Sei sulla pagina 1di 264

J&Jo \

49902
I
Nt40\/i Inni

Salmi Spintueili
32^tó

PREFAZIONE

Questo libro contiene 266 Cantici


di cui la maggior parte sono nuovi.
Ci siamo studiati nel Signore di
avere questa raccolta, Inni che
in
fossero di un linguaggio popolare,
acciocché il libro fosse alla portata
di tutti.
Preghiamo tutti quegli che fanno
uso di questi Cantici, a volerli impa-
rare secondo la musica, e così sarà
raggiunto lo scopo del libro che è di
guidare i fedeli a cantare e salmeg-
giare maestrevolmente, e con grazia
del cuore al Signore.
Non abbiamo creduto essere spe-
diente il mettere un indice analitico
affine di evitare forme. Solo ci limi-
tiamo ad accennare il Cantico 191
adatto per la Santa Cena, e i Cantici
139 e 141 adatti per il Battesimo.
Possa questo nuovo libro di INNI
E SALMI SPIRITUALI portare be-
nedizione dovunque viene usato.
Per copie di questo libro rivolger-
si ai fratelli:

M. TOSETTO
631 - 19th St. Niagara Falls, N. Y.
F. FRACCASCIA
1018 Ellsworth St. Philadelphia, Pa.
Passi Biblici.

ALLELUIA... Lodate il Signore


perciocché egli è cosa buona
e dilettevole di salmeggiar l'Id

dio nostro: la lode è decevole.


...Cantate al Signore un nuovo
cantico; cantate la sua lode
nella raunanza de' santi.
Rallegrisi Israele nel suo Fat-

tore; festeggino i figliuoli dì

Sion nel Re loro.

Lodino il suo Nome sul flauto;

salmeggingli col tamburro e


colla cetera. Perciocché il Si-

gnore gradisce il suo popolo;


egli glorificherà i mansueti
per la sua salute.
(Sai. 147: 1 ; 149: 1-4.)

La parola di Cristo abiti in voi

doviziosamente, in ogni sa-


pienza; ammaestrandovi gli

uni gli altri, con salmi, ed inni,


e canzoni spirituali:

CANTANDO CON GRAZIA


BEL CUOR VOSTRO AL
SIGNORE. (Col. 3: 16)

SALMEGGIATE MAESTREVOL-
MENTE. (Sai. 47:7)
— —

NUOVI INNI E SALMI SPIRITUALI.

Viver mi Sento nel Signor.


WiLL L. THOlSPSOIf.

-^ ^ J ^1
'
I
i^ ; I i — N-j ^ r—l^ -'-g-ry

1. Vi. vermi sento nel Signor, O-gno-ra nel suo sen; Il suo vo-ler con
2. Vi-ver mi sento nel Signor, Seguirloovunque Ei va;E -gli mi col-ma
3. Vi-ver mi sento nel Signor.Congiunto in can-tà; Nel-la sua ma-no
4. Vi-ver mi sento nel Signor, Per tutta eter-ni-tà; Pace.al-legrezza a-

fr-^f-f: 4M-

1^ I V

CORO:

santo ardor Fa - rò Per grazia appien.


di fa-vor..Ri po-soognor mi
- dà.
sta'l miocuor..ln ciel mi por- te - rà.
Dimo- re-rò sempre in Gesù;
vrà'lmiocuor.. Sempre tranquilli - tà.

* 0—0 —r^ f -T —0^»— r0 — 0-r0 —0—i^-^


i^
f^PP
fe

Cam mi ne- rò nel suo splendor: Il suo volere scritto in me, Nel mio cuor.

COPYRIGHT,
•^
1914.
i^ggiSìffiga
BT WiLL L. THOMPSON, E. LIVERPOOL. OrtJO. BY PERMiSSiOM.

2. Eterna Gloria L'alma mia Godré!

r Ho speran-za
X3ì—É—é
^ / ; ^ .^-r
nel mìo cuore Di andar presto a di.mo.rar
m ^^ Wm. J.

Su nel
Kirxpatrick.

2. Su nel ciel vedrò il Signo re Che per me mo ri quaggiù Sul -la


3. Son si - cu - roche Signo - re il Su nel-l'a-ria incon-tre-rò... La Ca-
4. Quando giunto sa-rò in eie -lo Festa e - ter - na fa-roal-lor Coi se-

p— fea

^^mÉ # •-

-*=1S==K=K
V—V- ^—^—^
r T r
rr I n
eie . lo col Signo - re. Al . le • lu . - ìa. tut-to splendo-re, Pace e
La sa-ra'
cro-ce con a-mo-re. Al-le • lu > Quale gioia è nel mio cuore!., lo fra
ia.

parrà è nel mio cuore Al - le lu . ia.Quando viene il Salva - to . re Questo

m
gua-ci del vange-lo Al - le . lu - - ia. Al presen-te questo ane - lo Di tro-

NfffTfrm^
WìiXXXV^ — iB3=Ba \
t/-v-

r-(H^ e ^ — f»^ f^ — '


^ I S N — ^ N ^ S .^ I
-1

5%"^
gio-ia e si-cur.ta\. E --terna gloria l'alma mia go--drà!
bre-ve sa-ró - là!, E- -terna gloria l'alma mia go.-drà!
cor- pò mu-te - ra\. E - . terna gloria l'alma mia go - - drà!

^^ tf
var-mi presto

-
g

goRo.
g e g
-

r
là!. E - - terna

^^
gloria

^
l'alma mia go - drà!jj

rc-t
-p^^zirt
^j j^.

^—r=
m^^=
E - - -
H .S

É ^^
=^=^^=ì4\
N

terna gloria l'alma mia godrà


••

^ iM-i-i^
Con Co-lui
IS N-

che per Sua


in-j-igg^^^i

^ ^
^m ^r
¥—\t V
^ ttttt
V t/
r r V-
—ru—ru—V— V—
f
#—#
-f
^ P ^ ^ ^

y-v-
fu^ r

IClf*KrATV!C|U
-^ #. -^ -^

Eterna Gloria L'alma mia Godrà!

,0 9.. h

gra-zia
ì ì
mi
\

sal-vó.
I

A ter ni tì
^^
^^^^^;
'"^
*/ fc^

^^ ' ^^ *"*'^°
;
splendo
J^

-
^
re.
^ pace e

^ rr [n.- =^-4 -> l i^ i^- r r r r r r


fe&
r r l

A=^rj>-?-!-
p gio-ia e si-cur-tà... E- - ter-na glo-ria l'alma mia go-drà!
'^f^f
1
In ciel godrà!


M:it,. r

g
I

g e
I

c
-!

r
In^^ —r~r-i -*-\^m^-^
i\ II I III r 1^^
! ^

Veglia per Me.

s^
Lowell Masoa.

^^^ 3ES #=* ^ s

^
1. caro Salva -tor, Glo-rioso e pian d'amor Tisento in me. La Tua be-
2. caro Salva -tor, Ric-chezza del mio cuor, Veglia per me. Tienmi nel.
3 caro Salva -tor. Dei santi inter-cessor, Prega per me. giorni I

Ì2±t
#^
-rir-fe-
^? ^
1=1:

±^:^s;à=^^±Ì^z^ 5t -z:t-

ni-gni-tà Giammai non mancherà; Es-sa mi por- te-rà Presso di Te


la Tua man, prode Ca-pi-tan; Starò dal mal lontan Vi - ci-no a Te
A-mo

^
mieicontar per acquistar Un savio cnor,per far L'amor con Te

M m
:«:
4. caro Salvator . Sento Propizia l'or.J 5.0 caro Salvator,-
Il santo Tuo timor

,,. \J\tri\a in me. Arrrpcri in mo •


Il mio Tesoro è in Ciel.
COPVmOHT^ 1005, BV JOHN t
U8E0 BV PERMI68ION. W. S. Martin.

'
#

1. Di-men - ti - car giammai po-trò, Signor, la Tua mer - ce:

2. Il mio te - so - ro, o Dio d'amor, Es-so si trova in ciel;

3. Con le Tue for-zeeilTuo va - lor Fa-rò pro-dezze in Te;

^ 1
fir
l
a
MfTrgip^
^
f

i f^
Gè -su per gra - zia mi sai - vò
1^
E mi
m
na - SCO - se in Te.
E qui vian-co - ra sta'l mio cuor M'accer-ta l'e-van-gel.
To- sto tri - ta - to il ten - ta - tor Sa - rà sot-to a' mie pie.

^^ .^-^

^
(

f
S^v^ g

Di-men
Il

Con
;

mio
le
.
;

Tue
ti

te- so-
> car.

for
M'

Si-gnor,
ro è in ciel;
- ze ognor
;

Giammai
Non
Cer
::

v'è
-
^

to
I F


nessun
fa
-

-
f

^^
trò


gf i

che'l
la Tua mer
può
prò- dez-ze
ru -
-

bar-
in Te:
f
ce:

1 4- ì S:\S t ì =^

§k±
In Cri sto
^^^^^^m
i Tuoi fa - vor Son tut -ti su di me. (su di me)
Guardan do al. l'è . van-giél Un dì l'andrò gus-tar.(si gu-star)

Gran-de sa - rà'l va - lor... Vit- to- ria a-vrò per fé. (si per fé
)

ffi
F S -#-7-
il
r

-
Riempici d'Amor.
WM.J. KIRKPATRICK.

#_i_ e=i=ig==g=zzr=i:>^=ri—=3
^.
1. Or nel - la fi - ne siami. . Si-gnor, con tut-to'l cuor, Nel
2. Or sia -- mo nel - la fin!.. Fuord'o-gni con-fu-sion,
3. Pa - dre, nel tuo amor, Deh!fac-.ci pre-di-car, R\

Jt_^
^1 ^gì
-y-
n
^ ^ *^
^
/m. »^ s
^ **
N ^ À '
_,
% À
Vj'' * ' ' ^ ^ 1
• • *
> >
no me di Ge-sù,
- In-sie - me t'invochiam: Ri- -em-pi - ci d'a-
Pa-dre, di-mo-rar Deh! fac-ci a te vi - cin. Or pò -.pò -li e na-
pie - ni di Vir -tu Il no-stro Sal-va - tor. Ei so lo può sai--

D.$.((uuiìn-n(u con Te. Ed es - se?- vinci - tor. Oi- siamomi cani-

4e^
mor, Di for-zae di va - lor;
i
Fi-.gliuo-
3:^
tuoi noi Siam, li
e
zion In guer-ra tut - ti son, E noi siam pel -- le- grin.
var, Ei so - - lo può la - var L'u - o -- mo pec - - ca -tOf.

m^ min Che por-ta a Te


1^^
vi -cin.
.^^
^=f^
Sii no-stro con - (hit- tor

CORO. D.S.

U
1
Ri - - em d'a-mor. Di for . za e di va - lor Per

1— COPYPiGMT,
-v-^\
BY WM. J. KirkpaYbioc. (J«E0 ir PtX.
m
Conforta i Nostri Cuor.
.1 BrUCB rVANff.

^^fJlg^glP
1.0 caro Re-den-to - re, Via, vi-ta e ve - ri- tà, L'e-ter-no
2. caro Redento - re, Via, vi-ta e ve - ri-tà, Congiunti
3 O ca-ro Re den-to - re. Via, vi-ta e ve - ri -tà, Deh! facci

Tuo splendore
^pga^a^^pìig Ognor ci condur-ra. In noi Tu sei viven-te,
nelTuoamore Vit-to-ria noi s'avrà. La Tua po-ten - te mano,
nelTuoamore Compiuti in ca - ri- tà. L'imprese che facciamo.

mm^m^^mi^m
E fatti ci hai perfè, Al Padre onni-po-tente Figliuoli.princiere.
^ri^

Lo Spiri -to di-vm, L'Iddio nostro Guardiano Ci sgombrerà'! cammin.


Deh! pesa tu, Signor.. Fe-de-le re-pu-tiamo II buon Consolator.

^i^igigii|i|^i||
CORO.

Si - cu - ri ci condur-rà
^^mm^^ ognor L'e-ter - - • no Tuo splendor;

^^m^^^ Copyright 1906, by Bruce Evan.


m
h F

Conforta i Nostri Cuor.

^^^^^^^^p
Del nostro Cam min Vediam fa fin;
ì
.N

Confor
>

ta i
t

no-stricuor.

7. Sii con me, Sii con me.


USEO BY PERMI66I0N. S. C. Potter.

P — Pi ^ ?=^
1.0


buonGe-sù, te - so- ro d'ogni ben. A . ne - lo ognor sen
2.0 buonGe-sù, de - li -zia del mio cuor, Fammi sentir la
3. O buonGe-sù, confor- to del mio cuor, Sen-za di Te non

^m •

^
^"
' - ^ ^ ^ '- i

:f=ft
t±^
-5— t-
m
tir- ti nel
ì^
'
mio sen:
'

Fammi
g ^ ^m
^
sentir,
'
—^
ti
^
prego.ognorvie più Che

vo-ce Tua d'amor: In ve- ri - tà cammi-ne rò con Te; -

v'é che morte ognor. Oh! sii con me, Ge-sù, sempre con me; Non

£ =F=F=?
'
'i/ ì/
l ì/ F ^ \ U v' —S.— ^ — 1
D. Oiiìior mio hìiouGcsù; 0-

^m dentro di me.niio caroe buon Ge-sù.


sei
buon Gesù, ti prego, sii sèmpre con me.
Vègiammai fe-li - ci-tà senza di Te,
Ìi\iUM
Fine.
CORO.

Sii
\
i-r-rfm
con me,
^ ^

sii con
D.S.

me

'>
^ -
j;^ ^ A #- A J X ^.

hrrrffT+ft-f
—— ^ 5/ .^
p . --y. fir ffitf rn
1
i

iinoì'cou ìHf.sciììjn e (Olì me Denti oal mioaior


— i

8. Consola i nostri cuor


Copyright^ igoj by J, M. Harris. Mrs. C. H. MoEfilS.

1.

2. Al
wmm^m^mm
All'om-bra del Tuoa-mo - - re
Pa-dre ci hai compra - -ti,
Ci
Di-vi
ri - -

-
duciam, Signor;
noe san-to Agnel,
3. In Te, Signor, vi - via - mo, E ci moviam per fé;
4. Noi siamo in Te, Si-gno - - re, Conso - la i no - stri cuor;

SE --f^ — 4^-^-!

Tu
afiESI
sei'l nostro Pa-sto - - - re, Conso - la i no - stri cuor.
Per es - se-re be - a - - - ti, Qui in terra, e su nel ciol.
In Te noi ci tro-via - - mo Per fé - steggia-re, o Re.
Al - l'om-bra del Tuo amo - - - re Troviam confor - to ognor.

CORO: Soprano and Tenor in unison,


-9-lT-fc I
f^— ^^-| 1
rw-, — —
-.
r-"^ 1^--!^— -,

ÌBassand AUóin^nù
Con - so la,Signo - - - re. I nostri cuor, i nostri cuor;Noi

'^-^^^^^^^^^
^^

soJ
fs^mm^^^^
-&—^-A_l

confidiamo in Te, In Te sol! Con- so


--

- la i no - stri
HL

cuor.

^^^S^ m
Consola i nostri cuor.

Con - so - la.Signo re, I nostri cuor, i nostri cuor;Noi

'^HE|liz|^|^fgE

sol confidiamo in Te, rn Te sol! Conso - la i no - stri cuor.

^giBEt^E^^S^:p= ^ jCex
I I

9. Un tesoro mi sei Tu.


E. P. Parkfr. Att.

zi!
^
^3=0--^ :^ 5=
1. Guardia - no del mio cuor, Tienmiognor dal mal lon - tan; -

2.11 mio pre - gononsiainvan: Per la san - ta Tua Vir - . tu,


3. Un te - so ro mi sei Tu, E col cuor ti voglioa-mar,
4. In Te sol vo' con fi dar:. Sia l'a-mo-.reTuo di
- vin - -

J I I /
— - - - ^ -«^ -^•-,

Dal ma- li

glo-rio -- so bel
- gno ten - ta —man tor Mi
Mi
di - fen - da la Tua man.
Al di - - con-du .
ca il buon Ge-sù.
0-gni gior-no sempre più Fammi il No me Tuo lo-dar.
Nel mio cuor per con-so -' - lar L'al-ma mia nel mio cammin.

5. lo son povero e meschin, 6. Notte e di seguir l'Agnel


Fammi ricco nelvangel; Piendi pace e carità.
Sono in terra pellegrin, Rivestito del vangel.
Amo vivere nel ciel. Fammi. oPadre di bontà.
10. Avanti, Avanti!
Adam Qkibi
Unison.

uìi kU-^tt^
i*
£3 ^

1. Fra - . telli, a - vanti a - van - - ti Col nostro Ca - pi - tan;


2. In di - let • te - voi luo . ghi La sorte a noi sca - de.
3. Col nostro Ca - pi - - ta - - no A - vanti andiamo ognor;
j—i-t
k^Y^^i
f=pt=f m
3-1-^1
Sa - re - mo tri - on - fan - - ti, Non lot-te - remo in van.
A vendo no stri gio ghi Spez za . ti Re de' re.

^
. i - - il

Po . tente è la Sua ma - no, Sa - re-mo- vin-ci - - tor.

ir
*=^=t
r n. m i=^ ^
y^d^J^
=53=3=

Vit - to spet - - ta,


- ria

Per grazia Sua toc - ca - - ta


;i
noi s'a -
j


j

Vit
E a
-
I

. to
noi
-
j

ria

re -
^
noi s'a
re - di
-

-
vra;
- tà
Compiu-ti E-gli ci ren - de Per far Sua vo . lon - - tà:

^^
u ^g Ifq^T-i^
#=^=^
Noi Siam la
Nel
n^
gente e - let - - ta Che
rit.

vive a e-ter-ni .
K?
.
^
tà.
eie -lo conser - . va - . ta Per tutta e-ter. ni . . tà.
Chi contro a noi si e - sten . de. Di noi spa- ven-toa-vrà.

_T ^ I

raPYRISHT, INI, BT OEieCL « lEHMAN. UeED BV PER.


t

Avanti, Avanti!
CORO. JTarmùny.

-«^-r-
:^ ¥- -i=^ i
rA - van - ti, a -van - ti, fra tei . - lì. an-diamo o-gnor;
I r 1

A • - • V» - tii m 1 • vM • • li.

*'*
m ^^ ai*:
t=t
.-0-
_-S:_^-._f
2^^
— -I ^-r ^^
I^P^

Col notro Ca-pi - ta - - no, a - van. ti; Sa - re - mo vin - ci - tor

r-^i — m
11. Volgiamo gli occhi al ciel.
( Sulla melodia del cmhco recedente. )

1 Lodate l'Iddio nostro.


Voi tutti i servitor.
Voi tutti che'l temete,
E a Lui pensate ognor.
A voi piccoli e grandi.
Redenti dall'Agnel,
Si dice: Date gloria
E lode al Re del ciel.

CORO: Fratelli santi, . Volgiamo gli occhi al ciel,


Sta per venir l'amato Agnello, - La gloria d'Israel.

2. Fratelli, giubiliamo,
E tutti d'un sol cuor
Insieme diamo gloria
E lode al Creator.
Le nozze sono giunte
Del divo e santo Agnel:
Allegri andiamo avanti,
La nostra parte è in ciel. - CORO.
. — — —
12. Chi sarà? Sento a Picchiar!
J. Howard Entwislr,

\fMi^^^ ^^ :i=s=^ -"Is N ^ In .^^ ^ 1 1

1. Chi sa- ré? sento a picchiar! Certo alcun vien cer-car di me.
2. Chi sa- rà? chi mai sa- ré? Picchiar,picchiar sento al mio cuor!
3. Chi sa. ré? sento a picchiar! "lo son Gè- sii, il buon Gè -su;
4. En- tra, entra.o Sa!-va-tor; Tutto'l mio cuor Ti vo' do-nar:

'/iv#su/ì-« *# m
^-
i~
-
'\~
L
»
L •
mmmm>mmmm.
V^-niy^rr^^
^_^''ii i*o r
-rf-TiM — /
M W
W
.
r
1
k
1
ff
r

iv
*
f
t*
1

\j
^

r

K •
"

r u 1/ -t '

i^^^^^^^

Chi
Che
sa-rà? chi mai
fa - ró? che debbo
sa ré?
far? S'Egli
lo sento al cuor picchiar, picchiar,
è Gè - sii, con-so - le - - rà.
A-pri io son la ca - ri té, A-mo con te ce-nar, cenar.'
Sul Tuo sen ri - pò - - se - rò; Vi-vrò per fé, vi-vrd d'amor.
* -•-. -»-
£
Itt » I» I* I»
-
fe& — m^ -# #-

r r I

CORO.
MS A-A- :s=:t^
_P_i ,
r j^ -j n I I ^ —
I *=5=5=^=r
Sento a picchiar;chi mai sa.rà? 'lo son Ge-sù, Gesù il gran Re;
4ve(.Dentr'almiocuor,o buon Gesù, Entra col Tuo di - vin perdon;

^^^-f-T-^ I
?
V—v*-
la ^ JU:1 <
-t>^-t^-
-g-

^
A-l- *
Ì=ti tì V
:; ; i ji; ;-;.i«Lj ; STtr^ i
A-pri, a-pri il du ro cuor, A-mo - ce-nar, ce-nar con te."

m^^^^^^
La Tua pa -ce gu-ste- rd... Del mio peccar pen-tL-to son.

Copyright, 1900^ by |. Howard Kntwlsle. Used by pensledoa.



13. O Fratelli, Avanti! Avanti!!
GBXKT CoLTAZ TtOULA.
Moderato

1. Il Signor che é. che e - - ra, che tosto ha da ve-nir,


E
2. Da Lui sa-cer-do -
re-gi e - ti. Fat siamo nel suoamor.
- - ti

3. fra-tel-li a-vanti,a.van - ti ! Non perdiam le re di -tà, - -

_ - . ,^l ,

w^
Si
-0-r-
-^-^

S:
-9- • • * ^ • '^ •
0-^ ^ • • Srr i
Grazia e pace a noi lar - gi - sca In ac - cordo al suo de - sir.
tn e - terno a Dio suo Pa-dre Per ser-vir.lo con ti-mor.
Sempre avan-ti cammi-nan do Premioe-terno in ciel s'a-vrà.

-

-^- * « • «
m .-^ e • , § « «-i m

vzt
, r?^
-r^

^. ^ 4==*^
rr
E -gli è quel che col suo sangue Ciha la - va - ti d'ogni er . ror
Af - finché possiamo entra - re Nel - la ce - le-stial Cit - tà.
Giorno e notte se - gui - tia - mo Gè - su Cristo da vi - cin

Per do-nar-ci vi-ta e - ter.na. Nuo-va mente e nuo-vo cuor.


Per go-de - re con l'Agnel - lo L'è - ter.nal fé . li - ci - tà.
I

i
E fe-li-ci giunge- re -mo Al - la fi - ne del cammin.

i ;;; ; p
Copyrigbt,
-

1899.
-^ '

hy Tullar-McedUli Co.
• — « ^ " ~ "
Csed bj pM.
14. Deh! Vieni Gesù.
Mrs. C. H. Morris.

^^È^^mfpmm0^^
lo vengo to-sto, ha detto'lSigno - re, lo vengo to-sto e il

lo vengo to-sto, ha detto'l Signo - re, E gli e-let- ti con


lo vengo to-sto, ha detto'l Signo - re, Beato chi veglia e

U I FU
^^-
^^^Tmr^^m
_A._JV.
>^$=:Ii: tz:^-^^f^^±-f-t;

premioèconme; Vengo dal eie - lo con gloria e splendo - re,


me accoglie- rò; E da - rò lo - - ro Te -ter- no te- so -re
vi -ve per fé; Bea-to chi spande a me tut - to'l cuo-re,
> ^ ^
.segi-^gi^yi^l
:^=rp

CORO.

Chiunque m'aspetta be-a-toe-gli é.


Che sul- la cioce'l mio sangue acquistò. Deh! vieni, Ge-
Bea-to chi cer-ca con-ti-nua mer-cè. Deh! vie - ai. si

• U fc
• . JL
.f.
^. ^^ m JL ^

3=3=3
ni, Gè -su. Dal
^
Deh! vie - ni, o buon Gè . su.

Copyright. 1903, by J. M. Harris.


Deh! Vieni Gesù.

4^-4^-^-4i-

ciel t'aspettia-mo col cuore Deh! vie -ni, Ge-


col cuo . re, deh? vìe - ni, Gè . stì,

^^^P^15^
Bramia - mo ve- der-ti,o Si-gno-re;
Ve - der . ti;
Gu-

#- ^^A

starti nel ciei; Se - der neii uo irò - no d a-


ga - star - ti per sem-pre in ciel;

iSlÉ -
rT~ir [7 t==ì^—V—^=^-
)^Ì=d! F*

mo-re: Deh! vie-ni, Gè -


-^ -^
su.
^ A -#-.

per Sem - pre! si, si vie - ni, Si-gw b.d.

5^
I^f=^
15. lo, Signor, Son Tuo.
Joseph Barnby.

1. lo.SIgnor.son tu Etu,Signor,seimio;
- 0, possente Id-dio ! Vi- vosolper te.
2. lomJsentoinpace,PerchéconTecammino;Semprepiuvi-ci -no A Teognor starò.
3. Or con gioia aspetto In gloria d'apparire, Gesù, ve - ni - re Giu-bilar conte.
16. L'anima Mia Vive Sol per Te.
Ballington Booth.

m -^^
Allegretto.
4=1=tFt
S
̱El3taSE
1/
a f%i
1. L'a-nima mi--a t'attende,o Re de' re, Brama ri-sto - ro.
2. L'a-nima mi- -a t'attende,© Re de' re, Per cammina - re
3. L'a-nima mi- -a t'attende,© Re de' re, Go- derea-ne - la
4. L'a-nima mi --a t'attende, o Re de' re. Co-meunapal-rha

m^^^^^^^^^^^
s^^gp^^^^^
M^^M
il pan chevienda Te. Tu sei la mio cuor.
roc-ca del
o-gnor si-cu - ra in Te. Tu sei mio cuor
la par-te del
per-fet - - ta pa-ce in Te. Tu sei lo scudo mio cuor del
fio-rir de-si-ra in Te. Di glo-riaspeme,oSal- va tor,

^^g^^^^^S^ tt^tJ^-
m=^-
j^g^ -fi-n^ I^^^^ '-

La ve- ramanna,oSal-va-tor,Chedà vi - go - re ognor.


Glo-rio-sa,«ter-na in ciel d'amor. Vi - ven - - te in me, Si-gnor.
Che mi pro-tegge e dà va - lor Per e saltar - ti ognor.
Ti scn-to ardente nel mio cuor Per se - - gui-tar - ti ognor.

W^^^^^^^
-

/ — 3-

is
CORO
v^> /i-i" / Alkgro.
^Licjra. I »

L'a - - - - ni - ma mi a Vi - ve sol per Te,


l'i - li - iM mi - a, la - ni - ma mi- a Vi - - ve sol per Te. per Te,

C'vyvHxht ->f "Ullivtt^n Booth. Used by per. Arrangement copyright, by


'

— Rfrkoatrick.
I898,
L'anima Mia Vive Sol per Te.

Te sol si acque - - ta, In Te sol, mio Re.

m^È^^^
le, in Te sol si a-cque In Te, in Te sol, mio Re.

:e- :?

17. In Gesù Trovai La Vita.

I
k
2

n
ir-ì-jr
icu-nona-to
fSo
iNel pecca- to
(E - ro sen-za
-0-
m
negli aftan- ni
mol-ti an - ni
co-no-scen-za
P=t

E
^vis-su-to nell'er-ror,
Wm. B. Bradbury.

^=t
Sen-za pace e senza amor, Senza amor,
Del Signore e del vangel,
^
^-
^Ma del Padre la cle-menza Mi portò guar-dare al ciel, Mi portò,
I I

3. Tosto ero nell'abisso.


Ma Colui che per me fu
Senza amor, senza pace e senza amor. Sul Calvario crocifsso
Mi portò, mi portò guardare al ciel. Mi salvò da belzebù,
Mi salvò, mi salvò
Mi salvò da belzebù.

4. Nel vedere tanto amore - In Lui posi vera fé.


D'ogni mal lavò il mio cuore - Principiò Sua vita in me,
Principiò, principiò, - Principiò Sua vita in me.

5.Or dacché nel cuor mi sento, - Gesù Cristo Salvator,


Son felice ogni momento - E per sempre sarò ognor.
Sarò ognor, sarò ognor, - SI per sempre sarò ognor.

6. Quale grazia, quale aita, - Oh, gloriosa verità !

In Gesù trovai la vita, - L'eternai felicità.


L'eternai, l'eternai, - L'eternai felicità.
^

18. Pietà, Pietà del Peccator.


COCVRIOMT, 1912, Bt CMAS. C*BR:rL. T. R. Alien

S ;
Sai -va - tor vi d'amor
-ta Ab-bi mer - ce
Senza di Te Re de' re,
o La n-mes - sion -

Re de' re ab- bi mercé Del pecca - tor


Salva-tor, vi-ta d'amor. Abbi mer ce

1/ / / /

-•-i»S-*-

del peccator, Senza di Te nontrove-rà


delmalnonv'é Nonv'é per-don pel pecca - ter
Lenta n da Te, Lava il suo cuor di lui pie - tà !..-
Del peccator. Senza di le nonlro-ve rà

'-'--—^
^i-,
U :ttz;3=^: 0-0-0-0-
-^-^-
l>
'/ U
1/
'y
'/ u
l

CORO.

il pecca-tor la ve - ri - tà.
Del mal nonv'é perdo - na - tor. Pietà, pie-tà, buon Salva-
Ed egli a Te sempre vi-vrà. Pie-tà,pietà,
li pecca -toi N^ N

^— ^^=5^
^1 l* I
/

1 ^^ 0-'^0~^-\:-
^^ ^ 1/ Tir C t^^H-"^
tor, Pie-tà. pie-tà -del peccator; Stringelo a
BuonSalva-toi Pie-ta, pietà, pie - - tà del pec •
ca - foi;

Pietà, Pietà del Peccator.

S-^-^
m -y^

Te lava il suo cuor


— -0 #a^
Ed ei
rti-T
vivrà nehtuo ti - mor
Te
'""
lava suo cuor td ei vi - vrà
Strlnge-loa il
i^ (^

i/ y / ^'

19. O Peccator, Vieni a Gesù.


rSulia melodia del cantico precedente.)

1. peccator, vieni a Gesù, - Non indugiar, non tardar più;


Non rifiutar la salvazico, Non rifiutar la vita in don.
-

CORO: Vieni a Gesù, al buon Gesù


O peccator, propizia é l'or;
Vieni a Gesù, al buon Gesù,
Propizia è l'or non t'ardar più.
2. Vieni a Gesù, o peccator, - Vieni con fé, con tutto il cuor.^
Egli per te molto soffri... - Per te, per te Egli mori ! -CORO.
3. peccator, vieni a Gesù, - Ti sanerà la sua virtù;
T'arricchirà di santo amor.-T'arncchirà de' suoi tesor.-CORO.

20. Deh! Ascolta il mio Pregar.


Wm. H. Monte.

^s 1.
f=^=^ px

Dio d'amor.deh! ascolta


i
a^-^-w
t-t-T

il
w
mio
:t±#:
-o» c^ w fa
w e 3=#7ff^
— —
pregar: Rendimi inten- to tutto al tuo timor;
o» • j
• ^ ' sr

2. Dio d'amor.deh! ascolta il mio pregar: La tua pa - ro-la scrivi nel mio cuor;
3. Dio d'amor,deh! ascolta ilmio pregar: Fammi se-con-do tutto tuo voler: il

4. Dio d'amor.deh! ascolta il mio pregar: Prose-gui - rò co-noscer-ti viepiù

—nrw
Pl£
^tì f^
^^ m f- :3r.-j

f
^-W

Per le-van-gel de-si-ro in te abbondar Di-ca -ri - tà, di fé, dispemeognor.

^
Al - tro non v'è che pos-sa conso - lar; Per es-sa so-la, sento in te vi - gor.
Con tutto cuor.deh! fammi camminar Ri- pieno
il di Vir-tù nei tuoi sentier.
D'ogni tuo ben, deh! fammi giu-bi-lar; Nel nome te lo chiedo dì Ge-sìt.

:rvj J.
rJ-
i^ m ^ '

I 1
w^
J,
s
i
^

21. Alza alza la Bandiera.

mm^mm
1.
2.
3.
La bandie-ra che'! Signo - re
Essa è Cri -sto Sai-va-to-re,
Al - za, al - za la bandie-ra,
T'af-fi
La di
Eilne-mi-co
-

-

vi
Miss Dora Boole.

-
per
na
in-nal-zar
vo-lontà;
fug-gi-rà;

b-t K-- ^
— -^ ^1 d^rzzN —-hri r *^
^rr:l n

Tienla ca ra nel tuocuo-re, - Non la-sciar-te- la ru-bar.


E' Tinse -gna del-l'a-mo - re Che in e-ter-no du-re-rà.
Di Gesù la fé - de ve - ra Scudoetar-ga ti sa-rà.

1/ t i '• [Tu I I
T [T t^^*^ I

CORO, j w
___ j .^^
,

1/ U b
Al -za, al -za la bandie-ra, Lascia es - sa sven-to-lar;

^^m ir.

i?r
1=1:

Tienla
:5±

ca - ra nel tuocuo-
^a^s^ re. Non lasciar-te
i?-

- la
^E:31
ru-bar.

^&?EÉ
5EE Pi £533
rt-t
I
1/ I
iiS^^iSS
4. La bandiera del Signore - D'ogni mal ti guarderà;
Dal serpente seduttore - Essa ti difenderà. CORO.
5. Quando viene la tempesta - E le onde a sgomentar
Non cessare di far festa, - Non cessare di vogar. CORO.
6. fratello, su coraggio, - La bandiera dell'amor
Alza, alza in questo viaggio - E ti condurrà il Signor. CORO.
— 1 —

22. Avanti Costanti,


Allegretto

L'è -ter- ne pro-mes-se Son fat-tea noi tut - ti: Di


Vo-ghia- mo si - cu - ri; La notte è a -va n - za - ta; Vi

A - van - ti co-stan-ti; Se du- ro è'I cam -mi no, Il

À J J J

SS^:
Ì-r$
-^s^m0 ^
cuor giù - bi - - lia - mo, Cai - mar den-no 1 flut - ti Del
ci - na si scor - gè La spon- da bra - ma - ta: Si
bracccio ci sten -de L'A - gnel - lo di - - vi - no Da

^ l .J J i-j
m^ , j J'

j— H-J-^
#b^ir^'—j-
1
.1
pj-=^—
-^*
1

r
\

^ -mi-^

c
mar bur- ra - - SCO - so Che cer-ca a- bis- -sa re
ve-de in do - . ra - re L'au - - PO - ra che al CUO - re

fe:>
^^h% b
Lui

.1
1
'
vien

J
-r —
l'a

J-
!
-


- iu

1
to,

-4—-f—
1
La

^-r-^
for-za,il

1
va- -lo

1
-

-^ 1
re;

1^

1 ' !

Chi lie - to cam mi . na, Chi è pron-to a - scoi - ta - re


Ve- de- re fa il fa - ro Del por-to d'a-mo-re.
Giammai ver-rà me - no L'è ter no suoa-mo-re!.

stj. j j j

La vo ce di . vi na Di Cri - sto Gè - - - - su.


A-ma bi le e ca - ro Del no-stro Gè - - -, - su.
Vi-via-mo nel se n- nò Del no-stro Gè - - -'-su.
r

23. Tu Sei la Mia Gioia, Signor.


COPYRIGHT, 1905, Bf DANIEL B. TOWNER. U8ED BY PER.
INTERNATIONAL COPYRIGHT 8ECURE0. D. B. TOWNIR,

mMì i^8^i^-?=r=^^^=s^i=ì'
1. Si-gno-re, per fé - de ti sen - to Nel cuo - re vi-
2. In me la di - na prò
vi - - mes - sa Fa te - sta so-
3. Di be - ni, Signor, m'hai ri - - pie - no li cuo- re e

-r^^

vente e be - ni - gno; La gio che provo al momen


- ia - - - to
lenne in quest'o - - ra; La Te a me conces
gra-zia da - - -sa
l'a - ni - ma mi - - a; Con Te camminan-do mai me ... no
^ :B: ^ ^-
m
CORO.
3=1=
^1=^ 1=1^1
r
^^
Non posso da me rac . contar.
D'amo- re mi fa congio . ir. Tu sei la mia gio-ia, Si-
Soncer-to ve-nir non po-trò. e-

m^.
i=^^=?=^. &è

3 5
Ì=i fEEÌ^=S:
gnor. Mia rocca, mio scudo e te - sor; Go-dertibuon

—~^-ì^
tef-na.

fcljfcff.
m
Si gnoi. Mia rac

Èr-1i—
ca, mio

^-
scu-do e te - sor:

^V J
s
Si - gnor,
III!
:»z=)
le . sor:
Tu Sei la Mia Gioia, Signor.
rit..
I (

lE^E^^E^^
Padreine-ter.no nel ciel mi por-te-rà to-sto l'A-gnel.
rw
A-gnel

A^4tiLJLJL !
il

(
di

,
vo

-I,
t=r

24, Verso Sion Marciamo.


Jno. R. Sweaey.

1. VersoSion marciamo Senz'alcun timor, Noi perfede siamo Fi-gli del Signor
2. VersoSion marciamo, Niun ci fermerà; Noi condotti siamo Dalla ve-r: tà. .

3. VersoSion marciamo Pie-ni di Vir-tù. Sostenu-ti sia-mo Dal Signor Gesù.

Lesti camminiamo, Niun stancherà. Cristo. nostra forza. Ci accompagnerà.


si
Lesti camminiamo vangel.Con la croce ispalla Dietro al Re del ciel
Cinti del
Lesti camminiamo. .Ecco la Città Su coraggio e in breve Noi s'arri-ve - rà
!

^ r r.-r- s . ^ f- f f T r f- t '

Verso Sion marciamo.Marciam senza llmor.Marciam guardando al palio Posto al vincitor.

Lesti camminiamo.. Gloriosa é la Città ! Cristo, nostra forza ci accompagne-rà


r .

25. Di noi Disponga la tua Virtù

1.
2.
3.
t
i^^^m^
Padre ce - le - - ste, nel nome san - to
O Sal-va-to- - re, da- vanti sia-mo
Facci.o Signo - - re, tut-ti concor-di,
An effective Solo.

Del Sa-lva-to-
Al tuo cospet
D'una solmen-te,
-

-
re
to.

4. Manda, o Signo - re, a noi'l messag-gio Per la di - vi - - na


>
^
^^^^S
r -f" -.
^ ^ ^ I

^
^
«-r<
# .
fci
^éém^
^
quiìnfedesianrì, A Tesiagra-to Il nostro can-to, A noi con-
chedobbiamfar? Fa che noi tut ti re - a - liz-ziamo che l'amor
d'un solo cuor.... Per l'e-vange- lo Tu ci Ch'esserdob-
ri-cordi
esacraUnzion, La ve-ra manna. di gloria un raggio che porti e-

^ ^
p—0—m
f ^

~^m.

ce ciò che
- di
g±S3Q5
chiediam:
i=t

Abbia, Signo-
m re, la
«:
ii=i=i
presi-den za
tu o
- - ci vuol guidar Lungo le acque di eterna vi - ta,

^
biamotuoi imi - - ta-tor. Tienci,o Signore, nella tua ma. no,
ter - na conso - lazion. Dal cielo manda la tua pa-ro - la

^-i-^
td^rtf:
13
^
tt


i^^
?^=t^
I i
La ve-ra pa ce ne no stricuor, Ferma di-mo ra
Einpaschierbo si lie . ti giacer. Fuor d'ogni ma le,
Di noi dispon ga la tua Virtù; Pre-ziosoèil tem. po,
Piena di vi ta. fa tra bocca Le nostre cop pe;

^^^ Còpsrright, 1902, H.


3-,OsJt_..^i

I,.
l^s^^^
F-r^^g
t^
^

Gilmour, Weaonali, N. J.
^
Di noi Disponga la tua Virtù
Ritard.

la tua presen - za, La tua dolcez - za,


nel-la tua ai - - ta Per fa-re appiè - no
nulla sia in va - - no Bramiam servir - ti

per es- sa so - - la A - van-ti insie - me

^^^ m- i^ife

26. Viva Cristo,

mìmmmm
1 Vi. va Cristo,e-ter - na mia ne -chez-za,
3=**
Ru-pe e scu-do, ar - ca di sai-

«Spi -^f^^g
"f h'^'^^-f^"

vez-za: La sua lu - ce mi con . du - ce A per - fet - ta santi- tà (santi ta;

ptH^i^i^^ f
IT

2. Viva Cristo, rocca mia diletta, - Vera manna, verità perfetta.


10 mi sento - che contento - Lui per sempre seguirò.

3. Viva Cristo, lamia eterna sorte, - Mio tesoro in vita e dopo morte:
Mi consola - la parola - Santa e pura del suo amor.

4. Viva Cristo, alto mio ricetto, - Da' fedeli ognora benedetto;


11 suo bene - mi sostiene - Nelle lotte di quaggiù.

5. Viva Cristo, conduttorde' santi, - In cui vivo e vivon tutti quanti


Gli eletti - benedetti - Dall'eterno suo evangel.
27. Gioia Eterna è nel Mio Cuor.
ivirs. C. H. Morbi 9.

" I

Oh! chegio-ia sen-to nel Signor Gè su, • Gio-iae-ter na


Oh! che gioia.òhichegrangioia è nel mio cuor, Gio-iae-ter na
Oh! che gio-ia in questo giorno è nel mio cuor, Gio-ia e - ter na
O fra - tei - li, cammi-nia-mo con Gè- su. Non pensan do

che pensarmi fa las-sù; Essa è me - co nella prova e nel do-lor...


che mi stringe al Cre-a-tor; E' la gio-ia che sostiene ogni fé - del
tutta grazia e tutta amor; Essa è Cri-sto, la vit-toria d'Isra - el,
più alle co-se di quaggiù; E-gli è pa ce, ve-ra pace al nosto cuor. -

!!2d2.
m^^^ m^à
La mia gio
Nel-le lot
- . - - ia è'I
te
Salva - tor.
delvan-gel.
CORO.

St^ lE^ ^
Oh! che gioia, oh! che gran
La ricchez za de' fé - del.
Stiamo alle gri nel Si-gnor.
La mia gio - - ia el Sai - va

< •#
t

piiif

gio -- ia,Gioia eterna è nel mio cuor;


m^ 23-

Dimorar
Di -
mm
sempre in Ge-
mo-rar

*=S^I^EÌP
Gioia Eterna è nel Mio Cuor.

t=:tri;^En=

SU, Camminar nel suo timor,


in Gè -
su, Catn-ini-nar

a=^ =t=iè=:rz^
!£ELE^-z£^^^^ES^ ^=^isiiPLa
ia.oh! che gran gio - - - ia, Gio-ia e-ter naènelmiocuor.
Gio - - la e -
ter - - na e nel aw cuor

^-«
1
OopTTight. 1904. b)' J. ». Harm,

28. Non Manchiam.


Wm. B. Brtkibury.
^-

1. Venir,fra-te!.li,non manchiam All'altro culto che teniam Nel nome santo

-« ^ S «—r-*-! • « #— , g *_« «_ ^^.I , ^ . , é-

l. Noi ci lasciamo nell'amor,


E nella pace del Signor:
Per la gloriosa verità.
Per grazia qui si tornerà.

del Signor Per rinfrescare i nostri cuor. 3. Se qui non torneremo più.
Citroveremo con Gesù,
In gloria eterna co' fedel...
Nella Gerusalemme in ciel.
K — —
29. O Travagliato, Vieni a Me.
Music by Wm. J. KiRKPATiuck.

O tra- va- glia te, vìe-ni a me, 10 so - no'l tuo Si-gnor,


lo son l'a-mo - re sen-za fin, 11 San - - to d'I-sra - - el;
Prendi'! mio gio go su di te. E vi . - vi nel mio amor;
Getta o-gni pe so su di me, Ed io ti sos-ter - rò;

ii
^u u
h

u
h I

è ^ ^^
p — p ». . 1
1
2
^ — :!.. 1

Non in-du-giar, vie-ni con fé. Ri-sto -- ro avrà'l tuo cuor


li con-dut-tor del pel-le-grin, L'a-mi - -co de' fé - - del.
Ne! mio sen.tier ferma'! tuo pie, lo so - no'l tuo te . sor.
lo sono ancor den-tro di te... E te - - co re-ste.-rò

^^^. &
m ^h'M
——-u u u- -U—U—U-:!
III \
N4-fiÌii
^ CORO

m^ r^ ——h
^ ^u
^ i
O tra-va-glia- - to, vie-ni a me, lo so- no'l tuo Si-gnor

g^= M44^
^
t^=^^^^=m # fa^-TTTB ]

^ Non m-du-giar. vie -ni

Copyright^ 1885, by W. J,
con fé

i
1
Ri-Sto

KIRKPA TRJCK,
- - ro avrà'l tuo cuor

\\\\ [a \
^

30. Egli avrà Cura Ognor di Te.


\Vm. J KlKKl-'iTUICK

'
^ '- * . 9

j
1. In ogni tempo, fratello, il Signor Prenderà cura di te,
i 2. In ogni prova, fratello, il Signor Prenderà cura d« te;

j
3. In ogni luogo, fratello, il Signor Prenderà cura di te;
4. Fino alla morte, fratello. il Signor Prenderà cura di te;

-^^3

Cristo.che parla di vita e d'amor, Prenderà cura di te.


Cristo.che a - bita dentroal tuo cuor, Prenderà cura di te
Cnsto.che dona po-tenza e valor, Prenderà cura òi te.
CriGto.cheèdatopertuoconduttor, Prenderà cura di te.

_/f_r_# .s__>. -^_-^_^


r- L-U-i.

CORO.
ll^ZT^. ±;=3b^^.^z^_^:
9—mé—*- gL^^Hiigiiiii
Ei prenderà cura di te, Ei prenderà cura di te;

'

I >
• ^
> 5
^ >
• V
/ >
• I
^ ^ "^ ^ ^ ^

In Lui ri. pò - sa, abbi in Lui fé. Egli avrà cu - ra ognor dite.

-#—«—^—
— #-
• > >
^f=t=t: gli!
H=
Copyright, iSy^, by W J. Kirkfatkick.

31. O Fratelli, Giubiliamo.
Air. by W. J. K Com. Hbrbert Booth
fw^
mi E^3
1. O fra-tel-li, giu-bi-lia - - - mo Che nel nome del Signo . . . . re.
2. fratelli.alziamcolcuo - - re, E con grazia'l nostro can to,
3. D'acqua eSpirito ri-na- - - - ti, fra-tel-ii.siamoin Cri . . . sto;
I N ^ ^ N N .-^ ^

p^Sipi^^^^^
Qui raccolti in fe-de
Al - l'ama-to Salva -
sia
to
-

-
-

-
mo
re,
Nel- la pace e nel-l'a-mo -
Al-l'ld-dio tre vol-te san
-

.
-

-
re.
to.
Siamo in Lui rige- ne - ra - - ti, Fat - ti pò- pò - lo d'acqui - - sto.

Or lasciamo-ci guida - - re Dal di-vin Conso-la- to - - - - re


Del- la speme ri - tenia mo Fermo ognora'! nostro van - - - to,
Per la fe-de nel Signo - re Vin-to abbiamo'l mondo tri - - sto,

^
33^r^-^ ^ -I-

i3 s-
[3ii5.
Che, per noi, glo - ri - fi - ca re Vuol Gè - - su.
E in - spi -
i ri - to a- do - ria - - - . mo L'Id - - dio ver.
E vi - via-mo nel ti - mo re Di Gè - - su.

Deed by rermission.
r

O Fratelli, Giubiliamo.
CORO.
,,


^ ^ ^ , —
, -I

^ \ ^
m
1

5:rf=5=a=:i^
I -<

i t iiiJzife:?
1
fra-tel-li, giubi - Ila
^ra:

mo Che nel nome del Si-


fra . tei • li giù bi ha -
che nel no - me del Si - - -

^'"N^ #. ^ ^ ^ ^
^ -^ ^
itz^
-V-l^i^
IM^ P ^
J

gno - - re Qui raccolti in fé- de sia mo Nel suo a - mor.


gno - - re Qui rac-col- ti in fé - - - de sia mo Nel suo amor.nel suo amor.

mm^^à^s
^
I A#-#-
'— 1

— =tz

32. Signor, ti Ringraziamo.


(Sulla melodia del cantico precedente.)

1. cuor nostro aTes'mvola-Quandoin mezzo a noi, Signore,


Il

Con la dolce tua parola - Tu presiedi nel tuo amore.

Noi per essa ci sentiamo - L'alme nostre m vigorite,


Noi per essa riteniamo - Solo ver. il

CORO: Signor.ti ringraziamo


Che per essa siamo m vita,
Che per essa camminiamo - Senza vel.

2. Signor, la tua parola - Ognor sia nel nostro cuore;


Essa é quella che consola, Che ci lega nel tuo amore. -

Noi per essa ci sentiamo - Trasportati a nuova vita.


Noi per essa riposiamo - Nel tuo sen. CORO.

3. Noi viviam perChe converte peccatore, la parola il

E viviam per essa Perché vien da te. Signore. sola, -

Noi per essa ci sentiamo Esser qui nel tuo cospetto -

Nella fé del padre Abrahamo Tuo fede!. CORO.


» f

33. Vieni a Noi, Signor Gesù.


P. P. BiLHORN.
I-
:^

1. Si-gno-re. in que-sta ter - - ra V'è sol distret - ta eduol;


2. De! mon-do più non sia - - mo Tu'l,sai, Signor, Gè - su;
3. \n Que-sto mon-do ri - - o Siam stanchi di re-star;
4. Noi t'a-spettiam glo-rio - - so Dal eie-Io e -ter - no Re;

^^ll^
8=t^
i. b k il
t-TT-^-fc-
^:?=l^=^
^-
25
Ui^
J-^ ]" r
^m
-p*- '
^T"^g. r^
'j

A-spra si fa la guer-ra Per ogni tuo fi-gliuol.


Qui stanza non ab - bia - mo, li no-stro ben sei Tu.
A Te- nei eie lo, o Di - - o, Bramia-mo di vo lar.
Di noi Tu sei lo Spo - so. ..De! por-ta - - ci con Te.

iS
ceRO.

W^—
W^J -^=i-.
^-
1

—^ 1

'
-1

^" J.
i-, 1
h
=Ml=^=^-*- 3^^
^ h .1 ^_

Vie - - ni, vie - - ni a noi, Signor Gè -su;


Deh' W8- ni, deh! - - ra vie - ni a noi. Si gnor

^^— W W— k:7^^
W
Ir-f ^ ^ -.—i.=^=t—-V- b^j. . J

:±r:
i=*=rì^: :i:=rt:
^-|^-^_, -J-Jfe;^-feÌ=±j=j irt
Tu sei la no-stra spe-me, Vie - ni, non tar - dar più.

———
COPYRIGHT. 1911. BY
p
I

i?=t=*
P. P. BILHORN.
f
^
r
k
f
» »"

INTERNATIONAL COPYRIGHT SECUREO.


-

mmm
— P — — —
34. Esaltiamo l'Agnel.

S^
$ S s^
1. Su
.; i- :• -s- J- ^V ^
via, fratelli, esaltiamo l'Agnel
-g-
^ *
-i

Cantando con grazia


N
Mrs. C. K. Moaala.

^ N N
»——! —
é ih-
1

^^
e col cuor;
2. Su via, fra-tel-li,esal-tiamo l'Agnel Ri-pie-ni di santo ti-mor;
3. Su via, fratelli, esaltiamo l'Agnel Lasciando'l suo amore operar;

^^ =fi:
rt^ uc
L I . I
f ti -
«

'^

^
c^r-t
M^ f ^ ff

ij
1

I -«

Re- a
E-gli
Il
^ ^
— — —•-*— —^ 5—0-
h
—3=it
^

- lizzando che per l'evangel


I
;

Alpbiamc nel cielo un tesor.


che guarda dal cielo fe-del. Propizio sarà a' nostri cuor.
nostro cuore, nel santo evangel, Per esso, possiamo cibar.
i
J^^i ,T ^ f
ti^-^

^
Pf

s '^=W^W^W!=^ h seti: \W
^y^b r r

CORO.
A 4 Pr-N ,
^ h- 1
T^

^ g i
'
J: i i-^
Sai -va - ti sia-mo per far Del Pa-dre nostro'l vo - ler.

£E^ ^^
^-r— •
'

— -# 0- '
,0 ^ ^
^fr>" i


-i i
y I I II r~7TL L L

^ Fra
^i=i
-
J=:£

tei -- li, per e -


-N-4-
^^t=4^
»

sal-tar L'Agnel
t^
'
^ h
# -^

che dà forza e pò-


N h
—é *
è' -a

ter.
0-^ IJ '

^ ^^=?=
V u-
— ^
Copjrlght, 1898, by H. I,. Gilmott».
£^
f^
35. Presto Sarò col Santo Agnel.
BY PER. OF LEE. GLENCOE, Kl. B« E> Wattcii*

m
J. t.

i^-^
il t i ^tFf
3^
Sq=J: ^f=5
1. Pre-sto las-sù nel ciel Co' santi appa - ri - rò, Ea faccia il
2. lo so- no del Si-gnor, E sol per Lui vi - vrò; Na - sco - sto
3. Nel se- no del Si-gnor Per sempre re-ste-rò Fi -no al- no-

1^ m --s=m m
^ ^
di-vo Agnel Con es- si mi - re^-rò. Ohiqual fé-- ci-.tà
li- -
nel suo cuor Ri - po-so e-ter - no a-vrò. In es-so il santo A-gnei
vel-loalborChe in gloria appa -ri - - rò. lo so-noin si - cur-tà,

^ aM e i :^
I . ». * . H0
t—tr

^M^^^ 3^ S=^^
Al-lorperme sa - rà, Go-dercol Re
Mi par -la del vangel E dell'e - re
-

-
den-tor
di - tà
L'e-ter-ni-tà!
Che è su
nel ciel.
Chi contro a me ver-rà. Lo Spi-ri . to di - vin L'abbat-te rà.
-#-• -*-* ^ ^
^^ IN '-N

g foS
r-r-tr I fc=^ eP
CORO.
i=ts: E
£
Presto sa rò col santo Agnel,

^
-

In re - - al - - ta sa - rò Col san-to e dì - • vo A-gnel,

-s-^ m
i

Presto Sarò col Santo Agnel.

Prestò sa - ro Con Lui nel ciel;


In re - - al - tà Con Lui las - su nel ciel:

l=M-g-g -^--

'I

tri* x^i
55^=5
L'eter-ni-tà Con Lui go-drò...
L'e-ter - ni-- tà su nel ciel, Con Lui go--drò, su nel ciel...

#- -^
-#- -i»- H»- lg- -»-*
E L —
^
'E E u L la

fcic 3=ii: s^
t-t;- ir-t/-r

SES^
Fé - lice appiè ... no al - - lor Mi tro - ve-rò.

^
Fé - li - ce ap-pie - no al - lor mi tro - - ve - ro\ mi tro - ve - fò.

£** :S=P
-»-. N

s:
S: S i=^

36. Nel tempio del Signor.


(Sulla melodia del cantico precedente.)

1. Nel tempio del Signor - V'è tutta santità.


Si loda il Salvator, - L'Iddio della bontà.
In esso v'è ogni ben, - E lieto il cuor vivrà,
Del giusto che sostien - La verità.
CORO: Nel tempio siam (In verità' noisiam)del Salvator (del Salvator Gesù')

Lieti cantiam,(Lieticantiamcolcuor)viviam d 'amor; (viviam tutti d'amor)


JL nostro cuor (li nostro cuorpien d'amor) traboccherà (Notte e di' traboccherà')
De' beni del Signor . Se allegro sta. (Se allegro sta)
2. Nel tempio del Signor - V'è cibo a sazietà
Per l'affamato cuor - Ripieno d'umiltà.
il pellegrin - Rifugio troverà;
In esso,
Nell'arduo suo cammin - Ristoro avrà. CORO.
3. Nel tempio del Signor - V'è sol la verità.
Si predica l'amor, - La vera carità;
Si predica vangel - Che mai trapasserà,
il

E che per noi nel ciel - V'è una Città. CORO.


37. Non Tardar!

$^m^
1.
2.
3.
Vieni a Cristo,
Vieni a Cristo,
Vieni a Cristo,
non tardar! Vuole te. non ri.fiu-tar; O fra-tei- lo,
non tardar! Ei più ne -co ti vuol far; E-gli brama
non tardar Egli in do -no ti vuol dar Le ricchez-ze
!
P. P. BiLHOBW.

ì^=t^- ^.

4 Vieni a Cristo, non tardar La tua tenda Ei vuol piantar 0-gni giorno
'

vieni. vieni al buon Ge-sù.


E-gli à l'occhio sopra te, E ti vuole;
ri-colmar-ti d'ogni ben. Il Signor vede'l tuo cuor Ch'esso a-ma
chetrovar non puoi quaggiù. Deh! compiaci - ti ve-nir, E vi- cinoa
più vi cino alla Cit - tà
- La ver-gogna via da te Getta e lascia in

^i^i^gi^ y y if u t^-"tr
ì^^-
CORO.

^ ^^ Si=J=^
fctì

conso-lar; A Lui vieni, frate! caro, non tardar!


giu-bi-lar; A Lui vieni, fratel caro, non tardar ! ^... ,

^^
"^^^ ^^^^^"^ "°"
Lui restar; Vie-ni vieni, fratel caro, non tardar !
"

teoperar Gesù Cristo, chea te di-ce;Non tardar! Non tardar! fratel. non

ì^^^M^Èm f

m
-yv-p-p-pir

1 r^ ^
j^ iSZiO

più tardar!! Non tardar! non più tardar!! Egli à l'occhio sopra

s^
più -tardar'. .non più tardar"

MUSIC COPYRIGHT. 1909.


Non

BY P.
^^^ ^-r
-----
f^
1^
P BILHORN. INTERNATIONAL COPYRIGHT SECURED.
^
tardar' fra-tei, non più tar-dar' .non più tardar!!

^-i^StJL^rf
fcf
t^
-

Non Tardar!

t=t tfct-È^
"^^^^E^ :^=t
te, E ti vuole conso-lar; Vieni o-ra, frate! ca-ro. non tardar!

38. Vivo nel Vangel,..


John T. Grapb.

É
1. Glo-rio-so nelmiocuor lo sen-to l'e-van-gel, L'Id - dio li
2. L'Id-dio con-so- la - ter Non m'abbando-ne - rà, Per sempre
3. Per sempre col Si- gnor lo spe- ro cammi-nar, E nel suo
4. Vi . ci-.ioalSaUva-tor E glo- ria di re-star; Sen - - tir Gè

m ÉMà P i^ k li
V V
f=l£
V
f^.
1n=^
CORO..

^fb^--jfefeggfa4UJ=^
be - ra - tor, (I San - to d'I-sra - el.
nekniocuor Da prò- de re-gne - rà. Vi - vo nel vai . gel,
Nomeognor Ve -der-mi prospe - rar.
sCi nel cuor V'è gio - - ia, nel can-tar:
— r — •

39. Egli ci Esaudirà.


OOPVRIOHT, IMA, BY CHAS. H. GABRIEL.
W. e. M. HACKLEMAN, OWNER-
L. B. Joa«s.

1. Quando a
Quan-do
Dio gridia-mo E-gli
^^P^É^^ci e-sau-di- rà, Quando noi gri -

2. lo cerchiamo Ei si fa-rà tro-var, Quando lo cer-


3. O fra-tei -li, apriamo cuore al buon Ge-sù,
il fra-te! . li,

^^^^^
^^rm^
JU-^-

éfei5t
^

# T^—•—
»

diam col cuor (co! cuor)! Quando lo invochiamo Ei e rispon-de-rà,


chìamcol cuor (col cuor)! Quando lo bramiamo Ei s fa-rà gustar,
tut-to ilcuor(il cuor)! E-gli è la pa-ro-la p e-na di vir-tù...

^ ^
m ^
4L'
r—t—
t=^ r^
^^^^^
u^
CORO.

fe&-^±^-j-Lg{z3Éi
T
ir-
^iì^égdd
^ •^rt-> I

Quando lo mvochiam col cuor! Quando lo mvochiam colcuor(col cuor)!


Quando lo bramiam col cuor Quando lo bramiam col cuor(col ! cuor)!
fra-tei - li, apriamo il cuor ! O fra-tel-li, apriamo il cuor(il cuor)!

^s
^
JU s^.
s '^-^^ :l?±
4L-

1?±=5:
#^ #^

è
3^ ^.=^
5^E :i ' d g-r—#- 3^^
zr
Quando lo mvochiam col cuor (col cuor)! Quando a Dio gn-dia
Quando lo bramiam col cuor (col cuor)! Quan-do lo cerchia
fra-tel-li,a-priamo il cuor ( il cuor)! O fra -tei -li apna
^
^^g
m rf 1/ t^
t: 4L
^ett
1?=^
r4^

-^-n^^ — & I

— a

Egli ci Esaudirà.

^i&:

mo E-gli ci
^3=?
e-sau- di- rà,

33^3^:=E£
Quando noi gridiam
1 ì—
col cuor!
m
mo Ei si fa - rà tro-var. Quando lo cerchiam col cuor!
mo il cuore al buon Gè- su. O fra -tei - li. tut - to il cuor'

40. Opera in Me!


THEODORE E. PERKINS. 1858.

*=J^Si^
Mi prostro a te, Signor, - - pe - ra in me ! A- spei-to
Ti pre - go con ar-dor, - - pe - ra in me I Bramo arric
O Dio del -la bontà, - - pe - ra in me '
Per tua be
Si - gno - re non tar-dar. - - Pe - ra in me ! A - scol-ta'l

rtr
più vi-gor; - pera in me ! fe-H.-ci-tà E fa -rei
chird'amor; 0- pera in me! Tu sol mi puoi portar, Padre,
ni -gni -tà, - pera in me ! II- lu-mina'l miocuor Nel voi to -

mio pregar:

'^"^.-f^ m
- pera in me! Col sangue di

p^
Gesù A Tecom-

a_#- ?=t ^
tuo
per -
vo-ler,
fe-zion;
Se-guir
Più san .
la
to
ve -

mi puoi far;
ri - tà: -

-
-

-
iF=r
pe-ra
pe-ra
in
in
me
me
m !

di Gè- su: Bra-mo gu-star-ti ognor, O - - pe-ra mme!


pra - to son; O Dio, non tar-dar più; - - pe-ra in me!

ii
-jm li
Er PenvissJON or Ow^cn or Copymarti
41. Mia Forza e Mia Rupe,

1.
2.
Si-gno
Signor,
3^^
re
la
mia rocca e mio
tua gra-zia sia
scu
quel
^^
do.
la
Mary Whittle

Tu
Che
sei
mi
3. Signor de' si gno-ri, for tez za Sia al mio
4. Sj-gno re.al tuo Nome in e ter no Sia la

-0- »- %0- * -^- -#- -5«- -0- -#-^V,


p
m 1 [: I I ^ =F
upp

sempre al mio cuo- re con-for to; E ra immerso ne


colma di be-ni o-gni giorno Fi noalca~roe bra-
cuo-re e un al - to ri cet-to, Il tuo No-me vi-

lo - de, lo - no - re e la gloria, E di Te la con-

m m^ ^ff
1=^ 1
-f—fi
=zz={:
^S

fal-Ii,e-ra mor-to, Ma tuo san-to


'I Figliuolmi sal-vò.
ma-to - tor-no
ri Che fa-rà'l buon Pa-sto-re dalci'el.
cin, be-ne- det-to, No - me san-to che salvai fe-del.
ti-nua me-mo-ria Per Gè- su, mio fé- del Re-dentor

kfrfrrrrri^iPfspEì^
É
CORO.
^ ^1^
:f^^:^

Copyright,
Si-gno

g
1903,
re, mia

by The Biglow
X=T:^
for za e

X=t
*=^
mia

tr-^
& Maia Co., New York.
ru-pe

^ Per

5^
Used by permissioa
Te
^ r

Mia Forza e Mia Rupe,

SO lo il tuo
?=3=^
No me ri -
^
cordo, Sia la pa - ce,
P
la

@5 ^^f^TTf' I I li

N^^^-^H^!g^ Ì^^^-M44^
gioia e l'accòrdo

T 1
. ^ ^ ^.
i/ '
'

=^==t
Di

I
I
Te sempre

1—
con

lEXp:
tut-ti

1

i fe-del.

^ ^a - men.

42. Il Signor della Mia Vita,

1. Il Signor della mia vi ta Qui son giunto per lo-dar,


2. Al-l'ld-diocheso Ioado-ro mio salmo innalze rò;
Quì'l •

3. QuMa gloria delSigno-re Sono ansio-so di ve-der,


4. Sento fame.evo' saziarmi Riguardando al Sal-va - tor.
5. Già mi sento nel Signo-re L'alma appieno con-sola-r,

E per ricerca rea ì ta Perchè duro è camminar.


Co' fede-li in dol coro ce Gioia in Cristo guste-rò.
Sto aspettandola col cuore Perchè in essa'l mio poter.
Sento sete.e dis se tarmi Qui potrò nel mio Signor.
Rinfrescare tut to'l cuore, E la mente rinnovar. A- men.
.j-Jr-ié-^i
^^^^^^^M
43. Non ve Storia al Mondo Pari.
J. LniooLN Hall
Slov), vrUh expressùm.
J^_^

1. Solla storia del vangelo Ci racconta di Gesù, Come essendo ricco in


2. Sul-la croce fu inchiodato E'I suo sangue sparso fu;Da una lancia trafo-
3. Di • let-te - vole ascoltare È la storia di Gesù; fra-tel-lo, conso-

eie-Io Si fé' pove- roquaggiù, Per donare a noi la vi-ta Sino a-


ra-toFuilco-stato di Ge-sù. Noida questi li -vi -do- ri Ri-ce-
la -re Non ti senti anco-ra tu? Il giu-di-cio fu cambiato NeMa

£ì
r^^ lilin ^n f=^ :^=t
-fr

morte si abbassò: Per la gloria a Lui d'innanzi, Ogni cosa sopportò,


viamo sa-ni-ta... Il vange-lo ci racconta Di Gesù la re-al-tà.
bella ere-di*-tà... Al Signo-re sia la gloria; L'evangelo è ve ri tà.

CORO.

Non v'è storia al mondo pari Come quella del Signor,Che rallegra maiìsu> i

c=rrr=
Copyright, MCMV, by Hall-Mack Co.
Non ve Storia al Mondo Pari.

e -ti, E convertali peccator. E la storia che racconta Di Ge-

fegpf=±=£ *=?:
f—r-
l fc£
:(=f^
ìrt-i-tr^-^^

su la re-al-tà, Cheri-stora le ro-vine Dell'intiera urna -ni- tà.

1/ u

44. Speranza d'Israele.

(Sulla mei. de! cani, precedente)

1. Speranza d'Israele, • lo Te solo sto aspettar;


Amo esserti fedele, • Amo a casa ritornar.
.
Spero tosto che finita Sia ogni prova di quaggiù;
-

Sto aspettando eterna vita Su nel eie! con te, Gesù.

CORO: ( Si ripete il primo verso )

o ^ [dolor;
Questo mondo non presenta Che cordoglio e gran
2. •

Esso l'alma mi tormenta... Voglio te, Padre d'amor! •

Nella terra del tormento Non v'è luogo più per me; •

A te in fede mi presento, Amo.o Dio, venir con te.


3. Amo il cielo desiato, - Amo Te, Padre d'amor;


Amo Cristo in ciel beato, • Amo buon consolator.
il

Con e la sposa,
lo Spirito -
Dico:"Vien, Signor Gesù'
Rendi l'alma mia gloriosa, • Santa e piena di virtù.
45. Nel mio cammin.
D. B. TOWNEB.

SHV-f^-j^
i :fcS: i^ m
Fa.o mio Si-gnor, che nel cammin lo sia te - del sino alia fin;
La ve-ren-za ed il ti-mor Siano, Signo - re, nel mio cuor.
ri -

Quando le on - de sono al cuor, Fammi ve - de- re iltuo splendor;


.0. . .^
t*
^i e 1 r '
i
*
1
^
^^^
I pie-di miei
r-^-
-—#-

gui-da-li tu:
f-
Il
ì
tut-to sei per me, Gè- su.
m
Ed il peccar lun-gi dame; Vo-glio ser-vir so - lo che a te.
La notte é ce innanzi a Stendi tua ma -no su me.

^
lu - te, di

1 ^ N N

?±:
Ì=)t
V ^
ti=f J^ ^ ^ r
b b I

CORO.

t t-^u-^
Fa.omio Si-gnor,che
^i=^

nel
— *-

cammin Possa ve - dermi a te


mVi-cin;

m^ t=:=^
c=t
r=f >-r
b b rp
1/

P v-v-it
-^ fS

g=^
f^

^^ b e r
t=5 I
I eie - li a-per- ti innanzi a me Bramo ve - de-re ognor per fé.

m=$r.
mm-
—j-j-g-tf=£ a
46. Padre Nostro.
JNO. R. SVWENEV.

^EiM
;fc^
-:;rrxt
Padre nostro che
3C=S=P
^ siedi su ne'ciel.
^^ Siasant ca-to o-gnor
:^

O sia fatta, Signor. tua lon -tà vo


Sulla ter -ra - conne m ciei
pacca-ti rimet ti
I ci, o Signor. Come noi li
- n.met-tiam
Non indurci, buon Padre, intentazion. Ma li-be ra dal mal

r rr:f rr:-r
M -4

tuo Nome da tut-ti tuoi fé i - regno tuo d'amor


del; Venga il

Dacci og-gi il pane a sa-zie - tà. Co. ti


diano del van-gei -

Dicuorpuro a' no-stri de - tor...A


bi te
- noi li con-fessiam
Egliétu-o regno e sai va-zion, Forza e gloria ce - le-stial

^^
CORO.

^-0-^^

Gloria glo
Glo-rfa
-

gio-ria. eter
-

na glo-
iqr
r'^

ria,e-ter-na glo
ria.
t

glo-ria glo
-

n • a.
^
ria.Lode e ono-re a te rendiam.Si

=#=1^=^

^^
1>-Ì7^-^
^^ • —#-
gnor;(con lutto'l cuor)Di vi-ta e-terra sei'l vero sentier.Rupe e scudo al nostro cuoi

COptRiGhT, 1S87 >iO R SWENEr. Bv PER.


47. Ecco il Santo Agnel di Dio.

f
Ecco il san - to A-gnel di Di - o Che da no» toUse i pec
lEi mo - - ri, ri- sor- se, in gio-ria Fu ra - - pi - - to per tor-

f Da-gli a - - pò - - sto - lì annun - zia-to Fu che Cri - . sto dee tor-


2.
iCon le lam - pe nostre acce- se, E co' no - stri lom-bi
I
È la not - te ornai a-van - za -ta.Sta il bel di per ap - pa-
) - gni - - pra te - ne - bro - sa Su, fra - - tei - - li. via get-

^m^- ca-ti, Ei con sé ci vuol be - a - ti Nel suo regnoaete-rni-


na-re, Per rac - co - glie-reepor-ta-re Su nel eie- lo i suoi te-
na-re; fra - - tei - - li, dimo - ra-re Noi dob-bia-mo nei suo a-
ci-nti, dal- lo Spi - - ri - to so-spin-ti Ri-guar- dia-mo verso il

ri-re... Ge-sù Cri - stoè perve- ni-re, Ed - gni occhio lo ve-


tiamo, E gli ar- ne - - si ri-ve-stiamo Del di - vi - noe santo A-
4

CORO.
?^,| Or noi siamo la pro-genie, La pro-genie di Ge-sù, La pro-

|0r noi siamo la pro-genie. La pro-genie di Ge-sù, La pro-


"J^.gJ"

Or noi siamo la pro-genie, La pro-genie di Ge-sù, La prò-


j|gl'}

ge-nie be - ne - det-ta, Ri- ve- - sti- ta di Vir - tu.


1

48. Lo Sposo tuo ti chiama.


Adaptcd by L. L. PiCKETf.

1. LoSposotuotichiama.Tusaichi Egli si a; Levati, ami-ca mi- a,


-

2. Tu m'ài involato'l cuore, Sposa.sorella mi-a.. Tu sai qul'è la vi - a,


3. Di bisso sei vesti- ta, Coraggiovieniavanti;Deh!vientene con canti,

Evienteneconme. ILvernoègià passato. .Leviti anno fio-ri -to,


Dehivienteneconme. In te non v'è difetto. Sei pura come so-le... il

Adorna di splendor. Ascoltami fanciulla, losonoiUtuoSìgno-re^

rH=^
CORO.

Deh! vien col tuo marito Nel sen d'eterni - tà.


Lo sposo tuo ti vuole. Deh! vieni non tardar. Lo sposo tuo ti chiama,
Inebria-ti d'amo-re, Consola-ticon me.

# i^o-, — r f P P ^ f g' g
i

Tu sai chi Egli si-a; Levati, ami-ca mi- a, E vientene con me.

P t p t" I
^ y ^ y \ IT^
Copyright, 1897, by L. L. rtcKEYr. Used by p«r.
49. Sul Golgota Mori.
COPYMOHT, 1902, GY E. O. tXCELL.

f
1.
^.li;
Fra
- tei - li il
j j-ir
Sai - va - to - re
WORDS ANO MuetO.

^ ^m
Per noi mol-to
Chas. H. Oabeisl.

^
sof-frl
2. La mor-te del Si-gno-re A noi ia vi - ta die
3. Sul Gol-go-ta il Si-gno-re L'o-pra d'amor com-pì

:t5=::t^
1/—¥- -^
— ^
i^
fc^
^^—i
Per dar- ci nuo-vo cuo-re Sul Gol-go-ta mo - ri.

Or
Per

r^r[±:^
sia-mo nel suoa-mo-re,
l'empio pecca -- to - re

3
Fi
In
gliuo-li
cro-cee-gli

^
del gran Re.
mo - ri.

^ E ^^ ^
Oh, qual ri- co - no . scen- za Dob-biamo al Padre in ciel,
Nel - l'è - van-ge - lo sia-mo, In Cri- sto noi vi-viam;
Or Siam ri - con-ci--lia - ti Al Pa-dre per Gè- su,
•^ •?»• ^^

i^
S r^rrT^
Fine.

La sua be - ne - vo glienza Ci die-deil santo A-gnel.


Fra - tei - li, non te - mia-mo. A - - van-ti cammi-niam.
In Cri- sto per. do - na - ti Per non pecca- re più.
t-t-

Per dar-ci nuo-vc cuo-re Sul Gol-go-ta mo-ri.


.

Sul Golgota Mori,


CORO.

^-t
Fra - tei- li, il
^'

Sai -
ì
va- -
\

to-
t
-
j
re mol
e
-
i

to
r e
per noi
^
sof - fri,
D.S,

50. Fratelli, Ricerchiamo...


(Sulla mei. del contìco prcedents.)

1. Fratelli, ricerchiamo - La faccia del Signor,


Bisogno grande abbiamo, - Cerchiamola col cuor.
Su via, fratelli cari, - Mettiamoci a cercar,
Colui che non ha pari ci vuole consolar.

CORO: Fratelli, ricerchiamo-U faccia del Signor,


Bisogno grande abbiamo.-Cerchiamola col cuor.

2. Lo Spirito d'amore - Ci porta a ricercar


La faccia del Signore - Che sol può rallegrar.
Chiniamoci, fratelli, - Uniti a' nostri cuor;
Se fummo un dì ribelli, - Or siamo a Dio un tesor. CORO.

3. Essa è'I nascondimento De' - figli del Signor;


Ne! gran combattimento - Rinforza il nostro cuor.
Essa ci dà riposo - Nella distretta e duol,
Nel gicfno tenebroso - Risplendere fa il sol. CORO.

4. Fratelli, il nostro cuore, - Da parte del Signor,


Ci dicecon amore: - Cercate il Creator,
Cercate la sua faccia, - Ed Ei benedirà;
Nessun di noi si taccia, Chi cerca trdVerà. CORD.

Eccomi Davanti a Te
W. G. Fi»ct«f.

1 Eccomi davanti a te, Nel tuo tempio.o SaIvator;IL tuo volto verso b» Fa risplender nel tuo anw
.

CORO;La mcoppa tratx>ccar,o Signor.per grazia fa;lo sao qui per ascoltar L'evangel di ve-rì-tà
2 Signor.davanti a te Dammi forza di restarCon timore e vera fè.loson qui per ascoltar.
3 lo ti mlro,o buoo Gesù Ti contemplo ed mio cor;Mi riempia tua virtù Di giustizia « santo snwr.
52. Sulla Croce per Me.

1.
2.
j^=i^-j
Gè- su
Gè -su,
Sai
^
va-to- re,
-

sul-, la ero -ce


(DOHT.)

pio
sof -fri
- - ri . .

- -
GBAVT COLFAX TtTLLA»..

m
sti
sti il
^-É-

per
mar-tir
me
^
Sul
Per
- la
do.
3. O Gè -su, tu por-ta - sti le mie i- ni - - qui-tà Sul - la

^3 ^f r- =T

ero . ce congran-de
^^M do-lor. Per
_! «L

sal-var-mi dal mal e do-


nar - mi de' fai - -per-don.
li il Per por-tar- mi nel ciel in e-
ero - ce pel gran-de tuo amor; Tut - ti quanti miei mal, e i le

Ì-JU4 L±j. j^. ^j. j^.n i-1^


m i^i
^
j?:^a= ^[^^"r^
narml la fé Che at-ter-ra il ne-mi-co in terror.
^ CORO.
:fc

terno a gio- ir Co' re-den-ti a cui desti il tuo tron. Sulla croce per me
mieinfer-mi-tà Tu porta-sti, o be- ni-gno Signor.

ii^i j^.ji j^.


j, j j^. j^
j^^ ^m
m ^^^
ì:

mo-ri- stioGe-sù, tuo sangue,o gran Re, Per

mmm ^
tu tu spargesti il la

t=fe=:*=l^
CopTrirht. 1809. bv Tollar-MerediUi Co.
mm.
UseU by p«iP^^ r"
Sulla Croce per Me.

vare
mmmtmwr^;^
il
J ^ ^J ^ 1
mio cuor d'ogni mal,d'ognierror,E per farmi obbedir
rit

^
so-lo a te.

53. lo sento, buon Padre, il tuo Amor.


GEO. NAEGELI.

i^^^^ lo sento,buonPadre,iltuoamor,La ca-ratua vo-cenelcuor


^ SS
1.
2. O Pa-dre deh! fammi per fé Congio-ia se-gui- re il gran Re,
È ne-ro e frale mio cuor, Rin.for.za-lo,o Pa-dre d'a-mor:

^
3. te -

^
il

O t / f=r
F=F
J=v
-àà^
I¥-^U Pi ^ B r f- ^'r ''^ii^I
Che di.ce:Chi crede nel Cristo vi - vrà, E presto nel eie- lo sa - rà.
L'e-terno te-so-ro di vitaed'amor Che a- bita dentro al mio cuor.
Riempirlo tu puo-l di santa'vir-tù Cheognorfa se-gui-re Ge-sù.

1
j:

^ r^

(
f^-r

SECONDA PARTE.
^=f^r^^
P f=^
:

)
[ s

4. Gesù, tu sei caro al mio cuor;-Ti amo pensando a te ognor.


Con la tua presenza consola, Signor.-Consola.consola il mio cuor.
5.Tu sei la mia forza, Srgnor,-Mia speme mia rocca e tesor;
Mia guida, mia vita, mia luce e valor-Per me sei e sarai ognor.
6. Benigno e pietoso,Signor,-Allarga,ti prego,il mio cuor;
lo bramo servirti con santo timor,.Gustando l'immenso tuo amor.
1 r —— r

54. Obbedir solo a Te.

i^^^^^^
D. B. TOWNBR.

iqc
:(!
l-l- g'_Lg=g
1. O Signor de' Sl-gnor, Miofedel Sai,- va - ter, Voglio sempre a te
2. La mia fe-de in te ognor Rendi for- te,o Si-gnor, Voglio sempre a te
3. Dietroate cammi-nar, O Signor mi puoi far, Vogtto sempreate

m^ r-i [^ ], r i#=rg
rriM 1 ^=^ :4r=^

1
u u
I— u

^dM^^=i=k^=f^
so-loob-be-
so-loob-be-
dir.
dir.
Non v'è scampo per me,
Nel-la pa-triadel del, Sesa-ròa te fé - del.
Signor Re de'
^^ re,

90.lo ob-be - dir. Prendi In mano'l mio cuor, O fé- del buon Pa-stor,

m i— t=fc:
y> i' i \\— ì
#=
^ 1 r
m
CORO.

Se ebbe
In
}s=t!:
feÉ
^

e - ter - no
-^^

di - re ri - .

sa -
r
fiu-to al
rà il
m
mio gio
tuo
s:

dir.
ir.
-I-
3^*
4^: ^—i-t-A
Re de' re
tE=tE

ob- be-
Giorno e not- te ti vó-glio se-guir.

^ ^ ^ ^ A^
'^^
.0-

^^
^^ ^ — — t
1
(
T

^
^s ^^^^r^^=3F '

#=s=*
I r.^
:^: I
dir so- lo a te, Ob-be- di- re a te so -lo V'è gran premio per me.

A A -fsz. ^^ ,^ ^
^ ^=»=*ÌÈ^ 11
i
I—L
Ctepyright, 1«87, by D. B.
M^i
Towner. By
I

per.
I
—r— I
^-
55, Oh! che Gioia...
J. W. Van De Vbstkr.
:t=^ m=t
-r #• TT ' -r *-•
-^ -^ S^
" -^r 1ir V ^
1. Lo Spo-so sia-mo pronti ad in - centrar, Ecco dal cielo el vien;
2. Ri - ce ve- re- mo la co - ro-na in ciel, Se Cri - sto se-gui-tiam;
3. Nel- la

s:;
Cit-tà

J
M
del

j
.^
ciel
N
ci
^
tro

^EE
- ve-rem Col no- stro Re-cLen - tor;

^
^ s=*
p r h N
^
La lampa arden-te sia nel no-stro cuor.Vo-gliam seguirlo a ppien.
Fra tei- li, cammi-nia-mo nel van-gel, Da pro-di combattiam.
U na co-ro-na in-tornoa lui sa- rem Di gloria e di splendor.

gdj ### J
t=t 9 lpH
^-rft
f=ì?
^
»-

CORO

^i^ tjE

Oh! che gioia è prepa - ra-ta


• -5- ^
in ciel, Pei
T 1r-^-
:t=^ S ^^
ir-^
re-den-ti del Si-gnor Gè - ^;

^^^j=[f^ -r-^-if-y
r-r-^ ^ *c=k:
£=^

ft-1-H-^^^-
Se ve-gliando el ci tro.-ve--rà Incielci por-te - - rà.

N^^^g^^^^TF Cosyrisht. 1899, b7 Hall-Hack Co.


^ff^fef^
Used by per.
— —

56. IL Sangue di Gesù.


Wm. J KIRK^ATRICK.
f\ i^ ^ % ^
V N'i ^
ry5f*>
— r K jr
"1
'
'
.
'

—^
n'


1

J j j; I

J
H^*' ."^ ,1^
X

-^^
- . 1 1
h.-
(m >.'•
-J^s
fL rL
^ H
l
S s * *
h h
4. 1^ :

<M-^
#-^-5 #- 1

O ^4r 4- 4- if ^
1

1. Quel sangue pre - zi - - o - so Ver. sa - to dal Signor E' la vir-

2. Fra- tei- li, sempre ailegr , Quel sangue ci la - vò! Lo- diamo
3- Di gfo-ria inco - ro - na-to, L'è -ter -no Re-den-tor, In breve
N - -
Jt. JL ^.
iT A p
/^'\4fo~^ -"
wwz, f
* m ~ *
f
i \0
r V
Tk kitrU
. 0.. #
T

\iS>r>T
j i r
L r yj I
1 '

^
1

1
b
1/ U /
-
r
y
r
w
/ r •

y
t r. r u "^
T; r.
CORO.
I: «— \ I— -
- ^-VJ5
-1


rs

i _ _

tu che la -va IL cuor del pecca - tor.


_ _ i' ì^

d'un sol cuo-re Co -lui che ci sai - vò. Oh! il san-gue di Gesù.il

noi ve - dremo Nel grande suo splendor.

-ì W"
t=x
-p^-y-
^s^ tfwT^ y. ti.

sangue
^ di
f=ì=t=hi==^f$=i=^
Gè - su, IL
^3
san-gue
P di Ge-sù il cuo-re

1^
3P^
>
ci la-vò.

»
wv Copyright,
m
W^TF

1896,
te
Wm
by J. Kirkpatrick.
H-! h- 0' —0—0-
g -V- -V '- I

57. Udii la cara Storia.


( Sulla melodìa del cantico precedente.)

1. Udii la cara storia -Di chi morì per me,


Di Cristo il grande amore, - E in lui posi mia tè.

CORO: Oh sangue del Signor,!! sangue del Signor,


! il

IL sangue del Signor il cuore mi lavò.

2. Per grazia il gran perdono - Mi offerse il Redentor;


Qual musica al mio cuore-Sua voce sento ancor. CORO.

3. IL sangue del Signore, - Prezioso sangue ognor.


la neve imbianca, -Cosi imbiancò il mio
Come cuor. CORO.

58. Vittoria Sempre Noi s'avrà

1. A. van.tivecchiegiova.nl Insiem vogliamo andar, Di Cristo l'evan-


2. A-va-nti,sempreavan--ti Insiemd'unso-locuor.lL nostro ca - pi-

3. Vit-to - ri - a, vitto - ri - a, Fratelli,ognorgridiam;Or la vit-toriaè

CORO.

gè - lo vogliamo se.gui-tar.
ta - no E' Cristo Reden-tor. Vit-to . ri . a sempre noi s'avrà,
nostra In Cristo giu-biliam.

t?¥B^=M=
ir J j
-il J 1 > J J iP J =1=
— l-
N S -

l|5=2
iP-*
^
Vit-to ri - a sempre noi s'avrà. ^loici-lesiam salva . ti

p—= :

—=^.>--itL—g=t-5
1

IM=M-p- r b=^ t=U=: \^

se-gui-tiamo il Re, Conlui vin- ci-to - ri sia- mo per ta fé.

Copyright, 1897, tu Weeden & Vfn De VeiUn. P. P BiChom, omer.


É -

59. Al buon Combattimento

^m
Ira D. Samkbt.

533 i s
-0- ^- -0- ^r^
1. buon combat"^ ti
Al - men - - to Ci pre-sen-tia-mo o-gnor
2. Lo scu-do del. la fé - - de Prendendo in tut- te l'or,
3. Nel no- me del Si - gno - - re Contro il ne-mi-coandiam;

^g
m ^^^^Ìp =f-j4-f [ f
[^^
fe^É^^^-i ji j i rjrpm
Ve-sti--ti di giù . - sti - - zia, Fer-ven - ti nel - - gnor;
Si
A-.van-tl,e va - lo - - ro - - si Ci ren-de-rà il Si-gnor.
Con ze- lo.e con fer ^ « ven - - za. Fra . tei - li, l'ab bat . tiam.

tea^^^^^^^^^
^m^mi^^tU-Uil^
Coi no-stri lom- bi cin - - ti C-gnor di ve - ri - - tà;
tot- tiamo il gran ne - - mi - - co, L'a-stu - to ten - ta - - tor;
To-stoiI ne. mi - co vin - . to Per sempre allor sa - - rà,

Cai. za - ti del van . gè - . lo. Di pa-cee ca - ri . - tà.


Lui sempre con-tra - stia - - mo. Spegniamoci suo fu - ror.
E sot-to a' no-stri pie — di Id - dio lo tri - te - rà.

?Ji—
ifea^Wi^P**^
Copyright, i8gi, by The Biglovv & Main Co. Used by permission
Al buon Combattimento.
CORO.

jV4TfW-4i4 -ii',/)';iJ.
— : -^ =v n
Di Dio Tarma .tu . ra, Di Cristo il va - lo - - re.

A
h --n g>f-tf i^i il i f^^
Fra - - tei . li, prendia - - mo Per es - ser vin -ci - - tor.

^ 1 r~P 17
rrf \ìj tf jiea
60. La Nostra Vittoria.
( Salta nel. prendeots.)

1. Col nostro Salvatore,- Fratelli, avanti andiam;


Viviamo nel suo cuore,- Per fede cammìniam.
Egli è la vita nostra,- Nessun ci atterrerà,
Potente Egli si mostra; - La fede vincerà.

CORO: La nostra vittoria


E' il buon Salvatore,
A lui diamo gloria
Con tutto il nostro cuor

2 confidiamo - Nel Santo d'Israel;


Fratelli,
In lui perseveriamo; Saremo presto in eie!.
Sicuri andiamo avanti, -Ci guida il Salvator;
Saremo trionfanti; - Restiam fedeli ognor. - CORO

3. Vicini siamo al porto - Della Città d'amor;


Gesù, nostro conforto - Ci rende vincitor.
Ripieni del suo amore - canto della fé il

Alziam con tutto il cuore, - Lodiamo il Re de' re. - CORO.


4. Fratelli, riguardate, Che cosa è quel che appar?
-

Oh gloria", giubilate! - Abbiam varcato il mar!


La notte già inoltrata - Ci mostra da vicin,
La Sion, città bramata - Riposo al pellegrin. - CORO.
61 Intorno al Buon Gesù
(DUET FOR SOP. AND ALTO.) Mrs Grace McHose Dfxkkk.

'm^^d^^^^^^m
1. Gloria; al. le - . lu - ìa! Per gra-zia sia - mo Raccol.tiin.
2. Gloria; ai -le - . lu - ia! Gè . su lo - - dia - mo; E. gli è la
3. Gloria; al- le - - lu - ia! Fra. tei - li ca . . ri, Restiam te-

fe5 ^^^i
)—-1^4

tor . - no al buon Gè - - su; Fra.tel .11 ca . ri, a lui guar.


pie - - tra di va . . lor; Sopra dr es . sa e . di . fi-
de - - . li al Sal.va - - tor. I suoi sta . tu . - ti so-no a noi

ig^iEiaE^fei^gjgg;t±£i
I
3 — ^-j-^
^a 17T"J^f^=^ ^r:a ^ |
~

dia-mo E gu-ste-re.mo le sue vir - - tu. E -gli è l'A

chiamo, E l'è -di - fi - ciò Sa.ràado - nor. Gesù è la

chia-ri, Es.si sonscrit-ti ne' no-stri cuor. E - gli ci

£fe
^E-^^^^^^E^
^^pp^^i^^M
gnel-lo che è stato ucci . so Per da--- re li-ber-tà, per
pie - tra digranva.lo- re. Su es - - sa e-di -fìchiam, su
par - la con dolce vo. ce, fra. tei - . - li, ascol.tiam. fra-

^É^^^E^^è
Copyright, 1900, by Grace McHose Decker, Used by per
Intorno al Buon Gesù.
^-1^-
t=^ -^ M^^ ^ r ^EE
^ ^=iS ^-^ ^r^ «^
da re li - ber-tà, per da - - - re li - ber - tà.
es - - - sa e - di - flchiam, su es - - sa e-di - fichiam.
tei li, a-scoltiam, fra- tei - - - li, a-scoltiam.

^r r i jfcfap^ ^
^ CORO
^
i^^zie

Gloria;aHe-lu - ia!
«^c
fc5^
45=^5

li - be- ri
-X.=^4J^
1=1
siamo.Non Siam più schiavi del tenta-tor;
fcì^
ad*: g
Gloria;alie.lu . ia! fonda -ti siamo sopra la Pietra digranva.Jor;
Gloria;alle-lu - ia! non v'è alcun pari Di Ge-sù Cristo, nostro Si -gnor;

L'AgneidiDi-o ci à li-be-ra ti; A lui guardiamo o-gnor. gnor.


Noi siamo ricchi, noi Siam bea - ti; Gè - sù lo-diamo o-gnor. gnor.
Intornoa lu - i. noi ci troviamo, Restiamfede-li o-gnor. gnor.

m^ ^rrff r^vr .X^^^^^A^ ,

^^ m^
62. Manda la Tua Promessa.
(Sulla mei. del cantico precedente)

1. Manda, Signore, tua Promessa-Agli eletti del tuo cuor;


la

Nel tuo Figliuolo viene concessa,(l)E nel suo nome chiediamo ognor.
Padre, suggella tuoi figliuoli [: Col buon Consolator, (ter):]
i

CORO: Manda, Signore,la tua Promessa-Ne' riscattati tuoi imitator,


[: Nel tuo Figliuolo essa è concessa;-Eglì è il battezzator. :]
(0 Giov.XIV.26; 2 Cori. 21,22; Ef. 1.13.

63. Di Valore in Valor.
fciOLO OB UUET. Maueick a. Cufton.

1. Sotto al-l'ali, Si-gnor, del tuo amo-re alber-gar Bramo ogno-ra ri-
2. Del-la vi- ta, Si-gnor, vie più splenda'lsentier Che con-du-ce alla
3. O Signoria tua tieni ognor su man
di me, E-sal-ta-re ti

x JJ r-i^
i^ i^ e
J J ,

e
,

fc*
es
t;^ J
piendi Vir-tù:
San ta Cit-tà:
^ ^
ti ,

Di va -lorein va - lor verso tecammi - nar Mipuoi


IL since-ro mio cuor, o ricchezza del ver,Pertua
vuole'l mio cuor: Al glo-rio-so di-man giunge- rò per la fé, E ri-
*:
^S^^HEE^
t=t
Ì=tE

L-^ J-^ ri J
^ i
,rJ J,.^iU
te* g
1r-]g-
f=r g^^É

sK^p^^=^^
fa -

lu - ce
per grazia, in Gè . su.
la
re,
lu - ce ve-drà. Sotto
CORO.

al-l'a--li,
^s
Si-gnor,
m
deltuoa.
pie -no del grande tuo a-mor.

^^ r ^-J^
^^Ng
P r
--s-
-g-
, »
itzzpt:
f^
1 I
*=tc
l>

t^
dr

mo
3Q; 5
re alber-gar
É S^^ i 4=1: S:
fcjÉ
^=3-^=^=5
Bramo ogno-ra ri -piendi Vir-tù:
^^ Di va -lorein va

^^2=^ uLl ìit


CopjTzgh», 1896, by H»ll-M»ck Co.
r^^
Ueed by per.
f-l-t
s
1/ U I
CZE
— — ' — ^ • ^ ^ |

Di Valore in Valor,

-I u
-H -j «I p 2^ — L^ «q « 1— ;^
1

I
lor verso te cammi-nar Mi puoi fa- re, per grazia, in Gè - su.

1^
fe aizi: ;^
P=
1

64, Amiamo gli uni gli altri.


Copyright, 1885, Bv E. O. Excell.
E. O. EXCELL.

lazs:
—S—

1,{P
P fra - -tei - li,a-mia - - me gli u - ni gli al-trl o-gnor,
E l'a - mor che me stra Cri-sto al pec - ca - - tor.
fra - -tei - li.a-pria - - mo tut-to il no-stro cuor,
Idi fra - - ter-no a - mo - - re l'em-pie- rà il Si - gnor,
3 f Vi - - ta Sem - pi - ter - - na, pu - - ri - - tà di cuor,
IGio-ia nel van-ge - - lo, tut - to mostra a - mor.

* fSia glo--ri - - fi . - ca --to il no - me del Si - gnor;


'^0 fra .-tei - ll.a-mia-.mo gli u - ni gli al-tri o -gnor, i

CORO.

im^-7
y^— « M- a
——— m M
r-n—
:
i

rf—
— ^-v '^m
— m !
— ì-

0^
fra - tei - - li a - mia - mo gli U-- ni gliaj-tri o-jjnor,

fe. ?^ 0.0 -# •— #^-


~^--A
f^' > . / .—73 ;

K > X >

-mor che mo
'-0 9
-N-
0- m
^
l'a - stra Cri-sto al pec-ca tor.
_* «_ _« , 0^

65, Dal Tuo Tempio

^m^^^^^m
George S. Schuleb.

1. Tut- toquelcheinmeope - ra . sti Cdltuoamore,o buonGe-sù,


2. Col tuo Spi - ri - to d'a - mo - re Guida ogno-rainteilmio pie;
3. Del con - ti - nuo col tuo sangue Deh! mi 'fa-va,o Sal-va - tor;
4. La pa - ro - la del tuo a- mo- - re, Do - vi -zio -sa nel mio cuor,
-0-

mmm
-#

fe: t3^:

^0^^^M^^^
Dal tuo tempio sinché
- gni
ba-sti
giorno il tuo splen-do - re
Rin-for-zarpuòtua Vir-tù.
Sia maggior da . van-ti a me.
In te so-no,e per te lan-gue, L'al-ma mia di e-terno a-mor.
A - bi - tar deh! fa, Si - gno - re, E con essa tuo ti -mor, il

ti — 1-,-#- --- -^ -.---- ^


^^^^^m^^^m^kf^M
CORO

di-vin Gè - su. deh! rin - - for - za in me Dal tuo

:t2z=:
5^E$^5Ei —J^-^— #-v—^—
it ^^ F g
tem - pio. per la Vir tu. L'o-pra tua d'a-mor.

, *j? ft #,
:T:i=:»:i:zri =z=^p3iz:iy —
Copyright, 1915, by.G. S. Schuler. used by permission
i

Dal Tuo Tempio.

M^^È^^^ it:
-m-.
— «
-\-

che mi strin-gea te, Per lo - - da - re il tuo No- me o-gnor.

66. Senza Penna e Senza Inchiostro.


, ISSO, Br J. e. MORRIS. J. S. NOBUa.

§ÌlÌ \ i: tÌ:ì\U 'sjU fì^Jl^ -.

1. A noi tut-ti che ere - diamo Al van-ge - lo pien d'a-mo-re,


2. Sia la ca - ri-tà, l'a-mo - re Di Dio Padre in ciascun fi-glio,

^^
3. Sia la san-ta co-mu - nio-ne, Del di - vin Conso - la - to - re,

^^^^ K^ ^=w^ BE
\r-r

Fise.
adlib.

M -I M-
ÉW mjliMr^
O-gni dì mol-ti-pli. ca-ta Siala grazia del Si-gno - re.

E la pa - ce che con-ser-va ILcuor nostro in questo esi-glio.


Ferma ognor nel nostro cuo - re.

m ^
Con noitut - ti più vi - vèn-te,

MM
Scriva m tutti
'
i

r n[
Padre nostro
i- ^w
La pa ro- la
l'
dei Si-cpw
^''

- re.
CORO. D.S.

Sen-zapennae senza inchiostro, Con lo Spi - ri . to te - so - re

iP=^^

ISEO BY PERMISSIO^
67. Riscattati Siamo
H. L. GXLMOl^R.

1. Fra-tei . li, ri-scat-ta-. ti Col sangue di Gè - su,


2. E - ter - na-men-te e - let - - ti Dal mon do - ci ha Gè - su,
3. Ci die vi - ta immor-ta - - le Per fé -de il buon Gè - su,
4. Nel nu - me - ro de' san -ti Or sia - mo per Gè - su,

tentTiT^ SE m
FjTiiJi igiiJ
.

sia - mo sta --ti,


i
Ji
pec-ca-re
3'
i
J:i'
Per gra-zia Per non più,
Per es - - ser be - ne - det - ti, Per non pec - ca - re più.
Per vin - ce- re o-gni ma - le, Per non pec-ca-re più,
Per es.-ser tri -- on-fan . - ti, Per non pec-ca-re più,

i^
^^m
f^ f g '^-r g

mU4M=M
Per
Per
Per
Per
gra-zia sia-mo sta
es - ser be-ne-det
vin -cere o-gni ma
es - ser tri - on-fan
-

-
-

- ti.
ti.

ti,

le,
Per
Per
Per
Per
non
non
non
non
pecca
pecca
pecca
pecca
-

-
re
re
re
re
^
più.
più.
più.
più.

r^V [i II b I
i/-ij«~i é
i;
If ^ I u li ^A^3
CORO. h/iik feeling.

Copyright, 1897, by •!. L. Gilmour, Wenonah. N. J.


Riscattati Siamo.

^M ^
rttard.

&^ r
t=^^ P^^
i

s ^M
Ri scat ta ti sia . mo Per non peccar più.

^fr
68 Apri il Nostro Cuor.
Wm. J, Eirkpatric«.

1 A te, Signor, ci ri- - voigiam, A-pri nostro cuor;


2 Tuoi fi - -gli Siam, ab - bi mer-cè, A-pri nostro cuor;
3 Colcuo-rea te vo-gliam ser-vir, A-pri nostro cuor;
4 Pa-dre guarda a noi dal ciel, A-pri nostro cuor;
5 Noi tei chiediam pel buon Gè - su, A-pri nostro cuor;

Vi-viamper te, e a te ve-niam, A - pri il nostro cuor,


Nessun lo può, tuo - ri di te, A-pri il nostro cuor.
Mantienci appien nel tuo gio - ir, A-pri il nostro cuor,
Siam di Gè- su, del san - - to Agnel, A-pri il nostro cuor,
Nel suo vo - ler - pe - - - ra tu. A- pri il ncstro cuor.

D. S.A>/ tuo amor ah hi pi-età, a-pri il nostro cuor.

A-pri il cuor, A-pri il cuor, A-pri il no-stro cuor;

COPYRiGHT, 1S92. BY W J. KIRKPATRICK.


69. Fanciulla del Mio Cuor.
L. E. J0NB8.
t^Tifc:
W5=zt
r=* ife^p=^^
1. In te, fanciul-la mi- a, Di -tetto alcun non è? La ve-ri-tà, la
2. Sei va-ga, tut-ta bel-la.GraziosoèiItuo par-lar; Bril-lanteseiuna
3. Trapunta è la tua ve-ste, spo-sa dell' Agnel; La vo- ce tua ce-

4 N-Ji-

i=i
:fct^
3^
vi - a lo so-no, vienia me. Tu m'àl invola-to'l cuo - reCon l'occhio
stel-la, Ti voglio in ciel portar. Fanciul-la mia di- let-ta,Deh! vieni al
les-te Si o - de si-noalciel. Id -dio t'ha fat-to do- no Del san-to

^ I iSx:*; f=P:
b 1/ tr P r-p-

CORO.
J5^-J s^-J^^J
?-^^
1
ì=^^=:t: t=t-
-•-r ^z-^
^=i^ ^—é 3^=* w—it
tuo d'amor: lo sono il tuo Si-gno - - - re.Vieni a me.
tuo de-stin: Id - dio t'ha be-ne-det ta,Non tardar. Deh!vie-ni,deh!
suo Figliuoli lo che ti par-lo, so- no:L'Emmanuel.

^^^^^m^^
vieni, Fanciulla del miocuor.Deh! vieni.deh! vieni, lo sono'l tuo SignorrOh?

^mmm^itmp^f nrnr
Copyright, 190X, by HaU-Mack Co.
•d2=fc

i
w-w—
Ji-È-
tfl

Fanciulla del

w —i^
ir—*
P:* S=S:

vieni, deh! vieni. Vivrai fé

M 0t-M —•.#,#
-
^t^
^—9
Mio Cuor.

li-ce in ciel; lo

0' # •»
• #

0.0
#
i=f=^
#
sono'! tuo mari

l!i__t^


^ ^-^

^ 0'^f'0

Hai
to, Vle-ni

. .0

70. Il nostro Nome è Scritto,


(Sulla mei. del cantico precedente)

1. Il nostro nome è scritto, - Fratelli, su nel ciel,


Nel libro della vita - Del santo e divo Agnel.
Il Principe di gloria - Con tutto nostro cuor il

Lodiamo, o riscattati del Signor.

CORO: Fratelli, è scritto il nostro nome in ciel


Nel libro di vita, nel libro dell'Agnel;
Fratelli, è scritto il nostro nome in ciel;
Oh, gloria; Alleluiai Amen

2. Diletti, andiamo avanti^- Lodando il Salvator;


L'Iddio che ha fatto i cieli - È dentro al nostro cuor
Il buon Consolatore Ognor ci guiderà;
-

Fretelli, camminiamo in santità. CORO

3. Noi siamo la progenie - Del caro e buon Gesù,


Chiamati ad esser santi, - Ripieni di Virtù.
A vita siamo eletti - Per possedere ciel, il

Per essere la sposa dell'Agnel. CORO.

4. Alziam, fratelli cari, - Le nostre teste al ciel


Ilnostro nome è scritto - Nel libro dell'Agnel
Allegri.sempre allegri, - Noi siamo del Signor
Per essere raccolti in ciel d'amor CORO
— . —— -

71 Più Grato a Te
COPTBIOHT, 1898, BY WK. J. KKKPATHICK.
Aknib F. BotntNe.

Signor, deh! più gra-to col cuor Fam - - mi tu delVe-


Ge-sù tu do-na-stial miocuor La pu-rez -za, la
Signor, tu fa-ce-sti per me Quel che uomogiam.

9
V^-l
— —Hrp=f=: t
N
^ ^V-
F^-=5=^ / N > 1 ' 1

b^±d
jt>
b 1/

ra - ce e Fé - del, Del gran do - no di vi-tae d'a -mor,


Pa-cee la fé, La sa - pien - za, la gio - ia, l'a mor,
mai pò - tè far; E - - - ro mor - to, lon . ta - no da te;

-m- -^. hm -^ -0-'


- •

— —y—
.
——
, -t- -f- -f-
.''.!-
2St^*
K-L L
1*^-^—P
[

—— 1


^
;

li—
^7-
'
1* —p8
-V
— _f S
h-
p-
«
1

-V
•^
'—^— -f-
^—^= -V —P^ -^—-\
F
L/ t^— -i
m ' ~ì

U /

CORO.

^-9-
-^ (V
Ah-

tr ^ ^
'-^
m
Di Ge-sù che manda sti dal ciel.
La sa-viez-za di sta-.- rea' tuoi pie, Più gra - to a te.
O

^^
- - ra Fa - dre ti pos - - - so chiamar.
-.-. ^^^ n'^

P
à
.'!__&_ ^ ->-
J S^B
i r~K Z^JZ ^ '
V-;-
più grato a te. Con tutto'l cuor più gra to a te, O s.

^ t I I
=?:
mr^
Più Grato a Te
nA. ^ i^i^

=?
ij=feif^ *=jt
gnor.dehipiùgra -to a te.
*-r-É-
Fammi
^i
più grato a te. Più gra -to a
I
te!

m è
£^ [/ I i/—V — fe>^-
it==t f¥-rr-f
m
72. Figlio del Signor.
Qkohqb a. Miwor.
r 1-

tA'^^^t N P« '^ fe F^^=^^=^^=sM= 1


h-N ?« Ni 1-
-*-
, /O fra. tei - lo, VI - Via glo- lo- de.ono - re;
ria, Fat-to sei per
*
ICri-sto ti ha sa -va - to; vi -nel suo amo- re;
vi

fO fra -tei - lo, vi - vi ogno - ra pu- no e san -to, Lun-gi d'ogni


2

tGiu-bi la d'a- mo- re;in Cristo sia il tuovan- to,

3 fO fra -tei - lo, vi - vi a lo - de del vange - lo, Sotto a quel pre-


1 iTu prospe
• - re- rai, ar - ri - ve- rai nel eie - io;

te - de fi-glio del Signor, Tien la sua pa-ro - la scrit-ta nel tuo cuor.
ma-lee d'ogni confusion. fra-tello, sempre in lui la tua affezion.
zio - so sangue dell'Agnel; Resta, fratello caro, a Dio sempre fé -del.

Reda sotto al .sangue dei tuo Redentore.


-I-
CORO

Figlio del Signor, figlio del Signor, Vivi a lode e gloria del tuo Salvator;
Figlio del Signor, figlio del Signor,
^ - i

73. La Tua Parola,


4 — JtCO. R. SWKlflT.

1. A te la lo - - de, O Pa - dre d'a - mor, A te la


2. Gloria, Alle - -lu - - ia! O Pa - dre fé - - del, A te vi-

3. Sia be - ne - det - to IL san-to e-van- gel, Pa - ro - . la

m-
m m
I '-f
for
via-mo
pu
^
-
tEi
za, la

pel
ve
h

S h

gloria e l'o-nor;
santo e-van-gel,
^
#
-1^

'
# *
#
Noi ci sen-tia- mo
E pos-se - diamo
%
1
h:i
^
pel santo e-van.
il cuor di Ge-

fmmmn
- ra, - ra-ce e fé - del. Gloria, Alle - lu - ia! o Pa - dre d'a-

^ f-i-S-i H ^ i? ]/ i i -^
-

e fi - m, con iinua a pur.

h ^^ìhll
gel
su,
La ve--ra pa - ce,
L'a-mor suo san-to, sua
i
la
v^mà
gio--ia
san-ta
del
vir -
#-

ciel.

tu.

^
mor. Per es--sa man -da spa-ven-toe ti mor.

[5Fp^
iiaì' De' tuoi
^ m^m fi • qliuo - li la men-te ed il cuor.

^ O
CORO.

Pa-dre man
i
^f=C=T-t
(f
-

i
-

£
-:^=^
=y ^
da, con-tinua a
N
n
.S .N
man
;

N
-
J=U-
ì:e3
»=-#

dar La tua pa-


m M —

Copyright, iSgiiiiyjNo. R,
—0
Swxnxt.
é
^ T-^
.

La Tua Parola.

A :iT7
c t
ro
e
^^^m^m ri - - pie - na d'a - - mor; Pur - ga per
i

r--r—t
t^^t i
rf
74 . Qui noi Siam per Ascoltare
P. P. BrLHORN.

1. Qui noi Siam per ascolta . re La pa-ro la del Si-gnor Che la vita vuol for-
2 Ascoltiam la do. Ice vo > ce Del divino e Santo Agnel, Ed ai pie-di dei-la

3 fra-tel.ll,nel Si-gno - re Ci dobbiamo ral-legrar, Esser pie-ni di vl-

nna . re Di Ge-sù ne'nostri cuor; E per dare a lui la glo - ria, E l'un
ero . ce La pa-ro-la del van-gel; E sa.remoillu-mj.na . ti Nel-la

fo . re E l'afflitto con.so - lar; E formare un corpo so - io, Comean-

l'attroedi-fi - car; Ce-lebrarlasuame-mo - ria; Nell'amo-re prosperar


faccia sua d'amor, E col sangue suo purga • -ti, Fatti a lo-de del Si-gfMr

cor v'é un solo pan, E congiunti al suo Figliuo - lo, Di-morar nella sua man

WOKOS *M0 MUSJC COPmiGHT. t90«, BY P. P. BILMORN,


75. E la Verità Celeste.
COPYRIGHT 1901, BY DANIEL B. TOWNER. CHAS. M ALEXANDER. OWNcR,
INTERNATIONAL COPYRIGHT SECURED D. B. Towner.

mmmnE la ve n - tà ce -le -ste Che tramu . ta mente e cuor;


Es-sa è lu - ce ri-splen-den - te Al contri - to pec-ca-tor,
E la via chealciel condu - ce, Che pre-ser-va nell'a-mor
Non v'é nul-lain sul - la ter-ra Che impe- disca suo splendor; il

ì^^^
Chi
Ai -
di
Taf -
es-sa
flitto.al
si
cuor
ri- ve- ste
languente
Fat
Che
-
f"^
to è fi - glio

ri-cer-ca il
i tq t=--rj

Sal-va-tor,
T
del Si-gnor.
i
- gni cuor che si ri-du-ce Sot-to all'a - li del Si-gnor.
mot -ti a' san- ti fan - no guer-ra, Ma sua lu - ce splende ognor.

EsE^SÈElfe
^m^^^m
CORO

ì^?

Che al-l'u
m
o-mo do
^^^m - na nuo-va-men - te e nuo - vo cuor.
P — ^

76. L'amato e buon Gesù.


Ber. £lisha A. Hoffmak.

m
1.
=4^—

Che co-sa
P N f»^

è questo che è dentro di


2. D'ora in a-van-ti chi debbo ascoltar?
P
^ me? L'ama-to e buon Gè - su.
L'ama-toebuon Gè- su.
m
3. Chi manterrà il mio con -tinuo gio - ir? L'ama-toe buon Gè- su.
4. Chi o-gni co-sa per compi rà? me L'ama-to e buon Gè - su.

"— 1-;
-b
b
^ D
k t-j
b h h—H< K K-

4^--f^
fc=r^ t:
4^^
^=r m- tT
E que-sta pa - ce, fra-tei- lo, che è? L'ama-toebuon Gè su; -

E del con-ti-nuo chi debbo e-sal-tar? L'ama-toe buon Gè- su,


Chi l'e-van -gè - lo mi può far seguir? L'ama-toe buon Gè- su,
Chi l'alma mi - a nel ciel por-te - rà? L'ama-toe buon Gè su. -

te:EH=s=^
—— — -ì^—v
CORO.
b p
p
Hiizizdii^tf
ì^=4:
p—b— [>>
r mw
>

ST5
L'ama-toe buon Gè su, l'a-ma-toe buon Gè - su E nel tuo
L'ama-toebuon Gè su, Ta-ma-toe buon Gè - su Con tutto il

L'ama-toebuon Gè su, l'a-ma-toe buon Gè- su, IlbuonGe-


L'ama-toebuon Gè su. l'a-ma-toe buon Gè- su, Per l'evan-

p—b—tr

cuor,
>^ t=t
E
«=S:
nel tuo cuor
^^^s^^m l'a-ma - to e buon
h^,^

f-f-F
su. [ Gè - sii

cuor, Con tut-to il cuor l'a-ma - to e buon Gè su.


su, IL buon Gè - su. l'a-ma - to e buon Gè su.

m
gel, Per l'e-van-gel. l'a-ma -tee buon Gè su.

i=^=irr.
^jc
V k i^ P P
Used by pennission of E. A. Hoflfman, owner of copyright.
1^^ F=^
77. Infinito Amore.
Thomw J. Potter. Haydn.

1. In-fj-nitoa-mo- re, Possessordi me, Sento nel mio cuo-re Vi-ve-re per te.
2-Pace,gloriae-ter-na V'èpermenelciel, VI- ta sempi-ter- na Col di-vino Agnel.
3. Giubi-la cuor mi - cGrande è quell'amor, IL Figliuol di Di - o Fatto tuo te- sor.

|g! i4fffif"fHffpfq^ff^^=pfci
CORO. Infinito amo - re posses.Wf di me Sento nel mio cuore vivere pei-
m
te.

D.C.

Vi.vo nel Ve-ra - ce, Vi-vo nel Fé - del, Sento in lui la pa . ce Ve-ra dei vangel.
Veramente sen-to Vivere al Si-gnor, Es-se-re con-ten-to. Esser nell'amor.
Alma mia sta in pa-ce. Vi vi di lui sol; Splenda la tua fa - ce, Abbi in lui control.

^r, #^ t ,

78. Gloria al Salvatore.


( Sulla melodia del untico precedente.)

1. Gloria al Salvatore - Compi'tor di fé.


Principe e Signore, - Mediatore e Re.
Egli mi sostiene - Col suo buon voler;
Colmo d'ogni bene - Seguo ognora il ver.

CORO: Gloria al Salvatore,


Compitordifè,
Principe e Signore,
Mediatore e Re.

2. Gloria al Salvatore, - Capo della fé.


Vescovo e Pastore, - Avvocato e Re.
Egli mi conforta, - Mi ristora cuor. il

Verso Sion mi porta - Pieno del suo amor. CORO.

3. Gloria al Salvatore - Portator di fé.


Vero Conduttore, - Sacerdote e Re.
Col suo sangue, puro - Rese questo cuor;
Se il cammino è duro, - Forza è nel Signor. CORO.
— —

79. Vieni a Gesù...


COPtRiGHT. 1916. BY CHAS. W. ALEXANDER.
INTERNATIONAL COPYRIGHT SECURED. Cfea 1. B. GaBriel.
p. .
r-f^ ?^ — —1^
£^^^-1^ '

—«-r---f-m—m^—i-^- ~1~ -Z^ -É 1-

J é 1,1 -i -Àzzi^-4
* * ?
1

• • • •

• : #^ Hi V V.
1. Vieni a Gè- su. pecca-tor, La sua mercè rin-no-va'l cuor;
2. Vieni a Gè - su, pec-ca-tor, La sua pie-tà da pace al cuor;
3. Vieni a Gè- su, o pec-ca-tor, Vie - ni con fé, ri amor;
- ce-vi
4. Vieni a Gè - su, o pecca-tor, E - gli per te sa-ràunte-sor;

^ h ^ 1 h h h 1

^;>' • ^ • 1 •
•1 é '

p p ' 'é
1 i| 1 '

1 —
*^t\
^
2_gU
ri
i

J
1 1

' —#
! L b l L
Lv L 1 —^
5
i
1
i

-^ h .^ r s
J-v

La ve-ri-tà, viadelciel E il santo e di-vo Agnel. (


la il di • vo Apiel.)
Da-van-tia te ecco
il vangel...Ac cet-ta il santo AgneL

Non in-du-rar, t'al-le-sta,vien, sa - rai sal-va-toappien.


E - gli dal mal ti sal-ve-rà, e san-to ti fa - rà.

^ h h I h h h I h

Vie-ni a Gè . su, o pecca-tor, La sua mer-cè rin-nova il cuor;

-#-*-

ptE

F^ iPÉpÉfeteiii^^
Non in du- rar, non tar-darpiù, Con tutto il cuor vieni a Gè- su.

1-J_3i._£
— — —

80. Alleluia.
COPYRIGHT. 1912. BY CHARLIE D. TILLMAN, USED BY PERMISSION.
HOWAS» E. Smfth.

^t" I P

AI-le-lu-ia.lL
}

r
ì:
"

buon Gesù
'

ìrhg
Dimo
S 3 «
- ra nel mio cuor;
j ,1

«^
i

La sua man, la
h !

^S
AI-le-lu.ia.lLmiopia-cer È tut-to nel Si - gnor, La mia mente, il

Al-le-lu-ia.Undì sa - rò Si-mi-leal santoAgnel.Quandoin gloria ap-

—^ m™ ^—^— f»—f» —
A
'
T ^
i
^s
^
r.L r
p" r^ fÈ
r^^ I 'ì
t .ff fk f« ^ ^-
0i 1
1
. t . ^ ^ i» f» I

fc3:
t .|t»g 3 g
sua vir-tù, Tut-to mi va a fa - - vor. Veg-go chiaro mio sentier, il

mio pensier, L'eter-no mio te - - sor. E chi mai mi ferme -rà


pa - ri - rò Congliange-li del ciel. IL di-vin Conso- la-tor

^^
i^e
^ £E
\j \j ij ^ t=tE^
f^F^±FFf
-m-M.

r r r i
m m
£ t=t
r-'
t.

1 fJ[UMMUMìiiU13m
E chiaro reste - - rà; Nella grazia veggo il ver Che mio sa - rà
Seguendo il miocammin? L'alma mia non temerà, Glorio-so è il fin.

La strada appianerà; L'alma mia vi-ve d'amor.Di ve - ri - . tà.

CORO.

buon Gè - su di - mo - ra in me.

•,«~i^
F=f^
— H —
Alleluia.

Di-mo ra nel miocuor.Dentro al mio cuor Al - le - lu - - ia

1^ -+r—
-tr-r-*~r-^
t=e
i
>ESEE^3B -r^

81 Risvegliaci Tutti.
OOPvmOHT, 1604, BY Ó. B. TOWNER.
D. B. Towms.

^M
1 In nostro
M :s

soc-cor - so, Deh! vieni.o


i
^«^^3 ^ Gè - - su, Son gior-ni di
2. In nostro soc-cor- so, Deh! vieni, o Gè - -su, In te con - fi-

^
3, In

» f
^: f
nostro

m—'^—-*5^ ^
ili
soc-cor - so, Deh! vieni, o

'i<^ ' ^ — •

^
- -

I g
su,

: g ; —H—
A - bissa il ne-

g^ i
t±d=l
-&-^
É s^ ' £! • -rrrS Bl
prò -va, d'angoscia quaggiù; A te ri-cor-ria-mo, rinfor-zaci il

dia-mo, po-tentesei tu; Ci vuole se-dur. re ilgrantenta-


mi - co, spa-venta-lo tu; A te noi gri-dia-mo, rispondi, o Si-

^ me :e
^

»
^~^ -5^
te ^31

^
# # -'
^^ '

^ cuor,
tor,
^3
Ri sve-glia
-

Ri -sve-glia
J

-
Ì

ci
ci
l
:J::J:

tut
tut
-

-
ti

ti
l -J:

nel
nel
j j j
grande tuo a
grande tuo a
-

-
mor.
mor.

^
gnor, Ri - sve-glia - ci tut - ti nel grande tuo a - mor.

^
^.
d^ j^
-^^-^
i^ '^- [ 1 I
^ 1
— J

82. Cerchiamo il Signor.


Ira D Sankey

1 Fra-tel-li. noi sia-mo con Cri . . sto Gè - su Na - scosti in Dio Pa-


2. È prossimo gior-no del no - stro Gè - su; Fra tei - li.siam so-

^
il -

3. Fra -tel-li, cerchia-mo chi sta ad a-scol-tar Le nostre preghie-


1
1

^=P=C
I I I

it-r
I I

^ ^
. -
^?=^=^
1^ I

:t=t=:
I

dre.non più schiavi


^
tu; Per
wm ^
lui noi vi --
-f
via-mo gu-stan-do ilsuoa.
^^
bri, ve - glia. mo di più: IL san-to evan -gè - lo è il no-- stro te-
re e pront'è a do- nar: IL tempo è pro-pi - zio, cerchia - mo col

^-t-*- 1111
J=J=i
gfet
l=n :^
3=:^
-i—— É

m mor...
sor...
cuor...
Oh,
Oh,
Oh,
S S ^^^s^
glo-ria; Alle-lu
glo-ria; Alle-lu
glo-ria; Alle-lu
-

-
ia!
ia!
ia! cerchiamo
.1 l

cerchiamoli Si-gnor;
cerchiamo
-Tl'

il

il
Si-gnor;
Si-gnor;
CORO.

Qui siam
^ pel-le-

S5: SS -• 0-

4==f:

^ PP rall ^
- £ 9 8 .
P
^ ^^
Ei
H=iP» 9^*=5
rrs

i
gri - ni, qui Siam pellegri - ni, qui siam pelle-gri - ni, cerchia-mo il Signor

l5scd by per. Eiglow & Main,


I^^S^a
( PARTE SECONDA.)

4. Colui che diede il santo evangel


ci
Riempie di Spirto, suggella fedel; I

Riempie di pace, accresce l'amor...


Oh, gloria; Alleluia ! cerchiamo il Signor;
CORO: Qui Siam pellegrini, (ter)

cerchiamo il Signor.

5. Fratelli, cerchiamo, cerchiamo Signor, il

Cerchiamo, fratelli, cerchiamo col cuor;


È questo momento, perche ritardar?
il

Chi cerca, continui col cuore a cercar;


CORO: Qui Siam pellegrini, (ter)

conviene cercar.
6. Iddio sia lodato, benigno Gesù !

Beato chi cerca. ..trovato Egli fu !

Lo sento potente, è dentro al mio cuor...


Oh, gloria; Alleluia trovato ho Signor;
! il

CORO: Qui son pellegrino, (ter)


ma meco ho Signor. il

83. Col Cuor, col Cuor...


A- J. Showaltkr.
i r-r

rGlo-ria e lo-deognor diamo al santo Agnel.O fra-tei - li cari, in ve. ri-tà; 1


1.
\ Giù- bi-liam d'amor; pa- ce nel vangel;Camminiamo avanti in san - - / -ti-tà.
( Glo-ria e lo-de ognor diamo al santo Agnel, Per l'immensa sua benigni - tà; i
2.
t E-gliè'ISal-va-tor, siamo -gli fe-del; Segui-tia-mo- lo do-vun - - - Jqueeiva.
f Glo-ria e lo-de ognor diamo santo Agnel, Camminando sempre in carità;
al
\
3.
\ E-gliètut-t'amor; vi -ve su nel eie!, E dal cielo in gloria ap-pa - - ) -ri-rà.

m
CORO.
rr T— 2-
^4- I
-M p^^gHF^
..r — ^ - h»i^^^^^^^f=r-:=^=i ?r-K ^ ri-j I
fl

Col cuor, col cuor glorifichiamo'l santo Agnel,


Col cuor, col cuor fratelli.ognor cor: tutto'l cuor.

Used by perrnis-ion
——
84. Invochiamo Gesù'.
COPYRIGHT BY DANIEL B. TOWNER
1903.

— —————
*-^-4i
tè^H§dL_ibhm_£=±^
^ ^ p^ ^ ^ i ^-^
m

ENGLISH COPtRIGHT.

h \
*=~~ -^'^
'
» B. T<m,er.

^—I.^—
m^—t i
y])
ij
-^-G
J
•• J J J J €
##^.-
1 " «1 d'-
I

1. Glo - ria;AI-le - lu-ia! in-vo - chia- mo Gè -su; E - glie l'a-mi-


2. Glo - ria;AI-le - lu-ia! in-vo - chia- mo Gè - su, E la possen-
3. Glo - ria;AI-le - lu-ia! in-vo - chia- mo Gè - su; E - gli per gra-

;^h-f-S-^
'K^-t»^
S-? — — —
—p—p———
^
S
p
S
p
«
^
P
1
->—
P
—r—
«

>~>~fk
«
r—s—-%—
.

l^ '
y
i
»

)>•
V
» m

pi •—
i

P
m
:

ff

±—^
CO
te
ve
be
m^^^^^m
-

-
y
- -

. - _
-
w
ra-ce e
ni-
w-,

gna

sua
*
-

man
del;
/-

E
A
- gli

noi
non cambia,
da. rà. 1a
è sem-
vlt . te-
zia Cam - - blòll no- stro cuor; ci 'en - de- rà la sua san-
-#-
^ *'^~^« - *-. m -t— ?: ?^ -f
" ?r ?» t^
Qf
i&'V-
P-^*iH3
I

^
1
—1= >
/ V
r
-Jl-f-^-_li_
w
L
— ^-—P _l
—pb

-W— &_-U-
p
\j'
-i

.
-X,
» •\

pre qual fu, Co SI tro-via-mo nel san-to e-van-gel.


ria quag-giù; IL ten . ta - to - re ci ten - te-rà in van.
ta vir - tu - gnor più for - ti, rie- chi in a-mor.

^^ji^^^^m^ CORO.
. r

Invochiamo Gesù'.
\^-

-r-rr
su, sol Ge-sùiCon lui presto sa-re-mo nel ciei.

f-ttt^t^ìì^-tJ:

85. Santo, Santo sei, Signore.


J. J. HUSBAND.

S:
5j;
i 3^
T'a -spet-ta.o Si-- gnor, lo-de e o - no - - re col cuor
Sa-.ran-no, o Si-- gnor, dal -l'immmen - so tuo a - mor
O ca - - ro Gè - - su, - a te in - tor - no las - - su
-de- Gè- --su.

^M
Fra bre-ve las - - su i fé- li, o

m fcrrf # ^
S

f:tpn=m
Da tut - ti 1 re - - den - ti che
^—»—
t'a - ma- no o - gnor,
a
Sa . zia - ti i fé - - de - - li ter vcn - ti in te o -gnor,
Sa - ran - no gli e - let-- ti, che di --con quag.giù:
Di -- ran-no in e-- ter --no: Sol san - to sei tu:

m f=t=t T
t=ì^
f J
e
CORO

Santo.santo sei, Signo-re, Santo,santo sei tu;


Degno.degno sei, Signo-re, di lodeed'onor.
\

86. Verso Sion Città d'Amor.


Mn. C. H. MoKios.

1. Fra-tel-li, ver-so Sion marciam, Città d'amor,[Cit-tà d'a-mor,


2. Fra -tei - li, ver-so Sion marciam, Città d'amor, " "
3. Fra -tei - li, ver-so Sion marciam, Città d'amor, " "
4. Fra -tei - li, ver-so Sion marciam.Città d'amor, " "

SlS ^ s= ±M:
£
rt'tt
^
f=^^^^^M^fe=f
cit-tà d'amor; {Cit-tà d'a-mor;] L'Iddio del eie - le pos - se-
cit-tà d'amor; " " " " Nelnu-me-ro de' prò - di
cit-tà d'amor; " " '• " IL premio è grande, cam-mi-
cit-tà d'amor; " " " " In es - sa per en-tra - - re

^^^^^^^m
diam,Ge-sù, no-stro Si-gnor.
CORO.
a-

Ver -- so Sion
Siam de' fi gli del - Si-gnor.
niam,V'è for-za nel Si-gnor. [ Ver - so Si • on mar-ciam,

Siam, Entria-mo vin-ci - tor.


^ fJÈ^ 4t. ^ , .tL M.

^^^^
£fer:frrii
I3SEE?E
ver -.SO Sion
wm xn:
marciam, Ver-so Sion col
-^^=
buon Gesù,
ver so Si -
on mar-ciam,

-^

g^^^^a^^^g^^i
^-(i. -*.
0-0— 1

Copyright. 1901. by Wii. J. Kibkpatbick.


— H

Verso Sion Città d'Amor.

Ver -so Sion col buon Gesù; Ver- --- so Sion marciam
Ver - so Si - • on mar • ciatn.

-# •
.^
I I
^— —^-^^ -^• 4E- .m. ^JL M. M. . .». Jt.

fp^^^^rm^m
I I

fe -0—0-
2:$:*: V—y-

colbuonGe-sù, marcian Verso Sion cit-tà d'a - mor.


col buon Gè •
su mar- ciam.

tJ^M
^^ m
I
I

t=:;z=tz3|z=iÉ:
-_j 0-
# m
87. Giorno e Notte nel Tuo Sen.
WiLJJAM A. JUOE.

1. Si -gnor, tu ri - col - ma - sti IL mio cuo • re d'ogni ben,


2. Del con - ti - nuo mi sei sta - - to U - na roc - ca for-te al cuor,
3. Nel mio cor - pò ma - ni - - fé - - sta La tua vi ta, o Sal-va . • tor,

_^
—»J—-^Ì-kJ
^_,^_J ! 1 ,_^ \-.
r -; j
Ig—s-
1
II

Sempre a-van - ti mi por . ta - . sti Giorno e not - te nel tuo sen.

Fé - del - men - te m'hai guar-da - . to E col - ma - . to di fa - vor,

Con te vo - glio far gran fé - -sta, Vi - ver sem - pre nel tuo a-mor.

tg, —^.p^^^^f--r- 1 L 1 ,
r
-s s
h—:^—
1^ ti

4, Signore onnipotente, 5. Fa,oSignor,cheaterivolto|6. Signor,gloiificato

Lento all'ira e di pietà, Sia il mio sguardo per mirar ìSia il tuo Nome dal mio cuor,
Fammi sempre più intendente La bellezza del tuo volto JGiorno e noi:to ringraziato
Per seguir fa verità Che fa il giusto giubilar. | Pel grandissimo tuo amor.
88. Giubilando i nostri Cuori.
ÌL BuOK.

^h^M^^NN^j^^^
3.

, fO fra-tei- li, d'un solcuo-re Diamo gloria ai santo Agnel, Gloria e


iSed'un cuore sempea-van-ti Camminia- mo col Signor, Noi sa-
2 lO fra-tel - li, nel van-ge-lo Ri - tro-viamoogni te-sor, Se u-mi-
Son lar.gi . ti dal Si-gno-re
l te -so- ri del vangel A- gli
I

3 (Orche noi sai- va - ti siamo Dal-la man del ten-ta-tor Glo- ria
"^'IIL di. vin Conso- la -to-re Che Gè- su mandò dal eie! A noi

lode e sommo onore al Re del ciel.


re-mo verdeggianti nel suo amor.
lia-ti al Re del eie- lo siam col cuor,
u- mi li di cuore a lui fé- del.
so - lo ri -cerchiamo dal Signor,
parla in tutte i'o - re del vangel.

JL_-^

D.S. gno- re de' sigilo ri Re de' re.

CORO

Giu-biJan - - do i nostri cuo - - - - ri diamo glo - - - ria, lode, o-

^ K D.S.

COPyRiGHf »e9i BY CMAi H. GABRIEL. USEO BY PER. OF J U BLACK. OWNER.


89. Rivelasti i tuoi Tesori.
( Sulla melodìa precedente.)

1. Signore dei signori - Ti rendiamo lode e onor


Che partecipi ci hai fatti del tuo amor !

A noi piccoli fanciulli - Rivelasti tuoi tesor i

Di sapienza e conoscenza, o Creator!

CORO: Rivelasti i tuoi tesori-Agli umili di cuore...


Signore dei signori,
Ti rendiamo lode e onore, gloria ognor!

2. Hai nascosti i tuoi tesori - Ai sapienti, o Salvator!


Ma Tu a noi li rivelasti nel tuo amor;
E a chiunque s'avvicina - Col suo cuore al Redentor,
Per ricevere salvezza nel suo cuor. - CORO
3. Ora al mondo proclamiamo: - Gesù Cristo Salvator,
Per sapienza e per potenza del Signor.
Noi dal mondo reputati - Come pazzi siamo ognor,
Ma sapienti siamo in Cristo Redentor. CORO.

90. Eccoci nel Tuo Cospetto.

^ ,

P
f

ISii
Ec - co
tu ^so
-
I

ci

Facci, o Dio, re- - a - liz-za - re


f

IQui nel mez-zo per guida -re


-
i

nel
lo
tuocospet-to
be-ne-det-to
*=* I
Giun-ti
Da cia-cundi
Che pre-sente è
Que-sto cul-to
à 3
siamo.o Diod'a-mof,

il
John Wteth.

-8-^
Fine.

noi col cuor.


Re de' re,
so- lo in te.
^ f Tu che inve- sti-ghi ogni cuo-re, Si-gnor, per tuo vo - ler
"^•IIL mes- saggio tuo d'amo- re Manda a noi piendi pò - ter.

f^'ii ur r [:
^ ir r
rn^ i ;
r tri
D.C. Sia d'uncuorglc- ri - fi - ca - to IL pre- zio-so e santo Agnel.
Fa che aper- ta sia ogni bocca IL tuo Nome a ce - ie- brar.

¥^
In te sol noi con- fi - dia-mo, Deh! tu ci -bai no-stri cuor
D.C.

mf m IL tuo
\

Nome
',
f
^
sia esalta -
i

to.
I
fXT*-
Predi', ca - to sia il vangel;

^
Si- gno-re, nostra Rocca, Nolte solsiam quiado- rar;
Date so- lo l'aspettia-mo Pel di - vin Con-so - la -tor;

^S 'é

ì=t y—y-
. .

:t=t r
e=-
91 Viver Sempre con Te.

m
Mrs. C. H. MOBBXS.

^m
1. Vi

2. Sotto
-ver sempre con
al
J^i i-M
sangue starò
te, Signor
del-l'Agnel
i
4—4

Re de' re, Si
^'^ S
ri-tro
che comprò L'alma mi
'
~f
-

-
va
a
di
per
Quale gio sa-rà nel- san -ta Quando a faccia ve-

^S
3. - la la Cit-tà

^s
i ^ll iLiI'dll

rf»if:i | j, i.nid-U mf ;..i-)i: S\


vi-ta un te-sor Su o-ve è giunto rAgnel,Nel suo
nel eie - lo de' ciel
darle ogni ben. vo far,che in lui sol confidar, E ve-
Nul-la al - tro

^^
drò il divo Agnel? Sa-rà tut-tosplendorogni cuor pien d'amor chequi in

^.
cL'ii^ì' i
^^^ i

CORO.

tro - no di grazia e d'amor,


glia-re per quando egli vien
ter - ra seguir va il vangel.

I
Copyright, 1898, by H. L, GiLMOO».
Viver Sempre con Te.

m !
, ti

#
es- ser
aj-
»•>
«!

le.
«i-^
^
a . le con
:W '
F=FFr=^ • §3*-
te,
ti
i

E contut-ti
\ s -^
^^1
ve-race,ogranRe.

W^

92. IL Nome di Gesù'.


1"-^-
1^ ^
J. H. Stocctor.

1. Glo-riosoèil No- me delbuon Gè - su, No-me prezio - so e


2. IL ca ro No- - me delbuon Gè - su- Fon-te di-vi.-ta e
Non v'è altro No-me fuor di Gè su For-te e poten - te

^
- li-
3.

-* H
r-tr
¥t
U ^ I

fcr
<

pien d'amor;
l ^
E'
È'
I
J
I
— yl

so - lo
^-:itr
no-me
no-me
di
^3
^8-3-^
sotto al ciel
i^
Amato da' fe-
di te - sor; so - lo di sotto al ciel Amato da' fe-

^
I

be - ra - tor; È' I so - lo no-me di sotto al ciel Amatoda'fe-

r[[X\i-rfwu
D. S. No- me po-tente a Sal-var quaggiù' E' l Nome di Gè-
CORO
^^ku.
Pine. ^ M k i ^

del. ILNomedi Gè - su, il Nome di Gè - su;

tof.>ifff P f
m
h I

^^
^

93. Tu Portarmi puoi, Signore.
P. P. BiLHORN,

1. Tu sei per me, Signo- re il ve - ro Di - o, E in te sol, mio Re-den-


2. Deh! vien, Signore Iddio con gran poteri, za E lot - tar po-trò ri-

3. Signor Ge-sù, tu sei lamia speran- za E da prò demi con-

&
f PlfffSW^^
tor, vò con-fi-dar; Di-fen-di-mi da questo mon-do ri - o,
pie- no di vir - tu; Siame-coino-gni tem-po la pre-sen-za
vie - ne cam-mi-nar; Deh! met-ti nel mio cuor ve- ra co-stan-za.

-
r fi —p-^-r —B±if
L
P Y.
^ i,
P Y^
I^
L Yj \u t \ 1

CORO.

Non potrò senza di te mai nul-la far.


Del di-vin Conso la-to-ree di Ge-sù, Tu - portar - - - mi puoi, Si-
Non permettere ch'io abbia a tentennar.

gno - - - re, per lo Spi-rito divin che è veri- tà, Sempre avan - --ti

VCORDS AND MUSIC COPYRIGHT, 1901, BY P. P. BILHORN.


Tu Portarmi puoi, Signore.

con fer-vo - - -re Fin che giunto sa-rò all'è - ternal Cit-tà.

KÉ^iSii^igig^i
94. Noi Viviamo,noi Viviamo.
(Sulla mei. del cantico precedente.)

1. Viviamo seguitando II Salvatore,


Vita eterna abbiamo pel suo grande amor;
Così diciamo noi che Siam salvati,
E diremo sempre senza alcun timor.
CORO: [[: Noi viviamo! noi viviamo!

Noi viviamo seguitando il Salvator! }{

2. Noi siamo da Gesù,


stati comprati.
Per seguirlo in verità fin su nel elei;
Or d'un sol cuor, fratelli, uniti insieme
Diamo gloria, lode e onore al santo Agnel. CORO.

3. Avanti, su andiamo;
fratelli, a casa
Noi dal mondo fummo eletti da Gesù;
Per questo mondo ancor non ci conosce;
il

Deh! lasciamoci guidar da Lui lassù. CORO.

95. IL Signore è Presente.


Wx. M1U.BIC

i-y
/
4-4^-4-
9 9 ^i
Re- a - liz - ziamo che il Si-gnor E qui pre -sen-te col suo amor;
tf
3^ I
lA lui spandiamo in ve - ri -tà, Fratel-li ca- ri, nostro cuor. il

( Egli è per noi be - ni-gni - tà, A-mo-re, speme e ca - ri-tà;


\E-gli ci gui-da verso ilciel, Ove è la nostra e- re- di- tà.
I
Egli è l'a mi - co più fé -del Che parla in noi, e a noi dalciel;
ì Fratel-li a ma - ti, non dormiam Al - la pa - ro - la del vargel.

fem^^nf rfff i^^i


g-' -g- ^ -f-

Re- a - liz . ziamoche Si-gnor il È qui pre -sen-te col suo amor; ì
CORO: I

lA lui spandiamo in ve - ri - tà, Fratel-li ca- ri,il nostrocuor. /


96. Quando Signor mi chiamerà.

^
il

Chas. H. Gabriel.

5f

1.
E
^m^4=m^^
Quando Signor mi chiame- rà
il E - - ter-no ben per mesa-rà,
2. Quando Gè- su vedrò appa-rir Chi immagi- nar po-trà ilgio-ir?
3. Quando par- tir do-vrò da qui Per me sa- rà fé - - li-ce il dì,
4. Quando s'udrà gri-dar dal ciel: Lo Spo-so vien.vie - ne l'Agnel,

i-n 't
F^J
,

Fffffì t
JAtii ii l

Al - lor nelcie! m'in-vo- le-rò, E con Gè- su sem-pre sa-rò.


Al - lor se vo il vangel Se
sa-rò, - guireognor, rac- colto in ciel.
Col raio Gè- su per sempre andrò, E nelsuotronmi se-de- rò.
Se dormo allor mi sveglie- rò Ed a incontrar l'A-gnello andrò.

^m t=fc:
é m ^ f±±±m
CORO.

J3
f
Quando
^^LLLiAUl^^
... ,...,,,
nel ciel giun-to sa-rò In- ni digjo-ria cante-rò,

t ^
^|n
1^ff .f P ... . , P
m JÉ
e ir LTTif-fiM

^^^^^^^
^
Quel di Mo-sè,quel dell'Agnel In dol-cesuoncon 1-sra-el.

m m
ns M-i
r-^
9—9^
lèi
t=t=t
CopTrig^ht, IQ03, by Chas. H. Gabriel.
f
it<> l^
97. Signor Gesù JnTeSperiam.
( Sulla melodìa precedente.)

1. Signor Gesù, in te speriam; . La tua promessa desiam.


Deh! col divin Consolator, - Degli aspettanti empi il cuor!
CORO: Deh! vieni a noi, Signor Gesù,
Di te bisogno abbiam vie più:
Deh! col divin Consolator,
Degli aspettanti empi il cuor!
cuore ti vogliam,-La tua presenza noi bramiam:
2. Signor, nel
Deh! con potenza vien,Signor,-Di te bisogno abbiamo ognor!

3. Senza di Te nulla possiam,-Ma tutto in Te, seinTeviviam;


Sempre di più nel tuo timor- Guidaci tu, o Salvator!

98. Lavami, Lavami.


Wm. J. Kibkpatbick.
4^-
a p^m
liCli r r r I r
-

f }^Ai_Ji^±à^^.i-i-^-\^^::!ì
1. La - vami l'alma e cuor Col sangue tuo, Si-gnor; Pur-ga-mi

^
2. La - vami vie più ancor Col sangue tuo. Si-gnor; Tie- ni-mi
3. Tie-ni-mi sal-vo ognor Col sangue tuo. Si-gnor; Tu mi fai

^—
LUI. =^u I
'

Tìizzii^Ej

CORO.

d'ogni error Col sangue tuo. Si - gnor,


net-to ognor Col sangue tuo, Si - gnor, La - vami, la - va-mi
santo ancor Col sangue tuo. Si -gnor.

I ^
-K_^
ì ìe^
Col sangue tuo. Si-gnor; Tie-ni-mi, tie- numi Sotto al tuo sangue ognor

u
mtì^.
-0—0-

Copyright. 1896. by Wm. J Kirkpatrick


— —
99. Sono Bambino,
Moderato

i plf^^^f-l^
So - no bam Ma
1. - bi - - - no, sen-to in cuo - - re
2. So -no bam-bi no E - Jet- to a vi - - - ta
3. So - no bam-bi no, Ma un gran te - so - - - ro
4. So - no bam - bi - - - no. Ma da-to ò il cuo - - re

iè^
^^=f ^m
f^ -
f^=i=P=f r r r
:$5^
I t-

Di Dio l'a - - mor, di Dio l'a - - mor.


Dal Re de' re, dal Re de' re.
Posseg-go in cuor, posseg-go in cuor,
Al Re-den - - tor, ,
al Re-den - - tor.
-V J J . K J

m^^^^^^^^
Gè - su mi
Son del Si - - gno
gui -

.
-

-
-

-
da
re
Con la
tut-taal-le-grez
sua ma -

-
-

-
-

-
no
za,
Gè - su mia vi - - - ta, Speran - za mi - - - a.
- ra di Cri - - - sto So - no se - gua - - - ce,
j j j ^ J J i-J' ^

alla fine

\-t^ -*=i=:=3=\F=^^^*-^=R=^ —.-. ,


-4-

Da! mal lon - ta - -. - no Ne* suoi seo - tier.


Gio-ia e do! - cez - - - za Che mai avrà fin.
Gè -su la vi - - - - a Che por-ta al del.
E la mia pa - - - ce Luì sol sa - rà. A. MEN.

h^ — — —F-
f P _i \^—^ — ——^— r-^
~T
— i r~n*^
1 1
J

^ F=r= b^^iJ
h

100. La mia ricchezza.


(Sulla melodia precedente )

1. La mia ricchezza, Il mio tesore - - [[: È sol Gesù. :]I


Ei col suo sangue - D'ogni peccato
Purificato. Per fé ha il mio cuor.
2. Sono sicuro - Che son salvato - [[: Dal mio Gesù. :]]

Di redenzione, - Il divo Agnello,


Mandò il Suggello- Dentro di me.
3. Ora il Padrone - Dell'alma mia - ((: È sol Gesù; :]I

Non v'è altra gioia Maggior di questa -

Che faccia festa - Dentro al mio cuor

101. Mentre Rugge la Tempesta.


S. B. MARSH.
FiNK.

i^
i=t 5=^
#=s=fc::
, f Mentre rug- gè la tempesta Ed av-vol - gè - re mi vuol)
*• Mio Ge-sù deh! asilo appresta L'alma a te
I
di . ri. gè il voi./
Sul sentier che al del conduce Tosto He - ta si por --rà .

mz& ^ -^^

-9^
1
— i-r-t f-

D.C.

I
-SI J
^}=^^
J I
<g . -^ .
I
/J . J
zSi
W—T 1
i
r-h-t-
fi t \ f
.
^: ' ,
^,
m
Dal. le scampo.dài

^
- le lu - ce Fin che il turbo spi - re . - rà,

^
2.Affannosa ora si avvia - Verso Te cercando amor,
I —
Derelitta l'alma mia - Non lasciare, o Salvator.
Alla mano tua si affida - Che caduti rilevò;
i

Se Io Spirto tuo la guida - Che mai più turbar la può?


3. Senza
limite sorpassi - desiri del mio cuor; 1

Sani infermi, afforza lassi, - Sei di morte vincitor. i

Tu pietoso Padre, e Dio, - Sei di gran benignità;


Col tuo sangue, o Gesù mio, - Deh! mi lava a purità.
4. Da covrir le mie peccata - Tanta grazia trovo in te;
Rendi Tu fortificata . Sempre meglio la mia tè.
Tu sorgente della vita, - Dammi a berne a sazietà.
Fin che l'alma sia salita - A perfetta santità.

102. Avanti io vo, Avanti io vo.


F. M. G. F. M. Graham. By per.
M :t5=t?
1
^'
"
V :::i:rr^^-Uf4^^i^
i

è il Salvator che Diodalciel mandò In ter-ra per salva-re


M Ge-sù
InLui chi crederà, vit tcria sempre avrà, E vita eterna in dono
Nel ciel mi porte, rà l'a ma- to mio Gesù, E-gli del mionemi-co
Al ca - ro Redentor fé - de - le sa-ròognor,Luisol voglio seguire
La tromba suonerà del nostro Cre-a-tor, Comin-ce-rà gran festa
3-1
Dal cielo in ve-ri-tà Ge-sù ri -tor-ne-rà, L'aspetto con pazienza,
Presto'l buon Salvator con sèmi-porte- rà In eie - lo per gode- re
Abramoallor vedrò. I- sacco incontrerò, In-sie-mecon Giacobbe
- ..^ ^^ ^ ^ I. ^ .

V
CORO.
y-y- m
U=lMm. 3=
Tu - . mo pec-ca-tor. \
J un dì nel ciel godrà.
il ca pò tri . te- rà. i

1 lui so- lo con ferver.


Avanti io vo.
pei san-ti del Signor
glo-ri-osoegli sa-rà.
l'e-ter-na e-re - di-tà.
j'
a ta- vo - I a sa-ro.
r-#-

t=^
±E^±^¥ ¥ m:s±3±3^ m 33 -v^—If^

^_4-4^_-^
É
zÈir.
-#^-

avantilovo per en-tra


^^^F^^=g
- re nel -
^^m
la glo-ria del Si-

^. jL £:' t: fi' fi f: f:' f:- im.


r5=s
-0
« *
——
• # 0~
f?=^'-
*=l^:

S
^^^#

gnor Or questa la gioia che . Gè-

'^ ijza:

l. t^ m
Avanti io vo, Avanti io vo.

^ ^-4^^
i

su è nel miocuor, Non più guardo a questo mondo avanti IO vo

* %=t^
^

r-rTTt-i^-j4^-f^a
fe ^ (^ ^ fc

r
1 03. O Bambini, qui siann Giunti.

fa^3fei^
1.

2.
bambi -
bambi-
ni, qui
ni, stia.
^ ^=^a^jjj
Siam glun
moat-ten ...
j

- -

ti;
ti Perioda
L'amoro
-
il Sai- va
so Re-den
-
re
Wbbtebn Milodt

-
to-re,
to-re
3. Orsapen-doche bef - fa - - - . re Non possiamo'l Salva - - to-re,

fe4rat
PNs
S.
Jr £-
H^ [% f f fidi)
Fine.

s ^3É
It-^^
Perù- dir la sua pa - ro - - - - la, perfarfe suo a-mor
- sta nel
Ama ren - der-ci fer-ven ... ti, Farci tut d'un sol cuor,
- ti

Obambi - ni, di - mo - ra - - - - re Ciconvien nel suo ti - - mor.

f=*
D.S. Di colui che è be ne - - det - - - to, E che col - ma di fa - - vor

È^^
CORO. -^^ . D.S.
JtA
3^^-^^T-g^^ ^^
rt
Ora sia - mo nel co - spet - - to Del vera - ce e buon Pa - store,

iJ X f f
^
\
f-^mH¥à
?33 %
1 04. Quando Insiem ci Raduniamo.
EusHA S. Rice.

^
1.
i^^^P^fe
Quando insiem ci ra - du
. nlamo, fra. te! - li, d'un sol cuor,
2. Quando dia - mo tut- in-sieme Luo-go al buon Conso - la-tor,
ti

3. Quando sia - mo tut- ti u - ni . ti Pron - ti sempre ad ascol-tar,


4. fra - tei - - li, stiamo fer-mi A-spet- tan - do con ardor,

IM i
i^^k=^ t i^-i~t
Bl
m
fci;^

m U b U
PJ

%^ h ^

Sen-za
5 0-^

dub-bio
wtmm ci con- so- la IL di - vin Conso . la -- tor:

L*al- le - grez-za e lo spa-ven-to E - gli por - ta del Si-gnor;

^
Ci -boa noi il Conso - la - to- re Non ci può la-sciar man-car;
La pre - sen - za del Si-gno-re, E del buon Conso - la -tor;

m -0-^

P ^ 1 V P
-^—0-

^
5=t k—
•V—
f^-Jt
g^ ^
^m La
E si
vina sua presenza A noi tut - ti mo- stre - -
di .

vede passeg- giare Qui nel mezzo il Re de'


E nel ciel senza arri - vare La preghie - ra non sta -
^f—0 ^^__j_
i^Srà,
re,
rà,
Perchè avanti cammi - nare Non possia-mo in ve - ri - - tà,

-UU
ft
m i ?^ ?^E^

'^^^mCon pa - ro - le di sa - pienza, Di Gè - su la re - al - tà
Pronto sempre a bat-tez - za - re Chiunque aspet-ta con la fé.
=3^ la
di Dio tre- ma- re

^
Ealsau-dir Que-sto luo-go e-gli do-vrà.
Se non v'è chi puògui -da - re L'al-me nos-trea si - cur-tà,

mài^=r=ii
k U P P
P^^ ^
— f

1 05. lo M'arrendo Ognor


W. S. "Wefdkn.

^^ ^-
Tut-to a Cri- sto io m'arren- do, Tut- to a Cristo il cuo - re dò;
Tut-to a Cri- sto io m'arren. do; suo sangue al Pa-dre
Pel vo;
Sul - la ero - ce con a-mo - re Sparse sangue il Reden il - tor,
Di Ge-sù il no - me for-te So - no o- ra ambascia - dor,
^
/i) I

i
ì I

'^ J
~* —— p *—
igzrp
rrr'-

J-U-^
lo da lui so- lo di-pen-do Dacché e. gli mi sai - vò.
IL suo amo-re o- ra comprendo, Grande amo-re ei mi por-tò.
Per salvar me pec - ca-to - re D'o- gni fai- lo e d'ogni er-ror.
E per es - so si - no a mor-te Sa - rò sempre vin - ci - tor.

^
III 888 I I 8 r

CORO

lo m'arrendo ognor,
^^
io m'arrendo ognor;
W:
lo m'ar-rendo ognor, IO m'ar-rendo ognor;

'^
•mi3 SEE 1 t=t:
i=»:
U 1/

Tut - to a
»^
Cri - sto
-I

io
Ji—
p

m'arren
J-
I

do.
1
— [—

lo
^^
m'arren- do o-gnor.

m
^e±^
Copyright, 1896^ by
^=-tt:
*-
Weeden and Vati De Venter. Used by per,
^m
1 06. Mostrati, o Stella del mattin.

p^^W 1.
2.
Mo -stra
Gè. -su.
- ti,o
tu
stel
stel..
- la del mat-tin. Nel tu- o solen
la del . la fé, Sei la ve-ra"
Ss^ 3. Stel . la sprezza . ta da Usra Per
. el, noi im-mo.

do - . re; Rai le-gra cuor del pel le.grln

^^
- - il - Nel tu - - o
vi - - . a; In-nal-za il mio cuo-rea te, Tu sei la
VJa . . - ta; L'a . ni - ma no-stra col van.gel A Di - o hai

grande a.mo - . re, nel tu - - o gran.de a-mo - - - re.


vi. ta mi . - a, tu sei la vi - ta mi - - - - a.
'^on-qui - sta - . ta, a Di . o hai con > qui . sta . . . ta.

V^Oh ! Stel - la ce - le - ste, oh ! Stel -la ce - le - ste,

5 Bril.lan
fl=f
. . te
^f^Pf
Stel-la, Oh! Stel . . la del mat.tin.

1 07. Benedite il Redentore.


( Sulla melodia del cantico procedente.)

1. Benedite il Redentore, - Voi suoi tutti i servitor;


Che le notti state insieme, - Nella casa del Signor.
CORO: Da Sion ti benedica - Signore dei signor. Il

Che ha fatto cielo e terra - Col suo dire, e nel suo amor.
2. Or le vostre mani alzate - Verso il Santo d'Israel;
Il Signore benedite, . Voi suo popolo fedel.
-

Sacra Bibbia

1. Sa-cra Bib. bia tanto a-ma . ta, Tu sei tut-ta ve - ri - tà


2. Tu sei san-ta.o be - ne-det- ta, Santae pu - ra d'ogni error;
3. Tu sei'l bai - sa-mo d'ogn'alma Che ri-cer-ca sempre più
4- Tu sei fon . te d'acqua vi - va, Tu sei pa - ne ce - le-stial il

Dal - lo Spi - ri - to i- spi - ra - ta Per sal-var l'u-ma - ni - tà.


Tu sei ve - - ri - tà per-fet - ta Che tramu -ta il pec - ca-tor.
In te sol se - - na - cal-ma
re Per segui - - re sol Gè - su.

Che'l creden - te ognor rav - vi - va Se - paran . do - lo dal mal.

D.S. Che condu - ce al ciel de' eie - li Dov'è'l tro - no del Dio ver.
Sei la cor .- da che'l cuor vi-bra Per seguir di Dio l'Agnel.
Al fanciul.lo,al grande,al vecchio In - tei- let- to dà il tuo dir.
Che cammi - na giusta-men - te, E in te cer - ca sai - - va - zion.

D.S.

Tu sei il li - bro che ri -ve- li Al-I'u- . omo'l buon sentier


Del giù- di -. zio sei la li- Che
bra bi lancia ogni fé -del;
Ad ogn'un tu sei lo specchio Che fa scor-ge-re il fai - lir;
Per te, lu . - ce ri-splenden-te, Sa - rà sai- va ogni na-zion

( PARTE SECONDA.)
5. Sacra Bibbia, tesor mio, - Tu sei stabile, ne' ciel;
In te sola, o libro pio, - Può trovarsi l'evangel.
O di Dio parola invitta - Per lo Spirito divin.
Nel mio cuore tu sei scritta-Per condurmi fino al fin.
6. Tu sei un lume al mio sentiero, -E una lampana al mio pie;
consiglio del Primiero, - Per me trovo solo in Te.
Il

Ogni giorno in fede sento, - Il mìo cuore a giubilar.


Perchè in me tu frutti cento, - Se continuo in te fidar.
7. Tu per me sei l'armatura, - Sei di Cristo 'I buon voler;
Sei del ciel meta sicura, - Che di nulla fa temer.
O gran Libro di memoria, - lo giammai ti scorderò;
Di Gesù tutta la gloria - In te solo troverò.
109. Benedizioni dal Cielo.
COPYRIGHT. 1903. BY THE BIGLOW & MAIN CO,
I. Allbn San&ey.

1.
P=^^Ìi^ìÌ^ÌI3^^
Be- ne -di. zio. ni dal eie., lo, Padre.aspettiamd'un sol cuor.
2. So-pra gli elet - ti tuoi san . ti, Padre.deh! manda in quest'or
3. Nel tuo cospet- to qui sia . mo E incon-fi -dan-za, Si - gnor
4. Pa.dre.sug.gel-ia i fe . de . *li Che in te anno preso a spe . rar;

^P^ÌÌÌ5^^^^P
Segua - ci Siam del van-ge - . lo, Frutto deltuo grande a-mor.
_ I

Be-ne-^di -zioni abbondan . ti, Piogge di vi . ta e d'a - mor.


Cantando a te noi chieggia- mo Di conso - la - reo-gni cuor.
Por-ta - ci tut-ti ne' eie -.li Presso di tea dl-mo.-rar.

^ :^-^-^_^
T"
1 R=g^
r-tr-Jr

CORO.
^^^^ì"
^5=^ ^ r-

Man ... - da, Signor, piog . - - - gedalciel,

m y-p-^\r
:?=f=f:
tr-t^tr

^^^^^^^^^^
Piogge che annaffiano'! cuore...
h

Manda
h

dal
h
ì iU^_Mi^-i^3
eie -lo l'A-gnel;

&m^m^f^^m
Benedizioni dal Cielo,
S .

-
&-X' {

Man ... - da.o Signor, p»og . . . - gè dal

f=^ «:3c:
'

\r I r^ PS f^=f^=f=g
V — k-

N N \

tegfe^ÉÉJÉéliig^^fpai
ciel, piogge che annaffiano'! cuore. ..Porta-ci te-co nelciel

f^ T • ^ ^~»

1 1 0. Abbia Iddio dì noi Pietade.

1. Abbia Iddio di noi pie- ta - de, L'alme nostre be-ne-di-ca,


2. Sul- la ter-ra il ret-to cai - le Mostri a noi quel santo raggio.
3. Tutti i pò - pò - li dianlo-de D'u-na voce a sua vir-tu-te;
4. Che il Signor ci sia prò- pi -zio, Be-ne-di-ca i cuo- ri nostri.

E risplenda in lu- ce a-mi -ca La sua faccia a noi dal ciel.


E l'a-more in que-sto viaggio Che mantiene a Dio fé - del.
In Ge-sù trovan sa - lu - te Quante gen- ti in ter-ra son.
E la terra a lui si prostri Fi -no a l'ul-ti - - mo con-fin.
r

1 1 1 . Tu mia Speme e Redentore.

t;=^
1. Tu mia spe-me e Re.den-to .re, 0-gnor sii con me quag-giù;
2. Da' pia - ce - ri de' mon- da - ni Tienmi iun-gì.o mio Si -gnor;
3. Per ia vai. le del . la mor-te M'av-ve . nis.se a cam. mi.nar.

In te sol tro . vo vi - go - re, In - - te sol tro - vo vir - tu.


I sen- tie . ri tuoi son pia . ni, Tu mi gui . da in es . si o-gnor.
Tu, si-gnor, con brac- ciò for - te Sa - rai me - co nel lot . tar.

CORO.

f^m Sii con me sii


t=^--
con me, Sii con
^^^
me sii con
ÈFSE^

me;
^Nel - le-

Sii con me sii con me. Sii con me sii con me; Da' pia-
Sii con me sii con me, Sii con me sii con me; Col tuo a-

prò - ve di
i^ quaggiù A . vrò pa - ce in te. Gè . su.
ce . ri di quaggiù Tien- mi iun . gi,o buon Gè - su.
ognor

^^
lu - to, quaggiù, Sa - rò prò. de in te, Gè . su.

COPYRIGHT PROPERTY OF THE BIGLOW


-r-"i — ft
TS^^^^
MAIN CO. USED BY PERMISSIO^
b

112. IL Signore sia Lodato.


Copyright, 1898, by Mrs. M. J. Harris.
Mrs. M. J. Harris

1.
B=±
IL Si-gno-
t^:S:
s-rrr^-1
re sia lo - da
:l=l:

- to
^^ Che per
i^E f=i
lui sai- va- ti siamo;
s^
2. Sia . no i no-stri lom.bi cin - ti, noi pò -pò -lo d'acquisto,
3. Noi con lui sa-rem rac-col - ti Nel - la pa-tria sua d'a- mo-re,

**-W-t- b —b— — —
te
t^-r-t^-k-t^ ta f—=f^^^ -»

» — S=»-—6—S^ 4:^
-p—t-y—9—V

i§i
f
t~t
re-den-ti,
^m^ su
fc=t:

can-tia-mo: Gloria, glo-riaal buonGe


m - su.

A . spet-tan -do Gè - su . Cri. sto Che dal eie - lo scende - rà.

Ed al - lor col Re- den - to - re Noi go-drem l'è - ter - ni - tà.

'^

CORO. Fatttr,

Sia lo.da.to, sia lo-da-to Sol Gè- su II Re-den-tor;

Kiiri—t?-p-r— I
ì k-kir I
I V V V y- i'j

^^^^^m ^
Egli é'I nostro Salva - to ' re; Perii sangue suo vit-to-riaabbiam.
\=t
I

liiÈ

1 13. Noi Salvati dal Signor...
e. ÀusTnr MiLxs.

^S^J^^iirffiT^
.

1.
2.
Noi sai -va - ti
Per la mor- te
dal
del
Si-gnor,
Si-gnor,
Cammi-niam
So-no in vi - ta
nel
i
4

suo
no- stri
ti - mor;
cuor;
3. Se- gui - tia- mo il Sai - va - tor, Ch'ei ci gui- da al Gre - a - tor;

I I
-^- ^. -^

r—r— 1
— H^ii—*=5 — r
^

J ^ ^
*•-'N
-fi -f '
i~ty «
* Za
-f r-' N K N ^ h 1
"^
1
- i

TT P r r '
J <;, • >•
^ 1
Ph~"'
v-V J
ì


i

é
i
J « # .
5
£ •
1
1

E . gli guardai no - stri cuor in Cristo nostro Sai- va - tor.


Del- la mor- te e del-l'er-ror, Con Cri-sto sia-mo vin- ci - tor.
Noi suoi re, suoi ser- vi - tor. Gli por. te - re-mo gloria e onor.

/i>
r;.
> • 5 ft
^- F l* r * r r P >* \
1
iW V
1

». 1
1

« k* 1
'\^
Y \t \j \j \é k5 • •-^ 1
1 «

r i 1
u !

CORO.
t. *=4
3 _l ; ; n g ±^E
Non ci com-prò con ar - gento.nè con or. Ma col suo

fK
j-j g r
iiziifcizifc:
t=t
^ Jzdb
:t=b:
t \

^==^ ì—^-^ T=^


pre-zio-so sangue il Re - den-tor. Noi che Siam sai -va
-«- A ^
-F- -«- -^-^ ^
^ ^ -0- -i&- -0- -0- -0-

Copyright. by Hall-Mack Co. Used by per.


— i ^ — 1

Noi Salvati dal Signor.

t^-]' ^ ^
J ^ FiN=^
^ : 3 II

Cri-sto se-gui-tiam, Sempre pel suo sangue vit- to-riaabbiam.

i'^ !^ P > M T !> >' 1/ >'— 1 k— - —^-r-W


^' ' r^
Il

1 1 4. Con Potenza vien, Signor.

1.
2.
^m Dehlrav -

Aspet-tiam con tut-to cuo


vi-va i no- stri
il
cuo -

-
ri

re
Col di
Date
-
Chaklik

Con-so - la - - tor,
»'in
Re-den-tor,
so-lo,o
D. Tillma».

3. Deh! ri - em-pi no - stri cuo i - ri Di po-ten-zae di vir.-tù,

'^i^^^ ì^m=t
lO
/t^-*
^

w—9—3—
N J
m~ "^—4
-,
-^

3
—r- —
—— ^i^
J I

-'
t

-J 5S-i
"^
i
^
"-^-7
-À- T—S
— — — —4—
5
,


M~r=~l «
,
1

-j
^

l^i - empir - li sol tu può - i Di stesso,© Re -den- tor.


te
Un ri-sve-glio di pò - ten - za Chedistruggeil ten-ta - tor.
Per com-bat-te - re da prò - di Conia for.za di Gè - su.

, ^ • - !• • ^ 1^"
S 2 S '- f "^
/*>
p;i . , p ,

i
_ fi

,
_ _fi

! ,
__

i V
L
^
'

L
p ^ — 1
.1
1
^
;

t ^ ! 1 1 ! ! i
^ / 1 1

Con potenza vien,Signor,con potenza vien, Signor,


Con potenza vien, Signor, Risveglia ogni cuor.

£:£ ì^ f=
r>"MFÌr m
Copyright, 1895, by Charlie D. Tillman. Used by per.
VT
( 1 5. Dal Cielo Aspettiam.
Robert Haricnèss.

pi^feà^^lg^FfWPi
1. Deh! guarda dal eie- lo, SUgno-re, i fé . del; Deh.'gui.da . li

2. Pa- dre amo - ro - so, deh! man-da l'Agnel, Gii e-let - ti e te-
3. Deh! ren. di compiu - ti nel san-to e.van.gel I ca . ri tuoi

Bjtoff^

fimiìi\i k^jéiéik^^ \
!!=i

sempre.. .deh! por- ta- li in ciel. Son stanchi, Si-gno - re, di pel- le - gri-
de-li l'a-spet-tan dal ciel: Son stanchi, Si-gno- re, di vi-verquag-
fi-gli, e por- ta - li in ciel: Son te-mpi dif -fi - ci-li,o Pa-dre d'a-

m rrfìlfr.n S-tiu^'f
i t

CORO.

ri- i
^'^
nar...Deh! porta ì fé -
l
l.

del,
l
'.

o
'

l
H
Pa-dre, nel
'l j- [7r7:7p1
ciel.

giù. ..Deh! manda l'A-gnel, e por-fa-ciinciei. Dal. cielo aspettiam


mor...Ve- race è'I van- gel. ..Deh! porta- ci in ciel.

^ ^ — -»f=^
?-5-t
ì=f=f
nV^fiffM i
-
i ^ i
^^^
^•jVN i
,
'

ittntag| T
l'Agnel - io di - vin; Ser - vi - to - ri siam,Si-gnor, del van- gel: Si

m ''i^rffifrrir
Cevyilg^t. 1910. br Charloe H. Alauodar InteraokioB&l copyriebt securad.

Dal Cielo Aspettiam.
cccricrando. ^ . fff

ve -de la stel - la bril-lar del mat- tin...Deh! por- ta -ci in eie!

^^^ « .^ r- t .T'*- i .r,


^=5:
f-* f- *- ,1^-

pi
1 1 6.O Fratello, Ascolta Ascolta.
— J — —f—d — j ''Ji J
P
li^ufr, V. i
J-
T
\
r^
1
"^ ^^=^

1. fra - tei- lo,a-scol-ta a-scol-ta, IL Si-gnor ti vuol sal-var;


2. Ei nonv'ècheunMe-dia-to- re, Del-I'u - o-mo e del Si-gnor,
3. Non si tro-va alcun te - so - re Che ti pos- sa ri - scat-tar,

^bb ^^
j ^ j- -^1 J j ,'
;r 1^r ^^J:fljai_il^
~^-f-^
'

r r c^r r ' r
:
r e

?S ^^
v^'j i

y/^A '

i/^ i,?;
La-var vuo-le o-gni tua col-pa, E'I tuo cuo-re a lui sa-crar.
Gè -su Cri-stoSal-va-to - re, Da-to in do-noal pec-ca- tor.
Fuor del sangue del Si-gno-re Sparso in cro-ce per sal-var.

^^_^-^J>_J_j 1 j J. J i J j

1 1 7. O Fedel, Fedel Signore.


(Sulla mei. del cantico precedente.)

1. Fedel, fedel Signore, - D'ogni cosa compitor,

Manda il dono in ogni cuore - Del divin Consolator.


2. Fedel, sempre fedele, - D'ogni bene apportator.
Tu sei il Capo d'Israele, - padrone del mio cuor. Il

3. A te sempre più vicino, - Fedel, desio col cuor


Dimorar come un bambino-Puro e inconscio d'ogni error.
4. A te
solo s'appartiene, - Fedel, tutto l'onor;
La giustizia ed ogni bene, - Tutto vien da Te, Signor.
1 1 8. Vien, ti Cerca PAIma mia.
Ira D. Sankey.

1. Vien, ti cer-ca l'ai- ma mi - a, Per- che pria cer-ca-sti me:


2. Di tua gra . zia la vir- tu - de La - va o - gni i - ni . qui - tà:
3. Quan-do te - mo del fu - ro - re Del - l'an - ti - - co ten - ta - tor,
4. Deh! di- mo- ra in tut- te l'o- re, mio for - - te di - fen - sor.

Per se-gu»r-ti vò ser-vir - ti Col mio cuor, con ve - ra tè.


Tu per- do - ni, tu mi do - ni La tua pa - - ce e ca - ri - - tà.
Cri - sto vie - ne, mi so-stie - ne, E mi ren - - de vin - ci - - tor.

Nel mio cuo - re col tuo a-mo- re, E col buon Con - so - la - tor.

CORO.

Vien. ti cer-ca l'ai -ma mi - a... IL mio be -neètut-toin te:

.
J5

tff J
Te
i

a -
i I

do - ro,
\'

te
^^ im-plo - ro... Gè - su, di- mo - ra in me.

^^^pii^li^^Si OopjTigbt, 188», by Ir« D. 6«nk«7. PROPERTY OF THE RIGLOW « MAIN CO.
— —

1 1 9. Vieni, Signore, e Compi,


COPYRIGHT, 1900, e»' e. O. EXCEL
e. O. EzceO.

m
1.
i i %
Vie-ni.o Si-gno
i3
- -
V^-
-re.e
W0R08 ANO MUSIC.

com

- pi

m *-gà
^m
é-

L'o-pe-ra tua su
I
me;
2. Per lun-go tem - poaspet- to, ca-ro Sal-va - tor,
3. Tu m'hati - ra - - - to tuo - ri Dal mondoedall'er - ror;
4. A te sia lo - - de e glo - ria, Be-ni-gno, Sai- va - tor,

^H
Li^ '

ti^^' ^
Vieni, o-gnl
do- no be
lac
^ - - ciò
ne
- pi.
^
rom
Ri - e-mpi-mi di
det - to Di for-za e di va - lor.
m —
te.
«-^
N

#-
I

^•
1

IL - - -

Son grandi tuoi I fa - vo - - ri, Glo- rio - so Re - den - tor.


Tu sei la mia - - vit-to - ria, La lu - ce del mio cuor.

CORO.

^n
Or den-tr'al mio cuo - - re, ILbuonConso - la-to - - re.

m, .i,f e ,
fcfc

CCr ^^m
i^ ±l=t

E ^m
Nel grande tuo
^^
amo - re,
m
manda. mi, o ca - ro
?

«-•-

- su.
i

m — — Tj-n
p-F^-f I
r r (— I»—» I » il
120. Con Gesù Sempre Vincitor.
COPYRIGHT. 1699. BY H L. GILMOUR
U5ED BY PERMISSION, L. E. Jones.

1.
mmmmÈ^m^^
Fra - tei - li.avan - ti, vit-to - ria s'a-vrà Con Cri-sto Gesù,
2. Fra tei . li aUle- gri colcuor giù . bi-liam In Cri.sto Gesù,

^^
3. O - ra, fra- tei - li, congiun - ti noi Siam Con Cri-sto Gesù,
4. Pre-sto, fra- tei - li, nel eie - lo sarem Con Cri-sto Gesù,

1^^^
m^-ì col buon Ge-sù;
li U-i^tf^H-Hé
To- sto il ne . mi - co ta sa rà;
tri - - - to. -

sempre in Ge-sù; Che per sua gra - zia sai- va - ti noi slam;
coi buon Ge-sù; E per la fé - de nel eie - lo viviam;
col buon Ge-sù; - vi in
I e - ter - no con Cri - sto godrem;

EFffPR
& glo- ria,al.le
^^
. lu .
t-

iaa Ge-sù.
n
CORO.

Con Gè- su
m
siara

^^^ i-rwn

m
\' ^

sempre
^ r

vin-ci -
j=^
tor, Giu-bi-iiarn^
ì^=^^t~it\
nel suo amor; Con Ge-

^
^ 9— »— »H
Con Gesù Sempre Vincitor.

mi^MU^ su Siam sempre


-litr-,^

vin-ci-tor, Giù- bi- lia - mo nel suo a- -mor.

teHtt-^h rpTftl=fìf^frgìiii

1 2 1. Solo Sangue del Signore.


il

Robert Lowbt.

1. Che mie macchie può la - var? Solo H sangue del Si-gno - re;
2. Che net - ta - re cuor mi può?
il Solo il sangue del Si-gno - re;
3. Da' pec-ca - ti purghe- rà, Solo il sangue del Si-gno - re;

Che mie pia- ghe può sa - nar? Solo il Sangue del Si-gno - re.
Pel per. do -no mo- stre--rò, Solo il sangue del Si-gno - re.
Non mai l'o-preo la bon - tà, Solo il sangue del Si-gno - re,

Non v'è altro no d'amor Qnal neve imbianca'l cuor:


Non al-tro no io so. Solo il sangue del Signo-re.

COPYRIGHT 1904 BT MARY RUNYON LOWRY. RENEW4L. USEO 8T PER,


122. Eccomi a* Piedi tuoi. Signor.
E. S. LoREKZ.

wH=k^^^^=-^U^-t^
1. Ec - comi a' pie - di tuoi, Si-gnor, Pren-di la vi - - ta
2. Tut-to'l miocuo - re spando a te, In es-so met - ti i

3. In me ti sen - to,o buon Gè - su, Be - nignoepien d'a-


4. Prostra-to a* pie - - di tuoi. Si-gnor, Sot-to al tuo san . gue

^^^^m^^M
mm^^^^m
mia in
tuoi te
tua man. Ri
- sor, La
- ve-sti-la
tua sapien
di
2a,o Re de' re,
-
santo amor, Gui-da-la o-
ÌL tuo infi-
mo-reognor; Sen-to la san - ta tua vir-tù Po-ten-te
sto con tè; U - mi- le e san to fa'l miocuor.Ren- di-mi

^^
-

m ^
P^^ ^'
««!

CORO.

=«f=e=f=
gnor
^^PM^^
¥=^
nel pian.
ni to a - mor.
La mia vi-ta,o
nel - - mio cuor.
for te in .te.

^
ìg=##j
f^i^^^^Hi^Éi
Re-den-tor, pren-di tu nel- la tua man, E ri - vesti-
'0- -W'

i^a^NrHH^i^^^^^p^
Copyright, 190t and 1902, by E. S. Lorenz. Dsed by per.
Eccomi a' Piedi tuoi, Signor.

la
:3?:=Jl

d'a-mor; Tu
*—^
ÈEè^EE^
=i ^
di es - sa sei'l
m
Guardian.

p=% 5:
-!q 21-
mmmm^
123 Apri, apri! Clii sei tu?

Ì3 r
1 I I r ' ' I I I i^ ' I

1. A-pri, a-pri! chi sei tu? A-pri, a-pri! son Ge-


2. A- pri, a-pri! en-tre - rò; A- pri, te- co re - ste-
2. Vie-ni, vie- ni, Sal-va-tor, Ec-co, t'apro qu-esto

JJ.J.J.JJJ
rf=fc ÉE^eEEÈ
-ij. J.J. j. ^
?=: ^^s P==^2=

m^^^^^^msu;
ro.
Quei che t'ama e per te
Se tu m'a-pri d'o-gni
vol-le
ma - le
Questa
Po-trai
car-ne
to-sto
ri -

ri- sa-
ve-

cuor. La tua man per me fo • ra-ta Sul mio ca-po pò - se-

^^^^^^m m
^^m^^i4¥fH^^0
stir;Queichet'amaelàsul col.le,Cru-da morte ebbe a sof-frir.
nar.Ed in ciel vitaimmor-ta- le Me-co un dì potrai gu - star.
rò; Dall'a- mo-re tuo do- na-ta Bianca sto-la ve-sti - rò. AMEN.

m
J-
^^ ^
JJ-i"
-^^M^M
124. Altro Bene non so Trovar.
e. AnSTIK MiLBS.

Sp^^^^i^^^if^
1 E che al-tro cercar di più io andrò? Ben miglior di Gesù non
2 0-gni co- sa mondo è va, ni
nel - tà, Tutto in terra a suo tempo
3 Sul -la ter-ra non cerco alcun te sor; La mia

«
- vi -ta nascosta è

fei
^ ' '
'
F— 1
— —p—g-
)

1 b b i
[^

^
tro
fi-
-ve rò;-

nea-vrà:
h:JV:^,Sdté
In lui
Du - re - rà
so lo
ine- ter - no
^^fe=}=^
mi sen-to a con- fi -dar, E col
sol chi al ciel Guarda e
col Si-gnor: A me ba - sta la bel . la e- re - di- tà Su nel

gjHHH^^eEFPP ^i^R '

CORO.

gH^j^4jv4ii^Mfe^
cuor lui sempre amar,
II ^ , j
Y~ff s
pen-sa al di-voAgnel. Al - tro be - ne non so tro - var, Altro
eie-Io a e- ter - ni - tà.

5=5:^ ^-*
i

^m W^rWWW^
^ hH m. i
fi
bene non vò cercar; Nel mio cuor v'è Gesù, E in lui sol vò

sta
m i
Copyriebl. IJWO. b) UalJ-Maclj Co. U»ed by pnr
Altro Bene non so Trovar.

confidar E che altro mi può saziar Qui nel mondo ingannator?

*- lif

1 25. Cantiam, Cantiamo a Dio


Seeond Tune. Lowell M&son.

us^fPtm^^^^^
Cantiam.cantiamoa Di- 0, La gio-ia inondi'l cuore;
l La grazia del Sl-gno- re A' po-veri abbondò! IL Mansu-
2 I nostri nomi ha scritto nel libro della
I vi-ta,
1 Ed a gustar c'invi - ta IL ci-bo dell'a-mor. In pace'l

mfì

m^^^^^^^^ e-to.il Pi-odalciel perl'uom discess.Portò le nostre offe - se E paceeamorre-cd.


gran tragitto Compion per lui gli eletti Dalla sua man sorret - ti, For. ti del suo va-lor

Verrà di gloria adorno 4, santo, immenso amore,


A giudicar le genti; Retaggio della fede!
\ menbri suoi viventi Un cuor che ti possiede
Dì gloria vestirà. Può mai sperar di più ?
In quel beato giorno, Qual cambio a! Redentore
Festosi trionfanti, Darem per sì gran dono?
Con Lui godranno sant i Cantiamo in lieto suono,
L'eterna eredità Cantiam le sue virtù.
«

2
3
à
1 26.

-^inMM
buon Ge-sù,
Re de* re
Tutto'l vangel, tut-to'l tuo
O buon Gesù ,tu sei'l mio Ben.

tu sei'l
in
mioben, Gui-da-mi
ve - ri . tà Tu sei per
amor,
i=t

Dio del
tu
me
ciel
B.

^ Fkank Butts.

co-me convien;
tut-ta
de-slo
bon-tà:
nel cuor:

L
1/
^
1/
S>
i^
ìpHg L ^-L
r-y-p—t^-
-
u
p-r
=£ ps
t±z=t
^m
¥^ fct* *=*:
i^f^ 3=: ^ *=^
Dentro ai mio cuor, per la Vir-tù, A tuo de-sir o-pe-ra tu.

^
Ti se-gui-rò ognor per fé; buon Gè -su di-mo-ra in me.
Ognor sa - rò a te fé - del; buon Gè -su, porta. mi in ciel.

^!iM=£=55
r-r
i«^
B^ f #q^

^

f f C f
buon Ge-sù, ... tu sei'l mio ben, Gui-da-mi
buon Gè • su'. tu sei'l mio ben.

-5-:&

^^^
I
^=l=f=E=^ F^ g g
^E«
M^
tu co-me convien; Dentro al mio
Gtu • ' dt • - mi tu co • • me con • vien;

— —
w^
CoDrjpll
f
l'XW by UoU-Msck Co
^4 J^

DseJ by
^
per.
Et m «

y f
-^^==^

O buon Oesù ,tu sei'l mio Ben.

•gg gg
cuor, . . . perla Vir-tù, Atuode-sir cpe-ra tu.
Dentro al mio cuor, per Vir-tu',

m
la

m m , ^ .P TT T H

mrmifft^
,
, 0- . * , f^

1 27, Uno de' più gran Peccator.


( Sulla melodia precedente.)

1. Uno dei più gran peccator - Fui, nria Gesù lavò il mio cuor;
Ei mi portò il suo perdon, - Ei mi portò la vita in don.
CORO: Seguire sol per l'evangel-Voglio l'Agnel fin su nel eie!;
Sempre con me voglio Gesù, - Ognor quaggiù, sempre lassù.
2. Felice ognor sono quaggiù, - Or che nel cuor tengo Gesù;
Egli è per me, consolator, - Egli è per me, il mio tesor.
3. Il buon Pastor vo' seguitar, - A Lui ognor voglio guardar;
Egli dal cìei tosto verrà, > E su nel ciel mi porterà.

1 28, Verso Te la voce Alziamo.


(^ccOìioià melodia cantico 2/ J.), John Zundel.

1. Verso te voce alziamo: Vieni a noi,SignorGe.sù! Verso te noi so-spi-ria-mo:


la
SS
2. Nel pregarti noi di-cià-mo: Vieni a noi, Signor Ge-sù Nel pensare a te.sclamiamo: !

3. Tu dal ciel discende, ra - i; Vieni a noi, Signor Ge-sù Presso a te ci ra . pi- ra . ! i

r
D.S. -Volta a te ti di-ce insieme:
D.S. - La tua vo-ce di con-forto;
D.S. - A scontrarti noi viv-en-ti;
Fine.
D.S.

Vieni a noi.Signor Ge-sù ! Nel deser-to ov'el-la geme La tua Chiesa, oSalva-tor,
Vieni a noi.Signor Ge-sù ! Noi volgiamo a lie-to porto Aspettando, Salva -tof,
Vieni a noi.Signor Ge-sù ! Deh! ri-su-sci-ta i dormen-tl, Perchè allora andrem con lor

Vieni a noi Signor Gè . su I


.

1 29. Sento'l Bisogno Accostarmi..,


Jajhes McGimnaha?»

1 Sento'l bisogno accostarmi A' piedi del mio Redentor,


2. SentoM bisogno ri-dur-mi All'ombra del mio Redentor,
3. Sento'l

M
mmUfnn^iiìm^^^^
bisogno di anda- re Avanti per dritto sentier,

^^^H4fe
Tost'ei y/errà per portar- mi
a g^; t a^rW^
In ciel nella patria d'amor.
Da sol non posso condurmi, E alzar la bandie-ra d'amor.
Contr'al maligno lot-ta - re, E fardi Dio so-lo'l vo-ler.

^m »-^~^
Bu '

C==§=T~t u I

p[?^
CORO.

Sen < to il bi . so.gno lasciar . mi Gui . da . re dal

S^ —^—
-=1 ijg^rp n
I
X •

[^

Èi i^-==F
ÌE^i ftm^^f^-
mio Re-den-tor, Grandi te - sor, se in lui vò con-fi.

Copyright, 1896,
^0=h=m
by James McGrajiahan. Used by permissioru
-x^
Sentol Bisogno Accostarmi.

dar - mi Andrà a trovare'l mio cuor. AMEN.

rn^mm^f^
130. Odi tu? Gesù ti Chiama.
C. e. Williams, byper.

ii^Èa^ip^^^^^^
1, - di tu? Ge-sù chiama, Ei ti chiama, o peccatori
ti A Gesù che salva ed
2, Per il mondo ed peccato Trovi albergo nel tuo cuor
il E per Cristo tanto a-
3. Sul-la ter-ra tutto quello Che mantiene nell'error Assai tempo.o mio fra-
4. Oggi è't giorno della grazia, Non conta-re sul diman; ALuivJen,dJLul ti

CORO.

^^^^pefe^^É^^
a-ma Vieni ed a.pri il du-ro cuor.
ma.to NuUIa tro.vi,o pecca- tor?
Lascia ch'entri'l Re di glo-ria,
tel-lo Fa di-mo-ra nel tuo cuor. *
sa.zia, Deh! af-fer.ra la sua man.

^ T^^sgm

Apri'l cuore al buon Gesù;


^^^^^^^^m
Lascia ch'entri'l Re di gloria. A-pri or.non tardar più.
131. Chi è qui pel Signore?
Ira D. Sankey.
SpirUed.

1. Chi èqui pel Signore? Chi vuole ve-nir? Mei campo di lot.te
2. Ti chiama,t'invi - ta con vo-ce d'amor, Vuol farti fé - li - ce
3. A-scol-ta la vo - ce che viene dai ciel, Accet-ta di cuo-re

chi'i vuole se.guir ? Chi ai mondo n'.nun - eia, e ai faUsi pia - cer ?
il buon Salva, tor Rispondi, fra - tei - lo:
. Si, vengo, Gè - su,

il santo evan.gel. Chi lotta per Cri. sto, vit-to-rìa s'a.vrà.

CORO.

Chi è pronto a compire diCristo'l vo-ler?


E voglio seguir .ti ovunque vuoi tu ! Chi è qui pel Si.gno re ?

E un serto di gto-ria al fi-neotter-rà.

Chivuo-Ie ve-nir? cam-po cht'lvuo-le se.guir?

^m
Nel di lot - te

m
^44=Uf^
1t=A

Copjrigbt, 1881, bj Irm D. Saakej.


Chi è qui pel Signore?

Chi a! mondo rinuncia, e a falsi piacer? Chi è pronto a compire di Cristo'! voler?

^^^
1 32. Mio Signore, Amar te Solo.

j f MioSignore,amar te so - lo, Sultuose.no ri-po-sar, ì

In-vo-car-ti nel mio


t mi( duo- lo, Lamia fame in te saziar, /
2 E- gli die per me la
( vi . ta. Me per nome sa chiamar,
i Al- la mensa sua m'invi - ta, Sede mi vuol dar.
in cielo
o fMe fé -li. ce e be- ne - det - to, Che l'eterno è'I mio Pastori 1
i E mi stringe sul suo pet . to,
i Larga fon-te m'è d'amor;/
A d À ^ d d ^ ^ J -^ J J ^

^^m i
r^l^rMl'''|l
r 1

È gra.zia che il cru-en


la . to Sa - ciò tuo mi
cri - fi - dà.
Mi sostie - ne la sua ma - no Nei miei mali e infermi - tà;
E . ro lun-gi dai suo greg gè, E -gli venne e mi chia.mò;
j j j-
j . j j_j d d d d ^

-p-
r r
Ohlineffa-bi -le conten-toCui la terra egual non ha!
Pecca-tor,non prego inva - no L'ine -sausta sua bon-tà.
Con quel braccio or mi sor-reg-ge.Che dal ma-le mi sal-vò.
j J A j J. J -L ^ V J j J j j J
133. Poni in Dio la tua Fidanza.
Robert Lowry.

1. Poni in Dio la tua fi - dan-za, Calca sempre'l buon cammin»


2. Scorron gli anni senza pò -sa, Mala glo-ria sua sta- rà;

JJJTJIJJJJJ^^JJ

J.\, .
1
J^L-j.^=3=-j^w;pi==±=t==p 1 J L. 1

E con gio-ia, con speran- za Compi'l san-to tuo de-stin.


Se la vi-ta è do -lo - ro - sa La sua graziaef-fet-toa. vrà.

-m m m m ^M ^H =-H
^^^^ -i— ree
\

'i^t-N r r r b^=l

fSperaihDiordi - vi - na gui -da, Ti sostie - ne lasuarrtan^i


lEi non cangia, in lui t'af-fi - da Ch'equi in terra e in ciel so-- f

f Ei fra nembi t'as - si-cu - ra Fin che'l Verbo suo d'amor


i

l Cange - rà la not-te oscu - ra In bel giorno di spien :}

^j[^"' Gloria, glo- ria, al-le - lu - ia, al - le- lu-ia a GesùlAlle-


dor

ìli I III j^j,.\IlJ^^^^^


COPYRIGHT PROPERTY OF MARY RUNYON LOWRY. BY PER'
u
Poni in Dio la tua Fidanza.

5 U 5
lu.ìa, gloria a Gè.
L^

su! Gloria,glo-ria, al - le - lu .
IZ
aMe-
la,

j Àlil} A } 1 ì 1 } 1 .^ri
mn=r=f=:=^^ì^:=^Tr:-^^^r^^^^ ,

iu - ia a Ce - su! Al-le - lu- ia al Re de' re! AMEN.


I I I J Àl^ j ^.

134. Vieni alla Croce.

1. Vieni alla croce, anima errante


Lungi dal tuo Pastor;
2. Vieni alla croce, cuore penti-to, Vien a' pie del Signor.
3. Vieni alla croce, alma infiacchita Dal peccato e l'error;

j j j

Illa fi ne

rO' h
m^ ti

1 '

j
1. Il,
rJ d
j— -h
é d é- =J=si=^ ^5=3^ =iy
1 1

r r r r f r
''^

r'
^
O.di la vo.ce el'amor vit)ran - te Del Salva-tor.
Perdono a.v ra. 1 dall'infi. ni . - to Celeste amor.
Qui trove . - ra-i dl.vinaa .1-. ta. Nuovo vi'gor. AMI

J J '

Pv\^ f r r
-

q=F=
\T. V J-- U=éJU— — i bpd ifci ZZiSZidD
1 35. Qual grande Tesoro !
eOPYlIWMT WOPERTY OF MARY BUHYON LOWRT.
Rev. Robert L«wry,

A;<t:i.}pi-ii
Ve - ni - te,grinni del cor Al-ziamo al
\
l
Ì^WJ-iM Re de' re, Lodiamo'l Santo
4-

Id - d« - o chi sent'incor.Possiede'l sommo ben; E' fi-glìo dell'Ai.


pu gioia del cor Vìentut-ta da Gè Ce. leste è

m^
La . ra . su; la le-

PÉS=*
i^i^zjc f
f f i trmp^^ -1^-^ -^ -^ -^ ^ :£.

^
d'I-sra-al,
^^
Cantiamsuelo-di
Degno
in
eterno al- ìo - -
co
p-f
-
s r^#j'i'
- ro, Mentr'egllinonda l'anima
ro.Chi guarda all'lnvisi-bì. le
rgi

^ ^
tis-si-mo, di -

ti - zi- a, Dol-cis-simoil ri- sto- . ro Che in Cristo sente l'anima.

fcttu'l» 1»
> gL>L_Mi, »; I

v^r

^mt^ìr-i m
CORO.

! \ ht\!^
Di speranza e amor.
fé,
E vi - ve del suo amor* Qual gran- de te-so-ro Ci ha l'evangel do-
S'è pie- na del suo amor

^tf-^ r:rAtit£rf^mffi
^ i

na.to! Con cuor festa n . te egra to Dram' glo - ria al Re - den-tor.

i iHfffìnrnft i
rffff^
136. A Cristo, o Peccator.
( Sulla melodìa precedente. )

1. A Cristo, o peccator, - T'accosta e dagli il cuor?


Egli è la vera via, - La sola che vi sia
Che porta su ne' cieli - Al Padre dell'amor.

CORO: Or vieni, or vieni - A Dio donare il cuore

E troverai un tesore - Per tutta eternità.

2. A Cristo, o peccator, .Deh ! vien propizia è l'or;

Son sante ie parole - Con cui t'invita e vuole


Donarti eterna vita, - Portarti in eie! d'amor.

3. Cristo o peccator,. Deh! vien grande è 'I


A suo amor!
Egli offre in dono - De' falli tuoi il perdono,
ti

Sol vieni con fiducia, - Con fé, senza timor.

1 37. IL Signor con Noi Dimori.


COPVRiaMT, VI J- E.
W. Q. Tomer.

m^^^uM^A^^^^^^^^h^mm
1. IL Signor con noi dimo - ri Fin che insiem ritorne.remo; Ei ci guardi e menti e cuori
2. IL Signor ci bene- di . - ca Fin che insiem ritornere.mo; La sua mano sempre amica
3. Neipe-ri-coliedo-lo . - ri Ei propizio ci conso-li, IL Signore in noi dimo- ri

Finchetut -- ti andrem lassù!


Ci condu - - ca in-fino al ciel. Fin che insiem, fin che insiem Presso al tronadel-l'A-
Con la pa . ce e con l'amor.

COPYRIGHT PROPERTY OF Tt E 8IGLOW a MAIN CO USED BY PERMIS9ION


1 38. Sicura in Man di Cristo.
W. H. DOANK.

E^
:;±E3^j3:^
^-^-
33^s-
1. Si -- cura in man di Cri. . sto, Si - -
-m
cu - ra nel suo cuor,
2. Si - - cura in man di Cri sto, L'ai- ma, senz'anzia, sta;
3. Ri - - fu - gio del cuor mi - - o, Gè - - su mo-ri per me;
V_. *^
Mi tz«=f £ ^±f
t
D.C. Si .- cura in man di Cri. . sto, Si - - cu - ra nel suo cuor.

L'a - ni-ma mia


^^ggmtra^iiiri - - pò - - sa Al. 'ombra del - l'a-mor.
Né ten-tazion, né fai . . lo vi la co . glie - - rà.
Fer-mointe, Roc-cae-ter - - - na. Con fi - do so - lo in Te.
-1
J=J
^rrxr-

L'a - ni-ma mia ri., pò . . sa Al . l'ombra del . l'a-mor.

*=::fc:
^— l:^

iEJ^^EEg S^|EE̱'=Ì^
S'O'deu-na vo • ce d'an-geli Qua-l'in-no di vit - to- ria
Sai • va da te.ma e af-fan . ni, Dal dubbio che addo • . lo-ra;
A - spet-to con pa - zien - - za Poich'egli é not - te an . co-ra;

h-
È i^E £
A ^-=^
\^ -^—A «-

Dai campi del - la glo • . ria Dal fiameggian-te mar.


Sol qualche prò- va an -co- . ra Un po'pianto an-cor
di
A - spetto! ormai l'au . ro - - ra La sponda indo-re - - rà.

ser
I
Copyncbt, 1870. by W. H. Doane.
1 39. Questo Cor da Te Redento.

m^^^^^m.
1.
2.
3.
Questo
Questo
E - gli
cuor da Te re-.den.to
ca . ro, deh! con . so . la
sia-pu - ri--fi - - ca . to
Te-co è pronto andar mo-
Che disposto egli è obbe-
Col tuosangue.oReden.

.PW^R^^^^P
di
ri - -

- .
re,
re
Ob
Ai .
- be
la
- - dir
san-ta
. ti egliè con
tua pa
.

.
-

.
ten
ro
-

-
to
la
E con
per go.
to - re, E - gli sia san . ti . . fi . . ca . to per lo

M^^^d^
"^T^Te ri - . su . sci
V~r'
. . tar.
de . re te. co in ciei.
Spi - ri - to d'a - mor. 4. Questo figlio a te diletto.
Sia di Spirito tuo Santo,
Riempiuto, e ognor protetto
Da te, caro e buon Gesù.

140. O Benigno, Redentore.


( Sulla melodìa precedente. )
1. benigno Redentore, - Tu conosci miei <iesiri.... i

Amo scritto nel mio cuore - Tutto quanto l'evangel,

2. Manifesta, o Redentore, - Nel mio corpo la tua vita,


Tutto quanto tuo splendore, - Tutta insiem la tua virtù.
il

3. O glorioso Redentore, - Col tuo aiuto camminare


Andrò teco ognor col cuore - Pien di fede e carità.

4. O mio caro Salvatore, - Nella palma di tua mano


Giorno e notte nel tuo amore, - Dfeh! tu fammi dimorar.
5. O Gesù, mia forte Rocca, - Fammi simile a te stesso,
Fammi come la Tua bocca, - E da prode lotterò!
— —
141. Chi Muore con Cristo.

m u
1. Chi muo.re con Cri-sto È mor - to al pec - ta - to; Chi in
2. E' il san-to bat - te-smo L'imma - gin gra . di - ta Di
3. EI l'i - ra di - vi - na del Pa - dre ci ha tol-ta. Ei

J. J- J J ^ ^
^
r
Lf=^=f^J#=^ ^ ^ ! 1

'
r
^
r^z
-1 _,

r '^
r r r
Cristo è se - - pol-to Con Cri - - sto è ri - - na - to; Ed
questo pas. - saggio Da mor - - te al- la V/if - ta; Nel-
dentro la tomba La col - . pa ha se . - poi -ta, Ei

j i J J^ j J
II

J
^^t=^ M^=f==e=t r r r =
1
"*"=c=J

$^
or se
JJ di
I

/
morte Ci
Q '
f'

par-la ]a
ò'
l'onda di morte Scen - - diam coi Si-
se - co da morte Ciha trat-tl al - - - la

alla fine

jpB^
W ,

tomba,di
t
j j j
r
vl-ta
r f
.

'

Si-gno
J-;
r
-
"

-
j.

r
re
e:

Ci
'
[j- r r
par - - la
'

dal cìei.
r-
"^ ?1

^
il

gnore.Mo- riamo con Cri - - sto Con lui rl-sorgiam !

vita, Ei seco a suo Pa - - dre Ci addu - - ce nel ciel.

J4 ^ J J J X3 -iJ j. j. j.
-''-r^ fr-f r\^i^^
1

142. Deh! Tu Parla in questo Culto.

1. Deh! tu parla in questo cui to E ciascun di noi fin-


2. O Signor, la tua presen - za Non lasciar mancar tra
3. Pache le te-sti-mo-nian ze Siano a glorialo Salva-

J J J JiJ'^jj.j.

tenda, E l'a-mo-re tuos'accen da In noitutti,oDiod'a


no-i,Noisiamfat-ti fi -gli tuo - i Econtevogliamgio-
to-re; Aprir puoi tu'l nostro cuo perna vo-ca-

LP^b 1, . J[J J J >^^^ J jt,d Jlì^l^


T^' e- s'r ' r r-*
mor. 1 tuoi so -spingi
prò - fé - ti Conio Spl-ri-to tuo
ir. Dona a noi discer-ni- men-to Già che tu dal mondo e-
zion.La brama- ta tua pò ten-za Ma -ni-fes-ta in questo

1 E—r^r—^
Pi^'b"
|j ^-L-i \f TT^J-^
! —t- r L. '
.
r
1
— -^Uh. r
'-
^F f>.j
La ij •

Santo; E di gloria un nuovo can-to Sgorga tu da* nostri cuor,


let - ti Ci ài per esser be-ne - det-tì Giorno e notte a tuo desir.
cui -to.Fache'l piccolo e l'a-dul-to Sia ri-pieno dell'Unzion.
1 43. Dalla Tomba Sorse il Cristo.

w^fmB
Moderato

1. Dal-Ia tomba sorse'l


2. Per la fede in Lui na - ti
ri
^^
Cristo,
m
Nuova vi - ta rive sti, -

Luogo in ciel noi pure avrem.


3. Per la fede in Lui che solo. Dei-la mor-te trion - fò;

'J.T J J mk.i Jnr r f.'PFP

h i i i'-
H
Del-l'in-fer-no fé' il conquisto Ed il
¥ m ;5

cielo all'uomo apri.


P
Se nel sangue suo la - va . ti In lui so -lo spere-rem.
Per la fede in Lui che so - lo IL suo po-pol ri - scat- tò.

Q: J J J.'JU:;^jJ JH^^^^^^'i-'^^^

fe-fc

Non v'à speme di sa-lu


£
•4^

E - ra chiuso pel pecca-to

gio-rioso siede in trono


-
JM^
te
Di
Ì\\ ^^
che Adamo si macchiò.
Per chi fida solo In sé:
Su nel cielo eterno Re,
Ma
Largo
l'A-
No.nel

'^-rff,-6fflirf,irrp-Ff.v:lf

^m damo o - ra
J'uomnonv'à sa-lu -te,
sempre di per-do - no
ri - na - to
^
Re del
La sa -
ciels'inco- ro
lu-te è per la
Ad ognun che torna in
-
^
nò.
fé.
sé.
n

-
I> J J J fir f r.x i r fff riJ l i
1 44. ILSignor Dolce e Clemente.
(Sulla melodia precedente.)

1. Signor dolce e clemente, -Fonte eterna di splendor,


Il

d'una mente - Ei ci vuole e d'^un sol cuor;


fratelli,
Affinchè si manifesti - In ciascun la sua pietà, «
La sua vita, e lesti lesti - Camminiamo in carità.
2. Signore è nostra luce, - E in lui sol dobbiam sperar.
Il

Egli èquel che ci conduce - Attraverso questo mar;


Fin che al porto della bella - E diletta gran città
Ci troviamo con la stella - Nel cuor nostro a eternità.

3. Dio vede e sa chi siamo, - E ci ode ancor cantar;


ci
ricerchiamo - Maggior forze per viaggiar.
fratelli,
Rivestiamo Salvatore - Fino a tutto il suo splendor,
il

E di lui l'immenso amore - Brillerà da' nostri cuor

45. Padre Pietoso.

1^ ^
Andantino

1 ^^ ^
1. Padre pieto - - so, Pa-dre d'affet - to, Per
2- Padre di gra -- zia, Pa-dre d'amo-- re Ren-
3. A Te la lo - - de. A Te l'o-no - - re, In

Trrr^i^'ffrjrr^if/grJTTg'

M g^g-u^^T^-V>
w^
i;^^^

tuo favore Stringimi al petto; Fa


fe^
v^-^^"^
s?

che congiun-to Al
dimi forte, Piendicando- re; Santo e fede -- le Fi-
vi-ta sono, Vivo d'amo - re; Di maggior grazia Or

%r^^^w:^^}
ì
^^ f ?i ^ r^ n

^m ^tuo ti-mo
ZI

- - re
^f
grrTb^jj:,^)j^
Sia notte e giorno Tutto'lmiocuor.
noallamor - te, Se-gua-ce ve-ro Deli'evangel.
fammi do - - no Per cammina- re Sol con Gesù.

P-j'ìrl^^-^irrT.-gir;'r- i
— — ^

146. Lieti Andiamo Avanti.


Copyrlghl, non,
Gbakt Ooltaz Tullxz,
t>y ToUM-Merodltti Oo.
Animato

1. Lieti andiamo avanti u-ni-ti al Salvator, '


Tut-tl d'un sol cuore,
2. Ofratel.li,avan-ti senz'alcun timor, Fug-gi-rà danoil'a-
3. Forza,sempre avanti, fermi nel vangel, Cri-sto por-te-rà eia-

^ ^
^
^
'

\l ìlli hi:l-i-¥t^
stret-ti nel suo amor; E-gli è nostra speme.nostra i-la - ri-tà,
stu . to ten-ta -tor; Cristo, nostro Du - ce, prode ognor sa-rà
scun di noi nel ciel; Sua pa-ro-la inco - ra meno a non venir

CORO.

•é #-

E nessun ci abbatte-rà
E per noi combatte-rà. Gè -su sa . rè nostro conduttor,
IL nemico a perseguir,

Ci condur-rà senza alcun timor; Im-pal -


li

#
. dir

* • w» i '-tz « t: fe I r—-" • E^
nul-la ci fa-rà Per lasciar la nostra e redi tà.

——
- -

-<= — . "P" "T" v*


t •
"f" "T* —T~ p • «2-
147. Grande Amor.
(Sulla (nel. del cantico precedente.)

1. Ero un peccator non conoscea Gesù,


Ero senza speme, senza Dio quaggiù;
Ora son redento, Cristo mi purgò-Col suo sangue ch'e» versò.
CORO: Grande amor trovai nel mio Gesù,
Pace alcuor, Ei mi portò quaggiù;
Ei tornerà, Ei sta per apparir!...
Oh quanto sarà grande il mio gioir!

2. Il Consolatore mi mandò l'Agnel;


Ei m'ha illuminato, perii suo vangel: drò veder. [

Ognor lo vo' seguire, ho scelto suo sentier, E'I Padre mio an-il

3. Vien Signor Gesù, voglio venir con te;


Vien Signor Gesù, portami su nel ciel. i tor!
Presto io sarò nel regnoTuo d'amor.. .Gloria, gloria al Reden-

48. Laude all'Agnel di Dio.


By P€R. OF O DlTSON Co., OWNtPa OF COPYRIGHT.
LOVVElL MASON.

fg^
, f Laude all'Agnel di Di - o
-(2-
r-1

Che regna
^f=^=ft:
f
in
^
cielbe-a-to:
T-r

^l Per noi Gesù

^ È
9^
D.C.-
i-

Per noi la
s'è dato

è=^i=è
t
propria vi - ta
f S E

0* -
vit-ti-ma

ferse il Re
Fine.
^ ,
cres. , I). C.

^^ site'.
j=Tf3 ^~rr^^
Sa-. Il come rampo! - . lo
]^ £B^li=ts=<^
Da
É-±
ter-ra ina . . ri . di-ta:

=F^^^

de' re.

2. Nascose in sé l'eterna - Sua glòria e sua grandezza:


Né forma né bellezza - Al mondo altier mostrò.
Crudel l'uom gH diede - Piaggelli e spine e croce
Sino alla morte atroce - Del legno Ei s'abbassò.
3. Fu servo, fu schernito, - Fu afflitto ed oppressato:
All'uccision menato, - La bocca non apri.
Scese nell'ombra orrenda - Del regno della morte.
Ma ruppe ie ritorte - E pien di vita usci.
1 49. Biancheggiar si vede l'Alba.
S.J.Vail.

1.
m^m^^^
Biancheggiar si ve-de l'al-ba, E l'auro-ra approssima -re;
pp
2. È la not-te ornai avanzata E spirar dell'aura il giorno
3. Del Si-gno-re i riscat - ta - ti Al- le noz-ze dell'Agnel - lo.

a?=4JjJa=JgÌ5l|feÌS^fe?jg^gpp^

Faccia alcu na non sia scialba,


-
ì^m^mm La vit-to - ria noi s'a-vrà.
Sente ogn'aima apparecchiata Al - l'incon-tro dell'Agnel.
DaMo Spi - ri - to chiama - ti So-no pria che pas-sa l'or.

^m^mmmmì
^pm^t^^^m^m
To.sto si vedrà appari - re, Con gli an-ge.li del eie - lo,

Già si o-deovuiiqueè vi - ta Nuovi can-ti-ci di glo-ria,


Son (e nozze apparecchia -te; Prepa-ra-ti songli elet-ti...

Ba3aE333p^=g^^^^gia^g|

^^H^P^i^^^lSl
Gè - su Cri - sto per ra - pi - re Nel- la glo-ria i suoi fe-del.
Per l'Unzion che in cielo addi-ta L'appa>- rir del Salva -tor.
Ec-co, vien to Sposo! andate A incontrar - lo su nel ciel.

ggZ^z£^ gEE^i
Uscd by pcrmissìon. The Biglow & Main Co.. New York, owners of the copyright
.

Biancheggiar si vede TAIba.


p CORO.

Biancheggiarsi ve-de Tal- ba, E lauro . ra approssima-re;

^èmmm3^MM^^-fmm
Faccia alcu-na non sia scialba, La vit-to - ria noi s'avrà. AMEN.

^mam^Ém^mÉm <a I él
'

1 50. A te, Gesù , si Volge.


Mo derato J = 92

J J
=3^= =FF -
i
1
j T=^x-P^r~H
1 r^ i;#
1

1. A te.Ge - su, si voi - - gè Quest'ai ma peni .ten . - te;


2. Col tuo p rezio- so san-- gue Lava pe c-ca - ti mie
i - - - i;

3. La tua bo ntà ma ggio - - re d'ogn fai. lo mi -


E' - - o;
4. Chi Te eh iamò COI1 fe - - . de T'ebbe p ropizloc)gno - - ra:

J J-
^-^^-4 '
'
-J-^-^ 4—4
pfi
'
r f
4^ al'.a fine

Jf^JuJ -^«i=^=p=t? ^ H
1", F'^i'irV'i '^^^Vr'fdf^
1
'
Nf^ -t t

Un tempio tuo vi - ven - - te TI degna far di me.


mio Redentor tu se - - i, E solconfi-do in te!
Dio,perdono,o Di - - o, Scenda tua grazia in me.
Dehifache tecoiomo - ra E che ri-sor-ga in Te.

H-, Z —ri—r : 1'^

nry— =^
\W^\^j ^g-4- 1
—TTIT^T^
1

^rzrr-f=^
L^^- r '

+iTrir i-i^.i/-
151. Venite Infelfci.
Bv PER. OF Dh. H R. Palmer, Owner of Copyright Df.H. R. PALMER,

;fegfi
^^^m mt mj-^ m
Ve-ni-teinfe - li - ci, ve- Signo
ni-te al - re,
i
IL
: i
quale v'in.
Ve - ni- te voi tut - ti che siete aggrava - ti Da pene e do-
Checo-sa vi do-na il mondo menda- ce? Ef- - fi-me-ra
2.{ - no-ri e pò - te - ri, pia - ce- ri e ricchezza, Non sazia - no

ÌÉ *;:

^ vi
lo
-

calma,
l'alma,
ta
ri,
133^
con vo-ce d'amore;

e gio-ia
N ^
i^tn

fu-ga-ce.
i

<
ve - ni-te

non empiono'! cuor.


da me!
031/ / /
Ì=im=Ì
lo in-vi-to sol

In fondo alla
1

s^=:r?=?^ i-4=H=44-^i=^m
È F=f

queS-Ei che son tra - va- glia - ti; Se il fai - lo vi


taz . za, ri - col - ma d'ebbrez-za, V'è sempre na-

m i
à

w m^^ pe
scosto
sa, chiede- te mer-cè.
l'a-ma - ro do -
\^^^~^3. Venite, infelici,venite al Signore,

lor.
Urgente è l'invlto,e pieno d'amore!
La gioia verace, il vero piacere
Son doni del Cristo,raccerta'l vangel.
Non offre ricchezze,non offre potere,
i^ p •
^

il \> l b L-l-p- ^pH Ma dona il perdono,la pace ed il cn^.
152. lo Sento la Tua Voce.
COPYRIGHT, 1900, BY L. HART80UGH. RENEW»L,

'^^^^^^^^ OWNED BY THE BIQLOW & MAIS CO. USED BY PER. L. HART30lTQa.

1. lo sento la tua vo-ce E vengo a te, Signor; Pel


2. Oh! quanto de-boi so-no...Tu'l sai, Di - vin Gè - su! In-
A te, Ge-sù, speran -za Doman-do,e fedeeamor;Da

fe^^^
3.

J. ì ì J'À_J.
T-^r-Z-X ei

CORO

sangue sparso in ero - - ce, Mi la va.o Re - den - tor.


-

siem col tuo per. do - - no, Danrìmi la tua vir - tu. Mi


te, Ge-sù, costan - - za A - spetto e pa-ceaicuor.

^^^^^^^^m
prostro innanzi a

X S ^: l
Te,

A À
pre - gan

^
^m
- do

JW
- ti

^
con fé; E

^¥^^^^^m
alla fine

Tu,Signo-re, sal-va-mi, Pie-tà, pie-tà di me. A-MEN.

bÉi^^Ért^^
— 1 w
1 53. A Dio che Tanto ci Ama,

1. A Diochetan-to ci a-ma Noi ci vogliann sa -crar; Se il

2. Si- cu- ro del suo amo-re Un pegno Iddio ci die; Ir^

3. La nostra de-bo- lez-za Sol - le - va tu, Si -gnor; Sii

I J S 1 , S J ì

D.C. A Dio che t an-to cia-m<3 Noi ci vogli amsa -crar; Sei!

J — 1~"
T=fì
1 P>

4^
nostro cuor lo chiama Cor .for. toEi sa re - car. Ei
luitranquillo il cuo-re Ri pò ne la
. . sua fé. Ar-
tu per noi for -tez-za, Sii tu - be li - - ra - tor. Lo-

—^ "W— S —r~ S
^-—
j l '^ J J
Mi
H^"
h
r
^
r
"^
,
1
T-
e
' r
J.
?
r
w~ r -f
e r-i—-f — — -t^^— r~
k-

nostro cuor lo chiama Cor -for-toEi sa re . car.

'
—±\ 1- 1 =^
^' r e r e
tut-to può, Ei so . lo, Si-igno-reè de' Si-gnor, Ei
dente la preg{hie - ra A Lui si le - - ve - rà, Ed
Spirto tuo di - vi - no Con -for - ti - ci quaggiù. Ci

k- 1^
( 1-
i ^^ .1.
\i
j ^
,
J
- ,|r'^^
s

D. C alla fine

J J J ;q J. j I\ j j ti — r
l^i."

k-^
1
,!
»/l
j' r e r e' r g ^ =(M r
die-deilsuo Figliuo-lo In donoal pec-ca-tor.
E - gli ma - ne e se- ra Dal ciel rispon - de * rà. AMEN.
gui-dl nel cammi-no Per-cor-so da Gè - su.

^^^^^ r f r r P^^m
1 54. Se di Cristo il Nome Ami.
W. H. DoANE,byper.

1. Se di Cristo il nome a . mi, Ti conso-la in vi-ta ognor;


2. Di Gè - su il nome ama - to Tieni impresso nel tuo cuor.
3. Se di Cristo il nome for-te Tu in-vo-chi con ar-dor.
A Co -lui che ha salva Al suo no-me can-te-rò.

^^^^m
4. ci . ti,

Se in
^mè^ééds^m^^
tua lot-ta tu lo chia - mi Sa-rai sempre vin-ci-tor.
Ti pro-teg.ge d'ogni la - to, E gaudio nel do- lor.
ti è
La sua grazia si-noamor.te Sa - grande nel tuo cuor.

In e - ter-no coi be - a - ti Quando inciel mi tro-ve-rò.

^: iÌEip^taSiHSlpI
CORO.

-^m^^^^mm^^m
Di

^^1^^: -^^ì^m
Ge-sù dolce suon

^m^m Sul-la terra, in cielo o-

SiP^p^rtÈèèÈài^a
gnor;Di Gè- su dolce suon Sulla terra, in cieloognor.
1 —— =

155. Una Rocca di Dimora.

f^-^
((\)^
xr—
-

(' -j,-
i i
is

—r=^. Kx-.t
— ^

s.
N

s.
:^

I\
s.
N

——
rrr-^;:
1
--,-
^
&
-.
H
LJ

1. U - - na roc-ca, di di - - mo - - ra
2. Dal ne - mi - co che s'a - - van - - za
3. Non sa - rò giammai con - - fu - - so,
4. be - ni-gno Reden - - - to - - re,

g g y g g
^^= — 1^
-f n
N=^-in g i>
^ i'

^ H

iy=y
Sii
Li -
- -

-
mi
be - rar - mi
^
sempre.o Sai - va
puoi, Si
-

-
-

- -
-
i
to
gno
-

-
-

-
3
re.
re.
Se ri guar - do a te, Si - - - gno - - re,

y,
Tut

p
- - to quan-to

[
Te -van

p ? ^

3
^^ - - gè - - lo.

^ 1
^ i: J J j .r 25

Fin che giun-ta sa - rà l'o - - ra


Di te sol la con . fi . - - dan - za
Non sa - rò giammai de - - - lu - - so
Deh, scoi - pi - sci nel mio - - - cuo ^ - re.

'S fili fc=* É


Q j
éf ili:
I
h
^ J

1^
DI sa > lir nel ciel d'a mor
È ri - - pò - sta nel mio cuor,
Se cam - mi - - no nel tuo a mor.
E al la fin por - ta - - mi in ciel.

^ I n u f I
^ r

1 56. La Patria mia è il Ciel.


Andante mosso

¥' ^
1. La
i JJ
patria
l J^J
mi-aè'lciel,
1^^ IL ciel d'a - mor!
2. La patria mi-aè'lciel, IL ciel d'a - mor!
S, La patria mi-aè'lciel, IL ciel d'a - mor!

« i7—V-

^=*
Las
In.
- su,
ter-ra
^m ^^
sen
un
. z'alcun
freddo
vel,
gel
Ve
M'in
-

-
- gnor!
drò'l Si
va-de'l cuor!
I - - vi ser - - vir, con zel, Po - trò'l Si - gnor!

h f U l
Uf \ [ [ MM
i ^
S=fe=i

Oh,
*z±:
»

qualfe
é

- -
S=t
li
ÌCZtE

-ci- tà
j^^ Star sempre
A.

col
tsrrìs
é

Signor,

M
Ma qualfe . li . ci -tè Las- su con san-toardor.
L'ai . ma las - su godrà, RI- - po-so, pace e amor;

^ ^ p—
t^ t"
ì ì 1
\ ¥-M
^ N
-1—
^ '^ ^^
i Dar lo -de al - la bon-tà
1

Del Sal-va-tor!
| ^ '

A - mar per o-gnie-tà IL Sal-va - tor!


Oh, san-ta e - re - di - tà ! Oh, elei d'amor!

H f
F r I
r g f
I
f r t
^^
157. Di Pace al Principe,

1. Di pace al Princi- pe, Al DJod'a.mor S'innalzi un


2. Qual Padre te - ne- ro A-marci Ei suol: Sempre con-
I V l^lJ J J J J ^ A
P?H^
. ,

-
r^-^rr r 1 f r r

y'/'^:^'V;r /'M','i;^^'||'i'ii
canti-co Dal nostro cuor. E-gli fra gli uomini Re-còdal
so- la- ci Sesiam nelduol. A-mi-co si -mi -le A Lui non
J J J J J
s r^^rfi-H'-
ffi
j. J

rr-^cr^
I
J
i
J J J. j
''
J j J
^'

ciel L'ardente fiacco- la Del - l'e-van - gel. Ci vi- de


v'è, Signor più provvi-do Di Lui non c'è. Di pace al
J j j I I / I J J j J

pove-ri,
Principe,
S'impove-
Al Dio
^m
d'amor
ri;

S'innalzi
.ua
Perchè vi-ves-si- mo.per noi mo- ri
un cantico Dal nostro cuor.
r

1 58. Santo, Santo, Santo.


J.B. DrKSS

1.
P^ i
San.to, San.to,
r-'
San . to ! Si-gno
fei
5=
. re Iddio
^^m pò - ten . te,
2. San.to, San-to, San . to ! T'a-do - ra-no i re - den - ti,

3. San.to, San.to, San-to! In te . ne-bre glo.rio - so!

^^^^^mi:4^-^h^B £l

11»»
A Te, rOnni . possen .
Co-ro - ne d'o-rooffren -
IL
^i
5 —

tuo splendo-re a-sco


^^
'#

te,
ti

so
^ Mio can-to
Dal eie-
I

lo in
Giammai possiam ve-der!
"

s'al-ze-rà!
fi- no al mar!
~ ~

sm ? ^
-

m=f=r^r^
J2

m pp;j=^:ii.ijt7^^

Santo, Santo, San-to! Immen - so pie-to - so,


sei,
Cheru-bie Se-ra-fi - ni Di glo- riasfol-go-ran - ti

m^^s
Tu so- lo Santo se .

^ :f--=t

r-=T
i

m
Id-dio

j-^
=^f=f
^^
d'amor su - per -no

^
§m ^^FCT^ ^^ tri-no e mi- ste . rio - so !
^=r-,h^^
Be . a . ta Tri - ni . ta !
^^^
Si prostrano a. do-ran . ti Tua lo dea ce . le-brar!
Sei pu. ro, sempi • ter . no, Immenso è'I tuo pò -ter. AMEN.
159. Sotto al Sangue staro'.

Moderato»

1. Co-sper-sa tien quest'alma e cor Col sangue ognor.coi sangue ognor;


2. Deh! to-gli il dubbloed timor Pel sangue ognor.pel sangue ognor;
il

3. Ri . fuggio tro-va il pec-cator Nel sangue ognor, nel sangue ognor;

S rt-^
K=t t'HfK^H %
r- TTr
i

*-
Le
1/

macchie purga ed ogni error


'J
Col sangue tuo, Si - gnor.
Da quete all'alma e pa-ce al cuor Col sangue tuo, Si - gnor.
Per-don, giu-sti-zia e pa-ce al cuor Pel sangue tuo, Si - gnor.

m ta
CORO
r-f \ 'r f
1/
f
I
Q^

b

b
#

b-
-f- Vft

m
Mr:/j;:j ^»' /J^j^^yj t\l ha
sempre

^^
Sot-toal san . gue tuo. Signor, Tienmi o. Sai -va-tor;

KfTrrriffrirfff

r ' J'
Jji iiJ^T^r^=U^Ji# ii

Nel pre - zio - so sangue ognor Pur-ga-mi l'a-lmae cuor

m f fj F II f -f:|£:£ [ T L=ff^
"1 ^/ì ^ \^ ^ K

C«^P7ngbt, 1899, by Wm. J. Kiultatucs.


.

160. Negli Affanni della Vita.

t*
'•

1.

2.
j.-iJ:
Ne
Im -
gliaffan
perver- -
-

-
jU:
ni
tempesta,
si
del
la
-
^
la vi - ta Quando
Sof-fi pur con
3:

siamo

3. "Non te-me - -te che son - o." I Oh! qua! dolce e


4. Quando l'on - da è im-pe-tuo-sa E la not-te

I. ( ^
r nr-Tfr i
f[
P i->i J IJJ'J:i'l^-^
Non
tri-stieaf.fllt - - ti, ci la -scia de . . re - lit - - ti

for-za il ven - to, Sia pu . re


- mo nel cimen - to,
ca - ro ac - cen - to, Cessa a un tratto lo spaven - to,
si fa o . scu - ra, Quan-do tut - ta la na-tu - ra
/7\

r"tF-'f if- F

9 i
TJ .'JUJ ^
'
l
i J '^ ^

L'a - mo - ro - - so Re . den - tor, Con sua cu - ra


Fre-ma l'ai- ma, te - ma il cuor, Cri . sto vie - ne.
Ces - sa su bi - to il ti - mor ! Ci dà cai . ma,
È scon-vol - ta e fa ter . ror. Ei c'in - co ra.

k r rr i
'

1
/
I
f i

f f [

^^ii
CI as-si

ci so-stie
- cu -

-
ì
ra;
ne;
\

iì^r
Non ab-bPa-te
Non ab-bia.te
alcun
alcun
\

hM ti -
mor!
mor!
pa - ce all'ai -ma, Ras -si • cu-ra i no stri cuor!
ci ri - sto - ra; Non ab-bia.te alcun ti - mor!
/'T^

^\\\ n "ifn i
e^
— f

^
161. Giubiliamo, o Devoti del Cristo.

m ^m ^
A vdonlc ftoslenvro

1.
7-r
Giu.bi lia .. mo.o devo - ti del Cri -
f
sto, Glo - - ria
2. Glo-ri o . . so del Padre alla se - . de, Le sue
3. Se ri sor - to non fosseja mor - te Sa - - ria
4. Giu-bi lia - mo noi tutti re - den - - ti, Ri - - sor-
'

H'-i^ J J I J" J J I J 1 » J J I

I
1 * mtr 3^
#^:^-#
5dJ=m^
tut - ti cantiamo a Ge-sù! Ei che morto e sepol - to fu
pia-ghe portando tor - nò Per di fender chi pone in Lui
va-na del nostro Gè - su; Non sa reb-berdelcie-lo le
gen-do con Cristo.l'a - vel La-sce remo agli squil-li pos-
a •_
H-b-
r f r u r r f r

fej .1 i n\i-tfiM i
vi . sto È ri - - sor-'toed impe- ra las.sù! E ri-

fé - de Ed in Lui la sua spe-me fon-dò. Chi nel


por - te Spa-lan- - ca- te a chi nacque quaggiù; Cristo as-
sen - ti E con Cri - sto godre- mo nelciel! Nuovo con-

^-r j r r -_Lf_-^-_^— r j j

epp i
^ f=ff
e
sorto.non giace più mor-to E-scla - miamo dal fondo del cuor.
cuore ha l'amo-re, Presso
di Cristo il Pa-dre l'avrà difen-sor.
si-so nel suo para - di - so, Or di noi non sarla difensor.
cento.con cuore conten- to Can.t« - re-mo bea - ti al Signor-

g=J=J-J J Ij J-H-M'Ha I
— . r ^ —H
1 62. Sopra l'Agnel di Dio.

re II I
.
I I I
1 u
1. So-pra l'Agnel di Di - o Pu - ris - si-mo.in-no-cen-te Ri.
2. Le mie mi - espon
se-rie - go, Soc - cor. so chiedo a Lu - i Ed
3. A . ma . bil,quieto, u.ml . le Vo.glio esser co. me Lu . i; ma

tfv"— j^-j^^-
« —— -zr j =9=^ — =P=3b— (-
|.

F=^ —
-1=
p\>2
iJ
é: .^

ver
r
. so
e
il fai
r 1

lir mi - 0,
—r^ -J-
E fon -
T
do la
-r
mia fé. A
Ei de' mer . ti suo . i M'è l'ar go do. na - . tor. Leam.
qual fi . n or non fu . i Ei so - lo far mi può. Con.

^'
J
-1^ ~i^
ri
—w~J —T4m
J
«r—
J J
—1*-
r : r-
-1 r- H=-=i^TÌ7: M= -^^-^ \

i
J.

r~c
Lui
ba.sce
J"

mi
J
r r
prostro u-mì
j

mie.gli af.fan
' f
.

-
r
le;

ni
J
r
La
J

Gli e .
I

'
J
r
sua
spon.go
Pie
J
r
.

in con
r
tè. de implo
. fi
=f^
.
^
dan
.

.
p
ro;

za,
del
Ed
ti . nua la pre.ghie . ra Gl'in > nai . ze . rò del cuo . re, Mi

^-^2
alla fine

wQ,\'>
P=^—d-
\
—f-rrj-
—-p ——
-ii-^-t
1
1

TP^.
^
1

1 J
,

*
1 J
«
J Ef=
-
—^—
/r\

n ^^ . J
T" 1 r 1
r r r 1 r r
san. gue suo m'o- no - ro Ch'E -gli ver-sò per me.
Ei vi va spe- ran . za Fa scender nel mio cuor.
gul .da Tu, Si. gno - re, E sempre tuo sa - rò. AM EN.

=^ J J J
IV t^

f ^ =?=
ri

.-bidr-nf- Ir r ^ ^
^ 1— Si
—41
o

1 63. Signor, che col tuo Sangue,

R^, e^i ''H^ J «l


F^M^-hd—^—^— — 1 1

r—T-H

1. Signor,che col tuo sangue Dal fai- lo m'hai la va-to,


2. Mi-se.ro in ter.ra so- no, De- bo-le e trai son i - o,
3. Se sul Cal-va-rio tengo Ognor losguardoaf.fi - so,

EJ — r c' g r. r
r-A-J-
Vt" '^ i: e- ^ ^
'/-i^
^%=3=F^F=5=5t F^-V==9= 1 j J ' J r=^=t
'
r r r r 1

r f-
Dal mondo e dal pec - ca - to Pre. ser-va-mi, Si -gnor.
Ma nel- la grazia, Di . 0. Mi sen-to for-tein te.
Se ver-so II pa . ra di . so Ri - voi - go l'occhio ognor,
J J J À A ^ A A
T r ^^^
1 J .1

-f- r r
E^' r e g ^=N-r--r -r 1

t£»r^ r / =^=it ~>J—ibf^ii=t= S 1


II -j j^-'i
-r- r r
Fa che su Te ri - pon-ga Tut-ta la mia fi . dan-za;
Quado il ne - mi - co giunge Ad in - si-diar mia vi-ta,
Lo Spir-to tuo di vi - no . 1 - non de - - rà quesst'al-ma

r f^ r
J
^
J J J J
^ r c ^ =f- g r r If^-f-J
1

Spi-ra va-lor, co-stan-za Al combattu-to cuor.


lo so che custo - di - ta È in Cristo per la fé.
Ed a-vrò pa-cee calma In te, mio Reden-tor. A-MEN.
164, La Gioia de' Santi.
\Vm. B. bRADBURV
-^' n
.1^ ,
' h b-r-,

1. La gìO'ia de' san-ti è il cuor di Gè -su, L'immen.so suo amo-re, sua


2. Oh! mira,"Ecco ruomo"languen-te e-gli è, Ei gronda di sangue, stra-

3. Con chiodi fo - rate ha le ma-ni ed i pie, Con-fit-to in sui fe-gno Ei

4. In croce Ei com-pì ia grand'o-pra d'amor, Qual Agno in-rw-cen-te pei

san.ta vir.tù; La fon - te di vi - ta che la - va l'ef - ror £ il

zìa-toè per te. GII spu - ta-no in fac-cia... gran-de or-ror!Ha


pen-de per te. Tra -fit-toha'lco-sta - to con lan-cia erti - del,Spet-
fal-liE-g(l muor. Col cuo - re con.fl-da nel ca - ro 6e . sù,L'im.

^É ^^^^=P^^ T=--

CORO.

sangue di Cri-sto che pu . ro fa il cuor.


^^^p^
cin-toilsuo ca-po di spine il Si -gnor. Del gran-de a - mor cantiam
Oa - col d'a-mo-real-la ter-raedal ciel.

/nen-so suo amo - re ti sai - va quaggiù.

^^0mMtd^^^^m
^mtmmsmà.
i'a-mo-re di Gè. su, A - mor pos . sen - te per saUvar quaggiù.

m^^^m
COPYRtOHT PROPERTY OF THE BIGLOW « MAIN CO." USED 8Y PERMISS'CS
1 65. Ei ci Lavò , Ei ci Lavò
eOPYAlOHT, 1W3, BV MOAR A. MILLER. Oscar a. Uolr.

1. Sulia croce il Santo Agnello Cruda morte egli gustò Per rìoì

2. In vir-tù del sangue d'Esso Noi abbiam la lì . berta Di en.


3- Noida Lui siamsuggel-la - ti Per l'è -terna ere - dita; Sempre a-
——
r-^
^
-# f Jl
g^^
A \ P P P-

r-ir

^^^^^^m
tutti, e nel suo amo. re A comprò. Col suo sangue
Dio Padre ci
r^
^^=t :^=t^

trar nel luo-go San-to 0-ve Padre nostro sta.Quest'è'l sangue


il

van-tf cammi-nia-mo, Vi-ta eterna in ciel s'avrà. Chi nel cuor Ge-
.f-_

PfnTO^^fei^^FfegJ^
*=*
«=f-<-<-ì=^
£E^^
t=t^=t
cihala-va-ti D'ogni falloe i-ni-qui-tà;
che pronunzia L'in-fi-nito e immenso amor
mmm O
di
- ra
Gesù ch^
siamo
t
:=r=^
ri-scat-
mondo an.
al

su possie-de A Dio Padre fat-to è In e - ter-no santo e-

s -f—f
N^ ; lU^M
E^^^
r^r
ta-ti
^r-<l

Per l'è- ter. ni - tà.


nunzia Vi-ta e-ter-na ognor.
^n Ei
CORO.

ci la-vò, Ei ci
i=s=i
t=^

la -
m
vò Col
re-de, Sa-cer . do-te e re.

imfg^
.

Ei ci Lavò , Ei ci Lavò

mUi^ ; i

suo prezioso sangue. Gesù Sai


^ft=^
:

-
^^
va . tor; Ei ci
^=^=i=
^"^rrr
la.vò.

AiiLiJ, i'\! S J-^J Jjfc&^


^ ^^^
Ei ci la.vò Col suo prezio-sosangue,Ge-sù Sal-va-tor.

^ ^^4^ I
l K
IMM^rfc:^
V—tr i

1 66. Inondar mi Sento il Cuore.

rr r r r r rt ' ' ' '


'
i
' r
1. Inon-darmi
sento'l cuore, Sotto al sangue di Ge-sù, Di so-
2. Sotto al sangue l'alma mi- a Si ri - veste di candor,E Sat-
3. ILmiocuoreognorde-si-ra La pre-senza del SignorOi Ge-
4. Gesùèquelchemicon-duce.Per lo Spi-ri - todivin.Se.Tìprea-

-r-f—
a-veedolceamo-
1

— p I I I —1——r r
7f
E di ce-le - -
re, stial vir-tù.
tie-ne nel-la vi - a Checon-du-ceal cield'amor,
su cheasè m'atti - ra E m'ir- ra- dia di splendor

^^^
van-ti nel-la lu . ce Sino al giorno deUla fin. AMEN.

,éJ^
E7J:-g-l«-UaSF£
fn^rr-r
167. Marciamo, Fratelli.

1. Mar . cia-mo, fra - tei • li, la tromba suo-nò;Cia-


2. Per tut.ta la vi ta sol da - ti noi Siam, Oa
3. Per chi non combat. te co - - ro . na non v'è: Mor-

^ J J UL^ J
i^ J=^i"=r^=T=g^
J^- J^ j-

^^^
^^^4¥=èif^m
spetta nemi - co, il
J Du ce chiamò. La pugna fia du.ra.tre.
prodi ai ves-sil- lo gio- io*si accorriam; Di Cristo la fé - de for-
tale è al neml . co di Cri-sto la fé: Per l'uomo che crede non

Jjj fJ-
w ''i^'ffift^'^'iWt

^^^^M^^m
CORO.

menda sa Ma buone son l'armi, vit-to-ria s'avrà,

^
- rà,
ti - fichi 'Icuor, A lui sia la gloria del nostro va-lor. Al-
ha\A/j ti-mor. La for.zaglièda-ta dal suo Sal.vator.

àM
^ mg-N^i j Jl jj I
m r-g- ^^
^^^^i#####
l'armi, al-l'armi: com - pa-gni manciam! Ecco'l ne-mi -co. la

E^^^
COPYRIOMT PROPERTY OF THE BIGLOW • MAIN CO USED BY PERMrSSION
Marciamo, Fratelli.

^^^^^5
tromba
^^
suo-nò; Su

m^^^^^^^ Che rin-vin - ci - bi - le Du - ce chia.mò. A-MEN.

r-T

1 68. Deh! T'affretta, o Peccator.


Ignace Pleyel-
Hf^ — i
r ^ I J—^j I I 1

1. Deh! t'affret-ta.o pecca - tor, Og . gi a Dio tu cuoi ve - nir:

2. Deh!t'affret.ta,o F>ec-ca - tor, Non tar-dar nel tuo pen-tir;


3. Deh! t'affret - ta.o pec-ca - tor, Lascia il mondo e'I suo gio - ir;

4. Deh! t'affret-ta.o pec-ca - tor, Se a Dio ti vuoi of-frir;


1^ r

1*
i^^^É^^
Ei ti chiama con a - mor, Tu do - ma - ni puoi mo - rir.

Or ti chiama Sai- va - tor, Tu


il do -ma - ni puoi mo - rir.

Cor.ri a Dio per -do- na - tor. Tu do - ma - ni puoi mo - rir.

Lascia dub-bio e
il l'er- ror, Tu do. ma - ni puoi mo - rir.
^ ^ —
1 69, Salvati siam, Salvati siam.

1.
2.
^m
Su
Su
via, fra-tei
via, fra-tei •
-
V3-U-ì-^
li,

li.al
tutti insiemcantiam,Che noi salva
mondo proclamiam. Che
m^m noi salva
-ti
-ti
siam,
Siam,
3. Su via, fra -tei - li, In fé te - sti-fichiam, Che noi salva -ti siam,
4. Al legrìIinCri sto sempre sentiam. Che noi salva siam.

^^
- - ci -ti

U4=
V=i=^
ì=^

te^xftr^
che noi sal-va - ti siam.Con quel pre-zio - so sangue che'l Signor
che noi sal-va - ti siam; E che fra bre-ve appa - ri - rà dal ciel,
che noi sal-va - ti siam In-sem - pi - ter - no, per go-der nel ciel,
che noi sal-va - ti siam. Su via, fra - tei - li, diamo a Lui l'onor.

^^^^^^^^p
^
CORO.

^^$
Ver- So pel pec - ca -
25

tor.
pa
-^->-

IL san-toe di - vo A-gnel- Or che sai - va - - ti siam,


IL re - gno del - l'A-gnel.
Per tut - ti i suoi fa - vor.

M
tfcr :e^E^-^'
'-ì==t l ^M^M^
r ^^ — ^— l^-T—
? —— f^ P*^
1^
I
— u r-T^TT -I

or che sal-va - ti siam Col sangue del di -, vi - no A-gnel,

iiP^^^ipppl^
Copyright, 1903, by j. M. Harris.

Salvati Siam, Salvati siam.

^^ m; } !• I-

wm 1:15

mmm^^^^^^
O f ra . tei - li,a-van-ti camminiam Con Cri-sto-» ver-so il ciel.

-0- t^*

^
1.
170.

Dio è
2. Dio è
3. Dio
1/




u

-

.
S^
de le.egli à
de. le; in
de-le è 'I
Dio è Fedele.

u
promes - so
lui con.fi do,
,
É
E -gli non può mai mentir;
Non con - fi - do nel mio cuor;
,

mio ri - fu - gio Nel -le lot-te di quaggiù...


"Wm. J. Ktrkpat«ick.

;^=5 ¥

4. Dio è fé de . le... sl.egli m'a-ma !... La vit - to - ria mi da - rà;

m f^^ t
F

mm ^m
Fine.
JLi
1^ ^fe '
t:^ ^r
V u
Cieli e ter. ra pas-se - ran-no, Ma il suo dirmai può fai - lir.

Gè - su sol del. la mia fé - de E -gli è ca-po e compi - tor.

^
E l'a - iu . to da lui vie -ne. ,. E mi con-dur-rà las -su.

— —0-^
Conmanfor-t'Ei mi so-stie - ne. Cer. to non mi

m
. la - sce .rà.<
-^ m «_
ii
- ^ ^^

w M.
w
D,S.- In lui cre.doe mi con- fi . do, A lui sol voglio obbe

Copyright, 1898. 'y ".^i!- J. Kirkpatrick.


171. O Signore, Tu sei Buono,

1. Si . gno-re, Tu
^^T^ffff sei DUO • no, gno - re, Tu
Si -
- - ^
sei
2. Non v'è alcu-no in questa ter-ra Che com-bat-ta con va-
3. pò - ten-za del- TE ter - no, Vin - ci - to - re del- la

fcl
ca-ro; A Te sol tut-to mi do- no, A Te solo, buon Gè-
lo- re, Ri-por - tando in o - gni guer-ra La vit-toria.obuouGe-
morte, Vin- ci - to - re del- l'in- ter- no, Fammi'l tuovo-lerse-

?^=^^^/^14^A^^
±4JZ=^dr=^~x
^.^N^rf-^-,
c:+r-^^=#F^^=^

su. Del- la vi-ta Tu sei'l pa-ne, E del eie- lo'l buon sen
su. Tu sei'l so -lo vin - ci - to- re, Fammi te - co cammi-
guir. Dammi for-za a cam-mi - na-re Giorno e not- te con ter-

.^p^= Jk..Lrj^i;j,ji^_^

tter che con - du-ce al bel di - ma - ne Chi se - guirva ogno-ra'l


nar...Tu sei 'I so- lo Sal-va - to - re. In Te sol vo' con-fi-
vor, IL tuo Nome a ce - le - bra - re Con ve - ra - ci - tà di

UémM III
O Signore, Tu sei Buono,
alla fine

ver, Che conduce al bel di- ma- ne. Chi seguir va ognora'l ver.
dar, Tusei'l so-lo Sal-va-to-re, In Te solvo' confi- dar.
cuor, IL tuo- Nome a ce - le- bra- re Conve-ra-ci-tà di cuor.

172. Paese Beaio.

ri ' • u I I 1 p r r r
1. Pa.-e-se be - - a - to Di vi-ta e d'a - mor. Oh! quanto bra-
2; a-ni-ma,al eie- lo Di - spiega 'I tuo voi. Do - v'è sen-za
3. Del mi - se-ro e - si-glio La fi - ne già vien Fa, Padre, che un

ma-to Tu sei dal mio cuor. Non cerca 'I cuor mi - o La pa-cequag-
ve-lo IL rag-gio del sol; Do- v'è del- l'È - ter- no La santa Cit-
figlio Ri . tor. nial tuo sen. La mor. te fia spen-ta, Ces- satoè'l pa

1?^=-^ — ^^-
— |-,
ri-ihr
rall.

J J J T
^
i-
alla fine ^

giù, IL ben che de - si - Si tro.va las . su.


tè. Quel be .ne su - per -no Che fi -ne ncn ha.
tir, Per l'al-ma re - den-ta E-- terno è'Igio - ir. A MEN.
t

i J J
^.«_ -P —
&=^u.^=^. l=F^^! P-
J. J^
1)
J.
1—ff'^
^r^
.

-r==^.
173. Vo' Cantar del Salvatore,
James McGranahan. by per.

1. Vo' cantar del Sai - va-to- re, Del suo grande amor per me;
2. Vi di-rò la sto - ria santa, Di Gè - su e del suo amor;
3. Vo' lo-darti,o Re-den - to - re, Col mio cuor ti voglio amar;

^^*
p#:feJrfl-j I
SJ^^lUidJ^éài^
Del- la croce il gran do- lo- re Che sof f ri - va là
- per me.
Ca - ri - o-gni
tà, speran-za, Eì "
do - nò ai pec - ca - tor.
Tu di grazia lar - gi-to- re. La vit-to-riaci vuoi dar.

CORO.

san - gue mi la-vò SuMa ero ce con a-


Vo' Cantar del Salvatore.
Refieai PP after tasi verse.

mo - re IL gran de - - - bl-to pa-gò..

174. O Gesù salisti in del;


USED BY PERMISSIO^ Webbe

^^m^^^i^m^sm
S.

Gè- su. sa stiinciel, Vin-ci-to-re deira--vel, Yin-ci-to-re

! I
j
I

U-
J r I
J J J J
I
I ì I
1^1 I ! I !

delPa • vel, Dell' in-fe-rnoedelpec - ca-to. I-viung-ior-no ci ad-dur-rai,

^
J J- r r I

i I
I
II
m ^1^^

vi
i

un giorno
^P^^PP^^i^
I

ci
I ^
ad-dur-rai ,
p !

I I
r
E in e-ter-no re-gnorai Sul tuo popol riscat-ta-to
I I
'
.^ ^ '
! 1 I

1^1 I I I
J I
J. r ^ I 1 I I ,

tà^ I

2. Ma qual mai sarà mortai [[: Cosi puro d'ogni mal :]]
Da salire al sacro monte ?
E qual uomo, o Re dei re, (bis) Ardirà dinanzi a te
Dalla polve alzar la fronte ?
quei che nel suo cuor
3. Egli è [[: Per la fede in Te, Signor, ;]]
Sentì nascer nuova vita;
Che al peccato rinunziò, (b's)Tuo figliuolo diventò,
E 11 tuo santo esempio imita.
1 75. Vìen ì. Fratello, Vieni a Gesù

1. Vie -
8-1
ni, f ratei-io,
4—1-
:S ^
vieni a Gesù ! Suo dolce appello
:i
-i

2. Dolce un appel-lo fu mal co- si? A no, si bei-Io


3. In cuorpenti-to del tuo peccar, Vieni all'invi-to.

m^m^^Ml=^^^mm
non o-dì tu? 0-di sua voce. vie - ni allacro - ce,
nessun rudi ! Vieni, t'affretta ! Gè - su t'aspet-ta

^^^^mmmm
M
non ricusar; Se diripo-so

CORO.
sei tu bramo -so

fc: fei^ t
S^^JF^ -f—f-
Affran-to pecca tor!
All'ombra del suo amor. E-ternoallo-ro t'offrel'Agnel,
T'accosta e dagli'l cuor !

m^^^^^>=^

Qualgranteso-ro là su nel eie!. guai gran teso - ro


5. *.-«-
PS
m
:i:fc


m
sùnelciel. Nel
w
regno del SI - - gnor.

m^p^^^
— — —
176. O Redentor Divino.

— — ——
=^^/-f^N^i-^
t-^^à-r'j J,J J !

J^'j^ r-i 1
f
t
^ -i—

1.
-^-fr-r^^
Re-dentor di - VI . . . no, Pongo o-ght speme e
2. Da Te mi vien la lu - - - ce Che brìi- la nel cuor
J J J J
' 4 f r r-j.-i^- F^=^ 'rj
-IT.... -r..-
, J

r
j

r
J
." r
J
'

lP*i ,
1
-— 1

j-r -J -
M J J ]
J-J j j — i 1

vanto Nel sangue tuo sol. tan-to Che fal-li miei la - vò.
i

nni - o: Nu - be, Signor.son -o i Che splende incontr'al sol

•k r r r r l^7>-M — i
' —i^^H

Ansan - te, pe- re - grì - no, su questa sabbia arden-te.


In Te, Signor mio du - ce, Sempre lo sguardo ho fi - so;

j j j j j j j j j j . j j

alla ifne

E l'u-ni -ca sorgen-te Da cui risto - ro avrò.


Per l'uom da te di - vi - so Non v'è che morteeduol. AMEN.
f77. O Gesù . Tornasti in Cielo.

1. O Gesù, tor-nastl In eie - lo Vln-cl-to-re del-la morte,


2. Torne-rai di gloria cin.to Schiuso l'ul.ti-mo suggel.lo!
3. Che Tu sol sei stato ucci . so, Col tuo sangue ci ài comprati,

si^*rt^^*^^
}-i-U-m J-Hr^fettirp^S
Per a.prtr. ne a-noi le porte Ed ac- co-glier- ci con te.
Al - le - lu . la al Santo Agnello ! Cie-lo e ter-ra intaone-ran.
Ci ài raccol . ti, ci ài sal-va . ti. D'ogni lingua.ogni tri . bù.

^^ - *
&:^^=M''TfrfM^z^i
* * *

^tì^^i^^^^^
Tome - rai su questa ter.ra Tri-onfan-te e glorio -so:
Già s'adempion le promesse Del.rAnti-co e Nuovo Patto;

mi
Re ci ài fat-ti e sa.cer.do-ti

à^N4i4:±uti^i

f^M^:i^^Ééàm^=^;t:fw^m
Airiddio che è in

m
Te placa-to:

i
Tor-ne-rai, ce-le-ste Spo-so, Tome -rai qual Re de' re.
Gloria al Santo del ri-scat-to! I fé • de - li cante-ran.
A-pri il cie-lo,o de - si - a - to. Torna a noi, Signor Gè -su.

'gm^^^^b^ÉÈimm
O Gesù , Tornasti in Cielo.

'^^m^^^^^^ #
Torne-ral ce-le-ste Sposo,
r-
Torne-rai qua! Re de' re.
^^a
Gloria ai Santo del ri. scatto ! I fe.de -li canteran.
Apri il cielo.o de - si • a . to, Torna a noi, Signor Gesù. AMEN.

m^Séé^m
1 78. Tutti Andiamjutti Andiam.

Ewi un pae-se a noi promesso Ricco di pace e di bel-tà;


0. ve fiuni-te in santo amplesso Dinrìo-ran . . . .

È la cit-tà ce- leste e for.te È la dimo . ra del Signor,


I la Si.on.che con sua morte A noi di

gio . iae santità, Tutti andiam.tutti andiam, pie-ni di san-to ar.


schiuse il Salvator. Tutti andiam,tutti andiam. E-ternoèlàil gio.

U^^#é#^iéé^^é
!• voi.

3. Non più affanni, non più duolo.

dire andiam; Colà più colpe, non più error,


ir. AMEN. Ma riuniti un santo stuolo
Intona lodi al Salvator.

W^^:r^
COPYRIGHT PROPERTY OF THE BIGLOW A MAIN CO. USED BY PERMISSIOM
79. Seguitando il Buon Pastore.
Chas. B. Gabbikl.

^^
1.

2.
Segui
Del Si-gno
- tandoii buon Pasto
- re la

pa-ro-
-
r
re,
la
W-i-
^m
Nul-la
Gui-da
mai
vera è al nostro
ci
?^t t^
neanche - rà;
cuor;
3. Tut - ti gior- ni can-te-re-mo Che Gè -su è il Sal-va - tor!

^ EHUg-t^
i

^^
ÌE

Ei ci

Es- sa l'al-ma
guarda
m
col
ci
suo amo-
con-so -
.::
1
re,
la.
(i[\iU^
^ f*

E giammai ci la-sce- - rà.


Ci con-du-ce alCre-a - - tor.
"• #^*

Fin che tut -ti in ciel sa-re-mo In e - ter - no col Si -gnor.

K^
^ t ^—
T"1

m
CORO.

^-Trhk
Se - gui-tan
t t
... do
r
il
t
^^
\ ^ 'r
buon Pa-sto
r-r
re.
' 4

Nul-la


^f f ^
F=Ff È

±
^^ ci man - - - che - -
rr-n*^
- rà;
^ :
^afej
>^

Ei ci guar
^ - . da-

1^ r
topyngiit, 1898, \)j Mcycr & Bro., Cbic*^, Ui. Dscd by per.
^

Seguitando il Buon Pastore.

fVi col suo


!
amo
\

-
.1
re,
jurii^^^j
U I

E giammai
I U
ci la -
'
sce.-rà.
\-i

m
1 80. Oh.che Amor Gesù ci porta.
C. C. CONTBBSB.

m ^^é
^=^

1. Oh,cheamorGe-sù
3
ci por - ta
-t—

! No-stri fal-li Ei vuol la - var;


-"v-^

2. qual prove e ten-ta - zio ni L'al-me nostre àn da lot-tar;


3. Siam noi fra- li e languen -ti? È pe-noso a noi 'I viaggiar?

5 g « 8 ifcs r—»-'> >


^E
y
r=f •' '

e/

Fine.
i^-^
ii r^^^^^
qual grazia andare a Di - o gni co-sa a raccon-tar.
Su, fra-tel-li, andiamo a Di - o gni co-sa a raccon -tar.
Sempre vi-nce chi va a Di - o gni co-sa a raccon. tar.

> 1» ^ |É_^
'

i ^ > -^ '^ i^

Su, fra-tel-li, andiamo a Di - o - gni co-sa a raccon- tar.

S 4-
31=^
^r
N

Ti=Q
. D.S.

S~=" i
suo sangue va E preser-var;
vuo-le

^
Col ci à la - - ti, ci

Chi d'a-mi-ci è si fé - de - le, E nel duo-Io sol-le - var?


Se gli ami - ci ci àn la - scia - ti. So - li noi dobbiam vo-gar;

I * k I » g= F.ir'f^fUTfe i
y/ ^ ^ \/ ^
1.
2.
181

fwm-ttt7, fflo
Or
lo ero nel Fango.

e . ra nel fan-go lon-tan dal Signor,


so -no di-spo-sto l'A-gnel -lo a seguir;
^ K.

Non Ve
Con tut
L GtLuon,

to'l
t=i^
ra spe-
mio

^
3. Lui so- lo a-scolta - re mi sen-to col cuor, Ap-pien pre-di-
4 Or do-vunque va - do o - gnor gri-de-rò: Po - ten • za di

m^33.fcé:
M
|H-J i l i i i
j^/ l J tìi ti \

ran.za in- me pecca - tor, Maa-ven-do gri-da-toa Gè-


cuo-re lo vo-glio ser-vir; Do- vunque Ei mi chiama lo
car . lo con tut-to fervor. Con Lui cammi - nar di va-
Di o è chi mi sal.vò; Gè - su col suo sangue a

m^ p-^
^m
i'iiiì.i
su Sal-va- tor, Fu
\

- -
ì\{ni{ ìi^i
o - ri dal fan-go mi
\

ti - rò suo amor,
il

voglio obbe-dir... Fé - del l'ho tro-va- to con Lui vo' gio - ir.
lo-re in va- lor gno ra guida -to dal Con - so - la - tor.

^
- -

Dio mi comprò; Fé - -de - le, te- de - le sempre a Lui sa - rò.

m rr ^r i
i

Vrr?FUii
CORO.
J_J1 à jf{jxjl^
1^
j/;ijjj -
|

^ '

Fuor da quel fango Ei mi ti - rò, Sopra la Rocca miei


i pie fermò;

^ttlttt Copyiglit, 1898. by


IZZS

li L. (ìilniour.
fffi^ifl
Weiionah, N. J.
lo ero nel Fango.

Un nuovo cantico Ei mi do - nò; Gloria, gloria;allelu - ia!

V-;

m
1 82. Guarda il mio Cuor,
Mrs. C. H. MORBIS.

§^il^i^iilp~^^^1
1. O mio Si-gno . re, guarda'l mio cuor; Al tuovo - te - re, deh!
2. Mi-se- ro so- no, de - bo-le e trai In questo mon-do ri.
3. O mio Si-gno - re, guarda'l mio cuor, Guarda-loogno - ra dal
4. O mio Si-gno - re, guarda'l mio cuor; Ren-di-lo in-ten -to a

^^i^^gs^^^sp
pie-ga-loognor; Tu me l'hai da-to, Eall'evan-gel L'hai consa.
pie- no di mal; Guarda'l mio cuore, guardalo ognor, Dio d'a
gran tenta - tor; Tienlo si-cu-ro presso l'Agnel, U - mile e
tutto'l tuo amor; E tienlo for-te nel tuo vo- ler. Fi -no alla

.(2- ^ I
jjiLjl J»-

^^É@
-?:ì^
^
Il frT I

|eES
i
era to per es- ser fe-del. L'hai consacra - to per es - ser fé - del.
-
mm^
a^P^-^
me- re, po-ten-te Signor, O Dio d'amo-re,po-ten -te Signor.
pu - ro nel santo evangel, U - mile e pu - ro nel santo evangel.
mor-te a- mante del ver, Fi-noalla mor-te a-man-te del ver

I T
Copyriirkt. 181», by H. L. Gilmour.
P 111' '\Tu
E

83. Ho un Buon Padre,

MéM^'^^ì
1. Ho un buon Pa - dre che m'in vi - - - ta in del,
2. Ho un Sai va - to - re che m'in
- . vi . - - ta in elei,
3. Ho u na' co - ro - na pre - pa - - ra
- - ta In ciel,
4. Ci tro ve - r#.mo un dì
- las - su nel elei.

Ife^H: m^M^M^^:
^^mimm-^m-^ì^^hàà^
Ho un bun Padre che m'in- vi-ta in ciel; A Lui ben presto me n'andrò,
Ho un Salvato, re che m'in- vi-ta in ciel: A Lui ben presto me n'andrò, E'I
Ho una co-ro- na pre-pa . ra-ta in ciel; Di spine l'ebbe'l Salvator, La
Ci trov^-remoundl las- su mei siel U - niti al nostro Salvator, Fé-

mm^m^^^^^^
—r_^
mdmmÉm^m .

quel buon Padre in ciel vedrò. Me n'andrò, me n'andrò me n'an-


Sal-va-to-reinciel ve-drò. Lo ve-drò, lo ve- drò, lo ve-
mia sa-rà tut-ta splendor.Sì l'a-vrò, si i'a-vrò, si l'a-
li - ci appieno nell'amor.Presto andiam, presto andiam, presto an-

m^^^^^m^m^mm
è.mi^^m^^^^^^^^
drò nel ciel; Me n'andrò^men'andrò.me n'andrò nel ciel; Mio
drò nel ciel; Lo vedrò, lo vedrò, lo ve-drò nel ciel; Gè-
vrò nel ciel; SI l'a-vrò, si l'avrò, si l'a-vrò nel ciel; Ce-
diamo in ciel; Presto andiam, presto andiam, presto andiamoin ciel; Fé-

^^^^^m
Ho un Buon Padre.
alla fine

p^^ai-JÉ^^iÉÉtg^g^
Padre chiama,debbo andar La faccia sua a contemplar,
sùnelcielmi por-te-rà - vi a mi- rar la sua beltà, I

su me la conser- ve-rà, E questa fronte cinge-rà.


li- ci.tà! fé - . ci-tà! In vi-ta e nell'e-terni-tà. AMEN.

Bm
li

iipp^
184. Sol Gesù Sol Gesù ! !

U8£0 8Y PERMI8SION OF GEO. C. »\Ì0Q,


<leo. C. Hutctc.

i^^^^^^si^ >> >>


iSlow, and with feeling, owner of copyright.
:=> .>

1. No non v'è aUtrocheunSalva-to re, - SolGesù! solGésù!


2. No non v'èal-tro li- be- ra to- re, - " "
3. No non v'èal-tro conso la to - re, - - " " " "
4. Non vuo- le al- tro questo mio cuore, "
> >> >>
^=
I ^
^ -. -^ -^ -^ Fine.

Che possa l'alma e il cuor sa- na - re, SolGesù! sol Gesù!


Vin- to ha il mondo eli ten-ta - to - re,
Chedo-na pa ce - e gioia al cuore, " " " "
È mia ricchez-za e mio te - so-re.

ì^m^^^à^^^^i^^
D.S. E -gli ai eie- lo ci vuol gui-da-re, SolGesù! sol Gesù!
A CORO. .
I
^
^ N
.. .
I
.
I
N
h N
,.
.
^-^
D.S.

Ge-sù so- lo ci può sal-va-re, Col suo sangue ci vuol lavar;

ìmmnmM^'^fm^Hfn
f

185. Grandi Tesori.


COPyRlGHT, 1900, BV E O EXCELL

JfAh ;i , ^-ir< r==^'^^ " J 11*' J —


^r
\

' r r
1. Grandi te . so . ri nel santo evan - gel Sono assegna, ti aimio
2. Nel. la mia ca - sa andrò a ri . tro- . var Di ra-re co - se un
3. In me frut-ta-re'l ta- len-to do - vrà, Se'IRedi gio-rla o

^^^¥r r^r r r^rr r^^r^ r r r -=^S

mi.se.ro cuor; Oh, qua.le graziami fé. ce i'A.gnel! E pos- se-


grande te . sor, Se nel mio cuo-re sol lascio o.pe - rar In o.gni i.

gnor segui - rò, E fi.no a cento por . ta. re pò - tra, SeaiSan.to

J j J.J J v . ^ j. J-J.

.. CORO.
=Ji,J^hh
rr-rr
der.H pò . trò nel suo amor,
stante'l Signor <le' si . gnor. Vi . ve. re « ' gnor coi Salva.

Spi. ri . to luo.go da . - rò.


Grandi Tesori,
ralL

na-le dt-tà dell'a-mor Do-ve l'AgneUlo an-drò be-ne . dir. A-MEN.

Gesù di Nazaret. _r^,rkinsAj^.

m
186.

1
i
5
Che vuol
lir
^m
dir l'ansio - sa gente Che va in fretta, e cor-re ognor?
m
i^
is;
l E s'a-du-na gior-nalmente Presso all'Uo-mo ./del. dolor?.
2 1 Chiè Gesù? perchè commove Tutta intie - ra la città?
1 Que-sto strano ovunque muove Gente acco- glie con bontà.

^nnf^fìfìJMil^^
t^i,JUÌ^4#^^^^i
Ecco.un grido al ciel sa-li: 6e - su di Na - zaret passa costi,
Gri-dan tut-ti: lie to di ! Gè - su dì Na - zaret passa costi.

m Hf-rrv^fnmf
f/ 1 Si I I i-ì^hìtì-i^tii^
Ecco, un grido al ciel sa-li: Gè . su di Na - za - ret passa costì.
Gri-dan tut-ti: lie- todi! Gè - su dì Na - za • ret passa costi.

5S éàmm^^^^^m
3 .Gesù è quegli che trascorse - Questa terra di dolor,
Che egri e sordi e zoppi accolse, - E l'affranto peccator.
Lieto è il cieco che senti: - Gesù di Nazaret passa costi, (bis)

4 Ai reietti ed aggravati Ei perdono e pace dà,


.
-

Ed Padre in fra beati - Là nel ciel accoglierà,


il i li

Ei la Rocca a tutti apri; - Gesù di Nazaret passa costi, (bis)


1 87. "Quando Sangue il io vedrò ..."
By Foot Bros., not copyrighted. Let no one do so. May this song ever be free
to be published for the gìory of God

^^^^^M
•J

1- A Gè- su mi - ra,
-#-#-
pec-ca-tor, Per te
f-^^
sul
J. G. F.

le-gno
2. Oh grande amo - re del Sal-va-tor, Gè - su ti vuo-le,
3. A Gè -su ere -di, non du - bi-tar, E - gli ti accet-ta,

4. Sen-za quel sangue non v'è perdon, So - lo per quel- lo

^^r=^:
p^ P ^Mm^édmkk
g-gpE|EE^^P^^i^
sve-na - to muor; Cor- ri a quel san-gue Sparso per te,
o pec-ca - tor; E - gli t'aspet - ta, non in dugiar,
-

pa - ce vuol far; L'i - ra di -vi - - na giù -sta pla-cò,


v'è re-mission; Dal-l'o-premor - te ti purga'I cuor.

m m ^

CORO.

Là- vi è
i: g_ i

e gran-de' mercè.
vit-to- ria
TTjm ^^
Cor.ri in quel sangue a ri - fu giar.Quando'l san-gue io ve-
E col suo sangue fai - li
ì purgò.
E sai- va appieno il pec-ca-tor.

H=t^=^
ÌF^^#g^1
drò, Quando'l sangue io
l^^^^
vedrò, Quando'l san-gue io ve-

m ^^1^
'Quando Sangue il io vedrò ..."

è^^==.
'-

f—t-^-f 1
drò Passe - rò. passe re oltre a te.

Nf^##^^^^^^ ?
188. La Progenie Benedetta.

1. La prò gè - nie be - ne - - det-ta Sot-toal


2. I fi - - glio - li da Dio e - let - ti Son di
3. Sotto al - - l'a - li del Si - - gno - re I re-
4. I fi - - glio - li del- la lu - ce So - no
5. I fé - - de - li del Si - - gno - re Son con-

il^ii^ l'a - lì del


Cristo i-mi - ta - - - tor;
Si - - gnor Si
Son
ri


-

-
-

- de
É^
pa-ra,
- li, son
si di
di-
den-ti del- l'A - - gnel Trovan pu.ra,pien d'a-
le - sti a cammi - - nar Dietro a Cristo che con-
giun-ti in ca - ri - - . tà Dal di - - vin Conso - la-

ig 3E ^^^màé
É:^pzz±0£^ --f^l^F^^^
let-ta, Si ri - - sto - ra mente e cuor.
let - ti, Son le gio - ie del Si - - gnor.
mo-re La pa - - ro - la del van - - gel.
du -ce Su nel eie - lo a ri - pò - - sar.
to - re Per a - mar la ve - ri - - tà.

^fcb * i 9 ^
1 89. Gesù mi guida Notte e Dì,
CopfTieht, 1900, by J. M. Black. Used by p«r. J.M. Black.
^.K^

1.
feg
Dov'Ei mi guida io
:fc=^:
^^=t^

andrò,
4—i-t-f
Sempre in Gesù
con-fi - de - rò,
^ (5^
i
2. Dolce pa - ro - la di Gè mi guida ognor quaggiù;
-su.... Es-sa
3. Avanti io vò senza ti-mor, Lie-to con Cristo mio Signor;

bf h I
P f l't^f^^m
ri^
^=t^
Perchè ri -
m t=±
:%T=t: ^
me Che sul Calva - rio Ei mo - ri.
cor-do: Fu per
m ^33m
«^
È la di na vo-lon-tà... All'almaè vi-ta e paceal cuor.
vi

m
. .

In Lui con .fido;un dì'l ve-drò A faccia a faccia com'E-gli è.

^^ fc=v=t^=t
^
y=pa
CORO.

^1^ m
^fc:

III l i i i. iti
Gesù mi gui-da notte e di, Ge.sù mi gui-da col suo dir;

^^-^-t^-^
^__^_45^_^ i

i
r I I

^^
^^^ ^#i-# sa s-
u t^
Egli è l'a-mi - co mio fe-del, Perchè Lui sol per me mo - ri.

N N N

^^ f t~t~\^
-0—
3^ 2z:
-4-

t/ i^ w
P
' —
1 90. Uniti in Dolce Vincolo.

f-^F r r r
dolce vin-co-io Di
. ni-ti in fé, dispemeeamo - re,
\Ai san-ti che tri. on- fa- no Nel re-gno tuo Si-gno - - re,
/ IL tuo ce - le-ste Spi-ri . to A me -di - tar c'in-vi - -ta,
l (Prostrati a' pie dell'albero Che germogliò la vi - -ta)
) La fede in noi for-ti - fi - ca E la spe-ranza avvi - -va,
l La ca - ri - va;
I

E a quanti in terra agogna-no L'è -terna e- re- di


- tà, Noi
Gè - su, la tua vit - to - ri - a. La nostra inde-gni - tà. Deh !

Fa che siam tutti una-ni - mi E d'un sol cuore In Te. Nel

J. V W -'-

r
qui rac-col-ti insie - . me D'amor, di fé, di speme V^d-
to - gli - ci dal pet - - to Qualsia-si impuro af-fet-to; La
no- me tuo rac-col - - ti Sappiamchetu ci ascoi - ti E in
-'
J. J J J , J J-

alla 6n6

f»} f J J J'FJ=ìt^=i _*
__J
J-
— —
1_
1
;
1
Nr
/Tv

" c r
r r r
niam tribù- ti a por.ge- re Al . l'al-ta tua bon - tà.
tua pa-ro-la il- lu-mr-ni U nostra ce - ci - - tà.
mezzo a noi mo -ti - pli-chi 1 frut - ti del . la fé AM EN.

" ' r 1— ^-
^r-c-^
-^— t^=p=
r r ^
^ \
— -^
S . S ^
191. Gesù Volge a noi la Voce.

5^*=fr^T=g^3^ — j 1 j
J — —j =^—
—J-i— — \,
j
m
J--J 1
h-p— -^1
l— ai
]

1. Gè- su
tr-,

volge a noi
1

^ P
la
ar-

vo ce:
r
Ri - cor-
2. Mentre il pa - ne rompe - - re - te, Ri - cor.
3- lo vi ho da - ta vi - ta e . ter - na; Ri - cor-

F 'H f
r-r-

p
^^ r ^^^^^
da-te-vi di me! Rammen - - ta - te - vi la ero -ce!
da- te -vi di me! Mentre il - - ca - li - ce ber - re - te,
da-te-vi di me! U - na pa-tria sempi - ter - na;

L0i_^i^jzr^=j=j=
#f^ \— — H-1 .
J J
-^ —
-fV-
Ri -cor - - da-te-vi di me! Rammenta-te - vi ch'espo - si
Ri -cor - . da-te-vi di me! Annun- ziate al mondo ingrato
Ri -cor - - da-te-vi di me! Al mio Padre sontor-na-to

^^— I —r^f N—F— !-


=r^ \f ^[' ^ r r r-^ — ^-1

fcf-»
-J -zj--^ \
— —— 1

-1 U-
1
J j j 1
j j J J i

L'alma a or - ri - bi - le mar - tir, Che la vi -tamia de-


Quanto a - mol-lo Re - den il - tor; Ch'Ei mo - - suo pec-
ri pel
E con me v'accoglie - . rò; Ec-co,il luogoèapparec-
' — - 1 - —
Gesù Volge a noi la Voce.
alla fine

DI
B^_-^4^M=^;^b
, ,
f^\

-f^
— 1

J
rall.

jJ-^-JI^
me!
/5\

-1 1=1^=^=H
^-u
1
ag i

po - Si; Ri - cor - - da - te- - vi di


ca - to; Ri - cor - - da - te- . vi di mei
chiato; Ri - cor - - da - te- - vi di me! A-MEN.
1
J pi-— J ^-^ ^^ n
uil-
=j^M^
1

ffe^-^
—f^ f m =£= U»- ! V^^b;:^
1

192. Cosi qual Sono.

1. Co- sì qual so -no Pien di pecca - to, Ma pel tuo sangue


2. Co- sì qual so -no Mi ve-di,e se- i So-loo-lo-causto
3- Co- sì qual so- no, Quantunque afflitto Da pe-ne a-tro - ci
4.. Co-slqualso- no, L'amor tuo san-to Mi calma'l cuo-re

^ 5.

'^.^n\'-r
Co-slqual so- no, Di santo amo -re
dìzdt

=Fr r r
J. , ri rJ J I ri J- ,

I
E-mpi-mi
rJ-
^-
J
p
l'alma

m
¥h^^—^

\P
^)
,J.J
J —J«- 4—=n 1
1

r-J
H=^ ^^--^ r^- JL—
=f=J
J-|

Che m'ha la - va- to, E per l'in - vi - - to Fat-to al cuor


Pei fai -li mie-
che to . - gii i; In te IL fai - lo
Nel mio con-flit-to, (Quantunque m guer ra Vi- va cuor il

M'a - sciuga pianto; In te ri - po- -


il sa .. Questo cuor
M'i - non-da cuore! Tu sei mia VI - - - ta,
il Sai- va - tor
^v. ^r'
^ r
g r F~^r^\f'-X
h=£^ -X
* r^!^^^^P^r^r-^
^— -\ -4 A
i
^ 1

— — =^ -^

-^'J J.l^- J 3 ^g
p r
ni - - -
rrrr/
o, O Agnel di Di - o, lo vengo a te. A-MEN.

i fe:» ,^:r ^^ I
f^'
^ ^=t
i
1 93. Su Bambini,un Canto Alziamo.
COPYRIGHT PROPERTY OF THE BIGLOW ft MAIN CO. USEO BY PERMI5SION

F^^^^^^^ff
1.

2.
Su bambini un canto alziamo: Gesù Cristo è'I Salvator;Su barn.
0-ra in terra a Lui cantia-mo: Gesù Cristo è'I Salvator; 0-ra a

^tì^^^S r=r=c=r ~^^^m^

^^^^ffp
bi . ni, ri -

tut-ti pro-clamia-mo: Ge.sù


pe- tia-mo: Ge-sù Cristo
Cristo
è'I

è'I
Sai
Sai -va
- va -

-
-t*

tor. Nel- la
tor.Quandoin
— t^

( I J^ J" J J ^ 1**
I. 1^ f" r ,
V ' J"

I I

bocca dei lat-tan - - ti La sua lo- de Ei fonda ognor; Ei gra-


cido poi sa - re - mo Presso al nostro Re-den- tor. In e-

alla fìne
/7\

—^
J'=J^rJ^ ^
oH 1
:/=/=
U U '^ ^ I '^
§11^
u t=i:^
^ d:
721 m
disce i nostri can-ti: Ge-sù Cristo è'I Salva - tor.
ter-no cante - re- mo: Ge-sù Cristo è'I Salva - tor. A - MEN.
r l> r -•! J P ^ J. / 1^ (" 1 J. I.

ÉEÉ^^ T

1 94. Gesù Cristo a sé ci Chiama.
Bradbury.

^^533^
. I Ge-sù Cri - sto a sé ci chia . ma,
Su corriamo al Reden-
1 A Gè. su che salva ed a ma,
P r Ge-sù Cri - sto a sé c'invi - - ta,
Reden.
^* Su corriamo al
i Ge-sù Cri - sto ci dà vi - - ta,

, / E-gli i bim - bi be-ne-di - - ce,*


Su corriamo al Reden.
E - gii ren - de ognun te - li - . ce,

w^^^^^mmmm^^^
^g^g^i^B^^iip^ E-gli accoglie i fanciuMi • ni, Li tien stretti sul suo
E-gli vuol che lo preghiamo Con fi -ducia e con a-
Ci vuol dar las • su nel eie-Io Un bel regno dispien.

P^
l t
L I I
L i

-J^A-J-J^ i

cuor. Li fa picco.li agnel - li - ni Di sua greggia 'I bum Pa-


mor, E-gli vuol chelo se - guiamo; Egli é'I nostro buon Ra-
der; Ei ci par-la nel van-ge-lo: Ub-bi-dìamoal buon Pa-

alla fine

^^^^fi^^i^
stor, Li fa sua greggia'l buon Pastor,
piccoli agnelli, ni Di
L^.. I L

stor, Egli vuol che lo seguiamo; Egli è'I nostro buon Pastor.
stor, Ei ci parla nel vangelo: Ubbi-diamo al buon Pastor. AMEN.

COPYRIGHT PROPERTY OF THE BIGLOW & MAIN CO USED BY PERMISSION


! r d w —
195. lo sono un Agnellino,

WL^
|#--«r-r — — "li \ J~ 1 1
'

r ] _> 1 L. 1

1.
!

lo
i^=tH^^^n^Tj7TTT
so-no un a-gnel - li - no Tro- va-to dal Pa-stor, Un
2. Da sé cammi - nar voi- le, Su per il monte errò; L'er-
3. lo so-no un a-gnel - - no Gè - su è'I mio Pa-stor; Un li

/
Bk^ *tì^^ J-

r z
J
r
J
m #^
F^r-1-
t
—n— ]~
-d-=^=5=
1^
— ^ (- — r za

PO. ve. ro bam-bi - no Sai - va -to dal Si - gnor, IL


bet -ta fresca é mol le - In - va - no ri cer - co.
- IL
po- ve. ro bam - bi . no Sai - va to- dal Si -gnor. Co-

-J--J-..J. S J
p-^T- =£= r r 1 F==fc:::&==:^ =M^ T-^ ^_pL_ 3

E^ ,
J J J- =?==$=3^--J—^ j'~3~-^?ì=-4=
'

-> f f f 1

po . ve- ro agnel - . li . no Non co . no.sce-vaancor IL


buon Pastor che l'a. ma Lo cer-ca con ar - dor, Per

no- SCO la sua vo- ce O.gnor la vo' se-guir: Fu

-^
siLl#.

r
J
r-r r-
J J 1
—f^^ 1

^
f^^*F*M'=F=FI 1
j — 1
^ 1
K-
T^i -1
Ha fine^
r

ve- ro buon cam -mi - no Che mena al buon Pa-i5tor.


nome a sé lo chiama, Lo po-né sul suo cuor.
Lui che sul - la ero - ce An - dò per me a mo rir. . AMEN.
j J J. S J- -S-

F^ e
F^
Ar-^ -r— id!d ^:=r^ ::^i=i
1
1 96. O Gesù , mio Salvatore.

i^
1.
- I
j r

O Gè -su, mio Sai -va . to- re, lo ti pre - go per pie-


:?C^
*Ex m
2. Son bambi-no;in questo mondo Non so vi - ve - re da
3. Ed a Te mi rac-co-man-do. Ed In . te - ro cuor ti if

-^ J._r_/_J_ I ^ Jl I -^ ^- i. S
^

ta; Em-pi il te - ne - ro mio cuo - re, D'in . no-


me, E pe - rd non ti na - scon-do IL bi-
do, Og - gì e sempre e fi - no a quando Su nel

L
W^^^^^^^S
^^^^. cenza e di bon-tà,
so.gno che ho di Te,
Em-pi
E pe
il
,

te

ne - ro
-

non ti
r t

mio
P
na-

^^M
- -

cie-lo a Te ver - rò, Og - gi e sempre e fi - no a

m ì^=f -0- P

alia fine

cuo- re D'in-no cenza e di bon tà.


r
scondo IL bi SQ.gno che ho di Te.
quando Su nel eie-Io a Te ver rò. A-MEN.

?^ à P
I

s
1 — ^ ] — H

1 97. Dell'Arcangelo la Voce.

r K ì

1. Dell'ar-can-ge - lo la vo-ce sto noi dal ciel s'u-


2. Per lo Spi- ri - to fis - siamo, fra-tel -li, gli occhiai
3. Già si ve-de eie - i - li a-per-ti la glo-ria del Si.
4. To-sto noi vedrem l'Agnel-lo, vedre-mo co-m'E-
^ J J J JV V
^fr-n^TT^r W- J J J
rif^
J-

^^r.^fKr r i

f- r

\jPu \ .
ndz-1^
=if^ F=)-jq M=^ ~^ — fN^ ~if~
-1":;;' j

drà... E con fiamme ggian-te fuo - co Gè - sù scender


ciel, E al -la de-stra del Si-g no - re noi vedrem l'a-
gnor, E Gè sù se- de - re a de-stra - Di Dio Pa-dre
glie: A - do - ria - mo - lo, fra - tei . li. E -gli è'I no-stro

^ ^ w
w-^-^—
-^
— J J
1

J.

f^b — F^—— 1 j r_
_g
4- —U- Ep=èd H M --^

^F=^^
1

CORO.

K^T-f ,%^.Jj=^y;3
si ve - drà.
ma-to Agnel. I
O fra - tei - li, ri - cer-chia-mo
Gre - a - tor. \Pria che scendi a noi dal eie - lo
Re de' re.

1 i' voltai 1 2' volta 1


alla fine

bft 1^ '

J= =P=^ 1

J ^

1 1
r 1 r
Le de . li . zie di las
L'am - mi - ra - bi - le Gè . sù. A-MEN.
! 1 !

^ 1

-fi?-
1

^
\
J ^. J^
^$v-
M^^^ j»—
\—n
,M

EESÌ|^=^ ' -, — f- --^



198. Del Calvario in su la Vetta.
(Sulla mei. del unttco precedente.)

Del Calvario in su la vetta, - Cristo vittima sì offri;


1.
Per me in croce la perfetta - Opra sua d'amor compi;
CORO: [[: Sulla croce, sulla croce,
IL Signor mori per me. :
]]

2. A Dio vittima gradita - Pura e santa fu Gesù;


La sua morte ci die vita, - Ci affrancò la sua Virtù.
3. Peccatore, se la croce - Guarderai con vera fé,

Di Gesù la morte atroce - Sarà vita ancor per te. ,

1 99. Son Bambino, son Piccino.


200. La Corda un di si Spezzerà
Solo or Duet. Gbo. C. Stkbbiks

5
La corda un di SI
."5
spezze-
niT^i
ra
,
E più in quel dì
^=?g-^
non can-te-rò,
Questo mor-ta le un di ca-drà Quandosa - rà noi pos-so dir,
Un giorno'!1
\j\\ ^\\J\\\\J sol
owi tramon-te
LI Oli lui i-ic - rà
la E
i_ Iamia una
l'alma mia andrà
aiiuia liei
nel k^ici
cìei
Fi-no a quel giorno attende - rò Con la mia lampa ardente ognor;

m ^ 't=-

^
f

^
f" J
5ii:
*
rftftt^
Ma qual ri-sve-glio'l mio sa - rà Quando col Re mi tro - ve-rò.
M
N4a questo so con ve - ri - tà Che in cielo è pronto'l mio gio - ir.
Ed Si-gno - re mi di - rà:
il Ben fat-to ser-vo mio fé -del.
Quando la por. ta aprir ve-drò Entre-rò insieme al Sa! -va - tor.

5^ É SP ^=^ ^-r-

F=^
CORO.

JN^N?^^^^ É 4—É
i-i
E a faccia a fac - eia lo ve - drò. E questa
A. ^ ^,
4^— —
^m e u
*
^ =£
^

sto-ria
^^^^^^^
e-cheg gè - rò, Che per l'immen
JÈ. jL.
. sa e-ter - ni-

£-Jè:

CopfDgljt, lam, by tho Biglow 4 Maia C"y. UiieJ t> pai


-

M

La Corda un

^S
Per la sua
di

gra
si

-
Spezzerà

zia
rit.

^mi

;^
^
sai . . vò.

rUil [if II

20 1 . IL mio Gesù per me Mori.


S, J, VafL

-* — T~r#-—^-
1. IL mio Ge-sù per me morì Di cruda morte atro - ce, E- gli per me a Dio soffri
2. IL mio Gesù orsiede in ciel Possente interces-so - re, E- gli perme pre-ga fe-del

Sulle-gno del- la cro-ce. - ve trovar potrei quaggiù Chi su-perar possa Gesù'
IL Padre con ar-do-re. No.nonv'è alcun per me lassù In- tercessor fuor che Gesù '

m-Ém
3. IL mio Gesù risuscitò
Per torre il mio misfatto;

rTT{i_i ;:
?Pì=tfT; T r
r^K Egli
IL
per me a Dio pagò
prezzo di riscatto.
V'è forse alcun mortai quaggiù,
Gè - su! Ge-sù!.. Non v'é che un sol Gesù

^^
!
Che pareggiar possa Gesù ?

f—
Gesù Gesù !..
4—^ ^ I ^ » » I
I
'
~~1« *-l
!

Non v'è che un sol Gesù!

COPYRIGHT PROPERTY OF THE BISLOW a MAIN CO USED BY PERMISSION


r

202. Vincitori Vincitori


Mrs. e. H. MoRRiff.

1. Noi che co>noscia.mo Gè -su Sal-va


im^ .
g'hj
tor, Forti in
; j 3

Lui.sa-re.mo Sempre
j ; S J I

^
2. Forti in sua possan-za, Vin- ci - to - ri siam...SenTpre con fervenza Contro'l
3. Camminiamo avan.ti Pie- ni di fer-vor. Cin-ti dei-la spada fiammeg

^^£^
ff
#-# -tL-fi.
*=if
^— u ^
t u<
M^
èèè
3ÌiUi t|^-^^^^-^ -

vin-ci - tor. E- gli la vit-to-ria Certo ci da -rè, A Lui

mal lot-tiam. Questa è la vit-to-ria Che in Gesù crediam, Finche


giante ognor. Cristo è'I gran guerriere, Prodi in Lui noi slam; E-gli è'i

CORO.

t=^ jÌrit^rtt-0
1? 9^
diamo glo ria, forza e po-de - sta.

la sua glo- ria noi nel del vediam. Vin-citor! vin-citor! Sempre
Condut-tie - re, la vit-to-ria abbiam.

S—m-
^-^Y—^--
^nzK
H^
?^

^^
e 'i/

Pel suo
-^ - '
sangue siam.Vin
' "

-
^~^
citor !
^un
vin-citor!


La vittoria abbiam. Noi che


j 1 U ta
+
—r
' ' '

p? 1 * -^

'•
Copjrlibt, 1901, by H. L, OllBOur, Wtoonah^ h-

Vincitori Vincitori

é
^ ^ J^

ar^if:
^ ^~JL
^iW
f» j
"f^^.
conoscJa-mo Ge-sù Salva-tor,
^-ÌT
ì^
FortiinLuisaremo.semprevin - ci-tor.

203. Peccatori Redenti dal Santo.

bVSì^ — Tij- ^=à^ J-j j J- 1


J J> F*=rF=t=^ih
1

, r Pecca - to - ri re - den ti dal San- to. 6^ ne . det-ti dal


l Questa ter- raggia vai - le di pian-to, Sia per noipa>ra.
(L'almo Spi-roche'l Pa - dre c'in-vi - a, D'infran.gi-bi.li
P
1 Parla a noi di ce - le - ste armo - ni - a" Che al morta-fe era i.

^^..-ff 1-
^ r lÀ^'^z i ^ »-^VB'-T]tlt^
III 1^ r ^tÉ=ME
\

^b"-<i* iq [g-
^ 1
m-m- ir 1
i
1 1

Pa dre su per-no
di . so d'a mor; f Per chi av - - vam-pa d'af-

no - 'di ne av-vin . se
gno ta quag
-, - - -

T V
fet - - to fra - ter-no Le sue Spine si cangino in fior!

mi - glia ci strin-se D'amor santo ma - e-stro ci fu. AMEN.

3. Sotto il peso di giusto rigore, . Tutti eredi del fallo primiero,


Allo stesso olocausto d'amore - Ci fé' parte l'eterna pietà;
Ci si addita io stesso sentiero - Cui la fede il diritto ci dà.

4. Bando all'ire, alle stolte contese; . Più non suoni pungente parola:
Sia soave il pensiero, cortese - La favella de' figli dei ciel:
È l'amor la suprema, la sola . Legge imposta dall'alto ai fede!.
204. Gesù è il Vero Amico,
P. P. Bn.HORy.

1. Oh! Ge-sù è co Per chi spera e pone in Lui la


ve-ro a-mi il -

2. Fi-do ami - co ho in Lui tro- vaPer me veglia e lotta con va- - to;
3. Quando l'onda è bu- ra-sco - sa E mi - naccia l'alma con ter-
4 Ei de- pò- sta ha la sua vi - ta Per sai- va-re l'empio pecca-

-ó—-
m t
_{ì-,__fc_Jì-J^_Jì-
^:^=J*

fé. Ei lepia-ghe vuol sanar, IL cuorrot-to conso-lar;


lor, Cangia ogni
in gio-ia do-lor, E - gli è pace e calma al cor;
ror, E-glì calma'l turbo,ealcor E - gli toglieogni timor;
tor. Ei giammai mi vuol lasciar, No! giammai abban^ donar;

'^-^
\^:^:

CORO, spirited.

Ìl^3p
OhlGe.sù è il ve - ro a-mi - co. Gè- SU il veroa-

:|^

^=^==^

i-^ :Mi^±z

mi - - - co, Gesù è il vero ami - - - co; Egli ascolta 'I

Copyright, 1896, by P P Bilhorn. Used by per.


Gesù è il Vero Amico.

w^m^^^m .-h__tv.J_4^.

miogrldar,Pronto8iutoèpersalvar;Oh!Ge.sù è il vero ami - co.

p-t?-t-

205. Sommo Iddio,

gM^^a^^i^lfH^^^j^EaaayEJ
, I Sommo Iddio noi fin - - vo - chiamo, Ce - lebran - - do
^'\ E conglian -- gè . li can-tia-mo, IL tuo no - me in
« « Guida il pò - - poi tuo, Si - gno - re.Che in te sol con

t Nuovoinfon - - di in lui vi-.go-re, Nuo-vo ze - . loe

^m^r'\\,\ Mi. pf.fir


P=^

^ mll
^^==J4:-^
le
- -
tue
le
lo
mo-

a^^T^-^^=ri
di
di; E prostra - - ti in - nan - zi a te
fi - - da e spe - ra;
fé - - de ve - ra; Nel tuo a-mo . . re.o Dio fé . del.

T'a - do - ria - - mo,o Re de' re. re.

Tu lo gui - - da in - fi . no al ciel. ciel. A.MEN.

1
' r

3. Possa il regno tuo di pace - Stabilirsi ovunque è vita;


Dei vangelo tuo la face . Splenda ad ogni cuor gradita;
Ogni popolo e tribù - Canti il nome tuo, Gesù. (Irà)
206. Son Straniero in questa terra.

j
fSon straniero m questa terra, Sta la pa-tria mia ne! cieM
Questo mondo mi fa guerra. Sta
l la pa-tria mia nel ciel !

2 Rugge in va-no la bu-fe-ra,Sta


f la pa.trla mia nel del»
l Lamia vi-ta volge a se - ra. Sta la pa-tria mia nel ciel!

E pe- ri- co-li e do -Io -re Mi circon-da- no quaggiù; Lamia


lo non guardo a me d'intorno Guardo in alto a Diofe-del; Giunge-

SJ'j.Ij'J:j.j.IJ^j. Sj^j:

«^ '
U U '"^ '
u 1^ I
u
patria è coi Si-gno-re, Sta la pa-tria mia nel ciel ! La mia
rò nel eie-Io un giorno, Sta la pa- tria mia nel ciel! Giunge-

wèrh
^^ I r ' r
V'' ^
r

^ ,
-I — .

I-
^
m
S- ^'-

^rf^ aJl.-^ fine

pa-tria è col Signo - re, Sta la pa-tria mia nel ciel!


rò nel cielo ungiorno.Sta la pa-tria mia nel del! A-MEN.
I. L

3. Deh! non gemere, alma mìa, - Sta la patria mia nel ciel!

Tristo il mondo Sta la patria mia nei del


e irato sia, - !

Trasformar di gloria In gloria - Vuol Gesù questo mio cuor;


Egli è mèta, è mia vittoria, - Sta la patria mia nel del! p»]
r

207. Sol per la morte del Salvatore...

6P«S
'—^

1.

2.
Wf
Sol per
5±i^S2
la

Morti al pec- ca
M I

mor-te
- to
I

del
con Cri-sto
J^-4^

SaUva
^ fT- to -

sia- mo, Con Lui


re,
Wm.

)/

Ri
J.

PEISI
-con-
Kirkpatricx.

ci

se
-


lia

poi
-


ti

ti.

3. Cri. sto io-dia-mo noi suoi re-den-tì, Che pel suo san.gue

^fe ^4— V V=^

^»=? i 3PR8=--^ àS=:st i


or con Dio slam; Giu-sti fi - ca - ti sia-mo per fé • de,
ri sor ti ancor: Ei suo san.gue
col ci lia ri - scat - ta - ti;

vit to ria abbiam; An-dia-mo a-van ti sen-za ti - mo - re


3 «- j-

Iti3£^
T— f y —/— --1
nti-^-f^
\ j^

^
i^^p^^^^i Pa . ce
Dio
con DF o
mo,
per
K \

Cristo
Cristo ognor.
.

abbiam.
CORO

in vi . via . in E col suo san-gue

^m
Da

P=F
Lui gui .da -

^m ti

^m m^^^
nel

3
ve

^
. ro Siam.

= 3
^
'^ tT 3
li SaJ.va.to.re D'ogni pec-ca.to Ei ci la.vò; E col suo
i-^ »

^t^ffTF?^^^
-:^-1^ i^•^- -r ^ .-r t^- -

'T : ^ i
^-
Bit.
fc-x
13SE3
lEÌ
>— »-
nT^TTTlg i

^
san-gue il Re- den- to - re L'a-nima e cuo - re Ei ci pur-gò.

m^
C^rtifti. uan. bj Wa. J. Klrkf«tftoJu
i I
— f F

208. Sua Grazia abbonda più


Wm, J. Kirkpatrick:.

^^^^
^^^=^=^

1. Trovato ò un gran Salva-to - re In Cristo che tan-to mi amò;


j
N-^-
i\z t^^j ; ili
1-^4^

2. Piendi pecca-to il miocuo-re. Ge-sù col suo sangue la - vò;


3. Ge-sù è'I mio Re-dento - - re, Ma-e-stro, Pro-fe - ta e Re!

^^
'^^^^g
t
g
1==?=^
g g
^

g
F

g
,

'
^

r'
:i?=|:
r
-#-r*

g'^-
-g
^-
-M-f
5
F

1^
.

T
F'F
'
l;^
^'i

JVJL
i=^==^ 3t3t
i t ili i JTjjiij;,
lo e-ro un gran pecca-to - re, Ma in mela sua grazia abbon-dò.
Or mio Sal-va-to - re... In me la sua grazia abbon-dò!
Egli è'I
A Lui sol guarda'l miocuo-re; Per fé -de ri -ce- vo mer - ce.

^e
^ g
-#

g
PL

g g
F
?=1==t::t==(t=t
g
F

g
.

'
F

f r c'^'
''
#^Mt-
tS;
F=
-r

CORO.
:^
Y—
3t^
i i^^^ i j 9 #- f;-t
M^
Sua grazia abbon-da più, Sua gra-zia abbon da - più.

^tt t=t
1
— tr-r
• F—
^^
F—r4i ^

1EZ=)E
__

O
43-^
i 3

0» ¥
1
I —S
I
f--*-
=1^
I h
4=*^
N-N
*-:-#-
^
f
\

^ Dove

t==t
f=^
il pec-ca-to in

Copyright, i£99k
me abbondò, Sua

t>y Wm. J.
gra

Kirxtatiucx.
- zia sopra abbondò.

-0

m-
#^^
1^-^
*^
>•
209. "Ei, Lamma Sabactani

, I Ecco il santo Agnel di Di o Sui . la ero . ce


iSpi-rail Giusto, rUo - - mo Di o Per l'in - giusto

P La r tua mor-te mi dà vi ta, IL tuo sangue


^•lAI - ri - ni. quo por . - se a i .
ta. Un e - ter . no
J W- ^ V

7-1 r r t
nfìo - . ri - bon-do;
pec - - ca - - . gri.do a . cu.to.e.
mi fa pu - ro;
di - - voa - - - di . ci in a - go-

^f^rr Stremo: "E - li,


ii
l'amma sa
,
^

-
i
ba
^

età
H^H^^ ni" Mio Si - gnor nef-
ni ' a: "E - li, l'amma sa - ba età ni" Ah! per sempre

II' Il II il r_
l'ai - ma fre-mo Per l'a - eer-bo t