Sei sulla pagina 1di 31

La Robinia, conosciuta erroneamente come Acacia - Vivere l... http://www.viverelamontagna.ch/wp/magazine/?

p=5827

HOME
& ' (
ASSOCIAZIONE
RIVISTA
SHOP
PUBBLICITÀ
ABBONAMENTI
CONTATTI

NATURA PROSSIMO ARTICOLO

L’Upupa #

La Robinia,
ARTICOLO PRECEDENTE

conosciuta $ EPICONDILITE LATERALE O GOMITO


DEL TENNISTA
erroneamente
come Acacia % Cerca...

BY LUCA BETTOSINI · 3 MAGGIO 2014

Rivista numero CONDIVIDI


NEL PROSSIMO NUMERO
119 – Marzo 2014
0
La Robinia,
conosciuta +
erroneamente 0
come Acacia
Di Luca Bettosini, "
con testi di Ivo
Ceschi per gentile
concessione

1 di 31 24/05/20, 16:58
La Robinia, conosciuta erroneamente come Acacia - Vivere l... http://www.viverelamontagna.ch/wp/magazine/?p=5827

Foto di Luca
Bettosini

Fu Jean Robin,
botanico del Re di
Francia ad
importare per la
prima volta in
Europa, nel 1601.
La Robinia si è poi
diffusa
spontaneamente
Maggio 2020
un po’
dappertutto in Nel centoottantasettesimo numero di
Vivere la montagna sono presentati: Il paese
Europa.
di Mergoscia; La Valle di Mergoscia; Val di
Lodrino: La capanna Alva e il Rifugio Negrös;
 
I paradossi della montagna: Misteri e
stranezze delle mie Alpi; Lo Stambecco
La vasta fascia di
siberiano; Svizzera: Titlis, camminando sul
territorio del
ponte sospeso più alto d’Europa; La
Cantone Ticino che Campanella o Campanula rotundifolia; Sri
si estende dal Lanka: dove i treni sono lenti e affollati;
fondovalle fino a Fotografia nel sottobosco: Macro e Close
Up tra foglie, funghi, cortecce e fiori  e molto
oltre i 2’000 metri
altro ancora.
di altitudine è
coperta da una  

vegetazione  
arborea e
arbustiva, che
rappresenta
RUBRICHE
l’elemento
Rubriche
dominante del

2 di 31 24/05/20, 16:58
La Robinia, conosciuta erroneamente come Acacia - Vivere l... http://www.viverelamontagna.ch/wp/magazine/?p=5827

nostro paesaggio Seleziona una categoria


naturale. Oltre il
50% del nostro
Cantone è ARCHIVIO

composto da Archivio
boschi di ogni Seleziona mese
genere, una
ricchezza di alberi
che merita di PUBBLICITA'

essere conosciuta
meglio. Una delle
LE CENTO COPERTINE
piante piú
conosciute dai
Vivere La Montagna - 1…
ticinesi è senza
dubbio la Robinia
(Robinia
pseudoacacia), che
nel mese di maggio,
grazie ai suoi
grappoli di fiori,
EDITORIALI
colora il bosco di un
Editoriale gennaio 2019
candido bianco.
4 MAG, 2020
Questa pianta è
anche ARTE E POESIA
erroneamente Il castoro Hans e il signor Müller
chiamata Acacia. 4 MAG, 2020

Delle vere Acacie


NATURA
ne esistono circa
Lo Spettro di Brocken o Gloria
1’300 specie nel
4 MAG, 2020
mondo, di cui circa
960 originarie PAESI E LUOGHI
dell’Australia e le Verscio

3 di 31 24/05/20, 16:58
La Robinia, conosciuta erroneamente come Acacia - Vivere l... http://www.viverelamontagna.ch/wp/magazine/?p=5827

rimanenti diffuse 4 MAG, 2020

nelle regioni calde


e a clima tropicale
di entrambi gli
emisferi, in Africa,
nel sud-est asiatico
e nelle Americhe.
La Robinia
pseudoacacia è una
pianta della
famiglia delle
Fabaceae. La
caratteristica
comune a tutte le
specie della
famiglia delle
Fabaceae è la
presenza del
legume o baccello;
un frutto della
pianta, formato un
carpello che
racchiude i semi.
Giunto a maturità il
baccello si apre in
corrispondenza
delle due suture,
dorsale e ventrale,
rilasciando i semi.
La specie è
originaria
dell’America del

4 di 31 24/05/20, 16:58
La Robinia, conosciuta erroneamente come Acacia - Vivere l... http://www.viverelamontagna.ch/wp/magazine/?p=5827

Nord,
precisamente della
zona degli
Appalachi, dove
forma boschi puri.
Il nome Robinia
deriva da Jean e
Vespasien Robin
(padre e figlio),
giardinieri del
“Jardin du Roi” a
Parigi a cui furono
attribuiti primi
riferimenti a questa
specie di pianta. Fu
Linneo a dedicare
loro il nome della
pianta.
“Questa pianta in
Europa è ormai
ampiamente
naturalizzata ma
spesso ancora
considerata una
specie infestante a
causa della sua
velocità di crescita,
soprattutto se
ceduata: i ricacci
(polloni), che
fuoriescono sia
dalla ceppaia che

5 di 31 24/05/20, 16:58
La Robinia, conosciuta erroneamente come Acacia - Vivere l... http://www.viverelamontagna.ch/wp/magazine/?p=5827

dal suo esteso


apparato radicale,
crescono molto
velocemente e
soffocano le piante
di specie
autoctone,
soprattutto le
querce, in quanto
sono caratterizzate
da una crescita piú
lenta. Inoltre, la sua
estrema
adattabilità la fa
trovare a suo agio
dai litorali ai 1’000
metri di quota delle
ombrose valli
submontane. La
conseguenza è la
formazione di
boschi con una
ridotta varietà di
specie arboree. La
rapida diffusione di
questa specie non è
stata contrastata,
anzi in passato la
robinia è stata
spesso diffusa
dall’Uomo perché
molto apprezzata

6 di 31 24/05/20, 16:58
La Robinia, conosciuta erroneamente come Acacia - Vivere l... http://www.viverelamontagna.ch/wp/magazine/?p=5827

per i suoi numerosi


vantaggi”. (1)
“La Robinia si
integrò benissimo
nell’economia
rurale, sfuggendo,
per disseminazione
naturale, ai giardini
dove era coltivata
come specie
esotica. Si adatta in
modo incredibile a
vivere lungo gli
argini di qualunque
strada. Dalla sua
aveva molteplici
virtú: cresceva
rapidamente e
poteva essere
impiegata come
miglioratrice dei
terreni poveri delle
brughiere sassose;
come pianta
spinosa poteva
essere concorrere
a formare siepi di
confine difensive;
forniva una foglia
molto proteica
particolarmente
gradita agli animali

7 di 31 24/05/20, 16:58
La Robinia, conosciuta erroneamente come Acacia - Vivere l... http://www.viverelamontagna.ch/wp/magazine/?p=5827

durante la stagione
estiva, quando il
pascolo iniziava a
scarseggiare ed era
soprattutto
prediletta dai
conigli, che
rappresentavano
una delle migliori
merci di scambio da
inviare ai mercati
cittadini; forniva
legname idoneo
per la costruzione
di ruote a raggi
indispensabili nei
carri agricoli
dell’epoca,
ingranaggi, pioli per
le scale, bastoni e
utensili da cucina.
Per questa sua
lunga
frequentazione
delle campagne
europee e della vita
quotidiana di
decine di
generazioni di
agricoltori, la
Robinia non ci pare
soltanto pianta

8 di 31 24/05/20, 16:58
La Robinia, conosciuta erroneamente come Acacia - Vivere l... http://www.viverelamontagna.ch/wp/magazine/?p=5827

perfettamente
acclimatata, ma
protagonista a
pieno diritto del
panorama
botanico”. (2)
I robinieti in
Ticino
Di Ivo Ceschi

I robinieti sono
composti da una
specie introdotta
dall’America
nordorientale nel
1601, dapprima in
Francia e poi
diffusa in tutta
Europa da
agricoltori forestali.
Per questo motivo
si parla di
formazioni di
neofite, ossia
formate da specie
“esotiche”
introdotte dopo la
scoperta delle
Americhe. La
Robinia è
un’essenza
termofila ed eliofila,
frugale e buona

9 di 31 24/05/20, 16:58
La Robinia, conosciuta erroneamente come Acacia - Vivere l... http://www.viverelamontagna.ch/wp/magazine/?p=5827

colonizzatrice.
Dopo un periodo
iniziale di sviluppo
relativamente
lento, essa ha
mostrato una
progressione
rapidissima,
favorita anche
dall’uomo. Nella
Pianura Padana era
già diffusa nel
Settecento ed è
certo che all’inizio
dell’Ottocento essa
si afferma in Ticino,
poiché già verso la
metà del secolo il
Lavizzari segnalava
alle Cantine di
Caprino grossi
esemplari di
Robinia della
circonferenza di
1,60-1,80 metri. In
seguito la Robinia
non cessa di
espandersi,
favorita dall’uomo,
tanto che attorno
alla metà
dell’Ottocento i

10 di 31 24/05/20, 16:58
La Robinia, conosciuta erroneamente come Acacia - Vivere l... http://www.viverelamontagna.ch/wp/magazine/?p=5827

primi vivai forestali


offrivano questa
specie per il
consolidamento di
frane e di scarpate
lungo la costruenda
ferrovia del
Gottardo. Da allora
in poi questa specie
ha assunto in via
spontanea un
comportamento
invasivo,
espandendosi un
po’ ovunque. Essa
occupa prati,
vigneti, incolti
dell’orizzonte
collinare e
submontano e
penetra anche nelle
parti piú asciutte
dei boschi planiziali
e golenali dei
fondovalle.
Preferisce terreni
sciolti e sabbiosi
moderatamente
acidi ed evita i
terreni argillosi.
Viene fortemente
incrementata dagli

11 di 31 24/05/20, 16:58
La Robinia, conosciuta erroneamente come Acacia - Vivere l... http://www.viverelamontagna.ch/wp/magazine/?p=5827

incendi, come si
può ben osservare
al Monte San
Giorgio, ed è
favorita dalla
gestione a ceduo
nel castagneto, che
provoca un forte
apporto di
luminosità sul
terreno. In fase
giovanile forma
intricate boscaglie,
che si trasformano
in fitte fustaie se
lasciate crescere
liberamente. Il
sottobosco di tali
popolamenti puri è
tuttavia
estremamente
povero di specie sia
erbacee che
arbustive. Il legno è
noto per la sua
grande resistenza
al marciume,
caratteristica
comune a molte
specie della
famiglia delle
Leguminose, ed è

12 di 31 24/05/20, 16:58
La Robinia, conosciuta erroneamente come Acacia - Vivere l... http://www.viverelamontagna.ch/wp/magazine/?p=5827

usato per pali e


recinzioni. (…)
Utilizzata a turni
brevi fornisce
buona legna da
ardere, mentre a
turni lunghi, quindi
con dimensioni
maggiori, si presta
per parquet e altri
usi pregiati. In anni
recenti la
progressione della
Robinia sembra
essersi rallentata.
La netta
diminuzione dei
tagli a ceduo e il
conseguente
infoltimento e
invecchiamento dei
popolamenti ne
hanno impedito
un’ulteriore
espansione. In
aggregati densi e
chiusi a partire da
circa 20-30 anni di
età la Robinia non
regge a lungo la
concorrenza e
viene

13 di 31 24/05/20, 16:58
La Robinia, conosciuta erroneamente come Acacia - Vivere l... http://www.viverelamontagna.ch/wp/magazine/?p=5827

inesorabilmente
sopraffatta dalle
altre specie del
bosco misto di
latifoglie e dal
castagneto. Per
questo motivo in
aree protette si
cerca di limitarne la
propagazione.
Occorre precisare
che nella carta
delle tipologie
forestali del Ticino i
robinieti sono solo
parzialmente
assegnati al tipo
“boschi pionieri di
latifoglie”; a causa
del loro rapido
sviluppo in altezza
essi sono stati
interpretati,
specialmente nel
Sottoceneri, come
boschi misti di
latifoglie, a cui
peraltro sono quasi
sempre associati. I
robinieti si trovano
in tutte le regioni,
dai 200 fino ai 700

14 di 31 24/05/20, 16:58
La Robinia, conosciuta erroneamente come Acacia - Vivere l... http://www.viverelamontagna.ch/wp/magazine/?p=5827

metri di altitudine,
di preferenza su
versanti a solatio.
Chenevard nel
1910 riferisce di
piantagioni
eseguite con
Robinia a Campo
Vallemaggia fino a
1’200 metri e in
Onsernone fino a
1’000 metri,
certamente
nell’ambito di
progetti per il
consolidamento di
frane. Questi
tentativi
evidentemente non
sono riusciti,
poiché la specie
non è piú reperibile
nelle zone. La
distribuzione
geografica segue
molto da vicino
quella della fascia
della vite. Infatti in
Leventina la
Robinia supera di
poco la Gola della
Biaschina,

15 di 31 24/05/20, 16:58
La Robinia, conosciuta erroneamente come Acacia - Vivere l... http://www.viverelamontagna.ch/wp/magazine/?p=5827

spingendosi fino a
Lavorgo, e lo stesso
si può dire in Valle
di Blenio, dove non
oltrepassa la linea
Ludiano-Motto di
Dongio. In
Valmaggia gli ultimi
robinieti si trovano
a Cavergno e in Val
Verzasca essa non
si spinge oltre la
linea Mergoscia-
Vogorno. Nelle
Centovalli è
presente solo lungo
la strada cantonale
fino a Camedo e in
Valle Onsernone
arriva fino a Loco.
Massiccia è la
presenza di Robinia
sui fondovalle
lungo il Ticino, da
Giornico fino alle
Bolle di Magadino,
lungo la Maggia
fino a Cavergno,
dove giunge ad
affacciarsi nella Val
Bavona, e da
Intragna fino al

16 di 31 24/05/20, 16:58
La Robinia, conosciuta erroneamente come Acacia - Vivere l... http://www.viverelamontagna.ch/wp/magazine/?p=5827

Delta della Maggia.


Nel Sottoceneri vi è
una forte presenza
un po’ ovunque,
benché si osservi
una netta
preferenza per i
terreni a matrice
acida (porfido,
rocce
metamorfiche
cristalline e
depositi morenici),
mentre sui terreni
ricchi di carbonati,
in particolare
nell’areale del
Carpinello, la
Robinia fatica a
inserirsi. Estesi
robinieti si trovano
lungo il corso del
Vedeggio e nella
fascia
pedemontana tra
Bioggio e Bosco
Luganese, Agno,
Ponte Tresa. Il
basso Malcantone
(lungo la Valle della
Tresa) presenta
pure notevoli

17 di 31 24/05/20, 16:58
La Robinia, conosciuta erroneamente come Acacia - Vivere l... http://www.viverelamontagna.ch/wp/magazine/?p=5827

popolamenti, qui
associati con il
Prugnolo tradivo
(Prunus serotina).
Una forte presenza
di Robinia si
constata sulle rive
del Lago di Lugano,
attorno al Monte
Arbostora e alla
Collina d’Oro e tra
Bissone, Maroggia,
Arogno, Rovio e
Melano. I
popolamenti piú
ampi del Ticino
sono tuttavia quelli
che si estendono
sulle pendici est,
nord e nord-est
dello zoccolo di
porfido del Monte
San Giorgio.
Questa imponente
presenza è stata
fortemente
favorita dal vasto
incendio che nel
maggio del 1965
percorse buona
parte del monte.
Notevoli robinieti

18 di 31 24/05/20, 16:58
La Robinia, conosciuta erroneamente come Acacia - Vivere l... http://www.viverelamontagna.ch/wp/magazine/?p=5827

si trovano pure
nella Valle della
Motta, sulle
morene acide del
Penz, nella zona del
Laghetto di
Chiasso e al
Gaggiolo presso
Stabio, dove essi
preludono alle
distese di Robinia
che coprono larghi
tratti della
brughiera
lombarda e delle
colline brianzole.

Scheda
morfologica
“La Robinia è una
pianta con
portamento
arboreo (altezza
fino a 25 metri) o
arbustivo; spesso
ceduato, con forte
attività
riproduttiva
agamica, i polloni
spuntano sia dal
colletto sia dalle
radici. La corteccia
è di colore marrone

19 di 31 24/05/20, 16:58
La Robinia, conosciuta erroneamente come Acacia - Vivere l... http://www.viverelamontagna.ch/wp/magazine/?p=5827

chiaro molto
rugosa. Le foglie
imparipennate
sono lunghe fino a
30-35 cm con
11-21 foglioline
ovate non dentate
lunghe fino a 6 cm
con apice esile.
Aperte di giorno
mentre la notte
tendono a
sovrapporsi. I fiori
bianchi o crema,
sono lunghi circa 2
cm simili a quelli dei
piselli, riuniti in
grappoli pendenti. I
frutti a forma di
baccello prima
verdi poi marroni
sono lunghi circa
10 cm, deiscenti a
maturità. Una sua
caratteristica è la
presenza di
numerose spine
lunghe e solide sui
rami piú giovani.
Come tutte le
leguminose, è in
simbiosi radicale

20 di 31 24/05/20, 16:58
La Robinia, conosciuta erroneamente come Acacia - Vivere l... http://www.viverelamontagna.ch/wp/magazine/?p=5827

con microrganismi
azotofissatori e
quindi può
arricchire il suolo di
azoto”. (3)
Nel complesso la
robinia è una
specie pioniera, che
però (almeno al di
fuori del suo areale
di vegetazione
naturale) presenta
una limitata
longevità che varia
da 60/70 anni e
quindi nelle zone
piú fertili è specie
transitoria che può
essere
gradualmente
sostituita da altre
specie piú longeve.
Invece nei luoghi di
origine sono stati
segnalati casi di
individui con oltre
500 anni. La prima
pianta di Robinia
cresciuta in Europa
(Francia) grazie
Jean e Vespasien
Robin (menzionati

21 di 31 24/05/20, 16:58
La Robinia, conosciuta erroneamente come Acacia - Vivere l... http://www.viverelamontagna.ch/wp/magazine/?p=5827

all’inizio
dell’articolo), che
ad oggi è ancora
viva con piú di 400
anni, rappresenta la
Robinia
pseudoacacia piú
vecchia d’Europa.
In Valle d’Aosta si
conosce la
presenza di una
Robinia di oltre
250 anni.

Il Miele di Robinia
Tra i diversi tipi di
miele quello di
Robinia (che quasi
tutti chiamano
erroneamente
miele di Acacia,
termine che
troviamo sempre
sui barattoli di
miele) è senza
dubbio il piú
estesamente
conosciuto ed
apprezzato. La
Robinia è una
pianta di
fondamentale
importanza per

22 di 31 24/05/20, 16:58
La Robinia, conosciuta erroneamente come Acacia - Vivere l... http://www.viverelamontagna.ch/wp/magazine/?p=5827

l’apicoltura, per la
sua elevata
produzione di
nettare
concentrato. È la
qualità uniflorale
piú diffusa nei punti
vendita della
grande
distribuzione. Alla
base del suo
successo sono le
caratteristiche
peculiari: colore
chiaro, stato fisico
liquido, odore e
sapore leggeri e
delicati. Il colore è
sempre molto
chiaro, da quasi
incolore a
paglierino. È utile
per disintossicare il
fegato e stimolare
l’intestino pigro.

Proprietà
medicinali
La Robinia era
scarsamente
considerata dalla
medicina ufficiale,
ma era invece

23 di 31 24/05/20, 16:58
La Robinia, conosciuta erroneamente come Acacia - Vivere l... http://www.viverelamontagna.ch/wp/magazine/?p=5827

molto conosciuta
dalla medicina
popolare. Le
infiorescenze
erano impiegate
per preparare
sciroppi casalinghi
ad azione
antispasmodica, e
blandamente
lassativa. Alla
corteccia sono
riconosciute
proprietà
antimalariche,
emetiche,
purgative e
antipiretiche. Ai
fiori sono attribuite
proprietà
emollienti, lenitive,
lassative e
antispastiche. Alle
foglie sono
attribuite proprietà
colagoghi, in dosi
elevate sono
vomitive. La
corteccia e i semi
contengono però
sostanze tossiche e
il loro utilizzo è solo

24 di 31 24/05/20, 16:58
La Robinia, conosciuta erroneamente come Acacia - Vivere l... http://www.viverelamontagna.ch/wp/magazine/?p=5827

per esperti!
Accontentatevi dei
fiori per i vostri
rimedi personali in
cucina e delle foglie
come alimento per i
conigli.

In cucina
Con i fiori si
possono preparare
delle strepitose
frittelle. Essi vanno
raccolti quando
sono ancora in
boccio o quando la
loro apertura non è
completata. Si
possono
raccogliere in
grappoli spiccando
l’intero racemo,
glabro e pendulo,
dalla pianta, oppure
sgranandoli uno ad
uno direttamente.

Frittelle di Robinia
“Sbattere
energicamente due
tuorli di uova
fresche con 200
grammi di zucchero

25 di 31 24/05/20, 16:58
La Robinia, conosciuta erroneamente come Acacia - Vivere l... http://www.viverelamontagna.ch/wp/magazine/?p=5827

semolato, unire 3
cucchiaiate di olio
d’oliva e, poca alla
volta, mescolando
bene finché non si
formino grumi, 250
grammi di farina
bianca. Aggiungere
mezzo bicchiere di
marsala secco, o
porto, o grappa,
secondo le
preferenze, un
cucchiaio da cucina
di lievito di birra e
le due chiare
montate a neve
ferma con un
pizzico di sale.
Amalgamare con
cura e lasciar
riposare tre ore.
Procurarsi dei bei
grappoli di fiori
d’acacia.
Immergerli interi,
uno alla volta, nella
pastella tenendoli
per il gambo e poi
buttarli in padella
nell’olio caldo
finché risulteranno

26 di 31 24/05/20, 16:58
La Robinia, conosciuta erroneamente come Acacia - Vivere l... http://www.viverelamontagna.ch/wp/magazine/?p=5827

dorati. Se si
preferisce, i
grappoli possono
essere “sgranati”
per utilizzare solo i
fiori. In questo caso
utilizzare l’impasto
a cucchiaiate”. (4)

Liquore di Robinia
Se vogliamo
preparare un
delizioso e
profumato liquore,
disponiamo in una
pentola di acciaio,
in modo alternato,
circa 140 grammi
di fiori ancora in
boccioli (in questa
fase sono
profumatissimi).
Cospargiamo i fiori
nella padella con
500 grammi di
zucchero e
lasciamoli riposare
per 24 ore.
Aggiungiamo in
seguito un litro di
alcool da cucina
puro, tre cucchiai
grandi di miele di

27 di 31 24/05/20, 16:58
La Robinia, conosciuta erroneamente come Acacia - Vivere l... http://www.viverelamontagna.ch/wp/magazine/?p=5827

Robinia e 250
grammi di acqua
bollita. Fatto
questo lasciamo
raffreddare il tutto
in una pentola
coperta. Quando si
è raffreddato il
tutto, mescoliamo
fino a quando lo
zucchero e il miele
si sono disciolti
completamente.
Lasciamo ora
macerare a freddo
per circa una
settimana e poi
filtriamo il tutto
con una garza
apposita. Mettiamo
il liquore in
bottiglia e
lasciamolo
stagionare per
qualche mese
prima di gustarlo.

Fonti
“Il bosco del
Cantone Ticino”, di
Ivo Ceschi,

28 di 31 24/05/20, 16:58
La Robinia, conosciuta erroneamente come Acacia - Vivere l... http://www.viverelamontagna.ch/wp/magazine/?p=5827

Dipartimento del
territorio,
Divisione
dell’ambiente,
Bellinzona.
“Tutte le piante
medicinali del
dottor Peroni”, di
Gabriele Peroni,
Macchioni Editore.
www.sik-holz.de/it
/information
/legno-di-robinia
http://it.wikipedia.org
/wiki/Fabaceae
www.giardini.biz/node/220
AMINT, di Marika,
www.funghiitaliani.it.

1 e 3:
http://it.wikipedia.org
/wiki/Robinia_pseudoacacia
2: Di Alessandro
Mesini,
www.giardini.biz/node/220
4:
www.operagastro.com/ricette
/fiori/acacia.htm

Luca Bettosini
Direttore Generale
)
Nato il 25 febbraio

29 di 31 24/05/20, 16:58
La Robinia, conosciuta erroneamente come Acacia - Vivere l... http://www.viverelamontagna.ch/wp/magazine/?p=5827

del 1964 a Sorengo,


da oltre 30 anni
compie escursioni e
trekking in Ticino.
Giornalista
Fotoreporter RP
Presidente e
fondatore
dell'Associazione
vivere la montagna.
Direttore e redattore
responsabile della
rivista "Vivere la
montagna" da lui
fondata. Guida
escursionistica di
montagna. Autore di
numerose
pubblicazioni sulla
montagna ticinese.
Intervista:
http://dentroalreplay.blogspot.com
/2009/05/fotografi-
nel-web-84-luca-
bettosini.html

* ARTICOLI CORRELATI

L’acqua Il ciclo La
nel dell’acq Magliasi
nostro ua na
territori 27 MAG, 11 OTT,
o 2013 2011
27 MAG,
2013

30 di 31 24/05/20, 16:58
La Robinia, conosciuta erroneamente come Acacia - Vivere l... http://www.viverelamontagna.ch/wp/magazine/?p=5827

HOME

I testi e le immagini di questo sito sono protetti dalle leggi



svizzere ed internazionali sul diritto d'autore. Ogni & ' (
riproduzione, traduzione o adattamento sono proibiti senza
l'espressa autorizzazione scritta dell'autore.

© 2015 Associazione Vivere la Montagna

31 di 31 24/05/20, 16:58