Sei sulla pagina 1di 15

Pubblicato in: “Guida alla Epidemiologia e Prevenzione del Gozzo Endemico” di D. Meringolo, D.

Bianchi e B. Bellanova. 8 Luglio 2006, Bologna. Pagg. 11-25

Atti del Convegno Nazionale di Endocrinologa Clinica. 8 Luglio 2006 – Bentivoglio (BO)

“IODIO ed EVOLUZIONE”

di Sebastiano Venturi, *Mattia Venturi (venturi.sebastiano@gmail.com)

Servizio di Igiene e Sanità Pubblica Pennabilli (Pesaro-Urbino) Regione Marche e


*Dipartimento di Scienze Odontostomatologiche della Università di Bologna.

L’atomo di iodio (Simbolo I; P.A.126.9; N.A 53) è costituito da 53 elettroni, 53 protoni e 74 neutroni, e
rappresenta una sorta di “cenere nucleare”. Infatti, deriva da un processo di nucleo-sintesi avvenuto più di
10 miliardi di anni fa’ in una stella-supernova, che esplodendo lo ha disperso nel pulviscolo primordiale, il
quale condensandosi, circa 5 miliardi di anni fa’, ha formato il nostro pianeta-Terra. Lo iodio è uno degli
atomi più ricchi di elettroni presenti nel nostro corpo ed è indispensabile nella dieta di tutti gli esseri viventi
animali. Lo iodio (I) è scarsamente reperibile nella superficie terrestre, perché nel corso di centinaia di
milioni di anni è stato dilavato, da piogge e glaciazioni, e trasportato dalla crosta terrestre verso il mare, il
quale si è arricchito progressivamente di iodio, sotto forma di ioduri (I-) e di iodati.

Fig 1. Struttura atomica dello iodio

Infatti le acque marine sono ricche di iodio, circa 50-60 microgrammi (µg) per litro,
mentre le acque terrestri: estuari, fiumi, laghi, ne contengono quantità da 10 a 200
volte inferiori ( 5 - 0.2 µg/L). Una piccola parte di iodio evapora nell’aria (anche
come iodo-metano gassoso) e precipita nel suolo con le piogge, soprattutto in
vicinanza delle zone costiere. Il ciclo geo-biologico dello iodio, è in parte simile a
quello del selenio. Lo iodio viene captato dalle cellule come ioduro (I-) soprattutto
tramite il NIS (sodium iodide symporter), ma anche altri trasportatori sono oggi
stati identificati. Il NIS è il trasportatore glicoproteico transmembrana dello ioduro,
la cui molecola, nell’uomo, è stata clonata e caratterizzata da Dai e coll.(1996) e Smanik e coll.(1996).
Essendo presumibilmente molto antico, il NIS è poco specifico e secondo Wolff (1964) non è in grado di
distinguere lo ioduro da altri atomi o piccole molecole, come i nitrati, i nitriti, i fluoruri, i tiocianati, i
pertecnati ecc., aventi stessa carica elettrica e simili dimensioni atomiche o molecolari, che sono “in
competizione” con lo ioduro, comportandosi come “pseudo-ioduri”.
La caratteristica elettrochimica dello iodio è quella di attirare e cedere facilmente un elettrone (con un
potenziale redox di -0.54 Volt). Questa proprietà lo rende un efficiente donatore-accettore di elettroni, che è
una delle caratteristiche fondamentali delle sostanze antiossidanti. Infatti:

2 I- Æ I2 + 2 e- (elettroni) = - 0.54 Volt ;


2 I- + Perossidasi + H2O2 + 2 Tirosina Æ 2 Iodio-Tirosina + H2O + 2 e- (antiossidanti) ;
2 e- + H2O2 + 2 H+ (della soluzione acquosa intracellulare) Æ 2 H2O

Tab. A

2 I- + Peroxidase + H2O2 + Tyrosine, Histidine, Lipids, Carbons Æ


Æ Iodo-Compounds + H2O + 2 e- (antioxidants)

Iodo-Compounds: Iodo-Tyrosine, Iodo-Histidine, Iodo-Lipids, Iodo-Carbons

Tab. B
Tab. A e Tab. B. Meccanismi biochimici antiossidanti degli ioduri, probabilmente uno dei più
antichi meccanismi di difesa dai radicali liberi dell’ossigeno, già presenti nei Cianobatteri circa 3
miliardi e mezzo di anni fa’ (Venturi, 1985)

1
Le alghe marine sono in grado, tramite enzimi alo-perossidasici, di catalizzare l’incorporazione dello ioduro in
alcuni idrocarburi producendo iodio-metano gassoso (CH3I) e altri alo-idrocarburi, nella atmosfera. Secondo
Petersén (1996), Colin et al (2003), Gall et al., (2003) Kuepper e coll. (1998) questa produzione è il risultato
della primitiva fotosintesi, della produzione di ossigeno e della respirazione cellulare, iniziate oltre tre miliardi
di anni fa’; ed è dovuta allo scopo di ridurre il danno dei radicali liberi dell’ossigeno (ROS), come il perossido
di idrogeno (H2O2), i superossidi ed i radicali ossidrilici. Recentemente una altra via metabolica è stata
descritta, tramite la quale lo ioduro viene incorporato negli acidi grassi poli-insaturi (PUFA) delle membrane
cellulari, proteggendoli dalle perossidazioni (Cocchi, Venturi, 2000). Sia le cellule tiroidee che quelle di altri
tessuti I-captanti, come le cellule della mucosa gastrica e delle ghiandole salivari ecc., sono in grado di
produrre "in vitro" mono-iodio-tirosina (MIT) e di-iodio-tirosina (DIT) legate a proteine e anche alcuni poco
conosciuti iodio-lipidi, che sembrano avere una importante funzione strutturale e metabolica come secondi
messaggeri. In particolare il delta-iodiolattone (acido 6-iodio-5-idrossi-eicosatrienoico) è un potente
inibitore della proliferazione delle cellule tiroidee e secondo Cann e coll. ( 2000) e Venturi (2001) gioca
anche un ruolo nel controllo antiproliferativo dei tessuti extratiroidei I-concentranti.

Fig. 2. Iodio ed evoluzione. Più di tre miliardi di anni fa’ le alghe verdi-azzurre furono le prime
cellule procariote a produrre ossigeno (allora tossico) e iodio-composti, tra cui iodo-metano
(CH3I) gassoso, nella atmosfera terrestre. Da circa 800-700 milioni di anni la tiroxina (T4) è
presente nell’esoscheletro degli invertebrati marini (spugne, coralli, conchiglie ecc.) senza
possedere alcuna conosciuta azione ormonale. Circa 500-400 milioni di anni fa’, alcuni primitivi
cordati iniziarono a risalire dal mare (ricco di iodio) le acque I-carenti degli estuari e poi dei fiumi.
Circa 400-300 milioni di anni fa’ alcuni di questi primitivi vertebrati cominciarono ad evolversi in
anfibi e poi in rettili, che poi popolarono permanentemente l’ habitat terrestre I-carente. Allora
questi vertebrati terrestri ebbero bisogno di un nuovo efficiente organo dove poter accumulare il
poco iodio presente nell’ habitat terrestre: il follicolo “tiroideo”. I vertebrati cominciarono poi ad
utilizzare la T4 come trasportatore nelle cellule periferiche dello ioduro antiossidante, ed in
seguito iniziarono a utilizzare la T3, grazie a i suoi nuovi recettori. La T3 divenne così l’ormone
attivo nella metamorfosi e nella termogenesi, per un migliore adattamento al nuovo habitat
terrestre (Venturi, 2004).

L’organismo umano contiene circa 25-50 milligrammi di iodio, di cui meno di 10-15 mg sono presenti nei
follicoli della tiroide e meno di 1 mg negli ormoni tiroidei circolanti. La maggior parte, il 60-70 % di tutto lo
iodio del corpo umano, è presente in sede extratiroidea ed è captato da diversi organi non-follicolari:
stomaco, epidermide, mammella, ghiandole salivari, arterie, timo ecc. in cui, sembra ormai accertato, svolge
una azione diretta antiossidante, non ormonale, ancora poco conosciuta. Tale azione, era già presente,
secondo Venturi (1985), Petersen e coll. e Kuepper e coll. più di tre miliardi di anni fa nelle alghe verdi-
azzurre (cianobatteri) e probabilmente ha costituito uno dei più antichi meccanismi antiossidanti di difesa

2
dai ROS. Infatti queste alghe, ricche di iodio, furono le prime a produrre ossigeno, fino ad allora assente
nella atmosfera terrestre. Per cui la cellula algale doveva possedere degli antiossidanti, efficaci e facilmente
reperibili, per difendersi dalla tossicità dell’ossigeno. Gli ioduri, ed il selenio, diffusi e ben reperibili nelle
acque marine, hanno avuto in ciò un ruolo determinante. Infatti, il selenio è presente nelle perossidasi e
nelle deiodasi intracellulari, le quali sono capaci di estrarre elettroni dagli ioduri, e queste ultime gli ioduri
dalle iodio-tironine. La vita nel nostro pianeta-Terra è iniziata nel mare circa 4 miliardi di anni fa’, e per tre
miliardi e mezzo di anni è stata esclusivamente marina, solo negli ultimi 300-400 milioni di anni fa’, alcuni
esseri viventi, protetti dai raggi ultravioletti solari dallo scudo dell’ozono (O3), iniziarono ad emergere dalle
acque marine e ad abitare la terraferma (carente di iodio): prima i vegetali poi gli animali.

Fig. 3. La vita nel nostro pianeta è iniziata nel mare circa 4 miliardi di anni fa’ e per tre miliardi
e mezzo di anni è stata esclusivamente marina, solo negli ultimi 300-400 milioni di anni, alcuni
esseri viventi iniziarono ad emergere dalle acque marine e ad abitare la terraferma carente di
iodio e di altri antiossidanti marini.

Si creò allora una grave crisi nutrizionale di iodio, ma anche di selenio e di altri meno conosciuti antiossidanti
“marini”. Infatti, mentre nel mare tutti gli esseri viventi, potevano utilizzare lo iodio ed il selenio, con il
trasferimento sulla terraferma si è interrotta la catena alimentare nutrizionale marina che li trasferiva
(insieme agli acidi grassi omega-3), dal fitoplancton fino ai pesci marini.
I vegetali “terrestri” hanno superato questa crisi nutrizionale di antiossidanti marini, perfezionando ed
utilizzando sostanze antiossidanti alternative, alcune già elaborate negli estuari I-carenti, come i polifenoli, i
flavonoidi, l’acido ascorbico, i carotenoidi, i tocoferoli ecc. di cui alcuni sono diventati fattori “vitaminici”,
essenziali per l’uomo, come le vitamine C, A, E ecc. Infatti lo iodio non divenne più indispensabile per diverse
specie vegetali terrestri. Alcuni antiossidanti ebbero una evoluzione “filogenetica” continua fino alle più
recenti sostanze antiossidanti come il licopene e molti polifenoli, carotenoidi ecc. che si sono sviluppati solo
recentemente nei pigmenti colorati antiossidanti presenti nei fiori e nella frutta delle piante angiosperme
(derivate dalle più antiche piante gimnosperme) che sono comparse sulla terra solo da circa 200-100 milioni
di anni e sono divenute oggi il tipo di piante più numeroso.
Gli animali, invece, hanno superato questa crisi nutrizionale, cercando anche di migliorare e di ottimizzare
le scarse quantità di iodio disponibili sulla terraferma, mediante 3 meccanismi adattativi:

1) la creazione del follicolo tiroideo;


2) l’utilizzazione della Tiroxina (T4) come trasportatore di ioduri;
3) la formazione dei recettori della T3 e quindi della sua “nuova” funzione ormonale.

3
La somiglianza tra stomaco e tiroide è dovuta proprio alla comune filogenesi ed embriogenesi, essendo le
cellule “tiroidee” derivate proprio dall’intestino primitivo, che era ed è capace di captare iodio e formare
composti iodati. Questo spiega le comuni caratteristiche tra cui: la polarità e i microvilli apicali, la capacità
di captare e di secernere iodio, la secrezione di ormoni aminoacidici e di simili glicoproteine (tireoglobulina e
mucina) e inoltre la capacità di digerire tramite peptidasi e di riassorbire (tireoglobulina e cibo) ed infine i
comuni antigeni di membrana e le malattie immunologiche associate.

Fig. 4. Metamorfosi dell’ammocete (larva di ciclostoma) in lampreda adulta, con neoformazione


del follicolo "tiroideo" derivato dalle cellule gastroenteriche della larva. La formazione del
follicolo-deposito di iodio sembra sia originata negli estuari, in preparazione della migrazione
nelle acque dolci (iodo-carenti) dei fiumi terrestri. (da Magni M.A, 1985).

1) La formazione del follicolo tiroideo, che origina infatti dall’intestino I-captante primitivo, come
efficiente forma di deposito dello iodio (iniziato nei primitivi cordati, sembra negli estuari, prima di migrare
nelle acque interne terrestri I-carenti). E’ proprio grazie al deposito-riserva di iodio nei follicoli tiroidei, che
noi uomini possiamo vivere per molte settimane senza assumere iodio e senza avere sintomi clinici di
carenza.

2) La utilizzazione della T4, che non è , come gli ioduri, in competizione (a livello del NIS) con gli anioni
monovalenti vegetali, ma ha un diverso, più moderno e specifico recettore. Infatti, la dieta vegetale terrestre
è ricca di antagonisti dello ioduro sul NIS come i nitrati, nitriti, tiocianati, cianati, glicosidi ecc. sviluppatisi
come strategia di difesa antiparassitaria. Questo nuovo meccanismo della T4 si è integrato, senza sostituirlo,
a quello più antico del trasportatore dello ioduro (NIS), che è sempre funzionante, come si può ben vedere
anche nelle I-scintigrafie total-body sotto riportate. La tiroxina, che prima veniva spesso secreta ed eliminata
dalla cellula “marina”, diventa così un trasportatore endocellulare dello ioduro, molto più efficiente, come
hanno dimostrato Evans e coll. Ricerche di Tseng e Latham e di Oziol e coll. hanno documentato, inoltre, un
potere antiossidante ed inibitore della perossidazione lipidica della T4 e della rT3 (ma non della T3) superiore
alle vitamine C ed E ed al glutatione; e Virgili e coll. hanno riportato che il trattamento con tiroxina protegge
dai danni perossidativi intestinali indotti dalla carenza di zinco nei ratti. Inoltre gli ioduri difendono le cellule
cerebrali dai danni perossidativi nei ratti ( Katamine, 1985) e sono stati utilizzati nella terapia di molte
malattie umane degenerative su base perossidativa come arteriosclerosi, vasculopatie, artrosi ecc. in
numerosi studi clinici degli anni ’50 in Europa, in cui a differenza degli USA, non era allora praticata la
iodioprofilassi. Recenti studi stanno oggi evidenziando le basi biochimiche della azione antiossidante degli
ioduri (Winkler e coll). Secondo
Kahaly (2000) e Hak e coll.(2000) lo iodio e la funzionalità tiroidea sono importanti nel metabolismo dei lipidi,
del colesterolo e nel ridurre l’aterosclerosi e l’ipertensione, mentre l’ipotiroidismo anche subclinico è oggi

4
ritenuto causa importante di morbilità cardiovascolare. Recentemente Cann (2006) ha pubblicato una
importante review su “iodio e malattie cardio-vascolari” riportandone numerose esperienze di efficacia
preventiva e terapeutica. La I-concentrazione nella parete elastica della aorta presente ancora dopo 14
giorni dalla somministrazione di radio-ioduro-131 , visibile nella fig. 9 (in basso) ci fornisce anche, insieme
alle proprietà antiossidanti dello ioduro, un razionale di questa azione anti-aterosclerotica. Venturi ha in
corso di pubblicazione lavori su “ioduro come antiossidante e patologia orale” e sul ruolo dello iodio nel
contesto generale della evoluzione degli antiossidanti sia nelle cellule vegetali che animali.

3) Infine la formazione dei recettori nucleari della T3 (TH-Rs = geni e relative proteine), che hanno
permesso un migliore adattamento dei vertebrati all’ambiente terrestre. Infatti, negli anfibi, tramite la
metamorfosi, le branchie si sono lentamente trasformate in polmoni e le pinne in arti. La maggiore gravità
terrestre ha stimolato inoltre la ossificazione degli arti e dello scheletro. Mentre le maggiori escursioni
termiche terrestri hanno sviluppando l’azione calorigena della T3, come protezione degli animali terrestri più
evoluti: uccelli e mammiferi. E’ importante qui ricordare che i TH-Rs geni sono anche c-erbA oncogeni, che
sono implicati come geni onco-soppressori in diversi tumori umani non-tiroidei, in particolare gastrici e
mammari (Wang et al., 2002; Li et al. 2002). Nel 2001, Hays ha riportato sulla rivista statunitense “Thyroid”
che “ è sorprendente che il contenuto totale dello iodio nel corpo umano sia ancora oggi incerto, e che dopo
molti anni di ricerche, il metabolismo cellulare dello iodio ed il pool dello iodio extra-tiroideo siano ancora
materia di speculazione e così pure la composizione chimica dello iodio extratiroideo sia ancora sconosciuta”.
Questa affermazione fa risaltare le ricerche di Gribble (1996) e di Dembitsky e Tolstikov (2003) che hanno
recentemente descritto più di 110 composti iodati presenti in organismi viventi animali e vegetali. Le due
maggiori specie chimiche dello iodio presenti nell’interno delle cellule hanno differenti proprietà fisico-
chimiche: lo iodio molecolare (I2) è idrofobo ed è capace di iodinare i doppi legami degli acidi grassi poli-
insaturi delle membrane cellulari (PUFA), formando iodio-lipidi. Invece l’acido ipoiodico (HOI) è idrofilo e
solubile nell’acqua. Recentemente Aceves e coll. (2005) hanno riportato, per la prima volta, che la
percentuale di radio-iodio presente negli omogenati di tessuto mammario è del 40 % nella frazione lipidica,
del 50 % nella frazione proteica e del 8 % nella frazione nucleare; e che negli omogenati di tessuto
mammario di ratte la somministrazione di ioduri diminuisce significativamente la perossidazione lipidica. I
pesci marini (come i selaci) sono ricchi di iodio e hanno anche meno tumori dei pesci di acqua dolce. Il 7
ottobre 1999 il Comitato del Senato USA ha ufficialmente dichiarato: “ Il Comitato ha notato la inusuale
bassa incidenza di cancro in pesci marini (ricchi di iodio: NdT) come squali e razze , per cui incoraggia
ricerche sul sistema immunitario di questi pesci per individuare sostanze anti-tumorali attive anche nell’
uomo”

Fig. 5. Scintigrafie con I-


123 total body sequenziali
umane. La I-captazione in
tutti i tessuti captanti è
mediata dal NIS delle
membrane cellulari. Nelle
scintigrafie si notano oltre
alla tiroide, altri tessuti
iodiocaptanti: alla
ventesima ora circa il 70 %
dello radioiodio iniettato in
vena è presente in sede
extratiroidea: nella mucosa
gastrica, epidermide, plessi
coroidei cerebrali,
ghiandole salivari ed inoltre,
qui non visibili, nel timo
fetale e nelle ghiandole
mammarie (solo in
gravidanza ed allattamento)
( Cortesia del Dr. G. Boni
dell’Università di Pisa).

Nelle scintigrafie corporee con radio-iodio si notano oltre alla tiroide, altri tessuti iodiocaptanti: alla
ventesima ora circa il 70 % dello radioiodio iniettato è presente in sede extratiroidea: nella mucosa gastrica,
epidermide, plessi coroidei cerebrali, ghiandole salivari ed inoltre, qui non visibili, nel timo fetale e nelle
5
ghiandole mammarie ( captanti solo in gravidanza ed allattamento). La tiroide capta in modo progressivo,
mentre gli altri organi hanno un rapido accumulo ed una rapida dismissione del radio-iodio. La I-captazione è
dovuta alla azione dei rispettivi simporter dello ioduro (NIS), che pur essendo simili, nella tiroide è
filogeneticamente ed embriologicamente più evoluto, infatti è più affine per lo ioduro e risponde allo stimolo
del più “moderno” TSH. Solo la tiroide, però, possiede il follicolo tiroideo che gli consente l’accumulo e il
deposito di iodio-composti (TG). La iodiocaptazione tiroidea nel feto umano è infatti presente solo dalla 12°
settimana di vita fetale e la formazione filogenetica della tiroide è anch’essa relativamente recente,
risalendo a solo 400-500 milioni di anni fa’, quando i primi vertebrati marini cominciarono a popolare le
acque degli estuari e poi dei fiumi terrestri carenti di iodio. Infatti molti biologi ora ritengono che gran parte
dei vertebrati si siano sviluppati morfologicamente e metabolicamente proprio nelle acque degli estuari
(Purves e coll, 1998).

A B C D

Fig. 6. Espressione del NIS, evidenziata da anticorpi colorati anti-NIS, nelle membrane plasmatiche in sede
baso- laterale di: A: Tiroide; B: Mucosa gastrica; C: Mammella in allattamento; D: Ghiandola salivare
( Wapnir, 2003 ).

Storia evolutiva dello iodio negli esseri viventi:


Dai più antichi: le alghe, gli invertebrati, i pesci, gli anfibi, i rettili, ai più recenti: i mammiferi
fino all’ Homo Sapiens moderno.

Le alghe captano e trattengono gli ioduri in modo omogeneo e diffuso, le Laminarie contengono circa 1-3 %
del peso secco di iodio. Le alghe marine (alghe verdi-azzurre) furono i primi esseri viventi a produrre
ossigeno ( più di 3 miliardi di anni fa’), per cui hanno utilizzato efficaci e reperibili sistemi antiossidanti tra cui
gli ioduri e il selenio (Pedersén e coll. e Kuepper e coll). Le alghe producono circa 80 % dell’ossigeno
atmosferico, e costituiscono il primo anello della catena alimentare nutrizionale marina che trasferisce iodio,
selenio e acidi grassi n-3 ai pesci e agli animali. Le acque salso-bromo-iodiche delle sorgenti termali del
nostro entroterra (Salsomaggiore, Abano, Castrocaro ecc.) derivano da enormi praterie di alghe che durante
la formazione della penisola italiana (circa 20-30 milioni di anni fa’) sono state ricoperte e sollevate da altri
strati geologici, mantenendone però gli elementi algali primitivi mineralizzati come lo iodio, il bromo, il sale, il
metano ecc. Risalendo la scala evolutiva filogenetica, possiamo vedere, circa 800 milioni di anni fa’, la
comparsa di una notevole iodocaptazione nell’esoscheletro della conchiglia, e anche delle spugne e dei coralli
(Brown-Grant, 1961). Roche (1951) aveva dimostrato negli invertebrati la presenza di MIT, DIT e T4, che
vengono secreti ed espulsi dalle cellule nell’esoscheletro, dopo aver ceduto l’elettrone dello ioduro. Circa 500
milioni di anni fa’ nei pesci marini è comparsa una iodiocaptazione generalizzata, con minimo accumulo
tiroideo, poco necessario per la facile reperibilità di ioduri nel mare. I follicoli, qui non ancora “tiroidei”, sono
privi di capsula e si presentano scarsi e diffusi negli organi interni addominali. I pesci marini contengono alte
quantità di iodio in gran parte inorganico circa 500-800 microgrammi (µg) per kg. Alcuni pesci marini
migratori (anadromi) come le lamprede (Youson et al.,1997) , i salmonidi ecc. risalgono dal mare i fiumi fino
alle sorgenti, dove muoiono inspiegabilmente dopo essersi riprodotti. In questo modo tali pesci marini
riportano nei territori I-carenti dell’interno notevoli quantità di iodio e di selenio ( e anche di omega-3),
consentendo la vita ed il benessere di altre specie animali tra cui gli uomini che, tramite loro, assimilano tali
essenziali oligoelementi. Circa 400 milioni di anni fa’ quando, per la ricerca di cibo o per sfuggire ai predatori,
alcune specie di pesci cominciano a lasciare il mare per abitare le acque dolci e I-carenti dei fiumi terrestri
iniziano anche le malattie da carenza di iodio e di altre sostanze di origine marina. Nei pesci d’acqua dolce
(in cui lo iodio è carente) i follicoli tiroidei sono più numerosi ed aggregati spesso tra le branchie. I loro
tessuti contengono molto meno iodio rispetto ai pesci marini (circa 20 µg/ kg) ed è in gran parte iodio
organico ( MIT, DIT , T4 ). I pesci d’acqua dolce I-carenti presentano inoltre anche difetti della immunità e
maggiori malattie infettive, parassitarie, arteriosclerotiche e tumorali dei pesci marini (selaci). Infatti i selaci
e i pesci marini in genere soffrono molto più raramente di neoplasie. L’alimentazione con pesce di mare è

6
inoltre utile nella prevenzione di alcune importanti patologie tumorali, cardiache ed arteriosclerotiche
nell’uomo.

Fig. 7. Metamorfosi della rana da animale acquatico (il girino) a rana terrestre. La quantità
ambientale di iodio, necessario a formare la tiroxina endogena, innesca il meccanismo della
metamorfosi. E’ evidente la “spettacolare” apoptosi (morte programmata) della coda, delle
pinne, delle branchie che si trasformano negli arti ed anche dello stomaco, che da stomaco
primitivo erbivoro si trasforma in stomaco pepsino-acido secernente proprio dei mammiferi
carnivori. (Circa 300-400 milioni di anni fa’) (Ishizuya-Oka et al., 2003)

Lo studio della azione dello iodio nello sviluppo e metamorfosi degli anfibi è importante e riassume la
strategia evolutiva di adattamento degli animali acquatici (pesci) in animali terrestri. Gli anfibi hanno una vita
larvale nell’acqua dolce ( non esistono anfibi marini !) ed una vita adulta “terrestre” da circa 370 milioni di
anni fa’. E’ esclusivamente la quantità ambientale di iodio, che consente la formazione della tiroxina
endogena, ad innescare il meccanismo della metamorfosi, adattando così gli anfibi adulti alla vita
“terrestre”con la formazione di polmoni, di epidermide lubrificata, arti deambulanti ossificati, di idonea
circolazione cardio-polmonare ed anche di mucosa gastrica acido-pepsino-secernente, simile a quella dei
mammiferi. Il girino carente di iodio non riesce a metamorfosare e muore presto come girino. C’è stata
anche una evoluzione “morfologica” macroscopica dei follicoli della ghiandola tiroidea, i quali durante
l’evoluzione (dai pesci, anfibi, rettili, uccelli e mammiferi) sono diventati sempre più definiti, incapsulati ed
organizzati nella tiroide in sede pre-tracheale.

7
Fig. 8. Distribuzione dello iodio-125 (in bianco) nella autoradiografia di una topolina gravida
dopo 1 ora dalla iniezione endovenosa dell0 I-125. E’ evidente la alta I-captazione nella
mucosa orale e nelle ghiandole salivari, nella placenta e nelle mucose gastriche dei feti.
(Autoradiografie di Ullberg ed Ewaldsson, 1964. Riprodotte per cortesia di Acta Radiologica)

Lo studio autoradiografico di Ullberg ed Ewaldsson (sopra riportato) è importante in quanto studia il


comportamento dello iodio e del NIS anche durante la gravidanza, e nella mammella ed in particolare nei
tessuti fetali dei mammiferi, la cui origine risale a circa 200 milioni di anni fa’. Dopo un solo minuto
dall’iniezione endovenosa dello I-131, si evidenzia la precocissima e rilevante captazione degli epiteli orale,
salivare e gastrico e successivamente anche della ghiandola mammaria, della topolina gravida. La I-
captazione della mucosa gastrica è molto alta, e dalla mucosa gastrica lo iodio viene secreto nel succo
gastrico e riversato nell’intestino, dove viene riassorbito e ricaptato dallo stomaco, oltre che dalla tiroide,
creando così una circolazione (NIS mediata) salivare e gastro-enterica-tiroidea dello iodio, che si perpetua
fino ad eliminazione completa per via reno-vescicale ( Hays et al, 1965; Josefsson e coll., 2006).
Quindi lo stomaco, più della tiroide, sembra avere un primitivo ruolo centrale nel metabolismo dello iodio su
scala evolutiva. Dopo 5 giorni lo radioiodio è ancora ben visibile nelle pareti della aorta, e dopo 14 giorni è
visibile solamente nella tiroide, nell’aorta e nella pelliccia dei ratti. In queste sedi lo iodio è presente sotto
forma di iodo-composti, probabilmente proteici e lipidici, tuttora chimicamente non identificati.

8
FIG. 9. Autoradiografie con I-131 sequenziali nel ratto. La autoradiografia con I-131 nel ratto
mostra la cospicua I-captazione della parete arteriosa della aorta, ben evidente anche dopo 5-
14 giorni dalla iniezione del radioiodio, che potrebbe chiarire la sede della azione antiossidante
ed anti-aterosclerotica dello ioduro. ( Da Pellerin, 1961; Riprodotte per cortesia di Path. Biol.)

Le autoradiografie con radio-iodio evidenziano che della mucosa gastrica la parte I-captante è costituita solo
dalle cellule muco-secernenti della superficie e dei colletti delle ghiandole gastriche, che costituiscono proprio
quelle foveole gastriche da cui si originano i carcinomi gastrici.
Evans e coll. hanno dimostrato in ratte tiroidectomizzate che la tiroxina (T4) è molte volte piu’ efficace dello
iodio inorganico (iniettato sottocute) nel ripristinare la normalità in molteplici funzioni fisiologiche, come la
funzione ovarica e la crescita corporea, il metabolismo, il ritmo cardiaco, e le funzioni riproduttive, surrenali,
timiche e ipofisarie. Inoltre Goethe e coll. hanno dimostrato che i recettori ormonali nucleari della T3 non
sono indispensabili per la vita nelle cavie.
Secondo i fisiologi, al contrario dello iodio in sé, la ghiandola tiroidea, anche se importante, non è
indispensabile per la vita e gli effetti della sua asportazione si manifestano tardivamente, solo dopo 2-3
settimane. Mentre lo iodio e la T3 sono capaci di trasformare il girino acquatico in una rana terrestre

9
strutturalmente “più evoluta”, la tiroidectomia e l’ipotiroidismo nei mammiferi sembrano costituire (al
contrario della azione pro-evolutiva della metamorfosi) una sorta di “rettilizzazione”, cioè quasi una
regressione filogenetica allo stadio precedente di rettile, di cui vengono riacquistate alcune caratteristiche
fisiche e metaboliche come: la pelle ispessita, secca, squamosa e con perdita di peli, e la digestione, i riflessi,
il battito cardiaco rallentati, con riduzione di tutto il metabolismo, accumulo di lipidi, ipotermia ed infine
iperuricemia metabolica (Venturi, 2000). Nei primati e nei uomini la tiroide è ben organizzata e a forma di
farfalla, in sede pre-tracheale, dove, come un rudimentale termostato, può meglio avvertire e rispondere alle
variazioni termiche ambientali. Negli uomini affetti da cretinismo endemico da carenza iodica sono evidenti i
danni fisici, neurologici, mentali, immunitari (Marani e Venturi, 1985) e riproduttivi. Nel 1998 su
Geographical Review, Dobson ha ipotizzato che la scomparsa dell’uomo di Neanderthal avvenuta circa
35.000 anni fa’, sia stata favorita dalle maggiori capacità fisiche, intellettive e di adattamento dell’ homo
sapiens moderno, dovute al maggiore intake iodico. Ciò grazie anche al miglioramento dietetico e genetico
del NIS, divenuto più efficiente nel captare lo iodio. Infatti, negli scheletri dell’uomo di Neanderthal, Dobson
ha rilevato le stigmate ossee del cretinismo endemico, con arti corti e tozzi e microcefalia. A differenza del
Neanderthal, l’homo sapiens moderno aveva habitat più vicino ai mari e dieta ricca di pesce marino ricco di
iodio. Broadhurst (2002) e Cunnane (2005) hanno recentemente riportato che lo iodio è stato l’elemento più
importante insieme agli acidi grassi poli-insaturi (omega-3) nel favorire il processo di evoluzione del cervello
umano e del conseguente sviluppo dell’intelligenza umana, permettendone così un migliore adattamento
ambientale.

FIG. 10 Mappa mondiale delle aree di endemia di gozzo da carenza iodica (ombreggiate
obliquamente) spesso circostanti a catene montuose (in blu), prima della effettuazione della
iodio-profilassi nel mondo (da Kelly e Snedden, OMS, 1960).

10
Fig. 11. Mappa mondiale delle Nazioni riguardo alla attuale nutrizione iodica ( Da ICCIDD -
OMS, 2003)

Ancora oggi secondo l’OMS, più di tre miliardi di persone sulla terra vivono in aree distanti dal mare e con
carenza ambientale di iodio e soffrono di tireopatie, di danni neurologici e somatici ed inoltre di diminuzione
delle difese immunitarie e di ridotta fertilità con danni alla prole; inoltre tali persone sembrano più soggette a
patologie tumorali della tiroide, dello stomaco, della mammella e alle patologie delle ghiandole salivari e
della bocca con anche una maggiore perdita dei denti (Venturi e al. 2000, 2001; Aceves e al.,2006; Szybinski
e al., 2004; Abnet e al., 2005.a, 2005.b, 2006). La supplementazione iodica, con sale da cucina iodato, con
foraggio o con concime composto di alghe marine ricche di iodio, è in grado di prevenire questi danni negli
animali ed anche nei vegetali per quanto riguarda la loro suscettibilità a infezioni microbiche e parassitarie
aumentandone i meccanismi di difesa antiossidante (Saker e al. 2001; Fike e al., 2001; Cabello e al., 2003;
Food and Nutrition Board of USA, 2001). E’ ipotizzabile che nella vasta gamma degli antiossidanti naturali vi
sia una sorta di “gerarchia filogenetica”, in cui gli antiossidanti primitivi marini come lo iodio, il selenio
ecc. svolgano un ruolo più importante nella vita riproduttiva e nello sviluppo fetale di quelli che si sono
evoluti più recentemente ( ad esempio il licopene, le antocianine, il resveratrolo, molti polifenoli ecc.), come
hanno riportato a proposito dello iodio Dunn e Delange (2001).
Nei territori I-carenti invece tali patologie coesistono sia negli uomini che negli animali, in particolare negli
erbivori. Tutto ciò fa’ supporre che il processo di adattamento evolutivo dei vertebrati terrestri alla carenza
iodica ambientale non sia ancora terminato.

BIBLIOGRAFIA

Abnet CC, Kamangar F, Dawsey SM, Stolzenberg-Solomon RZ, Albanes D, Pietinen P, Virtamo J, Taylor
PR. Tooth loss is associated with increased risk of gastric non-cardia adenocarcinoma in a cohort of
Finnish smokers. Scand J Gastroenterol. 2005 Jun;40(6):681-7.

Abnet CC, Qiao YL, Dawsey SM, Dong ZW, Taylor PR, Mark SD. Tooth loss is associated with increased
risk of total death and death from upper gastrointestinal cancer, heart disease, and stroke in a Chinese
population-based cohort. Int J Epidemiol. 2005;34 (2):467-74. 2005

Abnet C, Qiao YL, Kamangar F, Dong ZW, Taylor P, Mark S; Fraumeni J Jr., Dawsey S . 2006. Goiter
is associated with a significantly increased risk of gastric adenocarcinoma in a large population-based
Chinese cohort. Int J. Cancer. 2006. In Press

11
Aceves C, Anguiano B & Delgado G. Is Iodine A Gatekeeper of the Integrity of the Mammary Gland? J.
of Mammary Gland Biol and Neopl, Vol. 10, No. 2, April 2005 :189-196

Banerjee RK, Bose AK, Chakraborty TK, De SK, Datta AG. Peroxidase-catalysed iodotyrosine formation in
dispersed cells of mouse extrathyroidal tissues. J Endocrinol 1985; 106 ,2 :159-65

Broadhurst CL, Wang Y, Crawford MA, Cunnane SC, Parkington JE, Schmidt WF. Brain-specific lipids
from marine, lacustrine, or terrestrial food resources: potential impact on early African Homo sapiens.
Comp Biochem Physiol B Biochem Mol Biol. 2002 Apr; 131(4):653-73

Brown-Grant K . Extrathyroidal iodide concentrating mechanisms. Physiol Rev.1961; 41:189-213.

Cabello G, Vilaxa A, Spotorno AE, Valladares JP, Pickard M, Sinha A, McArthur J, Behncke I, Duerr A,
Sullivan R, Gomperts BD. Evolutionary adaptation of a mammalian species to an environment severely
depleted of iodide. Pflugers Arch. 2003 Apr; 446(1):42-5.

Cann SA, van Netten JP, van Netten C. Hypothesis: iodine, selenium and the development of breast
cancer. Cancer Causes Control. 2000; 11(2):121-7

Cann SA. Hypothesis: dietary iodine intake in the etiology of cardiovascular disease. J Am Coll Nutr.
2006 Feb; 25(1):1-11.

Cocchi M, Venturi S. Iodide, antioxidant function and omega-6 and omega-3 fatty acids: a new
hypothesis of a biochemical cooperation? Progress in Nutrition, 2000; 2 :15-19

Colin C, Leblanc C, Wagner E, Delage L, Leize-Wagner E, Van Dorsselaer A, Kloareg B, Potin P. The
brown algal kelp Laminaria digitata features distinct bromoperoxidase and iodoperoxidase activities. J
Biol Chem. 2003 Jun 27;278(26) :23545- 52.

Cunnane S.C. Survival of the Fattest: The Key to Human Brain Evolution - World Scientific Publishing
Company. Singapore, 2005

Dai G, Levy O, Carrasco N. Cloning and characterization of the thyroid iodide transporter. Nature. 1996
Feb 1; 379 (6564):458-60.

Dembitsky VM, Tolstikov GA. (2003) Natural halogenated organic compounds, Nauka Press, Novosibirsk,
pp. 366.

Dobson J.E. The iodine factor in health and evolution. The Geographical Review.1998; 88:1-28

Dugrillon A. Iodolactones and iodoaldehydes mediators of iodine in thyroid autoregulation. Exp Clin
Endocrinol Diabetes. 1996;104 Suppl 4:41-5.

Dunn JT, Delange F. 2001. Damaged reproduction: the most important consequence of iodine
deficiency. J Clin
Endocrinol Metab;86(6) :2360-3.

Evans ES, Schooley RA, Evans AB, Jenkins CA, Taurog A. Biological evidence for extrathyroidal thyroxine
formation. Endocrinology. 1966; 78:983-1001.

Farrell AP , Davie P., Sparksman R. J. Fish Disease 1992; 15: 537-540

Fike JH, Allen VG, Schmidt RE, Zhang X, Fontenot JP, Bagley CP, Ivy RL, Evans RR, Coelho RW, Wester
DB. Tasco-Forage: I. Influence of a seaweed extract on antioxidant activity in tall fescue and in
ruminants. J Anim Sci. 2001 Apr;79(4):1011-21.

Food and Nutrition Board; Institute of Medicine. Dietary Reference Intakes for Vitamin A, Vitamin K,
Arsenic, Boron, Chromium, Copper, Iodine, Iron, Manganese, Molybdenum, Nickel, Silicon, Vanadium,
and Zinc. 2001. Washington, DC; National Academy Press

12
Gall EA, Frithjof C. Kupper FC & Kloareg B. A survey of iodine content in Laminaria digitata. Botanica
Marina. 2004. 47: 30–37. 2004

Goethe S, Wang Z, Ng L, Kindblom JM, Barros AC, Ohlsson C, Vennstrom B, Forrest D: Mice devoid of all
known thyroid hormone receptors are viable but exhibit disorders of the pituitary-thyroid axis, growth,
and bone maturation. Genes Dev 1999, 13:1329-41

Gribble G.W. Naturally Occurring Organohalogen Compounds : A Comprehensive Survey; Progress in the
Chemistry of Organic Natural Products, 1996, 68, 1-528.

Hak AE, Pols HA, Visser TJ, Drexhage HA, Hofman A, Witteman JC. Subclinical hypothyroidism is an
independent risk factor for atherosclerosis and myocardial infarction in elderly women: the Rotterdam
Study. Ann Intern Med. 2000 Feb 15;132(4):270-8.

Ishizuya-Oka A, Shimizu K, Sakakibara S, Okano H, Ueda S. Thyroid hormone-upregulated expression of


Musashi-1 is specific for progenitor cells of the adult epithelium during amphibian gastrointestinal
remodeling. J Cell Sci. 2003 Aug 1;116(Pt 15):3157-64

Josefsson, M., Evilevitch, L., Westrom, B., Grunditz, T., Ekblad, E.Sodium-Iodide Symporter Mediates
Iodide Secretion in Rat Gastric Mucosa In Vitro. Exp Biol Med 2006 231: p. 277-281

Kahaly GJ. Cardiovascular and atherogenic aspects of subclinical hypothyroidism. Thyroid. 2000
Aug;10(8):665-79.

Katamine S, Hoshino N, Totsuka K, Suzuki M: Effects of the long-term feeding of high-iodine eggs on
lipid metabolism and thyroid function in rats. J Nutr Sci Vitaminol 1985, 31:339-53

Kocher T. Uber Kropfexstirpation und ihre Folgen. Arch Klin Chir. 1883, 29 :254-337

Kuepper FC, Schweigert N, Ar Gall E, Legendre J-M, Vilter H, Kloareg B. Iodine uptake in Laminariales
involves extracellular, haloperoxidase-mediated oxidation of iodide. Planta 1998; 207:163-171

Küpper FC, Feiters MC, Meyer-Klaucke W, Kroneck PMH, Butler A: Iodine Accumulation in Laminaria
(Phaeophyceae): an Inorganic Antioxidant in a Living System?, Proceedings of the 13th Congress of
the Federation of European Societies of Plant Physiology, Heraklion, Greece, September 2-6, 2002, p.
571.

Li Z, Meng ZH, Chandrasekaran R, Kuo WL, Collins CC, Gray JW, Dairkee SH: Biallelic inactivation of the
thyroid hormone receptor beta1 gene in early stage breast cancer. Cancer Res 2002, 62:1939-43

Marani L, Venturi S, Masala R. Role of iodine in delayed immune response. Isr J Med Sci. 1985
Oct;21(10):864.

Oziol L, Faure P, Vergely C, Rochette L, Artur Y, Chomard P, Chomard P. In vitro free radical scavenging
capacity of thyroid hormones and structural analogues. J Endocrinol. 2001 Jul; 170 (1):197-206.

Pedersén M, Collén J, Abrahamson J, Ekdahl A. Production of halocarbons from seaweeds: an oxidative


stress reaction? Sci Mar. 1996; 60 (Suppl. 1) :257-263

Pisarev MA, Chazenbalk GD, Valsecchi RM, Burton G, Krawiec L, Monteagudo E, Juvenal GJ, Boado RJ,
Chester HA. Thyroid autoregulation. Inhibition of goiter growth and of cyclic AMP formation in rat
thyroid by iodinated derivatives of arachidonic acid. J Endocrinol Invest 1988 Oct;11(9):669-74.

Purves WK, Sadava D, Orians GH, Heller HC. 1998. Life.The Science of Biology. Part 4: The Evolution of
Diversity. Chapter 30

Roche J. Biochimie comparée des scléroprotéines iodées des Anthozoaires et des Spongiaires.
Experientia. 1952 ; 8:45-56.

13
Saker KE, Allen VG, Fontenot JP, Bagley CP, Ivy RL, Evans RR, Wester DB. Tasco-Forage: II. Monocyte
immune cell response and performance of beef steers grazing tall fescue treated with a seaweed
extract. J Anim Sci. 2001 Apr;79(4):1022-31.

Smanik PA, Liu Q, Furminger TL, Ryu K, Xing S, Mazzaferri EL, Jhiang SM. Cloning of the human sodium
lodide symporter. Biochem Biophys Res Commun. 1996 Sep 13;226(2):339-45.

Spitzweg C, loba W, Eisenmenger W, Heufeider AE. Analysis of human sodium iodide symporter gene
expression in extrathyroidal tissues and cloning of its complementary deoxyribonucleic acid from
salivary gland, mammary gland, and gastric mucosa. J Clin Endocrinol Metab. 1998; 83:1746-1751.

Szybinski Z, Rachtan J, Huszno B, Hubalewska A , Buziak-Bereza M, Trofimiuk M. Is Iodine-Prophylaxis


a protective factor against gastric cancer in iodine-deficient areas? 30th Annual Meeting of European
Thyroid Association. Istanbul, Turkey, 18-22 September 2004. P.111 (Abstract No: 257)

Taurog A. Molecular evolution of thyroid peroxidase. Biochimie.1999; 81:557-562.

Tseng YL, Latham KR. Iodothyronines: oxidative deiodination by hemoglobin and inhibition of lipid
peroxidation . Lipids 1984; 19 :96-102

Turner KB. Studies on the prevention of cholesterol atherosclerosis in rabbits.The effects of whole
thyroid and of potassium iodide. J Exp Med. 1933. 58 :115-125

Turner KB, Khayat GB. Studies on the prevention of cholesterol atherosclerosisin rabbits. The influence
of thyroidectomy upon the protective action of potassium iodide. J Exp Med. 1933; 58: 127-132

Venturi S. Preliminari ad uno studio sui rapporti tra cancro gastrico e carenza alimentare iodica:
Prospettive specifiche di prevenzione. 1985; Ed. USL n.1, Regione Marche; Novafeltria (PU).

Venturi S, Marani L, Magni MA. Syndrome thyro-gastric. Study on the relation between alimentary iodine
deficiency and gastric cancer. In: Ghironzi G, Jackson CE, Schuman BM, Editors. Epidemiology
Prevention and Early Detection of Gastric Cancer. Rome; CIC Editor, 1987 :279-81

Venturi S, Venturi A, Cimini D, Arduini C, Venturi M, Guidi A. A new hypothesis: iodine and gastric
cancer. Eur J Cancer Prevent. 1993; 2:17-23.

Venturi S, Venturi M Iodide, thyroid and stomach carcinogenesis: Evolutionary story of a primitive
antioxidant? Eur J Endocrinol . 1999;140:371-372.

Venturi S, Donati FM, Venturi A, Venturi M. Environmental iodine deficiency: A challenge to the
evolution of terrestrial life? Thyroid. 2000.a ; 10 (8):727-9.

Venturi S, Donati FM, Venturi A, Venturi M, Grossi L, Guidi A.Role of iodine in evolution and
carcinogenesis of thyroid, breast and stomach. Adv Clin Path. 2000.b; 4(1):11-7

Venturi S. Is there a role for iodine in breast diseases?. The Breast, 2001,10 :379-382

Venturi S, Grossi L, Marra GA, Venturi A, Venturi M: Iodine, Helicobacter Pylori, Stomach Cancer and
Evolution. European EPI-Marker 2003, 7:1-7

Venturi S. and Venturi M. Iodine and Evolution. DIMI-MARCHE NEWS, Dipartimento Interaziendale di
Medicina Interna della Regione Marche, published on-line, February 8, 2004. http://web.tiscali.it/iodio/

Venturi S, Venturi M. Antioxidant Role of Iodine and Thyroxine in Evolution and in Stomach
Carcinogenesis. Eksp Klin Gastroenterol. 2006; (4) In press

Virgili F, Canali R, Figus E, Vignolini F, Nobili F, Mengheri E. 1999. Intestinal damage induced by zinc
deficiency is associated with enhanced CuZn superoxide dismutase activity in rats: effect of
dexamethasone or thyroxine treatment. Free Radic Biol Med; 26 (9-10) :1194-201

14
Wang CS, Lin KH, Hsu YC: Alterations of thyroid hormone receptor alpha gene: frequency and
association with Nm23 protein expression and metastasis in gastric cancer. Cancer Lett 2002,
175:121-7

Winkler R, Griebenow S, Wonisch W: Effect of iodide on total antioxidant status of human serum. Cell
Biochem Funct 2000, 18:143-6

Winkler R. Moser M. Alterations of antioxidant tissue defense enzymes and related metabolic
parameters in streptozotocin diabetic rats: effect of iodine treatment. Wien Klin Wocheschr 1992; 104
(14): 409-13.

Wolff J Transport of iodide and other anions in the thyroid gland. Physiol Rev. 1964; 44:45-90.

Youson JH. Is lamprey metamorphosis regulated by thyroid hormones? Amer Zool. 1997. 37:441–460.

---------ooo---------

Dr. Sebastiano Venturi - via Tre Genghe n.2; 61016 PENNABILLI (PU), Italy
Tel : (+39) 0541 928205 ; E-mail: venturi.sebastiano@gmail.com

15