Sei sulla pagina 1di 3

LA MIA TESINA DEDICATA AI PAPPAGALLI

ALLEVAMENTO ALEX·VENERDÌ 3 AGOSTO 2018

Mi chiamo Alex Gattola e ho da poco concluso la scuola secondaria di secondo


grado con una tesina a tema interamente dedicata ai pappagalli. Per questo ho
deciso di illustrarla e dar spunto ai tanti giovani, che come me, nutrono una grande
passione verso questi fantastici animali.

I collegamenti con le materie Italiano,


Scienze, Inglese, Francese, Spagnolo e
Storia dell’Arte sono stati preceduti da
una breve introduzione che aveva il
semplice scopo di motivare la mia
scelta. Inoltre una piccola parte è stata
dedicata al progetto di “Alternanza
scuola-lavoro” che ho svolto, con
grande interesse, durante l’anno
scolastico, nell’Ambulatorio Medico
Veterinario del Dott. Amerio Croce, un
veterinario di grande professionalità e
competenza con una notevole
esperienza nel campo degli animali esotici accompagnato dalla preparatissima
Dott.ssa Veronica Croce insieme ai due assistenti Carla Genovese e Anisur.

ITALIANO:
Il tutto è stato avviato descrivendo in
modo generale gli psittaciformi e
mettendo in relazione il comportamento
monogamo in natura (riguardante la
maggior parte delle specie) con i vari
problemi legati alla solitudine in cattività
(autodeplumazione e automutilazione).
La solitudine è senza dubbio il tema
principale della poesia “Il passero
solitario” di Giacomo Leopardi la cui
condizione sentimentale al finale della
poesia può essere paragonata a quella dei
pappagalli autodeplumati o automutilati.
SCIENZE:
Presentando il dimorfismo sessuale
negli psittaciformi ed i suoi metodi
di riconoscimento (sessaggio
molecolare e sessaggio
endoscopico), sono stati elencati,
grazie all’aiuto del Dott. Arturo
Corona ed il suo affidabilissimo
laboratorio Ornilab, tutti i passaggi
dal prelievo della piuma alla lettura
dei cromosomi, facendo riferimento
all’argomento di programma:
l’estrazione del DNA.

INGLESE:
I primi pappagalli in Europa
comparvero proprio in Inghilterra
durante il periodo della società
vittoriana, approfittando
dell’argomento è stato introdotto
Charles Dickens e un suo articolo
“From the raven in the happy
family” dove prende la parola di un
corvo e descrive il paradosso di quel
tempo in cui gli animali, per
esempio i pappagalli, ricevevano più
attenzioni che gli stessi esseri
umani. Una prova eclatante era la
dieta caratterizzata da semi, noci,
grano e pane ben inzuppato nel latte, una dieta non del tutto corretta per i
pappagalli, ma sicuramente migliore di quella destinata alle classi povere di
quell’epoca.

SPAGNOLO:
Cercando tra gli autori latino-americani
è stato citato l’amante di pappagalli
Gabriel Garcìa Màrquez nonché
scrittore di opere ricche di figure
animali, tra cui anche i pappagalli,
responsabili di catastrofi o lieti eventi
attraverso l’utilizzo della tecnica
narrativa del realismo magico.
FRANCESE:
Non si è potuto far a meno di parlare del
libro “Un coeur simple” di Gustave
Flaubert, dove l’Amazone aestiva
chiamata Loulou diventa protagonista di
una storia drammatica pronta a ritrarre la
psicologia e le passioni dell’autore stesso.

STORIA DELL’ARTE:
Ricollegandomi al genere Amazona è
stato illustrato il meraviglioso quadro di
Frida Kalho “Io e i miei pappagalli”,
sottolineando il loro significante ruolo nel
quadro, ovvero rispecchiare la situazione
sentimentale di Frida Kahlo con Diego
RIvera.

Alex Gattola - Allevamento Alex