Sei sulla pagina 1di 2

Consigli: Lucidare un mobile (70.

13)

Per lucidare un mobile occorre procedere con tre operazioni distinte:

1. la sverniciatura (solo per i mobili antichi)


2. la pomiciatura (applicazione di un turapori)
3. la lucidatura e levigatura (aspetto patina)

PRODOTTI: Prodotto per sverniciare (a base di cloruro di metilene), turapori, prodotti di trattamento, cera d'ape naturale, lana d'acciaio 0 e 000,
tampone di lana d'acciaio n. 2, alcool denaturato o acquaragia, pasta di legno colorata, carta vetrata 220 e 400, decolorante, tinta ad acqua, fili di
cotone, vernice. ATTREZZI: Spatola, levigatrice elettrica, zeppa per levigare, pennello piatto, spazzola di nylon, spazzola vegetale in gramigna,
guanto per lucidare o lucidatrice elettrica, guanti di protezione.

IL METODO PER IL LUCIDATO

Lavorare in un locale arieggiato al riparo dal calore. Togliere tutti gli accessori smontabili del mobile
(porte, cassetti, ferramenti etc.) ed otturare i buchi di fissaggio con della carta di giornale o del cotone.
Sverniciare tutte le superfici (usando preferibilmente uno sverniciatore con cloruro di metilene), ed
evitare il decapaggio a caldo che può provocare il distacco del rivestimento.
Applicarlo con la spazzola di nylon proteggendosi con i guanti ed aspettare 15/20 minuti; quindi togliere
delicatamente con la spatola la pellicola gonfia.

Rinnovare l'operazione, se necessario, fregando le modanature e le parti in rilievo con un tampone di


lana d'acciaio n. 2. Neutralizzare quindi lo sverniciatore con un tampone di lana d'acciaio, imbevuto
nell'alcool denaturato o in acquaragia. Per proteggere il legno, applicare un prodotto di trattamento.

Mascherare i piccoli difetti, fessure e crepe, con una pasta per legno di colore molto simile a quello del
mobile.
Dopo ogni fase preparatoria, non dimenticare di pomiciare, usare quindi un prodotto che schiarisce e
non macchia il legno.

http://www.castorama.it/schede_consiglio/artI363.php?mytype=stampa 03/06/2005
Applicare il decolorante con il pennello e colorare di nuovo con una tinta ad acqua di facile impiego;
applicare con un pennello, nel senso della venatura del legno, uno strato leggermente schiarito e
passare un secondo strato più denso, per ottenere una colorazione perfetta.

Applicare con il cotone due o tre strati di turapori e levigare, dopo ogni passaggio, con una lana
d'acciaio n° 0 e successivamente n° 000 per l'ultimo passaggio.
Lucidare in strati successivi e consitenti con una lana d'acciaio n° 000.

Levigare con una spazzola in gramigna, eseguendo un movimento rapido fino ad ottenimento di un
lucido perfetto.

http://www.castorama.it/schede_consiglio/artI363.php?mytype=stampa 03/06/2005