Sei sulla pagina 1di 38

LE FILETTATURE

GENERALITA’

Il disegno meccanico ha il compito di rappresentare le forme e le dimensioni di un oggetto perché possa essere

costruito. In molti casi il disegno dovrà rappresentare una struttura meccanica formata da più parti, assemblate

fisicamente insieme mediante diversi sistemi di collegamento, nella posizione assunta dopo il montaggio.

I sistemi di collegamento utilizzati per assemblare insieme diversi particolari necessari a formare una struttura

complessa, possono essere:

Mobili: filettature, chiavette, linguette, alberi scanalati, perni e spine.

Fissi: chiodature e saldature.

Gli organi di collegamento mobili (smontabili) consentono una successiva separazione delle parti, mentre per quelli fissi

(non smontabili) la separazione dei singoli componenti può avvenire soltanto attraverso la rottura del collegamento.

Un collegamento filettato è costituito da due parti caratteristiche:

x la vite: elemento maschio filettato esternamente


x la madrevite: elemento femmina filettato internamente

L’insieme vite-madrevite costituisce un meccanismo usato come:

x Dispositivo di fissaggio di pezzi, facilmente componibile e scomponibile;


x Organo di trasmissione di movimento reciproco (vie di chiusura della morsa, vite-madre del tornio);
x Meccanismo di registrazione e di sollevamento (cricco di sollevamento auto, viti di livellamento)

Vengono riportate ora le definizioni dei principali elementi che caratterizzano gli organi di collegamento filettati.

Elica cilindrica

E’ la curva generata da un punto P, dotato di moto circolare e assiale, sulla superficie laterale di un cilindro. Si otterrà

un'elica destra quando l'avanza- mento assiale è abbinato alla rotazione destrorsa e un'elica sinistra con l'avanzamento

assiale abbinato alla rotazione sinistrorsa.


Passo dell'elica p

E’ la distanza assiale fra due punti appartenenti alla stessa elica e alla stessa generatrice della superficie cilindrica.

Rappresenta l'avanzamento assiale corrispondente alla rotazione di un giro completo.

Inclinazione dell'elica a

E’ l'angolo formato dalla tangente all'elica con un piano perpendicolare all'asse del cilindro (fig. 5.3). Vale la relazione:

tga = p / p * d

Filettatura

Si definisce filettatura un risalto a sezione costante e a forma di elica, praticato su una superficie cilindrica, chiamato

filetto.
Si può avere una filettatura:

destra quando l’avanzamento assiale si ottiene con una rotazione destrorsa;

sinistra quando l’avanzamento assiale si ottiene con una rotazione sinistrorsa;

esterna (vite) quando il filetto è praticato all’esterno di un cilindro pieno;

interna (madrevite) quando il filetto è praticato all’interno di un cilindro cavo.

Principi

Se invece di uno solo, si

avvolgono sulla superficie cilindrica due o più filetti affiancati, la filettatura si dirà a due o più principi.

Si ricorre alla filettatura a più principi quando si vogliono realizzare passi rilevanti, senza indebolire troppo la sezione utile

resistente con filetti grandi e perciò anche profondi.


Profilo

E’ la sezione del filetto ottenuta con un piano passante per l'asse dell'elica.

I profili più usati sono:

x triangolare;
x trapezoidale;
x a dente di sega;
x rotondo.
Ogni profilo ha le sue caratteristiche geometriche.

Nella figura sono riportate quelle relative al profilo di una filettatura triangolare.

RAPPRESENTAZIONE CONVENZIONALE
DELLE FILETTATURE

Un metodo convenzionale di rappresentazione delle filettature, nelle proiezioni ortogonali dei disegni tecnici, è stabilito

dalla tabella UNI 3978 ed è indipendente dal tipo di filettatura e dal metodo di proiezione.
Filettatura in vista

Si rappresenta la cresta del filetto con linea continua grossa (tipo A UNI 3968) ed il fondo con linea continua fine (tipo B

UNI 3968).

La distanza tra le due linee è all'incirca uguale all'altezza del filetto e comunque tale da garantire una chiara distinzione.

Filettature non in vista


Si rappresentano solo quando è necessario, indicando sia la cresta che il fondo del filetto con linea a tratti grossa (tipo E

UNI 3968) o fine (tipo F UNI 3968).

Filettature in sezione
Si rappresentano come le filettature in vista.

Il tratteggio della superficie sezionata termina sulla linea che rappresenta la cresta del filetto .

Viste e sezioni trasversali

Si rappresenta la cresta del filetto con linea condnua grossa (tipo A UNI 3968) e il fondo con linea continua fine (tipo B

UNI 3968) tracciata per 3/4 di circonferenza.

La distanza tra le due linee è all'incirca uguale all'altezza del filetto e comunque tale da garantire una chiara distinzione.
Lo smusso di fine filettatura non si rappresenta sul- la vista frontale quando coincide con il fondo del filetto (la filettatura

ha la precedenza sullo smusso)

Limite del fondo utile di filettatura

Viene indicato con linea continua grossa (tipo A UNI 3968), se in vista e con linea a tratti (tipo E o f UNI 3968), se non in

vista .

Tratti a filetto incompleto

Sono la parte finale della filettatura i cui filetti risultano con profondità decrescente. Non devono essere rappresentati.

I suddetti tratti vengono rappresentati rastremando con una inclinazione di 30° rispetto all'asse, le linee di fondo del
filetto, qualora ciò contribuisca a chiarire la funzionalità degli elementi.
Questo tratto di filettatura incompleto non è comunque utilizzabile e vale da due a tre volte il passo.

Accoppiamenti filettati
Le filettature esterne (viti) prevalgono sempre sulle corrispondenti filettature interne (madreviti).

http://94.81.55.90/omarpoint/disegno/Shared%20Documents/Filettatura.doc

Cap. 13 - Filettature

(Rev. 11.2008)

Collegamenti filettati

Si definisce filettatura un risalto a sezione costante (filetto), avvolto ad elica sulla superficie esterna di un

elemento, cilindrico o conico, che prende il nome di vite, o sulla superficie interna di un elemento analogo,
che prende il nome di madrevite.

I collegamenti filettati hanno larghissimo impiego nelle costruzioni meccaniche, con funzione non solo di giunzione, ma

anche di arresto, registrazione, manovra, ecc..

In particolare gli elementi filettati possono agire:

1) come organi di collegamento.

L’accoppiamento dei due elementi, vite e madrevite, è utilizzato per ottenere il collegamento di parti che debbano

risultare facilmente smontabili; in genere si usano componenti normalizzati che prendono il nome di viti, dadi o bulloni

(fig. 1).

Figura 1 – Bullone di collegamento

Come si vede dalla figura 2, la messa in trazione del gambo per l’avvitamento della vite è causa di compressione tra le

superfici del collegamento che vengono a piùstretto contatto; ciò provoca lo sviluppo di un forte attrito, che impedisce
lo spostamento reciproco, mentre l’attrito fra i filetti contrasta lo svitamento spontaneo.

Figura 2 – La stabilità del collegamento è assicurata dall’attrito che si sviluppa fra le superfici elicoidali e anche fra quelle

di appoggio

2) Come organi di trasmissione.

Il collegamento è utilizzato per ottenere un accoppiamento elicoidale tale che la rotazione di uno dei due elementi

(impedito di traslare) provochi la traslazione dell’altro (impedito di ruotare): si hanno le cosiddette viti di manovra (fig.

3), in grado di trasformare un moto rotatorio in uno traslatorio.


Figura 3 –
Vite di manovra

Elementi principali di una filettatura

Sia dal punto di vista geometrico che costruttivo l’elemento fondamentale di una filettatura è l’elica, curva descritta da

un punto che si muove animato da due moti uniformi simultanei, uno circolare ed uno rettilineo, su una superficie

cilindrica o conica, secondo un angolo costante (fig. 4).

Figura 4 – Caratteristiche dell’elica cilindrica

Si genera in questo modo un susseguirsi di spire che intersecano ciascuna generatrice del cilindro o del cono ad intervalli

di uguale lunghezza; la distanza tra due spire consecutive (su una stessa generatrice) costituisce il passodell’elica;

naturalmente il passo corrisponde anche alla distanza percorsa in direzione assiale per ogni giro completo intorno

all’asse.

Se anziché di un punto si considera il moto elicoidale di una figura piana qualunque (triangolo, trapezio, quadrato,

semicirconferenza, ecc.) si ha una superficie elicoidale (il filetto, detto anche pane o verme).

Una filettatura è quindi caratterizzata dagli elementi principali di seguito descritti.

1. Forma del profilo

La figura risultante dalla intersezione del filetto con un semipiano avente per origine l’asse della filettatura è detta

“profilo” della filettatura: esso può essere triangolare, a sezione trapezia, a dente di sega, rettangolare, tondo, ecc. (fig.

5).
Figura 5 – Vari tipi di profili di filettature

Il profilo triangolare è quello comunemente usato nelle filettature di collegamento; gli altri trovano

impiego soprattutto nelle filettature destinate a viti di manovra.

Nella filettatura il profilo teorico corrispondente all’elicoide generato dal triangolo subisce diverse modifiche. Si

distinguono allora:

x il profilo ideale,che è quello che caratterizza la filettatura;


x il profilo base, che può differire da quello ideale ad esempio per la presenza di “troncature”;
x il profilo nominale,che può coincidere con quello base o differire dal precedente, ad esempio per la presenza
di “arrotondamenti”;
x il profilo di esecuzione,che è quello effettivamente realizzato in pratica.

Nelle filettature triangolari il profilo è individuato da un triangolo generatore, di altezza H (fig. 6); l’angolo al vertice di

tale triangolo prende il nome di angolo del filetto.


Figura 6 – Elementi caratteristici di una filettatura: la vite

Cresta e fondo del filetto congiungono rispettivamente i due fianchi di un filetto e i fianchi di due filetti contigui.

L’asse del filetto è la retta perpendicolare all’asse della filettatura, giacente nel piano del profilo e passante per

l’intersezione delle rette costituenti i fianchi del filetto, e cioè per il vertice del triangolo generatore. Nelle figure 6 e 7 le

altezze H1 e h3 sono quelle del profilo nominale, H è l’altezza del profilo ideale.

Figura 7 – Elementi caratteristici di una filettatura: la madrevite

2) Passo

E’ la distanza tra le creste di due filetti consecutivi o, più in generale, tra due punti corrispondenti situati su fianchi

paralleli, misurata parallelamente all’asse dell’elicoide.

Ovviamente il passo è proporzionale all’altezza del filetto. Il passo indica anche di quanto avanza in direzione

assiale la vite nella madrevite ad ogni giro completo.

3) Numero dei principi

Quando si vuole ottenere la combinazione di un passo lungo, con una ridotta profondità del filetto (cioè realizzare un

accoppiamento “rapido” senza comportare una diminuzione della resistenza della vite), si può ricorrere alla filettatura a

più principi, in cui sul medesimo elemento si


avvolgono più filetti elicoidali contigui (fig. 8).

Figura 8 – Filettatura
A 2 filetti o principi

Figura 9 – Filettatura standard a 1 principio

In questo caso la filettatura si può considerare generata da più triangoli generatori, affiancati in senso assiale, ognuno

dei quali genera un filetto.

Normalmente le filettature usate negli organi di collegamento sono ad un solo principio (fig. 9).
Nel caso di viti a più principi (fig. 10), il passo della filettatura sarà eguale al passo rilevato sul profilo del filetto,

moltiplicato per il numero dei principi; quindi occorre distinguere tra il passo del profilo (passo apparente) e il passo

della filettatura (passo effettivo), che è la distanza tra due punti omologhi del fianco dello stesso filetto e, come si è

detto, corrisponde all'avanzamento per ogni giro attorno all’asse del pezzo.

Figura 10 – Significato dei passi della filettatura a più principi: in quella a 2 principi il passo effettivo è 2 volte il passo

apparente, in quella a 3 principi 3 volte; l’inclinazione dell’elica aumenta. In genere non si hanno più di 3 principi

4) Diametro nominale

Utilizzato per la designazione convenzionale della filettatura, coincide con il diametro esterno d della vite, misurato sulla

cresta del filetto, e con il diametro D della madrevite, misurato sul fondo del filetto (fig. 11).

Con riferimento al profilo di una filettatura, si distinguono poi i seguenti altri elementi.

Il diametro di nocciolo è il diametro d3 misurato sul fondo del filetto della vite o
D1misurato sulla cresta dei filetti della madrevite.

Il diametro di inizio del raccordo per la vite d1 (non indicato nella fig. 11) è misurato in corrispondenza del punto

del profilo ove il fianco rettilineo si unisce al raccordo sul fondo. Ancora, definita come linea media in un filetto a

sezione costante la linea contenuta in un piano assiale tale che le sue intersezioni con i fianchi del filetto siano

equidistanti, dicesi diametro medio d2 o D2 il diametro misurato sulla linea media.

Figura 11 – Gli elementi geometrici di un collegamento


vite-madrevite

5) Angolo e senso dell’elica

L’angolo dell’elica in un filetto è l’angolo formato tra un piano perpendicolare all’asse della filettatura e la tangente

condotta per un punto dell’elica risultante dall’intersezione di un fianco del filetto con un cilindro di diametro uguale al

diametro medio di filettatura. Nelle filettature destinate ad organi di collegamento il valore di quest’angolo è minore

dell’angolo di attrito (5°÷7°) per evitare il pericolo di svitamento spontaneo. Ciò comporta anche che il numero di

principi non superi di norma 3, perché al suo aumentare cresce il valore dell’angolo.

La filettatura è destra (filettatura destrorsa) quando, avanzando lungo l’elica

(avvitamento), si ruota in senso orario attorno all’asse del pezzo; sinistra (filettatura sinistrorsa) se si ruota in senso

antiorario. In pratica, questa caratteristica si può distinguere se, disponendo la vite con il suo asse verticale e partendo

dall’inizio della filettatura, il filetto sale verso la destra o la sinistra dell’osservatore (fig. 12).

Figura 12 – Vite destra (a) e sinistra (b): la freccia indica la direzione di svitamento del dado

Normalmente le filettature impiegate per gli organi di collegamento sono destre.

6) Lunghezza di avvitamento
Corrisponde alla porzione di vite che va a contatto con la madrevite; viene misurata in lunghezza nella direzione

dell’asse. Nelle viti di collegamento tale lunghezza è dell’ordine di 1÷1.5 volte il diametro nominale. Lunghezze maggiori

non sono quasi mai necessarie in quanto gli sforzi assiali non sono ugualmente ripartiti fra i filetti in presa e l’aumento

del numero del filetti stessi oltre un certo valore non influisce sulla resistenza (si pensi al rapporto fra diametro di

filettatura e lunghezza assiale dei normali dadi).

Quando vite e madrevite sono accoppiate, i rispettivi fianchi sono a contatto solo per un certo tratto: la lunghezza di

questo tratto, misurata perpendicolarmente all’asse della filettatura, si chiama ricoprimento,indicato con H1 in figura

13.

Figura 13 – Il concetto

di ricoprimento

Sistemi di filettature

I tipi di filetti unificati, o comunque usati, in campo nazionale ed internazionale sono diversi:

1) Filettature metriche ISO;

2) Filettature Whitworth;

3) Filettature gas;

4) Filettature trapezie;

5) Filettature a denti di sega;

6) Filettature speciali.
Le misure sono generalmente espresse in millimetri per le filettature metriche, trapezie e a denti di sega; in pollici e

frazione di pollice per le filettature Whitworth e per quelle gas.

L’angolo formato dai fianchi del filetto nelle viti triangolari è di:

x 60° nelle filettature metriche (il triangolo generatore è equilatero);


x 55° nelle filettature Whitworth e gas (il triangolo generatore è isoscele);
x 30° nelle filettature trapezie (triangolo generatore isoscele) e circa 30° in quelle a denti di sega (triangolo
generatore rettangolo).

Filettature metriche ISO a profilo triangolare

Il profilo base, che ha i vertici troncati, è derivato da un triangolo equilatero con lato uguale al passo, avente la base

parallela all’asse della filettatura (figg. 14 e 15).

Figura 14 – Profili della filettatura metrica ISO a profilo triangolare per la madrevite: a) profilo ideale, caratterizzante la

figura che genera il profilo; b) profilo base; c) profilo nominale (coincidente, in questo caso, con il profilo base); d)

profilo d’esecuzione
Figura 15 – Profili della filettatura metrica ISO per la vite

Il profilo nominaledella madrevite è uguale a quello base; quello della vite invece è diverso perché sul fondo i filetti

hanno un arrotondamento con raggio r = H/6, necessario per ragioni di fabbricazione e per migliorare la resistenza “a

fatica” della filettatura.

In pratica le filettature hanno poi un profilo di esecuzione,che può scostarsi da quello nominale: le madreviti perché

hanno anch’esse un arrotondamento sul fondo del filetto e le viti perché possono avere un diametro di nocciolo

leggermente maggiore con un raggio di arrotondamento diverso per ridurre l’“effetto d'intaglio”.

Si noti che la filettatura ISO, prevedendo un gioco tra la cresta del filetto della madrevite e il fondo del filetto della vite,

non assicura avvitamenti a tenuta stagna (si veda a questo proposito la figura 13).

Le formule di proporzionamento di una filettatura metrica ISO sono sempre espresse in funzione del passo (fig. 16):

H = 0,86603 P

H1 = 5H/8 = 0,54127P

h3 = 17H/24 = 0,61343 P

d1 = D1 = d - 2H1 = d - 1,08253 P

d2 = D2 = d – 3H/4 = d - 0,64952 P

d3 = d - 2h3 = d - 1,22687 P
r = H/6 = 0,14434 P

Figura 16 – Sintesi degli elementi geometrici del


profilo nominale per le filettature metriche ISO

Nella tabella 1 è riportata la correlazione diametro-passo per le filettature metriche, con l’indicazione dei diametri

nominali e della serie di passi unificati corrispondente ai diametri. Quando si scelgono le filettature da impiegare si deve

dare la preferenza a quelle della colonna a; in caso di necessità si possono usare quelle della colonna b; se
possibile evitare di scegliere le filettature della colonna c.

Tabella 1 – Serie diametri nominali-passi per le filettature metriche ISO. Si noti che per alcuni diametri nominali il passo

più grande previsto non viene considerato grosso e quindi non può essere omesso nella designazione

La tabella 2 illustra i profili nominali e l’elenco delle filettature unificate, con i valori già calcolati delle dimensioni nominali

per le filettature a passo grosso, conformemente alla norma UNI 4535.

Per le filettature a passo fine possono essere analogamente calcolate le diverse dimensioni applicando le formule di

proporzionamento prima indicate.


Tabella 2 – Filettature metriche ISO a profilo triangolare a passo
grosso

Per la designazione delle filettature metriche ISO si possono presentare i seguenti tre casi:

a) la filettatura è tra quelle unificate a passo grosso. In questo caso si vede dalla tabella che ad ogni diametro

nominale corrisponde un unico passo: esse vengono perciò designate con il simbolo M seguito dal valore del

diametro nominale (ad esempio, per una filettatura con diametro nominale di 10 mm e passo di 1,5 mm la
designazione è M10). Se c’è timore di confusione può essere di seguito indicato il valore del passo, come nel caso

seguente.

b) La filettatura è tra quelle unificate a passo fine. In questo caso si vede dalla tabella che ad ogni diametro nominale

corrisponde un passo diverso da quello grosso e spesso corrispondono più passi: si è perciò convenuto di designare

queste filettature con il simbolo M seguito dal valore del diametro nominale, poi dal segno x di moltiplicazione

e infine dal valore del passo (ad esempio, per una filettatura con diametro nominale 10 mm e passo di 1 mm, la

designazione è M10 x 1; se il passo fosse di 0,75 mm, la designazione sarebbe M10 x 0,75).

c) La filettatura in questione è metrica non unificata: cioè,pur avendo la forma metrica e gli elementi geometrici

calcolati come dalla tabella UNI 4535, non figura tra quelle elencate in tabella. In questo caso la si designa indicando

nell'ordine: il diametro nominale, il segno x di moltiplicazione, il valore del passo e infine il simbolo M(ad

esempio, una filettatura metrica che abbia il diametro nominale di 10 mm e il passo di 0,5 mm, non figurando in tabella,

deve essere designata con la sigla 10 x 0,5 M).

In alcuni casi occorrono altre precisazioni per completare l’indicazione della filettatura:

x se la filettatura ha più principisi dovrà indicare il passo della filettatura (passo effettivo, ved. fig. 10),
preceduto dalla lettera L, seguito dal passo del profilo (passo apparente), preceduto dalla lettera P (ad
esempio: M 20 x L3 - P1,5);
x se la filettatura ha elica sinistraanziché destra si deve aggiungere l’abbreviazione LH (Left Hand) (ad
esempio: M 12 x 1,25 LH). Se in uno stesso pezzo coesistono filettature sinistre e destre, anche queste ultime
dovranno portare l’indicazione RH (Right Hand).

Le filettature a passo grosso presentano una maggiore resistenza del filetto e sono perciò consigliabili per materiali con

bassa resistenza a trazione (ottone, alluminio, ghisa, ecc.).

Sono anche usate quando non vi siano particolari esigenze di precisione, per collegamenti rapidi e quando vi siano rischi

di danni al filetto (corrosione e urti).

Nella serie di filettature a passo fine previste per un determinato diametro nominale, quella di maggior valore è la più

comunemente usata negli organi di collegamento (bulloneria), mentre quelle più fini vengono usate quando il diametro

risulti grande rispetto alla lunghezza di filettatura (ghiere, ottiche per macchine fotografiche, ecc.). L’avanzamento per

giro è minore e possono essere quindi utilizzate nel caso si desiderino spostamenti graduali e più precisi.

Filettatura Whitworth
E’ basata su un triangolo generatore con angolo del profilo di 55°; fondo e cresta del filetto sono arrotondati sia nella

vite che nella madrevite (fig. 17). Le dimensioni sono espresse in frazioni di pollice.

Figura 17 – Profilo della

filettatura Whitworth

Le filettature Whitworth sono designate indicando: il diametro nominale, espresso in pollici o frazioni di pollice, seguito

dalla lettera W (ad esempio la filettatura da 3/4 di pollice, cui corrisponde il diametro di 19,05 mm, si indica con 3/4 W).

Rispetto al sistema ISO, abbiamo quindi un diverso angolo del profilo e la presenza di un arrotondamento anche sulla

cresta. Inoltre, a parità di diametro, il passo Whitworth è maggiore del passo grosso ISO.

Queste filettature hanno costituito la base di molti sistemi di filettature (in particolare delle filettature gas) e sono state le

prime ad essere unificate nel 1841: ora sono in disuso.

Filettature gas

Derivate dalle filettature Whitworth, si differenziano da queste per i passi che sono più fini (ad eccezione del passo

relativo ad ¼").

La denominazione “gas” è dovuta all'impiego che esse ebbero inizialmente in condutture di gas. La filettatura gas trova

applicazione nei collegamenti per tubazioni e apparecchiature adibite al convogliamento dei fluidi.

La designazione della filettatura è convenzionale perché si riferisce al diametro interno teorico del tubo sul quale è

usata la filettatura. Cioè una filettatura gas da 1" ha un diametro esterno di vite di 33,249 mm e un tempo era appunto

eseguita su un tubo che esternamente aveva questo diametro e che internamente aveva il diametro di 1" per il

passaggio del fluido.

Le norme UNI ISO 228 (ritirata e non sostituita) e UNI ISO 7 (sostituita dalle UNI EN 10226-1 e 2) prevedono una
classificazione delle filettature gas in filettature per tubazioni non a tenuta stagna sul filetto e per tubi a tenuta

stagna sul filetto.

Nel primo caso il collegamento avviene con una vite e madrevite cilindrica, in cui il maggior numero di filetti per pollici

rispetto alla Whitworth non basta a garantire l’ermeticità, che resta affidata alla presenza di guarnizioni.

Nel secondo caso la tenuta stagna sul filetto si ottiene invece con l’accoppiamento di una vite conica in una madrevite

cilindrica o conica e viene utilizzata ad esempio nei raccordi dei tubi gas commerciali.

La filettatura gas cilindrica per accoppiamenti non a tenuta stagna sul filetto prevede due classi di tolleranza (A, più

ristretta, e B, più ampia) per le dimensioni limiti del diametro esterno, del diametro medio e del diametro di nocciolo di

vite, con una tolleranza più ampia per la classe B. La designazione è quindi indicata dalla lettera G seguita dal valore

in pollici del diametro nominale e dalla classe di tolleranza A o B (se si tratta di filettatura esterna) di

appartenenza.

Le filettature coniche a tenuta stagna sul filetto sono invece designate (secondo la UNI ISO 7) nel modo seguente:

x con la lettera R seguita dalla lettera p e dal valore del diametro nominale per le filettature interne cilindriche
(ad esempio, Rp 1/2);
x con la lettera R seguita dalla lettera c per le filettature interne coniche (ad esempio, Rc 1/2);
x con la lettera R seguita dal valore del diametro nominale per le filettature esterne coniche (ad esempio, R 1/2).

Filettature trapezoidali

Sono utilizzate per viti di manovra, cioè quando, ruotando la vite o la madrevite, si vuole ottenere uno spostamento

reciproco di due organi meccanici, soprattutto per viti di trasmissione di carichi di notevole entità.

Infatti le filettature a profilo triangolare, aventi i fianchi del filetto molto inclinati rispetto all’asse del profilo, mal si

prestano alla realizzazione di accoppiamenti filettati di manovra, perché avrebbero un rendimento molto basso, cosa che

non costituisce assolutamente un difetto nelle viti di collegamento, in quanto il basso rendimento della coppia

vite-madrevite garantisce l’impossibilità del moto retrogrado e quindi l’allentamento spontaneo sotto carico.

Teoricamente, un accoppiamento elicoidale con elevato rendimento richiederebbe un profilo


quadrato: poiché però tale profilo presenterebbe difficoltà di realizzazione, si preferisce il profilo trapezio che presenta

una maggior robustezza e facilità d’imbocco. Nel profilo trapezoidale (fig. 18) il gioco tra fondo del filetto della vite e la

cresta del filetto della madrevite è relativamente grande.

Figura 18 – Profilo trapezoidale

Queste filettature non sono attualmente unificate. Secondo le norme UNI ISO 2901÷2904 (ritirate e non sostituite), la

designazione di una filettatura trapezia si effettua con simbolo Tr seguito dal diametro nominale e dal passo del profilo.

Se la vite ha più filetti, dopo il diametro nominale si indica il passo dell’elica (spostamento assiale per giro) e poi tra

parentesi il passo del profilo; se la filettatura è sinistra, si aggiunge LH (ad esempio Tr 50 x 8 indica una filettatura

trapezia di 50 mm di diametro nominale e 8 mm di passo, Tr 50 x 24 (P8) LH indica una filettatura trapezia sinistra a 3

principi).

Filettatura a dente di sega

Il profilo a dente di sega (fig. 19), cioè trapezio

asimmetrico, viene usato nei collegamenti filettati tra tubi sottili soggetti a sforzi relativamente intensi nel solo senso
assiale: infatti il filetto ha uno dei fianchi inclinato di 3° soltanto, ed è questo fianco che meglio reagisce al carico. Tra

vite e madrevite è previsto un forte gioco assiale e un centraggio sul diametro esterno.

Figura 19 – Filettatura
a denti di sega

Le norme UNI 127 e 128 (del 1928, ritirate e non sostituite) unificavano le filettature a denti di sega normale e fine,

rispettivamente indicate con SgN e SgR. La designazione si effettuava indicando il diametro nominale, seguito da uno

dei due simboli visti. Nel caso di vite a più filetti o di vite con elica sinistra, si dovevano aggiungere le relative indicazioni

(ad esempio una vite con diametro nominale di 80 mm e con due filetti con elica sinistra si designava con 80 SgN 2 fil

sin).

Esistono anche filettature a denti di sega con angolo di 45° invece che di 30°, per migliorare notevolmente il

comportamento meccanico del filetto, soprattutto per ridurre l’effetto d’intaglio.

Rappresentazione degli elementi filettati

La rappresentazione convenzionale delle filettature è molto semplice (UNI EN ISO 6410), allo scopo di rendere

veloce l’esecuzione dei disegni e nello stesso tempo far comprendere facilmente il processo di lavorazione necessario per

ottenere la filettatura. Nei disegni più complessi, spesso le viti e i bulloni non si disegnano affatto, riducendone la

rappresentazione ai soli assi di simmetria corredati dalle necessarie indicazioni.

La figura 20 mostra il disegno di una filettatura esterna in vista: la cresta del filetto viene rappresentata con linea

continua grossa, il fondo con linea continua fine. La distanza tra le due linee dovrebbe indicare all’incirca la profondità

del filetto, ma non deve essere necessariamente rappresentata in scala. Il limite del tratto utile di filettatura,

ossia l’ultimo filetto completo, è rappresentato da una linea trasversale grossa.


Figura 20 – Rappresentazione convenzionale delle
filettature esterne

Due piccoli tratti sottili e inclinati completano la rappresentazione, indicando

convenzionalmente il filetto incompleto che prosegue fino ad annullarsi dopo il limite utile. Queste linee (quotate con z)

sono lunghe approssimativamente due volte e mezza il passo e in genere non devono essere disegnate, salvo il caso in

cui abbiano un'importanza funzionale.

Nel caso della madrevite (fig. 21), la rappresentazione risulta invertita in quanto il diametro di nocciolo viene

rappresentato con linea grossa, mentre la linea fine indica il diametro esterno.

Quasi sempre si ha infatti uno smusso all’inizio della filettatura esterna e una svasaturaall’inizio di quella interna.
Questo è fatto per facilitare l’esecuzione della filettatura, l’avvitamento e per evitare che il primo filetto, deformandosi in

seguito a colpi, impedisca un facile avvitamento delle parti.

Figura 21 – Rappresentazione
convenzionale delle filettature interne

Nella vista assiale (fig. 22), il fondo del filetto è rappresentato da circa 3/4

di circonferenza tracciata con linea continua fine. Per lasciare in evidenza questo cerchio sottile interrotto si

conviene di non disegnare l’eventuale smusso della filettatura, che altrimenti lo coprirebbe del tutto.

Figura 22 – Viste laterale e assiale della filettatura esterna in vista e interna nascosta (nella rappresentazione del foro

filettato non in vista, per maggior chiarezza, sono state utilizzate anche linee a tratti grossi, a differenza di quanto

previsto dalla norma UNI EN ISO 6410)

Per le filettature non in vista, le linee di cresta e di fondo, corrispondenti al diametro di ingombro e di nocciolo, sono

rappresentate da linee a tratti fini.

Da notare come le linee grosse e sottili, che rappresentano rispettivamente la cresta e il fondo del filetto, occupano

posizioni invertite nella vite e nella madrevite. Si può dire che la linea spessa rappresenti sia nella vite che nella

madrevite i contorni del pezzo non ancora filettato, mentre la linea fine indica sempre il risultato della lavorazione.

Una regola pratica fa notare che le linee grosse delimitano sempre, nella vite e nella madrevite, la distanza misurabile

con un calibro.

Nelle sezioni la rappresentazione del fondo e della cresta del filetto si fa con gli stessi criteri delle filettature in vista (fig.
23), osservando che il tratteggio della superficie sezionata deve raggiungere la linea grossa indicativa della cresta del

filetto e che nel disegno di vite e madrevite accoppiate le filettature delle viti nascondono quelle delle

madreviti (fig. 24).

Figura 23 – Rappresentazione Figura 24 – Accoppiamento

delle filettature in sezione vite-madrevite in sezione

La rappresentazione dei filetti incompleti in genere è omessa (fig. 25).


Figura 25 – Rappresentazione di filettature con
omissione della rappresentazione dei filetti
incompleti (si noti che nella

vista assiale la rappresentazione

della filettatura prevale su quella

dello smusso)

Figura 26 – In alcuni casi si può rappresentare la filettatura in modo più illustrativo per facilitare la comprensione

La normativa prevede che in casi particolari (cataloghi, manuali, ecc.) le filettature possano essere rappresentate in

modo più dettagliato e figurativo (fig. 26).

La figura 27 indica la rappresentazione degli elementi filettati secondo le norme americane ANSI ( American National

Standard); esiste una rappresentazione convenzionale o schematica e una rappresentazione semplificata.

Figura 27 – Rappresentazione schematica e semplificata di filettature secondo le norme americane ANSI


La figura 28 richiama il processo di filettatura di un foro cieco mediante foratura e successiva maschiatura.

Figura 28 – Esecuzione di un foro filettato cieco: si noti la sequenza tecnologica e la conseguente quotatura

La punta elicoidale determina, sul fondo del foro, una superficie conica rappresentata convenzionalmente con un angolo

di apertura di 120°; come si può notare, il filetto non si estende a tutta la lunghezza del foro per evitare l’urto

dell’utensile sul fondo. Il tratto a filetto incompleto viene ottenuto a causa dell’estremità conica del maschio.

La quota f è una quota funzionale, poiché mira ad assicurare l’eccedenza l (fig. 29) della lunghezza del foro filettato

rispetto a quella della vite per evitare il forzamento.

La quota L (fig. 30) è una quota tecnologica e indica la lunghezza di foratura, pari alla

lunghezza f del foro filettato, più un tratto (y) non utilizzabile, dato dalla somma del tratto di filettatura incompleta più
un tratto non filettato (fig. 30).

Figura 29 – La lunghezza

l è uguale a circa 3 volte

il passo

Figura 30 – Dimensione dei tratti non utilizzati (y)

Per filettature interne metriche secondo UNI 5710

Le dimensioni dei tratti non utilizzabili (y) (fig. 30) e le dimensioni dg, g1 e g2 delle gole di scarico per l’esecuzione con

utensile al tornio (fig. 31) delle filettature interne metriche ISO sono contenute nella norma UNI 5710.
Figura 31 – Dimensione delle gole di scarico per l’esecuzione con utensile al tornio di filettature interne metriche secondo

UNI 5710

Figura 32 – Distanze di spallamento e tratti a filetto incompleto per filettature esterne

metriche secondo UNI 5709

Le norme UNI ISO 5709 e 4755 forniscono invece rispettivamente le dimensioni a delle distanze di spallamento e z dei

tratti a filetto incompleto in assenza di gola di scarico (fig. 32) e le dimensioni dg, g1 e g2 delle gole di scarico (fig. 33)

delle filettature esterne metriche ISO.


Figura 33 – Gole di scarico per filettature esterne
metriche secondo UNI 4755

Quotatura delle filettature

La quota di designazione di una filettatura deve riferirsi al diametro esterno corrispondente, e quindi risulterà legata alle

linee grosse della vite e a quelle sottili del foro, cioè il diametro da quotare è il diametro nominale comune alla

vite e alla madrevite (fig. 34).

Figura 34 – Quotature di elementi filettati

Per le lunghezze dei fori la quota L di figura 28 viene per lo più considerata ausiliaria e spesso omessa. Il riferimento va

comunque eventualmente fatto sul fondo del diametro utile, mai sulla punta, come illustrato nel capitolo sulla quotatura.

Nel caso di filettature di piccolo diametro (≤ 6 mm) si può semplificare la quotatura come in figura 34, in basso a destra;

può essere semplificata anche la rappresentazione se si ha un insieme regolare di fori.


Norme di riferimento filettature per il Cap. 13

Disegni tecnici - Filettature e parti filettate –Convenzioni


UNI EN ISO 6410-1:1998
generali.
Disegni tecnici - Filettature e parti filettate -
UNI EN ISO 6410-3:1998
Rappresentazione semplificata.
Filettature metriche ISO a profilo triangolare. Generalità,
UNI 4534:1964
serie diametri e passi.
Filettature metriche ISO a profilo triangolare. Dimensioni
UNI 4535:1964
nominali.
Filettature metriche ISO a profilo triangolare. Dimensioni
UNI 4536:1964
nominali per bulloneria. (selezione della UNI 4535- 64).
Filettatura incompleta per elementi di fissaggio con
UNI 5709:1988
filettatura esterna metrica ISO.
Gole di scarico, lunghezze utili a filetto completo e profondità
UNI 5710:1986
dei fori ciechi per filettature interne metriche ISO.
UNI ISO 7-1:2003 (sostituita Filettature di tubazioni per accoppiamento con tenuta sul
da UNI EN 10226-1 e 2) filetto - Dimensioni, tolleranze e designazione
Filettature di tubazioni per accoppiamento con tenuta sul
UNI EN 10226-1:2006 filetto - Parte 1: Filettature esterne coniche e interne
parallele – Dimensioni, tolleranze e designazione
Filettature di tubazioni per accoppiamento con tenuta sul
UNI EN 10226-2:2006 filetto - Parte 2: Filettature esterne coniche e interne coniche
- Dimensioni, tolleranze e designazione
UNI ISO 228-1:1983 (ritirata Filettature di tubazioni per accoppiamento non a tenuta sul
senza sostituzione) filetto. Designazione, dimensioni e tolleranze.
Elementi di fissaggio. Gole di scarico per elementi di
UNI ISO 4755:1986
fissaggio con filettatura esterna metrica ISO.
Filettature metriche ISO a profilo triangolare con passo
uguale o maggiore di 0,35 mm. Sistema di tolleranze per
UNI 5541:1965
accoppiamenti mobili.
UNI 7324:1974 Filettature metriche ISO a profilo triangolare. Sistema di