Sei sulla pagina 1di 57

Ministero dell’Istruzione dell’Università PRIN 2010-2011

e della Ricerca La mitigazione del rischio da frana mediante interventi


sostenibili

PRIN 2010-2011
La mitigazione del rischio da frana mediante interventi
sostenibili

Raccomandazioni per la progettazione di paratie filtranti per la mitigazione del


rischio da frana

Responsabili scientifici del prodotto: Polimi-Parthenope

21 Aprile 2016

1
Ministero dell’Istruzione dell’Università PRIN 2010-2011
e della Ricerca La mitigazione del rischio da frana mediante interventi
sostenibili

Unità di ricerca responsabili del prodotto:

Politecnico di Milano
Università di Napoli Parthenope

Report redatto da:


Claudio Di Prisco
Andrea Galli
Stefano Aversa
Rosa Maria Stefania Maiorano
Marianna Adinolfi
Raffaele Di Laora

2
Ministero dell’Istruzione dell’Università PRIN 2010-2011
e della Ricerca La mitigazione del rischio da frana mediante interventi
sostenibili

Sommario
Premessa ....................................................................................................... 7
1. Introduzione........................................................................................... 8
1.1 Descrizione dell'intervento 9
1.2 Approcci progettuali 10
1.3 Interazione palo-terreno 12
1.4 Comportamento meccanico del palo 13
1.5 Interazione tra pali 14
1.5.1 Effetto arco .............................................................................................. 14
1.5.2 Effetto ombra ........................................................................................... 16
2. Equilibrio limite – Metodi SLU ......................................................... 17
2.1 Terreni a grana fine in condizioni non drenate (terreni coesivi) 17
2.1.1 Pali liberi di ruotare in testa .................................................................... 17
2.1.2 Pali impediti di ruotare in testa................................................................ 21
2.2 Analisi in condizioni drenate 24
2.2.1 Pali liberi di ruotare in testa .................................................................... 24
2.2.2 Pali impediti di ruotare in testa................................................................ 26
3. Metodi Ibridi........................................................................................ 30
3.1 Definizione della curva caratteristica 30
3.1.1 Esempio numerico ................................................................................... 32
3.1.2 Osservazioni ............................................................................................ 35
3.2 Metodi Ibridi all’equilibrio limite 35
4. Metodi completi negli spostamenti- Verifica SLE ........................... 37
4.1 Profilo di spostamento fissato 37
4.2 Profilo libero 39
4.2.1 Esempio: pendio indefinito ..................................................................... 40
5. Analisi sismica di pendii stabilizzati con pali ................................... 44
5.1 Metodi pseudostatici 44
5.1.1 Coefficiente di sicurezza di pendio indefinito stabilizzato con pali ........ 46
5.1.2 Coefficiente di sicurezza di pendio ad altezza limitata stabilizzato con pali 47
5.2 Analisi dinamiche semplificate: metodo degli spostamenti 48
5.2.1 Esempio numerico finalizzato alla la valutazione degli spostamenti sismoindotti per
pendio di altezza limitata stabilizzato con pali ........................................ 49
6. Osservazioni conclusive ...................................................................... 53
6.1 Monitoraggio 53
6.2 Criticità, durabilità, sostenibilità 53
6.3 Cantierizzazione 54
7. Bibliografia .......................................................................................... 55

3
Ministero dell’Istruzione dell’Università PRIN 2010-2011
e della Ricerca La mitigazione del rischio da frana mediante interventi
sostenibili

Lista delle figure


Figura 1. (a) esempio di pendio caratterizzato da un meccanismo di scivolamento attivo; (b)
valutazione dell’efficacia dell’intervento di stabilizzazione. ............................................................... 8
Figura 2. (a) schematizzazione di una paratia filtrante per la stabilizzazione di un pendio; (b-c-d-e)
schematizzazione dei vincoli in testa ai pali. ....................................................................................... 9
Figura 3. Definizione schematica dei differenti approcci progettuali. ............................................... 11
Figura 4. Distribuzione degli sforzi lungo il fusto del palo: (a) condizioni di riposo, (b) attivazione
del movimento.................................................................................................................................... 12
Figura 5. (a) esempi di curve P-y; (b) interazione palo-terreno tramite molle non lineari per un
assegnato profilo di spostamenti del terreno U(z). ............................................................................. 12
Figura 6. Risposta non lineare nel diagramma momento-curvatura per la sezione di palo. .............. 14
Figura 7. Distribuzione di sforzo orizzontale sui pali: (a) pali isolati, (b) setto continuo, (c) effetto
arco. .................................................................................................................................................... 14
Figura 8. Valutazione dell’azione unitatria A in funzione di S. ........................................................ 16
Figura 9. (a) disposizione di due file di pali nel pendio; (b) schema per la valutazione della distanza
Bcr. ...................................................................................................................................................... 16
Figura 10. Meccanismi di rottura e relative distribuzioni di reazioni del terreno, taglio e momento
flettente per terreni coesivi e palo libero di ruotare in testa. .............................................................. 18
Figura 11. Rappresentazione schematica del taglio adimesnionalizzato sulla superficie di
scorrimento per terreni coesivi e palo libero di ruotare in testa e relativi meccanismi di rottura ...... 21
Figura 12. Meccanismi di rottura e relative distribuzioni di reazioni del terreno, taglio e momento
flettente per terreni coesivi e palo impedito di ruotare in testa. ......................................................... 22
Figura 13. Rappresentazione schematica del taglio adimesnionalizzato sulla superficie di
scorrimento per terreni coesivi e palo impedito di ruotare in testa e relativi meccanismi di rottura . 23
Figura 14. Taglio adimensionale per analisi in condizioni non drenate per diversi valori del
momento di plasticizzazione adimensionale e rapporti di resistenza tra lo strato suuperiore e lo
strato inferiore: (a) palo libero e (b) palo impedito di ruotare in testa. .............................................. 24
Figura 15. Meccanismi di rottura e relative distribuzioni di reazioni del terreno, taglio e momento
flettente per analisi in condizioni drenate e palo libero di ruotare in testa. ....................................... 26
Figura 16. Meccanismi di rottura e relative distribuzioni di reazioni del terreno, taglio e momento
flettente per analisi in condizioni drenate e palo impedito di ruotare in testa ................................... 27
Figura 17. Taglio adimensionale per analisi in condizioni drenate per diversi valori del momento di
plasticizzazione adimensionale e rapporti di resistenza tra lo strato suuperiore e lo strato inferiore:
(a) palo libero e (b) palo impedito di ruotare in testa......................................................................... 28
Figura 18. Formule di regressione per i valori limite del rapporto di infissione del momento
adimensionalizzato per pali liberi di ruotare e impediti di ruotare per analisi in condizioni drenate.
............................................................................................................................................................ 29
Figura 19. Esempi di curve caratteristiche. ........................................................................................ 31
Figura 20. (a) Geometria del sistema; (b) andamento delle curve P-y per lo strato di sabbia sciolta
(calcolate secondo Reese et al., 2006). .............................................................................................. 32
Figura 21. Profili di spostamento del terreno: (a) localizzato; (b) non localizzato; (c) rotazionale. (da
Galli e di Prisco, 2013). ..................................................................................................................... 33
Figura 22. Evoluzione della forza di sostegno T trasferita al pendio per un profilo di spostamenti del
terreno uniforme: (a) palo in CLS e (b) palo in acciaio (da Galli e di Prisco, 2013). ........................ 33

4
Ministero dell’Istruzione dell’Università PRIN 2010-2011
e della Ricerca La mitigazione del rischio da frana mediante interventi
sostenibili

Figura 23. Evoluzione della forza di sostegno T trasferita al pendio per diversi profili di spostamenti
del terreno, per un palo libero in testa: (a) palo in CLS e (b) palo in acciaio (da Galli e di Prisco,
2013). ................................................................................................................................................. 34
Figura 24. Profili di spostamento del palo per diversi profili di spostamenti del terreno, per un palo
libero in testa e per uno spostamento U0=20cm: (a) palo in CLS e (b) palo in acciaio (da Galli e di
Prisco, 2013). ..................................................................................................................................... 34
Figura 25. Momenti flettenti nel palo per diversi profili di spostamenti del terreno, per un palo
libero in testa e per uno spostamento U0=20cm: (a) palo in CLS e (b) palo in acciaio (da Galli e di
Prisco, 2013). ..................................................................................................................................... 34
Figura 26. (a) applicazione di diverse curve caratteristiche al calcolo di FS secondo la (27);
soluzione della (28) per due diversi esempi di curve caratteristiche. ................................................ 36
Figura 27. (a) Evoluzione dello spostamento del terreno e della profondità di falda in assenza dei
pali. Evoluzione dello spostamento del terreno in presenza dei pali: (b) palo in acciaio e (c) palo in
CLS (da Galli e di Prisco, 2013). ....................................................................................................... 39
Figura 28. (a) esempi di profili di velocità nel terreno; (b) interazione tra palo e terreno in moto
laminare. ............................................................................................................................................. 40
Figura 29. Profili di velocità del terreno per i quattro diversi scenari. .............................................. 42
Figura 30. Profili di spostamento del terreno per i quattro diversi scenari. ....................................... 42
Figura 31. Schema di pendio indefinito stabilizzato con file di pali.................................................. 46
Figura 32. (a) superficie critica per il pendio non rinforzato e (b) sua analisi a seguito di
stabilizzazione con pali. ..................................................................................................................... 48
Figura 33. Casi studio di tre pendii stabilizzati con tre diverse configurazioni di pali. ..................... 50
Figura 34. Spostamenti di Newmark (registrazione ATMZ270). ...................................................... 51
Figura 35. Spostamenti sismoindotti in funzione del coefficiente di sicurezza in condizioni statiche.
............................................................................................................................................................ 52

5
Ministero dell’Istruzione dell’Università PRIN 2010-2011
e della Ricerca La mitigazione del rischio da frana mediante interventi
sostenibili

Lista delle tabelle


Tabella 1. Valori di taglio e momento offerti dal palo per ciasuno dei sei meccanismi di Figura 10.
............................................................................................................................................................ 19
Tabella 2. Proprietà dei materiali granulari considerati. .................................................................... 33
Tabella 3. Proprietà dei due tipi di palo considerati. ......................................................................... 33
Tabella 4. Definizione delle proprietà del sistema. ............................................................................ 38
Tabella 5. Proprietà geometriche e meccaniche dello strato instabile. .............................................. 41
Tabella 6. Descrizione della tipologia di palo.................................................................................... 41
Tabella 7. Caratteristiche dei pendii e risultati delle analisi di stabilità. ........................................... 50
Tabella 8. Database accelerometrico. ................................................................................................ 51

6
Ministero dell’Istruzione dell’Università PRIN 2010-2011
e della Ricerca La mitigazione del rischio da frana mediante interventi
sostenibili

Premessa
Questo documento nasce dalla collaborazione fra due gruppi di ricerca geotecnici, quello di
Napoli Parthenope e quello del Politecnico di Milano, nell’ambito del progetto PRIN 2010-2011: “La
mitigazione del rischio da frana mediante interventi sostenibili”.

La principale finalità di questo testo, è quella di un approccio razionale al problema della corretta
progettazione di paratie filtranti per la messa in sicurezza di pendii potenzialmente instabili.
Nell’ambito di questa ricerca sono stati sviluppati in forma organica metodi, approcci e strumenti
innovativi per la progettazione di tali opere di messa in sicurezza. La definizione dei dettagli
progettuali ed esecutivi sono pertanto demandati alle competenze professionali del singolo
progettista, preferendo qui definire le variabili geometriche e meccaniche che governano la risposta
del sistema, e descrivere in qual modo esse influenzino la “prestazione” dell’opera.
Gli autori intendono infatti in questo modo dare un contributo alla sistematizzazione delle
conoscenze, che consenta al progettista di affrontare correttamente il problema della progettazione
dell’intervento.

Nel Capitolo 1 è inquadrato il problema, viene introdotta una nomenclatura di base riguardante
la geometria e sono descritti gli attuali approcci progettuali suggeriti in letteratura. All’interno del
Capitolo 2 sono descritti più in dettaglio gli approcci progettuali allo Stato Limite Ultimo, ove per
descrivere il comportamento del terreno e quello dei pali sono utilizzati legami costitutivi rigido-
perfettamente plastici. All’interno del Capitolo 3 sono invece poste le basi teoriche di approcci
progettuali negli spostamenti e sono descritti i cosiddetti “Metodi Ibridi” che consentono di modellare
l’evoluzione delle forze di interazione tra pali e pendio in funzione dello spostamento del terreno. Nel
Capitolo 4 è sviluppato un metodo innovativo, ancorchè semplificato, per risolvere in modo
“accoppiato” il problema della valutazione delle forze di interazione palo-terreno e dell’influenza
che, a loro volta, queste hanno sull’evoluzione del movimento franoso. In altre parole, si mostra come,
anche nel caso di pendii, sia possibile utilizzare metodi allo Stato Limite di Esercizio. Nel Capitolo 5
è affrontato in modo sintetico il problema della valutazione dell’effetto di stabilizzazione offerto dalla
paratia filtrante in condizioni sismiche, proponendo sia approcci psesudostatici (essenzialmente cioè
riconducibili a metodi SLU), sia approcci pseudodinamici (assimilabili a metodi ibridi), che
consentono una stima degli spostamenti sismoindotti. Nei capitolo 6, senza alcuna pretesa di
completezza, sono riassunte infine alcune brevi considerazioni circa le modalità di esecuzione del
monitoraggio di queste opere, sono introdotte brevi osservazione di carattere più propriamente
cantieristico alcune ed è richiamato il problema della durabilità dell’opera.

7
Ministero dell’Istruzione dell’Università PRIN 2010-2011
e della Ricerca La mitigazione del rischio da frana mediante interventi
sostenibili

1. Introduzione
L’attivazione di un movimento franoso lungo un versante comporta, da un punto di vista
cinematico, la nascita di un campo di velocità nel terreno in generale variabile da punto a punto
all’interno del pendio (Figura 1a). La frontiera F tra la zona di terreno in movimento e il substrato
stabile può variare notevolmente a seconda dello stato del dissesto: per movimenti franosi “maturi”
le deformazioni tendono a localizzarsi e la frontiera viene ad assumere uno spessore trascurabile
rispetto alle dimensioni del pendio (con la formazione di una ben definita superficie di scivolamento,
che induce una discontinuità nel campo di velocità del terreno); al contrario, i movimenti del versante
precedenti la localizzazione sono caratterizzati da un campo di velocità continuo, e la frontiera
rappresenta per lo più una “zona di processo”, di spessore anche non trascurabile.

(a) (b)
Figura 1. (a) esempio di pendio caratterizzato da un meccanismo di scivolamento attivo; (b) valutazione
dell’efficacia dell’intervento di stabilizzazione.

La realizzazione di un intervento strutturale di sostegno, quale ad esempio una fila di pali con
interasse maggiore del loro diametro, che nel seguito indicheremo come paratia filtrante, intende
trasferire alla massa di terreno in movimento un’azione stabilizzante A in modo da ridurre ovunque
(possibilmente azzerandola) la velocità di spostamento. Si distinguono a tal proposito interventi
“attivi”, per i quali l’azione A è imposta direttamente in fase di messa in opera e risulta essere
pressochè indipendente dal campo di spostamenti del terreno (ad esempio, opere pretirantate), da
interventi “passivi”, per i quali l’azione A dipende esclusivamente dagli spostamenti relativi tra il
terreno e l’opera stessa. Non sono tuttavia infrequenti casi di interventi a funzionamento misto:
progettati inizialmente come attivi, ma che durante la loro vita utile si comportano come opere passive
a causa di una successiva evoluzione del campo di spostamenti nel pendio. Il problema risulta quindi
fortemente accoppiato dal momento che il campo di velocità della massa di terreno instabile dipende
dall’entità dell’azione A, la quale, a sua volta, dipende dal campo di spostamenti relativi tra terreno e
struttura. La progettazione di un’opera di stabilizzazione quale una paratia filtrante richiede allora la
soluzione dell’equazione di equilibrio della massa di terreno tenendo conto delle azioni stabilizzanti
fornite dalla struttura, in funzione del suo comportamento meccanico.
Una volta nota l’azione di sostegno A è formalmente possibile studiare l’equilibrio della massa
di terreno per verificarne la stabilità (approccio allo stato limite ultimo, SLU). D’altro canto,
adottando un approccio di tipo prestazionale (Figura 1b), l’ambizione è quella verificare l’efficacia
8
Ministero dell’Istruzione dell’Università PRIN 2010-2011
e della Ricerca La mitigazione del rischio da frana mediante interventi
sostenibili

dell’intervento in termini di contenimento degli spostamenti U del terreno entro un valore di progetto
Ud (stato limite di esercizio, SLE). Nel caso in cui l’approccio numerico permetta di tenere in conto
del fattore temporale (analisi idromeccanica accoppiata, evoluzione dei carichi ambientali, natura
viscosa del comportamento meccanico dei materiali), diventa possibile anche stimare l’intervallo di
tempo atteso che intercorre tra l’esecuzione dell’opera (istante t0) e l’arresto della massa di terreno
(istante td).

1.1 Descrizione dell'intervento

L’intervento in oggetto è generalmente costituito da una serie di pali verticali di lunghezza L e


diametro D, disposti perpendicolarmente alla linea di massima pendenza, secondo una spaziatura S
(intesa come interasse tra i pali di una stessa fila). In caso di superficie di scivolamento molto estese,
potrebbe rendersi necessario inserire più file di pali a distanza B, come schematicamente
rappresentato in Figura 2a. A seconda del grado di vincolo in testa si possono distinguere almeno
quattro tipologie di interventi: paratie filtranti ad estremo libero (Figura 2b), paratia filtrante con
vincolo alla rotazione in testa (Figura 2c), paratia con vincolo alla traslazione in testa (Figura 2d) e
paratia con vincolo alla rotazione e alla traslazione (Figura 2e). In generale, il vincolo alla rotazione
in testa può essere ottenuto solo collegando due file di pali prossime tra loro con una struttura di
rigidezza molto elevata. Il vincolo allo spostamento della testa può essere invece ottenuto utilizzando
un ancoraggio profondo, preferibilmente preteso, per limitare l’effetto della deformabilità del tirante.

(b)

(c)

(d)

(a)

(e)

Figura 2. (a) schematizzazione di una paratia filtrante per la stabilizzazione di un pendio; (b-c-d-e)
schematizzazione dei vincoli in testa ai pali.

Il valore della spaziatura S e il posizionamento dell’opera entro la zona di terreno instabile


devono essere attentamente scelti dal progettista in modo da massimizzare l’azione di sostegno A e
minimizzare, per quanto possibile, i costi dell’intervento, prevenendo al contempo l’attivazione di

9
Ministero dell’Istruzione dell’Università PRIN 2010-2011
e della Ricerca La mitigazione del rischio da frana mediante interventi
sostenibili

ulteriori possibili meccanismi di rottura secondari nel pendio. Nella progettazione dell’opera, non
secondaria è la scelta della tipologia di palo, dell’ancoraggio profondo e della geometria della trave
di coronamento. Il comportamento meccanico di queste componenti deve essere correttamente
modellato in quanto esso influenza il valore dell’azione di sostegno A, e risulta strettamente connesso
alla definizione della la gerarchia delle resistenze all’interno dell’opera, governando la duttilità
globale del sistema.
In base alla geometria qui descritta, e coerentemente con la ricerca di un approccio progettuale
semplificato, appare ragionevole nel seguito articolare la trattazione omogeneizzando la risposta
lungo lo sviluppo della paratia, assimilando quindi il problema ad un problema piano equivalente.

1.2 Approcci progettuali

I metodi progettuali allo Stato Limite Ultimo (come ad esempio i metodi dell’equilibrio limite)
studiano l’equilibrio della massa di terreno instabile adottando leggi costitutive di tipo rigido-plastico,
assumendo per il terreno un atto di moto rigido e ipotizzando che l’azione A offerta dalla struttura di
sostegno sia completamente mobilitata. È quindi introdotto nell’equazione di equilibrio un
coefficiente di sicurezza FS come riduttore delle resistenze del terreno unicamente lungo la superficie
di scorrimento

RkF
EkF = + AkF , (1)
FS

in cui E, R ed A sono rispettivamente le azioni instabilizzanti, l’azione stabilizzante associata alla


resistenza al taglio del terreno lungo la superficie di scivolamento e l’azione di sostegno offerta
dall’opera. Il pedice “k” indica che i termini della (1) sono calcolati assumendo i valori caratteristici
dei parametri meccanici e geometrici, mentre l’apice “F” fa riferimento al particolare meccanismo di
rottura nel pendio cui l’analisi è riferita. Gli attuali riferimenti normativi (NTC 2008, EC7)
generalizzano la (1), imponendo il rispetto della seguente disuguaglianza

EdF ≤ RdF + AdF , (2)

in cui il pedice “d” indica che i termini E, R ed A sono calcolati in base ai valori di progetto dei
parametri meccanici e geometrici, desunti da quelli caratteristici applicando i coefficienti parziali di
sicurezza. Tanto la (1) quanto la (2) consentono quindi per lo specifico meccanismo di rottura in
esame (F) di stimare il grado di “sicurezza” associato all’azione A, in quanto questa non è influenzata
dall’ampiezza dello spostamento U (Figura 3a). Infatti le forze di interazione terreno-struttura si
intendono immediatamente e completamente mobilitate indipendentemente dall’ampiezza degli
spostamenti; in altre parole, solo la forma del cinematismo concorre alla definizione dell’azione A. I
metodi allo SLU non sono evidentemente in grado di fornire una valutazione dell’efficacia
dell’intervento in termini di spostamenti attesi nel pendio, né di fornire una stima dei tempi necessari
al raggiungimento di tale condizione.
Si noti che il termine A che compare sia nella (1) che nella (2) è da intendersi come il minimo tra i
valori della forza di interazione associati ai possibili meccanismi di rottura locali tra opera e terreno.
Ad esempio, per pali rigidi e infinitamente resistenti senza alcun vincolo in testa (si veda la successiva
Figura 10), tre sono i possibili meccanismi di rottura, associati rispettivamente al trascinamento del

10
Ministero dell’Istruzione dell’Università PRIN 2010-2011
e della Ricerca La mitigazione del rischio da frana mediante interventi
sostenibili

palo entro il sottostante terreno stabile (Modo A), alla rotazione rigida del palo (Modo B) e allo
scivolamento tra i pali dello strato instabile di terreno superficiale (Modo C).
Fin dai primi anni ’80 sono stati proposti in letteratura alcuni metodi, detti “ibridi”, i quali
passano attraverso la definizione esplicita, essenzialmente mediante metodi numerici, di una funzione
“caratteristica” per l’opera di sostegno, andando a studiare l’evoluzione dell’azione A in funzione del
campo di spostamenti U che si avrebbe nel terreno in assenza dell’opera:

AkF,d = AkF,d (U ) . (3)

In questo modo, tanto la forma quanto l’ampiezza di U concorrono alla definizione dell’azione
A (Figura 3b). Una volta nota la curva caratteristica espressa tramite la (3), ancora applicando un
metodo dell’equilibrio limite, è possibile determinare la dipendenza del coefficiente di sicurezza dal
campo di spostamenti U, o da un suo particolare parametro scalare di interesse (ad esempio la
ampiezza massima, o il valore di spostamento in corrispondenza di un punto monitorato, …), e
determinare quindi l’entità dello spostamento associato al valore di FS di progetto.

Equilibrio Limite Metodi Completi


Metodi Ibridi
(metodi SLU) (metodi SLE)

(a) (b) (c)


Figura 3. Definizione schematica dei differenti approcci progettuali.

I metodi “completi” (Figura 3c) cercano invece di tenere debitamente in conto l’effettivo
accoppiamento tra il campo di spostamenti U del terreno nel pendio e l’azione di sostegno A. Andando
a risolvere l’equazione completa del moto per la massa di terreno instabile, è possibile determinare il
profilo di velocità del terreno in corrispondenza del palo e, in base all’equazione di interazione tra
palo e terreno, determinare la distribuzione delle forze di interazione che forniscono l’azione AFk,d.
Queste, introdotte nell’equazione del moto del pendio, consentono di determinare la nuova
distribuzione di velocità del terreno e, quindi, di procedere al passo di integrazione successivo. Tale
approccio “completo” cerca di superare le limitazioni dei metodi precedentemente citati, e, seppur a
prezzo di un maggior onere computazionale e limitatamente alla validità delle ipotesi semplificative
che vengono introdotte, consente di pervenire ad una reale progettazione della paratia filtrante
mediante un metodo prestazionale, così da valutarne l’efficacia in termini di spostamenti attesi (per
il terreno e per la struttura) e di tempi necessari a raggiungere tali spostamenti. Si sottolinea che un
approccio completo consente di intervenire efficacemente anche su dissesti non ancora maturi, per i
quali cioè non si è ancora osservata la localizzazione lungo la superficie di scivolamento. L’opera
quindi viene a costituire un effettivo intervento di protezione del territorio, ottimizzata in funzione
del reale campo di spostamenti osservato.

11
Ministero dell’Istruzione dell’Università PRIN 2010-2011
e della Ricerca La mitigazione del rischio da frana mediante interventi
sostenibili

1.3 Interazione palo-terreno

Le forze di interazione tra palo e terreno nascono dalla risultante della distribuzione di sforzi
agenti sulla superficie laterale del fusto del palo. In assenza di spostamenti del terreno (U=0,
condizioni “a riposo”), per ogni sezione di palo la distribuzione di sforzi normali alla superficie è con
buona approssimazione assialsimmetrica rispetto all’asse del palo (sez. A-A di Figura 4a), mentre gli
sforzi di taglio in direzione verticale lungo il fusto sono pressochè nulli (a meno del peso del palo
stesso e di eventuali carichi verticali applicati alla testa del palo). La risultante è quindi nulla, e tra
palo e terreno non è scambiata nessuna forza. In caso di attivazione del movimento franoso (U>0,
Figura 4b) tali distribuzioni si modificano significativamente sia all’interno del corpo di frana sia
esternamente ad esso. In corrispondenza di ogni sezione di palo, la risultante degli sforzi nel piano
orizzontale non è più nulla e in generale, si mobiliteranno anche sforzi di taglio in direzione verticale
lungo il fusto del palo stesso.

(a) (b)
Figura 4. Distribuzione degli sforzi lungo il fusto del palo: (a) condizioni di riposo, (b) attivazione della frana.

(a) (b)
Figura 5. (a) esempi di curve P-y; (b) interazione palo-terreno tramite molle non lineari per un assegnato profilo
di spostamenti del terreno U(z).

Per ogni sezione di palo è possibile definire il valore della risultante delle distribuzioni di sforzo
nel piano orizzontale (trasversale all’asse del palo) e di taglio in direzione verticale (parallelo
all’asse), in funzione degli spostamenti relativi tra palo e terreno. Fin dai primi anni ’60 numerose
ricerche sono state sviluppate al fine di studiare la distribuzione di carichi trasversali lungo il fusto di
un palo singolo (Broms, 1964a,b; Matlock, 1970; Reese et al., 1974; Reese and Welch, 1975;
12
Ministero dell’Istruzione dell’Università PRIN 2010-2011
e della Ricerca La mitigazione del rischio da frana mediante interventi
sostenibili

Georgiadis and Butterfield, 1982; Georgiadis, 1983; O’Neil and Gazioglu, 1984; Gabr et al., 1994;
Fan and Long 2005). In generale è possibile definire per ogni sezione di palo isolato una curva P-y
(Figura 5a) che lega la risultante P degli sforzi (espressa come forza per unità di lunghezza lungo
l’asse del palo) agli spostamenti relativi y tra palo e terreno, definiti come la differenza (alla
profondità z della sezione considerata) tra lo spostamento U di “far field” del terreno e lo spostamento
locale u del palo. Le curve P-y possono allora essere pensate come rappresentative del comportamento
di “molle” generalizzate che vincolano il palo al terreno (Figura 5b). Integrando il valore di P lungo
lo spessore H del corpo di frana, si ottiene la forza trasversale di sostegno che il singolo palo
trasferisce al terreno e viceversa:

TdF (U ( z ) − u (z )) = ∫ P (z )dz . (4)


H

I differenti approcci progettuali brevemente citati in precedenza nel §1.2 assumono differenti
relazioni costitutive per descrivere le curve P-y, coerentemente con le ipotesi introdotte da ciascun
metodo. I metodi allo SLU, ad esempio, assumono un comportamento rigido-perfettamente plastico
per le curve P-y e per la sezione di palo, e si preoccupano unicamente di definire il valore limite della
forza T. Metodi Ibridi o metodi allo SLE, invece, procedono assumendo per le curve P-y relazioni
costitutive non lineari e integrando le reazioni P lungo l’asse del palo in funzione del campo di
spostamenti del terreno (si rimanda ai capitoli 3 e 4 per maggiori dettagli).
L’approccio per curve P-y è concettualmente estendibile anche alla stima della forza di
interazione agente parallelamente all’asse del palo. In questo caso, la risposta è dominata dal
comportamento dell’interfaccia palo-terreno (cioè dalla capacità portante del fusto del palo). Per
semplicità e per brevità, tuttavia, nel seguito ci si concentrerà solo sulla valutazione della forza
trasversale T, in quanto essa risulta certamente essere la componente dominante nella progettazione
di paratie filtranti per la messa in sicurezza di pendii potenzialmente instabili.

1.4 Comportamento meccanico del palo

Il palo può essere considerato come una trave a sezione cilindrica soggetta essenzialmente (per
quanto detto al paragrafo precedente) a carichi trasversali al proprio asse. Assumendo un modello di
trave alla Eulero-Bernoulli, il comportamento meccanico di ogni sua sezione può essere descritto da
una relazione momento-curvatura (M-θ), come schematizzato in Figura 6. Anche in questo caso i
differenti approcci progettuali si distinguono per le ipotesi introdotte per descrivere il comportamento
del palo. I metodi allo SLU assumono ancora un comportamento rigido-perfettamente plastico per la
sezione di palo (EJ ∞), il cui unico parametro costitutivo risulta essere il momento di completo
snervamento MY, corrispondente all’attivazione di una cerniera plastica. Metodi Ibridi o metodi allo
SLE, invece, descrivono (pur se in maniera semplificata) l’intera curva M-θ.

13
Ministero dell’Istruzione dell’Università PRIN 2010-2011
e della Ricerca La mitigazione del rischio da frana mediante interventi
sostenibili

Figura 6. Risposta non lineare nel diagramma momento-curvatura per la sezione di palo.

1.5 Interazione tra pali

L’interazione tra la massa di terreno in movimento e l’opera di sostegno si configura


essenzialmente come l’interazione con un gruppo di pali soggetti a carichi orizzontali. In letteratura
esiste una notevole mole di risultati teorici, numerici e sperimentali a riguardo: Matlock e Reese,
1960; Brown et al. 1987, 1988; Brown e Shie, 1991; Ruesta e Townsend, 1997; Rollins et al., 1998;
Zhang et al., 1999; Ng et al., 2001; Holloway et al., 1981; Liang e Zeng, 2002; Lirer, 2012.
In sintesi, due sono gli aspetti principali che dominano la risposta meccanica del gruppo di pali:
l’effetto “arco”, che nasce tra pali adiacenti (appartenenti cioè alla stessa fila di pali), e l’effetto
“ombra”, associato all’interazione tra file di pali limitrofe.

1.5.1 Effetto arco

Come osservato in Figura 4b, in caso di spostamento del terreno U>0, la distribuzione di sforzi
orizzontali agenti sulla superficie laterale del palo si modifica, aumentando nella zona di monte e
diminuendo a valle. Se la spaziatura S è sufficientemente elevata (Figura 7a) le zone di influenza di
pali adiacenti non si sovrappongono, e il comportamento di ciascun palo può essere assimilato a
quello di un palo isolato, soggetto ad un carico orizzontale. Se, al contrario, la spaziatura fosse ridotta
fino a coincidere con il diametro dei pali (Figura 7b), il comportamento sarebbe assimilabile a quello
di un setto continuo, con distribuzioni uniformi di sforzo orizzontale sia a monte che a valle, che
tendono progressivamente alle condizioni di spinta passiva e attiva. Evidentemente, tra le due
condizioni geometriche estreme esiste un campo di transizione (Figura 7c) in cui le zone di influenza
si sovrappongono, interagendo tra loro.

(a) (b) (c)


Figura 7. Distribuzione di sforzo orizzontale sui pali: (a) pali isolati, (b) setto continuo, (c) effetto arco.

14
Ministero dell’Istruzione dell’Università PRIN 2010-2011
e della Ricerca La mitigazione del rischio da frana mediante interventi
sostenibili

Si definisce allora un valore critico Scr della spaziatura come quel valore al di là del quale non
si osserva alcuna interazione tra pali e il comportamento può essere assimilato a quello di pali isolati.
In letteratura si tende a valutare Scr in rapporto al diametro D con espressioni del tipo (Durrani et al.,
2006)

S cr K p2
= , (5)
D K p − Ka

in cui Ka e Kp sono rispettivamente i coefficienti di spinta attiva e passiva per il terreno in esame. In
generale, i vari autori sono per lo più concordi nel suggerire valori di spaziatura critica

S cr
3≤ ≤4. (6)
D

In Letteratura vari metodi hanno cercato di descrivere l’effetto arco facendo dipendere la forza
di interazione dalla spaziatura S (Ito and Matsui, 1975; De Beer, 1977; Poulos, 1995; Liang and Zeng,
2002; Ellis et al., 2010; Gou and Quin, 2010). In alternativa, da un punto di vista applicativo, una
possibile scelta è quella di definire l’azione AFk,d combinando opportunamente, in funzione della
spaziatura S, i valori della forza di interazione unitaria che il terreno scambia rispettivamente con un
setto continuo (forza F) e con un palo isolato (forza T), quest’ultima normalizzata rispetto alla
spaziatura S. Come suggerito in Figura 8, si possono riconoscere almeno tre zone:
- la prima, zona (a), è quella corrispondente a bassi valori di S/D (in genere inferiori a 2), per
i quali il comportamento è assimilabile a quello di un setto continuo;
- la seconda, zona (b), rappresenta una zona di transizione tra i comportamenti estremi di setto
continuo e palo isolato;
- la terza, zona (c), corrisponde a valori di spaziatura maggiori di Scr, per i quali l’interazione
tra pali è assente.
Assumendo per semplicità, entro la zona (b), un andamento lineare variabile tra i valori F e
T/Scr, l’azione AFk,d può essere formalmente espressa come

 F S
 Ak ,d = F 1≤
D
<2
 T S cr − F  S
 F  S S cr
 Ak ,d = F + ⋅  − 2 2 ≤ < . (7)
 S cr D − 2  D  D D
 F T S S
 Ak ,d = S D
> cr
D

ove la forza F potrà essere valutata integrando la differenza tra le distribuzioni di sforzo
orizzontale in spinta passiva (a monte) e attiva (a valle) agenti sulla paratia.

15
Ministero dell’Istruzione dell’Università PRIN 2010-2011
e della Ricerca La mitigazione del rischio da frana mediante interventi
sostenibili

Figura 8. Valutazione dell’azione unitaria A in funzione di S.

In linea di principio, infine, la curva AFk,d(S/D) di Figura 8, descritta analiticamente


dall’equazione (7) dovrebbe dipendere anche dalla profondità H, in quanto pali di egual diametro D
posti alla stessa spaziatura S tendono ovviamente a collaborare maggiormente al crescere della loro
lunghezza L. Tale aspetto non è tuttavia considerato attualmente nella pratica progettuale, né sono
presenti in letteratura risultati specifici a riguardo.

1.5.2 Effetto ombra

Nel caso l’intervento preveda più file di pali (Figura 9a), nella definizione dell’azione di
sostegno AFk,d occorre tenere in conto possibili fenomeni di interazione tra di esse. Se la distanza B
tra loro fosse infatti molto ridotta (al limite B≈D), il valore della forza trasmessa al pendio tenderebbe
a coincidere con quello che si avrebbe nel caso un’unica fila di pali; al crescere della distanza B
l’interazione si riduce e il comportamento diventa assimilabile a quello di paratie filtranti indipendenti
l’una dall’altra. In analogia a quanto suggerito all’interno del paragrafo 1.5.1, è possibile allora
definire come distanza critica Bcr quel valore di B oltre il quale l’interazione tra le file di pali è
trascurabile. Tale distanza può essere stimata imponendo che le zone a rottura nel terreno (in spinta
attiva, a valle della fila più a monte; e in spinta passiva, a monte della fila più a valle) tra le due file
non si sovrappongano. A titolo di esempio, e immaginando di fare riferimento ancora al meccanismo
di scivolamento del terreno superficiale entro pali immorsati rigidamente nello strato stabile di base,
tale condizione può essere geometricamente espressa come suggerito in Figura 9b, ove sono
schematicamente mostrati i cunei di rottura in spinta attiva e passiva.

(a) (b)
Figura 9. (a) disposizione di due file di pali nel pendio; (b) schema per la valutazione della distanza Bcr.

16
Ministero dell’Istruzione dell’Università PRIN 2010-2011
e della Ricerca La mitigazione del rischio da frana mediante interventi
sostenibili

2. Equilibrio limite – Metodi SLU


Per la progettazione allo Stato Limite Ultimo, l’azione che si scambiano terreno e struttura può
essere valutata con i metodi a rottura esistenti in letteratura che si dividono in due gruppi: il primo
(Blum, 1932; Broms, 1964a,b; Brinch Hansen, 1961; Viggiani 1981) considera il caso di palo isolato,
e riconduce il problema reale a quello della rottura palo-terreno; il secondo gruppo (Ito e Matsui,
1975; De Beer, 1977; De Beer e Carpentier, 1977; Musso, 1977, Broms, 1983) studia il
comportamento di una o più file di pali che attraversano una coltre in frana e, a differenza dei metodi
precedenti, fa dipendere la pressione ultima esercitata dalla coltre dall’interasse fra i pali, portando in
conto in qualche modo l’effetto arco che nasce fra i pali (paragrafo 1.5.1). All’aumentare
dell’interasse tra pali (S/D>4) non si sviluppa tale effetto e i pali si comportano come isolati.
Per pali isolati immersi in un pendio infinitamente esteso, Viggiani (1981) ha proposto delle
espressioni analitiche per valutare l’azione AFk,d esercitata da un palo di lunghezza L, che attraversa
uno strato instabile di spessore l1, soggetto ad uno spostamento uniforme e infisso nel terreno stabile
sottostante per una lunghezza l2. Viggiani, seguendo un approccio alla Broms (1964a), identifica sei
diversi meccanismi di rottura, di cui tre corrispondenti a pali infinitamente resistenti (meccanismi A,
B e C) e tre corrispondenti a pali aventi resistenza flessionale MY finita (meccanismi B1, B2 e BY).
Il metodo si basa sulle seguenti ipotesi semplificative per ottenere espressioni analitiche di taglio e
momento nel palo:
(i) il terreno è costituito da 2 strati, con lo strato superiore che si muove uniformemente
rispetto allo strato sottostante;
(ii) il piano campagna e la superficie di scorrimento sono orizzontali;
(iii) i due strati sono di materiale puramente coesivo con resistenza non drenata pari
rispettivamente a cu1 e cu2 e, quindi, in ogni strato la reazione del terreno è costante con
la profondità;
(iv) la testa del palo è libera di ruotare.
Nel seguito il metodo è stato esteso ai terreni puramente attritivi, in condizioni drenate e a pali
impediti di ruotare in testa (Di Laora et al., 2016).

2.1 Terreni a grana fine in condizioni non drenate (terreni coesivi)

Per pali infinitamente resistenti, i meccanismi dipendono dalla lunghezza e dal diametro del
palo, dalla resistenza dei due strati di terreno e dallo spessore della massa instabile, mentre per i pali
con resistenza flessionale finita MY, i meccanismi dipendono anche da quest’ultima.

2.1.1 Pali liberi di ruotare in testa

Per pali liberi di ruotare in testa, i sei meccanismi di rottura sono riportati in Figura 10. Il
meccanismo A si riferisce al caso di un palo corto, per il quale la rottura ha luogo all’interno del
terreno di fondazione. Il meccanismo B consiste in una rotazione rigida del palo, mentre il
meccanismo C ha luogo per pali correttamente immorsati nello strato stabile.

17
Ministero dell’Istruzione dell’Università PRIN 2010-2011
e della Ricerca La mitigazione del rischio da frana mediante interventi
sostenibili

Figura 10. Meccanismi di rottura e relative distribuzioni di reazioni del terreno, taglio e momento flettente per
terreni coesivi e palo libero di ruotare in testa.

I meccanismi B1, B2 e BY, ricavati a partire dal meccanismo B, implicano, oltre alla rottura del
terreno, anche la formazione di una o due cerniere plastiche nel palo. Definendo le quantità
adimensionali:

ku1 cu1
χu =
ku 2 cu 2
l2
λ= (8a,b,c)
l1
My
mu =
ku1 cu1 d l12

dove ku1 e ku2 sono coefficienti di capacità portante (considerati rispettivamente pari a 4 e 8 da
Viggiani (1981), anche se altri autori considerano valori differenti) ed MY è il momento di

18
Ministero dell’Istruzione dell’Università PRIN 2010-2011
e della Ricerca La mitigazione del rischio da frana mediante interventi
sostenibili

plasticizzazione della sezione del palo, il taglio e il momento offerto dal palo lungo la superficie di
scivolamento per i sei meccanismi di rottura sono riportati in Tabella 1.

Modo A TA λ
tuA = = (i-a)
ku1 cu1 d l1 χu
MA λ TA λ
2
= = tuA (i-b)
ku1 cu1 d l1 2 ku1 cu1 d l1 2
Modo B1:
(1 + λ ) + (1 + λ )
2
TB ( χu + λ 2 )
tuB = = − (ii-a)
ku1 cu1 d l1 (1 + χu )
2
χu (1 + χu ) (1 + χu )
(1 − tuB )
2
M1
= (ii-b)
ku1 cu1 d l12 4
( λ − χu tuB )
2
M2
= (ii-c)
ku1 cu1 d l12
4χu
Modo C TC
tuC = =1 (iii-a)
ku1 cu1 d l1
MC 1
2
= (iii-b)
ku1 cu1 d l1 2
Modo B12: TB1 λ  2 χu + 2 χ +2 
tuB1 = =  + 4 u 2 mu − 1 (iv-a)
ku1 cu1 d l1 χu + 2  χu λ 
M 2′ 1
= ( λ − χu tuB1 )
2
2
(iv-b)
ku1 cu1 d l1 4 χu
Modo BY TBY mu
tuBY = =2 (v-a)
ku1 cu1 d l1 (1 + χu )
Modo B2
TB2 1 + ( 2 χu +1)(1+ 4mu ) − 1
tuB2 = = (vi-a)
ku1 cu1 d l1 2 χu +1
M 1′′ 1
= ( 1 − tuB 2 )
2
2
(vi-b)
ku1 cu1 d l1 4
Tabella 1. Valori di taglio e momento offerti dal palo per ciascuno dei sei meccanismi di Figura 10.

L’azione AFk,d, definita all’interno del Capitolo 1, dovrà essere in generale calcolata componendo
i valori di taglio e momento.
Una rappresentazione schematica dei diversi meccanismi nel piano tu : λ è riportata in Figura 11.
Per piccoli valori della lunghezza di infissione e bassi valori di momento ultimo il palo risulta

1
Nel lavoro originale di Viggiani vi è un errore nella equazione (ii-c): il parametro χ che moltiplica il taglio
adimensionalizzato tuB manca. La stessa correzione è stata anche fatta da Chmoulian (2004).
2
Nel lavoro originale c’è un errore tipografico nell’equazione (iv-a): nel primo termine della radice quadrata è riportato
λ invece di χ. La stessa correzione è stata anche fatta da Chmoulian (2004).
19
Ministero dell’Istruzione dell’Università PRIN 2010-2011
e della Ricerca La mitigazione del rischio da frana mediante interventi
sostenibili

rompersi secondo il maccanismo B1. All’aumentare del momento ultimo della sezione del palo, non
si formeranno cerniere plastiche ed il sistema giungerà a rottura secondo i meccanismi A o B. Per
profondità di infissione maggiori e bassi valori del momento di plasticizzazione, nel palo si formano
due cerniere plastiche (una per ogni strato, meccanismo BY). Per elevati valori di λ ed m, il palo si
rompe secondo il meccanismo B2 o C. I campi corrispondenti ai meccanismi B1 e BY sono separati
da una retta (Figura 11) di equazione:

λ 1  χ +1 
tu = = λ u − 1 per λ < λ * (9)
χu χu + 1  χ 
1+  u 
χu

essendo λ* :

λ* =
( χu +1 − 1 ). (10)
χu

Per valori di λ maggiori di λ*, la frontiera tra i campi associati ai meccanismi BY e B2 è una retta
orizzontale:

 χ u +1 − 1   
tu* = tu ( λ * ) = 
χ u +1
  + 1 per λ > λ * . (11)
 χu  χu 
  

Per valori di λ maggiori di λlim, il taglio adimesionalizzato sulla superficie di scorrimento si


mantiene costante e pari al massimo valore tu=1. Questo punto corrisponde alla minima lunghezza di
infissione nel terreno stabile tale da garantire il massimo contributo tagliante per una fissata sezione
del palo.
Il valore λlim si ottiene dall’intersezione dei meccanismi B e C:

λlim = χu + 2 χu2 + 2 χu (12)

Il massimo contributo tagliante si ottiene sia per il meccanismo C, sia per un caso particolare del
meccanismo B2, quando cioè la cerniera plastica si trova in corrispondenza della superficie di
scorrimento (f2=0 e g1=0 in Figura 10) con un valore del momento di plasticizzazione
adimensionalizzato pari a:

χu + 1
mu ,lim = (13)
2

20
Ministero dell’Istruzione dell’Università PRIN 2010-2011
e della Ricerca La mitigazione del rischio da frana mediante interventi
sostenibili

che, quindi, indica il valore del momento di plasticizzazione della sezione del palo oltre il quale,
ipotizzando per il pendio un meccanismo di rottura traslazionale, non si ha alcun ulteriore beneficio
alla stabilizzazione (il contributo tagliante del palo per diversi valori del rapporto di resistenza e
diversi valori del momento di plasticizzazione adimensionalizzato è riportato nella successiva Figura
14a).

Figura 11. Rappresentazione schematica del taglio adimesnionalizzato sulla superficie di scorrimento per terreni
coesivi e palo libero di ruotare in testa e relativi meccanismi di rottura

2.1.2 Pali impediti di ruotare in testa

Tra i 6 meccanismi individuati per pali liberi, solo 4 sono possibili nel caso di pali impediti di
ruotare in testa, ed in particolare i meccanismi A e C per pali infinitamente resistenti, e i meccanismi
B1 e BY per pali con resistenza finita (Figura 12). Per il meccanismo C è immediato ricavare il taglio
lungo la superficie di scorrimento, mentre i momenti in testa al palo e in corrispondenza della
superficie di scorrimento non possono essere determinati con le sole equazioni di equilibrio e sono,
quindi, indeterminati.
Una rappresentazione schematica dei diversi meccanismi nel piano tu: λ è riportata in Figura 13.
L’effetto benefico dell’incastro alla testa del palo è evidente per pali con elevati valori del momento
di plasticizzazione. Il meccanismo A sostituisce il meccanismo B dei pali liberi di ruotare in testa,
dando luogo a valori più elevati del contributo tagliante.
Analogamente, i campi corrispondenti ai meccanismi B1 e BY sono separati da una linea ancora
descritta dall’equazione (10), fino ad un valore di λ pari a

1  χ +1 
λlim,r = = χu  u + 1 (14)
χu + 1  χu 
−1  
χu

Per λ > λlim,r il taglio adimensionalizzato massimo si ottiene per ogni valore di mu > mu,lim,r, dove:

21
Ministero dell’Istruzione dell’Università PRIN 2010-2011
e della Ricerca La mitigazione del rischio da frana mediante interventi
sostenibili

χu + 1
mu ,lim,r = (15)
4

Confrontando le equazioni (13) e (15), si evince che mu,lim,r è pari alla metà di mu,lim, corrispondente
al palo libero di ruotare. Il contributo tagliante del palo per diversi valori del rapporto di resistenza e
diversi valori del momento di plasticizzazione adimensionalizzato è riportato in Figura 14b.

Figura 12. Meccanismi di rottura e relative distribuzioni di reazioni del terreno, taglio e momento flettente per
terreni coesivi e palo impedito di ruotare in testa.

22
Ministero dell’Istruzione dell’Università PRIN 2010-2011
e della Ricerca La mitigazione del rischio da frana mediante interventi
sostenibili

Figura 13. Rappresentazione schematica del taglio adimensioionalizzato sulla superficie di scorrimento per terreni
coesivi e palo impedito di ruotare in testa e relativi meccanismi di rottura

23
Ministero dell’Istruzione dell’Università PRIN 2010-2011
e della Ricerca La mitigazione del rischio da frana mediante interventi
sostenibili

(a) (b)
Figura 14. Taglio adimensionale per analisi in condizioni non drenate per diversi valori del momento di
plasticizzazione adimensionale e rapporti di resistenza tra lo strato superiore e lo strato inferiore: (a) palo libero
e (b) palo impedito di ruotare in testa.

2.2 Analisi in condizioni drenate

In questo paragrafo sono riportati i risultati relativi al caso di terreni granulari in condizioni
secche (Di Laora et al., 2016). Sostituendo il peso efficace dell’unità di volume del terreno γ’ a quello
secco γ, è possibile estendere la trattazione anche al caso di terreno saturo e falda in quiete.

2.2.1 Pali liberi di ruotare in testa

In Figura 15 sono riportati i sei meccanismi per pali liberi di ruotare in testa completi dei
corrispondenti diagrammi di reazioni ultime del terreno e le sollecitazioni agenti nel palo. Da
considerazioni di equilibrio, come suggerito anche da Muraro et al. (2014) in relazione a pali rigidi,

24
Ministero dell’Istruzione dell’Università PRIN 2010-2011
e della Ricerca La mitigazione del rischio da frana mediante interventi
sostenibili

il taglio adimensionalizzato in corrispondenza della superficie di scorrimento per i meccanismi A e


C è dato da:

Meccanismo A:
TA λ λ 
tdA = =  + 1 (16)
kd1 γ d l1
2
χd  2 

Meccanismo C
TC 1
tdC = = (17)
kd 1 γ d l12
2

dove γ è il peso dell’unità di volume del terreno, per semplicità assunto uguale nei due strati, kd1
= 3kp1 e χd = kp1/kp2. (Broms, 1964b)
Per tener conto dell’inclinazione del pendio α, i coefficienti kp1 e kp2 possono essere valutati con
la teoria di Rankine per pendio indefinito.
Per il meccanismo B il taglio e il momento nel palo non possono essere ricavati analiticamente
in forma chiusa. Il problema è stato risolto numericamente per ogni coppia d valori λ e χ. Le soluzioni
sono state ottenute sia per il caso di palo infinitamente resistente, che per palo con resistenza finita
(meccanismi B1, B2 e BY), espressa in forma adimensionale:

My
md = (18)
kd1 γ d l13

Il contributo tagliante del palo per diversi valori del rapporto di resistenza e diversi valori del
momento di plasticizzazione adimensionalizzato è riportato nella successiva Figura 17a.

25
Ministero dell’Istruzione dell’Università PRIN 2010-2011
e della Ricerca La mitigazione del rischio da frana mediante interventi
sostenibili

Figura 15. Meccanismi di rottura e relative distribuzioni di reazioni del terreno, taglio e momento flettente per
analisi in condizioni drenate e palo libero di ruotare in testa.

2.2.2 Pali impediti di ruotare in testa

Per pali impediti di ruotare in testa i meccanismi presi in considerazione coincidono con quelli di
Figura 12, ma l’andamento degli sforzi varia con la profondità (Figura 16). I risultati quantitativi in
termini di taglio adimensionalizzato sono riportati in Figura 17b. Qui di seguito sono riportate le
equazioni che correlano χd con i valori limite del rapporto di infissione e del momento di
plasticizzazione adimensionalizzato, ricavate interpolando i risultati ottenuti numericamente sia nel
caso di pali liberi sia di pali impediti di ruotare (Figura 18):

λlim = 1.192 ⋅ χ d0.61


md lim = 0.108 ⋅ χ d + 0.17
(19a,b,c,d)
λlim,r = 0.977 ⋅ χ d0.64
md lim,r = 0.053 ⋅ χ d + 0.086

26
Ministero dell’Istruzione dell’Università PRIN 2010-2011
e della Ricerca La mitigazione del rischio da frana mediante interventi
sostenibili

Figura 16. Meccanismi di rottura e relative distribuzioni di reazioni del terreno, taglio e momento flettente per
analisi in condizioni drenate e palo impedito di ruotare in testa

27
Ministero dell’Istruzione dell’Università PRIN 2010-2011
e della Ricerca La mitigazione del rischio da frana mediante interventi
sostenibili

(a) (b)
Figura 17. Taglio adimensionale per analisi in condizioni drenate per diversi valori del momento di plasticizzazione
adimensionale e rapporti di resistenza tra lo strato superiore e lo strato inferiore: (a) palo libero e (b) palo impedito
di ruotare in testa.

28
Ministero dell’Istruzione dell’Università PRIN 2010-2011
e della Ricerca La mitigazione del rischio da frana mediante interventi
sostenibili

Figura 18. Formule di regressione per i valori limite del rapporto di infissione del momento adimensionalizzato
per pali liberi di ruotare e impediti di ruotare per analisi in condizioni drenate.

29
Ministero dell’Istruzione dell’Università PRIN 2010-2011
e della Ricerca La mitigazione del rischio da frana mediante interventi
sostenibili

3. Metodi Ibridi
I metodi cosiddetti “ibridi” cercano di coniugare tra loro in via semplificata aspetti diversi del
problema di interazione tra palo e terreno in frana. Essi infatti assumono differenti approcci per
descrivere
(i) il comportamento della massa di terreno instabile,
(ii) l’interazione del terreno con i pali
(iii) il comportamento meccanico di questi ultimi.
L’equilibrio della massa di terreno instabile può infatti essere studiato tenendo conto dell’azione
stabilizzante AFk,d mediante approcci allo SLU, quali ad esempio i classici metodi dell’equilibrio
limite, o con approcci negli spostamenti, andando ad integrare l’equazione completa del moto per la
massa di terreno, ipotizzata come corpo rigido (tale ipotesi viene peraltro comunemente introdotta
per lo studio in condizioni sismiche mediante metodi pseudodinamici, come discusso in seguito nel
Capitolo 5). Invece l’interazione palo-terreno e la risposta flessionale del palo, seguendo un approccio
agli SLE, sono in genere modellate mediante approcci semplificati negli spostamenti, ad esempio
introducendo rispettivamente le curve P-y e la curva M-θ.
Nell’ipotesi di moto rigido per la massa di terreno in frana, i punti (i) e (ii) sono disaccoppiati e
possono essere risolti separatamente. Appare chiaro allora che i metodi ibridi possano essere
convenientemente impiegati in tutte quelle situazioni in cui il meccanismo di rottura nel pendio è ben
localizzato e per le quali si possa quindi ipotizzare un atto di moto rigido; in tutti i casi in cui, al
contrario, il movimento franoso non è ancora “maturo” tali approcci risultano ben più approssimati e
possono portare ad una sovrastima dei valori dell’azione stabilizzante AFk,d.

3.1 Definizione della curva caratteristica

L’evoluzione dell’azione AFk,d in funzione del campo di spostamenti U del terreno può essere
ottenuta mediante la definizione di una curva “caratteristica”, associata al meccanismo di rottura del
pendio in esame. Assumendo un atto di moto rigido per la massa di terreno instabile, il profilo di
spostamenti U del terreno lungo la profondità può essere descritto come prodotto di una quantità
scalare U0 (che rappresenta lo spostamento in un punto significativo, quale ad esempio alla profondità
z=0 corrispondente alla testa del palo) e di una funzione di forma

U ( z ) = U 0 ⋅ Uˆ ( z ) . (20)

Nell’ipotesi inoltre di considerare unicamente la componente della forza di interazione che agisce in
direzione trasversale all’asse del palo, la curva caratteristica, che ha in origine la dimensione di una
funzione vettoriale di variabile vettoriale, è ridotta a funzione scalare della sola variabile scalare U0:

AkF = A0 , p + AkF (U 0 ) . (21)

Nella (21), per brevità si è fatto riferimento ai valori caratteristici delle grandezze, e si è messa
in evidenza la possibile presenza di un ancoraggio attivo cui viene inizialmente assegnato un pretiro
30
Ministero dell’Istruzione dell’Università PRIN 2010-2011
e della Ricerca La mitigazione del rischio da frana mediante interventi
sostenibili

di progetto A0,P, a spostamento nullo del terreno. Tipici esempi di curva caratteristica sono
qualitativamente riportati in Figura 19, in particolare:
(i) intervento di stabilizzazione passivo, comportamento duttile
(ii) intervento di stabilizzazione passivo, comportamento fragile
(iii) intervento di stabilizzazione attivo, comportamento duttile
(iv) intervento di stabilizzazione attivo, comportamento fragile.

Figura 19. Esempi di curve caratteristiche.

La corretta definizione della curva caratteristica deve prendere debitamente in conto


• le proprietà meccaniche degli strati di terreno attraversati,
• le proprietà meccaniche del palo,
• la presenza di vincoli attivi o passivi (ad es. tiranti),
• la forma del campo di spostamenti del terreno
ed è in genere calcolata essenzialmente per mezzo di metodi numerici. Il palo è discretizzato mediante
una serie di elementi finiti di tipo trave. Ogni nodo di collegamento tra due travi è connesso al terreno
per mezzo di una opportuna molla generalizzata, descritta da una curva P-y. Introducendo una matrice
di rigidezza KP per descrivere il comportamento strutturale del palo, un vettore Q che raccoglie i
carichi nodali agenti sul palo in direzione trasversale e un vettore u che raccoglie gli spostamenti
nodali del palo, è possibile scrivere

Q = K P ⋅u . (22)

Per l’equilibrio, tali carichi nodali devono essere uguali alle reazioni delle molle generalizzate
che riproducono l’interazione con il terreno, funzione degli spostamenti relativi tra il terreno U e il
palo u per mezzo delle curve P-y. Raccogliendo tali reazioni in un vettore f,

Q = f (U − u ) . (23)

Definendo la matrice diagonale D come la rigidezza delle curve P-y (pensate indipendenti l’una
dall’altra)

∂f
D= , (24)
∂(U − u )
e imponendo l’uguaglianza in forma incrementale tra la (22) e la (23), si ha

K P ⋅ u& = D ⋅ (U
& − u& ). (25)
31
Ministero dell’Istruzione dell’Università PRIN 2010-2011
e della Ricerca La mitigazione del rischio da frana mediante interventi
sostenibili

da cui

u& = (K P + D ) ⋅ D ⋅ U
−1 & . (26)

Risolvendo la (26) per un assegnato incremento del profilo di spostamenti U del terreno, è
possibile determinare l’evoluzione degli spostamenti u dei nodi del palo, e, tramite la (22), il
corrispondente vettore Q dei carichi nodali. Da questo è immediato procedere alla stima delle azioni
interne nel palo ad ogni passo di carico e, integrando le componenti trasversali di Q lungo lo spessore
H dello strato di terreno in movimento, stimare l’azione stabilizzante AFk,d al variare dello
spostamento U del versante.

3.1.1 Esempio numerico

A titolo di esempio per la valutazione della curva caratteristica, si riportano qui nel seguito i
risultati discussi in Galli e di Prisco (2013), riferiti ad un intervento realizzato all’interno di uno strato
di sabbia sciolta in moto sopra un substrato di materiale addensato e stabile (Figura 20a), le cui
caratteristiche sono elencate in Tabella 2. Le curve mostrate nel seguito (Figura 22) sono riferite per
semplicità ad un palo singolo e, in coerenza con quanto mostrato nel Capitolo 2, rappresentano il
valore della forza T trasferita al pendio.
Le curve P-y sono qui state calcolate adottando il metodo proposto da Reese et al. (2006) e,
limitatamente allo strato di sabbia sciolta, sono riportate a titolo esemplificativo in Figura 20b, avendo
assunto il piano di falda coincidente con il piano campagna (zw=0). In Figura 22a e b sono confrontati
tra loro i risultati riferiti a due tipologie di palo (Tabella 3), il primo in acciaio e il secondo in
calcestruzzo armato (CLS); si è anche studiato l’effetto del vincolo in testa (rappresentato da un
tirante di ancoraggio), mentre per semplicità si è trascurata la presenza della trave di coronamento.

(a) (b)
Figura 20. (a) Geometria del sistema; (b) andamento delle curve P-y per lo strato di sabbia sciolta (calcolate
secondo Reese et al., 2006).

Tre diversi profili di spostamento del terreno sono stati considerati (Figura 21): (a) profilo
uniforme, corrispondente ad un meccanismo “maturo”; (b) profilo decrescente con la profondità,
corrispondente ad un dissesto non ancora completamente localizzato; e (c) profilo crescente con la
profondità, corrispondente ad esempio ad un meccanismo rotazionale. Per coerenza, si è imposto a
tutti i meccanismi uno spostamento massimo in superficie U0 pari a 20 cm.

32
Ministero dell’Istruzione dell’Università PRIN 2010-2011
e della Ricerca La mitigazione del rischio da frana mediante interventi
sostenibili

(a) (b) (c)


Figura 21. Profili di spostamento del terreno: (a) localizzato; (b) non localizzato; (c) rotazionale. (da Galli e di
Prisco, 2013).

Sabbia sciolta Sabbia densa


Peso saturo γsat = 16 kN/m3 γsat = 18 kN/m3
Angolo di attrito φ’ = 28° φ’ = 42°
Tabella 2. Proprietà dei materiali granulari considerati.

Palo CLS Palo acciaio


Lunghezza, diametro L = 10 m; D = 80 cm L = 10 m; D = 80 cm
Modulo di Young E = 30 GPa E = 200 GPa
Tensione di snervamento σy = 350 MPa
Spessore - t = 11,5 mm
Calcestruzzo C30/35 -
Barre armatura 16Φ22, FeB38k -
Momento di plasticizzazione MY = 570 kN·m MY = 7500 kN·m
Tabella 3. Proprietà dei due tipi di palo considerati.

(a) (b)
Figura 22. Evoluzione della forza di sostegno T trasferita al pendio per un profilo di spostamenti del terreno
uniforme: (a) palo in CLS e (b) palo in acciaio (da Galli e di Prisco, 2013).

In Figura 22, limitatamente al caso di profilo di spostamenti uniforme, si confrontano gli


andamenti della forza di stabilizzante T ottenuti per i due tipi di palo al variare della tipologia di
33
Ministero dell’Istruzione dell’Università PRIN 2010-2011
e della Ricerca La mitigazione del rischio da frana mediante interventi
sostenibili

vincolo: palo libero, tirante attivo (pretiro pari a 200 kN) o tirante passivo. Si nota come ciò abbia
notevole influenza non solo sul valore finale dell’azione, ma anche sulla rigidezza della curva.

(a) (b)
Figura 23. Evoluzione della forza di sostegno T trasferita al pendio per diversi profili di spostamenti del terreno,
per un palo libero in testa: (a) palo in CLS e (b) palo in acciaio (da Galli e di Prisco, 2013).

(a) (b)
Figura 24. Profili di spostamento del palo per diversi profili di spostamenti del terreno, per un palo libero in testa
e per uno spostamento U0=20cm: (a) palo in CLS e (b) palo in acciaio (da Galli e di Prisco, 2013).

(a) (b)
Figura 25. Momenti flettenti nel palo per diversi profili di spostamenti del terreno, per un palo libero in testa e per
uno spostamento U0=20cm: (a) palo in CLS e (b) palo in acciaio (da Galli e di Prisco, 2013).

In Figura 23, riferendosi al solo caso di palo libero in testa, è mostrata invece l’influenza della
forma del campo di spostamenti sulla curva caratteristica per i due tipi di palo. Anche in questo caso,
le curve differiscono significativamente sia in termini di valore limite, sia in termini di rigidezza. Si
nota che le curve presentate tengono debitamente in conto le non linearità del comportamento
meccanico del palo. In Figura 24, ad esempio, sono mostrati gli spostamenti nodali del palo in
corrispondenza dello spostamento U0=20cm. Dalle curve si nota come il palo in CLS abbia sofferto
di una forte non linearità, dovuta all’attivazione di una cerniera plastica a circa 5 metri di profondità
34
Ministero dell’Istruzione dell’Università PRIN 2010-2011
e della Ricerca La mitigazione del rischio da frana mediante interventi
sostenibili

dal piano campagna. Si osserva infatti dalle curve dei momenti flettenti riportata in Figura 25a e b
che nel palo in CLS si raggiunge il valore del momento di plasticizzazione MY per la sezione (570
kNm), mentre nel palo in acciaio i valori di momento restano sempre abbondantemente entro il valore
limite (7500 kNm),

3.1.2 Osservazioni

(i) Qualora si assuma per le curve P-y e per la curva M-θ un comportamento elastoplastico
incrudente, l’integrazione della (26) risulta particolarmente efficiente e robusta da un
punto di vista computazionale se eseguita secondo approcci piece-wise linear (PWL),
che prevedono la linearizzazione a tratti della funzione di incrudimento e del dominio di
rottura di ogni molla. Per maggiori dettagli, si faccia riferimento a (Cocchetti et al. 2002,
e Cocchetti e Maier, 2003).
(ii) Nel caso in cui una o più curve P-y mostrassero un comportamento fragile, il problema
dell’integrazione della (26), anche con metodi PWL, perderebbe unicità. Come osservato
in Galli, Cocchetti, di Prisco (2011) e Tangaramvong e Tin-Loi (2007), tuttavia, lo
scarico locale di una molla non influenza significativamente la risposta del sistema nel
suo complesso. Per il problema in esame, inoltre, si assume che lo spostamento del
terreno sul singolo passo temporale considerato sia comunque tale da mantenere tutte le
molle in fase di carico, nonostante l’eventuale scarico locale di una molla per effetto del
comportamento fragile di quelle adiacenti.
(iii) La presenza di un tirante può essere modellata introducendo un carico nodale aggiuntivo
alla profondità di inserzione del tirante. Nel caso di tiranti attivi, tale carico è imposto
direttamente al sistema; nel caso di tiranti passivi, il loro effetto è tenuto in conto
modificando opportunamente la curva P-y locale.

3.2 Metodi Ibridi all’equilibrio limite

Una volta nota la curva caratteristica corrispondente al profilo di spostamento in esame, questa
può essere immediatamente impiegata nelle analisi di stabilità per il meccanismo individuato dalla
superficie di scivolamento F. A tal fine, possono essere impiegati classici metodi dell’equilibrio limite
(ad esempio, i metodi dei conci) in cui si valuta un unico valore di coefficiente di sicurezza “globale”
FS, in genere come riduttore della resistenza del terreno, definito sui valori caratteristici dei parametri:

RkF
EkF = + A0, p + AkF (U 0 ) . (27)
FS

La risposta è qualitativamente illustrata in Figura 26a con riferimento ai quattro tipi di curve
caratteristiche discusse in Figura 19. A partire da un valore iniziale FS0 per il pendio, in funzione del
valore di progetto FS,d, si possono ottenere diverse valutazioni dello spostamento U0 corrispondente,
a seconda del tipo di opera (attiva o passiva) e del tipo di risposta (duttile o fragile).

35
Ministero dell’Istruzione dell’Università PRIN 2010-2011
e della Ricerca La mitigazione del rischio da frana mediante interventi
sostenibili

(a) (b)
Figura 26. (a) applicazione di diverse curve caratteristiche al calcolo di FS secondo la (27); soluzione della (28) per
due diversi esempi di curve caratteristiche.

Alternativamente, seguendo lo spirito delle attuali normative per la verifica agli stati limite, è
formalmente possibile verificare il rispetto della seguente disequazione, valutata facendo riferimento
ai valori di progetto dei parametri

E dF < RdF + A0 , p + AdF (U 0 ) . (28)

In questo caso la risposta è qualitativamente illustrata in Figura 26b (con riferimento per brevità
solo alle curve (i) e (iii) di Figura 19), in cui si è anche tenuta qualitativamente in conto la possibile
perdita di resistenza Rd del terreno lungo la superficie F al crescere dello spostamento.
Come è evidente, la (27) e la (28) consentono di stimare il valore di U0 teoricamente
corrispondente al soddisfacimento della condizione richiesta, ma non danno nessuna informazione
circa l’effettivo raggiungimento di quest’ultima, né dell’intervallo di tempo necessario per
raggiungerla.

36
Ministero dell’Istruzione dell’Università PRIN 2010-2011
e della Ricerca La mitigazione del rischio da frana mediante interventi
sostenibili

4. Metodi completi negli spostamenti- Verifica SLE


I metodi allo Stato Limite di Esercizio procedono alla valutazione dell’evoluzione del campo di
spostamenti del terreno, tenendo conto dell’interazione con l’opera di sostegno. In generale, quindi,
l’ambizione è quella di studiare l’equazione del moto della massa di terreno instabile, identificata dal
meccanismo di rottura F nel versante, come formalmente indicato nell’equazione seguente

E dF (t ,U ( z )) = RdF (t ,U (z )) + A0 , p + AdF (U ( z )) + VdF (U& ( z )) + M dF (U&& (z )) . (29)

in cui si è indicata esplicitamente per le grandezze E ed R l’eventuale dipendenza dal tempo t (dovuta
ad esempio alla variazione dei carichi applicati, o a possibili fenomeni di creep) e dallo spostamento
stesso del terreno (quali ad esempio la perdita di resistenza da valori di picco a valori residui). Nella
(29) sono anche state messe formalmente in evidenza la componente di resistenza viscosa V
mobilitata lungo la superficie F in funzione della velocità di spostamento del terreno e la componente
inerziale M, funzione della sua accelerazione. Per generalità, tutti i termini sono calcolati facendo
riferimento ai rispettivi valori di progetto. Punto fondamentale per la corretta applicazione di questi
metodi è una affidabile caratterizzazione dei parametri che descrivono i termini della (29), ed in
particolare il termine viscoso. Tale parametro infatti non rappresenta solo una proprietà del materiale
che costituisce il pendio, ma, piuttosto, una proprietà dell’intero sistema, funzione anche della sua
geometria e della storia di carichi (meccanici, ambientali,…) agenti su di esso. Per questo motivo la
componente viscosa spesso può essere calibrata solo mediante back analysis su dati di monitoraggio
pregresso del pendio. Occorre considerare inoltre che la presenza di una struttura di sostegno come
una paratia filtrante modifica in genere questo valore di viscosità “di sistema”, dal momento che,
localmente, il campo di velocità del terreno nell’intorno della paratia viene notevolmente modificato
rispetto a quello iniziale, e di conseguenza vengono indotti significativi effetti tridimensionali che, se
da una parte sono difficilmente quantificabili in sede preventiva, dall’altro, per materiali duttili,
inducono in genere un aumento della viscosità globale. Sulla base di questa osservazione, quindi, si
può affermate che, per sistemi duttili, la calibrazione del parametro viscoso sulla base dei dati di
monitoraggio pregressa risulta essere in genere cautelativa al fine della stima degli spostamenti finali
attesi nel pendio. Ricordando l’equazione (20), il profilo di spostamenti del terreno può essere
espresso come prodotto di una quantità scalare U0 (ad esempio, lo spostamento in superficie) e di una
funzione Û(z) che ne descrive la forma lungo la profondità. Nei paragrafi seguenti sono mostrati due
esempi di integrazione della (29), rispettivamente per un caso in cui la forma del profilo di
spostamento è fissata e non evolve nel tempo, e per un caso in cui invece essa è libera di variare in
funzione dei carichi che il terreno scambia con i pali.

4.1 Profilo di spostamento fissato

Si consideri l’esempio di pendio infinitamente esteso discusso nel paragrafo 3.1.1, soggetto al
campo di spostamenti uniforme descritto in Figura 21a. L’equazione del moto (traslazionale) di tale
sistema (tenendo conto dei parametri espressi in Tabella 4) può essere ottenuta dalla (29) in funzione
del solo parametro scalare U0 ed espressa come

37
Ministero dell’Istruzione dell’Università PRIN 2010-2011
e della Ricerca La mitigazione del rischio da frana mediante interventi
sostenibili

( )
EdF − RdF (t ) − AdF (U 0 ) = VdF U& 0 (30)

µU& 0 = γ sat H sin α − (γ ' H + γ w z w ) ⋅ cos α ⋅ tan φ '−


T (U 0 )
, (31)
B⋅S

ove l’azione E è considerata costante e pari alla componente del peso dello strato parallela al pendio,
la resistenza R lungo la superficie di scivolamento viene fatta dipendere dalla profondità zw della falda
sotto il piano campagna e la curva caratteristica è ottenuta normalizzando la forza T per l’area di
influenza di ciascun palo (per semplicità si è ipotizzato che la spaziatura S e la distanza B siano tali
da poter trascurare l’interazione tra pali e l’affetto ombra). In ragione delle basse velocità attese per
questo tipo di dissesti, nella (31) si è trascurata la componente inerziale dovuta alle accelerazioni
della massa di terreno. La (31) può essere risolta con una semplice integrazione nel tempo mediante
il metodo alle differenze finite. Il secondo membro dell’equazione (31) è introdotto entro il simbolo
<⋅> a indicare che vengono considerati significativi solo valori positivi di velocità del terreno, coerenti
cioè con uno spostamento verso valle.

Distanza tra gli ordini di palificate B = 12 m


Spaziatura tra i pali S = 3,5 m
Inclinazione del pendio α = 28°
Parametro di viscosità µ = 17 MN·s/m3
Tabella 4. Definizione delle proprietà del sistema.

Imponendo un’oscillazione stagionale del livello di falda come descritta in Figura 27a, e
risolvendo la (31) inizialmente in assenza dell’opera di sostegno, è possibile stimare l’evoluzione
attesa dello spostamento dello strato di terreno (immaginando un profilo uniforme lungo la
profondità, come in Figura 21a) di circa 10 cm all’anno (Figura 27a).
Introducendo nella (31) le curve T(U0) precedentemente mostrate (Figura 22), è
immediatamente possibile integrare l’equazione e valutare l’efficienza dell’intervento (in termini di
contenimento dello spostamento del terreno e riduzione della sua velocità) per ciascuno dei due tipi
di palo e per diversi gradi di vincolo in testa (Figura 27b, c). Per i casi analizzati, si osserva come una
paratia di pali in acciaio consenta in ogni caso di arrestare il movimento franoso (con spostamenti
finali compresi tra 1 e 3 cm, attesi nei due anni successivi all’installazione della paratia filtrante). Per
pali in CLS, nei casi di estremo libero o con tirante passivo, si ha una risposta del tutto simile a quella
del palo in acciaio. Nel caso di tirante attivo, invece, la paratia di pali in CLS risulta essere non
pienamente efficace, dal momento che il valore scelto per il pretiro comporta l’attivazione di una
cerniera plastica: si ha quindi una riduzione della velocità di spostamento del terreno, ma senza
garantirne l’arresto.
E’ importante osservare che dati come quelli qui commentati possono anche costituire un utile
quadro interpretativo per la comprensione dei dati di monitoraggio dell’opera di sostegno.

38
Ministero dell’Istruzione dell’Università PRIN 2010-2011
e della Ricerca La mitigazione del rischio da frana mediante interventi
sostenibili

(a)

(b) (c)
Figura 27. (a) Evoluzione dello spostamento del terreno e della profondità di falda in assenza dei pali. Evoluzione
dello spostamento del terreno in presenza dei pali: (b) palo in acciaio e (c) palo in CLS (da Galli e di Prisco, 2013).

4.2 Profilo libero

Nel caso in cui il dissesto nel pendio non presenti ancora una chiara localizzazione, o quando il
moto della massa di terreno instabile non possa essere assimilato quello di un corpo rigido, il profilo
di velocità nel terreno non sarà uniforme (curva (i) di Figura 28a), ma sarà caratterizzato da andamenti
vari, in generale decrescenti con la profondità (curva (ii)) o irregolari (curva (iii)), in funzione della
geometria, delle proprietà del terreno e dell’andamento nel tempo delle azioni instabilizzanti. Risulta
pertanto indispensabile studiare simultaneamente:
(i) il comportamento della massa di terreno instabile,
(ii) l’interazione del terreno con il palo e
(iii) il comportamento meccanico di quest’ultimo,
in modo da cogliere sia l’influenza del campo di spostamenti del terreno sulla distribuzione delle
forze trasversali tra il palo e il terreno stesso, sia, a ritroso, l’effetto che queste hanno nel modificare
il profilo di velocità, possibilmente arrestandolo.
Facendo riferimento ad un caso monodimensionale di pendio infinitamente esteso, ad esempio,
si può in via semplificata assimilare lo strato di terreno instabile di spessore H ad un fluido viscoso
in moto laminare (assumendo quindi un legame rigido-viscoplastico perfetto per il terreno) e studiare
l’effetto che l’azione di sostegno esercita sull’equazione del moto, scritta alla generica profondità z
(Figura 28b). Nel paragrafo successivo è mostrato un esempio numerico.

39
Ministero dell’Istruzione dell’Università PRIN 2010-2011
e della Ricerca La mitigazione del rischio da frana mediante interventi
sostenibili

(a) (b)
Figura 28. (a) esempi di profili di velocità nel terreno; (b) interazione tra palo e terreno in moto laminare.

L’estensione a casi bi- o tridimensionali, se da un punto di vista teorico non presenta


significative differenze rispetto a quanto sopra commentato, da un punto di vista operativo necessita
l’indroduzione di un criterio che consenta di definire l’atto di moto corrente (cioè il campo di velocità
del terreno nell’intero pendio). Questo infatti, a differenza di quanto fatto poco sopra per il caso di
pendio indefinito in cui si deve necessariamente ammettere un moto traslazionale parallelo al pendio,
non può essere riconosciuto a priori grazie a considerazioni geometriche. Si ritiene che una trattazione
rigorosa di tale aspetto esuli dagli obiettivi delle presenti Linee Guida, e peraltro, a conoscenza degli
scriventi, non esistono ancora in Letteratura esempi a riguardo. Casi specifici che interessino
geometrie complesse possono tuttavia essere risolti mediante approcci tradizionali basati sulla
meccanica del continuo, per mezzo di codici che implementino metodi FEM o FDM, a patto di
introdurre legami costitutivi sufficientemente raffinati per descrivere il comportamento del sistema.

4.2.1 Esempio: pendio indefinito

Facendo riferimento ad uno strato di spessore generico z del pendio indefinito schematicamente
mostrato in Figura 28b, è possibile scrivere l’equazione del moto in direzione parallela al pendio
come

B ⋅ µ(z ) dU& (z ) c' ( z ) ⋅ B


⋅ = W ( z ) ⋅ sinα − N ' (z ) ⋅ tanφ ' (z ) + + A(z ) (32)
cosα dz cosα

in cui è stato trascurato il termine inerziale ed è stata introdotta una componente viscosa dipendente
da un parametro µ (in generale variabile lungo la profondità), avendo assunto per il terreno un
comportamento viscoplastico. L’azione di sostegno può essere formalmente espressa come integrale
delle azioni che palo e terreno si scambiano dalla superficie fino alla profondità z

z
A( z ) = ∫ f (U (ξ ) − u (ξ ))dξ (33)
0

in cui la funzione f fornisce la risultante degli sforzi trasversali agenti sulla superficie del palo alla
profondità considerata. La (32) può essere discretizzata, coerentemente alla discretizzazione del palo,
e riscritta nella forma

40
Ministero dell’Istruzione dell’Università PRIN 2010-2011
e della Ricerca La mitigazione del rischio da frana mediante interventi
sostenibili

&  u ⋅B
+ A(U − u)
B dU B
µ⋅ ⋅ = W ⋅ sinα −  W ⋅ cosα − w  ⋅ tan φ'+c'⋅ (34)
cosα dz  cosα  cosα

ove i termini in grassetto indicano quantità vettoriali e il vettore A, valutato come somma dei carichi
nodali agenti tra la superficie e la profondità considerata, è esplicitamente espresso come funzione
degli spostamenti relativi tra terreno e palo. La (34), insieme all’equazione (26), costituisce un sistema
di equazioni differenziali nelle due incognite U(z,t) e u(z,t), che rappresentano l’evoluzione dei profili
di spostamento del terreno e del palo lungo la profondità z. Per ciò che concerne l’imposizione delle
condizioni al contorno, si fa osservare che, in generale, è necessario suddividere il dominio di
integrazione spaziale in due sottodomini:
(i) nel caso in cui il palo immorsato nel substrato rigido (L>H), i due sottodomini saranno
definiti 0<z<H e H<z<L;
(ii) nel caso invece in cui il palo non sia immorsato nel substrato rigido (L<H), essi saranno
definiti come 0<z<L e L<z<H
Per poter integrare il sistema di equazioni differenziali, sarà in ogni caso necessario imporre che al di
là della superficie di scivolamento, lo spostamento del terreno sia nullo per ogni istante temporale
(U(z,t)=0, ∀t e per z>H).
A titolo di esempio, nel seguito tale procedura è stata applicata al caso di un pendio infinitamente
esteso costituito da uno strato di materiale granulare di spessore H (le cui proprietà sono elencate in
Tabella 5) che poggia su di un substrato molto più rigido e resistente. Lo strato superficiale viene
stabilizzato mediante la realizzazione di una paratia filtrante costituita da pali in CLS (Tabella 6),
immorsata per un metro nello strato stabile.

Inclinazione del pendio α = 35°


Spessore strato granulare H=5m
Peso saturo γsat = 18 kN/m3
Angolo di attrito φ’ = 28°
Coesione c’ = 0
Parametro di viscosità µ = 2.41×1011 kPa·s
Tabella 5. Proprietà geometriche e meccaniche dello strato instabile.

Lunghezza, diametro L = 6 m; D = 30 cm
Rigidezza flessionale EJ = 2.22×104 kNm2
Calcestruzzo C30/35
Barre armatura 10Φ14, FeB38k
Distanza tra gli ordini di palificate B = 10 m
Spaziatura tra i pali S=1m
Tabella 6. Descrizione della tipologia di palo.

Si è confrontata l’evoluzione del sistema in una finestra temporale di 30 anni, per quattro diversi
scenari:
a) assenza di pali,
b) pali liberi in testa,
c) pali con tirante passivo,
d) pali con tirante attivo (pretiro pari a 20 kN per ogni palo).
41
Ministero dell’Istruzione dell’Università PRIN 2010-2011
e della Ricerca La mitigazione del rischio da frana mediante interventi
sostenibili

Per semplicità si è assunto per i pali un comportamento lineare elastico, si è considerata


identicamente nulla la pressione neutra nel pendio, e si è assunto che non vi sia interazione tra pali
(S>Scr). Ove presente, il tirante è costituito da quattro trefoli in acciaio da 0.6” e lunghezza 20 m, ed
è stato modellato come una molla elastica aggiuntiva inserita alla profondità di 30 cm dal piano
campagna; per semplicità; non è stata presa in considerazione alcuna trave di collegamento tra i pali.

(a) (b) (c) (d)

Figura 29. Profili di velocità del terreno per i quattro diversi scenari.

(a) (b) (c) (d)

Figura 30. Profili di spostamento del terreno per i quattro diversi scenari.

I risultati sono riassunti in Figura 29 in termini di profili di velocità del pendio, e Figura 30 in
termini di profili di spostamento per differenti istanti temporali compresi tra 0,1 anni (cioè
immediatamente dopo la messa in opera) e 30 anni dopo la messa in opera. Per lo scenario (a), assenza
dei pali, il profilo di velocità del terreno è descritto da un andamento parabolico di ampiezza costante
nel tempo, con valori massimi in superficie di circa 10 mm/anno. Tale profilo viene solo leggermente
ridotto in ampiezza quando si considera la presenza di pali liberi in testa, scenario (b), segno che
questa soluzione non è da considerarsi pienamente soddisfacente in quanto il palo non è
sufficientemente immorsato nello strato stabile. In presenza di tiranti passivi, scenario (c), le velocità
sono invece significativamente ridotte con il passare del tempo fino a valori massimi residui
dell’ordine di 2 mm/anno, e la forma del profilo è modificata. Infine, in presenza di un tirante attivo
con pretiro di 20 kN), scenario (d); le velocità sono grandemente ridotte fin dai primi istanti dopo
l’installazione, e non se ne prevedono significative variazioni durante l’intera vita utile dell’opera. Si
osserva però che in questo caso la forma del profilo di velocità è diversa da quella iniziale, con
velocità residue non nulle per i primi due metri circa di profondità. A seguito della messa in opera
della paratia e dell’imposizione del pretiro, verrebbe quindi arrestato il meccanismo di scivolamento
42
Ministero dell’Istruzione dell’Università PRIN 2010-2011
e della Ricerca La mitigazione del rischio da frana mediante interventi
sostenibili

profondo, ma resterebbero attivi meccanismi di scivolamento più superficiali, per i quali i pali non
riescono a mobilitare sufficienti carichi stabilizzanti. Si noti che tale peculiarità non sarebbe stata
colta da metodi allo SLU. Per arrestare questi meccanismi superficiali risulta dunque necessario
intervenire con ulteriori soluzioni progettuali, o riprogettare la paratia filtrante.

A titolo di esempio, si osserva che, se per lo scenario (a) si adottasse l’approccio dell’equilibrio
limite esteso all’intero strato, si avrebbe un valore del coefficiente di sicurezza FS=tanφ’/tanα=0,76
uniforme lungo tutto lo spessore dello strato. Per portare tale valore a 1, occorrerebbe un’azione
stabilizzante tale da verificare l’equilibrio allo scivolamento dello strato:

T
γH ⋅ sin α = γH ⋅ cos α ⋅ tan φ '+ (35)
B⋅S

da cui T=124,22 kN per singolo palo. Evidentemente tale valore risulta grandemente
sovrastimato rispetto alle reali necessità (quantificate in circa 20 kN/palo, corrispondente al pretiro
assegnato), e sarebbe comunque inefficace per arrestare i meccanismi di scivolamento più
superficiali.

43
Ministero dell’Istruzione dell’Università PRIN 2010-2011
e della Ricerca La mitigazione del rischio da frana mediante interventi
sostenibili

5. Analisi sismica di pendii stabilizzati con pali


I metodi per l’analisi del comportamento dei pendii in presenza di azioni sismiche possono
essere suddivisi in tre livelli di analisi in ordine di complessità crescente (AGI, 2005):
• metodi pseudostatici
• metodi dinamici semplificati o pseudodinamici
• metodi dinamici.
Tali metodi presentano notevoli differenze che riguardano: la caratterizzazione dell’azione
sismica (considerata costante o variabile nel tempo); il modello di comportamento dei terreni che
costituiscono il pendio; il parametro di riferimento per la valutazione della stabilità (coefficiente di
sicurezza, spostamento o deformazioni irreversibili); l’approccio utilizzato (analitico o numerico) e
la condizione limite di riferimento.
Nei metodi pseudostatici si valutano le condizioni di equilibrio limite o di collasso incipiente
che corrispondono allo stato limite ultimo e si determina un coefficiente di sicurezza. Nei metodi di
analisi pseudodinamici e dinamici si possono verificare lo stato limite ultimo e lo stato limite di
danno, confrontando gli spostamenti e le deformazioni accumulate durante l’evento sismico con i
valori limite di riferimento.
Il tradizionale approccio pseudostatico per le verifiche di stabilità di pendii sotto azioni
sismiche, se condotto utilizzando le massime accelerazioni attese, è certamente troppo cautelativo,
non tenendo conto della breve durata delle azioni sismiche. Nella realtà, un coefficiente di sicurezza
"temporaneamente" minore dell'unità, nel corso dell’evento sismico, può comportare spostamenti
permanenti "tollerabili". È stato riconosciuto dall’EC8-5 (EN 1998-5, 2003), dalla O.P.C.M.
3274/2003 e dal D.M. 14/01/2008 (NCT, 2008) che la stabilità di un pendio o di un fronte di scavo
deve essere effettuata valutando l’entità degli spostamenti indotti dal sisma piuttosto che attraverso il
coefficiente di sicurezza pseudostatico, in modo da correlare le condizioni di stabilità allo stato di
deformazione del pendio. Tuttavia, in Europa, non esiste attualmente una prescrizione normativa a
cui far riferimento in merito agli spostamenti ammissibili per pendii naturali. Essi dipendono infatti
da numerosi fattori quali la presenza e la natura di strutture/infrastrutture esistenti, il livello di
protezione che si intende adottare, la gravità dei danni connessi ad un eventuale movimento franoso.
In letteratura pochi contributi (Li et al., 2010) hanno investigato il comportamento di pendii
stabilizzati da pali sotto azioni sismiche.
Analogamente a quanto discusso nei capitoli precedenti, l’analisi sismica sarà nel seguito
affrontata mediante differenti approcci. In particolare, nel paragrafo 5.1 è presentato un metodo allo
Stato Limite Ultimo, mentre nel 5.2 è presentato metodo ibrido.

5.1 Metodi pseudostatici

Gli approcci più comunemente adottati nella pratica professionale possono essere ricondotti ad
analisi pseudo-statiche, attraverso la definizione di opportuni valori del coefficiente di riduzione
dell'azione sismica. Questi ultimi sono ottenuti a partire da leggi di regressione e analisi statistiche
che legano gli spostamenti calcolati, con metodi dinamici semplificati, ad uno o più parametri del
moto. La stabilità dei pendii è valutata generalmente nell'ipotesi di problema di deformazione piana,
44
Ministero dell’Istruzione dell’Università PRIN 2010-2011
e della Ricerca La mitigazione del rischio da frana mediante interventi
sostenibili

impiegando i metodi globali dell'equilibrio limite (oppure i metodi delle strisce) basati sulle equazioni
della statica.
Le analisi di stabilità dei pendii vengono generalmente espresse in termini di coefficiente di
sicurezza, definito come il valore per cui dividere i parametri di resistenza disponibili lungo la
superficie di scorrimento per raggiungere la condizione di collasso incipiente. La superficie di
scorrimento critica è quella caratterizzata dal minor coefficiente di sicurezza.
Le ipotesi su cui si basa l'analisi pseudostatica sono:
• terreno assimilabile ad un mezzo rigido perfettamente plastico
• condizione di rottura simultanea in tutti i punti della superficie di scorrimento (pre-esistente o
potenziale)
• resistenza sulla superficie di scorrimento espressa in termini di tensioni efficaci mediante il
criterio di Mohr-Coulomb o in termini di tensioni totali mediante il criterio di Tresca
• azione dinamica del terremoto rappresentata come una forza di inerzia statica equivalente,
proporzionale al peso W della massa potenzialmente instabile, ed applicata nel baricentro della
stessa (metodi globali) o nei baricentri delle singole strisce (metodi delle strisce).

Le componenti orizzontale e verticale di tale forza possono essere espresse come:

Fh = kh ⋅ W
(36a,b)
Fv = kv ⋅ W

dove kh e kv sono rispettivamente i coefficienti sismici orizzontale e verticale.


La superficie di scorrimento caratterizzata dal minimo valore del coefficiente di sicurezza va
ricercata per tentativi considerando diversi possibili cinematismi di collasso, e solitamente assumendo
superfici di scorrimento cilindriche, con generatrici ortogonali alla sezione esaminata.
La definizione dei coefficienti sismici presenta svariate interpretazioni, sia in letteratura che nei
quadri normativi nazionali ed internazionali. Il D.M. 14/01/2008 (NTC 2008) stabilisce che nelle
verifiche allo stato limite ultimo, in mancanza di studi specifici, i coefficienti sismici orizzontale kh e
verticale kv possono esprimersi come:

amax
kh = β s ⋅
g (37a,b)
kv = ±0.5 ⋅ k h

ove g è l’accelerazione di gravità, βs è un coefficiente di riduzione sismica dell’accelerazione


massima attesa al sito (i cui valori variano in funzione dell’accelerazione orizzontale massima attesa
su sito di riferimento rigido ag e della categoria di sottosuolo) e amax è l’accelerazione orizzontale
massima attesa al sito. In assenza di analisi specifiche della risposta sismica locale, amax può essere
valutata con la relazione:

amax = S ⋅ ag = S S ⋅ ST ⋅ ag (38)

45
Ministero dell’Istruzione dell’Università PRIN 2010-2011
e della Ricerca La mitigazione del rischio da frana mediante interventi
sostenibili

dove S è un coefficiente che tiene conto l’effetto dell’amplificazione stratigrafica (SS) e


dell’amplificazione topografica (ST), e ag è l’accelerazione orizzontale massima attesa su sito di
riferimento rigido.
I limiti dei metodi pseudostatici consistono in:
• utilizzare sollecitazioni statiche, costanti nel tempo in modulo, direzione e verso, per valutare
gli effetti di sollecitazioni sismiche che hanno invece un carattere ciclico e transitorio;
• considerare che l’azione sismica equivalente derivi solo dall’accelerazione di picco, mentre
ci sono altre caratteristiche del sisma come la durata e il contenuto in frequenza, che vengono
totalmente trascurate e che possono essere fondamentali per la valutazione dell’effetto
instabilizzante di un terremoto.

5.1.1 Coefficiente di sicurezza di pendio indefinito stabilizzato con pali

Tra i metodi dell'equilibrio limite, il modello di pendio indefinito rappresenta quello di più facile
applicabilità, che risulta efficace nella trattazione di problemi di instabilità con le seguenti
caratteristiche:
• superficie di scorrimento parallela alla superficie topografica del pendio;
• rapporto tra la lunghezza e lo spessore del corpo di frana possa essere ritenuto tanto elevato
da trascurare gli effetti delle estremità (in generale si fissa un limite inferiore pari a 10);
• proprietà fisico-meccaniche del terreno siano costanti nell'ammasso.
Nella trattazione che segue si è ipotizzato di trascurare anche il contributo della forza sismica
verticale. La trattazione può però essere facilmente generalizzata anche in presenza di tale forza.
Nelle analisi pseudostatiche di pendii indefiniti stabilizzati con file di pali disposti ad interasse
S nel piano ortogonale alla superficie di scorrimento e B nella direzione longitudinale (Figura 31),
occorre portare in conto il contributo stabilizzante del palo AFk,d che rappresenta il taglio ultimo Tpile
sulla superficie di scorrimento ricavato come descritto nel Capitolo 2 per i diversi meccanismi di
rottura.

Figura 31. Schema di pendio indefinito stabilizzato con file di pali.

Si ottengono le espressioni del coefficiente di sicurezza riportate nel seguito, valutate sia per
pendio non stabilizzato sia per pendio stabilizzato con pali, in condizioni drenate (avendo ipotizzato
assenza di falda) e in condizioni non drenate.
46
Ministero dell’Istruzione dell’Università PRIN 2010-2011
e della Ricerca La mitigazione del rischio da frana mediante interventi
sostenibili

Pendio senza pali – terreni incoerenti in assenza di falda idrica


c '⋅ B ⋅ sec α + ( W ⋅ cos α − k h ⋅ W ⋅ sin α ) ⋅ tan ϕ '
FS = (39)
k h ⋅ W ⋅ cos α + W ⋅ sin α

Pendio con pali – terreni incoerenti in assenza di falda idrica


c '⋅ B ⋅ sec α + ( W ⋅ cos α − k h ⋅ W ⋅ sin α ) ⋅ tan ϕ '
FS = (40)
T
k h ⋅ W ⋅ cos α + W ⋅ sin α − pile
S

Pendio senza pali – terreni coesivi


c u ⋅ B ⋅ sec α
FS = (41)
k h ⋅ W ⋅ cos α + W ⋅ sin α

Pendio con pali – terreni coesivi


c u ⋅ B ⋅ sec α
FS = (42)
Tpile
k h ⋅ W ⋅ cos α + W ⋅ sin α −
S
È possibile estendere facilmente i risultati delle analisi in assenza di falda anche ad analisi
drenate in presenza di falda.

5.1.2 Coefficiente di sicurezza di pendio ad altezza limitata stabilizzato con pali

Tra gli svariati metodi proposti in letteratura per individuare il coefficiente di sicurezza di un
pendio basati sul principio dell'equilibrio limite, quello di Sarma (1973, 1979) appare particolarmente
adatto alle verifiche sotto azioni sismiche in quanto consente di calcolare l'accelerazione critica
orizzontale necessaria affinché la massa al sopra della superficie si trovi in una condizione di
incipiente collasso. Il corpo di frana, suddiviso in n strisce, è soggetto a forze destabilizzanti (peso
proprio ed azioni sismiche) e azioni stabilizzanti (resistenze mobilitate lungo la superficie di
scorrimento e, nel caso di pendio rinforzato, contributo dei pali) come in Figura 32. Nell'ipotesi in
cui la larghezza della striscia sia sufficientemente piccola da garantire che le azioni normali Ni
agiscano nel baricentro e che non ci siano forze esterne agenti all'interfaccia, Σ∆Ei=0 e Σ∆Xi=0, si
ricavano le equazioni dall'equilibrio orizzontale e verticale della singola striscia (Tpile≠0 solo nella
striscia in cui è presente il palo):

T pile
N i ⋅ cos α i + Ti ⋅ sin α i + ⋅ sin α i = W i − ∆ X i (43)
S
Tpile
Ti ⋅ cos α i − N i ⋅ sin α i + ⋅ cos α i = k h ⋅ Wi − ∆E i (44)
S
Ti = N i ⋅ tan φ 'i +ci ⋅ bi ⋅ sec α i (45)

47
Ministero dell’Istruzione dell’Università PRIN 2010-2011
e della Ricerca La mitigazione del rischio da frana mediante interventi
sostenibili

Figura 32. (a) superficie critica per il pendio non rinforzato e (b) sua analisi a seguito di stabilizzazione con pali.

Le equazioni di equilibrio (43), (44) insieme al legame costitutivo espresso dall’equazione (45)
e all’equazione di equilibrio alla rotazione globale dell’intera massa, "estese" rispetto al lavoro
originale (Sarma,1979) ed implementate in appositi programmi di calcolo (Matlab), consentono di
valutare il coefficiente di sicurezza del pendio in condizioni pseudostatiche tenendo conto del
contributo benefico offerto dalla paratia di pali. In questo caso il contributo della fila di pali è dato
dal taglio ultimo del palo (AFk,d = Tpile/S) e dal concomitante momento (Mpile/S) calcolato sulla
superficie di scorrimento in funzione dei diversi meccanismi di rottura analizzati nel Capitolo 2.

5.2 Analisi dinamiche semplificate: metodo degli spostamenti

I metodi degli spostamenti sono derivati dal modello di blocco rigido di Newmark (1965) nei
quali l’azione sismica è definita da una funzione temporale, gli effetti dell’azione sismica vengono
valutati in termini di spostamenti accumulati e la sicurezza è stimata confrontando lo spostamento
cumulato con quello ammissibile. Tali metodi consentono di superare il limite intrinseco
dell’approccio pseudostatico che utilizza sollecitazioni statiche e costanti nel tempo e di tener conto
del fatto che la risposta del pendio dipende anche dalle caratteristiche dell’accelerogramma. La
determinazione del coefficiente sismico critico avviene mediante un'analisi pseudostatica "inversa"
considerato che:
• la condizione di collasso incipiente (FS=1) corrisponde al valore del coefficiente sismico
critico;
• il fattore che fornisce un valore nullo dell'accelerazione critica corrisponde al coefficiente di
sicurezza critico in condizioni statiche.
Nel caso del pendio indefinito è possibile ottenere il coefficiente sismico critico in forma esatta
sia nel caso di pendio non stabilizzato che nel caso di pendio stabilizzato mediante l'utilizzo di paratie
filtranti (in questo caso il contributo della fila di pali è dato solo dal taglio ultimo del palo (AFk,d =
Tpile/S ):

Pendio senza pali – terreni incoerenti in assenza di falda idrica


c' tan ϕ ' − tan α
kc = + (46)
γ ' ⋅ l1 ⋅ cos α ⋅ (1 + tan α ⋅ tan ϕ ' ) 1 + tan ϕ ' ⋅ tan α
2

48
Ministero dell’Istruzione dell’Università PRIN 2010-2011
e della Ricerca La mitigazione del rischio da frana mediante interventi
sostenibili

Pendio con pali – terreni incoerenti in assenza di falda idrica


c' tan ϕ ' − tan α Tpile 1
kc = + + ⋅
γ ' ⋅ l1 ⋅ cos α ⋅ (1 + tan α ⋅ tan ϕ ' ) 1 + tan ϕ ' ⋅ tan α
2
S γ ' ⋅ B ⋅ l1 ⋅ cos α ⋅ (1 + tan α ⋅ tan ϕ ' )
(47)

Pendio senza pali – terreni coesivi


cu
kc = − tan α (48)
γ sat ⋅ l1 ⋅ cos 2 α ⋅

Pendio con pali – terreni coesivi


cu Tpile 1
kc = − tan α + ⋅ (49)
γ sat ⋅ l1 ⋅ cos α ⋅
2
S γ sat ⋅ B ⋅ l1 ⋅ cos α

dove con l1 si intende la lunghezza della porzione di palo entro la massa di terreno in esame.
Nel caso di pendio di altezza limitata la cui stabilità è valutata con il metodo di Sarma,
l'accelerazione critica si ricava iterativamente, considerato che i parametri di resistenza del materiale
lungo la superficie di scorrimento sono divisi per un coefficiente di sicurezza noto.
Una semplice metodologia per la valutazione degli spostamenti sismoindotti (cosismici) di
pendii stabilizzati con pali può essere riassunta in tre passi, come segue:
a) analisi di stabilità del pendio non stabilizzato e valutazione della resistenza ultima offerta dai
pali
b) implementazione del contributo tagliante e del momento offerto dai pali nei metodi
dell'equilibrio limite tradizionali e valutazione dell'accelerazione critica del pendio
stabilizzato (analisi pseudostatica inversa);
c) applicazione del metodo di Newmark, con un set di accelerogrammi significativi per il sito e
per il periodo di ritorno degli eventi sismici considerati (o per la probabilità di superamento
nella vita di riferimento del pendio), per stimare gli spostamenti cumulati permanenti.

5.2.1 Esempio numerico finalizzato alla la valutazione degli spostamenti sismoindotti per pendio di
altezza limitata stabilizzato con pali

Si riporta un’applicazione numerica per la valutazione degli spostamenti sismoindotti mediante


il modello di Newmark (1965) dove le accelerazioni critiche sono ricavate dall'estensione del metodo
all'equilibrio limite di Sarma, applicato sia al pendio naturale (non stabilizzato), sia in seguito alla
stabilizzazione mediante pali (Adinolfi et al., 2015). La procedura consente di apprezzare come
l'incremento delle forze resistenti dovuto al contributo offerto dai pali giovi alla performance sismica
del pendio in termini di riduzione degli spostamenti cumulati.
Per tre pendii omogenei in terreni a grana fine e condizioni non drenate, sono state sviluppate le
analisi di stabilità, sia in condizioni non rinforzate che in seguito alla stabilizzazione mediante pali,
allo scopo di calcolare i coefficienti critici (kc). I pendii sono caratterizzati da bassi valori della
resistenza non drenata (cu=36, 42, 50 kPa); altezze H=10, 12.5, 15 m ed inclinazioni α= 63°, 55°, 50°
(rispettivamente pendio n°1, pendio n°2 e pendio n°3). Le superfici critiche individuate per i pendii
non rinforzati corrispondono ad accelerazioni critiche rispettivamente pari a kc=0.020, 0.017, 0.035.
49
Ministero dell’Istruzione dell’Università PRIN 2010-2011
e della Ricerca La mitigazione del rischio da frana mediante interventi
sostenibili

Le stesse superfici sono state analizzate considerando la presenza di una fila di pali infissi nel pendio
con differenti valori dell’interasse S e diverse lunghezze L (Figura 33)
In Tabella 7, per ogni configurazione di pali e per ogni pendio, si riportano i valori degli interassi
utilizzati, i corrispondenti coefficienti di sicurezza ed i coefficienti critici.

Figura 33. Casi studio di tre pendii stabilizzati con tre diverse configurazioni di pali.

S/D D (m) S (m) FS kc Tpile(kN) MY (kNm)


CONF. 1 3 0.8 2.4 1.304 0.1835 134.8 577.2
PENDIO 1

CONF. 2 4 0.8 3.2 1.248 0.1563 112.3 769.0


CONF. 3 5 0.8 4 1.197 0.1291 89.9 769.0
NON STABILIZ. 0 0 0 1.027 0.0204 0.0 0.0
CONF. 1 2.5 0.8 2 1.302 0.1641 212.2 749.0
PENDIO 2

CONF. 2 3 0.8 2.4 1.252 0.1423 180.7 805. 8


CONF. 3 4 0.8 3.2 1.203 0.1195 147.6 1049.0
NON STABILIZ. 0 0 0 1.040 0.0179 0.0 0.0
CONF. 1 2.5 0.8 2 1.301 0.1598 288.0 518.8
PENDIO 3

CONF. 2 3 0.8 2.4 1.250 0.1382 238.0 769.0


CONF. 3 4 0.8 3.2 1.200 0.1151 184.4 913.8
NON STABILIZ. 0 0 0 1.054 0.0356 0.0 0.0
Tabella 7. Caratteristiche dei pendii e risultati delle analisi di stabilità.

Ogni configurazione è caratterizzata da diversi momenti di plasticizzazione MY dei pali (ricavato


mediante le formule convenzionali per pali cilindrici) e forze di taglio ultime di ogni palo (Tpile) tali
da garantire valori di coefficienti di sicurezza fissati a FS= 1.20, 1.25 e 1.30, così come suggerito dalla
procedura generale di letteratura (Kourkoulis et al., 2012). Una notevole riduzione degli spostamenti,
dovuta alla presenza dei pali nel pendio, può essere apprezzata in Figura 34, dove gli spostamenti

50
Ministero dell’Istruzione dell’Università PRIN 2010-2011
e della Ricerca La mitigazione del rischio da frana mediante interventi
sostenibili

permanenti sismo-indotti dall'accelerogramma di Tolmezzo (ATMZ270), sono rappresentati per i


pendii non rinforzati (linea nera) e per quelli stabilizzati con pali. Si può notare come gli spostamenti
dei pendii rinforzati siano stati significativamente più piccoli rispetto a quelli non stabilizzati. Le
riduzioni di spostamento variano dal 99 al 93% per il primo pendio (che presentava uno spostamento
massimo di 40 cm per pendio non rinforzato), dal 98 al 91% per il secondo pendio (spostamento
massimo di 43 cm per pendio non rinforzato) e una riduzione dal 97 all' 83% per il terzo caso
(spostamento massimo di 27 cm per pendio non rinforzato).

Figura 34. Spostamenti di Newmark (registrazione ATMZ270).

N° Evento Stazione PGA (g) N° Evento Stazione PGA(g)


1 Chi Chi, 1999 TCU045 0.361 16 Bingol, 2003 007142xa 0.515
2 Friuli, 1976 ATMZ270 0.315 17 Avej, 2002 007718xa 0.446
3 Irpinia, 1980 ASTU270 0.320 18 South Iceland, 2000 006349xa 0.744
4 Irpinia, 1980 ABAG 270 0.189 19 South Iceland, 2000 004674xa 0.318
5 Izmit, 1999 001231xa 0.161 20 Duzce, 1999 006500xa 0.496
6 Izmit, 1999 GBZ000 0.244 21 Oelfus, 1998 004992xa 0.145
7 Loma Prieta, 1989 CYC285 0.484 22 Mt. Hengill area, 1998 005079XA 0.173
8 Tabas, 1978 000182xa 0.338 23 Kozani, 1995 006115xa 0.208
9 Ardal, 1977 000158xa 0.908 24 Firuzabad, 1994 007156xa 0.310
10 Montenegro, 1979 000198xa 0.181 25 Spitak, 1988 000465xa 0.202
11 Hollister,1961 USGS 1028 0.484 26 Etolia, 1988 000428xa 0.166
12 Montenegro, 1979 000200xa 0.224 27 SE_Tirana, 1988 003802xa 0.113
13 Northridge, 1994 24278 090 0.568 28 Umbria Marche, 1997 ENCB090 0.383
14 Olfus, 2008 013006xa 0.665 29 Umbria Marche, 1997 IBCT090 0.162
15 Olfus, 2008 013010xa 0.536 30 Trinidad, 1983 CDMG 1498 0.194
Tabella 8. Database accelerometrico.

Un database composto da 30 registrazioni accelerometriche (Tabella 8) selezionate da diverse fonti


(Scasserra et al., 2008, Chiou et al., 2008) è stato in seguito utilizzato per valutare gli spostamenti
cumulati mediante il metodo di Newmark. Gli accelerogrammi sono stati scalati alla stessa
accelerazione di picco amax=0.25g, ipotizzata essere quella di riferimento per il sito in esame e per il
51
Ministero dell’Istruzione dell’Università PRIN 2010-2011
e della Ricerca La mitigazione del rischio da frana mediante interventi
sostenibili

periodo di ritorno dell’evento sismico considerato. I risultati (Figura 35) evidenziano che gli effetti
della stabilizzazione dei pendii mediante pali comportano una notevole riduzione degli spostamenti
sismoindotti, correlabile all'incremento del coefficiente di sicurezza in condizioni statiche (Adinolfi
et. al, 2015)
Tenuto conto che i metodi degli spostamenti derivati dal modello di blocco rigido di Newmark (1965)
fanno riferimento a cinematismi di collasso idealizzati e semplificati, gli spostamenti calcolati devono
considerarsi come una stima dell'ordine di grandezza degli spostamenti reali, e quindi come un indice
di prestazione del pendio in condizioni sismiche. Lo studio dimostra che i pali, progettati per
incrementare il coefficiente di sicurezza statico a prefissati valori, possono drasticamente ridurre gli
spostamenti sismoindotti. Le limitazioni del metodo sono dovute alle ipotesi semplificative adottate:
sebbene i risultati evidenzino un trend interessante, la generalizzazione richiede attenzione e sarà
oggetto di studi futuri.

Figura 35. Spostamenti sismoindotti in funzione del coefficiente di sicurezza in condizioni statiche.

52
Ministero dell’Istruzione dell’Università PRIN 2010-2011
e della Ricerca La mitigazione del rischio da frana mediante interventi
sostenibili

6. Osservazioni conclusive
6.1 Monitoraggio

Come sempre accade per le opere civili, il monitoraggio della struttura durante la fase di messa
in opera è di fondamentale importanza, e, in aggiunta ai tradizionali controlli circa la verticalità e
l’integrità dei pali, deve prevedere (per paratie pretirantate in assenza di significativi carichi verticali)
essenzialmente la misura degli spostamenti orizzontali della testa dei pali e di alcuni valori di
spostamento del terreno circostante in corrispondenza di punti ritenuti significativi. Il monitoraggio
di paratie filtranti, più in generale, deve però inquadrarsi in un più ampio progetto di monitoraggio
dell’intero sistema, che parte ben prima (ad, anzi, supporta) la progettazione dell’opera. Come
brevemente messo in luce in precedenza, infatti, la corretta progettazione di una paratia filtrante non
può prescindere dalla precisa conoscenza del campo di spostamenti del terreno attivo nel pendio già
prima della realizzazione dell’opera. Analogamente, nel quadro di approcci progettuali di tipo
prestazionale, è necessario verificare l’efficacia dell’intervento in termini di riduzione delle velocità
di spostamento del pendio a lungo termine, ed è quindi essenziale mantenere attivo tale sistema di
monitoraggio anche successivamente alla messa in opera. La progettazione del sistema di
monitoraggio e la scelta delle più opportune tecnologie di misura è ovviamente compito del
progettista, e può spaziare dall’impiego di inclinometri tradizionali, di misure topografiche (ottiche o
GPS), di telerilevamento, ecc. Si ritiene inoltre fondamentale procedere al monitoraggio delle
pressioni interstiziali nel pendio e delle forze nei tiranti, così come, possibilmente, alla misura dello
stato tensionale nei pali per mezzo di opportune misure estensimetriche.
Si sottolinea che tale mole di dati consente non solo di progettare correttamente la struttura, ma
anche di verificarne e interpretarne il comportamento a lungo termine, fornendo al progettista una
solida base per riconoscere immediatamente eventuali anomalie del sistema.

6.2 Criticità, durabilità, sostenibilità

Le principali criticità legate alla progettazione e realizzazione di una paratia filtrante sono
dovute alla corretta modellazione del comportamento meccanico della struttura e della sua interazione
con il terreno circostante. Ciò consente di pervenire ad una precisa definizione delle gerarchie di
resistenza di tutte le componenti del sistema (palo, trave di coronamento, tirante…) in modo da
garantire la duttilità richiesta in fase di progetto. A tal proposito risulta essenziale valutare la
durabilità delle singole componenti del sistema nei confronti di carichi agenti, non solo di natura
meccanica (quali, evidentemente, i carichi dovuti allo spostamento del terreno), ma anche di natura
ambientale (termici, meteorici, chimici legati all’interazione della struttura con un ambiente
aggressivo…), spesso di natura ciclica.
Dal punto di vista ambientale la realizzazione di una paratia filtrante comporta un onere
paragonabile a quello di qualsiasi altra opera civile di ugual volume, ma è caratterizzata da un ridotto
impatto visivo (che può essere anzi ulteriormente mascherato adottando opportuni accorgimenti
accessori, quali ad esempio quelli propri dei metodi di ingegneria naturalistica) dal momento che
l’opera è quasi completamente interrata. Rispetto ad un setto continuo, inoltre, una paratia filtrante
non costituisce una barriera impermeabile tra monte e valle, non venendo quindi a modificare
53
Ministero dell’Istruzione dell’Università PRIN 2010-2011
e della Ricerca La mitigazione del rischio da frana mediante interventi
sostenibili

sostanzialmente la circolazione idrica nel pendio (anche se spesso è accoppiata alla realizzazione di
sistemi di tubi drenanti), né attività biologiche (quali lo sviluppo di specie animali e vegetali, anche
in ambiente sotterraneo), a meno di una inevitabile modifica delle caratteristiche del terreno
nell’intorno dei pali.

6.3 Cantierizzazione

I fattori che maggiormente condizionano la messa in opera di una paratia filtrante sono
essenzialmente dovuti alla geometria del sistema, in particolare alla pendenza del versante. Pendii
molto acclivi potrebbero comportare serie limitazioni operative dovute alla difficoltà di raggiungere
con le macchine operatrici il punto scelto per il posizionamento dei pali. A questo proposito, si segnala
comunque che l’estrema flessibilità dell’intervento consente di spaziare tra geometrie e dimensioni
molto differenti, variabili da quelle tipiche di micropali a quelle di pali di grande diametro, fornendo
quindi una serie di valide alternative progettuali utili a superare (almeno in parte) alcune limitazioni
dovute alla scarsa accessibilità della zona di cantiere. La natura dell’opera consente inoltre di
semplificare notevolmente la progettazione e messa in esercizio, permettendo ove possibile di
adottare anche soluzioni modulari con pali e travi di coronamento prefabbricate e ottimizzate per il
particolare intervento.
Infine, la realizzazione di tali opere, pur richiedendo un controllo attento sull’esecuzione e
soprattutto sulla continuità assiale dei pali (aspetto critico nei pali gettati in opera), non necessita di
una particolare specializzazione delle imprese esecutrici, essendo sufficienti imprese abilitate ad
eseguire usuali fondazioni su pali.

54
Ministero dell’Istruzione dell’Università PRIN 2010-2011
e della Ricerca La mitigazione del rischio da frana mediante interventi
sostenibili

7. Bibliografia
Adinolfi M., Di Laora R., Maiorano R.M.S, Aversa A.. A seismic performance-based design approach for
slope stabilizing piles. COMPDYN 2015 5th ECCOMAS Thematic Conference on Computational Methods
in Structural Dynamics and Earthquake Engineering M. Papadrakakis, V. Papadopoulos, V. Plevris (eds.)
Vol.2, pp. 2815-2827 ISBN: 978-960-99994-7-2, Crete Island, Greece, 25–27 May 2015.
AGI 2005. Linee guida sugli aspetti geotecnici della progettazione in zona sismica. Patron Editore. Bologna.
Blum, H. 1932. Wirtschaftliche dalbenformen und deren berechnung. Bautechnik , Heft 5.
Brinch Hansen, J. 1961. The Ultimate resistance of rigid piles against transversal forces. The Danish
geotechnical institute, Bulletin, 12.
Broms B.B. 1983. Discussion on Earth Pressures on Piles in a Row due to Lateral Soil Movements. Soils and
Foundations, Vol. 23, N°3.
Broms, B. B. 1964a. Lateral resistance of piles in cohesive soils. J. Soil Mech. Fdn. Div., Am. Soc. Civ. Engrs.
90, No. SM2, 27-63. 137
Broms, B. B. 1964b. Lateral resistance of piles in cohesionless soils. J. Soil Mech. Fdn. Div., Am. Soc. Civ.
Engrs. 90, No. SM3, 123-156.
Brown, D. A. & Shie, C. F. 1991. Modification of p-y curves to account for group effects on laterally loaded
piles. Proc. Congress Geotech. Engng. Div. 1, Am. Soc. Civ. Engrs., 479-489.
Brown, D. A., Morrison, C. & Reese, L. C. 1988. Lateral load behavior of pile group in sand. J. Geotech.
Engng., Am. Soc. Civ. Engrs. 114, No. 11, 1261-1276.
Brown, D. A., Reese, L. C. & O’Neill, M. W. 1987. Cyclic lateral loading of a large-scale pile group. J.
Geotech. Engng., Am. Soc. Civ. Engrs. 113, No. 11, 1326-1343.
Chiou B, Darragh R, Gregor N, Silva W. 2008. NGA Project Strong-Motion Database. Earthquake Spectra,
24(1), 23-44. PEER Ground Motion Database Beta Version 2010; URL: http://peer.berkeley.edu/
Chmoulian, A. 2004. Briefing: Analysis of piled stabilization of landslides. Proceedings of the Institution of
Civil Engineers, Geotechnical Engineering, 157(2), pp. 55-56.
Cocchetti, G. and Maier, G. 2003. Elastic-plastic and limit state analyses of frames with softening plastic-hinge
models by mathematical programming. International Journal of Solids and Structures, 40(25): 7219–7244.
Cocchetti, G., Maier, G. and Shen, X.P. 2002. Piecewise linear models for interfaces and mixed mode cohesive
cracks. Computer Modelling in Engineering and Science, 3(3): 279–298.
De Beer E. E. e Carpentier R. 1977. Discussion of the paper by Ito and Matsui (1975). Soils and Foundations,
vol. 16, n. 1, pp. 68-82.
De Beer, E., 1977. Piles subjected to static lateral loads. Proceedings of the 9th International Conference on
Soil Mechanics and Foundation Engineering, Special Session No. 10, Tokyo
Di Laora R. , Maiorano R.M.S, Aversa S. 2016. Ultimate lateral load of slope-stabilizing piles: novel analytical
solutions leading to optimum design. Canadian Geotechnical Journal. Submitted for acceptance.
Durrani, J.K., Ellis, E.A., Reddish, D.J., 2006. Modelling lateral pile–soil interaction for a row of piles in a
frictional soil. 4th International FLAC Symp. Numerical Modelling Geomech, pp. 231–238.
Ellis, E.A., Durrani, I.K., Reddish, D.J., 2010. Numerical modelling of discrete pile rows for slope stability
and generic guidance for design. Geotechnique 60 (3), 185–195.
EN 1998-5, 2003. Eurocode 8: Design of structure for earthquake resistance,. Part 5: Foundations, retaining
structures and geotechnical aspects. CEN European Committee for Standardisation, Bruxelles, Belgium.
Fan, C.C., and Long, J.H. 2005. Assessment of existing methods for predicting soil response of laterally loaded
piles in sand. Computer and Geotechnics, 32(4): 274–289.
Gabr, M.A., Lunne, T., and Powell, J.J. 1994. P-Y analysis of laterally loaded piles in clay using DMT. Journal
of Geotechnical Engeneering, 120(5): 816–837.

55
Ministero dell’Istruzione dell’Università PRIN 2010-2011
e della Ricerca La mitigazione del rischio da frana mediante interventi
sostenibili

Galli, A., Cocchetti, G., and di Prisco, C. 2011. A simplified numerical approach for studying the pile-landslide
interaction in hard soils. In Proceeding of 15th European Conference on Soil Mechanics and Geotechnical
Engineering, Athens 11-15/09/2011: 1347-1352.
Galli, A., di Prisco, C. 2013. Displacement-based design procedure for slope-stabilizing piles. Canadian
Geotechnical Journal, 50, 41–53.
Georgiadis, M. 1983. Development of p-y curves for layered soils. In Proceedings of Geotechnical Practice in
Offshore Engineering, ASCE Specialty Conf., ASCE, Reston, Va., 536–545.
Georgiadis, M. and Butterfield, R. 1982. Laterally loaded pile behaviour. Journal of Geotechnical Engineering
Division, American Society of Civil Engineers, 108(1): 155–165.
Gou, W.D., Quin, H.Y., 2010. Thrust and bending moment of rigid piles subjected tomoving soil. Canadian
Geotechnical Journal 47, 180–196.
Holloway, D. M., Moriwaki, Y., Stevens, J. B. & Perez, J. Y. 1981. Response of a pile group to combined
axial and lateral loading. Proc. 10th Int. Conf. Soil Mech. Fdn. Engng., 2, Stockholm, 731-734.
Ito, T., Matsui, T., 1975. Methods to estimate lateral force acting on stabilizing piles. Soils and Foundations
15 (4).
Kourkoulis R, Gelagoti F, Anastasopoulos I, Gazetas G. 2012. Hybrid method for analysis and design of slope
stabilizing piles. J Geotech Geoenviron Eng ASCE, 138(1), 1–14.
Li X, He S, Wu Y. 2010. Seismic Displacement of Slopes Reinforced with Piles. J Geotech Geoenviron Eng.
ASCE, 136, 880-884.
Liang, R., Zeng, S., 2002. Numerical study of soil arching mechanism in drilled shafts for slope stabilization.
Soils and Foundations 42 (2), 83–92.
Lirer S. 2012. Landslide stabilizing piles: Experimental evidences and numerical interpretation. Engineering
Geology, 149-150, 70–77.
Matlock, H. 1970. Correlations for Design of Laterally Loaded Piles in Soft Clay. In Proceedings Offshore
Technology Conference, Houston, Texas, 577–594.
Matlock, H. and Reese, L. C. 1960. Generalized solutions for laterally loaded piles. J. Soil Mech. Fdn. Div.,
Am. Soc. Civ. Engrs. 86, No. SM5, 63-91.
Muraro S., Madaschi A., Gaio A. 2014. On the reliability of 3D numerical analyses on passive piles used for
slope stabilisation in frictional soils. Géotechnique 64, No. 6, 486–492.
Musso A. 1977. Lateral Forces on Piles in a Sloping Ground. Proceedings of the International Symposium on
the Geotechnics of Structurally Complex Formations, Capri (Italy).
Newmark, N. M. 1965. Effects of earthquakes on dams and embankments. Geotechnique, 15 (2) 139–160.
Ng C. W. W., Zhang, L. & Nip, D. C. N. 2001. Response of laboratory loaded large-diameter bored pile groups.
J. Geotech. Geoenv. Engng., Am. Soc. Civ. Engrs. 127, No. 8, 658-669.
NTC 2008 - DM 14/1/2008. Norme Tecniche per le Costruzioni. S.O. n. 30 - Gazzetta Ufficiale della
Repubblica Italiana, n. 20-4/2/2008.
O.P.C.M. 3274/2003 - Primi elementi in materia di criteri generali per la classificazione sismica del territorio
nazionale e di normative tecniche per le costruzioni in zona sismica - Gazzetta Ufficiale della Repubblica
Italiana, n. 105-8/5/03.
O’Neil, M.W., and Gazioglu, S.M. 1984. An evaluation of p-y relationships in clays. Report Prepared for the
American Petroleum Institute, Univ. of Houston, Texas.
Poulos, H.G., 1995. Design of reinforcing piles to increase slope stability. Canadian Geotechnical Journal 32,
808–818.
Reese, L.C., and Welch, R.C. 1975. Lateral loading of deep foundations in stiff clay. Journal of Geotechnical
Engineering Division, American Society of Civil Engineers, 101(7); 633–649.
Reese, L.C., Cox, W.R., and Koch, F.D. 1974. Analysis of Laterally Loaded Piles in Sand, In Proceedings
Offshore Technology Conference, Houston, TX, Vol. II, Paper No. 2080: 473–484.
Reese, L.C., Isenhower, W.M. and Wang, S.T. 2006. Analysis and design of shallow and deep foundations
John Wiley.
Rollins, K. M., Peterson, K. T. &Weaver, T. J. 1998. Lateral load behavior of full-scale pile group in clay. J.
Geotech. Geoenv. Engng., Am. Soc. Civ. Engrs. 124, No. 6, 468-478.
56
Ministero dell’Istruzione dell’Università PRIN 2010-2011
e della Ricerca La mitigazione del rischio da frana mediante interventi
sostenibili

Ruesta, P. F. & Townsend, F. C. 1997. Evaluation of laterally loaded pile group at Roosevelt bridge. J.
Geotech. Geoenv. Engng., Am. Soc. Civ. Engrs. 123, No. 12, 1153-1161.
Sarma S K. 1973. Stability analysis of embankments and slopes. Geotechnique, 23(3):423-433.
Sarma, S K, 1979. Stability analysis of embankments and slopes. Journal of the Geotechnical Engineering
Division, ASCE, 105, 1511-1524.
Scasserra G, Lanzo G, Stewart J P, D'Elia B. SISMA (Site of Italian Strong Motion Accelerograms): a web-
database of ground motion recordings for engineering ap-plications. Seismic Engineering Conference
commemorating the 1908 Messina and Reggio Calabria Earthquake, Reggio Calabria, Italy 2008: 2:1649-
56.
Tangaramvong, S. and Tin-Loi, S. 2007. A complementa-rity approach for elastoplastic analysis of strain
softening frames under combined bending and axi-al force, Engineering Structures, 29(5), 742-753.
Viggiani, C., 1981. Ultimate lateral load on piles used to stabilize landslides. Proceedings of 10th International
Conference on Soil Mechanics and Foundation Engineers; Stockholm, vol. 3, pp. 555–560.
Zhang, L., McVay, M. C. & Lai, P. 1999. Numerical analysis of laterally loaded 3×3 to 7×3 pile groups in
sands. J. Geotech. Geoenv. Engng., Am. Soc. Civ. Engrs. 125, No. 11, 936-946.

57