Sei sulla pagina 1di 5

Docente: Anna Rita Graziani

Corso di psicologia sociale

Capitolo 9
L’influenza sociale:
facilitazione e inerzia sociale

1
L’influenza sociale

Tema centrale in psicologia sociale.


Definizione di psicologia sociale di Allport (1935): «indagine di come i
pensieri, i sentimenti e i comportamenti degli individui sono
influenzati dalla presenza reale, immaginata o implicita degli altri».

Influenza sociale: processo che implica che un destinatario compia


un riaggiustamento delle proprie idee, dei propri sentimenti o del
proprio comportamento in conseguenza delle idee, dei sentimenti o
del comportamento espressi da una fonte di influenza (Mucchi Faina,
1996).

• Fonte consapevole => influenza deliberata


• Fonte inconsapevole => influenza accidentale

2
L’influenza sociale
La presenza di altri: effetti di facilitazione e di inerzia sociale
• Esperimento di Triplett del 1897  l’effetto osservato prese il
nome di facilitazione sociale: la presenza di altre persone, sia nel
ruolo di co-attori sia in quello di osservatori, migliora la
prestazione individuale.
• Zajonc [1965]: l’emissione di una risposta già appresa e ben nota
viene facilitata dalla presenza di osservatori, mentre l’acquisizione
di una nuova risposta viene ostacolata dalla stessa presenza.
• La presenza di altre persone, inducendo attivazione (arousal),
facilita la risposta dominante: sbagliata per i compiti nuovi o
complessi, corretta per i compiti semplici o ben appresi.
• Questa attivazione deriva dall’apprensione per la valutazione degli
altri e, quando l’individuo ha poca fiducia nelle sue capacità,
interferisce con l’attenzione necessaria per lo svolgimento del
compito.
3
L’influenza sociale
• Le ricerche mostrano la tendenza da parte delle persone a
profondere meno sforzo in un lavoro collettivo, in cui i singoli
contributi non sono distinguibili, rispetto ad un lavoro individuale.
• Free rider: minimizza lo sforzo personale per beneficiare di quello
collettivo, limitandosi all’impegno sufficiente per non essere
colpevolizzato e perché il gruppo raggiunga un risultato decoroso.

Esperimento di Latanè et al. (1979): sforzo gruppo > individui singoli


ma < somma degli individui
=> effetto di inerzia sociale (social loafing): lo sforzo individuale è
inversamente proporzionale al numero di persone che compongono il
gruppo.
Cfr. con pseudo-gruppi => l’effetto di inerzia sociale si aggiunge alla
difficoltà di coordinare gli sforzi.

4
L’influenza sociale
Facilitazione sociale e inerzia sociale sembrano fenomeni contrastanti
ma si osservano in situazioni differenti:
• Quando le persone svolgono un compito individuale insieme =>
valutazione e competizione => attivazione => facilitazione della
risposta dominante = facilitazione sociale.
• Quando gli individui svolgono un compito di gruppo in cui il
contributo di ciascuno non è chiaramente identificabile =>
comportamenti da free-rider => inerzia sociale.

Latané (1981): teoria dell’impatto sociale  Ogni individuo può essere


fonte o target di impatto sociale. La pressione sociale esperita è una
funzione moltiplicativa del numero delle persone che la esercitano,
della sua intensità e della distanza tra le fonti e il target di tale
pressione.