Sei sulla pagina 1di 8

1

Latmosfera Terrestre sempre in movimento con i venti; questi in oltre


sono soggetti alla rotazione terrestre, per effetto di questa rotazione i
venti che soffiano dai Poli verso lEquatore sono deviati verso occidente.
Si formano cos degli immensi vortici daria tra lEquatore e i Poli.
Dove si incontrano masse daria fredda proveniente dai Poli e masse
daria calda proveniente dallEquatore si genera cos una perturbazione o
fronte. L si hanno sempre delle condizioni atmosferiche perturbate.
2

Tutte le perturbazioni dellatmosfera Terrestre sono chiamate


genericamente Tempeste le pi conosciute sono: i Temporale, il
Ciclone Tropicale, e la Tromba Marina.

Il TEMPORALE provocato da una violenta corrente di aria calda


ascendente che viene a trovarsi nellinterno di una massa meno calda.

Ecco le fasi che danno vita ad un temporale:


1. Dal terreno si innalza con violenza una massa daria riscaldata per
vari motivi. Quando la corrente arriva a circa 7500 m. produce un
nuvolone chiamato Cumuliforme.
2. Dal Cumuliforme cade la pioggia : questa caduta di acqua che
raffredda la massa daria tanto da provocare correnti di aria fredda
discendenti.
3. Le correnti discendenti aumentano e producono il forte vento che
soffia durante un temporale. Il suolo nel frattempo si raffredda e non
alimenta pi con aria calda la corrente ascendente. Cos tutte le
correnti perdono energia e il temporale si dissolve.

I Cicloni si formano in zone dove si incontrano venti provenienti da


direzioni opposte; precisamente essi nascono vicino all Equatore dove si
incontrano i venti provenienti da Nord-Est e quelli provenienti da Sud-
Est.

Ecco le fasi di formazione di un ciclone :

1. Tutto ha inizio da una massa di aria calda e umida, proveniente


dallOceano Atlantico. I venti incontrandosi procedendo in senso
opposto formano un Vortice a forma di imbuto.
2. Laria calda e umida, giunta al centro del vortice, dove c bassa
pressione e maggior riscaldamento, costretta a salire.
Sollevandosi si raffredda: perci lumidit contenuta nellaria si
condensa e il calore liberto per effetto di questa condensazione
riscalda maggiormente la massa di aria rotante, che diventa
ancora pi leggera e per questo motivo sale ancora pi
rapidamente.
3
3. Intanto laria umida marittima invade il posto lasciato libero da
quella che salita, cos laria allinterno delluragano costretta a
salire sempre pi rapidamente.
4. laria che rapidamente si precipita dallesterno allinterno
trasforma il ciclone in un gigantesco vortice di venti violenti.

IL CICLONE TROPICALE

I cicloni tropicali sono depressioni poco estese, ma parecchio profonde,


in cui la velocit dellaria attorno al centro tocca velocit molto elevate
anche superiori a 100 nodi (200 Km/h)

Essi hanno origine e si sviluppano sugli oceani tropicali ove lintensa


evaporazione associata a condizioni di debole circolazione dellaria, pu
produrre in una zona molto ristretta , grandi accumuli di energia termica
sotto forma di calore latente di condensazione.

Con lo sviluppo di un ciclone tropicale latmosfera elimina dalle fasce


tropicali quellenergia in pi che vi si realizza e che la normale
circolazione atmosferica non riuscirebbe a trasportare verso latitudini
pi elevate.

Lalta velocit dellaria in rotazione attorno al minimo ,che inoltre si


sposta con velocit piuttosto modesta (8-13 Nodi) , danno un alto
potere distruttivo ai cicloni tropicali che riescono cosi a fare molti danni
nei luoghi che incontrano durante il loro spostamento. La formazione di
un ciclone tropicale ancora tuttoggi uno dei misteri che affascinano la
meteorologia e i suoi seguaci.
4

Questo il percorso di GILBERT. La linea nel tratto bianco evidenza la


categoria 5 di uragano. Vedete che ci ha messo qualche km a
smorzare lintensit anche nellentroterra della penisola dello Yucatan
(categoria 5). Guardate inoltre per quanto ha percorso gli USA come
Depressione Tropicale (linea verde) !! Fu veramente un raro gigante
5
CICLONI TROPICALI E SCALA DI CLASSIFICAZIONE

categorie
velocit del
categoria effetti tipici (solo indicativo) cicloni
vento km/h
Nessun danno alle case. Alcuni danni al raccolto, alberi e
1 meno di125
caravans. I natanti possono trascinare gli ormeggi.
Danni a piccole case. Danneggiamenti significativi alla
segnaletica, alberi e caravans. Danni pesanti al raccolto. Rischio
2 125 - 170
di mancanza di energia. Piccole imbarcazioni possono rompere
gli ormeggi.
Alcuni tetti e strutture danneggiate. Qualche caravans distrutto.
3 170 - 225 Winifred
Probabile interruzione di energia.
Molti tetti distrutti e danni alle strutture. Molti caravans distrutti
4 225 - 280 e trasportati in aria. Pericolosi oggetti in aria. Interruzioni di Tracy
energia molto estese.
5 pi di 280 Estremamente pericoloso con distruzione molto estesa. Orson

catalogazione dei danni causati dagli uragani


categoria livello descrizione uragano
Danni principalmente ad arbusti, alberi con fogliame e casupole.
Nessuno vero danno a altre strutture. Alcuni danni alla segnaletica hurricane
1 minimo
leggera. Strade litoranee basse allagate, danno lievi alle banchine, Earl (1998)
alcune piccole imbarcazioni lacerano gli ormeggi.
Danno considerevole agli arbusti e alberi con fogliame; caduta di
piccoli alberi. Danni a case mobili. Estesi danni alla segnaletica
leggera. Alcuni danni ai tetti di edifici; finestre e porte. Nessuno hurricane
2 moderato maggiore danno a edifici. Dalle strade basse della costa la fuga verso Georges
il retroterra inizia da 2 a 4 ore che arrivi il centro dell'uragano . Danno (1998)
considerevole a banchine. Porticcioli allagati.Piccole imbarcazioni fuori
dal porto lacerano gli ormeggi. Evacuazione delle residenze costiere.
Tutto il fogliame viene staccato, caduta di grandi alberi. Quasi tutta la
segnaletica viene abbattuta. Tetti e porte di abitazioni danneggiati, e
danni a piccole case. Case mobili distrutte. Consistenti allagamenti
sulla costa, e piccole strutture adiacenti distrutte, strutture pi grandi
hurricane
3 vasto danneggiate dalle onde e frammenti galleggianti. Le strade basse
Fran (1996)
costiere vengono allagate da 3 a 5 ore prima dell'arrivo del centro
dell'uragano. I terreni sopra il livello del mare di 5 feet, vengono
allagati per 8 miglia o pi. Evacuazione di interi isolati di abitazioni
costiere.
Abbattuti arbusti e alberi e tutta la segnaletica. Danno estesi alle
coperture, tetti e finestre e porte. Spazzati i tetti di molte residenze
piccole. Completa distruzione di case mobili. I terreni sopra il livello
del mare di 10 feet, vengono allagati per 6 miglia. Danni maggiori alle
hurricane
strutture vicino la spiaggia dovuti a allagamenti e infrangere di onde e
4 grandissimo Andrew
frammenti galleggianti. Le vie di fuga verso il retroterra vengono
(1992)
tagliate fuori da 3 a 5 ore prima che arrivi il centro dell'uragano.
Considerevole erosione delle spiagge. Massiccia evacuazione di tutte
le residenze fra 500 yards e la costa, dove necessario fino a 2 miglia
dalla costa.
Arbusti e alberi abbattuti; considerevoli danni a tetti di edifici; tutti la
segnaletica divelta. Danno molto severo e esteso a finestre e porte.
Rovina completa di tetti su molte residenze e edifici industriali. Estese
rotture di vetri di finestre e porte. Rovina di interi edifici. Edifici piccoli
hurricane
rovesciati o soffiati via. Distruzione completa di case mobili. Maggiori
5 disastroso Camille
danni di tutte le strutture a non meno di 15 piedi sopra di livello del
(1969)
mare a 500 yard dalla costa. Le vie di fuga verso il retroterra vengono
tagliate fuori da 3 a 5 ore prima che arrivi il centro dell'uragano.
Eventuale richiesta di massiccia evacuazione di aree residenziali su
terreno basso fra 5 a 10 miglia dalla spiaggia.
6

LA TROMBA MARINA

La Tromba Marina un tornado che si forma sullacqua: quindi la sua


fortissima azione di risucchio solleva una massa dacqua marina che
forma come una colonna alta che pu andare dai 100 ai 300 m. La
tromba marina frequente nellAtlantico e sulle acque calde del Sud
Pacifico e della Corrente del Golfo.
7
Il Terrore Tornado

Al mondo non esiste fenomeno naturale pi terrificante di un tornado. I


cosiddetti "twister" appaiono all'improvviso, in qualunque momento del
giorno o della notte e possono crearsi in qualsiasi mese dell'anno se le
condizioni sono quelle giuste.
I testimoni oculari che hanno assistito all'arrivo di questi violenti vortici,
descrivono il loro appropinquarsi simile al rombo di un motore di un jet.
I tornadi scagliano detriti in tutte le direzioni, ad una velocit che spesso
raggiunge centinaia di miglia all'ora. La maggior parte delle abitazioni
sono costruite per resistere e sopportare una velocit che va da venti a
70 miglia orarie, ma la forza di un tornado di almeno 73 miglia all'ora.

Come e perch

Affinch un vortice, ovvero una spirale formata dal vento, venga


classificato come un tornado, deve venire in contatto sia con il terreno
che con le nubi temporalesche al di sopra di esso. Nel momento in cui il
vortice tocca il suolo, crea un'inarrestabile scia di distruzione, che pu
raggiungere i 250 metri di lunghezza, e il miglio di larghezza.
8
I tornadi sono generati da un'ampia gamma di condizioni
meteorologiche, ma gli esperti concordano sul fatto che essi si creano
quando correnti di aria calda e fredda collidono, dando vita ad un'area
vorticosa di bassa pressione atmosferica.

L'aria inclusa in una zona di bassa pressione ha una tendenza naturale


ad alzarsi, creando una forte corrente ascensionale, che attira aria calda
dal livello del suolo. Questa corrente comincia a girare sempre pi
velocemente e risucchia l'aria circostante come fosse un aspirapolvere.
In casi estremi, questi potentissimi vortici d'aria possono raggiungere la
velocit di 300 miglia orarie.

La scala Fujita

L'intensit del tornado emisurata attraverso la scala Fujita, nome che


deriva dal grande scienziato dell' Universit di Chicago, dottor Fujita. I
twister sono misurati a seconda della vastit dei danni che provocano e
non dalla loro grandezza. Oltretutto, eutile ricordare che la
quest'ultima non sempre equivale alla ferocia: tornadi dalle dimensione
enormi possono essere molto deboli e, al contrario, piccoli tornadi
possono essere violentissimi.

Davide 1

OIRM Torino