Sei sulla pagina 1di 21

MILANO

MERCOLEDÌ 26 FEBBRAIO 2020 LOMBARDIA

corriere.it
milano.corriere.it
Via Solferino 28, Milano 20121 - Tel. 02 62821
Fax 02 62827703 - mail: cormil@rcs.it

Pittori dimenticati Cultura&Tempo libero OGGI 13°C


Nubi sparse
A 40 anni dalla morte di Emilio Vitali
riscoperta l’arte del paesaggista
«I miei buoni spropositi» Vento: NNO 15.2 Km/h
Umidità: 92%
GIO VEN SAB DOM
e grande ritrattista della borghesia La cantautrice Micol Martinez si racconta
di Chiara Vanzetto di Raffaella Oliva 4° / 11° 6° / 15° 4° / 7° 3° / 16°
a pagina 17 a pagina 19 Dati meteo a cura di 3BMeteo.com
Onomastici: Nestore

L’EMERGENZA SANITARIA

IlSaloneslittaenonsiarrende
Rinviato a giugno. Sala: no al virus della sfiducia. Contagiati due specializzandi a Milano, 9 vittime in Lombardia

LA CHAT AI COMPAGNI
● LA CITTÀ
«Sono positiva,
non ho la peste
BRADBURNE: REAGIAMO
«Così si annulla
Ragazzi l’effetto Expo»
niente paura» di Pierluigi Panza
di Eleonora Lanzetti
I l direttore di Brera, Ja-
mes Bradburne dice:

«N on sono un’appestata,
appena mi dimettono
dall’ospedale, torno a scuola.
«Vedere Duomo, Scala e
Brera chiusi mi rattrista».
a pagina 4
Se avete febbre alta e tosse,
chiedete di fare il test visto COMMERCIANTI, LE STORIE
che siamo in classe insieme».
Una studentessa di 17 anni re- Convivere
sidente a Miradolo Terme, nel
basso Pavese, ha comunicato
coi conti in bilico
così, con un messaggio vocale di E. Andreis e L. Vincenti
inviato nella chat di classe,
che il tampone del coronavi-
rus era risultato positivo e che
tutta la famiglia era stata con-
D a chi gestisce alloggi al
manager della movi-
da: la sfida di Maria, Ezio,
tagiata. a pagina 9 Monica e Marco.
a pagina 6

NUOVO CENTRO A LINATE CAMBIANO LE ABITUDINI

Codogno, Le vite sospese


ecco i soldati delle famiglie
ai 35 varchi di Stefano Landi

della zona rossa B aby-sitter, amici e usci-


te con il «coprifuoco»:
come si supera l’emergen-
di Cesare Giuzzi za in famiglia.
a pagina 7
L’«ora X» per l’uso del-
l’esercito nei pattugliamenti GALLERA E LE POLEMICHE
all’area isolata del Basso Lodi-
giano è arrivata. Ieri pomerig- Assessore
gio i primi blindati sono com-
parsi ai 35 varchi che condu-
ad alta tensione
cono ai 10 Comuni isolati do- di Andrea Senesi
po la scoperta del focolaio. I
soldati sono gli stessi — oltre
500 tra uomini e donne — già
impiegati nell’operazione Parco Sempione Un passeggiata con la mascherina antiveleni nel cuore storico della città: un atteggiamento sempre più comune tra turisti e milanesi (foto Balti)
L’ assessore Giulio Galle-
ra ripete i numeri or-
ganizzativi e ricorda a tutti
«Strade sicure» e che presi- che la Lombardia «s’è fatta
diano di norma consolati, ae-
roporti, monumenti e stazio- Q uattro pazienti positivi in città, tre dei quali in ospedale. Ie-
ri è arrivato l’esito «positivo» anche per due specializzandi
il virus. Nove ora le vittime in Lombardia e il Salone del Mobile
decide di slittare a giugno. Sala: «No al virus della sfiducia».
trovare pronta».
a pagina 5
ni ferroviarie. a pagina 9 del dermatologo che lavora al Policlinico e che aveva contratto alle pagine 2 e 3

● ARTIGIANI& ECOLOGIA
Nella bottega delle scarpe di legno
Vigevano, calzature in lamine di acero o ciliegio. Per ogni acquisto piantato un albero
di Davide Maniaci
BARBARO-PAPALIA

C alzature che nascono


dalla lavorazione della
lamina di legno e che hanno
Francobolli rari
ottenuto il riconoscimento
dalla Lega Antivivisezione
Il traffico gestito
perché non utilizzano alcun
materiale di origine animale.
dalle cosche
Con il marchio Woowe Brand, Francobolli rari per 400 mila
a Vigevano due giovani euro sequestrati nell’ufficio di
imprenditori hanno un filatelico. All’incontro un
realizzato le scarpe vegane. boss della ’ndrangheta.
a pagina 13 Ambiente Le scarpe vegane (Milani) a pagina 11 Galli
2 Mercoledì 26 Febbraio 2020 Corriere della Sera
ML

Primo piano L’emergenza sanitaria

LE IMPRESE Il cda di Federlegno opta per lo slittamento del Salone


Boeri (Triennale): il rinvio sarà un’occasione per ripartire
Il sindaco: chiesto uno sforzo. Sollievo tra i distretti

Design a giugno, una chance


Sala: no al virus della sfiducia
di Annachiara Sacchi virus (si spera) risolto e le va- può fermarsi. Dobbiamo lavo- tiche e bandiere d’Italia e

● L’architetto
canze alle spalle (ma forse rare affinché questo virus non d’Europa — ci mette tutta la

«Milano deve andare avan-


troppo vicini all’aprile succes-
sivo, quello del 2021, edizione
si diffonda ma non si deve
nemmeno diffondere il virus
● Il messaggio sua energia con un insolito
appello. Prima a Palazzo Chi-
ti», dice in video il sindaco «deluxe» dei sessant’anni del della sfiducia: Milano deve gi: «Chiedo al governo di in-
Beppe Sala circondato dal STEFANO BOERI Salone). andare avanti quindi ringra- tervenire e di dare una mano
presidente del Salone del Mo- Alla fine la scelta del cda del zio per questa prova perché ad un settore fondamentale
bile Claudio Luti e dal presi- Salone del Mobile, sostenuta non è facile oggi avere la vo- per la nostra economia». Poi
dente di FederlegnoArredo dal sindaco, è stata quella del lontà di chiamare da tutto il agli albergatori di Milano:
Emanuele Orsini. Hanno i vol- «solstizio» d’estate. Spiega- mondo visitatori e di convin- «Quest’anno — avverte —
ti tirati, sono appena usciti da zione e dichiarazione di Bep- cere gli operatori, ma credo dobbiamo avere molta atten-
una riunione lunga tre ore — pe Sala: «Io sto chiedendo agli che questa sia la decisone giu- zione nel determinare i prezzi
accesa, sofferta, a tratti in- amici del settore dell’arreda- sta». delle camere perché sarà un
fiammata — in cui si è deciso mento uno sforzo perché in Sala in video — sfondo con anno straordinario». Conclu-
di posticipare la settimana del questo momento Milano non boiserie di legno, stampe an- sione con augurio agli amici
design, una macchina colos- del Salone: «Milano sarà al
sale di introiti e di lustro per
la città, tra le manifestazioni
L’architetto e presidente
della Triennale Stefano
Glisrilankesi vostro fianco, con un Salone
particolare in un altro mese,
più importanti al mondo. Par- Boeri. L’istituzione coniltricolore: buon Salone a tutti».
tire il 21 aprile, come da calen- museale ha il Salone tra Ottimismo (nonostante le
dario, era troppo rischioso, i membri del suo Cda ciha dato ombra, occhiaie e il pallore). E un gio-
disdette e panico da coronavi-
rus hanno fatto il resto: il Sa- ilPaese guarisca co di incastri per verificare le
disdette, controllare fornitori,
lone del Mobile slitta a giu- albergatori, logistica (un so-
gno, dal 16 al 21, inizio estate, di Maurizio Giannattasio spiro di sollievo per gli opera-
meno rischi, il tempo per tori del Fuorisalone, che spe-
riorganizzarsi e contenere ravano fortemente nell’opzio-
l'emergenza. «Milano deve
andare avanti, non si diffonda
il virus della paura», ripete
Sala davanti alla telecamera.
C’ è chi all’ombra
delle frecce
persiane ha
combattuto meglio
come i 300 greci a difesa
ne di giugno). Chi può — su-
perato lo choc iniziale — si
rimbocca le maniche. «Lo
slittamento del Salone non è
Claudio Luti resta silenzioso. visto come una sconfitta, ma
Dal suo studio Stefano Boeri delle Termopili e chi come una ripartenza». Del re-
apprende la notizia e com- invece all’ombra del sto Stefano Boeri, architetto e
menta: «Sarà un’occasione nostro Paese ha trovato presidente della Triennale,
per ripartire». ristoro e speranza che ha nel suo cda il Salone
Giornata di calcoli (l’annul- come la comunità del Mobile, ne è convinto:
lamento, si stimava, avrebbe buddhista dello Sri Lanka. «Penso che Milano avrà tutta
creato un danno intorno ai Ieri sui social della l’energia per rinascere». Un
120 milioni di euro, quei tren- comunità è girato un collasso prevede sempre una
tamila visitatori cinesi che pe- messaggio su cui tutti noi ripresa, dice. «In Cina per
savano come macigni sulla dovremmo meditare. C’è il esempio, il picco di contagio
manifestazione), liti, dubbi. tricolore. Sopra una scritta sembra in fase di superamen-
Che duravano da giorni, «al- in tre lingue. In singalese, to, io sto per riaprire lo studio
lora si fa o no?». Lunedì una italiano, inglese. «Possa il di Shanghai. Milano è sicura-
piccola delegazione del mobi- paese che mi ha dato mente in grado di poter af-
le era stata dal prefetto, Rena- ombra guarire». I cinque frontare e superare l’emer-
to Saccone, a esprimere per- templi buddhisti di genza». Anche la Triennale
plessità, a chiedere consigli. Milano e dintorni sono sosterrà il Salone «di giugno»
Invito alla calma, alla fiducia. chiusi per l’emergenza con tutta la sua programma-
Ieri, la riunione fiume. Tre coronavirus, il messaggio zione. «Calibreremo le attività
ipotesi sul piatto. La prima: del Buddha continua, per — continua Boeri — in base
disdire tutto, saltare un’edi- fortuna, a girare: la al nuovo appuntamento. Sa-
zione, la 59esima. Dire addio compassione è la strada remo aperti con il Museo del
a progetti, stand, ordini, a maestra. Non sarà l’unica, design nella sua nuova veste e
quell’atmosfera unica. Secon- ma è una via su cui tutti con le mostre dedicate a Enzo
da: slittare e andare a giugno, noi, compresi i politici, Mari e Vico Magistretti. Il Sa-
«quando saremo più tran- dovremmo riflettere. lone — conclude — non re-
quilli». Terza: arrivare a set- © RIPRODUZIONE RISERVATA sterà solo».
tembre, con l’allarme corona- Chinatowm Le strade di via Sarpi con pochi visitatori e i residenti muniti di mascherine anti-contagio (foto Furlan) © RIPRODUZIONE RISERVATA

Mille ristoranti contro la psicosi: «Pensare positivo»


La rete di 63 titolari delle catene del cibo uniti via chat: il panico si vince solo con il buonsenso
Nasce l’«Unione dei brand della ristorazione cittadina, Civita di Panino Giusto e Vin- Milano e non solo. Ci siamo sci del problema — spiega Pi-
Poke della ristorazione italiana». E per un totale di mille attività e cenzo Ferrieri di CioccolatIta- incontrati lunedì per decidere Panino chi —, ma vogliamo affron-
nasce nella Milano della mo- circa 10mila lavoratori sul ter- liani, tra i promotori dell’ini- come affrontare questa situa- tarlo. Continueremo a fare le
vida (quasi) scomparsa. Del ritorio: sono i primi firmatari ziativa. zione di estrema emergenza». cose al meglio, rimarremo
coprifuoco a singhiozzo per della neonata associazione. Il Nasce tutto per caso, su L’ordinanza regionale che im- aperti salvo nuove ordinan-
scongiurare gli assembra- manifesto: tenere aperti i lo- Whatsapp: «Domenica sera si pone la chiusura di pub e bar ze». Sulle azioni dei prossimi
menti di persone e la propa- cali, nonostante l’impatto è creato un gruppo di ristora- dopo le 18 «non è che un ele- giorni spiega: «Vorremmo
gazione del coronavirus, tra economico della diffusione tori — racconta Matteo Pichi, mento in più — commenta aiutare, e stiamo contattando,
strade vuote, scuole, Duomo, dei contagi e della psicosi col- cofondatore e ad di Poke Hou- —: Milano è una città svuota- le associazioni che si stanno
Scala, cinema e teatri chiusi, lettiva, e farsi promotori di se —: ognuno coinvolgeva al- ta. I nostri locali sorgono in impegnando per far tornare la
● Matteo Pichi, mezzi pubblici disertati e lo- iniziative per far tornare la cit- tre persone. Alla fine eravamo zone con molti uffici: l’im- ● Antonio città alla sua normalità. Stia-
cofondatore e cali che resistono. Nella città tà alla sua normalità, devol- più di 150 operatori attivi a pressione è che nessuno stia Civita, ammi- mo ragionando con l’Anpas,
ad di Poke dove le serrande di pub, bar e vendo anche un sostegno eco- lavorando perché molti stan- nistratore per esempio, su diverse ini-
House è tra i discoteche si abbassano alle nomico alle forze volontarie no usufruendo dello smart delegato e ziative. Come comprare i beni
promotori, con 18. E i ristoranti invece riman- socio-sanitarie in campo. I marchi del food working. A questo si aggiun- proprietario, necessari ai volontari (guanti
Vincenzo gono aperti. Con flessioni di «Esprimiamo il nostro senso L’associazione dei ge l’impatto fortissimo delle con la moglie e disinfettanti) o dar vita a un
Ferrieri di fatturato che arrivano a supe- comune decidendo di tenere notizie e la psicosi collettiva Elena Riva, di progetto per igienizzare i
Cioccolatitalian rare il 50 per cento, ma anche aperti i nostri locali, aderendo brand del food è nata che ha colpito la città». Panino Giusto, mezzi pubblici. Milano è una
i, dell’Unione con la voglia di dare un segna- all’invito del sindaco Beppe su Whatsapp domenica L’idea dell’associazione è società fondata città viva e saprà reagire».
dei brand della le e «tenere accesa Milano». Sala che richiama Milano al sera dopo l’ordinanza «mettere insieme le forze, a Milano Stefania Chiale
ristorazione Sessantatré imprenditori buon senso», dicono Antonio pensare positivo: siamo con- nel 1979 © RIPRODUZIONE RISERVATA
Corriere della Sera Mercoledì 26 Febbraio 2020
PRIMO PIANO 3
ML

IL BILANCIO Oltre240icasiaccertatiinLombardia,noveintotalelevittime
Policlinico,inquarantenaduespecializzandi.Caosgiudicidipace
SuiNaviglibarapertinonostantel’ordinanzarestrittiva

di Gianni Santucci

Lunedì mattina, in via Livi-


gno, una coppia di cittadini
cinesi s’avvicina a due agenti
di Polizia locale. Indossano la
mascherina e chiedono un’in-
formazione: «Come ci si iscri-
ve al sito del ministero della
Salute?». Sono confusi, si do-
mandano se debbano fare
qualcosa, anche se all’appa-
renza non hanno problemi.
«Perché?», chiedono i vigili.
«Siamo arrivati tre giorni fa
dalla Cina con un volo che ha
fatto scalo a Mosca». Gli agen-
ti decidono comunque di
chiamare un’ambulanza. I due
pazienti hanno entrambi la
febbre sopra ai 38 e vengono
portati al Niguarda per le veri-
fiche: che ieri sera non erano
ancora concluse, mentre i due
agenti sono a casa «in via pre-
cauzionale». La vicenda rac-
conta l’intreccio di ansia e at-
tenzione della Milano silen-

Giovani medici:
ziosa e rallentata nei giorni
del Covid-19. Guardia di finanza il 112 e il numero verde della
L’ultimo report sanitario al- Regione (800 89 45 45) ricevo-
le 19 di ieri parlava di quattro no tra le 250 e le 300 mila
pazienti positivi in città, tre chiamate al giorno. Per que-

due contagiati
dei quali in ospedale. Ieri è ar- sto da palazzo Lombardia si
rivato l’esito «positivo» anche sta lavorando per assumere
per due specializzandi del altre persone e per formare al-
dermatologo che lavora al cuni volontari della protezio-
«Policlinico» e che aveva con- ne civile (oltre i 21 già in servi-

Pronti i rinforzi
tratto il virus (di fatto, ha già zio) che possano lavorare al
superato la malattia). Altri centralino.
due «allievi» sono invece ne- Affollamento eccessivo ieri
gativi, e soltanto uno di questi mattina negli uffici dei giudi-
due avrebbe fatto visite negli ci di pace: un giudice onora-

per il call center


ambulatori di via Pace negli
ultimi 10 giorni. Dei 240 casi Vendeva mascherine rio «applicato» da due setti-
mane, nonostante l’organiz-
di contagio accertati finora in
Lombardia, solo 4 sono «mi- alla Stazione Centrale zazione prevedesse di evitare
che troppe persone si trovas-
lanesi»: un dato chiave per le
politiche di contrasto all’epi-
demia, studiate con l’obiettivo
Denunciato l’abusivo sero nei corridoi, in mattinata
aveva messo in calendario 41
udienze, provocando un’ora
primario di evitare la propa- anche una bambina di 4 anni, no state moltissime. Confer- di caos. È dovuto dunque in-
gazione del virus nella metro-
poli. Ieri sono morti tre anzia-
ni (un 83enne di Codogno —
Lodi —, un 84enne di Nem-
bro — Bergamo — e un
la paziente finora più giovane
dall’inizio dell’epidemia. È se-
guita dai medici e per il mo-
mento intorno alla sua situa-
zione sanitaria non c’è alcuna
mato che l’Inter giocherà a
porte chiuse la partita di Eu-
ropa League di domani sera
(la società rimborserà i bi-
glietti già acquistati). Non ar-
E rano vendute abusivamente, e
soprattutto erano assolutamente
inefficaci a proteggere dal virus: la
Guardia di Finanza ha denunciato un
venditore abusivo di decine di mascherine
tervenire con una direttiva il
presidente del Tribunale mi-
lanese, Roberto Bichi (che già
aveva diramato le regole per
«diradare» le udienze). Il co-
91enne di San Fiorano — Lo- preoccupazione. riveranno a Milano dunque i in Stazione Centrale. Controlli GdF anche ordinatore dei giudici di pace
di), oltre i sei già deceduti nei Sicurezza Le forze dell’ordine, da lu- tifosi del Ludogorets, ma an- per contrastare aumenti ingiustificati dei ha così stabilito che tutte le
giorni scorsi. In tutti i casi si Il prefetto nedì, controllano il rispetto che i viaggi verso la città in ge- prezzi di protezioni e disinfettanti, dopo udienze civili da oggi al 2
trattava di persone in condi- di Milano delle ordinanze che dovreb- nerale iniziano a ridursi: le che la Procura ha aperto un fascicolo per marzo saranno rinviate («a
zioni sanitarie già precarie, Renato bero contenere il contagio: sei compagnie aeree di Kuwait e «manovre speculatorie» su generi di prima data che sarà comunicata a
positive anche al Covid-19. E Saccone le infrazioni scoperte (tre dai Bulgaria, come la Twinjet, necessità e sulle vendite a prezzi folli di cura dell’ufficio»); restano in-
nelle zone del Lodigiano, a carabinieri e tre dai vigili) per hanno sospeso i voli verso Mi- mascherine e gel, in particolare sulle vece confermate le udienze
Castiglione d’Adda, uno dei locali e bar rimasti aperti do- lano. piattaforme online (l. fer.). penali e quelle per l’immigra-
Comuni con maggior numero po le 18. Ieri sera però le «di- La ricerca di informazioni © RIPRODUZIONE RISERVATA zione.
di contagiati, si è ammalata sobbedienze» sui Navigli so- non si interrompe, tanto che © RIPRODUZIONE RISERVATA
4 Mercoledì 26 Febbraio 2020 Corriere della Sera
ML

Primo piano L’emergenza sanitaria

LA CULTURA Il direttore di Brera: «Adottati provvedimenti


molto pesanti. Se avessi potuto avrei chiesto
di garantire la sicurezza senza una serrata totale»

di Pierluigi Panza
● Lettera ai liceali
Il preside
La storia della pittura, spe- «Difendiamo
cie lombarda, è ricca di tele
che raffigurano la Chiesa in il nostro
prima linea a contatto con gli
appestati. Si pensi a «San Car- tessuto sociale»
lo comunica gli appestati» di
Tanzio da Varallo oppure a di Domenico Squillace
«Carlo Borromeo visita gli ap-
pestati» di Giovan Battista
Crespi. Oggi, per molto, mol-
to meno Chiesa e Belle Arti
sono state messe sulla difen-
siva, quasi private di un pro-
prio compito secolare: quello
«L a peste che il
tribunale della
sanità aveva
temuto che potesse entrar
con le bande alemanne nel
consolatorio, quello di stare milanese, c’era entrata
vicino a chi soffre. Proprio davvero...». Sono le parole
chiese, teatri e musei erano i che aprono uno dei
luoghi da chiudere? I luoghi capitoli dei Promessi
più alti della cultura europea Sposi dedicato
vengano chiusi, ma gli inter- all’epidemia del 1630. Un
net-point e gli Apple-center testo illuminante e di
possono stare aperti. Sono straordinaria modernità
chiese e musei le palestre del che vi consiglio di leggere.
contagio? C’è già tutto, la certezza
«Vedere il Duomo, la Scala della pericolosità degli
e Brera chiusi mi rattrista, stranieri, lo scontro
perché sono simboli della violento tra le autorità, la
cultura, della città e della ci- La collezione La Pinacoteca di Brera è chiusa da domenica pomeriggio per la direttiva regionale, concordata con il governo, che blocca anche l'attività museale ricerca del paziente zero, il

Bradburne: ❞
disprezzo per gli esperti, la
Ieri sono passato davanti al visite turistiche. caccia agli untori. Quelle
bar Jamaica, qui a Brera, era «Sì. Ci saranno ripercussio- parole sembrano sbucate
aperto e c’era scritto: “Abbia- ni che dureranno per molto fuori dalle pagine di un
mo vissuto sotto i bombarda- tempo. Come Expo crea una giornale di oggi. Niente di

i simboli contano
menti, non siamo chiusi”. Ci fama che sfrutti per dieci an- nuovo sotto il sole, mi
ho visto spirito di reazione». ni, questa situazione la can- verrebbe da dire, eppure la
La contaminazione tra gli cella e ne innesca una contra- scuola chiusa mi impone
individui — sbandierata si- ria per anni. Sono certo che la di parlare. La nostra è una

Temo si annulli
no a ieri come sistema per situazione avrà effetto negati- di quelle istituzioni che
rendere più produttive le vo anche anni dopo che si è ri- con i suoi ritmi ed i suoi
aziende —, ora fa paura. E solta. Disturba l’attrattività riti segna lo scorrere del
anche la società aperta, del- del Paese. Ora si discute di po- Emozione tempo e l’ordinato
lo scambio. Riemergono la sticipare il Salone del mobile, Vedere il svolgersi del vivere civile,

l’«effetto Expo»
tragedia inventata da Ca- la Fiera di Bologna: ma ciò ha Duomo, la non a caso alla chiusura
mus, i corpi sconvolti dipinti un impatto fortissimo». delle scuole si ricorre in
da Poussin in «La peste di Le perdite? Scala e casi eccezionali. Non sta a
Ashdod». Eppure, c’è chi, «Borse in calo, Italia che ri- Brera chiusi me valutare l’opportunità
come la direttrice del Teatro schia la recessione: questo mi mi rattrista del provvedimento, quello
Franco Parenti prende un sembra probabile. Ora saran- perché sono che voglio però dirvi è di
po’ le distanze da una deci- no valutate dal Governo solu- simboli mantenere il sangue
viltà – afferma il direttore di Appello del Bagatti Valsecchi sione draconiana della qua- zioni economiche. Ricordo della freddo, di non lasciarvi
Brera, James Bradburne —. le già si intravvedono le con- che dopo l’11 settembre, Tho- trascinare dal delirio
Non posso che guardare il seguenze. Non si poteva en- mas Krenz, il direttore del
cultura, collettivo, di continuare —
museo chiuso senza una par-
ticolare emozione. È giustifi-
«Regalateci un biglietto trare in teatri e musei con si-
stemi di controllo?
Guggenheim di New York,
dovette licenziare diverso per-
della città e
della civiltà
con le dovute precauzioni
— a fare una vita normale.
cato, non sono io che devo va- per arginare le perdite» «Il valore simbolico è basi- sonale e perdette tre milioni Sono luoghi Approfittate di queste
lutare le misure da adottare! lare, una città deve dimostrar- al mese nei primi tempi. Fu dove giornate per fare
Ma questi sono i luoghi dove si pronta a reagire. La misura un disastro». le persone passeggiate, per leggere.
le persone vanno anche per
consolazione, per fare espe-
rienza e darsi forza».
Le era mai successo una
cosa simile?
«R egalaci un biglietto per
affrontare la chiusura forzata».
È l’appello del Museo Bagatti
Valsecchi che chiede aiuto per contenere le
perdite, dovute sia alla chiusura che allo
adottata è molto pesante. Se
io avessi avuto potere, proba-
bilmente avrei detto di trovare
un modo per assicurare la si-
curezza senza una chiusura
E Brera?
«Spero un fine anno ancora
da record; ma eliminando
una domenica gratuita e chiu-
dendo per una o due settima-
vanno
anche per
consolazio-
ne e darsi
Non c’è motivo per
prendere d’assalto
supermercati e farmacie,
le mascherine lasciatele a
chi è malato. La velocità
«No, non conosco altra si- stop agli eventi. «A rischio una fetta di totale. Ma non spetta a me e ne di apertura come si fa? At- forza con cui una malattia può
tuazione. Dobbiamo andare incassi indispensabili per la sostenibilità mi attengo, ovviamente. Ci tendiamo le nuove misure. spostarsi da un capo
molto indietro, forse ai tempi della casa museo di via Gesù». (g. m. f.) vuole resistenza, coraggio e Per ora la previsione è di chiu- all’altro del mondo è figlia
della peste hanno chiuso città © RIPRODUZIONE RISERVATA coesione sociale». sura sino a martedì». del nostro tempo, secoli fa
intere, non durante la guerra. Il pericolo è il crollo delle © RIPRODUZIONE RISERVATA si spostavano ugualmente,
solo più lentamente. Uno
dei rischi più grandi, ce lo
Diretta dal palco senza iscrizioni né password insegnano Manzoni e
forse ancor più Boccaccio,

La scelta del No’hma: in scena via streaming è l’avvelenamento della


vita sociale, dei rapporti
umani, l’imbarbarimento
del vivere civile. L’istinto


atavico quando ci si sente
Il teatro No’hma non si fer- guiranno da casa. «Tutto è ti Andrée Ruth Shammah che erede al trono del suo villag- minacciati da un nemico
ma. E lo fa sfruttando la tec- stato organizzato in tempi al Corriere nei giorni scorsi gio, decide invece di trasferir- invisibile è quello di
nologia digitale per arrivare brevissimi e la scintilla è nata aveva dichiarato: «Non è il se- si in città per studiare, dove vederlo ovunque e il
nelle case dei suoi spettatori. dalla delusione della compa- gnale giusto da dare a una cit- metterà in discussione i suoi Sipario web pericolo è guardare ad
È l’iniziativa decisa dalla pre- gnia, già in procinto di partire tà già impaurita, perché teatri valori. Una storia narrata at- Se questa ogni nostro simile come
sidente Livia Pomodoro che dalla megalopoli sudafricana, e altri luoghi della cultura so- traverso musiche e danze tra- idea fosse ad una minaccia. Rispetto
ha avuto l’idea di uno spetta- per la notizia della cancella- no un simbolo di apertura e dizionali ma con un testo che alle epidemie del XIV e del
colo in streaming per non an- zione», racconta Pomodoro, condivisione anche nei mo- affronta l’attualissimo tema replicata da XVII secolo noi abbiamo
nullare le rappresentazioni Ex magistrato «ci hanno scritto una bellissi- menti che mettono alla prova dell’identità (lo spettacolo altri teatri dalla nostra parte la
della compagnia sudafricana Livia Pomodoro, ma mail e a quel punto con i la convivenza civile». partecipa al Premio interna- ne sarei medicina moderna con i
Olive Tree, originariamente ex presidente miei collaboratori ci siamo La troupe, diretta dalla re- zionale «Teresa Pomodoro» e felice. È un suoi progressi, usiamo il
previste in scena per stasera e del Tribunale detti di utilizzare uno stru- gistra e autrice Ntshieng Mo- può essere votato on line). «E segnale pensiero razionale di cui è
domani e ora confermate con di Milano, mento per noi usuale come lo kgoro, ha accettato la propo- se questa idea trovasse altri di vicinanza figlia per preservare il
questa modalità di trasmis- classe 1940. streaming ma utilizzato come sta della direzione del teatro teatri intenzionati a replicarla bene più prezioso che
sione. Gli attori, in arrivo da Dirige il teatro “buona pratica” in una situa- con entusiasmo e stasera va in ne saremmo ben felici», con- alle persone possediamo, il nostro
Johannesburg saranno quindi No’hma dalla zione di emergenza». scena con «Modjadji» («La clude Pomodoro, «soprattut- isolate dall’ tessuto sociale, la nostra
sul palco, con la diretta fruibi- scomparsa della Un escamotage per «aggi- regina della pioggia» strea- to come segnale di solidarietà emergenza umanità. Se non
le senza iscrizioni né pas- sorella Teresa rare» in modo corretto il di- ming alle ore 21, replica do- alle popolazioni colpite dal- sanitaria riusciremo a farlo la peste
sword di accesso, recitando vieto che comunque non ave- mani, sul sito www.noh- l’emergenza». avrà vinto davvero.
davanti a una sala virtuale va trovato d’accordo la diret- ma.org o sul canale Youtube Fabrizio Guglielmini preside liceo Volta
grazie alle persone che li se- trice artistica del teatro Paren- Teatro No’hma). Modjadji, © RIPRODUZIONE RISERVATA
Corriere della Sera Mercoledì 26 Febbraio 2020
PRIMO PIANO 5
ML

LE MISURE IlresponsabiledellaSanità:seinuovilaboratori
e240milatamponiinarrivo.LapolemicaconConte:
«Fossecapitatoaltrovelasituazionesarebbedisperata»

di Andrea Senesi
Gallera, l’assessore «no stop»
«Nelle prossime 48 arrive-
ranno 240mila tamponi per i
test». L’assessore Giulio Gal-
lera è un fiume in piena di nu-
meri. Da giovedì in avanti dice
Numeri e vertici ad alta tensione
di aver dormito 20 ore in tutto
e così ogni tanto s’aggroviglia guendo un rigoroso pro- Secondo i soliti spifferi di rus. All’assessore Gallera è Prevenzione nia, in ogni intervista, in ogni
nelle cifre. L’annuncio signifi- gramma di allenamenti, ma corridoio, nei mesi scorsi, toccato peraltro di dare la no- Un addetto collegamento. Ieri ha aggiun-
ca comunque che l’emergen- addio anche alla corsa». Gallera avrebbe più volte ri- tizia al figlio, in partenza per alle prese con to il «carico», tra gli applausi
za è destinata a farsi perma- Niente famiglia, niente ma- schiato di «saltare» dalla pol- la settimana bianca con la le operazioni del centrodestra in consiglio
nente. A Palazzo Lombardia ratone. Avvocato, di forma- tronissima della Sanità (an- scuola: «Guarda che non an- di sanificazione regionale: «Probabilmente se
l’unità di crisi è al sesto piano, zione liberale, Gallera entra che) per una sbandata politi- date da nessuna parte, abbia- su una carrozza tutto questo fosse successo in
dove di norma ci sono gli uffi- in politica con Forza Italia. ca in favore di Toti. E invece mo bloccato tutto». di Trenord. un’altra regione, oggi sarem-
ci della protezione civile e do- In prima linea Prima l’elezione a Palazzo alla fine è rimasto al suo po- «La Lombardia c’è», «la I passeggeri in mo in una situazione dispera-
ve invece in questi giorni si Giulio Gallera, Marino, poi l’esperienza da sto, a guidare la sanità della Lombardia s’è fatta trovare questi giorni ta per l’intero Paese. È succes-
sono di fatto trasferiti asses- 50 anni, titolare assessore ai tempi di Alberti- Lombardia mentre nella re- pronta e preparata». L’asses- sono in calo so in Lombardia e lo stiamo
sori, dirigenti e tecnici. del Welfare ni e infine il salto in Regione. gione scoppiava il coronavi- sore lo ripete come una ne- (Ansa) gestendo al meglio». I toni si
Tutto è iniziato giovedì erano alzati nella serata di lu-
scorso alle nove e mezza di nedì, quando il governo Con-
sera. «Ero a mangiare al risto- te aveva puntato il dito contro
rante con amici ed è arrivata l’ospedale di Codogno e indi-
la conferma della positività rettamente contro la Lombar-
del primo paziente italiano, dia. «A noi le polemiche non
quello all’ospedale di Codo- interessano, nessuno ci deve
gno», ricorda Gallera. Da lì in dire grazie ma neanche svilire
avanti sono state solo riunio- quello che facciamo», ha ag-
ni e pizze fredde, telefonate e giunto in aula. Ma poi di nuo-
videoconferenze, conferenze vo numeri, una mitragliata di
stampa e dichiarazioni alle cifre non sempre coerenti
agenzie. «Ho fatto in tempo a l’una con l’altra, ma che fanno
vedere mio figlio lunedì sera effetto e un bel po’ d’impres-
alle dieci mezza e mia moglie sione: «Abbiamo fatto 3.500
Paola in un paio di colazioni tamponi, di cui 1.752 hanno
all’alba». Soprattutto, Gallera già un esito, siamo a 900 posti
ha smesso di allenarsi. Lui letto in terapia intensiva e ne
corre e anche con discreti abbiamo 104 liberi. E poi sono
tempi: domenica avrebbe do- pronti 6 nuovi laboratori per
vuto partecipare alla 24 chilo- le analisi e sono in arrivo un
metri sul lago d’Orta in vista milione di camici e 2 milioni
della maratona di Praga ai di guanti...».
primi di maggio. «Stavo se- © RIPRODUZIONE RISERVATA

14
Occupazione

I giorni
di Stefania Chiale di astensione dal lavoro chiesti
dalle ditte a chi è stato vicino a
possibili contagiati

Dove non può lo smart positi logistici. «Nei negozi


working dovrebbe valere il della Lombardia e del Veneto
buon senso. Mentre si molti- abbiamo intensificato l’igie-
plicano le aziende e le istitu- nizzazione di carrelli, casse e
zioni che consentono il telela- punti di frequente contatto, e
voro (da ieri esteso a tutti i di- dato disposizione per la rile-
pendenti del Comune di Mila- vazione della temperatura dei
no), le imprese fanno i conti dipendenti», dice l’azienda. A
con la necessità di salvaguar- questo si aggiunge «un ordi-
dare la salute dei lavoratori a ne massiccio di mascherine
cui non è possibile applicarlo. che dovrebbe arrivare a bre-
C’è chi si limita a divulgare le ve». L’azienda ha chiesto a

Termometri, smart working,


disposizioni del ministero tutti i dipendenti «in tutti i
della Salute con le norme igie- La Statale punti vendita di indossare
niche per prevenire l’infezio- guanti usa e getta e di utilizza-
ne da coronavirus e chi le in- re frequentemente prodotti
Università,
raccomandazioni e fai-da-te
tegra con dotazioni (guanti e igienizzanti». Nessun caso di
mascherine) o azioni mirate astensione da lavoro, tolti i
(igienizzazioni intensificate,
misurazione della febbre o
riaprono le sedi «tre dipendenti residenti in
zona rossa e i 20 entrati in
di Sesto e Lodi
La salute in aziende e uffici
sospensione di attività straor- contatto con persone tornate
dinarie), autocertificazioni da dalla Cina o risultate positive
far compilare ai propri dipen- al tampone a cui l’azienda ha

R
denti o inviti a restare a casa iaprono le sedi chiesto di astenersi dal lavoro
in permesso retribuito. A cui
si aggiungono i lavoratori che Chiusure e ferie improvvise. Comune, sì al telelavoro dell’università
Statale a Lodi e Sesto
per 14 giorni». Esselunga ha
«sospeso le attività straordi-
si mettono autonomamente S. Giovanni. «Restano narie nei punti vendita come
in ferie. sospesi, come nelle altre gli eventi per la degustazione
La Saes a Lainate (materiale mento, si è messo in ferie. dice Roberta Turi, segretaria na, la Amisco di Paderno Du- sedi, attività didattica e di prodotti, i corsi di forma-
funzionale avanzato), la Luce- Agli uffici Stabilo di via Messi- Generale Fiom Cgil Milano: gnano (bobine elettriche in- servizi al pubblico — fa zione e le attività negli spazi
plan alla Bovisasca (lampade) na, su 40 dipendenti, sono ri- «Ci sono aziende dove gli capsulate) e la De Nora (leader sapere l’ateneo —. Lodi bimbi», dice la società. Il gi-
e la Thales a Gorgonzola (elet- masti in tre, racconta il gene- operai vanno in fabbrica e in in tecnologie elettrochimi- dopo la chiusura gante dell’ecommerce ha for-
tronica aerospaziale) — per ral manager di Stabilo Italia mensa, ma non possono acce- che) mascherina e Amuchina, precauzionale resta zona nito «ad ogni sito Amazon le
fare qualche esempio — sono Alberto Mazza: «Tutti i dipen- dere all’area caffé per “evitare c’è chi ieri ha misurato la tem- gialla come il resto della indicazioni igieniche da ri-
rimaste chiuse a scopo pre- denti del commerciale e del assembramenti di persone”. peratura a tutti i lavoratori. È Lombardia. Mentre il spettare secondo le agenzie
cauzionale ieri e lunedì. La marketing sono in smart Le misure precauzionali non il caso della Hyster-yale di Comune di Sesto San sanitarie internazionali», ma
Travaglini di Cinisello Balsa- working. Tra chi non ha que- si possono inventare: ci si at- Masate, che produce carrelli Giovanni ha ufficializzato chiarisce che non richiede ai
mo ha comunicato ai suoi di- sta possibilità (i quattro del tiene a quelle ministeriali». elevatori. il venir meno delle dipendenti «di indossare ma-
pendenti che «comprendeva customer service), due colle- Ma alcuni le integrano. Men- Iniziativa fatta propria an- condizioni che avevano scherine, a meno che non sia
le perplessità e l’eventuale ghi si sono messi in ferie e tre la Bulloneria Fontana di che da Carrefour Italia. Dove il determinato la decisione espressamente richiesto dalle
astensione dei lavoratori». Ma due continuano a lavorare». Veduggio Con Colzano ha di- 95 per cento dei lavoratori di chiudere». autorità locali o sanitarie».
nessun dipendente, al mo- «C’è un po’ di confusione», stribuito a tutti una mascheri- opera in punti vendita o in de- © RIPRODUZIONE RISERVATA
6 Mercoledì 26 Febbraio 2020 Corriere della Sera
ML

Primo piano L’emergenza sanitaria

LE STORIE Dai centri Vivere Snella alla partita Iva che gestisce alloggi,
dalla gioielliera che produce in India al manager della movida
Maria Laura, Ezio, Monica e Marco: una sfida quotidiana
La solidarietà
Fitness Accoglienza
Mense dei poveri
Maria
Laura Vitale
Ezio Streri,
49 anni, Pasti d’asporto
(nella foto)
è direttrice
lavorava
in azienda e donazioni
del centro
Vivere Snella
ma nel 2015
ha dato le La rete d’aiuto
di via
Brunelleschi.
dimissioni,
avviato una per i clochard
La fondatrice partita Iva

«M
del gruppo di ed è entrato
palestre è nel settore ai come oggi c’è
Lorena ricettivo bisogno del
Marseglia come libero contagio della
(foto Ansa) professionista speranza e della pratica della
carità». Le parole scritte da
«La palestra si ribella ai divieti» «Il mio Airbnb ha 32 disdette» don Edo Canetta su un

3,9 cartello davanti alla chiesa di


San Vincenzo di via Pisacane,
che ha scelto di non

Q uattrocento persone al clienti. Alcuni sono impauriti e

«A bbiamo avuto 32 2015 ha dato le dimissioni, sospendere il servizio


I miliardi
giorno normalmente non sarebbero comunque disdette in due avviato una partita Iva ed è di euro di guardaroba per i bisognosi,
arrivavano nei sei centri venuti ma altri ci chiedono di giorni, per soggiorni entrato nel settore ricettivo perdite per sono una sintesi di quel che
Vivere Snella. Improvvisamente riaprire, in particolare quelli che di qui alla prima metà di marzo. come libero professionista. «Mia l’economia accade nel mondo della
la clèr è stata abbassata, per sono sotto trattamento Un mancato ricavo di circa 7 moglie è architetto freelance, stimati a causa solidarietà milanese.
l’ordinanza coronavirus. «Per fisioterapico — dice Marseglia mila euro spalmati sui trenta anche lei a partita Iva e con dell’impatto L’emergenza sanitaria non
ogni giorno di chiusura —. La situazione è controversa. alloggi che gestisco sui portali entrate altalenanti, abbiamo due del coronavirus ferma l’assistenza agli ultimi
stimiamo oltre 10 mila euro di Non mancano i concorrenti che tipo Airbnb. I proprietari sono figli e il mutuo. Se questa sui consumi e la lotta allo spreco
mancati ricavi. Possiamo sono rimasti comunque attivi, i sconsolati, e anche io. Più situazione dura settimane alimentare. Ieri Milano
reggere una settimana, al
massimo due, non di più, anche
perché da noi dipendono 40
bar e locali funzionano, e così
gli uffici...». Rilancia Vitale:
«Stiamo valutando se riaprire a
ancora della paura di viaggiare,
credo influisca la mancata
attrattività ci una Milano in cui
entreremo come famiglia in una
fase economica delicata —
aggiunge —. Le scuole sono
50 Ristorazione ha donato oltre
tre tonnellate di cibo
destinate alle mense
persone, di cui 30 a partita Iva breve, a dispetto dell’ordinanza. sono chiusi musei, teatri, chiuse e dobbiamo badare La percentuale scolastiche a Banco
tra nutrizionisti e fisioterapisti», Se avessero preservato solo i cinema, mostre. I locali anche ai bambini. Un incastro di calo Alimentare e ad altre
dicono Lorena Marseglia e servizi essenziali, era un conto. abbassano presto la serranda e non banale». Se non ci saranno dei fatturati organizzazioni, tra cui i City
Maria Laura Vitale, fondatrice Ma se le regole sono a macchia gli eventi sono improvvisamente aiuti o incentivi «tanti liberi stimata Angels e il Refettorio
dell’attività e direttrice del di leopardo, perché dovremmo saltati, gli stranieri non ci professionisti finiranno dai ristoranti a Ambrosiano. Quest’ultimo e
centro di via Brunelleschi. rispettarle solo noi?». pensano due volte a cambiare purtroppo in ginocchio». Milano a causa altri ristoranti solidali
«Abbiamo interrotto l’attività da Elisabetta Andreis destinazione». Ezio Streri, 49 El. An. dell’effetto restano aperti, così come
lunedì, avvisando per telefono i © RIPRODUZIONE RISERVATA anni, lavorava in azienda ma nel © RIPRODUZIONE RISERVATA coronavirus dormitori e centri di
sui clienti accoglienza. Con alcuni

Negozi e turisti, conti in rosso


accorgimenti, ad esempio
distribuendo pasti d’asporto.
È la scelta fatta dall’Opera San
Francesco, che tiene aperti
anche ambulatorio e docce.

«Ma proviamo a resistere»


Anche il ristorante solidale
«Ruben» prosegue l’attività,
proponendo menù d’asporto.
«L’emergenza, quando si
attraversa un momento di
difficoltà, diventa urgenza e
noi ci siamo, con la stessa
attenzione e cura», ha
spiegato Valentina Pellegrini.
Funziona regolarmente la
mensa di via Saponaro, della
Fondazione Fratelli di San
Boutique Al bancone Francesco. «Ma restiamo
Monica Marco Russo, aperti solo per i nostri
Galletto 35 anni, è il tesserati, 2 mila 980 persone
è la titolare titolare di Mag che si sottopongono
del negozio Café e 1930. sistematicamente alle visite
Monica G Solo qualche mediche», spiega il
in via Brisa 15, mese fa, a responsabile Fratel Clemente.
dietro corso ottobre, si è Caritas ha lanciato un appello
Magenta. piazzato al ad aprire i dormitori anche di
Galletto 44esimo posto giorno, dove è presente
compra pietre nella classifica anche un servizio di
e tessuti e fa di The World’s assistenza medica. «Occorre
realizzare il suo 50 Best Bars, evitare che gli effetti di
campionario a i 50 migliori questa situazione di
Jaipur, in India bar al mondo emergenza ricadono sui più
deboli», dice Luciano
«Scaccio l’idea di arrendermi» «Cinquebar,uncrollodell’80%» Gualzetti, direttore di Caritas

15 Ambrosiana. La Casa della


Carità, invece, chiude docce e
guardaroba per qualche

«V endo abbigliamento e nuova collezione, ma sto

M arco Russo, 35 anni, è il una piccola impresa: solo il Mag giorno, nel frattempo i locali
Negli alberghi
gioielli che disegno io finendo tutti i gioielli». L’altra titolare di Mag Café e ha 16 dipendenti. Di giorno resta è previsto dalle subiranno una sanificazione
ma che produco in preoccupazione è un calo 1930. Solo qualche mese aperto ma chiudere alle 18, come associazioni straordinaria. Si
India, dove vado tre volte drastico delle vendite: magari fa, a ottobre, si è piazzato al impone l’ordinanza, significa di categoria riorganizzano anche le
all’anno», racconta Monica non potendo andare nei teatri, 44esimo posto nella classifica di perdere l’80% del nostro un grave calo associazioni che si occupano
Galletto, titolare del negozio al cinema, a vedere le mostre, i The World’s 50 Best Bars, i 50 business». Altri due locali della di fatturato del recupero delle eccedenze
Monica G in via Brisa 15. «La milanesi passano più tempo a migliori bar al mondo: adesso lo stessa famiglia, ovvero Barba e con un meno alimentari. Pane Quotidiano
mia preoccupazione più grande fare shopping nei negozi speakeasy 1930 è fermo in Iter, hanno la licenza di 15 per cento si ferma per una settimana.
è che io non possa più andare a comunque aperti. «E invece no, seguito all’ordinanza emanata ristorazione e quindi possono La Croce Rossa di Milano,
Jaipur: ho il biglietto aereo il 10
marzo, ma se a breve l’India
dovesse bloccare i voli dall’Italia,
non c’è il mood giusto, aleggia
un’aria di tristezza». Lunedì
Galletto non ha avuto neanche
dalla Regione per contenere la
diffusione del coronavirus. «La
rispettiamo — commenta il
lavorare anche dopo le 18, ma
registrano comunque un calo di
lavoro del 65%. «I milanesi
35 invece, prosegue le uscite con
l’unità di strada che offre
assistenza medica,
come per esempio ha già fatto il un cliente, ieri, invece, ha titolare Marco Russo — ma per hanno paura, stanno in casa. È Nelle vie psicologica e la distribuzione
Kuwait, per me sarebbe un venduto bene. «Per il momento me e i miei colleghi è distruttiva, difficile fare una stima, ma dello shopping, di pacchi alimentari a circa
disastro, dovrei interrompere la non mi preoccupa il pensiero di un bagno di sangue». Oltre al secondo me se questa situazione anche senza trecento clochard. E anche i
mia produzione». Galletto una chiusura imminente. Mi 1930, Russo è titolare anche di continua per due settimane l’obbligo comuni di Abbiategrasso e
compra pietre e tessuti e fa porrò il problema tra un mese, Mag Café, aperto 9 anni fa sul tanti locali saranno destinati a di chiusura, i Corbetta hanno donato i pasti
realizzare il suo campionario a se dovesse continuare così». Naviglio Grande, e poi anche di chiudere per sempre». negozi hanno delle mense scolastiche.
Jaipur. «Per quanto riguarda Laura Vincenti Backdoor43, Iter e Barba: L. Vin. perso nei primi Giovanna Maria Fagnani
l’abbigliamento è già arrivata la © RIPRODUZIONE RISERVATA «Cinque locali in tutto, siamo © RIPRODUZIONE RISERVATA giorni il 35% © RIPRODUZIONE RISERVATA
del fatturato
Corriere della Sera Mercoledì 26 Febbraio 2020
PRIMO PIANO 7
ML

LA CITTÀ La chiusura di asili e scuole ha stravolto le abitudini


Baby-sitter, amici, tempo libero e uscite con il «coprifuoco»:
le strategie per andare avanti (e superare l’emergenza)

La riscoperta della casa mettere da fuoco se da lunedì


i bambini potranno tornare in
classe o se il Comune decide-
rà di prolungare la chiusura

e le parole giuste ai figli


delle scuole. Un tema non da
poco, per chi non ha tate nè
nonni in zona per gestire
l’emergenza tra le mura di ca-
sa.

Vite (sospese) in famiglia


Questa è la settimana delle
scoperte o delle riscoperte.
Per esempio quella di Alice e
Luca, coppia con voto fedele e
consolidato a destra, che si
sono resi conto che in monta-
Un’altalena tra ottimismo e pessimismo. «I giorni del dialogo» gna, dove sono rimasti pro-
lungando con i figli il
weekend scorso, in questi


giorni non gli portano nem-
di Stefano Landi munque ben oltre l’impatto starnuto in metropolitana ca- resi conto che questa settima- meno il caffè al tavolo. E sta-
della realtà. de in preda al panico, cam- na poteva diventare un’occa- volta la colpa è proprio della
Tocca trovare le parole giu- biando vagone. I due ieri han- sione rara per staccare la spi- loro carta d’identità, che fino
Ci sono anche quelli che ste, appoggiandosi a tutta no messo a fuoco il famoso la- na. Tenuto conto che lui per Il dibattito all’altro ieri consideravano di
«io non ho paura», come solo l’ironia che si può. I due non to positivo che quando lo cer- lavorare non esce mai dopo le I social serie A. Loro residenti a Mila-
in certi titoli di certi grandi li- hanno fatto le scorte nei su- chi salta sempre fuori. Non 9 e non torna mai prima delle e le chat tra no (centro) che si trovano a
bri. Ma soprattutto quelli del- permercati e si sforzano di vi- possono uscire a cena (molti 11 di sera. Eccolo l’assist per frequentare un corso accele-
la grande paura, che tradotta vere pensando un giorno alla ristoranti in zona hanno pre- rallentare e riscoprire un po’ genitori non rato di discriminazione terri-
in psicosi, porta a murarsi in volta. Però ieri, quando sen- ferito associarsi al coprifuoco di vita di famiglia. fanno che toriale.
casa, in qualcosa che va oltre tendosi al telefono con una dei bar). Non riescono nem- L’avevano detto alcuni par- alimentare Restano giornate con un
il concetto di quarantena pre- coppia di amici storici (figli a meno ad andare allo stadio roci domenica scorsa, com- dubbi grande fondo di equivoci, ali-
ventiva. La vita di famiglia carico tre) hanno scoperto (lui) per la partita che aspetta- mentando l’ordinanza per cui Il vero tema mentato dalle chiacchiere di
(con figli) ai tempi del coro- che loro avrebbero aggancia- va da sempre, ma che si gio- anche le chiese sarebbero di- è capire fake news che viaggiano sui
navirus vive in un continuo to il ponte levatoio che si spa- cherà a porte chiuse e a fare ventate off-limits causa em- social. Giovanni e Maddalena
sbalzo di umori e approcci lanca sulle vacanze di Carne- shopping (lei). E così si sono bargo delle messe e delle ceri-
quanto aspettano il loro primo figlio.
strategici. In un perenne al- Corriere.it vale per tirarne fuori una set- monie religiose: riscoprite la durerà Nel dibattito sul da farsi han-
ternarsi di ottimismo e pessi- Leggi e timana bianca tonda tonda si dimensione intima. Loro in- questa no resisto due giorni. Domani
mismo. Marco e Viola hanno commenta sono chiesti se e quanto sia La «fuga» da Milano tendevano la preghiera. Ma in situazione partono e minacciano anche a
due figli, grandi. Motivo per tutte le notizie giusto restare in città. Ne han- Giovanni e Maddalena generale il tempo per il dialo- loro stessi di non tornare pre-
cui tra le varie ed eventuali di sulla diffusione no discusso, in parte anche li- go ora non manca. Il vero te- sto: lei non ha nessuna inten-
questi giorni c’è soprattutto del coronavirus tigato. Lei preferiva fare le va- aspettano un bambino: ma è capire quanto potrà du- zione di credere che questa
da spiegare e raccontare an- sul sito ligie, lui ha dovuto fare la par- hanno decido di partire, rare questa situazione. Che sia solo poco più di un’in-
che a loro un’emergenza che milano. te del padre di famiglia che non torneranno presto tradotto nelle dinamiche fa- fluenza.
nella percezione resta co- corriere.it rassicura tutti. Ma al primo miliari, significa soprattutto © RIPRODUZIONE RISERVATA

Ora l’«imbruttito»
si sente a suo agio
sui marciapiedi
C’ era una volta il milanese imbruttito.
Quello che pur di saltare un
semaforo rosso tagliava dentro dal
benzinaio all’incrocio per guadagnare
quattro secondi. Qualcosa è cambiato.
Navigli, patria della movida: deserti.
Chinatown, quartiere aperto H24 se ce n’è Al mercato Alcune signore al mercato di Corvetto (Ansa)
uno: tutto chiuso. Ma a fare più effetto ieri
era forse via Montenapoleone, dove a parte
qualche turista con la mascherina non si
vedeva nessuno col piglio di fare acquisti.
Milano conosce certi spazi, certi silenzi
solo a Ferragosto. Ecco, questi giorni
sembrano un continuo Ferragosto. Milano
è anche la città che difficilmente rinuncia
alla sua automobile. Ci sono voluti anni e
livelli di smog fuori dai parametri tollerati
per convincersi ad accettare le Aree B o C.
A scegliere le biciclette condivise. Questi
ultimi giorni dall’esplosione dei casi
lombardi di Coronavirus, della psicosi da
mezzi pubblici, la gente ha riscoperto il
gusto della camminata. Meglio mezzora a
piedi all’aria aperta che salire su un vagone
della metropolitana. Che poi così pieno
non è, dato che da ieri, Atm ha registrato
un calo del 40 per cento dei passeggeri.
Montenapo Una ragazza da sola in via Montenapoleone
Anche i pendolari che non hanno potuto
rinunciare alle corse locali si sono accorti
della differenza. Spazi larghi, sedili liberi.
Così le strade si sono svuotate. Chi ha
scelto di barricarsi in casa e non ha potuto
accorgersi della differenza, può scorrere le
foto qui accanto. Da Starbucks, nuova
mecca del caffè lunghissimo, non si trova
un tavolo pieno. Effetto collaterale dello
smart working, con i lavoratori in servizio
da casa, circondati da bambini rumorosi
«condannati» dalla chiusura delle scuole.
E pensare che sarebbe dovuta essere la
settimana colorata di Carnevale, con tanti
bambini che avevano già pronto il
travestimento delle grandi occasioni.
S. Lan.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Isolata Una ragazza lavora sul suo pc ai tavolini di Starbucks: solitamente il locale è strapieno (foto Marco Passaro) Deserto Uno scorcio di una piazza Cordusio deserta ieri
8 Mercoledì 26 Febbraio 2020 Corriere della Sera
ML

Primo piano L’emergenza sanitaria

LA GIUSTIZIA La presidente della Corte d’appello Marina Tavassi:


situazione calma, pulizie straordinarie nel palazzo
«Ma non siamo ancora attrezzati per il telelavoro»

Tribunale con le aule semideserte


«Anche la legge deve rallentare»

di Giuseppe Guastella mandazioni generali, come «Abbiamo avuto le segnala- «Certo, però nell’immedia- «Ha rallentato, certamente,
l’adozione della distanza di al- zioni. Ci stiamo adoperando to non siamo in grado di adot- ma vorrei dare questo mes-
meno due metri tra le perso- per ovviare a questi problemi, tare il lavoro a distanza. Pos- saggio positivo: con calma,
I corridoi sono quasi deser- Burocrazia ne e, laddove non era possibi- anche se spetterebbe al giudi- siamo potenziare la scrittura con senso del dovere e spirito
ti, anche se ci sono aule in cui Il rilascio le perché le stanze erano trop- ce che dirige l’udienza». delle sentenze da parte dei di grande collaborazione tra
si svolgono udienze, il Covid- o deposito po piccole, abbiamo trasferito Ci sono casi di persone giudici a casa, ma l’attività avvocati, personale e magi-
19 sembra aver fatto svanire i servizi in uffici più ampi». contagiate nel palazzo? delle cancellerie, come il rila- strati, le attività stanno an-
gran parte delle 6 mila-8 mila di atti Però in alcune udienze, «Assolutamente no». scio o deposito di atti, va fatta Chi è dando avanti con una relativa
persone che in media ogni vanno fatti come in quelle per gli sfratti, Qualcosa di positivo può negli uffici, al momento non Marina Tavassi regolarità. Milano ha reagito
giorno frequentano il palazzo negli uffici, ed anche in alcune penali o arrivare da questa situazio- si può fare diversamente». presiede la bene, con determinazione,
di giustizia di Milano, dove non si può del giudice di pace, c’è stata ne, ad esempio una maggio- È solo un’impressione che Corte d’appello: senso di responsabilità, sere-
ora l’attività sembra andare al fare lo stesso una presenza ec- re diffusione delle comuni- il mondo che ruota intorno «Nessun nità e voglia di lavorare, cosa
rallentatore. Sono anche le altrimenti cessiva di avvocati e parti. cazioni telematiche e dello alla giustizia abbia improv- contagio che, si sa, qui non manca».
conseguenze, apparenti, dei Come mai? smart working? visamente rallentato? in tribunale» © RIPRODUZIONE RISERVATA

provvedimenti presi dai capi


degli uffici giudiziari nelle Nelle carceri
riunioni dirette dal presiden-
te della Corte d’appello Mari-
na Tavassi.
Presidente, cosa succede?
Permessi
«La situazione è abbastan-
za calma, le udienze si svolgo-
premio sospesi
no regolarmente e sembra
che le indicazioni che abbia-
Gli agenti
mo offerto come presidenza
della Corte d’appello, condivi-
chiedono tutele
se dai capi degli uffici, siano
state efficaci ed in linea con le
direttive dei Ministeri della
salute e della giustizia».
Perché non sono stati so-
spesi tutti processi, come
P er definizione, di
libertà ne hanno già
poca, ma quella che
resta a una fetta di
detenuti se la mangia il
qualcuno ha chiesto? famigerato Covid-19. Il
«Perché per sospendere Tribunale di Sorveglianza
tutte le udienze è necessario di Milano è stato costretto
un provvedimento normativo a sospendere fino al 2
specifico, una legge che bloc- marzo le uscite all’esterno
chi la decorrenza dei termini, per evitare il rischio di
alcuni dei quali sono perento- contagio sia per i detenuti
ri, e che consenta poi di recu- che ne beneficiano, sia per
perare il tempo perduto. Se i compagni che
promulgheranno nuove nor- potrebbero essere
me in questo senso, noi ci at- contagiati al loro rientro
terremo ad esse». in cella con enormi
Quali sono stati i primi problemi per gli istituti di
provvedimenti che avete pena. Da lunedì scorso,
adottato? dopo l’innalzamento del
«Muovendoci nell’ambito livello di allarme, i
dei confini definiti dalle leggi magistrati di sorveglianza
vigenti e nel rispetto delle in- hanno dovuto sospendere
dicazioni sanitarie che ci sono alcuni benefici che, da un
pervenute sia a livello centra- lato, riducono la pressione
le, dal ministero della Salute e nelle carceri sovraffollate,
dalla Protezione Civile, sia lo- da un altro, consentono il
cale, dalla Prefettura e dalla percorso di rieducazione
Regione Lombardia, lunedì al quale deve tendere la
mattina abbiamo dato le pri- pena secondo la
me direttive che, poi, sono Costituzione. I giudici
state considerate come quelle dell’ufficio diretto da
che hanno meglio attuato le Giovanna Di Rosa hanno
indicazioni provenienti da boccato permessi premio,
Roma, tanto è vero che sono che permettono ai
state diffuse sul territorio co- carcerati di uscire per
me esempio di ciò che era periodi limitati,
giusto fare in questa situazio- semilibertà per trascorrere
ne». parte del giorno fuori in
La prima cosa? attività di impiego utili al
«Abbiano dato mandato al- reinserimento, e lavoro
l’impresa di pulizie che lavora esterno, uscire dal carcere
nel palazzo di fare subito una per svolgere un’attività
disinfezione secondo le indi- lavorativa o di frequentare
cazioni del ministero della Sa- un corso di formazione
lute. Abbiamo disposto che professionale. A San
non venisse in servizio perso- Vittore, gli avvocati che si
nale proveniente dalle zone a recheranno per incontrare
rischio, magistrati, giudici i reclusi indosseranno la
onorari e amministrativi e ATTICO 151.1 € 2.365.000 mascherina. Sospesi, per
quello delle imprese esterne gli stessi motivi, gli
che lavorano nel palazzo». ingressi dei volontari che
Avete anche limitato le prestano la loro opera
presenze nelle aule, nelle ATTICO 151 € 1.845.000 ATTICO 161 € 1.515.000 ATTICO 361 € 1.635.000 dentro le mura. Gli stessi
cancellerie e un po’ in tutto rischi riguardano la salute
il palazzo che sembra deser- degli agenti di polizia
to. penitenziaria, i cui
«Siamo intervenuti sulle sindacati hanno chiesto
modalità di svolgimento delle provvedimenti urgenti a
udienze e nella ricezione del- tutela della salute.
l’utenza che accede alle can- G. Gua.
cellerie per certificati e depo- © RIPRODUZIONE RISERVATA

sti di atti dando anche racco-


Corriere della Sera Mercoledì 26 Febbraio 2020
PRIMO PIANO 9
ML

ZONA ROSSA Da ieri in 500, tra uomini e donne, per pattugliare


i «check point» intorno ai dieci comuni del Lodigiano
In aereoporto la struttura per l’isolamento da 59 posti

di Cesare Giuzzi

La misura era nell’aria fin


dalle prime ore dell’emergen-
za. Ma l’impatto psicologico
(e mediatico) della presenza
dei blindati per le strade della
«zona rossa» ha fatto preferi-
re un impiego più graduale.
L’«ora X» per l’uso dell’Eserci-
to nei pattugliamenti all’area
isolata del Basso Lodigiano è
però arrivata.
Ieri pomeriggio i primi
mezzi dell’Esercito sono com-
parsi ai 35 varchi che condu-
cono ai dieci Comuni isolati
dopo la scoperta del focolaio
di covid-19. Si tratta di Codo-
gno, Casalpusterlengo, Ma-
leo, Fombio, Somaglia, Casti-
glione d’Adda, Bertonico, San
Fiorano, Castelgerundo, Ter-
ranova dei Passerini. I soldati
sono gli stessi — oltre 500 tra

Mezzi blindati e mimetiche,


uomini e donne — già impie-
gati nell’operazione «Strade tugliamenti. Ieri la Regione
sicure». Personale che è abi- ha annunciato che si sta pre-
tualmente nelle disponibilità disponendo una seconda
delle Prefetture per i pattu- struttura di accoglienza per la

l’esercito presidia i varchi


gliamenti in strada, per la sor- «quarantena» (che in realtà
veglianza dei luoghi sensibili, dura due settimane, il tempo
per presidiare consolati, aero- di incubazione del covid-19)
porti, monumenti e stazioni all’interno dell’area aeropor-
ferroviarie. Al momento le tuale dell’Aeronautica a Lina-

Centro accoglienza a Linate


pattuglie vengono utilizzate te. Un centro da 59 posti letto
per verificare accessi e uscite che si aggiunge ai 50 già rea-
dai Comuni isolati e non sono lizzati all’ospedale militare di
previsti impieghi più operati- Baggio. Si tratta di strutture
vi in ambito sanitario o di as- riservate a chi dovrà essere
sistenza agli abitanti. Compiti sottoposto alla quarantena sa-
che restano affidati alla Prote- nitaria e non ha la possibilità
zione civile che ha creato Di guardia pattuglie dislocate lungo i 35 polizia locale che potranno di stare a casa (rischio di con-

● La parola
«avamposti» in ciascuno dei Un militare varchi stradali individuati in- così tornare a controllare le tagiare altri inquilini o fami-
paesi interessati. dell’esercito torno alla «zona rossa» si li- strade. Nella zona è consenti- liari, struttura non idonea).
Il coordinamento è stato af- presidia la mitano al controllo delle au- ta la circolazione agli abitanti, Per il momento all’ospedale
fidato al comando di Vertice torizzazioni di chi può avere a patto di non uscire dai «con- di Baggio non ci sono «de-
Interforze (Coi) di Centocelle
«zona rossa»
a Turano accesso all’area e di chi, solo fini» definiti dall’ordinanza. ZONA ROSSA genti» ospitati, perché ancora
(Roma) che già gestisce le Lodigiano se in possesso del pass della Le merci però possono entra- non ce n’è stata la necessità.
missioni all’estero dei nostri all’altezza del prefettura, può uscire dalle re (sempre con l’autorizzazio- È l’area-focolaio del coronavirus. Sono 10 All’interno è prevista anche la
soldati. Per questo è stata atti- posto di blocco zone isolate per ragioni com- ne) e i negozi di alimentari so- Comuni del lodigiano: Codogno, presenza di psicologi e di sup-
vata una sala operativa dedi- (foto Furlan) provate e indispensabili. no riforniti. Anche se si tratta Casalpusterlengo, Maleo, Fombio, Somaglia, porto logistico. La gestione
cata all’emergenza coronavi- L’uso dei soldati ha permesso di una situazione emergen- Castiglione d’Adda, Bertonico, S. Fiorano, sarà poi affidata alla Protezio-
rus operativa 24 ore su 24, 7 di liberare molte pattuglie ziale. Ma l’impegno delle for- Castelgerundo e Terranova dei Passerini ne civile.
giorni su 7. Per il momento le delle forze dell’ordine e della ze armate non si ferma ai pat- © RIPRODUZIONE RISERVATA

«Non sono un’appestata, appena dimessa torno a scuola»


Il vocale alla chat di classe. La 17enne è ricoverata al San Matteo di Pavia con i genitori e la sorella
PAV I A «Ragazzi non sono Stradella medie in paese: aveva febbre mascherine e guanti hanno sero presentare sintomi seri,
Famiglia un’appestata, appena mi di- alta, che non scendeva da un catturato l’attenzione in pae- scatterebbe anche per loro la
mettono dall’ospedale, torno paio di giorni. Dopo la telefo- se. I quattro componenti della proceduta d’emergenza e il
● Una ragazza
di 17 anni di
a scuola. Se avete febbre alta e
tosse, chiedete di fare il test
«Quarantena» in casa nata al medico di base, si sono
attivate le procedure di emer-
famiglia sono stati trasferiti al
policlinico di Pavia, dove si
tampone. Anche i nonni pa-
terni, che vivono poco lonta-
Miradolo
Terme ha
visto che siamo in classe in-
sieme». La voce tranquilla, e
per la maestra dell’asilo genza: nella loro casa di Mira-
dolo si è presentata la squadra
trovano attualmente ricovera-
ti nel reparto di Malattie Infet-
no, e sono entrati in contatto
con il figlio e le nipoti nei
comunicato l’atteggiamento di chi, più che di pronto intervento del poli- tive. Le loro condizioni sono giorni scorsi, sono stati sotto-

A
alla chat di essere rincuorata deve rassi- umentano i casi di contagio da clinico San Matteo per effet- buone, e la febbre è scesa qua- posti al test. Non sarebbero
classe di essere curare gli altri: una studentes- coronavirus in provincia di Pavia. In tuare il test. Visto lo stretto si a tutti. gli unici ad essere stati sotto-
risultata sa di 17 anni residente a Mira- tutto sarebbero una quarantina, contatto con i famigliari, i È la stessa studentessa del posti al tampone, in paese. I
positiva al test dolo Terme, nel basso Pavese, anche se il dato è in continua evoluzione. medici hanno misurato la liceo di Sant’Angelo a rincuo- sanitari avrebbero contattato
del coronavirus ha comunicato così, con un Tutti i casi di residenti della provincia temperatura a tutti i compo- rare i compagni: «I medici una decina di persone, invi-
messaggio vocale di qualche risultati positivi al test non sono gravi. nenti della famiglia, nono- hanno confermato che sareb- tandole a sottoporsi al test:
● La ragazza, minuto inviato nella chat di Pochi i pazienti ricoverati al reparto di stante sembrassero asintoma- be poco probabile un conta- sarebbero gli iscritti alla ma-
insieme ai classe, che il tampone del co- Malattie infettive del San Matteo: la tici. Il tampone, quindi, è sta- gio di tutta la classe, quindi ratona che si è corsa il 9 di
genitori e alla ronavirus era risultato positi- maggior parte si trova in «quarantena» a to fatto anche a loro: esito po- state tranquilli. Non sono so- febbraio a Sant’Angelo Lodi-
sorella 13enne, vo. Non solo il suo test: tutta la casa propria. Come uno dei quattro sitivo anche per la sorella di 17 lita parlare a venti centimetri giano, alla quale ha partecipa-
è ricoverata al famiglia era stata contagiata. contagiati di Stradella, una maestra d’asilo, anni, per il padre odontotec- dal viso con ognuno di voi, ma to il «paziente 1», il 38enne di
San Matteo di La prima a preoccupare, e a asintomatica ma positiva al virus, che si nico e per la mamma, che la- ho subito avvisato la professo- Codogno, ancora ricoverato
Pavia manifestare i classici sintomi trova in isolamento nella propria vora alla Molini Pagani, ressa per precauzione. La feb- in gravi condizioni nel repar-
che hanno fatto scattare l’al- abitazione, e non potrà ricevere visite per un’azienda di Borghetto Lodi- bre è scesa, ci tengono sotto to di Rianimazione del San
● Le loro larme, è stata la sorella della le prossime due settimane. (el. lan.) giano, poco distante dalla zo- osservazione, quindi non sia- Matteo di Pavia.
condizioni sono 17enne, una ragazzina di 13 © RIPRODUZIONE RISERVATA na rossa del focolaio. I sanita- mo preoccupati». Eleonora Lanzetti
buone anni che frequenta le scuole ri, con tuta impermeabile, Qualora i compagni doves- © RIPRODUZIONE RISERVATA
10 Mercoledì 26 Febbraio 2020 Corriere della Sera
ML
Corriere della Sera Mercoledì 26 Febbraio 2020
CRONACA DI MILANO 11
ML

Il caso
L’incontro dal filatelico Mobilità
Varchi Area B
di Andrea Galli
Le cosche e il traffico Più telecamere
e bonus esteso

di francobolli rari rubati L a batteria di


telecamere di Area B
si rafforza. E la giunta
decide di prorogare il
Pezzi per 400 mila euro. La pista Barbaro-Papalia, 3 indagati periodo in cui è possibile
sfruttare i 50 «bonus» per
l’accesso libero, oltre a
Il fatto che le indagini pro- avevano acquisito le forze del- introdurre ufficialmente
seguono forse non giustifica l’ordine; punto terzo, c’è la Il blitz l’agevolazione regionale
il profondo riserbo imposto presenza sulla scena di quel «Move-In». Partiamo dal
dalla procura sull’identità del pezzo grosso delle cosche, e ● La polizia ha lato tecnologico. Nei
pezzo grosso di ’ndrangheta appare difficile ipotizzare, fin recuperato 24 giorni scorsi la Ztl anti
coinvolto. Un ex galeotto da ora, che la partita riguardi francobolli che diesel che ha tagliato del
(quindici anni di prigione fi- soltanto questo lotto di fran- appartengono 12-13 per cento il traffico
niti di scontare da poco), le- cobolli, pur se significativi, alla pregiata (dati del Comune) ha
gato al clan dei Barbaro-Papa- ambitissimi dagli appassio- collezione raggiunto i 45 varchi
lia, e fra le tre persone indaga- nati e costosi. Va da sé che è «Lombardo- videosorvegliati. A breve
te dopo la scoperta del com- cominciata la cosidetta attivi- Veneto» entreranno in funzione
missariato Scalo Romana. Ciò tà tecnica, ovvero le intercet- anche i 22 occhi
premesso, la scorsa settimana tazioni. Si presume che il cuo- ● L’indagine elettronici oggi in fase di
gli agenti diretti da Francesco re dell’inchiesta poggi su un condotta dal «pre-esercizio». Ma il
Anelli erano impegnati in un numero maggiore di elemen- commissariato lavoro prosegue: a marzo
altro servizio quando, nel cor- ti, e con più ampie ramifica- Scalo-Romana le telecamere saranno 73,
so di un appostamento, han- zioni, ben oltre Milano. Gli in- e ancora in per arrivare a coprire tutti i
no visto quell’individuo, assai dagati, com’era prevedibile piena quasi 190 punti d’acceso in
noto, l’hanno riconosciuto al essendoci di mezzo la ’ndran- evoluzione è città entro fine anno.
volo, anche da lontano, e han- gheta, non starebbero affatto nata dalla Intanto, chi guida una
no deciso di concentrarsi sui co l l a b o r a n d o ; q u a l co s a scoperta vettura inquinante avrà
suoi movimenti. In zona San- l’avrebbe detta agli inquirenti dell’incontro più tempo per sfruttare i
t’Ambrogio, stava entrando l’esperto filatelico di Sant’Am- nell’ufficio di un 50 ingressi liberi, anche
nello studio di un famoso brogio, un soggetto che co- esperto non consecutivi concessi
esperto filatelico. Lo ’ndran- L’operazione identificare un altro uomo, un dalle indagini; punto secon- munque appare, anche a di- filatelico per l’anno di debutto della
ghetista non era da solo, l’ac- I francobolli pregiudicato per reati finan- do, gli investigatori andranno stanza di tempo dall’inizio misura. Il termine per
compagnava uno scagnozzo. ritrovati dalla ziari e per ricettazione, che a ritroso partendo proprio da dell’operazione del commis- ●A consumarli doveva essere
La ragione dell’incontro stava polizia e nella sua casa custodiva 21 quel furto romano, analizzan- sariato di Scalo Romana, al di quell’incontro scaduto lunedì, ma s’è
tutta nella perizia eseguita mostrati in francobolli, 15 ugualmente do il fascicolo del «colpo» e sopra di sospetti. Non si ha partecipato deciso di prorogarlo al 30
dall’esperto su materiale che, questura dal della collezione «Lombardo- gli elementi che, all’epoca, esclude che il complessivo vo- un pezzo settembre. Modifiche
pochi giorni prima, i due ave- vicedirigente Veneto» e 6 di minor valore. lume dei francobolli sia supe- grosso della anche per i veicoli storici:
vano consegnato: ovvero nove del Tutto quanto il materiale se- riore a quello sequestrato, e ‘ndrangheta accesso libero, previa
francobolli appartenenti alla commissariato questrato ha un valore vicino L’inizio che dunque ci siano covi uti- calabrese registrazione della targa,
pregiata e rara collezione di Scalo ai 400mila euro ed è la base L’appostamento lizzati come deposito. Qui in se dotati di certificato e
«Lombardo-Veneto», e spariti Romana dell’inchiesta. città o magari nell’hinterland con più di 40 anni,
nel 2017 dall’appartamento di Massimo Punto primo, bisogna veri- all’esterno dell’ufficio sud di Milano. L’intera colle- altrimenti limite di 25
un collezionista romano. Fracasso e dal ficare fino in fondo l’esatta dell’esperto nella zona zione «Lombardo-Veneta» ingressi l’anno.
Ulteriori accertamenti han- dirigente posizione dell’esperto mila- di Sant’Ambrogio consta di 717 francobolli. © RIPRODUZIONE RISERVATA

no consentito ai poliziotti di Francesco Anelli nese, al momento «escluso» © RIPRODUZIONE RISERVATA

Farmacie

CENTRO LA CERTEZZA DI SCEGLIERE BENE


(Centro storico all'interno degli ex Bastioni): via Orefici 2 ang.
p.za del Duomo; via S. Calimero 1 ang. c.so Porta Romana 56;
c.so Garibaldi 49.
NORD
(Bovisa, Affori, Niguarda, Greco, Quarto Oggiaro, Certosa, Farini,
Zara, Fulvio Testi, Melchiorre Gioia): p.za Gasparri 9; via
Lepontina 13 ang. via Farini; v.le Renato Serra 52; v.le Suzzani
18; via Quarenghi 40/1.
SUD
(Ticinese, Vigentina, Rogoredo, Barona, Gratosoglio, Romana,
Ripamonti): via Comacchio 4; via Varsavia 4; c.so S. Gottardo 1;
c.so XXII Marzo 23.
EST
(Venezia, Vittoria, Loreto, Città Studi, Lambrate, Ortica, Forlanini,
Mecenate, Gorla, Precotto, Turro): via Petrocchi 21; via Fratelli
Lumière 2; via Nino Bixio 1; via Stradella 1.
OVEST
(Lorenteggio, Baggio, Sempione, S. Siro, Gallaratese, Solari,
Giambellino, Forze Armate, Vercelli, Novara, Paolo Sarpi): p.za
Monti 9; via E. Ponti 39; via Giambellino 131/5; via Rembrandt
49; p.za Vesuvio 14.
NOTTURNE: p.za Cinque Giornate, 6.
SEMPRE APERTE: P.le Staz. P.ta Genova 5/3; via Stradivari, 1;
via Boccaccio, 26; c.so Magenta, 96 (ang. piazzale Baracca); v.le
Lucania, 6; v.le Zara, 38; viale Famagosta, 36; piazza De Angeli
ang. via Sacco; viale Monza 226.
ACQUISTIAMO DIPINTI e ANTIQUARIATO:
INFO: www.turnifarmacie.it MOBILI e DIPINTI ANTICHI, DIPINTI DELL’800 e DEL ‘900, SCULTURE
OGGETTI, ARGENTERIA, CORALLI, VASI, ANTIQUARIATO CINESE
Tribunale di Milano Tribunale di Milano
ILLUMINAZIONE e MOBILI di DESIGN dal 1940 al 1970, INTERE EREDITÀ, ecc.
Fall. N. 518/13 Edilis Costruzioni S.r.l. in Liq. Fall. N. 1170/13 G.T.G. S.p.A. in Liq.ne
G.D.: Dott.ssa Lupo
Curatore: Dott. Salina
G.D.: Dott. Pipicelli
Commissionario: Astebook S.r.l. Curatore: Dott. Salina
AVVISO DI VENDITA TELEMATICA Commissionario: Astebook S.r.l.
SINCRONA MISTA AVVISO DI VENDITA TELEMATICA
IL GIORNO 17.04.2020 ORE 11:00 SINCRONA MISTA Il 17.04.2020 ore 12:00
Termine Cauzioni 15.04.2020 ore 12:00 Termine Cauzioni 15.04.2020 ore 12:00
In Abbiategrasso (MI), Via Francesco Giramo ang.
Via Colombo: In Garbagnate Milanese (MI), Via Pergolesi, 3:
Lotto Unico “deposito/magazzino commercia- Lotto Unico “Immobile di Civile Abitazione”:
le”: Base d’Asta € 13.600,00 Base d’Asta € 14.500,00 Pubblicazione: www.
Pubblicazione: www.astebook.it – https://pvp.giu-
astebook.it – https://pvp.giustizia.it/pvp/
stizia.it/pvp/
Info/contatti: +39 351.5799078 – immobiliare@
astebook.com
Info/contatti:+39351.5799078–immobiliare@
astebook.com CHIAMACI ORA o INVIA DELLE FOTO:
Galleria: 02 29.40.31.46 Whatsapp: 335 63.79.151
info@antichitagiglio.it

LINO GIGLIO È ISCRITTO AL RUOLO


ANTICHITÀ GIGLIO di Lino Giglio dal 1978 DEI PERITI ED ESPERTI n. 12101
Via Carlo Pisacane, 53 - 20129 Milano ALBO DEL TRIBUNALE DI MILANO
Sito web: www.antichitagiglio.it
12 Mercoledì 26 Febbraio 2020 Corriere della Sera
ML

Arcadia/ Vikar

gli occhiali senza tempo


Corriere della Sera Mercoledì 26 Febbraio 2020
LOMBARDIA 13
ML

La storia Mantova
Raffica di furti
di Davide Maniaci nell’edicola
gestita
dai disabili
VIGEVANO (PAVIA) Scarpe ecoso-
stenibili e animal free. La li-
nea Woowe Brand nasce dalla
lavorazione della lamina di le-
gno: «Molti le chiamano scar-
pe vegane anche se il termine
Il marchio
● Woowe
Brand è un
marchio di
T re furti in tre giorni.
L’edicola sociale di
Cerese, frazione di
Borgo Virgilio nel
Mantovano, è nel mirino
non piace a tutti», dice Ema- calzature nato dei ladri che hanno
nuele Persendi, con Matteo Di a Vigevano tre scassinato più volte il
Maggio fondatore del mar- anni fa chiosco, gestito da due
chio che ha ottenuto la classi- persone disabili per conto
ficazione «VVV+» dalla Lega ● Il materiale della Cooperativa Sociale
Anti Vivisezione, massimo ri- principale di Virgiliana. Nella notte tra
conoscimento per le aziende queste scarpe sabato e domenica i
che non utilizzano in alcun è la lamina di malviventi hanno forzato
modo materiali di derivazio- legno. Acero, la saracinesca prendendo
ne animale. Ogni modello di Imprenditori Matteo Di Maggio e Emanuele Persendi fondatori del marchio di calzature ecocompatibili Woowe Brand (foto Milani) ciliegio ed un pc portatile e il fondo

L’acero (o il ciliegio) da indossare


ebano sono le cassa (600 euro). Il giorno
piante da cui seguente, approfittando
vengono del buio, hanno divelto il
ricavate le telaio di alluminio
lamine dell’edicola portando via

Nella bottega delle scarpe vegane


80 euro. «Dopo i primi
● Per ogni paio due furti — spiega Paolo
di scarpe Celada, presidente della
vendute cooperativa — abbiamo
vengono rinforzato la serratura con
piantumati due alcuni lucchetti ma non è
Vigevano,calzatureinlaminedilegno.«Perogniacquistovienepiantatounalbero» alberi stato sufficiente». I ladri,
infatti, sono tornati e
● Il marchio ha hanno scardinato la
ottenuto la vetrina laterale. Questa
scarpa è diverso dall’altro per- ne è il legno, unico e molto di- vo della calzatura Woowe za». Le lamine vengono ta- certificazione volta, però, non c’era nulla
ché diverso lo è ogni tronco verso rispetto alla classica pel- Brand — continuano i due gliate, lavorate a micro laser e dalla Lega da rubare se non riviste e
d’albero. le. Siamo riusciti a creare una giovani imprenditori — ha accoppiate con cotone 100% Antivivisezione. giornali. «Andiamo avanti
Persendi e Di Maggio han- collezione completa che va inizio nelle foreste etiche. Per ecoteck. Il prodotto finale è Nessun più tenaci di prima, in
no meno di quarant’anni. Il dalla ballerina, alla décollleté ogni paio di scarpe vendute, cruelty free. Vengono usati materiale di futuro cercheremo di
progetto delle scarpe vegane e Online a punta sfilata tacco 10, dai vengono piantumati due al- anche sughero, rasi riciclati e derivazione tutelarci — afferma Celada
lussuose (un paio può costare Notizie, sandali alle sneaker unisex, fi- beri in giro per il mondo. Ace- cotone. La lavorazione del le- animale viene —. I furti colpiscono
400 euro) è nato tre anni fa: aggiornamenti, no ad arrivare a una gamma ro, ciliegio ed ebano sono le gno, le venature originali non utilizzato un’attività che ha un
«L’idea risponde al bisogno di foto e video completa nella calzatura da tre piante di partenza. Gli ac- replicabili in serie, la precisio- importante risvolto sociale
dare una risposta concreta ai di quanto accade uomo». Proprio l’ecososteni- quirenti, tramite il sito web ne e la cura del dettaglio sono e intende aiutare persone
temi ambientali anche nel ogni giorno bilità, oltre alla cura del detta- Tree Nation, possono vedere gli elementi che rendono uni- in difficoltà».
settore delle calzature. La pro- in Lombardia glio e del design, ne hanno dove è stato piantato l’albero e co ciascun paio di scarpe «ve- Giovanni Vigna
duzione è a Vigevano, il mate- sul nostro sito fatto un unicum ancora ine- seguirne la crescita. Una vera gane». © RIPRODUZIONE RISERVATA

riale principale della collezio- milano.corriere.it splorato. «Il viaggio produtti- e propria adozione a distan- © RIPRODUZIONE RISERVATA
14 Mercoledì 26 Febbraio 2020 Corriere della Sera
ML
Corriere della Sera Mercoledì 26 Febbraio 2020 15


ML

La lettera di Giangiacomo Schiavi ● Memoria di Milano


L’EX SCUOLA RIFUGIO DI DISPERATI
«UN ALTRO FUTURO È POSSIBILE» di Paola D’Amico

LA NEVICATA
NOI DEI BAMBINI
CITTADINI CHE GELÒ IL 1954
Proposta Caro Schiavi: Molti cittadini della zona si domandano quando la Le lettere firmate
nell’abbandonato quartiere Baggio, è nato da troppo recinzione verrà riparata, e saranno anche chiuse le
Musica in strada tempo un hotel «no-cost» (nel senso che è gratis), si- varie falle che consentono l’accesso ai locali interni.
con nome, cognome
e città
Non vorrei sembrare pe- tuato nei ruderi dell’ex scuola elementare Enrico Fer- Si attendono urgenti risposte dal Municipio 7 e dal vanno inviate a
dante ma quando passo per il mi, in via Cabella 46. Da un buco nella recinzione in «Sindaco delle periferie». «Lettere al Corriere»
centro mi chiedo: perché au- via Val Cannobina (a fianco dell’asilo comunale), en- Aggiungo che l’abbattimento dei ruderi — e un riuti- Corriere della Sera
torizzare gli artisti di strada a trano ed escono a piacimento una serie di strani indi- lizzo integrale dell’area come parco pubblico attrezza- via Solferino, 28
cantare e suonare nelle aree vidui, che vanno ad alloggiare nella palestra (passan- to riacquisendone la proprietà — appaiono non più 20121 Milano
di maggior pregio cittadine, do da un varco con il vetro sfondato). Per gli ospiti è differibili anche per evidenti motivi di sicurezza. Fax: 02-62827703
addirittura nei pressi del Duo- garantita l’assoluta mancanza di confort, accompa- Stefano Vigo

C
mo? In molti vorremmo ma- gnata da: topi, pulci, scarafaggi e rifiuti sparsi nel cor-
gari ammirare i capolavori ar-
tistici e gli scorci più suggesti-
vi di Milano con un po’ di si-
tile e ovviamente negli interni diroccati.
Non è superfluo aggiungere che a Milano per le per-
sone in difficoltà esistono molte soluzioni di alloggio
aro Vigo,
comprendo la preoccupazione sua e dei resi-
denti nella zona, ogni volta che un edificio si
@
cormil@rcs.it
lenzio e tranquillità. Passi i decorose, e altrettanto gratuite dai dormitori alle asso- trasforma in rudere e quindi in ricettacolo di to- gschiavi@rcs.it

U
mimi e le performance di- ciazioni varie. Le Istituzioni sono sparite dal territo- pi diventa anche dormitorio per disperati. Si alimenta milano.corriere.it
screte, ma delle note a tutto rio, e quindi nessuno controlla chi siano questi indivi- così il corto circuito dell’insicurezza. Quel che dovreb- n inverno mite
volume (si potrebbe almeno dui; che cosa facciano all’interno della scuola; e di qua- be essere chiarito è chi deve fare cosa, la proprietà, come quello di
intervenire sui decibel?) ne fa- li espedienti campino nella città e nel quartiere. l’amministrazione comunale o il Consiglio di zona? quest’anno ha
remmo davvero a meno. Ci Domenica 23 febbraio, a mezzogiorno in punto, uno Servirebbe anche una mappa degli edifici abbandona- riportato la
sono altre postazioni dove di questi utenti scavalcava la recinzione (da via Val ti, per vedere in quali altre zone ci sono situazioni simi- memoria di Fulvia Sbrozzi
questi artisti potrebbero avere Cannobina), per entrare nel cortile dirigendosi poi ver- li e perché nessuno interviene. L’ex scuola di via Fermi la nevicata che si registrò a
un gradimento maggiore, so la palestra. Si trattava di una persona di mezza età potrebbe avere un destino migliore e, perché no, di- Milano il 5 gennaio del
perché non fare una selezione (ma molti sono giovani, anche con cani, e stranieri), ventare un utile parco urbano. 1954. Allora oltre mezzo
e una distribuzione ad hoc con ombrello e zaino in spalla. gschiavi@rcs.it metro di neve cadde in
dell’offerta artistica? neppure 48 ore. Poi la città
Fausto Lenoci fu assediata da
temperature gelide (meno
Educazione stazione (e poi ovviamente addirittura sulle carrozze tra ben tenuto. Uno spazio dove tura «domestica» che gli inci- 5 gradi) per giorni. Nessun
impedendo un deflusso age- una fermata e l’altra? rilassarsi e trascorrere qual- vili si rifiutano di dividere in problema per i bambini
Mezzi pubblici vole alle fermate): gente che si Fabrizio Dell’Urso che ora in tranquillità. Grazie casa. Facile protestare e accu- come la nostra lettrice che
Scene da metrò: gente che appoggia con la schiena ai pa- a chi contribuisce a mantene- sare l’Amsa ma mi chiedo: all’epoca aveva 6 anni.
deve salire in carrozza e «fa li per reggersi, e così impedi- Efficienza re questo gioiello. quanti di noi assistono al de- Eccola in corso
muro» all’aprirsi delle porte sce ai vicini di afferrare lo Maria Grazia Urbe posito di questa immondizia Indipendenza, mentre
impedendo agli altri passeg- stesso palo e reggersi a loro
Parco Nord e voltano la testa? Perché non giocava nella neve.
geri di scendere; gente che volta; gente che urla al cellula- Si sottolineano tante man- Cestini iniziamo noi cittadini a fare Inviate le vostre foto
entra in vettura e si ferma in re. Non è possibile appronta- canze. Vorrei segnalare un ca- da sentinelle e a redarguire i della memoria a
prossimità delle porte obbli- re un piccolo «galateo del so di buona gestione per
Aprire gli occhi furbetti del «sacco selvag- pdamico@rcs.it.
gando chi sta dietro allo sla- viaggiatore» da trasmettere quanto riguarda il Parco Sono sempre di più i cestini gio»? © RIPRODUZIONE RISERVATA

lom per raggiungere un po- sugli schermi delle stazioni o Nord: sempre pulito, curato, per rifiuti stracolmi di spazza- Ada Luciano

M I L&à N
ANTIQUES
Antichità Sforza
A R T G A L L E R Y

giuseppe renga

ACQUISTA
Antiquariato - Dipinti - Arte Orientale
Moderno Design

Enrico
339 1936369
AcquistO Dipinti - sculture - Oggetti & mObili Antichi
rivOlgetevi A me cOn FiDuciA
prAticO le migliOri vAlutAziOni sul mercAtO
mandate foto su WhatsApp al 3662441685
sforza.antichita@gmail.com
chiamate ora 02 29404067 - 3662441685 Via Baldissera 9, angolo Viale Regina Giovanna
renga.milan@gmail.com - www.milaneantiques.com 20129 Milano
milán & Antiques srl - via carlo pisacane 59 - 20129 milano

Ogni venerdì in edicola


con Corriere della Sera
16 Mercoledì 26 Febbraio 2020 Corriere della Sera
ML
Corriere della Sera Mercoledì 26 Febbraio 2020 17
ML

Cultura Amarcord
«O mia bela Madonina» di Giovanni D'Anzi compie 85 anni

& Tempo libero Era una notte del 1935 quando Giovanni D’Anzi,
colpito dal successo che le canzoni napoletane
riscuotevano in chiusura degli spettacoli del Trianon
anche tra i milanesi (con standing ovation per «’O sole
mio»), decide di rispondere alle melodie partenopee
componendo una canzone che ironizzi su questo
aspetto e diventi un inno in milanese per i milanesi.
Nasce così «Madonina», diventata poi «O mia bela
Madonina», un «tango moderato in tre quarti» che,
eseguito il giorno dopo al Trianon da Linda Pini,
diventerà il simbolo musicale della città. (lo.v.)
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Ritrattistaprimaepaesaggistadopo
EmilioVitalièstatounodegliartistimilanesi
piùamatiacavallodelledueguerre
Aquarant’annidallamortevieneriscoperto

S
ettembre 1943: la fa-
miglia Vitali, alta so- Da sapere
cietà milanese, reli-
gione ebraica, è sfol-
lata sul lago di Co-
mo. Il padre Emilio
(Milano 1901-1980) è un buon
pittore figurativo, molto ri-
chiesto come ritrattista dalla
ricca borghesia meneghina
che negli anni Trenta lo vez- ● Emilio Vitali
zeggia e lo porta in palma di (nella foto)
mano. Ma nel ‘38 le infami nasce nel 1901
leggi razziali cambiano radi- a Milano dove
calmente la sua posizione: chi muore nel
prima avrebbe dato un occhio 1980
per posare nel suo atelier ora,
se lo incontra, cambia marcia- ● Dopo gli
piede. Vitali cade in depres- studi con
sione, s’intristisce, nei suoi Rapetti, Alciati
quadri compare una vena di e Andreoli,
malinconia che non lo abban- inizia la carriera
donerà più. Meglio essere sul nel 1929: in
lago: per la precisione a La- quell’anno è
glio, dove la casa di famiglia, alla Biennale di
acquistata dal nonno ex gari- Brera, l’anno
baldino nel 1870, è proprio dopo alla
quella splendida Villa Olean- Biennale di
dra oggi nota come «buen re- Venezia e nel
1935 partecipa

Il pittore della borghesia


tiro» di George Clooney. Per Vestito blu «Ritratto di Marghe» (1937) di Emilio Vitali. In quel periodo le famiglie milanesi fanno a gara per posare nel suo atelier
alla
Quadriennale
di Roma

● Di religione
ebraica, dopo le
leggi razziali
del 1938 è
costretto a
lasciare l’Italia
gli ebrei però la regione lacu- Figurativo ci ha salvato la vita: la sera del ritorno a casa: poi abbando- con i suoi lavori più significa- Vitali e la sua arte quasi di- per la Svizzera:
stre si sta trasformando in Sopra, due 17 eravamo già in cammino nerà il soggetto umano per tivi. Avremmo dovuto raccon- menticata. Un linguaggio pa- quel periodo
una trappola: nel Novarese ar- quadri di Emilio sopra Moltrasio, verso il terri- dedicarsi solo al paesaggio. tarla alla Permanente di via cato il suo, inizialmente più lascerà in lui un
riva l’esercito nazista, che il 13 Vitali: «Vaso di torio svizzero». Attraverso i Dunque una microstoria che, Turati, di cui Vitali era socio solare, plastico, vivo, poi dal segno
settembre inizia i rastrella- fresie» e, sotto, prestinai del paese, i coniugi nell’immane tragedia della all’epoca come tutti gli artisti Dopoguerra più trasparente, indelebile
menti. Prima Baveno, poi «Interno con Galetti oggi riconosciuti tra i Grande Storia, ha avuto un di vaglia. Avremmo dovuto velato, evocativo. Fedele alla
Arona e Mergozzo, poi ancora figure». Scriveva «giusti tra le nazioni», Emilio lieto fine. raccontarla perché il 4 genna- realtà di radice lombarda, pit- ● Le sue opere
Meina. Sono 57 le vittime del- Orio Vergani nel Vitali con moglie, figlie, non- Avremmo dovuto raccon- io è ricorso il quarantesimo tore «en plein air» come gli si trovano in
la strage, trucidate tutte sul 1948 su na e governante arriva al con- tarla il 10 marzo con una con- anniversario della scomparsa avevano insegnato i suoi mae- numerose
posto. A casa Vitali il giorno 16 «L’illustrazione fine e in maniera rocambole- ferenza e una piccola mostra del pittore e le figlie hanno stri Camillo Rapetti, Antonio collezioni
arriva trafelato un amico che italiana»: «La sca riesce a passarlo. Tre mesi voluto ricordarlo con un bel Ambrogio Alciati e Attilio An- private e in
avverte di quanto sta accaden- diligenza e in due diversi campi di con- gesto, donando al Museo del- dreoli, ritrattisti eccellenti tra diversi Musei e
do sul lago Maggiore. «Papà l’attenzione centramento, poi l’artista tra- Sul lago di Como la Permanente uno smaglian- Ottocento e Novecento. Ma pubbliche
era un uomo molto dolce e nell’interpretare mite conoscenze riesce a di- La casa di famiglia te ritratto femminile della lo- uomo del suo tempo nella Gallerie, sia in
tranquillo, era più volitiva la le somiglianze mostrare di potersi mantene- ro collezione (quello a Esme- profondità di uno sguardo ca- Italia che
mamma», ricordano le figlie nei suoi ritratti re con il suo lavoro. Si trasferi- acquistata a Laglio dal ralda Ruspoli datato 1953). La pace di andare oltre l’appa- all’estero
Franca e Marina. «Ma in quel- non gli fa scono a Lugano, dove torna a nonno è Villa Oleandra narrazione per iscritto rag- renza del vero.
la circostanza è emersa la de- trascurare la eseguire i suoi bellissimi ri- oggi di George Clooney giungerà forse ancor più per- Chiara Vanzetto
cisione del suo carattere, che ricerca pittorica» tratti fino alla Liberazione e al sone, che conosceranno così © RIPRODUZIONE RISERVATA
18 Mercoledì 26 Febbraio 2020 Corriere della Sera
ML
Corriere della Sera Mercoledì 26 Febbraio 2020
TEMPO LIBERO 19
ML

● A Tavola Nuovo chef al Da Noi In, dopo un


avvicendarsi di nomi. È Andrea Alfieri
salsa cocktail, mele verdi e lattuga al
forno, e il piatto simbolo: «uovo in
Servizio
RRR

VIVERE Battuto di gamberi ora alla guida del ristorante dell’Hotel gabbia» con crema di latte, Grana
Cucina
RRR

LA e «uovo in gabbia»
Nuovo stile da 5 stelle
Magna Pars Suites. Cucina di pesce e
italiana, ma i piatti mantengono
Padano, tartufo bianco e nero. Tra i
secondi, merluzzo nero, calamaretti
Cantina
RRR
CITTÀ l’impronta di chi ha lavorato nei 5 stelle spillo, carciofi e topinambur (via
e ama piacere anche agli stranieri. In Forcella 6, tel. 02.8378111). Prezzi: 60 Giudizi
di Roberta Schira carta crudo battuto di gamberi con euro; pranzo 25 euro. da 1 a 5

L’incontro Micol Martinez si racconta Cafè Bandini: «Proponiamo


serate in vari locali, da Germi

«Amo Chinatown
al Garage Mulinski. Serate tra
poesia, musica, teatro, caba-
ret, magia, che annunciamo
senza svelare i protagonisti

È la vera Milano»
per stimolare la curiosità del
pubblico; basate sull’improv-
visazione e non su gerarchie
tra nomi di serie A e serie B. E
questo nonostante ci capiti di
ospitare artisti noti come Vi-
Abreveilsuonuovodisco«Ibuonispropositi» nicio Capossela e il comico
Paolo Rossi». Ora l’album «I
buoni spropositi» rimetterà al

Cantautrice, attrice, scrit- ca” mi è venuto a una festa di


trice, in prima fila nel mondo In pillole Capodanno all’Ohibò dove si Aggettivi
della cultura meneghino. La ballava tutti sudati su un pavi- «Ho definito questa
milanese Micol Martinez si ● La mento infangato dalle nostre
definisce «multitasking»: alle cantautrice stesse scarpe», spiega lei. città “sporca” perché
spalle studi di recitazione al milanese Micol «Ma Milano è sporca anche va troppo di fretta ed è
Teatro Libero e il romanzo Martinez, perché va troppo di fretta, co- facile restare indietro»
«Quando muori mi avvisi?» pubblicherà il sì tanto che è facile restare in-
(Edizioni Nuova), da anni or- terzo disco «I dietro e sentirsi persi».
ganizza con il poeta Vincenzo buoni Prodotto da Giovanni Calel- centro la musica, per farla poi
Costantino Cinaski e i musici- spropositi» il la, l’album mette in scena un dialogare con altri linguaggi:
sti Mell Morcone e Raffaele prossimo 18 cantautorato pop non privo di «Oltre a scrivere un nuovo ro-
Kohler la rassegna itinerante marzo malinconia e dagli arrangia- manzo sto preparando uno
«Cafè Bandini». Prima di tut- menti ariosi, giocati anche su spettacolo teatrale che arric-
to, però, è una songwriter con ● Attualmente crescendo percussivi, suoni chirò con i pezzi del disco.
due dischi all’attivo e un terzo sta lavorando di fiati, elettronica, cori. Den- Tratterà in chiave umoristica
in arrivo, «I buoni sproposi- al secondo tro s’intrecciano dediche di maschilismo, famiglia, psi-
ti». Uscirà il prossimo 18 mar- romanzo e a d’amore, pezzi di vita, rifles- cologia. Io interpreto il ruolo
zo, ma sono già disponibili uno spettacolo sioni sull’importanza di ac- di una Micol un po’ spaesata
due singoli, «Mai o mai» e teatrale, con le cettarsi per come si è. «L’ho che sentendo nella sua testa la
«Buon anno amore mio», sue nuove scritto in quel luogo tra im- «una zona piacevole, con mi spiace vedere Milano de- Multitasking voce di Giovanna d’Arco os-
canzone, quest’ultima, che canzoni, nel maginario e realtà dove il pri- un’atmosfera popolare che al- serta. Al di là del problema sa- Micol Martinez, serva il mondo con lo sguardo
parla delle promesse non quale darà mo è spesso più entusia- trove, sui Navigli e in parte al- nitario, il blocco delle attività 42 anni. Oltre di quest’ultima, figura che per
mantenute che si fanno a se voce a smante della seconda e rap- l’Isola, si è persa». E aggiunge: culturali mette in difficoltà che cantautrice me rappresenta la forza della
stessi. E un po’ anche di Mila- Giovanna presenta una via di fuga», «Mi è dispiaciuto vederla tanti, di cui molti precari, che e scrittrice, ha passione e la pulsione verso il
no: «Una Milano sporca, ci ho d’Arco confida Martinez, trasferitasi svuotarsi prima ancora che il con la cultura campano». anche studiato cambiamento».
ballato e saltato sopra», canta di recente non lontano da una C o ro n a v i r u s d i ve n t a s s e Lei ne sa qualcosa, conside- recitazione al Raffaella Oliva
Martinez. «L’aggettivo “spor- Chinatown che descrive come un’emergenza, così come ora rato l’impegno con il succitato Teatro Libero © RIPRODUZIONE RISERVATA
20 Mercoledì 26 Febbraio 2020 Corriere della Sera
ML
Se ha gradito questo quotidiano e se lo ha trovato altrove, la preghiamo di sostenerci venendo a scaricare almeno volta al giorno dove è stato creato, cioè su
www.marapcana.buzz cliccando su questo testo. Senza il suo aiuto, purtroppo,presto potrebbe non trovarlo più. Troverà anche riviste, libri, audiolibri, fumetti,
quotidiani e riviste straniere, fumetti e riviste per adulti, tutto gratis, senza registrazioni e prima di tutti gli altri, nel sito più fornito ed aggiornato d'Italia. Trova inoltre
tutte le novità musicali un giorno prima dell'uscita ufficiale in Italia, software, apps, giochi per tutte le console, tutti i film al cinema e migliaia di titoli in DVDRip, e tutte
le serie che può desiderare sempre online dalla prima all'ultima puntata.
Grazie da parte di tutto lo staff di www.marapcana.buzz