Sei sulla pagina 1di 4

Parto

La Manovra
di Kristeller:
“la manovra
invisibile”

La manovra di Kristeller è una manovra ostetrica eseguita da ginecolo-


gi e ostetriche durante il parto in contemporanea con la contrazione e
consiste in una spinta a livello del fondo dell’utero, con mani, avambrac-
ci, gomiti, addirittura ginocchia e traverse.

La manovra prende il nome dal suo inventore, il ginecologo tedesco Sa-


muel Kristeller, che la pensò come aiuto per i parti più difficili.

Correva l’anno 1867 quando le conoscenze scientifiche non erano mini-


mamente comparabili alle attuali acquisizioni.
Consigli alle partorienti
prima di scegliere in quale struttura partorire:
1. al personale che segue la gravidanza o al momento del ricovero per
partorire chiedere informazioni sull’uso, all’interno della struttura in cui
avverrà il parto, della manovra di Kristeller e dei rischi che questa com-
porta;
2. se la manovra viene utilizzata, richiedere al responsabile di sala par-
to, se è previsto uno specifico consenso informato per l’eventuale ese-
cuzione della manovra di Kristeller, con il quale si rispetta il diritto alla
corretta informazione per far sì che la partoriente comprenda i rischi
legati a tale manovra;
3. verificare se in sala parto sono presenti telecamere per riprende-
re l’evento parto. In alternativa richiedere se un familiare che assiste
all’evento possa effettuare la registrazione del parto, nel rispetto della
privacy del personale. Una testimonianza registrata può essere di sup-
porto in un eventuale contenzioso.

Federconsumatori è impegnata nella diffusione di tali consigli per offri-


re una garanzia di sicurezza alle partorienti.

Pubblicazione a cura di
Dott. Pierfrancesco Belli (Esperto in Ingegneria dei Sistemi Sanitari),
Dott. Ciriaco Serluca (Attuario),
Consulenti Scientifici di Federconsumatori.

Guarda i video sulla manovra di Kristeller sul sito www.federconsumatori.it


e sulla pagina Facebook della Federconsumatori
sto di questa pratica pericolosa effetti sugli organi sottoposti a tali
“a costo zero”, impedendo l’intro- forti pressioni.
duzione di specifici protocolli di
prevenzione dei rischi basati su Tale letteratura scientifica inter-
dispostivi medici che, al contrario, nazionale indica che ogni spinta
potrebbero prevenire l’uso della di manovra di Kristeller abbia un
manovra di Kristeller evitandone peso di 30 kg. Tale spinta, su una
le complicanze. fragile testa fetale, può compor-
tare danni cerebrali, mentre sulla
Nuove tecnologie sarebbero ne- madre può provocare la rottura
cessarie per supportare quelle dell’utero, emorragia e lacerazioni
donne che per età, per eccessivo gravi di 3° e 4° grado, senza con-
affaticamento e stanchezza, per siderare gli effetti sulla salute di
esaurimento della forza contratti- madre e neonato a medio e lungo
le dell’utero, per un taglio cesareo termine.
pregresso, hanno maggiori dif-
ficoltà a ultimare il travaglio ed il Si tratta di danni gravissimi, che nel
parto. neonato possono portare a disabi-
lità permanente e che dovrebbero
La carenza di protocolli di sicu- essere evitati come indicato dagli
rezza nel parto naturale comporta articoli 5 e 6 della Legge n. 104 del
che purtroppo spesso si giunga, 5/2/1992, infatti è nell’ambito del
col protrarsi dei tempi del parto, parto che vengono pagati i risar-
alla sofferenza fetale in emergen- cimenti più alti. Tali risarcimenti
za ostetrica durante la quale si sono comunque sempre troppo
pratica sulla partoriente e sul feto esigui rispetto ai costi di assisten-
la manovra di Kristeller per tenta- za necessari per tutta la vita.
re il disimpegno della testa fetale,
non avendo effettuato il taglio ce-
sareo nei tempi corretti.
Questo può causare gravi dan-
ni alla salute di madre e neonato
come anche descritto nel 2016
nelle Linee Guida dell’Emorragia
Post Partum dell’Istituto Superiore
di Sanità, in cui si sottolinea che la
manovra di Kristeller è anche cau-
sa di rottura ed inversione di utero.
I danni e le complicanze si produ-
cono in quanto la spinta pratica- L’ANIA (Associazione Nazionale
ta non è controllata e misurata né Imprese Assicurative) definisce
sono considerati, come invece sot- tali eventi “Top Claim” un evento
tolinea la letteratura scientifica, gli catastrofale riferito al neonato.
Manovra di Kristeller portata nei documenti del fascico-
una pratica molto diffusa ma lo clinico costituito dalla Cartella
di cui le donne partorienti non Clinica, dal CeDAP (Certificato di
vengono informate. Assistenza al Parto) e dalla SDO
(Scheda di Dimissione Ospedalie-
Il personale sanitario ostetrico e ra), mentre al contrario la sua se-
ginecologico del Servizio Sanita- gnalazione sarebbe necessaria per
rio Nazionale nei corsi di accom- la sorveglianza perinatale, il con-
pagnamento alla nascita e/o nelle trollo del rischio e la programma-
visite ambulatoriali normalmente zione sanitaria.
non informa mai la partoriente sui
Anche le pubblicazioni interna-
rischi e le complicanze materno,
zionali di settore quali SIMPSON
feto e neonatali che madre e bam-
(2001), AFAR (2004) e INTERNA-
bino possono subire con la mano-
TIONAL FORUM OF BIRTH ROMA
vra di Kristeller, che viene pratica-
(2005), rivelano che la manovra di
ta alla partoriente in condizioni di
Kristeller non viene segnalata da
una presunta emergenza, giustifi-
ginecologi e ostetriche nelle car-
candola come un “aiutino”.
telle cliniche e nei flussi informativi
Le Aziende Sanitarie in genere non del parto per motivi medico legali.
hanno previsto alcun consenso in-
È quindi evidente che il Ministero
formato specifico per l’effettua-
della Salute non possa, né control-
zione della manovra di Kristeller,
lare, né prevenire tale fattore di
pertanto la partoriente ne rimane
rischio, né effettuare un corretto
all’oscuro.
monitoraggio degli eventi negativi
che avvengono nelle sale parto.
È invece necessario che il Ministero
della Salute effettui una mappatu-
ra dei rischi e delle relative conse-
guenze cliniche nel tempo, al fine
di verificare l’effettiva diffusione di
tale pratica e conseguentemente
ridurre fino ad eliminarne l’utilizzo.
È necessario inoltre migliorare la
sicurezza dei processi clinici anche
con innovative soluzioni tecnolo-
Va specificato che in caso di danni giche e clinico/organizzative che
a madre e/o neonato risulta mol- eviterebbero le emergenze oste-
to difficile per la partoriente e/o la triche e il ricorso a tale manovra.
famiglia dimostrare il nesso cau-
sale in un eventuale contenzioso Col sempre più diffuso pretesto
medico legale, in quanto quasi mai della “naturalità” del parto si vuole
la manovra di Kristeller viene ri- mantenere l’uso omissivo e nasco-