Sei sulla pagina 1di 6

4- 2014

Rafael Hoces Ortega

LA TRASCRIZIONE
MUSICALE PER
CHITARRA FLAMENCA
Negli ambienti della flamencologia
tradizionale e del mondo artistico si discute da
tempo intorno alla possibilità e alla necessità
di trascrivere in partitura il flamenco, e la
maggior parte delle argomentazioni tendono
a negare l’utilità di una scrittura musicale. Dal
nostro punto di vista, invece, anche alla luce di
approfondite indagini, una rappresentazione
musicale del flamenco, oltre a confermarsi
come certamente possibile, non sembrerebbe
offrire altro che vantaggi. Persistono
difficoltà, certo: le stesse che accompagnano
la trascrizione di ogni forma di musica
afferente alle culture non occidentali.
1 La trascrizione musicale per chitarra flamenca

Nota del traduttore Sull’Autore


Questo articolo è stato pubblicato sulla rivista La Rafael Hoces Ortega è Profesor Superior de
Madrugá, n.6, di giugno 2012, ISSN 1989-6042, ed Música nella specialità Guitarra Flamenca presso
è consultabile in rete presso le Edizioni il Conservatorio Superior de Música de Córdoba,
dell’Università di Murcia al seguente indirizzo: Dottore in Flamenco presso l’Università di
Siviglia e Diplomato in Magisterio presso
http://revistas.um.es/flamenco/article/view/151
l’Università di Granada.
061
Dal 2007 è attivo come insegnante di
L’articolo viene pubblicato e reso disponibile in
conservatorio specializzato in Guitarra Flamenca,
lingua italiana previa gentile concessione
e attualmente insegna al Conservatorio
dell’Editore e con il consenso dell’Autore, che
Profesional de Música Ángel Barrios di Granada.
resta il proprietario intellettuale dell’opera.
In merito alle tematiche della didattica del
Il traduttore è manlevato a tutti gli effetti da flamenco e della teoria musicale della chitarra
qualsivoglia riproduzione e/o utilizzo del flamenca ha coordinato e tenuto corsi e
presente articolo a fini di lucro, o impropri, o conferenze presso conservatori, centri di
comunque in contravvenzione con le finalità di didattica superiore, università e associazioni a
divulgazione della traduzione nonché con le Granada, Siviglia, Córdoba e Albacete.
vigenti normative internazionali sulla privacy e
È stato membro del comitato scientifico del
sul diritto d’autore.
Congreso INFLA 2012, ed è autore di vari articoli
Genova, aprile 2014, Massimo Ceravolo sul flamenco presso riviste, e libri, e
(massimo.ceravolo@fastwebnet.it ) pubblicazioni online come La Madrugá,
Relafare, Sulponticello.
All’attività didattica il professor Ortega affianca
Sull’articolo quella artistica; in quest’ambito ha tenuto
concerti in Germania, Italia e Cuba, sia come
Si precisa, anche su indicazione dell’Autore, che solista che come accompagnatore di cantaores e
questo articolo costituisce solo il nucleo di una bailaores.
più esaustiva trattazione sviluppata nel libro La
transcripción para guitarra flamenca, edito Ha inoltre preso parte alla produzione
da Libros con Duende S.L. con una prefazione discografica di artisti tra cui Sound of the
dell’illustre flamencologo ed esperto di chitarra Outcasts, Asprogrades, Braulio Izquierdo.
flamenca Norberto Torres Cortés. Della Collabora inoltre con la violinista Ana Mª Gorbe,
pubblicazione, consultabile anche in formato semifinalista al Concurso del Festival del Cante de
elettronico, si trovano maggiori dettagli presso il las Minas de la Unión del 2012.
seguente indirizzo: http://transcripcion-
guitarra-flamenca.webnode.es/ (Fonte: sito web dell'Autore)
2 La trascrizione musicale per chitarra flamenca

Rafael Hoces Ortega Fortunatamente, sono in continua crescita i


lavori degli esperti di flamenco che si
accostano alla trascrizione, come ad
esempio, l'interessante pubblicazione del
La trascrizione musicale dottor Ortega.1 E per comprendere anche le
per chitarra flamenca. ragioni che animano la posizione degli
artisti, riportiamo una testimonianza di
Traduzione italiana di Massimo Ceravolo, su Philippe Donnier tratta dal suo articolo
gentile concessione della rivista La Madrugá. “Flamenco y musicología”: «qualcosa di
simile sta accadendo a molti flamencos. Forti
1. Si può trascrivere il della profonda conoscenza della loro arte
flamenco? […] essi sostengono che il flamenco non si
può né si deve scrivere».2
Con la tesi “La transcripción musical para
Gli interpreti, in altre parole, partendo da un
guitarra flamenca, análisis e
profondo rispetto e dalla conoscenza della
implementación metodológica” abbiamo
complessità di questa musica, la considerano
avanzato la pretesa, sotto il profilo tecnico,
talmente grandiosa da non poter essere
di fornire argomenti a supporto delle
“condensata” in una partitura. Va detto
possibilità di scrittura del flamenco. E a
invece, che non esiste musica che un
conforto della nostra ipotesi abbiamo
pentagramma non possa conservare
proposto un metodo di trascrizione,
attraverso un’opportuna simbologia. E che il
apportando un corpus di partiture con esso
fatto che si conservi una testimonianza
realizzate. A spingerci verso quel lavoro
scritta non toglie importanza alla musica,
sarebbero state le critiche, provenienti sia
ma contribuisce anzi a diffonderne la
dall’interno che dall’esterno del flamenco e
grandezza. Si tratta di un fatto dinanzi al
rivolte tanto alla musica scritta quanto alla
quale qualcuno obietta che l’intervento del
possibilità di facilitare il compito del
linguaggio musicale comporta una perdita di
trascrittore e di promuovere la creazione di
autenticità. Juan Manuel Cañizares,
partiture di flamenco.
musicista che ben conosce sia l'ambiente
Come andiamo ripetendo, contro la scrittura accademico che quello del flamenco, ha
del flamenco, e soprattutto del cante, si sono battezzato questa posizione come «il
levate critiche tanto dal mondo della prestigio dell'incultura».3
musicologia comparata e del flamenco
Nello spazio che coniuga ricerca e flamenco
professionale quanto da quello dei
Cristina Cruces ha offerto invece la propria
flamencologi e perfino dei detrattori del
testimonianza sulla notazione lamentando
flamenco. Ognuno ha portato
come le già scarse risorse di
argomentazioni differenti, tutte
rappresentazione cartacea della musica o
debitamente analizzate e, in linea generale,
della danza non possano contare su molti
controbattute.
estimatori.4 Ne consegue che resta a carico
Ha resistito per anni una specie di dogma degli esperti la proposta, per la musica
dell'impossibilità di trascrivere il flamenco, flamenca, di una notazione adeguata ed in
tanto tra i musicologi quanto nell’ambiente grado di adattarsi a questa stessa
stesso del flamenco. Contro la possibilità di idiosincrasia.
scrittura stanno le posizioni di chi ritiene
che non si possa codificare in segno scritto
l’interpretazione di questa musica. Noi 1
Cfr. ORTEGA, José F., Cantes de las Minas, cantes por
abbiamo potuto constatare invece che Tarantas. Sevilla, Signatura Ediciones, 2011.
2
DONNIER, Philippe, “Flamenco y Musicología”, in Candil, n.
questo non è un problema esclusivo del 61, Peña Flamenca de Jaén, 1989, p. 32.
flamenco, ma comune, ancorché in misura 3
In CALADO, Silvia: “Cañizares, guitarrista flamenco.
variabile, un po' a tutti gli stili musicali. Ed è Entrevista”. Anche consultabile in Flamenco-world, Febbraio,
2007. (Consultato il 01-06-12).
qui particolarmente necessario intendersi 4
CRUCES ROLDÁN, Cristina: “Una primera aproximación a
sul concetto di tradizione orale al quale las metodologías de estudio del flamenco. Perspectivas,
anche il flamenco fa capo. necesidades y líneas de trabajo”. In: Patrimonio Musical,
Granada, Consejería de Cultura de la Junta de Andalucía, 2002,
pp. 63-107.
3 La trascrizione musicale per chitarra flamenca

A noi basta dare evidenza del fatto che lavori Due sono le questioni forti messe in rilievo
come quello qui presentato sono via via più da Donnier: una, che l'impossibilità di una
richiesti da una flamencologia sempre più trascrizione musicale, determinatasi
interessata alla scrittura musicale. Nel suo all'interno del flamenco, è stata poi
articolo “En torno a la guitarra flamenca y contraddetta nel medesimo ambito; l'altra,
su notación musical” ha dichiarato in che ogni qual volta si voglia trascrivere un
proposito Manuel Cera, professore di singolo frammento si è costretti
chitarra flamenca presso il Conservatorio inevitabilmente a operare delle scelte o, per
Superior de Música di Córdoba: «qualsiasi meglio dire, delle selezioni. Va qui ricordata
linguaggio utilizzato dall'uomo può essere l'importanza attribuita da Donnier alla
trasmesso, attraverso una combinazione di componente improvvisatoria: «Bisognerebbe
segni ordinati e dotati di significato, in una per questo dire che non v'è trascrizione
forma di senso compiuto”.5 possibile? Se abbiamo la pretesa di utilizzare
queste trascrizioni come si utilizzano nella
Anche l'uomo, quindi, produttore di suono
musica classica, certo che no».7
attraverso la chitarra flamenca così come
attraverso qualsiasi altro strumento, può È necessario inoltre richiamare l'attenzione
mettersi in fila. Un’argomentazione tanto sul fatto che Donnier fa qui riferimento alla
più credibile proprio per il fatto di provenire parte cantata, che viene trattata in maniera
da una personalità come Cera, dotato di differente dalla chitarra e che senza dubbio
sufficiente prestigio professionale e rigore costituisce un ottimo esempio delle difficoltà
scientifico, professore di chitarra flamenca e insite nella trascrizione del cante. Dal suo
conoscitore a un tempo sia della grammatica testo si deduce però anche un altro
della musica che del flamenco. importante elemento, e cioè che, a seconda
della finalità con cui viene eseguita e dei
Tra gli “antiflamencos”, o
destinatari per cui è pensata, la stessa
“antiflamenquistas”, resta esemplare il
trascrizione può avere maggiore o minore
nobile caso di Eugenio Nöel, il quale, nella
validità.
sua novella Chamuscón y Cortadillo, avrebbe
messo in bocca a un personaggio la In sostanza, gli autori consultati non solo
celeberrima frase che «sulla carta il cante concordano, nel loro insieme, sulla realtà,
non ci sta», affermando così tout court ancorché complessa, di trascrivere la
l'impossibilità di trascrivere sul chitarra flamenca - e possiamo dire, senza
pentagramma il cante flamenco. tema di smentita, a maggior ragione il cante -
ma pure lo dimostrano con la pubblicazione
Da parte sua, l'eminente studioso Philippe
dei loro metodi e delle loro opere,
Donnier, così si è espresso nella prefazione
testimonianze tangibili della
al suo Método pubblicato in collaborazione
razionalizzazione del processo di creazione
con Merengue de Córdoba nel 1995: «Molti
ad esse sotteso.
aficionados ritengono impossibile una
trascrizione del Flamenco in notazione Da parte loro, i musicologi e i chitarristi
musicale. Se l'espressività e il duende non concordano sulla maggiore pertinenza di
potranno mai essere trascritti, per quanto alcuni elementi a scapito di altri ritenuti
attiene alla chitarra la metrica, rigorosa meno fondamentali o dal carattere
nella maggioranza dei casi, le melodie e le maggiormente improvvisatorio.
strutture ritmiche possono esserlo
Sulla base di questi e di altri punti di vista
benissimo […]. In tal modo ogni
espressi da personalità di riconosciuto
presentazione adottata si proporrà come
prestigio integrate nel mondo del flamenco
una scelta tra le tante possibili».6

5
CERA VERA, Manuel: “En torno a la guitarra flamenca y la
7
notación musical”. En Revista del Conservatorio Superior de Id., “Flamenco: elementos para la transcripción del cante y de
Música «Rafael Orozco» de Córdoba, nº 4. Córdoba, la guitarra”. In PELINSKI, R. e TORRENT CENTELLES, V.
Conservatorio Superior de Música de Córdoba, 2006, p. 112. (a.c. di): Actas del III Congreso de la Sociedad ibérica de
6
DONNIER, Philippe e MERENGUE DE CÓRDOBA, Etnomusicología, Benicàssim, Villa Elisa, 23-25 de Mayo de
Flamenco: Método de guitarra, París, Gèrard Billaudot, 1985, p. 1997, pp. 103-20. Cfr. RSM 24 aprile 2011 (Consultato il 01-06-
3. 12).
4 La trascrizione musicale per chitarra flamenca

o ai suoi margini,8 si deduce, di conseguenza, musica di Giava cominciava a sembrarmi un


la complessità della trascrizione del esercizio di tortura».9
flamenco; una complessità che nell'ambito
Egli allude in realtà al fatto che la traduzione
vocale si fa più accentuata.
del suono su carta risulta più complicata per
Ma facciamo un passo avanti, cercando di chi non ha familiarità con certi suoni, come
approfondire ora in che misura abbiano una appunto nel caso del flamenco e fatta salva,
qualche ragione i musicologi, i musicisti ed i nondimeno, la grande distanza che separa il
flamencologi nell’alludere all’impossibilità sistema musicale di Giava da quello del
di congelare nella partitura il cante ed il flamenco. Si tratta comunque sempre di
toque. fissare su carta musiche create e trasmesse
in forma orale in seno a sistemi musicali
Come per la maggior parte delle musiche di
diversi da quello occidentale. Dal confronto
tradizione orale, il flamenco presenta non
di una trascrizione di cante o di chitarra
poche difficoltà di trascrizione. E qui occorre
flamenca con una di musica giavanese
pesare bene quanto proviamo a riferire per
emergono diverse difficoltà, e risulterà
rendere conto di come tali difficoltà non
necessario eseguire sforzi differenziati e
siano esclusive del flamenco, come
concentrati su differenti tipi di musiche,
pretenderebbero esserle gli artisti, e
prestando maggiore attenzione ora agli
principalmente per ignoranza. Queste poche
aspetti ritmici, ora a quelli melodici, ora a
righe possano servire anzi come
quelli armonici, testuali, ecc.
rivendicazione della possibilità di notazione
musicale che il flamenco offre. Dalle parole di Hood traspare la mancanza di
formazione sulle musiche non occidentali
I musicologi hanno ragione in parte quando
che caratterizza i piani di studio dei corsi di
riconoscono tra le ricchezze del flamenco
musicologia. I musicologi vengono educati
l'elevata componente improvvisatoria.
principalmente alla musica occidentale,
Chitarra, cante e baile interpretano
mentre le materie di taglio etnomusicologico
realizzando continue variazioni su modelli
vengono demandate ad appositi corsi di
preesistenti. Ma non è appunto una
specializzazione. Ne consegue che la
caratteristica comune alle musiche di
familiarità con culture musicali altre o non
tradizione orale quella di variare
occidentali come il flamenco è scarsa, e
spontaneamente intorno a melodie tipo?
costringe il trascrittore a misurarsi con
Gli stessi interpreti sono praticamente problemi sempre nuovi ogni qual volta si
incapaci di ripetere la stessa melodia in provi ad iniziare un lavoro con linguaggi
maniera esattamente uguale per due volte di sonori sconosciuti.
fila, nemmeno quando una è continuazione
dell'altra. 2. Conclusione
Ciò malgrado, di queste melodie esistono Vogliamo approfittare di questo spazio per
molteplici trascrizioni. E Mantle Hood, in sostenere il fatto che la musica flamenca può
veste di trascrittore, riporta un semplice benissimo stare su carta, così come può
esempio dal quale si evince la difficoltà di benissimo essere trascritta in notazione
trascrivere musiche create ai margini della musicale. E della possibilità di trascrizione
notazione tradizionale e di cui abbiamo del flamenca nelle sue tre manifestazioni,
conoscenze davvero scarse: chitarra, cante e baile, sono prova le
trascrizioni esistenti.
«Quello che applicato alla musica
occidentale aveva costituito per me È altrettanto indubbio che il linguaggio
un'abilità allenata e fluente, nel caso della musicale occidentale ha bisogno di evolversi,
e di rendersi capace di offrire un vocabolario
8
Per personalità integrate ci riferiamo a interpreti professionisti
più o meno in possesso di nozioni di teoria musicale. Ai margini
9
del flamenco consideriamo invece quei musicologi che non sono HOOD, Mantle, “Transcripción y notación”. In CRUCES, F. e
interpreti, e che approcciano il flamenco forti di un bagaglio di a., Las culturas musicales: lecturas de etnomusicología, Madrid,
preparazione musicale anche teorica. Editorial Trotta, 2001, p. 81.
5 La trascrizione musicale per chitarra flamenca

più ampio e in grado di meglio riflettere migliori soluzioni resta nelle mani delle
alcune delle idiosincrasie del flamenco. Nel future generazioni di studenti».13
caso del cante, la trascrizione risulterà più
Ci auguriamo che le future generazioni siano
complessa per via del comma-cromatismo
il presente, e siano già pronte ad accogliere
vocale.10 Ma questa difficoltà ulteriore, che
tali soluzioni.
presuppone l'uso di un linguaggio non
concepito per l'impiego nell'ambito della
nostra musica, non deve offrire il pretesto
per nascondersi ogni volta dietro la vecchia
idea romantica che «sulla carta il cante non
ci sta». Il duende, il feeling, e le componenti
emozionali che accompagnano il flamenco,
come altre musiche, non possono essere
descritte se non mediante remote
approssimazioni. Nello stesso tempo, è
assodato che anche fenomeni di acustica,
intesa come scienza dei suoni, possono
tranquillamente essere trascritti.
La nostra intenzione è quella di definire un
processo a partire da uno studio teorico dei
processi esistenti nelle altre musiche,11 nella
nostra esperienza di trascrittori,12 ed in coda
a una riflessione a posteriori, allo scopo di
costruire un metodo di trascrizione specifico
per la chitarra flamenca. Un metodo capace
di favorire una trascrizione utile, efficace e
forte delle risorse sufficienti a risolvere
qualsiasi problema si venga a verificare in
questo complicato processo.
La nostra indagine porta risultati che
dimostrano la capacità umana di trascrivere
la musica flamenca, ad onta delle difficoltà
che quest’ultima presenta al confronto con
gli altri stili musicali abitualmente afferenti
alla tradizione orale, come gli stessi pop e
rock.
Confidiamo poi sul fatto che a poco a poco le
difficoltà andranno dissolvendosi, aprendo a
una piena indagine delle caratteristiche di
questo universo musicale.
E concludiamo infine con le parole di Hood,
quando evidenzia come: «la promessa di

10
Si definisce come comma-cromatico un intervallo musicale il
cui valore è equivalente ad uno o a più commi, laddove nove
commi formano un tono. Molto utilizzati nel cante flamenco,
questi intervalli hanno quindi un valore inferiore a nove e
tuttavia non superano i limiti del semitono.
11
Ci siamo accostati a trascrizioni di altre musiche di tradizione
orale per mezzo di studi etnomusicologici e di partiture.
12
Con la trascrizione di partiture di differenti palos e
provenienti da varie epoche della chitarra flamenca, così como
13
di modelli del cante e del baile. HOOD, op. cit., p. 91.