Sei sulla pagina 1di 4

Fernández indossa un asso nella manica se arriva a Casa Rosada: l'eventuale salvataggio

finanziario della Cina

Il candidato alla presidenza, Frente de Todo, elogia l'assistenza finanziaria di Pechino per
progetti di infrastrutture, credito e tecnologia 5G

Di Martín Dinatale

31 agosto 2019

mdinatale@infobae.com

Condividi su Facebook

Condividilo su Twitter

Xi JInping, leader cinese: avvicinamento ad Alberto Fernández, candidato alla presidenza del
Frente de Todo.

Xi JInping, leader cinese: avvicinamento ad Alberto Fernández, candidato alla presidenza del
Frente de Todo.

Alberto Fernández sa che se arriva a Casa Rosada, dovrà ristrutturare il debito con il Fondo
monetario internazionale (FMI) e affrontare anni complicati con un'Argentina sostenuta dalla
crisi economica e finanziaria. Tuttavia, Fernandez ha già una lunga strada da percorrere per
affrontare negoziati complessi con il FMI: un possibile finanziamento dalla Cina per provocare
una tempesta politica con conseguenze senza precedenti.

Il candidato presidenziale di All Front cercherà l'assistenza economica di Pechino se vince le


elezioni e deve negoziare un'estensione dell'accordo di stand-by, chiuso da Mauricio Macri con
l'FMI. Questa strategia è stata confermata per l'Infobae dagli analisti di politica estera di Frente
de Todo e dal suo riferimento economico Guillermo Nielsen, che già parlano di "guardie
finanziarie chiamate Cina".

Come una complessa questione di geopolitica, con la guerra commerciale tra Cina e Stati Uniti
sempre in evidenza, la nuova strategia finanziaria di Fernandez si muove dietro le quinte e con
maggiori riserve diplomatiche.

In questo contesto, Infobae ha confermato che Fernandez ha tenuto un incontro informale con
l'ambasciatore cinese in Argentina, Zou Xiaoli, per discutere delle relazioni future tra i due
paesi. È successo prima di STEP, e l'impegno era di riprendere i colloqui al termine del
concorso elettorale.
Tuttavia, il portavoce del candidato presidenziale di All Front, Juan Pablo Biondi, ha negato
l'esistenza dell'incontro e ha chiarito che "per ora Alberto non parlerà della Cina".

Questo conclave informale non è elencato sul sito ufficiale dell'ambasciata cinese, mentre il
segretario politico del quartier generale diplomatico Yi Yuanding ha assicurato a Infobae di non
ricordare l'incontro tra Fernandez e l'ambasciatore Zou.

Sin dai tempi di Mao, quando la diplomazia era riservata tra Pechino e gli stati occidentali, i
loro ambasciatori non hanno mai negato le riunioni prima di una domanda dei giornalisti.
Hanno appena detto: "Non ricordo".

Anche Jorge Taiana, ex cancelliere di Kristina Kirchner e attuale consigliere di Alberto


Fernández, ha tenuto incontri con l'ambasciatore cinese. Lo stesso dicasi per alcuni
corrispondenti di politica estera dell'Homeland Institute con l'ambasciatore Zou, dove hanno
commentato la necessità di rafforzare i legami tra i due paesi.

"Non dovremmo essere coinvolti nella guerra tra Cina e Stati Uniti perché non è questo il
nostro problema. Quello che direi è che gli Stati Uniti vogliono che la Cina non entri in America
Latina, per dare all'America Latina l'attenzione che la Cina non può chiederci di rinunciare agli
investimenti che non copre nemmeno ", ha detto Fernandez ai media locali.

In questo scenario, l'eventuale assistenza finanziaria della Cina a un potenziale governo di


Fernandez potrebbe essere uno strumento necessario di fronte alla crisi economica e
finanziaria. Il candidato alla presidenza sa già che i negoziati con l'FMI saranno lunghi e forti.

L'economista Nielsen, che fornisce consulenza a Fernandez sulla questione del debito estero,
ha usato una metafora per parlare di un possibile salvataggio cinese. "Il mondo finanziario è
come un oceano. Ci si può immergere più in profondità: oggi ci sono risorse. È facile finanziare.
Fondamentalmente, c'è il G7, la Cina, le tigri asiatiche. Tutti hanno accesso anche a un pool di
risorse grande ". , ha dettoady speak of the "financial lifeguard called China."

As it is a complex issue of geopolitics, where trade war between China and the United States
always appears, Fernández's new financial strategy moves behind the scenes and with the
largest diplomatic reserves.
In this context, Infobae has confirmed that Fernández held an informal meeting with China's
ambassador to Argentina, Zou Xiaoli, where they talked about future relations between the
two countries. It happened before STEP, and the commitment was to resume the talks when
the electoral contest ended.

However, the spokesman of the presidential candidate of the Front of All, Juan Pablo Biondi,
denied that this meeting existed and clarified that "for now Alberto will not speak anything
about China."

This informal conclave does not appear on the official website of the Chinese embassy, while
the political secretary of the diplomatic headquarters, Yi Yuanging, assured Infobae that he did
not remember the meeting between Fernandez and Ambassador Zou.

Since Mao's time, when diplomacy was reserved between Beijing and the western states, their
ambassadors never deny the meetings before a question from journalists. They just said: "I
don't remember."

Jorge Taiana, the former chancellor of Cristina Kirchner and current advisor to Alberto
Fernández also held meetings with the Chinese ambassador. The same did several foreign
policy referents of the Homeland Institute with Ambassador Zou where they commented on
the need to strengthen ties between the two countries.

"We should not get involved in the fight between China and the United States because it is not
our problem. What I would say is that the United States wants China not to enter Latin
America, to give Latin America the attention that China gives it. It can't be asking us to give up
investments that he doesn't cover either, "Fernandez said to local media.

In this scenario, China's eventual financial assistance to a possible Fernández government may
be a necessary tool in the face of the economic and financial crisis. The presidential candidate
already knows that the negotiation with the IMF will be long and strenuous.

The economist Nielsen - who advises Fernandez on the issue of foreign debt - used a metaphor
to talk about a possible Chinese bailout. "The financial world is like an ocean. One can dive in
deeper waters: today there are resources. It is easy to finance. Basically, there is the G7, China,
the Asian Tigers. Everyone has access to a pool of very large resources." , he said.

Enviar comentarios

Historial

Guardadas

Comunidad