Sei sulla pagina 1di 3

...

perché dimagrire riduce il rischio di mortalità e la possibilità di sviluppare malattie associate


all’obesità (diabete, ipertensione, malattie cardiovascolari, respiratorie, epato-biliari, cancro..)

dimagrire significa cambiare radicalmente il proprio stile di vita

SLEEVE GASTRECTOMY: INTERVENTO DI CHIRURGIA BARIATRICA PER


SCONFIGGERE L’OBESITA’

La Sleeve Gastrectomy è un intervento chirurgico di tipo restrittivo in cui una parte


dello stomaco viene asportata: L’intervento viene eseguito in anestesia generale ed è
IRREVERSIBILE.
L’intervento viene effettuato per via LAPAROSCOPICA (vengono introdotti in
addome gli strumenti chirurgici e l’ottica tramite 5 piccolissime aperture).
La resezione viene effettuata usando suturatrici meccaniche con cui viene asportata
una porzione dello stomaco, la parte sinistra, pari a circa l’80% dell’intero organo.

La funzionalità dello stomaco, nonostante il suo volume sia stato notevolmente


ridotto dall’intervento, viene completamente preservata ma si avrà un immediato
senso di sazietà anche a seguito di ingestione di piccole quantità di cibo.

Nella porzione di stomaco che viene asportata viene prodotta la GRELINA, uno degli
ormoni responsabili del senso della fame, quindi la resezione di questa parte dello
stomaco determina un calo dell’appetito.

I vantaggi di questo intervento sono da ricercarsi nella:


 mininvasività, semplicità della tecnica e media durata dell’intervento (circa
quaranta minuti)
 assenza di alterazioni nella funzionalità dello stomaco che viene solo ridotto di
volume
 mancanza di carenze proteiche o vitaminiche
 cura del diabete di tipo II

Gli svantaggi potrebbero essere:


 irreversibilità e non regolabilità della procedura (dovuta al fatto che lo stomaco
può essere ridotto in modo diverso a secondo del chirurgo che pratica
l’intervento)
 dimagrimento iniziale più lento rispetto ad altri interventi bariatrici (tipo
minibypass)
 possibilità, nel lungo termine, se non viene seguita una dieta adeguata, di
andare incontro ad una dilatazione della parte residua dello stomaco con
conseguente capacità di introdurre maggiori quantità di cibo e dunque
riacquisto di peso corporeo.

Come tutti gli interventi chirurgici, la sleeve gastrectomy, può presentare delle
complicanze, nell’1-4% dei casi:
 fistole o ulcere della linea di sutura che richiedono un immediato reintervento
chirurgico
 reflusso gastro-esofageo che viene trattato con terapia medica

La degenza media per tale intervento è di circa 2 giorni, la mobilizzazione è precoce


per permettere una repentina ripresa della peristalsi intestinale e la perdita di peso in
eccesso a tre anni è tra il 50% e l’80% del peso iniziale.
L’intervento di sleeve gastrectomy non controindica una gravidanza.

Per vivere bene dopo una sleeve gastrectomy è necessario seguire importanti regole:

 Non continuare a mangiare se si avverte un senso di sazietà


 Masticare molto lentamente, concedendosi un tempo adeguato per ogni pasto
 Non bere durante i pasti ma tra un pasto e l’altro, evitando assolutamente
bevande gassate
 Scegliere sempre cibi nutrienti ma poco calorici, seguendo una dieta adeguata

Chi può avvalersi dell’intervento di sleeve gastrectomy?

 soggetti con BMI da 35 o da 30 se diabetici


 soggetti con condizioni che rendono alto il rischio per intervento di mini
bypass

Dott. Marco Scalambra


Specialista Chirurgo