Sei sulla pagina 1di 3

Il chakra dell'ombelico | Tradizione Solare Pagina 1 di 3

Centro Studi La Runa


Archivio di storia, tradizione, letteratura, filosofia

Home Info Algiza Banner Libri Sito Shop online Autori Abbonamento Contatt

Il chakra dell’ombelico Ima


1 gennaio 2000 (22:20) | Autore: Tradizione Solare

Tags: centro vitale, chakra, chakra dell'ombelico, ombelico, potenza del fuoco, ram

Il centro vitale che è alla base dell’ombelico irradia la potenza del Fuoco: il fuoco che brucia gli "Chi p
alimenti e li trasforma in energie. Il fuoco che si sprigiona dal corpo quando corriamo o facciamo lingua
ginnastica, quando agiamo intensamente. soltan
Per questo esso ha come simbolo un triangolo rosso Jünge
splendente, con la punta verso l’alto come la fiamma, con
tre svastiche ai vertici.
Il suono primordiale del centro è RAM, il suono che
riscalda le vesti (1).
In questo centro si incarna l’energia che brucia tutta la
materia generando le forze per una nuova creazione.
Quando gli antichi bruciavano gli animali in sacrificio agli
Dei essi accendevano il fuoco sacro sugli altari visibili.
Quando gli uomini moderni agiscono in piena coscienza,
con serietà, con energia offrendo le loro azioni agli Dei
essi accendono il fuoco interiore nel centro che è posto
all’altezza dell’ombelico.
Il centro vitale dello stomaco – il fiore a dieci petali – si
accende quando l’uomo comincia a dominare se stesso, a
rendersi signore delle proprie reazioni di fronte alle
impressioni dei sensi. Dominare se stessi e le proprie
passioni è assolutamente necessario per chi vuole
sviluppare doti di conoscenza, altrimenti si sarebbe
sempre in balia di illusioni, di fantasie malsane che in Sezi
realtà sono rivestimenti dei desideri del basso ventre.
Capita quando si viaggia in treno che tutto ad un tratto dal Algiz
finestrino si veda un’immagine che suscita un ricordo e
Auto
che la mente si abbandoni a quella immagine sviluppando così un flusso di pensieri concatenati,
fino a quando non interviene un’altra impressione dei sensi a distogliere nuovamente Adr
l’attenzione. Così il pensiero salta di ramo in ramo e l’uomo si abbandona alle associazioni Alfr
casuali di pensiero.
Ern
Chi vive in balia delle impressioni esteriori, chi non
riesce a sviluppare con coerenza i propri pensieri, Jul
ma si abbandona alle associazioni casuali non è
Kn
signore di sé e il suo centro dello stomaco è
spento, privo di energia. Stor
Bisogna acquistare la padronanza su ciò che dal
Cel
mondo esterno suscita una impressione su di noi,
non bisogna reagire di istinto verso ciò che si Ind
avventa su di noi; perché l’uomo a differenza degli Me
animali non ha istinti inconsapevoli, ma deve agire
in base alla volontà illuminata dal pensiero. Per Sto
coltivare questa padronanza, ottimo è l’esercizio Sto
della concentrazione su un pensiero: in particolari
momenti bisogna concentrarsi su un oggetto. Tem
Bi li t tt l’ tt i h

http://www.centrostudilaruna.it/chakra-dell-ombelico.html 23/11/2009
Il chakra dell'ombelico | Tradizione Solare Pagina 2 di 3

siamo in un ambiente rumoroso, anzi le onl


interferenze dell’ambiente devono valere come prove, da vincere. Fan
Si ritraggano le facoltà sensorie, come la tartaruga si rifugia nella sua corazza, e il pensiero che
liberamente si è scelti sia coltivato con energia, senza lasciarsi distrarre da alcunché, fosse Let
anche la rivelazione di un dio. Rel
Quando, dopo aver coltivato questo esercizio, si ritorna alla vita quotidiana si noterà una sorta di
beata superiorità rispetto a ciò che prima ci suscitava fastidio, irritazione, o anche attaccamento Riv
morboso. Sim
Se una persona ci suscitava antipatia ora ci si
comincia a chiedere: perché questo essere mi Tei
provoca irritazione? Quale motivo mi spinge ad
allontanarmi da lui?
Trad
In tal modo, nulla di inconscio, nulla di oscuro alla
mente viene lasciato entrare nella sfera dei nostri
sentimenti, e i nostri rapporti con il mondo Ling
cominciano ad essere chiari, geometrici come la
Fran
dimostrazione di un teorema. Dopo di che si potrà
amare appassionatamente o combattere una cosa, Ingle
ma nell’uno o nell’altro caso lo si farà in piena
coscienza. Italia
Quando una persona sopporta una situazione Porto
pesante si dice che “ha stomaco”. Il medico che
con calma cura i malati anche quando versano in Spag
condizioni pietosi “ha stomaco”: se egli invece di
Tede
operare si lasciasse andare a sentimenti languidi e
svenevoli, il malato perirebbe. Per questo non
bisogna fidarsi di chi predica i buoni sentimenti e
l’amore melenso, ma solo degli uomini ben saldi e
valorosi. Avere stomaco significa aver sviluppato il
fiore a dieci petali ed essere capaci di agire con
vigore anche in situazioni che ad altri suscitano “il
voltastomaco”.
Nello stomaco è la sede di una forza simile a fuoco divampante: il fuoco del centro dei dieci
raggi. Chi sviluppa questo centro oltre a conseguire stabilità nel carattere acquista anche
preziose facoltà di conoscenza: comprende le qualità nascoste nella natura, le doti specifiche
degli esseri umani che incontra.
Il centro sottile dello stomaco si accende quando il carattere dell’uomo viene
forgiato secondo i principi della civiltà: a ciò si richiede un comportamento
sobrio, equilibrato, sempre cosciente di sé. Le ubriacature danneggiano
questo fiore e così anche l’alimentazione sregolata, la vita sedentaria,
l’abbandonarsi per lunghe ore alle immagini proiettate dai vari schermi.
Invece la ginnastica, l’educazione di mente e corpo rinforzano questo centro,
particolarmente negli anni della prima adolescenza.
Quando si accende il fuoco nella regione dello stomaco, l’individuo trova il suo
centro di gravità, il suo baricentro interno.

NOTA

1) Corrispondente alla runa Raido.

Tradizione Solare

« L’Uomo del Pliocene di Savona USA, il gioco puritano delle tre carte »
Commenti

http://www.centrostudilaruna.it/chakra-dell-ombelico.html 23/11/2009
Il chakra dell'ombelico | Tradizione Solare Pagina 3 di 3

Commento di Alberto
Ora: 27 aprile 2009, 15:08

Articolo davvero utile!


Solo una domanda, nella simbologia tradizionale, Manipura è rappresentato come un triangolo,
ma il vertice è volto verso il basso.
Si trovano anche alcune rappresentazioni col vertice verso l’alto.
Noto il legame di tale centro con l’elemento fuoco, qual’è effettivamente la rappresentazione più
corretta?

Commento di Tradizione Solare


Ora: 1 maggio 2009, 10:07

Sì certo.
In verità si trovano tutte e due i tipi di rafgfigurazione.
Ma in India, la raffigurazione con il triangolo rovesciato è nettamente prevalente. Purtroppo.
Questo è uno dei casi in cui la verità oggettiva impone di andare contro la Democrazia (regola
della maggioranza) ma anche contro… la Tradizione (consuetudine plurisecolare invalsa in India
di raffigurare il simbolo all’incontrario)

Scrivi un commento
Nome:

E-mail:

Sito:

Commento:

Invia

© 2009 Centro Studi La Runa - Collegati


Risorse collegate al gioco digitale: Casino on line, Casino bonus vincere, C

http://www.centrostudilaruna.it/chakra-dell-ombelico.html 23/11/2009