Sei sulla pagina 1di 2

30 Serie B R 35a giornata

1 2
LECCE 1
BRESCIA 0
PRIMO TEMPO 0-0
MARCATORE Tabanelli al 35’ s.t.

LECCE (4-3-1-2) Vigorito;


Meccariello, Lucioni, Marino,
Venuti; Majer, Tachtsidis (dal 33’
s.t. Tabanelli), Petriccione;
Mancosu; Falco, La Mantia (dal 41’
s.t. Palombi)
PANCHINA Bleve, Riccardi, Bovo,
Di Matteo, Pierno, Arrigoni, Haye,
Scavone, Felici, Tumminello
ALLENATORE Liverani

BRESCIA (4-3-1-2) Alfonso;


Sabelli, Cistana, Romagnoli,
● 1 Alfredo Donnarumma, 28 anni, ieri in ombra ● 2 Eugenio Corini, 48 anni, allenatore del Brescia Mateju; Bisoli, Tonali (dal 41’ s.t.

Il Lecce
dal settembre 2018 ● 3 Il gol di Andrea Tabanelli, 29 anni, che sotto esulta dopo la partita LEZZI/LAPRESSE Morosini), Dessena; Ndoj (dal 6’
s.t. Dall’Oglio); Torregrossa,
Donnarumma (dal 26’ s.t. Spalek)
PANCHINA Andrenacci,
Gastaldello, Martella, Viviani,
Tremolada
ALLENATORE Corini

ARBITRO Piccinini di Forlì


ESPULSI Sabelli (B) al 9’ s.t. per

sognA
doppia ammonizione (entrambe
per gioco scorretto) e l’allenatore
Corini (B) al 48’ s.t. per proteste
AMMONITI Petriccione (L),
Meccariello (L), Dessena (B) e
Tabanelli (L) per comportamento
non regolamentare, Tachtsidis (L)
per proteste
NOTE paganti 14.866, incasso di
282.112 euro; abbonati 6.994,
quota 51.518,34 Tiri in porta 6-3.
Tiri fuori 7-3. In fuorigioco 3-1.
Angoli 8-3. Recuperi: p.t. 0’, s.t. 5’

Tabanelli graffia
e il Brescia cade
Liverani in vetta
1Corinik.o.indieci:mercoledìpuò spuntasse con lo Spezia,
allora Lecce e Brescia, vin­
all’italo­albanese la missione di
seguire Tachtsidis come un’om­
Petriccione, non trova la porta.
La sfida non delude le attese, il

esserepromozioneperentrambe cendo rispettivamente


contro Padova e Ascoli, po­
trebbero fare il salto di ca­
bra. Il greco, però, è ispirato,
resiste anche alla marcatura to­
sta e detta precisi cambi di gio­
ritmo è alto, e il Brescia comin­
cia a pungere. Torregrossa con­
clude da fuori, Vigorito rispon­
seilPalermononbatteloSpezia tegoria con due giornate
d’anticipo.
co, con Majer e Petriccione
sempre pronti a supportarlo
de con una respinta in tuffo;
poi su tentativo di Donnarum­
nell’opera di interdizione. Sul­ ma è tempestiva la chiusura in
vittoria, dopo un rischio corso LE SCELTE Il modulo della l’altro fronte, Tonali incrocia diagonale di Majer. Nel finale
Giuseppe Calvi su un’azione di Torregrossa. serata è il 4­3­1­2. A parte spesso Mancosu e imposta la di tempo, le due squadre invo­
LECCE Proprio Tabanelli il match­win­ il rientro di Lucioni (al po­ manovra, trovando puntuali cano il rigore: i lombardi per un
ner: buttato nella mischia da sto di Riccardi) dopo la incursioni di Dessena a sinistra contatto Marino­Romagnoli, i

N
on si ferma più, il Lecce Liverani, ha realizzato il suo ot­ squalifica — con Marino e Bisoli a destra. salentini per un eventuale toc­
continua la sua marcia tavo gol in campionato, che va­ centrale e Meccariello e co di mano di Sabelli, in contra­
di avvicinamento alla le l’ottavo successo consecutivo Venuti esterni — è lo stes­ AVVIO LECCE I giallorossi par­ sto aereo con La Mantia. L’arbi­
Serie A. Con il gol di Andrea Ta­ in casa. Ora il tandem di testa so Lecce vittorioso a Peru­ tono forte, ci provano con La tro Piccinini lascia correre.
banelli, dopo 80 minuti di at­ ha un vantaggio di cinque pun­ gia. Rispetto al match con Mantia e Falco ma rischiano
tacchi, stende anche la capoli­ ti sul Palermo, terzo in classifi­ la Salernitana, nel Brescia qualcosa sulle iniziative di Tor­ HANDICAP Nella ripresa non
sta Brescia (per 41 minuti in 10 ca; ma i giallorossi sono artefici partono dalla panchina regrossa, più reattivo di Don­ cambia lo spartito, è sempre il
uomini, per l’espulsione di Sa­ del loro destino, come d’altra Martella e Tremolada: in narumma nella fase iniziale del Lecce a fare la partita. Mancosu
belli), agganciandola in vetta, parte anche Romagnoli e com­ difesa c’è Mateju a sinistra, match. Liverani cambia conti­ agisce in zona più centrale,
sia pure con un incontro in più. pagni. L’appuntamento con la la sorpresa è Ndoj schiera­ nuamente la posizione di Man­ spesso da centravanti aggiun­
Il Salento sente profumo di A, festa, per entrambe le squadre, to trequartista. Quella di cosu per non dare riferimenti to, Majer e Petriccione risulta­
quasi 22.000 spettatori hanno potrebbe essere già nel turno di Corini è una mossa di... co­ precisi alla difesa avversaria; e no più veloci nelle ripartenze.
accompagnato il Lecce sino alla mercoledì: se il Palermo non la pertura, perché assegna proprio il capitano, servito da Lì davanti, però, La Mantia at­

UN TEMPO A TESTA

L’Ascoli si butta via, il Cittadella recupera e resta 8°


1Bianconeri in vantaggio di due reti, Simone Prai
l’incessante ed encomiabile so­
stegno delle centinaia di tifosi IL MIGLIORE
netti, e ha riscritto il tema del­
l’incontro: al 6’ il tiro di Panico
nel secondo tempo si scatena Panico CITTADELLA (PADOVA) al seguito, pregustava l’aggan­
cio in classifica al Cittadella e
è stato deviato in angolo dal
portiere di piede, quindi giu­
Venturato si tiene la posizione nobile
C
on una doppia rimonta il la possibilità di giocarsi la zona stamente annullato il gol a
Cittadella ha respinto promozione nelle rimanenti Scappini per fuorigioco. Come
l’assalto dell’Ascoli e tre partite. aveva fatto l’Ascoli nel primo
CITTADELLA 2 2 ASCOLI mantenuto l’ottava posizione tempo, in tre minuti il Cittadel­
in classifica, l’ultimo posto uti­ EMOZIONI Dopo la traversa la è andato a segno due volte:
PRIMO TEMPO 0-2 MARCATORI Valentini (A) al 36’, Ardemagni (A) al 39’
p.t.; Panico (C) al 17’, Moncini (C) al 20’ s.t.
le per i playoff. Come successo iniziale colpita da Panico sul­ Panico ha approfittato dell’er­
nelle ultime tre partite, la l’ottima imbucata di Iori, la rato disimpegno di Andreoni e
CITTADELLA (4-3-1-2) Paleari 6; ASCOLI (4-3-1-2) Lanni 7; Andreoni squadra di Venturato ha girato squadra padovana poteva superato Lanni in diagonale, al
Cancellotti 5,5, Adorni 5,5, Frare 5,5,
Benedetti 7; Proia 6 (dal 40’ s.t.
5,5, Brosco 5,5, Valentini 6, Rubin
5,5; Cavion 6, Troiano 5,5 (dal 30’
a metà, nel senso che ancora
una volta ha evidenziato alti e
sbloccare il risultato anche con
Adorni di testa, invece è stato
7 20’ Moncini ha deviato sotto­
misura l’assist del sempre ge­
Settembrini s.v.), Iori 6,5 (dal 26’ s.t. Casarini s.v.), Frattesi 6,5 (dal 42’ s.t. bassi nell’arco della stessa par­ l’Ascoli, con un micidiale uno­ ● PANICO neroso Benedetti, siglando così
Pasa s.v.), Branca 6; Schenetti 5,5 Ngombo s.v.); Ciciretti 6; Rosseti 6,
(dal 1’ Scappini 6); Moncini 6,5, Ardemagni 7 (dal 16’ s.t. Ninkovic
tita. Un tempo bene, l’altro ma­ due in tre minuti di gioco, a il­ ATTACCANTE CITTADELLA il suo undicesimo gol dall’arri­
Panico 7 PANCHINA L. Maniero I, 5,5) PANCHINA Milinkovic Savic, le: come successo nel lunedì di ludere tutti che la partita aves­ Gol e dinamismo decisivi vo a Cittadella.
Parodi, Siega, Camigliano, Drudi, D’Elia, Baldini, Iniguez, Ganz, Padella, Pasquetta contro la Cremone­ se preso una piega a forti tinte
Maniero, Rizzo, Diaw Quaranta, Chajia, Coly se, è finita sotto nel primo tem­ bianconere. Al 36’ la punizione rato e con la complicità di Can­ LO SFOGO E’ finita con lo sfogo
ALLENATORE Venturato 6,5 ALLENATORE Vivarini 6,5 po per poi riprendersi nei se­ di Ciciretti è raccolta di testa cellotti che ha sporcato il tiro, del diggì Marchetti che in sala
condi 45 minuti. Un punto a te­ da Valentini, il pallone bacia la ha superato ancora Paleari. stampa se l’è presa con i propri
ARBITRO Maggioni di Lecco 5,5 ASSISTENTI Rossi 6,5-Vecchi 6,5
AMMONITI Brosco (A), Iori (C), Troiano (A), Panico (C) per gioco scorretto
sta che certamente fa più co­ traversa e finisce in rete, quindi tifosi che alla fine del primo
NOTE paganti 975, incasso 8.441 euro; abbonati 2.808, quota 9.828 euro. Tiri modo ai veneti che non alla sul cross di Cavion è Ardema­ LA RIMONTA Il Cittadella è tor­ tempo avevano fischiato il Cit­
in porta 9 (con una traversa)-6 (con una traversa). Tiri fuori 5-5. In squadra di Vivarini che, in van­ gni a controllare il pallone in nato in campo dagli spogliatoi tadella, sotto di due gol.
fuorigioco 3-6. Angoli 6-2. Recuperi: p.t. 0’, s.t. 5’ taggio di due gol e spinta dal­ area, l’attaccante si è quindi gi­ con Scappini al posto di Sche­ © RIPRODUZIONE RISERVATA
LUNEDÌ 29 APRILE 2019 LA GAZZETTA DELLO SPORT 31

3
LE PAGELLE di G.CAL. IL 1 MAGGIO

Insieme in Serie A:
le combinazioni
LECCE 7 BRESCIA 5,5
A
questo punto, dopo lo promosso mercoledì, servono i
IL MIGLIORE IL MIGLIORE scontro diretto di ieri tre punti e poi deve sperare che
ZAN ENRICO sera, Brescia e Lecce il Palermo non vinca. Se invece
MAJER ALFONSO possono anche essere pro- anche i siciliani portano a casa i
mosse assieme mercoledì 1 tre punti, la squadra di Corini
7,5 6 maggio. Se entrambe vinco- avrà da gestire 5 punti di van-
no (rispettivamente contro taggio nelle ultime due partite.
Mezzala, anche terzino e attaccante Salva il risultato su una botta di Majer
aggiunto: lo sloveno è prezioso nelle e comunque dà sempre sicurezza alla
l’Ascoli in casa e il Padova in Il Lecce deve ancora scontare il
ripartenze e decisivo in marcatura. squadra, con uscite perfette. trasferta) e il Palermo non turno di riposo, ma è padrone
lo fa, infatti, si portano a 66 del proprio destino: se vince
punti e i siciliani non potreb- entrambe le gare che gli man-
bero più raggiungere le due cano sarà aritmeticamente pro-
VIGORITO 6,5 Salva su Torregrossa, SABELLI 4,5 Attende le avanzate di
in due occasioni. Venuti. Ma, già ammonito, in apertura
rivali. Al Brescia, per essere mosso.
MECCARIELLO 7 Ancora una di ripresa rovina tutto con un fallo
36ª GIORNATA 37ª GIORNATA 38ª GIORNATA
prestazione eccezionale da terzino. E inutile, ancora su Venuti: espulsione.
da ex detta l’assist a Tabanelli. CISTANA 6 Lascia poco spazio a La BRESCIA Ascoli CREMONESE Benevento
LUCIONI 6,5 Dirige i movimenti della Mantia. 63 PUNTI
difesa e vince tutti i duelli. ROMAGNOLI 5 Prima di farsi
MARINO 6,5 Sbaglia pochi interventi. anticipare da Tabanelli sul gol, aveva LECCE PADOVA Turno Spezia
VENUTI 6,5 Fa ammattire Sabelli, guidato bene la difesa. 63 PUNTI di riposo
costretto a due falli e al rosso. MATEJU 5 E’ spesso infilato da Falco.
TACHTSIDIS 6,5 Sempre a testa alta, E non contribuisce alla fase offensiva. PALERMO Spezia ASCOLI Cittadella
è la luce della manovra. BISOLI 6 Garantisce equilibrio tattico. 58 PUNTI
TABANELLI 7,5 Poi arriva lui e si TONALI 5,5 Dopo una settimana di
prende la scena. Due minuti e allenamenti differenziati, ne risente e BENEVENTO CROTONE Padova BRESCIA
prolunga il sogno del Lecce. mai illumina il gioco (Morosini s.v.) 56 PUNTI
PETRICCIONE 6,5 Non si ferma mai. DESSENA 5,5 Comincia bene, spinge
a sinistra e copre su Meccariello. Dopo PESCARA Turno VENEZIA Salernitana
Fa filtro e sgomma in contropiede. di riposo
MANCOSU 6,5 Non sanno dover 20 minuti è dominato dal dirimpettaio. 51 PUNTI
trovarlo, gli avversari lo perdono NDOJ 6 Deve fare il francobollo su
Tachtsidis e non sfigura. VERONA Livorno CITTADELLA Foggia
sempre. Bravo a non dare riferimenti. 49 PUNTI
FALCO 7 Di categoria superiore, con la DALL’OGLIO 5,5 A parte il turbante
sua tecnica manda in tilt la capolista. per un colpo alla testa, lascia poche SPEZIA PALERMO Crotone LECCE
LA MANTIA 6 Partita di grande tracce… 47PUNTI
sacrificio. Apre varchi ma non incide al TORREGROSSA 6 Sarebbe il migliore,
tiro (Palombi s.v.). però spreca sullo 0-0 la palla-gol che PERUGIA Cittadella FOGGIA Cremonese
ALL. LIVERANI 7 Non cambia varrebbe la Serie A. 46 PUNTI
atteggiamento tattico neppure contro DONNARUMMA 5 Solo un guizzo in
la prima della classe. Sulla strada area, poi resta imbrigliato. CITTADELLA PERUGIA Verona PALERMO
verso la Serie A, il suo Lecce è sempre SPALEK 5,5 Non incide. 46 PUNTI
un’auto elegante, efficiente e a tratti ALL. CORINI 5 Poco coraggio. Punta
spettacolare. sulle ripartenze, affronta il Lecce come CREMONESE CARPI Brescia PERUGIA
se avesse davanti la Juve di Ronaldo. 45 PUNTI

ASCOLI BRESCIA Palermo CROTONE

GLI ARBITRI 43 PUNTI

In MAIUSCOLO le partite in trasferta


PICCININI Lascia correre su diversi duri interventi. Sui rigori reclamati,
5,5 forse ci sarebbe quello invocato dal Lecce per il tocco di mano di Sabelli COEFFICIENTE DIFFICOLTA: Bassissima Bassa Media Alta Altissima
GDS
nel contatto con La Mantia. BRESMES 5,5–COLAROSSI 6

tende invano rifornimenti. Al 9’ CHE JOLLY! Scampato il perico-

CLASSIFICA
il Brescia resta in inferiorità, lo, Liverani si gioca la carta Ta- AGGRESSIONE DI ULTRAS DEL BARI
per l’espulsione di Sabelli: già banelli, inserito al posto del-
ammonito nel primo tempo,
commette un fallo, tanto duro
l’esausto Tachtsidis. Il centro-
campista romagnolo entra al Sassi su due bus bresciani
Malore per un 50enne
quanto inutile (a metà campo), 33’ e dopo neppure due minuti SQUADRE PT PARTITE RETI PROSSIMO TURNO
su Venuti. Trascinata dai tifosi, manda in estasi il popolo gial- G V N P F S

BRESCIA 63 33 17 12 4 66 39
la formazione di Liverani fiuta lorosso: su cross di Meccariel- MERCOLEDÌ 1 MAGGIO
LECCE 63 34 18 9 7 63 42
la svolta e va all’assalto. Con i lo, anticipa Romagnoli sul se- PALERMO 58 33 15 13 5 51 33 PALERMO-SPEZIA ORE 12.30 (1-1) ● BARI Il passo è stato breve: bresciano 50enne ha pagato le
colpi di testa di Lucioni, La condo palo e con un tocco pre- BENEVENTO 56 33 16 8 9 55 39 CARPI-CREMONESE ORE 15 (2-1) dalla festa per la promozione conseguenze della sassaiola: è
Mantia e Petriccione fa tremare ciso firma l’1-0. Il Lecce con- PESCARA 51 34 13 12 9 46 44 COSENZA-VENEZIA (1-0) del Bari a una sassaiola stato portato in ospedale per
CROTONE-BENEVENTO (0-3)
il portiere Alfonso, che è decisi- trolla senza affanni la reazione VERONA 49 33 12 13 8 45 39 contro un paio di pullman accertamenti, dopo aver
SPEZIA 47 33 13 8 12 48 42 FOGGIA-SALERNITANA (0-1)
vo con la deviazione su un de- dei biancazzurri, che nel recu- PADOVA-LECCE (2-3)
con un centinaio di tifosi accusato un malore. Stando alla
CITTADELLA 46 33 11 13 9 44 36
stro di Majer. Ridotto in dieci, il pero invocano ancora un rigore PERUGIA 46 33 13 7 13 46 47 PERUGIA-CITTADELLA (2-2) bresciani, diretti a Lecce per ricostruzione della Digos alcuni
Brescia è alle corde, conta su ma, nel contatto con Venuti, CREMONESE 45 33 11 12 10 34 29 VERONA-LIVORNO (0-0) il big match della B di ieri ultras baresi, riconosciuti i tifosi
forze fresche (Dall’Oglio e Spa- sembra che sia per primo Tor- ASCOLI 43 33 10 13 10 39 50 BRESCIA-ASCOLI ORE 18 (1-1) sera. Tutto è accaduto verso bresciani, sarebbero scesi dalle
lek), alza una diga davanti alla regrossa a commettere il fallo. COSENZA 42 34 10 12 12 31 40 RIPOSA: PESCARA le 18.30, sulla SS 16 Bari– auto e avrebbero lanciato sassi
propria area di rigore e punta Corini protesta e viene espulso. SALERNITANA 38 33 10 8 15 39 50 Brindisi (svincolo per contro uno dei pullman. Quando
CROTONE 37 33 9 10 14 36 40
sul contropiede. Eppure, la Per la capolista non c’è più tem- VENEZIA 33 33 7 12 14 29 41
MARCATORI Poggiofranco). I bus i tifosi bresciani hanno cercato
squadra di Corini si procura la po, arriva la quarta sconfitta in LIVORNO 32 33 7 11 15 33 48 25 RETI: Donnarumma (Brescia, 7) bresciani erano bloccati in un di reagire, gli autori della
migliore occasione per andare campionato. Mancosu e com- 19 RETI: Coda (Benevento, 6) ingorgo (causato da un paio sassaiola si erano già dileguati.
FOGGIA (-6) 31 33 8 13 12 39 46 18 RETI: Mancuso (Pescara, 4)
in vantaggio: al 32’, infatti, Tor- pagni possono abbandonarsi CARPI 29 33 7 8 18 36 61 16 RETI: La Mantia (Lecce) di tamponamenti), mentre Dopo l’intervento delle forze
regrossa scambia con Bisoli, alla felicità e si concedono agli PADOVA 26 33 4 14 15 30 44 13 RETI: Nestorovski (Palermo, 2) sono arrivate le auto dei dell’ordine, i bus bresciani hanno
12 RETI: Torregrossa (Brescia, 1), Simy
però manca clamorosamente il applausi dei tifosi. SERIE A PLAYOFF PLAYOUT RETROCESSIONI (Crotone, 3), Mancosu (Lecce, 1), Verre tifosi del Bari provenienti dal ripreso il viaggio verso Lecce.
bersaglio, tirando a lato. © RIPRODUZIONE RISERVATA (Perugia, 2) San Nicola. Un tifoso Franco Cirici

GOL AL 91’

Regalo Leali, rimonta Cremonese: è a -1 dai playoff


1Arini sfrutta una papera del portiere Giorgio Barbieri
fosi arrivati a sostenere il Fog-
gia. IL MIGLIORE
fisicamente nella ripresa. La
Cremonese ha spento sul na-
e decide la partita. Rastelli all’8° risultato CREMONA
I MERITI Risultato comunque
scere le iniziative di Kragl e
Martinelli con una marcatura
utile di fila, il Foggia adesso rischia grosso
U
n infortunio del miglio- giusto perché i numeri dicono personalizzata di Mogos e Ca-
re in campo, il portiere che la Cremonese ha calciato strovilli e quindi la formazione
Leali, al 46’ della ripresa otto volte nello specchio della di Grassadonia è riuscita a ren-
CREMONESE 1 0 FOGGIA regala vittoria e speranze porta avversaria contro zero dersi pericolosa solo su calcio
playoff alla Cremonese (ora a tiri degli avversari, tanto che il di punizione con palla mai pe-
PRIMO TEMPO 0-0 MARCATORI Arini al 46’ s.t.
meno uno dall’ottavo posto) e portiere grigiorosso Agazzi rò nello specchio.
CREMONESE (3-5-2) Agazzi 6; Dos FOGGIA (3-5-2) Leali 4,5; Loiacono brucia quasi del tutto le possi- non ha nemmeno dovuto spor-
Santos 6,5 (dal 39’ s.t. Strizzolo s.v.), 5,5, Martinelli 5,5, Ranieri 5; Gerbo bilità del Foggia di raggiunge- carsi i pantaloncini. Leali inve- GRANDE OPPORTUNITÀ A tre
Caracciolo 7, Terranova 6,5; Mogos
6,5, Arini 6,5, Croce s.v. (dal 7’ p.t.
5,5, Busellato 5,5 (dal 47’ s.t.
Chiaretti s.v.), Greco 5, Cicerelli 6
re la salvezza diretta. La squa-
dra di Rastelli era in pressione
ce era stato decisivo nel primo
tempo su Montalto e Piccolo,
7 partite dalla fine del campio-
nato la Cremonese grazie agli
Soddimo 5,5), Castrovilli 6, Renzetti (dal 45’ s.t. Boldor s.v.), Kragl 6;
6; Piccolo 6,5 (dal 24’ s.t. Carretta Mazzeo 6 (dal 30’ s.t. Iemmello s.v.),
dall’inizio della ripresa e Leali nella ripresa su Caracciolo e ● CARACCIOLO otto risultati utili consecutivi
6,5), Montalto 6 Matarese 5 era riuscito a respingere ogni Castrovilli. La superiorità net- DIFENSORE CREMONESE (cinque vittorie e tre pareggi)
PANCHINA Ravaglia, Volpe, PANCHINA Di Stasio, Noppert, pericolo dei grigiorossi. Invece ta della squadra di casa (ieri i Un muro costante vede a portata di mano un tra-
Rondanini, Migliore, Castagnetti, Agnelli, Arena, Ngawa, Galano, sul colpo di testa di Mogos e la tifosi hanno alzato un bandie- guardo sino a qualche settima-
Strefezza, Del Fabro, Emmers, Cavallini, Sonnini, Di Masi zuccata quasi innocua di Arini rone spettacolare che copre di mano in area pugliese che na fa impensabile. Per il Fog-
Boultam ALL. Rastelli 7 ALL. Grassadonia 5,5 il portiere pugliese in un pri- l’intera curva «Favalli») sta an- non hanno visto né l’arbitro né gia è necessario un immediato
mo tempo ha controllato la che nei tredici calci d’angolo l’assistente. riscatto mercoledì in casa con-
ARBITRO Dionisi di L’Aquila 5,5 GUARDALINEE Cipressa 5,5-Capone 6
AMMONITI Arini (C), Renzetti (C), Martinelli (F) per g.s., Castrovilli (C) per
palla con entrambe le mani e (a tre) battuti nei 95 minuti di tro la Salernitana. L’allenatore
proteste, Matarese (F) per c.n.r. NOTE paganti 4.469, incasso 37.255 euro; poi se l’è lasciata sfuggire in gioco. Per la verità nel primo IL CROLLO Il Foggia ha tenuto Grassadonia ci crede, i tifosi
abbonati 4.141, quota 20.911 euro. Tiri in porta 8-0. Tiri fuori 3-3. In mezzo alle gambe lasciando tempo ci sarebbe stato anche bene il campo nella prima fra- foggiani un po’ meno.
fuorigioco 0-3. Angoli 13-3. Recuperi: p.t. 2’, s.t. 5’ nello sconcerto il migliaio di ti- un calcio di rigore per un fallo zione di gioco ma è poi crollato © RIPRODUZIONE RISERVATA