Sei sulla pagina 1di 4

Seminario NEUROMUSICOLOGIA

Neuroscienze, tutto parte dal suono non dal cervello. Tanti fattori fisici infatti risuonano dall'esterno nel
nostro cervello.
I principi formativi segono leggi interne che ne regolano lo sviluppo. L'agente fisico esterno modifica tutto il
resto. Ogni forma va interpretata con la sua funzione.

Cervello – Circonvoluzioni che formano la corteccia cerebrale.


Neurone – Sembra un albero (Santiago Ramon Y Cajal) dove la parte più scura è il nucleo (parte dove
convergono le ramificazioni, DENDRITI che raccolgono le informazioni, contraggono una sinapsi,
collegamento dai dendriti verso il nucleo (moto centripeto). Gli ASSONI sono i collegamenti finali che
collegano il nucleo del neurone ad altri neuroni.
Potenziale d'azione = l'azione di trasmissione del neurone. Alcuni simolano la depolarizzazione o la
inibiscono. Presinaptico causa un'eccitazione al neurone seguente. + o - , + per -.
Parte Laterale Cervello - Area motoria (frontale) primaria, sentitiva (dietro scissura) , linguaggio (tra parte
motoria e uditiva, integra sensazione e azione) , uditiva (prima percezione vicino orecchio) , comprensione
del linguaggio, aree visive (dietro). Il resto sono aree associative, che permettono le associazioni dal loro
sviluppo e da come sono collegate fra loro.
Sistema Limbico (parte interna cervello) – riconoscimento delle emozioni, prima che le cose vengono
mentalizzzate passano da qui e anche la memoria nell'ippocampo. La amigdala determina la memoria
dell'esperienza negativa, per evitarle in futuro. Il corpo calloso collega attraverso dei fasci i due emisferi del
cervello.
Gangli della base – ancora più internamente. Apprendimento motorio. Codifica del tempo, ritmo.
Il tempo può essere percepito in un tipo circolare, spirale (c'è sempre qualcosa di diverso nella circolarità) o
lineare. Essi comunicano con gli arti ecc. per coordinarsi.
Troncoencefalo – che si collega al midollo spinale e forma tutto il sistema nervoso nel corpo.

La sostenza grigia (corpi dei neuroni) sostanza bianca (tutti i prolungamenti, assoni e mielina)

Frenologia, localizzazione di alcune aree che determinerebbero l'utilizzo di più aree (socializzazione non può
essere un'unica area a se stante ma più che altro impiega l'utilizzo di area visiva, uditiva, motoriaa ecc.).
Aree cerebrali di Brodman - mappatura del cervello che ne dermina le aree . Trattografia radiografia
particolare moderna che viene utilizzato con fini di ricerca ma anche diagnosi di sindromi e malattie o
prognosi (qui vedi fascidi assoni).

Coclea – Uno dei primi impatti con il suono (si trova nell'orecchio interno a forma di chiocciola) che ha delle
ciglia. C'è uno specchio di udibilità di Hz. Le ciglia sono come delle corde libere che differiscono a seconda
della risonanza. Quelle per un pitch più acuto sono le ciglia più corte, quelle più gravi sono quelle più interne.
Le frequenze maggiori impattano prima mentre le più gravi devono andare più in profondità. All'interno della
corteccia uditiva primaria rimane questa classificazioni in basi alle prequenze recepite.

Suono – Onda meccanica che può urtare sia l'orecchio ma anche la pelle, dato che è una vibrazione di
materia. La nostra pelle infatti, mentre l'orecchio ha la coclea, hanno i corpuscoli di Pacini che si
comprimono andando a eccitare una terminazione nervosa fino al nervo sensitivo. L'esepienza musicale è
anche una percezione cutanea. La vicinanza mentre si suona permette anche la percezione cutanea non solo
uditiva.

Area Motoria – riguarda molto di più mani e le parti del viso tra cui occhi bocche ecc. che richiedono zone
più complesse di quelle che interessano ad esempio coscie, spalle, gambe ecc. anche a seconda di quello che
ognuno fa nella vita (pianista – mani non può perdere l'utilizzo della percezione motoria delle mani).
La parte sinistra dell'encefalo governa quella destra e viceversa.
DEEP BRAIN STIMULATION
Con i parchinson il metronomo interno funziona ma è inibito, va eccitato dall'esterno. Questo può avvenire
con la musica. (vedi operazione con ascolto di brani tra cui uno swing di Tomelleri). E' necessario un tipo di
musica che sposti in avanti il baricentro del corpo. Per indurre l'inizio di un movimento.
TEST :

Carmen – Scena con il torero camilo. Due versioni della scena nel secondo caso deve crearsi una via, a
seconda dell'intenzionalità del registra si può scegliere l'entrata di un personaggio.

Test del disegno del pic nic – richiesta di descrivere un'immagine. Impoverimento lessico (cosa quello bello)
e una perseverazione ciclica (frammenti emm, diciamo ecc.). Forma di demenza prrogressiva del sistema
cerebrale. Corredo complessivo ridotto (pittore che disegna con pochi colori).

Clinical case of MAURICE RAVEL ; musicista pianista. Perdeva la capacità di linguaggio scritto musicale.
Poi piano piano anche decisioni di cambiamenti nella scelta di esecuzione di un brano dall'inizio direttamente
alla coda. Poi iniziava a perdere gli oggetti ecc. Poi compone il BOERO. Cambia la qualità timbrica, che si
riconosce principalmente con l'emisfero temporale destro. E' una musica perseverante, ossessiva circolare,
quantità e qualità degli strumenti impiegati. Alla fine il brano si tronca di botto dopo il crescendo. Sembra
che abbia difficoltà a finire addirittutra.
M.R. Scrisse poi un concerto per piano solo per la mano sinistra. Viene elaborato meglio sulla variazione dei
timbri e solo sulla mano sinistra, ciò porterebbe a dire che l'emisfero destro si sta atrofizzando.
Incidente in auto.
Perde la mira.
Perde la capacità di nuotare.
Perde capacità di condurre un'orchestra.
Perdita della capacità di compiere qualcosa, linguaggio parlato e comprenderlo ma la capacità di eseguire a
memoria dei brani scritti in giovinezza. Inoltre riusciva a riconoscere intervalli ecc. e anche i lavori che
aveva conosciuto in precedenza, quindi cazziava sugli errori passati, anche se non riusciva più condurre
un'orchestra.
Tentarono l'intervento chirurgico, per capire se aveva un tumore al cervello, che non dimostrò nulla e morì
poco dopo dataa la complicazione dell'intervento.

Quindi si erano atrofizzate le parti: le parti linguistiche (afasia primaria progressiva) atrofia progressiva
dell'emisfero sinistro anche se in generale di tutto il cervello.
La musica non viene creata dal cervello, ma essa era già dentro di lui proveniente dall'esterno, infatti si
ricordava perfettamente le cose che aveva scritto e riusciva a riconoscere intervalli imparati in precedenza. Il
suono sopravvive e si organizza in funzione di ciò che è rimasto nonostante la malattia.

IL TORDO – canta e comunica con le pentatoniche.

Disfunzione per chi è stonato! Si può curare con l'ear training.


I non addetti ai lavori sentono tutto perchè le caratteristiche fisiche dei rapporti di frequenza ci sono in tutti
anche nei bambini.
ESEMPIO SCALA PENTATONICA Madre e Figlio. (sistema pentatonico- in a sentimental mood).
PLASTICITA' CEREBRALE
Suonare uno strumento è il risultato di un continuo esercizio che permette l'apprendimento o lo sviluppo di
qualcosa che potrebbe essere già predisposto ma dovuto a un esercizio involontario che alcuni subiscono da
piccoli (genitori che suonano fanno ascoltare un tipo di musica o meno).
La plasticità cerebrale è possibile solo grazie all'esercizio. Senza esercizio l'inutile viene eliminato e per
quello che serve invece le connessioni si rafforzano, e le cose vengono acquisite. L'improvvisazione viene
dai pattern nella nostra memoria:
Acquisizione
Ritenzione
Recupero
L' ippocampo confina con l'amigdala, memoria sensoriale, a breve termine e a lungo termine. La ritenzione
è dovuta dal SIGNIFICATO (se il sistema riconosce il significato questa verrà memorizzata con molta più
efficacia – no imparare a memoria senza capire); le connessioni si rafforzano. Se la volontà non è abbastanza
forte ma continuamente bombrardata da un'informazione alla fine vieni trascinato giù.

Memoria esplicita – sai che vuoi fare una sequenza di note che hai in testa anche da un pattern.
Memoria implicita – a furia di sentire una canzone tiri fuori il pattern presente in esso.

Bisogna farlo spesso, perchè avviene l'invecchiamento cerebrale. Atrofia riduzione sostanza grigia e meno
delle connessioni. Se abbiamo più connessioni che abbiamo elaborato negli anni questi rimangono.
L'appagamento è dovuto al rilascio di dopamina ed è necessario per l'apprendimento efficace.

Il fatto di accedere direttamente alle informazioni tramit internet, questo non può essere rievocato dentro di
noi! Non c'è la rievocazione della memoria. Atrofia dei neuroni, informazioni e di conseguenza di plasticità
mentale.
La musica ritmo e melodia sono meorizzati in modi diversi.

LEZIONE 2

Molti bambini nati dal 2000 in poi perdono l'immediatezza della gestualità, come ad esempio per la scrittura
essendo stata una cosa sviluppatasi in molto tempo si sta sostituendo con l'utilizzo di touchpad e sistemi
tecnologici che fanno sviluppare malattie come disgrafie ecc.

Esperimento con danza indiana. Hanno fatto vedere il video di questa danza in tre modi, uno solo ascoltando
solo l'audio, uno vedendo solo il video e uno guardando e ascoltando. Le due cose integrate rendono molto di
più fanno sì che sia una risposta più efficiente.

L'area di Werniker è l'area linguistica che si trova posteriormente al nostro encefalo, permette la percezione.
Mentre l'area linguistica di Broke posta anteriormente permette la parola. Il linguaggio cantato ha una
diversa dislocazione nel nostro encefalo.

Esempio Nilla Pizzi a SanRemo 2010. Non riesce a parlare dicendo cose sensate, ma al contrario non ha
nessun problema a cantare.
La musica ha salvato parte del linguaggio di Nilla Pizzi, la fonazione tramite canto ha un automatismo
dovuto al fatto che lei abbia cantato tutta la vita. Afasia è il disturbo del linguaggio (colpisce area di Broke
dato che comprende ciò che sta succedendo ma non riesce a esprimersi); la sua è più una parafasia perchè si
riesce ad avvicinare a quello che direbbe sensatamente.
Il rilascio di dopamina (dovuto all'emozione) rafforza la plasticità cerebrale della corteccia.

Esempio Kiki e Bouba (somministrazione di due immagini una spigolosa e una più tondeggiante) da indicare
il nome di entrambi. Gli occidentali hanno avuto una componente associativa della scrittura più o meno
spigolosa; poi la forma della bocca; e poi la sinestesia (associazione fra una modalità sensoriale a una
sensoriale di un altro tipo).

Pitch e Croma la spirale della scala cromatica maggiore e come croma l'andamento verticale che collega la
stessa nota in diverse ottave (croma = riferito al colore, un do sarà sempre do, mantiene lo stesso colore di do
cambiando l'altezza).
I NEURONI SPECCHIO

L'importanza di collegamento fra percezione e azione (sardine) ciò non deve passare dal ragionamento, ma
essere immediato. I neuroni specchio si attivano quando vediamo un nostro simile fare qualcosa; è una cosa
che succede anche senza comprendere ciò che sta accadendo, perchè questo neurone fa entrambe le cose da
solo; e il fatto che lo stimolo possa risuonare in noi stessi quando comprendiamo cosa sta accadendo.
Imitiamo i comportamenti che ci sono attorno, se non fosse che l'inibizione distungue ciò che è bene da ciò
che è male.
Tornando al problema iniziale dell'aumento di dislessia ecc.

Nel 2009 esperimento al San raffaele (pianisti civivci e conservatorio) e altri che non avevano mai toccato un
pianoforte. 5 min di scale pentatoniche in diverse altezze. Stimolando la parte centrale dell'encefalo, questo
si manifesta ad esempio sulla risposta della mano, e così si calcola la percezione dell'impulso sull'encefalo.
Nei non musicicsti la risposta era stabile, mentre per i musicisti con i registri più alti la parte della mano
destra era più alta. Questo è dato dall'imitazione del suonare per il pianista ad esempio che suonerebbe il
registro alto con la mano destra. Questo però è anche dato dal fatto che alcuni pianisti danno un significato
linguistico alla progressione di note e quindi viene stimolata la parte sinistra (del linguaggio) e che muove la
mano destra. Oppure il fatto che la melodia sia espressa dalla mano destra.
La cuffia da elettroencefalogramma che avevano i pianisti descrisse che lo stimolo e la localizzazione
dell'attività cerebrale era proprio nell'area del linguaggio.

Questi neuroni sono importanti per lo sviluppo dell'empatia, ovvero la codificazione delle emozioni altrui.

CHILLS
Brividi dovuti a un pezzo, e in particolare magari a un moemento preciso che ci evoca un'emozione, uno
stimolo ch ci emoziona.
Ortosimpatico e Parasimpatico, rilasci adopamina, pelle d'oca, ingrandimento pupille, batticuore
(ortosimpatico) mentre il parasimpatico che inivece si manifesta con la pigrizia e apatia.
L'effetto della bellezza o dell'emozione non si può misurare, sarebbe come razionalizzare un qualcosa di
irrazionale. NEUROESTETICA? Croce (filosofo)

RICORDO

TMS
Colpi di tms possono aumentare o diminuire la funzione encefalica.
La mappa dell'emisfero abdnorme è la destra, di conseguenza la parte sinistra corre in socccorso della parte
inibita, ma con la TMS, attraverso alcuni stimoli si può arrivare a risincronizzare i due emisferi.
20 stimoli consecutivi di 10 HZ e pausa in modo da non provocare danni.
Nella pausa poteva suonare dei pezzi che a patto che stimolassero entrambi gli emisferi allo stesso modo
(musica classica).

PROGETTO NEURONI SPECCHIO


Con l'utilizzo di un chinect (scomposizione scheletro) che traccia il movimento mentre ad esempio nel caso
di questo progetto un bambino con un deficit motorio, gli viene somministrato di imparare dei trucchi magici
da un mago. Mentre il bambino apprende viene ripreso dal chinect. Poi due bambini vengono avvicinati e
devono avvicinarsi e esercitarsi per imparare il trucco ad esempio.
Due bambini uno lievemente lesionato (bimba) e uno molto lesionato (Bimbo). Imitazione involontario del
bimbo (sintomo dei neuroni a specchio molto forti che agiscono involontariamente e dimostrano che sono
ancora attivi nonostante altri neuroni). Un cervello lesionato chiede alle aree dell'imitazione di intervenire
per sopperire alle aree fuori uso.
IMPORTANZA ASCOLTO E EMPATIA la bellezza, l'intuizione slegata dalla ragione porta a dei risultati.