Sei sulla pagina 1di 8

Italiano LinguaDue, n. 1. 2011. F.

Zanoli, La iClasse Smartphone e italiano L2/LS

LA ICLASSE SMARTPHONE E ITALIANO L2/LS


Filippo Zanoli1

1. INTRODUZIONE: ISTUDENTI, CHI SONO COSTORO?


La tecnologia si muove veloce, velocissima, tanto che, sia per lumanista tout court
(quello di vecchia scuola, ancora saldamente ancorato alla carta, per intenderci) sia per
linsegnante obnubilato dagli stormi di classi e allievi pu passare quasi del tutto
inosservata. La tecnologia plasma la societ, i modi di fruire le informazioni e i
contenuti, cresce nuove generazioni facendo da nutrice digitale a milioni di giovani e
giovanissimi. Alla fine, quindi, in un modo o nellaltro finisce per entrare nella classe
dove sorprende gli insegnanti pi rodati, proprio attraverso il link fornito dagli stessi
allievi.
C chi li ha definiti2 nativi digitali con un appellativo fortunatissimo e popolare,
ovvero ragazzi(ni) cresciuti a pane ed elaboratori di dati, abituati ad un consumo mediale
che a molti potrebbe apparire tanto variegato, vorace e rapido da sembrare al limite dello
schizofrenico. Tutto, subito, rapidamente. la generazione iPod3, figlia (o cugina) di
quella dello zapping televisivo, dalla quale deriva pi o meno per partenogenesi quella
delliPhone4 o, meglio, dello smartphone, il cellulare intelligente. Non si tratta di una
rivoluzione epocale, come quella del web (o del web 2.0), ma di una meta-rivoluzione non
tanto per quanto riguarda i contenuti e il medium digitale quanto per le modalit di
fruizione delle medesime e del canale utilizzato.
Cellulari intelligenti perch, al contrario dei telefonini tradizionali stupidi sono
connessi/connettibili alla rete e sono tanto prestanti da essere praticamente parificabili a
computer portatili, senza i limiti dellingombro. Ma le potenzialit di uno smartphone non
si limitano allaccesso alla rete ma anche allutilizzo di programmi (in gergo apps, da
applicazioni, pure questo un discutibile calco semantico) dalle svariate possibilit.
Dizionario consultabile in un battibaleno, programmi di riconoscimento dellinput e
traduzione istantanea (con una semplice fotografia di un testo o, addirittura, una
registrazione audio), archivi visuali e enciclopedie. Tutto a portata di mano, tutto fruito
con una tale inconscia e spontanea libert da far addirittura dubitare che il cellulare sia
solo uno strumento per questi ragazzi.
Come insegnanti impossibile non accorgersi di come gli studenti siano
effettivamente cambiati e di quanto centrale sia per loro la presenza (e il costante

1 Master Promoitals, Universit degli Studi di Milano.


2 Usato per la prima volta in Prensky (2001).
3 Per comprendere al meglio le modalit di consumo mediale di questa generazione si consiglia la lettura di

Reynolds (2011) o meglio ancora, la rilettura esegetica di ibidem fatta in Bittanti (2011).
4 Secondo i dati di Scarpa (2011) laumento degli smartphone, solo in Italia, esponenziale con un aumento

del 52% solo fra il 2010 e il 2011 per un totale stimato di 20 milioni di cellulari intelligenti su tutta la
Penisola.

445
Italiano LinguaDue, n. 1. 2011. F. Zanoli, La iClasse Smartphone e italiano L2/LS

utilizzo) di quello che siamo abituati a considerare come un semplice accessorio ed


invece, per loro, una vera e propria porta sul mondo.
Uno strumento tanto potente pu veramente integrarsi con la didattica in classe ed
essere costruttivo piuttosto che distruttivo? Come deve comportarsi il docente? Deve
semplicemente v(i)etare questi potenziali elementi super-distrattori oppure deve provare
a sfruttarne le enormi possibilit? E, in tale caso, cosa e come? Con quali attivit e/o
programmi?
Partendo dal presupposto che un buon insegnante debba sempre e comunque
mettersi in discussione5 e ri-accordarsi con la propria classe e i propri studenti, nella
parte centrale di questo articolo prover a proporre delle attivit smartphone-centriche
che ho somministrato in prima persona ad alcune classi. In conclusione, un piccolo
pamphlet pi o meno teorico sullintegrazione dei cellulari intelligenti in classe,
possibilit e prospettive didattiche e come cambier (o potrebbe cambiare) il ruolo del
docente (anche) di italiano L2/LS.

2. STUDIO DI UN CASO: CORSISTI MARCO POLO 2011

2.1. Classe e problematiche


Gli iStudenti non mi hanno colto del tutto impreparato. Gi nel 2010 mi ero trovato
alle prese con uno studente statunitense di 20 anni, Javier, che in classe utilizzava
costantemente il cellulare per reperire informazioni, tradurre e/o cercare le parole
necessarie. Questanno, per, con i corsisti sinofoni del progetto Marco Polo (ai quali ho
insegnato sia allUniversit degli Studi di Milano che di Modena e Reggio Emilia) la
rottura con la fantomatica precedente generazione stata particolarmente netta e
senzaltro percepibile a livello macroscopico. Non stata, infatti, una sensazione
puramente soggettiva ma condivisa da gran parte dei colleghi.
A differenza dei corsisti dellanno precedente, la classe del 2011 ha utilizzato in
maniera infinitamente pi spregiudicata dizionari digitali e internet in modo del tutto
autonoma durante le lezioni. Ogni testo proposto, ogni parola nuova, veniva
opportunamente scansionata, vagliata, e in seguito recepita6. Un uso tanto massiccio e
sproporzionato da comportare problemi notevoli, soprattutto di fissazione e
acquisizione del lessico che facilmente si traducevano in difficolt comunicative (in un
tipo di corsista, quello asiatico, solitamente non particolarmente ciarliero) ma anche,
forse ancora pi gravi, per quanto riguarda le strutture morfosintattiche, coerenza e
coesione testuale (importanti in quanto gli studenti, comunque particolarmente bravi,
aspiravano ad un certificato B1 del QCER).
Il problema lessicale ha radici profonde e, per certi versi, accomuna lo studente
americano citato in apertura con i corsisti cinesi del Marco Polo. Simile la difficolt a
rapportarsi con un corso di lingua straniera per il semplice fatto che nel paese di

5 Come asserito anche in Cordelli (2011): Questa consapevolezza fondamentale per chi svolge il ruolo
di educatore, dato che tale differenza di prospettiva pu diventare un ostacolo alla comunicazione oppure
una potente risorsa per migliorare lazione didattica.
6 Solitamente appena il testo veniva ricevuto, il/i corsista/i metteva gi mano al dispositivo digitale prima

ancora di averne letto titolo o sottotitolo o aver ascoltato le linee guida e/o commenti da parte del
docente. Non c nemmeno un tentativo di localizzazione semantico-testuale autonoma e indipendente.

446
Italiano LinguaDue, n. 1. 2011. F. Zanoli, La iClasse Smartphone e italiano L2/LS

provenienza 1) si vive in situazioni di forte monolinguismo o predominanza assoluta di


una lingua sulle altre; 2) solitamente non si frequentano corsi di lingue straniere. Sembra
scontato dirlo ma chiunque si iscriva ad un corso di lingua, e ne abbia gi frequentati
altri, sa pi o meno cosa aspettarsi e, in base a queste aspettative, si trover (anche
inconsciamente) ad agire di conseguenza per massimizzarne il beneficio didattico.
Javier, americano anglofono (anche se di origini messicane) che non aveva mai
frequentato prima dora un corso del genere, si era lasciato prendere dallansia da
traduzione e questo lo portava ad un abuso del dizionario perch per lui imparare
litaliano era tradurre tutto. E per tradurre, bisogna scavalcare la barriera del lessico,
capire cosa vogliono dire quelle parole. Unansia comune anche agli studenti sinofoni
(anche loro abbastanza chiusi per quanto riguarda gli studi linguistici7) ai quali, per la
stragrande maggioranza dei casi, vengono insegnate le lingue perlopi con il metodo
grammatica-traduzione e che, spesso e volentieri, possono trovarsi in difficolt con il
metodo comunicativo.
Questo atteggiamento di focus digitale sul lessico, sul particolare, gioca senzaltro
contro limpostazione comunicativa che vuole invece lapertura olistica e la
contestualizzazione8 e, quindi, riporta la palla in un campo che, per i corsisti cinesi,
senzaltro pi affine. Un eccessivo ricorso alluso del dizionario che inficia anche gli
spontanei (e proficui) tentativi di inferenza9 e deduzione dei significati basata sulla
morfologia di parole gi conosciute e che porta ad una concezione atomistica (in tutti i
sensi) del lessico senzaltro dannosa per lo sviluppo dellapprendimento.
Ma come intervenire in maniera correttiva e, insieme costruttiva? Molti colleghi,
anchessi consapevoli della problematicit del traduttore digitale hanno stabilito in
maniera formale momenti in cui il dizionario elettronico (dello smartphone, ecc.) non
doveva essere utilizzato oppure hanno fatto ricorso ad attivit che, fondamentalmente, li
rendevano inutilizzabili10. Ma, considerando che la digit(alizz)azione pare essere quasi un
istinto automatico, piuttosto che propendere per un richiamo costante, non meglio
tentare di sensibilizzare la classe di modo che, sostanzialmente, tenda ad autoregolarsi?
Lideale sarebbe che gli studenti capiscano da soli quando lutilizzo della tecnologia sia
proficuo o meno, per far questo per importante offrire, oltre alle attivit pi
tradizionali (nelle quali luso dello smartphone non contemplato) anche altre in cui
luso del medesimo sia, se non essenziale, contemplato e relativamente importante.

7 Difficilmente gli studenti sinofoni che giungono in Italia per il progetto Marco Polo hanno studiato pi
di una lingua, oltre allitaliano. Di solito quella lingua linglese, ma possono capitare studenti alla loro
prima esperienza con una lingua straniera.
8 Lapproccio comunicativo vorrebbe una pragmatica lingua (o un pragmatico studio della lingua) per fare

e sapersi muovere nellambito quotidiano.


9 Sia allo studente americano che a quello cinese manca quella cultura europea (forse anche romanza)

dellinterscambio costante con lingue straniere vicine con le quali spesso intercorrono legami di parentela
(magari non sempre genealogica ma anche acquisita). Per loro non spontaneo tentare di capire le
parole delle altre lingue usando la propria o altre che si conoscono anche sommariamente. Pur
conoscendo linglese, che ricco di latinismi e parole simili allitaliano, non sono in grado di utilizzarlo
come possibile strumento per fare inferenze.
10 Come letture-lampo a cronometro, che possiamo trovare anche nel manuale Volare (DILIT) e/o letture

nelle quali luso del vocabolario limitato.

447
Italiano LinguaDue, n. 1. 2011. F. Zanoli, La iClasse Smartphone e italiano L2/LS

2.2. Un percorso didattico di iSensibilizzazione


Per ottenere lo scopo che mi ero prefissato, ovvero lintegrazione virtuosa dello
smartphone in classe ho deciso di procedere per gradi. importante considerare il livello
della classe a cui le attivit che prevedevano luso dello smartphone sono state
somministrate: si tratta di una classe di livello B111 particolarmente spigliataper gli
standard asiatici, interattiva e disponibile a mettersi in discussione. Non stata indicata
una tempistica stretta, in quanto la posologia doveva essere gestita in/con libert
dallinsegnante lungo larco del corso anche in base alla risposta degli studenti. I tre
passi sono stati i seguenti:
a) momento di riflessione guidata, collettiva, brainstorming;
b) attivit di produzione scritta, autovalutazione-riflessione;
c) integrazione nelle ore di lezione di attivit che utilizzassero lo smartphone.

a) Smartphone, pro e contro


- Durata: circa 45 minuti.
- Tipologia di attivit: produzione orale/discussione in plenum o in gruppo.
- Materiali: nessuno, opzionalmente la lavagna.

Una prima attivit, di importanza basilare, che funge da pietra fondante del percorso
che si andr ad intraprendere la discussione collettiva guidata dallinsegnante
sullimportanza dello smartphone e dei suoi usi allinterno della classe. Quali vantaggi lo
smartphone pu portare a lezione? Quali svantaggi12?
La discussione collettiva guidata pu essere organizzata e svolta in piccoli gruppi (se
la classe numerosa) o in plenum. Importante il confronto non solo con linsegnante ma
anche allinterno della classe stessa, fra studenti con posizioni dissimili. Solitamente i
punti positivi sono i primi ad essere esposti ma, se gli studenti sono onesti, non
mancheranno di evidenziare gli aspetti negativi annotando che s molto comodo e
veloce ma pu portare dipendenza e le parole non rimangono13.
Compito dellinsegnante di indicare altre problematiche pi specificamente
linguistiche, come il rischio di incappare in sinonimi o omonimi, parole disusate e di un
cattivo uso dei dizionari in generale (e quindi, di indicare anche quale sia il buon uso del
dizionario14).

b) Senza e Con
- Durata: 30 minuti.
- Tipologia dellattivit: produzione scritta individuale.
- Materiali: un foglio di carta.

11 Il percorso pu essere comunque declinato in maniera efficace anche a un livello A2; per un A1 invece
risulta senzaltro inadatto.
12 In Birk (2011) interessante notare come un brainstorming simile venga fatto allinterno dello stesso

corpo insegnanti. Un approccio, questo, particolarmente interessante.


13 Si riportano qui opinioni espresse dagli allievi.
14 Argomento che non viene qui affrontato: si vuole solo sottolineare come sia compito dellinsegnante di

lingua orientare gli allievi sullutilizzo corretto del dizionario sia esso monolingue o bilingue.

448
Italiano LinguaDue, n. 1. 2011. F. Zanoli, La iClasse Smartphone e italiano L2/LS

Dopo la fase iniziale di riflessione collettiva opportuno analizzare come ogni


singolo corsista utilizzi lo smartphone e/o il dizionario elettronico in classe. Lattivit
molto semplice: si tratta di una produzione scritta in cui lallievo dovr redigere un breve
testo su un tema scelto dal docente. Lallievo deve piegare a met il foglio e utilizzare
solo la met superiore scrivendo in alto a destra la parola Senza e sotto la met,
allineata, la parola Con. Nella met superiore del foglio non potr utilizzare il
dizionario elettronico del cellulare. Terminata la stesura del testo, gli/le verr fornita la
possibilit di correggere e riscrivere lo stesso testo, utilizzando il suo cellulare
intelligente, nella seconda met del foglio. Le produzioni verranno poi ritirate e corrette
dal docente. Il momento della correzione particolarmente importante perch deve
rendere evidente allallievo di quali siano le sue modalit di fruizione ed utilizzo del
mezzo tecnologico. Se non si ha a che fare con una classe troppo grande possibile
anche immaginare un momento di discussione privata insegnante-allievo/a.
Nellesperienza condotta da chi scrive risultato subito lampante che lutilizzo dello
smartphone rendeva solo per certi versi il testo pi corretto15. I cambiamenti erano
esclusivamente cosmetici, gli studenti e le studentesse utilizzavano altri vocaboli
rispetto a quelli scelti inizialmente perch li percepivano come pi corretti16 quando
anche quelli della parte Senza erano, in ogni caso, sufficientemente corretti ed
esplicativi. Diversi sono stati i casi17 in cui si sono sommessi pi errori di tipo
morfosintattico nella parte Con che nella parte Senza.

c) Attivit multi-mediali
- Durata: variabile.
- Tipologia: variabile.
- Materiali: variabili.

Dopo le prime due fasi di consapevolizzazione tempo di introdurre in classe il


cellulare intelligente con attivit e momenti dedicati che possono essere esplicit(at)i,
o meno in cui gli studenti potranno utilizzare appieno la connettivit internet e
sfruttare le risorse e i benefici delle varie applicazioni. I tipi di attivit possono essere
molteplici, possono essere declinazioni diverse di attivit informatizzate note (come la
webquest) ma, nel corso delle lezioni, ho preferito quelle aperte pi ludiche-ludicizzate e a
gruppi. Non va dimenticato che lo smartphone pu anche fungere da telecamera,
macchina fotografica, pu inviare email, trovare numerosissime immagini grazie alla rete.
In questo senso ho trovato assai pi stimolanti (anche considerando il livello e
lattitudine positiva della classe) giochi di ruolo particolari, giochi di investigazione e
quiz reciproci a gruppi18. Da non dimenticare inoltre produzioni mediali a tema (film,
fotografie, subito condivise). Lo smartphone pu, a tutti gli effetti, essere uno strumento
per svolgere task linguistici.

15 Il 65% dei testi era effettivamente pi corretto dopo lutilizzo del dizionario digitale, il 15% risultava
meno corretto e il 25%, infine, ugualmente corretto.
16 L85% delle modifiche apportate ha riguardato la sostituzione di vocaboli considerati inadeguati con

altri percepiti come pi corretti. In realt ben il 54% delle modifiche risultata cattiva nel senso di
inadeguata o spesso, semplicemente, sbagliata.
17 Il 65% delle modifiche ha comportato errori di tipo morfosintattico.
18 Buon esempio potrebbero essere i manuali Volare 2 e Volare 3 di DILIT.

449
Italiano LinguaDue, n. 1. 2011. F. Zanoli, La iClasse Smartphone e italiano L2/LS

3. LA ICLASSE, LO SMARTPHONE, SVILUPPI FUTURI


La rivoluzione (se cos, ormai si pu chiamare) digitale, che nellultimo decennio ha
riplasmato il modo di intendere la diffusione del sapere e delle informazioni, non ha mai
intaccato in maniera realmente significativa lo spazio, fino spesso chiuso, dellaula. Lo
smartphone pu far crollare lideale barricata che separa il dentro dal fuori dalla scuola,
dallaula.
Se la glottodidatica, anche dellitaliano L2/LS, ha pi o meno sempre voluto integrare
lelemento digitale nel percorso di insegnamento/apprendimento intuendone le
potenzialit, daltro canto si sempre dovuta scontrare con diversi limiti che sono propri
del computer: la fruizione forzatamente solipsistica e, soprattutto, lingombro fisico
proprio dellapparato del calcolatore e dellaula informatizzata.
Con i cellulari intelligenti, cade questo paradigma, e a pensarci bene si tratta di un
cambiamento epocale. In primo luogo perch decreta la fine, la sparizione e lestinzione
di un locus predisposto alla fruizione del computer, in secondo luogo sfonda anche
quelle che fino a poco tempo fa erano state le inespugnabili mura dellaula della classe
introducendone di nuove, del tutto virtual-digitali. La rivoluzione digitale ora non pi
solamente uneco ma si insinuata, nelle dimensioni di un telefonino cellulare, in uno
spazio che fino a quel momento le era precluso. Vi entra anche perch ragazzi e giovani
digitali usano costantemente lo smartphone come strumento, come si farebbe con una
penna o un libro di consultazione. Bisogna formalizzare, inserire nel panorama-classe,
linformalizzato che, fino a poco tempo fa era linformatizzato.
Linsegnante non pu e non deve avere pregiudizi e atteggiamenti di rifiuto verso il
nuovo mezzo; sarebbe sbagliato in primo luogo verso le potenzialit dello smartphone
non solo strumento di comunicazione, ma anche come strumento di
insegnamento/apprendimento, e in secondo luogo verso gli allievi stessi. Sarebbe come
obbligare una classe di mancini a scrivere con la destra. Agire contro una natura radicata
rischia di essere faticoso, controproducente, frustrante, oltre che pedagogicamente
errato e inefficace. Se i suoi allievi sono abituati ad utilizzare frequentemente un
medium, (lo smartphone, ma anche liPad, ecc.) anche per quanto riguarda il confronto e
lapprendimento con una lingua straniera come litaliano, importante che linsegnante
lavori con loro perch lo utilizzino in maniera corretta nei momenti giusti
consapevole nei modi giusti e pi costruttiva per fare .
Quella del digitale una sfida, linsegnante di lingua (ma non solo) deve (o dovr)
essere anche in grado di lavorare a livello digital-mediale con funzione di tutore19. Deve
seguire la classe e indirizzarla sulle modalit di fruizione dei nuovi media, su come
selezionare e usare le risorse disponibili in modo efficace e funzionale allapprendimento
della/e lingua/e20.
unopportunit che non pu essere persa e trascurata.. La rete un corpus, un
archivio, immenso di materiale didattico, didattizzabile, autentico. Vi troviamo testi
(anche tecnici), articoli, immagini, ascolti. Non dimentichiamo, inoltre, le possibilit
offerte dai social network, dalle chat (vere e proprie miniere per esercizi sulloralit
seconda), e dai videogiochi pi o meno linguistici. Ma gli smartphone non si limitano alla

19 Cfr. in Zanoli (2009), anche la figura delledurector (educator/educatore e director/regista) in Lombardi


(2011).
20 In questo senso, in America, il dibattito apertissimo come possiamo leggere in Lenoway (2011),

Ranklin (2011) e Chen (2011).

450
Italiano LinguaDue, n. 1. 2011. F. Zanoli, La iClasse Smartphone e italiano L2/LS

pura e semplice connettivit. Diversi sono i programmi (o applicazioni) disponibili per la


didattica della lingua italiana21, materiali che non sono ancora stati analizzati e/o vagliati
ma che senzaltro vengono utilizzati ogni giorno da centinaia di apprendenti litaliano
LS/L2.
In conclusione, i cellulari di ultima generazione hanno rotto le ultime membrane che
separavano il digitale (virtuale) dallanalogico (il reale), una fase veramente epocale che
socialmente viene percepita solo in maniera epidermica. Limportanza radicale di questi
cambiamenti ci sar chiara solamente fra qualche anno. Come docenti di lingua, spesso
alle prese con giovani studenti, siamo i primi testimoni ad osservare il comportamento
in classe di queste nuove generazioni informatizzate. Il nostro compito, quindi, non
dovr limitarsi allaspetto puramente linguistico ma saremo chiamati, come insegnanti,
ad aiutarli ad utilizzare al meglio, allinterno del loro percorso, quei mezzi che sono per
loro tanto indispensabili, quanto di uso abituale e che stanno modificando, anche a
livello cognitivo, le modalit della ricezione e della produzione linguistica.

RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI
Antonietti A., Calcaterra A., Colombo B., Giorgetti M. (2003), Attorno al computer.
Strumenti e ricerche su nuove tecnologie e apprendimento, Carocci, Roma.
Bentley Tom (1998), Learning beyond the Classroom: Education for a changing world, Routledge,
London.
Bosc F. (2007), Elaborazione di materiali didattici, dispensa per il master PROMOITALS,
Universit degli Studi di Milano.
Cordelli (2011), La LIM e la didattica: problemi e indicazioni operative, in Nuova
Secondaria, n.2 15 ottobre 2011, La Scuola Editrice, Brescia.
Ferri Paolo (2008), La scuola digitale, Bruno Mondadori, Milano.
Fratter Ivana (2004), Tecnologie per linsegnamento delle lingue, Carocci, Roma.
Lombardi Ivan (2011), Computer Games as a Tool for Language Education, in
G|A|M|E - Games as Art | Media | Entertainment, dicembre 2011.
Prensky Marc (2010), Teaching digital natives: partnering for real learning, Corwin Press,
Thousand Oaks, CA.
Prensky Marc (2001), Digital Natives, Digital Immigrants, da From On the Horizon, Vol. 9 No.
5, October ottobre 2001, MCB University Press, Bradford.
Reynolds Simon (2011), Retromania, ISBN, Milano.
Zanoli Filippo (2010), Videogiochi e italiano L2/LS, in Italiano LinguaDue, n. 1. 2010.

RISORSE ONLINE
Birk Raymond (2011), Introducing smartphones to the classroom,
http://thelearningnation.blogspot.com/2011/04/introducing-smartphones-to-
classroom.html

21Una panoramica e/o analisi delle Apps per litaliano L2/LS disponibili sulle bancarelle digitali dei sistemi
operativi iOS e Android meriterebbe senzaltro di essere fatta. Purtroppo, ad oggi, non ve n nessuna.

451
Italiano LinguaDue, n. 1. 2011. F. Zanoli, La iClasse Smartphone e italiano L2/LS

Bittanti Matteo (2011), Retromania: la nostalgia per il futuro di Simon Reynolds, Wired,
http://blog.wired.it/misterbit/2011/08/25/retromania-la-nostalgia-per-il-futuro-
di-simon-reynolds-prima-parte.html
Chen Brian X. (2011), How the iPhone could reebot education, Wired,
http://www.wired.com/gadgetlab/2009/12/iphone-university-abilene/
Lenaway Bob (2011), Educating the digital tribe, blog, http://eddigitaltribe.blogspot.com/
Ranklin Bill, iThinked, blog, http://ithinked.com/
Scarpa Paola (2011), I trends del mercato mobile,
http://www.downloadblog.it/galleria/google-think-mobile-2011/

452