Sei sulla pagina 1di 2

BATTESIMO DEL SIGNORE

1 Introduzione
a) Chi a Natale dimenticasse Ges o 1soffocasse sotto i regali ka sbagliato tutto. 11 Battesimo in
chiesa stato celebrato; ora tutti vanno in casa per il rinfresco. C' una grande e festosa confusione,
mentre il bambino nella culla. Una donna dice: - Aiutatemi, amiche, a portare i bicchieri e i dolci ---
Dove porre lo scialle? Per la fretta una amica lo pone sulla culla. Un'altra donna sbadata, pensando
che il bambino sia altrove, pone sulla culla anche i suoi guanti e il suo soprabito... Un uomo, non
trovando pi posto all'attaccapanni pone sulla culla la sua giacca... e poco per volta tutti fanno festa...
e il bambino dimenticato: dorme, quasi soffocato sotto un mucchio di vestiti gettati alla rinfusa...
Ma finalmente qualcuno s'accorge dell'errore collettivo: la mamma che rimette al centro della festa
il suo magnifico beb! . - (Cfr. ABATE- DI GIULTO, Discorsetti evangelini, Ed. Daverio, 1938, pp.
24-25).

2 Il tema
Un ambasciatore, per essere riconosciuto tale, deve avere le 'credenziali', deve avere l`investitura
ufficiale... Un certificato, per avere valore, deve portare il 'timbro' e la firma autentica...
A Ges in quanto uomo, oggi Dio Padre dice: Tu sei mio figlio. Tutti ti rconoscano tale. Io
timando a salvare il mondo.

3 Il messaggio oggi
Celebriamo oggi la festa del Battesimo di Ges. Che significato ha questa festa per Ges e per noi?
a) Ges non ne aveva certamente bisogno. In quanto uomo, immacolato e santificato dall'unione
alla seconda persona della Trinit. In quanto Dio, suo Figlio per tiatura e da sempre. Ges ha
ricevuto il Battesimo da grande - aveva pi di trent'anni - per nostro ammaestramento.
b) Con il Battesimo - che preannuncio del nostro!
Ges si metteva nel gruppo di Giovanni Battista, gruppo di penitenti, che si preparavano alla venuta
del Regno di Dio, per farsi nostro compagno e farsi nostro esempio.
Proprio mentre Ges riceve questo Battesimo di penitenza, Dio Padre proclama: Ges il Figlio
mio prediletto, inviato a salvare il mondo! . Con queste parole Ges riceve le credenziali,
l'investitura ufficiale di Salvatore (= Messia = Cristo!). E subito inizia pubblicamente il suo
apostolato e H suo viaggio verso Gerusalemme.
c) E per noi che significato ha il Battesimo, che rice viamo da piccoli? A ciascuno di noi Dio dice:
Ti mondo da ogni colpa, ti dono la mia grazia, ti rendo ufficialmente mio figlio. Vivi come tale. Sii
collaboratore della salvezza dell'umanit.
Cos il Signore ci accredita con un certificato solenne come suoi figli adottivi, c'inserisce nella
Chiesa e ci d la missione di salvare il mondo.
d) Grazie, Signore, per questo dono e per questo inca rico: dacci la grazia per viverli con amore.

4 Sussidi
t bene oggi sottolineare la 'missione cristiana' che cia scuno di noi riceve nel Battesimo (e Cresima).
a) Scrivendo alla mamma, un giovane fratello missionario, dice: Cara mamma, le mie mani oggi
hanno stretto migliaia di mattoni. Questa sera mi fanno male, tanto che faccio fatica a tenere la pena
in pugno, per il muro del] 1 ospedale, che sto costruendo, si innalzato di qualche metro. Sono
tanto felice, nonostante la stanchezza perch, guardando le mie mani ruvide ed escoriate, posso dire:
"Sono le mani di Dio, che egli adopera per costruire il suo Regno! " . Non meraviglioso? -
(LORENzo GAIGA, da Le inani ruvide di Dio, Ed. E.M.I., Bologna, 1979, p. 5).
b) Un medico, viaggiando in Russia, quando vi dominava il co^ munismo ateo, entr una domenica
in una delle poche chiese aperte. Con suo grande stupore, in sacrestia trov un ragazzetto di 1anni.
- Che fai qua dentro? - chiese.
Aspetto il padre - rispose calmo il fanciullo.
- Chi ti ha parlato di religione?
- Un mio compagno.
- E a lui chi glene ha parlato?
- Un altro compagno.
In quel momento giunse il sacerdote. Quando il ragazzino vide che il sacerdote aveva fatto buona
accoglienza al medico, chiese: -Debbo dirglielo, padre? Il Sacerdote rispose di s. - Io ho cinque
amici. Ho imparato il catechismo da un mio compagno, il quale l'ha imparato dalla nonna. Io devo
insegnarlo ad altri cinque miei amici. Quando l'hanno imparato, si sottopongono all'esame. Se
passano, diventano anche loro maestri, e ognuno di essi deve insegnare il catechismo ad altri cinque
amici. Cos molti possono conoscere il catechismo.
- Ma non avete paura della polizia?
- No, - rispose il piccolo, stringendosi nella spalle.
- Ma se la polizia lo viene a sapere, vi far arrestare; potrebbe anche uccidervi.
- No. - Poi fattosi serio, disse con molta gravit: - Possono uccidere me - e ponendosi la mano sul
cuore continu - ma non potranno mai uccidere Cristo in me! - (GRE-TTA PALMrR, I partigiani di
Dio, Garzanti, 1953, p. 59).
c) Conclusione
Preghiamo oggi per i bambini di tutto il mondo (come preghiera dei fedeli).
Ges, il tuo amore per i piccoli infinito, per questo voglio affidarti
i bambini felici e i bambini angosciati, i bambini sazi e i bambini affamati,
i bambini sani e i bambini ammalati, i bambini che studiano e quelli che lavorano, i bambini
obbedienti e quelli capricciosi,
i bambini che pregano e quelli che non ti conoscono, i bambini che hanno una famiglia unita
e quelli che soffrono per i genitori separati, i bambini che hanno una bella casa
e quelli che dormono sulla strada,
tutti i bambini che vogliono aiutarti a fare un mondo nuovo. Accoglili nella tua grande famiglia
e trasformali con la potenza del tuo -amore. Amen. - (P.O.I.M. Roma).