Sei sulla pagina 1di 3

Ia RepubbIica.

Lunedì 30 luglio 2007

Questa bambina
di tre anni, nata con
I'Hiv all'ospedale
di Puebla, è uno dei
nuovi casi di Aids
nel Messico rurale. La
dottoressa Indiana Torres,
a destra, dice che un
quinto di tutti i casi sono
dovuti all'emigrazione.

Gli emigranti messicani portano a casa l'Aids


di MARC LACEY
Alcune aree rurali del Messico registrano un rapido incremento dei casi di Hiv.
PUEBLA, Messico - Cres ha passato Secondo alcuni ricercatori I'aumento deve essere attribuito agli emigrati
quasi metà dei suoi 32 anni lavorando che sono rientrati e che hanno tenuto comportamenti ad alto rischio durante
nelle campagne della California e del
Texas e nelle fabbriche di Chicago e la permanenza negli Usa.
New York. La moglie e i tre figli hanno STATI A POPOLAZIONE STATI A. POPOLAZIONE Nuovi casi di Hiv registrati
vissuto quasi sempre con lui. Spesso pe- PREVALENTEMENTE RURALE PREVALENTEMENTE: URBANA
nel 2005 ogni 100.000
rò è stato solo ed è stato in quei periodi Tijuana·
abitanti
che, così almeno crede, deve aver con-
tratto I'Hiv.
"Non so dove, né quando l'ho preso",
dice Cres, che ha accettato di parlare a
condizione che si usi solo il suo nomi-
gnolo. Tace ogni volta che la moglie,
incinta, entra nella sala semibuia della
casa costruita con i soldi guadagnati
negli Stati Uniti. "Non so con chi sono
stato. Non voglio saperlo. Voglio solo
che la mia vita vada avanti".
I lavoratori migranti come lui vanno
negli Stati Uniti sognando una nuova Fonti: National Council for the Prevention & Control of H.I. V.IAIDS (CONASIDAj,
prosperità e con la speranza di riportare a National Institute for Statistical Geography & Data (/NEGf)
casa dei dollari. Alcuni però stanno
riportando anche un'eredità più pesante:
I'Hiv e I'Aids, sempre più diffusi in
alcune regioni agricole del Messico,
proprio quelle meno preparate ad af-
frontare un' epidemia.
II Ia RepubbIica

La crisi dell'Aids, sempre più grave, i trafficanti di droga.


terzo dei primi è stato offerto denaro in
tra i lavoratori che migrano non sta ri- "La migrazione comporta condizioni
cambio di sesso. Circa un decimo degli
cevendo la necessaria attenzione, né da ed esperienze che aumentano i rischi",
immigrati, per guadagnare dei soldi, ha
una parte né dall'altra della frontiera. In dice George Lemp, l'epidemiologo
accettato.
Messico l' Aids è ancora coperto dallo responsabile del programma di ricerca
All'ospedale di Puebla la dottoressa
stigma e dal rifiuto. Negli Stati Uniti si sull'Aids dell'Università della California
Indiana Torres dice che 22 su mille dei
ritiene comunemente che siano gli im- che studia la diffusione della malattia tra
casi di Hiv e di Aids trattati nella sua
migrati a portare le malattie nel Paese e i lavoratori migranti. "I lavoratori
clinica possono essere imputati alla
non viceversa. migranti sono vulnerabili. Sono isolati".
emigrazione, soprattutto a quella verso
Secondo gli esperti, l' Aids non è anco- l'area di New York. "I migranti pensano
Ma secondo i ricercatori, la diffusione ra diffuso in Messico ed è rimasto che negli Stati Uniti il rischio sia
dell'Aids in Messico avviene più confinato principalmente alle prostitute inferiore", dice la dottoressa Torres.”È
velocemente negli Stati rurali con il più e ai loro clienti, al mondo dei una fantasia, non è vero".
alto tasso di emigrazione verso gli Stati tossicodipendenti e degli omosessuali.
Uniti. Un nuovo studio dice che il Ana Maria, madre di tre bambini e
Secondo le statistiche delle Nazioni positiva all'Hiv che ora sta ricevendo dal
maggiore rischio di contrarre l'Aids 1o Unite, il tasso di Aids in Messico è
corrono le donne di queste zone con governo la cura con farmaci antire-
notevolmente più basso, circa la metà,
rapporti sessuali con i mariti emigrati, trovirali, era emigrata negli Stati Uniti
che negli Stati Uniti. con il marito e aveva lavorato in un
anche perché i mariti rifiutano di usare i Tuttavia il comportamento ad alto ri-
profilattici. fast-food e in un albergo a Chicago. Alla
schio di molti emigranti messicani do- nascita di uno dei figli in un ospedale di
cumentato da numerosi sondaggi desta Chicago ha scoperto di essere portatrice
Secondo le ricerche, chi emigra ha in preoccupazione tra i ricercatori.
genere più partner sessuali di chi resta a del virus.
"Temiamo che possa diffondersi con
casa. E per quanto riguarda le donne, la violenza tra questa popolazione in fu-
vita sempre in giro comporta un "Ero convinta che l'attraversamento
turo", dice Lemp, che dirige uno studio per entrare negli Stati Uniti fosse stata la
maggiore rischio di violenza e di abusi congiunto tra Stati Uniti e Messico sulla
sessuali. Stare lontano da casa e dalle cosa più tremenda della mia vita", dice
diffusione dell'Aids tra i migranti. Uno seduta sugli scalini della sua casa in un
famiglie spinge molti emigrati a crearsi studio finanziato dall'organizzazione
nuovi rapporti negli Stati Uniti, un villaggio vicino a Puebla. "Nel deserto si
California-Mexico Aids Initiative ha
problema aggravato anche dal fatto che vedevano ossa umane e vestiti. Era pieno
rivelato che a Los Angeles, in un luogo di ladri che violentavano le donne e le
la parte nord e la parte sud della frontiera dove i lavoratori immigrati sono con-
con il Messico sono diventate una derubavano. Non avrei creduto che ci
tattati dai datori di lavoro, a più di un fosse di peggio. Invece ora mi ritrovo in
calamita per la prostituzione e per
questa condizione".
attività
18
Gli emigranti messicani….

Scegli la risposta in base al testo che hai letto.

1.- Riguardo l’Hiv e l’Aids:


a) sono più frequenti nelle regioni meno preparate del Messico.
b) le regioni agricole si preparano ad affrontare la malattia.
c) sono ormai un’epidemia nelle zone agricole.
d) sono piú presenti nelle regioni meno preparate a far fronte al problema.

2.- Secondo un nuovo studio, riguardo l’Hiv e l’Aids:


a) le donne di stati rurali corrono più rischi visto che sono sole.
b) le mogli dei mariti emigrati chiedono l’uso del preservativo.
c) le donne hanno rapporti sessuali soltanto con i mariti emigrati.
d) i mariti emigrati si negano ad usare i profilattici e le donne corrono più rischio.

3.- L’organizzazione California-México Aids Initiative ha rivelato che:


a) ai lavoratori immigrati viene dato un lavoro a Los Angeles.
b) solo più di un terzo sono degli immigrati sono contrattati dai datori di lavoro.
c) a più i un terzo degli immigrati si offrirà denaro in cambio di sesso.
d) il 10% degli immigrati, per guadagnare soldi ha accettato rapporti sessuali.
e) quasi il 10% degli immigrati, per guadagnare soldi ha accettato rapporti sessuali.

Rispondi liberamente in italiano:

a) Sei d’accordo con l’affermazione che l’Aids è rimasto confinato principalmente ai gruppi
elencati: prostitute-clienti, tossicodipendenti e omosessuali?

b) Commenta la seguente affermazione:


I mariti delle zone rurali si rifiutano di usare i profilattici (solo loro?)

Osserva le seguenti formule usate nel testo:

Secondo alcuni ricercatori… Si ritiene comunemente che…


Ma secondo i ricercatori… Secondo le ricerche…
Secondo gli esperti… George Lemp dice…
La dottoressa Torres dice che… I migranti pensano che…

Sono forme che introducono un parere, un’opinione, o l’informazione di un risultato ottenuto (da
un’estatistica o da uno studio).

Osserva la presenza de la formula secondo… usata per introdurre risultati ottenuti o un parere.

Usa queste formule nella tua produzione orale:

Secondo me… Mi sembra che…


Mi pare che… Credo che…

Modulo 5 81