Sei sulla pagina 1di 18

Comando Provinciale VVF di Roma

Ordine degli Architetti PPC di Roma e Provincia

Modulo: Tecnologia dei materiali e delle strutture


ed altre misure di protezione passiva
Reazione al fuoco dei materiali
(DM 3 Agosto 2015 – Capitolo S.1)

DVD Claudio Fortucci

Presentazione curata da: Nome Cognome vers. 1.0


REAZIONE AL FUOCO
NELL’AMBITO DELLA STRATEGIE ANTINCENDIO
LA REAZIONE AL FUOCO È UNA MISURA DI
PROTEZIONE PASSIVA
EFFICACE NELLE FASI INIZIALI DELL'INCENDIO

OBIETTIVO PRIMARIO
LIMITARE L’INNESCO E LA PROPAGAZIONE

GARANTIRE L’ESODO DEGLI OCCUPANTI

Ministero dell’Interno
Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile
Direzione Centrale per la Prevenzione e la Sicurezza Tecnica
REAZIONE AL FUOCO

SI RIFERISCE AL COMPORTAMENTO AL FUOCO DEI


MATERIALI NELLE EFFETTIVE CONDIZIONI
FINALI DI APPLICAZIONE

ESPRIME IL GRADO DI PARTECIPAZIONE


ALL'INCENDIO (CONTRIBUTO)
CONTRIBUTO VALUTATO IN
CONDIZIONI DI PROVA STANDARDIZZATE

Ministero dell’Interno
Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile
Direzione Centrale per la Prevenzione e la Sicurezza Tecnica
LIVELLI DI PRESTAZIONE
applicati ove si intenda limitare la partecipazione dei materiali alla
combustione e ridurre la propagazione dell'incendio

STRUTTURAZIONE DELLA REAZIONE AL FUOCO IN


QUATTRO LIVELLI DI PRESTAZIONE DEFINITI IN
FUNZIONE DEL CONTRIBUTO ALL’INCENDIO

Ministero dell’Interno
Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile
Direzione Centrale per la Prevenzione e la Sicurezza Tecnica
I CRITERI DI ATTRIBUZIONE DEI LIVELLI DI PRESTAZIONE

Ministero dell’Interno
Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile
Direzione Centrale per la Prevenzione e la Sicurezza Tecnica
I CRITERI DI ATTRIBUZIONE DEI LIVELLI DI PRESTAZIONE

PROFILO DI RISCHIO Rvita PER LE TIPOLOGIE


DI DESTINAZIONE D’USO (OCCUPANCY) PIU COMUNI

Ministero dell’Interno
Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile
Direzione Centrale per la Prevenzione e la Sicurezza Tecnica
SOLUZIONI PROGETTUALI

SOLUZIONI CONFORMI SOLUZIONI ALTERNATIVE


tabellate per tutti i livelli di prestazione
si riferiscono a gruppi di Impiegando uno dei metodi di cui
materiali GM al paragrafo G.2.6
Ingegneria della sicurezza
antincendio
Es.:ridotta produzione di fumi e
calore, ausilio impianti di protezione
attiva: precoce rivelazione, rapido
intervento

Ministero dell’Interno
Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile
Direzione Centrale per la Prevenzione e la Sicurezza Tecnica
SOLUZIONI PROGETTUALI CONFORMI

Le soluzioni conformi si riferiscono a gruppi di


materiali così definiti:
GM0: tutti i materiali aventi classe 0 di reazione al fuoco italiana o
classe A1 di reazione al fuoco europea
GM1: vedi tabelle S.1-4, S.1-5, S.1-6, S.1-7
GM2: vedi tabelle S.1-4, S.1-5, S.1-6, S.1-7
GM3: vedi tabelle S.1-4, S.1-5, S.1-6, S.1-7
GM4: tutti i materiali non compresi nei gruppi GM0, GM1, GM2, GM3

Ministero dell’Interno
Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile
Direzione Centrale per la Prevenzione e la Sicurezza Tecnica
CLASSIFICAZIONE DEI MATERIALI IN GRUPPI

Le classi di reazione al fuoco costituenti i GM sono riferite:


• alle classi di reazione al fuoco italiane di cui al DM 26/6/1984

indicate con [Ita];


• alle classi di reazione al fuoco europee, per i soli prodotti da

costruzione, di cui al DM 10/3/2005 indicate con [EU],


esplicitate in classi principali e classi aggiuntive (s, d, a)

Ministero dell’Interno
Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile
Direzione Centrale per la Prevenzione e la Sicurezza Tecnica
SOLUZIONI PROGETTUALI CONFORMI

Soluzioni conformi per il livello di prestazione II


Devono essere impiegati i materiali del gruppo GM3.

Soluzioni conformi per il livello di prestazione III


Devono essere impiegati i materiali compresi nel gruppo GM2.

Soluzioni conformi per il livello di prestazione IV


Devono essere impiegati i materiali compresi nel gruppo GM1.

Ministero dell’Interno
Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile
Direzione Centrale per la Prevenzione e la Sicurezza Tecnica
SOLUZIONI CONFORMI PER I LIVELLI DI PRESTAZIONE 1/4
IV III II

le classi indicate sono quelle minime previste per ciascun livello di prestazione

Ministero dell’Interno
Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile
Direzione Centrale per la Prevenzione e la Sicurezza Tecnica
SOLUZIONI CONFORMI PER I LIVELLI DI PRESTAZIONE 2/4
IV III II

le classi indicate sono quelle minime previste per ciascun livello di prestazione

Ministero dell’Interno
Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile
Direzione Centrale per la Prevenzione e la Sicurezza Tecnica
SOLUZIONI CONFORMI PER I LIVELLI DI PRESTAZIONE 3/4
IV III II

le classi indicate sono quelle minime previste per ciascun livello di prestazione

Ministero dell’Interno
Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile
Direzione Centrale per la Prevenzione e la Sicurezza Tecnica
SOLUZIONI CONFORMI PER I LIVELLI DI PRESTAZIONE 4/4
IV III II

le classi indicate sono quelle minime previste per ciascun livello di prestazione

Ministero dell’Interno
Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile
Direzione Centrale per la Prevenzione e la Sicurezza Tecnica
FLESSIBILITA’ DELLE SOLUZIONI CONFORMI

Indipendentemente dalle soluzioni conformi adottate


per i rivestimenti
sono comunque ammessi materiali installati a parete o
a pavimento compresi nel gruppo di materiali GM4 per il
5% della superficie lorda interna delle vie d'esodo o dei
locali dell'attivita (es. somma delle superfici lorde di
soffitto, pareti, pavimento ed aperture del locale).

Ministero dell’Interno
Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile
Direzione Centrale per la Prevenzione e la Sicurezza Tecnica
Esclusione dalla verifica dei requisiti di reazione al fuoco

Non e richiesta la verifica dei requisiti di reazione al fuoco per:


a. materiali stoccati od oggetto di processi produttivi (es. beni in deposito, in
vendita, in esposizione, ...);
b. elementi costruttivi o strutturali portanti per i quali sia già richiesta la
verifica dei requisiti di resistenza al fuoco;
c. materiali protetti con separazioni di classe di resistenza al fuoco almeno
K 30 o EI 30.

Per eventuali rivestimenti ed altri materiali applicati sugli elementi costruttivi


o strutturali di cui al comma 1.b rimane comunque obbligatoria la verifica dei
requisiti di reazione al fuoco in funzione dei pertinenti livelli di prestazione.

Ministero dell’Interno
Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile
Direzione Centrale per la Prevenzione e la Sicurezza Tecnica
ASPETTI COMPLEMENTARI

Sulle facciate devono essere utilizzati materiali di rivestimento che


limitino le probabilità di incendio delle facciate stesse e la successiva
propagazione a causa di un eventuale fuoco avente origine esterna o
origine interna, a causa di fiamme e fumi caldi che fuoriescono da
vani, aperture, cavità, interstizi.

Si richiama la possibilità di prevedere prestazioni di reazione al fuoco


anche per altri materiali (es. porte, lucernari, pannelli fotovoltaici,
fotovoltaici ...)
laddove la valutazione del rischio ne evidenzi la necessità
(es. corridoi di esodo con presenza rilevante di porte, cavedi o
canalizzazioni con presenza importante di cavi elettrici, percorsi di
esodo con presenza significativa di lucernari,
coperture combustibili sottostanti pannelli fotovoltaici, ...).
Ministero dell’Interno
Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile
Direzione Centrale per la Prevenzione e la Sicurezza Tecnica
Grazie per l’attenzione

Ministero dell’Interno
Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile
Direzione Centrale per la Prevenzione e la Sicurezza Tecnica