Sei sulla pagina 1di 207
YOGA ¢ ZEN * MEDITAZIONE MMe Pw si-tselitmsr-(tini-ig Upanishad Spunti di meditazione per i cristiani Testi scelti e commentati da Bettina Baumer Con una prefazione di Raimon Panikkar Traduzione di Teresa Galvani @ EDTA This One MNT PN6X-2 Quest ‘opera é dedicata con grato ricordo a Swami Abhisiktananda (Henri Le Saux, 1910-1973) che ha destato in me l’amore per le Upanishad La trascrizione dei caratteri sanscriti e la loro pronuncia Riguardo alla traslitterazione dei nomi e dei concetti in sanscrito, la casa editrice rinuncia ai segni diacritici usuali nella letteratura scientifica. I] lettore esperto di indologia conosce in ogni caso i concetti o é capace di desumerli, mentre per tutti gli altri lettori po- trebbe risultare utile una scrittura che si avvicini di pitt alla pronuncia. Cosi le vocali lunghe sono contrassegnate con 4, i, #, lar, che noné una consonante bensi una vocale, oggi é riscritta come ri, al posto di A con il visarga sta h, |’ anusvara (il simbolo della nasalizza- zione) viene indicata in trascrizione come una m, per tutte le va- rianti di n sta solo la n, i suoni dentali e cerebrali non vengono di- stinti nella trascrizione, la # viene pronunciata come nell’italiano gn di agnello. La palatale sh & pronunciata come sc (scena), mentre la cerebrale s suona come la s (suono sordo, come serio). Riguardo alla pronuncia é inoltre da considerare che c si pronuncia come tsch, j come dsch, y come j e v come w. ISBN 88 - 272 - 1519-0 Finito di stampare nel mese di settembre 2003 Titolo originale dell’ opera: UPANISHADEN O © Copyright 1997 by Késel-Verlag GmbH & co., Miinchen D1 Per I’edizione italiana: © Copy- right 2003 by Edizioni Mediterranee - Via Flaminia, 109 - 00196 Roma O Printed in Italy O S.T.A.R. - Via Luigi Arati, 12 - 00151 Roma