Sei sulla pagina 1di 910

In questa pagina trovate la "memoria" di Golem: ogni numero della rivista viene archiviato qui.

Potrete così raggiungere tutti gli articoli pubblicati precedentemente, mentre troverete sempre il
Golem attuale nel "Presente".

Fate click sul numero che volete vedere.


Sommario

Presentazione

Fine delle regole

Furio Colombo
Vivere senza regole

Conversazione con Gianni Mura


Fine del tackle da dietro

Roberto Maragliano
Videogiochi per analfabeti

Sylvie Coyaud
La scienza senza regole nè regoli

Aldo Grasso
Per un servizio pubblico perfetto

Paolo Palazzi
Economia, scienza divina

Carlo Boccadoro
Bach e la viabilità

Gianni Granata
Aristotele veleggia su Internet

Giuseppe Pontiggia
Decalogo della società letteraria

Forum: Regolatevi voi

Giochi politici

Stefano Bartezzaghi
Dal dado di Giulio Cesare al flipper di Fabio Mussi

Golem intervista Massimo D'Alema


"Mi piace molto far funzionare la capa"

Campus di tensioni

Domenico Fiormonte
L'Università, serva del paradosso

Forum: Campus di tensioni

Sala giochi

Umberto Eco
Esercizi tipografici

Forum: La stanza dei giochi

Soluzioni dell'Autogolem n. 15

In miniera

Guarda la fotografia:
Lo sguardo remoto del Prof. Di Bella
Marco Belpoliti

Oliviero Ponte di Pino


Perchè lo fai?

Liam Email
Se la gatta va al lardo

Aldo Grasso
Piccola enciclopedia della televisione italiana

Forum: Piccola enciclopedia dei lettori

Walter Fontana
Battute fuori tempo

Forum: A voi la battuta

Cinzia Leone
Il diamante dell'Haganah

Colophon
Indici di Golem

Forum: I commenti dei lettori

Come si legge Golem


In questa pagina, (come in tutte le altre di Golem) puoi usare la barra per navigare: potrai
sempre ritornare a questo sommario ("Presente"), vedere l'archivio di Golem ("Passato"),
curiosare tra le anticipazioni del prossimo numero ("Futuro").
Con il punto interrogativo riceverai alcune informazioni, mentre con il punto esclamativo
potrai aderire a Golem, intervenire nei Forum e accedere agli Indici di Golem.

Italia Online stampa radio e televisione arte e cultura


Sommario

Presentazione

In ricordo di Silvio Ceccato

Perdono

Ugo Volli
Identità a confronto

Riccardo Di Segni
Sul perdono

Giampaolo Urso
Il concetto di purificazione nella polemica anticristiana
La nuova scuola

Franco Cardini
Su una commedia degli equivoci

Paolo Palazzi
Se 35 ore vi sembran poche

Claudia Winkler
Il Nuovo Rinascimento

Forum: Dalla periferia all'impero?

Aldo Grasso
Piccola enciclopedia della televisione italiana

Forum: Piccola enciclopedia dei lettori

Francesco Siliato
Un medium saturo

Sala giochi

Forum: Giochiamo!

Rubriche

Arte:
Luca Beltrami e Milano
Carlo Bertelli
Giochi:
Autogolem
Stefano Bartezzaghi

Psiche:
Donne di potere o del potere
Roberta Ribali

Musica:
Spirito e Materia
Roberto Caselli

Science-links:
Il mago Leonardo, i conigli e i sospetti infondati
Sylvie Coyaud

Fumetti:
Il diamante dell'Haganah
di Cinzia Leone

Appuntamenti

Colophon

Indici di Golem

Forum: I commenti dei lettori

Come si legge Golem


In questa pagina, (come in tutte le altre di Golem) puoi usare la barra per navigare: potrai
sempre ritornare a questo sommario ("Presente"), vedere l'archivio di Golem ("Passato"),
curiosare tra le anticipazioni del prossimo numero ("Futuro").
Con il punto interrogativo riceverai alcune informazioni, mentre con il punto esclamativo
potrai aderire a Golem, intervenire nei Forum e accedere agli Indici di Golem.
Italia Online stampa radio e televisione arte e cultura
Sommario

Presentazione

Barriere

Furio Colombo
Secessione

Valentina Pisanty
La negazione della Shoah

Massimo Ghirelli
Immigrati e malattie: epidemia di pregiudizi

David Meghnagi
Pluralità e diversità
Ugo Pirro
La "finzione" della Rai

Aldo Grasso
Piccola enciclopedia della televisione italiana

Forum: Piccola enciclopedia dei lettori

Umberto Eco
Come salvare capra e tavoli

Forum: Giochiamo!

Oliviero Ponte di Pino


Le mie possibilità di salvezza filosofica nel XX secolo

Rubriche

Arte:
Protagonismi
Carlo Bertelli

Links:
E' possibile una biblioteca multimediale? (3)
Giulio Blasi

Giochi:
Autogolem
Stefano Bartezzaghi

Psiche:
Paure collettive
Roberta Ribali

Film:
Dall'idea al film (Tano da morire)
Rossana Di Fazio

Musica:
Strano come gira il mondo
Roberto Caselli

Science-links:
Che tempo fa?
Sylvie Coyaud

Fumetti:
Il diamante dell'Haganah
di Cinzia Leone

Appuntamenti

Colophon

Indici di Golem

Forum: I commenti dei lettori

Come si legge Golem


In questa pagina, (come in tutte le altre di Golem) puoi usare la barra per navigare: potrai
sempre ritornare a questo sommario ("Presente"), vedere l'archivio di Golem ("Passato"),
curiosare tra le anticipazioni del prossimo numero ("Futuro").
Con il punto interrogativo riceverai alcune informazioni, mentre con il punto esclamativo
potrai aderire a Golem, intervenire nei Forum e accedere agli Indici di Golem.
Italia Online stampa radio e televisione arte e cultura
Sommario

Presentazione

Ugo Volli
Giustizia

Fabrizio Tenna
Caro Palazzi

Paolo Palazzi
Replica

Paolo Palazzi
Finanziamento pubblico della scuola privata
Ugo Pirro
Dopo Hitchcock

Beppe Severgnini
I rinonauti

Links d'estate
Redazione

"Love letter in the sand" ovvero ....

Forum: Archivio delle Vacanze

Rubriche

Arte:
L'Asso portante di Milano
Carlo Bertelli

Parlamento:
Dialogo tra un deputato e un collegio
Giovanna Grignaffini

Giochi:
Autogolem
Stefano Bartezzaghi

Psiche:
Andare dallo Psicoterapeuta
Roberta Ribali

Film:
Postazioni (Trees Lounge)
Rossana Di Fazio

Musica:
Omaggi
Roberto Caselli

Science-links:
Statistica
Sylvie Coyaud

Fumetti:
Il diamante dell'Haganah
di Cinzia Leone

Appuntamenti

Sala giochi

Forum: Giochiamo in rete

Colophon

Indici di Golem

Forum: I commenti dei lettori

Come si legge Golem


In questa pagina, (come in tutte le altre di Golem) puoi usare la barra per navigare: potrai
sempre ritornare a questo sommario ("Presente"), vedere l'archivio di Golem ("Passato"),
curiosare tra le anticipazioni del prossimo numero ("Futuro").
Con il punto interrogativo riceverai alcune informazioni, mentre con il punto esclamativo
potrai aderire a Golem, intervenire nei Forum e accedere agli Indici di Golem.
Italia Online stampa radio e televisione arte e cultura
Sommario

Presentazione

Furio Colombo
Messaggi

Ugo Volli
Giusti Poteri

Carlo Donolo
Deformare le istituzioni

Orizzonti: Italia, Europa, Mondo

Beppe Severgnini
Un caso clinico-storico-comico-mistico-magico
Premessa

Sondaggio: Anche tu marziano?

Carlo De Benedetti
Questioni di budget

Antonio Martino
Ancora sull'occupazione

Paolo Palazzi
Welfare, domanda sociale e spesa sociale

Giornali e giornalisti

Maurizio Chierici
Decalogo

Il futuro delle telecomunicazioni

Piero De Chiara
Una rivoluzione senza contenuti

Dino Lorimer
Webgrafia ragionata

Ruggero Pierantoni
Passione e morte della terza dimensione

La nuova scuola

Domenico Parisi
Quali sono i veri problemi della scuola?

Peppino Ortoleva
Educazione e formazione continua nell'età digitale
Franco Recanatesi
Che giorno è?

Arnaldo Ferrari Nasi e Renato Mannheimer


Sondati

Arnaldo Ferrari Nasi e Renato Mannheimer


Analizzati

Rubriche

Arte:
I tesori del monte Athos
Carlo Bertelli

Links:
E' possibile una biblioteca multimediale? (2)
Giulio Blasi

Giochi:
Autogolem
Stefano Bartezzaghi

Psiche:
Media e tabù
Roberta Ribali

Film:
Perversioni femminili e non
Rossana Di Fazio

Musica:
Operazione nostalgia
Roberto Caselli

Science-links:
L'evoluzione
Sylvie Coyaud
Fumetti:
Il diamante dell'Haganah
di Cinzia Leone

Appuntamenti

Sala giochi

Forum: Giochiamo in rete

Colophon

Indici di Golem

Forum: I commenti dei lettori

Come si legge Golem


In questa pagina, (come in tutte le altre di Golem) puoi usare la barra per navigare: potrai
sempre ritornare a questo sommario ("Presente"), vedere l'archivio di Golem ("Passato"),
curiosare tra le anticipazioni del prossimo numero ("Futuro").
Con il punto interrogativo riceverai alcune informazioni, mentre con il punto esclamativo
potrai aderire a Golem, intervenire nei Forum e accedere agli Indici di Golem.

Italia Online stampa radio e televisione arte e cultura


Sommario

Presentazione

Scienze, libertà, società

Sylvie Coyaud
Farsi capire

Renato Giannetti
Promemoria con divagazioni

Maria Grazia Ruggiano


Perchè non accada mai più

Giancarlo Scarpari
In nota a Ruggiano
Forum: Scienze, libertà, società

Globalizzazione e disoccupazione

Paolo Palazzi
La politica

Aldo Grasso
Immortalità della televisione

Forum: Altre vite?

Renato Mannheimer
Sondati

Per non dimenticare 3

David Meghnagi
Distinguere

Italia 1938
Le leggi razziali

Forum: Per non dimenticare

Università

Domenico Fiormonte
Italiano in campus

Rubriche

Arte:
Les Immortels
Carlo Bertelli

Links:
E’ possibile una Biblioteca Multimediale?
Giulio Blasi

Parlamento:
Per forza e per amore
Giovanna Grignaffini

Giochi:
Autogolem
Stefano Bartezzaghi

Psiche:
Sessualità dopo i 40
Roberta Ribali

Film:
Nuvole in viaggio
Rossana Di Fazio

Musica:
Jimi
Roberto Caselli

Science-links:
La complessità
Sylvie Coyaud

Fumetti:
Il diamante dell'Haganah
di Cinzia Leone

Appuntamenti

Sala giochi

Marco Sabatini
G.i.o.c.h.i.
Forum: Giochiamo in rete

Forum: Acrostici

Colophon

Forum: I commenti dei lettori

Come si legge Golem


In questa pagina, (come in tutte le altre di Golem) puoi usare la barra per navigare: potrai
sempre ritornare a questo sommario ("Presente"), vedere l'archivio di Golem ("Passato"),
curiosare tra le anticipazioni del prossimo numero ("Futuro").
Con il punto interrogativo riceverai alcune informazioni, mentre con il punto esclamativo
potrai aderire a Golem ed intervenire nei Forum e nelle altre iniziative della rivista.

Italia Online stampa radio e televisione arte e cultura


Sommario

Presentazione

Giornali e giornalisti

Umberto Eco
Non scrivete sui giornali: nessuno se ne accorge

Antonio Calabrò
Il "mestiere" del giornalista

Oliviero La Stella
Catena di montaggio

Anna Masera
La battuta pronta
Proposte di legge

Forum: La nuova informazione

Sondaggio a cura di Renato Mannheimer

Globalizzazione e disoccupazione

Paolo Palazzi
L'utopia

Antonio Martino
Ruspe, pale, cucchiaini

Università

Giovanni Bachelet
No, questa legge no!

Maurizio Bettini
I misteri di Eleusi

Aldo Schiavone
Le buone intenzioni

Ugo Pirro
Il tempo segmentato

Carlo Bertelli
Golem d'aprile

Ranieri Polese
L'Oscar, Sanremo e la democrazia

Rubriche

Arte:
Olfatto e conoscenza
Carlo Bertelli

Links:
Thesauri ad hoc...
Giulio Blasi

Parlamento:
Il nome della cosa
Giovanna Grignaffini

Giochi:
Autogolem
Stefano Bartezzaghi

Psiche:
Biotechfobia
Roberta Ribali

Film:
Una storia troppo semplice
Rossana Di Fazio

Musica:
Appendi lo scettro al chiodo
Roberto Caselli

Fumetti:
Il diamante dell'Haganah
di Cinzia Leone

Appuntamenti

Sala giochi

Forum: Nuovi giochi in rete

Forum: Giochiamo in rete


Colophon

Forum: I commenti dei lettori

Come si legge Golem


In questa pagina, (come in tutte le altre di Golem) puoi usare la barra per navigare: potrai
sempre ritornare a questo sommario ("Presente"), vedere l'archivio di Golem ("Passato"),
curiosare tra le anticipazioni del prossimo numero ("Futuro").
Con il punto interrogativo riceverai alcune informazioni, mentre con il punto esclamativo
potrai aderire a Golem ed intervenire nei Forum e nelle altre iniziative della rivista.

Italia Online stampa radio e televisione arte e cultura


Sommario

Presentazione

Umberto Eco
L'Opus Dei smentisce che io sia l'Anticristo!

La riforma della scuola

La proposta Berlinguer

Franco Cardini
Alcuni ingenerosi e tendenziosi rilievi

Domenico Starnone
E il piacere?
Collettivo del Liceo Tasso, Roma
Contraddizioni e ambiguità

Giulio Blasi
Links: 1000 miliardi per le scuole.....

Il Governo della Cultura

Enzo Restagno
La musica all’ombra dell’Ulivo

Carlo Bertelli
Via col vento

Aldo Grasso
Considerazioni di un impolitico sulla Rai

Oliviero Ponte di Pino


Il governo del Teatro

Furio Colombo
Rappresentare i giovani

Ranieri Polese
Ricordo di Sanremo

Per non dimenticare 3

Danco Singer
Opinioni

Le risposte

Forum: Tam tam

Sala giochi

Marco Sabatini (con Umberto Eco)


Nuovi giochi
Forum: Nuovi giochi in rete

Forum: Giochiamo in rete

Rubriche

Parlamento:
Doppio Sogno
Giovanna Grignaffini

Giochi:
Autogolem
Stefano Bartezzaghi

Musica:
Tempo e denaro
Roberto Caselli

Film:
Premesse?
Rossana Di Fazio

Fumetti
a cura di Comix

Forum: Pollicino

Appuntamenti

Colophon

Forum: I commenti dei lettori

Come si legge Golem


In questa pagina, (come in tutte le altre di Golem) puoi usare la barra per navigare: potrai
sempre ritornare a questo sommario ("Presente"), vedere l'archivio di Golem ("Passato"),
curiosare tra le anticipazioni del prossimo numero ("Futuro").
Con il punto interrogativo riceverai alcune informazioni, mentre con il punto esclamativo
potrai aderire a Golem ed intervenire nei Forum e nelle altre iniziative della rivista.

Italia Online stampa radio e televisione arte e cultura


Sommario

Presentazione

Orizzonti: Italia, Europa, Mondo

Renato Ruggiero
"Paese miope..."
(Corriere della Sera 29/12/96)

Paolo Fulci
Prospettive

Piero Sansonetti
"Il giornalismo italiano è provinciale"
(intervista a cura di Mario Calabresi)

Lucio Caracciolo
Europa: un futuro che non c'è

Antonio Martino
Che succede in Europa?

Mario Deaglio
L’Europa necessaria

Alberto Flores
Il piccolo mondo dei media italiani

Beppe Servegnini
Il "sistema operativo" del mondo

Rocco Cotroneo
Tecnoglobali, ma non tutti uguali

Stefano Cingolani
Livelli di realtà

Oliviero Ponte di Pino


Milano/Mondo: un Piccolo grande Teatro

Aldo Grasso
Il sogno sognato di una televisione europea

Ranieri Polese
Rendersi invisibili: il cinema italiano in Francia

Furio Colombo
Globalizzazione?

Sondaggio a cura di Renato Mannheimer

Il futuro delle Telecomunicazioni 2

Intervista a
Francesco Chirichigno, Silvio Scaglia, Ernesto Pascale

Gianni Granata
La rete replica

Il futuro delle Telecomunicazioni 1

Per non dimenticare 1

Carlo De Benedetti
Radici

Maria Irmrgard Wuehl


A partire da un libro. Ombre della psicanalisi.

Giancarlo Bosetti
Goldhagen: gli Attori della Storia.

Rubriche

Arte:
Chimere: cronache sul mito del Museo Autonomo
Carlo Bertelli

Parlamento:
Domani accadrà
Giovanna Grignaffini

Giochi:
Autogolem
Stefano Bartezzaghi

Musica:
Per Luigi Tenco
Roberto Caselli

Film:
Paragoni
Rossana Di Fazio

Fumetti
a cura di Comix

Links:
Locale e globale su Internet
Giulio Blasi

Appuntamenti

Colophon

Forum: I commenti dei lettori

Come si legge Golem


In questa pagina, (come in tutte le altre di Golem) puoi usare la barra per navigare: potrai
sempre ritornare a questo sommario ("Presente"), vedere l'archivio di Golem ("Passato"),
curiosare tra le anticipazioni del prossimo numero ("Futuro").
Con il punto interrogativo riceverai alcune informazioni, mentre con il punto esclamativo
potrai aderire a Golem ed intervenire nei Forum e nelle altre iniziative della rivista.

Italia Online stampa radio e televisione arte e cultura


Sommario

Presentazione

Ricordo di Marcello Mastroianni

Golem e RAI International propongono:


Giostra di fine anno

Quale '97?

Umberto Eco
Gioco di famiglie (per tutti)
Forum: Giochiamo in rete

Osservatorio di Golem sul Capitalismo italiano


Nano Blob
Carosello
di Marco Giusti Antonio Martino
I termini della questione

Giulio Sapelli
Alto e Basso capitalismo

Edward Luttwak
La Sindrome della Banca Centrale

Aldo Grasso
Sciopero: volontà o rappresentazione?

Renato Mannheimer
Simboli e opinione pubblica

Furio Colombo
Riflessioni sul Forum

Forum: Giovani, carini e disoccupati

Rubriche

Arte:
Verdi, moderni o contemporanei
Carlo Bertelli

Parlamento:
Miseria e nobiltà
Giovanna Grignaffini

Giochi:
Autogolem
Stefano Bartezzaghi

Musica:
L’affare Beatles
Roberto Caselli

Film:
Libere associazioni
Rossana di Fazio

Fumetti
a cura di Comix

Links:
Un Capodanno digitale
Giulio Blasi

Appuntamenti

Colophon

Forum: I commenti dei lettori

Come si legge Golem


In questa pagina, (come in tutte le altre di Golem) puoi usare la barra per navigare: potrai
sempre ritornare a questo sommario ("Presente"), vedere l'archivio di Golem ("Passato"),
curiosare tra le anticipazioni del prossimo numero ("Futuro").
Con il punto interrogativo riceverai alcune informazioni, mentre con il punto esclamativo
potrai aderire a Golem ed intervenire nei Forum e nelle altre iniziative della rivista.
Italia Online stampa radio e televisione arte e cultura
Sommario

Presentazione

Furio Colombo
Le Tribù giovani

Forum: Giovani, carini e disoccupati

Il futuro delle telecomunicazioni


intervista ad Elserino Piol
Umberto Eco
Giochi di società

Oylem Goylem Forum: Giochiamo in rete


di Moni Ovadia

Paolo Palazzi
Fame e Democrazia

Vittorio Gregotti
Lettera al Ministro per i Beni Culturali

Ranieri Polese
Le riscoperte di Liberal

Gianni Granata
Chi legge Golem (come e quando)

Aldo Grasso
Riflessioni per un libro. Anzi due, o forse tre.

Maurizio Costanzo
Ad Aldo Grasso

Aldo Grasso
Replica

Riccardo Bocca
Commento (05/12/96)

Rubriche

Arte:
Sacre uova
Carlo Bertelli

Parlamento:
Dieci incredibili giorni
Giovanna Grignaffini

Giochi:
Autogolem
Stefano Bartezzaghi

Musica:
L'anima del commercio
Roberto Caselli

Film:
Riflessi di un romanzo: Ritratto di signora
Rossana di Fazio

Turismo:
Sorprese dal Golfo
Silvana Rizzi

Fumetti
di Comix

Links:
Oltre il web
Giulio Blasi

Appuntamenti

Colophon

Forum: I commenti dei lettori

Come si legge Golem


In questa pagina, (come in tutte le altre di Golem) puoi usare la barra per navigare: potrai
sempre ritornare a questo sommario ("Presente"), vedere l'archivio di Golem ("Passato"),
curiosare tra le anticipazioni del prossimo numero ("Futuro").
Con il punto interrogativo riceverai alcune informazioni, mentre con il punto esclamativo
potrai aderire a Golem ed intervenire nei Forum e nelle altre iniziative della rivista.
Italia Online stampa radio e televisione arte e cultura
Sommario

Presentazione

Renato Mannheimer
Principi ricostituenti

Forum: Costituente o Bicamerale?

Mario Deaglio
Capitalismo italiano: crisi di sistema
Forum: Capitalismo Impossibile

Giuseppe Turani
Tangentopoli 2: la vendetta
Blob Gradara
di Marco Giusti
Raffaele Simone
Sei Sapienze

Ranieri Polese
Bell'Europa

Aldo Grasso
No comment

Adriano Sansa
Genova, la realtà irrilevante

Oylem Goylem Rubriche


di Moni Ovadia
Giochi:
Autogolem
Stefano Bartezzaghi

Giochi:
Rime esagerate
Umberto Eco

Parlamento:
Come le foglie
Giovanna Grignaffini

Film:
Un matriarcato piccolo piccolo
Rossana Di Fazio

Arte:
Per Antonio Cederna
Carlo Bertelli
Fumetti
di Comix

Links:
Atenei nella rete
Giulio Blasi

Musica:
Il prezzo, il valore, il diritto
Roberto Caselli

Fuori porta:
Ritorno al Frutteto
Caterina Zaina

Appuntamenti

Colophon

Forum: I commenti dei lettori

Forum: Il giornale sincero

Come si legge Golem


In questa pagina, (come in tutte le altre di Golem) puoi usare la barra per navigare: potrai
sempre ritornare a questo sommario ("Presente"), vedere l'archivio di Golem ("Passato"),
curiosare tra le anticipazioni del prossimo numero ("Futuro").
Con il punto interrogativo riceverai alcune informazioni, mentre con il punto esclamativo
potrai aderire a Golem ed intervenire nei Forum e nelle altre iniziative della rivista.

Italia Online stampa radio e televisione arte e cultura


Sommario

Presentazione

Il giornale sincero

Danco Singer
Il dibattito continua
Il punto sul dibattito e tre nuovi interventi per Golem
di Vittorio Feltri, Ferdinando Adornato e Enzo Biagi.

Umberto Eco
Caro Sisifo
Furio Colombo
Fuga dalla rilevanza

Renato Mannheimer
Sondati

Estate

Ranieri Polese
Istruite Istruzioni

Aldo Grasso
A ciascuno il suo mezzo

Danco Singer
Progetto

Forum: Per non dimenticare

Rubriche

Giochi:
Autogolem
Stefano Bartezzaghi

Parlamento:
Un tranquillo venerdì di paura
Giovanna Grignaffini

Film:
L’aria addosso
Rossana Di Fazio

Arte:
Fermo-immagine
Carlo Bertelli
Fumetti
di Comix

Links:
Internet e gli altri
Giulio Blasi

Musica:
Carillon Stars
Roberto Caselli

Colophon

Forum: I commenti dei lettori

Forum: Il giornale sincero

Come si legge Golem


In questa pagina, (come in tutte le altre di Golem) puoi usare la barra per navigare: potrai
sempre ritornare a questo sommario ("Presente"), vedere l'archivio di Golem ("Passato"),
curiosare tra le anticipazioni del prossimo numero ("Futuro").
Con il punto interrogativo riceverai alcune informazioni, mentre con il punto esclamativo
potrai aderire a Golem ed intervenire nei Forum e nelle altre iniziative della rivista.

Italia Online stampa radio e televisione arte e cultura


Sommario

Presentazione

Il giornale sincero

Gianni Riotta
Sisifo on-line

"I giornali dicono la verità?"


rispondono a Golem:
Montanelli, Mauro, Borrelli,
Anselmi, Rossella
(a cura di Mario Calabresi)

Come la pensi tu?


partecipa al sondaggio di Golem

Senza lavoro
Nano Blob
di Marco Giusti Antonio Martino
Perchè disoccupati?

Paolo Sylos Labini


Un'occasione perduta

Sacchi sì, Sacchi no

Aldo Grasso
Sacchi è un capro?

Giorgio Casadio
La rovina dei romagnoli

Le poesie
di Alda Merini

Vittorio Gregotti
Comunicare o proporre

Aldo Schiavone
Ancora sui concorsi

Ranieri Polese
Cine-estate

Duello

Carlo Bertelli
Musei a tre forchette?
Adriano Agnati
Perché no?

Oylem Goylem
di Moni Ovadia Rubriche

Giochi:
Addio my darling
Stefano Bartezzaghi

Parlamento:
Deputati e no
Giovanna Grignaffini

Film:
Sorrisi e crucci
Rossana Di Fazio

Arte:
Strade interrotte, strade aperte
Carlo Bertelli

Fumetti
di Comix

Links:
Informazione (personalizzata) sul WWW
Giulio Blasi

Appuntamenti

Colophon

Forum: I commenti dei lettori

Forum: Il giornale sincero


Forum: Cattedra, o cara!

Come si legge Golem


In questa pagina, (come in tutte le altre di Golem) puoi usare la barra per navigare: potrai
sempre ritornare a questo sommario ("Presente"), vedere l'archivio di Golem ("Passato"),
curiosare tra le anticipazioni del prossimo numero ("Futuro").
Con il punto interrogativo riceverai alcune informazioni, mentre con il punto esclamativo
potrai aderire a Golem ed intervenire nei Forum e nelle altre iniziative della rivista.

stampa radio e televisione arte e cultura


Italia Online
Sommario

Presentazione

Cattedra, o cara!

Raffaele Simone
Ricercatori e posto fisso

Umberto Eco
Posto fisso e ricercatori

I due Bossi
Furio Colombo
Caro Bossi ti scrivo

Renato Mannheimer
Le ragioni di Bossi

Nano Blob
di Marco Giusti
Aldo Grasso
Il silenzio di Pippo

Sandro Parenzo
Le affinità elettorali

Paolo Palazzi
I Tartassati

Vittorio Gregotti
Pull-it-down

Rubriche

La Poesia
Giochi:
di Nanni Balestrini
Autogolem
Stefano Bartezzaghi

Parlamento:
E se lo scambio fosse in sè delizioso?
Giovanna Grignaffini

Film:
Distanze ravvicinate
Rossana Di Fazio

Arte:
Buone notizie
Carlo Bertelli

Fumetti
di Comix
Links:
Il WWW generalista e tematico (con Java...)
Giulio Blasi

Appuntamenti

Colophon

Forum: I commenti dei lettori

Come si legge Golem


In questa pagina, (come in tutte le altre di Golem) puoi usare la barra per navigare: potrai
sempre ritornare a questo sommario ("Presente"), vedere l'archivio di Golem ("Passato"),
curiosare tra le anticipazioni del prossimo numero ("Futuro").
Con il punto interrogativo riceverai alcune informazioni, mentre con il punto esclamativo
potrai aderire a Golem ed intervenire nei Forum e nelle altre iniziative della rivista.

Italia Online stampa radio e televisione arte e cultura


Sommario

Presentazione

A destra o a manca?

Franco Cardini
Il profumo della pantera

Umberto Eco
Alle armi, o mansueti!

Renato Mannheimer
Destra, centro, sinistra

Gianni Riotta
Il futuro di Babbo Natale
La lettera

Vittorio Gregotti
La telefonata
Caro Di Pietro ti scrivo
di Renzo Arbore

Gli italiani

Mario Deaglio
Lo specchio vuoto

Giorgio Casadio
Pedalare (W Maenza)

Alessandro Baricco
Le Pagine Gialle

Pierluigi Cerri
Cosa divide i californiani

La televisione

Maurizio Costanzo
Contemplare lo shaker

Aldo Grasso
Lo spettro della tv

Rubriche

Giochi:
Dieci anagrammi in linea
Stefano Bartezzaghi

Parlamento:
Disposizioni transitorie
Giovanna Grignaffini

Film:
L'esercito delle 12 scimmie
Rossana di Fazio

Arte:
Beni culturali
Carlo Bertelli

Fumetti
A cura di Comix

Colophon

Forum: I commenti dei lettori

Come si legge Golem


In questa pagina, (come in tutte le altre di Golem) puoi usare la barra per navigare: potrai
sempre ritornare a questo sommario ("Presente"), vedere l'archivio di Golem ("Passato"),
curiosare tra le anticipazioni del prossimo numero ("Futuro").
Con il punto interrogativo riceverai alcune informazioni, mentre con il punto esclamativo
potrai aderire a Golem ed intervenire nei Forum e nelle altre iniziative della rivista.
Dopo una lunga pausa, dovuta a cambiamenti e nuovi corsi che hanno interessato l’editore Opera Multimedia,
esce il numero 16 della rivista Golem. Abbiamo introdotto delle piccole novità: altre - più cospicue -
arriveranno nei prossimi numeri.
La prima domanda che ci siamo posti riguarda le regole. Che fine stanno facendo? Viviamo in un Paese in cui le
regole vengono cambiate sempre molto volentieri; e viviamo in un momento storico in cui la nozione stessa di
"regola" sembra destinata a cambiare. Per questo Golem ha chiesto ai suoi collaboratori di parlarci della fine
(ma anche del fine) delle regole in vari settori: dal decalogo della convivenza civile (o meglio incivile) steso da
Furio Colombo alle convenzioni sull’altezza tonale del "La" con cui i musicisti cercano di ovviare
all’inquinamento acustico (come spiega il compositore Carlo Boccadoro in un articolo che trova un’inattesa
relazione fra Bach e la viabilità), passando per le regole nel gioco del calcio (con un’intervista al commentatore
Gianni Mura), le regole implicite nei videogiochi (Roberto Maragliano), le regole talvolta ben poco scientifiche
della ricerca scientifica (Sylvie Coyaud), le regole dell'economia (Paolo Palazzi), le regole di un’eventuale
"poetica" del Web (Gianni Granata), fino a uno sfiduciato decalogo del servizio pubblico televisivo (Aldo
Grasso). Le regole della società letteraria sono state enunciate tempo fa da Giuseppe Pontiggia: sono sempre in
vigore, per cui le riprendiamo (con il suo gentile permesso) dal libro Le sabbie immobili. Alla fine di questa
sezione apriamo un Forum a cui speriamo contribuirete intervenendo su uno o più temi toccati negli articoli o su
altre regole ancora ("Regolatevi voi").
Dalle regole si passa, come è naturale, ai giochi. Siamo andati a intervistare il presidente della Bicamerale
Massimo D’Alema, che ci ha parlato dei suoi giochi preferiti: dal solitario di carte nel computer a quel vasto
gioco di simulazione che è la politica italiana.
Gioca anche Umberto Eco: questa volta ha scelto di usare tutte le possibilità grafiche che il computer mette a
disposizione, e ha cercato di fare in modo che i caratteri con cui si scrive un nome vengano ad assomigliare al
carattere e al destino di chi quel nome porta. Tutti sono invitati a partecipare, come al solito; ma per problemi
tecnici che speriamo comprendiate non ci sarà un vero e proprio Forum e ognuno dovrà mandarci i propri
tentativi via e-mail. Li pubblicheremo in un’apposita pagina web.
In Italia è in corso un dibattito vivace sulla proposta di rilanciare i collegi universitari sul modello di college
come Oxford e Cambridge (la proposta è venuta da un gruppo di studenti italiani a Cambridge). A questa
proposta Domenico Fiormonte oppone un’analisi dei problemi dei sistemi universitari inglese e statunitense. E’
un tema su cui Golem apre uno dei suoi Forum.
Alla sezione delle rubriche, da questo numero si sostituisce una sezione per così dire "mineraria", in cui non si
vola nell’alto cielo dei concetti ma si spala il carbone, magari nella speranza della pepita. Marco Belpoliti
affronta, con le armi dell’analisi fotografica e fisiognomica, un’icona importante: l’immagine del professor
Luigi Di Bella. Walter Fontana spiega la mortalità delle battute (un dramma che colpisce gli autori comici) e ci
invita a partecipare. Proseguono sia la storia a fumetti di Cinzia Leone sia la Piccola enciclopedia televisiva
interattiva di Aldo Grasso. Oliviero Ponte di Pino ci racconta una curiosa inchiesta fra gli scienziati americani,
che forse sarebbe il caso di importare anche da noi. Liam Email ha messo in moto un motore di ricerca per
cercare di capire se è vero che la gatta che va al lardo poi ci lascia lo zampino. Oltre a questi contributi la
miniera di Golem presto proporrà un utile manuale (I servizi di Golem) e un omaggio multimediale a un artista
che ci manca assai.

Due link, per finire.


Il primo è al sito del Sole – 24 ore in cui è contenuto l’importante documento con cui la Commissione di Saggi
istituita dal ministero della Pubblica Istruzione ha indicato "I contenuti irrinunciabili per la formazione di base":
il sapere che è necessario venga trasmesso ai giovani nel corso dei dieci anni della futura scuola dell’obbligo.
Riteniamo che questo argomento sia cruciale, proprio nei termini del discorso sulle regole che abbiamo
condotto in questo numero.
Il secondo è un link non a un sito, ma a un libro: come dire che non basta un clic per collegarsi. E’ un libro di
Riccardo Bocca, già autore per Kaos Edizioni di un cattivissimo ritratto di Maurizio Costanzo (Maurizio
Costanzo shock; vedi dibattito in Golem 6). Si intitola La condanna (Feltrinelli) ma potrebbe chiamarsi
benissimo Silvia Baraldini shock: racconta in modo minuziosamente documentato la terribile storia dell’italiana
detenuta negli Stati Uniti e che secondo molti avrebbe ogni diritto di scontare la sua pena in Italia. Il governo
italiano ora si è deciso ad appellarsi agli organismi internazionali competenti: speriamo che molto presto
Riccardo Bocca debba aggiornare questo libro con un lieto capitolo finale.

Da questo numero al direttore responsabile Danco Singer si affianca in qualità di direttore editoriale Stefano
Bartezzaghi.
Vivere senza regole
Furio Colombo C’è chi reclama, nelle città italiane, il diritto di vivere senza regole. Si
considerano "ribelli", avanguardia, negazione. Dicono che non si vendono,
che sono estranei al sistema, che non accettano alcuna regola, che il mondo
è sbirro. "La sveglia è il tuo sbirro, la fabbrica è il tuo sbirro". Dicono
"Nessuna schiavitù". Dicono "Faccio quello che voglio, quando voglio, dove
voglio. Decido io".
Si sentono eroici perché sono temuti, appaiono cattivi, spaccano, rompono,
urlano, minacciano, vandalizzano.
Nelle città italiane forse si sentono minoranze assediate dagli "sbirri". Ma
nel secolo sono una enorme maggioranza. Come i soldati giapponesi rimasti
armati, nascosti, pronti a colpire nell’isola perché non si erano accorti che la
guerra era finita, vogliono continuare a fare ciò che si è sempre fatto da
parte di maggioranze violente, per decenni e decenni.
Sono conformisti che ripetono gesti già fatti con lo slancio di chi è persuaso
di fare cose nuove, e di stupire per la straordinaria diversità. Non si sono
accorti che in questo secolo la diversità è stata solo dei non-violenti. Dei
laboriosi, di coloro che fanno cose per altri. Di coloro che danno invece di
esigere, che amano invece di odiare, che tollerano invece di aggredire. Che
cercano di sapere e capire invece di urlare, che rispettano la dignità
dell’altra persona, il lavoro degli altri, le cose che appartengono a tutti.
Coloro che non mitizzano la propria unicità, volontà e diritto di ognuno.
Infatti

1. Niente è più conformista che invocare caos e provocare disordine.


2. Niente è più conformista che imporre la propria volontà con la forza.
3. Niente è più conformista della violenza.
4. Niente è più conformista che farsi notare incutendo paura.
5. Niente è più conformista del vandalismo e della distruzione.
6. Niente è più conformista dell’aggressione verbale o umiliante.
7. Niente è più conformista dell’autodichiararsi fuori ovvero sopra le
regole.
8. Niente è più conformista dell’uso fisico dell’età e dei muscoli.
9. Niente è più conformista del disprezzare il dialogo.
10. Niente è più conformista che far pagare agli altri il danno dei propri
gesti violenti.

Al confronto le persone che si alzano presto, dedicano ore e fatica a fare


qualcosa di utile, si occupano di altro e non distruggono nulla sono la novità
e l’avanguardia del secolo. "Mitezza significa essere in discordia profonda
con un mondo così violento. La mitezza è una parola conflittuale. La
mitezza mi pare del tutto estranea al mondo che ho di fronte. Il simbolo
incarnato di questo mondo è la violenza. La pistola è il principale mezzo di
comunicazione con l’altro. C’è intorno a noi un ordine violento e
selvaggio" (Dall’omelia del Cardinale Martini che cita Pietro Ingrao, 22
marzo 1998).
Pietà per i conformisti che credono di essere ribelli coltivando disprezzo,
distruzione, violenza e dicono di "non accettare le regole" senza sapere che
il loro comportamento, camuffato con tante uniformi, è stato la regola di
tutto il secolo.
Fine del tackle da dietro
Conversazione Un gioco, se poi è un gioco, che sta innovando le sue regole è il calcio. Sulle
con Gianni Mura intenzioni, buone o cattive, e sui risultati, buoni o cattivi, di queste novità
Golem ha chiesto l’opinione dell’inviato di Repubblica Gianni Mura.

- Intanto, c’era bisogno di nuove regole?


Mura: "In larghissima parte, no. Per più di un secolo il gioco del calcio non
ha subito modifiche, aggiornamenti. Negli ultimi dieci anni sta succedendo
di tutto, e forse non è ancora finita. Molte di queste regole sono state
introdotte per migliorare lo spettacolo e pochi hanno il coraggio di
ammettere che è stato peggiorato lo sport".

- Sono tutte da buttare?


Mura: "Non tutte: il divieto per il portiere di giocare il pallone con le mani
su retropassaggio del suo difensore in effetti ha ridotto le pause perditempo.
Non considerare in fuorigioco l’attaccante in linea col difensore ha un po’
semplificato il lavoro dei guardialinee. L’ammonizione (cartellino giallo)
per le tirate di maglia, le cinture, la condotta ostruzionistica anche se non
violenta può andar bene. Però è discriminante l’obbligo di espellere il
giocatore che in fase difensiva nella sua area interrompe con la mano
un’azione avversaria mentre chi in fase d’attacco segna con la mano è solo
ammonito. Le nuove regole mirano a penalizzare i difensori e a privilegiare
gli attaccanti, ma questo obiettivo si poteva già raggiungere senza
innovazioni, semplicemente applicando il regolamento".

- Per il prossimo mondiale in Francia sarà obbligatoria l’espulsione


anche per chi porta il tackle da dietro.
Mura: "Molti tecnici si sono già detti contrari e fra questi Cesare Maldini.
Non si capisce perché la FIFA scelga il campionato del mondo come cavia.
Il tackle da dietro può anche essere effettuato regolarmente, così come il
tackle frontale può essere decisamente scorretto. Penso che vedremo un
mondiale condizionato dalle espulsioni, non è facile per un calciatore in
meno di tre mesi cancellare dal suo bagaglio tecnico-agonistico un gesto che
fino alla seconda settimana di marzo era consentito, per quanto a rischio.
Stava all’arbitro valutare la gravità o la liceità dell’intervento".

- Ma perché proprio negli ultimi anni c’è stato tanto movimento?


Mura: "Perché lo spettacolo, da intendere come bellezza del gioco, dei gesti
tecnici, è progressivamente calato, mentre cresceva anche troppo il prezzo
dello stesso spettacolo venduto alle televisioni. Il calcio, come altri sport
(dal tennis allo sci) ha imboccato la via della muscolarizzazione, brutta
parola, allora diciamo che nel calcio la forza atletica viene prima della
tecnica di base. E’ per salvare i gesti tecnici che sono nate molte regole, ma
anche dal presupposto (non totalmente condivisibile) che va favorito il gioco
d’attacco, nella speranza di vedere più gol. Invece è una questione di
mentalità, non di regolamenti. La fantasia del gioco non si tutela così, ma
rivedendo, per quel che concerne l’Italia, la politica dei settori giovanili, dei
vivai, peraltro ampiamente messi in crisi dalla legge Bosman".

- Almeno sui 3 punti a chi vince è d’accordo?


Mura: "Sulle prime non lo ero, non mi sembrava giusto svilire un onesto,
cioè non concordato, pareggio. E lo penso tuttora. Però devo ammettere che
i 3 punti a vittoria rendono più interessante il campionato, più incerto, anche
se l’aumento della famosa e famigerata posta in palio aumentare in misura
direttamente proporzionale le polemiche".

- A quali delle innovazioni è decisamente contrario?


Mura: "A quelle che, di fatto, hanno aumentato il tasso di simulazione e,
dunque, di slealtà in campo. Nonostante l’avvocato Campana, a capo del
sindacato calciatori, continui ad appellarsi a una condotta improntata al fair-
play, si continuano a vedere scene vergognose, isteriche ma anche peggio,
premeditate. In particolare, abolendo il concetto di volontarietà del fallo in
area, un portiere è messo nella condizione di non provare nemmeno a uscire
basso. Nessuno lo salta, nessuno lo dribbla, tutti gli vanno addosso apposta
per ottenere il rigore. Allo stesso modo, per regolamento va espulso l’ultimo
difensore che blocca l’attaccante lanciato a rete con chiara occasione da gol.
Giusto, in teoria. Ma in pratica molti attaccanti cercano il contatto con
l’ultimo difensore e poi crollano a terra, cercando di ottenerne l’espulsione e
quindi il vantaggio di giocare con un uomo in più. Tutto questo è
antisportivo ed è diffuso su larga scala. Fino a una quindicina d’anni fa in
ogni squadra erano due-tre picchiatori e un simulatore abituale, adesso sono
molti di più".
Videogiochi per analfabeti
Roberto Maragliano E' il caso che lo dica subito.
Non appartengo all'accademia del videogioco. Ammesso che ce ne sia una.
Né sono un videogiocatore provetto. Un qualunque ragazzo e pure un
bambino mi mette in aperta difficoltà: talvolta nemmeno riesco ad iniziare la
competizione. Il senso di profonda inadeguatezza che ne ricavo non è
dissimile, suppongo, da ciò che quel bambino e quel ragazzo provano di
fronte ai giochi sofisticati della nostra cultura adulta, centrata sulla
verbalizzazione e sulla scrittura. Preferisco dunque rinunciare al quasi
impossibile confronto e interrogarmi sulle ragioni di questa mia (nostra)
incompetenza, così come mi piacerebbe che quel bambino e quel ragazzo
riuscissero a riflettere, ovviamente con gli strumenti linguistici e concettuali
di cui dispongono, sul significato dell'inadeguatezza che li riguarda (e che la
scuola non sempre riesce a compensare).
Non aspettatevi, comunque, impegnativi ragionamenti. Voglio sostenere
qui, a proposito del videogioco e della sua utenza, soltanto due cose
semplicissime, che hanno a che fare più con la pragmatica che con la
sintassi di questo medium. Dovendole nominare subito, queste due cose,
parlerei di analfabetismo e dentrismo. Per ora, bastino le parole. La
"spiegazione" a dopo, in situazione.
Muovo da un'esperienza personale. Ho preso parte, nei mesi scorsi, alla
realizzazione di WonderPark (Castelvecchi-Lynx, Roma, 1997): è una
raccolta di videogiochi in CD-ROM (per Windows); ma non solo, in quanto
il dischetto viaggia integrato con un tradizionale gioco da tavola su
cartoncino (con figurine da ritagliare e colorare), un libretto illustrato di
storie che richiamano e amplificano i personaggi dei giochi, un sito Internet
(http://www.wonderpark.com), e fornisce, oltre ai giochi e la loro
ambientazione narrativa, una serie di utilities per l'editing multimediale
(carta da lettera, bigliettino augurale, disegni da colorare, file audio con la
colonna sonora), nonché un laboratorio musicale per fare esperimenti
audiovisivi. Insomma, WonderPark è un multi-multi-multimediale, come
dice lo strillo pubblicitario. Il tutto ruota attorno al videogioco propriamente
detto. Ed è di questo che intendo parlare.
Nell'ideare e allestire gli otto ambienti ludici del parco, ciascuno articolato
in cinque livelli, abbiamo deciso di rinunciare al codice scritto. Intendevamo
rivolgerci ad un'utenza "senza età", piccolissimi e grandi disposti a farsi
piccoli, a coltivare appunto la loro parte analfabeta. Di conseguenza, stando
dentro al gioco, l'utente non incontra mai messaggi scritti, e nemmeno trova,
nel manualetto di istruzioni (che del resto nessun provetto videogiocatore
consulta), l'esplicitazione delle regole. Queste regole le dovrà contattare (e
scoprire) immergendosi dentro la situazione di gioco (dentrismo), attivando
soprattutto le sue risorse di intelligenza sensomotoria e concreta
(analfabetismo), assai di meno, quasi per nulla quelle che appartengono
all'intelligenza formale agita dall'alfabetismo.
Quando, disponendo della versione provvisoria del CD-ROM, ne ho voluto
fare una prima prova con mio figlio di dieci anni, è successa una cosa
interessante. Di fronte alle quaranta situazioni ludiche io facevo appello alla
mia memoria cercando di ricordare cosa ci avevamo messo dentro in termini
di regole di funzionamento, e non sempre ci riuscivo (per un vizio che
chiamerei di "presunzione epistemologica"). Lui, invece, agiva in
situazione, pensando - se mai sia possibile sostenerlo - con il mouse: e il
gioco, il più delle volte, gli riusciva meglio di quanto non riuscisse a me.
Insomma, le mie competenze "formali" fungevano da ostacolo nei confronti
delle mie limitate competenze "empiriche". Sapevo o presumevo di sapere
troppo, soprattutto cose troppo distanti dal contesto del gioco. Cose che
andavo a cercare sotto o dietro la situazione ludica, quando invece essa vive
del rapporto con chi le va a cercare dentro.
Io adulto, mi intestardivo, fallendo, sulle mie ideologie dietriste e sottiste.
Lui, bambino, metteva a frutto la sua pratica dentrista.
Io mi facevo ricattare dal peso dell'alfabetismo. Lui agiva felicemente da
analfabeta.
Prima ancora di questa imbarazzante esperienza, rispondendo ad un
giornalista che mi sollecitava a dire qualcosa a proposito dei videogiochi, e
certamente deludendolo, visto che si aspettava dal pedagogista un elenco
minuzioso di cautele e precauzioni, ebbi a sostenere che col videogioco è in
atto una rivoluzione epistemologica. L'intervistatore, correttamente, riportò
il parere. E questo mi attirò ironie e sarcasmi a non finire, da parte di
colleghi e amici.
Sapendo dunque quel che rischio, ribadisco qui che il modo migliore per
affrontare la questione delle "regole" (sarebbe più opportuno parlare di
"metaregole") del videogioco è quello (blandamente) epistemologico (chi
fosse interessato a considerazioni più articolate può comunque visitare il
mio sito "pedagogico": http://www.geocities.com/Athens/Forum/9897).
Uso dunque analfabetismo e dentrismo come concetti empirici per sostenere
che, nel gioco elettronico:

● agisce un'estetica immersiva, reticolare, connettiva, che trova


alimento ed energia soprattutto nelle dinamiche del suono e delle
immagini in movimento;
● tale estetica si sostanzia attraverso l'interattività, che a sua volta
andrebbe intesa non solo come risorsa operativa ma anche come
risorsa concettuale (all'interno della quale il soggetto si appropria di
un oggetto attraverso le trasformazioni che il suo intervento produce
su di esso);
● la conoscenza contestualizzata che ne deriva procede secondo
meccanismi diversi da quelli che sovrintendono alla conoscenza
decontestualizzata (fluidità vs. fisicità; condivisione vs.
appropriazione; globalità vs. analiticità; ecc.);
● si sviluppa, sul fronte dell'utenza, al di là di quanto superficialmente
si sostiene a proposito della funzione isolante del rapporto individuo-
macchina, un'intelligenza distribuita, di tipo collettivo e connettivo,
non centrata, che fa da collante della comunità dei videogiocatori
(scambi di informazioni sulle vie d'uscita dalle situazioni problema,
segnalazioni di trucchi, consigli per gli acquisti).

Sullo sfondo di queste considerazioni (vorrei ripeterlo, di epistemologia


ordinaria) sta un riferimento costante al computer inteso come ambiente di
esperienza e di conoscenza. Sta dunque l'azione di un medium
costituzionalmente ambiguo, almeno per come è praticato (e più raramente
interpretato) oggi.
Dove l'ambiguità ha a che fare con la sua immagine di strumento per il
calcolo (quindi per l'organizzazione e l'uso dei testi scritti visti come oggetti
su cui si esercita la logica del calcolo) e con l'altra immagine di uno spazio
opaco dentro il quale l'utente si situa in un rapporto di immersione e si
muove secondo la logica del dialogo (quindi come un contesto dove egli
agisce soprattutto tramite suoni ed immagini, proiettando immagini di sé ed
elaborando immaginazione).
In rapporto alla sua prima personalità il computer funge da strumento fisico,
da macchina in senso stretto; in rapporto a quest'altra identità, esso si
configura come un simil-"soggetto" con il quale condividere un'ampia
varietà di esperienze "ipertestuali" (comunicazione, gioco, sogno).
Fermo restando che il videogioco esalta questa seconda componente del
computer, spesso a discapito della prima, e che quindi per attivarla è
necessario accettare di dover sacrificare l'altra, viene da chiedersi (ed è
questo che dà tanto fastidio ai detrattori) se un tale tipo di esperienza non
possa assumere un valore paradigmatico, da recuperare e consolidare in
riferimento ad altre meno settoriali pratiche di conoscenza.
Insomma, mi chiedo e vi chiedo se non sia il caso di assumere il modello del
videogioco (stare dentro la situazione, agire in essa, lasciando che al di sotto
permangano elementi di opacità) per dar conto di pratiche epistemologiche
che con questo ambito sembrano aver poco a che fare, come quelle, per fare
solo gli esempi più evidenti, relative alle forme di produzione e ai modi
d'uso degli oggetti appartenenti alle aree delle arti sonore e visive, e
addirittura se non sia opportuno metterlo in campo per ripensare (e quindi
ricontestualizzare) comportamenti tradizionalmente intesi come appartenenti
ad un ambito diametralmente opposto: per esempio i comportamenti di
scrittura, almeno per come stanno metamorfizzandosi attraverso l'impiego
dei word e dei link processor.
Questo che ho appena sfiorato è l'approdo ultimo del presente ragionamento.
Siamo abituati a interpretare i fenomeni della reticolarizzazione e della
fluidità delle conoscenze secondo paradigmi testuali, e sovente usciamo
scornati e insoddisfatti da queste esperienze. Sarebbe il caso almeno di
tentare la via contraria: quella dell'interpretazione reticolare delle nostre più
diffuse pratiche testuali. Insomma, perché non proviamo a videogiocare con
i nostri patrimoni di conoscenze? Troveremmo, questo è certo, un valido
alleato nel bambino multimediale (ne ho parlato nel mio Esseri
multimediali. Immagini del bambino di fine millennio, Firenze, La Nuova
Italia, 1996) e nella parte infantile di noi stessi, sacrificata dall'esclusività
(sempre più asfittica) del paradigma testuale.
La scienza senza regole nè regoli
Sylvie Coyaud Primo assioma

Siccome le scienze si esprimono volentieri in matematica, l'osservatrice


esterna si aspetta da loro la coerenza o la logica, o insomma quella cosa là,
tipica della matematica. Una volta che ci si è messi d'accordo che la regola è
due più due fa quattro, non ci piove.

Secondo assioma

Siccome lo scienziato singolo o in ordine sparso è, sì, superiore al vulgum


pecus ma tuttavia umano, a lui è concessa una certa sregolatezza. Passi, per
esempio, se Stephen Hawkins scrive che il dio della Genesi è una
fluttuazione nel vuoto quantistico precedente al Big Bang. Se il suo collega
Fred Hoyle è convinto - con altri - che le comete hanno portato sulla Terra
non solo la vita ma addirittura le religioni e la civiltà, in seguito alla caduta
dalle nostre parti di frammenti come quelli che hanno butterato la faccia di
Giove. Se Fleischmann e Pons agitano due elettrodi in una bottiglia e
scoprono la fusione fredda, un'energia immensa da una quasi assenza di
materia. Se il chimico francese Benveniste vede in una molecola d'acqua la
memoria di un'altra molecola che l'ha sfiorata migliaia di diluizioni prima,
avvalorando la "dinamizzazione" omeopatica praticata dall'azienda che lo
finanzia.
Passi. Tanto prima o poi un concorrente prova a rifare l'esperimento o la
dimostrazione, scova i dati "aggiustati", gli elementi omessi, e li denuncia.
Non passa invece che un'assemblea di scienziati entri in combutta per tradire
le proprie regole. Non per il bene collettivo: esempio, nascondiamo i dati
dell'encefalopatia spongiforme bovina, se no creiamo allarmismo e crolla il
prezzo del manzo. Non per corruzione: ci paga l'industria delle sigarette,
delle auto, dei petroli e pubblichiamo soltanto i fattori di rischio inferiori a
1.
No, gratis. Per sbadataggine, spensieratezza, incoscienza? Non so, chiedo,
ma prima devo raccontare l'accaduto a chi fosse sfuggito.
All'Università di Goteborg, nella Svezia delle pari opportunità, Christine
Wennerås, microbiologa, e Agnes Wold, immunologa, si ritrovano un
giorno a commentare le ultime notizie di laboratorio.
"Lo sai che nemmeno questa volta la X ha ottenuto i fondi del Consiglio
della Ricerca Medica e invece quello là che non le arriva alla caviglia, sì?"
"Nooo! Secondo te, si tratta di coincidenze o c'è dell'altro?"
Wennerås e Wold decidono di indagare sui fondi distribuiti nel 1995. Ma il
Consiglio della Ricerca Medica rifiuta di consegnare gli atti delle delibere.
Si rivolgono al tribunale: secondo la legge - in Svezia, beate loro - i
documenti sono statali e quindi pubblici.
Una volta in possesso delle carte, Wennerås e Wold le analizzano con gli
strumenti statistici migliori che conoscano. Scoprono che il Consiglio aveva
violato le regole di misura neutrale obiettiva imparziale onesta, fate voi, che
ovunque fondano il giudizio e quindi la gerarchia meritocratica della
scienza.
Riassunto: per ottenere dei fondi pubblici, le ricercatrici dovevano avere un
punteggio medio 2,5 volte superiore a quello dei ricercatori nelle diverse
valutazioni di validità, originalità, impatto sulla comunità scientifica dei
lavori già pubblicati ecc… Per capirci, è come se il Consiglio avesse
misurato l'altezza dei maschi in centimetri e quella delle femmine in pollici:
170 di media i primi. 60 di media le seconde: tutte nane, poverette.
E' preoccupante perché le regole, il regolo con le tacche dei centimetri o dei
pollici è stato deciso di comune accordo proprio per evitare che i pregiudizi
del misurante cambino l'altezza del misurato. Chissà in quante occasioni si
pratica quel giochino di prestidigitazione, magari all'Organizzazione
Mondiale della Sanità sull'incidenza rispettiva della malaria e dell'Aids e
quindi sui fondi da dare alla prevenzione dell'una o dell'altra. O
all'Organizzazione Mondiale della Meteorologia sulla faccenda del
riscaldamento del clima. E ora chi si fida?
Philip Campbell è il neo direttore del settimanale inglese Nature (il più
potente dell'ambiente insieme all'americano Science), che nel maggio del
1997 ha pubblicato la ricerca di Wennerås e Wold con i suoi bravi grafici.
Dice che ha ottenuto dal resto della stampa scientifica quasi lo stesso
numero di citazioni dell'articolo di Ian Wilmut & C. che annunciava la
clonazione della pecora Dolly. Di solito, la ricerca veniva citata da
editorialisti prestigiosi che gridavano allo scandalo e si auguravano che il
metodo di analisi Wennerås e Wold venisse usato per studiare i meccanismi
di decisione in tutti gli enti erogatori di pubblici denari, soprattutto nei paesi
meno egualitari della Svezia.
Ipocriti.

- E sulla stampa normale, Wennerås e Wold sono state citate più o meno di
Dolly?
- Molto, molto di meno.

La ricerca di C. Wenneras e A. Wold vista a caldo dai circoli accademici


svedesi:
http://bric.postech.ac.kr/science/97now/97_5now/
970521a.htm

dal gruppo WIS, Women in Science and Engineering:


http://tweedledee.ucsb.edu/~kris/WIS/WIS.html

dal settimanale economico non troppo sessista The Economist (estratto):


http://utl1.library.utoronto.ca/www/wow/article2.htm

dalle femministe americane:


http://www.feminist.org/news/newsbyte/may97/
0522.html

dal direttore del British Medical Journal:


http://194.216.217.166/reg/archive/7094n2.htm

una ricerca più generale dal titolo "Clima freschino nell'accademia"


condotta da Jennifer Freyd sulla discriminazione sessista in ambiente
universitario americano, con un'ottima bibliografia:
http://darkwing.uoregon.edu/~jqj/inter-pub/css/
chillyclimate1.html
Per un servizio pubblico
perfetto
Aldo Grasso Cosa c'è dietro l'angolo? L'angolo del servizio pubblico, si intende. Da un
po' di tempo assistiamo a una curiosa rivendicazione del ruolo del servizio
pubblico. La Rai, quando deve commentare gli ultimi dati d'ascolto,
sottolinea la sua presenza sul mercato con frasi del tipo: "Ci sono almeno
dieci differenze sostanziali tra il servizio pubblico e la TV commerciale".

Quali siano queste differenze sostanziali nessuno lo dice, perciò nessuno le


sa. E allora Maurizio Costanzo, direttore di Canale 5, prende la palla al
balzo e si esercita in un'equazione quanto meno spregiudicata. Se Canale 5
trasmette programmi di interesse sociale anche Canale 5 può dirsi, a buon
diritto, servizio pubblico.

La tesi è fragile. E' più istruttivo, allora, interrogarsi sul perché Costanzo
abbia più volte sentito il bisogno di invocare il servizio pubblico,
espressione che fino a ieri era sinonimo di noia e di pedagogismo. Non
rottura del palinsesto ma più crudamente "rottura di palle".

Nella TV moderna, con l'ingresso in campo degli imprenditori privati, il


concetto di servizio pubblico si è molto scolorito. Se dovessimo, con tutta
franchezza, dire quali siano i programmi della Rai definibili come servizio
pubblico ci troveremmo in seria difficoltà. Anzi, proprio la Rai viene
accusata da più parti di aver smarrito il senso della sua missione pubblica.

Perché allora Costanzo rivendica a sé, a Mediaset, una quota di questo


servizio? La ragione è intuibile: non passerà molto tempo che le TV
commerciali - accusando la Rai di fare troppi programmi commerciali -
chiederanno una fetta di canone.

La Rai - è la loro tesi - deve vivere con il solo canone e lasciare alle TV
commerciali la pubblicità. Se invece gode ancora di introiti pubblicitari lasci
alle TV commerciali una porzione del tributo o la possibilità di stringere
rapporti di convenzione con alcuni ministeri o, ancora, l'opportunità di
produrre programmi per le singole regioni, fuori dal tetto pubblicitario.

Insomma il vecchio e frusto concetto di servizio pubblico, che nessuno sa


più bene cosa sia, viene tirato fuori per una disputa che di servizievole non
ha proprio nulla. Per questo tentiamo qui di definire alcuni aspetti - dieci,
per la precisione - del Servizio pubblico, le "dieci differenze sostanziali" di
cui sopra.

1. Personale di servizio pubblico: prestazione di lavoro domestico in case


private ovvero quando un dipendente Rai fa un secondo lavoro presso una
ditta fornitrice della Rai.

2. Porta di servizio pubblico: "Porta a porta" di Bruno Vespa, ovvero come


lasciare sempre una porta aperta al potente di turno.

3. Donna a mezzo servizio pubblico: giornalista televisiva che lavora solo


per metà giornata. La famosa altra metà...

4. Fuori servizio pubblico: locuzione riferita a giornalisti momentaneamente


liberi da obblighi d'ufficio, detti anche "posteggiati". In attesa che la ruota
della fortuna politica giri ancora.

5. Servizio pubblico particolare, detto anche "servizietto pubblico": love


affaire fra due dipendenti Rai.

6. Servizi pubblici deviati: settori della Rai che deviano dal compito
istituzionale e si rendono responsabili o complici di attività destabilizzanti
nei confronti dell'azienda.

7. Indennità di servizio pubblico: fare la cresta sui rimborsi spesa delle


trasferte.

8. Vai a fare quel servizio pubblico: invito con cui un direttore del Tg
permette a un redattore l'esplicazione dei bisogni corporali.

9. Abbandono di servizio pubblico: passare dalla Rai a Mediaset, per tornare


ancora in Rai, per spuntare, ogni volta, qualche miliardo in più.

10. Al vostro servizio pubblico: espressione che denota l'essere a completa


disposizione di qualcuno, possibilmente personaggio di rilevanza pubblica,
insomma un politico; l'unico modo per entrare in Rai.
Economia, scienza divina
Paolo Palazzi Nella scienza economica, come in tutte le scienze, i ricercatori si scontrano
con: "il problema che i saggi bisogna scriverli come se si fosse Dio e si
parlasse per l’eternità".¹

Quale miglior modo per gli economisti di avvicinarsi a Dio che quello di
individuare, spiegare, interpretare, diffondere "leggi economiche" naturali,
immutabili ed incontrollabili? Quindi sogno e pratica di molti economisti è
quella di presentare leggi, comportamenti, relazioni oggettive e naturali
attraverso le quali studiare e interpretare i fenomeni economici.
Il grosso problema per gli economisti è però, da sempre, che ciò che si
aspetta da loro è una spiegazione di quello che avviene nella realtà
economica, e anche la proposta di eventuali strumenti per modificare e
migliorare una realtà considerata non soddisfacente o non giusta.
La scienza economica, come tutte le scienze sociali, si interessa delle
relazioni tra gli uomini, e gli uomini, si sa, sono un po’ imprevedibili e
litigiosi, hanno comportamenti che non rientrano nei comodi schemi di
razionalità ipotizzati dagli economisti: in realtà spesso va per proprio conto
non rispettando la teoria economica. Insomma la realtà non rispetta le leggi.
Questo fenomeno porta a due conseguenze, di segno opposto, ma entrambe
gravi. La prima è relativa a un crescente distacco dell’analisi teorica
economica dalla realtà, il sistema economico di riferimento dell’analisi
diventa cioè sempre più astratto, e le ipotesi semplificatrici diventano uno
strumento che, invece di avere come fine quello di isolare da una situazione
complessa i problemi più importanti, hanno come fine a sé la possibilità di
applicazione degli strumenti analitici, con un ribaltamento della relazione
strumento-obbiettivo.
Il secondo fenomeno è che, mentre tali livelli di sofisticazione rimangono
ristretti al dibattito accademico, la società civile si trova ad affrontare
problemi e domande sul funzionamento di una economia reale. Si è quindi
sviluppata una tendenza, senza dubbio da parte dei mass-media e molto
spesso anche della classe politica, ad appropriarsi, divulgare e
malauguratamente e tramutare in interventi di politica economica alcuni dei
risultati provenienti da ricerche che si basavano sulla costruzione di sistemi
economici e di individuazioni di leggi comportamentali del tutto irrealistici.
I risultati così "volgarizzati", che spesso diventano luoghi comuni di massa e
di mass-media, sono strettamente dipendenti dalle ipotesi irrealistiche che
stanno alla base del modello utilizzato per ottenerli.
Siamo quindi in presenza di un fenomeno che da una parte vede una sempre
maggiore astrattezza ed estraneità ai problemi reali da parte della letteratura
economica accademica, e dall’altra una volgarizzazione di queste teorie e
leggi che, isolate dal proprio contesto, diventano inutili luoghi comuni o veri
e propri errori.
Le ragioni di ciò possono essere ritrovate, a mio avviso, in due ordini di
motivi:

a. il primo si potrebbe definire di carattere "utilitaristico-accademico":


occuparsi di modelli sempre più astratti e lontani dalla realtà
permette una elaborazione scientifica che si verifica solamente
all’interno del mercato accademico, senza che la capacità o meno di
spiegare la realtà sia un metro di giudizio. Nell’analisi teorica
economica si riesce a "essere Dio" solo se si ha come obiettivo
finale la coerenza interna. La matematicizzazione dell’economia ne
è un esempio. E’ difficile "essere Dio" quando si parla di cose reali.
b. Un altro ordine di motivi è quello di tipo ideologico: l’astrattezza
dei modelli e le relazioni puramente quantitative permettono di
trasmettere l’idea della oggettività delle leggi che governano i
processi economici e quindi della impossibilità o dell’inutilità di un
cambiamento che si ponga in contraddizione con tali leggi.

La via alternativa non è facile: la cosa migliore dovrebbe essere, per gli
economisti che non si riconoscono in questa tendenza, quella non tanto di
parlarne ma di praticarla; se un approccio alternativo è veramente efficace
avrà in sé la capacità di affermarsi.
Purtroppo un meccanismo del tipo: "le idee buone automaticamente
cacciano quelle cattive", non si adatta al mondo politico e al mondo
accademico. La possibilità in astratto di discernere ciò che è buono da ciò
che è cattivo è molto difficile se non impossibile: spesso in economia, come
in tutte le relazioni tra gli uomini, ciò che è per gli uni può essere male per
gli altri, le verità oggettive sono ben poche.
Sta di fatto che i meccanismi di selezione delle idee seguono percorsi
tortuosi, conflittuali e di potere ben diversi da un confronto ideale e aperto.
Forse ciò è inevitabile, basta però ricordare che le idee che vincono e
dominano in economia non rappresentano improbabili leggi oggettive e
immutabili, ma solamente quelle che meglio rispecchiano i rapporti di forza
istituzionali, politici e accademici.

1. Pirsig R. M., Lo zen e l’arte della manutenzione della motocicletta, Adelphi, 1981, p.
171
Bach e la viabilità
Carlo Boccadoro Le nefaste conseguenze dell’inquinamento acustico che vengono
periodicamente ricordate su giornali, trasmissioni radiofoniche e televisioni
sono a tutti ben note. Raramente si pensa, però, al disastroso effetto
retroattivo che automobili, camion e motorini senza marmitta hanno avuto
sulla Storia della Musica. Che c’entra il traffico con il regno dei suoni, vi
chiederete (forse)? Apparentemente nulla. Chiunque si trovi bloccato in un
ingorgo automobilistico, magari costretto a una lunga attesa in coda,
difficilmente si metterà a pensare a Bach o a Vivaldi; semmai passerà il
tempo a imprecare contro gli altri automobilisti.

Eppure un pensierino al riguardo, se non altro per curiosità oziosa, vale la


pena di farlo.
Prima di arrivare al traffico, però, bisogna fare un esempio musicale.
Se avete mai assistito a un concerto di musica orchestrale vi sarete accorti
che, prima dell’entrata in scena del direttore, l’oboe suona una nota lunga. Il
primo violino la riprende e progressivamente tutti gli strumenti della
compagine orchestrale si uniscono a lui, cercando di bilanciare l’intonazione
del proprio strumento attorno a quella nota: si tratta della famosa
"accordatura" dell’orchestra (vi ricordate Fantasia di Walt Disney? c’era
anche lì). Orbene, il suono che dà vita a tutto questo procedimento è la nota
La. L’ascoltatore deve quindi presumere che questa nota, fungendo da
baricentro per l’accordatura di tutti gli strumenti, debba essere di una
intonazione infallibile, inattaccabile, definitiva. Niente affatto. Ogni
orchestra ha un La differente, seppure di una sfumatura, e quindi ci sono
sempre dei problemi per sostenere l’accordatura durante tutta la durata di un
concerto. La scienza acustica ci spiega che ogni nota è formata da un certo
numero di frequenze che vengono misurate in hertz. Per cercare di ovviare a
questi problemi di intonazione nel 1939 si tenne a Londra una convenzione
internazionale di musicisti, foniatri e specialisti di acustica, i quali
stabilirono che il La doveva avere una frequenza di 440 hertz al minuto
secondo. Prima di questa convenzione il La variava non solo da nazione a
nazione, ma anche a seconda del genere musicale (opera, concerto, musica
da chiesa, ecc.).
Sulla carta, dunque il problema era risolto. Nei fatti, molto meno. Sugli
hertz di ogni nota influiscono le caratteristiche ambientali del luogo in cui si
suona (acustica della sala, riverbero, ecc.) e persino le condizioni
atmosferiche. Non andate a sentire concerti in sale umide o in serate
particolarmente fredde e piovose, altrimenti potreste sentirne di tutti i colori,
specialmente tra gli strumenti a fiato. Nel 1971 il La a 440 hertz fu
ulteriormente ratificato da una delegazione del Consiglio d’Europa, che
aveva nuovamente consultato fior di luminari al riguardo. Eppure in molte
orchestre il La iniziale è a 442 hertz, talvolta è a 443, in altre 440 e in alcuni
teatri lirici arriviamo anche a 445 hertz. Recentemente ho assistito a un
concerto in cui uno strumento era accordato a 442 e l’altro a 446 hertz, con
risultati che vi lascio immaginare. Ebbene, possiamo ormai stabilire con
certezza che il principale imputato di questa Babele acustica è proprio il
rumore della vita quotidiana intorno a noi, particolarmente il famigerato
traffico.
Ai tempi di Bach, infatti, quando la vita scorreva più tranquilla e sotto le
finestre passavano al massimo le carrozze a cavalli, il La aveva una
frequenza molto più bassa: 415 hertz. Uno degli strumenti più in uso era il
clavicordo, che possiede un timbro così flebile da poter essere udito quasi
esclusivamente da chi lo suona. Questo ci dice essenzialmente due cose:
molta musica era destinata principalmente al diletto casalingo, e
quest’ultimo non era disturbato da rumori esterni. Quando la popolazione è
aumentata, e di conseguenza anche il rumore della vita cittadina, il nostro
orecchio ha avuto bisogno di un maggior numero di frequenze per essere in
grado di udire chiaramente la musica. Il clavicordo ha dunque lasciato il
passo al più sonoro clavicembalo. Tuttavia anche quest’ultimo, per essere
apprezzato appieno, necessita di assoluto silenzio e di poche persone
attorno. Il progresso bussa alle porte, arriva la rivoluzione industriale,
nascono la locomotiva a vapore, il tram; il rumore intorno a noi cresce
lentamente ma inesorabilmente. Ecco quindi il clavicembalo che viene
soppiantato dal ben più sonoro pianoforte, dotato di una robustissima
struttura in legno e metallo, e dal suono capace di farsi sentire anche in
ambienti rumorosi (non a caso esiste il piano-bar ma non il clavicembalo-
bar). Con il mostruoso crescere del caos (rumori industriali, martelli
pneumatici, colonne di automobili strombazzanti, televisioni, stereo e
apparecchi radio a tutto volume, ecc.) il povero La ha dovuto aumentare in
modo esponenziale le sue povere frequenze, giungendo agli attuali 440 e
oltre. Nel frattempo sono stati inventati strumenti elettrici utilizzati nella
musica rock, in grado di produrre suoni a volumi acustici allarmanti. I
sintetizzatori e le batterie elettroniche oltrepassano tranquillamente il limite
di pericolosità per le nostre orecchie, dato che molti concerti rock si
svolgono in campi di calcio e arene destinate ad ospitare decine di migliaia
di persone.
Torniamo dunque alla nostra vecchia equazione: molte persone = molto
rumore = molti più hertz necessari = La in vertiginosa ascesa.
Si potrebbe obiettare: a noi che ce ne importa se il La cresce di frequenza?
Ce ne importa eccome. Prima di tutto si tratta di un segnale d’allarme sulla
pericolosità acustica del nostro modo di vivere, e inoltre crea enormi
problemi a strumentisti e cantanti, dato che molte opere di musica classica
sono state pensate per note con hertz molto più bassi. Certe fioriture vocali
di Rossini, oppure certi passaggi sovracuti presenti nelle opere di Bellini
oggi risultano quasi ineseguibili e costano agli esecutori sforzi tremendi per
raggiungere note che ai loro tempi erano quasi un tono sotto di quelle
attuali. Se si va avanti di questo passo molte opere del bel canto saranno
irraggiungibili per le voci. (Non ve ne frega nulla? Potreste anche avere
ragione.)
Dal punto di vista teorico, invece, la cosa può anche avere un risvolto
divertente: il rumore quotidiano ha reso molte tonalità originali del tutto
inesistenti. Mi spiegherò meglio con un esempio, paradossale ma non
troppo: prendiamo la celeberrima Toccata e fuga in Re minore per organo di
Johann Sebastian Bach. La tonalità del brano è scritta a chiare lettere nel
titolo: ma se noi ascoltiamo questo pezzo così come Bach lo ha concepito a
suo tempo (su un organo antico accordato a 415 hertz) il risultato per le
nostre orecchie, abituate a 440 hertz e oltre, suonerà esattamente mezzo tono
sotto. Ecco quindi il brano trasformato come per magia nella Toccata e
Fuga in Do diesis minore. D’altro canto se Bach resuscitasse e volesse
andare a sentire come viene eseguita la sua musica su un organo moderno si
troverebbe davanti alla Toccata e Fuga in Re diesis minore dato che per lui
il nostro LA risulterebbe mezzo tono sopra.
Dunque, o Do diesis o Re diesis.
E il Re minore originale che fine ha fatto?
In realtà non è mai esistito in quanto tale, dato che si tratta di un parametro
variabile, ma certo il rombare delle automobili e delle moto, i videoclip di
MTV e le urla nei dibattiti televisivi hanno contribuito a relegare il suo
sapore originale nel limbo. Ogni tonalità, infatti ha un suo colore
particolare: nel caso di un autore come Mozart la corrispondenza
psicologica con le varie tonalità è fondamentale, ed è stata ampiamente
sviscerata da dotti studiosi. Sentire il Requiem eseguito in Mi bemolle
minore, come capita oggi, anziché nel Re minore in cui Mozart lo immaginò
non è proprio la stessa cosa.
Non crogioliamoci, però, in queste fisime minuscole da addetti ai lavori.
Suggerisco di inoltrare subito una formale protesta alla Motorizzazione
Civile perché la Pastorale di Beethoven ritorni in Fa Maggiore, e Per Elisa
sia restituita al suo La Minore originario. Propongo inoltre la costituzione
del CPICDH (Comitato Per Il Controllo Degli Hertz), organo dal nome
facilmente memorizzabile che si occupi di tenersi costantemente in contatto
con gli organi governativi di tutto il mondo per arginare la ormai quotidiana
ascesa di frequenze e garantire così un futuro ai nostri padiglioni auricolari.
Ricordate, Bach andava a piedi.
Aristotele veleggia su Internet
Gianni Granata E' possibile che la passione per la vela d'altura possa influenzare il giudizio.
Ma, in ogni caso, la Whitbread Race, regata intorno al mondo in nove tappe
per un totale di 32.000 miglia nautiche, è evento che esalta in modo
esemplare le caratteristiche tecnologiche e di fruizione della rete.
Il tema dell'evento su Internet è senz'altro stimolante, ma le sperimentazioni
svolte finora sono risultate per lo più deludenti: in particolare si rivelano
patetici quei tentativi di sfruttare spettacoli di grande richiamo per
aumentare l'"audience" dei siti: elezioni di Miss Italia, festival di S. Remo,
campionati di calcio, ecc. Tutti avvenimenti che si valorizzano e si
amplificano grazie all'immediatezza del broadcasting radiotelevisivo; al
contrario, le lunghe costanti di tempo di Internet li trasformano in non-
eventi. A nulla valgono gli approfondimenti, i dati aggiuntivi, i link, le
sequenze di immagini fisse o "en ralenti": quando si visita il sito l'evento è
già sparito, non ha più valore, è come la partita di calcio in differita.
Veniamo invece alla Whitbread: la regata dura otto mesi e, come è tipico
della vela d'altura, le tattiche e lo svolgimento della gara non si apprezzano
in tempo reale (il coverage televisivo è impensabile non solo per ovvi
problemi tecnici, ma anche per la noia mortale dello spettacolo) ma con
flash stroboscopici a distanza di ore o giorni, molto consoni ai "naturali"
ritmi di collegamento alla rete da parte degli utenti.
Ogni media ho un suo tempo: teniamone conto.
La localizzazione dell'evento è il secondo fattore rilevante: spedire
giornalisti e tecnici ha costi proporzionali alla distanza, di conseguenza fatti
ed accadimenti di casa nostra sono ampiamente trattati dai media
tradizionali; dall'estero giungono notizie di grande impatto, con limitati
approfondimenti. La globalità della rete consente invece di organizzare con
grande efficacia e cura dei dettagli la copertura di un fatto che si svolge da
Southampton a Cape Town, Freemantle, Sydney, Auckland, Sao Sebastiano,
Fort Lauderdale, Baltimore, La Rochelle. I collegamenti satellitari ci
portano sul passaggio a Cape Horn, con possibilità di zoomare sulle
quattrocento miglia nautiche che separano la barca di testa da quelle di coda,
apprezzando le tattiche di rotta a ridosso della costa come se fossimo sulle
Bocche di Bonifacio. Il tutto corredato da situazione meteo aggiornata e dati
delle maree.
Ogni media ha un suo luogo di elezione.
Veniamo all'azione. La rigorosa sequenzialità dei media radiotelevisivi e la
passività dello spettatore (lo zapping è un'arma di difesa, peraltro distruttiva
nei confronti dell'evento teletrasmesso) porta inevitabilmente a una logica di
rappresentazione che privilegia l'unità di azione. Anche nei casi di gare
ciclistiche o di Formula 1, dove alle vicende del leader si sovrappongono
quelle degli inseguitori, di queste ultime si dà una visione molto parziale e
frammentata, in ogni caso funzionale a meglio interpretare i comportamenti
del leader. Sul sito http://www.whitbread.org (spero che quanto esposto
stimoli la curiosità a visitarlo) si possono seguire in parallelo le avventure di
dieci barche (ora nove a causa del ritiro di America's Challange) e dei
relativi equipaggi: incidenti, successi, delusioni, scelte vincenti e situazioni
drammatiche. Le storie, grazie alla posta elettronica sempre attiva, sono
rigorosamente parallele anche se con ovvi condizionamenti reciproci (come
reagire alla scelta di rotta del leader della corsa all'approssimarsi di un
fronte da nord ovest?). Se si è interessati alle sorti dell'equipaggio femminile
di delle barca EF Education, lo si può seguire con lo stesso livello di
dettaglio di Paul Cayard, in testa alla regata. Il grande successo del sito
(oltre nove milioni di hit al giorno) non è da attribuire solo all'ottima
realizzazione, alla ricchezza di dettagli tecnici e alla grande professionalità
dei reporter, ma anche al perfetto accoppiamento con i nuovi paradigmi di
"unità di tempo, di luogo e di azione" che caratterizzano la rete.
In conclusione, c'è qualche volontario intenzionato a scrivere una nuova
"Poetica.htm"?
Decalogo della società letteraria¹
Giuseppe Pontiggia 1. Lo scrittore migliora con gli anni.
Il paragone più frequente è il vino. Anche se pochi vini migliorano
col tempo.
L’ascesa dello scrittore è invece inarrestabile e tocca il suo culmine
con la decrepitezza e la morte.
2. Lo scrittore morto è immortale.
3. Lo scrittore malato è migliore di quello sano.
C’è chi, in prossimità dei premi, si ammala.
Si consigliano gambe vacillanti e sguardo febbrile, tra infermità e
desiderio.
4. Lo scrittore isolato è migliore degli altri.
Ripeterlo, soprattutto per continuare a tenerlo nell’isolamento.
5. Lo scrittore poco fecondo è migliore di quello prolifico.
Chissà dove arriverebbe se non scrivesse mai.
6. Non negare mai l’obolo all’esordiente.
Aspettare, per pareggiare il conto, il secondo libro.
"Non dare la precedenza ai più capaci".
E’ un principio di Lao-tzu sull’arte del governo.
Può darsi che non lo si conosca, ma è certo che lo si pratica.
7. Per aiutare una persona cara, parlare esclusivamente di valore. E’
anche più morale.
Per annientare un concorrente non dire mai: "Lo detesto", ma
spalancare le braccia: "Peccato che non sia più lui!".
8. Per prevenire sdegni, indignarsi per primi.
Disorienta sempre.
9. Disprezzare il successo. Almeno quello degli altri.
10. Giudicare i libri senza leggerli.
Sembra una magia, mentre è solo un’abitudine.

1. In Le sabbie immobili, Giuseppe Pontiggia, il Mulino, Bologna, 1991


Dal dado di Giulio Cesare al flipper di Fabio Mussi
Stefano Bartezzaghi Non si è ancora sentito di alcun politico italiano munito di pulcino virtuale
tascabile (eppure non ne dovrebbero mancare, anche solo per obblighi
paterni o materni): il più aggiornato pare il Fabio Mussi virtuoso di "Pinball
3D – Cadetto Spaziale", un flipper che si gioca al computer. Ma a parte la
lacuna del pulcino, sarebbe forse suggestivo ricostruire la storia italiana
attraverso i giochi dei suoi politici. Già l’inizio, con Giulio Cesare al
Rubicone che getta il dado, ha quel giusto sapore allegorico e tronfio che si
noterà poi negli ultimatum di altri comandanti, magari meno quotati. A
questo opporremo il Machiavelli, che si "ingaglioffava" a giocare a tric-trac
nelle osterie.
Gettare il dado o mischiarsi alla folla? Nel gioco c’è l’una cosa e l’altra, e
c’è anche lo sparire, il richiudersi, come già nel collezionismo: la
malinconica numismatica savoiarda e le allegre figurine di Veltroni, i segreti
caveau artistici romani e l’aitante garibaldinismo craxiano, la bibliofilia di
Dell’Utri e i soldatini di Cossiga.
Chi ricorda il film La stangata o Fantozzi avrà ben presente il fenomeno:
boss o capuffici, ci sono potenti che amano far passare i sottoposti per un
tavolo da poker o da biliardo. Il gioco, insomma, apre un canale di
comunicazione diretto e talvolta discreto: si insinua che persino le mitiche e
miti bocce di Nenni servirono da schermo per cauti contatti con ambienti
ostili all’allora nascente centrosinistra. Fra i capi democristiani, una
mitologia postuma attribuisce ad Aldo Moro una passione enigmistica, forse
per giustificare i tentativi di criptoanalisi anagrammatica delle lettere dal
carcere del popolo. Per quanto riguarda Giulio Andreotti (che a una
"sciarada" di Papa Mastai ha intitolato un suo libro), si parla di smazzate di
gin-rummy, in un suo giro romano di ramini e canaste. Per il resto le
passioni pubbliche andreottiane sono l’ippica e la Roma.
Sempre nella DC, in La sera andavamo in via Veneto, Eugenio Scalfari
raccontò gli esordi della sua amicizia con Ciriaco De Mita partendo da una
visita scalfariana a Nusco, con tavolo di amici impegnati nel tressette. Di lì a
poco lo stesso De Mita avrebbe imposto nella solfa politica nazionale il leit-
motiv delle "regole del gioco".
Guarda come gioco, insomma: capirai chi sono. Questo è il messaggio, e lo
si è capito quando tutta Italia ha percepito le immagini di un bizzarrissimo,
quasi onirico scopone presidenziale d’alta quota, con Sandro Pertini, Enzo
Bearzot, Dino Zoff e Franco Causio di ritorno dai vittoriosi mondiali
dell’82. Spadolini sventolava il Tricolore, i settimanali parlavano di
rinnovato sentimento patriottico, Silvio Berlusconi forse incominciava a
progettare l’acquisto del Milan.
Come già per Andreotti non possiamo però considerare la visita domenicale
allo stadio come un gioco vero e proprio. Spesso si tratta di curare il
collegio elettorale, altre volte sarà magari schietta ("prepolitica", la chiama
D’Alema) passione per il football. Ma il calcio praticato è forse ancora un
gioco, e allora su uno spartiacque fra Prima e Seconda Repubblica, chissà su
quale dei due versanti, poniamo quelle partite a calcetto al Circolo
Canottieri Lazio, in cui si scambiavano la palla Cesare Previti e il giudice
Squillante e di cui oggi si interessa la magistratura milanese. Erano partite
vere, anche faticose.
Sulle partite metaforiche il precedente è quello di Bettino Craxi. Sulla
pratica effettiva nessuno ha mai dato prove certe, ma il poker ricorre in due
momenti-cardine della carriera politica dell’ex-segretario del PSI. Agli
albori, Enrico Berlinguer lo definì appunto: "Un buon giocatore di poker".
Simmetricamente, quando la stella volgeva al tramonto, Rino Formica
dichiarò: "Bettino ha in mano un poker d’assi".
Siamo al finire della Prima Repubblica, quando l’Italia ha avuto in
Francesco Cossiga un presidente appassionato di gadget elettronici e, come
si diceva, di soldatini, bandierine e divise militari (sui soldatini c’è anche
una collezione di Mauro Bubbico, e la leggenda parla di un Franco
Evangelisti che cercava un negozio specializzato, ma proprio sotto l’albergo
che ospitava Sindona). Lo stesso presidente fra picconate all’impazzata
usava mandare regali beffardi: si ricorda una scatola di superCluedo (nonché
un succhiotto da bebè) al pm Cordova, che querelò. Per finire su giocattoli e
magistrati, al Di Pietro che dopo la requisitoria Cusani teatralmente si
spoglia dalla toga che mai più indosserà un amico regala un giocattolo. Lì
non era una beffa: si trattava di un modellino di quel "trattore rosso" che
allora veniva regolarmente indicato dallo stesso Di Pietro come il più
probabile fra i suoi futuri attrezzi di lavoro, sui campi di Montenero di
Bisaccia. Come ormai sappiamo, andò altrimenti.
"Mi piace molto far funzionare la capa"
Golem intervista Massimo Oggi non usano più le scrivanie con molti cassetti, e neppure quella di
D'Alema Massimo D'Alema, al secondo piano di Botteghe Oscure, ne ha. Prima dei
computer, i cassetti custodivano scartoffie e segreti, magari delicatissimi o
imbarazzanti, ma certo non tutti solenni. Anche le migliori scrivanie
potevano racchiudere segreti assai futili. Nel 1945 ai tempi in cui è stato
costruito il palazzo dove siamo ora, Palmiro Togliatti si preoccupava che la
sua scrivania fosse messa in un modo da poter aprire con discrezione un
certo cassetto, durante le riunioni della direzione del Partito (lo racconta
Massimo Caprara, nel recente Quando le Botteghe erano Oscure, Il
Saggiatore). Lì Togliatti teneva i cruciverba dell'Humanité, l'organo del
Partito Comunista Francese: fingendo di ascoltare gli interventi più noiosi,
risolveva gli amati mots croisés.

● "NON TROVO AVVERSARI"


● NAPOLEONE VINCE A WATERLOO
● SPADONI, CALCI, LOTTO E GOVERNO
● DAI TAOISTI AGLI ANTI-POLITICI
● "TU NON PUOI MORDERMI LA MANO"
● "UN PIACERE IN SE'"

"NON TROVO AVVERSARI"

- Dove tiene i suoi giochi, il successore di Togliatti?


D’Alema: "Non so che fine abbia fatto quella scrivania, ma quel computer
che vede contiene qualche gioco. Pochi, per la verità. Di questi tempi gioco
soprattutto a un solitario, che presenta una sua complessità: si tratta di
snodare delle catene di carte messe in colonna…"
qui si capisce che il segretario del PDS (o meglio, DS:
nell'atrio del palazzo il simbolo è già quello nuovo e
discusso, con la rosa sulla quercia) probabilmente sta
facendo il giro dei giochi che Bill Gates, bontà sua, regala
agli utenti di Windows. Il solitario assomiglia infatti a Free
Cell, che è uno di questi giochi; un altro è 3D Pinball ovvero
Cadetto Spaziale, un flipper su cui è stato detto che D'Alema
si accanisse. Ma ora smentisce, parzialmente:

D’Alema: "Il flipper è un gioco di prontezza di riflessi: Pinball lo faccio ma


il maestro è Fabio Mussi. Io sono portato al gioco logico-matematico,
districare una cosa complicata. Posseggo l'intera collana dei libri di Martin
Gardner [inventore di problemi per lo Scientific American nonché
commentatore di Lewis Carroll, ndr], che raccolgono tutti questi giochi
logici, logico-matematici, giochi di strategia, intrichi di intelligenza…
Conosce il gioco dell'Hex?"

- Fabio Mussi è noto: è il presidente dei deputati di Sinistra


Democratica. Martin Gardner è noto: è l’inventore di problemi per lo
Scientific American, nonché sommo commentatore di Lewis Carroll. Ma
che dire dell’Hex? Non sarà invece, e più maliziosamente, l’Ex? O
magari Lex? Più che un gioco questo sembra uno scherzo…
D’Alema: "Né Ex né Lex ma Hex, da Hexagon che è la forma delle caselle e
da X, il simbolo degli incroci. E' un gioco di posizionamento, andava di
moda qualche anno fa. E’ una losanga dove un giocatore deve costruire con
le pedine un percorso continuo da un lato all’altro, mentre l'avversario deve
provare a costruire un percorso continuo fra gli altri due lati. Ovviamente
uno dei due percorsi spezza l'altro. E' uno stupendo gioco di strategia, dove
difendersi e attaccare coincidono perfettamente, cioè nel momento in cui
uno riesce a bloccare la catena continua dell’avversario, costruisce la
propria. E’ molto divertente. Non trovo avversari."

- Dati i gusti, dovrebbe piacerle il go, l'antichissimo gioco cinese. Fra


l'altro è l'unico che il computer non riesca ancora a giocare per bene.
Bisogna circondare i territori dell'avversario con strategie sottili e
tenaci e inglobarseli. Ne parla appunto Martin Gardner…
D’Alema: "Non sono sicuro di conoscerlo, ma invece facevo quel bel gioco
africano, il Mancala, quello delle buchette nella sabbia in cui far cadere i
sassolini, a scalare… Ci vuole capacità di previsione sino a quattro o cinque
mosse, sono i giochi che piacciono a me."

arriva la dichiarazione di principio…

D’Alema: "Mi piace molto far funzionare la capa."

(Esempio:)
D’Alema: "C'è un quiz logico, uno classico per il quale elaborai una
soluzione diversa da quella consueta. E' uno di quei giochi di logica binaria,
in cui c'è un pellegrino che cerca la città della verità, arriva al bivio, da una
parte c'è la città della verità, dall'altra quella della menzogna, incontra uno
che viene e può fargli una sola domanda, senza sapere se l’interlocutore è
bugiardo o sincero. Normalmente in un gioco di questo tipo la soluzione
comporta una domanda, del tipo: "Se tu fossi bugiardo e io ti chiedessi…?"
eccetera. Io ne avevo escogitata una diversa, molto più elegante, in cui
l’elemento binario era implicito: il pellegrino diceva: "Scusami, buon uomo,
da che parte si va per andare alla tua città?"

- E resiste a ogni…
D’Alema: "Resiste a ogni! Se lui dice il falso, mente su quale sia la sua città
e dunque indica quella della verità. Se invece è sincero indica la città della
verità. Questa soluzione incorpora nel "tua" la binarietà, senza
quell’ineleganza del dire al pellegrino: "Ma se tu fossi…" eccetera."

- I logici le hanno dato l’imprimatur?


D’Alema: "Le dico che fu apprezzata, perché carina, elegante e poco
consueta."

Golem ha consultato il professor Achille Varzi, che insegna


logica e metafisica a New York. Risulta che la soluzione del
presidente della Bicamerale funziona, anche se si perde la
possibilità di formularla nel linguaggio della logica
proposizionale, che è uno dei pregi delle soluzioni
tradizionali

NAPOLEONE VINCE A WATERLOO

- Qui interviene per Golem Danco Singer: Ogni gioco ha un obiettivo:


arrivare a un traguardo, scoprire la soluzione dell'enigma, vincere un
premio. Nel gioco della politica qual è l'obiettivo?
D’Alema: "E’ dare scacco all’avversario. E' uno stupendo gioco di
simulazione, con gli alleati e gli avversari. Io facevo meravigliosi giochi di
simulazione. Il primissimo che venne in Italia era La battaglia di Waterloo,
mi pare che lo disegnò Crepax, per Linus. Parlo degli anni ’60. Poi ci fu "La
battaglia del lago ghiacciato", Alexander Nevskji alla testa dei contadini
contro i cavalieri teutonici. Era bellissimo. Tutto il problema era che i
cavalieri teutonici avevano una grande forza d’urto e vincevano se
riuscivano a dispiegarla. Però il lago ghiacciato si poteva rompere:
l'avversario collocava segretamente i punti di frattura, decidendo i pesi per
la rottura del ghiaccio. Era un problema di estrema raffinatezza, vincere con
i teutonici: come vincere con Napoleone nella battaglia di Waterloo, piacere
che del resto mi sono tolto più volte."

(il segretario ride sonoramente, e poi concede al Bonaparte il


giusto handicap):

D’Alema: "Bisogna dire che Napoleone nel gioco ha un grande vantaggio


rispetto al vero Napoleone: sa che a un certo punto i prussiani sbucheranno
su un lato del suo schieramento, quindi può prendere qualche contromisura,
che il vero Napoleone non prese, perché non lo sapeva, poveraccio."

- Nei giochi politici d'oggi siamo nelle condizioni del Napoleone


poveraccio?
D’Alema: "No, se uno ha una visione completa del campo e anche una
chiara idea di quello che vuole. Chi non ha obiettivi precisi, chi fluttua,
diventa una parte secondaria del gioco."

- Nel Risiko ogni giocatore pesca una carta dov'è scritto dove andare.
Quando lei parla di obiettivi politici precisi, intende qualcosa che si
potrebbe scrivere in due parole su una carta, la soluzione segreta
dell'enigma? Per fare un esempio, "Palazzo Chigi"?
D’Alema: "Questi sono aspetti importanti, ma ancora strumentali."

- Bisogna fare come i principianti degli scacchi, che sperano che


l'avversario non capisca la strategia?
D’Alema: "Una delle chiavi del successo è il consenso, che si costruisce
intorno a un progetto chiaro. E’ un’idea arcaica quella secondo cui bisogna
tenere nascoste le proprie finalità, nella politica democratica di questo
secolo le finalità vanno chiaramente enunciate… Tanto non sono credute
dagli avversari. Uno degli aspetti del gioco è sicuramente questo: se uno
dice con chiarezza quello che vuole ha la garanzia che il suo obiettivo
rimane segreto [ride]. Bisogna dire dove si vuole andare. Gli altri non ci
credono, dispongono le difese lungo tutti gli altri cammini, e così basta
procedere per la strada maestra, che a quel punto è spianata."

SPADONI, CALCI, LOTTO E GOVERNO

- Lei gioca con i videogiochi. Non è preoccupato, magari per i suoi figli,
da quelle cose che si sentono, la videodipendenza, la presunta epilessia
da videogioco…?
D’Alema: "Quello che è sgradevole è la violenza, la forte componente di
aggressività che almeno per i bambini dovrebbe essere ridotta. Mio figlio,
ha sette anni, è un appassionato di questi giochi e ce ne sono alcuni
francamente orribili: quest’idea del massacro… con spadoni… che
squartano… "
lo dice non voluttuosamente ma con un certo gusto, nel
disdegno

D’Alema: "… oltretutto credo che tanta violenza non sia affatto necessaria,
perché poi uno non si innamora della raffigurazione ma della dinamica del
gioco. Quello che viene raffigurato nella forma di un duello mortale, di
squartamenti, eccetera, in fondo potrebbe essere un normale incontro di
boxe, perché poi il gioco ha sempre quel meccanismo, devi muovere una
certa levetta per alzare un braccio, devi avere una certa destrezza."

- Il gioco, o lo pseudo-gioco, nazionale è il calcio. Mettiamo una


bandierina: è il Tricolore sventolato nel 1982 da Giovanni Spadolini dal
balcone di Palazzo Chigi, in seguito alla vittoria italiana ai Mondiali di
calcio. Questi rapporti della politica con il calcio, il politico in tribuna, il
gioco al calcetto, sono davvero un canale necessario per raggiungere la
gente?
D’Alema: "Sono tifoso della Roma da prima di fare questo mestiere, è una
cosa profondamente prepolitica: non è neanche molto conveniente essere
tifosi della Roma, visto che di questi tempi perde. Giocavo a pallone prima
di occuparmi di politica. Ora c'è la partita di beneficenza, i prezzi da pagare
alla società dell'immagine. Devi mostrarti vicino alla gente, chissà se poi è
così vero. Però è vero che il calcio è una grande passione nazionale.
Comunque non c’è il minimo dubbio che quando ho fatto gol alla squadra
dei Cantanti, davanti a sei-sette milioni di telespettatori, è stato un evento
assai maggiore che la partecipazione a un talk-show".

- Annunciando un importante restauro finanziato dall'estrazione del


mercoledì Walter Veltroni ha detto esplicitamente "il benedetto Lotto".
Una volta il movimento dei lavoratori era severo con questi giochi…
D’Alema: "Si, perché era visto come una forma di oppio dei popoli. Ma il
gioco esiste, e tanto vale tenerlo nella legalità perché l’aspetto socialmente
più preoccupante è la gestione criminale. Per il resto il mito, il miraggio
dell’arricchimento è una componente ineliminabile della vita, è legato al
meccanismo della società dei consumi. Ci viviamo dentro."

- Però poi ci sono il Super-Enalotto, il Gratta & Vinci, il Totogol che si


stanno diffondendo anche in zone geografiche e fasce sociali diverse da
quelle tradizionali… Giochi a cui peraltro il banco vince sempre.
D’Alema: "Cosa dobbiamo fare? Proibire i giochi mi sembrerebbe una
fesseria. L’importante è cercare di dare alle persone un minimo di
attrezzatura critica, elevare il livello di cultura: magari la passione del gioco
può essere sviluppata su piani più evoluti, umanamente più appaganti, no?"

- Lei non ha mai praticato il gioco d'azzardo?


D’Alema: "Forse da ragazzo ho giocato qualche volta a poker ma ho smesso
prestissimo. Eppure il gioco d'azzardo è divertente, come calcolo delle
probabilità, finzione, strategia: ma non mi piace l'elemento maniacale. A un
certo punto non hai più il governo di te stesso, a me piace il gioco in cui uno
non perde mai il controllo di sé, anzi assume il controllo del campo, e di
tutti gli attori in gioco. Questo, mi piace!"

DAI TAOISTI AGLI ANTI-POLITICI

D'Alema l'altro anno ha scritto un libro molto fortunato, fin


dal titolo: Un Paese normale. Normale, come (risonanza
freudiana?) la Scuola Normale di Pisa, gli studi filosofici
abbandonati per la politica. Ma anche come le norme quelle
famosissime "regole del gioco" che dalla segreteria De Mita
in poi hanno dato vita a dibattiti, commissioni bicamerali e
anche a terribili sarcasmi…

D’Alema: "Quel titolo veniva da una bellissima vignetta di Altan: "L'Italia è


un Paese straordinario" "Vorrei tanto che fosse un Paese normale". C’era
anche il gusto del paradosso. La Sinistra, che ha sempre avuto la dimensione
utopica del sognare lo Straordinario, le Mirabilia, dice: "vogliamo un Paese
normale, dove le cose funzionino normalmente". In Italia abbiamo tante
cose davvero straordinarie. Credo che siamo gli unici al mondo ad avere una
commissione parlamentare che si chiama "Stragi". Si può anche sorridere di
questo, diciamo, no? Le stragi come uno degli aspetti della vita civile e
politica… Una commissione costituita come fatto eccezionale e poi di strage
in strage… , insomma permane da vent’anni ed è diventata permanente
[risata]. E' uno degli aspetti singolari che dobbiamo eliminare per
raggiungere questo grande obiettivo di diventare un Paese normale."

- Ma un Paese normale ha più regole e va un po' da sé, senza bisogno di


tante regole?
D’Alema: "L’Italia ha una quantità enorme di regole anche molto severe,
temperata dall’abitudine a non rispettarle. Bisognerebbe averne meno e più
semplici."

- Singer: Che giocatori erano, i democristiani? Si può parlare di gioco


politico anche per un politico come Aldo Moro?
D’Alema: "Si, anche se aveva un’interpretazione del gioco molto statica.
Però quella era anche una fase diversa della politica italiana, in cui si
giocava molto sul lungo periodo. Moro aveva un'idea del non agire che per
me è orientale, taoista. Nella strategia democristiana c'è un elemento
acquatico: l'acqua non fa resistenza, si modella sulla forma dell'avversario e
lo ingloba. Straordinario. Noi eravamo i solidi, fra i molti che venivano
inglobati. L'elemento liquido, che poi entra in metafore come "la palude
democristiana" è molto importante per capire la DC."
Pausa con leggero sogghigno.

D’Alema: "Questo è un giudizio acuto, diciamo."

In questi frequenti elogi a se stesso di consueto c’è una


rincorsa fra l'autoironia, che è volenterosa, e l'orgoglio, che
però parte avvantaggiato.

- Nei giochi tradizionali in genere si gioca da soli ed è chiaro chi è


l'avversario, chi l'alleato. Il gioco politico non è più ambiguo, con
avversari che diventano alleati e viceversa?
D’Alema: "In politica uno sa benissimo chi è il suo avversario, e quindi
anche i suoi potenziali alleati. Poi un alleato può passare da potenziale a
effettivo, ma in realtà l'avversario vero non cambia mai. Può cambiare
semmai il terreno di sfida: io posso fare le riforme costituzionali con
Berlusconi non perché sono suo alleato, ma perché parto dall’idea che
condurre la Destra sul terreno del gioco democratico regolato è prima di
tutto utile al Paese, e in secondo luogo è anche un modo di preparare la
sconfitta dell’avversario, perché ritengo che la politica sia un’attività nella
quale noi siamo più forti. La forza di Berlusconi era proprio il venire meno
delle regole del gioco, lui rappresentava l’anti-politica, l’anti-gioco politico."

- E ora il suo avversario chi è?


D’Alema: "L’uomo più politico che c’è oggi nel campo avverso è
l’onorevole Fini. Però è stato interessante anche Berlusconi perché ha
portato un elemento di novità, con il suo tentativo di cambiare. Poi è
successa una cosa incredibile: è venuto in campo con l’idea di distruggere la
politica, e in poco tempo si è appassionato alla politica. Fantastico. Così ha
perduto quella carica eversiva, tra virgolette, che era la sua forza, che gli
aveva permesso di vincere: ha capito che la politica è un lavoro molto
difficile, a cui non basta affatto l’immagine, la televisione, il carisma. La
politica è stata più forte, ha vinto su Berlusconi: fin troppo. Adesso ogni
tanto ha proprio delle sortite da politique politicienne…"

D'Alema è soddisfatto di questo contagio di cui si sente


probabilmente corresponsabile.

- Un giocatore non liquido ma proteico, con le sue bistecche sempre


evocate, è invece Bossi, no?
D’Alema: "Sì, Bossi è un giocatore abbastanza irregolare, però non riesce a
uscire dal suo angolo, non ha la visione strategica che gli consente di venire
al centro del campo. La sua diversità andava messa in una combinazione
vincente, come Pujol che dalla Catalogna condiziona la vita politica
spagnola. Ma Bossi è un uomo tanto furbo quanto diffidente, e in politica
non bisogna essere diffidenti. A un certo punto ha temuto che si consumasse
la sua identità originale e non ha usato la sua forza, si è ritratto dal gioco.
Secondo me è un segno, proprio come giocatore, di immaturità."

"TU NON PUOI MORDEMI LA MANO", ovvero LE REGOLE

- C'è stato un momento in cui le regole e anche il fair play in Italia


sembravano andati per aria. C'è una sua dichiarazione con cui le
sembrò opportuno specificare: "le regole sono come gli scacchi, se io ti
mangio la regina tu non puoi mordermi la mano.
D’Alema: "Questa era la preoccupazione, bisognava ricondurre tutti sul
terreno della regola del gioco. Se tu perdi le elezioni, non puoi fare un colpo
di stato. Per questo ci siamo posti il problema di riscrivere le regole insieme
agli avversari: per il pericolo che nel nostro Paese le regole del gioco
democratico non fossero più condivise, e il gioco diventasse difficile."

- Nella teoria dei giochi è importante separare le regole che servono per
giocare da quelle che servono per vincere. In politica la distinzione è
sempre chiara?
D’Alema: "Noi abbiamo detto che il problema del Paese era duplice. Dopo
il crollo della Prima Repubblica era finito anche un tipo di gioco, erano
cambiate regole come la legge elettorale, erano cambiati i giocatori. Il primo
aspetto era impostare le nuove regole per giocare, ricostruire il campo di
gioco. Questo si fa insieme all’avversario e dirlo è stato un punto essenziale,
una grande intuizione strategica… "

Quel che segue è elencato con voce neutra, come fosse una
verità risaputa e indiscutibile, la ricetta per fare l’uovo sodo:

D’Alema: "… Poi ci vogliono le regole per vincere, e si sa che per


governare l’Italia la Sinistra deve creare una coalizione di centro-sinistra,
questa coalizione non si deve presentare come un assemblaggio di partiti ma
deve avere una configurazione innovativa… L'Ulivo, insomma."

- E i famosi valori?
D’Alema: "Questo modo di spiegare le cose può attirare delle tirate
moralistiche. Ma in realtà avere questa visione della struttura del gioco
politico, anche nei suoi aspetti persino logico-matematici e di teoria dei
giochi, non significa affatto non avere una forte tensione morale. Non
c’entra nulla. La tecnica esiste, e secondo me può essere interpretata in
modo giocoso e quindi appassionante. Ma poi è evidente che questa partita
ha un contenuto economico, sociale, etico, civile. E’ chiaro che ci sono le
motivazioni."
- Ma non restano un po' nascoste, dietro all'agire politico, al "teatrino
della politica", alle strategie e controstrategie?
D’Alema: "Secondo me occorre un equilibrio che consenta di non prendere
due direzioni opposte, tutte e due sbagliate: il pragmatismo o la retorica.
Quando i valori sono enunciati in un modo che è totalmente
decontestualizzato rispetto all’agire politico, quando la retorica delle
motivazioni soffoca il nucleo del gioco, allora diventa una retorica della
sconfitta. Gli italiani sono convinti che la retorica sia il sentimento,
l’idealità, invece non è vero. La retorica è il peggiore inganno: è la
simulazione dell’idealità."

- Singer: In una tavola rotonda con lei, alla Camera di Commercio di


Milano, l'anno scorso, Umberto Eco diceva che ci vogliono secoli di
democrazia…
D’Alema: "… Sì, e di Stato unitario, che da noi è assai recente rispetto agli
altri Paesi, e non è una storia interamente democratica, poiché abbiamo
avuto il fascismo: quando il qualunquismo degli italiani contro i partiti ha
prodotto il Partito Unico. Il nostro è un Paese dove c’è una democrazia
fragile, dove l’etica civile è piuttosto debole. Piano, piano diventeremo una
nazione europea, ci vuole del tempo."

- Manca molto?
D’Alema: "Abbiamo fatto molta strada, in relativamente poco tempo.
Abbiamo stabilità di governo, e questo dà molto fastidio a molti: però è
accaduto. Abbiamo conti pubblici in media con quelli europei, ed eravamo
alla bancarotta… Abbiamo dei soggetti politici che progressivamente
somigliano a quelli che ci sono in Europa… Tra un po’ avremo anche la
riforma costituzionale… E' un processo accelerato e noi siamo tra i
principali protagonisti. Ce ne renderanno merito: quando ci leveremo dalle
scatole. Cosa che accadrà non tardissimo: ci renderanno merito per avere
contribuito a dare una situazione più serena ai nostri figli."

- Oltre a tante strategie tanto raffinate, da questo ufficio è uscita,


secondo la leggenda, anche la parola inciucio, che in origine voleva dire
"pettegolezzo" e ora significa "accordo con retroscena infamanti".
D’Alema: "Inciucio stava scritto su una cartellina, in cui finivano pratiche
delicate, ma poi la parola si è compromessa. C’è dietro un aspetto di cultura
italiana profonda, la diffidenza verso la politica. I politici sono considerati
tutti sporchi, ma poi anche necessari perché gran parte di quelli che ne
pensano male chiede poi favori ai politici. Questi aspetti di ipocrisia sono
tipici della società italiana e testimoniano dell'arretratezza del costume
civile. Negli altri Paesi europei c'è molto rispetto verso i partiti, le
istituzioni, lo Stato. Poi non è che siano migliori di noi, io li conosco
abbastanza da vicino. La politica grosso modo è quel che è dappertutto, noi
abbiamo in più un tasso forte di qualunquismo antidemocratico, d’altro
canto come si diceva abbiamo avuto il fascismo…"
- La parola inciucio viene applicata agli accordi con Berlusconi: le si è
ritorta contro, come in Frankenstein?
D’Alema: "Berlusconi è un avversario con cui mi accordo sulle regole del
gioco. Soltanto lo sciocco dice "non fare il compromesso, l’inciucio".
Queste sono follie che portano alla rottura, alla divisione. Le dice chi non è
capace di giocare ma non bisogna mai farsi condizionare dagli stupidi. Se il
gioco è impostato bene bisogna andare avanti e avere il coraggio di sfidare
momenti di impopolarità."

"UN PIACERE IN SE'"

- Lei ci ha descritto i suoi giochi e la sua visione della politica anche


come gioco. E' un modo per rendere futile la politica o per rendere
nobili i giochi?
D’Alema: "Nessun uomo politico ammetterebbe questa dimensione perché
tutti tendono retoricamente a paludarsi, con grandi discorsi sui valori civili.
Il che è tutto vero naturalmente, però…"

c'è un però…

D’Alema: "… il nucleo del gioco, il piacere del gioco prescinde dalla posta.
La posta può essere il denaro, può essere il successo, può anche essere un
obiettivo di grande valore civile e morale ma il meccanismo profondo del
gioco è un piacere in sé."

Le parole "Un piacere", "in" e "sé", D'Alema le ha scandite


come fa al telegiornale.

- Oggi come oggi ci chiediamo tutti, l'un l'altro, "ti diverti?". Ce lo si


augura, anche, e non sempre ironicamente: "Vado a lavorare", "Bravo,
divertiti". Non lo si chiede mai ai politici, invece, che tutt'al più
dichiarano una "passione" per la politica stessa, che però è soprattutto
una faticaccia, un onere, un calice amaro. Ma da quel che dice, mi pare
che lei ogni tanto si diverta, anche…
D’Alema: "Io sì, e soprattutto quando la situazione si ingarbuglia. Io mi
diverto, confesso. Mi ricordo che se ne parlava una volta con Luciana
Castellina . La militanza politica era sempre raffigurata come sacrificio, e io
dicevo: "siamo persone fortunate, veniamo pagate per divertirci, per fare
quello che ci diverte". Oddio non è solo il politico che si diverte, ci sono
diverse altre attività umane paragonabili, ma non c’è dubbio che la politica
ha una dose di creatività, e quindi di affermazione della propria personalità.
Si paga in termini di stress, ma è sicuramente divertente. Infatti il problema
più delicato è organizzarsi per uscirne in un età ancora ragionevole. Bisogna
avere delle passioni altrettanto forti, altrimenti uscirne può essere
drammatico, può essere fortemente pregiudizievole per l’equilibrio psico-
fisico."

- Infatti non è riuscito a molti politici italiani.


D’Alema: "E’ difficile. Io coltivo la vela: grande gioco. Nella regata c’è
dentro la fisicità, il mezzo, la strategia. Fantastico… fare gli zigzag…
sembra una fesseria e invece… "
L'università, serva del paradosso
Nel dibattito sulla riforma dell’Università italiana ha avuto molta risonanza la proposta
di rilanciare i collegi universitari, proposta elaborata da un gruppo di studenti italiani
a Cambridge (Filippo de Vivo, Luca Einaudi, Manuela Magliocchetti, Carlo Ratti). Il
documento che ha lanciato tale proposta, gli interventi polemici che ne sono seguiti, le
adesioni degli illustri sostenitori e la rassegna stampa sull’argomento sono ora
disponibili al sito del Progetto Collegium. A questa proposta Domenico Fiormonte
oppone un’analisi dei problemi dei sistemi universitari anglosassone e statunitense. Nel
Regno Unito il polo Oxford – Cambridge (detto sinteticamente Oxbridge), mastodonte
che per mantenere la propria indiscutibile eccellenza assorbe un terzo delle risorse che
il governo destina all’università. Nei campus statunitensi sta arrivando al punto di crisi
la relazione fra la libertà di insegnamento e le leggi di mercato: crisi che è poi la crisi
dell’idea di università (istituzione a forte vocazione paradossale), e interessa anche
l’Italia rendendo quasi marginali quei problemi pur acutissimi (giochi di potere,
concorsi truccati, aule sovraffollate) che sono gli unici a venire trattati dai mass-media.
Golem apre un Forum su questo argomento, invitando innanzitutto il gruppo del
Progetto Collegium a intervenire.

L’UNIVERSITA’, SERVA DEL PARADOSSO


Domenico Fiormonte Nel mio precedente intervento su Golem, stimolato da una serie di articoli
sull’università italiana apparsi sulla stampa inglese, avevo raccontato la mia
esperienza in un campus americano e le riflessioni su quel sistema formativo
che ne erano seguite. Concludevo il mio articolo (in origine una e-mail alla
lista di Italianistica Let-it@caspur.it ) augurandomi (wishful thinking?) la
nascita di un modello europeo dell’istruzione superiore. Oggi vorrei tornare
su questi argomenti in parte con l’aiuto di tre libri usciti di recente (uno
italiano e due americani) dedicati all’università, in parte riferendo
sull’intenso dibattito che si sta svolgendo nel Regno Unito sul sistema
educativo.

1.
Gli ultimi sei mesi - dall’esternazione di Violante sull’università di massa
all’occupazione di alcune università tedesche fino alla decisione dei laburisti
del Regno Unito di far pagare parte del costo della matricola ("tuition fees")
agli studenti - sembrano confermare che la crisi dell’università è una crisi di
dimensioni europee. L’11 giugno scorso Keith Devlin riportava sul
Guardian on-line la discussione avvenuta alla riunione della confindustria
britannica (CBI), il cui direttore generale così si esprimeva: "Le università
devono mantenere alta la qualità, altrimenti gli imprenditori porteranno
altrove i propri affari." Almeno un’impresa, Unipart, ha già investito 4
milioni di sterline nella creazione di una università "interna" alla quale verrà
affidata la formazione del proprio staff. L’attacco dell’industria alle già
assediate ("beleaguered") università britanniche, ufficialmente giustificato
dalla preoccupazione "per la qualità", nasconde in realtà il terrore, diffuso in
genere nelle élite, di un’università di massa massicciamente finanziata dallo
stato. È chiaro allora che perfino la serie - a tutt’oggi ininterrotta - di articoli
inglesi sull’Italia acquista un sapore ben diverso. Difficile comprendere
altrimenti l’attenzione che il Times Higher Educational Supplement ha
dedicato a una notizia relegata in Italia alle pagine di cronaca: le elezioni del
rettore dell’ingovernabile per antonomasia mega-ateneo d’Europa: "La
Sapienza" (THES, 31 ottobre 1997, p. 10). Per quanto la cosa possa
sembrare comica il Times ha schiaffato un’enorme faccia di Tecce (a colori)
sopra l’ennesimo articolo di Pacitti (dopo il Guardian ora anche il Times:
"Italy in EU dock over ban"); il titolo suggeriva un plot sthendalian-
scespiriano: "Usurped rector loses ungracefully". Ma le pagine principali del
THES come del Guardian HES non dipingono una realtà interna priva di
drammi e narratives. L’annuncio del nuovo governo laburista di introdurre
le cosiddette tasse "di rabbocco" ("top-up fees") ha scatenato la reazione
delle associazioni studentesche e un dibattito a 360 gradi sui giornali e su
Internet. Punta avanzata della discussione è Nexus, il think-tank telematico
progressista, dove si possono leggere opinioni d’alto livello e dati scambiati
dalla mailing list "Hedu" (dedicata cioè alla higher education). Il panico e la
"passione" (da queste parti merce rara) che riflettono la maggioranza di
questi interventi è comprensibile: fino ad oggi in Gran Bretagna l’università
era completamente gratuita; persino a Cambridge e Oxford (Oxbridge), una
volta ammessi, non si pagano tasse. Ma oggi anche questo sistema è in crisi.
La prima doccia fredda è stata il rapporto Dearing (dal nome del presidente
della Commissione, Sir Ron Dearing), una inchiesta sul sistema
dell’istruzione ordinata dal precedente governo e conclusasi quest’estate con
la pubblicazione di un voluminoso dossier. Le conclusioni di Dearing non
sono certo riassumibili in poche parole, ma la parola d’ordine era già nota
prima di iniziare: "tagliare" - possibilmente facendo pagare agli studenti il
25% della loro istruzione. Il rapporto Dearing cade nelle braccia laburiste
come manna dal cielo. Il Labour Party, che aveva promesso di non toccare
ma anzi di aumentare i finanziamenti all’istruzione e alla formazione, si
trova in mano una formidabile scusa per calare la scure sulla pubblica
istruzione. Il governo ufficialmente vuole comunque (come la CBI) più
iscritti e più diplomati e intende spendere i soldi pagati annualmente alle
università (le "tuition fees") in maniera diversa: ad esempio introducendo un
sistema di prestiti d’onore per gli studenti o magari investendo di più a
monte, nella scuola. Agli studenti universitari - ma il governo assicura che
saranno solo quelli più abbienti - verrà richiesto perciò di versare una
somma contributiva che non copre l’intera tuition e che si aggirerà in media
sulle mille sterline all’anno. Le "top-up fees" hanno gettato nello sconforto
molti potenziali studenti che allibiscono di fronte all’eventualità di dover
pagare cifre che in alcuni casi (ad esempio per medicina) supererebbero le
duemila sterline annue. Si teme poi una "americanizzazione", cioè il
passaggio a un sistema di università di serie "B" (o "C") e di serie "A" che
produrrebbe discriminazioni (Oxford e Cambridge) ancora peggiori di
quelle presenti. Di conseguenza i sondaggi hanno segnalato un calo delle
domande di ammissione all’università - le cosiddette "applications" che gli
studenti inviano durante il corso dell’anno (si veda "Opportunities lost",
THES, 24 ottobre 1997, p. 1).

Ma qual è la realtà della situazione? Vediamo brevemente. Il sistema


britannico nasce da una riconosciuta e nutrita schizofrenia: una università
largamente (anche se non interamente) d’élite, cioè Oxbridge, e tutto il
resto. Oxbridge è a sua volta un complicatissimo sistema nel sistema, una
galassia di cittadelle medievali (i college) inespugnabili e indipendenti, con
le proprie (numerose e fornitissime) biblioteche, i propri "endowments" e
proprietà fondiarie, ma allo stesso tempo un mastodonte che succhia da solo
circa un terzo dei fondi-tuition che il governo versa nel complesso alle
università: 35 milioni di sterline solo quest’anno. Ma se fino ad oggi il
sistema ha tenuto, ora, dopo il panico scatenato da Dearing, le altre
università non ci stanno. Cambridge e Oxford si difendono dalle accuse di
élitismo e ingordigia principalmente attraverso due argomenti: primo, quei
soldi sono necessari per il mantenimento della "eccellenza" (universalmente
riconosciuta) nell’insegnamento e nella ricerca; secondo, l’accusa di
elitismo è ingiusta poiché le cifre dimostrano che l’accesso di studenti
provenienti da famiglie povere e da scuole statali è aumentato negli ultimi
anni fino a raggungere la quota del 48% degli iscritti (vedi i dati UCAS e il
rapporto annuale di Oxford ). Ma ciò che Oxbridge difende appare a molti
come la scandalosa conferma del perpetrarsi del sistema dell’educazione
classista. Il 50% degli studenti di Oxbridge proviene dal quel 9% del totale
degli studenti educato in scuole private e anche se le due istituzioni
investono ogni anno miliardi per "pubblicizzare" e spingere i buoni studenti
delle scuole statali a fare domanda, la proporzione dei pupilli delle "public
schools" rimane schiacciante.

Presi di mira oggi sono anche i mitici tutorial "one-to-one", le lezioni


"singole" dove il rapporto studente-insegnante è in media di 3 a 1. Un
miraggio per i nostri standard, ma anche un colossale spreco di risorse che
finisce per penalizzare il resto delle università. Cambridge e Oxford sono
università da 12-15.000 studenti che impiegano quasi altrettanto personale
(poco meno di diecimila a Oxford fra insegnanti, personale non docente,
giardinieri, bibliotecari, ecc.). Ma in tutto il Regno Unito ci sono ben
ottantanove università per un numero complessivo di 1.6 milioni di studenti
(dati del British Council) che seguono dignitose lezioni in aule non affollate
e il cui costo non potrebbe avvicinarsi, nemmeno sforzandosi, a quello di
Oxbridge. Il contributo medio dello stato versato per ogni studente educato
in una università britannica è di 3.800 sterline annue. A Cambridge è in
media di 6.170, con punte di 7.100 sterline per uno studente di ingegneria o
di altra facoltà scientifica. Ma ci si domanda: siamo sicuri che queste
università siano così eccellenti? e anche se lo fossero, vale la pena pagare un
prezzo così alto? Secondo Lewis Elton, professore alla UCL (Londra), la
risposta è no: "La presenza di Oxford e Cambridge distorce non soltanto il
sistema universitario, ma da una parte i curricula scolastici e dall’altra il
mercato del lavoro. Senza Oxbridge la scuola privata perderebbe molto della
sua ragion d’essere. Di fatto, non c’è probabilmente nessun aspetto della
società britannica che non sia influenzato - nella maggior parte dei casi in
maniera deleteria - dall’esistenza di Oxbridge. Questi seri handicap debbono
essere tenuti presenti allorché si valuti l’eccellenza, internazionalmente
riconosciuta, delle due università."
Le parole di Elton hanno destato in Nexus la reazione risentita dei "liberal"
di Cambridge, ma la cosa più interessante di quel dibattito è stato
l’intervento dei colleghi americani che hanno subito aperto un altro fronte
della discussione, l’eterno confronto (l’eterno - e reciproco - complesso) con
l’America. Va detto che i cugini d’oltre oceano si sono schierati in difesa del
sistema di Oxbridge, ritenendolo più genuinamente meritocratico. Le cifre
delle tuition di Oxford e Cambridge fanno d’altronde sorridere gli americani
delle Ivy League: la tuition annuale a Harvard e Yale costa circa 23.000
dollari e lo stipendio medio di un professore di ruolo si aggira intorno ai
100.000 dollari l’anno. Per non parlare della ricchezza dei college, dove il
60% dei fondi (privati e statali) è posseduto dalle 50 "top universities" (in
USA sono più di duemila). Ma è precisamente questo il dilemma britannico:
trasformare la gloria nazionale in una istituzione totalmente privata? I
partecipanti alla discussione di Nexus, nella stragrande maggioranza,
inorridiscono. Il che ci permette di fare un passo indietro. Perché, come
sempre, il vento di crisi arriva dagli Stati Uniti.

2.

Negli ultimi tre-quattro anni si sono susseguiti in USA una serie di studi e
pubblicazioni sulla crisi dello "higher educational system" - definizione
sotto la quale vengono compresi i college (che forniscono solo diplomi
quadriennali - 2125 istituzioni, di cui 1530 private) e le università (le quali
offrono anche Master e Dottorati). Molti sono gli studi seri, come quello
curato da Arthur Levine (Higher Learning in America, 1980-2000, Johns
Hopkins University Press, 1994), e i libri di inchiesta (Shameful Admissions:
The Losing Battle to Serve Everyone in Our Universities di Angela Browne
Miller, Jossey-Bass, 1996), ma innumerevoli sono le guide alla giungla dei
campus. Uno sguardo ai titoli in libreria dà un quadro efficace della
dimensione dei problemi (e del disagio): The Real Guide to Grad School:
What You Better Know Before You Choose Humanities & Social Sciences, a
cura di Robert E. Clark e John Palattella, Lingua Franca, 1997; The Gay,
Lesbian, and Bisexual Students' Guide to Colleges, Universities, and
Graduate Schools, di Jan-Mitchell Sherrill e Craig A. Hardesty, New York
University Press, 1994; The Black Student's Guide to Colleges (4a edizione),
a cura di Barry Beckham, Madison Books, 1997; ed infine l’imperdibile The
Truth About College: 50 Lessons for Parents Before They Start Writing
Checks, di Will S. Keim, Chalice Press, 1997.

Avevo appena citato la volta scorsa uno dei libri più discussi, Bright College
Years: Inside the American Campus Today (Simon & Schuster, 1997), della
giornalista Anne Matthews. Il taglio del libro della Matthews è quello
classico (e bisogna ammettere avvincente) della "spregiudicata denuncia".
In sette agili capitoli che riprendono le stagioni (i mitici "term") del campus
l’autrice, che è anche "figlia d’arte" (cioè di accademici), ci conduce
attraverso il mondo dell’università americana messa in ginocchio
dall’esplosione delle immatricolazioni e dai tagli (statali e federali) alla
spesa per l’istruzione. Le cifre fornite dalla Matthews sono poche, ma tutte
significative: il sistema universitario americano è una impresa da 200-300
miliardi di dollari ("it’s a little larger than the computer industry, a lot
smaller than the restaurant industry", p. 28) e impiega circa due milioni e
mezzo di persone, più personale che nel settore automobilistico, tessile e
siderurgico messi insieme. Nel 1970 solo un americano su quattro andava al
college, oggi sono quasi uno su due. In Francia e Giappone solo uno
studente di scuola secondaria su dieci arriva all’università. I dati a
disposizione per l’Italia sono di difficile comparazione, ma la percentuale di
iscritti sul totale della popolazione fra i 19 e i 23 anni era nell’anno 1991-92
del 32,6%, ma si scende al 26.9% se consideriamo il numero di laureati su
totale degli iscritti al primo anno (dati Istat). In America, nello stesso
periodo, si diplomava il 44,3% della popolazione di razza bianca e il 23,9%
di neri (fonte: William G. Bowen, "No limits", in Ronald G. Ehrenberg (a
cura di), The American University. National Treasure or Endangered
Species?, Cornell University Press, 1997, pp. 18-42).

Circa nove milioni sono gli studenti iscritti ai corsi di diploma quadriennale
("baccalaureato") in USA, ma la durata media degli studi reali è oggi più
vicina ai sei che ai quattro anni. Sempre più frequenti sono gli abbandoni e
sempre più studenti sono costretti a lavorare a tempo pieno con conseguenze
negative sulla frequenza e sul rendimento. Il linguaggio adottato dalle
università-impresa per attrarre questa massa di adolescenti è quello delle
shopping mall: patinate brochure avvertono che "nel nostro campus ogni
stanza è dotata di "free cable TV service" (Utica College), dove gli studenti
possono rilassarsi in "expanded personal fitness facilities" (p. 27); "nel
nostro college", avverte un altro depliant, "anche le lezioni di arte e
letteratura hanno un taglio da business-studies." Uno studente intervistato
assicura che a Santa Cruz (California) il vestirsi è un optional ("it is a
clothing-optional campus"). Ogni riga di questi pieghevoli è attentamente
soppesata, ogni aggettivo accuratamente selezionato: il college è (deve
essere) una strada in discesa, "fun, intimate, improving but nonthreatening",
dove parole come studio, lavoro e fatica sono bandite: "You will be
painlessly prepared for a high-paying career." L’Università della Florida è
anche più diretta: "Disney World e spiagge meravigliose ad un’ora di
macchina."

Ma se queste note vi sembrano deprimenti aspettate di arrivare al corpo


docente. La Matthews ci offre un florilegio di citazioni, frasi e pezzi di
interviste, rubate o concesse, spesso riunite a grappoli, altre volte raccolte
isolate, dalle quali l’accademia esce massacrata. Alcune di queste storie
raccontate fra un dato catastrofico e l’altro (nessun hotel del sud-est vuole
più ospitare la convention della gloriosa Modern Language Association
perché i suoi delegati "sono tirati con le mance") rasentano la paradossalità
dei racconti di David Lodge. Ma non sono fiction. Il dato dominante è la
mancanza di lavoro e la crescente minaccia della abolizione della "tenure",
l’assunzione a tempo indeterminato, che terrorizza tutte le discipline ma che
è già diventata una realtà per i laureati dell’area umanistica. Sulla "tenure"
parlano chiaro decani e presidenti di università: "L’aumento dell’età
pensionabile ha causato grossi problemi. E la libertà accademica non
c’entra. Le pare che voglia rendermi odioso a gente che è alla fine della
propria carriera? No di certo; ma per dirla tutta, un quarto del dipartimento
di fisica, un quarto di scienze politiche e un terzo di francese dovrebbero
essere fuori di qui. Non so che cosa fare. Secondo i nostri legali è persino
illegale parlargliene" così il presidente della Illinois Wesleyan University (p.
176). Il segretario della American Association of University Professor
scuote la testa: "Gli attacchi legislativi alla tenure stanno aumentando in un
modo che c’è da aver paura. Arizona, Pennsylvania e Minnesota stanno
cercando di eliminarla. L’ideologia del mercato impera." Su tutto sovrasta il
timore di perdere la libertà di esprimere le proprie idee: "Adottate contratti
quinquennali come quelli di qualsiasi manager dell’industria e i contrattati
perderanno la libertà di parola. Presidi e consigli di facoltà possono punire
oggi i titolari di cattedra (‘tenured’) con incarichi noiosi, non aumentargli lo
stipendio, affibbiargli compiti umilianti, ma non possono farli stare zitti. [...]
La ‘tenure’ sarà forse dispendiosa e crudele, osservano i suoi difensori, ma
protegge il patto con la società per preservare al suo interno un posto dove la
gente possa mettere il naso nelle questioni più strane, creando ancora più
strane connessioni, e per ragioni non immediatamente palesi." Insomma,
conclude la Matthews, "la ‘tenure’ protegge gli innovatori dagli accademici."

Se dalla lettura della Matthews si esce stremati ben diverso è l’effetto che fa
The American University (citato più sopra). La miscellanea curata da
Ehrenberg non è certo un’inchiesta: qui è la crema dell’establishment
universitario americano e il grande potere accademico - dal presidente del
MIT a quello di Princeton, da quello di Cornell al direttore del National
Science Foundation - a salire in cattedra e a discettare sui "tesori" nazionali
americani. Il tono è quello delle grandi occasioni, le conclusioni scontate:
siamo in difficoltà, ma ce la faremo; issate le vele, si parte per una nuova
battaglia, eccetera. Insomma, la classica retorica alla Amasa Delano che
sprizza ottimismo sul povero Benito Cereno ("But the past is passed; why
moralize upon it? [...] Forget it. See, your bright sun has forgotten it all, and
the blue sea, and the blue sky; these have turned over the new leaves.")
Eppure anche fra questa messe di proclami jeffersoniani non mancano le
pagliuzze d’oro della critica. Hanna H. Gray, presidente emerito e
professore di storia alla Chicago University, sfiora nel suo intervento
("Prospects for the Humanities", pp. 115-127) i temi dell’università di massa
e del futuro delle facoltà umanistiche. L’articolo di Gray è una lucida,
orgogliosa e allo stesso tempo pacata rivendicazione del valore degli studi
umanistici in un mondo dominato dalla visione "scientifica". "Le università
esistono in parte", scrive Gray, "per mantenere e nutrire campi e modi di
pensare che non saranno mai di moda ma che sono di fondamentale
importanza [...]. Allo stesso modo esse esistono per incoraggiare e rendere
possibile la libertà intellettuale e il rischio che ci si assume nello scoprire
nuovi problemi, nuove risposte, nuove discussioni - qualsiasi pena consegua
a questo risveglio." (p. 124). Infine, riprendendo una riflessione di
Tocqueville, l’autore si domanda se la discussione sul "controllo"
dell’istruzione superiore (e sull’allontanamento della società dalle
università) non sia legata a un classico dilemma: è possibile conciliare
l’ethos democratico con quello che possiamo definire "the fundamental
quest for knowledge", ovvero l’immersione in una vita contemplativa? Gray
risponde con le parole di Tocqueville (che diventeranno poi quelle di John
Dewey): "A forza di aderire alle mere applicazioni si perderebbero di vista i
principi, e quando i principi fossero persi, i metodi non potrebbero essere
inventati, e l’uomo continuerebbe senza intelligenza e senza arte ad
applicare processi imparati ma non più compresi."

3.

Ed è questa in fondo la domanda che si pone, anche se in forma indiretta, il


terzo e conclusivo libro della mia serie (Chi governa l’università? Il mondo
accademico tra conservazione e mutamento, a cura di Roberto Moscati,
Liguori, 1997), a dimostrare come ormai la crisi dei sistemi di istruzione
superiore tagli trasversalmente tutta la cultura occidentale. Lo studio
promosso dall’allora Ministro Ruberti traccia in 10 capitoli una radiografia
del sistema universitario italiano. A chi tutto sommato usciva risollevato
dalla lettura della Matthews e dei guai britannici, l’équipe di sociologi delle
università di Trento, Milano e Catania si incarica di dare l’ultima mazzata.
Discuterò qui solo le conclusioni di Moscati, rimandando al volume
chiunque voglia cercare risposte documentate al disastro dell’università
italiana.

L’analisi di Moscati, che è anche un comparatista dei sistemi universitari,


parte proprio dall’osservazione della crisi dell’"idea" di università; un’idea
che risale alla fondazione di queste istituzioni: l’indipendenza dalla società.
Indipendenza che è insieme, ricordiamolo, indipendenza materiale e degli
scopi conoscitivi. La crisi dunque non è più solo una crisi di prestigio e di
ruolo, ma una crisi di identità la cui origine risiede nell’avvicinamento
(apertura) dell’università a settori più ampi della società e nel successivo,
parallelo allontanamento (per delusione, difficoltà, incapacità reciproca,
ecc.) della società da essa. Ciò che allora noi stiamo sperimentando oggi è il
"disamoramento" fra società e università, paradossalmente l’uno ormai alla
ricerca di legittimazione dall’altra. Uno dei motivi di questo disamoramento
l’autore lo identifica assai bene (così come emerge dal libro della Matthews
e dal dibattito inglese): il mercato.

"Sottolineando la relazione tra istruzione e mercato del lavoro si dà spazio


all’acquisizione di capacità vendibili (richieste del mercato), ma anche - in
conseguenza - al sapere come prodotto (invece della conoscenza come
processo e valore in sé); [...] la professionalità del docente si identifica con
la produzione del valore economico. (p. 290)"

Moscati non sembra tuttavia voler difendere i docenti, colpevoli di


arroccamento su posizioni di inutile e controproducente difesa a oltranza
dello status quo. Uno dei nodi centrali del suo discorso - centrali anche per
noi - è quello della "responsabilità" dell’insegnante. Il passo dove l’autore
conduce questo ragionamento merita di essere citato per esteso:

"Naturalmente, questa tendenza evolutiva (la trasformazione dello studente


in "consumatore" e del docente in "facilitatore di esperienze di
apprendimento" [un’orrenda espressione, non me ne voglia Moscati, che
nasconde la parola "commesso"]) [...] finisce per trasformare profondamente
il ruolo professionale dei docenti [...]. Così A. H. Halsey parla di
proletarizzazione per una classe accademica che perde progressivamente il
controllo delle proprie forme di produzione e riproduzione. [...] Ma il
moltiplicarsi delle forme di controllo, di valutazione e di responsabilità nei
riguardi degli studenti-consumatori la priva di alcune caratteristiche
fondamentali per essere considerata una reale professione. Le cause di
questa trasformazione sono da riscontrare sia nelle pressioni esterne appena
segnalate, sia nella incapacità del mondo accademico di definire
compiutamente la propria professionalità, in termini generali di ruoli e
responsabilità nei confronti della società e, in termini specifici, nel campo
delle funzioni didattiche." (p. 291)

Insomma, conclude Moscati, uno dei motivi della crisi di fiducia


nell’università e della conseguente perdita di controllo dell’accademia
risiede - e qui si spiegano benissimo anche il ritardo e le resistenze italiane -
"nel non essersi definiti quali professionisti con riferimento alla didattica" e
"nel non avere chiarito l’importanza della didattica per la società." È proprio
su quest’ultimo, delicatissimo punto, che si innestano le mie perplessità.
Prescindendo un momento dalla spinosa questione della valutazione del
processo didattico (che di per sé meriterebbe un capitolo, vedi le mie
osservazioni in "Italiano in Campus", Golem, 11 07.05.97.), mi pare che
Moscati non tragga le conseguenze dalla sua osservazione del nesso fra
mercato e didattica. In definitiva, Moscati non si pone il problema di quali
forze guidino la società: pur indicando nel mercato una delle forze che
premono per la trasformazione (in positivo o in negativo) dell’istruzione non
stabilisce il nesso fra questa e la società nei termini - più che corretti, viste le
sue stesse premesse - di un conflitto. Ed infatti più avanti (p. 292) parlerà di
dialettica "non risolta" fra università e società, ma senza mai porre la
questione nei termini di una divergenza di interessi - come faceva
timidamente Gray richiamandosi a Tocqueville.
Ecco perché poi egli confonde due piani: l’esigenza di autonomia
dell’università - minacciata in tutto l’occidente - e il problema del distacco
della classe intellettuale dalla società. Prendere a pretesto il pur sacrosanto
problema della didattica per spiegare il ritardo dell’accademia italiana (e
non solo italiana) sulla società mi pare per lo meno un vistoso
understatement. Nessuna riforma presente o futura potrà incidere sul
costume intellettuale (e questo d’altronde lo dicono gli stessi autori parlando
dei tentativi di riforma di Ruberti, pp. 2-6). Il problema allora è un altro. E
cioè se una società profondamente influenzata (come alla fine tutti
candidamente ammettono) dal mercato vada considerata intrinsecamente
buona e portatrice di novità positive. È per questo che credo che il livello
dello scontro sui sistemi universitari vada alzato, spostando il fuoco dai temi
ai quali si riferiscono costantemente i giornali (giochi di potere, concorsi
truccati, fondi del MURST e aule sovraffollate). Certo è necessario risolvere
questi problemi, ma è falso e mistificatorio sostenere che le urgenze vere
siano queste. La questione vera è sapere quale sistema di formazione e
istruzione vogliamo per il futuro e quali legami esso debba avere con il
paradigma humboldtiano dell’autonomia della conoscenza e della libertà di
docenza. Autonomia che, è bene ribadirlo, è soprattutto e innanzi tutto
indipendenza e autonomia dalla società. Se da un lato il rischio è quello
dell’emarginazione e dell’isolamento del sistema (come accade negli USA
dove le piccole e medie università vengono affamate dagli stati
conservatori), dall’altro la prospettiva è quella di una uniformazione alla
società che schiaccerebbe la conoscenza e l’apprendimento sulle esigenze
dell’attimo (Disney World e "clothing optional" campus inclusi). Non mi
pare questo un tipo di "legame con la società" che funzioni. A chi si lamenta
(anche giustamente) che l’università si è allontanata sempre di più dalla
realtà bisogna chiedere di avere il coraggio di contemplarla, quella realtà.
Lo scenario che avrà di fronte allora sarà quello di un mondo occidentale
intento a smantellare ciò che rimane dei movimenti organizzati (e dunque
degli ultimi residui di "società"). Prima il sindacato e i partiti, poi la sanità e
le pensioni e finalmente l’università (di élite o di massa che sia): "il luogo
dei paradossi" dove vengono o dovrebbero venire elaborate visioni
alternative a quella stessa società che essa è chiamata a servire.
Esercizi tipografici
Eco ha inventato un nuovo gioco: si tratta di usare lettere e simboli per
dire, di una persona, non soltanto come si chiama, ma anche chi è.

Questi si chiamano…

A. … Esercizi tipografici
B. Esercizi tipografici si chiamavano quelli che Massin fece per l’edizione
illustrata degli Exercices de style di Raymond Queneau,
C. il libro di Queneau è stato tradotto da Eco,
D. Eco oggi dedica a Queneau uno dei suoi primi…

[ricomincia da A. ad libitum].

Umberto Eco
Lo sguardo remoto del Prof. Di Bella
Marco Belpoliti La faccia di Luigi Di Bella è diventata rapidamente nota alla maggior parte
degli italiani. Il suo viso e la sua testa, coronati dai capelli bianchi, sono un
simbolo inequivocabile per tutti coloro che in questi anni hanno
sperimentato su se stessi o sugli altri l'esperienza della malattia e della morte
per tumore. Tra questa esperienza e il volto del professor Di Bella c'è una
forte omologia che aiuta ancor di più l'identificazione tra il fisiologo
modenese e il dolore. Nelle fotografie che lo ritraggono sui giornali Di Bella
non sorride quasi mai. L'unica immagine ridente è quella che lo ritrae con
l'oncologo Umberto Veronesi, celebre luminare della lotta contro il cancro,
che invece ride sollevando il labbro superiore e socchiudendo leggermente
gli occhi, le braccia conserte e lo sguardo rivolto all'obiettivo, come a dire:
"Tutto va bene". Di Bella no, il suo sorriso è quasi una smorfia, la testa
reclinata e le mani in tasca (un altro dettaglio di questa foto colpisce: mentre
Veronesi ha infilato nel taschino della giacca un fazzoletto di seta dello
stesso tessuto dell'elegante cravatta, Di Bella reca nel taschino un fazzoletto
bianco e soprattutto delle penne, mentre la cravatta è annodata in modo
tradizionale, come si usava prima della guerra). L'idea che la persona di Di
Bella suggerisce è certamente quella di un uomo antico - ha più di
ottant'anni - ma anche di un uomo perplesso, non a proprio agio nei contesti
pubblici. In un certo senso Di Bella è, almeno nel campo dei media, un
"dinosauro", un essere appartenente ad altre ere geologiche. Basta guardare
come si comporta davanti all'obiettivo delle macchine fotografiche e delle
telecamere: la testa reclinata, lo sguardo tra il sorpreso e il perplesso, ma
soprattutto non guarda mai dritto verso l'obiettivo: traguarda. E' come se
abbassasse lentamente lo sguardo e poi lo alzasse di colpo verso chi lo
ritrae. Si direbbe che il professor Di Bella ci guardi di sottecchi, ci spii; il
suo è uno sguardo sospeso. Ci guarda, ma lo fa passando attraverso
qualcosa. Dire cosa sia questo qualcosa non è facile; forse è una distanza: è
uno sguardo remoto, di chi, da un'era trapassata, getta uno sguardo perplesso
sul presente; o forse è una forma di saggezza che si comunica con gli occhi
(sempre appannati come da un umor vitreo, ma anche stranamente vitali), o
meglio: uno sguardo di perplessità (la testa è sovente piegata, di poco, in
avanti o indietro). L'espressione degli occhi è accompagnata da una leggera
smorfia delle labbra, del labbro inferiore, perché quello superiore è nascosto
da un baffo bianco, tagliato secondo una consuetudine anche questa desueta,
per cui si rade la parte superiore e si lascia solo quella inferiore, quasi a
coronare la bocca. Nelle foto in bianco e nero dei giornali la folta
capigliatura bianca diventa come un alone, una criniera, alta sulla fronte,
quasi un'aureola che avvalora ancor di più il senso di estraneità che la figura
di Di Bella suggerisce nel lettore dei fogli quotidiani. In alcune istantanee è
colto nell'atto di parlare, ma la sua bocca non è mai aperta: si capisce che sta
quasi sussurrando, come se stesse parlando vicino al nostro orecchio,
dandoci l'impressione di una confidenza; più spesso i fotografi, che
sembrano in questo interpretare un desiderata del professore, lo immortalano
accanto a chi sta parlando, ad esempio il Ministro della Sanità, Rosy Bindi,
fotografata mentre accompagna la parola con un gesto: una mano aperta con
il palmo rivolto verso l'alto e il braccio sospeso in aria. Di Bella è
assolutamente composto; solo in una fotografia ha la mano destra alzata, ma
il palmo è rivolto verso il basso come a suggerire una moderazione, e
soprattutto indossa il camice bianco, segno che qui è investito dell'autorità
di medico. Che sia un uomo antico ce lo dice anche il modo in cui indossa i
calzoni; in una immagine che lo coglie con la giacca slacciata si vede
chiaramente che il taglio dei pantaloni è fuori moda, anni Cinquanta, con i
calzoni alti all'altezza della cintola, tutto il contrario dei calzoni moderni
indossati dai suoi interlocutori (l'abito fa il monaco, si dovrebbe dire
vedendolo accanto al professor Veronesi, elegante, spigliato, sicuro di sé).
La sicurezza che emana questo "omino bianco", come è stato subito definito
dai giornalisti e dai commentatori, è molto diversa da quella che siamo soliti
leggere nella persona fisica degli uomini pubblici; in una certa misura
assomiglia a quella della passata classe dirigente democristiana, così
inelegante nel suo abbigliamento anni Cinquanta (solo Andreotti, l'ex
ministro, è rimasto a ricordarci come vestivano quegli uomini grigi che ci
hanno governato per un quarantennio, ma anche lui si è aggiornato e il taglio
dei suoi abiti, quasi sempre in doppio petto, si è fatto più moderno). Forse
l'unico a cui si può paragonare lo sguardo di Di Bella - ma si tratta di una
casualità suggerita da un triste anniversario - è Aldo Moro nella prima foto
diffusa dalla Brigate Rosse, a tre giorni dal sequestro; anche Moro ci
traguarda, perplesso, con la testa reclinata, la camicia aperta e la canottiera
bianca ben visibile. Posseggono entrambi - il professore anticancro e lo
statista sequestrato - qualcosa che ci inquieta. Forse quel qualcosa è uno
sguardo incerto, non una insicurezza o un dubbio, ma una perplessità. Moro
ha lo sguardo di chi sta sospeso in una dimensione che non è più quella del
prima e non sarà mai quella del dopo: è già altrove. Ecco, probabilmente
anche Di Bella ha il medesimo sguardo dell'altrove. Egli sembra infatti
appartenere a una dimensione diversa, che non sappiamo bene quale sia, ma
che per questo possiamo interpretare come attinente al dolore o alla morte.
Forse, più semplicemente, il suo sguardo è quello di un uomo che si è
trovato, contro la sua volontà, al centro di un gioco più grande di lui,
costretto a confrontarsi con poteri e sistemi che gli sono estranei (per questo
si sottrae), o forse è solo a disagio davanti agli obiettivi delle macchine
fotografiche; la sua è una timidezza ritrosa di chi si rassegna a diventare,
nonostante tutto, una icona pubblica, ma in fondo non lo vuole; dice:
"Eccomi qui, ma non è questo che desidero per me". Nonostante tutte queste
ragioni a chi lo guarda può sembrare che Di Bella rechi nel suo sguardo il
segno di un passaggio, di una soglia che sembra aver attraversato; ma al
tempo stesso porge questo sguardo senza alcuna allegria o sicurezza, non
ostenta la forza e l'ottimismo di chi ha percorso il regno del dolore, non ha
la sicurezza di chi afferma: "Vi libererò dal male". Insomma, egli è profeta
triste, proprio come questi tempi di perplessità e stentato ottimismo
richiedono a chi sembra detenere le chiavi di una salvezza che non
contempla la possibilità di un miracolo.
Perchè lo fai?
Oliviero Ponte di Pino Per spiegare che cosa sia il World Question Center, bisogna innanzitutto
presentare il suo inventore. Ma non è facile etichettare John Brockman. Per
chi lavora nell'editoria è soprattutto un agente letterario - o meglio, l'agente
di molti tra i migliori scienziati oggi in attività, che progetta
instancabilmente potenziali bestseller sulla teoria dell'evoluzione, sulla
fisica della particelle, sulla nascita del linguaggio, sull'ingegneria genetica,
sul rapporto mente-corpo... Chi avesse incontrato Brockman negli anni
Sessanta, invece, avrebbe conosciuto un artista-organizzatore che gravitava
intorno ad Andy Warhol e a quelli che allora venivano definiti "mixed
media" (che secondo alcuni rappresenterebbero un'anticipazione profetica -
e senza computer - dell'attuale multimedialità). Per chi invece spulcia i
cataloghi delle biblioteche, Brockman è autore di una serie di saggi e libri-
intervista: tra i più recenti, La terza cultura, una serie di conversazioni con
scienziati, partendo dal presupposto che i recenti sviluppi in diversi settori
della scienza stiano cambiando - e cambieranno - i nostri paradigmi
"filosofici" ed esistenziali; e Digerati, una panoramica di interviste con la
nomenclatura della nuova cyber-frontiera sul futuro di Internet (per la
cronaca, Digerati è stato il primo libro pubblicato da Hard Wired, la casa
editrice della rivista Wired).
In tutto questo, l'attivissimo Brockman non poteva non avere uno sbocco in
rete, al sito Edge (http://wwvv.edge.org). E su questo sito, qualche tempo fa,
ha aperto una rubrica di notevole fascino ed effetto: partendo dal
presupposto che l'importante non è tanto quel che si trova, quanto quello che
si cerca, e riprendendo un'idea di un suo amico (James Lee Byars, alla cui
memoria è dedicata l’iniziativa), ha infatti chiesto ad alcune personalità che
lavorano ai confini più avanzati della ricerca di sintetizzare il senso del loro
lavoro in una domanda.
L'idea originale di Byars (nel 1971) era questa: raccogliere le 100 menti più
brillanti del pianeta, chiuderle in una stanza e fare in modo che i partecipanti
ponessero anche agli altri le domande che ponevano a se stessi. In teoria,
quello che avrebbe dovuto uscire da quella mega-discussione sarebbe stata
la sintesi del pensiero umano.

Il World Question Center riprende e rilancia l'idea, con tutte le sue generose
ingenuità, ma superando tutte le difficoltà logistiche grazie alla potenza di
Internet.
Dice Brockman citando un suo testo del '69, "il nostro tipo di innovazione
non consiste nelle risposte, ma nell'autentica novità delle domande; nel
porre i problemi, non nelle soluzioni... La sintesi della totalità del sapere
umano non consisterà in un incredibile ammasso di dati, o in enormi librerie
sovraccariche di libri. Non hanno più valore la quantità, la spiegazione. Per
una sintesi totale del sapere umano, usate l'interrogativo. Chiedete alle più
sottili sensibilità del mondo le domande che stanno facendo a se stesse".
Insomma, al World Question Center non si trovano risposte, ma solo
domande. Ma a farsi queste domande sono - per l'appunto - alcune tra le
menti più interessanti che circolano nel cyberspazio. Scienziati, ricercatori,
filosofi, pensatori, critici, saggi...
Un piano del progetto e un primo risultato di questo inedito sondaggio via
Internet è apparso sul numero 31 di The Edge.
Qualche esempio?

"Qual è la differenza cruciale tra la materia inanimata e una entità che può
agire come un ‘agente’, manipolando il mondo a proprio vantaggio? E come
avviene questo cambiamento?".
PHILIP ANDERSON, Premio Nobel per la fisica, Princeton.

"Qual è l’esatta quota di natura che possiamo buttar via e bruciare facendola
franca?".
NATALIE ANGIER, giornalista scientifica del New York Times, autrice di
Natural Obsessions, The Beauty of the Beastly.

"Un giorno riusciremo a raggiungere un'ampiezza di banda sufficiente per


trasmettere il ‘prana’?".
JOHN PERRY BARLOW, co-fondatore della Electronic Frontier
Foundation, ex paroliere dei Grateful Dead.

"Come possiamo costruire una nuova etica del rispetto della vita che vada
oltre la sopravvivenza individuale per includere la necessità della morte, la
conservazione dell'ambiente e le attuali e future conoscenze scientifiche?".
MARY CATHERINE BATESON, antropologa, George Mason University,
autrice di Composing a Life e Peripheral Visions.

"Come evolverà la mente, nel momento in cui sapremo come il cervello crea
la mente?".
WILLIAM H. CALVIN, neurofisiologo teorico, University of Washington,
autore di The Cerebral Code e How Brains Think.
"Che aspetto potrebbe avere un secondo esemplare del fenomeno che
chiamiamo vita?".
RICHARD DAWKINS, biologo evoluzionista, Oxford, autore di Il gene
egoista, River Out of Eden e Climbing Mount Improbable.

"I1 crollo delle grandi civiltà del passato ha qualcosa da insegnarci sul
nosko futuro?".
JARED DIAMOND, biologo, UCLA Medical School, autore di The third
Chimpanzee e di Guns, Germs and Steel.

"Come possiamo conciliare il nostro desiderio di equità e eguaglianza con il


bruto fatto che non siamo tutti uguali?".
JUDITH RICH HARRIS, psicologa dello sviluppo, autrice di The Child: A
Contemporary View of Development.

"Qual è la frontiera?".
W. DANIEL HILLIS, computer scientist, vice-presidente ricerca e sviluppo
alla Walt Disney Company e autore di How Computers Think.

"Perchè‚ la musica ci dà un tale piacere?".


NICHOLAS HUMPHREY, psicologo, New School for Social Research,
autore di Consciousness Regained; A History of the Mind e Leaps of Faith.

"Che cosa vuole la tecnologia?".


KEVIN KELLY, direttore esecutivo di Wired, autore di Fuori controllo.

"Perchè‚ le religioni sono ancora vitali?".


ELAINE PAGELS; storica delle religioni a Princeton, autrice de I vangeli
gnostici, Le origini di Satana.

"Esiste un gene della felicità? Ed è dominante?".


LOUIS ROSSETTO, fondatore di Wired.

"Come dovrò insegnare ai miei figli?".


CLIFF STOLL, astronomo, autore di Miracoli virtuali.

Questa è solo una piccola selezione delle domande raccolte al World


Question Center. La mia preferita, finora, è questa (e non a caso ha un vago
sottofondo zen):

"Perché‚ no?".
LINDA STONE, direttrice del Virtual World Group alla Advanced
Technology and Research Division della Microsoft.

Per quanto mi riguarda, ho provato (immodestamente, vista l'eccelsa


compagnia) a cercare una domanda intorno alla quale ruotassero le mie
ossessioni. Per ora ne ho trovato una, che è legata alla mia attività di
studioso di teatro ma che forse affonda le sue radici più in profondità. Suona
più o meno cosi:
"Qual è la differenza tra un evento reale e un evento teatrale?".

O meglio:

"Come faccio a sapere che è finto, e al tempo stesso crederci?".


E mi rendo conto che, in un'epoca così ironica, quando trionfa il virtuale, la
domanda può avere sottofondi più maliziosi di quanto non sospettassi.
Ovviamente so anche di non avere una riposta alla mia domanda, ma che più
o meno consapevolmente ho provato a rispondere in numerose occasioni.

A questo punto, credo di aver giocato la mia carta sul tavolo del World
Question Center. Ma sono convinto che molti altri possano avvertire il
desiderio di giocarsi, anche loro, con la domanda che li ossessiona.
Se la gatta va al lardo
Liam Email Uno dice "Tanto va la gatta al lardo che ci lascia lo zampino". Bene, ma se
uno lo chiede al Web che succede? Se uno butta dentro, alla rinfusa (rin/
fusa), gatta, lardo e zampino in un motore di ricerca, cosa gli torna indietro?
E se uno li butta tutti e tre? Internet e la gatta che va al lardo, insomma,
hanno un senso comune, una storia da raccontare?
La risposta è no. Ma non è il caso di scoraggiarsi. Perché se Internet rifiuta
il senso della gatta che va al lardo e ci lascia lo zampino è colpa della sua
natura, se uno crede in Internet vuol dire che non crede che andando al lardo
ci si debba lasciare lo zampino per forza. Vuol dire che comunque ci va,
zampino o non zampino. Se lo fa, in questo caso, viene anche premiato. A
un certo punto, l'enorme Altavista, il motore di ricerca che tutto comprende,
concede una piccola soddisfazione finale. E dice: "Perché non dai
un'occhiata al capitolo XI dei Promessi Sposi?" Uno va a leggere, e legge:
"Ci ha messo uno ZAMPINO quel frate in quest'affare, - disse il cugino, dopo
aver sentito tutto, con più serietà che non si sarebbe aspettato da un cervello
così balzano. - Quel frate, - continuò, - con quel suo fare di GATTA morta, e
con quelle sue proposizioni sciocche...".
Lo zampino, in tutta questa storia, ce l'ha messo il Manzoni tra Don Rodrigo
e il conte Attilio.
Si naviga, comunque, a vista. Si naviga per andare al largo invece che al
lardo, come in celebri rifacimenti popolari del famoso detto. Zampino, per
esempio, comunque terminologia animale: sul sito http://www.sofit.it c'è
un notevole triplo salto interpretativo a riguardo dei cani di razza: "La
corporatura massiccia gli deriva dal Blood hound, l'incrocio con il Fox
hound ha contribuito a migliorare l'ossatura e a rialzare la spalla e
sicuramente anche il Boxer ci ha messo lo zampino". Che il Boxer, in questo
caso, ci abbia messo lo zampino è opinione dell'estensore, che per di più sia
proprio il Boxer è malizia che perfino lo spregiudicato Web fatica ad
accettare.
Zampino, si diceva. Il guaio è che Internet ha archiviato una quantità
spropositata di articoli di stampa che raccontano le partite di calcio.
Effimero purissimo, a meno che non sia opera di grandissime firme. Quindi
quasi mai. Sono centinaia le segnalazioni di Altavista al proposito: zampino,
nel senso di metterci lo zampino, ormai lo usano soltanto più i giornalisti
sportivi, per dire che Collocurta ha messo lo zampino nell'azione decisiva
della partita o che nel risultato finale c'è lo zampino del portiere Pagliuzzi
autore di straordinarie parate.
Nomi, pochi i rilevanti: l'architetto Giuseppe Zampino, soprintendente ai
beni ambientali e architettonici di Napoli, tale David Zampino che lavora in
una società americana di informatica, ma soprattutto un notevole Philip
Zampino, vescovo della Church of the Resurrection di Hollywood,
California.

Lardo, si diceva. Buttatevi nel Web a caccia di lardo (Caccia al lardo


potrebbe essere un remake ben visto dal vescovo Zampino) e ne uscirete
grassi e bisunti, ma felici. Un sito interamente alimentare ci ricorda che il
lardo, a Napoli, è la Sugna. E viene in mente come i casertani Avion Travel
del festival di Sanremo avrebbero potuto cantare un altrettanto bella e oleosa
"Dormi e sugna". Sul Web ci sono richiami a un celebre "Lardo's Cafè"
americano, ma manca quello che avremmo invece voluto trovare, ossia un
sito interamente dedicato al Lardo. Sparso qui e là, si trova di tutto, dalla
composizione chimica (http://www.sameint.it/all/alimenta/al_banca/
12001901.htm ) a decine di ricette dell'Artusi, agli appelli per salvare il
lardo di Colonnata (in http://www.food.iol.it), che è una brutta storia di
piastrelle che sostituiscono a norma di legge la roccia naturale delle Apuane
dove il suddetto lardo viene conservato.
Ma se uno non abbina al lardo qualcosa di morboso, che fa in alternativa?
Eccoci qui, http://www.cweb.it/mangiarebene/altro/
afrodisiaca/scamponi.html. Gli scamponi vanno avvolti in una buonissima
fetta di lardo, possibilmente valdostano di Arnad, successo garantito come
da ricetta completa: "Un raffinatissimo stuzzichino che farà ritornare sempre
più volentieri il vostro amato bene... non solo perché affamato dei vostri
baci ma anche goloso di questa squisita ricetta che preparate apposta per lui".

6 scamponi, puliti, privati del guscio e delle teste 6 fette di lardo di Arnad o
della migliore qualità timo tritato pizzico di sale aceto balsamico. Accendete
il forno a 180 gradi. Avvolgete ogni scampone in una fetta di lardo e
deponetelo su una pirofila leggermente unta di olio e cospargete sopra il
timo e un pizzico di sale. Infornate per circa 8/10 minuti fino a quando lo
scampone si sarà cotto nel grasso del lardo disciolto.
Quando cotti, bagnateli con qualche goccia di aceto balsamico e mangiateli
ancora caldi.

Vale anche per coppie un po' attempate che si attardano nel ricordare i
momenti di fuoco ormai lontani (Vecchio scampone, quanto tempo è
passato).
Ma quello che conta, qui, è l'universalità del lardo. Confermata anche
dall'esperanto: vedi il sito http://www.esperanto.mv.ru, che riporta la
seguente frase: Kiel la koridoro, tiel ankam la tuta ambro estis frotita per
lardo.
In effetti chi l'avrebbe mai detto.
La gatta, si diceva. E' chiaro che un vocabolo di uso così comune, si porta
ovunque nel Web. Volendo, gatta lo si ritrova in una mezza dozzina di siti a
leggero sfondo pornografico, come sinonimo secco, allusione,
caratterizzazione precisa. Con parecchia fatica lo si potrà trovare - ne siamo
certi - anche come felino, e qui ci si ferma. Abbiamo scelto quindi due cose
che si discostano nettamente dalle altre: su tutti, la presentazione in http://
www.fanzine.net dell'ultimo album del gruppo: Tonio Scatigna e la gatta
da pelare. Sono toscani, vagamente demenziali, ma il loro album ci consente
un abbinamento insperato con il lardo. L'album si chiama infatti Fronte del
porco. L'album contiene una cover di Paranoid dei Black Sabbath che in
italiano diventa una strepitosa Alvaro il metallaro. E ancora, non fosse altro
che per la presenza ossessiva nelle segnalazioni di Altavista. l'industria di
materiali per l'aeronautica La gatta S.r.l., di Pomigliano d'Arco, 65 anni di
attività, 20 anni in collaborazione con l'industria aeronautica.
D'accordo, troppo materialista. E quindi si approda su http://www.tqs.it, e la
gatta, animale simbolo della filosofia Zen, trova la sua consacrazione in una
poesia di Dilys Laing. Che recita così

Poso il mio libro


Il Significato dello Zen
E vedo la gatta che sorride nella sua pelliccia mentre la pettina
delicatamente con la ruvida lingua rosa.
"Gatta, ti presterei questo libro da studiare ma pare che tu lo abbia già letto".
Lei alza gli occhi e mi lancia il suo sguardo pieno.
"Non essere ridicolo" dice facendo le fusa. "Quel libro l'ho scritto io".

La poesia, invece, se conoscete un picchiatore affidabile, l'ha scritta Dilys


Laing.
Insomma, è tempo di ricondurre le unità al tutto. Gatta, lardo, zampino
insieme. Un motore di ricerca come si deve non potrà fare altro che
presentarvi, nei primi cinquanta siti, cinquanta riferimenti al proverbio.
E' quasi meglio una poesia Zen. Ma comunque, qualcosa si trova. Sta nei siti
regionali, dove persone di buona volontà archiviano tradizioni locali,
linguaggi, modi di dire. Due su tutti. http://www.planetbox.com/proverbi.
htm ne riporta una buona versione siciliana.

Tantu truzza a quartara 'nto muru finu a quannu si rumpi.


Tanto il vaso cozza col muro, fin quando si riduce in frantumi.
Corrisponde all'italiano: tanto va la gatta al lardo, che ci lascia lo zampino.

Ma vince decisamente Aldo Onorati, che sta ad Albano Laziale e ivi


raccoglie il meglio della tradizione orale del luogo. (risalire da http://www.
pcg.it/home/poesia). Tutti i proverbi italiani hanno un corrispondente ad
Albano Laziale, e in tema di gatte, lardo e zampini, il proverbio che fa al
caso nostro inizia così: " A chi tanti pali zzompa..." e finisce in un modo che
non è elegante scrivere, nemmeno con l'alibi dell'antropologia linguistica,
nemmeno con tutta la capacità virtuale di cui siamo in possesso.
Piccola enciclopedia della televisione italiana
Aldo Grasso Si cambia canale. E' l'unica cosa che cambia.

Avvertenze per la consultazione.


Lamentarsi non è chic, parlare male della TV ancor meno: tuttavia la vita
sociale è interamente organizzata attorno al televisore. La TV funziona
come una specie di orologio pubblico e di calendario elettronico: scandisce
le ore con appuntamenti fissi, stabilisce impegni, incontri, avvenimenti.
Nessuno strumento di comunicazione è mai riuscito a fare appello a una così
grande solidarietà nazionale, ad avere a disposizione gli arnesi di una
lusinga così universale, a cadenzare i comportamenti su una scala così vasta.
La TV è insieme vita sociale e modello di condotta: attraverso la pubblicità,
mostra come ci si deve comportare, esibisce buona creanza, dispensa regole
di bon ton.
Ma la TV è sovente intemperante, caciarona, avara di buone maniere.
Questo elenco è insieme dizionario e galateo e ha la modesta intenzione,
come suggerisce Monsignor Della Casa, di "sporre quali cose abbiano a
fuggirsi, perché spiacevoli all’intelletto".

Applausi
Baudo Non fare ...
Chiusura Odori
Darsi del tu Pagina
Emblematico Quantità
Fanciullino Rai
Gente Saucissonnage
Hamburger Telecamera
Immagini Una volta
Linea Virgolette
Microfono Zoccolo
Pubblichiamo la terza e ultima parte dell'Enciclopedia di Aldo Grasso.
Vi chiediamo ancora di integrarla con le vostre voci. Raccoglieremo tutto e ne faremo un'unica
enciclopedia che sarà disponibile su Golem. Promesso.

Forum: Piccola enciclopedia dei lettori


Battute fuori tempo
Walter Fontana Chiamiamolo gioco per comodità. Consiste nel raccogliere frasi, battute, gag
che UN CERTO NUMERO DI ANNI FA (non troppi) sono state usate per far
ridere e oggi non potrebbero esserlo più.
Per esempio: in Bananas (mi pare 1971), Woody Allen dice a proposito del
sarto che ha confezionato le divise dei ribelli "Che razza di sarto, i calzoni
con i polsini!" (e tutto il cinema a ridere). Qualche mese fa su Vogue ho
letto sotto una foto Calzoni con i polsini. Quella battuta è diventata una
didascalia di moda. Così com'è stata formulata non può più far ridere,
appartiene troppo alla realtà. Sarebbe indietro.
Altro esempio, sempre Woody Allen: in Manhattan, quindi 1979, c'è la
battuta: "Mia moglie mi ha lasciato per un'altra donna" (altre risate). Oggi
donna preferisce donna è un argomento, a volte l'argomento, di cui parlano
instancabilmente i quotidiani, i supplementi, i mensili, le facce dei talk-
show, col loro tono speciale fatto di soli risvolti, il risvolto sociologico, il
risvolto fashion, il risvolto cura del sé e così via. Si può ancora (volendo)
fare dello spirito sulla cosa, ma bisognerebbe partire da presupposti diversi,
più elaborati, consapevoli che "i costumi sono cambiati". Comunque la
battuta, quella battuta, da fulminante che era è diventata inutilizzabile.
Passiamo alle gag visive. Metà anni ottanta, trio Marchesini - Lopez -
Solenghi, Adamo ed Eva. Adamo entra in scena con l'autoradio in mano
perché non si fida a lasciarla in macchina. Risata enorme, giustificatissima,
del pubblico che riconosceva all'istante la sfiga dell'uomo con sottobraccio il
quadratone nero con maniglia cromata. Ora quel tipo di autoradio non esiste
più. Riderebbe un ventenne cresciuto a frontalini estraibili? No. Eccetera.
Se vi vengono in mente degli esempi analoghi, cari lettori, fateceli avere.
Meglio se con qualche indicazione di autore e di data più precise di quelle
che vi ho dato io (chiedo scusa ma sto andando a memoria).
Il meccanismo funziona anche al contrario. Cioè: raccogliere cose che
accadono davvero oggi e che diventano battute se trasportate qualche anno
fa. Il gioco può consistere nel domandarsi: in che film, in che libro, quale
autore, quale comico avrebbe potuto usare questa gag? Chi avrebbe potuto
inventare il presidente degli Stati Uniti (Il Presidente Degli Stati Uniti) che
convoca conferenze stampa per parlare alla Nazione di Pompini?
Peter Sellers in film pre-demenziali tipo Magic Christian (credo 1969)?
L'eterno Allen in un qualunque punto della prima fase della carriera?
Bramieri nel suo repertorio "per adulti"?
E cosa poteva essere l'espressione "utero in affitto" che oggi gli speaker dei
Tg dicono con la faccia compunta?
Una canzone di Gaber negli anni di "Libertà obbligatoria"? Una
provocazione di Luca Goldoni nella terza pagina del Corriere anni settanta?
Un'invenzione linguistica della Sora Cecioni al telefono? Eccetera.
Lo chiamiamo gioco per comodità, in realtà nasconde la disperazione del
comico che oltre al consueto incubo del "questa è già stata usata quindi non
la posso più usare io" vive anche quello del "questa fino a stamattina era mia
ma me l'ha appena rubata la realtà". Comunque il gioco adesso è aperto, a
voi la battuta.
Rivista on line fondata da:
Umberto Eco, Gianni Riotta, Danco Singer

Direttore responsabile:
Danco Singer

Hanno collaborato:

Gianni Granata, Mario Calabresi, Furio Colombo, Roberto Maragliano, Sylvie Coyaud, Aldo Grasso,
Paolo Palazzi, Carlo Boccadoro, Giuseppe Pontiggia, Domenico Fiormonte, Umberto Eco, Marco Belpoliti,
Oliviero Ponte di Pino, Liam Email, Walter Fontana, Stefano Bartezzaghi, Cinzia Leone, Altan

Progetto visuale:
Pierluigi Cerri con Mauro Mattioli e Andrea Lancellotti

Redazione:
Mauro Mattioli, Margherita Marcheselli, Andrea Lancellotti, Roberta Casapietra, Silvia Cristin, Emilia Audino,
Massimo Amato, Stefano Mazza, Elisa Mazzini e Francesca Poppi

Software:

Opera Multimedia Stylo Italia Online


Home Page Home Page Home Page
Salve a tutti!
Siamo a dicembre e abbiamo saltato un mese, lo sappiamo. Una decina di numeri fa avevamo giurato che non
sarebbe successo più e ora ci vediamo costretti a chiedervi nuovamente scusa. Se vi diciamo che abbiamo avuto
un complicato trasloco ci perdonate? Ci piace pensare di sì.

Vi offriamo questa volta un numero molto vario; la parte più sostanziosa è nata dalle riflessioni intorno al
concetto di perdono nell'Ebraismo e nel Cristianesimo: Di Segni e Urso ce ne spiegano i principi fondamentali,
anche nella prospettiva storica. La questione è legata alle recenti esternazioni del papa, al Mea Culpa:
provocherà crisi di identità? Ne parla Ugo Volli.
Nel frattempo, Cardini discute di scuola e Palazzi della riduzione dell'orario di lavoro. Claudia Winkler ci offre
un nuovo spunto: data l'importanza sempre maggiore dell'Information Technology, è ancora attuale la pretesa
superiorità della cultura umanistica ed è questa in grado di adeguarsi alla necessità di una Nuova Cultura?
Siamo curiosi di sapere cosa ne pensate voi, infatti abbiamo aperto un forum.
Infine, un po' di televisione: Siliato cerca di fare luce intorno all'argomento ascolti TV mentre con la seconda
parte dell'Enciclopedia della Televisione di Aldo Grasso rinnoviamo l'invito a inserire le vostre "voci", per
crearne una che sia di tutti (voi e noi).

Un ultimo sguardo al sommario....Ah, come al solito, le nostre rubriche!

Fatevi sentire presto, ci siete mancati.


Grazie, "Maestro inverosimile"
Francesco Ranci Il 2 dicembre 1997 è morto Silvio Ceccato. I suoi originali contributi di
studioso dell’attività mentale sono stati poco scrupolosamente considerati
dalla comunità scientifica. Negli anni che vanno dal 1947, quando propone
di considerare operazioni di "paradigmazione" come caratterizzanti il
metodo scientifico e fonda, con Vittorio Somenzi e Giuseppe Vaccarino, la
Scuola Operativa Italiana (S.O.I.), al 1990, in cui pubblica delle "Lezioni di
linguistica applicata", si compie un itinerario di ricerca che, curiosamente,
non assurge mai agli onori della critica ben argomentata. Eppure, da 1949 al
1965 la rivista internazionale "Methodos", fondata e diretta da Ceccato,
Somenzi e Vaccarini, con l’apporto redazionale di Ferruccio Rossi-Landi,
oltre ad ospitare contributi di autori come Jean Piaget e Charles Morris,
Norbert Wiener e Alan Turing, ancora sconosciuti al pubblico italiano,
presentava i cospicui risultati del lavoro della S.O.I., dalla critica radicale
della filosofia, definita, come ambito, dall’assunzione di un significato
irriducibilmente metaforico del verbo "conoscere", alla proposta di una
"metodologia operativa" che per "conoscere" intende la ripetizione di un
operare e per "mente" un collettivo di operazioni. Eppure, per riprendere il
concetto dello "strano silenzio", dal 1957 alla seconda metà degli anni ’60,
dirige il Centro di Cibernetica e di Attività Linguistiche dell’università di
Milano, dove viene elaborata come soluzione al problema della traduzione
automatica quella "grammatica correlazionale" che la comunità scientifica
internazionale tuttora utilizza, e che è poi servita, negli anni ’70, ad Ernst
Von Glasersfeld per progettare un linguaggio con cui comunicare, tramite
computer, con la scimpanzè Lana. Già nel 1956, peraltro, con Enrico
Maretti, presentava un modellino meccanico delle operazioni mentali, un
"frammento del cervello di Adamo II". La formulazione di una teoria
generale dell’attività mentale e del pensiero considerati come funzioni di un
organo (provvisoriamente chiamato "attenzionale", riprendendo forse
un’intuizione di Paul Valéry), e del suo rapporto con il linguaggio, può
essere collocata all’inizio degli anni ’60. Nel 1969, dopo alcuni anni di
lezione all’Università di Milano, viene pubblicato il "Corso di linguistica
operativa". Subito dopo iniziano le applicazioni alla didattica elementare, i
cui risultati, che ha continuato a discutere con migliaia di insegnanti, sono
raccolti nei due volumi del "Maestro inverosimile" (1972). Al posto di una
didattica basata su assiomi e definizioni tautologiche, metaforiche, o in
negativo, come quella di "punto" come "ente senza dimensioni", viene
proposta una didattica basata su una costante ricerca di consapevolezza delle
proprie operazioni mentali.
Certo, non è questa la sede per svolgere una biografia scientifica completa
di un autore così geniale, versatile e creativo; doti, queste, ampiamente
riconosciutegli – anche nei necrologi gravemente inadeguati pubblicati dai
giornali, compresi quelli cui aveva prestato ampia collaborazione (come "Il
Corriere della Sera", "Il Giorno" e "Il Giornale nuovo"). Abbiamo trascurato
i suoi studi sulla percezione e sull’estetica, per esempio. Ma, almeno,
vorremmo sottoporre al lettore l’ipotesi – che per chi scrive è una certezza –
che si renderà necessario, da parte della comunità scientifica, rendere
giustizia a Silvio Ceccato.

Riferimenti bibliografici essenziali.


Accame Felice, "L’individuazione e la designazione dell’attività mentale",
Espansione, Roma, 1994.
Ceccato Silvio, "Un tecnico tra I filosofi", Marsilio, Padova, 1964-1966.
Somenzi Vittorio, "Tra fisica e filosofia", Abano Terme, Piovan, 1989.
Vaccarino Giuseppe, "Prolegomeni, vol. I", Società Stampa Sportiva –
Divisione Cultura e Scienze, Roma, 1997.
Von Glasersfeld Ernst, " Linguaggio e comunicazione nel costruttivismo
radicale", Cittastudi, Milano, 1989.
Identità a confronto
Ugo Volli Di Ebraismo si continua a discutere. Anche su Golem. Situazione
imbarazzante per chi, come ebreo, è insieme soggetto e oggetto della
discussione. Non sarebbe forse meglio parlarne un po' meno, lasciare alle
sue giuste dimensioni di estrema minoranza (trentamila persone, più o meno
lo 0,05 per cento) il fenomeno ebraico in Italia? Non vi è qualcosa di
sospetto in tutta questa attenzione? Un protagonismo eccessivo da parte
ebraica? Un qualche sospetto o coda di paglia dalla parte dei non ebrei che
se ne occupano? Si aprono qui questioni numerose e imbarazzanti.

Per esempio che cos'è oggi essere ebrei? La legge religiosa è al proposito
molto precisa e - alla maniera di certe definizioni matematiche - ricorsiva: è
ebreo chi è figlio di madre ebrea. I padri non contano qui: pratica della
diffidenza. Si va dai figli alla madre, su per le generazioni, fino a Sara,
moglie di Abramo. Che naturalmente non era ebrea di nascita. Come le
mogli di tutti i patriarchi e anche di Mosé, e quella Tamar, moglie di Jehuda,
da cui discende il re Davide e deve venire il Messia: paradossi del
patriarcato.

Questa definizione giuridica riguarda però solo i soggetti interessati. Ma che


cosa abbiano essi in comune, quale sia la loro identità collettiva, oggi è un
problema. L'ascendenza comune, l'etnia? Pochi accetterebbero di
autodefinirsi in quel modo. Oltretutto ebrei si può diventare. E' difficile,
l'Ebraismo non ama i proseliti, ma non impossibile. Allora, forse, la
credenza. E' una religione, essere ebrei? Si tratta di essere, come si diceva
un tempo, italiani (tedeschi, francesi, greci ecc.) "di fede mosaica"? Né
Einstein, né Freud, né Primo Levi rientrerebbero in questi limiti. E allora:
una tradizione? Un destino? Un'identità? Tautologie. D'altro canto i sospetti
di "internazionale ebraica" che ancora trovano ascolto (critico sì, ma non
scettico) nel libro di Sergio Romano, lasciano l'ebreo sconcertato e magari
indignato, col senso di una violenza subita.
Meglio sarebbe certamente pensare a quel senso di passaggio che c'è
nell'etimologia della parola ivrì (da cui ebreo) o a quella zoppia non solo
simbolica con cui Giacobbe paga, dopo la lotta notturna con l'Angelo, il
nuovo nome di Israel, "chi lotta con Dio": figure dello spaesamento,
dell'handicap, della debolezza...
Difficile riconoscere in queste immagini archetipiche di esilio e di ferita le
congiure antinazionali della propaganda antisemita (fin dai tempi del
Faraone: Es. I, 8-9) o la politica di potenza di uno stato. Vi appartiene anche
la coscienza, chiarissima nella tradizione ebraica anche se oggi spesso
lasciata in ombra, di non essere autoctoni in una terra che, proprio per essere
promessa, non è mai un possesso acquisito. Anche qui colpisce una
coazione a ripetere e una generale rimozione.

Il problema dell'identità ebraica non è estraneo ai discorsi intorno


all'Ebraismo che si fanno, perché su di esso e sulle sue ambiguità si radica la
differenza fra l'immagine interna e quella esterna dell'Ebraismo: come non
leggere senza dolore il titolo di un settimanale che proclama il nostro
"secolo dell'Ebraismo"? Il secolo di Auschwitz e della distruzione della
tradizione yiddish? Se gli ebrei hanno avuto accesso alla cultura occidentale,
influenzandola in maniera importante, questo è avvenuto al prezzo di una
strage culturale, oltre che fisica. L'assimilazione, la trasformazione
dell'Ebraismo in uno stato particolare e in una religione vaga e disinnescata
(che sono la ricetta di Sergio Romano) non era l'utopia dominante fra gli
ebrei tedeschi sterminati dal nazismo anche per questa loro indistinguibilità?

Nel dibattito corrente sull'Ebraismo non rientra solo un pamphlet come


quello di Romano, che sotto una indubbia lucidità politica lascia trasparire
una fondamentale incomprensione della tradizione culturale ebraica. Vi è un
evento molto più significativo e coinvolgente per l'identità ebraica come per
quella cattolica: il gesto di scusa del papa. Non vi è in esso semplicemente
la presa d'atto della viltà politica del Cattolicesimo di fronte all'Olocausto.
Debitamente compiuto (come ancora non è stato del tutto), la scusa sarebbe
un atto importante: per decenni la Chiesa ha negato la propria complicità
pratica e morale nello sterminio nazista. Si pensi alle polemiche degli anni
Settanta sul Vicario, dramma in cui si esponeva la responsabilità di Pio XII.
Oggi è facile riconoscere che questa complicità c'è stata, anche se magari
non maggiore di quella di altre spettabili istituzioni umanitarie, dalla Croce
Rossa alle chiese protestanti, dal governo britannico a quello americano,
almeno fino a una certa fase della guerra. E naturalmente anche a fianco di
qualche generoso atto individuale. Quasi sempre la complicità è stata
silenzio e accettazione passiva; talvolta, come in Slovacchia e in Croazia, è
stata attiva collaborazione. Parlarne francamente è già un passo importante.

Nelle scelte del papa vi è però molto di più: il tentativo di analizzare e di


superare le radici dell'odio antiebraico che ha caratterizzato così
profondamente la tradizione cattolica, fin dall'origine, dai Vangeli e dalle
Lettere di San Paolo, e che spesso si è tradotto in atti, dalle piccole
vessazioni alle discriminazioni giuridiche alle grandi persecuzioni e alle
stragi di massa. Non si tratta semplicemente di eliminare dalla liturgia le
espressioni antiebraiche ("i perfidi Giudei" del Venerdì Santo, che è stato
cassato non molto tempo fa) o di lasciar cadere l'assurda accusa collettiva di
"deicidio" - scelte importanti, doverose, ma impensabili prima del Concilio
Vaticano. La Chiesa si impegna qui a qualcosa di molto più difficile, cioè a
ripensare la propria identità. E' abbastanza evidente, a chi consideri il testo
evangelico e i fatti storici noti, che la predicazione di Gesù era un tentativo
riformatore interno all'Ebraismo. Anche la proclamazione come messia, che
avviene solo alla vigilia del supplizio, non esce affatto dal quadro ebraico.
Gesti del genere sono stati parecchi nella storia di Israele. In un contesto
storico non troppo lontano da quello di Gesù, uno dei più grandi maestri del
Talmud, rabbi Aquiva, credette a un'altra proclamazione, quella del leader
nazionalista Bar Kochbà, e fu torturato a morte dai romani.

Il Cristianesimo originario fu una corrente riformista del multiforme


panorama religioso ebraico, o al massimo un'"eresia" (ammesso che il
termine abbia senso in un contesto non dogmatico come l'Ebraismo). La
rottura avvenne dopo, quando Paolo di Tarso diventò l'Apostolo dei Gentili,
cioè pretese di fare quello che Gesù non aveva assolutamente cercato:
l'emancipazione del Cristianesimo dall'Ebraismo, la sua diffusione al mondo
pagano (Cattolicesimo, da kath' olos, l'universalismo dell'erga omnes), fino
all'abolizione della Legge "antica" in favore della "nuova" fede. Non è
possibile discutere in una sede come questa delle enormi implicazioni e
delle motivazioni di tale scelta. Certo che essa fu traumatica, comportò una
lotta nell'ambito delle prime comunità cristiane (di cui si trova chiara traccia
negli Atti degli Apostoli) ed ebbe conseguenze pesantissime per gli ebrei.
Solo con un Cristianesimo esterno all'Ebraismo, infatti, ebbe senso dar colpa
agli ebrei della morte di Cristo; solo dopo che questa esternità fu stabilita si
rese necessaria la scelta fra Ebraismo e Cristianesimo; solo così si verificò
lo "scandalo" della mancata conversione degli ebrei, certamente
delegittimante, rispetto alla pretesa della Chiesa di essere "erede" della
tradizione biblica e dei suoi patti. Da questa catena di eventi teologici derivò
la necessità di svalutare doppiamente l'Ebraismo, come religione "antica", in
quanto "superata" dal nuovo messaggio cristiano, e come popolo peccatore e
"ostinato" nel non redimersi attraverso l'unica via possibile, quella di
convertirsi confondendo la propria identità con quella generale cattolica e
confermando così la sua pretesa all'eredità di Abramo e Mosè.
Nel giro di pochi decenni tutti questi passaggi dall'appartenenza
all'estraneità alla condanna furono bruciati e consegnati definitivamente alla
tradizione cristiana dall'apostolato di Paolo. La posizione degli ebrei nel
mondo cristiano - testimoni che non si possono distruggere, ma che si
rifiutano di compiere la loro testimonianza, "antichi" avi da conservare ma
da discriminare, popolo di Gesù e degli apostoli, ma deicida: tutto questo fu
fissato definitivamente e con esso le paradossali conseguenze di una
persecuzione che ha mirato a piegare, a umiliare, a deprimere la cultura, non
direttamente a distruggere le persone.
Se il papa è deciso a rivedere questo nodo oggi, si trova dunque a dover
rifare i conti con elementi centrali dell'identità cristiana, a dover riconoscere
per esempio che molti riti e simboli e concetti e gesti cristiani sono ebraici,
non solo perché provengono dall'"Antico" Testamento, ma dalla viva pratica
del popolo di Israele; a dover capire che è sbagliata la contrapposizione fra
"antico" e "nuovo" nella storia religiosa del Cristianesimo e dell'Ebraismo,
ad ammettere che cioè l'Ebraismo ha continuato ha essere vivo e creativo
teologicamente e filosoficamente negli ultimi duemila anni; a eliminare per
esempio quel pensiero che informa anche il pamphlet di Sergio Romano
sulla religione ebraica "retriva e chiusa" - per non parlare dell'intollerabile
pretesa della conversione contenuta nell'idea che da Gesù in poi la Chiesa
sia il "vero Israele" e che gli ebrei dovrebbero finalmente riconoscere che il
messia che attendono è arrivato.
Non è dato sapere fino a che punto questa svolta di pensiero sia davvero in
corso in Vaticano, perché la riflessione non è pubblica se non in minima
parte. Certo che essa, per essere significativa, deve spingersi molto al di là
di ogni colpa e di ogni perdono, deve cioè collocarsi sul piano teologico e
filosofico. Se davvero ciò sta accadendo, come in parte sembra, allora si
tratta di una straordinaria occasione di riflessione, che dovrebbe essere
accolta con attenzione e speranza non solo da cattolici ed ebrei, ma anche da
coloro che si trovano a pensare in dialogo o in opposizione con queste
tradizioni. Allora sarà certamente valsa la pena di tutto questo parlare, a
proposito e a sproposito, di Ebraismo.
Sul perdono *
Riccardo Di Segni In questi giorni la Chiesa Cattolica, sia ai livelli locali (come nell'episcopato
francese) che in Vaticano, ha sollevato con clamorose iniziative il tema della
responsabilità cristiana nella persecuzione degli ebrei, e con ciò la necessità
di rivedere i comportamenti del passato. In tali occasioni si è ripetutamente
parlato di una richiesta di perdono dei cattolici agli ebrei. Davanti a questi
problemi è importante valutare quale possa essere la reazione ebraica, e in
particolare quali siano le riflessioni religiose e teologiche che possano
indirizzare il comportamento degli ebrei in dette circostanze.
Sul tema del perdono nell'Ebraismo e sulla capacità ebraica di perdonare,
ciò che in generale si conosce è una serie di informazioni distorte e
calunniose che sono proprio la conseguenza diretta di una campagna antica
e sistematica contro l'Ebraismo, condotta fin dalle origini dalle Chiese.
Secondo questa immagine distorta, l'Ebraismo sarebbe una religione basata
unicamente sulla giustizia, a differenza del Cristianesimo basato tutto
sull'amore. In realtà, entrambe le religioni, sia pure con determinate
differenze, hanno una concezione teologica nella quale tutt’e due gli aspetti,
quello della giustizia e quello dell'amore, sono presenti e praticamente
indissociabili. Secondo l'Ebraismo, l'umanità non potrebbe sopravvivere
senza la clemenza e la misericordia divina, che riconosce le debolezze
dell'uomo, ne cancella le colpe e gli concede la possibilità di ritornare sui
passi sbagliati per costruire una nuova esistenza. Dio non desidera la morte
del malvagio ma il suo pentimento, affinché viva in modo migliore. Da
queste premesse deriva un'intera costruzione teologica che esamina i
molteplici aspetti del problema. Le azioni dell'uomo hanno implicazioni su
Dio, sugli altri uomini, sulla natura. Quando si commette un'azione scorretta
bisogna ripararla, cercando di eliminare le conseguenze negative in tutte le
direzioni. Ad esempio, nel calendario ebraico esiste, come è noto, un giorno
speciale, il Kippur, che è destinato all'espiazione delle colpe commesse nei
confronti di Dio. Ma i reati commessi ai danni di altri uomini non sono
perdonati a Kippur, devono essere perdonati dagli offesi, e proprio per
questo motivo è obbligo, nei giorni che precedono il Kippur, recarsi a
chiedere scusa a chi è stato danneggiato e offeso. E, d'altra parte, l'offeso ha
un preciso obbligo di perdonare, così come viene insegnato che Dio perdona
le colpe commesse nei suoi confronti. Il ragionamento su questi principi
mette in evidenza alcuni concetti che, per quanto ovvii ed essenziali, nella
prassi comune rischiano di essere dimenticati. Ne possiamo considerare
almeno tre. Il primo riguarda lo stretto rapporto esistente tra chi commette
un reato e chi è stato offeso. E' il colpevole che deve chiedere scusa e
l'offeso che deve scusare; nessuno può assumersi il compito di chiedere
scusa o di perdonare per altri. Il secondo principio è che la richiesta di scusa
non ha senso se non c'è una coscienza della gravità del reato e un'intenzione
precisa da parte del colpevole di non commetterlo più; il pentimento vero si
riconosce quando il colpevole, messo un'altra volta nelle circostanze
identiche a quelle che avevano prodotto il reato, riesce a trattenersi e a non
ripeterlo. Il terzo principio è che ogni azione ha diverse conseguenze, sia sul
piano morale che su quello penale, quello civile o economico, e che ognuna
di queste conseguenze deve avere la sua riparazione: chi diffama una
persona non solo deve chiedergli scusa, ma deve riparare con azioni opposte
e conseguenze efficaci il danno provocato; chi ruba non solo deve ristabilire
un rapporto psicologico positivo con chi ha danneggiato, ma deve restituire
il maltolto. Per molti altri reati la riparazione non è possibile e la legge
indica la sanzione necessaria per sanare, su piani di equità, il danno inferto
al singolo e alla società, e per impedire ad altri, con il timore della sanzione,
la ripetizione del reato.
Trasferendo questi concetti generali al problema del perdono della Chiesa
agli ebrei, emergono alcune problematiche. Per quanto riguarda il passato,
c'è da rilevare l'assenza di coloro che sono stati maggiormente offesi, tutti
coloro che nel corso dei secoli sono stati umiliati, torturati, uccisi,
perseguitati anche dopo la morte. Nessuno oggi, anche se discendente
diretto, ha il diritto di cancellare con il perdono ciò che è stato fatto ad altri.
E anche dalla parte di chi ha offeso, i persecutori dei secoli scorsi non ci
sono più e coloro che oggi presiedono le stesse istituzioni non possono
parlare a nome dei predecessori. Il passato non si può cancellare, ciò che è
stato è stato e deve servire a monito per il futuro.
Per quanto riguarda questo secolo, bisogna fare un'ulteriore distinzione: non
si può dimenticare che non pochi dei "persecutori", coloro che condividono
e trasmettono le tradizionali dottrine di opposizione cristiana all'Ebraismo,
sono ancora vivi e attivi. E non è la loro voce che si ascolta in questi giorni,
quanto quella di altri, innocenti o pentiti, che condividono la loro fede e che
giustamente si vergognano di loro. In questi termini parlare di perdono è
fuorviante. Non si possono confondere due diverse realtà. Una è l'intenzione
viva e sincera di costruire un nuovo rapporto con l'Ebraismo, eliminando o
rivedendo nella tradizione cristiana tutti gli insegnamenti aggressivi
antiebraici (ed è un dato estremamente positivo, che merita tutta l'attenzione
e il sostegno). L'altra è la pretesa di chiamare tutto questo con il nome di
"perdono", come se ciò potesse essere chiesto o concesso, con il rischio di
nascondere con un velo pietoso l'enormità dei delitti compiuti per secoli,
con determinazione perversa e recidiva; questa del "perdono" sarebbe solo
un’ipocrita liturgia, offensiva per tutti. La richiesta di "perdono" può partire
solo da responsabili viventi, pentiti, ed essere diretta a coloro che sono stati
da loro offesi; le possibilità che questo si verifichi sono estremamente
ridotte. Una volta chiarito che non di perdono bisogna parlare, se non in casi
del tutto particolari, bisogna anche indicare gli altri aspetti del problema che
rischiano di restare insoluti sotto la cortina liturgica delle cerimonie di
perdono.
Il processo di revisione oggi avviato con notevole fervore va condotto con
rigore e obiettività: anche se c'è molta autocritica, questo può portare
all'autoassoluzione o alla banalizzazione e alla relativizzazione delle azioni
commesse che, come ha sottolineato il rabbino Bahbout (nell'intervista
all'Unità dell'8.10.97) vanno riconosciute nella loro realtà, che non è quella
di incidenti di percorso, quanto quella di crimini contro l'umanità. Il
riconoscimento delle responsabilità non può essere generico, ma deve
coinvolgere caso per caso, dalla responsabilità precisa dei singoli leader
(santi, pontefici, dottori della Chiesa), alla individuazione delle vittime
(battesimi forzati, famiglie distrutte, beni confiscati ecc.). Dal punto di vista
teologico inoltre, la dottrina cristiana sull'Ebraismo attende ancora una
revisione radicale, che gli riconosca un ruolo indipendente e autonomo nella
salvezza e in tal modo lo ponga al riparo da qualsiasi tentativo di
evangelizzazione. E, infine, tutto questo rischia di restare lettera morta se
non viene accompagnato da una informazione sistematica e diffusa, in grado
di rieducare milioni di fedeli ad un rapporto nuovo e costruttivo con
l'Ebraismo che continua ad essere presentato, anche ai nostri giorni, con i
caratteri negativi (di religione antica e superata, imperfetta perché senza
Cristo, formalista ecc.) che la tradizione cristiana gli ha attribuito per secoli.

Di imminente pubblicazione sulla rivista Triangolo Rosso dell'ANED


Il concetto di purificazione nella polemica anticristiana
Giampaolo Urso Le attestazioni più famose della polemica anticristiana sul concetto di
katharsis (purificazione) si trovano nelle fonti pagane sulla conversione di
Costantino. L’esempio più antico è contenuto nei Cesari di Giuliano
l’Apostata. L’opera, composta nel 362-63, descrive un banchetto offerto da
Quirino agli dei e agli imperatori, durante il quale viene organizzata una
gara tra Alessandro Magno, Cesare, Augusto, Marco Aurelio, Traiano e
Costantino, per determinare chi sia stato il più grande. Alla fine della gara,
Zeus invita gli imperatori a scegliersi un dio come protettore e guida;
Costantino, però, non si affida alle divinità olimpiche, ma avendo scorto
poco distante la Mollezza le va incontro; essa lo accoglie con un abbraccio,
lo adorna con vestiti multicolori e lo porta alla Dissolutezza, presso cui si
trova anche Gesù, che sta predicando e dice "Chi è corruttore, chi è omicida,
chi è maledetto e infame, stia tranquillo; avendolo lavato con quest’acqua lo
renderò subito puro (katharos) e qualora ricada di nuovo nelle stesse colpe
gli concederò di ritornare puro se si batterà il petto e si percuoterà la testa";
Costantino decide allora di seguirlo (Caes. 336). Giuliano stabilisce qui un
rapporto tra l’immoralità di Costantino e la sua conversione al
Cristianesimo, infatti, promette la purificazione (katharsis) ai peggiori
malfattori, per mezzo del battesimo (l’acqua) e della Penitenza (il battersi
petto e testa).
La versione pagana della conversione di Costantino è attestata anche da due
storici del IV e V secolo, Sozomeno (che è cristiano e la cita per poi
confutarla) e Zosimo. Secondo Sozomeno (HIST. I 5, 1) i pagani
raccontavano che Costantino, dopo aver fatto uccidere il figlio Crispo, se ne
pentì ed entrò in contatto per purificarsi (perì kathamou) con Sopatro, capo
delle scuola di Plotino; Sopatro però gli disse che non esiste purificazione
(katharmos) per tali crimini; l’imperatore incontrò allora dei vescovi, che gli
promisero di purificarlo (katairein) da ogni colpa, attraverso il battesimo, e
l’indussero a divenire cristiano. Secondo Zosimo (II 29), Costantino, avendo
sulla coscienza la morte del figlio Crispo e della moglie Fausta, chiese ai
sacerdoti pagani sacrifici espiatori (katharsia) per le sue colpe; ma avendo
questi risposto che non esiste purificazione (katharmos) per colpe simili, un
egiziano, che frequentava le donne del Palazzo, rivelò a Costantino che la
dottrina dei cristiani prometteva agli empi di eliminare ogni colpa;
Costantino si convertì, allora, al Cristianesimo. Anche in questo caso il
Cristianesimo è presentato polemicamente come l’unica religione che
garantisca la katharsis da tutte le colpe più gravi.
Indipendentemente dalla tradizione sulla conversione di Costantino, la
polemica contro la katharsis cristiana si ritrova in un’altra opera di Giuliano,
il Contro i Galilei (anch’esso, come i Cesari, composto nel 362-63). Qui
Giuliano affronta il tema della volgarità dei cristiani, accusati di aver
conformato la loro vita a persone della più modesta estrazione: bottegai,
esattori, ballerini, ruffiani (Gal. 238 DE). Sul piano più propriamente
morale, Giuliano afferma che precise colpe erano proprie già del
Cristianesimo delle origini, come dimostrerebbe un passo della prima lettera
di S. Paolo ai Corinzi (6, 9-11), di cui fornisce una citazione quasi testuale:
"Non illudetevi: né idolatri, né adulteri, né effeminati, né sodomiti, né ladri,
né avari, né ubriaconi, né maldicenti, né rapinatori erediteranno il Regno di
Dio. E voi non ignorate queste cose, fratelli, perché anche voi eravate così.
Ma siete stati lavati, siete stati santificati nel nome di Gesù Cristo". Per
Giuliano sono parole irragionevoli: Paolo parla di un’acqua che ha la virtù
di purificare (diakathairein) da ogni bruttura e di penetrare nel fondo
dell’anima; ebbene, il battesimo non guarisce malattie del corpo come la
lebbra, la scabbia, i foruncoli, i porri, la gotta, la dissenteria, gli edemi
sottocutanei, le infiammazioni alle dita e quant’altro; è mai possibile che
esso possa guarire le malattie dell’anima? (Gal. 245)
Questa polemica è attestata anche nell’Apocritico di Macario di Magnesia
(inizio del V secolo), che cita un non meglio precisato testo pagano,
probabilmente il Contro i Cristiani di Porfirio di Tiro, composto nell’ultimo
quarto del III secolo e bruciato nel 448 per ordine di Teodosio II e
Valentiniano III. Nella sua accusa Porfirio (fr. 88) cita la prima lettera ai
Corinzi: "E tali eravate alcuni di voi, ma siete stati lavati, siete stati
santificati, siete stati giustificati nel nome del signore Gesù Cristo e nello
Spirito del nostro Dio" (è lo stesso testo citato da Giuliano, ma in questo
caso è fedele alla lettera dell’originale). Si dichiara quindi sorpreso che un
uomo possa lavarsi in questo modo da tante macchie e diventare puro
(katharos), che cioè, eliminando con il battesimo le proprie debolezze -
fornicazione, adulterio, ubriachezza, furto, pederastia, veneficio e infinite
cose basse e disgustose - venga facilmente liberato dalle sue colpe, come un
serpente depone le vecchie squame. A questo punto, continua Porfirio, ci si
chiede chi non vorrebbe commettere ogni sorta di nefandezza, sapendo che
otterrà attraverso il battesimo il perdono dei suoi crimini. E conclude che
affermazioni del genere incitano all’illegalità e tolgono efficacia alla legge e
alla giustizia stessa; esse introducono una forma di convivenza illegale e
insegnano agli uomini a non avere timore dell’empietà. Analogamente, in un
altro frammento, Porfirio afferma che nel Cristianesimo "chi è onesto non
viene chiamato" (fr. 87).
Le fonti finora esaminate forniscono attestazioni tarde di una polemica la
cui origine sembra però assai più antica. Se ne trovano infatti diverse tracce
nel Discorso vero di Celso, del 178 ca., in cui viene stabilito un paragone tra
iniziazione cristiana e quella pagana: quanti invitano ad altri tipi di
iniziazione (telete) mirante alla purificazione (katharsia) impongono come
condizione preliminare di non conoscere il male e di vivere secondo
giustizia ("Chi ha mano pura e parola assennata… chi è immune da ogni
infamia e ha l’anima incapace di ogni male ed è vissuto in modo buono e
onesto…"): ecco invece che cosa dicono i cristiani: "Chi è peccatore, chi è
ottuso, chi è puerile e, per farla breve, chi è un disgraziato, il Regno di Dio
lo accoglierà"; commenta Celso: "Per 'peccatore' non intendete forse, voi
cristiani, l’ingiusto, il ladro, lo scassinatore, l’avvelenatore, il
saccheggiatore di templi o il violatore di tombe? Un pirata non potrebbe
accogliere persone diverse?" (III 59).
Celso sviluppava ampiamente questa polemica. Il dio dei cristiani, dice il
nostro autore, è stato inviato ai peccatori; perché non agli innocenti? Che
male c’è a non avere colpe? Perché questa preferenza per i peccatori? I
cristiani dicono queste cose per esortare i peccatori, poiché non sono capaci
di attirare chi è veramente onesto e giusto. Per questo spalancano le loro
porte agli uomini più empi e abominevoli. Il loro dio, schiavo della pietà per
chi si lamenta, consola i malvagi e respinge coloro che non fanno niente di
male. Questo è il colmo dell’ingiustizia (III 62, 64, 65, 71).
I punti di contatto tra Celso e le fonti pagane più tarde sono evidenti. La
polemica è incentrata sul concetto di katharsis e l’associazione (a III 59)
nello stesso contesto del termine katharsis (purificazione) e del termine
telete (iniziazione) richiama senz’altro il battesimo. Celso, poi, sembra
conoscere il passo dei Corinzi in seguito citato da Porfirio e da Giuliano,
con cui ha in comune non solo l’elenco di peccatori, ma anche l’accenno al
Regno di Dio (il termine "Regno di Dio", già piuttosto raro nel Nuovo
Testamento al di fuori dei Vangeli sinottici, è utilizzato, nel II secolo, solo
da Celso e dai cristiani Giustino e Atenagora). Infine si può cogliere un
preciso legame tra la terminologia impiegata da Celso "Chi è peccatore, chi
è ottuso, chi è puerile e, per farla breve, chi è un disgraziato…", che, tra
l’altro, è un chiaro richiamo al formulario dei misteri eleusini, è riecheggiata
nelle parole che Giuliano mette in bocca a Gesù ("Chi è corruttore, che è
omicida, chi è sia maledetto e infame…").
La polemica sulla katharsis cristiana non è attestata prima di Celso e nasce,
dunque, verso la fine del II secolo. Non è casuale che proprio nella seconda
metà del II secolo l’accesso al battesimo sia stato regolato attraverso
l’istituzione del catecumenato, attestata nel De Baptismo di Tertulliano (203
ca.), e, in forma più compiuta, nella Tradizione Apostolica di Ippolito (215
ca.). E’ probabile che proprio il catecumenato in un primo tempo abbia
contribuito ad attirare l’attenzione dei pagani sul battesimo e quindi a far
nascere la polemica (inizialmente era stata piuttosto l’eucarestia ad essere
oggetto del loro interesse, determinando l’accusa di cannibalismo…); d’altra
parte il tirocinio imposto ai battezzandi dimostrò ben presto che, con buona
pace di Celso e dei suoi epigoni, anche l’iniziazione cristiana imponeva una
disciplina severa e precisi requisiti morali.
Su una commedia degli equivoci
Franco Cardini Ovvero, sullo scandalo d’una scuola pubblica difesa tatticamente e rovinata
strategicamente.

Sarò molto franco a rischio di parere grossolano. E non dirò cose tutte e
sempre piacevoli per alcuni: me ne dispiace e me ne scuso, ma ogni tanto
parlare chiaro non fa male.
Credo anzitutto che il problema della scuola e dell’insegnamento non vada
disgiunto da altri due, più vasti, che enumero in senso crescente di ampiezza
e di importanza, correndo per intero - conscio di farlo - il rischio di cadere
nella discussione dei Principi Primi laddove si dovrebbe restare aderenti a
una discussione importante, sì, ma in fondo circoscritta.

Primo. La questione della scuola non può essere trattata indipendentemente


dalle future prospettive di lavoro degli studenti: come insegnante, sono
conscio purtroppo di stare laureando da qualche lustro futuri disoccupati; e
del fatto che i miei colleghi docenti di scuola media, da più lustri di me,
diplomano dei futuri disoccupati. Di tutto questo mi vergogno e mi sento
stanco.
Secondo. Sono profondamente d’accordo con gli studenti che stanno
scendendo in piazza - poco e male, purtroppo - per la difesa della scuola
pubblica. Peccato che essi siano già da ora dei perdenti, insieme con me e
con tutti coloro che nella scuola pubblica credono. Perché il domani (magari
solo il domani immediato), in questo mondo che corre impazzito dietro al
vecchiume liberal-liberistico come se fosse non un ferrovecchio
ottocentesco, bensì l’ultimo strillo della moda, sta ohimé nella barbarica
logica del mercato. Nel mondo della globalizzazione, non stiamo solo
correndo verso una definitiva mercificazione di tutto, cultura compresa:
stiamo andando a gran passi - parallelamente al processo di polverizzazione
degli stati, ormai divenuti fastidiosi "corpi intermedi" che si frappongono al
totale sfruttamento del singolo da parte delle centrali ipercapitalistiche e
imprenditoriali che lavorano a livello mondiale - verso società nelle quali il
vecchio principio dell’istruzione come diritto-dovere del cittadino sarà un
lusso desueto. I ceti dirigenti avranno le loro scuole e i loro master che
consentiranno loro di perpetuare generazionalmente la loro egemonia; e chi
a tali ceti non appartiene, dovrà rassegnarsi a perpetuare generazionalmente
la sua subalternità.
È d’altro canto contraddittorio che, in una società nella quale la classe
politica - di centrodestra non meno che di centrosinistra - sembra di buon
grado disposta ad assecondare questo itinerario, solo nel caso della scuola si
continui (a parole) a difendere il pubblico contro il privato. E penso -
facendo forza al mio statalismo démodé - che se c’è un campo nel quale
invece i principi di libertà individuale vanno difesi a ogni costo, contro tutto
e contro tutti, esso sia proprio il campo della scuola. E non dico ciò soltanto
perché cattolico.
Per questo aderisco - sia pure con qualche dubbio tecnico - alla proposta del
Polo delle Libertà relativa al bonus per la scuola da attribuirsi alle famiglie,
in modo da consentire ad esse di spenderlo sul tipo di scuola che ritengono
più opportuno. Credo tuttavia che il "mercato della scuola" in questi casi si
complicherebbe di parecchio, e che sarebbe giocoforza accettare un
generalizzato meccanismo di numerus clausus istituto per istituto. Il che
includerebbe l’accettazione franca di un rigoroso metodo meritocratico per
stabilire le precedenze nella scelta dell’utilizzazione del bonus. Al tempo
stesso, credo che la correzione più giusta e plausibile all’instaurarsi di un
sistema che è comunque in marcia, e che sottintende sempre maggiori
privilegi ai ceti più forti sul piano del censo, sarebbe un massiccio impegno
pubblico in una politica di borse di studio e al tempo stesso un controllo
qualitativo (attenzione: non ideologico) da parte dello stato sulla qualità
dell’insegnamento nella scuola pubblica di gestione privata (impropriamente
definita tout court "scuola privata") e sui metodi di reclutamento del
personale insegnante all’interno di essa. Insomma: chiedo libertà di
insegnamento sul serio, diritto di reclutare insegnanti nelle scuole pubbliche
di gestione privata sulla base anche di scelte concettuali (ad esempio: siano
insegnanti sul serio cattolici a insegnare nelle scuole cattoliche), ma al
tempo stesso controllo pubblico rigoroso sui livelli qualitativi e quindi
instaurazione di un piano equo e paritario di concorrenza tra diplomati e
laureati provenienti da scuole e università diverse.
Non so e mi interessa poco se la sinistra, opponendosi al "buono-scuola",
intenda difendere l’acquisita egemonia culturale nel e sul paese, dal
momento che diffido delle dietrologie e delle "teorie del complotto" e dal
momento che in questo nostro paese l’egemonia culturale non ce l’ha
genericamente la "sinistra" bensì, molto concretamente, il PDS ex-PCI
grazie al suo ottimo apparato accademico, scolastico, editoriale,
pubblicistico, sindacale e massmediale che controlla anche parte della
pubblica funzione (per esempio il meccanismo dei pubblici concorsi
universitari e scolastici nonché la burocrazia ministeriale e scolastica
pubblica).
Ciò premesso è del tutto logico che la sinistra, fedele alla sua vocazione
statalista - che era rimasta sullo sfondo solo prima che il PDS entrasse nel
governo - ed egemonizzata dal partito di Via delle Botteghe Oscure, si
opponga a una proposta come quella del "buono scuola", che toglierebbe
fondi alle gestioni scolastiche - meglio controllabili - per affidarli alle
famiglie.
Il paradosso è che il "buono-scuola" andrebbe una volta tanto proprio nella
direzione delle liberalizzazioni che a me piacciono poco ma su cui, a parole,
c’è oggi almeno in linea di massima una convergenza piuttosto ampia delle
destre e delle sinistre.
Il punto è quindi la libertà. Lo stato retto da un governo egemonizzato dal
PDS non può mandare giù un passo liberalizzatore nella scuola perché
questo rafforzerebbe la libertà di insegnamento e di apprendimento e
nuocerebbe quindi alle egemonie consolidate.
Il punto sta prima di tutto nel chiarire che oggi in Italia la scelta di fondo per
le famiglie non è tra scuola pubblica e scuola privata, bensì tra scuola
pubblica gestita dallo stato e scuola pubblica gestita da privati: e che, se da
una parte è giusto mantenere un controllo pubblico sul reclutamento degli
insegnanti e sulla verifica del loro livello professionale (irrinunziabile nella
"scuola dell’obbligo", che va portata al più presto allo standard europeo dei
sedici anni), dall’altra non sono tanto le leggi del mercato quanto quelle
della libertà a imporre che non vi sia discriminazione tra famiglie che
scelgono una via piuttosto che un’altra. La proposta del "buono-scuola" va
in questa direzione, anche se va composta con l’esigenza primaria della
funzionalità della scuola dell’obbligo e con la necessità di elaborare mezzi
adatti alla verifica del livello degli insegnanti. Il traguardo - che mi trova
personalmente contrario - dell’assunzione degli insegnanti sulla pura base
dell’arbitrio dei datori di lavoro e delle esigenze di mercato potrebbe essere
raggiunto solo sulla base dell’abolizione del valore pubblico dei titoli di
studio. Ecco perché da una parte difendo il diritto a una scuola libera, ma
dall’altra non mi va per nulla l’eclisse della scuola di stato. Una volta
ancora, non mi interessa per nulla se questa possa venire giudicata una
posizione "di destra" o "di sinistra".

Vedi anche: La riforma della scuola


Se 35 ore vi sembran poche
Paolo Palazzi Nella discussione relativa agli effetti di una riduzione dell'orario di lavoro si
sono dette molte cose, forse troppe, e quando un argomento serio diventa di
moda è molto facile che la discussione si faccia confusa e superficiale.
In economia poche cose sono certe e una valutazione degli effetti della
riduzione dell'orario di lavoro non è esente da un elevato grado di
indeterminatezza. Una cosa però, è, a mio avviso, sicuramente certa: per
fare una discussione sensata su un argomento di questo tipo vanno evitati
ragionamenti statici. Chiarisco con due esempi come ragionamenti statici
possano portare a conclusioni errate:

a. è noto che algebricamente l'occupazione è data dal numero totale di


ore lavorate diviso per il numero medio di ore lavorate da ogni
singolo lavoratore; ma dedurre da ciò che riducendo il numero
medio di ore lavorate aumentino automaticamente il numero degli
occupati è sbagliato. Questo semplicemente perché ogni intervento
sul numero medio di ore lavorate (il denominatore) può
accompagnarsi (attraverso un effetto sulla produzione e sulla
produttività oraria) a una diminuzione del numero totale di ore
lavorate, cioè il numeratore del rapporto. Il risultato finale potrebbe
quindi essere una occupazione costante o minore.
b. Il costo orario del lavoro è definito dal salario settimanale diviso il
numero di ore lavorate nella settimana; ma pensare che se
diminuiscono le ore lavorate, a parità di salario, aumenta
necessariamente il costo del lavoro è sbagliato. Infatti, il costo del
lavoro che interessa il processo produttivo è quello per unità di
prodotto, non quello orario. Una variazione del costo del lavoro
orario potrebbe essere più che compensata con una spinta
all'aumento della produttività oraria, in modo tale che il risultato
finale potesse portare ad una diminuzione o costanza del costo per
unità di prodotto.
Il problema è che in economia non si può fare quasi mai un discorso "a
bocce ferme". Tutto varia nel tempo e tutte le variabili sono tra loro legate
con relazioni spesso difficilmente individuabili e quasi mai prevedibili. Il
caso della riduzione dell'orario di lavoro è uno di quelli in cui le previsioni
degli effetti sono vaghe e inattendibili. Allora, rimangono le due posizioni
contrapposte alle quali è ben difficile obiettare:

● per i lavoratori è meglio, a parità di paga, lavorare il meno a lungo


possibile;
● per gli industriali è meglio, a parità di paga, far lavorare il più a
lungo possibile i lavoratori.

Come uscire da questa contrapposizione tutt'altro che nuova? L'unica via


d'uscita è quella di fare un ragionamento dinamico, partendo dalla
considerazione che una riduzione dell'orario di lavoro è simile ad un
aumento del salario orario. Se l'Italia soltanto fosse interessata a questo
processo si avrebbero seri problemi dal punto di vista della competitività.

Gli aumenti di salario orario possono essere riassorbiti dalle imprese in due
modi: attraverso l'aumento dei prezzi o attraverso l'aumento di produttività
oraria. Un incremento dei prezzi sicuramente diminuirebbe la competitività,
rimane quindi come strategia possibile l'aumento di produttività. A questo
proposito si possono fare due ipotesi:

a. la diminuzione di orario non incentiva un aumento della produttività


del lavoro: allora, gli unici modi di riassorbire l'aumento di costo
orario sono quelli di una diminuzione di profitti, un rallentamento
degli aumenti salariali già contrattati o una combinazione dei due;
b. la diminuzione di orario incentiva un aumento della produttività, il
che compensa l'aumento del costo orario: in questo caso la riduzione
di orario sarebbe non solo indolore, ma porterebbe ad un aumento
degli investimenti.

Quale delle due ipotesi si avvererà non è possibile prevedere,


probabilmente, una combinazione fra le due. Giocheranno un ruolo decisivo
l'iniziativa dei lavoratori e quella del governo sulle politiche industriali e sul
mercato del lavoro.
Alla domanda "quali saranno gli effetti sull'occupazione?" è ancora più
difficile rispondere: essa può aumentare, diminuire o restare costante.
Dipende da un gran numero di fattori, alcuni dei quali sono stati accennati in
precedenza. Esiste però una condizione necessaria, anche se non sufficiente,
affinché una riduzione dell'orario di lavoro possa avere un effetto positivo
sull'occupazione: alla riduzione contrattuale dell'orario di lavoro deve
corrispondere una riduzione delle ore di lavoro di fatto lavorate in media da
ogni lavoratore. Che cioè i lavoratori preferiscano un aumento del tempo
libero ad un aumento di reddito, ad esempio attraverso un aumento dello
straordinario o del lavoro nero. Ma questo si scontra contro due grossi
ostacoli: l'interesse degli industriali ad utilizzare lo straordinario invece
delle assunzioni (costa di meno) e la spinta delle famiglie ad un maggior
reddito e ad un maggior consumo. Ma questo è un altro discorso.
Il Nuovo Rinascimento
Claudia Winkler Con l'inizio degli anni ’80 e cioè da quando siamo entrati nell'età della
"Information Technology" basata sul trinomio silicio/microprocessore -
software - Internet, si è aperta una nuova epoca di straordinaria innovazione
tecnologica e sociale che viene definita e percepita dai suoi attori principali
come Nuovo Rinascimento. La culla di questo sviluppo ha due poli: lo stato
di Washington, dove ha sede la Microsoft, il gigante del software, e la
California, dove si trovano le più importanti università scientifiche degli
USA e numerosissime aziende di software tra cui la Netscape, che ha
introdotto il mondo extra accademico alla nuova frontiera dal World Wide
Web, interfaccia utente su Internet.
L'accoppiata di questi tre fattori (microprocessori, software e Internet)
associati alla disponibilità di capitali (Venture Capital) sta generando una
vera esplosione di idee, prodotti e innovazioni che stanno modificando le
abitudini in tutte le espressioni della vita di ciascuno: scuola, casa, lavoro,
scambi internazionali, giochi di potere sul pianeta intero. Tanto per dare
un'idea, Cisco (che produce circuiti abilitanti il traffico di Internet) e Intel
(che detiene il monopolio del mercato dei microprocessori) hanno
complessivamente una capitalizzazione di mercato (pari a $206 miliardi)
superiore a quella complessiva di Ford, Chrysler e General Motors (pari a
$133 miliardi). Qualche anno fa nessuno si sarebbe immaginato una cosa del
genere, e siamo ancora agli inizi: sono tutti concordi nel ritenere che i
cambiamenti verificatisi in questi ultimi 20 anni non sono nulla rispetto a
quanto avverrà nei prossimi.
Viene da chiedersi che ruolo potrà avere l'Italia, protagonista del
Rinascimento, in tutto ciò: dato per scontato che il cambiamento avverrà in
ogni caso dobbiamo chiederci se potremo avere un ruolo attivo o se invece
lo potremo solamente subire, destinati ad essere provincia di un impero la
cui capitale è a molte migliaia di chilometri da noi. L'Italia e a tutt'oggi
dominata da una cultura prevalentemente e profondamente umanista
(passaggio chiave di ciò è stata la Riforma Gentile degli anni ’20), essa
viene ritenuta superiore alla cultura scientifica. Fa miglior figura nei salotti
chi sa di letteratura, teatro, arte, filosofia e storia di chi invece sa di scienze
e di tecnologia. Gli ingegneri e gli scienziati sono spesso non considerati
uomini/donne di vera cultura, talvolta provengono da scuole meno "distinte"
dei licei classici, in cui invece viene tramandata la cultura classica, ritenuta
l'unica che valga la pena imparare. Eppure gli italiani hanno contribuito a
livello mondiale con le loro scoperte scientifiche. Anche il primo
microprocessore è stato inventato (negli Stati Uniti) da un italiano, Federico
Faggin; alla Cisco uno dei maggiori tre Executive Vice Presidents è Mario
Mazzola, anch’egli italiano.
In un misto di sottovalutazione dei veri motori del mondo odierno (legati
appunto all’Information Technology) associata alla convinzione che basti la
cultura umanistica per risolvere tutti i problemi, siamo uno dei pochi paesi
del G7 a non avere intrapreso almeno degli studi su questa materia per
cercare di capire dove ci si voglia trovare tra qualche anno e come fare ad
arrivarci. Inoltre, manca totalmente oggi in Italia un leader carismatico della
portata di Adriano Olivetti, che sia in grado di "avere una visione" di come
può essere il nuovo futuro, che aiuti la nazione a interpretare, visualizzare e
accettare senza paure il nuovo corso e l'aiuti a traghettarsi sulla nuova
sponda. I rappresentanti locali delle società IT USA hanno puramente la
missione di consoli o prefetti delle case madri, con scopi prevalentemente di
profitto e di predominio in una logica di mercato, non in quella di fare
cultura nel nostro paese. Con "fare cultura" intendo segnare la strada del
nuovo cambiamento in modo che sia comprensibile anche secondo gli
schemi degli umanisti.
Vi sono dei casi singoli, soprattutto a livello delle università, di persone di
grande intelligenza e con grandi capacità di interpretazione del futuro; ma
queste realtà non hanno la forza sufficiente per proporre la diffusione di una
nuova cultura. Il problema è serio, perché rischiamo di venire travolti non
solo dai nuovi giochi di potere economico (siamo solo terra di conquista per
le nuove tecnologie) ma anche dai paesi che invece hanno fatto politiche
aggressive di riconversione al nuovo mondo e che hanno capito che quando
si presentano delle discontinuità nei sistemi produttivi ci si può riproporre al
mondo come nuovi leader. Si accettano proposte su come poter affrontare
questo delicato problema.

Forum: Dalla periferia all'impero?


Piccola enciclopedia della televisione italiana
Aldo Grasso Si cambia canale. E' l'unica cosa che cambia.

Avvertenze per la consultazione.


Lamentarsi non è chic, parlare male della TV ancor meno: tuttavia la vita
sociale è interamente organizzata attorno al televisore. La TV funziona
come una specie di orologio pubblico e di calendario elettronico: scandisce
le ore con appuntamenti fissi, stabilisce impegni, incontri, avvenimenti.
Nessuno strumento di comunicazione è mai riuscito a fare appello a una così
grande solidarietà nazionale, ad avere a disposizione gli arnesi di una
lusinga così universale, a cadenzare i comportamenti su una scala così vasta.
La TV è insieme vita sociale e modello di condotta: attraverso la pubblicità,
mostra come ci si deve comportare, esibisce buona creanza, dispensa regole
di bon ton.
Ma la TV è sovente intemperante, caciarona, avara di buone maniere.
Questo elenco è insieme dizionario e galateo e ha la modesta intenzione,
come suggerisce Monsignor Della Casa, di "sporre quali cose abbiano a
fuggirsi, perché spiacevoli all’intelletto".

Applausi Hamburger
Baudo Immagini
Chiusura Linea
Darsi del tu Microfono
Emblematico Non fare ...
Fanciullino Odori
Gente Pagina
Pubblichiamo la seconda parte dell'Enciclopedia di Aldo Grasso. La terza e ultima, nel
prossimo numero.
Vi chiediamo ancora di integrarla con le vostre voci. Alla fine raccoglieremo tutto e ne faremo
un'unica enciclopedia che sarà disponibile su Golem. Promesso.

Forum: Piccola enciclopedia dei lettori


Un medium saturo
Francesco Siliato Il calo degli ascolti è già terminato e il Varietà non è affatto in crisi.
Consumare televisione è tornata ad essere una delle attività predilette di
gran parte della popolazione italiana. Dopo l’allontanamento molti figlioli
prodighi sono tornati di fronte al piccolo schermo.
Per comprendere bene i dati elaborati da Auditel occorre sapere come
funziona la rilevazione degli ascolti, quali sono i parametri e come viene
effettuato il calcolo dell’audience. Altrimenti si finisce con il fare una
grande confusione, e tanta se ne è vista sulla stampa in queste ultime
settimane. Inoltre il criterio del "fa notizia" di cui sono più vittime che
protagonisti molti mezzi di comunicazione di massa, spinge a presentare ai
lettori grandi titoli sul "calo degli ascolti" o sul "crollo della televisione",
titoli che non vengono poi corretti da: "ascolti sempre più in alto" quando il
calo cessa; così l’idea che rimane al lettore è quella di una televisione in
perenne calo d’ascolto. Nelle ultime due settimane invece l’ascolto nel
"giorno medio" è risultato superiore a quello prodotto nello stesso periodo
del ’96. Nella settimana appena trascorsa il consumo di televisione ha
superato quello della corrispondente settimana dello scorso anno anche nella
fascia oraria di prima serata, fra le venti e trenta e le ventidue e trenta. E non
si tratta di cifre da poco: un milione in più in prima serata e seicentomila nel
giorno medio. Ma, e questo è molto importante, non si tratta di persone. La
misurazione dell’ascolto avviene infatti contando tutte le persone presenti
nei singoli minuti (e questi sono i contatti) divise per il numero di minuti (il
risultato è l’audience).
Un calo dell’ascolto non significa dunque necessariamente un calo delle
persone che hanno seguito i programmi televisivi ma una diminuzione del
tempo che le singole persone hanno dedicato al consumo di televisione. In
sostanza le persone potrebbero essere sempre le stesse e l’ascolto medio
cambiare a seconda che il tempo da esse trascorso a guardare la TV sia, ad
esempio, di dieci o di venti minuti. Elaborando i dati in modo un po’ più
sofisticato, come si dovrebbe fare e come si fa ad esempio nelle agenzie e
nelle concessionarie di pubblicità, per le quali è nato ed esiste Auditel, si
può andare a verificare se il calo o l’aumento di audience dipenda dal tempo
relativo trascorso a consumare TV o dall’aumento, o diminuzione, del
numero di persone che hanno passato almeno un minuto a guardarla. I dati
recenti ci dicono che il numero di persone è sostanzialmente invariato e che
l’aumento di consumo di televisione oggi è dovuto all’incremento di tempo
dedicato alla TV nelle ultime settimane. I dati ci dicono anche che ad
incrementare il tempo di consumo sono state soprattutto le donne, che in
ottobre hanno dedicato alla TV in media 310 minuti al giorno. Valore
superiore non solo a quello dell’ottobre ’96 ma anche a quello dello stesso
mese del ’95.
Il consumo di televisione è insomma ormai stabilmente altalenante e le
variabili che lo determinano sono tante, come svariate sono le concause del
suo incremento o della sua diminuzione: una partita della nazionale di
calcio, un film famoso, un "evento". In sostanza si tratta di un medium che
ha saturato le proprie possibilità di consumo. Di un medium cioè che opera
in un mercato "maturo" e le cui variazioni di consumo dipendono non più
dallo sviluppo del mercato ma dall’intensità qualitativa dell’offerta. Dove il
temine "qualitativa" va letto come significante di una corrispondenza fra le
attese dei consumatori marginali e l’offerta. La saturazione del mercato
implica infatti non già il suo crollo ma la sua stabilità. La stabilità della
televisione è formata da oltre venticinque milioni di italiani che in media la
consumano per almeno due ore fra le venti e trenta e le ventidue e trenta e
da oltre l’85% della popolazione italiana (55 milioni di persone) che
consuma televisione per "almeno un minuto" ed il cui consumo poi varia a
seconda se uomini, donne, bambini, adulti, ecc. Non esiste infatti un
pubblico della televisione; esistono tanti pubblici.
Determinata la soglia dei consumatori stabili di TV, le variazioni anche di
un milione di persone nelle due ore della prima serata rappresentano
comunque una quota inferiore al 5%. Se dunque l’entità complessiva è
consistente, non lo è per il medium. Se il Corriere della Sera perdesse un
milione di lettori, avrebbe perduto tutto ed anche di più. Se Rai Uno o
Canale 5 dovessero perdere un milione di telespettatori, ne avrebbero perso
il 5%.
La diminuzione del consumo di TV in Italia dimostra infine che il calo è
dovuto proprio al raggiunto limite nello sviluppo del mezzo e non
all’avvento dei cosiddetti "nuovi media", televisioni via cavo, pay per view,
video on demand, near video on demand, Internet, ecc. Nei paesi in cui le
imprese televisive sono capaci di elaborare strategie di lungo periodo, i
nuovi media sono serviti a riassorbire quel pubblico che, inevitabilmente, la
TV generalista avrebbe perduto. In Italia è un pubblico rimasto libero ed è
un pubblico che una volta "libero" non ha scelto la stampa come consumo
alternativo alla TV.
In realtà la crisi è quella dei quotidiani. Ammessa la loro incapacità di
trattenere il pubblico attraverso la qualità del loro contenuto lanciando
videocassette, enciclopedie, profumi e cappellini, i quotidiani hanno finito
con il sancire la perdita dell’unica loro vera risorsa: la credibilità.
Luca Beltrami e Milano
Carlo Bertelli E se, a Milano, la modernità si fosse chiamata Enrico Sommaruga,
Sebastiano Locati, Angelo Bonomi, Angelo Cattaneo o Giacomo
Santamaria, Ernesto Pirovano, Dino Castelli e Ulisse Stacchini; se insomma
la scuola di Camillo Boito avesse prevalso, che città più gradevole, elegante
e ariosa avremmo oggi! Vinse invece il grande accentratore Luca Beltrami
(1854-1933), l’uomo d’ordine e di equilibrio, che ci dette la triste piazza
della Scala, la bizzarra torre attribuita al Filarete, la banale piazza Cordusio
e l’ultimo completamento in stile del Duomo. La sua architettura esprime
buon senso sorretto dall’erudizione, la quale tuttavia non diventa mai quella
cultura che l’avrebbe dovuto trattenere dalla furia demolitrice. Demolite le
"case rotte", ultimo ricordo dei Torriani, demolite al Castello tutte le parti,
pur nobili, dovute alle trasformazioni del Cinquecento e del Seicento,
imposto dovunque uno stile neutro e accademico, per nulla lombardo: il
senatore Beltrami ha "rimodernato" la città sordo alle sue pulsioni
commerciali, alla sua apertura europea, alla sua grande potenza industriale.
Luca Beltrami è stato l’uomo giusto per una borghesia salvata da Bava
Beccaris e per un socialismo trasformista. Con lui si spegne la promessa di
modernità delle architetture di Luigi Broggi (l’autore delle Cucine
Economiche all’inizio di via Melchiorre Gioia); il suo lavoro non offre
tipologie di nessun genere, assolutamente nulla che possa diventare modello
per tutta la città. Il ritardo culturale di Luca Beltrami è impressionante. La
sua idea di città riproduce in modo meschino quella che Hausmann aveva
avuto su ben più ampia scala molti decenni prima, mentre i suoi ripristini
sono al livello di un Rubbiani, l’altro romantico in ritardo di Bologna.
Entrambi reazionari.
E’ a questo architetto nefasto per Milano, a questo esempio di erudizione
ingombrante, che la Triennale, già tempio della modernità, dedica ora una
mostra. Sarebbe stata una grande occasione per rimettere in discussione la
forma urbis ed esaminare criticamente le posizioni opposte a quelle
dell’irresistibile Beltrami che pure vi furono. Invece siamo alla pura esegesi.
Che altro aspettarsi in questi tempi di caute prudenze?
Come cronista debbo però registrare la conferenza d’inaugurazione della
mostra come un momento esilarante nella vita cittadina. Dopo il presidente
della Triennale, Alfredo de Marzio, che ha ricordato i meriti dell’istituzione,
che fioriva quando il senatore Beltrami era ancora in vita e che aveva
ospitato Walter Gropius dopo che il Bauhaus era stato messo al bando,
l’assessore regionale alla cultura, Marzio Tremaglia (AN) ha visto in Luca
Beltrami un precursore dell’autonomia regionale, dato che era stato a capo
dell’Ufficio Regionale dei Monumenti. Sennonché gli uffici regionali
furono i precursori delle soprintendenze. Erano uffici dello Stato, affidati,
quando ancora non si era formato un corpo di funzionari, a professionisti di
chiara fama. Tanto che fino a non molto tempo fa tutte le soprintendenze
erano a base regionale, ma non per questo erano autonome dallo Stato.
Più spassosa la presentazione della curatrice della mostra, l’architetto
Luciana Baldrighi, di recente laureata all’Istituto Universitario di
Architettura di Venezia. Sarà stata emozionata, ma l’abbiamo sentita dire
che Luca Beltrami si sarebbe occupato della cupola del Brunelleschi a Roma
(!), che la sua architettura era neoclassica (sic), che sapeva disegnare mentre
oggi gli architetti non lo sanno fare più, che le raccolte civiche d’arte,
presenti in forze alla mostra con prestiti importanti, ma stranamente escluse
dal comitato scientifico, erano state fra gli "sponsors" dell’iniziativa.
Insomma, c’è sempre di che consolarsi.
Autogolem
Stefano Bartezzaghi (Soluzione dei giochi del numero precedente)

L'Autogolem di questo mese è in verba singula. L'ottava strofa contiene sia


l'ultima parola del lucchetto, sia il totale (ottenuto unendo la prima parte
della parola di 1. e la seconda parte della parola di 8.).

1. FORUM TELEMATICO

Ti consente di discuter
digitando sul xxxxyyyy.

2. FAMIGLIA MODERNA

Siam piccine siam carine,


siamo nate ad Alfonsine
da una mamma molto fine.
Una ha il babbo oltre confine,
l'altra ha il babbo che fa il cine.
Siam sorelle yyyyxxx.

3. HA ESAGERATO CON LA DIETA

Se non è una gran commedia


(in tal caso, si rimedia)
sta cadendo dalla sedia
consumato dall'xxxyyy.
4. INCUBO DANTESCO DOPO UNA CENA IMPEGNATIVA

Paperino, Sergio Zavoli


Little Tony e i suoi bisavoli
bruciavano come tavoli
fra orrende grida di yyyxxxx
(saranno stati quei cavoli).

5. ORNITOLOGIA MONDANA

Molta gente c'è stasera:


il dottore e la mogliera
che cinguetta alla leggera
con quell'orrida megera
che starnazza salottiera.
"Cip cip" fa l'ereditiera.
"Quack quack quack" la romanziera.
Pare d'essere in xxxxyyy.

6. DISTINZIONI FRA GLI UMANISTI

Posso esser buon amico


di Ficino oppur di Pico,
ma allegria ed entusiasmo
me li dà soltanto Yyyxxx.

7. L'INQUINAMENTO

Etcì, ehm ehm, cough cough


non sopporto questo xxxy.

8. e totale. CONSIGLI AL CERCATORE D'ORO

Se apri gli occhi e stai attento


tu ne trovi un yxxxxxxxxx.
Sarai ricco e ben contento:
proverai xxxxxxxxxxxxx.

Soluzioni

1. COMPuter
2. uterINE
3. INEdia
4. diaVOLI
5. VOLIera
6. EraSMO
7. SMOg
8. gIACIMENTO

=COMPIACIMENTO
Donne di potere o del potere
Roberta Ribali Un intrigante quesito che passa per la mente di tutti quanti leggano il testo
del Riccardo III è: come può l’orrido Gloucester, assassino del giovane re,
marito della buona Lady Anna, convincere in pochi minuti quest'ultima,
distrutta dal dolore e dal furore, a sposarlo? Come può, con poche frasi,
indurla davanti al cadavere dell’amato sposo a capovolgere i suoi sentimenti
e a neutralizzare le sue maledizioni?
Certamente Riccardo è diabolicamente intelligente ed abile a manovrare le
persone che lui bene conosce, attivando meccanismi automatici che fanno
leva sulle nevrosi, i bisogni e le debolezze degli interlocutori per asservirli
inesorabilmente al suo volere. E certamente Anna è donna di spessore
d’animo e di sentimenti intensi, una vera regina. È proprio ciò che lei è, che
ci può dare una chiave di lettura: Anna è donna del potere, appartiene
pienamente ad esso, non esiste al di fuori del suo ruolo di regina. È sì una
buona persona, sensibile e capace di relazionarsi, così come viene descritta
nello svolgersi della sua tragedia, ma è altrettanto consapevole del suo
destino: capisce che verrà usata finché servirà all’immagine di Riccardo e
poi sarà eliminata. Ma appartiene al Potere, il suo ruolo è già scritto; al di
fuori di esso non esiste una sua identità e non è possibile per lei alcuna
ribellione. Verrà uccisa.
Quante Lady Anna conosciamo? Alcune le individuiamo facilmente nella
cronaca, le loro dinamiche psicologiche ci appaiono simili, ed evocano in
noi una moltitudine di sentimenti complessi: possono chiamarsi Dimitra
Papandreu, Jaqueline Kennedy Onassis, Stefania Ariosto ecc., ma possono
essere anche donne del nostro mondo, magari a noi molto vicine. Il Potere,
seducente padrone, utilizza queste donne in modo a volte sottile: esse
credono infatti di cavalcare la tigre, potendo spendere molto denaro,
suscitando invidia ed ammirazione, usando la loro influenza sui veri Potenti
per ottenere piccoli privilegi, raccomandazioni per gli amici, interviste in
TV. In scala minore, le conosciamo altrettanto bene: la moglie o la sorella
dell’uomo politico, la segretaria del grande medico, ma anche la compagna
del vicino di casa arricchito o la donna del bullo del quartiere.
Essere una donna del Potere significa in realtà essere una vittima ed esistere
in relazione non a quello che si è ma per il ruolo che si ha. Certamente non
tutte le donne che si muovono nell’ambito di un Potere, massimo o minimo
che sia, sono da identificarsi così: da Cherie Blair, a Carla Voltolina, la
moglie di Pertini, vivono ed hanno vissuto la loro identità, al pari, oggi, di
moltissime altre donne che portano avanti, magari con tanta fatica, un loro
percorso dignitoso e libero.
Ho assistito, come psicoterapeuta che opera a Milano, al dopo Mani Pulite.
Adesso, a distanza di anni, ritrovo ancora alcune donne svuotate, attonite,
che non hanno capito: credono di avere perso tutto, denaro e prestigio
sociale. Si sentono come bambole buttate via. Per loro è stato difficilissimo
reinventarsi un’identità, delle relazioni, un lavoro, e sono persone
sostanzialmente innocenti, perché non capivano e non hanno mai capito,
appunto.
In contrapposizione, mi capita di osservare molte donne che hanno seguito
un percorso diverso e forse speculare. Entrate in contatto con delle
dinamiche di potere, se ne sono appropriate, riuscendo qualche volta a
manovrare le leve di sé e degli altri in modo tale da dare l’impressione di
possedere qualcosa di prezioso: denaro, prestigio, successo, ai vertici di
un’azienda o gestendo un negozio o un’attività benefica o culturale. Sono le
donne di potere. Muovono soldi, persone, imprese. In famiglia sono viste
come degli importanti riferimenti, non solo per il fatto che gestiscono loro il
denaro: a capo di un’azienda o di uno stato sono efficaci, hanno imparato
benissimo la lezione impartita nei secoli dal Potere maschile e lo
riproducono, aggiungendo finezza d’intuito e seduttività. Alcune di loro
(molto poche…) vengono nello studio dello psicoterapeuta perché sono
logorate, non dormono, hanno tanta rabbia, rancore e insoddisfazione.
Esattamente come per un personaggio shakespeariano, ci si può porre la
domanda se, anche nel loro caso, il Potere sia davvero addomesticato e
asservito a loro o se, in definitiva, sia comunque lui il perverso padrone.
Naturalmente qui non ci interessano i giudizi morali sul loro operato, che a
volte può essere splendido e ammirevole. La mia è la modesta prospettiva
dello psicoterapeuta, che si interroga soltanto sulla quantità di sofferenza
umana che si accompagna a queste due posizioni del femminile: la
sofferenza c’è, ed è sempre inversamente proporzionale alla consapevolezza.
Spirito e Materia
Roberto Caselli I Pink Floyd, o meglio, quello che rimane del celebre gruppo inglese,
compie trent’anni. Tre decadi tonde tonde per insegnare al proprio pubblico
cosa vuol dire rock, psichedelia, cultura lisergica e chissà cos’altro ancora.
Tormentati fin dal primo apparire sulla scena della Swinging London, hanno
incarnato nel corso del tempo tutte le follie, le contraddizioni, le maledizioni
e le catarsi di cui è capace il rock’n’roll. Persa, subito dopo il loro primo
album, la mente creativa della band, il chitarrista Syd Barrett, preda di un
uso sempre più massiccio di LSD e di altre sostanze bruciacervello che lo
portarono ad un’irreversibile catotenia, i Floyd corsero ai ripari ingaggiando
David Gilmour che risultò fondamentale per la loro ascesa irresistibile
culminata con il celebrato Dark side of the Moon (quasi venticinque milioni
di copie vendute). Ma i travagli non finirono certo lì. La personalità sempre
più introversa ed egocentrica di Roger Waters creò ulteriori problemi che
portarono alla defezione di Rick Wright e agli scontri furibondi con
Gilmour. Dopo battaglie legali senza esclusione di colpi, Waters fu
estromesso e i restanti tre membri si rimpossessarono del nome Pink Floyd,
unico vero baluardo in grado di resistere tutt’oggi all’usura delle circostanze.
A testimonianza di questi trent’anni di vita intensa e travagliata esce un libro
che trasforma in immagini il segreto della loro musica. Spirito e Materia –
L’Arte Visionaria dei Pink Floyd, edito da Arcana, è un elegante book che
propone duecento immagini a colori tra disegni, fotografie ed elaborazioni
al computer che dal 1967 in poi hanno rappresentato la veste grafica della
loro musica. Le immagini, che originariamente hanno costituito copertine,
poster e materiale promozionale, sono corredate da un testo redatto da Storm
Thorgerson, noto designer, scrittore e regista che fece capo al mitico studio
Hipgnosis, di cui i Floyd si servirono fin dall’inizio della loro carriera e le
cui opere hanno ricevuto ben sette nomination ai Grammy.
Arricchito da una prefazione di David Gilmour, Spirito e Materia è
un’occasione formidabile per rileggere la storia del gruppo partendo da un
aspetto parallelo alla musica, da quell’angolatura intrigante e forse un po’
trascurata della multimedialità a cui i Pink Floyd ci avevano argutamente
indirizzati già tanto tempo fa.
Il mago Leonardo, i conigli e i sospetti infondati
Sylvie Coyaud http://www.mcs.surrey.ac.uk/Personal/
R.Knott/Fibonacci/fib.html

C’è un ritorno di fiamma nei confronti del caro vecchio Leonardo Fibonacci,
l’uomo che ha trasformato il calcolo in un gioco da ragazzi quando ha
introdotto in Italia le cifre arabe e, insieme, il sistema decimale indiano.
Sospettavamo un anniversario, a torto: è nato di sicuro a Pisa, ma attorno al
1170-1175 ed è morto attorno al 1250.
In libreria, comunque, sono uscite tre nuove dichiarazioni d’amore. La
prima sta all’inizio di Concetti fluidi e analogie creative (Adelphi) di
Douglas Hofstadter. La seconda compare di sfuggita in L’ultimo teorema di
Fermat (Rizzoli) di Simon Singh, perché senza Fibonacci non ci sarebbe
stato Fermat. La terza, più inattesa, è Il mago dei numeri (Einaudi), un libro
per bambini scritto da Hans Magnus Enzensberger in cui Fibonacci è
doppiamente presente, nella veste del mago protagonista e in quella del
professor Bonaccione.
Sono libri affascinanti per motivi diversi - meno riuscito l’Enzensberger, la
sua fantasia non pare all’altezza, forse gli sarebbe venuto meglio in versi? -
bisognerebbe poterli leggere incrociandoli e rimontandoli seguendo i propri
umori. Ma con i testi di carta l’operazione non viene bene.
Con Internet sì, e così si può sperimentare di persona la magia dei numeri di
Fibonacci.
Fra i tanti siti che se ne occupano, questo qui suscita un senso di meraviglia.
Un professore dell’Università del Surrey, Ron Knott (sospettavamo uno
pseudonimo, dato che il knot, o nodo, è un tema caro ai matematici, invece
no), l’ha concepito per tutta la gente che ha bisticciato con la matematica da
piccola. Niente è dato per scontato, la progressione è semplice per cui si
riesce a non perdere il filo nonostante sbuchino da ogni parte personaggi,
fiori, architetture, sezioni auree, puzzles e tasselli, conigli e consigli utili per
farseli da sé. Le spiegazioni sono in inglese, ma le cifre non hanno bisogno
di traduzione. Saltano agli occhi le simmetrie e le successioni e le loro
strabilianti assenze. Anche i più impermeabili all’improvviso dovrebbero
riuscire a vedere perché certi numeri sono chiamati "buoni" e certe formule
"eleganti".
"Il mondo matematico ci rende felici perché è fatto di libertà, di verità e di
bellezze a prova di tempo" dice Imre Toth che in quel mondo è sempre
vissuto, e forse sopravvissuto, nelle carceri dove l’avevano rinchiuso i
fascisti rumeni come nelle ovattate stanze di Princeton.
Se vi viene il sospetto che Imre Toth esageri, andate da Ron Knott e ve lo
farà passare.
Appuntamenti

In questo numero Golem vi segnala :

Guttuso e il Teatro Musicale

Presentazione e programma

Trash. Quando i rifiuti diventano arte

Presentazione e programma
Wassily Kandinsky

Informazioni

L'Espressionismo tedesco

Informazioni

Matisse - La Rivelazione mi è venuta dall'Oriente

Informazioni
Rivista on line fondata da:
Umberto Eco, Gianni Riotta, Danco Singer

Direttore responsabile:
Danco Singer

Hanno collaborato:

Giampaolo Urso, Gianni Granata, Mario Calabresi, Ugo Volli, Paolo Palazzi, Aldo Grasso, Francesco Siliato,
Francesco Ranci, Claudia Winkler, Franco Cardini, Riccardo Di Segni, Carlo Bertelli, Roberto Caselli, Sylvie
Coyaud, Roberta Ribali, Stefano Bartezzaghi, Cinzia Leone, Altan

Progetto visuale:
Pierluigi Cerri con Mauro Mattioli e Andrea Lancellotti

Redazione:
Mauro Mattioli, Margherita Marcheselli, Andrea Lancellotti, Roberta Casapietra, Valentina Pisanty, Massimo
Amato, Stefano Mazza, Elisa Mazzini e Francesca Poppi

Software:

Opera Multimedia Stylo Italia Online


Home Page Home Page Home Page
Informazioni:

I Forum

Golem è una rivista da leggere, ma anche da scrivere. I Forum sono spazi


aperti di discussione e commento su temi proposti dalla redazione, dagli
autori o dai lettori.
Per partecipare ai Forum, basta "registrarsi" (semplicemente inserendo il
proprio nome e la propria password). Per registrarti in uno dei Forum che ti
interessano (o anche in tutti) fai un clic sul punto esclamativo della barra di
comando e segui le istruzioni.

"Salvare" Golem

Ogni articolo di Golem può essere salvato ed esportato dalla rete. Le modalità
di tale operazione dipendono dal programma di navigazione che si utilizza.
Una volta esportato come file di testo, naturalmente, è possibile impaginarlo e
stamparlo utilizzando un qualsiasi programma di eleborazione testi.

E-Mail alla redazione di Golem


Cari lettori,
passate le "leggerezze" estive, siamo qui (in ritardo, è vero, scusateci!), per riproporvi argomenti un po’ più
profondi. Per lo meno ci proviamo.
La prima parte, Barriere, ci suggerisce di riflettere sui meccanismi di formazione-deformazione delle identità e
di contrapposizione e difesa dall’"altro". Furio Colombo approfondisce la questione delle spinte
secessionistiche, Massimo Ghirelli riprende il recente dibattito su immigrazione e malattia, mentre Valentina
Pisanty ci presenta una singolare revisione di certe vicende legate alla seconda guerra mondiale. Il tema sarà
ripreso nella rubrica dedicata alla Psiche: è la paura a creare unione?
Nella seconda parte Ugo Pirro e Aldo Grasso parlano di televisione, quella italiana, s’intende. Attenzione, c’è
un nuovo forum, aspettiamo i vostri contributi per poi regalarvi una sorpresa finale!
Non può mancare l’angolo del dilettevole, con Umberto Eco che ci propone un nuovo gioco: ne avevamo
bisogno.

Che altro? Da parte nostra, nulla. Ora tocca a voi nutrire Golem. Vi passiamo il testimone.

Buona lettura, e buona scrittura.


Secessione
Furio Colombo Attenzione. Queste righe sono una denuncia. E’ la denuncia di un atto grave
e di una grave omissione.
L’atto grave, perché preannuncia delitti, è il reclamo di secessione. E’
avvenuta in Italia negli ultimi mesi e la parola viene pronunciata ora con
accento di minaccia ora con bonomia, ora con l’aria che si parli di un
argomento "trattabile". La gravità italiana consiste in questo. Non esiste in
Italia alcuna linea di demarcazione storica, geografica, culturale, linguistica,
etnica che possa essere invocata come radice o come motivazione.
La secessione inventata è un atto arbitrario di pura violenza anche quando è
ancora dichiarazione verbale. Si basa infatti sulla stessa arbitrarietà delle
gang criminali che reclamano il controllo di un territorio, non perché vi sia
alcun ragionevole legame con quel territorio ma semplicemente perché così
è stato deciso con atto di prepotenza unilaterale. Si fonda sulla cultura
mafiosa che erige, per i propri interessi, un modo di agire diverso da quello
dello Stato per poter proclamare "doppia legalità". Tale dichiarazione
permette di compiere atti arbitrari sempre più vicini alla violenza fisica e
fatalmente diretti verso di essa.
La mancanza di ogni fondamento garantisce la violenza. Infatti, ogni
definizione inventata richiede di essere confermata perché nessuno la vede e
la riconosce. Dopo la prima strategia, che è fatta di frasi progressivamente
più minacciose e di annunci privi di riscontro nella realtà (o di affermazioni
costantemente inventate) diventa necessario dimostrare sul territorio le
proprie "ragioni", organizzando una mobilitazione fisica contro le persone.
Questa è la grande differenza. Se io sono scozzese, so di esserlo e so dove il
mio territorio e la mia storia sono diversi dal territorio e dalla storia di altri.
Il tentare di impiantare una atmosfera di secessione senza fondamento
richiede non solo che alcuni si assumano una identità inventata. Richiede
anche di negare ad altri la loro vera identità.
Poiché gli altri, mancando ogni fondamento o ragione storica e di cultura,
non possono riconoscere l’identità inventata, che appare priva di senso,
bisogna affermare ciò che non esiste attraverso atti fisici di imposizione
violenta. E’ il meccanismo operativo delle gang che infatti reclamano
territori che non esistono e pretendono diritti che si definiscono solo con
l’atto di forza. Quando abbastanza persone hanno capito attraverso il sangue
che da una certa strada non si passa, smetteranno di tentare quel percorso.
Questa è l’aspirazione della gang, che infatti punisce anche chi "sbaglia" in
buona fede. Perché le gang colpiscono anche i non nemici? Perché si
fondano su un diritto inventato e non esiste al mondo altro modo di mostrare
tale diritto che, senza la dimostrazione della violenza, non esiste.
Tutto ciò dimostra che chi annuncia arbitrariamente la separazione di un
territorio non identificabile ad opera di un popolo non identificato, annuncia
una azione inevitabilmente violenta. Deve diventare violenta per non
accettare la realtà di apparire ridicola.
E’ per questo che chi ascolta questi annunci di azione violenta senza reagire,
senza indicare con fermezza il punto di non ritorno che separa il ridicolo dal
delittuoso, commette un grave atto di omissione, abbandona i cittadini senza
un criterio di giudizio, senza l’indicazione autorevole dello Stato. E’ come
se la polizia di una città dove le gang avanzano pretese sui quartieri
rifiutasse di intervenire ritenendo irrilevante tale pretesa persino quando è
già iniziato il presidio di miliziani in divisa in quei quartieri, persino quando
i cittadini cercano, e non trovano, una linea guida, una direttiva di difesa
dalla preannunciata aggressione.
Tutti sanno che il separatismo è quasi sempre tragico, persino quando
fondato su antichi e radicati reclami storici, un evento traumatico ad alto
rischio di morte. Un tale reclamo, quando è fondato, richiede fermezza,
prudenza e grande saggezza costituzionale e politica. Il separatismo
inventato però è sempre portatore di esito tragico ed è omissione grave
classificarlo alla stregua di un evento di carnevale, di una parata di
maschere. E’ ciò che accade in Italia in questi giorni. Eppure è evidente la
serietà di organizzazione e di intenti del gruppo che proclama il separatismo
inventato. E’ clamorosamente chiaro che il separatismo inventato può essere
affermato solo con la violenza, perché tutta la buona volontà del migliore
tentativo di mediazione (se ci fosse) non potrebbe riconoscere e constatare i
termini del problema, perché essi non esistono. Si tratta infatti della
trasformazione in fatto fisico di tensioni, scontentezze e pensieri che non
hanno e non possono avere alcun legame fisico col territorio. Appartengono
invece alla sfera, non fisicamente tangibile della politica. La profonda
incapacità espressiva dei leader che hanno raccolto questo scontento - o una
parte di esso - li costringe a trasformare l’argomento politico in fatto fisico e
dunque in violenza.
La minaccia è seria perché serie, e anche impenetrabili e ottuse, sono le
persone che alzano questa tetra bandiera. Occorre denunciare sia il delitto
annunciato che il silenzio o le dichiarazioni di risposta bonarie e marginali
dovute a un tragico equivoco. La mancanza di fondamento del reclamo
separatista viene scambiato per mancanza di determinazione. Come se gli
atti di violenza dovessero essere sempre motivati da ragioni ferree e
scrupolosamente logiche.
Qui siamo in presenza del caso più comune di violenza, la arbitrarietà. E di
un caso eccezionalmente grave di sordità e cecità di fronte a ciò che è grave
e imminente.
La negazione della Shoah
Valentina Pisanty Di tanto in tanto, la stampa ci ragguaglia sulle attività di un gruppo di
presunti storici che si sforzano di convincere il mondo che la Shoah sia la
"grande impostura del XX secolo". Secondo questi autori, Auschwitz e le
camere a gas naziste non sarebbero altro che un'invenzione della
propaganda alleata, di matrice sionista, per estorcere ingenti riparazioni di
guerra alla Germania sconfitta, allo scopo di finanziare lo stato di Israele.
Solitamente ci si riferisce ad essi con l'etichetta di "revisionisti" (appellativo
con cui essi stessi amano autodefinirsi), ma la storiografia ufficiale
preferisce chiamarli "negazionisti". Il motivo è semplice: mentre ogni
storico che si rispetti è revisionista, nel senso che è disposto a rimettere
costantemente in gioco le proprie conoscenze acquisite qualora l'evidenza
documentaria lo induca a rivedere le sue posizioni, il negazionista è colui
che nega l'evidenza storica stessa. Per il negazionista, l'inesistenza delle
camere a gas è un dato posto come inconfutabile, a partire dal quale
riscrivere radicalmente la storia della seconda guerra mondiale, rifiutando
aprioristicamente qualunque documento o testimonianza che attesti
l'esistenza dello sterminio.
Il fenomeno non è nuovo: fin dall'immediato dopoguerra vi furono degli
autori isolati (come Maurice Bardèche e Paul Rassinier) che tentarono di
riabilitare il nazismo, cancellando quello che - agli occhi della coscienza
comune - è il crimine più grave commesso dal regime hitleriano, e cioè lo
sterminio programmato di milioni di ebrei nei campi della morte. Ma è solo
a partire dalla fine degli anni Settanta che il negazionismo ha cominciato a
ricevere un'udienza allargata e a ritagliarsi uno spazio crescente nell'agenda
collettiva. Qual è il motivo di questo cambiamento?
Innanzi tutto, è proprio verso la metà degli anni Settanta che lo sparuto
gruppuscolo di negazionisti di tutto il mondo inizia a elaborare nuove
strategie comunicative, più efficaci di quelle precedentemente adottate.
Mentre gli scritti dei primi negatori della Shoah rivelavano esplicitamente le
proprie ascendenze ideologiche (antisioniste), e dunque rientravano
agevolmente nella categoria del pamphlet politico, i nuovi negazionisti (con
Robert Faurisson in testa) fanno di tutto per conferire alle proprie
pubblicazioni un'apparenza di neutralità ideologica e di rigore scientifico.
Lo scopo dichiarato da simili autori (che rifiutano l'etichetta di antisemiti) è
di ristabilire la Verità storica, indipendentemente da qualunque movente
politico ulteriore. A tale scopo, essi prendono in prestito l'apparato retorico
tipico delle pubblicazioni accademiche e scientifiche, con tanto di
bibliografia, indice analitico, fotografie, riferimenti a documenti e ad atti
processuali, ecc.
A questa maggiore consapevolezza circa la necessità di occultare la propria
matrice razzista, si aggiunge una fortunata (per i negazionisti) convergenza
delle proprie strategie con un clima di scetticismo generalizzato che permea
l'odierno universo delle comunicazioni di massa. In un'epoca di grandi
rivisitazioni del passato (oltre che di dietrologia spicciola) come è la nostra,
siamo sempre più aperti al fascino dello scandalo epistemico, della notizia-
bomba che scuote alla base tutte le nostre certezze. Nessun dato storico è al
riparo dalla contestazione, dai viaggi di Marco Polo ai massacri di Pol Pot,
fino alla morte di Lady Diana. Si badi bene che, di per sé, la tendenza a
dubitare dell'apparenza sensibile e ad assumere un contegno scettico nei
confronti dei dati accettati non è nociva (talvolta è semplicemente poco
produttiva): tutte le rivoluzioni scientifiche traggono origine dal dubbio
circa l'adeguatezza dei modelli cognitivi ufficialmente riconosciuti.
L'aberrazione interpretativa interviene solo nel momento in cui lo
scetticismo generalizzato viene piegato alle esigenze di un movente
ideologico ben preciso.
Sfruttando il clima di relativismo diffuso, i negazionisti fanno di tutto per
gettare dubbi nella mente del lettore sprovveduto circa la realtà dello
sterminio. Si osservi, infatti, che il loro obiettivo principale non è tanto di
convincere il mondo che la Shoah non sia mai avvenuta, quanto, più
modestamente, di creare l'impressione del tutto fittizia che sia in corso un
serio dibattito tra due scuole storiche di pari legittimità scientifica: quella
"sterminazionista" e quella "revisionista".
L'operazione del diniego storico è di una facilità sconcertante: si prende una
qualunque testimonianza che attesti l'esistenza delle camere a gas, la si isola
dal suo contesto immediato, e si va alla ricerca spasmodica di tutte le
increspature esegetiche, le minime inesattezze fattuali e le piccole
contraddizioni di cui essa è portatrice (quante persone venivano stipate nelle
camere a gas? Quanto era alto l'edificio? Che giorno della settimana era
quando Himmler visitò il lager di Auschwitz?, ecc.). Quando la
testimonianza resiste all'attacco frontale, si inventano delle anomalie che
essa non contiene: ad esempio, si può sfruttare un'ambiguità terminologica
per fare dire al testo ciò che esso non dice. Il lettore, che solitamente non è
sufficientemente informato per rispondere a ciascuna di queste obiezioni
locali - e i negazionisti si guardano bene dal fornirgli le indicazioni
bibliografiche necessarie per colmare le sue lacune -, viene gettato in uno
stato di disorientamento e di paralisi interpretativa. A questo punto, la
situazione è matura per sferrare l'attacco finale: attraverso la tecnica
dell'insinuazione, si fa intendere al lettore che le "sbavature" appena
riscontrate nei documenti non sono casuali, ma fanno capo a una precisa
volontà di manipolazione a opera di "certi ambienti del sionismo
internazionale". Di lì alla logora teoria della cospirazione giudaica per la
conquista del mondo il passo è breve.
Immigrati e malattie: epidemia di pregiudizi
Massimo Ghirelli Questa volta, l’allarme parte dall’Ordine nazionale dei biologi italiani: "Il
flusso incontrollato di emigrazione verso l’Europa può diffondere malattie
infettive". Inutile la retromarcia del portavoce dell’Associazione, che
ridimensiona l’affermazione riducendola alla (piuttosto banale)
constatazione che gli spostamenti - anche quelli turistici, o per studio -
facilitano la trasmissione di malattie. Ormai la palla è lanciata; La Stampa di
Torino la riprende con un bel titolo di prima su cinque colonne: Con gli
immigrati più rischio-infezioni. Sarebbe appropriato parlare di "colonne
infami": subito, infatti, c’è chi propone di "vaccinare tutti gli stranieri" -
anche contro la malaria, per la quale non c’è vaccino, o contro la
thalassemia mediterranea, che è una malattia genetica non infettiva.
"I mass media sono ammalati di peste", ha scritto il medico Aldo Fari; e in
effetti è un’epidemia di pregiudizi quella che si diffonde in casi come questi,
o come quelli, indimenticabili ma rapidamente dimenticati, del virus Ebola o
del ritorno della suddetta peste in India. Oggi si sa molto di più sulle
malattie e sulle vie di diffusione del contagio: ma quando non si sa, o non si
sa spiegare, le vie di diffusione del panico sono molto più veloci che in
passato, proprio grazie ai mezzi di comunicazione di massa. In questo
contesto, l’immigrato portatore di virus è un’immagine di sicuro successo,
perché corrisponde sia alla necessità di trovare un capro espiatorio, sia
all’esigenza di ridefinire in termini meno rozzi il buon razzismo del tempo
andato.
In realtà, recenti ricerche della Società di medicina delle migrazioni
dimostrano che l’immigrazione in Italia non ha modificato in modo
significativo il rischio di salute pubblica. E’ l’immigrato, invece, ad essere a
rischio, per le condizioni di emarginazione che spesso finisce per trovare nel
nostro paese. Tubercolosi, infezioni alle vie respiratorie o all’apparato
digerente se le prendono qui, per la scarsa qualità delle abitazioni o la
cattiva alimentazione, non le portano con se’ dal paese di provenienza.
D’altra parte è facilmente comprensibile: lo straniero che emigra è in genere
giovane e sano - rappresentando un cospicuo investimento per i familiari
che l’anno messo in grado di partire e confidano nelle sue rimesse.
Lo confermano le cifre dell’ultimo Dossier della Caritas (1996) che,
basandosi su statistiche ufficiali, dicono che il 99,9 per cento degli
immigrati arriva sano e si ammala dopo sei mesi o un anno di permanenza
nel bel paese. Dicono anche, a conferma di questo dato, che il quoziente di
mortalità dei cittadini stranieri è molto inferiore a quello medio degli
italiani. Dicono infine - nello specifico - che le patologie infettive
rappresentano solo l’8 per cento delle malattie diagnosticate fra gli
immigrati.
Dunque, nessun allarme: anche se questo non vuol dire, naturalmente, che
tutti - italiani e stranieri - non si debbano sottoporre alle stesse regole
sanitarie (comprese le vaccinazioni, che peraltro sono già obbligatorie nella
maggior parte dei paesi di provenienza della nostra immigrazione). La
strada, come sostiene lo stesso Ministero della Sanità, è quella di garantire a
tutti gli stessi doveri e diritti: e l’assistenza sanitaria, lo ha ricordato Rosy
Bindi, è già prevista da ben tre ordinanze anche per gli "irregolari".
Nel diffondere questo ennesimo luogo comune, che identifica
nell’immigrato-untore un pericoloso veicolo di infezioni - sintetizza
Giovanni Berlinguer - si corrono tre rischi insieme. Prima di tutto, quello di
alimentare il razzismo o quanto meno la diffidenza verso lo straniero; poi
quello di trascurare, con questa scusa, le attività di controllo e di assistenza
ai malati, a prescindere dal loro status giuridico; infine, il più grave: quello
di credere che la lotta contro le malattie infettive si possa condurre erigendo
barriere e cordoni sanitari, invece che impegnandosi per risanare il mondo,
tutto intero, da tanti mali ormai controllabili e prevenibili - come peraltro è
stato già possibile fare per il vaiolo o la poliomielite.
Insomma, la salute è un bene indivisibile, anche se non tutti sembrano
averlo capito. In Russia, tre anni fa, hanno reso obbligatorio (almeno in via
di principio) il test dell’AIDS per tutti gli stranieri in arrivo, proclamando
comicamente "il diritto del popolo russo a restare sano"; ma non hanno fatto
nulla, e poco continuano a fare, per combattere l’AIDS nel loro stesso paese,
che è tra gli ultimi, per esempio, nell’uso dei preservativi.
La peste del Duemila, la contaminazione dell’"altro". Il fatto è che un
fenomeno epocale come la grande migrazione de popoli di quest’ultimo
squarcio di secolo non è facile da affrontare. Occorre far appello a valori
desueti come l’uguaglianza, o un po’ astratti come la società aperta, nello
stesso momento in cui è messa in discussione proprio la nostra cultura, e -
cancellati i confini, crollate le pareti divisorie - siamo chiamati a
condividere non soltanto le nostre ricchezze, ma anche la nostra buona
salute.
Non sorprende - come scriveva uno spaventato commentatore sulla stessa
Stampa - che le barriere immunitarie e i cordoni sanitari si rivelino
altrettanto fragili quanto quelle pareti che una volta (nemmeno troppo tempo
fa) definivano un’Europa molto più sicura di sé e della propria identità.
Non meraviglia che l’insorgere di nuove malattie, o la recrudescenza di
antiche infezioni che si credevano debellate, in paesi anche assai lontani,
possa prefigurare nel nostro spaventato immaginario lo spettro di una grande
invasione, che può passare perfino attraverso un microscopico bacillo.
Il nostro Occidente, che per tanto tempo si è attribuito un ruolo di guida, di
modello, di magistero dei valori, non può rinunciare a confrontarsi con gli
altri, anche se ora, nel momento dell’apparente trionfo, scopre tutta la sua
debolezza. Deve comprendere che per la salute è come per la democrazia,
come per la libertà: non si può vincere soltanto per se stessi, perché la
sconfitta anche di uno solo è un fallimento per tutti.
Pluralità e diversità
David Meghnagi Uno degli aspetti che più caratterizzano la società moderna è il suo
dinamismo, l’accelerazione di tempi fra loro diversi che non sempre si
integrano. Ci si rende conto di questo non appena si mette piede a New
York, una città che non a caso è assurta a metafora del moderno. La
serialità, la frammentazione della vita è l’aspetto doloroso di questa logica
che ha come contraltare un riconoscimento, unico nel suo genere, che gli
essere umani sono fatti di molte parti con cui devono imparare a convivere.
Chi non ce la fa a convivere con questa pluralità di appartenenze, che è la
vera sfida del mondo di oggi, può essere tentato di rifugiarsi nell’immagine
arcaica di una comunità incontaminata a sviluppare odio contro chi si è
"separato" o appare come l’immagine stessa della "separazione". La
xenofobia verso gli immigrati presenta non pochi aspetti di questa logica. Il
discorso antisemita ne è invece una versione storicamente collaudata, che
può essere sempre riutilizzata in tempi di crisi. Nella società odierna vi è
una fascia, che copre il dieci per cento della popolazione, che
"strutturalmente" appare incapace di convivere con i rapidi cambiamenti del
mondo odierno. Si tratta di un problema non indifferente che può assumere
caratteri esplosivi quando le istituzioni non reggono più o si mostrano
inadeguate a rispondere ai problemi vitali della gente.
L’ostilità verso gli immigrati nasce e si struttura, qui da noi, per l’incapacità
dei governi di orientare un processo complesso e variegato e dalle molteplici
sfaccettature che si vedrà moltiplicato negli effetti nel prossimo futuro. Dal
non aver fatto tesoro delle esperienze storiche accumulatesi in questi
decenni; dal ritardo con cui anche i più elementari problemi di integrazione
vengono affrontati, a partire dalla tutela del basilare diritto alla dignità di chi
viene da lontano per offrire un lavoro che nessun altro qui ormai vorrebbe
più svolgere; avendo presente che vi sono tempi culturali diversi che entrano
fra loro in contatto e talvolta possono non incontrarsi; sapendo purtroppo
che le stesse esplosioni di ostilità e di rifiuto sono talvolta "le prime forme
di comunicazione", proprie di una dinamica psicotica qual è quella che si
crea nei rapporti fra gruppi umani quando entrano in contatto per la prima
volta da posizioni asimmetriche. Ogni rapporto fra gruppi umani con
caratteristiche proprie e ben definite, anche nelle situazioni più felicemente
riuscite, è segnato da un’ambivalenza, che può essere considerata
costitutiva. In queste situazioni vi è comunque e sempre un tipo di ostilità,
che deriva non solo dalle differenze chiaramente percepibili, quali si
riscontrano nel contatto tra persone e gruppi che parlano una lingua diversa
e hanno una storia diversa, ma anche dal fatto che tali differenze risultino
appena percepibili e le persone verso cui è diretta l’ostilità parlino la stessa
lingua e risultino globalmente immerse nella stessa cultura. "Nella palese
avversione e ripugnanza provata per l’esterno con cui siamo in contatto, -
sottolinea Freud, - è avvertibile l’espressione ‘di un narcisismo che tende
all’autoaffermazione’ e si comporta come se ‘la mera presenza di uno
scostamento dalla propria linea di sviluppo implicasse una critica di questa e
un invito a modificarla’, un’aggressività che affonda le sue radici nel
dinamismo più arcaico della psiche e di cui non può sfuggire ‘il carattere
elementare’" (1). Nell’intolleranza verso che è più simile è in ballo un
narcisismo che gioca sulle "piccole differenze" (2) e le dilata arbitrariamente
per fondare un’identità carente. Si tratta di una logica che in particolari
contesti di crisi sociale, quando vengono meno riferimenti e valori comuni,
può stravolgere la percezione stessa della realtà. In tali situazioni la
nostalgia di una comunità immaginaria arcaica e incontaminata può tornare
ad esercitare un potente e pericoloso fascino, a dispetto del fatto che i dati su
cui si fonda siano puramente immaginari e non fondati storicamente. Come
dunque affrontare il problema? In primo luogo non negandolo,
riconoscendone un’origine nella logica stessa del dinamismo della società
moderna, nella necessità di governare i processi anziché subirli, di
anticiparne le conseguenze.
Valori come la multi appartenenza, il multilinguismo, possono diventare
veramente tali solo se si riesce a gestire e governare l’altro polo del
discorso, quello della frammentazione della vita insita nel dinamismo della
società moderna. Del resto non più di mezzo secolo fa la condizione stessa
di "multiappartenenza" era generalmente guardata con sospetto e
considerata una fonte di disturbi psicologici, o peggio di nevrosi.
L’apprendimento precoce di una seconda o terza lingua veniva al più
considerato come un’acquisizione di potere, un conoscere di più sull’altro e
non in primo luogo su noi stessi. L’idea che un tale apprendimento fosse
connaturato con la normalità stessa di funzionamento dell’apparato psichico
veniva a mala pena accolta (3). La possibilità che in una stessa famiglia i
genitori potessero essere portatori di più lingue senza che ciò dovesse
necessariamente implicare un conflitto, non era considerato oggetto di
studio, indipendentemente dal fatto che storicamente una tale situazione
potesse essere all’origine di una grande stagione di scoperte scientifiche nel
mondo contemporaneo. La connessione profonda che le culture nazionali
istituivano fra lingua madre e appartenenza gruppale era così forte (e lo è
tuttora, se si pensa che la definizione di popolo più comunemente accettata
include tra gli elementi costitutivi il territorio e la lingua insieme alla storia)
che l’idea di una seconda "lingua madre", veniva considerata per se stessa
un problema, se non un danno da evitare tramite la rimozione di una delle
due lingue, in genere quella socialmente "più svalutata" o meno
significativa. In tal modo, quello che era di fatto un conflitto socialmente
dato, che poteva drammaticamente attraversare dall’interno una singola
famiglia (nei casi dei cosiddetti "matrimoni misti"), era ridotto a problema
"linguistico". La scelta della lingua da insegnare finiva col sanzionare la
norma relativa a ciò che era buono conservare e ciò che andava invece
rigettato per realizzare l’aspirazione di essere membri a pieno titolo della
nazione "ospitante". Il conflitto era così trasmesso ai figli in quanto conflitto
di lingue prestigiose e lingue svalutate, con tutta la carica di ambivalenza
che ciò implica, per il fatto stesso che le lingue parlate dai genitori non sono
soltanto uno strumento di comunicazione, ma parte integrante della loro
identità; che la svalutazione di tali lingue, la loro cancellazione dalla
memoria del bambino e dal suo bagaglio culturale può coinvolgere in questa
spirale del rifiuto la persona fisica dei genitori e il Sé. Quella che
indubbiamente è una ricchezza da conservare e sviluppare per i benefici
effetti sulle modalità stesse di attività di pensiero, dei percorsi associativi e
di connessione fra pensieri e emozioni, per la possibilità che offre di uno
sguardo binoculare (4), diventa paradossalmente una stimma da occultare e
mascherare, indipendentemente dal fatto che l'intera storia psicologica dei
singoli e dei gruppi sia in realtà la storia delle molte "lingue umane" che non
si incontrano e dialogano solo parzialmente, di codici che non comunicano
fra loro se non grazie alla presenza di un traduttore, che getti un ponte fra
lingue, saperi e confini.
La necessità di governare i rapidi cambiamenti impone oggi ai singoli un
bagaglio culturale, una mentalità che è l'opposto di quella dominante nei
tempi in cui tutto sembrava immutabile; una mentalità capace di interrogare
i fondamenti costitutivi dell'identità nel suo farsi quando appare messa in
crisi da mutate e inattese condizioni di vita, o da profondi rivolgimenti
interni, per dare un senso nuovo all'appartenenza contro la tentazione di
fissarla in modelli dati una volta per sempre; non per tornare a essere
qualcosa che non è più, ma per spostare in avanti i confini del nostro mondo
interno, allargarlo anziché restringerlo, continuare nonostante tutto a sentirsi
parte di un mondo più grande, anche se all'esterno esso continua ad apparire
diviso e frantumato, o peggio sezionato da confini e steccati irriducibili.
Si tratta dunque, almeno sul piano personale, di non cadere vittima del più
arcaico dei meccanismi psichici, quello che spinge a identificarsi col proprio
aggressore, reale o immaginario che sia, interno o esterno al proprio gruppo
di appartenenza, nella vana ricerca di una soluzione personale ai problemi
della vita. Si tratta di un passaggio interno obbligatorio, sicuramente il più
doloroso da affrontare perché mette in gioco l'immagine che il persecutore
conserva negli strati più reconditi della vita interna di ognuno, che può
risultare talvolta paralizzante per la forza che esercitano nella vita più
interna le fissazioni inconsce, per il terrore che esse evocano e l'angoscia di
una ritorsione.
Posto di fronte a una debolezza, che rimanda a quella sperimentata nella
primissima infanzia, chi non ha mai provato l'impulso arcaico di fondersi e
annullarsi con chi lo domina e lo sovrasta nella tacita speranza di acquisire
quella stessa forza, o almeno di proteggersi da essa? Gli esempi di persone
che, avendo vissuto sotto sequestro, alla loro liberazione risultano ancora
come magnetizzate dal potere esercitato su di loro dai loro aguzzini e ne
parlano con riverenza e timore, se non identificazione, dimostra con quanta
intensità possa operare questo richiamo, la sua presenza in ambito di
socializzazione, nei riti di iniziazione e nei processi di integrazione fra
gruppi umani e singoli, anche di quelli più felicemente riusciti. Si tratta di
un meccanismo che può restare nell'ambito della norma quando
l'integrazione e l'osmosi fra culture, genti e persone all'interno di una stessa
famiglia, di un gruppo e di una società, si realizzano in maniera
relativamente "dolce" e indolore grazie alla presenza di forti valori comuni
che conservano intatto il sentimento della dignità dei singoli e riconoscono
come data la possibilità di un arricchimento reciproco, anche in presenza di
una relazione chiaramente asimmetrica; che può al contrario essere
all'origine di devastanti sviluppi per le menti più fragili laddove tale
"richiesta" avviene nel segno di una svalutazione totale, dove i messaggi
sono fra loro contraddittori: "devi essere come dico, ma se sei tale per ciò
stesso sei da svalutare perché non hai dignità né carattere, sei un nulla".
Oppure, il che è l'altra faccia del discorso, "se riesci così bene vuol dire che
menti e col tuo ‘mimetismo’ segretamente alberghi sentimenti ostili contro
la collettività di cui solo in apparenza fai parte". In situazioni storiche del
genere anche l'adattamento del proprio cognome alla pronuncia dei luoghi di
immigrazione può caricarsi di significati conflittuali e rappresentare un
indizio di colpevolizzazione estrema. In tali casi la rivendicazione della
propria differenza può assurgere a necessità per conservare il sentimento
della dignità e dell'integrità psichica.
Ma il passaggio all'affermazione più che legittima della propria diversità
quale espressione di un bisogno di riscatto non esaurisce il problema, né il
processo di emancipazione può dirsi concluso con l'indipendenza. Vi è
infatti un livello interno, ancor prima che esterno e culturale, rispetto al
quale possiamo non dirci interamente liberi anche laddove crediamo di
avere conquistata questa libertà: l'esempio degli adolescenti che si
contrappongono ai genitori credendo con ciò di affermare una loro distinta
identità, mentre in realtà non se ne sono inconsciamente separati, può essere
considerato paradigmatico. Laddove un singolo o un gruppo sociale o
nazionale precedentemente oppresso crede di essersi positivamente
differenziato per opposizione, può non rendersi conto di essere tutt'ora
inconsciamente fissato a quell'immagine che esternamente combatte.
Appunto perché fissato ancora a quell'immagine, gli può risultare difficile,
se non impossibile, guardare il mondo con occhi nuovi. La storia della
colonizzazione è tragicamente piena di esempi di questo tipo, sia all’interno
delle nazioni che hanno duramente lottato per l'indipendenza che in quelle
che hanno esercitato un dominio. La storia di questi intrecci potenzialmente
esplosivi è ancora tutta da scrivere e da valutare nelle sue implicazioni
politiche.
L'oppressore può essere considerato veramente vinto se ha cessato di
esercitare un dominio sulla capacità di mantenere aperti i confini interni
dell'identità e il dialogo fra le diverse province psichiche, quando si è
appunto acquisita una distanza interiore che, per quanto relativa, può
tollerare la frustrazione che deriva dal mettere in discussione, se se ne
ripresenta la necessità, le convinzioni intime e più care.
Visti da questa angolatura di pensiero, i confini apparentemente immobili e
dati una volta per tutte delle identità singole e collettive appaiono per quel
che sono: fragili e insieme necessarie costruzioni che, nelle situazioni più
riuscite, fungono da soluzioni mobili e di compromesso di bisogni opposti e
complementari: del bisogno di aprirsi al mondo, di cambiare e di
trasformarsi in funzione delle nuove esigenze e dell'aspirazione a radicarsi e
continuare a percepirsi tali. Il richiamo nazionalistico a una identità
ancestrale arcaica e incontaminata si rivela al contrario come l’esito
catastrofico di una rivolta regressiva contro il cambiamento imposto dalla
realtà dei mutamenti in atto nel mondo, l’espressione buia di una atavica
paura contro l’ignoto e il vuoto, la cui pretesa di immobilizzare entro confini
rigidamente chiusi il flusso mutevole dell’esistenza può arrivare a estendere
a un passato immaginario una costruzione fantasmatica e delirante del
presente. Il bisogno di individuarsi diventa una colpa quando a dominare è
una visione integralista della vita sociale e politica che non permette altra
espressione culturale che quella rappresentata da codici e regole rigidamente
stabiliti. In tali casi la pratica dell’occultamento e dello sdoppiamento
interiore, come la storia tragica del marranesimo in Spagna e quella più
recente degli Ebrei in Germania, può diventare una pratica che permea ogni
aspetto della vita, una necessità per sopravvivere.
In un contesto democratico e pluralistico la tensione che nasce dal contatto
fra gruppi e culture differenti assume diverse forme a seconda che vi siano o
meno valori comuni a cui richiamarsi e che siano percepiti come tali se non
da tutti, almeno dalla maggioranza della popolazione. L’assenza di tali
riferimenti, che sono il vero grande mito su cui poggia la forza aggregativa
di una società e di una cultura data, il venire meno del loro decisivo
richiamo, in conseguenza di cambiamenti improvvisi e incontrollabili, può
liberare forze distruttive letali, indipendentemente dal fatto che i pericoli
richiamati siano reali o immaginari e che, alla fine, a perdere possano essere
tutti. In questa logica infernale, che nelle sue forme estreme e razziste
ricorda per analogia il negativismo degli psicotici e la lucidità dei paranoici
(5), l’esterno può essere a tal punto identificato col principio del male da
rendere possibile la tentazione di una radicale espulsione o distruzione. In
simili situazioni l’appartenenza nazionale e linguistica, il fatto di essere
membri di un gruppo e di una religione, anziché essere considerati come il
frutto di un composito processo storico dalle molteplici sfaccettature e
dissonanze fra loro non riducibili, diventano un feticcio che non tollera
devianze. Quello che fa la ricchezza della vita di ognuno e delle nazioni, la
capacità di trasformarsi e di evolvere nell’incontro con l’Altro, può
diventare una colpa, punibile quanto più intensa è la fascinazione segreta
che il diverso esercita nei luoghi più riposti della coscienza. In queste
situazioni, l’invidia e la gelosia possono trovare una loro razionalizzazione
ideologica nell’accusa della doppia fedeltà, indipendentemente dal fatto che
la vita di ognuno sia costitutivamente fondata su molteplici fedeltà fra loro
non riducibili e non necessariamente in contrasto: la solidarietà verso i
parenti prossimi e le persone che si amano; quelle che nascono
dall’appartenenza ad una medesima associazione di cui si condividono
ideali e aspirazioni scientifiche o politiche e sociali; quelle che nascono sul
luogo di lavoro e dall’esercizio della stessa professione indipendentemente
dal fatto che questi appartengono alla stessa confessione religiosa o alla
stessa nazione, che si parlino le stesse lingue, si coltivino gli stessi interessi
e si amino gli stessi scrittori senza con ciò vivere o risiedere nello stesso
luogo. Respinta nell’inconscio l’aspirazione ad una vita pienamente
realizzata, essa riappare nella coscienza individuale e collettiva nella forma
del rifiuto svalutante verso chi, con la sua concreta esistenza quotidiana, sta
a ricordare una possibilità di vita negata, segno evidente che in determinati
strati della vita psichica, l’appello all’individuazione è sempre internamente
percepito come una aspirazione "colpevole" che ingenera angoscia. Certe
forme di fascinazione positiva e di ostilità verso gli ebrei trovano qui una
loro radice psicologica. In quanto "distinto" e "separato" dal resto della
popolazione in conseguenza di una specifica identità, l’ebreo può assurgere
a metafora di questa possibilità costituendone un paradigma.
C’è da chiedersi a questo punto se esista un modello di funzionamento
psichico che possa rappresentare, almeno in via teorica, la possibilità di una
vera accettazione del diverso. Una tale possibilità si verifica nell’amara e
insieme liberatoria saggezza di cui si fa veicolo l’umorismo nei suoi esiti più
riusciti, quando per esempio l’intero processo che va dalla creazione del
messaggio alla sua fruizione, viene scandito all’interno della stessa persona,
che può essere il singolo individuo o la collettività di appartenenza. In
questa logica si possono prendere di mira i valori più cari della propria
esistenza, ma con l’obiettivo di sconvolgere le opposte simmetrie delle
accuse e delle controaccuse a cui soggiace la vita dei gruppi, con lo scopo di
fare emergere una verità più alta che rende inoffensive le accuse inserendole
in un registro che libera significati nuovo per tutti. Si ha qui un’apoteosi di
narcisismo che trionfa sulle paure più recondite umanizzando il persecutore
più interno, vincendo la paranoia. In certe situazioni la sottile ironia, che
non è dato a tutti cogliere, può essere fraintesa radicalmente se uno degli
elementi dell’intero processo viene modificato: per esempio se il contesto in
cui viene raccontata una battuta cambia e il destinatore reale non è
chiaramente identificato con la persona del motto, se i destinatari cessano di
essere tali.
Del discorso conscio, l’umorista conserva l’attributo importante della
comunicabilità, la presenza di una funzione destinatario che dialoga, a cui si
rivolge e con cui si interagisce. Dell’inconscio egli utilizza la logica
paradossale e la forma, la capacità di condensazione e di spostamento. Nel
discorso umoristico si verifica una situazione unica nel suo genere: il Super-
Io interviene come padre consolatore e non come accusatore (6). Si tratta di
una sospensione momentanea e parziale delle costrizioni a cui soggiace in
genere la vita psichica più interna, di una emancipazione parziale dal giogo
costrittivo delle pulsioni di morte incardinate nel Super-Io, che libera
conoscenza e restituisce un senso di gioia alla vita. L’umorismo non dà
risposte definitive, non ha soluzioni palingenetiche da offrire, ma possiamo
stabilire chiaramente che la sua assenza in una data società e cultura è indice
di gravi pericoli che si addensano nella vita dei singoli.

NOTE:

1)S. Freud (1920), Psicologia delle masse e analisi dell’Io, OSF 9, p. 290.
2)Su questi aspetti cfr. S. Freud, Il disagio della civiltà, OSF, 10 p. 602.
3)Per un’introduzione a questi temi cfr. J. Amati, S. Argentieri, J. Canestri,
La babele dell’inconscio (lingua madre e lingue straniere nella dimensione
psicoanalitica), Milano, Cortina 1990, prefazione di O. Kernberg,
introduzione di T. De Mauro; D. Meghnagi, Il padre e la legge (Freud e
l’ebraismo), pp. 83-86.
4)Cfr. W. R. Bion, Trasformazioni, Armando, Roma, 1973.
5)Cfr. S. Freud (1925), La negazione, OSF, 10; id. (1910), Osservazioni
psicoanalitiche su un caso di paranoia (dementia paranoides) descritto
autobiograficamente. (Caso clinico del presidente Schreber), OSF, 10.
6)Cfr. S. Freud, (1927), L’Umorismo, OSF, 10, pp. 507-508.
La "finzione" della Rai
Ugo Pirro Fra le intenzioni, tante volte illustrate, degli attuali dirigenti della Rai e la
pratica quotidiana c'è una contraddizione vistosa che pure nessuno sembra
scorgere. Da una parte, assistiamo al recupero del repertorio dei film italiani,
ai tentativi della dirigenza Rai di partecipare a ogni iniziativa tesa alla
rinascita del nostro cinema; dall'altra, alla conservazione, se non
all'esaltazione, di modelli narrativi di elementare fattura e concezione.
Esiste una zona d'ombra in cui ogni proposito di rinnovamento è ignorato e
di fatto tacitamente contraddetto. Mi riferisco ai programmi di "finzione"
che la Rai produce o fa produrre: i telefilm, le miniserie, vanno assumendo
sempre più la struttura narrativa delle telenovelas, anche nei casi in cui la
tematica che si propone intende essere alta ed edificante. Lasciamo pure
stare l'ovvia considerazione che un tema alto pretende una struttura in grado
di cogliere il senso e andiamo avanti. Come spiegare l'accettazione acritica
di un modello tanto arretrato sia tecnicamente che culturalmente?
Incredibile ma vero: la Rai ha istituito una vera e propria scuola in cui alcuni
tecnici americani e australiani, affiancati da sceneggiatori di scarsa
esperienza, insegnano a giovani sceneggiatori come ripetere all'infinito il
modello strutturale della telenovela, basato sulla ripetizione delle
informazioni, nella convinzione che lo spettatore televisivo abbia bisogno
della sublimazione dell'ovvio per legarsi appassionatamente alla vicenda,
per annoiarsi a sua insaputa. Ma non è tutto: affinchè nessuno osi
trasgredire, a tali corsi partecipano funzionari Rai i quali avranno poi il
compito di leggere, criticare, scegliere le sceneggiature che meritano il
finanziamento e la realizzazione, con la ovvia conseguenza che molti
produttori, pur di non perdere l'appalto, si adeguano. Quando fra i funzionari
Rai capitano delle persone intelligenti e disobbedienti si riesce a sfuggire a
quelle regole ferree, ma capita anche l'inverso, di trovarsi cioè, al cospetto di
persone la cui obbedienza è spesso causata dalla povertà immaginativa.
La conclusione è che si corre, nel silenzio, anche delle associazioni autori,
verso l'omologazione del gusto, all'ingabbiamento della creatività a favore
di un unico modello narrativo palesemente estraneo al nostro cinema, ma
anche a ogni ricerca di linguaggio, a un qualsiasi tentativo innovativo.
Questi insegnanti di telenovelas e affini, secondo quanto si sa, dividono il
film in tre atti che codificano la scansione degli eventi; così, la divisione in
atti, abbandonata persino dal teatro di parole, viene assunta dalla "finzione"
televisiva quale modello insostituibile. Non basta: la programmazione delle
riprese, dei tempi, dei fabbisogni produttivi determina, il più delle volte, lo
svolgimento del racconto e non viceversa. L'ovvia conseguenza è che la
produzione televisiva, finisce coll'assumere le forme proprie del lavoro in
serie, della "catena". Perfetto: la lavorazione seriale, superata nelle grandi e
piccole industrie, rispunta nell'industria dello spettacolo, nella fabbrica Rai.
Ciò che più inquieta, è constatare che nessuno sembra accorgersi dei
mutamenti del linguaggio, della celerità dei cambiamenti che si sviluppano
non solo nel cinema americano, ma anche nelle cinematografie orientali,
inglese, danese, ecc.
Ma c'è un altro paradosso che riguarda proprio il cinema hollywoodiano:
basta osservare con attenzione i film dei migliori registi americani per
scoprire che essi con un occhio seguono la macchina da presa e con l'altro
spiano il cinema italiano degli anni ‘60.
Non sono nostalgico del cosiddetto "cinema di papà", nè del neorealismo
che, in un certo senso è divenuto un ostacolo al rinnovamento del
linguaggio. Ciò che, infatti, manca al cinema italiano, del resto condizionato
dal modello televisivo oggi in auge, è proprio uno stile all'altezza dei tempi
che aiuti a penetrare e rappresentare una realtà così sfuggente e a ricercarne
il senso attraverso immagini significanti.
Qualcuno, infine, dovrebbe avvertire la dirigenza Rai che frequentare corsi
di sceneggiatura, quale che siano gli insegnanti, non significa acquisire
all'istante la capacità infallibile di giudizio sui copioni che sono chiamati a
leggere e giudicare. Ho sentito funzionari parlare con disinvoltura
imbarazzante di "linea narrativa" e imporre delle sciocchezze che, una volta
realizzate, restano sepolte negli archivi, a futura memoria. Non si tratta di
essere contro i corsi di formazione, ma di valutarne l'indirizzo, la validità e
il metodo; di sceglierne i maestri e gli allievi con un criterio serio e
trasparente. Modelli da studiare, da smontare, rinnovare, esistono: sono la
commedia all'italiana, il film di impegno civile. Se, poi, abbiamo bisogno di
guardare lontano dal nostro cinema, un corso su Hitchcock, su Wilder o su
Bergman e Renoir, pur se affiancato all'analisi comparata dell'opera omnia
Del Boca e di altri noti autori di telenovelas, potrebbe essere di qualche
utilità.
Il modello americano, o brasiliano, di cinema e televisione non c'è bisogno
di insegnarlo; è stato già introiettato, giorno per giorno, da milioni di
spettatori. Un compito arduo, ma indispensabile, consisterebbe, semmai, nel
disintossicare il telespettatore, passivamente costretto a ingoiare una
pietanza che non cambia mai.
Piccola enciclopedia della televisione italiana
Aldo Grasso Si cambia canale. E' l'unica cosa che cambia.

Avvertenze per la consultazione.


Lamentarsi non è chic, parlare male della TV ancor meno: tuttavia la vita
sociale è interamente organizzata attorno al televisore. La TV funziona
come una specie di orologio pubblico e di calendario elettronico: scandisce
le ore con appuntamenti fissi, stabilisce impegni, incontri, avvenimenti.
Nessuno strumento di comunicazione è mai riuscito a fare appello a una così
grande solidarietà nazionale, ad avere a disposizione gli arnesi di una
lusinga così universale, a cadenzare i comportamenti su una scala così vasta.
La TV è insieme vita sociale e modello di condotta: attraverso la pubblicità,
mostra come ci si deve comportare, esibisce buona creanza, dispensa regole
di bon ton.
Ma la TV è sovente intemperante, caciarona, avara di buone maniere.
Questo elenco è insieme dizionario e galateo e ha la modesta intenzione,
come suggerisce Monsignor Della Casa, di "sporre quali cose abbiano a
fuggirsi, perché spiacevoli all’intelletto".

Applausi Hamburger
Baudo Immagini
Chiusura Linea
Darsi del tu Microfono
Emblematico Non fare ...
Fanciullino Odori
Gente Pagina

Pubblichiamo la seconda parte dell'Enciclopedia di Aldo Grasso. La terza e ultima, nel


prossimo numero.
Vi chiediamo ancora di integrarla con le vostre voci. Alla fine raccoglieremo tutto e ne faremo
un'unica enciclopedia che sarà disponibile su Golem. Promesso.

Forum: Piccola enciclopedia dei lettori


Come salvare capra e tavoli
Umberto Eco Questo gioco è così stupido che più stupido non si può. Inoltre ricalca
spudoratamente una trovata di Campanile. Ma lasciamoci divertire.

Dunque, si prende un proverbio, un titolo, una frase celebre, e si cerca di


deformarlo, possibilmente con una variazione minima come una
sostituzione di vocale, ma in modo che potrebbe avere un significato, anche
se non sappiamo ancora quale. Poi si costruisce una storia di cui la frase
corretta potrebbe essere il titolo e la morale, acquistando una sublime
pienezza di senso.
Per esempio, se mi propongo di dar senso a "salvare capra e tavoli", debbo
immaginare la storia di un mobiliere, che tiene una capra come animale
domestico, e che nel corso di un incendio deve decidere se salvare l'animale
o i propri mobili, e poi ha una idea geniale grazie alla quale riesce a salvare
entrambi. Negli esempi che seguono, per ragioni retoriche, inverto le fasi, e
prima racconto la storia, poi ne fornisco la definizione.
In un film di Hitchcock, Cary Grant si trova sul lago Maggiore, inseguito da
una spia russa. In una drammatica sequenza raggiunge la statua del San
Carlone e sale sino alla testa, dove però la spia lo raggiunge. Segue una
feroce collutazione, e Cary Grant riesce a spingere l'avversario nel vasto
foro dell'occhio del santo e a farlo precipitare al suolo, dove muore
sfracellato. Sangue e Arona.
Racconta Anaïs Nin che un nativo di Bilbao, di gusti perversi, si reca a un
congresso sessuale dove cosparge una donna bellissima con una salsa
americana a base di aceto di grano e peperoni piccanti. Un bonzo, che
assiste alla scena, ne viene così atrocemente scosso che, per denunciare al
mondo la perversione di colui, si dà pubblicamente fuoco sulla pubblica
piazza. Basco, Tabasco e Venere, riducon l'uomo in cenere.
Il Murtola, notoriamente nemico di Giovan Battista Marino, invidioso del
suo bel giardino vicino a Torino, pianta davanti alla propria casa un pino, e
per anni lo cura in modo da farlo crescere alto, vigoroso e splendente. Un
giorno il Marino, mentre cavalca accanto al Duca di Savoia, passa davanti
alla casa del Murtola e prorompe in una esclamazione di ammirazione ed
incredulità per la bellezza della pianta. E' del poeta il pin la meraviglia.
Giosuè Carducci, alle fonti del Clitunno, si sente poeticamente attorniato da
driadi, fauni e ninfe boschive, e comprende che l'unica vera religione è
quella del mondo pagano. T'amo pio Giove.
Mario Calpurnio, ricco patrizio, costituisce a proprie spese una coorte di
uomini coraggiosi e la presenta al console Manilio Torquato, sollecitandone
il comando per la imminente guerra contro i Volsci. Il console gli fa notare
che la coorte non è ancora in pieno assetto di guerra e l'esorta a perfezionare
l'opera invero meritoria. Chi la fa l'assetti.
Durante un banchetto di nozze Maria, ricordando un precedente miracolo,
avverte Gesù che è finito il vino. Gesù fa riempire degli otri d'acqua, fa un
gesto, e poi mesce ai convitati un liquido che sembra Brunello di
Montalcino. Tutti bevono a garganella, ma poi prorompono in atroci
bestemmie. Si trattava di una soluzione di aceto e sale inglese. "Biricchino,
dice Maria a Gesù, una ne fai e cento ne pensi!". La Cana delle beffe.
Bossi si presenta al professor Miglio e gli espone il suo progetto di liberare
la Lombardia da tutti i meridionali, per difendere la purezza della razza. Il
professore trova il suo progetto troppo estremista e gli spiega che la
ricchezza culturale ed economica della Lombardia deriva anche da una
equilibrata mescolanza di apporti etnici. Critica della region pura.
Montale riscrive Vecchi versi per il suo amico Ismaele, nel corso di un
viaggio insensato da Bedford ai mari del sud. La falena bianca.
Il figlio dello zio del noto industriale tedesco Krupp vuole costruire
anch’egli per il Kaiser un nuovo cannone, più potente di quello che il
parente aveva intitolato alla moglie, ma intende anch’egli rendere omaggio
alla signora in questione. La cugina Berta.
Noto uomo politico sudafricano propone a un amico di giocarsi a poker tutta
la sua fortuna: se vince l’uomo politico gli darà la propria moglie. Ma lo
sfidato rifiuta. Il gioco non vale la Mandela.
Il governo inglese previene i suoi cittadini che, a causa delle mucche pazze,
per un certo periodo dovranno consumare solo cibi vegetariani. Cave
carnem.
Nazarinho Haroldo Coelho de Costa e Silva, detto "Pussy", è un viado che
pratica sui navigli a Milano, ma, di rigida educazione cattolica, consente ai
clienti ogni perversione salvo la penetrazione. Lo zoccolo puro.
Due americani, in visita nel Monferrato, decidono di sfidarsi a chi consuma
una maggiore quantità di bagna cauda, preparata con una quantità
insostenibile di aglio. De bello garlico.
Un poeta dell’Ulivo decide di scrivere un poema epico in lode del noto
produttore di caffè sindaco di Trieste. Illyade.
Anacleta Zandron, prostituta triestina settantenne, vuole sposare ricco
commerciante che cerca partner illibata. Informata dei miracoli della
chirurgia plastica si rivolge a noto professionista perché le reintegri l’imene.
Il chirurgo studia la situazione a lungo, ma decide che gli organi sessuali
della vecchia passeggiatrice sono irrimediabilmente deteriorati a causa di 55
anni di uso continuato. Mona lisa.
Tra i generali di Napoleone, Louis-Bertrand Dupont de Dupond fu il più
sfortunato. Non vi fu azione militare da cui non uscisse sconfitto, tanto che
le truppe avversarie non poterono vederlo che di schiena. Rotta continua.
Le mie possibilità di salvezza filosofica nel XX secolo - Un
teatrino dell’Io
Oliviero Ponte di Pino 0. Ludwig Wittgenstein, Kurt Gödel, Jorge Luis Borges, Raymond
Queneau...

1. essere un filosofo; voler essere un filosofo.

2. non essere un filosofo.

3. fare una lista delle mie possibilità di salvezza filosofica (questo elenco).

4. abbandonarmi all’élan vital, pur non sapendo dove mi può portare.

5. coltivare il nucleo più profondo e autentico del mio Io; resistere.

6. "autocoscienza critica"; realizzarmi.

7. Tahiti; essere altrove.

8. scoprire l’essenziale nell’inessenziale; negare l’esistenza per raggiungere


la vita.

9. sperare in un ritorno della tragedia; fare l’esperienza del limite.

10. l’"Orrore".

11. la civiltà Occidentale.

12. lo Stato etico.


13. rinunciare all’intuizione, credere nell’oggettività degli enti matematici,
creare sistemi assiomatici non contraddittori, individuare antinomie,
costruire metamatematiche di ordine superiore.

14. la prova diagonale di Cantor, il paradosso del mentitore, il principio di


indeterminazione di Heisenberg, la prova di Gödel, il test di Turing.

15. sorprendere il senso comune; riscoprire il senso comune.

16. fare a meno delle nozioni di spazio e tempo assoluti.

17. immaginare altri mondi possibili.

18 ...

19. ...

20. ...

21. il ritorno del rimosso.

22. gli archetipi collettivi; produrre miti.

23. avere coscienza di classe.

24. "che fare?"; l’estremismo malattia infantile...

25. ...

26. ...

27. ...

28. essere un Idiota (filosofico).

29. ...

30. essere un homo seriosus o un homo dramaticus? Essere una donna?

31. l’immortalità.

32. diventare un animale (un sasso, un’ombra, un computer).


33. dubitare di tutto; dubitare di dubitare; eccetera; sospendere il giudizio.

34. "il mio amore cammina preciso".

35. ...

36. ...

37. ...

38. capire perché la sequenza è incompleta; scusarsi perché la sequenza è


incompleta; offrirsi di completarla (scoprire le condizioni necessarie e
sufficienti per completarla).

39. ...

40. ...

41. ...

42. dada.

43. non-Io; la non violenza.

44. il grido primordiale.

45. ...

46. ...

47. ...

48. l’autenticità.

49. ...

50. ...

51. ...

52. costruire logicamente il mondo.


53. distruggere logicamente il mondo.

54. purificare il linguaggio; tacere su ciò di cui non si può parlare.

55. ...

...
...
...

150. adeguarmi allo spirito dei tempi; precederlo; scansarlo.

151. contare il tempo; sbagliarsi.

152. contare con esattezza tutte le mie possibilità di salvezza filosofica;


andare in ordine cronologico; stilare una graduatoria.

153. ...

154. esiste davvero una possibilità di salvezza filosofica? Più di una?

155. le mie possibilità di salvezza filosofica coincidono con le tue possibilità


di salvezza filosofica?

...
...
...

166. dimenticare; odiarmi.

...
...
...

170. vita activa.

...
...
...

189. morire nel ghetto; morire ad Auschwitz.

190. fare filosofia dopo Auschwitz; scoprire perché il più grande filosofo del
secolo era nazista.
191. Hiroshima; fare filosofia dopo Hiroshima.

192. dichiararsi colpevole pur sapendosi innocente; sentirsi colpevole pur


essendo innocente; viceversa.

193. tu, l’Altro.

194. "Non avrai altro...".

195. avere o essere? Essere ciò che sono, essere ciò che devo, avere più
dimensioni, eccetera.

196. l’engagement.

...
...
...

360. essere un dilettante.

361. indignarsi; entusiasmarsi.

...
...
...

371. essere un ladro, un pederasta, un assassino, un terrorista, un poeta,


eccetera.

372. sperimentare tutte le droghe, tutti gli stati alterati della coscienza.

373. no future; diventare punk

...
...
...

399. il significato del significato.

...
...
...
419. l’apocalisse; la società dello spettacolo.

420. ribellarsi è giusto, fare l’amore non fare la guerra, l’immaginazione al


potere, dopo marx aprile.

421. la condizione post-moderna, il pensiero debole, credere di credere.

...
...
...

448. dimostrare che Dio non gioca a dadi; dimostrare perché Dio non gioca
a dadi; studiare il caos per vincere ai dadi.

449. scoprire la Grande Teoria Unificata.

450. trasferire tutti i miei stati mentali in un computer.

...
...
...

500. fare tutte queste cose insieme; farne una sola (cambiandola di tanto in
tanto); non farne nessuna.

501. sorteggiare una possibilità di salvezza filosofica; metterla in pratica.

...
...
...

700. accorgermi di aver commesso un errore (filosofico); insistere finché


non smette di essere un errore.

...
...
...

66. sbagliare la numerazione delle mie possibilità di salvezza filosofica.

...
...
...
1000. perché?

1001. perché.

1002. ...

...
...
...

1.000.000. vivere.

...
...
...

n + 1. trovare un’altra possibilità di salvezza filosofica.

n + 2. eliminare tutte le possibilità di salvezza filosofica meno una (questa?).

n + 3. trovare una possibilità di salvezza filosofica migliore di questa.

n + 4. perché trovare altre possibilità di salvezza filosofica?

...
...
...

z. l’ultima possibilità di salvezza filosofica per il XX secolo (31 dicembre


1999, ore 23 59’ 59"...).

z + 1. un’altra.

...
...
...

nn-1. chiedere agli altri di cancellare alcune possibilità di salvezza filosofica


(quante?).

nn-1 + 1. scrivere a mail-golem@iol.it; specificare "All’attenzione di


Oliviero Ponte di Pino".
nn. chiedere agli altri di contribuire alla mia lista di possibilità di salvezza
filosofica.

nn+ 1. l’indirizzo di posta elettronica è lo stesso.

nn+1. mettere democraticamente ai voti le varie possibilità di salvezza


filosofica.

...
...
...

∞. esistono infinite possibilità di salvezza filosofica?

...
...
...
Protagonismi
Carlo Bertelli Forse non c’è mai stato terremoto senza sciacallaggio. Forse non vi è mai
stata disavventura collettiva senza protagonismi. Qualcuno in un caffè sul
molo, leggendo del Titanic, avrà probabilmente dichiarato agli astanti che se
l’era sempre aspettato e spiegato a tutti perché quella nave non potesse
galleggiare. Un terremoto come quello che ha colpito Assisi non poteva non
sollecitare i pruriti dei protagonisti di sempre. Sgarbi doveva essere il primo
a entrare nella basilica, dopo essere sicuro di essere seguito dalle televisioni.
A fare che? Per dirci che la perdita di Cimabue era come se si fossero
perduti due canti della Divina Commedia? Avrebbe fatto meglio a dirci
subito quanta parte di Cimabue era perduto, dato che le notizie che
circolavano parlavano di perdita totale. E poi si sa bene che nessun canto
della Divina Commedia può essere perduto, neanche adesso che, nelle
scuole, si studia Dante con meno rapimento e reverenza d’un tempo. Vi è
infatti una insormontabile differenza fra la parola, che può essere trasmessa
anche oralmente, e la concretezza d’un dipinto antico.

Vero e autentico sciacallaggio quello del "Giornale" di Vittorio Feltri.


Abbiamo visto in televisione due minuscoli frammenti d’intonaco affrescato
esibiti come se provenissero dall’affresco rovinato di Cimabue, a riprova
dell’inadeguatezza di quanto i restauratori stanno facendo. Nessuna prova,
per ora, che quei due pezzettini d’intonaco vengano veramente
dall’Evangelista dipinto da Cimabue e non, invece, da uno dei tanti muri
affrescati compromessi dal sisma. In ogni caso, chi li ha raccolti e li ha
portati alla redazione del quotidiano andava subito denunciato, e non
coperto con una sbandierata omertà. Da Antonio Paolucci, ex ministro e ora
alto commissario per la basilica, ci saremmo aspettati una reazione molto
più energica della smentita.

La tentazione di farsi vedere là dove tutti i riflettori sono puntati è


irresistibile. Il modo migliore per farlo è lanciare accuse agli untori. La
prima bordata è stata di Federico Zeri, di cui non si può non ammirare la
pronta reattività. La causa di quanto è successo è che circa trent’anni or sono
le travi in legno furono sostituite con travi in cemento armato. Seguirono a
ruota l’immancabile James Beck e Bruno Zanardi, del quale si rivela in
questo caso la stretta alleanza con Zeri che può comportare anche l’abiura
della fedeltà a Brandi e a Urbani di cui nei precedenti interventi pubblici
questo restauratore e articolista si era inorgoglito.

E’ rilevante che né Zeri, né Beck né Zanardi siano strutturisti. Non sanno


nulla delle interferenze delle onde sismiche, non sanno nulla dell’elasticità
che anche un giunto di calcestruzzo, a seconda della composizione e della
forma, può avere. Dalle fotografie pubblicate, che costituiscono una specie
di autopsia della basilica, risulta che il trave di cemento al colmo del tetto è
ancora al suo posto, mentre la struttura delle volte, come era inevitabile, è
indipendente dal tetto. Ciò significa che le sollecitazioni che ha ricevuto
sono state laterali e solo un’approfondita analisi, domani, sarà in grado di
dirci se la trave di calcestruzzo ha avuto un ruolo nella dinamica del crollo e
quale. In quanto a Beck, promotore d’un appello perché le opere d’arte siano
lasciate al decorso naturale, fino alla scomparsa, una morte da terremoto
dovrebbe essere celebrata da lui come un invito a nozze.

Poiché l’attenzione, sollecitata da un clamoroso volume di Zeri e Zanardi, si


è concentrata tutta sul problema Giotto-non Giotto, la stampa e i media si
sono consolati perché sembra che la leggenda di san Francesco, dipinta sulle
pareti, non abbia subito danni. In quanto alle vele con i dottori della Chiesa,
visto che tanto non si tratta di Giotto, la perdita di una è stata registrata a
occhi asciutti. Purtroppo è proprio Giotto, e nel momento folgorante in cui si
annuncia nella sua piena solarità, che è stato vittima del disastro. L’arco che
chiude e rinforza internamente la facciata della basilica è decorato con un
partito di finte nicchie che ospitano figure di santi in piedi. E’ la prima volta
che un motivo, che avrà grande importanza nella pittura italiana fino al
rinascimento, appare dispiegato e inteso razionalmente. Rispetto alle
decorazioni di un maestro inglese e di Cimabue nelle logge del transetto,
dove la pittura accompagna l’architettura, qui la pittura vi si sostituisce
creando un’autonoma architettura immaginaria, assai più plastica e nuova di
quella, di ascendenza romana, delle storie di san Francesco. Qui è Giotto
con un gruppo di collaboratori. Giotto che, ritengo, entra nel cantiere di
Assisi con il disegno (non con l’esecuzione) dell’asinello nella scena del
Presepio di Greccio e quindi prosegue affermandosi come il maestro a capo
dell’impresa nelle scene francescane successive e, soprattutto, nella facciata
interna. Ora sono alcuni di quei santi - non saprei dire quali né quanti - che
dalle fotografie pubblicate risultano crollati.
E' possibile una biblioteca multimediale? (3)
Giulio Blasi Tra le reazioni ricevute ai miei pezzi dedicati alle Biblioteche Multimediali (su Golem
11 e Golem 12) ce n’è una serie che ho deciso di pubblicare. Si tratta di uno scambio di
mail con Riccardo Ridi, bibliotecario presso la biblioteca della Scuola Normale
Superiore di Pisa e coordinatore dell’AIB-WEB, il sito dell’Associazione Italiana
Biblioteche.

Li ho lasciati nella forma originale senza alcuna forma di editing (ivi inclusi i refusi
dovuti all’uso di caratteri non facenti parte del set base dei caratteri ASCII nel corpo del
messaggio). Il tema credo meriti riflessioni ulteriori e mi pare utile fare una pausa per
dar conto del dibattito che si è sviluppato.

Oltre ai due pezzi di passati su Golem di cui sopra vi invito a rileggere il rapporto
strategico della Task Force on Archiving of Digital Information. Questo documento
costituisce ancora (almeno per lo stato del dibattito italiano) un punto di riferimento
importante per cogliere lo stato del problema. Altra fonte interessante di link
sull’argomento è la pagina della Library of Congress dedicata alle Digital Libraries.

Per i lettori su carta di questo articolo ricordo che possono contribuire al dibattito
spedendo i loro messaggi all’indirizzo arcade@horizons.it

From: Riccardo Ridi


To: Giulio Blasi

"chi ci assicura che una societa' dell’informazione globale e digitale conservi la


medesima cultura di conservazione dei testi che h oggi incarnata nelle biblioteche? Non
si dar` il caso che una cultura di testi digitali sia una cultura in cui i testi hanno una
maggiore volatilit` e deperibilit`, al pari (ad esempio) della comunicazione orale? Fino a
che punto una cultura ha bisogno di conservare la "totalit`" dei suoi testi?" (G. Blasi, E'
possibile una biblioteca multimediale? (2), Golem 12)

Ma neanche la vecchia societa' dell'informazione analogica e cartacea ha mai conservato


davvero TUTTI i propri testi. Volantini, opuscoli, manifesti (per rimanere nell'ambito
delle "pubblicazioni") sono allegramente scomparsi dalla faccia della terra, cosi' come
persino veri e propri capolavori (Sofocle, Aristotele, i presocratici, ecc.).

Riccardo Ridi

From: Giulio Blasi


To: Riccardo Ridi

Vero ma quella cultura considererebbe il ritrovamento di un papiro recante una


traduzione di un'opera aristotelica scomparsa un evento straordinario e di enorme valore
(pensi allo stele di Rosetta...).
Se i presocratici fossero documentabili direttamente e non attraverso fonti indirette
questo sarebbe considerato fantastico dai nostri storici della filosofia.
E allo stesso modo le biblioteche odierne conservano straordinarie varieta' di documenti
scritti compresi manifesti, opuscoli (soprattutto scientifici) e cose di ogni genere e penso
in particolare al mondo della biblioteconomia anglosassone.

Io non ho detto che di fatto la cultura analogica e cartacea abbia conservato TUTTI i
suoi documenti. Sostengo invece che quella cultura ci fa oggi considerare ogni
documento scritto del passato una fonte preziosa per la sua comprensione. Sostengo in
breve che la nostra cultura assegna un VALORE particolare alla conservazione dei
documenti scritti.

Cambiera' questo in futuro o avremo forme di "storicismo digitale" ad ogni modo?


Lei cosa ne pensa?

G Blasi

From: Riccardo Ridi


To: Giulio Blasi

OK, sia la nostra cultura passata che quella presente che quella (presumo) futura,
attribuiranno un grande valore ai "documenti" e alla loro conservazione (fra l'altro lo
spero anche dal punto di vista "occupazionale", facendo di mestiere il bibliotecario).

Il primo punto e': cosa considerare "documento" e cosa no. A rigore potremmo
considerare "documento" (anche se non "pubblicazione") anche ogni appunto privato,
ogni lista della spesa, ogni post-it, ogni registrazione in segreteria telefonica (e volendo
potremmo anche registrare per intero OGNI conversazione telefonica), ogni e-mail
privato, ogni videoregistrazione amatoriale, ecc. Ovviamente conservare tutte queste
cose e' non solo impossibile pragmaticamente (lo e' sempre stato ma lo sara' sempre di
piu', vista la produzione crescente geometricamente) ma anche controproducente
informativamente (finiremmo per non trovare piu' nulla).

Si tratta di stabilire un discrimine fra cosa conservare e cosa no. Prima era piu' facile per
tanti motivi. Per esempio era piu' netta la differenza fra "ricchi/potenti" che potevano
eternare i propri archivi e "poveri/deboli", che magari non sapevano neanche scrivere,
producevano pochi documenti (testuali o grafici) e difficilmente riuscivano a proteggerli
e trasmetterli. Per esempio, con la stampa tipografica era piu' chiaro il confine fra
"documento pubblicato" e "documento non pubblicato" (il primo era manoscritto e il
secondo stampato). Adesso, una homepage personale sul Web a quale categoria
appartiene?

Il secondo punto riguarda il privilegio culturale accordato per secoli alla scrittura, al
testo, rispetto a documenti grafici, sonori, oggettuali, ecc.
Le immagini, ad esempio, si conservavano solo se belle e preziose, mentre per gli
stampati c'e' sempre stata una tendenza (ardua) alla completezza.
Per il suono poi per secoli non c'e' stato modo di conservare niente. Ora che i documenti
"non-testuali" hanno migliorato il loro status culturale, andranno conservati anch'essi
con la stessa attenzione dedicata in passato a quelli testuali (era questo, mi pare, uno dei
focus del suo articolo).

Allora, visti i punti 1 e 2 e visto che siamo tutti d'accordo che sarebbe bello conservare
(e, aggiungo - da bibliotecario - catalogare, altrimenti poi non si ritrova nulla) tutto, sara'
mai possibile farlo davvero? Questa, mi pare, la sua domanda.

In tutta franchezza le rispondo che a me, personalmente, il sogno dello Xanadu di


Nelson (una rete ipertestuale mondiale di TUTTI i documenti esistenti) ha sempre
affascinato e mi piacerebbe pure che si realizzasse (il WWW sta facendo qualcosa, ma
in confronto e' un balocco), ma temo che:
A) sia impossibile tecnicamente
B) per la maggioranza degli umani si tratterebbe di un INCUBO e non di un sogno

Saluti, Riccardo Ridi

From: Giulio Blasi


To: Riccardo Ridi

Grazie per la risposta ulteriore. Ma allora rilancio ancora in cerca di stimoli: cosa pensa
del punto centrale del mio (primo) pezzo dedicato alle biblioteche multimediali e cioe' al
problema dei tempi di obsolescenza dei documenti digitali (almeno di parte di essi)?
Non si tratta qui di una differenza cruciale rispetto al passato? O si tratta di una
semplice illusione di prospettiva dovuta alla nostra posizione di osservatori di un
processo in corso ancora non ben definito?

Il punto per me davvero cruciale e' questo: l'idea di Nelson e' autocontraddittoria
esattamente perche' non include la freccia temporale dell'obsolescenza dei formati
digitali. In pratica presuppone un sistema informatico stabile (almeno) come il libro a
stampa nel suo rapporto con gli scaffali di una biblioteca. Io considero questo un grave
errore concettuale di Nelson a prescindere dal fatto che lo "spirito" di Xanadu ci piaccia
o meno.

Sarei davvero curioso di conoscere la sua opinione su questo.

Saluti
Giulio Blasi

From: Riccardo Ridi


To: Giulio Blasi
Contro l'obsolescenza dei media elettronici una prima mossa puo' essere quella di
privilegiare standard "de jure", non proprietari (HTML, SGML, ecc.) contro quelli "de
facto", proprietari (PDF, ecc.).

Cosi' si potrebbe combattere l'obsolescenza del software, mentre contro quella


dell'hardware bisognerebbe che le biblioteche elettroniche che si prenderanno in carico i
documenti elettronici si assumano anche la responsabilita' di riversarli periodicamente
sui nuovi tipi di supporti man mano disponibili.

Anche la sua (o tua, passiamo al tu?) ipotesi degli emulatori potra' aiutare, ma si trattera'
comunque di investire costantemente tempo e energie (quindi denaro) per mantenere
realmente accessibili i documenti.
Questa e' in effetti una grossa differenza rispetto all'era cartacea, in cui "bastava"
mantenere i libri lontani da luce, calore e umidita' per riutilizzarli anche solo una volta
al secolo.

Non sono invece d'accordo sulla tua critica a Nelson , perche' l'editoria elettronica in
rete (perche' in fondo di questo si tratta con Xanadu) e' radicalmente diversa da quella
su supporto portatile (in fondo piu' simile a quella tradizionale per tanti versi:
distribuzione, pagamento, copyright, ecc..) anche dal punto di vista della compatibilita'
dei formati. Per leggere un documento remoto in rete ho bisogno sempre dello stesso
modem, disinteressandomi se e' memorizzato su un hard-disk, un nastro, una cartuccia,
un cd o altro. Pensa poi a quanto ha fatto internet per lo scambio dei dati fra ambienti
operativi diversi.... Una volta che ho messo un documento html in rete, non e' piu' ne'
dos ne' mac ne unix...
Quindi il problema dell'obsolescenza digitale tocca molto di piu' i cd-rom che non
Xanadu o Internet (che comunque ha i suoi bei problemi).

Riccardo Ridi

From: Giulio Blasi


To: Riccardo Ridi

Una volta che ho messoun documento html in rete, non e' piu' ne' dos ne' mac ne unix...
Quindi il problema dell'obsolescenza digitale tocca molto di piu' i cd-rom che non
Xanadu o Internet (che comunque ha i suoi bei problemi).
Riccardo Ridi

Questo in principio. Ma de facto: le versioni "standard" di HTML si sono evolute e i


metadescrittori non sono ancora diffusi, i documenti HTML contengono extensions
proprietarie, contengono codice non HTML di vario genere con problemi suoi propri di
versioning (Javascript, VBscript), rimandano a codice compilato (applet) che prevede
l'esistenza di software determinati sulla piattaforma client (anche nel caso di Java e'
necessaria una "virtual machine" che non e' necessariamente pre-installata sulla
macchina dell'utente e che gia' adesso esiste in due versioni tra loro incompatibili), ecc.
ecc. Gli standard di programmazione cross-platform di Microsoft sono completamente
diversi da quelli di Netscape. Insomma se, come dicono alla Sun, "the network is the
computer" perche' dovremmo attenderci dalla rete esiti diversi in termini di
standardizzazione rispetto a quelli che si sono evoluti per il PC? Tutto sommato anche il
mondo desktop e' abbastanza standard: l'80% dei PC usa sistemi operativi Windows...In
termini puramente numerici si potrebbe (dovrebbe) dire che esiste maggiore
standardizzazione e interoperabilità nei PC che nei sistemi di rete. Inoltre non ho toccato
il problema piu' grave l'upgrade dei protocolli di base su Internet: la migrazione a IPng
e' (per il momento) solo una possibilita' teorica e comunque una cosa di cui bisognera'
ben esaminare gli esiti.

In sintesi: anch'io assegno (per varie ragioni) un privilegio alla rete rispetto al PC isolato
per cio' che riguarda la "durata" nel tempo degli standard. Pero' mi pare che a parte un
lieve privilegio non cambi molto la sostanza del problema che sollevavo a proposito
delle biblioteche multimediali. I documenti oggi disponibili in rete avranno seri
problemi di obsolescenza nel giro di qualche anno. Xanadu era pensata come una rete di
documenti "puri" ma la cosa e' resa piu' complicata dal fatto che quello che oggi evolve
e' il concetto di un ipertesto di documenti e applicazioni.

Ciao
Giulio Blasi

From: Riccardo Ridi


To: Giulio Blasi

"i documenti HTML contengono extensions proprietarie, contengono codice non HTML
di vario genere [...] gli standard di programmazione cross-platform di Microsoft sono
completamente diversi da quelli di Netscape" [Giulio Blasi, 97-08-26]

Perche' tutti corrono in avanti per conto proprio, sperando di imporre de facto i propri
standard, invece di aspettare quelli de jure del W3C.
Padroni di farlo, ovviamente, perche' "il mercato e' il mercato" e perche' - come
giustamente dici - "perche' dovremmo attenderci dalla rete esiti diversi in termini di
standardizzazione rispetto a quelli che si sono evoluti per il PC?" ma spero che almeno
chi produce documenti "seri", che hanno pretese di durata, si attenga il piu' possibile
agli standard ufficiali, e per gli altri "speriamo bene".

"In sintesi: anch'io assegno (per varie ragioni) un privilegio alla rete rispetto al PC
isolato per cio' che riguarda la "durata" nel tempo degli standard. Pero' mi pare che a
parte un lieve privilegio non cambi molto la sostanza del problema che sollevavo a
proposito delle biblioteche multimediali. I documenti oggi disponibili in rete avranno
seri problemi di obsolescenza nel giro di qualche anno" [Giulio Blasi, 97-08-26] OK. Si
riaffaccia cioe' per i documenti elettronici (in rete e su supporti portatili) tutta quella
vasta serie di problemi tipici dei documenti cartacei (manoscritti e a stampa) e su altri
supporti non elettronici (microfilms, microfiches, ecc.) a cui i bibliotecari cercano
(senza mai riuscirci completamente) da secoli di opporsi realizzando due grandi utopie:
il "controllo bibliografico universale" (sapere esattamente cosa e' stato pubblicato nel
mondo) e la "disponibilita' universale delle pubblicazioni" (rendere accessibili a tutti -
copyright permettendo - tutti i documenti pubblicati in qualsiasi luogo, tempo e forma).

I documenti elettronici hanno proprie specificita' rispetto agli altri (ad esempio
l'obsolescenza delle tecnologie da cui siamo partiti) ma anche tante affinita'. Almeno dal
punto di vista concettuale credo convenga partire dalle affinita' per poi individuare le
differenze. Ad esempio, il concetto di biblioteca nazionale (un posto dove, per legge,
debba essere depositato TUTTO cio' che viene pubblicato in un determinato paese) non
scompare nel nuovo ambiente elettronico, ma va aggiornato ed adattato in modo
flessibile. La "biblioteca nazionale digitale italiana" potrebbe non essere collocata
fisicamente in un sol luogo ma essere decentrata (fra le varie universita? fra gli editori?)
e dovrebbe occuparsi fin da subito anche del problema dell'obsolescenza delle
tecnologie (con gli emulatori di cui parlavi, collegandosi a eventuali "musei delle
vecchie tecnologie", travasando periodicamente i dati dai vecchi supporti ai nuovi, ecc.).

Saremo in grado di affrontare questa sfida in un paese che non e' mai riuscito a gestire
decentemente neanche il proprio patrimonio bibliografico "tradizionale"? Ho dei forti
dubbi, ma dobbiamo assolutamente provare, per non uscire a priori dal novero dei paesi
civili.

Ciao, Riccardo
Autogolem
Stefano Bartezzaghi (Soluzione dei giochi del numero precedente)

L’Autogolem di questo mese è duplice: un primo lucchetto in quattro strofe


è segnato con numeri arabi; un secondo lucchetto in cinque strofe è segnato
con numeri romani.

PRIMO LUCCHETTO (8/10/8=6)

PRELIMINARI

Con rasoio e gillette


mi sbarbo nella toilette.
Poi mi bevo il fernet
ed entro in Xxxxxyyy.

2. NINNA NANNA DI CITTÀ

Dormon le mamme, con i bambini.


Dormono le case, con i casini.
Dormono i ghetti, con i ghettini.
Dormon le giarde, con i giardini.
Dormono i bus, con i busini.
Dormono i tram, con i tramini.
Dorme il sindaco, coi sindachini.
Son svegli solo i yyyxxxxxxx.

3. LA PAZZA FOLLA
Dalla metrò ne esce un fottìo
intorno a me è tutto un vocio.
Confondo ormai l’io con il non-io,
vertigine, vortice, xxxxxxxy

totale: PARLANDO DI LATTE

Quello di soia non è quello vero.


Il pastorizzato vale zero.
Con quello scremato vedo nero.
A me piace solo quello xxxxxy.

SECONDO LUCCHETTO (2-3/10/1, 5, 2/7 = 6)

I. IL GENTILUOMO HI-TECH

Sto perdendo il mio aplomb:


non funziona il XY-YYY!

II. ZOOLOGIA PER BAMBINI

Orsù aprite il sussidiario:


c’è di bestie un inventario,
meglio di un documentario:
ha una gobba? È un yyyyxxxxxx!

III. PALAZZINA LIBERTY

Ho assistito a uno show


(molto arguto, ti dirò)
in padano e grammelot,
della Rame x Xxxxx Yy.

IV. NATURA

Che bellezza! Che gran festa!


La gazzella, lesta lesta,
corre dentro alla Yyxxxxx.
(se ne incontra il re, ci resta).

totale: PREGI E VIRTU’ DI FANTESCA


Vi racconto le sue gesta:
è simpatica e modesta,
senza grilli per la testa,
fa i mestieri e non protesta.
Nel complesso pare onesta,
ma alla spesa fa la Xxxxxx.

Soluzioni

PRIMO LUCCHETTO:
1. InterNET;
2. NETturbini;
3. Turbini
O = InterO.

SECONDO LUCCHETTO:
1. CD-ROM;
2. DROMedario;
3. è Dario Fo;
4. foRESTA = CRESTA.
Paure collettive
Roberta Ribali Poco per volta ci sentiamo come circondati. Sono messaggi a volte sottili a
volte molto espliciti che ci trasmettono i media, con toni apparentemente
neutri o francamente allarmistici, a seconda dei contenuti.
Le ondate di paura iniziano come increspature insignificanti nel mare delle
informazioni. Possono riguardare sostanze di uso comune che
improvvisamente si scoprono "pericolose", per un avvenimento di cronaca o
per una scoperta scientifica, oppure si può trattare di un particolare gruppo
di diversi cui vengono attribuite potenzialità criminali o destabilizzanti. A
volte si tratta di abitudini antiche, cui non si fa caso per anni, e che si
ritrovano repentinamente demonizzate. Si legge che la fenolftaleina
contenuta in alcuni lassativi è cancerogena, quindi questi non si debbono più
usare. La moquette permette il proliferare degli acari, il bicarbonato nel
dentifricio corrode lo smalto dei denti, e così via. Lo sappiamo tutti. Ma per
alcuni, l’esistenza quotidiana diventa pian piano una specie di percorso ad
ostacoli, una gimcana fra paure, leggende metropolitane, rituali e divieti.
Certamente, un grandissimo meteorite può centrare la terra in ogni
momento, l’hamburger mangiato tre anni fa a Londra può provenire da una
mucca pazza, l’extracomunitario che ci segue ai giardinetti per venderci un
accendino potrebbe essere uno psicopatico sessuale.
All’interno di un flusso di informazioni veicolate da notizie-slogan in TV
l’elaborazione cognitiva è minima o assente: la notizia serve solo a
alimentare la quantità d’ansia e il livello di allarme. Un ragionamento critico
pacato non è né compatibile né possibile con la sostanziale irrazionalità di
una "leggenda metropolitana", ad esempio. Queste e altre paure ci
colpiscono a ondate, come delle formazioni reattive che giustificano ansie
collettive e comportamenti stereotipi ritualizzati.
Il malessere c’è ma è altrove: è la fatica di vivere, di relazionarsi con l’altro,
di venire a contatto con un mondo esterno percepito come ostile. Le paure
permettono di unirsi, di creare la tribù degli ansiosi, ci si riconosce e
rafforza reciprocamente, trovando nella paura un rifugio solidale. Se ne
parla per strada, sul tram, con i vicini: poche parole che permettono al
popolo dell’ansia di riconoscersi e rapidamente di rafforzare, attraverso
luoghi comuni e slogan veloci, lo stato di allarme. L’onda si allarga e si
intensifica: i media lo sanno, le audiences aumentano, ma in questo stato di
sofferenza collettiva forse ci sentiamo meno soli.
Dall'idea al film (Tano da morire)
Rossana Di Fazio Prima di tutto, una confessione: sono uscita prima della fine del film; è una
cosa che ho fatto, in vita mia, solo in un'altra occasione. Per Tano da Morire
sono uscita dopo il numero di canto, danza e verdura alla Vucciria,
riproposto spessissimo nei trailers.
Credo che non mancassero che una ventina di minuti alla fine, ma ero a
disagio, e molto stanca e, come me, il mio compagno di sala: ci siamo
trovati in corridoio, e ci siamo risolti per l'abbandono della sala.
Se ho deciso di scriverne lo stesso è perché credo che molti di voi abbiano
visto Tano da morire e, a parte i favori unanimi della critica che ho
verificato successivamente, sono veramente curiosa di conoscere il vostro
giudizio e le vostre impressioni.
Riconosco alla regista il coraggio e l'originalità dell'associazione fra il tema
e il genere, rispettivamente mafia e musical. E' un'associazione che una
volta innescata genera idee decisamente spettacolari e anche divertenti. E a
parte molto gusto "Almodovar", ho riscontrato, specie nella prima parte del
film, una spiccata attenzione per inquadrature peculiari e movimenti di
macchina interessanti, o soluzioni curiose, come quella dell'altare a forma di
Monte Calvario dedicato ad ogni morto che passa dal film.

E' vero del resto che è proprio del musical affrontare questo genere di
questioni e trovare, e inventare, soluzioni per mettere in forma il racconto
coniugando testo, musica, danza e immagine. Il musical è uno spettacolo
che deve anche sorprendere gli occhi, e questo spinge il linguaggio
cinematografico a inventarsi, a immaginare soluzioni meno "realistiche" o
prevedibili: a misurarsi, insomma.
Ero curiosa di vedere come il genere musical fosse messo al servizio di un
tema greve e serio come la mafia, quasi un tabù nella nostra cultura. Mi sto
facendo l'idea che a questo genere si stia guardando con grande interesse da
parte di registi molto diversi. Il ricorso alla musica (e alla danza) come
elemento strutturante esplicito, sembra favorire una distanza che consente di
mantenere un livello più teorico e meno diretto, di stabilire una non totale
coincidenza fra il racconto del film e il discorso del film, valga per tutti
Everyone says I love You, di Woody Allen, che organizza grazie, e
attraverso il genere, discorsi sull'amore fra le persone, sull'amore per il
cinema, e sull'amore per un cinema che non si potrà mai più rifare. Ma
questa è un'altra storia.

Non sono certo le idee di allestimento che mancano in Tano da morire; anzi,
forse ce ne sono troppe. Troppe canzoni, troppi balletti, troppi movimenti di
macchina, troppe trovate ammiccanti, troppo grotteschi i personaggi, i loro
volti e i loro vestiti. Invece che mostrare, semplicemente, la loro specialità,
vengono mascherati e coinvolti in performances che dopo i primi venti
minuti del film divengono del tutto prevedibili. Facce come le loro non
avrebbero bisogno di forzature (gli occhiali, i vestiti, le mossette) che,
piuttosto che caratterizzarli, li uniformano.
Una latitanza di sceneggiatura e di ritmo pesa inesorabilmente sul film,
nonostante un soggetto "forte". Alcune finezze registiche (il combattimento
nel teatro della Vucciria fra Tano e gli ammiratori della sorella) si diradano,
tanto che si direbbe che il film non sia finito, non sia rifinito. Da un certo
momento si accumulano senza ritmo danze, flash-back, canzoni e ritmi alla
moda e i personaggi vengono soffocati dalle maschere in cui sono costretti.

Un'altra sensazione deriva da quest'organico così ruspante: sembra che nella


scelta degli attori - e, ripeto, nel loro mascherarli - si sia voluto compensare
la scelta di fondo del film. La bruttezza ostentata, la forzata mancanza di
grazia dei personaggi satura il clima, confonde e ricopre lo spettatore: si dirà
che questo è un effetto voluto, e che a questa aria irrespirabile il film vuole
dare corpo, per mettere in scena, ad un livello meno direttamente politico o
sociologico, i meccanismi e le dinamiche pesanti della famiglia, nell'ambito
più generale della struttura patriarcale mafiosa.
Trovo però che il fatto che siano tutti, con pochissime eccezioni,
rappresentati in una ostentata e grottesca bruttezza, finisca per uniformare
tutto e per costituire un alibi per il film, piuttosto che una provocazione. La
mafia diviene insopportabile perché è brutta, sgradevole, mentre i suoi
meccanismi, benché assurdi, risultano semplici e semplificati. Mi sembra
che il film rinunci a percorrere una strada più articolata e preferisca
percorrere la strada più paradossale e folcloristica, rinunciando inoltre anche
a salvaguardare una certa autonomia, un certo impianto del film. Un
esempio di questo meccanismo è il duetto fra Tano e la figlia (ai limiti
dell'obesità, e in più coi capelli in piedi, una buffa collana, insomma non più
un personaggio con una sua dignità, ma una macchietta, peraltro uguale a
tutte le altre donne dal parrucchiere, dunque pressoché inesistente come
personaggio)e che invece conclude una parte importante e significativa del
racconto, quella dove si rivela una specie di inconsapevole complicità fra il
killer e la figlia della vittima.
Questo grottesco improvvisato e facile è un insulto anche agli attori, che
avrebbero potuto per esempio essere bravi ballerini, o rivelare qualche
grazia, smentendo questo impianto piattamente grottesco. Vi propongo di
osservare invece come i ritratti meno "truccati" (gli anziani, le figure della
famiglia di Tano nei flashback) siano anche i più credibili, quelli che danno
da pensare di più e che si integrano con la struttura del film in modo più
interessante. Perché non tentare questa strada meno enfatica e più credibile e
mettere in scena teatralità dei riti della famiglia e dei media, con mezzi
meno alla moda? Certo il risultato sarebbe stato meno prevedibile, ma anche
più contraddittorio, il che non è mai male.
Non so, mi dispiace, è come se la Torre avesse sprecato una bella occasione,
una gran bella idea: vien voglia di chiederle di riprendere tutto in mano, di
rigirare delle scene, di togliere qualche cosa, di rimontare il film; insomma
di riprovarci.

Vedi Anche:

cinema.it
Strano come gira il mondo
Roberto Caselli Uno scrive una canzone per onorare un mito giovanile, una donna bella e
fragile, un sex symbol massacrato dal successo e dalle ingerenze esterne di
mariti e amanti potenti e poi, quasi venticinque anni dopo, si ritrova a
reinterpretarla in una chiesa, cambiando appena qualche frase e qualche
nome, per commemorare un’altra persona, un’amica, un’ex principessa
dagli affetti altrettanto tribolati, morta in un modo assurdo. Nonostante il
consenso generale e il successo della nuova versione di Candle in the Wind
che ha portato la sola città di Londra a esaurire in pochi minuti le prime
duecentocinquantamila copie stampate, non si può dire che quella di Elton
John sia stata una dimostrazione di grande sensibilità. A parte le ovvie
differenze fra Marilyn Monroe e Diana Spencer, accomunate forse solo
dalle sfortunate vicissitudini amorose (ma quante altre donne hanno vissuto
e stanno condividendo la stessa sorte), non è carino dedicare davanti al
feretro di un’amica una canzone pensata e costruita originariamente per
un’altra persona. Passi il plagio di un ragazzino che a corto di creatività
dedichi all’amichetta, per stupirla, una poesia presa chissà dove, ma per un
autore celebrato e prolifico come Elton John, per una volta a corto di piglio
compositivo, sarebbe stato meglio un dignitoso silenzio, se non altro per non
dare adito a maliziose considerazioni commerciali. E’ vero che tutti i
proventi della vendita del singolo, a parte le spese di produzione della casa
discografica che verranno recuperate, saranno devoluti alle organizzazioni
benefiche a cui Lady Diana era ufficialmente legata, ma è anche vero che la
pubblicità ricavata è enorme e che insieme a Candle in the Wind, guarda
caso, finirà sul singolo anche Something About the Way You Look Tonight, il
pezzo di punta del nuovo album appena uscito. Una promozione eccellente
che la casa discografica certamente non ha sottovalutato. Con questo non si
vuole naturalmente puntare l’indice su Elton John che finisce per diventare
uno strumento come un altro del business, ma magari fare riflettere che tutte
le operazioni di questo tipo, benefit e Aid vari, se da un lato funzionano, con
la passerella delle grandi star, da encomiabili serbatoi di ossigeno per gente
bisognosa, dall’altra sono un impareggiabile veicolo di promozione, a costo
bassissimo, attraverso il mondo intero che nessun altro mezzo di
comunicazione potrebbe altrimenti garantire.
Che tempo fa?
Sylvie Coyaud http://www.globe.gov

E’ difficile che vi sia sfuggita la discussione franca e cordiale, come dicono


i diplomatici quando s’insultano, sulla prognosi del clima. Si riscalda o no?
Il buco dell’ozono s’allarga ancora o il bando dei CFC fa effetto? E cos’è
accaduto al fettone (25%) di polo Sud scomparso fra gli anni 50 e 70?
Se non si mettono d’accordo gli scienziati che analizzano gli stessi dati ma
ne traggono modelli di sviluppi futuri completamente diversi, figurarsi i
politici che si vedranno a Kyoto a dicembre per decidere come limitare i
danni.

Che dramma.

Inutile tirar fuori il fazzoletto, meglio rimboccarsi le maniche e unirsi a


Globe, un’iniziativa lanciata l’anno scorso dall’amministrazione americana
che già raggruppa 4.000 scuole in 55 paesi, con una folta presenza cinese.
Globe chiama al volontariato climatologico scolari, insegnanti, scienziati,
genitori, amici. Da settembre, dovrebbero essere arrivati alla riscossa pure
gli italiani, coordinati da Antonio Augenti, direttore generale degli scambi
culturali al Ministero della Pubblica Istruzione, tel. 06/5839-6197, fax:
06/5849-5836 (ma non ce l’ha l’e-mail?).

Anche senza coordinamento ministeriale, sul web di Globe s’impara la


pratica - cosa misurare e come - e le novità di un bel po’ di scienza
contemporanea: biologia, chimica, geologia, idrologia, analisi di dati
satellitari, modellizzazione ecc.

Nota tecnica: veloce, concepito per essere usato da bambini impazienti in


tutto il mondo, il design è senza fronzoli e l’interattività alla portata di
qualunque genitore. Sostanziose spiegazioni in francese e in spagnolo.
Appuntamenti

In questo numero Golem vi segnala :

Il Salone della Musica di Torino

Informazioni

Trash. Quando i rifiuti diventano arte

Presentazione e programma
Wassily Kandinsky

Informazioni

L'Espressionismo tedesco

Informazioni

Warhol: viaggio in Italia

Informazioni

Matisse - La Rivelazione mi è venuta dall'Oriente

Informazioni
Rivista on line fondata da:
Umberto Eco, Gianni Riotta, Danco Singer

Direttore:
Danco Singer

Hanno collaborato:

Furio Colombo, Sylvie Coyaud, Gianni Granata, Mario Calabresi, Valentina Pisanty, Massimo Ghirelli, Ugo Pirro,
Umberto Eco, David Meghnagi, Oliviero Ponte di Pino, Aldo Grasso, Carlo Bertelli, Giulio Blasi, Rossana Di
Fazio, Roberto Caselli, Roberta Ribali, Stefano Bartezzaghi, Cinzia Leone, Altan

Progetto visuale:
Pierluigi Cerri con Mauro Mattioli e Andrea Lancellotti

Redazione:
Mauro Mattioli, Margherita Marcheselli, Andrea Lancellotti, Roberta Casapietra, Massimo Amato, Stefano Mazza,
Elisa Mazzini e Francesca Poppi

Software:

Opera Multimedia Stylo Italia Online


Home Page Home Page Home Page
Cari lettori,
cominciavate a disperare? Siamo solo un po' in ritardo, ma siamo sempre qui.
Siete in vacanza? Lo speriamo per voi. Comunque e dovunque voi siate, speriamo che vi sentiate liberi, sereni e
padroni del vostro tempo.
Golem 13, da parte sua, vi propone, come sempre, argomenti di riflessione: la giustizia, i tagli alla spesa
pubblica, le privatizzazioni e i finanziamenti alle scuole private. Ma una parte consistente del numero è dedicata
alla vacanza. Beppe Severgnini vi invita a viaggiare col naso e la redazione propone una riflessione sul mito, la
storia, i nodi tematici della vacanza, in una specie di viaggio attraverso i "topoi" della letteratura, del cinema,
delle canzoni e di quant'altro passi per la mente, lavorando insieme alla costruzione di un vero e proprio
archivio. Facciamo questo gioco?
All'insegna del puro divertimento abbiamo messo insieme anche un po' di link per proporvi una passeggiata
libera e distesa attraverso la rete.

State bene.
Giustizia
Ugo Volli E' importante cercare di riflettere ancora sulla questione giustizia al di là
delle scaramucce politico-giudiziarie che occupano le prime pagine dei
quotidiani giorno dopo giorno. Si tratta infatti di una questione unitaria che
ovviamente ha grande importanza e che è soggetta a numerosi tentativi di
confusione e disinformazione.
I dati di fatto sono questi. La lotta contro il terrorismo, avvenuta per via
giudiziaria più che politica o militare, ha determinato la crescita di una
nuova generazione di magistrati di grande esperienza e professionalità.
Questo gruppo di magistrati e la successiva generazione che ha preso da
loro, hanno dimostrato nel corso degli ultimi cinque anni che è possibile
vincere per via giudiziaria pure la mafia e combattere efficacemente la
corruzione, anche quando essa occupa il vertice istituzionale dello Stato. Ma
tutto il personale politico sopravvissuto a Mani Pulite, tanto quello
direttamente impegnato a difendersi da accuse di illegalità e corruzione,
quanto quello non colpito da queste accuse, cerca ora di ridimensionare
l'indipendenza e la capacità di azione della magistratura, in particolare di
quella inquirente. Lo fa in parte per motivi personali, come è evidente per
Berlusconi e suoi; in parte perché - così dice - la magistratura ha "esorbitato
dai propri limiti" e perché "bisogna assicurare la parità fra accusa e difesa".
Entrambi questi argomenti vanno letti con molto senso critico. Una
magistratura decisa a reprimere la corruzione e la criminalità organizzata
non intende con ciò affatto prendere il posto del potere legislativo ed
esecutivo. Li può costringere però a stare alle leggi (che essi stessi hanno
scritto), per esempio a non finanziarsi in maniera scorretta e a evitare
contatti ambigui con la criminalità organizzata. Queste forme di controllo
sono però intollerabili al potere politico e amministrativo, che ha cercato
spesso nel corso dell'ultimo anno di affrancarsene; per esempio, con la
"riforma" che ha praticamente eliminato il reato di abuso d'ufficio, con i
ripetuti tentativi di depenalizzare il reato di finanziamento illegittimo, con il
testo della Bicamerale, tutto organizzato per rafforzare il controllo politico
sul Consiglio Superiore della Magistratura; da ultimo con la famosa riforma
dell'articolo 513, che renderà molto difficile l'uso dei pentiti nei processi di
mafia. La ragione di fondo di queste mosse è ovvia: tutto il Parlamento
intende evitare che possa ripetersi un fenomeno come Mani Pulite il che,
significa che prevede un certo grado di inquinamento "fisiologico" del
sistema, tanto con la corruzione che con la mafia, e che intende evitare che
esso sia combattuto.
Anche la famosa "parità" di accusa e difesa è uno slogan che va letto
criticamente. Non esiste nessuna parità logica fra chi rappresenta l'intera
società e il singolo cittadino accusato di un reato. In caso contrario l'accusa
non sarebbe pubblica e il diritto penale sarebbe solo una sezione di quello
civile, come nelle società senza stato, regolate da faide ordalie e duelli. C'è
un bisogno di garanzie, naturalmente, e per questo procuratori della
Repubblica accusano e non condannano né rinviano a giudizio, i gradi di
giudizio sono tre, eccetera eccetera. Ma non vi è nessuna ragione per cui un
magistrato inquirente, il cui scopo è la difesa della legge, debba essere
"pari" all'avvocato del mafioso, il cui legittimo scopo è quello di evitare, con
qualunque cavillo, la condanna del suo assistito. Semmai potrebbero essere
pari difesa e accusa privata (parte civile). Dunque chiedere questa parità
significa semplicemente volere una pubblica accusa che indaghi di meno,
magari che stia sotto il controllo di parte del governo, riducendosi quindi a
un ruolo privatistico.
E i cittadini? Non avranno anch'essi interesse innanzitutto a questa parità,
essendo potenziali futuri accusati? Intanto va detto che, se leggiamo le
statistiche, essi sono più probabili future vittime di un reato. Ma il punto
principale è un altro. I cittadini hanno un interesse primario e personale per
la giustizia, anche se non sono né vittime né accusati. Per capirlo, basta
guardare l'impressionante sovrapposizione fra le regioni del Sud
abbandonate alla criminalità organizzata (Sicilia, Calabria, Campania, in
parte Puglia) con la parte del paese più economicamente depressa. Vi è un
Mezzogiorno capace di decollo economico, ma è esattamente quello in cui
non ci sono la Mafia e la Camorra.
Per quanto riguarda la corruzione, essa colpisce un interesse comune
fondamentale: l'imparzialità dell'Amministrazione Pubblica. Questa è un
bene molto raro nel paese delle raccomandazioni. E' anche difficile
distinguere la corruzione vera e propria da più o meno innocenti
raccomandazioni, quelle su cui si è costruito il potere di tanti notabili della
politica; e questo spiega in parte il rancore della corporazione dei politici.
Ma è interesse generale che queste pratiche siano limitate e represse, in
particolare quando alimentino il gioco politico. E' necessario che la vita
politica democratica sia attentamente controllata da check and balances
(controlli e contrappesi) perché non degeneri nell'oligarchia e nella
tirannide, come spesso è accaduto. Opponendosi con un referendum al
finanziamento pubblico dei partiti, negando più di recente il loro appoggio
alla legge del 4 per mille che aggirava quel referendum, appoggiando con
entusiasmo Mani Pulite, i cittadini hanno espresso una diffidenza per il
sistema politico che dovrebbe far riflettere.
Mentre il Polo era dall'inizio dalla parte degli imputati di corruzione e reati
analoghi (semplicemente perché era stato fondato dal più ricco e potente di
tali imputati), l'Ulivo aveva raccolto le speranze di chi voleva la legalità, la
repressione della criminalità organizzata e della corruzione, l'imparzialità
dell'amministrazione, una giustizia efficiente e combattiva. Ora è evidente
che restano delle differenze fra Polo e Ulivo, ma un accordo sulla
limitazione dell'attivismo della Magistratura è stato raggiunto, proprio sulla
base degli interessi corporativi del ceto politico cui ho accennato e delle
convinzioni che gli corrispondono. Insomma, dietro la posizione della
sinistra non vi è solo il costo dell'inciucio con Berlusconi: vi si aggiungono
una cultura giacobina del comando assoluto della politica, una cattolica
dell'indulgenza nei confronti del peccatore, specie se è "uno di noi",
un'antica abitudine a rispettare i poteri reali, anche se magari criminosi.
Questa posizione così radicata danneggia profondamente il paese (cioè tutti
noi), perché ridà spazio e possibilità di difesa alla Mafia e alla corruzione.
Combatterla è importante. Soprattutto in seno all'Ulivo, che vive una
contraddizione importante fra i suoi interessi di gruppo dirigente e
governante (cui convengono le mani libere) e quelli del suo elettorato, che
ha bisogno della legalità. Queste contraddizioni spiegano le oscillazioni e le
contraddizioni dell'Ulivo. E' essenziale continuare a fare pressione su di
esso, almeno per limitare i danni.
Caro Palazzi
Fabrizio Tenna Sono tre i temi centrali da approfondire, anche se in parte Palazzi li ha
toccati nei suoi articoli precedenti.

1. Perché si vuole ridurre la spesa sociale in Italia


2. Chi sono i principali beneficiari (qualsiasi tipo di riforma si faccia,
anche per classi di reddito)
3. E' veramente necessario ridurre la spesa sociale oppure è necessario
rimodernarla rendendola più efficiente nei riguardi dei vecchi
(salute, istruzione, protezione sociale) e dei nuovi (protezione
dell'ambiente) interessi della collettività.

Ecco le mie riflessioni, su cui vorrei aprire la discussione.

Ho consultato i dati fino al 1992 dei conti economici delle Amministrazioni


Pubbliche: già nel 1991 vi è una inversione di tendenza per quanto riguarda
il saldo delle operazioni correnti ed in conto capitale. Per tutti gli anni ‘80
tale saldo è stato negativo, nel 1991 è pari a +9.196 miliardi che diventano
+38.000 nel 1992. Il disavanzo di bilancio rimane tuttavia ancora alto dal
momento che il saldo è al netto della spesa per interessi. La spesa per
interessi ed i consumi collettivi continuano a crescere dai primi anni ‘80 fino
al 1992 (sarebbe interessante vedere cosa succede almeno fino al 1996 e
calcolare i relativi ritmi di crescita). Allora il punto in cui va ad inserirsi la
riforma del welfare è quello di limitare la spesa pubblica in servizi collettivi.
Il linguaggio diventa importante: usare la parola riformare la spesa pubblica
oppure ridisegnare la spesa sociale sono dei sinonimi per indicare che
verranno fatti inevitabilmente dei tagli. E' un po' quello che è accaduto negli
ultimi governi Amato-Ciampi-Berlusconi-Dini-Prodi. Tagli e
privatizzazioni: tagli che hanno colpito la scuola, la sanità e le pensioni e
privatizzazioni che hanno interessato e stanno interessando alcuni tra i
settori economici più in espansione (le telecomunicazioni).
E' qui che ci si potrebbe ricollegare al punto 2, chi sono i beneficiari.
Guardiamo alle privatizzazioni: vengono privatizzati quei settori a cui i
privati sono interessati perché sono settori in rapida espansione. Le
privatizzazioni, da un lato, permettono la raccolta di danaro dalla vendita del
capitale azionario pubblico, dall'altro scaricano dalle spalle pubbliche
aziende che hanno seri problemi di gestione della variabile occupazione al
loro interno, per consegnarle nelle mani dei privati pronti con i loro bei piani
di ristrutturazione aziendale. In questi ultimi anni alle privatizzazioni si sono
accompagnate le dismissioni in complessi industriali grandi quali Taranto,
Marghera e Bagnoli. D’altro canto le privatizzazioni cercano di portare
all’interno dell’ottica del mercato quei servizi, a parere mio ad alto
contenuto di creatività e di valore d'uso, che Palazzi descriveva nel suo
penultimo articolo, correndo il rischio di smantellare istituzioni come la
sanità e l'istruzione pubblica. La parola privatizzare vuol dire due cose:

● dare ai privati
● contiene al suo interno anche il tema della privazione, qualcosa che
prima era della collettività diventa privato

Riuscirà il privato a gestire gli interessi della collettività senza sottometterli


ai suoi? Allora, chi sono i beneficiari?
Se passiamo a considerare i tagli, i tagli alla spesa sociale possono avere un
effetto immediato sulla riduzione delle imposte e quindi su una riduzione
del costo del lavoro.
Mi sembra pertanto: a) che comunque si ragioni Palazzi parte dal
presupposto che la spesa pubblica (in base anche alle proiezioni
demografiche e su questo vorrei un chiarimento), dal momento che non è
più in grado di essere sorretta dal sistema economico, debba essere ridotta b)
intervenendo con dei tagli o delle privatizzazioni; c) che non è prevista
alcuna operazione per limitare la spesa per interessi se non attraverso una
politica di rigore economico che favorisca l'abbassamento del tasso ufficiale
di sconto. Tutto questo secondo me, andrà a beneficio solo delle imprese
(che stanno richiedendo questa politica di tagli unitamente alla flessibilità
del mercato del lavoro). Arrivando al punto 3, mi chiedo se sia necessario
allora partire dal presupposto che i servizi collettivi devono essere ridotti
comunque. In questo momento in cui si sta cercando pericolosamente di
importare il modello economico nordamericano per trovare una soluzione
alla crisi dettata dalla nuova organizzazione dei rapporti sociali di
produzione, è davvero necessario pensare di dover ridurre le spese per il
benessere collettivo, quando questo benessere sta diventando sempre più
malessere sotto il peso degli oltre 20 milioni di disoccupati nella CEE?
Replica
Paolo Palazzi Provo a rispondere schematicamente ad alcune osservazioni di Fabrizio
Tenna, che scrive:
"che comunque si ragioni Palazzi parte dal presupposto che la spesa
pubblica (in base anche alle proiezioni demografiche e su questo vorrei un
chiarimento) dal momento che non è più in grado di essere sorretta dal
sistema economico debba essere ridotta."
Ciò che tende ad aumentare, sia per motivi demografici che per motivi di
carattere sociale è il bisogno di servizi collettivi alla persona (salute,
educazione, socialità, divertimento, aria pura, ambiente rispettato, ecc.).
Molti di questi servizi sono in Italia soddisfatti dallo Stato. Le risorse
utilizzate per tale soddisfazione sono state solo parzialmente le tasse, negli
anni '80 si è scelto di finanziarle attraverso l'indebitamento pubblico e
quindi spostando il finanziamento a carico delle generazioni future. Per
motivi di carattere economico e politico (globalizzazione e Europa) questo
sistema non può continuare. Allora le alternative sono due:

● Aumento della tassazione tale da poter finanziare la tendenza della


spesa ad aumentare e finanziare la necessità di riduzione del debito e
il pagamento degli interessi.
● Riduzione della dinamica della spesa pubblica attraverso una
diminuzione della soddisfazione pubblica dei bisogni collettivi.

La scelta della seconda alternativa è dovuta ad un fenomeno ormai


generalizzato: il quasi unanime senso comune della impossibilità di un
aumento, anche piccolo, del livello di tassazione. Che possa piacere o no,
questa credo sia la situazione le cui colpe non secondarie vanno ricercate a
carico della gestione pubblica passata e corrente sia politica che
amministrativa.

b)"Intervenendo con dei tagli o delle privatizzazioni."


Tagli: ci sono due tipi di tagli che credo che la sinistra possa accettare:
● Quelli che portino ad una facile sostituibilità (e possibilmente
migliore efficienza) attraverso l'attivazione del settore privato
(penso in particolare al non-profit, cioè assistenza agli anziani,
handicappati, malati di mente, drogati, ex-carcerati, ecc.)
● Quelli che portino ad una gestione più efficiente del settore
pubblico, anche attraverso una responsabilizzazione dei lavoratori e
ad una maggior partecipazione al costo da parte degli utenti (scuola,
ospedali, ecc.).

Quanto alle pensioni il discorso è più complesso e rimando agli articoli di


Pizzuti che consiglio a tutti.
Privatizzazioni: credo che vadano fatte nella maggior parte dei casi. Oggi in
Italia una gestione pubblica di attività produttive, anche importanti, ha poco
senso. Basta una legislazione seria anti-trust e una buona politica industriale.

c)"Che non è prevista alcuna operazione per limitare la spesa per interessi
se non attraverso una politica di rigore economico che favorisca
l'abbassamento del tasso ufficiale di sconto."
Non è prevista perché non credo esista. Le frontiere sono aperte (ai capitali)
e non c'è nulla da fare.

"Tutto questo a parer mio andrà a beneficio solo delle imprese (che stanno
richiedendo questa politica di tagli unitamente alla flessibilità del mercato
del lavoro)."
Probabilmente è vero nel breve periodo. Nel lungo la scommessa è che
questa politica della spesa pubblica possa stimolare l'occupazione senza
passare attraverso una flessibilizzazione selvaggia del mercato del lavoro.
Non è detto che ciò avvenga in quanto l'occupazione non si inventa (ma su
questo ho scritto le mie opinioni su due interventi su Golem).

"Arrivando al punto 3, mi chiedo se sia necessario allora partire dal


presupposto che i servizi collettivi devono essere ridotti comunque. In
questo momento in cui si sta cercando pericolosamente di importare il
modello economico nordamericano per trovare una soluzione alla crisi
dettata dalla nuova riorganizzazione dei rapporti sociali di produzione, è
davvero necessario pensare di dover ridurre le spese per il benessere
collettivo quando questo benessere sta diventando sempre più malessere
sotto il peso degli oltre 20 milioni di disoccupati nella CEE?"
Il benessere collettivo non verrebbe ridotto se il reddito aumenta, sarebbe
cambiato il modo di usufruire dei servizi collettivi, più responsabile e più
cosciente del loro valore e del loro costo. Rimane insoluto il problema della
distribuzione di questi costi tra le famiglie: quali sono i criteri di equità,
quali sono gli strumenti per attuarli? Sono problemi a mio parere decisivi e
sui quali fondare la riforma dal welfare, ma questo è un altro discorso.
Finanziamento pubblico della scuola privata: due problemi
Paolo Palazzi 1. Il problema dell'aumento di spesa pubblica

Il provvedimento del governo a favore delle scuole private comporterà


sicuramente un contributo a carico dello Stato ed è quindi in netto contrasto
con la Costituzione.
Penso però che non sia questo il vero problema (si potrebbe sempre
cambiare la Costituzione), quanto se e come questa spesa pubblica a favore
delle scuole private tenderà a migliorare o peggiorare nel suo complesso il
sistema educativo in Italia. Le previsioni di miglioramento si basano su due
ipotesi:

a) La spesa deve essere aggiuntiva rispetto a quella destinata alla scuola


pubblica.
Un aumento di spesa per avere effetti positivi sul sistema educativo deve
essere tale da portare ad un aumento o miglioramento netto del servizio
scolastico e non ad una semplice diminuzione di spesa per le famiglie che
usano la scuola privata. Ho molti dubbi che questo possa avvenire: la mia
impressione è che chi usufruirà delle agevolazioni molto probabilmente
utilizzerà l'aumento del reddito per fini extra-scolastici e quindi di fatto si
tratterà non di spesa per educazione, ma di trasferimenti a favore delle
famiglie che utilizzano la scuola privata (in genere più benestanti della
media).
Un'alternativa potrebbe essere quella di un possibile aumento del numero di
famiglie che utilizzano la scuola privata, in questo caso si potrebbe avere un
aumento di spesa privata per il servizio scolastico dovuto al fatto che il
servizio educativo privato costerà comunque somme aggiuntive alle
famiglie; nell'ipotesi, non sempre vera, di una migliore efficienza e qualità
delle scuole private rispetto a quelle pubbliche, si avrebbe un miglioramento
del sistema educativo.
Rimane il problema di dove reperire le risorse pubbliche che, specialmente
nel caso di un aumento di ricorso delle famiglie alla scuola privata,
sarebbero difficilmente prevedibili nel loro ammontare e nella loro dinamica
temporale.
In un periodo come quello attuale è indubbiamente legittimo il sospetto di
un ricorso allo spostamento di risorse dalla scuola pubblica verso la scuola
privata, con conseguenze che aggraverebbero qualitativamente e
qualitativamente la già disastrosa situazione del sistema educativo pubblico
e che molto difficilmente potrebbe essere compensato da un ampliamento
della scuola privata. In questo caso avremmo quindi un peggioramento netto
del sistema educativo italiano.

b) La concorrenza fra scuola pubblica e privata.


I provvedimenti in esame potrebbero introdurre un meccanismo di
competizione più concorrenziale fra scuola pubblica e privata. Un
meccanismo di competizione che potrebbe portare ad un complessivo
miglioramento del servizio scolastico. Perché ciò possa avvenire
bisognerebbe che la parità fosse non solo e non tanto nel costo e quindi nelle
risorse disponibili, quanto nelle normative relative alla gestione. Chiunque
abbia avuto un contatto con la scuola pubblica sa che una non secondaria
parte della sua inefficienza è dovuta a regole e regolamenti burocratici
disastrosi, con autonomia di gestione e possibilità di intervento sulle
strutture, sul personale e sulla possibilità di reperimento di risorse
aggiuntive praticamente nulle. I meccanismi di funzionamento della scuola
pubblica sono vincolati in modo centralistico e burocratico e nella maggior
parte dei casi senza la possibilità di trovare un interlocutore attendibile.
Basti pensare che su una singola scuola hanno contemporaneamente varie e
spesso imprecisate e sovrapposte competenze: il Ministero, la Regione, la
Provincia, il Comune, il Provveditorato e i Distretti scolastici!
Una effettiva possibilità di concorrenza può avere senso soltanto se si
affronta seriamente e complessivamente una riforma scolastica basata
sull'autonomia di gestione e sulla responsabilizzazione normativa ed
economica delle singole scuole.

2. Il problema del pluralismo.

Il secondo problema è più complesso e riguarda l'impostazione culturale del


sistema educativo. Con il servizio pubblico è possibile (almeno
teoricamente) costruire un sistema educativo pluralistico, nel senso che la
notevole limitazione nella scelta del tipo di scuola e degli insegnanti da
parte delle famiglie ha portato ad una aggregazione di studenti e docenti
abbastanza casuale e pluralistica, sia dal punto di vista sociale che di
impostazione culturale.
La scuola privata, così come è nata, e come è in tutto il mondo, si basa
invece sul criterio opposto di omogeneizzazione tra struttura familiare e
struttura educativa, e il pluralismo si verifica soltanto nella possibilità di
scelta tra il ventaglio delle varie aggregazioni omogenee.
Sono due concezioni totalmente opposte: la prima si basa sulla prevalenza
dei valori di eguaglianza, tolleranza, confronto, scontro critico e
nell'accettazione delle diversità culturali rispetto a predefiniti valori
familiari; la seconda al contrario si basa sulla prevalenza della tradizione
familiare e l'istituzionalizzazione della separazione dei valori, delle culture,
delle etnie e dei ceti sociali, indipendentemente dal fatto che tale
separazione avvenga realmente.
La cosa a mio avviso è molto pericolosa sia dal punto di vista culturale che
da quello politico-sociale. Anche se è difficile che un semplice
finanziamento pubblico possa stravolgere completamente la natura del
nostro sistema educativo, aver presente quali pericoli si corrono è di
importanza vitale.
Dopo Hitchcock
Ugo Pirro Il cinema italiano sembra che invecchi senza accorgersene, costruendo alibi
per ogni crisi che lo investe. La spiegazione di queste crisi perenni non è,
sostanzialmente, mai cambiata nel corso degli anni, i colpevoli sono sempre
e soltanto gli esercenti, i distributori e, soprattutto, l'invadenza del cinema
americano e della televisione. Più recentemente è stata indicata fra le cause
dello scarso interesse del pubblico per i film italiani la loro esclusione da
una programmazione competitiva.
La concentrazione cioè, di produzione, distribuzione, esercizio
cinematografico, sfruttamento televisivo e homevideo in un solo soggetto
penalizza i film italiani che non possono competere, oltre tutto, con la
spettacolarità miliardaria dei film americani, né opporsi alle condizioni di
favore che le imprese monopolistiche possono garantire ai loro listini. Da
tale stato di fatto non si può evadere esclusivamente con una politica di
finanziamenti statali generosi alla produzione italiana; occorre un
rinnovamento del linguaggio che sia all'altezza dei tempi, delle ricerche
espressive che alcune cinematografie indipendenti già conducono.
A mio avviso rinnovare il linguaggio significa ricercare, in parallelo,
un'altra politica per il cinema. Vale a dire, i film americani hanno imposto
un modello narrativo che è vano inseguire. Non è che manchino autori
italiani che conducano una loro ricerca di stile, ma spesso si tratta di
tentativi isolati, a volte aristocratici, che non provocano una aspettativa di
cambiamento generalizzato.
Bisogna fare un passo indietro, ripensare alle condizioni in cui nacque il
neorealismo. Nessuno capì, a suo tempo, che lo "stile" neorealista era la
sciatteria. Tutto in quegli anni era sciatto, non in senso dispregiativo, sciatto
perché povero, sciatta era la vita per la provvisorietà in cui si viveva nella
quotidianità. Il neorealismo nacque dalla necessità, ma vi fu chi seppe
interpretare quella necessità, farne ricerca di stile. Non si tentò di adeguarsi
ai modelli hollywoodiani. Durante le riprese di Roma città aperta,
l'operatore Ubaldo Arata si rifiutava di girare scene d'interno data la scarsa
quantità di luce di cui disponeva per illuminare il set. Rossellini rispose che
lui desiderava una fotografia "sporca", capace di restituire, attraverso
l'immagine, la verità di quel momento.
La ricerca di stile proseguì con Ladri di biciclette, nella necessità il cinema
scoprì l'aria, le strade, la luce naturale, uscì dai teatri di posa. Gli attori,
cosiddetti, presi dalla strada, imposero scene brevi, dialoghi stringati e veri.
Erano persone chiamate cioè, non a recitare, ma ad essere quello che erano
nella vita. Cambiarono, in altri termini, le strutture narrative, al punto che
tutti i film ne furono influenzati indipendentemente dalle intenzioni e dalle
scelte degli autori. I film neorealisti non rincorsero il modello americano che
pure era vincente in quegli anni, dopo l'ostracismo che i film di Hollywood
avevano subito dal fascismo.
Oggi il problema del cinema italiano si pone, sia pure in condizioni
profondamente diverse, apparentemente rovesciate, negli stessi termini, nel
senso che la ricerca di un linguaggio è un'altra necessità, è il primo atto
politico che il nostro cinema deve compiere. Nessuna politica, nessuna
forma di finanziamento al cinema nazionale vale se lo stile "telenovelas e
televisivo", l'imitazione dei generi, continuerà a condizionare la produzione.
Si tratta di despettacolarizzare il cinema, di ripartire dal tempo reale, di
abolire gli effetti facili, le sviolinate di rinforzo alle scene deboli, di
rimettere in discussione la suspense considerando, se non altro, che
Hitchcock l'ha sperimentata fino all'esaurimento. Ma non solo: anche le
strutture lineari non sembrano in grado di cogliere, per così dire, la sciatteria
del presente, il disordine quotidiano, il moltiplicarsi dei bisogni,
l'accavallarsi dei significati, la gratuità degli avvenimenti. Le strutture
narrative diventano caotiche, atemporali, mentre l'assenza di qualsiasi
background sembra codificare il rifiuto della storia, la cancellazione del
passato.
I rinonauti
Beppe Severgnini Ci sono molti modi di viaggiare: con i piedi, con la testa, con gli occhi, con
la bocca e con il naso. Con i piedi ci si muove per città e montagne; con la
testa, su libri e riviste; con gli occhi, dovunque (anche in televisione). Il
gusto è il mezzo di trasporto dei buongustai: loro non vanno dove li porta il
cuore, ma dove li conduce lo stomaco. Il viaggio olfattivo, tra tutti, è il più
sofisticato e coraggioso: occorre riconoscere gli odori del mondo, che non
sempre sono profumi.
E’ una lezione di anatomia turistica che conosciamo, ma alla quale
dedichiamo scarsa attenzione. Provate a pensarci: tutti, almeno una volta,
siamo stati rinonauti - viaggiatori con il naso. Tutti conosciamo la forza
evocativa di un profumo. La vacanza in Sardegna, per molti, comincia sul
ponte del traghetto, il mattino presto, quando la terra manda l’odore di
rosmarino e timo. Non c’è filmato, libro o rivista che possa restituire questa
emozione (e speriamo non ci sia mai; chi lo vuole, un catalogo con i
profumi dell’India?). Venticinque anni fa Gregory Corso - che non era un
calciatore dell’Inter, ma un poeta americano - scrisse una poesia dal titolo
Qual è l’odore di Berlino?, che recitava così:

"Ogni città ha il suo odore.


New York sa di scarpe nuove
Parigi sa di cinematografo
Londra sa di carcere correzionale
Stoccolma di biancheria lavata
Atene di terra battuta
Barcellona di rosso
Amsterdam di budino di mele
Venezia di umanità
E Berlino?
Non conosco l’odore di Berlino."

Non è necessario condividere queste impressioni. Gregory Corso, poeta


beat, trovava che Londra avesse l’odore del carcere correzionale; per me,
invece, sa di mouquette umida, di birra e di vernice. New York sa di vento e
di McDonald’s. Parigi, di vino e di carta. Stoccolma ha l’odore dell’acqua
fredda. Atene sa di gas di scarico. Barcellona, di mare e di roba da
mangiare. Amsterdam di velluto. Su Venezia sono d’accordo con Gregory
Corso. Su Berlino, come lui, mi astengo.
Ognuno può divertirsi in questo gioco, iniziando dalle città più facili.
Mosca, ad esempio, ha un odore inconfondibile: rancido-ipnotico, e dopo
qualche tempo non dispiace. Pechino sa invece di folla cinese, un odore
diverso da ogni altro al mondo. Anche i cinesi, com’è noto, pensano che noi
bianchi ci portiamo addosso un odore forte e strano (per questo ogni
incontro, laggiù, somiglia a un raduno di cani da caccia). Difficili da
riconoscere, invece, sono gli americani, forse a causa delle troppe docce.
Negli Stati Uniti molti sono convinti che l’odore del corpo umano sia uguale
a quello del bagnoschiuma. Finché la fidanzata, un giorno, non decide di
cambiare prodotto, e loro non la riconoscono più.
Questo non vuol dire che gli USA non siano un luogo interessante per i
rinonauti. Alcuni odori americani sono straordinariamente evocativi. Negli
aeroporti - da Boston a San Diego, da Miami a Seattle - devono usare lo
stesso detergente, perché un aeroporto americano sa di aeroporto americano,
e di nient’altro. Lo stesso vale per le automobili e i cinema. Dev’essere una
questione di fodere e di pop-corn, oppure uno speciale deodorante prodotto
dall’FBI, per diffondere il patriottismo olfattivo. Personalmente, sono
affascinato dal profumo di salsa barbecue, che mi riporta in America più in
fretta del Concorde (e costa meno).
Gli italiani, in genere, sono scadenti rinonauti. Quando viaggiamo, abbiamo
naso, ma solo in senso figurato. Sappiamo trovare il negozio con l’offerta
speciale - in questo siamo imbattibili - ma l’aspetto olfattivo dei luoghi
spesso ci sfugge. Siamo troppo impegnati a commentare e a fotografare, per
cogliere qualcosa di tanto effimero come un profumo. Non è mai troppo
tardi, tuttavia, per mettersi sulla buona strada; l’estate anzi, è il momento
ideale. Se impareremo a viaggiare con il naso (oltre che con gli occhi e il
cervello), verremo premiati. Potremo riconoscere un luogo ad occhi chiusi, e
non ci arrabbieremo se ci negano la camera con vista.
Links d'estate
Redazione Estate, vacanza, tempo libero, sollazzo. Un dovere, quasi.
Fra i divertimenti più in voga, incontrare. Chi? Il compagno/a della vita
magari, per gli eterni romantici sempre un po’ sconsolati, o la scappatella,
ma con metodo: per i flirtaioli incalliti ecco un bel luogo di viaggio
(virtuale). Ma anche coloro che della seduzione fanno un’arte sono
contemplati, a loro consigli e spunti, per uomini e donne. Ma perché non
andare a ripescare quello della prima B che ci piaceva tanto alle superiori?
Forse è libero, e non sa cosa fare. Se siete un po’ impacciati, se amate o
vorreste amare, ma non avete le parole per dirlo, non disperate, c’è chi vi
aiuta.
Se invece, per una ragione o per un’altra, partite con un bel messaggio di via
in saccoccia, valgono i consigli precedenti se non vi date per vinti, ma
alcuni, più solitari e meditabondi, preferiranno magari farsi accompagnare
da simpatici animali domestici, ce n’è per entrambi gli schieramenti, cinofili
e gattofili. Potete anche intraprendere nuove attività di svago, distillatevi
una birra (certo se avete sete subito, non è molto funzionale) o collezionate
scatole, sempre di cereali si tratta. Se siete idealisti e combattivi potete
sempre schierarvi con i nani da giardino o le mucche in lotta per
l’emancipazione. O datevi allo sport sfrenato.
Per tutti, un avvertimento: badate alle stravaganze. Certi contatti, tipo con
gli extraterrestri, di moda ai tempi dello sbarco su Marte, potrebbero
costarvi cari, fino a 5000 dollari.
C’è anche chi è già tornato dalle ferie. Voi che ogni mattina dovete alzarvi,
perché, ahimè, il dovere vi chiama di nuovo, fatevi almeno distrarre da un
bel buongiorno con barzelletta incorporata. Concedetevelo, iniziare la
giornata col sorriso dicono faccia un gran bene alla salute.
E intanto, preparatevi all’autunno. Quest’anno pare faranno tendenza gli
anni ’80. Eh sì, sarà una bella svolta, i '70 sono un po’, come dire, triti e
ritriti... Non vorrete fare la figura degli sprovveduti!?

E se poi di tutto ciò ve ne infischiate e anzi vi sottoponete di malavoglia a


queste vacanze frenetiche "dovute", beh, potete sempre cambiare ritmi e
scadenze, adeguandovi ad altre convenzioni.

Non trascurate le letture, mi raccomando!


"Love letter in the sand"
ovvero: Le vacanze? Al lavoro!
Redazione Delle tante date che scandiscono lo svolgersi dell’anno, le vacanze
costituiscono il rito più recente, il più laico e il più lungo. Pasqua, natale,
carnevale o la fine dell’anno si possono facilmente ricondurre a miti ed
espressioni molto più arcaici della loro istituzionalizzazione cristiana, che
comunque conta un bel cumulino di anni.
Che noi si fuggano o si onorino gli attributi di queste occasioni (l’uovo di
pasqua, il presepe, le mutande rosse) resta il fatto che ciascuno di questi
oggetti conserva e perpetua aspetti e significati remoti. Sulle vacanze c’è
ancora tanto lavoro da fare.
Questo spostamento di masse umane attraverso i treni, i traghetti, le
autostrade, gli aeroporti, passando per le agenzie, le cartine, i bermuda e le
creme abbronzanti sembra invece interessare solo aspetti esteriori, di
organizzazione, di immaginazione spiccia e di ordine pubblico e privato,
insomma la cronaca dei telegiornali e il sommario dei settimanali femminili.
Anche questo è rispetto del rito (non si comincia a maggio con il tormentone
della cellulite, e non sono tutti uguali i tg di ferragosto?), ma c’è dell’altro
da cercare.
Ecco, cerchiamo, entriamo nel merito e affondiamo mani e memoria
nell’indice delle nostre letture, delle nostre visioni, e dei nostri ascolti:
racconti e romanzi, film, canzoni diventeranno le nostre fonti mitografiche.
A ordinarle e incrociarle (magari per titoli, o argomenti) ci penseremo qui in
redazione.
Dovrebbe emergerne, ad archivio nutrito, non solo un bell’elenco di titoli,
ma anche un ampio repertorio di oggetti e situazioni, dal quale ciascuno
potrà evincere significati e allegorie che, non è escluso, potrebbero avere
favorevoli ripercussioni sull’analisi della realtà vacanziera di ciascuno e
sull’orientamento futuro di questo nucleo di vita che pulsa nell’uniformità
del calendario.
Facciamo una piccola e non troppo impegnativa mente locale sulla sabbia,
ad esempio, ed ecco concentrarsi alcune attività umane fondamentali e
accumularsi alla nostra presenza oggetti pronti a trasformarsi in simboli da
interrogare: paletta, secchiello, rastrello, costruzioni ontologicamente
effimere di torri e castelli; e poi decine di monumenti all’amore e alla sua
fragilità. Potremmo non vedere in queste azioni la replica del gesto
primordiale del Grande costruttore di massonica o babelica memoria, o la
tentazione del simulacro, che appartiene alla scultura, quanto alla tecnologia
o la vanità dello scrivere d’amore? Questa specie di associazioni, che
ciascuno potrà sviluppare a suo piacere, non sono che il primo e acerbo
frutto di un primo elenco mentale che vado ad illustrare:
Franco Primo e Franco Quarto "Ho scritto t’amo sulla sabbia"; Pat Boone,
"Love letter in the sand"; Ivano Fossati "La costruzione di un amore"; Ernst
Theodor Amadeus Hoffmann, "L’uomo della sabbia"; per non parlare delle
numerose fonti del Golem.
C’è poi un’altra associazione, anzi un’opposizione che propongo ai lettori:
vi ricordate Brivido Caldo, di Laurence Kasdan? E’ una bella specie di
ossimoro quella del titolo, che esprime qualità opposte e complementari: il
caldo sembra un tratto ricorrente dei generi noir e giallo, quelli che danno i
brividi e gelano il sangue, insomma; come se il caldo garantisse una certa
inibizione delle resistenze e delle mediazioni che la ragione può opporre al
desiderio della trasgressione o del delitto. Era bella, pesante e potente l’aria
calda che passava da quel film e l’intera città e lo spazio risentiva di questa
atmosfera. Per contrappunto penso a Shining, alla consueta specialità di
Kubrick e alla stanza dei frigoriferi dell’Overlook Hotel: erano pur sempre
vacanze quelle di Jack Torrance e famiglia.
Se come i Torrance vi trovate con un po’ troppo tempo libero, concorrete
alla costruzione dell’Archivio. Romanzi, film, canzoni (possibilmente con
testo) e, perché no?, oggetti. Commentati e scommentati, tutti i titoli saranno
osservati, ordinati e archiviati.

Forum: Archivio delle Vacanze


L’Asso portante di Milano
Carlo Bertelli Con l’insediamento della giunta Albertini molti problemi che
l’amministrazione leghista di Milano aveva rinviato tornano sul tappeto e vi
è l’espressa volontà di risolverli in modo rapido in una visione aziendale
della città. Chiunque avesse vinto, fra i due schieramenti, sappiamo che il
referente sarebbe stato in ogni caso l’Assolombarda ed è a questi poteri forti
che la città affida i propri dubbi, le irresolutezze, talvolta le angosce e le
paure. Agli uomini dell’Assolombarda sono affidati i problemi della cultura.
In parte lo erano già, vista l’irruzione degli sponsor, che in un primo tempo
avevano avuto la mediazione culturale socialista e ora non cercano più filtri
se non quelli stabiliti all’origine delle erogazioni. Chi aveva ancora
collaborato con la giunta Borghini dicendo che questa era di sinistra, va ora
da De Carolis apprezzandone il senso pratico.
Fra i grandi problemi sul tappeto vi sono, certamente, i grossi complessi
culturali che gestisce il Comune, come il Castello Sforzesco, la villa Reale,
il palazzo Dugnani, il palazzo Reale. Per il momento l’efficienza è in questi
casi più proclamata che vissuta. Incominciamo dalla villa Reale. Da molti
anni quella che è ancora la cultura milanese preoccupata dell’avvenire della
città (non quella che spara un’idea "brillante" di cui si parla quindici giorni e
tutto finisce lì) ritiene che un museo che espone opere fondamentali di
Segantini, Pelizza da Volpedo, Morbelli e una collezione come quella Grassi
debba essere liberato da altre funzioni, prima di tutte quella di sede dei
matrimoni civili. E’ questa, soprattutto, la ragione per cui da molti anni è
stato allestito il progetto di restauro del salone affrescato da Tiepolo nel
palazzo Dugnani, indicato come il luogo ideale per la celebrazione dei riti
civici, dai matrimoni alle feste e cerimonie. Come tante altre buone cose, il
restauro fu silurato dalla vecchia giunta, sarà ora, almeno si spera, messo in
cantiere e, intanto, si usa la villa Reale come sempre: matrimoni e feste. Per
mancanza di personale in molte di queste occasioni la collezione Grassi
resta chiusa.
La villa Reale ha assoluto bisogno di restauri. Questi stanno andando avanti
a spese del museo, senza nessuno stanziamento straordinario. Non sarebbe
male che, per il momento, finchè nella villa si danno feste, gli ospiti fossero
invitati a contribuire ai restauri. Mi sembra che vi sia addirittura una tariffa
per questo scopo. Invece con l’ultima festa data in onore di Emilio Fede si è
fatto, si dice, addirittura un sensibile sconto.
Da questi brevi appunti credo emerga il quadro della Milano attuale. E’ una
città senza partecipazione, dove soltanto i gruppi economicamente forti, i
grandi professionisti, i finanziatori di gruppi che si definiscono "società
civile" hanno voce in capitolo e posseggono la stragrande maggioranza della
produzione a stampa e le televisioni. Direi che anche lo spettacolo che ha
offerto il duomo per il suffragio di Gianni Versace faccia parte di un
desiderio di autocelebrazione di quanti contano, per i quali anche i sermoni
del cardinale sono poco più che spruzzi di acqua benedetta (nel Moralista
’68 un editore di sinistra pubblicò i tremendi discorsi di san Carlo ai
Milanesi, ma non si vorrebbe tornare a quelli). Il declino di Milano, che
soltanto pochi interessati contestano, è così divenuto inevitabile perché va al
di là delle volontà e si è fatto strutturale.
E’ giusto chiedersi se l’applicazione della legge Bassanini, che prevede il
passaggio dei beni culturali alla gestione regionale aggraverà o migliorerà la
situazione milanese. Se Milano dovrà essere dominata dalle burocrazie
comunale e regionale, che vadano o no d’accordo, il peggioramento sarà
sicuro. Occorre che Milano rompa il cerchio in cui sta per essere chiusa con
un’iniziativa nuova. Questa deve essere, ritengo, la ripresa di un voto
formulato in un convegno regionale in un momento di vuoto politico, nel
1994. Il voto chiedeva l’istituzione di un organo elettivo tecnico regionale,
un consiglio dei beni culturali analogo a quello che siede a Roma nel
Ministero per i Beni Culturali. Un consiglio tecnico capace di esaminare
problemi concreti, dare valutazioni, suggerire indirizzi. Un consiglio capace
di mettere in movimento quelle energie intellettuali che sono oggi
ghettizzate nelle università, nei musei e in altri luoghi della cultura che
ormai vivono sempre più appartati, timorosi di venire allo scoperto. Non
voglio qui tessere un elogio delle università. La nuvola dello sparo partito da
una stanza dell’università di Roma trasporta fumi di precariato, di baronie,
di omertà e piccoli ricatti che la dice lunga sulla vita accademica. Ma anche
questa vita sommersa avrebbe tutti i vantaggi se uscisse allo scoperto, se un
sistema elettivo rompesse i ruoli e costringesse gli eletti a pronunciarsi
responsabilmente sui problemi di organizzazione della cultura. Finora, però,
mi sembra che quel voto del 1994 sia rimasto soltanto nella memoria di chi
aveva partecipato al convegno. L’ho ricordato in questi giorni all’assessore
regionale alla cultura, il dottor Tremaglia, che mi ha detto che nessuno
gliene aveva mai parlato.
Dialogo tra un deputato e un collegio
Giovanna Grignaffini Da una parte la delusione. Senza rimproveri ma delusione. Dall'altra un
leggero fastidio.
Loro dicono che noi siamo cambiati, che ormai capita sempre meno di
condividere le sere, le discussioni, i progetti e le azioni.
Noi diciamo che loro sono rimasti immobili.
Loro sono i nostri compagni di studio, di lavoro, di politica e di tempo
libero, facce incontrate e gesti scambiati da qualche parte, antiche amicizie,
semplici elettori.
Noi siamo deputati di collegio, figli di una legge minore che ci consegna a
una terra sciogliendoci contemporaneamente dal suo nome.
Dicono che non è solo per quel tempo di noi che a loro viene sottratto,
oppure per quel necessario realismo che sembra aver smorzato la nettezza e
il radicalismo di antiche comuni passioni. Anche loro lo sanno che "ora
siamo al governo".
Dicono che è soprattutto per quel nostro cedimento - ora palese ora
sotterraneo, sempre inspiegabile ma talvolta imbarazzante - alle ragioni
dell'altro.
Calde sere di Roma, terrazze e buvette, grande famiglia della politica,
palazzo chiuso ai respiri del mondo e in cui si diffonde una complicità da
carcerati: di tutto questo non parlano apertamente per rispetto di una storia e
pudore, ma puoi sentirne l'eco tra le parole, sempre disposte ad esaltare una
politica che può restare viva quando più sa mantenersi vicina al taglio netto
del luogo d'origine e lontana da quella confusione che cancella memorie e
confonde confini.
Inutile dire che il senso della comunità di appartenenza può non essere
perduto ma appartenerti un po’ meno. Rivendicando magari il carattere
positivo di una distanza fisica e mentale che ti consente di vivere con un
sentimento senza esserne totalmente preda.
Inutile anche fare appello al "nuovo spirito del maggioritario" che
necessariamente fa esplodere il cerchio della tua comunità politica di
riferimento, consegnando la tua rappresentanza a un territorio composto di
molte parti.
Del tutto improvvido sarebbe poi evocare i limiti di quelle culture
comunitarie del tutto chiuse, nella loro autoreferenzialità, ad ogni discorso
dell'altro: siano esse le comunità tribali ancorate allo spirito del luogo; siano
esse le nomadi comunità virtuali che si cercano e prendono forma nel vuoto
pneumatico della grande rete.
Il dialogo potrebbe farsi impossibile se non fosse per quel sapere tutti, noi e
loro, che in esso si consuma molto di più di qualche ossessione, fastidio e
delusione privata.
Molto di più: qualcosa che attiene al nostro presente, e cioè l'individuazione
dei modi attraverso cui si definisce un mondo aperto di relazione e di
scambi senza far tacere le molteplici voci del luogo. Un mondo in cui il
convivere fianco a fianco delle molte differenze non esime dalla ricerca di
un "senso in più" condiviso.
Molto di più: qualcosa che attiene alla società politica italiana, il cui
percorso verso un comune senso delle istituzioni resta in larga parte
incompiuto; così come la capacità di mantenere aperto il conflitto tra
modelli di governo differenti e tra differenti rappresentazioni di società
future.
Molto di più: loro lo sanno, noi lo sappiamo e il dialogo può ricominciare.
Autogolem
Stefano Bartezzaghi (Soluzione dei giochi del numero precedente)

Le lettere nascoste delle due ics iniziali di questo Autogolem sono uguali
alle lettere nascoste dalle due ipsilon finali: assieme compongono un
accorciativo che si usa per alcuni nomi maschili (se fossero M,I,- e non lo
sono - il risultato sarebbe Mimì, cinematografico metallurgico; se fossero T,
O, e continuano a non esserlo - il risultato sarebbe Totò). Le altre sequenze
di x o di y si ripetono, di strofa in strofa.

1. "E ALL’IMPROVVISO, ECCOLA QUA"

L’automobile è a rate
In ufficio non andate
perché al sole vi scottate.
Questa dunque è x’xyyyyy

2. CHI LI HA VISTI?

"Son scappato con Irene,


di cercarci non conviene,
non facciamo troppe scene
Veniamo a voi. Yyyyy xxxx?"

3. TECNOGALANTERIA BELGA

Il mio E-mail è un billet doux:


ti amerò nel Xxxxyyy
4. MARITO ANTICONFORMISTA

La morale non lo guida


e gli ipocriti lui sfida,
Se lo vedi par che rida:
è così y’yyxxxxxxx

5. TRESETTE

Se di coppe non ne ha
e finì le spade già,
o bastoni scarterà
oppur xxx xx xxyy

6. POLITICO CONCILIANTE

Di ragione non sei privo,


ma ti trovo un po’ agressivo.
Voglio esser positivo:
ti porgo un YYxx x’xxxxx.

7. LA BUROCRAZIA SI FA PIU’ AEREA

Compilare fogli, e tanti,


con fatiche anche frustranti...
Basta là. D’ora in avanti,
solo xxxxxx xxyyyyy

8. VOGLIA DI ESSERE UN PATRIZIO

Son stressato, sono in coma,


mi par d’essere un automa:
troppo onusta è la mia soma.
Andrei ne y’yyyyxx Xxxx.

9. POLEMICHE MISTERIOSE E RISPOSTACCE NEL CICIDI’

"Buon Casini, minor iella


è la brace o la padella?"
"Ti fo il gesto dell’ombrella
prendi su, xxxx Xxyyyyyy".

10. NEW AGE E FITNESS

E’ l’annata meno lieta


te lo dice il gran profeta
ed aggiunge. "Sta’ un po’ a dieta:
passa una yyyyyy xxxxxx".

11.DEVI AVERE FIDUCIA IN CHI LAVORA PER TE

"Ma ti piace, allor, la Vale?


A me pare niente male
Sono, in fondo, il tuo sensale.
Te lo chiedo xxxx xxyy".

Soluzioni

1. L’Estate;
2. state BENE;
3. BENElux;
4. l’uxORICIDA;
5. ORI CI DARà;
6. raMO D’ULIVO
7. MODULI Volanti;
8. l’antiCA ROMA;
9. CARO MAstella;
10. stella COMETA;
11. COME TAle
(=Lele)
Andare dallo Psicoterapeuta
Roberta Ribali E’ una decisione fondamentale: si tratta di investire tempo, fatica, emozioni
e denaro su ciò che di più importante abbiamo, noi stessi. Eppure, anche
quando ne sentiamo la necessità - a volte preferiamo mascherarla da
curiosità - manifestiamo resistenze di ogni genere, che vanno dalla
banalizzazione del nostro malessere alla rimozione, dall’adozione di rimedi
ingenui e semplicisti, come spendere in nuovi abiti, auto o computer, alle
decisioni drastiche e violente, come abbandonare una persona amata o un
corso di studi. Ma lo star male aumenta ad ondate: sotto forma di ansia
sottile che pervade ogni momento della giornata, o di crisi di panico e di
fobie, o di depressione del tono dell’umore, di malinconia che ottunde ogni
entusiasmo e gioia di vivere e che spegne anche il corpo e i suoi piaceri.
Trovare uno psicoterapeuta adatto con cui focalizzare correttamente i
problemi e cercare le soluzioni è certamente la via più ragionevole: ma un
malinteso senso del "fai da te" porta a perdere tempo e a impaludarci sempre
più in noi stessi. I più fortunati possiedono un amico - o un’amica - con cui
si può parlare, ed è già un bene prezioso. Ma questi dialoghi si risolvono in
genere con una serie di consigli affettuosi che lasciano il tempo che trovano.
A volte, è proprio l’amico che suggerisce di rivolgersi a uno che lui stesso
conosce, con cui ha avuto una buona esperienza, diretta o indiretta.
Questa è una valida strada, perché già si parte con un atteggiamento di
fiducia indotto, che aiuta a maturare una decisione e a compiere il passo di
telefonare per un appuntamento. A volte si preferisce fare tutto da soli,
magari guardando le Pagine Gialle o telefonando a caso a qualche
Associazione. In questo caso è opportuno prendere delle precauzioni,
chiedendo ampie informazioni, che è dovere di un serio psicoterapeuta
fornire: che tipo di laurea ha, se cioè è psicologo, psicologo medico o
psichiatra, che tipo di lavoro svolge, se opera privatamente o in qualche
struttura. Il lavoro in uno studio privato è naturalmente più costoso di quello
offerto da un Consultorio Pubblico. Nel pubblico si viene a contatto con
psicoterapeuti qualificati, che però lavorano inquadrati nelle maglie di un
servizio che necessariamente prevede priorità, orari prestabiliti e rigidi, turn-
over degli operatori: disponibilità insomma in qualche modo limitate, che
vanno prese per ciò che possono dare. Il fattore di importanza reale è
comunque la persona dello psicoterapeuta: che operi nel pubblico o nel
privato, deve comunque darci la sensazione di poter lavorare bene insieme.
Non dobbiamo stupirci se, a volte, è necessario girare alcuni studi prima di
trovare la persona che fa per noi: qualcuno che magari ha tutte le carte in
regola e ci è stato ben introdotto può non ispirarci quella sensazione di poter
collaborare reciprocamente che è alla base del successo terapeutico. Non sto
assolutamente parlando di simpatia o antipatia: il senso del lavorare bene
insieme è tutt’altra cosa. A volte un terapeuta che va bene per noi può essere
taciturno, o di aspetto modesto, o di modi un po’ ruvidi; ma la domanda che
ci dobbiamo porre, dopo il primo colloquio, è solo una. Cioè: con uno -o
una- così io me la sento di aprirmi e di procedere nel mio mondo interiore?
Anche il fatto che il terapeuta possa essere uomo o donna è sostanzialmente
irrilevante, salvo casi particolarissimi; l’importante è che si tratti di una
persona esperta e sostanzialmente per noi positiva, che permetta l’incontro
intellettuale ed empatico, al di là di inevitabili discrepanze culturali e
ambientali. Decidere di consultare uno psicoterapeuta è qualcosa che, a
volte, già basta a far stare meglio; la prospettiva di essere ascoltati a
trecentosessanta gradi senza essere oggetto di giudizio o rimprovero è un
pensiero che dà speranza e rassicurazione.
Oggi questa prospettiva capita un po’ a tutti, almeno una volta nella vita:
difficoltà con l’ambiente o con la scuola, problemi di coppia o di identità
sessuale, depressione, paura ad affrontare un’esistenza sempre più
complicata. Ed infine i disturbi e le malattie psicosomatiche, che sono un
complesso linguaggio attraverso il quale il nostro corpo traduce i nostri
disagi profondi. Tutti questi segnali di malessere ci sono amici,
paradossalmente, e dobbiamo dare loro retta. Crisi d’ansia o di depressione
sono importantissimi e utili campanelli d’allarme che dicono che c’è
qualcosa di molto importante che non va in noi stessi, e che ce ne dobbiamo
occupare al più presto, senza nascondere la testa sotto la sabbia
trangugiando tranquillanti e lasciando che tutto vada avanti. Un
cambiamento a volte è indispensabile per ritrovare la propria armonia
interiore perduta ma è spesso così difficile che è necessario un sostegno
qualificato e amico per smantellare resistenze e retaggi conservatori.
Investire in noi stessi, sempre, ma tanto più quando occorre, fermarsi a
riflettere, ridare spazio alle priorità fondamentali: possiamo anche servirci di
un buon psicoterapeuta, senza pregiudizi e con un po’ di pragmatismo.
Postazioni (Trees Lounge)
Rossana Di Fazio A me piace l'estate; mi sembra che, nonostante tutti gli sforzi per ridurla ad
una parentesi sempre più esigua di vacanza forzata e di malata iperattività
alternativa, luci, colori e temperature, espressioni di una Natura contaminata
finché si vuole, impongano al corpo andature diverse, ritmi adatti a
sopravvivere, un certo armonioso torpore.
Non sto venendo meno ai miei compiti, perché è soprattutto di un modo di
rappresentare e vivere il Tempo che intendo scrivere.
Me ne offre l'occasione il film ben diretto e molto ben interpretato da Steve
Buscemi, Trees Lounge (in italiano Mosche da bar : ogni commento mi
sembra superfluo), presentato lo scorso anno e in programmazione da
qualche settimana in Italia.
Ha l'aspetto di un film leggero nelle forme, benché decisamente
drammatico, come sanno essere certi film indipendenti, la cui freschezza
sembra inversamente proporzionale alla dovizia di mezzi e denari.
Il film è ambientato in una piccola città americana; si prende, nel corso del
film, una certa confidenza topografica con questo posto e questa è una
sensazione curiosa, perché è difficile che questa familiarità con lo spazio
percorso dai personaggi sia rilevante in un racconto; ma il giro che Tommy
compie fra i meccanici e il bar, e poi quello che ripercorre con il furgone dei
gelati mostra sempre le stesse strade e villette, e prospettive sempre uguali
che fanno di un luogo una provincia, un posto finito, concluso, facile da
conoscere. Non c'è nessuna avventura nello spazio, né direzione da
esplorare.
Mi è venuto in mente un film che ormai ha più di vent'anni, bellissimo,
L'ultimo spettacolo di Peter Bogdanovich, molto diverso, ma ambientato in
una analoga cittadina, circoscritta, un'isola di spazio e di persone , senza
folle, senza persone da scoprire e senza Tempo.
Nel suo ritratto di provincia Bogdanovich delegava ad un bianco e nero
rigorosissimo (e allora niente affatto inflazionato) la restituzione di un
effetto anni cinquanta molto accentuato nel quale il Cinema e il Racconto
combaciavano perfettamente, trovando una loro unità drammatica e
narrativa straordinaria. Sembrava una specie di incantesimo.
In Trees Lounge sono pochi gli elementi che consentono di datare
perfettamente il racconto, come se questo non fosse molto importante. C'è
piuttosto un certo gusto nel mischiare le carte, nell'introdurre musiche molto
datate (il juke box alimentato dal vecchio Billy manda solo vecchie canzoni)
o certi abbigliamenti eccessivi delle avventrici del bar, o nel sottolineare
l'assenza, nel bar, di uno straccio di videogioco. Lo stesso furgone dei gelati
di Zio Hal, che Tommy prenderà in consegna, sembra un mezzo di altri
tempi, quelli che la giovane Debbie rievoca ricordando Il mago di Oz, e che
i bambini in attesa del gelato agli angoli della strada non devono sentire
come troppo diversi dai propri.
Non è solo l'eclettismo ammiccante e citazionista a cui siamo molto abituati:
credo che questa ricerca di varietà e identità temporali sia fondamentale per
una specie di poetica, che esprime una spiccata sensibilità per una
dimensione ampia del Tempo, una specie di disponibilità a sentirne, nel qui
e ora, l’espansione, la compresenza di passato e futuro. E' un effetto fin
troppo evidente nella simmetria e coincidenza dei volti del vecchio Billy e
del giovane Tommy, ritratti che insistono sullo schermo rispettivamente
all'inizio e alla fine del film, e rimarcato da una specie di identità
fisiognomica fra i due personaggi che può disorientare lo spettatore.
Ma sarebbe un errore non cercare nell'alcool, e soprattutto nel bar come suo
sacrario, il centro di questo discorso sull’esperienza del Tempo.
Alcool, fumo, eroina: Trees Lounge, Smoke, Trainspotting sono tutti film
indipendenti e piuttosto importanti di quest'ultimo anno. In forme, e a gradi
molto diversi, hanno proposto in primo luogo una situazione, una postazione
da cui guardare il mondo: il negozio, il bar, la stanza dove ci si fa, dalla
quale si prendono o si accorciano le distanze con tutt’altre accellerazioni.
Bene, a me pare che tutte queste prospettive abbiano anche saputo proporre
senza moralismi una visione asciutta e dialettica, e non solo nichilista di
queste tre dimensioni esistenziali.
In Smoke, Trees Lounge, Trainspotting a variare è il grado drammatico del
racconto, non la centralità del rito e la conoscenza che esso custodisce.
Questi paradisi artificiali che divengono oggetti e organizzatori del racconto
servono anche in quanto metafore del Tempo vissuto, di cui il cinema si
appropria.
"Scegliete di marcire o scegliete la vita", propone il narratore di
Trainspotting, ma in quel marcio sembra esserci molta verità e nell'alcool la
tentazione sublime di non cedere all'azione, saggia o stupida che sia. Quella
sensazione del tempo ampia, multipla, che ho provato a descrivere, sembra
avere come condizione una certa immobilità. Ma movimento e inazione
sono anche qualità del discorso cinematografico. Questo cinema, anche
produttivamente diverso, impone altri ritmi alla narrazione, dettati da regole
diverse dall'azione rutilante e incalzante della grande produzione
commerciale, che teme la stasi come la morte e deve descrivere un Tempo
sempre pieno, e muoversi continuamente per trasformare ogni vuoto in
soluzione spettacolare, dando vita ad un’ unica e sfaccettata dimensione di
un Presente interminabile: anche questo è un modo di esorcizzare il niente,
il pericolo, l'horror vacui; forse per questo quando deve mettere in scena il
Tempo che passa ricorre volentieri, e con una certa commovente ingenuità,
alla maschera della vecchiaia, che appare sempre posticcia e inverosimile.
Come se il sentimento del Tempo fosse questione di trucco.

Vedi Anche:

http://www.treeslounge.com/ontap.html
Omaggi
Roberto Caselli Pochi mesi fa lo davano per spacciato, ora esce addirittura il primo disco
della sua nuova etichetta: la Egyptian Records. Dylan, come al solito,
spiazza tutti perché nessuno pensava che il progetto fosse così prossimo a
realizzarsi. Sorprende anche la scelta, un vero atto di umiltà, che affida
l’inaugurazione della label ad un disco-tributo dedicato a Jimmy Rodgers, il
padre della country music, piuttosto che a un proprio lavoro. Certo Rodgers
non è un personaggio qualsiasi, da lui comincia a evolversi quella musica
che passando attraverso la Carter Family e soprattutto Woody Guthrie,
segue un filo diretto che porta agli anni sessanta e in particolare al giovane
Dylan, allora folksinger poco più che ventenne e di belle speranze, che dal
Greenwich Village newyorkese, parte alla conquista del mondo.
Jimmy Rodgers nacque a Meridian, nel Mississippi, nel 1897, il suo lavoro
era quello di frenare e deviare i treni sulla strada ferrata della sua città,
mestiere che lo mise in contatto con una vasta schiera di hoboes, quei
vagabondi alla continua ricerca di lavori avventizi che si spostavano da nord
a sud dell’America viaggiando in modo clandestino sui vagoni merci. Fu
grazie a loro che venne a contatto con i blues, i work songs e le tecniche
espressive della musica del Sud; imparò a suonare il banjo e la chitarra e fu
presto in grado di elaborare uno stile musicale molto particolare che aveva
in sé i germi della musica nera, ma anche il fascino avvolgente della musica
hawaiana, spesso tanto dolce da apparire mieloso, ma anche ricco di
struggimento o nostalgia. I testi delle sue canzoni non erano particolarmente
significativi per il periodo storico in cui furono scritti, infatti, nonostante i
guai della Grande Depressione, Rodgers preferì sempre centrare la sua
attenzione sugli aspetti più retorici e patetici che ne derivavano, dando
un’idea piuttosto grossolana della realtà. Ben presto si ammalò di
tubercolosi e l’inizio della carriera discografica gli risparmiò fatiche
insostenibili. Incise il suo primo disco nel 1927 e, nonostante la scomparsa
prematura avvenuta nel ’33, riuscì a effettuare parecchie registrazioni di
successo che eseguì spesso con il classico uso dello yodel. Jimmy Rodgers
ha avuto un’influenza determinante nello sviluppo successivo della musica
country e gli artisti delle generazioni successive gli hanno sempre conferito i
giusti onori che sono culminati nella deposizione di una lapide nella
Country Music Hall Of Fame di Nashville. Più recentemente, con la
raffigurazione della sua effige su un francobollo emesso dalle poste
americane, c’è stato anche il riconoscimento ufficiale della sua opera. Ora a
settant’anni dalla nascita, Bob Dylan dà il suo contributo personale al
ricordo del grande maestro concependo questo tributo in cui figurano
quattordici musicisti che interpretano altrettante canzoni del repertorio più
famoso di Rodgers. Hanno dato il loro assenso a questo progetto anche
personaggi del tutto impensabili come Bono degli U2 che per l’occasione
ritorna all’acustico per una splendida ballata, Dreaming With Tears in My
Eyes, e Jerry Garcia che ha registrato insieme a David Gisman il suo pezzo
poco prima di morire. Scontata invece la partecipazione degli artisti del
nuovo country come Steve Earl, Dwight Yoakam e Mary Chapin Carpenter
o di quello tradizionale come Willie Nelson. Tra i molti altri figurano anche
Van Morrison, John Mellencamp, Aaron Neville e naturalmente lo stesso
Dylan che si mette in evidenza con My Blue Eyed Jane.
Le anime delle nuove generazioni cercano e spesso trovano corrispondenza
con quella del vecchio Jimmie, un’operazione mediata da un evento
commerciale, ma dettato sicuramente anche da tanto affetto.
Statistica
Sylvie Coyaud http://nilesonline.com/stats/index.shtml

Giugno 1997. E’ a Milano per il convegno Futuro del sapere, futuro del
lavoro, organizzato dall’agenzia Hypothesis, Burton Richter, un fisico molto
simpatico che ho conosciuto cinque anni fa. Ha scoperto una nuova
particella e ha ricevuto il premio Nobel per la Fisica nel 1976, quando aveva
45 anni. Dal 1984 dirige lo Stanford Linear Accelerator Center in
California. In questo momento è felice perché sta costruendo una grandiosa
macchina per produrre degli anti-mesoni B, una "fabbrica di anti-materia"
che dovrebbe funzionare a regime nell’estate del 1998.
Dopo che mi sono informata del suo lavoro si informa lui del mio e siccome
è gentile, fa di più. Suggerisce dei temi da trattare, dei libri da leggere, dei
suoi colleghi da interpellare, e raccomanda:
— Cerca di familiarizzare i tuoi ascoltatori con il ragionamento statistico. Se
vogliono agire da cittadini pensanti, devono capire quello che le statistiche
dicono e non lasciare che siano gli altri, i politici ma anche gli scienziati, a
interpretarle al posto loro.
— Eh sì, lo so.
Lo so davvero. La statistica si trova nella cassetta degli attrezzi di qualsiasi
scienziato. Esiste in tante versioni, dal semplice cacciavite di cui parla
Burton Richter al Black & Decker multiuso, più difficile da montare
dell’intera missione Pathfinder.
— Devi fare qualcosa.
— Ci proverò.
Per radio, ancora non so come farò. Per Golem, no problem.
Un sito web spiega in un inglese terra terra la media, la mediana, la
percentuale, la deviazione standard, il margine d’errore - sottotitolo "come
non farsi fregare dai sondaggi" - l’analisi dei dati, la rappresentatività di un
campione. C’è una biografia di Robert Niles, giornalista scientifico che va
congratulato per questa sua iniziativa di salubrità pubblica. E una
bibliografia concisa ma eccellente, alla quale io aggiungerei soltanto un
saggio emozionante: Stephen Jay Gould, The Median Isn’t the Message.
Gould racconta che, malato di cancro, gli avevano dato ancora otto mesi da
vivere, la mediana del suo caso. Sapere di statistica gli ha letteralmente
salvato la vita. In italiano La mediana non è il messaggio è nella raccolta
Risplendi grande lucciola pubblicata da Feltrinelli, Milano 1994, 45.000 lire.
Appuntamenti

In questo numero Golem vi segnala :

Gradara Ludens Festival

Presentazione e programma

54. Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica


Rivista on line fondata da:
Umberto Eco, Gianni Riotta, Danco Singer

Direttore:
Danco Singer

Hanno collaborato:

Paolo Palazzi, Sylvie Coyaud, Gianni Granata, Mario Calabresi, Beppe Severgnini, Ugo Volli, Carlo Bertelli,
Roberto Caselli, Roberta Ribali, Stefano Bartezzaghi, Rossana Di Fazio, Cinzia Leone, Fabrizio Tenna, Ugo Pirro,
Altan

Progetto visuale:
Pierluigi Cerri con Mauro Mattioli e Andrea Lancellotti

Redazione:
Mauro Mattioli, Margherita Marcheselli, Andrea Lancellotti, Roberta Casapietra, Massimo Amato, Stefano Mazza,
Elisa Mazzini e Francesca Poppi

Software:

Opera Multimedia Stylo Italia Online


Home Page Home Page Home Page
Buon compleanno, Golem!

Cari lettori, lo sappiamo (e ce lo ricorda anche uno dei nostri collaboratori in questo stesso numero) che i
tentativi dell’uomo di dare una scansione al tempo riposano su assunti assolutamente relativi. Tuttavia ci
sentiamo di festeggiare questo primo compleanno di Golem da una parte perché siamo consapevoli che tutto il
mondo riposa su assunti relativi, dall’altra perché sentiamo questo Golem come una creatura vivente, nostra e
vostra, frutto del pensiero e dell’opera dei collaboratori, dei lettori, della redazione.
Al piccolo Golem (e ai nostri lettori), come è d’uso, abbiamo fatto due regali. Il primo è uno strumento di
conoscenza: un sistema di indici che permette di individuare agevolmente tutto ciò che su Golem è stato
pubblicato su un certo argomento o da un certo autore. Il secondo è più un regalo a chi ancora non naviga in
Internet: questo numero di Golem, infatti, sarà presto disponibile anche su carta, nelle librerie Feltrinelli.
Giustizia, educazione, telecomunicazioni, giornalismo, occupazione, welfare, riflessioni sul nuovo millennio
sono solo alcuni degli argomenti che Golem 12 propone.
Augurandovi ogni bene, attendiamo vostre notizie.
Messaggi
Furio Colombo Qualcosa cambia, ma cosa? E’ la troppa velocità o la troppa lentezza del
cambiamento che ci stordisce? Che senso ha una giornata, la durata di una
giornata, la scansione di una giornata, di un minuto, di un’ora o la sequenza
degli anni?
Per esempio, il calcolatore non vede il 2000 e tutti i computer del mondo
dovranno essere riprogrammati a un costo immenso, altrimenti rifiutano di
entrare nel nuovo millennio. Non sarà un segnale? E se tutti fossimo intenti
a guardare dalla parte sbagliata? Se il lavoro fosse venuto improvvisamente
a mancare come manca il latte alla madre quando non è più necessario per
sopravvivere?
Siamo sicuri di dover essere pagati per un lavoro - probabilmente sempre lo
stesso - che deve durare fino a che siamo stanchi e andiamo in pensione?
Non è una notizia curiosa questa che dice: non si va più in pensione alla tale
età, si va alla tal altra, come se fosse l’ora per andare a dormire dentro una
istituzione? Se la vita sociale avesse cominciato a darci segnali che non
comprendiamo, come ha fatto invano per secoli la vita della natura, lo
sguardo degli animali, l’incupirsi e lo schiarirsi dei cieli, l’alzarsi e
l’abbassarsi dei mari?
Che senso ha una giornata quando comincia? Serve a muovere altri passi di
un lungo cammino? Quale? Per andare dove? E’ ragionevole sospettare che
lo scopo di quella giornata (andare, tornare, trovare, incontrare, imparare,
dire, far sapere, comunicare) non sia che un falso scopo, come una busta
chiusa da aprire in volo, secondo la disciplina imposta ai piloti del B 52
durante la guerra fredda, in modo che nessuno possa sapere e dire prima del
tempo quale è il vero obiettivo? Mi stanno mandando messaggi? Chi? Gli
schizofrenici sostengono di riceverli, i mistici sentono le voci, entrambi
sacrificano la propria vita e quella degli altri per rispondere alle voci. Noi
(molti di noi) li consideriamo pazzi. Lo sono davvero o hanno dei terminali
più affinati dei nostri e sentono ciò che noi non sentiamo (o facciamo finta
di non sentire)?
Quanti di noi considerano imperfetta e inadeguata la vita di coloro che sono
altrimenti dotati ovvero portatori di handicap? Lo sono davvero? Che cosa
sappiamo della normalità noi che veniamo da un mondo persuaso che la
forza sia la chiave di tutte le soluzioni? Quale forza? C’è forza in un
pensiero, forza che muove le cose e le cambia, le piega, le trasforma? Un
pensiero d’amore? Una ossessione, una ripicca, una vendetta, un amor
proprio negato? Dov’è che si coordinano tutti i miei nervi fino a diventare
un sistema perfetto di comunicazione che però a me sembra vuoto, pronto
per funzionare ma senza una ragione per farlo?
E’ salute fisica, salute mentale, oppure un misterioso liquido detto "spirito"
che mette in movimento una macchina pronta e passiva che non ha suoi
progetti ma può solo riceverne? Da chi? C’è qualcuno o qualcosa che a mia
insaputa mi comunica perché amare, come organizzare il flusso dei miei
pensieri e verso che cosa? La fantasia è una distrazione, una febbre, un
gioco fine a se stesso o una macchina di rivelazione che non posso mettere
in moto e non posso fermare a costo di restare per giorni davanti a pagine
bianche, per notti inseguito da immagini che rifiutano di fermarsi? Quando
immagino, vedo? In che senso ciò che immagino non esiste, perché non
esiste, chi lo dice? Non saremo in mano a ingegneri un po’ aridi che ci
parlano continuamente di fini concreti perché hanno paura di ciò che non si
tocca con le mani?
Ma ciò che si tocca con le mani esiste? Se esiste, che cosa dimostra? Che mi
posso fidare solo di ciò che le meni constatano? Non è troppo poco? Perché
qualcosa mi fa pensare che accanto a qualcosa di grande ci sia qualcosa di
ancora più grande e mi impedisce di credere che sia tutto qui?
Si chiama fede oppure è la memoria passata e semisepolta di sequenze
naturali la cui traccia è andata smarrita? Che cosa è la salute, uno stato
normale (normale come?) o un semplice stato d’attesa fra alterazioni e
cambiamenti che sono messaggi, linguaggi, di fronte a cui siamo ciechi?
E di cosa mi avverte il dolore? Perché uso la stessa parola per raccontare
l’avvertimento che ricevo dai terminali nervosi e per dire il senso di
squilibrio, disorientamento, pena, che non hanno alcuna sede nel corpo, non
sono nessun male ma sono male, tanto da farmi sentire immensamente
infelice? Da dove viene una infelicità tanto sproporzionata da farmi sentire
indifeso perciò disperato? Perché un punto, un luogo, un ente
immensamente più forte dovrebbe esercitare tutta la sua potenza sulla
evidente inadeguatezza di chi riceve il messaggio di disperazione? Se c’è un
senso, un segnale, perché va perduto? Chi ha perduto, quando, la lista dei
codici?
Perché alcuni ricevono ordini, come far il bene o fare il male, e altri no?
Oppure tutti li ricevono ma molti non ubbidiscono? Chi fra i due gruppi
produce la confusione nella quale abbiamo l’impressione di vivere? Ci
manca il coraggio di ubbidire o ci serve l’audacia di trasgredire gli ordini,
sfidando la punizione? La persona che improvvisamente ha posto fine alla
sua vita, senza un messaggio o, come fanno i ragazzi, mostrando un broncio
o un pretesto ridicolo tipo un destino di un eroe del rock, a chi sta dando con
fedeltà disperata il suo assenso? Ha visto una rivelazione o ha capito che
non ci sarà mai alcuna rivelazione, che il messaggio sarà sempre atteso e
l’attesa sarà sempre negata?
Controllare, gestire, ordinare, definire, recintare, immagazzinare, fabbricare,
è una serie di fatti veri, di cose che accadono? O il frutto di una nevrosi che
costringe ad agire per non prendere atto del vuoto intorno? Perché,
nonostante quel vuoto e quella nevrosi, continuo a sospettare che ci sia
un’altra strada, un’altra ragione, un altro messaggio? Se c’è, perché non
riesco a leggerlo? Sono più lontano o più vicino quando mi astengo dal fare
e mi siedo al margine della strada, indebolito, invecchiato, senza risorse? Le
risorse, poi, che cosa sono? Il denaro che scambio, il talento che presto, il
pensiero geniale che mi è venuto e che mi porta a dire che ho trovato la
"soluzione"?
Perché non è mai la soluzione, o mi è impedito di crederlo?
Giusti Poteri
Ugo Volli Esiste in Italia un problema reale intorno alla giustizia. Come sa chiunque si
sia trovato coinvolto in qualunque causa civile o penale, per lo più i tempi
sono lunghissimi, le procedure eccessivamente complicate, i risultati
aleatori. Insomma, è difficilissimo ottenere quel servizio elementare dello
Stato che è la giurisdizione.
Ed esiste poi un problema inventato della giustizia. Ci sarebbero alcuni
procuratori della Repubblica (guarda un po', quelli che lavorano bene e
ottengono risultati, per esempio a Milano e a Palermo) che avrebbero troppo
potere, invaderebbero campi altrui, non si accontenterebbero di stare alla
pari con la difesa.
Questa seconda falsa questione sulla giustizia è stata sollevata inizialmente
da alcuni politici e da alcuni organi di stampa (legati prima al vecchio PSI e
poi a Berlusconi), ma ormai è patrimonio comune delle forze politiche. Con
qualche abuso formale rispetto al mandato ricevuto, un'intera sezione di
lavoro della Commissione Bicamerale per le riforme costituzionali si è
occupata di questo problema, che ha affaticato anche il Parlamento in seduta
normale (con la riscrittura dell'art. 513 bis del Codice di Procedura Penale),
il Ministro della Giustizia e tutta la stampa.
Secondo una linea molto significativa, la Bicamerale è intervenuta non sui
principi processuali, ma sull'organizzazione dell'ordine giudiziario, tentando
nei limiti del possibile di stabilire (o di ristabilire) un controllo politico su di
essa: in particolare si è tentato (riuscendoci parzialmente) di separare i ruoli
dei giudici da quelli dei pubblici ministeri, di aumentare la quota dei politici
nel CSM (organo di controllo della magistratura), di stabilire poteri di
indirizzo del Parlamento sul lavoro dei giudici, eccetera.
Da questo elenco di temi si vede che la questione è politica: non il
funzionamento della giustizia, ma il suo controllo, non lo svolgimento del
processo, ma le nomine e il potere disciplinare. Una domanda a questo
punto è ovvia: perché‚ questa volontà dell'intero universo parlamentare di
stabilire un controllo sulla magistratura e, in particolare, sul potere dei
pubblici ministeri (che indagano, accusano, ma non possono condannare)?
Dopotutto, almeno tre storici successi dello stato sono dovuti a questi
magistrati (spesso le stesse persone): la sconfitta del terrorismo di vent'anni
fa, lo smascheramento della corruzione ai vertici dello stato (Mani pulite) e
le gravi sconfitte subite dalla mafia negli ultimi dieci anni. Perché dunque,
voler colpire e controllare una magistratura così più efficiente degli altri
organi dello stato?
Una risposta appare probabile: proprio perché‚ è così efficiente. Una buona
parte del sistema politico e del potere economico è stata coinvolta (e forse lo
è ancora) in pratiche ai limiti della legalità. Alcuni di questi potenti sono
stati condannati (come tanti uomini politici, dirigenti pubblici e anche
manager privati come il presidente della Fiat, Cesare Romiti). Altri sono
sotto processo (come Berlusconi e Dell'Utri); moltissimi altri ancora
indagati a vario grado e titolo. Per la prima volta nella storia del nostro
paese, la magistratura ha preso sul serio il motto che appare in tutte le aule
giudiziarie ("la giustizia è uguale per tutti") e ha violato le tradizionali zone
di impunità del potere. Questo appare intollerabile, oggi e per il futuro, ai
detentori del potere politico ed economico. Si tratta a questo punto di
ristabilire un sistema di impunità. Per farlo è necessario riprendere in mano
il controllo della magistratura, se serve agitando lo spettro di abusi di potere
e idealizzando l'uguaglianza di accusa e difesa nel processo. Ma soprattutto
incidendo sui rapporti di potere reali nel luogo in cui la magistratura è
controllata, il CSM.
Di fronte a questo progetto o necessità del mondo politico, conta poco il pur
probabile gioco di scambi, di favori e di ricatti che si è intrecciato su questo
tema fra Polo e Ulivo. E' il mondo politico nel suo complesso che vuole
fortemente rimettere le mani sulla giustizia, per riaffermare il craxiano
"primato della politica" - che in questo caso vuol dire impunità - dei politici.
E' un disegno estremamente pericoloso. Perché destabilizza uno dei rari
luoghi identificati dall'opinione pubblica di effettiva esistenza e
indipendenza dello stato, e propaganda anzi l'idea di uno stato - parte. Il
conflitto di interessi, che è la vera malattia del nostro sistema politico, viene
teorizzato come ideologia positiva. E' pericoloso anche perché questo
disegno viene perseguito dalla sinistra (non dalla destra che vi avrebbe un
interesse più immediato). Realizzandolo, la sinistra sacrifica quegli strati
(illuministi o azionisti) del suo elettorato che hanno minore connotazione di
classe e più importante radice di opinione. Ma soprattutto dimostra la sua
incapacità di rifondare per davvero lo stato, non con grotteschi teatrini
istituzionali, ma rispettando la neutralità dell'amministrazione.
Io credo che a questo disegno bisogna opporsi con tutte le forze. Penso che
tutti gli elettori dell'Ulivo dovrebbero opporsi a questi disegni sul terreno
politico, visto che quello dell'opinione è insufficiente: fondando movimenti,
preparandosi a votare no al referendum sulle riforme, perfino boicottando i
partiti che appoggiano questa politica sulla giustizia.
Perché penso che la giustizia, la giustizia uguale per tutti, sia il primo
requisito della convivenza civile e il luogo di fondazione dello stato.
Perché considero che la svendita del principio di moralità alla Realpolitik
sia l'inizio di tutti i totalitarismi.
Perché mi pare che il disegno di restaurare il dominio dei partiti con la forza
delle riforma costituzionale vada verso l’instaurazione di un consolato.
Perché credo che questa sia una battaglia essenziale per la democrazia.
Deformare le istituzioni
Carlo Donolo 1. In Italia sono in corso lavori di riforma istituzionale. Questo lo sanno
tutti, almeno da quando è all’opera la Commissione Bicamerale del
Parlamento che deve elaborare proposte e progetti entro stretti limiti di
tempo. Siamo forse alla fase finale di un processo iniziato negli anni Ottanta
con la Commissione Bozzi e proseguito con vicende alterne per venti anni.
Il ceto politico si è reso conto che riforme erano necessarie, ma in pratica è
risultato sempre difficile, e lo è ancora oggi, trovare per le riforme una base
di consenso sufficientemente ampia e convinta. Si è dovuti arrivare alla
caduta del Muro di Berlino, a Tangentopoli, al disfacimento di DC e PSI e
alla metamorfosi del PCI, alla Lega, per mettere all’ordine del giorno
riforme istituzionali e costituzionali di ampio respiro. Un fattore di
accelerazione anche più imperativo è costituito però dal vincolo esterno,
cioè dal processo di unificazione (monetaria) europea, con tutte le sue
implicazioni per il rigore nelle politiche di bilancio, la stabilità degli
esecutivi e il miglioramento delle performance amministrative ed
istituzionali. Ormai non c’è scampo: riforme istituzionali, anzi
costituzionali, sono necessarie. Anche perché, dopo tanto discutere, la
Costituzione del ’48 appare delegittimata o svilita in molte delle sue parti.

2. Perché riformare? Apparentemente le ragioni sono intuitive: le patologie


della politica e le miserie dell’amministrazione vanno curate alla radice, a
partire da modifiche della forma di governo. Questa deve essere resa più
coerente con la legge elettorale quasi maggioritaria, la quale, a sua volta
deve essere rivista in funzione della forma di governo che verrà disegnata.
Attraverso le riforme istituzionali la politica cerca in primo luogo di curare
se stessa: dalle deviazioni corrotte, dall’abuso dei poteri,
dall’irresponsabilità ed inaffidabilità delle sue azioni. La cura dovrebbe
anche permettere - nel corso del tempo - una migliore selezione del ceto
politico: più competente, più autorevole, meno provinciale, più capace di
gestire il bene pubblico. Occorre sottolineare un punto: le riforme
istituzionali sono un tentativo (quasi in extremis) della politica di
autoriformarsi non mettendosi alla prova sui problemi del paese e cercando
un nuovo rapporto di comunicazione con i cittadini - un’autoriforma dal
basso - ma intervenendo con gli strumenti di cui ha il monopolio
(produzione di leggi) e quindi con una terapia autarchica. E’ vero che
l’articolo 138 della Costituzione prevede il referendum e quindi il giudizio
finale popolare su leggi di revisione costituzionale. Ma a quel punto i giochi
sono fatti e un diniego popolare dei riformatori costituzionali sarebbe una
catastrofe.

3. Al punto cui siamo giunti, riforme sono necessarie. Esse devono


riguardare la forma del governo, il rapporto centro-periferia (la questione
del federalismo e della fiscalità), i rapporti tra i poteri dello stato in termini
di checks and balances. Che questi siano i temi lo dicono tutti. Ma nel
braccio di ferro tra forze politiche per precostituirsi posizioni di forza o
garantite nel nuovo assetto istituzionale, si è eccitata una corsa al rialzo:

● verso un presidenzialismo pseudocarismatico che prefigura una


democrazia con tratti autoritari e populistici;
● verso uno pseudofederalismo secessionistico che maschera e premia
la rivolta fiscale degli evasori;
● verso una resa dei conti con la Magistratura, la cui autonomia deve
cedere al primato della politica.

Inoltre, molte voci chiedono interventi anche sulla prima parte della
Costituzione, quella relativa ai principi e ai diritti-doveri. Nel quadro di un
attacco allo stato sociale e del culto idolatrico del mercato come panacea per
tutti i mali e fonte di tutti i beni, è chiaro che sono a rischio acquisizioni
storiche in termini di diritti di cittadinanza.

4. Date queste tendenze e tentazioni, sono evidenti i rischi di un’operazione


di riforma costituzionale a largo raggio i cui esiti nessuno è in grado di
controllare. Sarebbe stato più ragionevole - e meno rischioso per la nostra
democrazia - procedere a revisioni incrementali seguendo le procedure
previste dalla Costituzione e investendo di più casomai sulla correzione del
sistema elettorale. Ma ormai è troppo tardi, si è perso prima troppo tempo,
ora si deve decidere, secondo una classica tradizione italiana, sotto
emergenza. Supponendo che le riforme diano gli effetti desiderati, resta da
tener conto che alcuni si dispiegano solo nel medio periodo (migliore
selezione del ceto di governo) altri esigono di essere accompagnati da
incisive riforme amministrative. Infatti la stabilità degli esecutivi non è di
per sé indice di governabilità, dato che essa deve coniugarsi con incrementi
di efficacia nella formulazione ed implementazione delle politiche
pubbliche. In definitiva i cittadini questo si aspettano, perché gran parte del
malessere sociale deriva da un cattivo funzionamento dello stato
amministrativo.
In definitiva le riforme costituzionali incidono sulle premesse della
governabilità, di per sé non la producono, se non con la cooperazione di
molti altri fattori e attori. Inoltre, in democrazia, abbiamo bisogno di una
governabilità qualificata, capace di equilibrare diritti e doveri, imperativi
economici e domande collettive, crescita economica e sviluppo sociale. Gli
sbilanciamenti attuali verso la primazia del mercato, del presidenzialismo
populistico e della comunicazione asimmetrica tra politica e cittadini tramite
un uso (forse più paternalistico che manipolatorio) dei media fanno sorgere
qualche preoccupazione circa il senso dell’intera operazione di riforma
istituzionale.

5. Sarebbe stato opportuno che le proposte di riforma fossero collegate più


direttamente all’analisi dei mali sociali ed istituzionali che intendono curare.
Malgrado i tanti dibattiti, invece, proprio questa relazione resta oscura o al
massimo si delinea una relazione unilineare tra stabilità-governabilità-
benessere sociale altamente problematica e discutibile. I mali italiani
consistono certo nelle degenerazioni della politica, nell’inefficenza dello
stato amministrativo, negli squilibri della fiscalità. Meglio: nelle connessioni
funzionali che si sono stabilite nel tempo tra una politica abusiva,
un’amministrazione inefficiente e una società e un mercato abituati e
mitridatizzati da sregolazioni di ogni genere (dal traffico urbano
all’abusivismo edilizio, dall’evasione fiscale, all’economia sommersa). E’ la
modernizzazione dimezzata e precaria dell’Italia che va corretta: "per restare
in Europa" o anche semplicementeper poter tornare ad essere un paese civile
e in cui è possibile vivere civilmente. La politica ha scelto di arrampicarsi
sui rami più alti dello stato e di intervenire su di essi per poter fornire ai
cittadini nuove prospettive di sviluppo. Forse li ha scambiati - con
consapevole narcisismo - per le radici della democrazia. La cura di queste
ultime resta perciò affidata alle mani dei cittadini, tutti i giorni banalmente,
con o contro o anche senza, le riforme istituzionali.
Un caso clinico-storico-comico-mistico-magico
Beppe Severgnini Per studiare l'europeismo degli italiani occorrono uno psichiatra, uno
storico, un economista, un indovino, un pagliaccio e un consulente
matrimoniale. Vedremo più avanti qual è la funzione del pagliaccio e
dell'indovino; per ora, spieghiamo la presenza del consulente matrimoniale.
Noi italiani vogliamo l'Europa in modo passionale, senza sottilizzare troppo
sull'oggetto del nostro desiderio (politica agraria, serpente monetario,
mercato unico, moneta comune). Siamo come giovanotti innamorati che
intendono accasarsi a tutti i costi: prima ci dichiariamo e stabiliamo la data
delle nozze. Solo in un secondo tempo guardiamo se abbiamo i soldi, se
troveremo un appartamento, se i parenti (tedeschi?) sono d'accordo. Gli
inglesi sono molto diversi da noi: ragionano sui costi e sui vantaggi del
matrimonio, cercano casa, si informano sulla dote. Poi, se tutto va bene, si
sposano.
Qual è l'atteggiamento più sensato? Il consulente matrimoniale - ecco che ci
torna utile - dirà che noi italiani siamo troppo romantici e gli inglesi non lo
sono abbastanza. Il guaio è che l'euro-romanticismo pressappochista - siamo
tanti Romeo che corrono al balcone e dimenticano la scala - non è
un'esclusiva dell'uomo della strada; i nostri rappresentanti ci somigliano (se
no, che rappresentanti sarebbero?).
Anch'essi, spesso, mostrano d'amare più la retorica che l'homework: quel
lavoro preparatorio (metodico, approfondito, poco appariscente) senza il
quale i propositi restano chiacchiere, i progetti diventano utopie e
l'europeismo diventa uno slogan.
La storia delle comunità europee è segnata, purtroppo, da questa
schizofrenia italiana (ecco spiegata la presenza dello psichiatra). Quando fu
il momento di negoziare i Trattati di Roma (1957), mettemmo in campo
ottime menti (da Alcide De Gasperi a Gaetano Martino). Ottenuto lo scopo,
abbiamo rallentato il passo. Per decenni, insieme a qualche personaggio
capace, abbiamo spedito alla Commissione di Bruxelles e al Parlamento di
Strasburgo i cascami della politica italiana. Lo storico, spero, vorrà
confermare. I risultati sono stati talvolta comici, più spesso tragici. Di alcuni
errori, subiamo ancora le conseguenze. Tristemente celebre - come
l'economista ricorda - fu il negoziato sulle quote-latte (1984). La
delegazione italiana si presentò con i dati di produzione che risalivano agli
anni trenta. Incerta se difendere i prodotti settentrionali (latte e formaggio) o
quelli meridionali (olio e vino), ripiegò sui sussidi per l'acciaio. Da un
giorno all'altro, l'Italia diventò il più grande importatore di latte del mondo;
lo è tuttora.
Altri esempi di questa splendida contraddizione tra euro-entusiasmo ed euro-
comportamenti? Il record delle infrazioni alle normative comunitarie, la
lentezza nell'attuazione delle direttive, le frodi. Nonché la spettacolare
incapacità di utilizzare i fondi strutturali europei: nel periodo 1994-1999
sono stati assegnati all'Italia 44 mila miliardi; ne abbiamo impegnati il 23%
e spesi il 14%; la regione Campania ha investito lo 0,17% della sua quota.
Con gli stessi denari, Irlanda e Portogallo hanno finanziato il boom
economico.
Ecco perché siamo comici, come sottolinea il pagliaccio (che se ne intende).
Il nostro europeismo romantico ci porta ad accettare una tassa denominata
«eurotassa» (altrove avrebbe provocato rivoluzioni), ma ci impedisce di
valutare fino in fondo l'impegno, le difficoltà (e le conseguenze) della
partecipazione all'Unione Europea e alla moneta unica. Può darsi che questa
incoscienza sia la nostra salvezza (c'è chi sostiene che non bisogna ragionare
troppo sugli ideali); ma potrebbe anche essere la nostra rovina. Per sapere
come andrà a finire, occorre un indovino. Abbiamo convocato anche quello,
come sapete. E' ora che si metta a lavorare.
Premessa

4 luglio 1997: la missione Pathfinder fa scendere sul suolo marziano un piccolo robot esploratore, il rover
Sojourner.

14 luglio 2027 (virtuale, nella realtà 10 giorni dopo) su Popolare Network, una rete di radio italiane, avverrà la
cronaca in diretta del primo ammartaggio di astronauti su Marte.

Richiesta di aiuto:

Vogliamo chiedere a voi che siete già nella Rete e quindi cittadini del XXI secolo, di partecipare a un
sondaggio. Breve, e scherzoso.

Diteci la vostra.
Sylvie Coyaud
Sondaggio, a cura di Renato Mannheimer e Arnaldo Ferrari Nasi, in collaborazione con Radio Popolare

1) Riguardo alla discesa del primo uomo su Marte che avverrà il prossimo 14 luglio 1997, alcuni intervistati ci hanno riferito che non
è giusto "spendere tanti soldi per andare in quel postaccio dal quale non si ricava una lira". Altri ci hanno riferito che invece è meglio
fare tutti gli sforzi necessari per essere i primi a scendere su Marte, potenze aliene potrebbero soffiarci nuovi territori che sono nostri
di diritto.

Lei a quale di queste posizioni si sente più vicino?

non è giusto spendere tanti soldi per andare in quel postaccio...


è meglio fare tutti gli sforzi necessari per essere i primi a scendere su Marte...
non so

2) Come lei sicuramente saprà, esiste una proposta degli abitanti e delle autorità cittadine del paese di Cerro Maggiore, secondo i
quali Marte sarebbe il luogo ideale su cui spostare, ampliandola, la discarica comunale. Questo, secondo i relatori della proposta,
contribuirebbe in forte misura allo smaltimento dell'enorme quantità di rifiuti urbani provenienti da Milano.

Esprima per favore il suo grado di accordo con questa proposta :

molto d'accordo
abbastanza d'accordo
poco d'accordo
per nulla d'accordo
non so
3) Recentemente hanno aperto agenzie di viaggi specializzate in voli interplanetari. Alcune persone hanno espresso il desiderio di
passare le ferie di Agosto su Marte. Altre preferiscono in ogni caso passare il loro mese di vacanza a Rimini.

Lei a chi si sente più vicino?

a chi ha espresso il desiderio il desiderio di passare le ferie di Agosto su Marte


a chi preferisce, in ogni caso, passare il suo mese di vacanza a Rimini
non so

4) Al convegno mondiale degli otto paesi più industrializzati, è stato proposto dall'amministrazione americana in accordo con gli
alleati della NATO, di ridipingere Marte. Essendo rosso il pianeta, si rischierebbe di sbilanciare le nuove probabili alleanze con
eventuali nativi, verso la sfera d'influenza russa.

Può esprimere il suo grado di accordo con questa proposta?

molto d'accordo
abbastanza d'accordo
poco d'accordo
per nulla d'accordo
non so

Infine, alcune domande personali che ci servono per le nostre elaborazioni statistiche.

Sesso

Maschio
Femmina

Età: 0

Istruzione

Nessun titolo/Licenza elementare

Professione

altro
Ampiezza stimata del centro abitato

meno di 5000 abitanti

Provincia:

(due lettere, sempre maiuscole, con il codice della targa automobilistica, Roma=RM)

Invia Annulla

I risultati verranno commentati su Golem e il 14 luglio 1997 su Radio Popolare.


Questioni di budget
Carlo De Benedetti Mentre la politica italiana è impegnata nella discussione, dentro e fuori la
Commissione Bicamerale, di nuovi assetti istituzionali che tengano conto
della mutata realtà di un paese che ha subito negli ultimi cinquant’anni
trasformazioni radicali sul piano economico, sociale, demografico e delle
libertà civili, è forse utile - pur nel limite di un confronto che non può
considerarsi un paragone - fare alcune considerazioni sugli ultimi
accadimenti politici americani. Ed è utile farlo proprio su un tema, quello
delle politiche di budget e fiscali, che a sua volta è al centro in Italia e in
Europa (Francia docet) di grandi scelte e cambiamenti trainati da una
occasione storica che l’Europa rischia di mancare: quella di trasformarsi da
una entità geografica, in un continente politico ed economico.

Per leggere nella giusta luce qualche considerazione sugli ultimi sviluppi a
Washington è forse bene ricordare che le elezioni americane dell’8
novembre 1994 hanno determinato il più grande spostamento a destra del
baricentro politico del paese, con la conquista della maggioranza
repubblicana sia all Camera sia al Senato per la prima volta in quasi mezzo
secolo; una coabitazione americana fra presidente democratico e
maggioranza parlamentare repubblicana che è utile avere in mente quando
in Italia si discute di riequilibrio dei poteri tra esecutivo e legislativo.
Con l’accordo bipartitico raggiunto questo mese per eliminare il deficit del
budget federale entro il 2002, per la prima volta in dieci anni quello che era
il tema più scottante della politica statunitense non è più al primo posto in
agenda. Anche se l’accordo sul budget non verrà ricordato come atto di
coraggio, esso è riuscito a superare la prova più immediata, quella dei
mercati finanziari, a far guadagnare qualche anno e a consolidare la
posizione del presidente Clinton.
Può sembrare eccessivo tanto rumore per un accordo che riduce il deficit
americano di solo l’uno per cento del PNL. Ma si tratta di molto di più di
quanto esprimano i semplici numeri. Il Congresso Repubblicano, che aveva
messo il pareggio del budget al centro del proprio programma legislativo,
voleva ridurre il ruolo del governo tagliando le imposte e le spese. Il
presidente Clinton, che aveva cambiato la propria posizione e accettato nel
1995 il principio del pareggio del budget, voleva raggiungere tale obiettivo
senza sacrificare l’impegno dei Democratici a mantenere un ruolo attivo del
governo in alcuni settori chiave.
Il fattore decisivo che ha reso possibile il compromesso è stato la pura forza
dell’economia americana. Le trattative sul budget erano sull’orlo del
collasso quando nuove previsioni di crescita hanno introdotto una novità:
ulteriori 225 miliardi di dollari di entrate fiscali. Questo inatteso sviluppo ha
consentito da una parte, un aumento dei tagli alle imposte voluti da
repubblicani e, dall’altra, un incremento delle spese nelle aree indirizzate dai
programmi Democratici permettendo comunque di eliminare il deficit
nell’arco di cinque anni. Le nuove entrate hanno inoltre permesso a tutte e
due le parti di evitare decisioni veramente dolorose nei settori sanità e
previdenza per contenere il deficit nel lungo termine.
Il compromesso, che sembra solido e stabile, ha rafforzato la posizione del
presidente sotto tre aspetti fondamentali:

● L’accordo sul budget rappresenta innanzitutto la maggiore


realizzazione politica della presidenza Clinton. In un momento in
cui molti ritenevano che Clinton sarebbe stato immobilizzato dagli
scandali, l’accordo lo conferma come un costruttore centrista del
consenso nazionale che si è tolto di dosso l’etichetta tassare o
spendere attribuita tradizionalmente al Partito Democratico.
Evidentemente, il colpo vincente di Clinton è stato quello di
guadagnare un vantaggio sufficiente nelle trattative per tenere con sé
il proprio partito. E’ riuscito ad isolare il principale avversario
Democratico, Richard Gephardt, il capo della minoranza alla
Camera, e aumentare la propria popolarità nel paese al 60%, un
livello senza precedenti.
● L’accordo ha migliorato le prospettive economiche degli Stati Uniti.
Clinton ha sempre considerato l’eliminazione del deficit, più che
fine a se stessa, come un mezzo per tenere bassi i tassi d’interesse e
sostenere la crescita economica. E’ ormai a portata di mano la vera
eredità che egli vuole lasciare - otto anni consecutivi di sviluppo e di
creazione di posti di lavoro - un record unico tra i presidenti
americani dell’epoca moderna.
● Clinton adesso può rivolgere l’attenzione altrove. Invece di puntare
sulla diplomazia ad alto profilo, come vuole la tradizione, si
focalizzerà sugli aspetti politici interni di questioni internazionali,
dove l’ultima parola spetta al Congresso: l’ampliamento della
NATO, i rapporti economici con la Cina, l’autorità della Casa
Bianca per negoziare un’ulteriore espansione di rapporti
commerciali. Saranno queste le principali prove nuove per la
strategia centrista di Clinton. La tattica adottata è quella utilizzata
per la riduzione del deficit: costruire un consenso.
I capi Repubblicani al Congresso sottolineano che il successo di Clinton non
è stato ottenuto a loro spese. Anzi, considerano l’accordo sul budget come
una pietra miliare della leadership economica Repubblicana. Tale accordo
realizza l’impegno chiave dei Repubblicani a pareggiare il budget nei tempi
da loro stabiliti, tiene fede alla promessa Repubblicana di ridurre il deficit
contestualmente alla riduzione anziché la crescita delle imposte, impone un
limite più stretto che mai sulla crescita reale della spesa pubblica annuale.
Queste svolte, dicono i Repubblicani, premetteranno al partito di recuperare
credibilità, di guadagnare nuovo impeto e di consolidare il controllo del
Congresso del 1998.
In privato, però, gli strateghi repubblicani hanno qualche riserva.
Per prima cosa, riconoscono che il merito della prosperità economica
americana verrà attribuita in gran parte a Clinton. Un’economia forte non
sarà forse decisiva nelle elezioni congressuali del 1998, che si svolgono
prevalentemente a livello locale, ma potrà dare una spinta molto rilevante
alla campagna Democratica a livello nazionale nel 2000.
Secondariamente, gli addetti ai lavori Repubblicani ammettono di essere
andati cauti nelle trattative con la Casa Bianca sul budget. Dopo essersi
scottati l’anno scorso cercando di imporre una linea dura, questa volta si
sono accontentati di limitare la crescita della spesa federale invece che
cercare di ridurre il ruolo del governo. Inoltre, quello che hanno accettato è
un rimedio veloce, non una soluzione strutturale al problema del deficit. I
veri risultati, infatti, mancano di molto gli obiettivi Repubblicani.
In terzo luogo, il Congresso Repubblicano è privo di coesione e della
leadership per sfidare la casa Bianca per quanto riguarda l’impostazione
dell’agenda nazionale. L’assenza di visione non sarà colmata da un Newt
Gingrich ridimensionato o dal dealmaker al Senato Trent Lott. Guardando
oltre il tema della disciplina fiscale, i repubblicani sono divisi sulle questioni
sociali, sulla riforma fiscale, sul commercio e sulla politica estera. I
Repubblicani, quindi, caratterizzeranno la loro azione più come opposizione
alla Casa Bianca che come elaborazione di una leadership politica
alternativa.
L’accordo sul budget conferma che Washington continua a funzionare nel
modo antico. Chi detta legge non è nessuna delle due linee di governo, ma
un equilibrio politico pragmatico fra i poteri.

Intervento pubblicato sul Messaggero del 6 giugno 1997


Ancora sull'occupazione
Antonio Martino In un precedente articolo ho sottolineato come l’intervento pubblico non
possa creare occupazione produttiva; vorrei ora illustrare come esso possa,
invece, distruggere, anche se non intenzionalmente, posti di lavoro.
Fra le cause che determinano la scarsa creazione di nuovi posti di lavoro,
una è ben nota: dato il livello degli oneri fiscali e parafiscali che gravano
sull’occupazione, perché un datore di lavoro possa assumere un dipendente
deve pagare una "multa" di oltre un milione per ogni milione di
remunerazione che corrisponde al lavoratore. Questa "multa" enorme, com’è
ovvio, scoraggia le assunzioni ed ha conseguenze particolarmente devastanti
nelle regioni meno prospere, che non possono permettersi livelli di fiscalità
così elevati. Inutile aggiungere che questa "penale sul lavoro" ha anche
l’effetto di far prosperare il lavoro nero, l’economia sommersa, perché è
interesse sia del datore di lavoro che del lavoratore cercare di evadere questo
insostenibile balzello.
Un altro fattore che determina una scarsa creazione di nuovi posto di lavoro
è rappresentato dai vincoli ai licenziamenti e alle assunzioni. Quando deve
decidere se assumere un certo numero di dipendenti o uno maggiore,
l’imprenditore opera in condizioni di incertezza: non sa se la sua decisione
di espandere si rivelerà saggia o meno. Se, quindi, lo Stato gli impedisce di
correggere un eventuale errore, adotterà una strategia prudente: sapendo che
non potrà poi licenziare, preferisce non assumere. Abbiamo così
un’occupazione forse più stabile, ma certamente minore di quanto avremmo
se assunzioni e licenziamenti fossero liberalizzanti. Inoltre, data questa
sclerosi del mercato del lavoro, se è forse vero che l’occupazione è più
stabile, diventa tristemente vero che la disoccupazione dura più a lungo. In
Italia, i disoccupati cronici, che restano in questa condizione per più di 12
mesi, sono il 70%, contro il 15% del Giappone e l’11% degli Stati Uniti.

Una terza causa importante di disoccupazione, specie giovanile, è da


individuarsi nelle norme che, per nobili ragioni, hanno inteso imporre le
stesse condizioni di lavoro s tutto il territorio nazionale. Presentata in questi
termini, sembra una decisione saggia, ma basta un attimo di riflessione per
rendersi conto della sua insensatezza. Se fosse possibile, senza conseguenze
negative, imporre alle regioni più povere le stesse condizioni di lavoro che
quelle più ricche possono permettersi, la povertà sarebbe immediatamente
debellata. Purtroppo, non è così. Alle nobili intenzioni hanno fatto seguito
conseguenze devastanti: il tasso di disoccupazione nelle regioni del sud è
enormemente maggiore che non nelle regioni prospere del nord. In
compenso, i disoccupati meridionali hanno la (magra) consolazione di
sapere che, se avessero un lavoro, sarebbero remunerati come i loro
connazionali del settentrione. Ha senso tutto ciò?

I salari reali elevati sono la conseguenza della prosperità, non la sua causa:
quando i paesi diventano ricchi possono permettersi salari elevati, non il
contrario. Imporre a regioni povere salari elevati significa condannare i
lavoratori di quelle regioni alla disoccupazione. Lungi dall’aiutarli, la
decisione li rovina: preclude loro la possibilità di trovare lavoro.

Cosa dovremmo fare? Se invece di perseguitare ferocemente l’occupazione


tassandola in misura che non ha eguali nel mondo industriale, la Stato
consentisse ai datori di assumere senza penali di sorta; se, invece di
soffocare sotto una montagna di adempimenti amministrativi le iniziative
imprenditoriali, lo si incoraggiasse; se, ogni qual volta si deve dar vita ad un
insediamento industriale, si rinunziasse a mettergli i bastoni fra le ruote in
mille modi; se, invece di punire il successo, tassandolo e premiare i
fallimenti con le mille forme di aiuti, si consentisse alle imprese di operare
in condizioni di piena responsabilità; se si facessero tutte queste cose,
l’economia italiana creerebbe in un batter d’occhio molte centinaia di
migliaia di nuovi posti di lavoro. Se non si fanno, la colpa è delle sinistre dei
sindacati, cioè proprio dei "marciatori" per il lavoro che, dopo avere
determinato il dramma della disoccupazione con la loro demagogia, hanno
anche l’imprudenza di mostrarsene preoccupati.
Welfare, domanda sociale e spesa sociale
Paolo Palazzi Gran parte delle stime di dinamica della spesa sociale si basano su
proiezioni "oggettive" essenzialmente demografiche e sociali; ne consegue
che si tratta di vere e proprie proiezioni di domanda potenziale di servizi. È
prevalente inoltre l'assunzione che non sia politicamente ed
economicamente perseguibile la possibilità di una soddisfazione pubblica di
tale domanda in quanto comporterebbe un aumento notevole di tassazione.
In questo quadro si colloca il nodo della ristrutturazione del welfare, ma non
è assolutamente chiaro chi pagherà e quali conseguenze di breve medio e
lungo periodo si potranno avere.
Fra tanta confusione una cosa è comunque certa: contrariamente a quanto si
vuol far credere la ristrutturazione del welfare costerà e quindi gli eventuali
benefici andranno commisurati ai costi.

L'obiettivo di base di intervento sul welfare è quello di ristrutturare la spesa


pubblica in modo da renderla autonoma rispetto la dinamica della domanda
sociale stessa. Ci troveremo quindi davanti alla tendenziale costanza o
riduzione dell'offerta pubblica di servizi di fronte ad una innegabile
tendenza ad un aumento di domanda di tali servizi.
Le alternative che le famiglie hanno di fronte sono due:

a) repressione di segmenti di domanda potenziale di servizi sociali


b) soddisfazione privata della domanda.

a) Riduzione della domanda potenziale di servizi sociali.


Considerando il fatto che la stragrande maggioranza di domanda di quei
segmenti di welfare scaturisce da bisogni effettivi primari e non di lusso
(sanità e pensioni), un'ipotesi di compressione della domanda, che non
ricorra all'eutanasia oltre una certa età, ha il significato di peggiorare la
qualità della vita (fra l'altro in situazioni delicate quali la malattia e la
vecchiaia) di un numero imprecisato ma comunque notevole di popolazione;
anzi, tendenzialmente di gran parte della popolazione se pensiamo che
prima o poi quasi tutti si trovano nel corso della vita in una situazione di
bisogno di interventi di welfare di quel tipo. Naturalmente non tutti si
troveranno ad essere colpiti nella stessa misura, quindi la prima questione
che il governo dovrebbe rendere esplicita è l'analisi per fasce e tipo di
reddito, per identificare i soggetti che saranno più costretti ad una riduzione
di domanda.

b) Soddisfazione privata della domanda di servizi.


Visto che si tratta di bisogni primari, è presumibile che una conseguenza dei
tagli sia quella per le famiglie di tentare di soddisfare privatamente la
domanda sociale precedentemente soddisfatta dallo stato.
Non essendo prevista, né possibile, una diminuzione sensibile della
tassazione, è altamente improbabile che con il risparmio di tasse sia
possibile supplire in maniera significativa al taglio dei servizi pubblici
ricorrendo ai privati. È praticamente sicuro che il mantenimento di un livello
simile di servizi comporterà un notevole onere finanziario aggiuntivo alle
famiglie. Conoscere quale possa essere il livello di tale onere e quali le
conseguenze in relazione alla struttura del consumo, alle reazioni del
mercato del lavoro interno ed esterno alle imprese, è indispensabile per
cercare di avere un quadro dei costi sociali di una tale ristrutturazione.

Non disponendo di dati e informazioni su come si interverrà sul welfare si


possono elencare gli elementi a favore rispettivamente di una
privatizzazione della soddisfazione di servizi sociali e una soluzione
tradizionale della soddisfazione pubblica, con conseguente necessità di
aumento di tasse.

1. Elementi a favore della soluzione privatistica:

a) un aumento della tassazione è considerato economicamente dannoso,


essenzialmente perché esso sarebbe in parte a carico delle imprese (con
conseguenti meno investimenti e meno occupazione), mentre i tagli
sarebbero solo pagati dalle famiglie;

b) il privato può produrre più efficientemente e quindi a costi minori e/o


migliore qualità rispetto al settore pubblico;

c) ci potrebbe essere una più ampia possibilità e libertà di scelta delle


famiglie nel modo di soddisfare i bisogni sociali (maggiore flessibilità
dell'offerta);

d) ci sarebbe una tendenza ad una migliore educazione delle famiglia ad una


struttura della spesa familiare a più elevati contenuti di consumo sociale
(fine dello "stato mamma" e maggiore responsabilizzazione individuale).

2. Elementi a favore di un aumento della tassazione:


a) possibilità di predeterminazione di chi paga i costi dei servizi (tasse o
prezzi dei servizi) e quindi, presumibilmente, maggiore equità;

b) possibilità di rilevanti economie di scala nell'erogazione dei servizi (ad


esempio le assicurazioni private sarebbero più costose);

c) aumento notevole di un dualismo di prestazioni, quelle pubbliche più


scadenti e rivolte a strati marginali di popolazione, quelle private fortemente
differenziate e difficilmente controllabili;

d) non ricadrebbero sulla responsabilità individuale scelte che coinvolgono


terzi (figli) o un lontano futuro (vecchiaia) o avvenimenti incerti (malattia);

Ognuno di questi punti andrebbe discusso vagliandone la sua attendibilità, i


costi e i benefici. Purtroppo questo non è ancora stato fatto e il Rapporto
della Commissione sulla Spesa Sociale è molto carente su questi temi.

La speranza è che le decisioni che a breve termine verranno prese tengano


conto di una seria e trasparente analisi dei costi e dei benefici, indicando
chiaramente la quantità dei costi e dei benefici e soprattutto individuando i
soggetti sociali che questi costi e benefici subiranno o godranno.
Decalogo
Maurizio Chierici Noi vecchi del pedale riceviamo da trent’anni lettere che si somigliano.
Come si fa a diventare giornalisti che viaggiano? Adesso le lettere crescono.
Un po’ per mitologia TV, soprattutto per le lauree che restano a secco, senza
posti, senza paga. E i giovani si danno daffare. Pretendono ricette precise,
mai romanticismi. Ecco perchè butto giù una specie di decalogo pret-à-
porter.

1. Vietato frequentare università dove giornalismo e comunicazione


diventano bibbia del mestiere. Si finisce nel calderone di psicologi,
sociologi e laureati in scienze politiche: da anni ciabattano come camerieri o
postini part-time per tirar su qualcosa. All’università distribuiscono
un’eccellente teoria. Che fa sognare, ma non pesta mai il fango delle piccole
realtà e non fortifica la volontà del non mollare fino all’ultima riga, la
curiosità civile di sapere e raccontare proprio tutto. L’università sta
diventando utile a professori che anni fa si erano incantati nella stessa
illusione. Bisogna capirli. Peccato per gli insegnanti del vecchio Luigi
Einaudi: "le ferrovie devono servire ai viaggiatori e non ai ferrovieri".

2. Garantirsi - ma subito - con la tessera di un partito. Anche il parcheggio


in un’area influente va bene. Fino a qualche anno fa era indispensabile. Poi
il disastro di tangentopoli. Si stanno riorganizzando e la moda ritorna alla
grande. Un giornalista con tessera gode infiniti vantaggi. Non solo i partiti
invocano nelle redazioni uomini di fiducia quando devono far sapere certe
cose, ma sono le stesse TV, gli stessi giornali a scegliere redattori unti della
doppia stima: professionale e di partito. In caso di vittoria elettorale, il buon
posto alla Rai non lo leva nessuno. Mettiamo che il Polo riperde: è possibile
rifugiarsi fra le braccia di Mediaset. Senza contare che se sei comunista o
fascista, democristiano (non importa le famigliole) o forzista, con tessera o
simpatico al potente, la chance del pentimento spalanca fantastiche
prospettive. Nel nostro mondo ex, l’Ex viene coccolato dalla definizione di
giornalista onesto. Quando il suo cassetto è colmo di memoriali che
rivelano i segreti degli antichi protettori, soldi a gogò. Come per i
maggiordomi di lady Diana. Si può resistere alla tentazione di dettare le
memorie? Tra i più apprezzati, i transfughi decisi: da cronisti comunisti alla
corte di Berlusconi. Sono loro candidati all’Oscar.

3. Consigliabile l’iscrizione alla massoneria. Meglio ancora se la loggia è


coperta o in odore di P2. Prova del nove: aprendo la TV o sfogliando i
giornali, quanti vecchi piduisti incontrate ogni mattina? Controprova: fra i
mille giornalisti disoccupati che intristiscono davanti a computer vuoti,
riuscite a scovare un piduista senza lavoro?

4. Chi non sopporta di allacciare il grembiule dello spiritualismo massonico,


o di finire nei bisbigli segreti dell’Opus Dei, deve almeno iscriversi a
Rotary, Lions, Soroptimist. Vanno bene anche Fornelle e Moica,
associazione casalinghe. L’importante è l’aggancio con comunità
organizzate. In caso di bisogno, soccorre sempre.

5. Passaggio delicato: come diventare simpatici ai capi. Prima di tutto


l’abito fa il monaco. Quando i direttori passeggiano in redazione in blu, le
redazioni devono aver l’aria di un matrimonio o di un funerale. Se le cupole
vestono sportivo, bisogna diventare un campo da golf. E quando il capo
fuma la pipa non resta che adattarsi e far domande sulla mistura del tabacco.
Consigliabili alle ragazze gridolini di piacere appena la nuvola profumata le
avvolge fino alla tosse. Meglio far capire: se non fosse sconveniente ci
proverei anch’io.

6. Scrivere non è difficile dopo i primi allenamenti. Ma l’obbedienza cieca,


pronta e assoluta a volte riesce complicata. Comunque richiede allenamento.
Non mancano maestri. E poi, cari ragazzi, lasciate perdere il romanticismo
dei viaggi. Internet, agenzie, telefonate: insomma, il giro del mondo attorno
al tavolo viene meglio ed ha il pregio di somigliare - il mattino dopo - a tutti
i giri del mondo di tutti gli altri giornali o TV. Titoli compresi. Per allargare
lo scheletro della notizia in arrivo sempre dalla stessa fonte, frugare gli
archivi. I vecchi inviati, dinosauri in estinzione, avevano il vizio di andare a
guardare da vicino e convivere con i protagonisti di ogni avvenimento.
Mangiare, dormire, spaventarsi assieme a loro. Hanno lasciato qualche
brivido negli articoli sepolti in fondo agli schedari. Si possono
tranquillamente copiare. Nessuno li ricorda più.

7. Se proprio dovete andare in un posto agitato, non perdetevi nella


sciocchezza del raccontare cosa sta succedendo (agli altri). Siete voi i
protagonisti che i lettori conoscono. Devono assolutamente sapere come
avete dormito, se mangiate giusto oppure no. Freddo e caldo torrido, senza
stufe o condizionatore. Insomma, vita insopportabile con gli odori
voltastomaco delle città che bruciano. Lasciate, ormai, perdere fischi di
granate e pallottole che sfiorano il taccuino. Troppo sfruttate. L’ultima botta
l’hanno presa nei racconti scritti sotto i cannoni di Sarajevo. Mille volumi,
milioni di pezzi, chissà quanti special TV. Protagonisti sempre loro, grandi
inviati che a casa si commuovono nel ricordare come sono riusciti a tornare
vivi. Se in certi posti non andassero i giornalisti, migliaia di presone
morirebbero senza una foto. Ecco perché con un po’ di fortuna i morituri
diventano profughi, mentre il reporter si becca doverosamente premio e
medaglia mentre l’orchestra suona nell’Italia delle vacanze.

8. Appena la brina gela le redazioni - cambio di editore o direttore - non


bisogna innervosirsi. Mantenere la calma ma esplorare fino alla paranoia la
geografia delle amicizie dei nuovi che arrivano. Politiche economiche:
meglio se rosa-salotto.

9. Quando il gelo continua, scrivere un libro. Ricordi di viaggio, una


persona che non dimenticherò mai, un po’ di porci con le ali. Se raccogliete
le vostre spiate di traditore che ha girato bandiera, torna il discorso del
comandamento numero due: la carriera vola. Dedicare alla stesura del libro
non più di due mesi. Purtroppo bisogna anche scriverlo, ma in fretta. Dopo
comincia l’impegno delicato: le presentazioni. Giri nei Rotary, nei Lions e
fra le dame della provincia Italia. Soprattutto giri TV a partire del mitico
Costanzo Show. Quale fortuna se nella sedia accanto Bevilacqua confida la
sua ricetta per far durare il matrimonio.

10. I soldi. La busta paga sintetizza le virtù sopra indicate. Ogni volta che
trasgredite, spariscono bigliettoni. Fate bene i conti.

Questo il possibile breviario del successo. Lo scrivo con rimpianto: peccato


aver impiegato troppi anni per scoprire le regole d’oro. Adesso so come si fa
ma non faccio in tempo a farlo. Provate voi. Con un’avvertenza. Controllare
con attenzione se gli obbedienti sono proprio felici.
Una rivoluzione senza contenuti
Piero De Chiara Dove arriveremo nessuno lo sa; ma siamo partiti.
Persino l'Italia si è dotata in tempo utile di una legge sulle comunicazioni a
distanza, analoga a quelle della Francia e della Germania, a loro volta
derivate dalla legge americana approvata dal Congresso appena cinquecento
giorni fa.
C'è da sorprendersi della velocità di reazione degli europei.
Stet, France e Deutsche Telecom erano state per decenni i fiori all'occhiello
dei caratteristici monopoli pubblici europei: profitti annui complessivi
superiori ai diecimila miliardi e una grande capacità di distribuire favori ai
partiti di governo.
Improvvisamente questi gioielli rischiavano di divenire dei pesanti
dinosauri, inadatti alla evoluzione.
In pochi mesi gli americani e gli inglesi, che in questo campo beneficiavano
della più riuscita riforma tatcheriana, hanno acquisito un consistente
vantaggio, spettacolarizzato da clamorose fusioni societarie.
Lo stesso apparato istituzionale europeo appariva inadatto, imperniato su
ministeri che erano in realtà alle dipendenze dei rispettivi monopoli
pubblici. La nuova situazione richiede invece arbitri imparziali, a tutela
della concorrenza e degli utenti.
Senza arbitro, niente investimenti. Sei out.
Stavolta francesi e tedeschi non hanno scelto l'arroccamento continentale.
Dapprima hanno rafforzato l'alleanza tra i loro monopoli, poi hanno
acquistato una media compagnia telefonica americana, infine si sono dati
una legge in linea con quella americana e hanno iniziato la privatizzazione
delle loro aziende.
A qualcuno può sembrare strano, ma in Italia è successa la stessa cosa, sia
pure con qualche mese di ritardo. Vista da vicino, sembra quasi che sia
successa per caso. Il processo che ha portato alla nuova legge è infatti
paradossale.
Per un anno le commissioni parlamentari sono rimaste impaludate sulla
questione televisiva, alle prese con domande quali: quando Retequattro va
su satellite? La Rai deve fare una rete federale? Quanti minuti di pubblicità
per ogni ora di trasmissione? Domande paralizzanti, stante la forza politica
degli interessi conservatori in campo, Rai e Mediaset soprattutto.
Il Senato si apprestava a votare la più classica delle leggi fotografia
dell'esistente, quando il ministro Maccanico ha raccolto un suggerimento del
senatore Carlo Rognoni: approfittiamo di questo noioso pareggio televisivo
e infiliamo nella legge le norme sui telefoni e sulle reti. Panico. Le domande
venivano formulate in una lingua sconosciuta ai parlamentari: concessioni o
licenze? Chi stabilisce il prezzo quando due reti si interconnettono? Come si
finanzia il servizio universale?

C'era solo una settimana di tempo; non c'è stato quasi dibattito, nè in
commissione, nè in aula. La legge è stata scritta dai consulenti del ministero,
pressati da vicino dalle imprese. Stavolta, e qui sta la novità, non dalla sola
Stet che dettava i suoi calcoli, ma da tutte le imprese potenzialmente
interessate a investire in Italia.
Per fortuna non c'era tanto da sbagliare; nel dubbio si poteva dare
un'occhiata alle freschissime leggi tedesca e francese, e copiare.

Non bisogna credere che a fronte di politici frastornati siedano lucidi poteri
aziendali. Anche le imprese, viste da vicino, appaiono lacerate da culture
interne che fanno fatica a comunicare. Gli ingegneri sostengono di potere
servire messaggi comunque impacchettati su differenti bande di frequenza
via etere, oppure su cavi diversi, in vari modi compressi. Wired o wireless,
le alternative tecnologiche sono molteplici, anche troppe; qualcuna resterà
teorica.
Il marketing segnala che i prezzi ai quali si vende la capacità trasmissiva
stanno crollando. Occorre sviluppare servizi, che trovino un pubblico
disposto a pagare. Che non è facile, in un momento nel quale la piattaforma
più dinamica, le reti che accettano il protocollo Tcp-Ip, è caratterizzata dalla
comunicazione gratuita.
Gli uomini delle relazioni esterne dichiarano trionfanti: tutti i mercati sono
simultaneamente aperti, Europa e Cina compresi. Troppo, per i gestori dei
fondi di investimento, ai quali spettano le decisioni finali: dove investire,
vendendo che cosa e puntando su quale tecnologia?
Negli ultimi anni le principali multinazionali del settore hanno spedito in
Italia i loro lobbisti e hanno costruito società di carta con qualche decina di
miliardi di lire. Nelle prossime settimane chi vorrà giocare seriamente dovrà
investire migliaia di miliardi in società vere.
Intanto già a Natale compreremo ai nostri figli un telefonino da trecentomila
lire e ci abboneremo a qualche decina di canali satellitari. Poi arriveranno
servizi più sofisticati, meno strettamente derivati dai tradizionali servizi
televisivi e telefonici. C'è anzi da scommettere che il vero motore di questa
offerta deriverà da altre industrie, quella del cinema e, soprattutto, quella
dell'informatica.

L'Europa ha accettato la legge americana e si appresta a mettere in vendita e


in concorrenza le sue aziende. Una scelta saggia, a condizione che si
cominci a ragionare sulla industria del software.
La rivoluzione delle regole, per caso o per necessità, è stata impostata.
E' ora il momento della politica industriale o comunque la si voglia
chiamare.
Per la politica europea, che in questo campo si era ridotta a marchingegni
quali la rottamazione, è la sfida più difficile.

Webgrafia a cura di Dino Lorimer


Webgrafia ragionata
Dino Lorimer Innanzi tutto una avvertenza: in questi ultimi mesi linkare non è più
considerata un’attività "safe" per cui secondo alcuni è opportuno adottare
delle precauzioni, cosa che probabilmente non aveva fatto Total news che si
è trovata in poco tempo nei guai, per la storia e per alcune considerazioni
sensate si veda qui.

La ricerca di materiale in rete non è sempre semplicissima, soprattutto se


non si conosce il gergo legislativo o le modalità di messa a disposizione. Ad
esempio non appaiono link alla legge tedesca perché non conoscendo il
tedesco la ricerca della legge diventa esercizio difficile anche se ftp://info2.
rus.uni-stuttgart.de/ potrebbe nascondere qualche cosa di interessante.

Ma andiamo per gradi, iniziando dalla legge italiana: al 28-5-97 l'unico


riferimento per ora reperibile è presso il web del Senato.

Portava ancora il titolo dell'atto parlamentare perché non ancora pubblicato


sulla Gazzetta Ufficiale. Non so se rimarrà accessibile anche dopo la
pubblicazione e se manterrà la URL suindicata.

E' interessante notare che almeno fino a qualche tempo fa NON esisteva
nessun sito pubblico che riportasse in modo sistematico le leggi vigenti. Vi è
un sito privato che riporta la Gazzetta Ufficiale così come vi sono banche
dati a pagamento che riportano la legislazione vigente.

E' possibile che in futuro l'autorithy metta a disposizione il testo della legge
sulla falsa riga di quanto fa già l’autorità garante della concorrenza e del
mercato. Per adesso però è interessante notare come ad esempio il servizio
editoria della presidenza del consiglio non si prenda la briga di mettere in
rete le leggi amministrative .
Per un confronto è utile sottolineare che in Francia il Ministero
dell'Informazione ha un web-site ben fornito della documentazione
necessaria . Il raffronto purtroppo non si può fare con il Ministero delle
Poste e Telecomunicazioni perché questo ministero è fra quelli che ancora
non hanno attivato un Web http://poste.quandomai.it ....

Ma dei siti visitati il più interessante è forse quello della FCC, la Federal
Communcation Commission, non solo per la quantità di materiale messa a
disposizione, ma anche per i link ad altri siti governativi dove è possibile
reperire altro materiale sul Communication Act, fra questi da segnalare
http://www.state.wi.us/agencies/ per la ricca serie di rimandi, tra cui, in gran
quantità, i documenti relativi alla nota vicenda del Decency Act.

Per chi ritiene che l'utilizzo della rete è possibile non solo per la
pubblicazione delle leggi ma anche per la messa a disposizione del materiale
preparatorio, sarà senza dubbio affascinato dalla ponderosa relazione
preparata da una commissione del senato francese per l'esame delle
prospettive di France Telecom .

Un altro esempio lo si può trovare http://wn.apc.org/opengov/ dove sono


disponibili tutti i documenti preparatori alla discussione sul nuovo assetto
delle telecomunicazioni Sudafricane.

Ma cosa sarebbe un articolo oggi senza un accenno all'Europa? E allora


perché non guardare cosa ha detto la Commissione sulle questioni delle
telecomunicazioni?

Per chi volesse un punto di vista ancora più ampio ecco la International
Telecommunication Union . Il rischio però è che si legga sempre e solo il
giudizio dei potenti del mondo, e allora un salto nell'emisfero australe può
offrire dei buoni punti di partenza .

Infine alcune home page delle Telecom europee:

Italia
Francia
Germania
Inghilterra
Passione e morte della terza dimensione
Ruggero Pierantoni Una storia assai singolare è quella delle molteplici ma infelici, e a volte
catastrofiche, battaglie condotte dal cinema per impossessarsi della terza
dimensione. Lungo circa un secolo si sono succeduti tentativi spesso assai
intelligenti, quasi sempre immensamente costosi, di proporre al pubblico
immagini che potessero avere anche una evocativa parvenza di pretendere di
essere tridimensionali. I sistemi escogitati, per quanto ingegnosi, sono quasi
sempre naufragati sulla estrema sensibilità che il nostro occhio (o, meglio, il
sistema visivo nel suo complesso) ha per piccolissimi disallineamenti
spaziali, discontinuità temporali, sfasamenti acustico-visivi e instabilità
della percezione cromatica. Anche nelle soluzioni più sofisticate si doveva
contare sull’utilizzo della proiezione simultanea con almeno due proiettori e
mediante due o tre pellicole scorrenti indipendentemente le une dalle altre.
E’ immediato individuare tutta una serie di quasi inevitabili "scollamenti"
percettivi tra le tre immagini che si sarebbero dovute sovrapporre l’un l’altra
assolutamente in registro sia temporale che spaziale. Il cinema sembra aver
ormai rinunciato alla sua terza dimensione per puntare su di una spazialità di
tipo acustico o "ambientale" piuttosto che su di una illusione di profondità
visiva ottenuta con questi mezzi.
E’ questa una storia assai complessa perché in qualche modo essa coinvolge
quella curiosa creatura tecnologica ma anche filosofico percettiva (e forse
anche esteticamente feconda) che è, o forse solo era, l’olografia. Come è
ben noto l’olografia ha avuto una storia assai infelice e il marchingegno non
è riuscito a conquistare i mercati anche se gli apparati ottici per produrre
straordinarie illusioni spaziali siano estremamente economici e quasi
elementari mentre la visione di oggetti quasi completi nella loro
tridimensionalità non è operazione né costosa né troppo impegnativa
tecnologicamente. Ogni possessore di "gioielli olografici", che ebbero la
loro voga circa dieci anni fa, sa come le immagini che essi custodiscano,
vascelli, conchiglie, visi umani, sculture siano enormemente evocative e non
abbiano nessun competitore derivante da altre modalità di rappresentazione.
La televisione sta definitivamente enfatizzando la propria bidimensionalità
ampliando lo schermo con il renderlo enfaticamente piatto, espandendolo
sulla parete sino ad occuparla completamente. Lo schermo a grande
superficie che sarà o di già è a cristalli liquidi, e quindi a controllo digitale,
ha anche rinunciato alla parvenza di rotondità che caratterizzava i "vecchi"
schermi e si presenta assolutamente planare in ottemperanza morfologica gli
schermi dei PC portatili. Inoltre, la peculiare qualità della luce emessa dai
cristalli liquidi che non si distribuisce nello spazio con la omogenea
diffusione della luce "naturale" impone una stazione di osservazione assai
centrale e una progressiva drastica riduzione della qualità di osservazione
sotto angoli anche di poco lontani dalla normale allo schermo. Questo
effetto è ben noto a chi cerchi di seguire cosa appare sullo schermo a
cristalli liquidi operato da un’altra persona.
Con una straordinaria e parallela corsa alla imitazione la cartellonistica
pubblicitaria ha adottato i rapporti proporzionali degli schermi televisivi e
ampliato al massimo la conquista della parete. Ogni forma di pubblicità
"tridimensionale" è praticamente scomparsa o resa impensabile, non
esistono, detto in breve, forme pubblicitarie tridimensionali perché le grandi
e grandissime scritte luminose hanno una decisa tendenza alla
bidimensionalità e ogni effetto spaziale viene accuratamente evitato. Se per
opportunità architettonica una torre può portare in alto un messaggio che
deve essere visibile dai "quattro orizzonti" allora la ditta progetta e
costruisce quattro schermi piatti ognuno fronteggiante un punto cardinale.
Ma non verrà in mente di progettare e costruire un cubo luminoso con scritta
tridimensionale. E’ ben nota l’antipatia che la scrittura ha per la terza
dimensione. Quasi immediatamente dopo "l’invenzione" delle "bullae" di
terracotta del primo periodo di Ur che registravano nello spazio fisico della
"bulla" la distribuzione reale di oggetti tridimensionali l’appiattimento che
determina la pagina bifronte delle tavolette mesopotamiche. E da allora,
quale che sia stata la procedura di scrittura, i simboli si sono andati
allineando su superfici planari. Una scrittura tridimensionale non ha senso e,
quando si hanno monumenti o altri oggetti a grande scala che mostrano una
consistente terza dimensione in realtà portano il messaggio scritto
chiaramente sulla "facciata". Il necessario abbinamento tra parola e
immagine che caratterizza ogni forma di propaganda ha, come dire,
trascinato l’immagine entro lo spazio "scrivibile" e l’ha asservita alla
disposizione dello spazio piatto ad essere sottodiviso in stringhe quasi
monodimensionali.
Vorrei per brevissimi cenni alludere a questa interessante perdita della terza
dimensione che ha caratterizzato la cultura umana e il suo sviluppo storico.
Non è il caso, né il luogo naturalmente, per una indagine accurata e una
disanima storica ricca di esempi. Basteranno pochi accenni perché il
semplice assunto sembri presentato: la terza dimensione è una variabile
perdente nella storia della cultura umana.
Quasi fosse una sorta di estrema sintesi a questa semplice osservazione
vorrei notare che questo scritto non solo, naturalmente, non occupa terza
dimensione, ma non lo fa neppure virtualmente. Non esisterà infatti neppure
il sottilissimo supporto di carta che lo sostenga e che, assieme ad altre
"pagine" può finire per costituire un vero e proprio "volume"
tridimensionale. Il fatto che la direzione di Golem preveda una stampa dei
testi è solo un fenomeno secondario e del tutto irrilevante dinanzi alla
qualità assolutamente primaria di questi testi di essere stati concepiti, scritti
e immessi in rete solo su supporto informatico.
Se questo scritto per Golem dovesse, infatti, restare filologicamente corretto
secondo le intenzioni e le modalità di questa forma di comunicazione esso,
letteralmente parlando, esisterebbe solo come fluttuazione di luminanza su
di un certo numero di schermi di vetro. Fuggevole e immediatamente
eliminabile. Quasi istantaneamente trashabile senza i fumi e le urla e le
fiamme dei falò di qualsivoglia religione o ideologia. La perdita della terza
dimensione, la occupabilità dello spazio da parte di un supporto reale e
fisico, il suo deposito direi quasi anatomico e massivo in luoghi dedicati
rende questi "scritti" estremamente fragili .Ma allo stesso tempo
invincibilmente indistruttibili, così pare almeno a primo sguardo. Infatti se è
facile bruciare il Mein Kampf per esempio o l’Opera Completa di Alberoni o
le Pagine Gialle di Chicago, Illinois, non dovrebbe essere altrettanto facile
fare lo stesso con la distribuita e liquida qualità degli scritti su Golem che
dovrebbero diffondersi istantaneamente nella "rete" divenendo isotropi con
il pianeta. Allo stesso tempo la diffusività assoluta dello scritto che assicura
loro una perfetta "solubilità" spaziale mentre li distribuisce omogeneamente
sulla "rete" li nasconde alla vista immettendoli in una immensa discarica di
idee il cui ordine e architettura non sembra essere regolabile e che si
sviluppa cresce o collassa secondo strategie temporali ancora non
prevedibili. Discarica immensa e dalla quale le procedure di "retrival"
possono essere estremamente costose in termini di tempo e di energia.
Comunque vorrei ritornare alla questione iniziale concernente il difficile
cammino che la terza dimensione sembra seguire accanto allo sviluppo della
cultura umana. Non è quantificabile per nulla il tempo trascorso ad
osservare una immagine bidimensionale da un individuo umano in varie
tappe della civiltà e una valutazione anche estremamente imprecisa in
termini quantitativi sarebbe solo un falso ideologico. Ma proviamo ad
immaginare alcuni casi ricostruibili con una certa ragionevole
approssimazione.
Un uomo del Neolitico ha occasioni assai rare di osservare una immagine
bidimensionale, dovrebbe essere proprio il creatore di queste immagini per
stabilire una significativa percentuale del proprio tempo destinato alla
osservazione (e alla produzione) di tali immagini. Tutto il tempo andrà
invece speso nella terza dimensione ma non in modo "sportivo" o
"turistico". Ogni atto nello spazio diviene un atto di sopravvivenza, la
precisione di un lancio, la valutazione di una distanza, il calcolo mentale di
una profondità, di una velocità o di una accelerazione può essere fatale se
errato o salvare la vita se corretto. Quindi non solo le due dimensioni
occupano un ruolo infinitamente ristretto, quanto ad esposizione temporale,
ma l’abitare la terza dimensione ha una importanza primaria come dialogo
diretto con essa e non puro esercizio formale.
Un greco colto del quinto secolo avanti Cristo con molta probabilità
spenderà un tempo assai più elevato nel leggere un papiro, nel guardare le
immagini dipinte sulla superficie di un vaso, nell’esplorare un affresco o una
serie di bassorilievi. Ma certamente il dialogo con la terza dimensione deve
essere ancora assolutamente prevaricante come esperienza sia quotidiana
che di vita. Al medesimo tempo il rapporto di diretta sopravvivenza dovuto
alla corretta o incorretta soluzione di infiniti problemi sulla terza dimensione
continuerà ad interessare strettamente il guerriero, il navigante, il pastore, il
costruttore ma sempre meno il legislatore, il poeta, il pittore, l’avvocato, il
pediatra, il decoratore eccetera.
Questo gioco di valutazione episodica e aneddotica del "tempo trascorso
nella terza dimensione" può essere continuato ma non è qui il luogo per
farlo se non accennando a certi passaggi assai critici. A me sembra assai
interessante la transizione tra vetrate dipinte medievali e pareti affrescate. In
entrambi i casi si tratta dell’esposizione a vastissime superfici
bidimensionali colorate e quindi entrambe riconducibili entro la qualità della
bidimensionalità. Ma si consideri la vetrata. Essa in realtà impone al suo
osservatore di camminare nella sua luce colorata, i santi, i martiri, i re
saranno ben piatti e bidimensionali ma la luce colorata si presenta come
volume tridimensionale entro cui fisicamente camminare. La
contemplazione di un vastissimo affresco non solo concentra l’attenzione su
di una superficie piatta ma la rende remota, irraggiungibile, veramente e
solennemente ottica. E’ un fatto ben noto, ma ancora non ben compreso, il
meccanismo della scomparsa delle vetrate alla fine del Gotico. Non si
comprende bene come una tecnologia così sofisticata, una serie di soluzioni
tecniche ed estetiche di estrema eleganza, un sapere così sottile e diffuso
sulla lavorazione e colorazione del vetro venga così improvvisamente
obliterato lasciando solo alla parete il compito di narrare le Storie della
Chiesa o dei vari altri Poteri.
Si potrebbe assai facilmente ricostruire una giornata "fiorentina" o "senese"
o in Utrecht in cui un mercante o legale o religioso potrebbe passare una
notevole parte del suo tempo in contatto con documenti (quindi oggetti
rigorosamente bidimensionali), mentre una porzione sempre più ridotta dei
suoi concittadini, sellai, orefici, muratori, mulattieri, mercanti, questuanti
continuano ad avere rapporti stretti ma non vitali con la terza dimensione.
L’avventura della prospettiva occuperebbe, di natura e d’imperio, una
porzione centrale in questa storia della perdita della terza dimensione.
L’aver codificato la sua morte reale ed averla sostituita con un algoritmo
illusorio di enorme potenza e precisione evocativa rappresenta un punto
assai critico in questa strana storia. Ma vorrei che la velocità della storia
andasse accelerando assai per giungere al momento, quasi attuale, della
assoluta vittoria della coppia X-Y e la quasi scomparsa dell’imbarazzante Z.
Il cinema ha rappresentato una frazione non trascurabile di tempo sociale
inteso a osservare oggetti strettamente bidimensionali. E non si deve
dimenticare che il teatro che, strutturalmente, rappresenterebbe un’arte dello
spazio in realtà, con il costringere gli attori a muoversi entro una ben
limitata frazione illuminabile del palcoscenico, aveva di già predisposto una
potente anticipazione della perdita della terza dimensione. In un certo senso
il nascente cinema delle origini non fa altro che certificare la morte dello
spazio teatrale con il drappo bianco e piatto sul quale vanno a proiettarsi i
vari treni in arrivo. In arrivo più che in partenza.
L’esplosione sociale della televisione viene a concludere la storia portando
il tempo fisico, espresso in minuti e ore (in questo caso siamo certo ben
serviti da infiniti dati statistici di ogni tipo) destinato alla visione di oggetti
tridimensionali a livelli mai esperimentati prima nella nostra storia. A
questo dato si accompagnano altri fenomeni che sono stati molto spesso
analizzati e con grande acutezza: la bidimensionalità della visione di
paesaggi, luoghi, città, strade eccetera dovuta ai mezzi di trasporto che
fanno vedere benissimo l’esterno, ma attraverso un diaframma trasparente
infrangibile e inattraversabile. La perdita di competenza spaziale di noi
attuali umani è enorme. Basti pensare alla continua, ma assolutamente
giustificata, lamentazione di genitori e di insegnanti su bambini e giovani
che non manifestano nessuna capacità, non solo alla resistenza fisica del
camminare, ma neppure alla orientazione, alla soluzione di anche
semplicissimi problemi spaziali. Non ultimo caso da analizzare è l’enorme
incidenza degli incidente stradali la cui natura è assai spesso derivata da
gravissimi errori di valutazione nelle distanze, nelle velocità e nelle
accelerazioni.
Ma un dato diviene ulteriormente interessante e certo allarmante. Non solo il
tempo destinato alla contemplazione passiva di immagini bidimensionali
colorate e mobili è aumentato in modo straordinario, ed è caduta nel
contempo la competenza spaziale di adulti e bambini, ma la superficie piatta
si è ristretta in modo estremo. Un apparecchio televisivo viene osservato
sotto un angolo visivo di circa 30 gradi o poco più. Tutto il resto diviene
"background" e perde valore, significato, nome e funzione. Una ulteriore
frustrazione ne deriva al nostro accuratissimo sistema visivo costruito sulla
estrema precisione delle valutazioni spaziali e che ha permesso per molti
millenni a poche decine di umani di abbattere un mammut a mani nude, di
catturare sott’acqua i pesci senza attrezzi, di colpire una gazzella in fuga con
una lancia (o un nemico in corsa), di centrare un piccolo disco di pietra
perforato come ben possiamo ricostruire dai "campi di gioco "della civiltà
azteca, ma anche di risolvere interessanti problemi spaziali come nella
"giostra del Saracino" o altre prove spaziali che adesso impongono
lunghissime prove, esercizi e spesso amare sconfitte a pochissimi e
superallenati campioni locali. La frustrazione deriva dal fatto che la nostra
complessa attrezzatura biologica per vedere la terza dimensione viene
completamente bypassata e non ne utilizziamo più che alcune potenze
vestigiali.
Si può aggiungere, in fase di chiusura, che si è anche stabilita una ulteriore
diciamo pure perversione percettiva: l’abbinamento del suono alla immagine
piatta. Come si sa, l’apparecchio televisivo contiene in sé la propria sorgente
di rumore e quindi la direzione lungo la quale ci proviene l’immagine
coincide, spesso del tutto assurdamente, con quella lungo la quale ci
perviene il suono da essa generato, o ad essa arbitrariamente associato.
Questo interessante, ma piuttosto fatale, cocktail percettivo fa si che noi, di
anno in anno e sempre di più, consideriamo solo i rumori che "vengono da
davanti" trascurando tutte le altre ecologie sonore che ci avvolgono e che ci
inviano una infinità di segnali assai utili, anche per la nostra sopravvivenza.
Pare che solo due categorie di umani continuino pervicacemente a fare uso
della terza dimensione: i boy scouts e i criminali.
Quali sono i veri problemi della scuola?
Domenico Parisi 1. La società cambia, la scuola no.
2. Quali sono i veri problemi della scuola.
2a. Le nuove tecnologie dell'informazione e della comunicazione
2b. Immagini contro parole
2c. La scuola e la globalizzazione
2d. La scuola e la cultura di massa
3. Conclusioni

Clicca qui con il tasto destro del mouse per scaricare questo articolo direttamente sul tuo
computer parisi.txt (49 Kb)

1. La società cambia, la scuola no

La scuola crea oggi molto disagio in tutti coloro che hanno a che fare con
essa: studenti, insegnanti, famiglie, amministratori, politici, la società nel suo
complesso. La scuola è vista come una istituzione in crisi, piena di problemi,
bisognosa di riforme e cambiamenti. Mentre è difficile non consentire con
valutazioni di questo tipo, individuare quali sono i "veri" problemi della
scuola non è facile. In questo articolo vogliamo sostenere che i problemi che
oggi sono oggetto di discussione pubblica (ad esempio sui giornali) e di
decisione politica (ad esempio i recenti interventi del ministro Luigi
Berlinguer), ma anche quelli indicati e discussi da studiosi e pedagogisti non
sono i veri problemi della scuola. Se anche immaginassimo che tutti questi
problemi venissero risolti, l'istituzione "scuola" continuerebbe a trovarsi in
uno stato di crisi e a produrre disagio.
I "veri" problemi della scuola sono più radicali di quelli attualmente discussi
in quanto sono connessi con le grandi trasformazioni che stanno avvenendo
nelle società industrialmente avanzate e di conseguenza, data l'influenza che
queste società hanno sul resto del mondo, in tutto il mondo. Per sua natura
l'istituzione "scuola" è in presa diretta con la società in quanto prepara a
vivere nella società. Perciò ogni tipo particolare di società richiede il suo tipo
particolare di educazione e di scuola. Se la scuola non cambia mentre la
società cambia, è inevitabile che la scuola entri in una crisi radicale. Essa
prepara i ragazzi a una società che non c’è più. Il limite degli sforzi attuali per
cambiare la scuola è che essi per lo più sono diretti a colmare ritardi e
inadeguatezze della scuola rispetto alla società che esisteva fino a ieri. Questi
sforzi sono meritori ma nella sostanza inutili. Il problema, specie per
un’istituzione che verifica i suoi "prodotti" a distanza di anni, cioè quando gli
attuali "ragazzi" saranno adulti inseriti nel mondo sociale, culturale e del
lavoro dei prossimi decenni, è che oggi la società pone problemi
completamente nuovi alla scuola, e li porrebbe anche a una scuola che non
avesse antichi ritardi e inadeguatezze.

I cambiamenti più importanti della società dal punto di vista della scuola sono
(a) i cambiamenti nelle tecnologie dell’informazione e della comunicazione,
cruciali per la scuola in quanto essa è un meccanismo fondamentale di
trasmissione culturale e quindi lavora proprio sull’informazione e sulla
comunicazione (b) i cambiamenti legati all’emergere per la prima volta di una
società globale al livello dell’intero pianeta e al diffondersi capillare
dell’economia di mercato e della cultura di massa, cambiamenti fondamentali
per la scuola perché richiedono una revisione radicale degli stessi contenuti di
ciò che è insegnato.

Se guardiamo alla scuola, non troviamo nessun cambiamento, realizzato o


proposto, che veramente rifletta questi cambiamenti della società. La scuola
oggi è ancora quella che andava bene per una società precedente a queste
trasformazioni, una società con le tecnologie di informazione e
comunicazione del secolo scorso, con una struttura organizzativa e di
interazioni fondamentalmente chiusa nei confini degli stati nazionali, con un
economia in cui la produzione di tipo industriale e il mercato in senso
moderno riguardavano solo una parte di ciò che veniva prodotto e consumato,
e con una cultura in cui le élite avevano ancora un ruolo decisivo nel decidere
cosa era cultura e cosa era degno di essere trasmesso da una generazione
all'altra. E' per questo che la scuola oggi prepara a una società che esisteva
prima di quella attuale, ma che ora non esiste più. Dato questo radicale
scollamento tra scuola e società, non c'è da sorprendersi che la scuola sia in
uno stato di confusione e di crisi.

Questa confusione e crisi si riflettono tra l'altro proprio nel fatto che i
problemi della scuola che oggi si discutono e che si cerca di risolvere non
sfiorano neppure le ragioni profonde della crisi della scuola. La radicalità
della crisi è mostrata dal fatto che la scuola non riconosce neppure quali siano
i suoi problemi.

Per fare degli esempi concreti, questo è un elenco di problemi che oggi sono
oggetto di discussione e decisione politica (elenco tratto dal quotidiano La
Repubblica del 4 ottobre 1996):

● anticipo dell'inizio della scuola elementare a 5 anni


● allungamento di due anni della scuola dell'obbligo
● passaggio dai giudizi ai voti
● autonomia didattica delle scuole.

Altri problemi discussi sui giornali sono la formazione, la selezione e


l’aggiornamento degli insegnanti, o i loro stipendi, oppure quanto tempo
dedicare a insegnare la storia del novecento o a celebrare la nascita/morte di
personaggi illustri.

I nostri migliori studiosi propongono elenchi come il seguente (De Mauro,


1995):

● effettiva estensione dell'obbligo scolastico alla totalità della


popolazione
● generalizzazione dell'istruzione infantile prescolare
● innalzamento dell'obbligo scolastico a 16 anni
● sostituzione di un ciclo unitario per la scuola dell'obbligo
● introduzione di un sistema di valutazione oggettivo, unico e nazionale
● piano nazionale di incentivazione della produttività delle scuole
● piano nazionale di incentivazione della studio per tutti i "capaci e
meritevoli" a partire dalla scuola elementare
● piani sistematici di aggiornamento e riqualificazione degli insegnanti
e degli addetti ai servizi
● riforma delle strutture, contenuti e metodi della secondaria superiore
● realizzazione della legge del 1990 per la formazione universitaria
degli insegnanti.

Riteniamo veramente che si possa trarre la scuola fuori da quella che ha tutte
le caratteristiche di una crisi storica affrontando e risolvendo questi problemi?
Ma se non è così, allora quali sono i veri problemi della scuola?
2. Quali sono i veri problemi della scuola?

I quattro problemi che la scuola deve affrontare se vuole rientrare in sincronia


con la società sono i seguenti:

A. La necessità non solo e non tanto di fare entrare in massa le nuove


tecnologie dell'informazione e della comunicazione nella scuola, ma di capire
quali sono le implicazioni profonde di queste tecnologie per la trasmissione
del sapere.

B. La trasformazione della comunicazione educativa da comunicazione


prevalentemente linguistica, come è tradizionalmente, a comunicazione in cui
la visualità abbia un ruolo altrettanto centrale del linguaggio.

C. I cambiamenti che la globalizzazione economica, comunicativa e culturale


richiede a una educazione fondata tradizionalmente sulla trasmissione della
cultura locale.

D. Le trasformazioni che una società dominata dalla cultura di massa richiede


a una scuola tradizionalmente trasmettitrice della cultura delle élite.

A. Le nuove tecnologie dell’informazione e della comunicazione

La scuola è l’ultimo "enclave" di arretratezza tecnologica in una società in cui


le tecnologie sono ovunque. Ma il vero problema non è l’ingresso in massa
della nuove tecnologie digitali nella scuola, che pure rappresenta un
passaggio inevitabile. II vero problema è la comprensione di quali siano i
cambiamenti radicali che queste tecnologie impongono nei modi stessi della
trasmissione del sapere e nell’organizzazione sociale della trasmissione.
Finché la scuola non avrà assorbito nella sua "cultura" e nella sua
organizzazione le nuove tecnologie, essa sarà una "estranea" nella società.

Per orientarsi riguardo a questo problema c’è una storia passata che dovrebbe
insegnarci qualcosa. La mente umana non è qualcosa di universale, unico,
fisso, astorico. La "forma" che di volta in volta essa assume dipende
dall'ambiente in cui si sviluppa. Siccome questo ambiente cambia, in buona
misura perché l'ambiente in cui vivono gli esseri umani è creato e
incessantemente cambiato da loro stessi, di conseguenza cambia la mente
delle persone che ci vivono dentro. Ora, se vogliamo capire gli effetti
dell’ambiente sulla mente dobbiamo guardare soprattutto alle tecnologie
dell'informazione e della comunicazione, cioè alle tecnologie con le quali
registriamo su supporti fisici esterni e conserviamo, modifichiamo,
recuperiamo e comunichiamo le nostre conoscenze e le nostre idee, sotto
forma di linguaggio verbale o di immagini. Queste tecnologie cambiano
storicamente e i loro cambiamenti influenzano non solo il funzionamento
della mente individuale, cioè che cosa ognuno di noi pensa, come pensa,
come si comporta e come interagisce con gli altri, ma anche l'organizzazione
sociale e politica della società.

Vi sono stati momenti nella storia delle società umane in cui le tecnologie
dell'informazione e della comunicazione sono cambiate più velocemente e gli
studiosi (Mithen, Havelock, Goody, Ong, Eisenstadt, Donald) hanno mostrato
che sempre a questi cambiamenti hanno corrisposto fondamentali
cambiamenti nella mente e nella società. Alcuni momenti importanti di questa
storia di mutazioni tecnologiche sano stati i sistemi preistorici di registrazione
di immagini su pareti di roccia e su oggetti, i primi sistemi di scrittura,
l'alfabeto, la stampa, le tecnologie visive novecentesche (cinema, televisione).
Questi cambiamenti delle tecnologie comunicative e culturali hanno avuto un
ruolo importante o addirittura decisivo nell’emergere dell’arte, della filosofia,
della scienza, dello stato e della democrazia, delle società/culture di massa.

Oggi ci troviamo nel bel mezzo di una nuova e radicale trasformazione delle
tecnologie dell'informazione e della comunicazione. Si tratta dell'introduzione
di quelle che vengono chiamate le nuove tecnologie dell'informazione e della
comunicazione, cioè le tecnologie basate sul computer quale potente
strumento di conservazione e di manipolazione nel formato universale del
codice digitale di ogni sorta di informazione. I nomi che indicano le nuove
tecnologie sono noti: basi di dati, sistemi di recupero delle informazioni,
ipertesti, grafica computazionale, multimedialità, reti telematiche, realtà
virtuale, modelli di simulazione. Queste nuove tecnologie sono in uno stato di
flusso, di trasformazione e innovazione continua - in effetti sono uno dei
settori in cui meglio si esprime oggi la creatività degli esseri umani. Ma esse
hanno già un impatto, che cresce letteralmente ogni giorno, su ogni aspetto
dell’attività umana, individuale e sociale. E basta un minimo di riflessione e
di analisi per capire che esse avranno conseguenze importanti per il
funzionamento della mente e della società, forse più importanti di quelle che
hanno avuto le tecnologie precedenti.

La scuola, come sistema fondamentale di trasmissione culturale di una


società, è o dovrebbe essere coinvolta direttamente e in prima persona con le
tecnologie dell'informazione e della comunicazione della società. La scuola
forma la mente dei futuri membri adulti della società conservando,
trasmettendo e comunicando conoscenze, abilità, atteggiamenti e valori. Essa
è forse il luogo più importante in cui le particolari tecnologie
dell'informazione e della comunicazione di una società hanno modo di dare
forma alle menti degli individui che costituiscono la società. Inoltre la scuola
prepara alla società, alla vita adulta nella società. Se questa vita adulta
comporta una interazione costante con certe tecnologie, la scuola è coinvolta
nelle tecnologie dell'informazione e della comunicazione non soltanto in
quanto esse sono un potente strumento per formare la mente nel modo che è
richiesto in una data società, ma più semplicemente perché gli individui che
escono dalla scuola non possono non avere piena familiarità con le tecnologie
che saranno una costante della loro vita adulta.
Ma il problema cruciale non è un aumento quantitativo di tecnologia nella
scuola - anche se questo, come si è detto, è un passaggio inevitabile - bensì
capire come deve cambiare la scuola, tutta la scuola, con le nuove tecnologie.
Non si può pensare che il significato di queste tecnologie è che esse
permettono di fare meglio quello che già si faceva prima, ad esempio di
insegnare meglio le lingue straniere. La scuola futura non può essere la
vecchia scuola più le tecnologie. Le nuove tecnologie digitali hanno la
potenzialità di creare sistemi di trasmissione del sapere e di educazione
radicalmente diversi dalla scuola così come la conosciamo, letteralmente, da
millenni.

Qui ci limitiamo a considerare tre punti: (a) le nuove tecnologie permettono


di "apprendere in qualunque modo", (b) il computer può fungere da
laboratorio didattico virtuale per quasi ogni "materia", (c) con le nuove
tecnologie la comunicazione via immagini può competere con quella
linguistica come medium di trasmissione del sapere. (Siccome il terzo punto è
particolarmente importante, lo trattiamo separatamente nella sezione
seguente.)

Apprendere in qualunque modo

La scuola così come la conosciamo è prima di tutto un edificio, le aule, le


classi di alunni, le lezioni, gli insegnanti, i libri, le interrogazioni, gli esami,
ecc. Tutta questa struttura che organizza tradizionalmente l'educazione è
messa in questione dalle nuove tecnologie. Le nuove tecnologie non possono
essere concepite come "aggiunte" alla scuola perché se esse entrano dentro la
scuola, esse hanno la tendenza a fare "esplodere" la struttura organizzativa
tradizionale della scuola. Le nuove tecnologie rendono possibile "apprendere
in qualunque modo", cioè apprendere qualunque cosa, in qualunque
momento, in qualunque luogo, da parte di chiunque, seguendo qualunque
"metodo". Questo contrasta con la estrema rigidità organizzativa della scuola,
una rigidità che aveva un senso quando le uniche tecnologie disponibili erano
la comunicazione faccia a faccia con esseri umani, i libri, la lavagna e poco
altro. Le caratteristiche del computer, il "cuore" delle nuove tecnologie, le sue
enormi capacità di conservare informazioni, di elaborarle velocemente, di
tradurle da un formato all’altro, di trasformarle, di comunicarle da un punto
all’altro - oggi amplificate dall’emergere delle reti telematiche - rendono
questa rigidità obsoleta. Accesso a un computer vuol dire letteralmente che
chiunque (cioè quali che siano le sue caratteristiche e la sua età) può imparare
su qualunque argomento in qualunque luogo si trovi (dove sia accessibile un
computer), in qualunque momento della giornata, e soprattutto seguendo
qualunque metodo pedagogico, dalla lezione ascoltata alla pagina di libro
letta, dalla navigazione solitaria in una rete di nuclei di informazione
seguendo un percorso scelto da chi apprende all’apprendimento cooperativo
realizzato interagendo a distanza con altri studenti o con tutor o con esperti,
dall’apprendere attraverso il linguaggio, immagini, suoni, ecc. all’apprendere
manipolando modelli simulati dei fenomeni su cui si vuole apprendere (vedi
avanti).

Se le nuove tecnologie realizzano le loro potenzialità di fare apprendere "in


qualunque modo", almeno due elementi portanti della vecchia struttura della
scuola sono esposti a una trasformazione radicale: da un lato, l’edificio stesso
della scuola con la sua struttura (ad esempio le aule) e il suo modo di
funzionare (classi, corsi, lezioni); dall’altro, gli insegnanti. La scuola come
struttura anche fisica potrebbe essere sostituita da "case della tecnologia e
dell’apprendimento flessibile", luoghi aperti aventi due funzioni, quella di
permettere a tutti i cittadini di vedere in azione con i propri occhi, conoscere e
imparare a usare le nuove tecnologie (con il loro tasso di innovazione così
rapido), e quella di permettere a tutti gli "studenti" di apprendere su
qualunque argomento e seguendo qualunque metodo attraverso le nuove
tecnologie. Per quanto riguarda gli insegnanti, forse dobbiamo smettere di
pensare che il problema sia quello che essi siano formati, selezionati,
aggiornati e pagati meglio. La nuova configurazione dei sistemi educativi che
si va profilando richiede prima di tutto una radicale revisione della figura
dell’insegnante, anzi, in sostanza, una sostituzione della tradizionale figura
dell’insegnante con una varietà di figure professionali anche molto diverse tra
loro come sono quelle richieste dai nuovi sistemi educativi, dagli esperti che
sanno disegnare e realizzare i nuovi sistemi tecnologici con funzione
educativa (non necessariamente molto diversi da quelli che li disegnano e li
realizzano per altre funzioni) all’"insegnante" come tutor individuale e di
gruppo che regola le interazioni tra studenti e tecnologia, dai gestori/
amministratori delle nuove strutture/organizzazioni dell’educazione,
all’"insegnante" (non necessarimente la stessa persona del tutor) come guida
dello sviluppo psico-sociale degli studenti. E’ evidente che la estrema rigidità
attuale della destinazione dei soldi per l’educazione pubblica, che vanno oggi
nella loro quasi totalità agli stipendi per gli insegnanti, dovrebbe essere
sostitutita da politiche completamente nuove di investimenti e finanziamenti.

Il computer come laboratorio didattico virtuale

L’educazione tradizionale è passiva nel senso che a scuola si impara


essenzialmente sulla base di descrizioni o di immagini delle cose piuttosto
che interagendo direttamente con le cose. L’unica eccezione è il laboratorio
in cui si fanno esperimenti didattici di fisica o di chimica. Nel laboratorio
didattico si impara manipolando attivamente e direttamente la realtà e
osservando le conseguenze delle proprie manipolazioni. Ma il laboratorio
tradizionale per sua natura permette di studiare e di capire solo alcuni aspetti
limitati della realtà. In laboratorio non si possono portare aspetti della realtà
troppo grandi o lontani nel tempo, o complessi come i comportamenti e le
società umane. Inoltre il laboratorio difficilmente può disporre di
apparecchiature costose ed è complicato da gestire organizzativamente, per
cui di fatto il suo ruolo è marginale e l’educazione scolastica resta
essenzialmente passiva.
Le nuove tecnologie digitali rendono possibile un ruolo più attivo dello
studente. Gli ipertesti multimediali sono un modo per realizzare questo ruolo
più attivo. Con gli ipetertesti lo studente è libero di scegliersi un suo
cammino attraverso la struttura a rete di nuclei di informazione invece di
vedersi assegnato un cammino da un insegnante o da un libro. Tuttavia, gli
ipertesti hanno la limitazione che, per ogni nucleo di informazione che visita,
lo studente continua ad avere il ruolo puramente passivo di dover
semplicemente leggere un pezzo di testo o di guardare un’immagine.
(Naturalmente si può leggere o guardare un’immagine in modo attivo, ma
non c'è nessuna garanzia che ciò avvenga realmente.)

Un altro modo, più interessante, di imparare in modo attivo è usare il


computer come un laboratorio didattico virtuale. Nel laboratorio sperimentale
reale si impara agendo sulla realtà e osservando le conseguenze delle proprie
azioni. Lo stesso può avvenire se la realtà è simulata con opportuni modelli e
visualizzata nel computer. Le simulazioni con il computer sono usate oggi
sempre più frequentemente nella scienza e nella tecnologia per visualizzare,
modellare e comprendere fenomeni complessi. Ma esse hanno un enorme
potenziale proprio per scopi educativi. Lo studente manipola il modello
simulato nel computer, ne cambia parametri e condizioni, e il computer
"computa" e fa vedere allo studente le conseguenze di queste manipolazioni.
In questo modo il computer può avere i vantaggi del laboratorio didattico
tradizionale senza però averne le limitazioni. Infatti, diversamente dal
laboratorio reale, il laboratorio virtuale del computer permette di imparare su
qualunque fenomeno, senza limiti di tempo, spazio e complessità. Inoltre, non
solo i fenomeni direttamente visibili possono essere modellati e visualizzati
ma anche quelli astratti. Infine, il computer come laboratorio didattico può
avere maggiore flessibilità, capacità di tenere dietro ai progressi della
conoscenza fuori della scuola e, in prospettiva, anche maggiore economicità
del laboratorio reale. Ma quella che potrebbe essere la conseguenza più
importante del computer come laboratorio didattico virtuale è che essa
potrebbe cambiare radicalmente non tanto l’educazione nelle discipline
tecnico-scientifiche ma quella nella materie umanistiche, ad esempio nella
storia e in genere nelle scienze dell’uomo.

avanti
Educazione e formazione continua nell'età digitale *
Peppino Ortoleva Già nel titolo stesso di questo incontro si trovano sollevati, insieme, due
ordini di problemi, che forse è utile discutere separatamente, per poi
renderci conto che sono in realtà intimamente connessi.

Il primo è se e quanto, le tecnologie "nuove", che per amor di sintesi


possiamo ricomprendere sotto l'etichetta della digitalizzazione, si prestino a
quel particolare tipo di formazione che definiamo educativa e se l'avvento di
queste tecnologie abbia o possa avere qualche incidenza sui contesti e sugli
ambienti formativi. Una questione, come sappiamo, molto discussa ma
tutt'altro che pacificamente risolta.

Un secondo problema, di carattere solo apparentemente più astratto, è quali


siano i modelli di formazione più adeguati in un'epoca di intensa
innovazione tecnologica, nella quale il sapere che l'individuo apprende
nell'età detta "formativa" può diventare obsoleto in pochi anni e mostrarsi
nel corso di una vita individuale bisognoso non di uno, ma di molteplici
aggiornamenti. Un'epoca per di più caratterizzata dall'erosione evidente di
quel modello "testuale" di cultura e di educazione, basato cioè soprattutto
sul paradigma comunicativo del libro, a cui si sono per secoli conformati
non solo i contenuti ma l'organizzazione stessa delle istituzioni educative.

1. Dell'applicazione delle nuove tecnologie nella formazione si parla,


ricordavamo, molto e da molto tempo. Eppure, la loro presenza nella
quotidianità dell'educazione è limitata e sporadica. A tal punto, che viene da
chiedersi se non sia ora di smetterla con i proclami e le dichiarazioni di
buone intenzioni per cercare piuttosto di capire se non ci siano dei motivi
strutturali (e quindi indipendenti dalla volontà dei singoli, fossero pure
ministri) per cui questa presenza è così limitata, anche al di là delle
resistenze culturali diffuse nel corpo sociale e tra gli insegnanti in
particolare.
In realtà, la comunicazione educativa presenta caratteristiche proprie che la
rendono differente da quasi tutti gli altri tipi di comunicazione. E'
contraddistinta dall'esistenza di un soggetto (il docente) che ha funzione
privilegiata, ma non unica, di emittente, e di un gruppo limitato di soggetti
(gli allievi) che costituiscono l'uditorio: a questi non è richiesta solo
attenzione ma anche una serie di momenti di feedback. Tra gli allievi inoltre
esistono importanti e insopprimibili modi di interazione informale, che
l'istituzione educativa realmente efficace conosce e usa, in maniera però non
intrusiva. E', per dirla con una formula, un modello di comunicazione uno-a-
molti, con forti elementi di interattività in parte programmata e in parte
spontanea, ma altrettanto indispensabile.
Se analizziamo con attenzione i campi nei quali le tecnologie del
comunicare si sono sviluppate in questi secoli di storia, ci rendiamo
facilmente conto che la situazione uno a molti appena schematizzata non vi
rientra. I media, il cui sviluppo ha caratterizzato la contemporaneità, sono da
un lato, mezzi "di massa" - che portano messaggi da un’emittente a un
pubblico per sua natura indefinito e potenzialmente illimitato, il quale ha
possibilità di interazioni limitatissime e generalmente non indispensabili al
funzionamento della comunicazione, dall'altro, mezzi punto-a-punto - che
cioè collegano tra loro due interlocutori in funzione dialogica; lo sviluppo
recente delle macchine dette "interattive" tende, sia detto per inciso, a
simulare proprio questo modello comunicativo.
Fino a tempi molto recenti, lo sviluppo tecnico della comunicazione non ha
dato luogo a media strutturati al fine di sorreggere situazioni comunicative
del tipo proprio dell'educazione, causa non ultima del carattere altamente
labor intensive dell'istituzione scolastica. E, in effetti, molte delle proposte
correnti di applicazione alla scuola delle nuove tecnologie scavalcano, di
fatto, il problema: contemplano, o la pura e semplice riproposizione nella
classe di forme di comunicazione di massa, oppure un rapporto individuale
allievo-rete, allievo-macchina. In questo modo, però, ci troviamo di fronte a
un'alternativa secca e ancora insuperata:

a) l'applicazione delle tecnologie rivoluziona di fatto l'intero modello


comunicativo, riducendo a quasi nullo non solo il ruolo dell'insegnante (cosa
che comunque sviluppa ulteriori resistenze) ma lo stesso sistema di
interazioni articolate uno-a-molti: non a caso in molti esperimenti di
"insegnamento a distanza", dalla Open University in poi, si ritrovano
ossessivamente riproposti da un lato lezioni "di massa", rivolte cioè a uditori
indifferenziati e dall'altro, forme di interazione strettamente individualizzate;

b) l'applicazione delle tecnologie rimane relegata a momenti relativamente


marginali della comunicazione educativa, mentre al centro resta saldamente
il rapporto diretto, "fisico", tra l'insegnante e gli allievi: un rapporto che ha
peraltro perso parte della sua credibilità proprio per la concorrenza oggettiva
che subisce da parte di altri modelli di comunicazione e di altri processi di
socializzazione.
La sfida più interessante sollevata dall'attuale congiuntura tecnologica sta
forse proprio qui, nella possibilità di individuare strumenti direttamente
funzionali a forme di comunicazione uno-a-molti, capaci cioè di collegare
un emittente con un numero limitato e mirato di destinatari e di definire,
anche al di fuori degli ambienti fisicamente chiusi delle aule scolastiche, dei
contesti di interazione complessi, tra il singolo membro dell'uditorio e il
docente ma anche tra i diversi sottogruppi all'interno dell'uditorio. Vanno in
questa direzione le applicazioni educative di alcuni programmi di
groupware, cioè del software per gruppi di lavoro, pensati appunto per
favorire e rafforzare diversi livelli di interazione all'interno di una comunità.

Ma viene da chiedersi se, più in generale, la diffusione stessa dell'ipertesto


come modello di organizzazione dei messaggi non possa aprire strade nuove
in questa direzione. Secondo l'americano Edward Barrett, l'istituzione
educativa che funziona è "un ipercontesto..., un grandioso meccanismo che
permette diverse forme di interazione". Ma, aggiungiamo noi, una varietà di
forme di interazioni non tutte eguali sul piano dei rapporti di potere.
Analogamente, l'ipertestualità prevede alcuni percorsi di base comuni, di cui
l'emittente (l'autore) si assume piena responsabilità e una serie di possibilità
combinatorie costruibili dal singolo individuo, ma a loro volta suscettibili di
essere memorizzate, fatte circolare, discusse. L'ipertesto, insomma, per certi
versi simula un modello comunicativo non dissimile da quello scolastico,
per altri si presta a integrarvisi, stabilendo uno scambio dialettico con il
lavoro del docente.

Quanto spazio da dare al primo aspetto, cioè agli usi sostitutivi di queste
tecnologie rispetto alle istituzioni scolastiche tradizionali, e quanto al
secondo, cioè agli usi complementari, è oggi uno dei problemi di fondo della
politica della scuola: certo è che l'ipertesto, più di altri modelli tecnologici,
sembra prestarsi a un equilibrio fra i due aspetti.

2. Finora abbiamo parlato di "istituzioni educative" avendo di fatto in mente


la Scuola nella sua forma tradizionale, che del resto è tuttora uno dei
maggiori canali comunicativi delle società occidentali e non solo. Ma il
titolo stesso Educazione e formazione continua nell'età digitale sembra
invitarci a ridiscutere la centralità di questo tipo di istituzione nei processi
educativi.

Nell'epoca digitale infatti, la funzione della scuola appare problematica per


almeno due motivi, come si ricordava all'inizio. Prima di tutto, il sapere che
si trasmette si presenta fin da subito come provvisorio, destinato ad apparire
superato molto rapidamente: questo rende l'investimento nella formazione
(un investimento che in termini almeno di tempo continua a salire) assai più
incerto negli esiti di quanto non fosse una generazione fa. In secondo luogo,
come ha dimostrato bene Joshua Meyrowitz, la struttura "classica" delle
istituzioni scolastiche in occidente sembra riprodurre sistematicamente i
caratteri di ordinata sequenzialità, di stabilità nel tempo, di separatezza dal
mondo, che sono propri della forma-libro. Tutta la seconda metà del secolo
che finisce è stata segnata da una crisi di questo modello, in quanto
l'esposizione stessa del ragazzo a modelli comunicativi di flusso, quelli
propri in particolare della televisione tolgono sia credibilità sociale, sia
efficacia formativa alla comunicazione scolastica. Oggi, lo sviluppo delle
tecnologie interattive potrebbe (nonostante le osservazioni fatte in
precedenza) rafforzare questa tendenza: l'interpretazione prevalente di
queste tecnologie esalta infatti l'apprendimento individuale e la relativa
arbitrarietà dei percorsi più che le possibilità di cooperazione articolata che
pure esse portano con sé.
Per tutti e due i motivi ricordati (la rapida obsolescenza dei saperi trasmessi
e la crisi della forma comunicativa testuale tradizionale) può sembrare
un'ovvia soluzione affiancare, quanto meno, all'istituzione scolastica
classica un sistema educativo fondato su basi diverse:

a) il ritorno diffuso a forme di apprendimento basato sulla diretta


acquisizione di competenze operative, sul modello classico
dell'apprendistato, a svantaggio dell'apprendimento fondato su canali
formali di trasmissione di messaggi verbali

b) una formazione continua che tenga continuamente aggiornati gli individui


anche al fine di non ridurre le loro chance sul mercato del lavoro.

Entrambe queste tendenze, oltre a essere comunque abbastanza ineluttabili,


segnalano esigenze reali. E' bene però avere chiaro che sono accompagnate
da rischi seri.

Il declino della tradizione della bottega e dell'apprendistato artigiano,


nonostante i frutti straordinari che questo modello educativo può dare (è
inutile ricordarlo proprio nel paese delle botteghe d'arte rinascimentali), è
stato irreversibilmente connesso con un processo fondamentale della
democrazia, quello che ha svincolato la carriera della persona dalla
collocazione sociale della sua famiglia. La trasmissione formalizzata del
sapere propria della scuola, nonostante la sua astrattezza, o forse proprio
grazie a essa, resta probabilmente il modello educativo più egualitario che ci
sia. L'idea di tornare a forme di istruzione "di bottega", care anche a grandi
socialisti come Morris, può avere un senso solo a patto di fornire precise
garanzie contro il ritorno a pratiche corporative finora sempre legate a
questo modello.

Contro la formazione continua in sé, non ci sarebbe nulla da dire. Quello


che però va evitato è la tendenza diffusa a considerarla un rimedio per i mali
della scuola: se il ragazzo nell'età formativa impara poco e male, molti
pensano, in fondo non è grave, visto che quello che avrebbe imparato
comunque gli sarebbe servito a poco, e visto che le cose utili le apprenderà
man mano.
Probabilmente è vero esattamente il contrario. Il momento propriamente
educativo della vita della persona è quello nel quale si prepara a entrare nel
mondo: allora riceve una serie di strumenti essenziali che dovranno servirgli
non solo per leggere la realtà ma anche per sapersi, man mano, rieducare. La
formazione continua, in altri termini, funziona solo se si innesta sul tronco
di una solida educazione di base nel momento decisivo. Ha scritto Hannah
Arendt: "In fondo noi educhiamo sempre i nostri figli in vista di un mondo
che è già, o sta per diventare, fuori sesto... Il mondo si logora perché è opera
di mortali; e rischia di diventare mortale come loro... occorre rimetterlo in
sesto sempre daccapo. Il problema è educare in modo che il rimetterlo in
sesto resti di fatto possibile, seppure non possa mai essere garantito.
L'educazione deve essere conservatrice proprio per amore di quanto c'è di
nuovo e di rivoluzionario in ogni bambino: deve custodire la novità e
introdurla come cosa nuova in un mondo vecchio, che per quanto possa
comportarsi da rivoluzionario, di fronte alla generazione che sopraggiunge è
sempre sorpassato e prossimo alla distruzione".

Quello che non si può eludere, parlando di educazione, è comunque il


problema dell'autorevolezza dell'azione educativa: un'autorevolezza che le
tecnologie non possono creare e neppure supplire, ma cui possono
consentire, se bene usate, di dispiegarsi pienamente. Un'autorevolezza che
non può essere sostituita dalla pura e semplice ripetizione delle esperienze
di aggiornamento, ma che è ingrediente essenziale del momento educativo.
Un'autorevolezza che, è bene ricordarlo, rimane un'essenziale protezione
contro ogni forma di autoritarismo.

Intervento di Peppino Ortoleva al convegno "Educazione formazione continua nella società


digitale", Salone del libro, Torino, 26 maggio 1997.
Che giorno è?
Franco Recanatesi Alt, fermi tutti: guardate il calendario e l’orologio. Che giorno è? Che ora è?
Siete sicuri? Male. Neanche sulle date v’è più certezza. E questo mentre
stiamo contando i giorni, le ore e i soldi che ci separano dai festeggiamenti
per il fine millennio, può anche gettare qualcuno di noi nello sconforto o
nell’angoscia. Rassegnamoci, il tempo non è una scienza esatta, il tempo è
una delle tante convenzioni che lastricano il sentiero della nostra vita.
Nel premere contro quella elettrizzante soglia che fra circa mille giorni si
spalancherà sul terzo millennio, sappiate che nel varcarla potreste comunque
sbagliare l’attimo (o addirittura l’anno). Quando comincia il Duemila, a
mezzogiorno di sabato 31 dicembre 1999 oppure alla mezzanotte di
domenica primo dicembre? Gli astronomi, che in materia non sono
testimoni trascurabili, usano per esempio cambiare le date alle 12 e non alle
24. Sono precisi loro, attenti e ponderosi, tant’è che il calendario
astronomico contempla anche l’anno 0 tra l’1 avanti Cristo e l’1 dopo
Cristo. L’era Giuliana, cui gli astronomi si attengono, comincia per
l’appunto alle ore 12 del 1° gennaio del 4713 avanti Cristo.
Altri sostengono invece che a mezzogiorno non parte un bel niente, che
l’ora divisoria dev’essere ed è soltanto la mezzanotte. Quasi tutti, oramai.
Un po’ per studio e convinzione, un po’ per comodità. Sarebbe in realtà un
problema doversi mettere in ghingheri e stappare lo champagne a
mezzogiorno. Poi cosa si fa, si va a lavorare?
Ma mica soltanto sull’ora si è discusso nei secoli. Potreste giurare che il 31
dicembre sia davvero il 31 dicembre? Non lo fate. I calendari sono come le
formule di governo o la Nazionale di calcio: ognuno crede di avere la
formula giusta, ma in realtà una formula giusta, provata, non esiste. Ogni
popolo del passato aveva un suo metodo per contare gli anni. Nell’antico
Egitto la datazione partiva dall’inizio di ciascuna dinastia. Nella Grecia
classica venivano usate le ere quadriennali delle Olimpiadi. Nell’antica
Roma si conteggiavano gli anni ab urbe condita oppure, dal 45 a.C., con il
calendario giuliano introdotto da Giulio Cesare. E ancora: sotto il regno di
Bisanzio le date partivano dal 21 marzo del 5508. Il calendario ebraico
conta 353 o 354 o 355 giorni e parte dal 3761. Quello arabo risale all’era di
Maometto a far data dal 622 d.C. Quello musulmano ha 10 o 12 giorni in
meno rispetto al gregoriano con il quale coincide ogni 30 anni.
Insomma, una vera babele, nella quale nel 1582 - gli anni in cui Galilei
rivoluzionava le teorie scientifiche, Cervantes lasciava le armi per la
letteratura, il pirata Francis Drake infestava i mari con la benedizione della
sua regina - papa Gregorio XIII tentò di mettere ordine con la bolla Inter
gravissimas, attraverso la quale promulgava la riforma del calendario
giuliano secondo il disegno elaborato da una commissione di insigni
matematici: anno di 365 giorni raccolti in 12 mesi e 52 settimane con l’uso
dell’anno bisestile. Allora, per rimettere le cose a posto e uniformare
definitivamente le date, furono stracciate undici pagine del calendario
saltando con indubbia disinvoltura da giovedì 2 a venerdì 15 ottobre. Da
quel 15 ottobre 1582, l’umanità - perlomeno gran parte di essa - procede con
la gregoriana scansione temporale, ma più che altro per comodità se non
addirittura per sfinimento. Con tanti dubbi, tante imprecisioni e una sola
certezza: gli spazi temporali storici e fisici che studiamo e che viviamo sono
certamente inesatti. E’ probabilmente inesatto quel punto fermo al quale
rapportiamo ogni avvenimento storico e cioè la nascita di Gesù: recenti
computi hanno smentito Dionigi il Piccolo, il monaco che nel Sesto secolo
l’aveva fissata e dal parere del quale dipendono l’anagrafe di ciascuno di noi
e ogni altra data della nostra vita. Il calcolo di Dionigi sembrerebbe errato
quanto meno di quattro anni, tanti, cioè, quanti ne passano tra un’Olimpiade
e l’altra: il figlio di Dio avrebbe visto in realtà la luce nella grotta di
Betlemme nel 4 (naturalmente avanti Cristo) se non addirittura due o tre
anni prima, nel 6 o nel 7: ciò spiegherebbe il fatto che egli, avendo più di
due anni, fosse scampato alla strage degli innocenti voluta da Erode.
Tutto questo per dire che i fermenti già in atto in vista del passaggio dal
secondo al terzo millennio poggiano su basi assai fragili. Pensate un po’, c’è
qualcuno - il solito pignolo impegnato a rovinare le feste! - che pone un
altro imbarazzante interrogativo: il millennio si compie alla fine del 1999
oppure alla fine del 2000? Sicuramente il quesito non avrà risposta:
l’industria del consumismo sarà ben felice di raddoppiare gli incassi e noi
ben felici di raddoppiare le spese. Tanto, siamo uomini senza tempo......
Sondati
Arnaldo Ferrari Nasi e Renato Il sondaggio apparso su Golem 10 entrava nel merito di una questione che,
Mannheimer tra l’altro, è da tempo un punto fermo nella battaglia politica di Marco
Pannella e dei Riformatori: l’abolizione dell’Ordine dei Giornalisti.
Il tema è in ogni caso attuale visto che, grazie proprio alla promozione dei
Club Pannella, verrà affrontato dagli elettori nella prossima tornata
referendaria.
Il testo esatto della domanda recitava: "Quali delle seguenti affermazioni si
avvicina di più alla tua opinione sull’abolizione dell’Ordine dei
Giornalisti?" (Sono favorevole all’abolizione, Sono contrario all’abolizione,
Non ho ancora un’idea precisa al riguardo).

Tabella 1: Opinione dei rispondenti riguardo l’abolizione dell’Ordine


dei Giornalisti.

48
Sono favorevole all’abolizione

26
Sono contrario all’abolizione

26
Non ho ancora un’idea precisa al riguardo

Totale

125
Base (casi)
La metà di chi ha risposto al sondaggio è d’accordo con l’abolizione
dell’Ordine dei Giornalisti, mentre il rimanente sottoinsieme, cioè l’altra
metà, si divide in parti uguali tra chi non ha un’opinione e chi è contrario
all’abolizione.
Confrontando le diverse categorie degli intervistati si può cercare di
comprendere chi è maggiormente bendisposto verso la soppressione
dell’Ordine dei Giornalisti.
Innanzi tutto il 50% degli uomini, contro il 37% delle donne, esprime
un’opinione in favore dell’abolizione.
Per l’età una leggera accentuazione si trova nella categoria dei 26-35enni
(55%) così come nel titolo di studio tra i laureati (54%) e nel Nord come
regione di residenza (53%).
La professione ottiene una percentuale molto alta tra gli imprenditori e liberi
professionisti (63%), mentre chi si pone al centrosinistra nello schieramento
politico ritorna su una quota del 53%.
Ne emerge una figura del tutto simile a quella che abbiamo prima definito
come rispondente ai nostri sondaggi. O meglio, sono presenti le stesse
caratterizzazioni ma, se possibile, in maniera ancora più accentuata tra i 25-
34enni, laureati, imprenditori o liberi professionisti residenti al Nord e con
un’opinione politica di "centrosinistra".
Analizzati
Arnaldo Ferrari Nasi e Renato Ecco, sembra che ci siamo.
Mannheimer Pare che la nostra area dei sondaggi on-line sia visitata da una serie di
"autointervistandi" che comincia ad assestarsi attorno a delle quote
omogenee, sia in quantità che in qualità.
Il primo passo è stato fatto un po’ per caso, ma il metodo di porre alcune
domande nel sondaggio di Golem 8 è stato lo stesso utilizzato per quello di
Golem 10, per cui i risultati sono confrontabili. E’ metodologicamente
corretto!
Mi sto riferendo ai dati "strutturali" dei lettori di Golem che rispondono
all’intervista interattiva, cioè a quelle variabili sociodemografiche che per
prime ci aiutano a capire con che tipo di campione ci dobbiamo confrontare.
Innanzi tutto, un dato che oserei definire positivo: al sondaggio di Golem 10
(pubblicato con data 3/4/97) hanno risposto 126 persone. A quello di Golem
8, pubblicato all’inizio dell’anno, 116.
La cifra è abbastanza simile, sebbene non sia molto elevata, e può già essere
visto come un primo segnale di omogeneità. Un "plus" è dato dal fatto che
la seconda rilevazione conti 10 casi più della prima, è poco, ma su un
numero totale di 116, i rispondenti sono aumentati di circa il 9% (al primo
sondaggio, pubblicato su Golem 1 nel maggio ’96, risposero 51
"navigatori").

Tabella 1: Rispondenti ad entrambe le rilevazioni per genere

GOLEM
GOLEM 10
8

% %
88 85
Maschio

12 15
Femmina

Totale

116 126
Base (casi)

Guardando la tabella del genere si nota l’enorme scostamento dalla realtà


nazionale, i maschi sono più del quintuplo delle femmine, e questa quota
cambia poco nei due sondaggi, anche se nel secondo fortunatamente risulta
esserci qualche "ragazza" in più.
Sull’età degli intervistati si può dire che in entrambi i sondaggi l’80% dei
casi ricade nella categoria dei 25-54enni, anche se con piccoli spostamenti
nelle sottocategorie, nettamente gli anni in cui una persona è
professionalmente attiva.

Tabella 2: Rispondenti ad entrambe le rilevazioni per età

GOLEM
GOLEM 10
8

% %

6 6
meno di 20 anni

7 7
20-24 anni

27 03
25-34 anni

31 35
35-44 anni

22 22
45-54 anni
7 7
55 anni e più

Totale

116 126
Base (casi)

Il titolo di studio non è stato rilevato in GOLEM 8, ma il dato del sondaggio


successivo è molto interessante.
La rivista telematica è decisamente fruita da "intellettuali", e se andiamo a
vedere il dato dell’autocollocazione politica potremmo dire "intellettuali di
sinistra".

Tabella 3: Rispondenti ad entrambe le rilevazioni per titolo di studio

GOLEM 10

56
laurea/post laurea

37
maturità

4
licenza media

3
nessun titolo/licenza elem.

Totale

126
Base (casi)

Tabella 4: Rispondenti ad entrambe le rilevazioni per autocollocazione


politica
GOLEM 8 GOLEM 10

% %

43 48
Sinistra

28 24
Centro-Sinistra

2 3
Centro-Centro

5 3
Centro-Destra

3 3
Destra

19 19
Non so/Nessuna di queste categorie

Totale

116 126
Base (casi)

Per quanto riguarda l’area geografica le quote sono sconsolanti: sebbene


Internet abbia la possibilità reale di annullare le distanze, il dato sembra una
qualsiasi statistica ISTAT, in cui il Nord è sempre primo, il Sud è sempre
ultimo ed il Centro è a metà.

Tabella 5: Rispondenti ad entrambe le rilevazioni per area geografica di


residenza

GOLEM 8 GOLEM 10

% %
56 58
Nord

33 33
Centro

11 9
Sud e Isole

Totale

116 126
Base (casi)

In conclusione si può dire, cercando di tracciare un profilo di chi ha risposto


agli ultimi due sondaggi, che in maggioranza si tratta di

● individui maschi
● tra i 25ed i 54 anni di età
● con titolo di studio elevato o molto elevato
● residenti in maggioranza al Nord ed in parte minore al Centro Italia
● politicamente collocati su posizioni di sinistra o centro-sinistra

Certamente un risultato del genere non stupisce, visto il taglio della rivista.
Eppoi bisogna considerare che Inernet in Italia è ancora uno strumento
d’élite , soprattutto in alcune sue funzioni.
Sarebbe certamente interessante se ci fosse una maggiore rispondenza dal
Sud Italia ed un più grande equilibrio sulla scala del posizionamento politico.
I tesori del monte Athos
Carlo Bertelli Incurvato, scuro come si conviene all’uomo di affari o al professionista che
deve comunicare a tutti che, se ora prende l’aereo Roma-Milano, non è
perché sia stato al Sud a divertirsi, il mio amico salì con me la scaletta. Il
destino computeristico mi aveva affidato il posto dietro al suo. A lui era
toccato un tre posti vuoti. Uno dei tre fu occupato, prima della partenza, da
una hostess. Era un fiore di ragazza, e subito i colori tornarono sulle guance
del professionista o uomo d’affari o giornalista. Purtroppo la ragazza era
americana e sembrava che avesse introitato la formula NO SEX
HERASSMENT.
Sulla rampa di Milano il mio amico cercava di essere disinvolto. "Che
mostre ci sono in giro?" Mi chiese, con l’aria del celebre diplomatico che, a
Giava, chiede all’accompagnatore, per evitare un simile imbarazzo, "Quand
avez vous les elections?" Per sentirsi rispondere: "Toujouls, toujouls".
Bene, dico. Ci sarà presto un’occasione straordinaria: i tesori del monte
Athos esposti a Salonicco.
Vidi la delusione sul volto non più roseo. Cercai di dirgli che era un evento
culturale, per la prima volta occhi femminili avrebbero visto ciò che era
stato loro interdetto e che sarebbe tornato nell’oscurità vigilata da monaci
maschi subito dopo. La risposta fu quasi volgare: E che mi frega? Io tanto
sono un uomo.
Non pensai tanto alla mancanza di sensibilità verso l’altra metà del genere
umano quanto al fatto che se avessi detto che a Salonicco ci sarebbe stata
una grande mostra di Alberto Savinio con i mobili delle stanze borghesi
collocati su zattere fluttuanti, una grande rivisitazione della Grecia con gli
occhi dei fratelli De Chirico, l’avrei sollevato dalla passeggera frustrazione.
C’è un’avversione perdurante nella nostra coscienza italica verso il mondo
bizantino. Ai Bizantini si rimprovera veramente tutto. Di non essere greci
classici, per prima cosa. E poi di avere fatto tante storie per non inserire nel
credo la formula filioque, che del resto, il papa, a Roma, non accettò se non
nel XI secolo, su pressione dell’imperatore Enrico II. Così accade che la
concezione ortodossa dell’umanità di Cristo non si scuote attraverso un
estremo romanzo greco, ma per via di un film di Martin Scorsese.
Non so prevedere se la mostra di Salonicco avrà successo. Spero di sì.
Salonicco è Macedonia e visitarla significa sgombrarsi la testa di molte idee
convenzionali sulla Grecia. Davanti a questa grande città moderna
ricostruita dopo l’incendio che la devastò nel secondo decennio del nostro
secolo, stazionerà una corazzata della marina ellenica per garantire lo Stato
del Monte Athos, che è una repubblica monastica indipendente, della
protezione dei tesori prestati. Architetti di tutto il mondo hanno progettato i
nuovi debarcaderi che consentiranno trasporti rapidi via acqua, come a
Istanbul e a Venezia.
Io stesso non sono mai salito al Monte Athos. Per mille e una ragioni, non
ultima l’esperienza di quanto tempo sia richiesto per ottenere di vedere i
manoscritti che interessano; guardare le icone più venerate e farlo più di una
volta; aprire gli scrigni dei tesori.
Avevo però il sospetto che una placca con il Redentore, che in tutte le
pubblicazioni era descritta come uno smalto renano, capitato laggiù chissà
come, fosse in realtà una pittura sotto vetro, veneziana, del Duecento.
Scrissi all’archimandrita del convento di San Paolo e ne ebbi la risposta. Sì,
ad un’attenta ispezione, non vi erano dubbi che la placca fosse di vetro. La
cosa che, dopo la conferma, più mi colpì, fu però la firma della lettera. Il
capo della lavra, l’archimandrita di cui purtroppo non ricordo il nome, si era
firmato syn adelphois emou, con i miei fratelli.
E' possibile una biblioteca multimediale? (2)
Giulio Blasi Il pezzo dello scorso numero sulle biblioteche multimediali e sulla
preservazione dei materiali digitali ha suscitato reazioni interessanti da parte
dei lettori (che possono continuare ad inviarmi suggerimenti e commenti).
Val la pena insistere ancora un po’ sull’argomento, dunque.
Mi risparmio un abstract del pezzo precedente supponendo che il mio lettore
ipertestuale faccia poco sforzo a rileggerlo.
Fatto? Bene.

Anzitutto un’osservazione. Molti lettori confondono due tipi di problemi che


vanno tenuti distinti: la fragilità dei supporti e l’obsolescenza delle
tecnologie. Rapidamente: la fragilità è un problema (relativamente) facile da
risolvere mentre l’obsolescenza è un problema complesso.
La fragilità dei supporti dei media digitali (nastri, floppy disk, cd rom, hard
disk, ecc.), infatti, non è molto diversa dalla fragilità dei supporti di molti
media analogici (pellicole cinematografiche, nastri audio, fotografie a
stampa, ecc.). La fragilità dei supporti si risolve con il refreshing degli
stessi: i contenuti vanno riversati da un vecchio supporto a un nuovo
supporto (da floppy a CD ROM, da CD ROM a DVD, ecc.). Certo, il
problema quantitativo non è indifferente. La RAI, ad esempio, ha oggi il
problema di riversare su nuovi supporti 180.000 vecchi nastri.
Il patrimonio video accumulato dalla RAI (al 1996) è di 248.000 ore video.
Il problema del refreshing acquisterà caratteri esponenziali nel giro di pochi
decenni. Il progetto Teche della RAI sta iniziando ad affrontare questo
problema anche dal punto di vista della digitalizzazione di tali risorse.

Il problema dell’obsolescenza tecnologica è invece del tutto diverso. Qui


non è in gioco il puro e semplice supporto ma il modo di codificazione del
contenuto. I documenti digitali vengono prodotti con sistemi che dipendono
in vario modo dalle piattaforme software/hardware originarie. A ciò bisogna
aggiungere la difficoltà di garantire una piena (e continua) compatibilità
"all’indietro" delle piattaforme software. Ciò richiede (idealmente) un
continuo upgrade dei documenti o l’elaborazione di sistemi di emulazione
che garantiscano (a partire da qualunque nuova piattaforma) la leggibilità di
qualsiasi documento realizzato su piattaforme divenute obsolete.

La "Task Force on Archiving of Digital Information" ha elaborato negli


USA un primo rapporto strategico su questi temi proponendo una visione
integrata del tema della fragilità e dell’obsolescenza tecnica. Il termine
"migrazione" riassume una visione più organica e complessa della faccenda.

Migration is the periodic transfer of digital materials from one hardware/software


configuration to another, or from one generation of computer technology to a
subsequent generation. The purpose of migration is to preserve the integrity of digital
objects and to retain the ability for clients to retrieve, display, and otherwise use them in
the face of constantly changing technology. Migration includes refreshing as a means of
digital preservation but differs from it in the sense that it is not always possible to make
an exact digital copy or replica of a database or other information object as hardware
and software change and still maintain the compatibility of the object with the new
generation of technology.
(Report of the Task Force on Archiving of Digital Information)

Questo documento è molto utile anche per noi qui in Italia e ne consiglio a
tutti la lettura. Il problema della progettazione di Biblioteche Multimediali
coincide con il problema di elaborare complesse strategie di "migrazione"
per differenti tipologie di documenti digitali.

In un mail di commento al pezzo dello scorso Golem, Massimo Politi mi ha


scritto sostenendo che il problema della conservazione potrebbe rivelarsi un
vantaggio perché ci libererà "di quei blocchi mentali che impediscono di
mandare al macero una enciclopedia stampata". In altri termini: forse il
problema che sto ponendo è un problema per noi ma non per le generazioni
future.
Si tratta di un’affermazione molto radicale ma che pone in primo piano un
problema molto semplice: chi ci assicura che una società dell’informazione
globale e digitale conservi la medesima cultura di conservazione dei testi
che è oggi incarnata nelle biblioteche? Non si darà il caso che una cultura di
testi digitali sia una cultura in cui i testi hanno una maggiore volatilità e
deperibilità, al pari (ad esempio) della comunicazione orale? Fino a che
punto una cultura ha bisogno di conservare la "totalità" dei suoi testi?
Sono domande a cui è molto difficile dare risposte operative. Qui le lancio
per tener viva la discussione.
Autogolem
Stefano Bartezzaghi (Soluzione dei giochi del numero precedente)

L’autogolem di questo mese ha carattere augurale. Soprattutto nella prima


parola della catena delle ics e delle ipsilon.

1. DEDUZIONE

Se gli auguri te li fanno


e i regali te li danno,
con la torta e senza inganno
certo è il tuo xxxxyyyyyy

2. PERSONE DI TUTTI I TIPI

Ci sono quelle scalmanate


che alle feste fan bravate
fra schiamazzi e gran risate.
Poi ci sono yy yyyyxxxx

3. BLOCCHI LINGUISTICI

A dir "sì" io non ci riesco;


il mio "oui" è assai grottesco;
e lo "yes"? Oh sì, stai fresco.
Resta sol lo "xx" xxyyyyy

4. TEORIA PEDAGOGICA RIVOLUZIONARIA


Per la Pubblica Istruzione
è una gran provocazione
che comporta soppressione
di maestrine e maestrone,
d’ogni aula e lezione:
la yyyyyxxxxxxxxxxxx.

5. INSINUAZIONI SUL LEADER DELLA UIL

Sarà un buon sindacalista


ma ha un approccio familista:
pei congiunti lui conquista
ogni posto che c’è in vista:
Xxxxxxx, xxx xxyyyyyyy.

6. AL VIGNAIOLO NEGHITTOSO

Le tue scuse son finite:


i tralci, senza smentite,
han bisogno di sfoltite.
Quand’è che yyyy ‘yyy xxxx.

7. DESTINI COMUNI DI DUE PITTORACCI

Sono due imbrattatele


che dipingon pere e mele
e lumini di candele
per ristrette clientele.
Fra tristezze e lamentele
fanno xxx yyyyyyyyy.

8. VARIETA’ DELLA NATURA

La proboscide è eccitante:
così yyy yyy’yyyxxxxx.

9. ULTRA’ SHAKESPEARIANO

Non ha proprio alcun riguardo:


pur essendo assai in ritardo
pagherebbe un miliardo
per raggiungere il traguardo.
Vuol l’autografo del bardo:
E’ davvero un xxx xxyyyyyy.

10. SUCCESSO MERITATO

Quando canta è intonata


e non balla da patata.
Ha virtù illimitata:
certo è una yyyy yyxxxx.

11. SERATA IN SOCIETA’

Bla bli? Bla bla!


E tatatì, e xxxxyy.

12. AMLETO IN CANOTTIERA

Voglio comprarmi una maglia,


però non so di che yyxxxx.

13. ANSIE DI DIVORZIATO

"Passo dei brutti momenti,


vivo davvero di stenti.
Fra mezzucci ed espedienti,
non pagherò xxx xyyyyyyy.

Unendo le X iniziali della strofa 1 e le Y finali della strofa 14


[xxxxyyyyyyy] si ottiene il premio per aver risolto tutto.
Media e tabù
Roberta Ribali I mass-media costruiscono e rafforzano tabù e miti che i media specializzati,
invece, tendono a distruggere: è un flusso continuo di informazioni latenti o
esplicite di segno contrario.
Il pubblico ne è l'indifeso bersaglio, ciò contribuisce a drammatizzare le
contraddizioni e le ansie profonde. Ne deriva un rafforzamento della
conflittualità psicologica all'interno dell’individuo, che paradossalmente più
informazioni riceve più prova angoscia, specie se decide di approfondire e
farsi un'opinione più chiara dei grandi temi di attualità.
Possiamo riflettere su molti esempi: prendiamo l'AIDS e i tabù ad esso
correlati, che vengono quotidianamente alimentati da tutti i mass-media,
nell’intento di rassicurare il pubblico (e di aumentare audience e vendite).
L'orrore profondo e invincibile della morte, anzi, della morte da giovani,
viene allontanato, e così tenuto a bada, dall'immagine del malato di AIDS
drogato marcio, omosessuale promiscuo e depravato, straniero di pelle nera
dai costumi etnici animaleschi e incontrollati, eccetera eccetera. Alcuni
mass-media sono più sofisticati, includono fotomodelle (straniere) e
fotografi di moda; ce n'è pochi e sono comunque invidiatissimi dal vasto
pubblico, che li immagina puniti dal privilegio attraverso l'alto rischio di
contagio. Ancora più sottile è il pregiudizio contro l'eterosessuale promiscuo,
altro oggetto di gelosia da parte di chi vorrebbe ma non può. Il tabù della
castità come valore supremo è salvo: ciò sembra rassicurante, confortante.
Ma l'angoscia è pronta a ripresentarsi: sulle riviste mediche sono numerose
le ricerche vere sull'epidemiologia dell'AIDS, che non conosce colpevoli o
innocenti: neonati, professionisti della sanità, partner casti e fedeli, fuori da
ogni iconografia rafforzata dai mass-media. Questi, se riprendono il caso del
buon infermiere infettato senza rendersene conto, lo esibiscono come
l'eccezione, il caso paradossale, lo scoop insomma, che aumenta sempre e
comunque audience e vendite. Il tabù è salvo, ne esce rafforzato. Sulle
riviste specializzate il caso non viene nemmeno riportato, perché si sa che
invece non è affatto eccezionale. L'AIDS può essere contratto da chiunque.
Il pubblico riceve, suo malgrado, messaggi a un tempo rassicuranti dai mass-
media, che fanno filtrare, anche soltanto tramite l'aggettivo giusto, o il luogo
di origine, o il particolare coerente con il pregiudizio, il rafforzamento del
tabù. La trasmissione televisiva specializzata o l'articolo difficile, per pochi,
critica e corrode la certezza: chi viene bersagliato dall'uno e dall'altro
messaggio inconsciamente è portato a credere nel mito di massa,
rassicurante, che allontana e nega la morte. Ma poi deve fare i conti con l'io
razionale, che non può ignorare il dato di ricerca e di verità sgradevole.
L’insicurezza aumenta, con essa la solitudine, in mezzo a milioni di
navigatori di Internet, videospettatori, lettori, tutti come noi.
-

Perversioni femminili e non


Rossana Di Fazio Una anziana megera alla quale sarebbe bene affezionarsi, una bambina e
altre donne in mezzo. Sono probabilmente gli unici punti di contatto fra i
due film che ho voluto associare in questa occasione. Però non sono
coincidenze di poco conto perché queste generazioni femminili finiscono, in
un caso e nell'altro, per costituire l'ossatura "morale" del racconto.

Perversioni femminili di Susan Streitfeld è un caso singolare di un film che


nasce da un saggio e rimanendo omonimo (dunque non avanzando una
generica ispirazione) ne modifica radicalmente il genere, poiché si presenta
come racconto; propone così due livelli di trasferimento: quello dalla
scrittura al cinema, e quello dal saggio alla narrazione.

L'operazione è sicuramente interessante: un saggio fortunato e complesso, di


una autrice apprezzata anche da un pubblico non specialistico (la
psicanalista Louise J. Kaplan) si trasforma in un affresco molto articolato di
personalità femminili.
Le premesse della Kaplan sono fondanti: l'idea che la perversione esprima la
necessità di aderire a modelli esterni, a messe in scena della femminilità (e
mascolinità), e che dunque la maggior parte dei comportamenti delle donne
corrisponda a questa esigenza, che direi tragica quanto comune, di adesione
rassicurante a stereotipi acquisiti, consente di trattare delle identità
femminili senza retorica e da una prospettiva inedita, nella quale c'è spazio
anche per sentimenti cattivi e meccanismi di comportamento (l'invidia,
l'ambizione, la competizione, il masochismo) che sembrano esclusi da molti
discorsi femministi o che si considerano tali.
Moltissimi dettagli "clinici" trovano una loro traduzione molto efficace sul
piano drammatico: penso ad esempio alle aggressioni che la protagonista
sente su di sé o al modo in cui mangia quando è sola o alla moltiplicazione
dei manichini-spose nella casa della romantica Helen.
Per questo mi è molto dispiaciuto che il clima splendidamente asciutto nel
quale si muovono i personaggi nel primo tempo abbia ceduto alla tentazione
di trovare una direzione, una spiegazione, lo scioglimento dei conflitti; che
la Streitfeld abbia insomma ricercato un finale e abbia voluto riunire e
conciliare i conflitti all'insegna del matriarcato. Non ce n'era bisogno di
questo tirar le fila, di questa risoluzione più ideologica. Ci sono sogni, e
racconti, che hanno il potere di rivelare più e meglio delle loro spiegazioni.
La Kaplan non commette questo errore, che rischia di semplificare in un
certo senso un film per molti aspetti raro.

Anche nel film di Silvio Soldini, Le acrobate, una generazione femminile:


una donna-strega anziana, una bambina e le due protagoniste, una donna più
giovane e una meno. Vorrei spiegare perché ho trovato questi personaggi
perversi, molto più di quelli descritti dalla Streitfeld. Non è colpa loro, e
nemmeno di chi le interpreta (Valeria Golino e Lucia Maglietta), ma di chi
le ha scritte. Credo che il livello più problematico del film stia nella
concezione dei dialoghi. Non nella vicenda, non nel voler ritrarre una storia
di amicizia femminile (magari un po' forzata nella sua articolazione), non
nella musica melensa e ricercata, semmai nelle lacrime decisamente troppo
copiose che scorrono sui volti delle protagoniste.
Questo film è osceno, proprio nel senso originario del termine che indica un
eccesso di esibizione, una misura superata: dice tutto, pecca di una
verosimiglianza stereotipata che finisce per non rivelare nulla; non opera
alcuna selezione nelle parole delle sue protagoniste, nell'espressione delle
emozioni, nel desiderio di maternità che finisce sempre per aleggiare come
la soluzione di tutti i conflitti. Ma i sentimenti non coincidono sempre con le
parole con cui ci sforziamo di esprimerli nella vita quotidiana. Soldini ha
scelto la strada più semplice, pensando che bastasse mettere lì dei modi
"tipicamente femminili" (vale a dire, in questo caso, sensibilità, melanconia,
sentimento del tempo), di imitarli, senza reinventarli come effetti di senso
complessi che scaturiscono dal complesso del linguaggio cinematografico.
Fuori dalla sala non ho potuto non pensare a Eric Rohmer, alla sua
ricostruzione della superficie, al suo autentico rispetto per la superficie dei
discorsi e i loro vuoti, e per la costruzione di situazioni (drammaturgiche e
spazio temporali) che indicano, delle sue protagoniste, l'intero universo di
attese, di comportamenti, e che possono comprendere l'ironia e il ridicolo
per un meraviglioso senso della misura e del pudore. In quella ricostruzione
della superficie rimangono, di ciascun personaggio, ampie aree di non detto
e di imprevedibilità, che ne garantiscono vivacità e ricchezza. Della Elena e
Maria di Soldini, così limpidamente inserite fra una nonna e una bambina in
una sacrosanta quanto prevedibile genealogia femminile, e così
perversamente verosimili, non avanza nulla e scivolano via, malgrado non
siano neanche antipatiche.

Vedi Anche:

cinema.it
Operazione nostalgia
Roberto Caselli La prima notizia è arrivata improvvisa e insinuante: Bob Dylan è stato
ricoverato in ospedale, in condizioni di salute precarie per problemi di
cuore. Robert Zimmerman, nato a Duiuh, Minnesota, nel 1941, cinquantasei
anni appena compiuti, dice il bollettino medico, soffre di pericardite e
quindi deve abbandonare per un po’ di tempo il palcoscenico, il suo Never
Ending Tour deve segnare il passo, il grande maestro deve assolutamente
riposare. La notizia viene ovviamente ripresa dai media e rimbalza in fretta
in tutto il mondo. I giornali importanti, che hanno da anni nei loro cassetti i
necrologi di tutti i grandi nomi della cultura, dello spettacolo e di chissà che
altro, spulciano l’archivio della lettera D e in breve pubblicano stralci di
biografie, commenti critici sulla sua opera, poesie e canzoni. L’operazione
nostalgia prende il via in pompa magna, ma si spegne in breve tempo perché
il vecchio Bob via via si riprende fino a lasciare l’ospedale. Il carrozzone
dell’informazione nel giro di una settimana lascia cadere tutto nell’oblio: le
belle parole spese, gli elogi della sua sensibilità e del ruolo fondamentale
nella controcultura si smontano in attesa di ritrovare forma alla prossima
occasione. Dylan del resto, non è nuovo a far parlare di sé come artista
maledetto, l’incidente motociclistico del 1966 lo diede per spacciato, ma se
la cavò con qualche giorno di commozione cerebrale; molto peggio andò ad
alcuni suoi giovani colleghi del Greenwich Village, come Richard Farina,
Phil Ochs, Paul Clayton e Peter La Farge che non ressero a droghe e
depressioni.
Quei cinque o sei anni degli inizi, che elessero Dylan a mito, sono in realtà
ancora oggi ciò che rimane di davvero importante della sua opera e anche se
tutto il resto non è certamente da sottovalutare, non ha comunque mai più
raggiunto l’intensità lirica di quegli album che arrivano fino a Blonde on
Blonde, probabilmente il suo ultimo momento di genialità. Profeta
annunciato dei tempi che stavano cambiando, Dylan, dopo avere detto le
cose giuste al momento giusto, ha dovuto vedersela con i problemi destinati
ad essere patrimonio dei comuni mortali: gestione sempre più difficile della
popolarità, mantenimento di una creatività che gli permettesse di essere
all’altezza della sua fama e soprattutto crisi esistenziali che non erano
risparmiate nemmeno a chi aveva saputo sviscerare il problema
generazionale nella sua ampiezza. Il personaggio Dylan, più che nell’ovatta
del suo mito, va proprio considerato in questa dimensione molto umana che
ci fa comprendere la sua scontrosità e ce lo rende più simpatico e
abbordabile, dietro quegli occhiali neri che nascondono occhiaie e
stanchezze dovute a una perenne corsa on the road, alla ricerca di nuove
piazze e emozioni sempre più difficili da trovare. Nel prossimo necrologio,
giusto per evitare banalità e qualche sottile ipocrisia che non gli rendono
giustizia, sarebbe bene sviscerare un po’ meglio l’uomo e spiegare come, al
contrario di tanti altri, la grandezza della sua opera sia solo un’ovvia
conseguenza della sua consapevolezza della sua fragilità.
L'evoluzione
Sylvie Coyaud http://alife.fusebox.com/

Come la complessità, e forse a maggior ragione, l’evoluzione è un concetto


scientifico potente. Da Darwin in poi si declina in mille rivoli che non
avremo la presunzione di illustrare visto che lo fanno egregiamente, con
storie e avventure irresistibili, due scienziati-narratori irresistibili. Il primo
(in ordine di preferenza personale) è il paleontologo di Harvard Stephen Jay
Gould: molti suoi libri si trovano nei tascabili Feltrinelli, sono tutti belli e
La vita meravigliosa è un capolavoro. Il secondo è Richard Dawkins,
genetista inglese provocatorio: imperdibili almeno Il gene egoista e Il
fenotipo esteso, dal punto di vista dei concetti. Nell’Orologiaio cieco, del
1986, Dawkins suggeriva un programma per computer che avrebbe dato la
possibilità di evolvere a dei "biomorfi", una parola coniata da Desmond
Morris per descrivere le strutture ad albero che rappresentano un insieme di
geni. Oggi i biomorfi sono in rete e fanno vedere l’evoluzione all’opera. Si
riproducono, si adattano o si estinguono illustrando le leggi darwiniane in
modo semplificato ma chiaro. Inizialmente sono comparsi come piccoli
disegni lineari e goffi; il tempo, le ibridazioni e le mutazioni - che
modificano pure la vita dei Web - li hanno trasformati poco a poco in figure
che hanno la grazia simmetrica dei fiocchi di neve e che ora somigliano
sempre più a delle creature viventi. I biomorfi prosperano su molti Web,
sono dei "memi" di successo direbbe loro padre. Questo qui, americano, ci
sembra il migliore per debuttare:

http://alife.fusebox.com/

Nota tecnica: le nuove generazioni di biomorfi si sono adattate e abbellite,


grazie alla mutazione genetica causata sui Web dalle "applets" di Java. Sono
usate con talento su quest’altro sito, inglese:
http://www.cs.man.ac.uk/

Esiste un programma scritto secondo le istruzioni di Dawkins stesso. Per i


privati, costa 25 sterline più IVA, per ora è a colori solo nella versione
Macintosh. Provatelo e se vi piace ordinatelo a:

http://www.spasoft.demon.co.uk/blindwatch.html
Appuntamenti

In questo numero Golem vi segnala :

Stefano Bartezzaghi, Umberto Eco, Aldo Grasso, Danco Singer

parlano di

Golem: una rivista nella rete

moderatore
Antonio Calabrò, vicedirettore del Sole 24 Ore

Golem coglie l’occasione per festeggiare il suo primo anno di vita


e il primo numero su carta

mercoledì 2 luglio 1997


ore 18.30
Libreria Feltrinelli,
via Manzoni 12, Milano
CONDIVIDERE GERUSALEMME
SHARING JERUSALEM

un’iniziativa di

JERUSALEM LINK
Israeli Palestinan Women’s Joint Venture for Peace

Una città "Due Capitali per Due Stati"

JERUSALEM LINK organizza a Gerusalemme, dal 17 al 21 giugno 1997, 30 anni dopo l’annessione di
Gerusalemme Est da parte di Israele, un fine settimana denso di eventi culturali, politici e sociali in entrambe le
parti della città con lo slogan:
"Condividere Gerusalemme: le donne rivendicano Due Capitali per Due Stati"

MYSTFEST

Festival Internazionale del Giallo e del Mistero


International Mystery Film Festival

Ente gestore
Comune di Cattolica

Direzione
piazza Nettuno 1
47033 Cattolica (RN)

http://www.cattolica.net

e-mail: mystfest@cattolica.net

La Biennale di Venezia
Il Ministero dell’Università e della Ricerca Scientifica
e
l’Agenzia per la Promozione della Ricerca Europea

presentano

Incontro
V Programma Quadro di R&ST dell’Unione Europea (1998-2002)

Creare una società dell’informazione a misura d’uomo

Firenze, 3 luglio 1997


Auditorium Banca Toscana
via Panciatichi, 85
e-mail:apre-cesvit@fi.nettuno.it
Rivista on line fondata da:
Umberto Eco, Gianni Riotta, Danco Singer

Direttore:
Danco Singer

Hanno collaborato:

Paolo Palazzi, Sylvie Coyaud, Gianni Granata, Mario Calabresi, Domenico Parisi, Maurizio Chierici, Piero De
Chiara, Peppino Ortoleva, Dino Lorimer, Beppe Severgnini, Franco Recanatesi, Furio Colombo, Ruggero
Pierantoni, Ugo Volli, Carlo De Benedetti, Antonio Martino, Carlo Donolo, Arnaldo Ferrari Nasi, Renato
Mannheimer, Carlo Bertelli, Giulio Blasi, Roberto Caselli, Roberta Ribali, Stefano Bartezzaghi, Rossana Di Fazio,
Cinzia Leone, Altan

Progetto visuale:
Pierluigi Cerri con Mauro Mattioli e Andrea Lancellotti

Redazione:
Mauro Mattioli, Margherita Marcheselli, Andrea Lancellotti, Roberta Casapietra, Massimo Amato, Stefano Mazza,
Elisa Mazzini e Francesca Poppi

Software:
Opera Multimedia Stylo Italia Online
Home Page Home Page Home Page
Lunedì 21.03.05 - 23:48

ACCESSO
RICERCA MAIL CANALI COMMUNITY
INTERNET

Ricerca Web Immagini Gruppi Audio Video Directory Blog News Prodotti
Mappe Elenco
Telefonico Elenco
Aziende

il Web Pagine in italiano Pagine provenienti da: Italia

Webnews: Bce attacca Patto - Terri Schiavo - Cdl riforme - Denise video Prodotti: Cellulari - Fotocamere - TV Annunci: Auto - Moto - Case

Libero ADSL FLAT 29,95 Mail


2 MEGA senza limiti Pass
ATTIVAZIONE e 3 MESI GRATIS
al mese User

Libero ADSL FREE 0 Dominio @libero.it


1,2 MEGA a consumo al mese
Non sei registrato a Libero? Clicca quiPosta sul
3 MESI GRATIS 1,9 ora
cellulare - Assistenza
Verifica la copertura ADSL
Jumbo Mail
Pref Tel
Invia fino a 1 GB!
Supera i limiti della tua casella
Internet Gratis 6x e-mail e condividi con amici e
Acceleratore 6 volte più veloce! colleghi foto, filmati, presentazioni
Usa il 702 702 0000 da tutta Italia Fotoalbum: organizza le tue immagini
Non sei registrato a Libero? Clicca qui Archivia, stampa, condividi le tue foto sul Web

Canali Community
Beyoncé vs Jennifer Lopez Sito del giorno
Adriano promette miracoli
Motivo del contendere? Avere Il sito di "Milano e dintorni". Una
Fuori 15 giorni, l'Imperatore sarà
David Beckham nel loro nuovo delle stanze di chat
in campo per l'euroderby di ritorno
video Crea il tuo sito
«Non definiteci l'AntiZelig»
Carlo e Camilla, il dopo-nozze Via FTP per gli abbonati a Libero!
Su Raidue torna "Bulldozer"
La Parker Bowles diventerà regina
Blog del giorno
Sorrento A tutto volume con iMusic Giornale online creato e
Paesaggi mozzafiato, mare color Scarica le canzoni che ami e crea manutenuto da Daniele Barranca
cobalto e cucina tipica locale la compilation che ti piace di più Crea il tuo blog
Vinci una crociera Nuove uscite Pubblica via web e col cellulare
Racconta come ti rigeneri in primavera Cerca il tuo cantante preferito Chat
Oroscopo Tutti i canali Oltre 2000 utenti stanno chattando!
Giorno dopo giorno interroga le stelle Affari Italiani - Blog - Cinema - Donne - Film Trovamici
Libero Film Finanza - Foto - Glamour - Lifegate Cerca per sesso, età e provenienza
Commedie brillanti e film d'autore Magazine - Meteo - Motori - Musica - News Cupido - Forum - Messaggeria
Test - Newsletter - Forum - Mattutino Oroscopo - Salute - Sport - Telefonino - Viaggi

HOME ACCESSO INTERNET RICERCA MAIL CANALI COMMUNITY

Copyright © 1999-2005 ItaliaOnLine S.r.l. Tutti i diritti riservati - Contattaci - Disclaimer - About us - La Storia di Libero - Pubblicità
Lunedì 21.03.05 - 23:48

ACCESSO
RICERCA MAIL CANALI COMMUNITY
INTERNET

Ricerca Web Immagini Gruppi Audio Video Directory Blog News Prodotti Mappe
Elenco Telefonico
Elenco Aziende
Help
Lista artisti MP3: A B C D E F G H I J K Filtro famiglia ON Moderato
L M N O P Q R S T U V W X Y Z

WebNews Libero toolbar


Shopping
Navigare e' diventato ancora
la rassegna delle notizie online piu' semplice
Speciale Telefonia Scarica "A tutta barra!" e avrai sempre a
Bce attacca Patto I migliori cellulari a prezzi introvabili!
disposizione i tuoi siti preferiti di Libero
Terri Schiavo
Cdl riforme » Viaggi e Vacanze » Fotocamere Digitali
Denise video » Informatica » Elettrostimolatori
» Annunci Case » Annunci Auto e Moto
Sciopero treni

HOME ACCESSO INTERNET RICERCA MAIL CANALI COMMUNITY

Copyright © 1999-2005 ItaliaOnLine S.r.l. Tutti i diritti riservati - Contattaci - Disclaimer - About us - La Storia di Libero - Pubblicità
Un caro benvenuto a tutti.
Il numero 11 di Golem apre una nuova sezione: Scienze, libertà, società dedicata al tema del controllo
democratico delle scienze. Attraverso la consapevolezza, la conoscenza dei problemi e dei linguaggi, da una
parte (come sottolinea Sylvie Coyaud), ma sicuramente anche attraverso differenti regole e strutture istituzionali
(come drammaticamente evidenzia la testimonianza di Maria Grazia Ruggiano), la scienza e le sue applicazioni
devono diventare un patrimonio comune, un bene condivisibile e condiviso. Renato Giannetti amplifica la
riflessione alle scienze economiche e sociali, regalandoci un’analisi del concetto di rete.
La sezione Per non dimenticare si arricchisce di un intervento chiarificatore di David Meghnagi, e di un
contributo documentario: le leggi antirazziali promulgate nel 1938 di cui si è tanto sentito parlare in questi
giorni. Per non dimenticare, appunto, e per non sminuire, tra l’altro.
Aldo Grasso pone la questione dell’immortalità televisiva e chiama i lettori a scatenarsi in ardite classificazioni,
Renato Mannheimer analizza l’ultimo golemiano sondaggio, Paolo Palazzi prosegue la sua riflessione sulla
globalizzazione; la sezione rubriche, infine, si arricchisce del contributo di Sylvie Coyaud, che ci condurrà alla
scoperta dei siti scientifici della grande rete.

State bene!
Farsi capire
Sylvie Coyaud Ci sono voluti anni di trasmissioni settimanali perché gli ascoltatori di Radio
Popolare facessero domande in diretta agli scienziati. Pensare che,
normalmente, si tuffano in onda a discutere di qualunque argomento, per
niente inibiti dalla presenza dell’esperto. Ma la scienza...
Non riuscivo a renderla discutibile e questo mi preoccupava. Un po’,
immagino, per gli stessi motivi che hanno spinto Golem a riflettere sul tema
"scienza in una società libera": continuiamo a essere intimoriti dalla
comunità scientifica, casta sacerdotale protetta dai propri formalismi. Che
libertà abbiamo mai, se proprio ora che ci scombussola di continuo le
certezze, la vita e i pensieri, ci fa pure ammutolire?

Scrive il fisico francese Jean-Marc Lévy-Leblond: «Se la divulgazione


attuale delle scienze è così poco efficace, non sarà perché risponde a
domande che non sono mai state formulate dal ‘pubblico’ invece di
coglierne gli interrogativi reali - poco espliciti, certo, e spesso confusi?» (La
pierre de touche, Gallimard, Parigi, 1996)

La confusione si può superare. Alla radio, ci sono riusciti degli stranieri:


Richard Lewontin, Antonio Damasio, gente così. Non ci credevo troppo:
parlavano inglese, una barriera in più. La genetica molecolare, la
neurobiologia, viste dall’angolatura della ricerca fondamentale e non dalle
promesse di applicazioni mediche, non sembravano troppo allettanti (i
detriti spaziali e le strategie per catturarli hanno solleticato invece l’animo
netturbino e prodotto sacrosante riflessioni sul metodo). Ma gli ospiti erano
ansiosi di farsi capire, spolveravano le loro risposte con parole pseudo-
italiane, goffi, entusiasti, attenti. Il contrario della comunicazione levigata e
seriosa, perentoria e sicura della verità che si aspettava da loro. E molto
seducenti.

Da quando si sono abituati a dibattere, anche tra di loro, gli ascoltatori non
solo fanno felici i ricercatori che li vengono a trovare per interposto studio,
ma sono anche capaci di dare una mano alla scienza, per esempio sposando
la campagna degli astronomi per abbassare l’inquinamento luminoso e
innescando un movimento nazionale in occasione del passaggio di Hale-
Bopp.

Sulla critica, sono ancora un po' debolucci. Probabilmente servono degli


intermediari molto, ma molto più bravi di me.
Jean-Marc Lévy-Leblond: «Che la critica sia diventata a pieno titolo una
delle forme della cultura, un’attività specifica e perfino una professione
onorata, è uno dei segni della modernità. E’ giocoforza constatare che se i
critici d’arte, e letterari e musicali e cinematografici (addirittura televisivi)
hanno diritto di cittadinanza, non ci sono "critici scientifici" riconosciuti
come tali» (ibid.).
Altro che riconosciuti: la critica della scienza è solitamente disprezzata dagli
scienziati, un’attività minore alla quale dedicarsi quando si è ormai
prosciugati e fuori gioco.
Con Feyerabend, che piace tanto a Jean-Marc Lévy-Leblond, si finisce nei
guai con quasi tutti gli altri scienziati che l’hanno letto, o solo sentito
nominare. Il suo Anything goes - tutto fa brodo - è spesso usato per
sostenere che la scienza è una narrazione, un costrutto sociale che dipende
dalla cultura in cui è nato. Per riassumere in modo caricaturale, astronomia e
astrologia avrebbero la stessa legittimità. Ai suoi critici feyerabendiani,
"social-costruttivisti" e "postmoderni" vari, il fisico Steven Weinberg
risponde: "La teoria dell’elettricità e del magnetismo di Maxwell risale a più
di cento anni fa ed è rimasta più o meno com’era all’inizio del secolo. Oggi
capiamo meglio perché è vera, sappiamo meglio fino a che punto è soltanto
un’approssimazione, ma la teoria di Maxwell non è cambiata e non
cambierà. Le influenze culturali di cui era compenetrato il lavoro di
Maxwell, sicuramente reali e molto interessanti, sono state filtrate via,
lasciando una teoria che è quella che è perché così è la natura." (Milano,
dicembre 1996).

Ma cos’è la teoria di Maxwell o dell’elettrodinamica quantistica o della


2
relatività con quella formuletta che tutti abbiamo memorizzato, e=mc , un
rapporto fra tre cose familiari come l’energia, la massa e la velocità?

Jean-Marc Lévy-Leblond: «Criterio di prestigio agli occhi dei produttori,


garanzia di serietà a quelli dei consumatori, la scientificità rimane uno dei
migliori argomenti pubblicitari sul mercato dei beni materiali e quindi
spesso, come stupirsene? su quello dei prodotti intellettuali» (da Aux
contraires, Gallimard, Parigi 1996, come le citazioni seguenti).
Un argomento pubblicitario, cioè ingannevole. Infatti:
«In un certo senso la scienza non pensa ed è questo addirittura il segreto
della sua efficacia. La scienza fa uno sforzo enorme per non pensare, e
mette a punto notevoli macchine simboliche e formali che si fanno carico
delle difficoltà e delle fatiche del pensiero.»
C’è un malinteso di fondo.
Quando parliamo di scienza tra di noi, ci mettiamo dentro l’encefalite
spongiforme bovina e la chiamiamo "mucca pazza", anche se è una storia di
animali allevati in un modo che più tradizionale non si può, ai quali s’è dato
del cibo avariato.
Stranamente, chiamiamo "soja pazza" una pianta modificata geneticamente
nel modo più razionale che uno scienziato possa immaginare, tanto più se è
un verde. Dice: così si risparmiano le sostanze chimiche che fanno male a
tutti. E aggiunge: comunque è un’applicazione, non è scienza.
Dal punto di vista della discussione e della critica quotidiana, però la
scienza, diversamente dalla tecnica derivata da qualche principio o legge di
natura, è piuttosto deludente.
«Ciò che distingue la scienza nel concerto delle modalità umane della
conoscenza è che, al contrario delle idee ricevute, rinuncia a raggiungere la
verità, o più esattamente fa della verità un concetto puramente relativo,
sempre subordinato a quello di validità.»
Di validità, per di più, solo all’interno di un sistema di riferimento
concordato e ben definito, un piccolo particolare che tendiamo a trascurare.
Possiamo goderci Mozart senza sapere leggere le note, ma l’equazione di
Maxwell senza la matematica?
O ci impadroniamo del linguaggio con il quale si può descrivere un sistema
di riferimento, o stiamo zitti.
Faticoso, ma la libertà non è mica un pranzo di gala.
Renato Giannetti Promemoria con divagazioni

INTRODUZIONE

1 RETE ED EFFETTI DI RETE 2 LE RETI DI ATTORI SOCIALI 3 RETI SPAZIALI E RETI


ISTITUZIONALI
1.1 Beni combinati 2.1 Interpretazione sociologica
1.2 Esternalità di rete 2.2 Interpretazione antropologica
1.3 Problemi 2.3 Formazione ed evoluzione di una rete
di attori
1.4 Riflessioni
1.5 Politica Economica

CONCLUSIONI

Introduzione
Lo scopo di questo articolo è di fornire una rassegna ragionata delle
riflessioni sulla nozione di rete condotte da economisti e sociologi nel
terreno di confine tra le due discipline. Tale rassegna intende essere uno
strumento agile cui far riferimento per chiarire la terminologia ed i concetti
utilizzati nelle varie proposte operative che possono così essere ricondotte a
linee teoriche riconoscibili.
L’opportunità di una rassegna di questo tipo è altresì dettata dalla
considerazione che una crescente letteratura segnala la riorganizzazione di
molti processi economici e sociali secondo logiche di rete. Ciò comporta la
messa a punto di strumenti di analisi diversi da quelli tradizionalmente
utilizzati dall’economia e dalla sociologia; non a caso la riflessione sui
rapporti tra queste due discipline ha avuto proprio nei problemi relativi alle
reti e alla loro analisi uno dei punti critici più importanti.
La rassegna è organizzata in tre parti. Nella prima parte si considera
l’introduzione in economia della nozione di rete e di effetti di rete; nella
seconda parte si considera la letteratura sull’innovazione, specie di impronta
sociologica, che ha utilizzato la nozione di rete nella prospettiva
costruttivista; nella terza infine si considerano le recenti applicazioni della
nozione di rete all’ambito territoriale ed istituzionale indagando come la
letteratura ha trattato il problema della dualità tra forme statali e reticolari di
organizzazione istituzionale.

1.Rete ed effetti di rete.


La nozione di rete ed effetti di rete in economia può essere derivata da una
generalizzazione del fatto, comunemente osservabile, che si attribuisce
valore a molti prodotti solo se combinati con altri. Il sistema più semplice da
immaginare è quello delle viti e dei bulloni la cui utilità ovviamente dipende
dal loro uso congiunto. Per arrivare a vere e proprie interazioni di rete si
devono considerare però beni più complessi come l’insieme corpo-obiettivi
per macchine fotografiche, videoregistratore-films in cassetta, fax-protocolli
di comunicazione, computer-sistemi operativi. Ciascuno di questi insiemi di
beni può essere ricondotto alla metafora hardware/software (H/S): in ogni
insieme l’hardware non può essere utilizzato senza l’opportuno software;
inoltre si pongono questioni di compatibilità tra sistemi H/S diversi.
L’analisi di beni di questo tipo pone problemi complessi perché le scelte di
produzione e consumo devono tener conto di quelle che sono chiamate
esternalità di rete: con tale espressione ci si riferisce al fatto che la scelta di
acquisto di un bene o di un servizio dipende dal numero di altri agenti che
hanno già operato quella scelta, perché ciò garantisce una migliore
utilizzazione del bene o servizio stesso. In termini più precisi: la domanda di
un bene è funzione non solo del suo prezzo, ma anche della dimensione
attesa della rete di cui quel bene è parte. L’acquisto di un fax, per esempio, è
influenzato dal numero di coloro che sono già dotati di quel tipo di
meccanismo di comunicazione (esternalità di adozione). La posta elettronica
è il mezzo più economico di trasmissione di informazioni, ma se tutte le
famiglie non hanno un computer ed una casella presso un centro di calcolo,
non serve a nulla.
Questo tipo di beni pone problemi rilevanti per quanto riguarda:
(i) il coordinamento tra imprese
(ii) il coordinamento tra consumatori
(iii) la compatibilità.

• Per il primo punto: la strategia di un’impresa produttrice di hardware


(software) deve tener conto dei vincoli imposti alla sua tecnologia e alla sua
produzione potenziale dalle possibili risposte dei produttori di software. Ad
esempio, i produttori di hardware come la Hewlett-Packard e la Digital
tentarono di stabilire una struttura di comunicazione dei dati di LAN (Local
Area Network) basati strettamente sulle loro apparecchiature. Ma i
produttori di questi protocolli non accettarono di subordinare il loro lavoro
alle indicazioni delle due imprese produttrici di computer e lanciarono un
altro tipo di protocollo, in accordo, questa volta, con gli utenti delle stesse
LAN che non volevano dipendere dalle imprese che fornivano loro le
apparecchiature.
• Per quanto riguarda il secondo punto: le necessità di coordinamento tra
consumatori, un esempio significativo è quello dei network di
comunicazione, la scelta di uno tra più sistemi di comunicazione dipende
anche dal numero di contatti che si riescono a instaurare all’interno di quel
sistema, ed è quindi proporzionale al numero degli appartenenti a quella rete
di telecomunicazione e al numero degli appartenenti potenziali a quella rete.
Ma la necessità di coordinamento tra consumatori emerge anche in tutte
quelle comunicazioni in cui si debba acquistare un hardware durevole - un
computer, un videoregistratore, un registratore di cassette audio -, che può
essere utilizzato solo se è disponibile il relativo software. Per illustrare in
maniera sintetica questo punto può essere utile ricordare l’esempio della
tastiera QWERTY. Nell'ottobre 1867 un certo signor Sholes brevettò a
Milwaukee, nel Wisconsin, una macchina per scrivere. La macchina
presentava diversi problemi tanto da non poter essere messa in commercio.
Dopo ben sette anni di perfezionamenti, Sholes riuscì a piazzare il brevetto a
dei fabbricanti d'armi, la società E. Remington & sons. E' a questo punto che
comincia la storia del QWERTY. Il problema principale di funzionamento
della macchina era l'accavallarsi continuo dei martelletti su cui sono fissate
le lettere. Ben presto alla Remington si scoprì che, sistemando a sinistra
sulla fila superiore della tastiera la sequenza QWERTY, si evitavano gli
accavallamenti. Non appena le prime macchine Remington furono
disponibili sul mercato iniziarono a svilupparsi le scuole di dattilografia. E
alle dattilografe si insegnò a scrivere su macchine QWERTY. Si innescò
così un circolo virtuoso: l'acquirente di una macchina per scrivere che
sceglieva una QWERTY si garantiva la possibilità di trovare una segretaria
che sapesse scrivere a macchina; e, a sua volta, l'aspirante segretaria, se
avesse imparato a scrivere su tastiera QWERTY, avrebbe visto aumentare le
possibilità di trovare un posto di lavoro. Ben presto, in base a questo
meccanismo virtuoso, il QWERTY divenne la tastiera standard.
La struttura di questa spiegazione è interessante. Si hanno infatti: (i) due
tecnologie in concorrenza; (ii) una esternalità: le scuole di dattilografia - non
controllate dagli acquirenti di macchine per scrivere- generavano economie
non indifferenti per gli acquirenti di macchine da scrivere - diminuzione dei
costi di formazione del personale impiegatizio da parte dell'azienda che
acquistava una macchina QWERTY-; (iii) quasi irreversibilità
dell'investimento in capitale umano - costi proibitivi di insegnamento di
sistemi di scrittura alternativi a segretarie che già conoscevano il QWERTY-.
• Il terzo punto è relativo alla compatibilità: può un componente disegnato
per lavorare all’interno di un sistema essere utilizzato all’interno di un altro?
La scelta di costruire componenti compatibili ha certamente dei vantaggi,
ma il mantenimento ad ogni costo della compatibilità determina spesso
sacrifici in termini di varietà di prodotto e vincoli per l’innovazione.
Ciascuno di questi punti ha dato luogo a importanti spunti di riflessione per
la teoria economica, ai nostri fini è sufficiente ricordare due aspetti.
Il primo può essere illustrato riprendendo il caso della tastiera QWERTY
che, nata per evitare gli accavallamenti dei martelletti è la tastiera standard
tutt’oggi sui calcolatori che -notoriamente- non hanno alcun problema di
martelletti. Ciò significa che il sistema adottato in un certo momento del
tempo per rispondere a particolare esigenze può perdurare nel tempo anche
quando tali esigenze siano venute a cadere: l’esistenza di meccanismi reali
non significa che quei meccanismi abbiamo senso nella configurazione
attuale del sistema.
Il secondo riguarda l’ottimalità delle scelte in presenza di esternalità di rete
e anche questo può essere illustrato in relazione al caso della QWERTY.
Secondo alcuni studi risulta infatti che la tastiera QWERTY non sia la
migliore possibile dal punto di vista ergonomico, ovvero dal punto di vista
della velocità di scrittura. La presenza di esternalità di rete può provocare la
selezione di sistemi sub-ottimali: ciò significa che non sempre il mercato
individua il prodotto migliore o la tecnologia migliore. Si pensi ancora al
sistema H/S dei videoregistratori: sembra ormai appurato che il sistema
SONY Betamax sia superiore dal punto di vista tecnologico al VHS, ma
ormai il sistema migliore ha perso la battaglia con il concorrente peggiore.
Niente quindi garantisce che il sistema vincente sia il migliore possibile. In
più, come è stato osservato, l’emergere di uno standard di fatto in un
processo dinamico trainato dal mercato porta ad un trattamento degli utenti
che è sostanzialmente ingiusto. Si pensi, ad esempio, che gli utenti del
sistema Betamax erano, nel 1983, quando apparvero le cassette pre -
registrate, un terzo del totale degli apparecchi.
Dal punto di vista della politica economica questo sembra indicare
l’opportunità dell’intervento di forze esterne al mercato che possano definire
ex ante criteri di standardizzazione e comunicazione tra network, in modo
tale da evitare o limitare la subottimalità delle scelte del mercato. In questa
direzione possono rivelarsi utili le tecniche di interfacciamento tra reti
differenti che assicurano la compatibilità ex post che permette di usufruire
delle esternalità positive della domanda nonostante la varietà delle reti, sia
pure a prezzo di certi costi di conversione. Negli anni ’90 del XIX secolo, ad
esempio, il convertitore permise alle reti elettriche funzionanti a corrente
continua o a corrente alternata di comunicare tra di loro allargando l’insieme
della domanda di utilizzazione della nuova forma di energia. Un punto
chiave è chi partecipa alla definizione degli standard. Si è visto sopra, ad
esempio, come il carattere proprietario dello standard VHS abbia
danneggiato coloro che avevano puntato su quello Sony. Più indietro nel
tempo, nel corso degli anni ’20, la presenza di più standard di trasmissione
telefonica segmentarono di fatto il mercato internazionale tra quattro sistemi
diversi: Siemens, Standard, Ericsson, Autelco diminuendo il tasso di crescita
della domanda di telefonia. Una cosa simile è accaduta nel campo della
televisione rispetto ai tre standard, quello americano, quello tedesco PAL, e
quello francese SECAM. Il confronto tra questi ultimi due ha notoriamente
ritardato la diffusione della televisione a colori in Europa negli anni ’70.Allo
scopo di ovviare a queste difficoltà furono creati fin dalla fine del secolo
scorso degli organismi nazionali ed internazionali di standardizzazione
basati sulla rappresentanza degli interessi della maggior parte possibile delle
istituzioni interessate ad uno standard, il primo dei quali fu la International
Electrotechnical Commission alla quale aderirono organizzazioni nazionali
come l’italiana AEI (Associazione elettrotecnica italiana). In linea generale,
sembra che la pluralità degli interessi rappresentati nelle istituzioni
regolative sia un fattore di successo come nel caso dello svedese SIS
(Swedish Standard Institution) al quale partecipano esperti provenienti
dall’industria, dal commercio, dalle autorità governative, dagli enti di
ricerca, dai sindacati e dalle organizzazioni dei consumatori. In prospettiva
storica, d’altra parte, non mancano esempi di inconcludenza e quindi di
ritardo nella definizione di standard adeguati, come nel caso della
esperienza italiana di attività di questi organismi, specialmente nel corso
degli anni ’20.

avanti
Perchè non accada mai più
Maria Grazia Ruggiano A mio figlio
per ricordo e per amore
17 marzo 1997

Sono stata travolta da una storia di affidamento e fiducia totale tradita, da


menzogne (pietose?) che mi hanno impedito di sapere l'urgenza
irrimediabile del mio male (gliobastoma: mediana di sopravvivenza 10/12
mesi) e di prendere decisioni terapeutiche diverse da quelle imposte dal
medico curante.

In Italia non c'è una legge che stabilisca per il medico il dovere
all'informazione e un suo preciso comportamento - graduale e senza
brutalità - nell'avvicinare alla verità il malato che lo chiede.(I)

Una volta c'era la comunità del piccolo paese che piangendo e senza
parole ...., il prete confessore che man mano....

Finché avrò lucidità lavorerò anche per questo.

Sono un magistrato di Cassazione di cinquantaquattro anni, vistosamente


sana fino al luglio 1996 - Ho sempre curato il mio corpo in maniera
precisissima sia esteticamente che nei piccoli malanni.

Abituata al controllo accurato delle movenze fin dall'età di cinque anni da


suore aristocratiche, arrivata con il femminismo ad una conoscenza
profonda delle proprie reazioni corporee, aiutata da un istinto di libertà
fisicamente animalesco mai sopito, due crampi (clonìe) al piede e gamba
sinistra (avuti improvvisamente in vacanza per pochi minuti) mi hanno fatto
tornare d'urgenza a Bologna per chiedere al neurochirurgo - amico tac e
accertamenti.
Il mio corpo ha "sentito".
Un amico, venendomi a prendere alla stazione per compagnia, mi disse
ridendo "Ma possibile, non c'era il medico condotto lì a Casalbuono?".
Dopo 7 giorni ero operata al cervello per tumore.
Durante la fase degli accertamenti il chirurgo aveva cominciato a farmi
sapere che forse non era meningioma ma tumore maligno: in ogni caso
bisognava asportare e - solo dopo l'esame istologico - comprendere la
diagnosi esatta.
Ho abbracciato forte mio figlio tra i singhiozzi. Poi comunque sono rimasta
sostanzialmente calma tanto che, la sera prima dell'intervento, con l'amica
fidata abbiamo fatto le treccine per non far sciupare i miei lunghi capelli con
un taglio da chirurgo. C'è una graziosa foto dove sembra mi aiutino per
prepararmi ad un gioco strano.
In questa lucidità d'animo e mente ho fatto giurare e promettere all'amico
chirurgo, a mio marito, alla grande amica da 20 anni venuta da Napoli per
aiutarci moralmente e materialmente, all'amico / pilastro di 30 anni fa al
confidente di ogni giorno per 8 anni, di dirmi sempre tutta, tutta la verità.
Ho ricordato (loro, magistrati come me, sanno il peso del lavoro) che nella
mia vita professionale avevo deciso la vita degli altri, a volte incidendo
pesantemente come pretore penale e assumendomi grandi responsabilità sui
minori e gli handicappati come giudice tutelare. Mai come ora avevo il
diritto e il dovere di decidere per l'unica vita tagliata: la mia.

L'operazione del 5 agosto '96 va benissimo. Nonostante la prima notte si


verifichi un problema grave di allergia al farmaco anticonvulsivo,
l'indomani sono già seduta nel letto senza dolore alla testa. Ricevo i miei e
qualche amico. Dopo 2 giorni il chirurgo mi fa muovere i primi passi - un
po’ da burattino - ma mi reggo. Non sono invalida. Chiedo il risultato del
referto istologico; il viso del medico è serio, così quello degli amici e di mio
marito: glioma maligno.
Viene a trovarmi Anna la moglie del chirurgo (da me ammirata nei salotti
per il suo splendido e raro viso) e mi dice: "ma sì, c'è un mio amico che è in
cura da quattro anni per un glioma ed ancora vive!" - Quattro anni! Ma è
pazza questa, penso silenziosa. Ma se io avevo programmato la mia vita sino
agli 85 anni. Ma se mia madre ha 91 anni ed è ancora viva!
Non so perché ma non piango (mi difendo dall'assorbire troppo in fretta la
verità ?). Mi sento ancora forte con il corpo nonostante la grande ferita e
avverto una distanza enorme tra me "vera" e la Maria Grazia che dicono
ammalata grave. Due immagini che non coincidono. Mi concentro sui
farmaci anticonvulsivi e i loro effetti perversi (allergia, stanchezza, sonno
profondo per ore e ore). La prima convulsione mi terrorizza e blocca la
voglia di guarigione per quindici giorni. Poi ho la forza di andare al mare
con quattro amiche e mio marito in una bella casa per fare convalescenza.
Dormo sempre troppo; i farmaci sono una dannazione. Qualche passeggiata
però è piacevole. Qualche risata spontanea.
All'inizio di settembre '96 comincio la cobaltoterapia: so che sarà a dosi
aggressive; mi sembra ovvio visto che è tumore maligno.
L'oncologa Anna è una donna rigida, quasi anoressica, che riesce a farmi
sentire assolutamente protetta. Viene ogni giorno; al momento fortemente
ansiogeno di individuazione del punto da irradiare non mi ha mai lasciata
sola. Se ero già con la testa immobile nella maschera di cera e non l'avevo
vista entrare per il controllo, mi tocca un braccio per avvertirmi della sua
presenza: segnale in un codice non stabilito, segnale di cui ho ammirato a
cuore largo la discrezione, l'intelligenza e la parsimonia. E l'amicizia di
prima si costruisce più forte, diventa affetto profondo e riconoscenza, dono
di una collana di mio padre per legarci simbolicamente.
Mio figlio chiama il marito "Santo Claudio". Non mi ha mai lasciata sola,
nemmeno quando è partito per le sue vacanze: cellulare sempre acceso!

Sì, non sono sfortunata. Sono stata operata ad agosto da uno dei migliori
chirurghi che - per pura combinazione - aveva ritardato le ferie; sono
affidata ad un clan di amici professionisti tra i più noti; l'allergia continua i
suoi danni violenti per tutti i cinquantacinque giorni della "cobalto" e
oltre .... ma comunque ogni mattina riesco ad andare ai giardini a passeggio
con le amiche prima della terapia; poi c'è il "turn over" di altre amiche che
mi accompagnano all'ospedale e mi aspettano per il ritorno a casa. Poi il
pomeriggio tante (troppe) telefonate, tanti (troppi) regali.
Consulto un altro grande medico per l'allergia: in realtà continuo a seguire il
mio corpo così come ero abituata, cercando di capirne ogni segnale e
organizzarne la difesa. Ma ignoro la vastità del male.
A ottobre la pelle del cranio è defoliata e abrasa; viene medicata ogni giorno
ma il chirurgo rifiuta (perché troppo grande il pericolo di infezioni e
meningite) qualunque incisione per l'immissione del catetere.
Per la prima volta sono a pezzi. So che dopo le cure tradizionali resta una
possibilità di raddoppiare la durata di vita con l'esperimento della medicina
nucleare e degli isotopi. Se non posso far introdurre la sonda per la cura
nucleare il mio destino è segnato? E gli anni in più ... e le scoperte continue
dei ricercatori sul cancro... ?
Cerco cure parallele (quanta gente attorno ai tumori!): inizio una terapia
alternativa per l'allergia; parlo con la Presidente dell'associazione "Metodo
Kousmine"; telefono ad un medico svizzero che lavora con medicinali il
fegato.
Scelgo le sedute di pranoterapia con un'amica sensitiva e i massaggi
orientali dell'energia.
A fine ottobre decido una gita a Venezia, la mia preziosa città del nord, per
vedere mostre e amici. La delusione è cocente. Dov'è la mia allegria nel
passo, la velocità dei desideri, le mille idee che trascinavano gli altri a
giornate eccessive da ricordare?(mi chiamavano la "Regina del tempo"!).
Così comincio a "sapermi" malata.
Così continuo a insistere con il medico per la sonda. Mi promette che dopo
la prima risonanza magnetica di controllo di novembre, in due giorni mi
preparerà per la cura radioattiva.
Ecco, sono certa che fino a questo momento avevo bisogno di una verità
parziale anche se durissima. Ci si abitua in fretta a ragionare sulla breve
distanza (2 anni / 4 anni) anche per chi come me si considerava ancora
immortale e con mille progetti da chiudere.
Il tempo dei sani è così diverso da quello del malato! Io da agosto ho perso
quasi del tutto la dimensione temporale, ferma al mare di Licosa non avuto,
stretta da un mutamento di vita completo, tesa a riorganizzare anche
inconsapevolmente le nuove tappe del viver breve.
E d'altronde nulla dal punto di vista terapeutico c'era da decidere se non
subire il protocollo internazionale di cure rispettato anche dai medici della
ricerca clinica: la massa di "cobalto" e l'attesa della pelle risanata.

Poi .... poi ... è cominciato l'avvolgimento imperdonabile della mia


coscienza.
Un'amica di Padova - con la sorella morta di tumore cerebrale - mi dice:
"ma guarda che glioma indica una famiglia di tumori. Se vuoi capire ciò che
è successo a mia sorella devi sapere il nome specifico del tuo cancro".
Mi precipito con rabbia al cellulare del chirurgo santo e ormai fratello e gli
chiedo in una telefonata tempestosa di accusa perché mai mi ha finora
fornito solo una indicazione generica: "tu mi hai giurato la verità; tu hai
l'obbligo per legge di dire al paziente che vuole, la diagnosi precisa del suo
male". Mi risponde serio e intenso come al solito: "Non conosco questa
legge ma mi sono sempre comportato così nella mia vita professionale; il
tuo glioma si chiama "astrocitoma"".
Certo, guardando indietro si potrebbe dire che questa precisazione tardiva
doveva farmi venire un dubbio e farmi chiedere in ospedale il referto
istologico autenticato. Certo.
Ma qui entra in gioco la mia personalità che ha sempre creduto impossibile i
tradimenti, che ha operato una selezione fortissima sulle persone cui
affidarsi e che poi - quando ama, quando crede nell'altro - si abbandona
completamente alle parole, alla verità, alla rettitudine dell'amico.
Il giorno dopo richiamo l'affidabilissima amica padovana che in un lungo
pomeriggio sereno mi spiega la vita della sorella affetta da astrocitoma, il
lento deperimento, l'assopimento finale.
Siccome ero brava nell'intuire come fare l'istruttoria penale continuo a
chiedere: la oncologa ribadisce i tempi di vita davanti al silenzioso
confidente basagliano abituato all'introspezione per pelle e che per anni mi
ha detto: "noi dobbiamo dilatare la nostra consapevolezza".
La mediana del mio tumore è 2 - 4 anni.
L'amica psicologa che mi accompagna alla cobalto dice: "ma sì, non pensare
alle statistiche, ci sono le ricerche, si arriva a 5 anni ...poi sai quante
novità...! Stai così bene!!"

E' vero; sto così bene - l'allergia sta finendo, il viso è tornato piacevole; le
forze sono ancora scarse ma vado a Villa Ghigi la domenica con le amiche e
mi stanco quasi come loro. Vado anche a cena fuori. Continuo a farmi
medicare la pelle dal Santo chirurgo che un giorno - non potendone più delle
mie domande, precisazioni, richieste, delucidazioni - mi fa incontrare con il
neurochirurgo che ha lavorato per sei anni con il Dott. Riva della medicina
nucleare di Cesena. Ci lascia soli nel suo studio e io comincio a capire la
tecnica di questo esperimento non perfezionato a base di ittrio e proteine del
ratto immuno - depresso.
Il medico evidentemente non sa nulla di me se non che sono un'amica di
Claudio con tumore al cervello. Mi chiede ad un tratto: "Ma lei cos'ha?".
Rispondo sicura: "Astrocitoma 2/3 grado all'emisfero destro".
Il tono della conversazione subito si alleggerisce: "Ah signora, ma allora c'è
un po’ più di calma, un po’ più di tempo. Noi lavoriamo sull'emergenza del
gliobastoma che dà 12 mesi di sopravvivenza.
Per l'astrocitoma io penso addirittura che fra un anno avrò messo a punto
un'altra ricerca; ora sono solo a 2 casi, non posso proporgliela ... ma
vediamo ... vediamo....".
Di nuovo esco dall'incontro serena. Il mio caso è grave ma l'atmosfera di
calma che c'è intorno a me si comprende - ho un po’ di tempo in più per
sottopormi ad una cura che tutti dicono pesantissima come quella nucleare.
Posso prendermi un po’ di giorni per me sola. Torno anche in ufficio a
lavorare.
Mi sottopongo alla prima risonanza di controllo dopo la "cobalto" (il 16
novembre 1996) senza alcuna agitazione.
So che la pelle è in ordine per immettere il catetere ma dentro di me ho
l'idea di cercare di aspettare ancora un po’ e fare un Natale piacevole e
rasserenante con i miei. Dopo, un po’ di Grecia al sole con Cristina?
Il chirurgo esce invece dalla sala della risonanza scuro in volto: la cavità
dove è stato asportato il tumore si è chiusa; c'è una fessura virtuale nella
quale non è possibile mettere sonda né iniettare alcunché.
Non capisco bene ciò che dice perché sono stordita dall'anestesia. Il giorno
dopo chiamo sia lui che Anna per farmi spiegare di nuovo ciò che è
successo.

Il cratere vuoto non c'è più; le pareti si sono collabite all'interno. Anna è
incerta, può esserci ripresa della malattia ma spera invece sia effetto della
forte dose di cobalto che ha irritato tutto. Prima di uno/due mesi non si può
chiarire la situazione. Al mio ritornello sulla cura nucleare dice che farla per
profilassi non ha senso (ma come, non era questo il progetto terapeutico
stabilito da tempo, penso senza più coraggio di parlare? perché ora è così
perplessa sull'esperimento e lo sconsiglia?).
Ancora insisto l'indomani con Claudio: dice che la cura radioattiva è una
"suggestione", così come confermano i medici internazionali famosi
consultati dagli amici. Certo, il futuro del trattamento dei tumori al cervello
è nella direzione del nucleare ...ma il futuro!.
Mi confondo; ancora sono assolutamente dipendente dalle parole tecniche
del medico.
Una tenera amica mi telefona da Napoli: ha sette giorni liberi per me! Mi
sento bene, anche se la gamba sinistra morde. Prendo l'aereo e mi precipito
la mattina dopo nella mia città: sette giorni di sole continuo, raro a
novembre anche laggiù: spaghetti al Borgo Marinaro, cenette e chiacchiere
continue, i pastori di Natale a S. Gregorio, le Chiese ....la nuova futura
Coroglio, Capodimonte restaurato....Il mio ritmo di prima con tanti amici
intorno per sostegno e togliere la paura...Che bello! Le foto mostrano una
donna sana, solo un po’ più gonfiotta nel viso tondo.

Mi sento il corpo tranquillo, più debole alla sera quando sbando per
stanchezza.
Appena torno a Bologna tormento il chirurgo: "Quando rifacciamo la
risonanza?" "Decidi tu - risponde - o prima o dopo Natale". "Oh Dio,
Claudio, è chiaro che mi piacerebbe essere sicura che va tutto bene prima di
Natale e avere allegria in casa in quel periodo; però se poi il referto è incerto
perché è troppo presto?". Il chirurgo - con eccezionale pazienza - di nuovo
mi visita a lungo. La risposta è positiva: "stai benissimo, se ci fosse qualcosa
si vedrebbe negli occhi come un tappo di champagne che fa bollicine. Vai a
Napoli; facciamo l'altra TAC all'inizio di Gennaio".
Potevo non credere? Potevo immaginare che la sua logica era di concedermi
in serenità l'ultimo periodo buono della mia vita?

Natale è con l'amata amica di gioventù, con mio figlio e la sua ragazza che
io adoro; figli mezzi miei anche quelli delle amiche che partecipano alle
feste.
Coccolatissima dal mattino alla sera, ma è normale nei nostri incontri
trentennali. Riesco persino a far suonare la "tammurriata nera" così come
facevamo al mare (in tanti ragazzi e noi quarantenni) sotto i pini e la luna di
Punta Licosa.
Quando torniamo in aereo il 2 gennaio 1997 qualcosa nel mio corpo è
cambiato. Le gambe si irrigidiscono con crampi al mattino come dopo una
pesante camminata in montagna, la testa ha una inconsueta compressione
sulla fronte che non si alleggerisce con gli antinevralgici.
Partecipo pallida e stanca alla tombola per l'Epifania dell'unica amica che,
nei mesi passati, mi aveva creato ansia e urgenza per il mio tumore in ogni
incontro e che perciò avevo allontanato un po’ a fatica.
Mentre mi lavo al mattino mi accorgo che i movimenti sono sempre più
scoordinati: non lavo il mio corpo ma strofino tra loro due pezzi di sapone.
Avverto il chirurgo che la confusione mentale è ogni giorno in aumento e
così l'instabilità : non posso più passeggiare (come a Napoli pochi giorni fa)
da sola. La risposta tecnica non mi placa l'ansia: è l'edema cerebrale;
coincide con i tempi della cobaltoterapia; è effetto dunque delle sue dosi
massicce; forse mi darà di nuovo il cortisone.

Così strana e già diversa mi sottopongo alla risonanza magnetica del


7/1/1997.
Per destino e accidente della mia vita chiedo di farmi un anestetico leggero
al quale sono già abituata e che non mi stordisce come quello della volta
precedente.
Siccome non ho perduto il bisogno e la voglia di rapporto con le persone,
nell'attesa parlo con un giovanissimo infermiere. Gli racconto del mio
astrocitoma, dei pochi anni da vivere, del mio corpo così sano sei mesi fa,
del mio viaggio in Cina a maggio.
La risonanza non mi spaventa: ormai conosco tutto. Quando esco dal tubo, il
ragazzo mi porta sul lettino per farmi riprendere, ma l'anestetico che ho
voluto mi ha lasciato lucida. Siamo soli, l'anestesista è andato via; gli altri
controllano le lastre.
A quel punto il caso?, "l'angelo" travestito da infermiere? Il bisogno di
sentirsi bravo? chissà...il ragazzo parla: "signora guardi che io ho letto tutti i
suoi referti e non c'è mai scritto astrocitoma. Lei ha un gliobastoma ad
elevato grado di malignità".
Non rispondo una parola. Capisco tutto. Ricordo l'emergenza, ricordo tutte
le nozioni e differenze apprese tra i due tipi di tumori. Ricordo i tempi
brevissimi della morte certa.
A casa la reazione è ancora orrenda contro i miei famigliari; rompo piatti,
bicchieri contro di loro urlando: "è la mia vita, è la mia unica vita".
Mio figlio scoppia in singhiozzi violenti che come sempre mi sfiniscono
d'emozione: hanno deciso di mentirmi perché i medici sostengono che
nessun paziente regge la diagnosi e si lascia così morire in pochi mesi.

Il giorno seguente il fratello chirurgo/Giuda, con libri in inglese e tedesco,


ancora cerca di spiegare e mentire; ancora non vuole alcun intervento
proponendomi esami sulle cellule che portano via un altro mese.

Comincio la mia personale, rapidissima indagine (con amici che viaggiano e


telefonano per me) tra Hannover, Roma, Milano. Ci sono opinioni diverse,
scelte mediche diverse.
E se io non sapevo?
E se io ero ancora esclusa?
E se "l'angelo" non parlava?

Il chirurgo milanese che mi ha aperto il cranio mi ha detto con franchezza


che ai miei parenti avrebbe dato la stessa risposta attendistica del mese
precedente; anche il medico ha bisogno di decidere guardando negli occhi
l'unica persona che rischia di diventare invalida per emiplegia dopo i suoi
ferri, che può non sopportare sei ore e più di intervento: il malato.

Questi i fatti, abbastanza dettagliati, forse troppo per chi non subisce una
vicenda così grande.

E io! E io dal 7 gennaio chi sono? così tradita, così in pericolo?


così ferma e senza cure da oltre tre mesi mentre passeggiavo per Napoli con
un bel cappellino rosso che molti sapevano sarebbe stato seppellito tra poco
tranne io?

Ho passato tanti giorni dopo l'operazione e la "cobalto" a rispettare le regole


della educata signora borghese che rispondeva ai bigliettini, alle telefonate
continue, ai regali.
E se non avessi mai saputo che dovevo iniziare ad affrontare la lotta vera,
urtarmi con l'angoscia di morte, con la voglia del dolore e della sfida prima
di chiudere la mia intensa - ancora giovane - vita?

Dopo venti giorni dalla verità, sono già prenotata a Milano per il secondo
intervento al cervello.
Passo i giorni di attesa continuando a lavorare e a dettare l'intervento sugli
istituti d'assistenza per l'istruttoria pubblica che si terrà al Comune di
Bologna il 17 gennaio.
Non voglio rinunciare.
Al mattino della conferenza sto malissimo. Ho un attacco di labirintismo e
vertigini paurose che mi fanno temere la fine mentre grido "aiuto, aiuto,
aiuto".
Se non avessi saputo la mia diagnosi crudele non avrei mai trovato la forza
di alzarmi dal letto, farmi aiutare a vestire in tailleur, andare, con mille
medicine in corpo, l'amica fidata dell'ufficio per continuare magari la
relazione, la macchina fin sotto l'ascensore (praticamente non cammino)...
Alle 17 sono lì; inizio a leggere...fino alla fine..bene..con calma,... con le
pause espressive volute.

Nel brutto ospedale milanese con ottimi medici chiamo ad assistermi per la
prima notte l'amica napoletana.
Il tradimento c'è stato ma io non l'ho ancora elaborato nell'animo; dice
"faremo la fondazione Maria Grazia Ruggiano per i bambini". La frase mi
rimbomba ogni giorno..."la fondazione.."

Questa seconda operazione è atroce. Il mio corpo cede e forse anche la


possibilità di vivere. Quanto dolore! Quanta pena! Solo a Milano la grande
malattia è diventata me stessa. Solo in quell'ospedale non c'è stata più
distanza tra tutto il mio essere e il tumore mortale.
Torno a casa malatissima, senza autonomia, con necessità dell'infermiera
per lavarmi e fare qualche passo.
Il referto istologico arriva per fax: recidiva, cellule neoplastiche,
gliobastoma multiforme.

Riemerge così dall'intimo il tradimento, i mesi di attesa perduti per sempre


senza poter resistere alla morte veloce, la casualità assoluta della uscita
dall'ovatta dove mi stordivano: so ora che il patologo aveva detto che non
avrei superato il Natale, so ora che il più grande oncologo francese aveva
fatto un conto preciso di settimane di sopravvivenza (50 per l'intervento, 20
per la cobalto). Sono in sopravvivenza già da 5 mesi pieni; ho ripreso in
mano il mio destino solo da pochi, grandi giorni.

Prendo il telefono e urlo la mia rabbia ai tre amici colpevoli; poi scrivo,
scrivo, e mi contorco nella sofferenza della loro perdita; scrivo e nessuno
trova rimedio per il mio amore lacerato.

5/2/1997 per Francesca, Giulio, Mario


Vi siete subito rassegnati alla mia fine, ad avermi come caro ricordo. Con il
silenzio avete protetto la vostra debolezza, non la mia. Mi avreste impedito
per sempre (perché mai più sarebbe stato il momento giusto) questa rivolta
feroce, la pienezza di ogni giorno vissuto in una tensione intima che
raccoglie e supera anche il dolore. Mi avreste tolto l'esperienza più vasta che
un essere umano possa fare e l'allargamento senza limiti della coscienza e
della mente. Le parole-dedica del carissimo Marco solo oggi sono vere fino
in fondo dentro di me. ("la tua potenza sorgiva").
Ci siamo parlati per 20/30 anni: che cosa avete davvero compreso di questa
bimba del Sacro Cuore che non ha mai lasciato cadere un giorno la sua
inquietudine, la volontà, la presa da cane mastino, il bisogno di libertà?
Sì, avete chiesto in giro per notizie, avete tentato informazioni ...Ed io
dov'ero? Lino vi dirà le parole esatte del chirurgo prima e dopo l'operazione.
Nessun chirurgo può decidere senza il paziente di fronte.

Eppure mi ero affidata a voi con tranquillità senza mai dubitare che io e
Francesca, io e Giulio, io e Mario eravamo altro da Lino e Sandro sconvolti
e disperati.
Ha deciso tutto un medico: e voi avete accettato subito, senza neppure
discutere con Lino (ma Claudio è come Grazia? che cosa ha dentro? cosa
vuole dalla sua vita?)
Senza quello strano infermierino del 7/1, oggi che sarebbe di me?
Avevo bisogno di voi per condividere questo avvenimento straordinario che
è la morte vissuta ad occhi spalancati, accanto alla luce, al golfino rosa di
mio figlio, al pranzo quotidiano.
Avevo bisogno di sentirmi belva insieme a voi - voi belve più di me - per
vincere, per vivere, per stringervi al cuore nell'unico modo che ho sempre
conosciuto.

9/2/1997 a Francesca, Giulio, Mario


Così vado a Cesena, senza il cappellino rosso che voi sapevate finto, provata
da una operazione terribile che forse si poteva evitare.
Sarei passata alla fase del dolore e dell'assopimento senza voce, senza
avidità, senza questo mese di furore. Dire senza questo mese sorprendente è
così inadeguato, così lontano dal sommovimento interiore che accade. Non
ho mai guardato fuori dalla finestra ...se c'era il cielo, la nebbia...il mare...
che importa?

La malattia mortale è lato maestoso dell'esistenza, dedicato all'espressione


completa del sé, allo scuotimento e scuoiamento della propria carne.
E ho scritto al chirurgo milanese che i giorni della disperazione possono
valere anche tutta la vita concessa.
Cesena- Ospedale Bufalini - Reparto medicina nucleare - Primario
Dott. Riva -10/2/1997
Si legge la scritta "medicina nucleare"; si vedono gli sbarramenti e le porte
serrate; di nuovo si legge "vietato entrare - degenza radioisotopi".
Per me che devo essere ricoverata si aprono col campanello le porte.
Si nota immediatamente una perfezione organizzativa minuziosa e precisa.
Eppure mi sistemo la stanza (piccina e isolata con muri spessi e strani
apparecchi tecnologici dovunque) senza nessuna sensazione dentro di
diversità rispetto agli altri due ospedali in cinque mesi già visti. Anzi, c'è
solo il piacere di vedersi circondata da persone attentissime compreso il
professionale, competente personale infermieristico.
Iniziano subito una serie continua di accertamenti: dalle 8 del ricovero al
pomeriggio. So già che mi hanno iniettato una prima dose di sostanza
radioattiva per una sorta di TAC ("Spect"), ma ancora tutto è - come dire
-"normale" rispetto a ciò che ho subìto finora negli ospedali e durante la
"cobalto".

Passano due giorni di esami senza pausa di orario, sfibranti.


Il pomeriggio sto male. Eppure devo recuperare in fretta le forze perché
l'ittrio è arrivato dall'Inghiltera e domani è il giorno dell'infusione.

Cesena, 11/2/1997 a Francesca, Giulio, Mario


Reparto nucleare.
Oggi non sono stata bene dopo gli accertamenti e i medicinali.
Sono a letto senza forze; eppure non riesco a distogliere il pensiero da voi e
dal rancore profondo.
Mi continuate a far male perché spreco energia in questo odio che non si
attenua, ma mi martella ogni momento e ogni notte il pensiero che mi
facevate morire come un cane senza memoria di sé.
Avete sovrapposto la vostra persona alla mia anche se solo io rischio tutto e
vivo tutto. Tu Francesca sei andata addirittura in Inghilterra a Natale e mi
organizzavi il viaggio primaverile!
Quale inganno più sottile! Mario è andato tante volte sulla neve, calmo,
senza un abbraccio, un sussulto che mi facesse intuire!
L'avete fatto pensando ad un'"ultima forma d'amore"? (II)
E dove si prende il diritto di sostituirsi a chiunque nel pericolo più estremo?
Ci si ammazza, ci si lascia morire, ci si avvicina alla trascendenza, si inizia a
guardarsi dentro le viscere dell'anima....? Ognuno risponde per sé. Sono
giorni, angosce, durezze che nessuno deve toccare: per nessuno.
Serviva amore, sì, ma amore vero e coraggioso.

Al mattino seguente mi preparo con cura perché so che rimarrò a letto forse
per tutto il giorno e la notte. L'instabilità rimasta dopo l'operazione di
quindici giorni fa mi costringe a chiedere aiuto.
A letto cerco di respirare contro la forte emozione dell'attesa. Metto le mie
preziose cassette di musica portate con il registratore; muovo i piedi per
l'energia.
Alle 11 viene l'infermiera per iniziare la flebo di cortisone; ovviamente si
rompe la vena; Marta (che è timida e delicata) fa come la mia amica Marina
- le vengono chiazze rosse sul collo e sul viso. Riprova: sa che è molto
doloroso questo ago con catetere su vene fragili e sottili come le mie. Per
fortuna il secondo tentativo sembra reggere e fissa l'ago.
Alle 12 comincia un movimento grosso nelle stanze accanto; io posso solo
ascoltare; non siamo visibili reciprocamente perché i muri di tufo sono di
oltre 30 cm. tra una stanza e un'altra.
Anche nella mia capisco che viene preparato molto materiale di emergenza
al di là del muretto del letto. Riva mi avvisa che stanno lavorando prima su
altre tre persone (l'ittrio ha una validità di due giorni ed è stato faticosissimo
procurarselo per il medico: bisogna usarlo subito; hanno chiamato anche un
paziente a casa, di emergenza, per trattarlo immediatamente).
Mi da' i tempi come l'avevo pregato di fare, per controllare l'ansia. Il
chirurgo sta trovando problemi con l'altro ammalato, perciò ritarda.
All'una meno qualche minuto sono nella mia stanza.

Il chirurgo ha la maschera e camice verde, Riva guanti sterili; sono presenti


tutti: infermiere, caposala e medico del reparto. Il chirurgo è un giovane
grosso dall'aspetto e dalla parlata aspra (per fortuna non posso vederne
completamente il viso).
Di colpo entro nella dimensione vera di questo esperimento, della mia
grande malattia, del proiettile nucleare che si deve iniettare.
La mia stanza d'ospedale normale non c'è più.
Vengo coperta completamente da teli verdi sterili. Non vedo nulla, non ho
spazio nemmeno per la bocca, ma sono così concentrata che non ho paura.
Sento le parole del chirurgo che cerca la sonda, rimane stupito dalla
vicinanza del secondo intervento, vede che la pelle è rovinatissima.
Comincia un linguaggio ascoltato nei film (di fantascienza ? dell'orrore ? dei
primi esperimenti spaziali ? non so), quando attorno ad un corpo ricoperto e
inesistente come il mio tante persone provano. Cosa ? Il prolungamento di
un po' di vita.
La voce è secca, metallica, rapida: "ago inserito; cisti ripiena; cavità trovata;
nessuna difficoltà nella penetrazione". Il tono si fa diverso e alterato:
"goccia fuoriuscita; garza contaminata".
Io improvvisamente sento una massa di liquido nel vuoto del cervello; il
chirurgo smuove il mio cranio sotto i teli; lo stupore è ancora più pauroso.
Lui va via ma restano tutti gli altri; Riva mi tocca i due polsi continuamente.

Cerco di osservarmi anch'io ma l'ansia adesso è violenta; ormai so di far


parte di una grande scommessa non perfezionata, di un tentativo estremo
con un mezzo estremo.
Mi si chiude la gola; ho un po' di difficoltà a inghiottire per i miei problemi
allergici.
Riva non si muove quasi più dal mio letto per un'ora intera facendomi
parlare continuamente. Sono le 14 passate quando si allontana per 5 minuti.
Mi tocca spesso la nuca per vedere se si è irrigidita, il polso (può crollare il
cuore, saprò dopo) la gola per il pericolo grosso della reazione allergica. La
reazione sembra modesta; e quest'altra volta? Se mi sensibilizzo? Ma non ho
scelta. Non c'è altro che i tentativi anch'essi sperimentali del Giappone che
rifiuto. Senza quest'uomo attentissimo dal perfezionismo maniacale che
segue personalmente tutti i suoi pazienti, senza le voci già note e gentili del
personale intorno, non avrei potuto reggere questa prova.
Io mi sento fuori dal normale, nel turbamento assoluto, ma il mal di testa
non parte dalla nuca irrigidita. Riva ancora, mi muove il collo e la testa.
Cerco con infinita disperazione di ritornare a pensare alle respirazioni, a
visualizzare il liquido nucleare di 15 m. curie che cerca il cancro e lo
prende, a immaginare le proteine del ratto immuno-depresso che - creando
anticorpi - dovrebbero distruggere il tumore.
Sono stanchissima. Posso bere un goccio di tè che subito mi da nausea. Non
voglio perdere del tutto il controllo di ciò che succede. La testa mi fa molto
male ma Riva sembra più calmo.

Ho freddo. La copertina di Patrizia serve a tutto. Come avrei fatto senza


questo dono sensibile e intelligente di quella persona luminosa?
Parlo al telefono con mio marito; e credo di essere ancora abbastanza lucida.
Alle 17 cambia il dolore: un macigno sul punto dell'infusione, un peso
orrendo che esplode in tutte le direzioni. Riva torna, cerca di spiegarmi
tecnicamente quello che sta accadendo al cervello e la ricerca del '90 che lui
applica. Non seguo bene, è complicatissimo: gli chiedo una pubblicazione
semplice e comprensibile. Dice che non c'è, dovrebbe scriverla lui, ma il
tempo? Va sempre peggio. Verso le 19 provano ad alzarmi per mangiare
qualche cucchiaio di minestrina e inghiottire la terapia anticonvulsiva. E' un
momento terrificante di orrore: non reggo la sedia, non reggo il movimento
del cucchiaio. La testa è un organo che non mi appartiene più. Riva mi fa
rimettere ancora una flebo di cortisone. Crollo con i nervi. Parlo al telefono,
come posso, con mio figlio. Vorrei Giovanna, la mia fatina di Cesena ma
non la fanno entrare. Piango tanto.
Sola.
Riva dice che tornerà alle 22 e 30 per un controllo. Mi mortifico, cerco di
dirgli che l'esplosione si sta attenuando. Mi risponde che preferisce dormire
tranquillo dopo le 22. Puntualissimo arriva con me assopita leggermente dai
tranquillanti.
Mi sveglia, mi tocca il polso. Dà disposizioni di lasciarmi gocciolare flebo
di cortisone lentissima in modo che possa durare tutta la notte.

Riposo qualche ora ma il macigno si è come sgretolato e va per tutta la testa


senza il peso e la violenza di ieri.
Il medico è da me alle 8; Riva alle 8,30: pressione, pillole, iniezioni. Gli fa
piacere vedermi in poltrona dove mi hanno sistemata fuori dai rischi di
caduta e di colpi anche se svengo.
Cerca di spiegarmi che la quantità di radiazioni iniettata cala
matematicamente nei giorni successivi e si dimezza.
Vengono a misurarmi le radiazioni con una sorta di "geiger". Non va bene.
Sono alte. Si riservano lo "Spect" domani per controllare dove si è
depositato il materiale nucleare. Posso ricevere Lino e Giovanna a distanza
di un metro di fronte a me stasera per 10 minuti.
Le infermiere invece sono continuamente a contatto mio e dei pazienti
trattati con lo iodio (stanotte hanno definito una signora "una bomba
radioattiva umana").
Riva torna a fine mattina. Dice che ora è finalmente tranquillo per me; mi
muove di nuovo la nuca, gli spiego che io sto malissimo e non faccio un
passo da sola.
Le sue parole però mi danno il senso del rischio non più vicino (mortale? Mi
risuonano fisse le parole di Anna: "i raggi interni non li reggerai").
Si può comunicare un'esperienza del genere ? Non so.

Il protocollo internazionale per la cura dei tumori al cervello ignora la


sperimentazione del Dott. Riva: nessun rilievo; nessuna efficacia.

Poi nell'aspettare qui il turno dello "Spect" ho avuto la ventura di sedermi


accanto ad una bella signora sana e forte con una polo azzurra come i suoi
occhi. Per fortuna (nonostante il mio aspetto misero da malata) ci siamo
parlate: anche lei aveva un gliobastoma ad elevato grado di malignità da 6
anni; si era ridotta come una larva, ha subìto molte operazioni e trattamenti
nucleari, infezioni e complicazioni, ha avuto coraggio e fortuna.
Certo, è uno dei pochi casi nella statistica del Dott. Riva così felice. Nelle
statistiche dei congressi ufficiali ha ben poco rilievo.
Eppure mi parlava da questo corpo vivissimo, senza traccia sul volto o sul
corpo di dolore e malattia.

Sono scoppiata in un pianto dirotto per una emozione sconvolgente.


Riva l'onnipresente - passando nel corridoio - ha chiesto cosa stesse
succedendo. La donna ha risposto: "Nulla. Siamo compagne di avventura".

Domenica 2 marzo 1997


Dopo più di un mese di ospedali, fisioterapia continua a casa e infermieri,
oggi ho passeggiato piano piano di nuovo al sole di Villa Ghigi con le mie
amiche ben strette a sostegno.
Parliamo: il tempo corre, io corro più di lui. La notte studio, leggo e scrivo.
Metà del mio grande letto è pieno di fogli e penne e libri come una
scrivania. Mio marito dorme in un'altra stanza.
Ci fermiamo su di una panchina a ragionare ancora sotto voce.
Carla racconta del giuramento che le ha fatto fare Paola - l'altra grande
amica del gruppetto bolognese - in caso di malattia mortale: qualunque cosa
potessero dire i medici o i famigliari, qualunque sicurezza avesse raggiunto
la sua intelligenza, mai Carla avrebbe dovuto acconsentire alla verità. Io
sono certa che - se ve ne sarà bisogno - Carla inventerà cose straodinarie e
meravigliose per rassicurare l'amica. Conoscendola da sempre, troverà ogni
giorno la riserva di illusione che ha chiesto e ogni giorno entrerà nella sua
stanza con un dono nuovo di speranza, con un ragionamento bizzarro ma
coerente che spiega le parole afferrate (magari assopita) insieme al bacio del
figlio in lacrime.
Carla ha giurato; Carla sa che non tradirà; le sembra naturale e giusto tutto
ciò che farà.
Eppure è lo stesso affidamento che avevo chiesto io ai pochi amici di vita:
Paola non vuole sapere; io avevo chiesto di conoscere.

Perché il rispetto della mia volontà è stato invece così impossibile e mi ha


coperto di una pìetas non cristiana e senza "elevazione dell'anima"?(III)
In questa forzatura quotidiana di giovinezza/salute/energia dove anche le
donne anziane sono travestite da ragazze, l'angoscia di morte, il rapporto
intenso e complesso con l'accadimento morte (in un paese così cattolico!) è
scomparso. Ben seppellito dalla paura.

Franco Fornari scrive: "un proverbio lucano dice che quando un bimbo
nasce, piange per annunciare che la morte è entrata nel mondo. Sarebbe però
più corretto dire che piange perché - nascendo - ha incontrato la morte".
Sono certa che il grande psicanalista abbia voluto dire ....perché - nascendo -
ha incontrato la sua morte. Nessuno ha il diritto di togliere a quel bimbo che
nel corso degli anni così a fatica è diventato persona (fragile o resistente,
che importa?), a quel vecchio che lo chiede, il confronto con la sua morte.
Il ricordo di tutto se stesso.

NOTE:

I)Il codice deontologico approvato nel giugno 1995 è certamente ambiguo


in proposito e consente un vasto spazio a qualunque condotta del medico.
L'art.29 al 1° comma prevede una serie di condizioni perché il diritto del
paziente ad essere informato venga soddisfatto: "tenendo conto del suo
livello di cultura, e di emotività (!!) e delle sue capacità di discernimento..."
Ma chi valuterà tali livelli se non il medico stesso!?
Al 4° comma aggiunge "Le informazioni riguardanti prognosi gravi o
infauste... devono essere fornite con circospezione..."
Ma la "circospezione" non diventerà un comodo alibi per ogni situazione?
- L'art. 31 ("consenso informato: il medico non deve intraprendere attività
diagnositca e terapeutica senza il consenso del paziente validamente
informato") diviene allora una recita inutile per una firma sempre richiesta
a tutela stavolta delle società assicurative, dei medici e degli ospedali.

II) "Pedro Solinas"

III) "Affetti e cancro" di Franco Fornari


In nota a Ruggiano
Giancarlo Scarpari Questa non è una riflessione sulla morte, ma sulla vita, sulla pienezza e la
qualità di una vita che deve essere realizzata fino in fondo.

Sappiamo che il tempo che ci è dato scorre in modo diseguale: viaggia a


velocità diversa a seconda delle persone e per lo stesso individuo può
mutare nel corso della sua vita, nello spazio di un giorno o in un attimo. E
certo comincia a scorrere più in fretta per chi scorge improvvisamente la
morte, come possibile, all’orizzonte.

Ma nella società "del benessere e della felicità" questo orizzonte è da tempo


cancellato, l’idea stessa della morte (propria) rimossa ed occultata: rimane
quella degli altri, ma neppur questa per lo più vissuta, ma solo sentita,
perché raccontata o vista, attraverso le immagini tutte eguali di un mondo
virtuale.

La persona si è così abituata a vivere il quotidiano come se questo fatto


naturale, la morte, non la riguardasse. E la società ha delegato alla scienza la
cura e la custodia delle altrui sofferenze e malattie.

Non è sempre stato così. Ariés ci ha ricordato che l’uomo del Secondo
Medioevo e del Rinascimento "teneva a partecipare alla propria morte,
perché vedeva in essa un momento eccezionale in cui la sua individualità
riceveva la forma definitiva. Non era padrone della propria vita che nella
misura in cui era padrone della propria morte"(I).

La modernità ha cambiato tutto questo. Le figure che accompagnavano il


malato, che erano presenti in questa fase della vita e che parlavano con lui, il
prete, il medico di famiglia, la cerchia dei parenti hanno finito col cedere il
posto al medico specialista (il cui sapere è irraggiungibile) e alla struttura
ospedaliera (che custodisce e controlla).
Il malato è curato e assistito, ma non ascoltato, se non per cortesia. Il
colloquio, lo scambio, sono finiti; nella generalità dei casi ci si affida - il
paziente, la famiglia tutta - alla scienza del medico, cioè al suo potere
assoluto.
Il malato non deve sapere la gravità del suo male: nei congressi medici, in
Francia, si è sostenuto che al malato bisogna mentire, in nome della "legge
dell’amore e della carità"(II). Nel codice deontologico, in Italia, è prescritto
che i medici diano "le informazioni riguardanti prognosi gravi o infauste"
usando "terminologie non traumatizzanti"(III), celando quindi, ancora un
volta, la verità.
Il paziente quindi non è persona, non ha più diritti, è posto, senza alcun atto
formale, ma col consenso di tutti, sotto tutela. Per il suo bene, s’intende. Le
sue richieste di sapere, di conoscere, sono inopportune, se insistite rischiano
di apparire moleste.
Giorno dopo giorno viene così espropriato della possibilità di decidere della
propria vita, perché altri, nel frattempo, ne è divenuto padrone e può, a
discrezione, dosare le informazioni, mescolare il vero al falso (pietoso),
"tenendo conto del suo livello di cultura e di emotività e della sua capacità
di discernimento".
La pietà, l’amore, la carità sono certo, se autentici, nobili sentimenti: ma
avvolgono le persone cui sono destinate in una gabbia consolatoria, evitando
di riconoscere i loro diritti.

Per rompere questa catena non occorrono rivoluzioni di sorta, ma basta


rendere effettivo un semplice ed univoco principio: "le richieste di
informazioni da parte del paziente, anche in casi di prognosi infauste,
devono essere comunque soddisfatte, con gradualità e rispetto alla persona".
Si tratta cioè di mutare la prospettiva di partenza, sulla base dell’interesse
che si intende tutelare effettivamente, quello del malato, non quello del
medico. Non si tratta, quindi, di stabilire un obbligo generalizzato di
informazione a carico del personale sanitario, ma di fissare un diritto della
persona ad ottenere notizie veritiere sulla sua condizione, una volta
richieste, anche se gravissime e infauste.
Si tratta dunque di una norma che rispetta in primo luogo il diritto del
malato e non è diretta a salvaguardare, come accade oggi, il potere assoluto
di chi lo ha in cura.

Stabilito il principio, si può certo discutere in ordine alle modalità per


renderlo effettivo ed operante, senza intenti punitivi per chicchessia.
Dopodiché potrà accadere che la gran parte dei pazienti preferirà continuare
a vivere nell’illusione, ma altri vorranno e potranno sapere. In entrambi i
casi saranno scelte loro e non di terzi, scelte con cui l’interessato deciderà di
come vivere il suo presente, improvvisamente dilatatosi, e il suo futuro,
dalle incerte frontiere.

NOTE:
(I) P. Ariès, Storia della morte in occidente, Milano, 1994, p. 195.

(II) V. Jankelevitch, Medecine de France, 1966, n. 177, p. 3.

(III) Codice di Deontologia Medica, approvato il 24-5/6/1995 dall’Ordine


dei Medici Chirurgi e degli Odontoiatri.
La politica
Paolo Palazzi Il mio intervento precedente dal titolo L'utopia si concludeva in questo
modo:
"L'unica soluzione strategica che mi sembra praticabile è basata su due
mutamenti di tipo qualitativo:
- passaggio da una economia di prodotti ad una economia di servizi
- passaggio da prodotti e servizi individuali a prodotti e servizi collettivi.
In sintesi, con uno slogan, si può dire che bisogna incorporare nei prodotti
il benessere sociale e la qualità della vita. Slegando in qualche modo il
benessere dalla quantità dei prodotti e legandolo alla qualità.
Il contenuto materiale dei prodotti dovrà tendere a ridursi drasticamente e
invece sempre di più dovrà incorporare migliori rapporti umani,
conservazione di un ambiente sano e piacevole, solidarietà, possibilità di
controllo della propria vita, fantasia e creatività, ecc.
Sono tutte caratteristiche che hanno un elevatissimo contenuto "autarchico",
ad elevato valore aggiunto materiale e spirituale.
Come credo tutti ormai sappiamo, questa trasformazione non può avvenire
con una modificazione dell'assetto politico e ancor meno con una
rivoluzione: poichè tale trasformazione deve avvenire nelle coscienze e dal
basso, non è sufficiente propagandarla né può essere imposta."

In questo intervento cercherò di convincervi che, nonostante il titolo del mio


intervento fosse "L'utopia", queste affermazioni non sono più utopiche ed
irrealistiche di quelle di coloro che pensano che il problema
dell'occupazione sia:
a) tamponabile nel breve periodo con qualche intervento pubblico a favore
dei disoccupati o a favore degli imprenditori;
b) risolvibile nel lungo periodo aumentando i tassi di crescita del reddito a
valori superiori a quelli dell'incremento medio della produttività (4-6%
all'anno).

In cifre l'argomento può essere posto in questo modo: i settori produttivi


tradizionali (agricolo, industriale e terziario avanzato) sono direttamente o
indirettamente esposti alla concorrenza internazionale che li obbliga, pena la
scomparsa, a ritmi di progresso tecnologico decisamente nella media,
nettamente superiori alla espansione del mercato. Ne consegue che l'unica
possibilità di rimanere del mercato è legata alla loro possibilità e capacità di
diminuzione dei costi, in particolare alla diminuzione del costo del lavoro
attraverso l'aumento della produttività e l'espulsione di lavoratori dal
processo produttivo.
Una espansione dell'occupazione, o anche il suo solo mantenimento, è
legata alla crescita dei settori a bassa o nulla dinamica di produttività. Il
settore pubblico e quello del terziario tradizionale hanno in passato svolto
questa funzione, ma ad un costo che ora sembra non più sostenibile e ancor
meno espandibile.
I costi sono davanti a tutti: da una parte un settore pubblico nel quale il
processo produttivo non ha quasi per nulla un rapporto con il prodotto finale
per il quale dovrebbe esistere e un settore terziario tradizionale costosissimo
mantenuto in vita da legislazioni medievali difese dal potere di forti
corporazioni.
Lo smantellamento i queste strutture "precapitalistiche" avrebbe però
l'enorme costo di contribuire in modo drammatico e insostenibile ad un
aumento della disoccupazione.

Può piacere o non piacere, ma questa è la realtà italiana ed europea.


Solo pochi commentatori economici, generalmente quelli non legati
direttamente al mondo della politica, hanno l’onestà culturale di basare le
loro analisi e anche le eventuali soluzioni tappabuchi su questa visione
senza paraocchi della realtà.

Se ne può uscire? Credo che la strada ci sia, è quella di iniziare a produrre in


modo massiccio beni la cui utilità e il cui utilizzo siano legati ad aspetti
qualitativi, in gran parte immateriali, relativi:
a) alla tipologia del prodotto
b) al bisogno che il prodotto soddisfa
c) al modo in cui si organizza il processo produttivo stesso.
Immortalità della televisione
Aldo Grasso Tema conduttore del Salone del libro (Torino 22-27 maggio) sarà
l’immortalità. Come appare e si dimostra nella letteratura, nella scienza,
nella filosofia, nelle arti. Anche nella televisione.

Nonostante in Tv si dica sempre che "il tempo è tiranno", solo con la


tirannia del video ci illudiamo di durare nel tempo. La Tv, meglio, le Tv ci
insegnano infatti che non esiste l’immortalità, esistono le immortalità. Che
non sono uguali, che sono tante, che mostrano caratteristiche specifiche.
Consideriamone alcune.

Immortale per caso. In video si può diventare immortali malgré sol.


L’imperituro per caso è quello sconosciuto finito in una sigla, catturato da
una gaffe, schidionato in un blob. Appare mille volte, come supporto dei
titoli di testa, come esempio di una bestialità, come tormentone perenne: la
donna che lavora, il primo passo sulla luna, il maestro Manzi, il passatoio di
Mondovì, chissà chi lo sa, Alessandro Cocco lo zelig della Brianza. Oppure
è un misconosciuto che viene recuperato in un’epoca che non è la sua, in
una di quelle redenzioni prodigiose che sole le "riletture" o le "rivisitazioni"
sanno compiere. Il principio di casualità televisiva è stato formulato dallo
scrittore polacco Stefan Themerson nel 1951. Dice: "Il Tempo tramuta
annunci pubblicitari in poesie, e il Tempo tramuta poesie in annunci
pubblicitari".

L’immortale ridicolo. E’ il mortale che studia da immortale. Si tratta -


come direbbe Milan Kundera - di una immortalità tutta terrena,
l’immortalità di coloro che dopo morti desiderano fermamente restare nella
memoria dei posteri. Grazie alla Tv, ogni uomo può raggiungere questa
immortalità più o meno grande, più o meno duratura, e fin dalla giovinezza
ne coltiva il pensiero. I nomi di questa piccola immortalità sono "fama",
"celebrità", "notorietà" e l’espressione che ne certifica l’esistenza è:
"Dottore, l’ho vista ieri sera in Tv!". Scrive Kundera ne L’immortalità:
"Fama significa essere conosciuti da molte persone che voi non conoscete e
che avanzano pretese su di voi, vogliono sapere tutto di voi e si comportano
come se voi gli appartenete...Purtroppo la fama non appartiene soltanto ai
personaggi famosi". Di qui il fenomeno peculiare dei talking heads, di quei
personaggi che esistono solo in virtù della loro capacità di apparire nei
talkshaw per esprimere opinioni su qualsivoglia argomento.

Immortale o mitico? Nonostante la cattiva conservazione dei programmi e


lo stato spaventoso degli archivi, bisogna tuttavia considerare che spesso le
immagini sopravvivono ai corpi da cui, in qualche modo, provengono. Si
pone così il problema dell’opera di consumo nell’epoca della sua
incensurabilità tecnica. In realtà, della Tv, come del porco, non si butta via
niente: di qui la voga dei recuperi, delle memorie, delle nostalgie: Pippi
Calzelunghe, Star Trek, l’ombelico della Carrà, Giovanna la nonna del
Corsaro Nero, la collezione dei Puffi di Orietta Berti, Furia cavallo del west.
Ma la Tv entra nell’immortalità con il mito o con il mitico? Se lo chiede
Stefano Bartezzaghi con sottile distinzione: "Il mito sarebbe caratterizzato
dall’insorgenza pura e incontaminata, l’evidenza assoluta,
l’inconsapevolezza di sé. Il mitico si presenta completo di istruzioni per
l’uso: è portato a spiegarsi, a raccontarsi, a storicizzarsi". La Tv creerebbe
solo miti visti da vicino, miti con dibattito a seguire? E la sua memoria è un
catalogo sfibrato che obbedisce al primato gerarchico dello stampo (del
calco, della copia, della riproduzione) e dove il nuovo è ciò che abbiamo di
più antico?

Siete a conoscenza di alcuni casi di immortalità televisiva?

Forum: Altre vite?


Sondati
Renato Mannheimer Al sondaggio sulla "provincialità" o meno dell'Italia, lanciato sul n. 8 di
Golem, hanno riposto 116 lettori, per lo più maschi (solo 14 signore!), tra i
quali molti insegnanti. L'età media è sui 35 anni. L'orientamento politico è
per il 43% di sinistra e per un altro 28% di centro-sinistra. Ma, per
soddisfare almeno un po’ la pluralità di opinioni, un 14% si definisce di
destra (e un altro 3% di centro-destra).
Il quesito era il seguente:

ALCUNI HANNO SOSTENUTO CHE L'ITALIA È UN PAESE


TUTTO SOMMATO "PROVINCIALE".

In che misura sei d'accordo con questa affermazione?

Molto
Abbastanza
Poco
Per Nulla
Non so

Il 41% dei rispondenti si è dichiarato "molto d'accordo" con la frase e un


altro 47% ha detto di essere "abbastanza d'accordo". In totale fa l'88%. Un
plebiscito, insomma. Hanno detto di essere "Per nulla d'accordo" solo 2
rispondenti, uno del nord e uno del sud.
Sembra dunque che la provocazione di Ruggiero sia condivisa dai nostri
lettori. O, forse, più probabilmente, hanno risposto solo quelli che erano
d'accordo. Voi cosa ne dite?
Distinguere
David Meghnagi Confondere il problema dell'intolleranza con l'antisemitismo, istituire gli
stessi parametri interpretativi per spiegare l'ostilità contro chi la pensa
diversamente o chi viene da lontano per cercare lavoro e l'ostilità verso gli
ebrei può essere un errore gravido di conseguenze negative sul piano della
prospettiva e dell'educazione ai valori della tolleranza e della lotta al
pregiudizio antisemita.
Per quanto l'intolleranza ed il razzismo contro gli immigrati possano
presentare sul piano psicologico delle analogie con le forme tradizionali di
ostilità contro gli ebrei, si tratta in ogni caso di fenomeni distinti fra loro. La
chiarezza su questi problemi è una premessa necessaria per non aggiungere
altri danni a quelli già esistenti. Un errore del genere potrebbe legittimare
nella stessa prassi educativa l'idea perversa che gli ebrei di nazionalità
italiana, francese o tedesca per esempio non siano cittadini a pieno titolo.
Allo stesso modo occorre distinguere tra l'antisemitismo vero e proprio e le
forme tradizionali di antigiudaismo religioso e culturale. L'antigiudaismo
cristiano (che ha certamente fornito l'humus simbolico su cui si è in seguito
innestato l'antisemitismo razziale) lasciava pur sempre aperta attraverso la
conversione uno spiraglio di uscita dall'oppressione e dalla segregazione nei
ghetti. Per la teologia cristiana la "colpa" esistenziale dell'ebreo non era
incancellabile, poteva essere redenta col battesimo. Nella simbologia della
Chiesa la condizione di oppressione degli ebrei serviva a rappresentare il
trionfo della "nuova elezione" su quella più "antica". In questa logica
perversa l'antigiudaismo incontrava un limite nel passato ebraico della
nuova fede, nel fatto che "le promesse cristiane" trovavano un loro
fondamento ultimo nelle Scritture ebraiche, che il "nuovo patto" aveva in
ogni caso il suo fondamento in quello più "antico". Oltrepassare questo
limite significava rompere coi simboli costitutivi del Cristianesimo, la sua
trasformazione in qualcosa d'altro (si pensi all'eresia di Marcione).
Quel che nella tradizione antigiudaica del Cristianesimo era "una colpa"
spirituale, che poteva pur sempre essere superata col battesimo (e nella
visione liberale, socialista e comunista, poteva essere considerata un
anacronismo culturale superabile con l’"assimilazione"), nella logica del
razzismo diventava una colpa ontologica, una macchia indelebile e assoluta:
l'ebreo in quanto tale, indipendentemente dalle sue convinzioni religiose e
ideologiche era "la personificazione del male". Per i nazisti l'ebraismo era la
controimmagine simbolica di un mito che nega l'unità stessa del genere
umano. Non a caso il nazismo individuava nel Cristianesimo e in tutte le
forme di universalismo secolare prodotte dalla civiltà europea, dal
liberalismo alla democrazia, dal socialismo al comunismo, una forma di
"corruzione ebraica", da cui i popoli "ariani" in nome di una pretesa
superiorità della razza si sarebbero dovuti "emancipare".
Il processo di emarginazione degli ebrei dal resto della popolazione tedesca
inizia molto prima dell'avvento del nazismo al potere, è profondamente
radicato nel modo in cui ha preso forma l'ideale nazionale tedesco, nei suoi
miti di fondazione. Come ha ben sottolineato Mosse, nella Germania
dell'Ottocento, dopo la breve parentesi della Bildung goethiana (l'ideale di
un miglioramento progressivo dell'uomo tramite l'elevazione culturale e
morale, in cui ebrei e non ebrei potevano riconoscersi e specchiarsi) era
subentrata un'idea di segno opposto che attribuiva valore all'appartenenza
"organica" al Volk germanico, con la conseguente scissione del principio di
cittadinanza da quello di appartenenza. Nella logica del nazionalismo
tedesco si poteva essere cittadini tedeschi senza per questo appartenere
realmente alla nazione tedesca. Il fatto di nascere in Germania, di parlare la
lingua tedesca, di condividere le aspirazioni dei propri concittadini non
modificavano il dato essenziale dell'appartenenza, che poteva al contrario
essere estesa alle minoranze che vivevano da secoli nelle regioni dell'Europa
orientale.
L'ostilità verso gli ebrei era accresciuta dal fatto che l'emancipazione in
Germania non è scaturita direttamente da un processo di cambiamento
interno, ma in un certo qual modo imposta dall'avanzata delle truppe
napoleoniche (che per non urtare la suscettibilità della popolazione tedesca
si sono affrettate a ridurne la portata). Di conseguenza l'emancipazione degli
ebrei in Germania diventava il simbolo stesso della dominazione straniera.
Lo sviluppo di una nazionalismo organico apertamente ostile ai valori della
rivoluzione francese contribuiva a coagulare in un unico registro l'ostilità
contro il dominio straniero e quello contro gli ebrei. Si tratta di premesse
che non vanno confuse con gli esiti di un secolo dopo. Perché il nazismo
prendesse il potere e il razzismo diventasse ideologia di Stato totalitario,
occorrevano tanti altri passaggi: l’abbrutimento prodotto dalla prima guerra
mondiale, il tracollo militare (che fu un tracollo di imperi), l'umiliazione
postbellica, la guerra civile ed il crollo della repubblica di Weimar. Si tratta
di passaggi molteplici dove non tutto era già prestabilito. Ma è importante
seguire le matrici culturali di un processo se si vuole intravederne in tempo
le implicazioni e gli esiti possibili.
Se Auschwitz è poi assurta a simbolo è perché la logica dello sterminio
nazista ha rappresentato un momento di rottura con ogni forma precedente
di persecuzione e pregiudizio. Non è solo l'entità della tragedia, resa
possibile dal carattere totalitario del regime nazista, ma la forma, il luogo e
la logica che l'ha guidata. Sotto un regime totalitario, come la storia
dell'Unione Sovietica insegna, può accadere di tutto, ma la logica del
totalitarismo nazista era portatrice di un rifiuto che rompeva con ogni traccia
possibile di umanesimo. Col nazismo è l'idea stessa dell'unità del genere
umano ad essere stata messa in discussione con la classificazione in "razze
superiori" e "inferiori". In questa ottica la distruzione dell'ebraismo faceva
tutt'uno con la distruzione dei valori fondanti della cultura occidentale, delle
sue aspirazioni egualitarie e dei suoi ideali di libertà.
Il fatto che tale ideologia si sia affermata nel cuore dell'Europa, nel paese
economicamente più sviluppato, e gli stermini di massa si siano consumati
al suo interno (e non in luoghi lontani) col silenzio delle Chiese, ha finito
col determinare nella coscienza europea e cristiana una frattura irriducibile e
paradigmatica. L'immagine dell'uomo ne usciva modificata, la fede e la
filosofia non erano più le stesse, agli occhi più sensibili la revisione
dell'insegnamento religioso cristiano sugli ebrei si imponeva come una
necessità etica. Non era più possibile tacere di fronte al fatto inquietante che
il cristianesimo col suo insegnamento secolare aveva reso possibile una tale
identificazione simbolica negativa degli ebrei in seno alle società europee.
Purtroppo l'antigiudaismo è una corrente sotterranea che attraversa
dall'interno l'intera storia della cultura. La lotta all'antisemitismo può avere
effetti duraturi se comporta una revisione innovativa e profonda della
tradizione religiosa, della cultura e della politica. Non a caso nella Germania
riunificata è nella parte orientale che ha ripreso corpo nel modo più
inquietante (sullo sfondo di una grave crisi economica e sociale) l'odio
antiebraico e la reazione xenofoba contro gli immigrati. Mentre nei paesi
"ex comunisti", dove fino a qualche anno fa l'antisemitismo veniva
mascherato di antisionismo, il dilagare della crisi economica e sociale ha
dato la stura ai più antichi pregiudizi e nella Russia di oggi si torna a parlare
di "complotto giudaico". Come cento anni fa la tentazione della Russia di
chiudersi a riccio su se stessa va di pari passo col riemergere dell'ostilità
verso gli ebrei e la loro identificazione simbolica con "il male" e con
"l'Occidente". Gli ebrei sono allo stesso tempo accusati di "aver tramato"
contro la Russia eterna con il comunismo e di completare la loro "opera
malefica" con "l'introduzione del capitalismo" e "l'erosione di ogni principio
di solidarietà".
Tra le varie forme di antisemitismo a cui si assiste oggi ve n'é uno su cui
non sarà mai sufficiente riflettere abbastanza, anche perché è il più
sfuggente e può operare contro ogni logica cosciente. Parlo di un
antisemitismo prodotto dalla tragedia di Auschwitz, dal suo impatto e
portata nella cultura tedesca ed europea. Le immagini dello sterminio
nazista sono all'origine di un sentimento di colpa persecutorio che alla lunga
può risultare intollerabile. Gli ebrei diventano colpevoli per il solo fatto di
ricordare con la loro esistenza certi eventi della moderna storia tedesca ed
europea. In questa ottica voler ricordare i propri morti diventa una colpa
perché quel ricordare impedisce ad altri di rimuovere e di dimenticare.

Nell'immaginario collettivo le nozioni di patria e nazione sono dei


rappresentati simbolici della madre, come tale investiti di idealizzazione. Se
tale immagine è danneggiata al punto da non poter più essere investita di
idealizzazione, ci si può inventare un passato diverso. Non potendosi
rappresentare come "innocenti", si può tentare di relativizzare la proprie
colpe ingrandendo quella degli altri, oppure inserendo la sequenza dei fatti
in processi più ampi, ributtando su altri il peso di un fantasma che opprime.
Evidentemente la posta in gioco non è solo la necessità di un giudizio
"obiettivo" dello storico su eventi complessi della moderna storia europea,
ma il sistema di simboli entro cui inscrivere il ruolo del proprio paese e della
propria appartenenza nazionale all'interno di un più ampio orizzonte
europeo. Siamo di fronte ad "un buco nero" che dall'interno corrode la
cultura e la capacità di pensiero, a traumi da cui non è possibile uscire
isolatamente. Il destino futuro dell'Europa è legato alla capacità di portare
tutti insieme un fardello il cui peso non può essere lasciato sulle sole spalle
di chi l'ha subito, né può essergli indebitamente tolto. Parole chiave come
democrazia e Occidente acquistano un significato diverso a seconda della
direzione che viene data alla ricostruzione del proprio passato nazionale e
dei simboli su cui è innestata. Questo aspetto dell'antisemitismo non può
essere limitato alla sola Germania, benché nella storia nazionale di quel
paese l'antisemitismo abbia assunto forme paradigmatiche. Si pensi per
esempio alla Polonia. Le responsabilità di questo paese in fatto di
antisemitismo non sono le stesse della Germania. Eppure anche lì vi è un
problema che coinvolge la sfera più intima dell'identità nazionale ritrovata.
Bisognerà pur sempre trovare una spiegazione, nell'immaginario collettivo
polacco, del perché la maggioranza dei polacchi abbia guardato con
indifferenza allo sterminio di tre milioni di loro concittadini ebrei; né si può
dimenticare che in quel paese si sia consumato all'indomani degli eccidi
nazisti un pogrom contro gli scampati che tornavano alle loro case.
Bisognerà pur sempre chiedersi onestamente perché, almeno sino all'arrivo
dei nazisti, era dalle Chiese, uno dei grandi simboli della libertà nazionale
ritrovata, che partivano le spedizioni contro gli ebrei. In forme diverse il
problema si ripropone con la Romania, l'Ucraina e la quasi totalità dei paesi
dell'Europa orientale dove la reinvenzione immaginaria del passato, propria
di ogni nazionalismo e di ogni rinascita nazionale, si scontra col fatto
ineludibile che la storia ebraica passata e più recente sta ad indicare che
certe rinascite non sono avvenute in modo innocente.
Le leggi razziali
Italia 1938 PROVVEDIMENTI NEI CONFRONTI DEGLI EBREI STRANIERI

REGIO DECRETO-LEGGE
7 settembre 1938-XVI, n. 1381

VITTORIO EMANUELE III PER GRAZIA DI DIO E PER LA


VOLONTÀ DELLA NAZIONE RE D'ITALIA IMPERATORE D'ETIOPIA

Ritenuta la necessità urgente ed assoluta di provvedere;


Visto l'art. 3, n. 2, della legge 31 gennaio 1926-IV, n. 100;
Sentito il Consiglio dei Ministri;
Sulla proposta del Duce, Primo Ministro Segretario di Stato, Ministro
Segretario di Stato per l'interno;
Abbiamo decretato e decretiamo:

•Art. 1. Dalla data di pubblicazione del presente decreto-legge è vietato agli


stranieri ebrei di fissare stabile dimore nel Regno, in Libia e nei
Possedimenti dell'Egeo.

•Art. 2. Agli effetti del presente decreto-legge è considerato ebreo colui che
è nato da genitori entrambi di razza ebraica, anche se egli professi religione
diversa da quella ebraica.

•Art. 3. Le concessioni di cittadinanza italiana comunque fatte a stranieri


ebrei posteriormente al 1í gennaio 1919 s'intendono ad ogni effetto revocate.

•Art. 4. Gli stranieri ebrei che, alla data di pubblicazione del presente
decreto-legge, si trovino nel Regno, in Libia e nei Possedimenti dell'Egeo e
che vi abbiano iniziato il loro soggiorno posteriormente al 1í gennaio 1919,
debbono lasciare il territorio del Regno, della Libia e dei Possedimenti
dell'Egeo, entro sei mesi dalla data di pubblicazione del presente decreto.
Coloro che non avranno ottemperato a tale obbligo entro il termine suddetto
saranno espulsi dal Regno a norma dell'art. 150 del testo unico delle leggi di
P.S., previa l'applicazione delle pene stabilite dalla legge.

•Art. 5. Le controversie che potessero sorgere nell'applicazione del presente


decreto-legge saranno risolte, caso per caso, con decreto del Ministro per
l'interno, emesso di concerto con i Ministri eventualmente interessati.

Tale decreto non è soggetto ad alcun gravame nè in via amministrativa, né


in via giurisdizionale. Il presente decreto entra in vigore il giorno della sua
pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale e sarà presentato al Parlamento per la
conversione in legge. Il Duce, Ministro per l'interno, proponente, è
autorizzato a presentare il relativo disegno di legge.

Ordiniamo che il presente decreto, munito del sigillo dello Stato, sia inserto
nella raccolta ufficiale delle leggi e dei decreti del Regno d'Italia, mandando
a chiunque spetti di osservarlo e di farlo osservare.

Dato a San Rossore, addì 7 settembre 1938-Anno XVI

Vittorio Emanuele, Mussolini

------------------------------------------------------------------------

Le leggi razziali

PROVVEDIMENTI PER LA DIFESA DELLA RAZZA ITALIANA

DECRETO-LEGGE 17 novembre 1938-XVII, n.1728

VITTORIO EMANUELE III PER GRAZIA DI DIO E PER LA


VOLONTÀ DELLA NAZIONE RE D'ITALIA IMPERATORE
D'ETIOPIA

Ritenuta la necessità urgente ed assoluta di provvedere;


Visto l'art. 3, n. 2, della legge 31 gennaio 1926-IV, n. 100, sulla facoltà del
potere esecutivo di emanare norme giuridiche;

Sentito il Consiglio dei Ministri;

Sulla proposta del DUCE, Primo Ministro Segretario di Stato, Ministro per
l'interno, di concerto coi Ministri per gli affari esteri, per la grazia e
giustizia, per le finanze e per le corporazioni;
Abbiamo decretato e decretiamo:

CAPO I
Provvedimenti relativi ai matrimoni

•Art. 1. Il matrimonio del cittadino italiano di razza ariana con persona


appartenente ad altra razza è proibito. Il matrimonio celebrato in contrasto
con tale divieto è nullo.

•Art. 2. Fermo il divieto di cui all'art. 1, il matrimonio del cittadino italiano


con persona di nazionalità straniera è subordinato al preventivo consenso del
Ministero per l'interno. I trasgressori sono puniti con l'arresto fino a tre mesi
e con l'ammenda fino a lire diecimila.

•Art. 3. Fermo il divieto di cui all'art. 1, i dipendenti delle Amministrazioni


civili e militari dello Stato, delle Organizzazioni del Partito Nazionale
Fascista o da esso controllate, delle Amministrazioni delle Provincie, dei
Comuni, degli Enti parastatali e delle Associazioni sindacali ed Enti
collaterali non possono contrarre matrimonio con persone di nazionalità
straniera. Salva l'applicazione, ove ne ricorrano gli estremi, delle sanzioni
previste dall'art. 2, la trasgressione del predetto divieto importa la perdita
dell'impiego e del grado.

•Art. 4. Ai fini dell'applicazione degli articoli 2 e 3, gli italiani non regnicoli


non sono considerati stranieri.

•Art. 5. L'ufficiale dello stato civile, richiesto di pubblicazioni di


matrimonio, è obbligato ad accertare, indipendentemente dalle dichiarazioni
delle parti, la razza e lo stato di cittadinanza di entrambi i richiedenti.
Nel caso previsto dall'art. 1, non procederà nè alle pubblicazioni nè alla
celebrazione del matrimonio. L'ufficiale dello stato civile che trasgredisce al
disposto del presente articolo è punito con l'ammenda da lire cinquecento a
lire cinquemila.

•Art. 6. Non può produrre effetti civili e non deve, quindi, essere trascritto
nei registri dello stato civile, a norma dell'art.5 della legge27 maggio 1929-
VII, n. 847, il matrimonio celebrato in violazionedell'art.1. Al ministro del
culto, davanti al quale sia celebrato tale matrimonio, è vietato
l'adempimento di quanto disposto dal primo commadell'art.8 della predetta
legge. I trasgressori sono puniti con l'ammenda da lire cinquecento a lire
cinquemila.

•Art. 7. L'ufficiale dello stato civile che ha proceduto alla trascrizione degli
atti relativi a matrimoni celebrati senza l'osservanza del disposto dell'art. 2 è
tenuto a farne immediata denunzia all'autorità competente.
CAPO II
Degli appartenenti alla razza ebraica

•Art. 8. Agli effetti di legge:


a) è di razza ebraica colui che è nato da genitori entrambi di razza ebraica,
anche se appartenga a religione diversa da quella ebraica;
b) è considerato di razza ebraica colui che è nato da genitori di cui uno di
razza ebraica e l'altro di nazionalità straniera;
c) è considerato di razza ebraica colui che è nato da madre di razza ebraica
qualora sia ignoto il padre;
d) è considerato di razza ebraica colui che, pur essendo nato da genitori di
nazionalità italiana, di cui uno solo di razza ebraica, appartenga alla
religione ebraica, o sia, comunque, iscritto ad una comunità israelitica,
ovvero abbia fatto, in qualsiasi altro modo, manifestazioni di ebraismo. Non
è considerato di razza ebraica colui che è nato da genitori di nazionalità
italiana, di cui uno solo di razza ebraica, che, alla data del1í ottobre 1938-
XVI, apparteneva a religioni diversa da quella ebraica.

•Art. 9. L'appartenenza alla razza ebraica deve essere denunziata ed annotata


nei registri dello stato civile e della popolazione. Tutti gli estratti dei predetti
registri ed i certificati relativi, che riguardano appartenenti alla razza
ebraica, devono fare espressa menzione di tale annotazione. Uguale
menzione deve farsi negli atti relativi a concessione o autorizzazioni della
pubblica autorità. I contravventori alle disposizioni del presente articolo
sono puniti con l'ammenda fino a lire duemila.

•Art. 10. I cittadini italiani di razza ebraica non possono:


a) prestare servizio militare in pace e in guerra;
b) esercitare l'ufficio di tutore o curatore di minori o di incapaci non
appartenenti alla razza ebraica;
c) essere proprietari o gestori, a qualsiasi titolo, di aziende dichiarate
interessanti la difesa della Nazione, ai sensi e con le norme dell'art. 1R.
decreto-legge 18 novembre 1929-VIII, n. 2488, e di aziende di qualunque
natura che impieghino cento o più persone, nè avere di dette aziende la
direzione nè assumervi comunque, l'ufficio di amministrazione o di sindaco;
d) essere proprietari di terreni che, in complesso, abbiano un estimo
superiore a lire cinquemila;
e) essere proprietari di fabbricati urbani che, in complesso, abbiano un
imponibile superiore a lire ventimila. Per i fabbricati per i quali non esista
l'imponibile, esso sarà stabilito sulla base degli accertamenti eseguiti ai fini
dell'applicazione dell'imposta straordinaria sulla proprietà immobiliare di
cui al R. decreto-legge 5 ottobre 1936-XIV, n.1743. Con decreto Reale, su
proposta del Ministro per le finanze, di concerto coi Ministri per l'interno,
per la grazia e giustizia, per le corporazioni e per gli scambi e valute,
saranno emanate le norme per l'attuazione delle disposizioni di cui alle
lettere c), d), e).
•Art. 11. Il genitore di razza ebraica può essere privato della patria potestà
sui figli che appartengono a religione diversa da quella ebraica, qualora
risulti che egli impartisca ad essi una educazione non corrispondente ai loro
principi religiosi o ai fini nazionali.

•Art. 12. Gli appartenenti alla razza ebraica non possono avere alle proprie
dipendenze, in qualità di domestici, cittadini italiani di razza ariana. I
trasgressori sono puniti con l'ammenda da lire mille a lire cinquemila.

•Art. 13. Non possono avere alle proprie dipendenze persone appartenenti
alla razza ebraica:
a) le Amministrazioni civili e militari dello Stato;
b) il Partito Nazionale Fascista e le organizzazioni che ne dipendono o che
ne sono controllate;
c) le Amministrazioni delle Provincie, dei Comuni, delle Istituzioni
pubbliche di assistenza e beneficenza e degli Enti, Istituti ed Aziende,
comprese quelle dei trasporti in gestione diretta, amministrate o mantenute
col concorso delle Provincie, dei Comuni, delle Istituzioni pubbliche di
assistenza e beneficenza o dei loro Consorzi;
d) le Amministrazioni delle aziende municipalizzate;
e) le Amministrazioni degli Enti parastatali, comunque costituiti e
denominati, delle Opere nazionali, delle Associazioni sindacali ed Enti
collaterali e, in genere, di tutti gli Enti ed Istituti di diritto pubblico, anche
con ordinamento autonomo, sottoposti a vigilanza o a tutela dello Stato, o al
cui mantenimento lo Stato concorra con contributi di carattere continuativo;
f) le Amministrazioni delle aziende annesse o direttamente dipendenti dagli
Enti di cui alla precedente lettera e) o che attingono ad essi, in modo
prevalente, i mezzi necessari per il raggiungimento dei propri fini, nonché
delle società, il cui capitale sia costituito, almeno per metà del suo importo,
con la partecipazione dello Stato;
g) le Amministrazioni delle banche di interesse nazionale;
h) le Amministrazioni delle imprese private di assicurazione.

•Art. 14. Il Ministro per l'interno, sulla documentata istanza degli interessati,
può, caso per caso, dichiarare non applicabili le disposizioni dell'art 10,
nonché dell'art. 13, lett. h):
a) ai componenti le famiglie dei caduti nelle guerre libica, mondiale,
etiopica e spagnola e dei caduti per la causa fascista;
b) a coloro che si trovino in una delle seguenti condizioni:
1.mutilati, invalidi, feriti, volontari di guerra o decorati al valore nelle
guerre libica, mondiale, etiopica e spagnola;
2.combattenti nelle guerre libica, mondiale, etiopica, spagnola che abbiano
conseguito almeno la croce al merito di guerra;
3.mutilati, invalidi, feriti della causa fascista;
4.iscritti al Partito Nazionale Fascista negli anni 1919-20-21-22 e nel
secondo semestre del 1924;
5.legionari fiumani;
6.abbiano acquisito eccezionali benemerenze, da valutarsi a termini
dell'art.16.
Nei casi preveduti alla lett. b), il beneficio può essere esteso ai componenti
la famiglia delle persone ivi elencate, anche se queste siano premorte. Gli
interessati possono richiedere l'annotazione del provvedimento del Ministro
per l'interno nei registri di stato civile e di popolazione. Il provvedimento
del Ministro per l'interno non è soggetto ad alcun gravame, sia in via
amministrativa, sia in via giurisdizionale.

•Art. 15. Ai fini dell'applicazione dell'art. 14, sono considerati componenti


della famiglia, oltre il coniuge, gli ascendenti e i discendenti fino al secondo
grado.

•Art. 16. Per la valutazione delle speciali benemerenze di cui all'art. 14 lett.
b), n. 6, è istituita, presso il Ministero dell'interno, una Commissione
composta del Sottosegretario di Stato all'interno, che la presiede, di un Vice
Segretario del Partito Nazionale Fascista e del Capo di Stato Maggiore della
Milizia Volontaria Sicurezza Nazionale.

•Art. 17. è vietato agli ebrei stranieri di fissare stabile dimora nel Regno, in
Libia e nei Possedimenti dell'Egeo.

CAPO III
Disposizioni transitorie e finali

•Art. 18. Per il periodo di tre mesi dalla data di entrata in vigore del presente
decreto, è data facoltà al Ministro per l'interno, sentita l'Amministrazione
interessata, di dispensare, in casi speciali, dal divieto di cui all'art. 3, gli
impiegati che intendono contrarre matrimonio con persona straniera di razza
ariana.

•Art. 19. Ai fini dell'applicazione dell'art. 9, tutti coloro che si trovano nelle
condizioni di cui all'art.8, devono farne denunzia all'ufficio di stato civile
del Comune di residenza, entro 90 giorni dalla data di entrata in vigore del
presente decreto. Coloro che non adempiono a tale obbligo entro il termine
prescritto o forniscono dati inesatti o incompleti sono puniti con l'arresto
fino ad un mese e con l'ammenda fino a lire tremila.

•Art. 20. I dipendenti degli Enti indicati nell'art.13, che appartengono alla
razza ebraica, saranno dispensati dal servizio nel termine di tre mesi dalla
data di entrata in vigore del presente decreto.

•Art. 21. I dipendenti dello Stato in pianta stabile, dispensati dal servizio a
norma dell'art.20, sono ammessi a far valere il diritto al trattamento di
quiescenza loro spettante a termini di legge. In deroga alle vigenti
disposizioni, a coloro che non hanno maturato il periodo di tempo prescritto
è concesso il trattamento minimo di pensione se hanno compiuto almeno
dieci anni di servizio; negli altri casi è concessa una indennità pari a tanti
dodicesimi dell'ultimo stipendio quanti sono gli anni di servizio compiuti.

•Art. 22. Le disposizioni di cui all'art.21 sono estese, in quanto applicabili,


agli Enti indicati alle lettere b),c),d),e),f),g),h), dell'art.13. Gli Enti, nei cui
confronti non sono applicabili le disposizioni dell'art.21, liquideranno, ai
dipendenti dispensati dal servizio, gli assegni o le indennità previste dai
propri ordinamenti o dalle norme che regolano il rapporto di impiego per i
casi di dispensa olicenziamento per motivi estranei alla volontà dei
dipendenti.

•Art. 23. Le concessioni di cittadinanza italiana comunque fatte ad ebrei


stranieri posteriormente al 1° gennaio 1919 si intendono ad ogni effetto
revocate.

•Art. 24. Gli ebrei stranieri e quelli nei cui confronti si applichi l'art.23, i
quali abbiano iniziato il loro soggiorno nel Regno, in Libia e nei
Possedimenti dell'Egeo posteriormente al 1° gennaio 1919, debbono lasciare
il territorio del Regno, della Libia e dei possedimenti dell'Egeo entro il 12
marzo 1939-XVII. Coloro che non avranno ottemperato a tale obbligo entro
il termine suddetto saranno puniti con l'arresto fino a tre mesi o con
l'ammenda fino a lire 5.000 e saranno espulsi a norma dell'art.150 del testo
unico delle leggi di pubblica sicurezza, approvato con R. decreto 18 giugno
1931-IX, n. 773.

•Art. 25. La disposizione dell'art.24 non si applica agli ebrei di nazionalità


straniera i quali, anteriormente al 1° ottobrel938-XVI:
a) abbiano compiuto il 65° anno di età;
b) abbiano contratto matrimonio con persone di cittadinanza italiana.
Ai fini dell'applicazione del presente articolo, gli interessati dovranno far
pervenire documentata istanza al Ministero dell'interno entra trenta giorni
dalla data di entrata in vigore del presente decreto.

•Art. 26. Le questioni relative all'applicazione del presente decreto saranno


risolte, caso per caso, dal Ministro per l'interno, sentiti i Ministri
eventualmente interessati, e previo parere di una Commissione da lui
nominata. Il provvedimento non è soggetto ad alcun gravame, sia in via
amministrativa, sia in via giurisdizionale.

•Art. 27. Nulla è innovato per quanto riguarda il pubblico esercizio del culto
e la attivita delle comunità israelitiche, secondo le leggi vigenti, salvo le
modificazioni eventualmente necessarie per coordinare tali leggi con le
disposizioni del presente decreto.
•Art. 28. è abrogata ogni disposizione contraria o, comunque, incompatibile
con quella del presente decreto.

•Art. 29. Il Governo del Re è autorizzato ad emanare le norme necessarie


per l'attuazione del presente decreto. Il presente decreto sarà presentato al
Parlamento per la sua conversione in legge. Il DUCE, Ministro per l'interno,
proponente, è autorizzato a presentare relativo disegno di legge.
Ordiniamo che il presente decreto, munito del sigillo dello Stato, sia inserto
nella raccolta ufficiale delle leggi e dei decreti del Regno d'Italia, mandando
a chiunque spetti di osservarlo e farlo osservare.

Dato a Roma, addì 17 novembre 1938 - XVII

Vittorio Emanuele, Mussolini, Ciano, Solmi, Di Revel, Lantini


Italiano in campus
Domenico Fiormonte Ho ricevuto in data 3 maggio 1997 una copia di un lancio fatto dall'ufficio
PR della Città Invisibile con allegato un mio messaggio di posta elettronica
inviato il 12 aprile alle liste di discussione Let-it (a cura di Giuseppe
Gigliozzi e Lettere Italiane (a cura di Emilio Speciale ). Questa nota si
riferisce al dibattito che ha preso il via da quella mia mail, piuttosto
amareggiata (e polemica), in cui riportavo ampi stralci di un articolo
pubblicato dal Guardian Higher Educational Supplement del 25 marzo
scorso (qui allegato). L'articolo, intitolato "Unfair Exchange" e a firma
Domenico Pacitti e James Meikle, è apparso tradotto da Alberto Cavallari
sull'Internazionale.

Chi non è iscritto a quelle liste non sa però che alla mia prima lettera, citata
integralmente nel lancio, ne sono seguite altre dove chiarivo il mio punto di
vista sull’università (italiana e non). La prima lettera dunque deve essere
considerata nel suo contesto di discussione aperta, perché tale è la natura dei
messaggi diffusi sulle liste attraverso la posta elettronica. Il tono e il
contenuto della mia prima lettera avevano scatenato reazioni contrastanti. Io
ed altri colleghi (non solo qui a Edimburgo) avevamo giudicato l'articolo del
Guardian offensivo e superficiale. Giulio Lepschy, durante la biennale
conferenza degli Italianisti britannici a Glasgow, mi aveva poi messo sulla
tracce di un altro articolo di Pacitti, ancora più offensivo del secondo e al
quale Bendetta Bini addetta culturale a Londra aveva risposto
pubblicamente.

All'invio della mia prima mail molti degli iscritti, non conoscendo i
precedenti, si sono arrabbiati o stupiti, pensando che io volessi difendere a
ogni costo l’università italiana da giuste critiche o attaccare i lettori stranieri.
Qualcuno mi ha dato del sindacalista della CGIL. Un pensionato-poeta
dell'Indiana mi ha risposto commosso citando Canetti e Frost. Fabio Girelli-
Carasi ha scritto che la mia difesa era comprensibile, ma non giustificabile,
rientrando nella categoria "solo io prendo a calci il mio cane". Un amico
incredulo mi ha risposto privatamente, sostenendo che in realtà, in un
accesso Stevenson-Flaubertiano (l'aria di Edimburgo), Pacitti Domenico era
moi, vittima e carnefice dell’università italiana a un tempo. Eccetera. In
generale, eccetto Nanda Cremascoli (preside di una scuola di Clusone),
pochi hanno avuto la bontà di analizzare a sangue freddo la situazione ed
andare al di là delle issues of contention del momento (lettori e caso
Erasmus).
Nella mia lunga replica, comunque sia, cercavo di spiegare la mia posizione,
frutto non tanto (o non solo) di un soprassalto d'Italico orgoglio, ma di una
consapevolezza maturata attraverso gli anni delle mie esperienze all'estero.
Qui sotto ne propongo ai lettori di Golem una sintesi, non senza ribadire
però che la pars destruens qui sotto dedicata al sistema americano non vuole
essere, nonostante la durezza delle mie denunce, una condanna integrale
verso quel sistema universitario, né una difesa trasversale dei difetti di
quello italiano.

[...]

1)«Tutta altra musica gli ottimi articoli di Burton Bollag e Andrew Gumbel
(citati da Girelli-Carasi, e apparsi sull'americano Chronicle of Higher
Education fra l'ottobre e il febbraio 1996), che si riferiscono sempre a casi
specifici e riportano correttamente nomi e cognomi delle fonti citate.
Insomma ammettiamolo: il Guardian ha preso una bella toppa pubblicando
l'articolo di un giornalista che è parte in causa (anche se la causa dei lettori è
una causa giusta). (n.b. poco sopra riportavo un messaggio del Pro-rettore
dell'Università di Siena che mi informava del fatto che Domenico Pacitti è
lettore nel dipartimento di Lingue di quella Università )».

[...]

A questo punto affrontavo il problema dei sistemi universitari, cercando di


ampliare il dibattito e suggerendo che se il nostro sistema è largamente
deficitario, altri sistemi hanno problemi diversi ma non meno importanti.
Cercavo, insomma, di spostare la discussione sul problema di modello di
formazione universitaria, invitando a riflettere su quello attualmente
vincente, cioè lo statunitense.

2) «Conosco gli USA da 15 anni, ho iniziato il mio PhD in una università


statunitense, ho passato più di un anno alla Complutense di Madrid ed ora
sono da settembre in UK. Ho visto da vicino diversi sistemi universitari
(almeno tre escluso quest'ultimo), ed ho il coraggio e l'orgoglio di dire, dopo
tutto questo peregrinare, che gli standard di qualità dell’università italiana
non hanno nulla da invidiare a quelli delle migliori istituzioni straniere. In
USA, in particolare, oltre a insegnare spagnolo e studiare per il mio PhD
sono stato assistente amministrativo del direttore dei Graduate Studies del
mio programma (RTC, Michigan Tech), e ho dovuto studiare il sistema
procedurale di ammissione, le regole scritte e quelle non scritte, i
finanziamenti, le raccomandazioni, l'insegnamento, i quality assessment,
ecc. Su questi temi ho raccolto materiale da altre fonti e altre università
(qualcuno forse si ricorderà della rivolta degli studenti graduate di Yale, che
provocò addirittura una censura ai docenti implicati da parte dell'American
Association of University Professors). Con questo materiale potrei
confezionare un libro più corposo di quello di Anne Matthews (Bright
College Years: Inside the American Campus Today). I problemi del sistema
universitario americano sono stati recentemente discussi anche su Humanist
(Discussion Group vol. 10.0819-10.0845), dove con pacatezza molti hanno
espresso la loro opinione, ma certo nessuno si è sognato di gettare fango sul
sistema nel suo complesso. Mi offro di mandare su questa lista (o
privatamente) la lettera-dossier da me raccolta durante il mio soggiorno
USA, dossier che è stato consegnato al Presidente dell’università ma che
non ha mai ricevuto risposta. Sono confortato dal fatto che ho trovato
confermate molte delle mie osservazioni nei casi discussi su Humanist. In
generale il problema statunitense può essere riassunto così:

I) L'UNIVERSITA' AZIENDA
A livello specifico la competizione su base commerciale e i tagli sempre più
duri alla spesa per l'education hanno in parte già prodotto:
a) un abbassamento del livello dell'insegnamento;
b) un livellamento della retribuzione;
c) il congelamento implicito del passaggio a "tenured" per moltissimi
insegnanti.
Già solo questi tre (quattro, compresi i tagli) fattori - come sa chiunque
abbia lavorato in un università americana - sono la causa di un aumento
inverosimile del livello di stress e di logoramento sociale all'interno dei
campus.

d) Il crescere del peso della didattica sugli studenti graduate che,


ricordiamolo, non sono riconosciuti come lavoratori (vedi appunto il caso di
Yale), sono pagati con stipendi di sopravvivenza (dai 500$ agli 800$ al
mese) e non possono protestare se il contratto prevede 20 ore settimanali ma
in realtà gli assignment sono per 30 o 40. Qualunque teaching assistant sa
che quando si hanno 20-25 studenti e si voglia dare loro un aiuto concreto,
la distinzione fra "contact hours" e preparazione è truffaldina, perché fa
decidere la seconda a dei calcoli astratti che nulla hanno a che vedere col
carattere "individuale" dell'insegnamento.

e) Il crescere del ricatto nei confronti dei graduate students produce un


impoverimento della ricerca di base: si ricerca su temi che impegnano per
brevi periodi, altrimenti non si riesce a pubblicare e alla fine del PhD non si
trova lavoro (il problema è non solo delle Humanities, questo tema è stato
affrontato drammaticamente in una recente conferenza a Madrid da Marvin
Minsky, IA).
II) DISCENTE E CLIENTE
f) La mentalità "quantitativa" tipica dei processi di valutazione scientifica (o
pseudotali) dà risultati devastanti quando viene imposta a settori alieni alla
quantificazione. L'introduzione, nella maggioranza dei college americani,
delle teaching evaluation anonime (da parte degli studenti) come criterio di
giudizio dell'insegnamento s'inserisce nel solco. Gli studenti (diritto,
beninteso, sacrosanto) compilano ogni term dei prestampati multiple-choice
che verranno distribuiti all'inizio del succesivo term all'insegnante (un
sistema di questo genere sarebbe stato un tempo il mio sogno di studente
della Sapienza). Tutto va bene però finché questo rimane uno strumento
"consultivo". Ma così non è. Quando l'università si auto-concepisce come
"struttura di servizio", lo studente si trasforma da discente in cliente. Cosa
produca il diffondersi di questa mentalità a livello pedagogico non è difficile
immaginare. Più la responsabilità cade sull'insegnante- commesso (e per
motivi diversi, tipo l'ipocrisia del politically correct, per cui siamo tutti
"peers" e abbiamo una "open door policy"), più il rapporto allievo-
insegnante si snatura, diventando impossibile da parte di chi insegna
esercitare la dose minima di "autorità" (parola tabù) che esige la transizione
fra uno stato di "minor conoscenza" a uno di "maggior conoscenza".
(Horkheimer definisce l'autorità una superiorità che si accetta e che viene
riconosciuta.) Per non parlare del problema del rispetto e della indipendenza
di giudizio, sempre più ardui da definire in un sistema che in certi casi non
prevede l'istituto della bocciatura (in molti college americani, compresi gli
Ivy League, non è previsto che uno studente non superi [fail] un corso. A
volte, se la preparazione è giudicata insufficiente, lo studente viene invitato
a ripetere il corso).

g) Le teaching evaluation costituiscono una fonte di manipolazione anche a


causa del perverso meccanismo della "media universitaria". Come molti
sanno, le scale di valutazione (riprese dal sistema militare), vanno in genere
da 1 a 5. Dove 1 sta per "poor" e 5 per "excellent". Mettiamo che la media
universitaria sia 4. Questo nella pratica significa che qualsiasi punteggio al
di sotto viene automaticamente (ma tacitamente) considerato dagli addetti
alle global performance evaluation (o dal tuo supervisor) "insufficiente".
Una volta stabilita la "media universitaria", tutto ciò che c'è fra l'1 e il 4
perde di significato, perché (conosce bene il fenomeno chi ha lavorato per
l'industria) è "fuori standard". In questa modo la scala di valutazione perde
totalmente di senso, innescando fra l'altro un potenziale meccanismo di
complicità - o peggio baratto.- fra allievo e insegnante.

h) La trasformazione in azienda di un sistema che veicola e produce


conoscenza non solo minaccia la nostra libertà di insegnanti e ricercatori,
ma mina quei processi di controllo di qualità della ricerca e
dell'insegnamento che sono il vanto del sistema industriale. Qui giova forse
una testimonianza personale. Durante il mio soggiorno al Michigan Tech mi
era stata assegnata la cura di un survey interno sul mio PhD Program
(Rhetoric and Tech Communication). Tale survey sarebbe stato distribuita
poi ad un "evaluation team" esterno, pagato dallo stesso dipartimento. Il
meccanismo della evaluation (al quale ho partecipato anche in veste di
accompagnatore del team) assomiglia molto a quello delle "job interviews"
aziendale dove l'agenda (il famigerato "scheduling") prevede impegni ogni
ora dalle 8 alle 20, tutto è organizzato al millesimo di secondo, il soggetto
non viene lasciato solo per un istante. Pur ammettendo che un tale
trattamento produce una impressione di accuratezza e efficienza altissima,
bisogna notare che in questo modo il controllo esercitato sui controllori è
massimo. Ai valutatori non rimane un solo minuto per guardarsi intorno e
ogni informazione (o richiesta di) viene filtrata attraverso i "dipendenti" del
campus. Tutta questa complessa procedura si svolge nella convinzione e
fiducia reciproca che le informazioni date siano corrette. Il team a questo
punto, stremato da decine di cene e incontri, se ne torna a casa con un bel
malloppo di dati da scartabellare e da verificare. Nel nostro caso, purtroppo,
i dati della survey erano stati elaborati dallo stesso dipartimento: un graduate
student del dipartimento raccoglieva i questionari dai quali si sarebbero
ricavati i diagrammi di "gradimento" sul dipartimento stesso. Finalmente,
entrambi i "valutatori" figuravano nel comitato editoriale della rivista diretta
dal capo del dipartimento sotto esame. Il graduate student incaricato della
elaborazione ero io, e a causa dei miei dubbi (espressi in maniera assai
diplomatica, cercando di sottrarmi all'incarico), sono entrato in rotta di
collisione col capo del dipartimento. In seguito, a causa di una mia
improvvisa (e a quel punto, crediateci o no, sincera) malattia il capo del
dipartimento e il direttore dei Graduate Studies hanno portato a termine da
soli la survey. Questo dopo aver prima chiesto al "system administrator" di
violare la mia password personale e prelevare i file che servivano dal mio
archivio. Questa invasione della privacy (denunciata e puntualmente
ignorata) ha definitivamente pregiudicato la mia permanenza. Da tutta
questa storia (violazioni a parte) ho tratto una lezione molto chiara: quando
un dipartimento, per sopravvivere, deve imparare a pianificare una strategia
di mercato, pubblicità e propaganda diventano vitali.

i) Ultimo punto, forse il più preoccupante, da quanto detto sopra consegue


che gli studenti di MS e PhD vengono sempre più selezionati non in base
alle loro "academic performances", ma in base alla loro resistenza ai ritmi
dell’insegnamento e alla loro flessibilità sul luogo di lavoro (spesso gli
studenti svolgono lavori di segreteria, ecc.). Di tutte le deformazioni questa
è certamente la più pericolosa perché fonde la nozione di lavoro retribuito
con quella di studente ricercatore, eliminando l'indipendenza del secondo e
distruggendo i diritti del primo.

III) FUNZIONE E CONOSCENZA

Tutti questi fenomeni, intrecciati come sono, innescano una miscela


esplosiva. La competizione di tipo commerciale, inserita nel mondo della
ricerca e dell'insegnamento, a lungo termine rischia di fagocitare il
significato della parola education, intesa come processo di acquisizione
della conoscenza (oltre che di specifiche skills) all'interno del suo universo
di valori. Ciò che rischia di diventare bagaglio acquisito e coscienza
collettiva è dunque l'equivalenza, certamente aberrante, fra "funzione" e
"conoscenza", dove per funzione s'intende: efficienza, performance,
funzionalità, commerciabilità del prodotto (i valori dell'industria). Chi fa le
spese di questo processo? Le "improduttive" facoltà umanistiche
innanzitutto, ma non solo. Dopo l'anello debole verranno gli anelli forti.

Ci troviamo di fronte a una crisi globale dei sistemi educativi e nel mettere
mano a questa crisi io intravedo una spaccatura e un bivio. Sul campo si
affrontano due forze, a sua volta riflesso di delicati equilibri economici,
storici e culturali che stanno lentamente venendo al pettine: un modello
anglosassone, rappresentato dal sistema americano (e dai suoi cloni più o
meno temperati) e un sistema europeo, il cui modello non esiste, ma che è
giunto il momento di inventare. Molto si sta muovendo in UK, un sistema
selettivo con ossatura pubblica, ma vedo più analogie fra il sistema
americano e quello britannico (nelle sue ultime tendenze) che fra
quest'ultimo e quello francese. Si attendono con trepidazione le mosse del
nuovo governo laburista che, ricordiamolo, durante la campagna elettorale
ha messo al centro dei suoi programmi riformatori proprio scuola e
università.

Il punto discriminante rimane che cultura, istruzione e formazione si


possano fare a prescindere o attraverso la regolazione e il finanziamento
dello stato. Nonostante tutti i suoi difetti, io sono per il secondo. Soprattutto
perché non innesca un processo - a mio avviso - irreversibile.

Vedo un potenziale conflitto fra i due sistemi, un conflitto pericoloso, ma


INEVITABILE. Un conflitto che, perché'negarlo, non esiterei a definire di
culture. A questo conflitto, per quanto mi riguarda, con tutto quello che
questa battaglia implica per la qualità della nostra vita futura, non ho
nessuna intenzione di sottrarmi.

I mali dell’università italiana non hanno un corrispettivo, come molti


ingenuamente credono, nelle virtù dei sistemi stranieri. Discutiamone pure,
ma sempre tenendo presente che questa è una crisi generale dei modelli
educativi, una crisi che - inutile dirlo - ha radici altrove, nella
ristrutturazione industriale (e poi sociale) degli ultimi 15-20 anni e dunque
nella sostituzione, all'interno della coscienza collettiva, di un paradigma di
progresso sociale con uno di avanzamento economico. ("Prossimo è
l'avvento di un mondo dove gli uomini saranno governati dai loro interessi e
non da valori.", Alberto Cavallari, La Repubblica, domenica 3 luglio 1994.)
Di questo dobbiamo parlare, secondo me. C'è chi pensa di risolvere i mali
dell’università pubblica con forti iniezioni di competitività, di privato, di
efficienza, di legami con l'industria - col "mondo del lavoro" (il lavoro di
chi?). Follia - e soprattutto bugia.
L'apertura di credito nei confronti del sistema "commerciale" è sbagliata
poiché ha un contenuto ideologico. Ci troviamo di fronte a un "credo" (o se
preferite un termine postmoderno, a un discourse) i cui tratti venivano
qualche anno fa riassunti da Giovanni Raboni con l'espressione "etica
aziendale": "E' lo spirito dell'azienda. Col ricatto che comporta a vincere. E
questo, pensate, è del tutto acquisito dallo spirito pubblico." (Il Manifesto,
19 aprile 1994, p. 25.) So a quali critiche mi espongo dicendo quanto segue,
ma sono convinto che questo processo di emasculazione del dissenso
attraverso il ricatto "etico" sia più pericoloso di 40 anni di democrazia
cristiana, baroni, mafia, corruzione e stragi. Tutto si può cambiare (e lo
cambieremo), tranne un credo e la sua narrative. Un credo porta solo
distruzione e, nel nostro caso (università ricerca, ecc.), lobotomizzazione del
sapere.

Quante sono le voci che criticano (penso al grande Erwin Chargaff o a


Joseph Weizenbaum) le magnifiche sorti del sistema commerciale? E quali
mezzi, quali strumenti hanno? Ma soprattutto: chi è disposto a starle a
sentire?

Eppure ecco che arriva il Guardian fa un bel discorsetto sull'Italia corrotta e


tutti gli andiamo dietro, senza capire, senza riflettere su che cosa vogliono
dire queste critiche, cosa presuppongono, quale modello educativo
suggeriscono e perchè. L'andazzo generale non ci permette di abbassare la
guardia nei confronti di nessuno - nemmeno del Guardian, che, come molti
sanno, ha sull'educational system idee considerate da molti conservatrici (è
per esempio per un ritorno ai "Politecnici", che in UK sono delle università
di serie B destinate alla specializzazione delle classi medio-basse.)

Da quali pulpiti vengono queste bellissime prediche? Questa è l'unica


domanda che intendevo pormi e qui sta il significato più profondo della mia
protesta contro il fango sull'Italia.»

ADDENDUM
Carlo Testa, della British Columbia a Vancouver, a proposito di questa mia
frase commentava: "Bisogna essere grati alle critiche da dovunque vengano.
Non lo dicono anche i cattolici che i sacramenti valgono anche se
amministrati da un prete indegno? E allora, per quanto "indegni" possano
essere gli anglosassoni, si faccia buon uso di ciò che di utile essi possano
rivelare". Sono assolutamente d'accordo. Ma un conto sono delle critiche, un
conto una campagna diffamatoria che tutto distrugge e tutti mette sullo
stesso piano, critici, giornalisti, baroni, corrotti - e persino i poveri lettori.
Les Immortels
Carlo Bertelli L’Immortel cinse la sottile spada al fianco, s’inchinò leggermente agli altri
suoi simili e pronunciò il discorso d’insediamento. E’ d’uso da tempo
immemorabile all’Académie che il nuovo entrato celebri le virtù di colui cui
è succeduto. In questo caso l’immortale entrante era il più popolare e il più
televisivo degli storici dell’arte italiana mentre il suo predecessore era stato
un popolarissimo presidente degli Stati Uniti, Richard Milhous Nixon.
Cavallerescamente Federico Zeri attribuì le disgrazie di Nixon all’infame
televisione, senza la quale lo scandalo Watergate non vi sarebbe stato e la
nostra storia sarebbe andata diversamente. Ricordò che Nixon era stato
amico della signora Frick, ossia della proprietaria della più splendida
galleria d’arte antica, aperta al pubblico e dotata d’una importante fototeca -
ancora direi la più importante - di New York.
L’amicizia fra Nixon e la signora Frick è ben documentata. I Fricks sono da
generazioni repubblicani e durante l’ultima campagna elettorale cui
partecipò, il futuro presidente fu accolto nella galleria con un sontuoso
ricevimento cui presero parte gli invitati più qualificati. Nixon era molto
stanco. Era la prima volta che metteva piede nella Frick. Fu accompagnato
nel salone, quello in cui alcuni fra i massimi capolavori dell’arte italiana e
olandese ti guardano. Adocchiò l’ampio divano, vi si sprofondò
pesantemente e pronunciò una frase che subito circolò negli ambienti
democratici di New York: "What a nice place for a snap downtown!".
Può darsi che fossero maligne voci messe in giro dai democratici, anche se
la storia assomiglia molto a quel poco che sappiamo di lui.
Ritengo comunque che la successione a Nixon sugli scanni dell’Académie
abbia certi aspetti di nemesi. Lo dico perché durante un viaggio a Palm
Springs mi fermai in un albergo, fra Palm Springs e Spring Desert, costruito
come una missione spagnola. Nel patio si poteva ammirare una torre bianca
con un complesso carillon. Alle mezz’ore da una porticina usciva un lungo
corteo di figure meccaniche che rappresentavano un monaco, un vescovo,
un indio convertito, un soldato spagnolo, la Morte. Mi ero fermato a
osservare la scena e quando tutte le figure erano sfilate ed erano state in
parte assorbite da un’altra porticina, lasciando visibile sul posto soltanto la
Santissima Trinità, un cameriere mi chiese premurosamente se volevo
visitare le catacombe, che sarebbero state sul prezzo della mia
consumazione.
Scese due rampe di scale mi trovai in un corridoio fiancheggiato di arcosoli
con pitture di vago sapore catacombale. La maggiore sorpresa, per che abbia
qualche esperienza delle catacombe romane, non stava però nell’imitazione
più o meno felice dei temi reperibili nelle cartoline illustrate che si vendono
in quei luoghi ricchi di storia, ma nel lusso sfrenato di quelle catacombe
alberghiere.
Tutto era marmo e del marmo più lucido. Spessi vetri proteggevano le
pitture e l’illuminazione artificiale era degna della Funerary Home di
Madison. Lastre di marmi colorati artificialmente chiudevano i finti loculi e
l’occhio scorreva sulle iscrizioni: Christos Soter, Martyri Benemerenti....
Superato un diverticolo e poi un altro, ci trovammo in un’area più ampia,
una vera cappella. Ancora arcosoli, ancora nomi di martiri e, sulla parte di
fondo, un altare con regolare fenestrella confessionis. Dietro, sul muro, una
grande lastra di marmo nero con l’iscrizione in oro: IN THIS CHAPEL
MARRIED RICHARD MILHOUS NIXON LATER TO BECOME
PRESIDENT OF THE UNITED STATES.
Avevo già sentito il racconto della visita alla collezione Frick e, dopo quella
mia ispezione catacombale, fui sempre più portato a credere che fosse vero.
Tempus ulter, almeno nelle piccole cose, avrà pensato qualche accademico
come me al corrente di quanto ho riferito.
E' possibile una Biblioteca Multimediale?
Giulio Blasi Il dibattito (insulso) sulla morte (vera o falsa, presunta, annunciata,
imminente o meno) del libro e sui rapporti tra editoria tradizionale e editoria
multimediale ha dimenticato sinora un tema di grande rilievo: è possibile
immaginare una Biblioteca Multimediale che, al pari delle biblioteche
tradizionali, raccolga, mantenga utilizzabili e consultabili nel tempo le opere
oggi realizzate su supporti elettronici?

In genere questo problema viene focalizzato puntando sulla questione della


deperibilità dei supporti (ad esempio, quanto tempo rimarrà utilizzabile e
leggibile un floppy disk o un Cd-ROM?). Ma il problema più grave è
costituito dall’evoluzione dell’hardware (computer e periferiche) e
dall’evoluzione del software (sistemi operativi, linguaggi di
programmazione, piattaforme di sviluppo, ecc.). Anche supponendo che un
Cd-ROM abbia un tempo di conservazione di 100 anni (poniamo) siamo di
fronte al paradosso che - allo stato attuale di evoluzione della tecnologia -
niente garantisce che il contenuto di quel cd risulterà in qualche modo
utilizzabile dopo 100 anni. Immaginate la situazione: microprocessori
radicalmente diversi dagli attuali, un sistema operativo Windows 2100 a
1600 bit (?), supporti di memoria completamente nuovi (quindi niente lettori
di Cd ROM), ecc.

La società per la quale lavoro (Horizons Unlimited) ha in piedi due progetti


che pongono in primo piano il problema - oggi ancora sottostimato - della
conservazione e della ri-utilizzabilità dell’editoria multimediale nel corso
del tempo.

Il primo progetto è Encyclomedia, la guida multimediale alla storia della


civiltà europea diretta da Umberto Eco e pubblicata da Opera Multimedia .
Quest’opera ha richiesto anni di lavoro e molti miliardi di investimenti e
sarebbe davvero spiacevole immaginare che tra 10-15 anni una tale mole di
lavoro potrebbe diventare inutilizzabile dai possessori di un personal
computer (in qualunque cosa tale strumento si sia trasformato nel
frattempo). Ovviamente questo è un problema che si pone per tutte le case
editrici impegnate sul fronte del multimedia (tra le italiane ricordo:
Mondadori , De Agostini , RCS, Giunti, ecc.).

Il secondo progetto si chiama Multimedia Arcade ed è in corso di


realizzazione a Bologna in collaborazione con la locale Amministrazione
Comunale. Umberto Eco ne ha parlato in una recente intervista sul mensile
americano Wired. Il progetto prevede per l’appunto la creazione di una
Biblioteca Multimediale e quindi il tema ci interessa piuttosto da vicino.

E’ evidente che soluzioni sono possibili e praticabili ma il fatto è che


nessuno sinora si è preoccupato di proporne su larga scala. Per una ragione
abbastanza semplice: anche se il computer ha 50 anni di storia (circa),
l’editoria multimediale ne ha solo 10 (scarsi) ed è quindi abbastanza difficile
focalizzare il problema di cui sto trattando (anche se è già concretamente
esperibile dall’utente esperto con una storia personale di uso del computer
maggiore di 5 anni). Il problema si porrà in modo acuto tra 5 anni quando
gli editori multimediali scopriranno i costi e i problemi legati al
"mantenimento in vita" dei loro cataloghi.

Come si risolverà questo problema? Beh, è ovviamente ridicolo che io


proponga un’idea sistematica al riguardo in questa sede. Però posso dare un
suggerimento, sensato sul lungo periodo.

Esiste un tipo di software oggi ancora sconosciuto ai consumatori di editoria


multimediale: si tratta dei cosiddetti "emulatori", programmi che permettono
di far girare su una data macchina pezzi di software scritti per una macchina
diversa (ad esempio, un computer del passato). I possessori di computer
Mac, ad esempio, possono trovare in rete una vera e propria miniera di
programmi di questo genere che permettono di utilizzare software scritto per
sistemi ormai del tutto obsoleti: l’ATARI 800, il Commodore 64, addirittura
il PDP-8, ecc. (il sito di Emulation Net è ricchissimo di programmi del
genere). Cose simili esistono ovviamente anche per Microsoft Windows e
Unix.

Potete allora immaginare lo storico del futuro (del 2100, poniamo) in una
biblioteca multimediale dotata di computer un po’ particolari sui quali
girano sistemi operativi un po’ diversi dal normale perché sono in grado di
emulare grandi quantità di sistemi del passato. Il nostro ultranipote troverà
in un catalogo on-line il titolo "Encyclomedia" attribuito ad un noto
poligrafo del secolo precedente, tale Umberto Eco. Il suo sistema operativo
(MS Windows 2100, appunto) sarà in grado di "datare" il software con il
quale il prodotto è stato realizzato un secolo prima e di attivare l’emulatore
giusto che ne permetterà la consultazione.
Questo per ciò che attiene ad ipotesi futuribili e che in fondo ci riguardano
poco. E’ invece certo che dovremo occuparci, sempre più nel futuro
prossimo, di elaborare progetti e strategie al riguardo, di costruire modelli
operativi e sperimentazioni efficaci, di sottoporre il problema alla comunità
internazionale degli editori multimediali affinché finanziamenti adeguati
siano destinati alla ricerca in questa direzione.

Il progetto Multimedia Arcade - nato da un’idea di Eco e dal progetto


operativo di Horizons Unlimited - potrebbe divenire la prima sede
internazionale per riflettere sul problema. Siete anzi invitati a spedire
suggerimenti e proposte.

Se non faremo questo (cosa che non possiamo escludere a priori) vorrà dire
che l’editoria multimediale di cui oggi ci occupiamo è destinata a tempi di
sopravvivenza brevissimi, incomparabilmente più brevi di quelli degli altri
media. I bit oggi codificati con tanto dispendio di denaro ed energie si
trasformeranno in inutili atomi.
Per forza e per amore
Giovanna Grignaffini Ordine, disordine, armonia. Stabilità, crisi, nuovo equilibrio.
Volendo leggere le recenti vicende della vita politica italiana, secondo uno
schema capace di contenerne le incessanti fluttuazioni, la struttura
elementare del racconto si presenta come particolarmente appropriata. Dalle
varie finanziarie alla crisi albanese, dai ripetuti voti di fiducia alle deleghe
concesse al governo, dal progetto di riforma del welfare ai lavori della
Commissione bicamerale, dalle esternazioni di Bertinotti a quelle di Dini,
dalle ordinarie tenute del Parlamento agli improvvisi crolli del numero
legale, è infatti tutto un aprirsi, sciogliersi, riaprirsi di crisi. Con l’unica
certezza di un provvisorio lieto fine e di una instabilità permanente che ha
accelerato i propri ripetuti movimenti. Fino al punto di trasformare un calmo
governo che si pensava di legislatura in semplice e movimentato governo ad
horas.
Ma lungo la soglia esilissima che separa e collega il ciclico andamento delle
crisi secondo scansione ritmica sempre più incerta ed abbreviata e un
modello narrativo apparentemente sempre più solido, qualcuno comincia ad
interrogarsi circa la capacità di interpretazione che la struttura elementare -
lineare ed orizzontale - del racconto offre rispetto al presente della nostra
vita politica.
Perchè, per esempio, potremmo trovarci di fronte ad un movimentismo di
superficie che non altera la stabilità di una scena profonda il cui ordine,
indelebilmente fissato dal voto dell’aprile 1996, non presenta alternative
possibili almeno a medio termine.
Ma, aggiungere la dimensione spaziale dalla profondità a quella
esclusivamente temporale implicita nel concetto di crisi, non modifica i
termini della questione, visto che i conflitti in atto potrebbero essere radicati
in ben altra sostanza rispetto a quella esilissima che appare quotidianamente
nelle diatribe della scena pubblica.
Il fatto è che i modi per dare forma a una complessità (che tali sono sia la
società italiana contemporanea sia l’alleanza di governo uscita vincitrice
dalle ultime elezioni) non si lasciano facilmente rappresentare dalle logiche
lineari o binarie: quelle in cui o c’é conflitto o c’é ordine, o ci sono riforme
di struttura o c’é governo dell’esistente, o c’é perfetta identità di vedute o
c’é differenza inconciliabile di punti di vista, o c’é "per forza" o c’é "per
amore".
No, potrebbe essere molto più semplice - non risolta, ma più semplice da
analizzare, valutare e risolvere - la situazione politica italiana se solo
qualcuno cominciasse a "pensare almeno due cose contradditorie
contemporaneamente" senza disporle lungo la catena ordinatrice dello
spazio e del tempo: per esempio, conflitto e convivenza, identità e
differenza, governabilità e utopia.
Sarebbe molto più semplice se qualcuno cominciasse a pensare che, in
questa storia, Rifondazione Comunista sta con il governo Prodi per forza e
per amore. E viceversa.
In attesa che cominci un’altra storia.
Autogolem
Stefano Bartezzaghi (Soluzione dei giochi del numero precedente)

L’Autogolem incomincia (punto 1) con un autogolem, e di lì procede,


inchiavardando ics e ipsilon secondo le regole enigmistiche del lucchetto.
Le prime due ics di 1 si andranno a unire alle due ics finali di 10, a ottenere
un comune emiliano che diede i natali a una famosa pantera.

1. ESPERTO IN CABALA

"Io l’ho letto, Gerhard Scholem,


e so bene cos’è un xxyyy".

2. FALSE ETIMOLOGIE

Il cronista è al cronicario.
Chi è campione ha il campionario.
La lambada ha il lambadario.
Chi va lemme ha il suo yyyxxxxx.

3. FALSO DIMINUTIVO

Fu "mariuolo" la sua offesa.


Il suo nome è Xxxxx Yyyyyy.

4. EAU DE CHE
Non sarò molto à la page:
non capisco quel battage
che riguarda il maquillage.
Che vuol dire? Yyy y "Yyxxxxx"?

5. ACINI IN ASPIC

Sembra tutta un’altra cosa,


quell’xxx xxyyyyyyyy

6. AMMIRO MARZIALE

Devo dire che mi piace


il suo yyyyyy yyxxxx

7. A LUME DI CANDELA

Stasera è doppio il languore:


c’è xx xxyyyyy y’yyyyy

8. NON DEVI PAGARE ALCUNA SOVRAIMPOSTA

Questa cifra che t’accolli


è yyyyy yy yyyy x xxxxx

9. HO FAME!

Butta presto il maccherone:


l’acqua è già in xxxxxxyyyyy

10. POLITICALLY CORRECT

Ha capanna e cuor (è vero):


Tom è il nome, è lo yyy yyxx.

Soluzioni

1. golem
2. lemmario
3. Mario Chiesa
4. Chi è "sauvage"?
5. uva gelatinosa
6. latino salace
7. la cenetta d'amore
8. netta da more e bolli
9. ebollizione
10. zio nero
Sessualità dopo i 40
Roberta Ribali Certamente, la vita sessuale cambia: ma declina o progredisce?

Luoghi comuni e battute spiritose (sempre in ritardo di qualche decennio


rispetto alla realtà antropologica...fateci caso!) sembrerebbero aver già dato
un verdetto.
Sussurri e rimpianti fra amici, paragoni più espliciti e realistici fra amiche -
gli uomini fanno fatica a dichiarare un "insuccesso", mentre le donne sono
più aduse a parlare fra loro, operando dei distinguo, anche perché arrivare
all’orgasmo al femminile è sempre stato così complicato...
Proviamo a entrare un po’ più in profondità.
La fisiologia ci insegna che col tempo intervengono nell’uomo naturali
abbassamenti dei livelli ormonali che, sommati a lievi disfunzioni
circolatorie e metaboliche, determinano dei cambiamenti nelle modalità
sessuali. Ci si può aspettare quindi di necessitare di maggiori stimoli diretti
per avere un’erezione, che può essere non così completa e duratura. Il
desiderio si modifica e si può provare la pulsione sessuale con meno
frequenza di prima. A volte ciò porta ad una durata maggiore dei rapporti,
con meno ansia: fra un’erezione e un’altra passa più tempo, l’urgenza
scompare e, se si evita l’angoscia della performance, l’erotismo si sviluppa
con maggiore ricchezza.
Per la donna le aspettative sono diverse: rispetto solo a uno-due decenni
orsono, la salute, la presenza e l’eros femminili sono diventati
un’appannaggio quasi illimitato e la donna di 40-50 anni e oltre si sta
rassicurando sempre un po’ in ritardo.....del suo valore di persona e di
partner erotico. I mutamenti ormonali sono controllabili
farmacologicamente: le donne che usano terapie ormonali sostitutive sono
ormai molte, in Italia soprattutto nelle classi sociali privilegiate. Viene
conservata così l’elasticità e la tonicità degli organi genitali, evitando quelle
patologie atrofiche che rendevano un tempo dolorosi e difficili i rapporti
dopo la menopausa. In più, l’ansia di una gravidanza indesiderata non ha più
ragione di esistere e l’esperienza del proprio corpo e della propria sessualità
è ormai completa, il raggiungimento dell’orgasmo, che magari è stato
difficile all’inizio della vita sessuale, è acquisito. La donna matura ha
imparato a conoscersi e a lasciarsi andare di più, superando con l’esperienza
molti condizionamenti repressivi.
In altre parole, nel tempo si può realizzare tutta una serie di condizioni che
possono permettere alle persone di diventare degli ottimi amanti, dando e
ricevendo il massimo del piacere.
Il che ha poco a che fare con il massimo della prestazione fisica.
Qui si dovrebbe discutere un altro pregiudizio: una coppia ben affiatata
eroticamente può continuare ad esserlo anche dopo anni, contrariamente a
ciò che spesso si sostiene.
Le coppie che hanno una buona e duratura vita sessuale non scrivono ai
giornali, non compaiono in televisione, non fanno notizia, ma ce ne sono e
molte.
Il desiderio e le modalità espressive cambiano, ma soprattutto aumenta la
sicurezza in se stessi e nel partner. Il che è una base psicologica
fondamentale che non dovrebbe essere scalfita dalle normali aspettative di
invecchiamento biologico.
La donna, si sa, è avvantaggiata: può iniziare e portare a termine un rapporto
in qualunque momento, anche psicologicamente non ottimale. Per l’uomo è
ben diverso: l’esperienza di una insufficiente o mancata erezione può essere
drammaticamente frustrante, innescando una forte ansia da prestazione
anche nei rapporti futuri.
Un uomo di una certa età può arrivare al punto di rimuovere e negare il
proprio desiderio, più o meno consciamente, a causa della fortissima ansia
che gli procura il timore di poter avere un’erezione insufficiente, di "non
riuscire".
A volte un uomo preferisce raccontarsi di essere diventato impotente
piuttosto che affrontare la paura del fallimento, concludendo in questo modo
definitivamente la propria vita sessuale, etichettandosi tout-court come
ormai "troppo vecchio". La sua partner, per timore di giudizi sociali e
personali negativi, tace e acconsente magari di malumore: ma il verdetto è
inappellabile.
Ho incontrato molte donne insoddisfatte ma complici involontarie di queste
situazioni: ricordo una signora che si lamentava della presunta parziale
impotenza del marito. Ma durante i colloqui era emerso che, data
un’educazione molto repressiva, lei non aveva mai preso alcuna iniziativa
per facilitare l’erezione del partner, che avrebbe dovuto, secondo le sue
aspettative, essere immediata, completa e duratura alla sola prospettiva di
avere un rapporto. Ciò in assenza o quasi di stimoli diretti: carezze,
preliminari vari, rapporti orali e così via: Il marito ha sempre sostenuto
questa posizione con grande e comprensibile fatica: a un certo punto si sono
presentate delle ovvie défaillances e lui si è recato dal sessuologo,
chiedendo un rimedio miracoloso per "tornare come prima".
In un lungo e paziente lavoro questa coppia ha scoperto che il piacere
sessuale non è direttamente proporzionale al numero e all’intensità delle
erezioni maschili.
I preliminari erotici hanno una denominazione poco felice: essi stessi
possono essere grande sorgente di piacere in una coppia matura e affiatata,
anche se non preludono immediatamente a una penetrazione e a
un’eiaculazione. Possono consentire una bellissima intimità, prolungata nel
tempo, senza la fretta di concludere il rapporto. Certamente, facilitano per
un uomo un’erezione soddisfacente e per la donna possono essere un mezzo
per arrivare all’orgasmo senza caricare il partner di pressione psicologica
eccessiva, attutendo le aspettative e azzerando le paure e le angosce.
Inoltre, le medicina può migliorare e risolvere sia eventuali problemi
ginecologici che andrologici, le condizioni metaboliche e circolatorie
possono essere ben controllate (diabete, arteriosclerosi e vascolopatie
periferiche, insufficienze epatiche e altro) e così le carenze ormonali e le
interazioni farmacologiche. Anche la depressione psichica è un evento grave
che determina, anche se si presenta in forma leggera, un calo dell’interesse
per la sessualità: un adeguato intervento psicologico e farmacologico rende
del tutto reversibile la situazione, riportando la persona a interagire
affettivamente col partner.

Il dialogo, insomma, è aperto: la vita sessuale si arricchisce, e volte si ferma,


ma poi riparte e si sviluppa così come si sviluppa la persona che vive i suoi
anni in dinamico contatto con se stessa e con gli altri.
Nuvole in viaggio
Rossana Di Fazio Ci sono film che è davvero difficile riassumere o raccontare.
Ho la sensazione che siano quelli che credono di più al linguaggio
cinematografico, alla capacità delle immagini di raccontare e non solo di
illustrare e mostrare una storia.
Vorrei rivedere Nuvole in viaggio del finlandese Akï Kaurismaki e contare
le parole dei dialoghi. Credo che non superino le due, trecento: è un film di
poche, ma buone, parole. I personaggi si ispirano a molti generi di discorso,
alcuni dei quali squisitamente cinematografici: la commedia e il noir, il non-
sense, il melodramma, lo stile enfatico, ma leggero per definizione, che
sanno avere certe canzoni d'amore, che sembrano molto stupide solo fino a
quando non ci si ritrova nelle situazioni che raccontano.
I protagonisti del film sono due sposi, non più giovanissimi, con due belle
facce serie, che vengono licenziati perché il mondo cambia e le cose vanno
così. Il ristorante nel quale Ilona lavora chiude, mentre l'azienda tranviaria
che dà lavoro al suo sposo è costretta a giocarsi a carte i dipendenti da
licenziare. Sono situazioni assolutamente senza senso e assolutamente
realistiche.
La ricerca di un nuovo lavoro muove tutto il racconto e diventa il centro di
un film che non esiterei a definire melodramma, visto che la musica - le
canzoni suonate al ristorante Dubrovnik, gli intermezzi tratti da Verdi, da
Wagner e altri classici- gioca un ruolo essenziale nel fare da contrappunto
romantico allo stile asciutto e surreale dei dialoghi e dei gesti dei
personaggi. Questo fa sì che il racconto, a volte davvero patetico, si
mantenga sempre compunto, ironico, senza perdere pathos né
verosimiglianza. Così potrei dire che si tratta di una storia di vero amore,
raccontata con una discrezione sublime; e siccome ogni storia d'amore ha
bisogno di ostacoli e guai per trasformarsi in un racconto credibile e
necessario, qui il Lavoro incarna il mito della felicità possibile. Non si tratta
della garanzia della sopravvivenza, tant’è vero che la strada del "qualunque
cosa" si rivela senza fondamento. Si tratta di una idea più nobile del Lavoro
come spazio della azione individuale e occasione per il mondo di dotarsi
delle nostre cure, di essere allevato e migliorato, reso più accogliente da un
buon ristorante, un tram ben condotto, un mazzo di fiori sul tavolo. Non
importa di quale lavoro si tratti: la dignità di essere operaio, tramviere,
manovale, cameriera o, come Ilona, capo-cameriera, non ha niente a che
fare con l'ambizione per la carriera o l'esercizio del potere. "Un
professionista non ha bisogno di affidarsi alla fortuna", dice il protagonista
alla moglie prima di un colloquio. E' una affermazione d’orgoglio resa
assolutamente ridicola dalla realtà che mi ha ricordato la scena, per me
bellissima, di un altro film, molto diverso, La bella vita, di Paolo Virzì,
nella quale il padre del personaggio principale, ex operaio, fiero di esserlo,
si ritiene oltraggiato dal fatto che suo figlio voglia diventare un piccolo
imprenditore.
Questa concezione alta del lavoro, qualunque esso sia, mi sembra del tutto
mascherato da altri valori e sostanzialmente, anche sotto il peso della sua
assoluta leggerezza sul piano sociale, in via di estinzione.

Kaurismaki riesce a raccontare quasi per sottrazione, in uno stile di


sceneggiatura ellittico che si àncora a episodi e dialoghi minimali, ma
perfettamente compiuti.
Anche sotto l'aspetto figurativo il film è solo apparentemente semplice.
Prevalgono i piani fissi, con pochi movimenti di macchina, e anche il
montaggio asseconda questo effetto-quadro, rispettando una specie di
carattere paratattico, sequenziale della sceneggiatura. Come la musica
introduce affetto ai toni estremamente asciutti dei dialoghi e dei gesti, la
distanza che la macchina da presa mantiene nei confronti dei personaggi è
compensata dalla fotografia e dal colore, dai toni molto caldi, dalle tonalità
sature e piene delle case, dalla luce gialla delle strade.
Nessuna ridondanza sentimentale o grottesca, poiché ogni dimensione è
necessaria: misura, umorismo e verità sono felicemente onorate in Nuvole in
viaggio, e con loro il cinema classico, quello che non lo è più, e la vita che
assomiglia a tutt'e due.

Vedi Anche:

cinema.it
Jimi
Roberto Caselli Una storia infinita. Da quel fatidico 18 settembre 1970, giorno in cui Jimi
Hendrix morì in circostanze mai del tutto chiarite, la sua eredità musicale è
passata attraverso complicate traversie, quasi sempre finalizzate ad
arricchire chi se ne occupava, più che a realizzare una pubblicazione
definitiva che mettesse finalmente chiarezza nella sua opera. Fino ad oggi,
tra dischi ufficiali, edizioni economiche, greatest hits e pubblicazioni più o
meno clandestine, i titoli attribuiti a Hendrix arrivano tranquillamente al
centinaio. Dopo la sua morte, infatti, negli archivi degli Electric Lady
Studios, furono trovate centinaia di ore di musica registrata dallo stesso
chitarrista che furono affidate dagli eredi al produttore Alan Douglas, uno
degli ultimi collaboratori di Hendrix. Da quel momento vennero date
periodicamente alle stampe registrazioni frammentarie, spacciate per nuove,
che hanno, in realtà, solo creato una gran confusione. Nel 1993, dopo aver
più volte manifestato la propria contrarietà verso questo tipo di gestione, la
famiglia Hendrix ha fatto causa a Douglas per il cattivo lavoro da lui
effettuato e per l’ambiguità con cui si è mosso. A due anni di distanza, papà
Al e sorella Jane vincono la causa e si riprendono il diritto di sfruttamento
dell’opera di Jimi. La mossa successiva è quella di affidare il ripristino
definitivo del catalogo hendrixiano all’ingegnere del suono Eddie Kramer e
all’esperto John McDermott, con l’esplicito compito di ricostruire anche
l’identità di un disco, finora mai uscito, ma che sembra fosse praticamente
pronto, prima che Hendrix morisse. La Universal MCA, che nel frattempo si
è aggiudicata la licenza mondiale per le registrazioni di Hendrix ha
cominciato, proprio in questi giorni, a immettere sul mercato i primi frutti di
questa revisione. Il risultato è la nuova disponibilità dei primi tre storici
lavori: Are You Experienced? (1967), Axis: Bold As Love (1968) e Electric
Ladyland (1968) e finalmente del nuovo album, First Rays Of The New
Rising Sun, che contiene 17 brani, già tutti ascoltati, ma mai ordinatamente
raccolti. I lavori sono disponibili sia su vinile che su CD. In autunno si
prevede la pubblicazione di Band Of Gypsys (1970) e per il prossimo
gennaio addirittura di un disco fatto solo di inediti. Non è tutto, voci
abbastanza ufficiali giurano anche sull’individuazione di altri nuovi brani
che usciranno con una scadenza fissa di due anni dal 2000 in poi. Come
dire? Hendrix will never die.
La complessità
Sylvie Coyaud http://www.exploratorium.edu/complexity/menu.html

Da quasi vent’anni la parola si sta facendo strada nel nostro linguaggio. Un


po’ com’è accaduto negli anni Venti alla relatività, altro potente concetto
scientifico.

Alla complessità, manca però un eroe popolare alla Einstein in cui


incarnarsi, e forse questo le ha impedito di irrompere con altrettanta
violenza nella conversazione quotidiana. Diversamente dalla relatività, nata
all’improvviso come Minerva da una cefalea di Giove, la complessità ha
conosciuto una lenta gestazione.

Le idee che lungo un intero secolo hanno portato a una nuova "dinamica, a
un modo più fluido e globale di concepire i rapporti tra le cose, animate o
meno, osservate o solo ipotizzate, sono sul Web dell’Exploratorium, sotto il
titolo "Paesaggi turbolenti: le forze della natura che danno forma al
mondo" (Turbolent Landscapes).

Siccome l’Exploratorium di San Francisco è un museo della scienza, c’è di


mezzo una mostra. Un po’ lontana: per fortuna uno sfruttamento molto
intelligente delle risorse dell’Internet la fa vedere e la spiega. Ha partecipato
al sito il Santa Fe Institute, che sta alla complessità come il Vaticano al
cattolicesimo. Continua a parteciparci con degli esperti che rispondono alle
domande e aggiungono mano mano personaggi e concetti suggeriti dai
visitatori.

Nella sezione "Paesaggi turbolenti" vera e propria, sono gli oggetti in


mostra. Qui l’immagine non rende affatto il fascino dello "Schermo di spilli
vibranti" di Ward Fleming, per esempio. Per fortuna, la didascalia sì. In
"Complexity Timeline", c’è il secolo di storia delle idee, e nel
"Complexicon" un generoso indice-dizionario di scienziati e termini. Nelle
ultime due sezioni, figurano i protagonisti, come Cantor, Lorenz, Poincaré,
Mandelbrot; i concetti chiave e le loro applicazioni come non linearità,
teoria delle catastrofi, dinamica qualitativa, automi cellulari. E i frattali: visti
e stravisti, eppure la loro bellezza continua a lasciarci a bocca aperta.
Certo, bisogna sapere l’inglese.
Anzi, vale la pena impararlo apposta.

http://www.exploratorium.edu/complexity/menu.html
Nota tecnica: bastano dei normali browser. Il "Tour" audio dell’argomento,
accessibile per chi dispone dell’apposita scheda, non è indispensabile alla
comprensione.
Nota critica: occorrono almeno tre passaggi, a partire dal pagina Menu per
arrivare a certi oggetti della mostra "Paesaggi turbolenti", e siccome non
c’è un catalogo (o non l’ho visto) è difficile ritrovarli per una seconda visita
più sistematica. Suggerimento: salvate nei bookmarks quelli che vi sono
piaciuti di più.
Orari migliori: 8-11 del mattino. Dopo, rallentamento generale.
Appuntamenti

In questo numero Golem vi segnala :

PRE-VISIONI
I registi di domani alla prova

spettacoli degli allievi del IV anno del corso di regia della Scuola d’Arte
Drammatica Paolo Grassi in collaborazione con il Teatro Franco Parenti ed il
Teatro Verdi

SERA D’AUTUNNO Teatro Franco Parenti


da Friedrich Dürenmatt 8-11 maggio 1997
progetto e regia ore 21, domenica ore 18
Benedetta Frigerio ingresso £ 10000

via Pier Lombardo 14


tel. 02/5457174

THANKYOUEVERYONE Scuola d’Arte Drammatica Paolo Grassi


di Carlo G. Gabardini, Sala Teatrale, 20-21 maggio 1997
Andrea Gattinoni, Max ore 21
Papeschi, Bolo Rossini,
Valeria Sanna via Salasco 4
progetto e regia tel. 02/58302813
Max Papeschi
G.i.o.c.h.i.
Marco Sabatini Adunque.

Il nuovo gioco non ha avuto un grandissimo successo.

Come osservava Cecilia, e' più difficile del primo, perché devi operare su
una sola parola, anziché su una frase. Poi e' passato il momento
dell'entusiasmo iniziale per un gioco in rete, quindi rimangono solo gli
"appassionati" (i maniaci). Giocare in due e' deprimente, ed ho pensato ad
un paio di cose che - forse - potrebbero migliorare la situazione:

1. riunire i siti in cui si gioca, sia al Cinegioco che ai Finneghismi.


Tanto i giochi si assomigliano, e chi apprezza una cosa di solito apprezza
anche l'altra. Cosi' chi e' interessato risparmia anche tempo. Questo potrebbe
valere anche per i futuri giochi di parole;

2. pensavo ad un nuovo gioco, un po' diverso. Prendete una frase: "Nostro


Umberto, Maestro Eco" e allineate le iniziali. Otterrete una parola: NUME.

Se la parola ha un senso, e' un Acronimo. In poesia si chiama Acrostico una


parola ottenuta con le lettere iniziali dei versi di un componimento.
Con un po' di fantasia si riescono a fare cose carine:

GOLEM: Giochiamo O Lavoriamo? E' Misterioso....


PUB: Per Una Bevuta;
UPIM: Ultimi Prodotti In Mostra;
STANDA: Senza Timore: Amici, Non Dateci Ascolto;
ANDREA: Ambirebbe Non Dover Regolarmente Esibirsi Aggratis;
CLAUDIA: Coltiva L'Apparente Umiltà' Dell'Indomito Agostino;
CECILIA: Carina E Cicciottella, Ispira L'Immaginazione Altrui;
DUCCIO: Diventerà' Un Compunto Contabile In Orario;
MARCO: Meglio Allenarsi Regolarmente Che Occasionalmente;

(figuriamoci se perdo un'occasione per sberDucciare gli amici)

Non e' necessario inventare gli acronimi: a volte li si trova nei giornali o nei
libri. Cosi' si tratta solo di leggere, non di creare. Qualche esempio dai titoli
di libri:

TIR: Tutti I Racconti


LEI: L'Estate Incantata (R. Bradbury)
VIP: Volevo I Pantaloni (L. Cardella)
IRI: I Racconti Inediti (Ph. Dick)
PIO: Passaggio In Ombra (M.T.Di Lascia)

Alcuni degli acronimi di cui sopra sono vecchi acronimi reinterpretati:


TIR, IRI, VIP.

Ma, più che nei titoli, e' nei testi che gli acronimi potrebbero nascondersi.

E poi una sfida: di quale frase la parola

PRISENCOLINENSINAINCIUSOL

e' un acronimo? Chi risponderà a questo quesito scoprirà il profondo


messaggio che si nascondeva nella canzone di Adriano Celentano.

Ah.......G.I.O.C.H.I.:

G iochiamo
I nsieme:
O spitiamo
C hi
Ha
I mmaginazione
Golem è giunto al numero dieci. Sarà, ma i numeri tondi fanno sempre un certo effetto. Grandi sorprese stiamo
preparando, comunque, per il compleanno di Golem.
Intanto, vi proponiamo gli argomenti di Umberto Eco sul perché è più utile scrivere su Internet che sulla carta,
argomenti che inducono a varie considerazioni sul ruolo dell’informazione e sul senso della professione
giornalistica.
Il referendum sull’abolizione dell’Ordine dei giornalisti viene affrontato direttamente dagli interventi di Calabrò
e La Stella, nonché attraverso le proposte di legge a favore o contro l’abolizione.
Le nuove tecnologie porteranno con sé un nuovo modo di fare informazione , di fare giornalismo? In quali
direzioni e con quali modalità possiamo comprendere e dirigere questo mutamento?
Si parla, poi, di ruspe, pale e cucchiaini, ovvero del rapporto tra produttività e occupazione, di come dovrebbe e
di come non dovrebbe essere rinnovata l’Università in Italia e della relazione tra il premio Oscar, il Festival
della canzone italiana e il fondamentale concetto di democrazia.
Tra le rubriche, oltre ai nostri affezionati collaboratori, vi segnaliamo una nuova entrata: Roberta Ribali, che ci
intratterrà ogni mese con una riflessione sulle trappole che ci tende la nostra psiche.
Augurandovi una buona e costruttiva lettura, restiamo in attesa delle vostre sempre stimolanti reazioni.
Non scrivete sui giornali: nessuno se ne accorge
Umberto Eco Non è che Internet serva solo ai deliranti per ricevere messaggi dagli
extraterrestri (li ricevevano anche prima di Internet, magari via posta). Spero
serva anche ai terrestri, per dire delle cose che è ormai inutile dire sulla
stampa.
Ecco la storia. Sabato 29 marzo i giornali informano che Emma Bonino, in
un accesso di sdegno, di fronte alla tragedia dell’Albania, si chiede perché
Bobbio ed Eco (è lei ad usare questa sineddoche adulatoria, specie per me,
per indicare tutti gli intellettuali) non si pronunciano sull’Albania, così
rendendosi complici e forse responsabili diretti del disinteresse verso i
profughi albanesi.
Trascuro il sentimento un poco kitsch che sta dietro a questi sfoghi: come se
in una tragedia in cui l’ONU, la Comunità Europea, una dozzina di governi
non riescono a trovare una soluzione, e gran parte del paese reagisce con
razzismo istintivo, un alato appello di Anime Belle potesse risolvere la
situazione. Immagino che, secondo Emma Bonino, se Bobbio firmasse un
appello per affermare che gli albanesi sono buoni, la Pivetti ne
accoglierebbe duecento a casa propria. Ma se fosse così, basterebbe che la
Pivetti avesse letto non dico Bobbio, ma il Vangelo.
Trascuro il fatto che come commissario europeo la Bonino dovrebbe sentirsi
responsabile (se non soggettivamente, almeno oggettivamente) della
latitanza della Comunità Europea su questo argomento; lo ha notato
giustamente Cacciari su Repubblica di domenica, osservando come sia per
lo meno spudorato cercare altri responsabili invece di dare le dimissioni
dalla propria carica, a quanto pare inutile. Ma pazienza, i tempi sono duri e
possono saltare i nervi a chiunque.
Più singolare mi pare il fatto che la Bonino riceva in ritardo i giornali, o non
li legga. Altrimenti si sarebbe accorta di due cose. Primo, che proprio il
giorno prima che lei parlasse usciva sull’Espresso una mia riflessione
sull’Albania in cui invitavo a considerare una serie di cose. Secondo, due
giorni prima a Parigi aprivo un Convegno internazionale sull’intolleranza e
parlavo specificamente dell’Albania e del razzismo strisciante (o talora
rampante) che si sta verificando in Italia; ne ho riparlato il giorno dopo, e tre
giorni prima avevo sollecitato l’Academie Universelle des Cultures a
formulare un appello alla Comunità Europea. I giornali francesi (per non
dire di radio e televisione) hanno dedicato a questi eventi il massimo rilievo,
il Figaro ha trascritto tutto il mio intervento, l’Unità lo ha riportato in gran
parte, compreso l’accenno all’Albania e alla situazione italiana.
Il fatto che persino la Bonino (che avrebbe da citare questi eventi per
lanciare un appello a una maggiore partecipazione) non lo sapesse è proprio
la prova che gli appelli intellettuali servono a poco in tragedie come queste,
e quindi sarebbe inutile chedere agli uomini di cultura cose su cui essi hanno
poco potere.
Tuttavia, ancora una volta, la Bonino c’entra sino a un certo punto. Ha detto
una stupidaggine, pazienza, può accadere a tutti, la stampa avrebbe potuto
dedicarle un trafiletto ironico e la cosa sarebbe finita lì. Nossignore, la
stampa l’ha presa sul serio. Ho dovuto staccare il telefono perché a casa mi
avevano avvertito che vari quotidiani volevano sapere che cosa avrei
risposto. Mi sono detto che la stampa aveva tutti gli elementi a sua
disposizione per rispondere, l’Espresso era nelle edicole, a Parigi c’erano
tutti i corrispondenti italiani, tutto esisteva su fonti pubbliche.
E invece sui giornali di domenica ho ritrovato la sparata della Bonino
ripresa, affannosi interrogativi sul perché Bobbio ed Eco non salvano gli
albanesi, e nessuno - dico nessuno, neppure quelli che avevano parlato degli
eventi parigini il giorno prima - che si ricordasse di quello che ho riassunto
poco sopra.
La stampa non ha più memoria, non ha più archivi, né di giornali italiani né
di giornali esteri, non si ricorda delle notizie dei giorni precedenti, salta
addosso all’ultimo scandalo pur di riempire colonne.... Per quel che ne
sappiamo, Bobbio potrebbe avere fatto chissà che cosa venerdì, ma
domenica la stampa l’avrebbe dimenticato, e solo perché sabato ha parlato la
Bonino. E questa è la dimostrazione di quanto la Bonino abbia torto: non
vale affatto la pena che gli intellettuali scrivano e parlino, anche se quel che
dicono potesse contare qualcosa, perché intanto ogni parola verrebbe
cancellata il giorno dopo.
Visto che ormai la carta viene macerata nottetempo, mi affido alla rete. Non
si è forse scoperto che vi sono dei siti non più aggiornati da un anno e forse
più? Sulla rete c’è forse ancora un culto della memoria.
Il "mestiere" del giornalista
Antonio Calabrò Lo si può perdonare, Michelangelo Antonioni, per aver usato quella parola
un po’ solenne, "professione", accosatata a "reporter". Lo si può perdonare
perché era un maestro del cinema. E perché ancora, in quel ’74, non era
dilagata fastidiosamente la tendenza a parlare di "professionalità",
"professionisti", "professionismo", magniloquenze tanto più insistentemente
declamate quanto più sono emersi, collegati a quelle parole, corporativismi,
giochi di privilegio, intolleranze nei confronti di chi, "professionista"
appunto, faceva poco e male il suo lavoro (avvocati, medici, notai,
saltimbanchi, operatori TV, tecnici dell’informazione tutti pronti a
scandalizzarsi per gli "attacchi alla professionalità" senza aver mai voglia di
riflettere se e quanto le critiche, nel merito, fossero fondate).
Preferisco, dunque, parlare di "mestiere", per il giornalismo. Come una sorta
di "mestiere di vivere". Perché se ne sottolinea il carattere tutto sommato
artigiano: fare bene un lavoro, con precisione, accurata ricerca del come e
del perché delle cose, attento rispetto delle persone, umiltà. E perché dà
bene la dimensione d’una fatica: di capire, raccontare, redigere
puntigliosamente un giornale per cercare periodicamente di dare un senso a
quello che succede nel mondo. Mestiere artigiano, quindi, indifferente, nel
suo significato più profondo, alle tecnologie, le più moderne e sofisticate,
per scrivere, impaginare e trasmettere parole, suoni e immagini: un morto è
pur sempre un morto, una guerra una tragedia, un’operazione finanziaria
un’avventura con vantaggi e costi, uno spettacolo un evento da descrivere e
interpretare.
Giornalista è dunque chi ogni giorno fa un tale mestiere. E non certo
soltanto chi è iscritto ad un albo "professionale", ad un ordine di categoria
che negli anni ha finito per assumere troppe caratteristiche di corporazione.
Di un "Ordine", privilegio quasi esclusivamente italiano, si potrebbe
insomma benissimo fare a meno. A condizione, naturalmente, di difendere
invece i valori di fondo cui si deve ispirare il mestiere e le regole per poterlo
esercitare bene a cominciare dai contratti di lavoro (rafforzando quindi
compiti e ruoli del sindacato dei giornalisti).
C’è un gran bisogno, oggi, di una profonda riflessione proprio sui valori e
sulle regole del giornalismo: sulla cultura e sulle tecniche di cui è necessario
essere padroni, sul rapporto fra giornalista e fonti di informazione,
sull’autonomia nei confronti dei tanti poteri pubblici, politici, culturali ed
economici, sul ruolo di chi informa all’interno delle aziende giornalistiche
(giornali stampati, radio e TV o notiziari Internet che siano). Sulla
preparazione necessaria per evitare superficialità, cialtronerie e subalternità
di cui il giornalismo italiano offre purtroppo pessimi esempi.
Ci saranno infatti pesanti colpe dei giornalisti se oggi il referendum
sull’abolizione dell’ordine rischia di trasformarsi, impropriamente, in un
giudizio populista pro o contro i giornalisti in quanto tali, la loro funzione, il
ruolo politico e sociale. E se in certe aziende editoriali prende corpo l’idea
che il giornalista sia un factotum privo di identità particolare e buono ad
essere "flessibilmente" usato oggi per un settimanale Tv, domani per una
rivista di cucina, doman l’altro per una rassegna di moda impasticciata con
la pubblicità. E dunque, più che difendere l’anacronistico Ordine, varrebbe
la pena ragionare innanzitutto sull’etica dell’informazione e sui contenuti
del mestiere in questi difficilissimi tempi di grandi trasformazioni.
Recuperando, tra l’altro, l’orgoglio d’un lavoro ben fatto. Come sa bene
ogni buon artigiano.
Catena di montaggio
Oliviero La Stella L'informazione oggi in Italia è al livello forse più basso da vent'anni in qua.
La gente è insoddisfatta e trasferisce puntualmente nei sondaggi la scarsa
fiducia che nutre nei confronti dei media. Credo che su questo aspetto ci sia
poco da aggiungere, dopo le riflessioni e le provocazioni di Umberto Eco.
Alla crisi del sistema dell'informazione, la politica risponde con un
referendum che ha l'obiettivo di abolire l'Ordine dei Giornalisti. A mio
parere, questo modo di affrontare il problema è assolutamente disonesto.Si
fa credere all'opinione pubblica che i giornalisti siano i responsabili
dell'informazione quando invece lo sono solo in minima parte. La loro
autonomia nel corso degli ultimi anni si e infatti drasticamente ridotta. I
promotori del referendum, e chi apertamente o silenziosamente lo sostiene,
fingono di ignorare che l'informazione è oggi saldamente nelle mani dei
padroni dei media, ovvero di gruppi industriali e partiti politici. I giornalisti,
ahimè, oggi come oggi sono - a qualsiasi livello - elementi di una catena di
montaggio che sforna quotidianamente un prodotto scadente (superficiale e
talora manipolato), che si tenta di rendere appetibile con la "panna
montata" (scandalismo, pettegolezzi e frivolezze). Credo che i giornalisti
italiani, almeno quelli che hanno vissuto altre stagioni professionali, siano
tutti profondamente frustrati da tale situazione. E ritengo che ad essi si possa
soltanto imputare, individualmente e collettivamente, una mancanza di
coraggio, ovvero l’incapacità (e in alcuni casi la non volontà) di rifiutare
questo svilimento della professione.Ora con un referendum si punta a
delegittimare definitivamente la figura professionale del giornalista, per
renderla del tutto simile a quella della "scimmia ammaestrata" dell'ingegner
Frederick Winslow Taylor, il padre della catena di montaggio.Non sono mai
stato un fanatico dell'Ordine dei giornalisti. Da giovane, essendo un
cosiddetto "figlio del Sessantotto", ritenevo che avesse un sapore
corporativo e che quindi, per ciò stesso, fosse da abolire. In età più matura
ho fatto parte del Consiglio nazionale dell'Ordine dei Giornalisti e mi sono
sorbito centinaia di ore di chiacchiere inutili, su temi e da parte di oratori
spesso lontani dalle gravi questioni dell'informazione in Italia. Ma devo dire
che, ciò nonostante, qualcosa di buono l'Ordine l'ha fatto, insieme con la
Federazione Nazionale della Stampa: come la Carta di Treviso (a difesa dei
minori) e la Carta dei Doveri del Giornalista (per cercare di imporre
un'informazione più corretta); due documenti importanti ma che purtroppo,
per una serie di ragioni, ancora non sono entrati nelle redazioni come cultura
diffusa. Così pure, l'Ordine si è battuto - finora invano, per l'opposizione
degli editori - perché chi accede alla professione abbia un'alta
qualificazione, ottenuta al termine di un ben definito percorso formativo.Da
queste esperienze ho tratto la convinzione che l'Ordine debba esistere, ma
radicalmente riformato. Occorre che esso diventi più pienamente un
organismo di difesa del cittadino nei confronti delle distorsioni e delle
prevaricazioni dei media e che, quindi, attraverso strumenti di legge venga
dotato della possibilità di esercitare con efficacia questo ruolo. Ciò significa,
ad esempio, che bisognerà trovare il modo di sanzionare in maniera rapida e
rigorosa le scorrettezze dei giornalisti. In sostanza, sono per un Ordine con
più poteri, ma non a beneficio della "corporazione" bensì della gente.Non
vedo perché, così come si avverte l'esigenza di istituire authorities che
tutelano la libera concorrenza sul mercato o la privacy del cittadino, non si
possa pensare a un organismo che si preoccupi dei requisiti di correttezza
dell'informazione. Creare e far funzionare un'istituzione di questo genere
significherebbe, a mio parere, aprire una stagione nuova: la Seconda
Repubblica dell'informazione. E' comprensibile che a qualcuno faccia paura.
La battuta pronta
Anna Masera Cari amici di Golem, vi ringrazio del vostro invito a riflettere su alcune
considerazioni che sono emerse dal forum in diretta sul futuro del
giornalismo che avete ospitato sul vostro sito giovedì 13 marzo scorso alle
17.00 e a cui sono stata invitata a partecipare, insieme a Rocco Cotroneo del
Corriere della Sera e Enrico Pedemonte dell'Espresso. Il forum è stato
stimolante, ma temo che sia stato poco utile per approfondire il tema: la
comunicazione è stata sconnessa, un po' per motivi tecnici, un po' perchè le
chat tendono a favorire chi ha la battuta pronta, e non necessariamente lo
scambio di idee.

Vi scrivo dopo aver letto lo scambio vivace e polemico di questi giorni tra
Riccardo Staglianò (che ha scritto l'articolo di copertina «Poveri noi se il
web è idiota come la tv!» su Reset), Riccardo Chiaberge (che ha scritto
«Internet, la sinistra ci ripensa» sul Corriere della Sera del 19 marzo) e
Franco Carlini (che gli ha risposto per le rime sul Manifesto del 20 marzo).
Nel frattempo, il mio giornale, Panorama, ha pubblicato nel numero 11 del
14 marzo scorso l'articolo-inchiesta di Luca De Biase su «L'edicola al tempo
dell'online» (utile al lettore che vuole capirci qualcosa e che potete andare a
leggere su http://www.mondadori.com/pan1197/
mag/inc_1197_1.html) con a lato, purtroppo, un contraddittorio commento
firmato con la sigla del «tricheco» (del nostro condirettore Pierluigi
Battista), che tanto per cambiare prende le distanze da Internet con il tipico
snobismo e il tipico attaccamento al «vecchio» contro tutto ciò che è
«nuovo» dei principali direttori di giornali italiani.
Tutto questo serve per contestualizzare il mio intervento, che vorrei
sintetizzare in tre punti:

1) I discorsi ideologici avevano un senso prima della caduta del muro di


Berlino: ormai sono passati parecchi anni e parlare di cosa sia di destra e
cosa sia di sinistra può essere divertente, ma non è fare informazione. Ci
sono persone che si considerano di destra, ma che sono più progressiste di
tante persone che si dicono di sinistra. E tra quelle «di sinistra», ci sono
tantissime differenze (da sempre!).

2) Non ha senso, per noi che «di sinistra» siamo quantomeno di provenienza
storica, demonizzare tutto ciò che è commerciale, «privato» e produce
«soldi». Sì, Internet non è più solo la grande rete anarchica dove tutto era
libero e gratis: oggi su Internet si commercia, ci si guadagna da vivere, si fa
pubblicità. E con questo? Ma le strade secondo voi sono state costruite per
favorire lo scambio di merci o solo per permetterci di andare in vacanza?
Non siamo ridicoli: meno male che Internet sta maturando e che le
informazioni arrivano anche grazie al «push» e non solo al «pull» (quello,
tra l'altro, per i «puristi della Rete» ci sarà sempre); meno male che Internet
diventa più accessibile a chi cerca informazioni ma non ha tempo di
navigare; e meno male che Internet diventa un luogo di opportunità, non
solo per chi vuole imparare, ma anche per chi vuole guadagnarsi da vivere
inventandosi un nuovo mestiere. Le imprese commerciali, con le loro
iniziative e i loro banner pubblicitari, simili agli spot della tivù, sono solo
benvenute se favoriscono tutto questo.

3) Preoccupiamoci, piuttosto, di rendere Internet accessibile a tutti, e quindi


realmente democratica: questo sì che sarebbe uno sforzo utile. Perchè
attualmente Internet ce l'ha solo una minoranza irrisoria del Paese.
Chiediamoci come mai. Tutto il resto, sono chiacchiere che confondono i
lettori e li distolgono dai veri problemi. Ma è possibile che noi giornalisti
abbiamo tanta difficoltà a porci al servizio del lettore?

Infine, una postilla. Su Internet tutto corre veloce. La polemica pubblicata


dai giornali su «Internet di destra o di sinistra» è già diventata qualcosa di
nuovo in Rete: i protagonisti (Staglianò-Chiaberge-Carlini) sono andati
avanti con la discussione e si sono dimostrati molto più profondi, e alla fine
d'accordo, di quanto sia apparso sulla carta. Ne dà conto proprio Internet:
sul sito di Reporters Online (http://www.rol.it), che ho fondato assieme a
Luca De Biase e a tanti altri colleghi appassionati per dare l'opportunità di
sperimentare i nuovi media ai giornalisti, con o senza tessera, che lo
vogliono. Siete tutti invitati a venire a trovarci e a dire la vostra sul forum di
Rol!
Pubblichiamo la proposta di legge, presentata da Furio Colombo, Giovanna Melandri, Giuseppe Giulietti e
Fabio Mussi, il 28 febbraio 1997, pervenuta alla redazione di Golem (Proposta di legge per l’istituzione della
carta di identità professionale dei giornalisti e del comitato nazionale per la correttezza e la lealtà
dell'informazione). Abbiamo, inoltre, sintetizzato altre proposte di legge sullo stesso tema, in modo da poter
concretamente svolgere una argomentata riflessione con i lettori.
Sondaggio, a cura di Renato Mannheimer

Cari lettori di Golem,


come sapete tra i referendum approvati dalla Corte Costituzionale, sui quali si andrà probabilmente a votare a giugno, c’è anche
quello sull’abolizione dell’Ordine dei giornalisti. Su questo numero di Golem potete trovare alcuni interventi sul tema.
Vorremmo conoscere anche il vostro parere. Vi chiediamo quindi di rispondere alla domanda che segue, e di compilare poi la
parte riguardante i vostri dati personali che ci serviranno per le nostre elaborazioni statistiche.
Nei prossimi numeri di Golem saranno pubblicati i risultati di questo sondaggio e del precedente.

Quali delle seguenti affermazioni si avvicina di più alla tua opinione sull’abolizione dell’Ordine dei giornalisti?

Sono favorevole all’abolizione


Sono contrario all’abolizione
Non ho ancora un’idea precisa al riguardo

Caratteristiche personali:

Genere:

Maschio
Femmina

Età: 0

Regione di nascita: Valle d'Aosta


Regione di residenza: Valle d'Aosta

Titolo di studio

Nessun titolo/Licenza elementare

Professione:

altro

Ti "senti" di:

Sinistra
Centro-Sinistra
Centro-Centro
Centro-Destra
Destra
Nessuna di queste categorie
Non so

Infine... E’ la prima volta che rispondi ai sondaggi di Golem?

Si
No

Invia Annulla
L'utopia
Paolo Palazzi Il fenomeno degli ultimi decenni della globalizzazione internazionale dei
mercati ha alcune importanti caratteristiche di novità rispetto alla situazione
precedente in cui in realtà i mercati erano già abbondantemente globalizzati
(addirittura alcuni studiosi affermano che, dal punto di vista del peso degli
interscambi internazionali sulla produzione, la globalizzazione era più
elevata all'inizio del secolo).

In particolare l'aspetto che mi appare più rilevante è che si è modificato il


rapporto con alcuni paesi del Terzo mondo: da un tradizionale sfruttamento
delle risorse naturali e del lavoro (lavoro, però, utilizzato prevalentemente
per lo sfruttamento delle risorse naturali), che veniva perpetrato utilizzando
sia la supremazia economica che quella militare, si è passati allo
sfruttamento del lavoro di per sé. Tale processo è avvenuto utilizzando da
una parte le strutture politiche, sociali e culturali dei paesi del Terzo mondo
(quindi selezionando tali paesi secondo la capacità di tali caratteristiche ad
essere impiegate in modo profittevole nel processo produttivo) e dall'altra
utilizzando, congiuntamente ai metodi tradizionali di supremazia (militare
ed economica), la supremazia tecnologica e di conoscenza.
Tali modifiche hanno portato, però, a cambiamenti anche profondi nelle
dinamiche interne ai gruppi dei paesi sviluppati e sottosviluppati: in
particolare il fatto che una parte del reddito prodotto, più rilevante rispetto
alla situazione precedente, rimane nei paesi del terzo mondo coinvolti in
questo processo. Infatti, oltre al reddito tradizionale che già restava nelle
mani della borghesia "compradora", della burocrazia e dei politici locali,
sempre più reddito reale rimane nelle mani di una borghesia nazionale di
tipo "occidentale" e di una classe operaia nascente. Diversamente dai
tradizionali redditi, questi ultimi hanno quantitativamente e qualitativamente
la possibilità di correlarsi al processo produttivo e quindi anche di trarne
vantaggi tendenzialmente crescenti: da una parte la possibilità di innescare
uno sviluppo autonomo, dall'altra di raggiungere standard di vita
tendenzialmente simili a quelli dei paesi ricchi.
È ovvio che, se questa analisi è vera, è anche vero che le "sofferenze" dei
paesi industrializzati si accompagnano a maggiori redditi in alcuni paesi del
Terzo mondo. Mi sembra altrettanto ovvio però che tale conflitto di
interessi, se si concretizza nella rincorsa sul tema del costo del lavoro,
risulterà perdente per tutti (forse anche per il sistema nel suo complesso, che
si potrebbe trovare in una crisi di sovrapproduzione).
A mio avviso è anche una soluzione illusoria la possibilità di una nuova
specializzazione internazionale che veda passare la struttura produttiva
mondiale dal tradizionale dualismo manifattura-materie prime, al nuovo
dualismo tecnologia-lavoro dequalificato. Il limite sta nel fatto che da un
lato questa supremazia tecnologica non può essere considerata immutabile e
facilmente difendibile, e dall'altro lato nel fatto che l'emarginazione di forza
lavoro dai processi produttivi ha portato, in molti paesi industrializzati, alla
proliferazione di posti di lavoro di bassa o nulla professionalità, che alla
lunga potranno portare ad una crescente e permanente dequalificazione di
formazione e conoscenza da una parte sempre più ampia del mercato del
lavoro occidentale, sviluppando un forte dualismo strutturale del mercato
del lavoro all'interno degli stessi paesi industrializzati.

L'unica soluzione strategica che mi sembra praticabile è basata su due


mutamenti di tipo qualitativo:
- passaggio da una economia di prodotti ad una economia di servizi
- passaggio da prodotti e servizi individuali a prodotti e servizi collettivi.

In sintesi, con uno slogan, si può dire che bisogna incorporare nei prodotti il
benessere sociale e la qualità della vita. Slegando in qualche modo il
benessere dalla quantità dei prodotti e legandolo alla qualità.

Il contenuto materiale dei prodotti dovrà tendere a ridursi drasticamente e


invece sempre di più dovrà incorporare migliori rapporti umani,
conservazione di un ambiente sano e piacevole, solidarietà, possibilità di
controllo della propria vita, fantasia e creatività, ecc.
Sono tutte caratteristiche che hanno un elevatissimo contenuto "autarchico",
ad elevato valore aggiunto materiale e spirituale.

Come credo tutti ormai sappiamo, questa trasformazione non può avvenire
con una modificazione dell'assetto politico e ancor meno con una
rivoluzione: poichè tale trasformazione deve avvenire nelle coscienze e dal
basso, non è sufficiente propagandarla né può essere imposta.
Ruspe, pale e cucchiaini
Antonio Martino Negli ultimi 20 anni, mentre gli Stati Uniti hanno creato 36 milioni di nuovi
posti di lavoro, di cui 31 milioni nel settore privato, nell’Unione Europea ne
sono stati creati soltanto 5 milioni, di cui appena 1 milione nel settore
privato. Da questo dato discende una conseguenza ovvia: se vogliamo creare
occupazione produttiva, dobbiamo consentire agli investimenti privati di
farlo, il che implica la rimozione dei troppi vincoli che oggi lo impediscono.
Ho avuto modo di illustrare questa tesi in un precedente articolo, ma credo
che valga la pena riprenderla perché mantiene intatta la sua validità. Il
problema della disoccupazione attuale non può essere risolto con politiche
di stimolo della domanda, come aumenti della spesa pubblica o politiche di
moneta facile. No, la disoccupazione che rappresenta l’incubo di milioni di
nostri giovani, specie al Sud, è dovuta quasi esclusivamente a cause
"strutturali", ai vincoli ed alle distorsioni che impediscono ai mercati del
lavoro di funzionare. In conseguenza di ciò, è semplicemente illusorio (per
non dire velleitario) supporre, come fanno in tanti, che l’intervento pubblico
diretto possa creare occupazione. Vediamo di chiarire.
Sembra che qualche anno fa un uomo d’affari occidentale, durante una sua
visita in Cina, vide un centinaio di lavoratori che, armati di pale, scavavano
un terrapieno, una sorta di piccola diga. L’uomo d’affari non poté trattenersi
dal commentare che un lavoratore solo con una macchina scavatrice avrebbe
potuto agevolmente svolgere lo stesso lavoro in mezza giornata. Al che il
caposquadra gli rispose che, così facendo, si sarebbe creata disoccupazione.
"Ah!", rispose l’uomo d’affari occidentale, "non avevo capito. Credevo che
voleste costruire un terrapieno. Ma se, invece, volete creare occupazione,
perché non gli togliete le pale e li armate di cucchiaini?".
Un’illustrazione abbastanza efficace di una differenza fondamentale: quella
fra occupazione fasulla ed occupazione produttiva. La prima non è difficile
da creare con l’intervento pubblico, com’è ampiamente dimostrato
dall’esperienza, non solo in Italia. Assumete un certo numero di persone,
mettetele a scavare buche, ed incaricate poi un altro gruppo di "lavoratori"
di riempirle. Pagate i due gruppi con denaro "pubblico" (cioè con quattrini
prelevati con le tasse da tasche private) ed avrete creato il tipo di occupati
che l’intervento pubblico sa creare così bene.
Il problema tuttavia, con questo tipo di occupazione è che essere occupati
non significa percepire un reddito, significa produrre un reddito. Ora,
quando uno percepisce un reddito che non produce, qualcun altro produce
un reddito che non percepisce e non percepirà mai. L’occupazione "creata"
dai politici, in altri termini, è anzitutto null’altro che un trasferimento di
reddito di chi produce a chi non produce. Coloro i quali hanno dovuto
pagare le tasse per finanziare gli stipendi dei "lavoratori" pubblici avranno,
in conseguenza di ciò, meno reddito da risparmiare o da spendere. Al
sistema produttivo, quindi, affluiranno meno risorse sia per minori vendite
di prodotto che per minore risparmio da investire. L’occupazione nel settore
produttivo sarà, quindi, minore: l’intervento pubblico da un lato ha creato
occupazione (sono aumentati gli scavatori ed i riempitori di buche, i
"buchisti"), dall’altro ha distrutto posti di lavoro nel settore produttivo dal
quale ha dovuto prelevare le risorse per pagare lo stipendio dei "buchisti "
pubblici.
Anche supponendo per assurdo che il numero dei lavoratori occupati grazie
all’intervento pubblico sia uguale al numero di quanti, in sua assenza,
avrebbero trovato occupazione nel settore produttivo, l’effetto netto
dell’intervento pubblico è sempre negativo, perché i posti di lavoro creati
sono improduttivi, mentre quelli distrutti sarebbero stati produttivi. In
conseguenza, stiamo tutti peggio perché il reddito complessivo prodotto sarà
minore di quanto avrebbe potuto essere.
L’analisi surriferita, anche se schematica, è lungi dall’essere caricaturale:
l’esperienza di questo secolo, infatti, dimostra aldilà di ogni ragionevole
dubbio che l’intervento pubblico non è in grado di creare occupazione
produttiva. Se , infatti, grazie ad illuminati piani quinquennali o altre forme
di intervento pubblico si potesse creare occupazione produttiva, il
comunismo avrebbe avuto successo. Se è miseramente fallito è proprio
perché non è riuscito a creare occupazione produttiva. D’altro canto, è
altrettanto certo che la fiscalità eccessiva - le troppe tasse e i troppi onerosi
balzelli imposti al sistema produttivo - distrugge l’occupazione. Non è un
caso che i paesi in cui il carico fiscale è più basso sono anche quelli con
minore disoccupazione: Svizzera, Stati Uniti, Giappone o paesi emergenti
del sud-est asiatico hanno tassi di disoccupazione trascurabili, specie se
confrontati con quelli dei paesi ad alta fiscalità, come il nostro.
La morale è semplicissima (anche se le nostre sinistre continuano a non
capirla): se vogliamo accrescere l’occupazione produttiva dobbiamo ridurre,
non aumentare, sia le tasse che le spese pubbliche. Dobbiamo cioè smetterla
di chiedere al governo di fare quello che nessun governo è mai riuscito a
fare: creare occupazione produttiva. Quello che il governo, invece, può e
deve fare è proprio l’opposto di quanto sta facendo: deve liberare risorse che
possano essere investite, assicurando finalmente ai nostri giovani quella
speranza nel futuro che oggi viene loro negata.
No, questa legge no
Giovanni Bachelet 07/03/97 Può darsi che mi sbagli, ma mi pare che da molti mesi non ci siano più
commenti su "Cattedra o cara" e sul DDL di riforma dei concorsi. Eppure
fra pochissimo il DDL andrà in aula dopo le modifiche apportate in
commissione. L'estate scorsa ero patriotticamente convinto che la
combinazione dei dispositivi inizialmente previsti dal DDL (idoneità,
concorsi locali e "obbligo della deportazione" cioè divieto per i candidati
locali di concorrere nella stessa sede dove già sono) potesse funzionare.
Qualche maligno suggeriva già allora che i vincoli sembravano scritti
apposta per essere poi massacrati in aula: dopo l'iter parlamentare, dicevano,
sarebbe rimasta la sola idoneità nazionale a numero aperto, con conseguente
ope legis di massa di tanti falsi validi - come li definiva mesi fa Paolo
D'Iorio della Scuola Normale - entrati senza mai affrontare un concorso, e
spesso meritevoli semmai di una retrocess