Sei sulla pagina 1di 12

Lambdin 31

Verbi III-Hē: imperfetto,


imperativo e infinito costrutto
Da ricordare che originariamente questi verbi
terminavano in Yod (yf[ → hf[)
• La Yod ricompare all’Impf. nella 3 e 2 femm.pl. ad es.: ‫ַּת ֲע ֶ֫לינָ ה‬
salirete; ‫ ִּת ְב ֶ֫נינָ ה‬costruiranno

Questa classe di verbi ha desinenze costanti:

• l’imperfetto termina in -eh (eccetto quando


viene sostituito da una desinenza);
• l’imperativo termina in -ēh;
• l’infinto costrutto in -ôṯ
Qal Impf. Vb. hnb (l’imperfetto termina in -eh
eccetto quando viene sostituito da una desinenza)

singolare plurale

3m
hn<b.yI egli costruirà Wnb.yI essi costruiranno

3f
hn<b.Ti ella costruirà hn"yn<òb.Ti esse costruiranno

2m
hn<b.Ti tu costruirai Wnb.Ti voi costruirete

2f
ynIb.Ti tu costruirai hn"yn<òb.Ti voi costruirete

1
hn<b.a, io costruirò hn<b.nI noi costruiremo
Qal Impv. vb. hnb (l’imperativo termina in -ēh)

singolare plurale

Masch.
hnEB. costruisci WnB. costruite

Femm.
ynIB. costruisci hn"yn<òB. costruite

Qal Inf. Costr. tAnB. (l’infinto costrutto in -ôṯ)


Es 3,13-14
ynEB.-la, ab' ykinOa' hNEhi ~yhil{a/h-'( la, hv,mo rm,aYOw:
~k,ylea] ynIx:l'v. ~k,yteAba] yhela{ / ~h,l' yTir>m;a'w> laer"f.yI
`~h,ylea] rm:ao hm' AmV.-hm; yli-Wrm.aw(' >
hy<h.a, rv<a] hy<h.a, hv,mo-la, ~yhil{a/ rm,aYOw:
laer"f.yI ynEbl. i rm;ato hKo rm,aYOw:
`~k,ylea] ynIx:l'v. hy<h.a,
Lo iussivo dei verbi III-Hē
• I verbi III-Hē hanno una forma distinta per lo iussivo
singolare, e corrisponde alla forma abbreviata
(apocopata) dell’imperfetto, cioè
senza -eh finale:

‫( – יִּ ְבנה‬Impf. 3ms) egli costruirà

‫( – ִֶּ֫יבן‬Iussivo 3ms) che egli costruisca

• Oltre all’abbreviazione, nelle forme dello iussivo si riscontrano


delle incoerenze delle vocali, per cui è necessario impararle
singolarmente
• Le forme brevi sono utilizzate regolarmente col
waw-inversivo nelle sequenze narrative al passato
‫ וַּ ֶַּ֫י ַּעׂש‬- ed egli fece
‫ וַּ ֶ֫ת ְב ְְּך‬- ed ella pianse
• Si utilizzano così quasi sempre le forme brevi della
3a e della 2a persona.
• Nel caso della 1a persona si usano le forme brevi
e quelle normali:
‫וָ ֶ֫א ְב ְְּך‬ ‫ וָ א ְבכְּה‬- e io piansi
NB:
Vb. ‫ → ראה‬iuss. ‫ → ֶ֫ירא‬con waw inv. ‫וַּ יַּ ְרא‬
(ed egli vide)

Vb. ‫ → ירא‬impf. ‫ → יִּ ָירא‬con waw inv. ‫וַּ יִּ ָירא‬


(ed egli ebbe paura/temette)
NB:
• Non esistono coortativi in -āh per i verbi III-Hē.

• Il tema dell’infinito costrutto (ad es. ‫)בנֹות‬


ְ non
subisce cambiamenti con i suffissi pronominali:
‫נֹותי‬
ִּ ‫ְב‬ - il mio costruire

‫נֹותָך‬
ְ ‫ְב‬ - il tuo costruire
ecc.
Espressioni idiomatiche
(1) Un verbo al plurale seguito da ‫ ִּאיׁש‬e da un
correlato suffisso singolare ha un significato
distributivo o reciproco:

‫ ָ ָֽה ְלכּו ִּאיׁש אל־ביתֹו‬- Ogni uomo (ognuno) andò


alla sua (propria) casa.
‫אמרּו ִּאיׁש אל־ר ֶ֫עהּו‬
ְ ֹּ ‫ וַּ י‬- Ed essi (si) dissero l’uno
l’altro.
(2) L’imperativo di ‫ ָה ַּלְך‬è frequentemente usato
davanti ad altri imperativi o coortativi per
esprimere un invito o di un’incitazione ad agire,
analogo all’italiano “Su!…Dai!”. Di conseguenza
può essere spesso omesso nella traduzione.

‫ ְלכּו וְ נַּ ַּה ְרגָ ה אֹּתֹו‬- Su, uccidiamolo!


(3) Un imperativo, specialmente di ‫ ָה ַּלְך‬e di altri
verbi di movimento, può essere seguito da un
pronome che esprime il dativo, ma che non ha
alcun valore di traduzione:

‫ לְך ְלָך‬- Vai!


‫ ְסעּו ָלכם‬- Partite!