Sei sulla pagina 1di 11

UNGHERIA

Ultimo aggiornamento 19/5/2020


Valida al 23/07/2020

INFORMAZIONI GENERALI
Dati Paese

Capitale: Budapest
Popolazione: 9.908.000
Superficie: 93.030 km²
Fuso orario: stesso orario rispetto all'Italia.
Lingue: Ungherese. Diffusa la conoscenza delle lingue inglese e tedesca.
Religioni: Cattolica, Protestante, Ortodossa, Ebraica
Moneta: Fiorino ungherese (Forint- HUF)
Telefonia: la rete GSM è operativa
Rete Telenor 0036 20; Rete Vodafone 0036 70; Rete TMobile 0036 30.
Clima: il clima, continentale, è rigido d'inverno, con frequenti precipitazioni nevose che, specie nei
centri più periferici del Paese, rendono difficoltosa la circolazione stradale.

Ambasciata e Consolati

Ambasciata d'Italia a BUDAPEST


Stefánia út. 95
1143 Budapest, Ungheria
Tel. 0036 1 4606201
Fax 0036 1 4606260
E-mail: ambasciata.budapest@esteri.it
Sezione Consolare: Fax 0036 1 4606290, e-mail consolare.ambbudapest@esteri.it
UFFICI CONSOLARI
Vice Consolato Onorario d’Italia a Pecs:
Indirizzo postale: 7743 Romonya, Béke u. 2
Tel./fax:0036 72 786 732
E-mail: pecs.onorario@esteri.it
E-mail secondario (continuerà ad essere utilizzato per un periodo limitato di tempo):
consolato.italiano@gmail.com
Consolato Onorario d’Italia a Nyíregyháza:
Széchenyi u.2.II em. - 4401 Nyíregyháza
Tel./fax 0036 42 311130; cell. 0036 30 9429553
E-mail: nyiregyhaza.onorario@esteri.it
E-mail secondario (continuerà ad essere utilizzato per un periodo limitato di tempo):
sarcia.roberto@consolatoit.hu, consolato@consolatoit.hu
Consolato onorario d'Italia a Szeged:
Dugonics Ter 2 - 6722 Szeged
Tel. 0036 62 423255; fax 0036 62 544375
E-mail: szeged.onorario@esteri.it
E-mail secondario (continuerà ad essere utilizzato per un periodo limitato di tempo):
paljzsf@gmail.com
ISTITUTO ITALIANO DI CULTURA - Bródy Sándor utca 8, 1088 Budapest;
Tel: 0036 1 4832040 - sito: www. iicbudapest.esteri.it
E-mail: assistentedirettore.iicbudapest@esteri.it

Documentazione necessaria all'ingresso nel Paese

Controlli alle frontiere


A partire dal 7 aprile 2017, in attuazione del Regolamento dell’Unione Europea 458/2017 del 15
marzo 2017, sono possibili controlli di identità rafforzati alle frontiere esterne dell’Unione Europea.
Tali misure potrebbero comportare ritardi e disagi. Si raccomanda ai connazionali di verificare in
anticipo la validità dei propri documenti di viaggio (carta di identità o passaporto).
Passaporto/carta d’identità valida per l’espatrio. E’ necessario viaggiare con uno dei due
documenti in corso di validità, da poter esibire in caso di richiesta da parte delle autorità locali. Il
Paese fa parte dell’UE. Per le eventuali modifiche relative alla validità residua richiesta del
passaporto si consiglia di informarsi preventivamente presso l’Ambasciata o il Consolato del Paese
presente in Italia o presso il proprio Agente di viaggio.
Qualora in possesso di una carta d’identità valida per l’espatrio rinnovata, si prenda visione
dell’Approfondimento Documenti di viaggio – documenti per viaggi all’estero di questo sito.
Furto / smarrimento documenti: in caso di furto o smarrimento di documenti o oggetti personali, gli
interessati devono prima di tutto recarsi presso la più vicina centrale di Polizia per effettuare la
denuncia (la stazione di Polizia fornisce un interprete), che verrà rilasciata in lingua ungherese.
Alcune stazioni di Polizia, come quella sita in Stefánia út 83, che è anche la più vicina al Consolato,
sono fornite di moduli di denuncia di smarrimento plurilingue.
Successivamente, ci si dovrà presentare al Consolato, con 2 foto tessera, per ottenere il documento
di viaggio, detto ETD (Emergency Document Travel) valido per il rientro in Italia (in casi eccezionali si
rilasciano ETD per altri Paesi dell’Area Schengen), che è valevole per un massimo di 5 giorni. Per
ragioni di sicurezza, non è possibile il rilascio dell’ETD negli orari al di fuori di quelli d’ufficio. Le
fotografie si possono ottenere presso la stazione ferroviaria “Keleti PU - Pályaudvar”, nella cabina
automatica posta di fronte alla biglietteria nazionale al piano terra oppure all’ingresso della stazione
metropolitana di “Deák Tér”, nella cabina automatica posizionata accanto alla biglietteria.
Viaggi all’estero dei minori: si prega di consultare l’Approfondimento Documenti di viaggio-
documenti per viaggi all’estero di minori di questo sito.
Formalità valutarie e doganali (per viaggiatori all’interno dell’Unione Europea)
Nessuna formalità particolare. I cittadini comunitari possono importare e/o esportare Euro o Fiorini
ungheresi in quantità illimitata.
Per la legislazione italiana in materia, consultare il sito https://www.agenziadoganemonopoli.gov.it/.
Tutti i viaggiatori extracomunitari che entrano in territorio UE o ne escono con una somma pari o
superiore a 10.000 Euro sono tenuti a dichiararla alle autorità doganali conformemente al
Regolamento (CE) n.1889/2005, in vigore dal 15 giugno 2007. Stesso obbligo vale per i viaggiatori
UE che dall’Ungheria sono diretti verso Paesi extracomunitari o entrano in Ungheria da Paesi
extracomunitari.
La dichiarazione va presentata presso l’ufficio doganale (o altre autorità competenti) del posto di
confine dove il viaggiatore ha fatto ingresso in UE o dove ne è uscito.
Tale dichiarazione può essere scaricata dalle pagine: http://e.europa.eu/eucashcontrols,
http://www.nav.gov.hu/nav/vam/egyeb/keszpenz_130107.html. (versione ungherese, versione inglese
)
Per informazioni è possibile chiamare i numeri di telefono del locale Ente competente per imposte e
dogane (NAV) +36 1 441-9600. Per chi chiama dall'Ungheria è attivo il numero verde 06 80 20-21-22
(Sito web: www.nav.gov.hu , E-mail: vam.info@nav.gov.hu). Informazioni sull’argomento possono
essere rinvenute nel sito dell’Agenzia www.nav.gov.hu.
Regole relative ai viaggiatori all’interno dell’Unione Europea
In generale, i quantitativi ammessi che non costituiscono oggetto di attività commerciale sono i
seguenti:
Tabacchi:
- 800 sigarette
- 200 sigari, 400 piccoli sigari
- 1000 grammi di tabacco da fumo
Alcolici:
- 110 litri di birra,
- 20 litri di prodotti alcolici intermedi (liquori ecc.),
- 10 litri di prodotti alcolici (superalcolici)
- 90 litri di vino (di cui, al massimo, 60 litri di spumante)
Regole relative ai viaggiatori da o verso paesi terzi non UE.
I cittadini che arrivano in territorio ungherese da un Paese terzo (non UE) - indipendentemente dalla
loro cittadinanza - possono introdurre al seguito in esenzione doganale prodotti soggetti ad accisa
secondo i seguenti quantitativi:
Per i tabacchi (esclusivamente per i viaggiatori che abbiano compiuto 17 anni), i quantitativi ammessi
per chi viaggia in aereo sono:
- 200 sigarette, oppure
- 100 piccoli sigari (di peso non superiore a 3 grammi a ciascuno), oppure
- 50 sigari, oppure
- 250 grammi di tabacco da sigaretta, da pipa, oppure un misto proporzionato dei prodotti sopra
elencati
Per i tabacchi, i quantitativi ammessi se si entra o esce non in aereo sono:
- 40 sigarette, oppure
- 20 piccoli sigari (di peso non superiore a 3 grammi a ciascuno), oppure
- 10 sigari, oppure
- 50 grammi di tabacco da sigaretta, da pipa, oppure ‘un misto proporzionato dei prodotti sopra
elencati.
Per i prodotti alcolici e bevande alcoliche (esclusivamente per i viaggiatori che abbiano compiuto 17
anni), i quantitativi ammessi sono al massimo:
- 1 litro di bevande alcoliche e bevande distillate superiori a 22%, alcool etilico non denaturato di 80
gradi e più, oppure
- 1 litro di bevande distillate e bevande alcoliche, aperitivi a base di vino o a base di altri alcolici,
“sakè”, “tafia” o altre bevande simili a queste, il cui livello alcolico non superi i 22 gradi, vini frizzanti e
vini liquorosi, oppure
- 2 litri di vini fermi.
Per i profumi: 50 grammi e 0,25 litri di acqua di colonia.
Per i prodotti farmaceutici sono ammessi i quantitativi prescritti dal medico e corrispondenti alle
necessita del viaggiatore.
Trasporto di beni culturali: il trasporto, anche provvisorio, in un altro Paese UE, oppure in un Paese
terzo, di oggetti considerati beni culturali datati almeno 50 anni, è soggetto al rilascio di un apposito
permesso, se il valore monetario dell’oggetto supera i 50 mila fiorini. Informazioni dettagliate al
riguardo sono fornite nel sito dell’Ufficio di Tutela Oggetti d’arte del Centro di Tutela del Patrimonio
Nazionale Gyula Forster (www.forsterkozpont.hu) , preposto al rilascio dei permessi di esportazione
di oggetti d’arte (tel. 0036 1 2254980, fax 0036 1 2254985, e-mail: mutargy@forsterkozpont.hu).
Circa i permessi e le procedure o in caso di quesiti relativi a categorie di oggetti d’arte e loro valore
commerciale l’autoritá competente è il Segretariato di Stato per la Tutela del Patrimonio culturale e
per gli Investimenti culturali per gli Investimenti culturali particolari presso l’Ufficio del Primo Ministro,
1055 Budapest, Kossuth Lajos tér 1-3. Tel.: (1) 795-5000, E-mail: erkeztetok@me.gov.hu
Trasporto di selvaggina: Il trasporto della selvaggina risulta possibile, sempre che essa non sia
specie protetta (in tal caso sono previste severe sanzioni), e se si è in possesso di valida
certificazione veterinaria da parte delle competenti autorità del Paese d'origine e di regolari fatture
della riserva di caccia.
Ulteriori informazioni sugli argomenti suddetti o di carattere generale, sono contenute, anche in
versione inglese, francese, tedesca, russa, nella pubblicazione dell’Ente preposto alle imposte e alle
dogane (NAV) accessibile al seguente link:
http://www.nav.gov.hu/nav/kiadvanyok/utastajekoztato2016
Avvertenze: si avvisa l’utenza che le Autorità doganali e fiscali ungheresi congiuntamente all’Ente di
Gestione della rete stradale nazionale effettuano solitamente accurati controlli sulla pesatura degli
automezzi pesanti. Si raccomanda, pertanto, la stretta osservanza delle norme vigenti seguendo le
indicazioni pubblicate sul sito: http://internet.kozut.hu/en/Pages/dimensions.aspx

Informazioni utili

Nel Paese
Emergenze: 112
Polizia: 112 - 107
Ambulanze: 104
Soccorso stradale: 188 o 1-3451755 in tutto il Paese con personale plurilingue
Vigili del Fuoco: 105
Si segnala che è possibile contattare gratuitamente i servizi di Pronto Intervento in qualunque Paese
dell’Unione Europea, componendo il numero 112 da qualsiasi telefono fisso o mobile.
Il numero 112 è disponibile 7 giorni su 7, 24 ore su 24. Il servizio, gestito dalle Autorità locali, è offerto
nella/e lingua/e ufficiale/i del Paese e spesso anche in una lingua veicolare.
Újlaki Altalános Iskola - Scuola primaria (elementare e media) con insegnamento bilingue - 1023
Budapest, Ürömi u.64. Tel./fax 0036 1 3350720. E-mail: scuolaitalianabudapest@gmail.com Sito:
http://ujlaki.ultranet.hu
Liceo Szent Laszlo (Budapest) con sezione bilingue
Indirizzo: 1102 Budapest - Korosi Csoma utca 28. Tel. 0036 1 2623599 Fax: 0036 1 2602264. E-
mail: sarkpet@szlgbp.sulinet.hu Sito: http://www.szlgbp.hu
Liceo Kodaly Zoltan Gimnazium (Pécs) con sezione bilingue
Indirizzo: 7629 Pécs - Dobo Istvan utca 35-37. Tel. 0036 72 539040/042 Fax: 0036 72 539042. E-
mail: tagozat@kodaly-pecs.sulinet.hu
Ufficio Alitalia - Rákoczi út 1-3, 1088-Budapest; Tel. 0036 1 3277191 / 0036 1 3018743, Fax 0036 1
3277190
E.N.I.T. Vienna (competente per l’Ungheria)
Mariahilfer Straße 1b / Top XVI1060 Vienna -Tel. 0043 1 5051639 - Tel. 0043 1 5051639
Fax 0043 1 5050248 E-mail: vienna@enit.it
Automobile Club :Magyar Autóklub (MAK)
1043 Budapest, Berda Jozsef utca, 15 - IV-
Tel. 0036 1 3451800, per emergenze, avarie, guasti auto tel. 188
INFORMAZIONI TURISTICHE SULL’UNGHERIA
Touring Inform: Tel. 0036 1 4388080 e numero verde 00800360000 (lunedì-venerdì dalle 8 alle 20)
Sito: http://tourinform.hu
Gli operatori forniscono informazioni turistiche. Il numero telefonico è inoltre in collegamento con il
Comando di Polizia di Budapest, attivo 24 ore anche per le emergenze riguardanti la sicurezza dei
turisti.
In Italia
Ufficio del Turismo Ungherese:
Tel: 02 72095737
Web: www.turismoungherese.it / http://it.gotohungary.com
E-mail: info@turismoungherese.it
Per gli indirizzi e recapiti dell’Ambasciata e dei Consolati del Paese accreditati in l’Italia,
consultare il sito del : Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale

Indicazioni per operatori economici

Gli imprenditori italiani interessati ad avviare attività economico-commerciali o a effettuare


investimenti possono rivolgersi all’Ambasciata d’Italia a Budapest e ai sotto indicati indirizzi.
Ufficio Commerciale dell’Ambasciata d’Italia a Budapest
Stefánia út 95, 1143 Budapest;
Tel. +36 1 4606201,
Fax +36 1 4606260, Fax Consolato +36 1 4606290,
e-mail ambasciata ambasciata.budapest@esteri.it
www.ambbudapest@esteri.it
Ufficio di Budapest dell’Agenzia ITA (ex I.C.E)
KOSSUTH LAJOS TÉR 13-15, 1055 Budapest,
Tel: + 36 1 2667555 - Fax: + 36 1 2660171
E-mail: budapest@ice.it
ww.ice.it
Camera di Commercio italiana per l’Ungheria
Indirizzo: Váci utca 81 - 1056 Budapest
Tel. +36 1 4850200.
Fax. +36 1 4861286
E-mail: info@cciu.com
www.cciu.com
Hungarian Investment Promotion Agency (HIPA)
(Ente governativo che cura la promozione degli investimenti esteri)
Indirizzo: Honvéd utca 20 - 1055 Budapest
Tel. +36 1 8726520
fax. +36 1 8726699
http://hipa.hu
e-mail: info@hipa.hu
Ufficio Informazioni Doganali (Custom Information)
Servizio informazioni telefonico attivo 24 ore su 24
numeri verdi dall’Italia +36 40 346262 / +36 40 424242
Numero verde dall’Ungheria: 06 40 346262
Numeri fissi: +36 1 3016950 / 1 3016951 / 1 2509570 / 1 346262
E-mail: vam.info@nav.gov.hu
Sito: http://nav.gov.hu e in inglese http://en.nav.gov.hu/
Informazioni generali https://www.nav.gov.hu/nav/kiadvanyok/utastajekoztato2016
Elenco dei valichi di frontiera e gli orari di apertura degli stessi
http://en.nav.gov.hu/contact/customs_field/Border_Crossing_Stations_opening_hours.html

SICUREZZA
Indicazioni generali, ordine pubblico e criminalita'

Non si segnalano al momento particolari criticità in relazione all’ordine pubblico. Manifestazioni


politiche hanno luogo occasionalmente a Budapest e in altre città del Paese.
Le Autorità ungheresi hanno rafforzato i controlli in frontiera con l’Ucraina in seguito all’acuirsi della
crisi nel Paese vicino: i controlli ai varchi di frontiera potrebbero comportare lunghi tempi di attesa.
L’incremento dell’immigrazione illegale dai Balcani verso Austria e Germania ha causato un
irrigidimento dei controlli su strade, autostrade e ferrovie in prossimità dei confini soprattutto con
Serbia, Austria e Croazia.

Rischio terrorismo

Il terrorismo rappresenta una minaccia globale. Nessun Paese può essere considerato
completamente esente dal rischio di episodi ricollegabili a tale fenomeno.
All’indomani degli attentati di Bruxelles e Nizza il Paese ha innalzato l’allerta a livello 2, rafforzando i
controlli e la presenza di militari presso aeroporti e stazioni ferroviarie, al pari di quanto messo in atto
da altri Paesi UE.

Rischi ambientali e calamita' naturali

Aree di particolare cautela

Avvertenze

Si raccomanda ai connazionali di:


- registrare i dati del proprio viaggio su DOVESIAMONELMONDO;
- evitare manifestazioni e luoghi di assembramento;
- non effettuare il cambio valuta presso privati e per strada, è vietato dalla legge;
- non lasciare incustoditi valori e documenti personali negli appartamenti affittati per brevi soggiorni,
nei bar e nelle hall degli alberghi e prestare particolare attenzione nelle piscine e nelle terme,
divenute sempre più luogo di furti di documenti e di denaro;
- prestare attenzione nelle strade del centro della capitale e sulle autostrade poiché si sono verificati
furti a danno di cittadini stranieri da parte di bande di malviventi che adescano le proprie vittime con
banali pretesti (segnalando, ad esempio, problemi a pneumatici per indurre i passanti alla sosta e poi
derubarli);
- prestare attenzione nei locali, per lo più situati nei pressi dei grandi alberghi del V Distretto a Pest
poiché non espongono il listino prezzi ai clienti e presentano conti spesso esorbitanti. In alcuni casi,
la somma richiesta è estorta con minacce o con accompagnamento forzato al più vicino bancomat;
- prestare attenzione ai falsi poliziotti che derubano i turisti con il pretesto di controlli sul denaro
contante: si rammenta che questo tipo di controllo può essere richiesto solo all’interno delle stazioni
di polizia;
- prestare attenzione presso l'aeroporto di Budapest e all’uscita della stazione metropolitana Kbánya-
Kispest - Terminal bus 200E per l'aeroporto - poiché sono state segnalate ricorrenti truffe ad opera di
soggetti che, fingendosi in difficoltà per la perdita di documenti, chiedono denaro ai turisti italiani in
arrivo e in partenza. Il denaro prestato in buona fede non sara’ mai restituito: si raccomanda quindi di
non aderire a tali richieste;
- usare la massima cautela nei luoghi turistici maggiormente affollati quali: piazze, chiese, mercati
coperti, tram, autobus e metropolitana poiché si verificano episodi di borseggi e furti d'auto;
- prestare attenzione quando si effettuano prelievi al bancomat ove la carta e il codice possono
essere clonati tramite un apparecchio sistemato nella fessura in cui si inserisce la carta mentre una
microcamera registra il codice segreto. E’ bene non forzare la carta se non entra facilmente
nell’alloggiamento. E’ bene controllare frequentemente il saldo del proprio conto corrente: in caso di
prelevamenti indebiti, occorre bloccare la carta, denunciare il fatto alla polizia e procedere subito a
fare una segnalazione alla banca.
- rivolgersi alle società di taxi regolarmente registrate quali, ad esempio, per la città di Budapest: F
Taxi (0036 1 222 2222), Tele5 (0036 1 555 5555; 0036 1 7777777), Taxi 2000 (0036 1 2000000),
City Taxi (0036 1 2111111), 6x6 Taxi (0036 1 2666666). È rischioso prendere taxi parcheggiati per
strada, se non in corrispondenza delle apposite fermate: si tratta spesso di abusivi; è comunque
buona norma chiedere al tassista prima di iniziare la corsa a quanto ammonterà l’importo finale e
accertarsi che l’auto sia munita di tassametro e di apparecchio per la ricezione delle carte di credito;
- prestare la massima attenzione alle pratiche burocratiche, in caso si noleggi un veicolo, seguendo in
prima persona la documentazione, senza cedere carte di credito ad altre persone. E' opportuno che
le chiavi ed i documenti del veicolo vengano attentamente custoditi dalla persona che ha noleggiato a
proprio nome. In caso di furti o incidenti, va fatta immediata denuncia alle Autorità di pubblica
sicurezza ungheresi;
- si consiglia di fare attenzione alle norme di utlilizzo dei biglietti sui mezzi pubblici (
https://bkk.hu/en/tickets-and-passes/prices/single-ticket/) per evitare di dover pagare multe di importo
elevato ai numerosi controllori in servizio sulle reti di trasporto; si tenga presente che ogni biglietto
vale per una sola corsa su un unico mezzo; soltanto all'interno delle 4 linee della metropolitana e'
possibile cambiare convoglio, purché non si interrompa il viaggio uscendo all'esterno della rete
sotterranea;
- tutti i casi di truffa o di contenzioso con operatori locali (es. tassisti, controllori sui mezzi pubblici,
affittacamere, noleggiatori ecc.) possono essere segnalati al Centro per i Consumatori Europei (
http://magyarefk.hu/); e' opportuno documentare la segnalazione con fotografie o filmati, scontrini,
fatture, numeri di targa o sigle dei cartellini identificativi e.. Nei casi piu' gravi e' senz'altro consigliabile
sporgere anche formale denuncia alla polizia.

Normative locali rilevanti

Normativa prevista per uso e/o spaccio di droga. Per chi coltiva, produce, acquista, detiene,
importa ed esporta attraverso il territorio nazionale sostanze stupefacenti è prevista la reclusione fino
a 5 anni e. La pena aumenta fino a 10 anni in caso di ingenti quantitativi; chi coltiva, produce,
acquista o detiene modiche quantità di stupefacenti solo per uso personale incorre in un illecito
penale e deve sottoporsi, per almeno sei mesi e senza interruzione, ad un trattamento di
disintossicazione o partecipare a programmi di informazione e prevenzione. Le zone di spaccio e
consumo abituale di sostanze stupefacenti sono generalmente controllate da telecamere.
Normativa prevista per abusi sessuali o violenze contro i minori. La normativa ungherese
prevede, per il reato di violenza sessuale, la reclusione fino a 8 anni, se compiuta nei confronti di
maggiorenni, e fino a 15 anni, se commessa nei confronti di minori di 12 anni ovvero da più
aggressori. Sono inoltre previste pene per offesa al senso del pudore. Chiunque costringa una
persona a compiere o a subire, contro la propria volontà, atti contro il senso del pudore, é punibile
con la reclusione fino a 8 anni, ovvero a 10 anni se la vittima della violenza é minore di 12 anni. Va
ricordato che coloro che commettono all’estero reati contro i minori (abusi sessuali, sfruttamento,
prostituzione), secondo la legge italiana, vengono perseguiti al rientro in Italia.
Avviso ai cacciatori. Si verificano, sempre con maggiore frequenza, casi di cittadini italiani fermati
dalle Autorità ungheresi e sottoposti a misure restrittive della libertà personale a seguito di
abbattimenti illegali di selvaggina protetta (soprattutto volatili) o di tentativi di introduzione della stessa
in Ungheria dai paesi confinanti. Si invitano, pertanto, quanti intendano recarsi in territorio ungherese
per la caccia ad informarsi presso le competenti autorità governative ungheresi e le agenzie
specializzate, sulla legislazione in materia e in particolare sulle specie protette di animali per le quali
vige divieto assoluto di caccia, anche se abbattute in altri Paesi e introdotte in territorio ungherese
solo ai fini di trasporto verso l’Italia.
Si ricorda che l'uccisione e detenzione di esemplari tutelati, considerato reato contro il patrimonio
ambientale, può comportare, oltre a pesanti sanzioni amministrative, anche l'arresto dei responsabili.
Cacciatori ungheresi e italiani sono stati condannati a pene detentive da 1 a 3 anni per aver
trasgredito le norme in materia.
Divieto di esibizione di alcuni simboli. Si ricorda che nel codice penale ungherese è contemplata
una norma che vieta l’esibizione in pubblico di alcuni simboli (la svastica, l’insegna SS, la croce
frecciata, il simbolo falce e martello, la stella rossa a cinque punte). Chi fa uso di questi simboli anche
a fini non propagandistici o li esibisce su abiti o indumenti può essere passibile di sanzione.

Informazioni per le aziende

SITUAZIONE SANITARIA
Strutture sanitarie

L'assistenza sanitaria pubblica è adeguata, con sufficiente disponibilità di medicinali. Sono presenti
numerose strutture ospedaliere ed ambulatoriali anche se con attrezzature non sempre dell'ultima
generazione.

Malattie presenti

Non sono al momento segnalati fenomeni sanitari o epidemie di particolare rilievo.


In risposta all’emergenza Covid-19, le Autorità ungheresi hanno adottato misure restrittive nei
movimenti delle persone a partire da sabato 28 marzo che prevedevano una quarantena su scala
nazionale e che consentivano di lasciare la propria abitazione solo per andare al lavoro o per bisogni
essenziali (acquisto di generi alimentari, medicine).
Dal 18 maggio queste restrizioni sono state alleggerite, alla luce dell’evolversi della situazione
epidemiologica cambiando le modalità d’ingresso e transito nel Paese, come meglio descritto
nell’avviso in evidenza della presente scheda. E’ stata eliminata l’osservanza della quarantena ma
resta l’obbligo del distanziamento (distanza di sicurezza di 1,5 metri) e dell’utilizzo delle mascherine
nei mezzi pubblici e nei negozi. Le persone al di sopra dei 65 anni potranno recarsi in farmacia solo
nella fascia oraria 9.00-12.00. In questa fascia oraria, non saranno permessi altri clienti all’interno
delle farmacie.
Sono stati riaperti parchi pubblici, musei, spiagge all'aperto, mercati, negozi, terrazze dei ristoranti e
dei bar.

Avvertenze

Non sono necessarie vaccinazioni preventive né particolari precauzioni igienico-sanitarie.


I cittadini italiani che si recano temporaneamente per studio, turismo, affari o lavoro nel Paese
possono ricevere le cure mediche necessarie previste dall'assistenza sanitaria pubblica locale, se in
possesso della Tessera Europea di Assicurazione Malattia (TEAM) detta Tessera Sanitaria. La TEAM
sostituisce i precedenti modelli E110, E111, E119 ed E128. Coloro che non l'avessero ancora
ricevuta o smarrita possono rivolgersi alla propria ASL. Per le informazioni del caso, si consiglia di
consultare anche il sito del Ministero della Salute: www.salute.gov.it (temi>Assistenza, ospedale e
territorio> Assistenza sanitaria italiani all'estero e stranieri in Italia>Italiani all’estero>se parto per…).
Si consiglia di stipulare prima della partenza una polizza assicurativa che preveda la copertura delle
spese mediche e l’eventuale rimpatrio aereo sanitario (o il trasferimento in altro Paese) del paziente.

Vaccinazioni

Nessuna.

MOBILITA'
Mobilita'

Patente: italiana
Assicurazione: L'assicurazione italiana è valida anche in Ungheria.
Delega a condurre: Si ricorda a chi guida all'estero un veicolo non proprio che è consigliabile avere
una delega a condurre del proprietario con firma autenticata presso un notaio.
Rete autostradale: È obbligatorio il pagamento del pedaggio autostradale per circolare sulle
autostrade M1 (Budapest-Hegyeshalom), M3 (Budapest-Nyiregyhaza), M5 (Budapest-Szeged-
Roszke), M6 (Budapest-Boly) e M7 (Budapest-Letenye. Poiché’ è in corso l’ampliamento della rete
autostradale si consiglia di verificare alla frontiera d’ingresso nel Paese quali siano i tratti a
pagamento. Sul sito https://www.tolltickets.com/country/hungary/vignette.aspx?lang=it-IT sono
disponibili informazioni aggiornate in lingua italiana.
Il pedaggio si paga acquistando uno speciale tagliando elettronico (e-Matrica in ungherese) presso le
agenzie delle società autostradali, presso i 24 uffici dell'Automobile Club ungherese (MAK), presso le
maggiori stazioni di servizio situate in autostrada, presso alcuni uffici degli Automobile Club austriaco
e slovacco, nonché online sul sito citato e sul sito http://toll-charge.hu/.
Brochures che illustrano le regole vigenti sono distribuite alle frontiere e disponibili on line (http://toll-
charge.hu/files/document/document/164/hd_brosura_ITA.pdf), mentre all'interno del Paese le
informazioni necessarie possono essere ottenute al numero 06 40 405060.
Costo " matrica" per moto, autovetture e veicoli fino a 3,5 t, compreso rimorchio e caravan e per i
pullman da 7,5 t a 12 t:
-validità 1 settimana: 2.975 HUF; (per motocicli 1.470 HUF)
-validità mensile: 4.780 HUF;
-validità annuale: 42.980 HUF
Tutti i veicoli commerciali (esclusi quindi quelli per trasporto persone) oltre le 3,5t devono acquistare
la "matrica" anche per 42 sezioni di strade statali di grande importanza.
I veicoli di peso superiore a 12t T devono pagare il pedaggio su alcuni tratti stradali di grande
comunicazione.
Comune di Budapest: Il trasporto merci nelle aree di limitazione di passaggio di camion di peso
superiore a 12 tonnellate è possibile solo previo permesso; fanno eccezione solo alcuni percorsi di
transito. I permessi possono essere richiesti all’ente BKK - Budapesti Közlekedési Központ (Centre
for Budapest Transport): http://tobi.bkk.hu/(informazioni anche in lingua inglese - tel. 0036 1 235
3000, indirizzi e-mail: teherforgalom@bkk.hu, parkolas@bkk.hu
In caso di mancato possesso della "matrica", accertato dalla polizia ungherese, le multe sono
elevate.
Per maggiori informazioni ci si puo’ rivolgere alle associazioni ungheresi di categoria: Federation of
International Private Transporters www.nit.hu, Associazione dei Trasportatori Ungheresi
www.mkfe.hu.
Tasso alcolemico: In Ungheria vige un regime di “tolleranza zero” verso i guidatori che consumano
alcolici. La normativa ungherese é molto più restrittiva di quella italiana e non di rado in alcuni
ristoranti sono gli stessi camerieri ad avvisare i clienti che devono evitare di bere alcolici se intendono
guidare.
Secondo gli Artt. 236 e 240 del codice penale ungherese chi guida un mezzo ferroviario, un aereo,
una nave a motore o un veicolo su una strada pubblica o aperta al traffico con tasso alcolemico
superiore a 0,05% nel sangue o a 0,025% nell’aria respirata, commette un reato ed è punito con la
reclusione fino a 2 anni.
La pena detentiva diventa di 3 anni per lesioni corporali gravi; fino a 5 anni per handicap permanente,
grave disabilità o simili conseguenze in un incidente plurimo; da 2 a 8 anni in caso di morte; da 5 a
10 anni in caso di morte di più persone anche in un incidente plurimo.
Test di rilevamento: la polizia può sottoporre un conducente sospettato di guidare sotto l'influenza
dell'alcol a un test dell'alito; successivamente, se il tasso risulta superiore al limite massimo
consentito, il guidatore sarà sottoposto a un esame del sangue.
In Ungheria vige l’obbligo di guida con i fari anabbaglianti accesi anche di giorno fuori dai centri
urbani.
Multe : Sono previste multe elevate per eccesso di velocità. L'importo di un'ammenda sul posto va da
5.000 a 50.000 HUF. L'importo di un'ammenda imposta dal tribunale può essere più elevato. Nel
caso di infrazioni al codice stradale da parte di stranieri, la Polizia procede al ritiro del passaporto che
viene restituito dopo aver dimostrato il pagamento della sanzione in valuta locale. Le carte di credito
non sono accettate. È bene richiedere di effettuare il pagamento presso la più vicina stazione di
Polizia, quindi farsi rilasciare la ricevuta ed il relativo verbale oppure pagare alla posta o con
trasferimento bancario. Sono stati segnalati, infatti, casi di richiesta di ammende con motivazioni
pretestuose ai danni di automobilisti stranieri da parte di addetti alle frontiere o da parte di agenti di
polizia che, con la minaccia di un possibile ritiro del passaporto, emettono e riscuotono multe senza
rilasciare ricevuta.
Ammende massime: - infrazione limite di velocità: max 300.000 HUF e diffida;
- guida in stato di ebbrezza: sotto 0,05% nel sangue o 0,025% nell’aria respirata, max HUF 100.000;
per un tasso alcolemico superiore sono previste sanzioni molto gravi poiché, come detto sopra, si
configura sempre un reato;
- guida di veicolo con difetto tecnico: max 50.000 HUF e diffida;
- uso del cellulare durante la guida: max 30.000 HUF;
- viaggiare senza cinture: in città 15.000 HUF, fuori città 30.000 HUF, sull’autostrada 40.000 HUF;
- divieto di sosta: HUF 20.000;
- divieto di fermata: fino a HUF 100.000 a seconda del luogo di fermata (es.galleria, autostrada,
parcheggio per handicappati).
A Budapest è spesso utilizzato il sistema di immobilizzare il veicolo in sosta vietata tramite apposite
“ganasce”, in particolare per i veicoli con targa straniera.
Le ammende per più infrazioni sono cumulabili.
Equipaggiamento obbligatorio
Casco di protezione per motociclisti: obbligatorio.
Cinture di sicurezza, seggiolino per bambini: è obbligatorio indossare le cinture su tutti i sedili. Un
bambino sotto 1,50 m deve viaggiare assicurato da un sistema di ritenuta adatto al suo peso.
Un bambino di meno di tre anni deve obbligatoriamente essere protetto da un sistema di ritenuta
adatto. Può viaggiare sul sedile anteriore a condizione che sia su un seggiolino posizionato con le
spalle alla strada e che non vi sia un airbag o che sia disattivato. Un bambino oltre i 3 anni ed oltre
1,35 m di altezza può viaggiare sul sedile posteriore ed utilizzare una cintura di sicurezza.
Triangolo: obbligatorio a bordo.
Valigetta di pronto soccorso: obbligatoria a bordo.
Pneumatici: spessore minimo del battistrada 1,6 mm.
Luci: fuori degli agglomerati urbani tutti i veicoli a motore devono avere le luci anabbaglianti accese
24 ore su 24, anche sulle autostrade. Gli abbaglianti sono vietati negli agglomerati urbani.
Gomme chiodate e catene da neve
I pneumatici chiodati sono vietati. Le catene possono essere utilizzate solo su strade innevate. Il
limite di velocità con catene montate è di 50 km/h.
Nei rapporti con gli organi di Polizia e con le Autorità di frontiera non si ravvisano particolari difficoltà.
E' il caso di segnalare, tuttavia, che queste ultime operano approfonditi controlli sui veicoli con targa
estera - soprattutto se di grossa cilindrata - comportando lunghe attese.
Trasporti interni: Rete di trasporti pubblici molto efficiente.
Collegamenti con l'Europa: giornalieri ed assicurati con treno, pullman e aereo.