########### CONVERGENZA-CONFINAMENTO
### SOLUTORE ANALITICO
###
### ##### ## ## ##
### ##### ## ## ##
### ### ## ## ##
############ ## ## ## ##
########## #### ####### VERSIONE 4 (2003)
##

Tipo3-4_cunicolo_aP_GR2a_93m

Fase di diagnosi

TIPO DI ANALISI: CALCOLO ACCOPPIATO FRONTE-GALLERIA


VALUTAZIONE DEFORMATA GALLERIA AL FRONTE: 1
1 -> metodo Panet-Guenot (galleria non sostenuta)
2 -> metodo trasformazione omotetica (galleria non sostenuta)
3 -> Nuovo Metodo Implicito (convergenza al fronte da vuoto sferico)
4 -> Nuovo Metodo Implicito (convergenza al fronte da correlazione Ns)
5 -> Nuovo Metodo Implicito (convergenza al fronte da trasformazione omotetica)

D A T I A N A L I S I

R galleria [m] .................................... 5.82000

PARAMETRI GEOTECNICI ----------------------------------------------


Tensione originaria [MPa] ......................... 2.51100
Modulo di Young [MPa] ............................. 1750.00000
Coefficiente di Poisson ........................... .30000
Peso specifico (sovraccarico gravitativo) [kN/m3] . .00000
RESISTENZA ROCCIA
Coesione picco [MPa] .............................. .30000
Angolo attrito picco [°] .......................... 38.00000
Coesione residua [MPa] ............................ .25000
Angolo attrito residuo [MPa] ...................... 30.00000
Angolo dilatanza [°] .............................. .00000

R I S U L T A T O A N A L I S I F R O N T E D I S C A V O

Press. fine calcolo galleria non sostenuta [MPa] .. .000000


Spostamento radiale galleria non sostenuta [m] .... .024600
Raggio plastico galleria non sostenuta [m] ........ 9.532714
Press. fine calcolo fronte sferico [MPa] .......... .000000
Spostamento radiale fronte sferico [m] ............ .009289
Spostamento radiale fronte (correl. Ns) [m] ....... .003863
Spostamento radiale fronte (trasf. omotet.) [m] ... .007134
Raggio plastico fronte sferico [m] ................ 7.124256

R I S U L T A T O A N A L I S I G A L L E R I A

Pressione fine calcolo [MPa] ...................... .000000


Spost. radiale galleria fine calcolo [m] .......... .024600
Raggio plastico galleria fine calcolo [m] ......... 9.532714
Tipo3-4_cunicolo_aP_GR2a_93m

Fase di diagnosi

CURVE CARATTERISTICHE ANALISI BASE

GALLERIA
FRONTE SFERICO

0,0246

0,0221

0,0197

0,0172

S 0,0148
P
O
S
T 0,0123
A
M
E
N 0,0098
T
O
[m]
0,0074

0,0049

0,0025

0,0000
0,00 0,251 0,502 0,753 1,004 1,255 1,507 1,758 2,009 2,26 2,511

PRESSIONE [MPa]

giovedì 5 giugno 2014 10:55:58 ROCKSOIL SpA Gv4 - Versione 4H


########## CALCOLO GALLERIE CON METODO
########### CONVERGENZA-CONFINAMENTO
### SOLUTORE ANALITICO
###
### ##### ## ## ##
### ##### ## ## ##
### ### ## ## ##
############ ## ## ## ##
########## #### ####### VERSIONE 4 (2003)
##

Tipo3-4_cunicolo_aP_GR2b_93m

Fase di diagnosi

TIPO DI ANALISI: CALCOLO ACCOPPIATO FRONTE-GALLERIA


VALUTAZIONE DEFORMATA GALLERIA AL FRONTE: 1
1 -> metodo Panet-Guenot (galleria non sostenuta)
2 -> metodo trasformazione omotetica (galleria non sostenuta)
3 -> Nuovo Metodo Implicito (convergenza al fronte da vuoto sferico)
4 -> Nuovo Metodo Implicito (convergenza al fronte da correlazione Ns)
5 -> Nuovo Metodo Implicito (convergenza al fronte da trasformazione omotetica)

D A T I A N A L I S I

R galleria [m] .................................... 5.82000

PARAMETRI GEOTECNICI ----------------------------------------------


Tensione originaria [MPa] ......................... 2.51100
Modulo di Young [MPa] ............................. 1250.00000
Coefficiente di Poisson ........................... .30000
Peso specifico (sovraccarico gravitativo) [kN/m3] . .00000
RESISTENZA ROCCIA
Coesione picco [MPa] .............................. .25000
Angolo attrito picco [°] .......................... 33.00000
Coesione residua [MPa] ............................ .20000
Angolo attrito residuo [MPa] ...................... 26.00000
Angolo dilatanza [°] .............................. .00000

R I S U L T A T O A N A L I S I F R O N T E D I S C A V O

Press. fine calcolo galleria non sostenuta [MPa] .. .000000


Spostamento radiale galleria non sostenuta [m] .... .055073
Raggio plastico galleria non sostenuta [m] ........ 12.449081
Press. fine calcolo fronte sferico [MPa] .......... .000000
Spostamento radiale fronte sferico [m] ............ .018589
Spostamento radiale fronte (correl. Ns) [m] ....... .005480
Spostamento radiale fronte (trasf. omotet.) [m] ... .015971
Raggio plastico fronte sferico [m] ................ 8.077844

R I S U L T A T O A N A L I S I G A L L E R I A

Pressione fine calcolo [MPa] ...................... .000000


Spost. radiale galleria fine calcolo [m] .......... .055073
Raggio plastico galleria fine calcolo [m] ......... 12.449081
Tipo3-4_cunicolo_aP_GR2b_93m

Fase di diagnosi

CURVE CARATTERISTICHE ANALISI BASE

GALLERIA
FRONTE SFERICO

0,0551

0,0496

0,0441

0,0386

S 0,0330
P
O
S
T 0,0275
A
M
E
N 0,0220
T
O
[m]
0,0165

0,0110

0,0055

0,0000
0,00 0,251 0,502 0,753 1,004 1,255 1,507 1,758 2,009 2,26 2,511

PRESSIONE [MPa]

giovedì 5 giugno 2014 10:58:07 ROCKSOIL SpA Gv4 - Versione 4H


########## CALCOLO GALLERIE CON METODO
########### CONVERGENZA-CONFINAMENTO
### SOLUTORE ANALITICO
###
### ##### ## ## ##
### ##### ## ## ##
### ### ## ## ##
############ ## ## ## ##
########## #### ####### VERSIONE 4 (2003)
##

Tipo3-4_cunicolo_aP_GR3a_93m

Fase di diagnosi

TIPO DI ANALISI: CALCOLO ACCOPPIATO FRONTE-GALLERIA


VALUTAZIONE DEFORMATA GALLERIA AL FRONTE: 1
1 -> metodo Panet-Guenot (galleria non sostenuta)
2 -> metodo trasformazione omotetica (galleria non sostenuta)
3 -> Nuovo Metodo Implicito (convergenza al fronte da vuoto sferico)
4 -> Nuovo Metodo Implicito (convergenza al fronte da correlazione Ns)
5 -> Nuovo Metodo Implicito (convergenza al fronte da trasformazione omotetica)

D A T I A N A L I S I

R galleria [m] .................................... 5.82000

PARAMETRI GEOTECNICI ----------------------------------------------


Tensione originaria [MPa] ......................... 2.41800
Modulo di Young [MPa] ............................. 1100.00000
Coefficiente di Poisson ........................... .30000
Peso specifico (sovraccarico gravitativo) [kN/m3] . .00000
RESISTENZA ROCCIA
Coesione picco [MPa] .............................. .20000
Angolo attrito picco [°] .......................... 30.00000
Coesione residua [MPa] ............................ .17000
Angolo attrito residuo [MPa] ...................... 24.00000
Angolo dilatanza [°] .............................. .00000

R I S U L T A T O A N A L I S I F R O N T E D I S C A V O

Press. fine calcolo galleria non sostenuta [MPa] .. .000000


Spostamento radiale galleria non sostenuta [m] .... .083531
Raggio plastico galleria non sostenuta [m] ........ 15.149532
Press. fine calcolo fronte sferico [MPa] .......... .000000
Spostamento radiale fronte sferico [m] ............ .026160
Spostamento radiale fronte (correl. Ns) [m] ....... .008311
Spostamento radiale fronte (trasf. omotet.) [m] ... .024224
Raggio plastico fronte sferico [m] ................ 8.890109

R I S U L T A T O A N A L I S I G A L L E R I A

Pressione fine calcolo [MPa] ...................... .000000


Spost. radiale galleria fine calcolo [m] .......... .083531
Raggio plastico galleria fine calcolo [m] ......... 15.149532
Tipo3-4_cunicolo_aP_GR3a_93m

Fase di diagnosi

CURVE CARATTERISTICHE ANALISI BASE

GALLERIA
FRONTE SFERICO

0,0835

0,0752

0,0668

0,0585

S 0,0501
P
O
S
T 0,0418
A
M
E
N 0,0334
T
O
[m]
0,0251

0,0167

0,0084

0,0000
0,00 0,242 0,484 0,725 0,967 1,209 1,451 1,693 1,934 2,176 2,418

PRESSIONE [MPa]

giovedì 5 giugno 2014 11:18:39 ROCKSOIL SpA Gv4 - Versione 4H


########## CALCOLO GALLERIE CON METODO
########### CONVERGENZA-CONFINAMENTO
### SOLUTORE ANALITICO
###
### ##### ## ## ##
### ##### ## ## ##
### ### ## ## ##
############ ## ## ## ##
########## #### ####### VERSIONE 4 (2003)
##

Tipo3-4_cunicolo_aP_GR3b_93m

Fase di diagnosi

TIPO DI ANALISI: CALCOLO ACCOPPIATO FRONTE-GALLERIA


VALUTAZIONE DEFORMATA GALLERIA AL FRONTE: 1
1 -> metodo Panet-Guenot (galleria non sostenuta)
2 -> metodo trasformazione omotetica (galleria non sostenuta)
3 -> Nuovo Metodo Implicito (convergenza al fronte da vuoto sferico)
4 -> Nuovo Metodo Implicito (convergenza al fronte da correlazione Ns)
5 -> Nuovo Metodo Implicito (convergenza al fronte da trasformazione omotetica)

D A T I A N A L I S I

R galleria [m] .................................... 5.82000

PARAMETRI GEOTECNICI ----------------------------------------------


Tensione originaria [MPa] ......................... 2.41800
Modulo di Young [MPa] ............................. 900.00000
Coefficiente di Poisson ........................... .30000
Peso specifico (sovraccarico gravitativo) [kN/m3] . .00000
RESISTENZA ROCCIA
Coesione picco [MPa] .............................. .16000
Angolo attrito picco [°] .......................... 28.00000
Coesione residua [MPa] ............................ .14000
Angolo attrito residuo [MPa] ...................... 22.00000
Angolo dilatanza [°] .............................. .00000

R I S U L T A T O A N A L I S I F R O N T E D I S C A V O

Press. fine calcolo galleria non sostenuta [MPa] .. .000000


Spostamento radiale galleria non sostenuta [m] .... .163014
Raggio plastico galleria non sostenuta [m] ........ 19.643872
Press. fine calcolo fronte sferico [MPa] .......... .000000
Spostamento radiale fronte sferico [m] ............ .045705
Spostamento radiale fronte (correl. Ns) [m] ....... .016220
Spostamento radiale fronte (trasf. omotet.) [m] ... .047274
Raggio plastico fronte sferico [m] ................ 10.082975

R I S U L T A T O A N A L I S I G A L L E R I A

Pressione fine calcolo [MPa] ...................... .000000


Spost. radiale galleria fine calcolo [m] .......... .163014
Raggio plastico galleria fine calcolo [m] ......... 19.643872
Tipo3-4_cunicolo_aP_GR3b_93m

Fase di diagnosi

CURVE CARATTERISTICHE ANALISI BASE

GALLERIA
FRONTE SFERICO

0,1630

0,1467

0,1304

0,1141

S 0,0978
P
O
S
T 0,0815
A
M
E
N 0,0652
T
O
[m]
0,0489

0,0326

0,0163

0,0000
0,00 0,242 0,484 0,725 0,967 1,209 1,451 1,693 1,934 2,176 2,418

PRESSIONE [MPa]

giovedì 5 giugno 2014 11:05:18 ROCKSOIL SpA Gv4 - Versione 4H


########## CALCOLO GALLERIE CON METODO
########### CONVERGENZA-CONFINAMENTO
### SOLUTORE ANALITICO
###
### ##### ## ## ##
### ##### ## ## ##
### ### ## ## ##
############ ## ## ## ##
########## #### ####### VERSIONE 4 (2003)
##

Tipo3_calotta_aP_GR1_93m

Fase di diagnosi

TIPO DI ANALISI: CALCOLO ACCOPPIATO FRONTE-GALLERIA


VALUTAZIONE DEFORMATA GALLERIA AL FRONTE: 1
1 -> metodo Panet-Guenot (galleria non sostenuta)
2 -> metodo trasformazione omotetica (galleria non sostenuta)
3 -> Nuovo Metodo Implicito (convergenza al fronte da vuoto sferico)
4 -> Nuovo Metodo Implicito (convergenza al fronte da correlazione Ns)
5 -> Nuovo Metodo Implicito (convergenza al fronte da trasformazione omotetica)

D A T I A N A L I S I

R galleria [m] .................................... 7.54000

PARAMETRI GEOTECNICI ----------------------------------------------


Tensione originaria [MPa] ......................... 2.51100
Modulo di Young [MPa] ............................. 5400.00000
Coefficiente di Poisson ........................... .30000
Peso specifico (sovraccarico gravitativo) [kN/m3] . .00000
RESISTENZA ROCCIA
Coesione picco [MPa] .............................. .52000
Angolo attrito picco [°] .......................... 40.00000
Coesione residua [MPa] ............................ .45000
Angolo attrito residuo [MPa] ...................... 32.00000
Angolo dilatanza [°] .............................. .00000

R I S U L T A T O A N A L I S I F R O N T E D I S C A V O

Press. fine calcolo galleria non sostenuta [MPa] .. .000000


Spostamento radiale galleria non sostenuta [m] .... .006332
Raggio plastico galleria non sostenuta [m] ........ 9.521803
Press. fine calcolo fronte sferico [MPa] .......... .000000
Spostamento radiale fronte sferico [m] ............ .002685
Spostamento radiale fronte (correl. Ns) [m] ....... .001721
Spostamento radiale fronte (trasf. omotet.) [m] ... .001836
Raggio plastico fronte sferico [m] ................ 8.147663

R I S U L T A T O A N A L I S I G A L L E R I A

Pressione fine calcolo [MPa] ...................... .000000


Spost. radiale galleria fine calcolo [m] .......... .006332
Raggio plastico galleria fine calcolo [m] ......... 9.521803
Tipo3_calotta_aP_GR1_93m

Fase di diagnosi

CURVE CARATTERISTICHE ANALISI BASE

GALLERIA
FRONTE SFERICO

0,0063

0,0057

0,0051

0,0044

S 0,0038
P
O
S
T 0,0032
A
M
E
N 0,0025
T
O
[m]
0,0019

0,0013

0,0006

0,0000
0,00 0,251 0,502 0,753 1,004 1,255 1,507 1,758 2,009 2,26 2,511

PRESSIONE [MPa]

giovedì 5 giugno 2014 11:12:01 ROCKSOIL SpA Gv4 - Versione 4H


########## CALCOLO GALLERIE CON METODO
########### CONVERGENZA-CONFINAMENTO
### SOLUTORE ANALITICO
###
### ##### ## ## ##
### ##### ## ## ##
### ### ## ## ##
############ ## ## ## ##
########## #### ####### VERSIONE 4 (2003)
##

Tipo3_calotta_aP_GR2a_93m

Fase di diagnosi

TIPO DI ANALISI: CALCOLO ACCOPPIATO FRONTE-GALLERIA


VALUTAZIONE DEFORMATA GALLERIA AL FRONTE: 1
1 -> metodo Panet-Guenot (galleria non sostenuta)
2 -> metodo trasformazione omotetica (galleria non sostenuta)
3 -> Nuovo Metodo Implicito (convergenza al fronte da vuoto sferico)
4 -> Nuovo Metodo Implicito (convergenza al fronte da correlazione Ns)
5 -> Nuovo Metodo Implicito (convergenza al fronte da trasformazione omotetica)

D A T I A N A L I S I

R galleria [m] .................................... 7.54000

PARAMETRI GEOTECNICI ----------------------------------------------


Tensione originaria [MPa] ......................... 2.51100
Modulo di Young [MPa] ............................. 1750.00000
Coefficiente di Poisson ........................... .30000
Peso specifico (sovraccarico gravitativo) [kN/m3] . .00000
RESISTENZA ROCCIA
Coesione picco [MPa] .............................. .30000
Angolo attrito picco [°] .......................... 38.00000
Coesione residua [MPa] ............................ .25000
Angolo attrito residuo [MPa] ...................... 30.00000
Angolo dilatanza [°] .............................. .00000

R I S U L T A T O A N A L I S I F R O N T E D I S C A V O

Press. fine calcolo galleria non sostenuta [MPa] .. .000000


Spostamento radiale galleria non sostenuta [m] .... .031870
Raggio plastico galleria non sostenuta [m] ........ 12.349943
Press. fine calcolo fronte sferico [MPa] .......... .000000
Spostamento radiale fronte sferico [m] ............ .012034
Spostamento radiale fronte (correl. Ns) [m] ....... .005005
Spostamento radiale fronte (trasf. omotet.) [m] ... .009242
Raggio plastico fronte sferico [m] ................ 9.229706

R I S U L T A T O A N A L I S I G A L L E R I A

Pressione fine calcolo [MPa] ...................... .000000


Spost. radiale galleria fine calcolo [m] .......... .031870
Raggio plastico galleria fine calcolo [m] ......... 12.349943
Tipo3_calotta_aP_GR2a_93m

Fase di diagnosi

CURVE CARATTERISTICHE ANALISI BASE

GALLERIA
FRONTE SFERICO

0,0319

0,0287

0,0255

0,0223

S 0,0191
P
O
S
T 0,0159
A
M
E
N 0,0127
T
O
[m]
0,0096

0,0064

0,0032

0,0000
0,00 0,251 0,502 0,753 1,004 1,255 1,507 1,758 2,009 2,26 2,511

PRESSIONE [MPa]

giovedì 5 giugno 2014 11:13:52 ROCKSOIL SpA Gv4 - Versione 4H


########## CALCOLO GALLERIE CON METODO
########### CONVERGENZA-CONFINAMENTO
### SOLUTORE ANALITICO
###
### ##### ## ## ##
### ##### ## ## ##
### ### ## ## ##
############ ## ## ## ##
########## #### ####### VERSIONE 4 (2003)
##

Tipo3_calotta_aP_GR2b_93m

Fase di diagnosi

TIPO DI ANALISI: CALCOLO ACCOPPIATO FRONTE-GALLERIA


VALUTAZIONE DEFORMATA GALLERIA AL FRONTE: 1
1 -> metodo Panet-Guenot (galleria non sostenuta)
2 -> metodo trasformazione omotetica (galleria non sostenuta)
3 -> Nuovo Metodo Implicito (convergenza al fronte da vuoto sferico)
4 -> Nuovo Metodo Implicito (convergenza al fronte da correlazione Ns)
5 -> Nuovo Metodo Implicito (convergenza al fronte da trasformazione omotetica)

D A T I A N A L I S I

R galleria [m] .................................... 7.54000

PARAMETRI GEOTECNICI ----------------------------------------------


Tensione originaria [MPa] ......................... 2.51100
Modulo di Young [MPa] ............................. 1250.00000
Coefficiente di Poisson ........................... .30000
Peso specifico (sovraccarico gravitativo) [kN/m3] . .00000
RESISTENZA ROCCIA
Coesione picco [MPa] .............................. .25000
Angolo attrito picco [°] .......................... 33.00000
Coesione residua [MPa] ............................ .20000
Angolo attrito residuo [MPa] ...................... 26.00000
Angolo dilatanza [°] .............................. .00000

R I S U L T A T O A N A L I S I F R O N T E D I S C A V O

Press. fine calcolo galleria non sostenuta [MPa] .. .000000


Spostamento radiale galleria non sostenuta [m] .... .071349
Raggio plastico galleria non sostenuta [m] ........ 16.128191
Press. fine calcolo fronte sferico [MPa] .......... .000000
Spostamento radiale fronte sferico [m] ............ .024083
Spostamento radiale fronte (correl. Ns) [m] ....... .007099
Spostamento radiale fronte (trasf. omotet.) [m] ... .020691
Raggio plastico fronte sferico [m] ................ 10.465111

R I S U L T A T O A N A L I S I G A L L E R I A

Pressione fine calcolo [MPa] ...................... .000000


Spost. radiale galleria fine calcolo [m] .......... .071349
Raggio plastico galleria fine calcolo [m] ......... 16.128191
Tipo3_calotta_aP_GR2b_93m

Fase di diagnosi

CURVE CARATTERISTICHE ANALISI BASE

GALLERIA
FRONTE SFERICO

0,0713

0,0642

0,0571

0,0499

S 0,0428
P
O
S
T 0,0357
A
M
E
N 0,0285
T
O
[m]
0,0214

0,0143

0,0071

0,0000
0,00 0,251 0,502 0,753 1,004 1,255 1,507 1,758 2,009 2,26 2,511

PRESSIONE [MPa]

giovedì 5 giugno 2014 11:15:49 ROCKSOIL SpA Gv4 - Versione 4H


########## CALCOLO GALLERIE CON METODO
########### CONVERGENZA-CONFINAMENTO
### SOLUTORE ANALITICO
###
### ##### ## ## ##
### ##### ## ## ##
### ### ## ## ##
############ ## ## ## ##
########## #### ####### VERSIONE 4 (2003)
##

Tipo3_calotta_aP_GR3a_93m

Fase di diagnosi

TIPO DI ANALISI: CALCOLO ACCOPPIATO FRONTE-GALLERIA


VALUTAZIONE DEFORMATA GALLERIA AL FRONTE: 1
1 -> metodo Panet-Guenot (galleria non sostenuta)
2 -> metodo trasformazione omotetica (galleria non sostenuta)
3 -> Nuovo Metodo Implicito (convergenza al fronte da vuoto sferico)
4 -> Nuovo Metodo Implicito (convergenza al fronte da correlazione Ns)
5 -> Nuovo Metodo Implicito (convergenza al fronte da trasformazione omotetica)

D A T I A N A L I S I

R galleria [m] .................................... 7.54000

PARAMETRI GEOTECNICI ----------------------------------------------


Tensione originaria [MPa] ......................... 2.41800
Modulo di Young [MPa] ............................. 1100.00000
Coefficiente di Poisson ........................... .30000
Peso specifico (sovraccarico gravitativo) [kN/m3] . .00000
RESISTENZA ROCCIA
Coesione picco [MPa] .............................. .20000
Angolo attrito picco [°] .......................... 30.00000
Coesione residua [MPa] ............................ .17000
Angolo attrito residuo [MPa] ...................... 24.00000
Angolo dilatanza [°] .............................. .00000

R I S U L T A T O A N A L I S I F R O N T E D I S C A V O

Press. fine calcolo galleria non sostenuta [MPa] .. .000000


Spostamento radiale galleria non sostenuta [m] .... .108217
Raggio plastico galleria non sostenuta [m] ........ 19.626713
Press. fine calcolo fronte sferico [MPa] .......... .000000
Spostamento radiale fronte sferico [m] ............ .033892
Spostamento radiale fronte (correl. Ns) [m] ....... .010768
Spostamento radiale fronte (trasf. omotet.) [m] ... .031383
Raggio plastico fronte sferico [m] ................ 11.517427

R I S U L T A T O A N A L I S I G A L L E R I A

Pressione fine calcolo [MPa] ...................... .000000


Spost. radiale galleria fine calcolo [m] .......... .108217
Raggio plastico galleria fine calcolo [m] ......... 19.626713
Tipo3_calotta_aP_GR3a_93m

Fase di diagnosi

CURVE CARATTERISTICHE ANALISI BASE

GALLERIA
FRONTE SFERICO

0,1082

0,0974

0,0866

0,0758

S 0,0649
P
O
S
T 0,0541
A
M
E
N 0,0433
T
O
[m]
0,0325

0,0216

0,0108

0,0000
0,00 0,242 0,484 0,725 0,967 1,209 1,451 1,693 1,934 2,176 2,418

PRESSIONE [MPa]

giovedì 5 giugno 2014 11:21:02 ROCKSOIL SpA Gv4 - Versione 4H


########## CALCOLO GALLERIE CON METODO
########### CONVERGENZA-CONFINAMENTO
### SOLUTORE ANALITICO
###
### ##### ## ## ##
### ##### ## ## ##
### ### ## ## ##
############ ## ## ## ##
########## #### ####### VERSIONE 4 (2003)
##

Tipo3_calotta_aP_GR3b_93m

Fase di diagnosi

TIPO DI ANALISI: CALCOLO ACCOPPIATO FRONTE-GALLERIA


VALUTAZIONE DEFORMATA GALLERIA AL FRONTE: 1
1 -> metodo Panet-Guenot (galleria non sostenuta)
2 -> metodo trasformazione omotetica (galleria non sostenuta)
3 -> Nuovo Metodo Implicito (convergenza al fronte da vuoto sferico)
4 -> Nuovo Metodo Implicito (convergenza al fronte da correlazione Ns)
5 -> Nuovo Metodo Implicito (convergenza al fronte da trasformazione omotetica)

D A T I A N A L I S I

R galleria [m] .................................... 7.54000

PARAMETRI GEOTECNICI ----------------------------------------------


Tensione originaria [MPa] ......................... 2.41800
Modulo di Young [MPa] ............................. 900.00000
Coefficiente di Poisson ........................... .30000
Peso specifico (sovraccarico gravitativo) [kN/m3] . .00000
RESISTENZA ROCCIA
Coesione picco [MPa] .............................. .16000
Angolo attrito picco [°] .......................... 28.00000
Coesione residua [MPa] ............................ .14000
Angolo attrito residuo [MPa] ...................... 22.00000
Angolo dilatanza [°] .............................. .00000

R I S U L T A T O A N A L I S I F R O N T E D I S C A V O

Press. fine calcolo galleria non sostenuta [MPa] .. .000000


Spostamento radiale galleria non sostenuta [m] .... .211191
Raggio plastico galleria non sostenuta [m] ........ 25.449277
Press. fine calcolo fronte sferico [MPa] .......... .000000
Spostamento radiale fronte sferico [m] ............ .059213
Spostamento radiale fronte (correl. Ns) [m] ....... .021013
Spostamento radiale fronte (trasf. omotet.) [m] ... .061245
Raggio plastico fronte sferico [m] ................ 13.062824

R I S U L T A T O A N A L I S I G A L L E R I A

Pressione fine calcolo [MPa] ...................... .000000


Spost. radiale galleria fine calcolo [m] .......... .211191
Raggio plastico galleria fine calcolo [m] ......... 25.449277
Tipo3_calotta_aP_GR3b_93m

Fase di diagnosi

CURVE CARATTERISTICHE ANALISI BASE

GALLERIA
FRONTE SFERICO

0,2112

0,1901

0,1690

0,1478

S 0,1267
P
O
S
T 0,1056
A
M
E
N 0,0845
T
O
[m]
0,0634

0,0422

0,0211

0,0000
0,00 0,242 0,484 0,725 0,967 1,209 1,451 1,693 1,934 2,176 2,418

PRESSIONE [MPa]

giovedì 5 giugno 2014 11:22:33 ROCKSOIL SpA Gv4 - Versione 4H


########## CALCOLO GALLERIE CON METODO
########### CONVERGENZA-CONFINAMENTO
### SOLUTORE ANALITICO
###
### ##### ## ## ##
### ##### ## ## ##
### ### ## ## ##
############ ## ## ## ##
########## #### ####### VERSIONE 4 (2003)
##

Tipo4_calotta_aP_GR1_93m

Fase di diagnosi

TIPO DI ANALISI: CALCOLO ACCOPPIATO FRONTE-GALLERIA


VALUTAZIONE DEFORMATA GALLERIA AL FRONTE: 1
1 -> metodo Panet-Guenot (galleria non sostenuta)
2 -> metodo trasformazione omotetica (galleria non sostenuta)
3 -> Nuovo Metodo Implicito (convergenza al fronte da vuoto sferico)
4 -> Nuovo Metodo Implicito (convergenza al fronte da correlazione Ns)
5 -> Nuovo Metodo Implicito (convergenza al fronte da trasformazione omotetica)

D A T I A N A L I S I

R galleria [m] .................................... 9.10000

PARAMETRI GEOTECNICI ----------------------------------------------


Tensione originaria [MPa] ......................... 2.51100
Modulo di Young [MPa] ............................. 5400.00000
Coefficiente di Poisson ........................... .30000
Peso specifico (sovraccarico gravitativo) [kN/m3] . .00000
RESISTENZA ROCCIA
Coesione picco [MPa] .............................. .52000
Angolo attrito picco [°] .......................... 40.00000
Coesione residua [MPa] ............................ .45000
Angolo attrito residuo [MPa] ...................... 32.00000
Angolo dilatanza [°] .............................. .00000

R I S U L T A T O A N A L I S I F R O N T E D I S C A V O

Press. fine calcolo galleria non sostenuta [MPa] .. .000000


Spostamento radiale galleria non sostenuta [m] .... .007643
Raggio plastico galleria non sostenuta [m] ........ 11.491831
Press. fine calcolo fronte sferico [MPa] .......... .000000
Spostamento radiale fronte sferico [m] ............ .003241
Spostamento radiale fronte (correl. Ns) [m] ....... .002077
Spostamento radiale fronte (trasf. omotet.) [m] ... .002216
Raggio plastico fronte sferico [m] ................ 9.833387

R I S U L T A T O A N A L I S I G A L L E R I A

Pressione fine calcolo [MPa] ...................... .000000


Spost. radiale galleria fine calcolo [m] .......... .007643
Raggio plastico galleria fine calcolo [m] ......... 11.491831
Tipo4_calotta_aP_GR1_93m

Fase di diagnosi

CURVE CARATTERISTICHE ANALISI BASE

GALLERIA
FRONTE SFERICO

0,0076

0,0069

0,0061

0,0053

S 0,0046
P
O
S
T 0,0038
A
M
E
N 0,0031
T
O
[m]
0,0023

0,0015

0,0008

0,0000
0,00 0,251 0,502 0,753 1,004 1,255 1,507 1,758 2,009 2,26 2,511