Sei sulla pagina 1di 3

PAESE :Italia AUTORE :Roberto Giungi

PAGINE :19
SUPERFICIE :37 %

2 febbraio 2019 - Edizione Pesaro e Fano

I preziosimosaicidi Sahara
darestaurareevalorizzare zxvutsrqponmljihgfedcbaVUTSRPO

Colli al Metauro ha stanziato i fondi senza dimenticare la chiesa del Gonfalone zxwvutsrponmlihgfedcbaUTSRPONM

ILPROGETTO
no già acquisito da tempo gli
COLLI AL METAURO Un passo esiti del sopralluogo. Valoriz-
avanti per il ricco patrimonio zare i mosaici significa a sua
artistico del Municipio di Salta- volta promuovere anche la
ra. A cominciare dal restauro chiesa del Gonfalone dove so-
dei mosaici romani senza di-
menticare la chiesa del Gonfa- no conservati. Definita «un ve-
lone. Per i primi il Comune di ro e proprio scrigno che la Fon-
Colli al Metauro ha stanziato
dazione Cassa di Risparmio di
poco più di 39 mila euro. «Si
Fano ha restituito alla comuni-
tratta di tre mosaici di grandi
tà». I lavori di restauro hanno
dimensioni - spiegano gli
riservato sorprese. Prima fra
esperti - sono rientrati a Saha- tutte quella della scoperta di
ra nell'estate del 2016 e deposi-
tati nella chiesa del Gonfalone
una affresco nella controfac-
a tutti gli effetti trasformata in
ciata con il tema del Giudizio
contenitore culturale».
Universale. Affreschi aventi
quel tema erano molto diffusi
La storia
in epoca medievale mentre si
Il ritrovamento era avvenuto riducono in epoca rinascimen-
nel 1920 in una villa di chiara tale, periodo a cui viene appun-
matrice romana. L'area è stata to fatto risalire questo della
oggetto di ulteriori indagini an- chiesa del Gonfalone, datato
che con l'ausilio di un drone tra fine '400 ed inizi '500. Si
che, dotato di termocamera, tratta dell'unico esempio rin-
aveva rilevato quello che tutti venuto nelle Marche setten-
si aspettavano, ovvero che vale trionali. Tra i tanti simboli rap-
la pena effettuare scavi ulterio- presentati è possibile rintrac-
ri. I professori delle Università
di Urbino e di Camerino han-

Tutti i diritti riservati


PAESE :Italia AUTORE :Roberto Giungi
PAGINE :19
SUPERFICIE :37 %

2 febbraio 2019 - Edizione Pesaro e Fano

gelosamente custodito
ciare un drago che è anche
quello dell'ex Comune di Salta- che ha entusiasmato
ra. La collocazione del Giudi- persino Sgarbi
zio Universale nella controfac-
Museo archeologico
ciata non era una posizione ca-
suale in quanto i fedeli «lo ave- senza un'adeguata
vano davanti ai loro occhi pro- manutenzione
prio quando uscivano dall'edi- avanza il degrado
ficio sacro dopo aver assistito
a riti religiosi: doveva ricorda- per le gradinate
re loro cosa sarebbe accaduto
dopo la morte». zxwvutsrponmlihgfedcbaUTSRPONMLIGFECBA

Il patrimonio
La pala dell'altare maggiore
ha destato l'interesse di Vitto-
rio Sgarbi che vi ha individua-
to tratti raffaelleschi in alcuni
personaggi alle prese con la de-
posizione del Cristo morto dal-
la croce. La tela era conservata
nei depositi della Soprinten-
denza ed è stata posizionata
nel sito più confacente. Molto
interessanti anche le due pale
degli altari minori, una delle
quali è attribuita a Giovanni
Francesco Guerrieri da Fos-
sombrone. Saltara vanta un
patrimonio di grande richia-
mo quale è appunto quello dei
mosaici e dalla chiesa del Gon-
falone. Una sorta di rinascita
che si presta ad un percorso
culturale rilevante per tutto il
territorio. zvutsrponmlihgedcbaVSRPIGB
Roberto Giungi ZVUTSRPONIEDA
© RI P RODU Z I ONE RI SERVAT A

Un t e soro artistico

Tutti i diritti riservati


PAESE :Italia AUTORE :Roberto Giungi
PAGINE :19
SUPERFICIE :37 %

2 febbraio 2019 - Edizione Pesaro e Fano

«ftflabc'v'

' fi zxwvutsrponmlihgfedcbaUT
p jigate. ' • miSP

m- :• • • ^ SPSm.'i^' . ifV

Un'immagine dei mosaici di Saltara

Tutti i diritti riservati