Sei sulla pagina 1di 7

Glossario tecnico della comunicazione

A cura della dott.ssa Marta Palazzo


Accesso Condizionato. Sistema di codifica dei contenuti e di gestione

degli abbonati di un bouquet di televisione a pagamento (pay tv). Questo

tipo di fruizione di programmi richiede di solito una smart-card da

inserire nel ricevitore.

ADSL. Acronimo di Asymmetric Digital Subscriber Line: tecnologia di

trasmissione asimmetrica che consente di inviare dati ad alta velocità

utilizzando il semplice doppino telefonico.

ADSL2+. È una tecnologia usata per offrire volumi di trasferimento

sensibilmente maggiori rispetto alla convenzionale ADSL, facendo uso

della stessa infrastruttura telefonica basata sul doppino telefonico. Con

l’ADSL2+ è possibile raggiungere in download anche una velocità di 24

Mbit/s (teorici).

Advertising. Messaggio promozionale per le comunicazioni

commerciali.

Analogico. È una modalità di trattamento dei dati attraverso la variazione

continua di un segnale in analogia con un determinato fenomeno fisico.

Si considera l'opposto della codifica digitale per il fatto di tradurre

l'informazione in un flusso continuo.

ARPU. Average Revenue per User.

Auditel. Sistema per il rilevamento degli indici di ascolto.

Banda Larga. Anche detta Broadband, l'espressione indica una

connessione ad internet caratterizzata da una velocità elevata di

trasmissione e ricezione dei dati.

Banner. Piccolo spazio dedicato alla pubblicità sui siti web.

Bouquet. L'offerta di più canali e servizi da parte di una televisione

digitale a pagamento.
1
Glossario tecnico della comunicazione
A cura della dott.ssa Marta Palazzo
Broadcast. Trasmissione di informazioni da un sistema trasmittente ad

un insieme di sistemi riceventi non definito a priori.

Canale di Ritorno. (Return Path) Canale attraverso il quale l'utente può

mettersi in contatto con il fornitore di servizi, dando luogo cosi a

fruizioni di tipo interattivo.

Core Business. Attività dalla quale l'azienda ricava la parte principale del

proprio fatturato

CRM. (Customer Relationship Management): è insieme una

metodologia, una procedura ed una filosofia aziendale, orientata al

soddisfacimento del cliente in un'ottica di rapporto personalizzato. Con

processi di raccolta di dati, di azioni di marketing, di vendite e fornitura

di servizi per mezzo di applicazioni, organizzative e tecnologiche, il

sistema di CRM cerca di fidelizzare il cliente stabilendo una

comunicazione a due vie anziché solo da azienda a cliente.

Customization. Tendenza dell'offerta ad adeguarsi a quelli che sono i

gusti e i voleri di specifici segmenti di clientela.

Database. Raccolta di dati registrati nella memoria di uno o più

computer organizzati in modo da renderne facile la reperibilità da parte di

un utente.

Decoder. Apparecchio in grado di decodificare un segnale criptato.

Nell'ambito della televisione digitale il decoder è l'apparecchio che riceve

il segnale televisivo, lo decodifica e permette la visualizzazione della

trasmissione sul televisore.

Digitale. Codifica numerica dell'informazione tramite il codice binario.

Si oppone allo standard analogico per essere una rappresentazione non-

continua dell'informazione. Il termine deriva dall'inglese "digit" (cifra) e


2
Glossario tecnico della comunicazione
A cura della dott.ssa Marta Palazzo
caratterizza il modo di procedere dei moderni computer.

Digitale Terrestre. tecnica di trasmissione di programmi televisivi via

etere in codifica digitale, che permette un ampliamento dello spazio

disponibile all'interno delle onde hertziane.

Dorsale. Detta anche "Backbone". È la parte della rete che agisce da

percorso principale per il traffico (ad esempio, tra sottoreti). Si parla di

backbone per la trasmissione dei dati lungo una nazione o un continente.

DRM. Digital Rights Managment, ovvero sistemi software che regolano

l'utilizzo di diritti di proprietà intellettuale.

DTT. Digital Terrestrial Television.

DVB-C. Digital Video Broadcasting - Cable

DVB-H. Digital Video Broadcasting Handled.

DVB-T. Digital Video Broadcasting Terrestrial

DVB-S. Digital Video Broadcasting Satellite

Enhanced Tv. Applicazioni e servizi nati dagli “intrecci” fra internet e

televisione, che aggiungono funzionalità multimediali alle trasmissioni

sul piccolo schermo.

EPG. Electronic Programme Guide, guida elettronica dei programmi

televisivi, disponibile sia per le trasmissioni su piattaforma digitale

terrestre sia per quelle satellitari e via cavo.

Fibra Ottica. Infrastruttura per la trasmissione dati costituita da

sottilissimi fili di vetro o silicio. Le fibre ottiche sono contenute a

centinaia in un unico cavo e veicolano le informazioni sotto forma di

impulsi di luce. Possono convogliare il segnale ad una larghezza di banda

illimitata.

Free to air. È detto di servizi radiotelevisivi (FAT) che non prevedono il


3
Glossario tecnico della comunicazione
A cura della dott.ssa Marta Palazzo
pagamento d’abbonamenti.

HDTV. High Definition Tv: insieme di tecnologie standard che

permettono di migliorare la definizione grafica dell'immagine

visualizzata sullo schermo televisivo.

ICT. Information and Communication Technology, acronimo

comunemente utilizzato con riferimento al mercato dell'Informatica e

delle Telecomunicazioni.

Incumbent. L’operatore di telecomunicazioni “da sempre” presente sul

mercato, monopolista prima della deregolamentazione e

dell’introduzione della concorrenza (ad esempio Telecom Italia, British

Telecom).

Interfaccia. Insieme di sistemi hardware e software attraverso i quali

uomo e computer possono dialogare. Quelle hardware sono

sostanzialmente costituite dalle normali periferiche di input e di output,

quelle software sono generalmente grafiche,

IP. Internet Protocol: si tratta del protocollo di comunicazione internet. È

un software standard che tiene in memoria i percorsi tra i differenti nodi

dell'area internet, instrada i messaggi in uscita e individua e riconosce i

messaggi in entrata.

Kbp/s. Kilobit per secondo (ovvero migliaia di bit al secondo). Unità di

misura della velocità di trasmissione dati.

Killer application. Termine con cui viene definita un’offerta di servizi

particolarmente vincente, che induce l’adozione di una particolare

tecnologia. Esempi di killer application sono nella pay-tv i generi

cosiddetti premium (film e calcio) e, nella telefonia cellulare, gli sms.

Library. È la denominazione corrente delle banche di "immagini in


4
Glossario tecnico della comunicazione
A cura della dott.ssa Marta Palazzo
movimento", ovvero di film, telefilm, programmi che sono offerti dai

titolari dei relativi diritti commerciali. Il valore di questi magazzini sta

crescendo con l'aumento mondiale del numero dei canali televisivi e

dell'offerta complessiva.

Mpb/s. Megabit per secondo (ovvero milioni di bit al secondo). Unità di

misura della velocità di trasmissione dati.

Modem. Acronimo di Modulatore - Demodulatore. Apparato che

converte un'informazione digitale in un segnale analogico per consentirne

la trasmissione attraverso la rete telefonica tradizionale.

Mpeg. Standard di compressione digitale di sequenze video e audio, dal

nome del gruppo di esperti che lo ha messo a punto (Moving Picture

Experts Group).

Multiplex. Impianto attraverso il quale i segnali video, audio e dati

vengono combinati in un unico flusso di trasmissione.

Mux. Multiplexer, sinonimo di ripetitore per i segnali digitali.

Narrowcast. Trasmissione di uno stesso contenuto ad un ristretto gruppo

di persone o ad un singolo utente

nVoD. near Video on Demand: modalità di schedulazione dei programmi

a metà tra palinsesto e consumo personalizzato. Un programma viene

riproposto sullo stesso canale con intervalli di 15 minuti, o mezz'ora, o

due ore consentendo all'utente di scegliere l'orario di inizio del

programma in base alle proprie esigenze.

On line. Sinonimo di ciò che è collegato, connesso ad una rete.

Pay tv. Televisione a pagamento: emittente televisiva che trasmette

programmi accessibili solo ad un pubblico pagante, dotato di un decoder

in grado di decifrare il segnale.


5
Glossario tecnico della comunicazione
A cura della dott.ssa Marta Palazzo
Peer to Peer. Metodo di collegamento e comunicazione in cui non è

presente alcuna entità predisposta al ruolo di server né tanto meno a

quello di amministratore della rete. Ogni unità condivide le proprie

risorse con le altre (se lo desidera) e nessuno può concedere o revocare

privilegi di accesso.

PPU. Pay per Use.

PPV. Pay per View. Modello di acquisto di contenuti video che implica il

pagamento dei filmati effettivamente visualizzati.

PVR. Personal Video Record: videoregistratore digitale che utilizza

come supporti di registrazione dischi rigidi simile a quelli dei personal

computer, capaci di memorizzare molte ore di programmi televisivi.

Server. Macchina molto potente e capiente sulla quale vengono

memorizzate grosse quantità di informazioni disponibili per i computer

client collegati. Indica anche il software che riceve richieste da un

programma client e le soddisfa.

Smart Card. È la "tessera" da inserire nei decoder, digitali ed analogici,

per abilitarli alla decodifica di un segnale codificato. All’interno della

smart card c’è un piccolo chip sul quale sono memorizzati i dati relativi

all’abbonamento sottoscritto, necessari per decodificare il segnale.

STB=Set Top Box. Apparecchio che riceve i segnali digitali dall'antenna

e li trasforma in analogico per il televisore. Permette di accedere alle

applicazioni interattive, ma deve essere dotato di collegamento

telefonico.

Streaming. Processo di trasmissione dati attraverso una rete a pacchetti

(invece di un intero file). I dati sono in seguito riassemblati sul terminale

locale in modo da generare un flusso continuo. Usato per recapitare file


6
Glossario tecnico della comunicazione
A cura della dott.ssa Marta Palazzo
audio o video su reti IP come per l'IP-TV.

Switch off. Termine che indica la fine della diffusione in analogico.

Switch over. Comunemente usato come termine che sta ad indicare il

periodo di transizione alle trasmissioni in digitale. Indica il periodo in cui

la diffusione analogica e quella digitale convivono.

T-Commerce. Acquisto di beni e servizi attraverso il televisore con

modalità analoghe a quelle utilizzate da internet, basandosi sulla

televisione digitale interattiva (terrestre, satellitare o via cavo).

T-Government. Insieme dei servizi interattivi che permettono di

collegarsi attraverso il televisore alla pubblica amministrazione per

richieder informazioni, certificati e altri servizi da questi erogati.

TLC. Acronimo di Telecomunicazioni

Tv Banner. Declinazione per le interfacce televisive interattive dei

banners utlizzati sui siti web.

Unbundling. Accesso, a livello locale, della rete dell'ex monopolista da

parte degli altri operatori di telefonia fissa, al fine di consentire a questi

ultimi di fornire all'utente finale servizi di telefonia vocale o di

trasmissione dati in ambito locale.

Usabilità. Esprime l'ergonomia, l'accessibilità, la facilità d'uso di un sito

web o comunque di un interfaccia grafica.

VoD=Video on Demand. Modello di acquisto di contenuti video on-line

basato sulla scelta da un catalogo di contenuti.

Walled Garden. Pacchetto di servizi interattivi di tipo internet in numero

limitato a in ambiente proprietario. In opposizione all'ambiente aperto del

world wide web.