Sei sulla pagina 1di 2

LE CELLULE SONO COSTUTUITE DA ACQUA E

BIOMOLECOLE
La chimica organica studia i composti del carbonio;
tra questi composti vi sono le molecole biologiche,o
biomolecole che sono la materia prima di cui sono
costituiti tutti gli organismi viventi (piante e animali
anche molto diversi tra loro).In una singola cellula
batterica si trovano circa 5000 diversi tipi di
biomolecole,mentre una cellula animale o vegetale
ne contiene circa il doppio.Le molecole biologiche
possono essere suddivise in quattro classi di
composti che sono presenti in tutti gli organismi:i
carboidrati(zuccheri),i lipidi (grassi e oli),le
proteine e gli acidi nucleici.A questa ultima classe
appartiene il DNA,la molecola portatrice delle
informazioni genetiche.In media un organismo
vivente è formato per il 50-95% da acqua e per non
più dell' 1% da piccoli ioni, come il sodio (Na*),il
potassio (k*) e il calcio (Ca2*); la restante parte è
costituita da biomolecole, composte principalmente
da carbonio,idrogeno,azoto,ossigeno,fosforo,e
zolfo.
Ogni atomo di carbonio tende a formare sempre
quatto legami con, al massimo ,altri quattro atomi: il
metano (GH4) che è un gas naturale, ne è un
esempio. Ancora più importante, relativamente alla
funzione biologica del carbonio ,è il fatto che gli
atomi di questo elemento possano formare legami
tra loro dando origine a molecole stabili, costruite a
partire da una sequenza di atomi di carbonio detta
scheletro carbonioso.
Una caratteristica delle sostanze organiche è che le
loro molecole sono generalmente piuttosto grosse e
complesse, in quanto formate da migliaia di
atomi.Questa apparente complessità nasconde
,però,una struttura relativamente semplice dato che,
spesso, le molecole più grandi dette
(polimeri)derivano dall'unione di un numero molto
elevato di subunità simili o identiche tra loro,
chiamati monomeri
I polimeri si formano e si spezzano per
condensazione o idrolisi
Per le loro molteplici attività, le cellule hanno spesso
la necessità di sintetizzare nuovi polimeri oppure
demolirli.Durante la sintesi di un polimero a partire
da due o più ,monomeri,per ogni coppia di monomeri
che si unisce viene eliminata una molecola d'acqua.
Questo tipo di reazione chimica è detta
condensazione;la condensazione viene anche
definita "sintesi per disidratazione", cioè
costruzione mediante la perdita di acqua .
Quando, invece, un polimero viene scisso nelle
subunità che lo costituiscono, il processo avviene in
genere con l'aggiunta di molecole d'acqua. Questa
rottura della molecola in monomeri è detta idrolisi,
da hidor che in greco significa "acqua " e lysis che
significa "scissione".Grazie alle reazioni di idrolisi il
cibo che ingeriamo, costituito da molecole molto
complesse, viene demolito per formare molecole più
piccole, che possono poi essere trasportate dal
sangue.Questo processo di idrolisi del cibo
corrisponde alla "digestione".