Sei sulla pagina 1di 4

Chiara morta a 28 anni per salvare suo

figlio
Chiara Corbella aveva 28 anni. Era sposata con Enrico Petrillo. Entrambi romani,
dellAurelio. Dopo essersi conosciuti a Medjugorje, si sono fidanzati e a settembredel
2008 hanno coronato la loro storia damore con il matrimonio. Dopo pochi mesi Chiara,
come desideravano, rimasta subito incinta. Di Maria. Una notizia fantastica. Ma
purtroppo alla bimba, sin dalle prime ecografie, stata diagnosticata unanencefalia (una
malformazione congenita grave dove il nascituro appare privo totalmente o parzialmente
dellencefalo). Senza alcun tentennamento Enrico e Chiara lhanno accolta comunque e
accompagnata nella nascita terrena e, dopo circa 30 minuti, come dicono i loro amici
alla nascita in cielo. Al funerale Enrico e Chiara erano l, accanto a quella piccola bara
bianca: hanno scritto e cantato per tutta la messa aggrappati a una grande fede. Qualche
mese dopo, ecco unaltra gravidanza. Ma come se qualcuno avesse voluto mettere alla
prova i cuori di quei due giovani ragazzi, anche in questo caso le prime ecografie non
sono andate bene. Il bimbo, questa volta era un maschietto, era senza gambe. Senza paura
e con il sorriso sulle labbra hanno scelto ancora una volta di portare avanti la gravidanza.
Qualcosa di difficile, forse da comprendere, eppure Enrico raccontava la sua gioia di
avere un bimbo anche se privo delle gambe. Purtroppo, per, verso il settimo mese,
lecografia ha evidenziato delle malformazioni viscerali con assenza degli arti inferiori e
incompatibilit con la vita. Spacciato. Ma i due giovani con il sorriso hanno voluto
accompagnare il piccolo Davide, questo il nome che avevano scelto per lui, fino al giorno
della sua venuta alla luce. Poco dopo la nascita anche Davide deceduto.Un altro
funerale. Unaltra croce. Ma una voglia infinita di vita. Ancora. Ancora di pi, se
possibile. Passano i mesi e arriva unaltra gravidanza: Francesco, il nome prescelto. Tutti
gli amici, sempre di pi intorno a loro, hanno gioito per la notizia e per la speranza di
Chiara ed Enrico verso la vita. E finalmente tutto va per il meglio: le ecografie
confermavano la salute del bimbo che cresce forte e sano. Ma al quinto mese arriva una
nuova croce. A Chiara viene diagnosticata una brutta lesione della lingua e dopo un
primo intervento, i medici le dicono quello che non avrebbero mai voluto dirle: ha un
carcinoma. Nonostante questo, Chiara ed Enrico hanno combattuto ancora, uniti, forti,
insieme per difendere il loro Francesco. Non hanno avuto dubbi e hanno deciso di portare
avanti la gravidanza mettendo a rischio la vita della mamma. Chiara, infatti, solo dopo il
parto si potuta sottoporre a un nuovo intervento chirurgico pi radicale e poi ai
successivi cicli di chemio e radioterapia.Mesi difficili. Durissimi. Lo sa bene Gianluigi
De Palo, che prima di essere lassessore alla Famiglia del Comune di Roma, uno loro
amico. Hanno affrontato queste prove con il sorriso e con un sereno affidamento alla
Provvidenza - ha scritto ieri sul suo profilo Facebook - Ho parlato pi e pi volte con
Chiara ed Enrico di come in tutte queste prove mai si son lasciati sconvolgere, ma solo
hanno accettato la volont di Colui che non fa nulla per caso.Chiara non ce lha
fatta. Mercoled a mezzogiorno il suo cuore ha smesso di battere e combattere contro una
malattia che non le ha lasciato scampo. Resta Enrico. Il suo amore per il piccolo
Francesco. E le parole di Chiara, in un video su youtube (testimonianza di Enrico e
Chiara) che in un giorno ha fatto registrare circa 500 condivisioni.Il Signore ha
sempre qualcosa di diverso per noi. Non tutto va come noi pensiamo - racconta Chiara ad
un microfono - Avevo visto con la dottoressa, attraverso lecografia, che la scatola
cranica della nostra bambina non si era formata. Anche se lei si muoveva perfettamente,
per lei non cerano possibilit. Io non me la sentivo proprio di andare contro di lei, mi
sentivo di sostenerla come potevo, e non di sostituirmi alla sua vita. Ora non sapevo
come dirlo a mio marito. Ho passato una notte terribile, e ho detto: Signore, mi vuoi
donare questa cosa, ma perch non me lo hai fatto scoprire insieme a mio marito? Perch
mi chiedi di dirglielo?.E ancora: A quel punto ho pensato alla Madonna, che
anche a lei il Signore aveva donato un figlio e gli aveva chiesto di annunciarlo a suo
marito. Anche a lei il Signore aveva donato un figlio che non era per lei, che sarebbe
morto e lei avrebbe dovuto vedere morire sotto la croce. Questa cosa mi ha fatto riflettere
sul fatto che forse non potevo pretendere di capire tutto e subito, e forse il Signore aveva
un progetto che io non riuscivo a comprendere. Ma gi avviene il primo miracolo: il
momento in cui lo dico a Enrico stato un momento indimenticabile. Mi ha abbracciato e
mi ha detto: E nostra figlia e la terremo cos com. Nonostante tutto stata una
gravidanza stupenda, in cui abbiamo potuto apprezzare ogni singolo giorno, ogni piccolo
calcio di Maria stato un dono. Il figlio dona la vita alla madre... Il parto stato naturale,
veloce e indolore. Il momento in cui lho vista un momento che non dimenticher mai.
Ho capito che eravamo legati per la vita. Labbiamo battezzata, ed stato il dono pi
grande che il Signore potesse farci.

La testimonianza del marito di Chiara


La sua storia sta facendo il giro del mondo. Chiara Corbella, una bella ragazza romana di
28 anni, morta il 13 giugno scorso. E morta dopo aver rinviato le cure per un tumore
scoperto al quinto mese di gravidanza. La sua scelta ha consentito al figlio Francesco di
venire al mondo sano. La sua, per, non era la prima gravidanza: Maria e Davide erano
scomparsi poco dopo il parto essendo nati entrambi con gravi malformazioni.
Prima di morire Chiara aveva scritto in una lettera al figlio Francesco: Vado in cielo ad
occuparmi di Maria e Davide, e tu rimani con il pap. Io da l prego per voi.
Enrico Petrillo, il marito di Chiara, ha letto quella lettera al funerale della ragazza. Una
cerimonia alla quale hanno partecipato pi di mille persone. Enrico nei giorni scorsi ha
rilasciato unintervista a Radio Vaticana.
In un filmato su Youtube, Chiara ha pronunciato questa frase: Il Signore mette la verit
in ognuno di noi; non c possibilit di fraintendere. Alla luce di quanto accaduto (i
dolori, le incertezze, le scelte fatte ) qual , stato chiesto ad Enrico, la verit che hai
scoperto?
Quella frase ha risposto il giovane- si riferisce al fatto che il mondo di oggi, secondo
noi, ti propone delle scelte sbagliate di fronte allaborto, di fronte a un bimbo malato, di
fronte a un anziano terminale, magari con leutanasia Il Signore risponde con questa
nostra storia che un po si scritta da sola: noi siamo stati un po spettatori di noi stessi,
in questi anni. Risponde a tante domande che sono di una profondit incredibile. Il
Signore, per, risponde sempre molto chiaramente: siamo noi che amiamo filosofeggiare
sulla vita, su chi lha creata e quindi, alla fine, ci confondiamo da soli volendo diventare
un po padroni della vita e cercando di sfuggire dalla Croce che il Signore ci dona. In
realt, questa Croce se la vivi con Cristo non brutta come sembra. Se ti fidi di lui,
scopri che in questo fuoco, in questa Croce non bruci e che nel dolore c la pace e nella
morte c la gioia. Quando vedevo Chiara che stava per morire ero ovviamente molto
scosso. Quindi, ho preso coraggio e poche ore prima era verso le otto del mattino,
Chiara morta a mezzogiorno glielho chiesto. Le ho detto: Chiara, amore mio, ma
questa Croce veramente dolce, come dice il Signore?. Lei mi ha guardato, mi ha
sorriso e con un filo di voce mi ha detto: S, Enrico, molto dolce. Cos, tutta la
famiglia, noi non abbiamo visto morire Chiara serena: labbiamo vista morire felice, che
tutta unaltra cosa.
Ma cosa racconter papa Enrico al figlio Francesco quando lui domander della mamma?
Gli racconter sicuramente ha risposto ancora Enrico - di come bello lasciarsi amare
da Dio, perch se ti senti amato puoi fare tutto. Questa, secondo me, lessenza, la cosa
pi importante della vita: lasciarsi amare, per poi a nostra volta amare e morire felici.
Questo quello che gli racconter. E gli racconter che questo ha fatto mamma Chiara.
Lei si lasciata amare e, in un certo senso, mi sembra che stia amando un po tutto il
mondo. La sento pi viva oggi che prima. E poi, il fatto di averla vista morire felice per
me stata una sconfitta della morte. Oggi, so che c una cosa bellissima di l che ci
aspetta.
Infastidito dal profumo di santit intorno a Chiara? Sinceramente mi lascia abbastanza
indifferente. Nel senso che Chiara e io avevamo fatto altre scelte, per la vita: avremmo
desiderato tanto invecchiare insieme. Per, anche in questo momento della nostra storia
vedo come Dio ogni giorno mi meravigli... Io sapevo che mia moglie era speciale: credo
nella beatitudine, che una persona venga proclamata beata perch beato significa essere
felici. Chiara e in parte anch'io abbiamo vissuto tutta questa storia con una grande gioia
nel cuore, e questo mi faceva intuire delle cose grandi. Per, oggi sono meravigliato,
perch mi sembrano molto pi grandi di quello che io potessi pensare. Una meraviglia
che fa il giro del mondo.