Sei sulla pagina 1di 5

PROGRAMMA DELLA LISTA FARE BENE PER SCORDIA AGNELLO SINDACO

Per la Citt dei cittadini


Un programma di cose da fare subito!

UNA AMMINISTRAZIONE APERTA


LAmministrazione scelta dagli elettori chiamata a realizzare, al servizio dellintera comunit, il progetto
che ha proposto alla citt.
Ma fedeli al principio che un sindaco, una giunta e un consiglio comunale non esauriscono la ricchezza di
competenze diffuse tra i cittadini, intendiamo avvalerci del contributo di quanti nei rispettivi ambiti
professionali spiccano per qualit ed esperienza, per studiare, proporre e coordinare progetti nel ruolo di
esperti esterni a titolo gratuito.
La selezione avverr tramite avviso pubblico, tra coloro che manifesteranno interesse ad essere incaricati
nelle materie:
Formazione e aggiornamento del personale
Sviluppo economico
Urbanistica
Cultura
Ambiente e natura
Eventi di spettacolo
Arti visive
Solidariet e migranti
Protezione Civile
Immagine e marketing della citt

IL MUNICIPIO E I SUOI SERVIZI, UN MOTORE CHE FUNZIONA


Il personale dipendente tutto dellEnte un capitale umano ed economico fondamentale per lintera
comunit.
Riorganizzare lEnte, i suoi settori, i servizi e le competenze: ascoltare, valutare, decidere.
Rendere chiaro e trasparente chi fa cosa e come lo fa.
Conoscenza competenza, legalit: chi sa fare non perde tempo, non complica le cose semplici, non
scarica sugli altri le proprie responsabilit, rispetta e fa rispettare le regole.
Ripensare i servizi dimmediato impatto con i cittadini e le imprese.
Formazione e aggiornamento permanente del personale: chi non conosce e non sa fare bene il proprio
lavoro genera un danno per lEnte e i cittadini: perdita di tempo, di denaro, di efficienza.
Lo spazio web deve essere un luogo di contatto reale con una amministrazione amica e trasparente, per
conoscere da casa organizzazione, funzioni, responsabilit, tracciabilit dei procedimenti, presentare
istanze, segnalare disservizi.
PROGRAMMA DELLA LISTA FARE BENE PER SCORDIA AGNELLO SINDACO

CORREGGERE L'ATTUALE GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI


Occorre puntare allobiettivo rifiuti zero, informare ed educare i cittadini a sviluppare comportamenti
responsabili, nel proprio interesse e della collettivit.
Occorre ridurre la spesa per la raccolta e lo smaltimento in discarica dei rifiuti indifferenziati: oltre 220 mila
euro lanno sono prelevati dalle tasche dei cittadini a causa di chi non differenzia i rifiuti e sporca le
periferie.
Migliorare la qualit del servizio un obiettivo programmatico fondamentale, sia nellarea urbana che nelle
zone esterne. l rifiuti non sono un problema ma una risorsa.
Bisogna puntare con decisione:
- sullincremento della raccolta differenziata,
- sulla riduzione del costo complessivo,
- sul riconoscimento di premialit individuali a famiglie e utenze non domestiche che separano
correttamente i loro rifiuti.
Per raggiungere questi obbiettivi prevediamo:
a) di dotare tutti gli utenti di appositi contenitori nuovi e pi voluminosi degli attuali, dotati di tecnologia
Tag-Rfid, in cui conferire la tipologia giornaliera prevista;
b) la riapertura del Centro Comunale di Raccolta della zona industriale, il suo potenziamento per il
conferimento da parte delle utenze domestiche e delle attivit commerciali di tutte quelle tipologie di
rifiuto urbano o assimilabile che non possibile conferire tramite il porta a porta;
c) ladeguamento del Centro di Raccolta con sistemi tecnologici che favoriscano una migliore attivit di
sorveglianza, una puntuale registrazione, e incentivi agli utenti utilizzatori del Centro;
d) la diffusione del compostaggio domestico, tramite ladozione di un apposito regolamento, sia nelle
aree esterne che interne al centro urbano, con il riconoscimento di un corrispettivo economico a coloro che
intendano perseguire questa modalit di recupero del rifiuto;
e) il riconoscimento di premialit alle utenze domestiche e commerciali che differenziano il loro rifiuto in
maniera corretta;
f) listituzione di un servizio di Vigilanza Ambientale che affianchi la Polizia Municipale nellattivit di
controllo del territorio;
g) il miglioramento dei servizi, a cominciare dalla pulizia delle strade, delle aree a verde, dalla rimozione
dei rifiuti abbandonati.
Ci impegneremo affinch gli utili che derivano dalla raccolta differenziata siano impiegati per garantire
servizi pi efficienti, migliore qualit, e sensibile riduzione dei costi sia collettivi che individuali.
Il nostro obiettivo di giungere, entro la met del mandato, a definire la tassazione del servizio di igiene
urbana in modo puntuale, secondo il principio della reale produzione dei rifiuti, cio a persona e secondo la
produzione reale di rifiuti.

FARE RIPARTIRE LO SVILUPPO ECONOMICO E IL LAVORO


Rendere permanente il confronto tra lAmministrazione, le imprese, le rappresentanze del mondo
produttivo e del lavoro sui temi che interessano lo sviluppo della Citt.
LAmministrazione sar parte e sosterr ogni forma di aggregazione in filiera tra produttori e operatori
commerciali del comparto agrumicolo e ortofrutticolo.
Rilancio del ruolo istituzionale e politico del Coordinamento dei Comuni agrumetati a supporto delle
istanze dei produttori e degli operatori commerciali.
Sostegno organizzativo e/o partecipazione diretta e attiva al Consorzio di Tutela Arancia Rossa di Sicilia IGP,
al Distretto Produttivo Agrumi di Sicilia, al Consorzio di Tutela Olio Extravergine doliva DOP Monti Iblei, con
lobiettivo di rafforzare le potenzialit di qualit e di commercializzazione e distribuzione del prodotto
agrumicolo in Italia e all'Estero.
Ruolo attivo nel GAL NatIblei (Nucleo di Aggregazione Territoriale con i comuni di Licodia Eubea, Militello
Val di Catania, Vizzini, Chiaramonte Gulfi, Giarratana, Monterosso Almo, Buccheri, Buscemi, Carlentini,
Cassaro, Ferla, Francofonte, Palazzolo Acreide e Sortino) e in ogni organismo di valenza territoriale che si
proponga come obiettivo la programmazione, progettazione e gestione delle risorse dirette allo sviluppo
locale nella programmazione comunitaria 2014-2020.
PROGRAMMA DELLA LISTA FARE BENE PER SCORDIA AGNELLO SINDACO

Attivazione di uno apposito sportello di assistenza per la conoscenza e laccesso alle opportunit di aiuto
agli investimenti per i produttori agricoli e le imprese del territorio.
Potenziamento dello Sportello Unico per le Attivit Produttive per la semplificazione burocratica degli
adempimenti per i nuovi insediamenti e le trasformazioni in funzione produttiva nel territorio comunale.
Stimolo e sostegno alla nascita dei Centri Commerciali Naturali, a vantaggio degli esercizi locali e dei
consumatori, per beneficiare dei finanziamenti diretti a migliorare larredo e lambiente urbano nelle zone
commerciali, e incentivare la concertazione di campagne di vendita mirate ad avvicinare i consumatori
allofferta locale al dettaglio.

RILANCIARE LA ZONA ARTIGIANALE E INDUSTRIALE


Le imprese insediate nellarea sono una fonte di ricchezza e di lavoro per Scordia.
Mantenere, far crescere con successo ogni realt produttiva, e richiamare nuovi investimenti, deve essere
un obiettivo di tutta la comunit.
Occorre:
- rivedere e rendere equo il carico della tassazione in proporzione ai servizi effettivamente goduti;
- incentivare linsediamento di nuove imprese nelle aree disponibili con labbattimento degli oneri di
urbanizzazione;
- favorire la trasformazione delle destinazioni duso degli insediamenti artigianali e industriali con la
riduzione degli oneri concessori;
- rendere attuabile il Protocollo dintesa tra Comune e Consorzio ASI (oggi IRSAP), sottoscritto nel 2007,
per la realizzazione degli interventi di manutenzione ordinaria di strade, segnaletica, aree verdi;
- garantire insieme alle imprese il controllo e la sicurezza dellarea.

SCUOLA E FUTURO
Prima di tutto la sicurezza e ligiene degli spazi interni e intorno alle scuole. Indispensabile avviare un
programma sulledilizia scolastica per la messa in sicurezza degli edifici e larredo delle aule utilizzando ogni
opportunit di finanziamento. Utilizzo di ogni risorsa gi disponibile e avvio degli interventi gi finanziati.
Istituzione di un Osservatorio sullinfanzia formato da docenti, genitori e specialisti.
Puntare sulla formazione civile delle nuove generazioni.
Sostenere il progetto del Sindaco dei ragazzi e del Consiglio Comunale dei ragazzi.
Stretto raccordo con le direzioni scolastiche, i collegi docenti, i consigli distituto, per un monitoraggio
costante delle problematiche di carattere organizzativo e formativo che coinvolgono il ruolo
dellAmministrazione.
Rafforzare la collaborazione tra la scuola e le associazioni sportive, promuovendo laccesso gratuito dei
ragazzi alla formazione nelle diverse discipline attraverso convenzioni con le associazioni che gestiscono
impianti di propriet pubblica.

LEGALITA PER CRESCERE


Non c sviluppo economico, civile, culturale, reale e duraturo, senza rispetto delle leggi e dei regolamenti.
La Pubblica Amministrazione deve essere di esempio.
Massima vigilanza sulle procedure e sul sistema di gestione dei lavori pubblici, e sul funzionamento di tutti i
servizi comunali.
Rafforzare la rete della cultura della legalit tra le istituzioni locali, gli Organi dello Stato, le Forze
dellOrdine, le associazioni antiracket e antiusura, le scuole, le associazioni professionali.

TUTTI PIU SICURI


Arginare i comportamenti illegali e denunciare chi sporca e abusa del territorio.
Incrementare i controlli e la collaborazione tra la Polizia Locale e le Forze dellOrdine su progetti di
prevenzione mirati (uso del casco, alcol, droghe, furti domestici), e rendere visibile la presenza dello Stato.
Predisporre e realizzare, con le risorse rese disponibili dai Programmi Operativi Nazionali in materia di
sicurezza, un piano di videosorveglianza nelle aree strategiche del territorio.
Installazione di passaggi pedonali rialzati per la sicurezza dei pedoni e per contenere la velocit di auto e
moto nel centro urbano.
PROGRAMMA DELLA LISTA FARE BENE PER SCORDIA AGNELLO SINDACO

SOLIDARIETA ACCOGLIENZA E SALUTE


Presenza attiva nel Distretto socio sanitario per confermare i servizi gi attivi, programmare progetti di
assistenza-lavoro e utilizzare risorse della programmazione europea tramite i bandi nazionali e regionali.
Intercettare tutte le risorse rese disponibili dalla programmazione regionale e nazionale per la realizzazione
di cantieri di servizio che impegnino persone senza lavoro.
Potenziamento dei servizi a supporto della rete contro le povert con le Caritas parrocchiali e le
associazioni.
Collaborazione con tutte le organizzazioni che si occupano dellaccoglienza dei migranti e di integrazione.
Istituzione di un Osservatorio sulla salute per il monitoraggio delle problematiche ambientali e dei
riflessi sulla salute dei cittadini.

DARE VALORE AL TERRITORIO E ALLAMBIENTE NATURALE


Revisione del Piano Regolatore Generale.
Piano particolareggiato del Centro Storico.
Interventi per la fruizione dellarea naturalistica del Vallone Cava, in collaborazione con associazioni e
gruppi informali attivi sui temi ambientali, per salvaguardarne lintegrit e sensibilizzare linteresse dei
cittadini.
Prevenzione del formarsi delle discariche abusive che deturpano lambiente e il paesaggio agricolo.
Intese con i comuni vicini e i proprietari dei fondi per la valorizzazione della Valle del Loddiero e del Colle S.
Basilio (Casale).
Recuperare dalle secche della burocrazia regionale e le risorse finanziarie necessarie per avviare i lavori e
garantire il funzionamento del depuratore consortile.
Affidare la cura degli spazi verdi urbani, tramite convenzioni e sponsorizzazione, ad aziende produttive ed
esercizi commerciali.

CONSUMARE MENO SUOLO E RECUPERARE LESISTENTE


Recupero urbanistico del Centro storico tramite un Piano di rigenerazione urbana integrata, da realizzare
con il coinvolgimento dei residenti, delle associazioni, dei cittadini, e intese pubblico-privato, per fermare il
degrado, la fuga di chi vi abita, labbandono del patrimonio edilizio esistente, ricchezza non solo materiale
ma di storia, arte, memoria.

PARTECIPARE PER CONTARE


Destinazione del 2% delle somme trasferite dalla Regione al Comune (art. 6 comma 1 L.R. n. 5 del 2014)
allistituto del Bilancio partecipativo per iniziative proposte da associazioni e singoli cittadini e votate in
pubblica assemblea.
Strumenti agili e non burocratici come i Forum tematici o di settore (es. scuola, imprese, lavoro,
volontariato, ecc.) saranno il punto di contatto continuo tra lAmministrazione e la citt: per conoscere,
proporre, discutere, condividere, decidere insieme.
Favorire la nascita di Comitati di quartiere informali per il monitoraggio dei problemi con maggiore impatto
sulla vita dei residenti.

SPAZI PER LEDUCAZIONE LA CULTURA E LA DEMOCRAZIA


Scordia dispone di un patrimonio di strutture pubbliche chiuse da anni o in pessimo stato, capaci di
ospitare servizi educativi, iniziative artistiche, culturali e di spettacolo, e di rispondere alla domanda di fasce
diverse di cittadini:
- Asilo Nido di via Galliano;
- Teatro allaperto Vito Salvatore Monitto;
- lex Pescheria;
- il Centro di aggregazione giovanile (ex Mercato coperto).
Recuperare questi spazi, individuare soggetti e modalit di gestione per uno stabile funzionamento
indispensabile, perch crescere, fare cultura, esercitare la democrazia, richiedono luoghi adeguati e
accoglienti.
PROGRAMMA DELLA LISTA FARE BENE PER SCORDIA AGNELLO SINDACO

ISTITUZIONI CULTURALI E CULTURA


Il Museo Civico Etno antropologico ed Archivio storico Mario De Mauro e la Biblioteca Comunale sono le
due istituzioni di rifermento per lo sviluppo delle attivit culturali dellEnte.
Per rendere il Museo Civico quanto pi autonomo nella programmazione delle proprie attivit e capace di
autofinanziamento occorre favorire la sua trasformazione in Fondazione, per poter svolgere meglio e
conseguire i propri scopi anche con attivit imprenditoriali organizzate per la produzione di beni o di servizi.
Gli spazi espositivi di Palazzo Modica e della (recuperata) Galleria ex Pescheria saranno coordinati sotto una
unica direzione, per dar vita ad un Polo Culturale e delle Arti visive che valorizzi gli artisti locali e, tramite la
collaborazione con lAccademia delle Belle Arti, richiami dallesterno giovani artisti e personalit affermate.
Saranno potenziati i servizi della Biblioteca Comunale trasformandola da luogo di conservazione del
patrimonio librario della comunit, a luogo di produzione vitale e dinamico di cultura, con laboratori di
lettura e di scrittura creativa.
Grande attenzione sar dedicata alla promozione e alla divulgazione della cultura contemporanea, in tutte
le sue forme, valorizzando lattivit degli artisti locali nei diversi campi espressivi e lo scambio con le
produzioni esterne.

APPUNTAMENTI CHE FANNO CULTURA


Allopera letteraria di Salvo Basso si legata la diffusione in Italia della conoscenza di Scordia, ben oltre il
valore che gli stessi cittadini sono disposti a riconoscere al luogo in cui vivono.
Valorizzare il Premio Letterario Nazionale di poesia edita in tutti i dialetti dItalia Salvo Basso un
dovere culturale e un investimento. Non pi appuntamento per pochi appassionati, ma un momento alto
per sviluppare e intrecciare, oltre il premio, culture e confronti sul tema dei dialetti e dei linguaggi
sperimentali nella scrittura, nel teatro, nella musica e nelle arti visive.
Far coincidere lanniversario del sacrificio dellimprenditore Nicola DAntrassi, l11 marzo 1989, con un
programma di iniziative sui temi della lotta alle mafie e alla corruzione, con il contributo delle associazioni
locali e nazionali impegnate in prima linea.
Fare del Premio Libera Scavo un evento di formazione civile e culturale alla solidariet, intorno al quale
sviluppare iniziative di respiro scientifico ed educativo nelle scuole e nella Citt, per affermare la centralit
del valore della vita, della salute, e della cultura del dono.

UN PIANO ENERGETICO PER ABBATTERE I COSTI


La spesa della bolletta elettrica grava sul Bilancio dellEnte ogni anno per un milione e duecentomila euro!
Ridurre i consumi, attivare e rendere efficienti tutti gli impianti fotovoltaici installati su strutture di
propriet comunale.
E indispensabile dotare lEnte di un piano di produzione da fonti energetiche rinnovabili, per comprimere
la spesa ordinaria e rendere tutte le strutture comunali (uffici, scuole, impianti sportivi, ecc.), compresa la
rete di illuminazione pubblica, energeticamente autosufficiente.