Sei sulla pagina 1di 5
128 1950 Testo di G. CHIOCCHIO Musica di A. MINGHI Moderato (in 2) a SF 5 F r 4. Co.mepro-fu - mi,che gon - na, che bel-la che sei, __ che gambee che pas- 2.tondoque-st'an-noe oo - meunpallo - necheti - ro di- ret-to e Lam? - si sul-la-sfal-to di Ro : ma, che bel-lef-fet-to al mio ouo - res De Fa Re Re Re vnel-la inque- stoven - to di ma- ree di pi - ni,nel no - nel - Ie coi sol-di cra - vat- te, ve- sti- tie dei fio- riu-na ve- = Poet Fe oe - no tra la guerraeildue-mi - la: cor- re-rein-sie- me al ma - re, al % PrP ea Bess + = = o = 3 2 Do Dot z dal con - ser - va-to - rical-lu-ni-ver - si- ta. ma- re di que-sta cit’ - th, alle) on-dea. gli co - no 1 tu cheaspet - ti me,— ese céunpo’ di —_1 + = 3 13, Fate ue Re Sol] Edizioni Musicali: BMG Ariola Musica S.p.A. - Via Sant’Alessandro, ? - Roma Sede legale: Via Boccaccio, 7 - Milano. IT Dischi Italia s.r. Edizioni Musicali - Via G. Banti, 46 - Roma. 1983 (Anno di prima pubblicazione). Diritt riservati a termini di legge per tutti 7 paesi del mondo, All rights reserved. 129 —_ con i ca-pel- li giu,—— io li oa-rez - ze-ro_ ven-to ti ba-gnerai,__ men-treaspet - ti me— + | got aa Ss fT =o pT TE ij te Lam ‘Sol Rem? Miz Sol — se-du-tial no-strocaf-fe,__ _ (se-du-talal nostro caf-fé,_ Cno 2* J = SS Ps = oe Faé MIT Lem Som @) pesto, Se-re-nel-la. . Serre-nel- la. La radio tra-smet = te-ra_—_ 0 Se han. = = * ss} a aps * wer BES 7 7 segue Dow Lam ‘Do ~z0-ne chehopensa-to per te ___ e for-seat-tra-ver-se-ra ___ Yo- Sj pm ah pS es Dow+/8 Do Lem? Mim win -ee-a-no lon-ta-no da noi:__ l’a-seol - te-ran - no glia-me- ri-ca- Do = =, Le Lam? Fallt che pro-prio ie-ri so-noanda - ti vi - e con le lo- Fae Rem @) che = TO ca-mi-ciea fio - ri . “eg - lo-ra-no le no- stre vi- Mim Sol Mim s no-stri gior-ni di pri- ma-ve - che pro- 28 jae & LU 130 ~fu-ma-nodei tuoi ca-pel - lie dei tuoi oc ~ chi co - si_bel~ eS z = Remé a sibais Faqt spa-lan-ca - ti sul fu-tu - roe chiu-si su di me 3 setae stat zt nel no-ve-cen - to-cin- quan - ta, = + E ; &, = + = = = Fe Fats - nel no-ve-cen- to-cin- quan - ta. fe A- = & = +——* ° te P * FS = * sia, se sha) la Bb Det -mo - re ma co-me stia-mo be - ne al 80 - = ee 2 = SS] / 4 = ml ve a sib sb Solm Do sh Fe -le, as mo - da que-st’an-no tu sa - rai con = te = Fe sibe sb Solm Bo E E Dal % at xz = = SH pot segue zon > ? z 131 ~ mo,tia-mo for- teal so - le, que-sto s0-le che sem - bra vi-ci - Sa ee $3 See es sibt+ -: no, Se-re-nel-la io vogliounbambi - no nei no-stri Sib b So Sot gior-ni di pri-ma-ve - ra: lopen-se-re - mocomeu-nacan-zo - ne, Se-re- = sib Mibts Dem wa Mb ~nel-1e Hi portant so - le, Se- re ti por-toalma - re. La h | | _4 hj ops | ee A= —! sey ita gt = Sol Fa lm Fa mabas ee as ra-dio tra-smet -te- ra___ que-sta can- zo-ne chehopen-sa-to per te h ht oe ee — oe a] De pow > _ e — for-se at-tra-ver- se-ra __ Yo- ce-a-no lon-ta-no da noi:. Do = pote De Le Ta. — Ya-scol- te-ran - no glia-me-ri-ca - ni che pro-prio = a Fae = Fats lea i = ti vi - achSe-renel - Ia ti por-toalma - re ti por-to vi- SSS es fan Dot+ oT: = ggi soncanda-ti vi - raat 0 Se-re-nel - 1 th por-toal ma - re, ti por-to vi- Come profumi, che gonna, che bella sei, che gambe e che passi sull‘asfalto di Roma, Serenella in questo vento di mare e di pini, nel nostro anno tra la guerra e il duemila dal conservatorio all’universita la bicicletta non va e tu che aspetti me, con i capelli git, io li accarezzerd seduti al nostro caffe, Serenella. La radio trasmettera la canzone che ho pensato per te forse attraversera Voceano lontano da noi: Vascolteranno gli americani che proprio ieri sono andati via € con Ie loro camice a fiori colorano le nostre vie € i nostri giomi di p che profumano dei tuoi capelli € dei tuoi occhi cosi belli spalancati sul futuro e chiusi su di me nel novecentocinquanta, nel novecentocinquanta. lavera ‘Amore ma come stiamo bene al sole, amore da quest’anno tu sarai con me. E tondo quest’anno @ come un pallone che tiro diretto e che bell’effetto al mio cuore; = sol Serenella coi soldi cravatte, vestiti e dei fiori una vespa per correre insieme al mare, al mare di questa cittd, alle onde, agli spruzzi che escono fuori dalle nostre fontane € se c’é un po’ di vento ti bagnerai, mentre aspetti me seduta al nostro caffe, Serenella. La radio trasmettera la canzone che ho pensato per te e forse attraversera Voceano lontano da noi: Vascolteranno gli americani cche proprio ieri sono andati via con le loro camice a fiori colorano le nostre vi € i nostri giorni di primavera che profumano dei tuoi capelli e dei tuoi occhi cost bel spalancati sul futuro e chiusi su di me nel novecentocinquanta, nel novecentocinquanta. E ti amo, ti amo forte al sole, ‘questo sole che sembra vicino, Serenella io voglio un bambino nei nostri giorni di primavera: lo penseremo come una canzone, Serenella ti porto al sole, Serenella ti porto al mare, ti porto via. ad lib,

Potrebbero piacerti anche