Sei sulla pagina 1di 2

Coltivazione

La superficie oggi coltivata a bergamotto di circa 1.500 ettari, con una produzione media di 100.000 kg di
essenza. Per ottenere un kg di essenza occorrono 200 kg di frutti. La produzione di bergamotto nella
provincia di Reggio dell'80% della produzione mondiale. [senza fonte] Gli addetti del settore sono stimati in ca.
4.000 unit. Il primo bergamotteto di cui si ha notizia venne impiantato nelle vicinanze di Reggio (attuale
Reggio di Calabria) da Nicola Parisi, nel fondo denominato "Giunchi" nell'anno 1750.
Le piante coltivate si ricavano tramite innesto di tre rami di bergamotto su un porta-innesto di arancio
amaro di un anno. Rimane in vaso per un anno e viene interrato a due anni. L'innesto e il trapianto nell'anno
successivo avvengono preferibilmente a febbraio o a settembre. Ha una vita produttiva di 25 anni, comincia
la sua produzione da tre anni, arriva al massimo della produttivit a 8 anni e pu arrivare fino a un quintale
per pianta se potato (vengono tagliate le cime in modo che il frutto cresca in basso al riparo dal forte sole
estivo e dal forte vento).
La produttivit fortemente influenzata dalle temperature e dalle piogge: un albero che non sopporta gli
sbalzi in basso della temperatura e l'eccessiva o scarsa piovosit, mentre ben sopporta il caldo.
Si pianta un albero ogni quattro metri, si ripara il terreno con dei filari di pini di elevata altezza e fitti, nel lato
del terreno in direzione del mare per riparare la coltivazione dal forte vento che spira dal mare dallo stretto di
Messina tutto l'anno.

Microclima e habitat
La sua zona di produzione prevalentemente limitata alla zona ionica costiera nella provincia di Reggio a tal
punto da diventarne un simbolo dell'intera zona e della citt. L'area coltivata a bergamotto costituita dalla
fascia costiera Calabra, molto pianeggiante e riparata dal forte vento dello stretto di Messina, grazie alle
colline circostanti, per un'estensione di circa 150 chilometri e situata dal mare a circa due chilometri di
distanza.Molto nota l'area di coltivazione della zona di Melito di Porto Salvo (RC) e in particolare le frazioni
di Prunella e Caredia (Lacco), la quale ogni anno, nel periodo tra novembre e gennaio, contribuiscono con le
proprie piantagioni, al maggior raccolto del frutto del bergamotto.
Dal punto di vista climatico l'area caratterizzata da un microclima che nelle mappe climatiche viene
classificato come area "tropicale temperata umida" caratterizzata da venti medio/forti che soffiano per quasi
tutto l'anno, estati calde senza pioggia, inizio primavera e fine autunno molto piovosi e inverni con
temperature giornaliere quasi sempre superiori ai dieci gradi. I giorni di sole sono mediamente 300 l'anno.
Predilige i terreni argilloso-calcarei e alluvionali.
Viene coltivato in tre cultivar: femminello, castagnaro e fantastico. Si distinguono in particolare per i frutti:
il femminello pi produttivo, ma presenta frutti pi piccoli delle altre cultivar e lisci, il castagnaro vigoroso
con frutti pi grossi e rugosi, il fantastico simile al femminello ma con frutti piriformi.
Cultivation
The surface cultivated with bergamot today is approximately 1,500 hectares, with an
average production of 100,000 kg of essence. To obtain a kg of essence takes 200 kg of
fruits. The production of bergamot in Reggio province is 80% of the employees mondiale.
The production sector are estimated at ca. 4,000 units. The first bergamotteto of which we
know was implanted near Reggio (current Reggio Calabria) by Nicola Parisi, the fund
called "Rushes" in the year 1750. The cultivated plants are obtained by coupling of three of
bergamot branches of a sour orange rootstock of a year. It remains in pots for a year and
is buried in two years. The grafting and transplantation following year take place preferably
in February or in September. It has a productive life of about 25 years, begins its
production at three years age, it comes to maximum productivity to 8 years and can go up
to a hundred pounds per plant when pruned (the tops are cut so that the fruit grows down
away from strong summer sun and strong wind). Productivity is greatly influenced by
temperature and rain: it is a tree that does not bear sudden changes in temperature and
excessive or poor rainfall, while well stand the heat. To plant a tree every four metres, it
can repair the ground with rows of tall objects pines and dense, in the side of the ground
towards the sea to shelter from the strong wind that blows from the sea cultivation by the
Strait of Messina all year .

Microclimate and habitats


Its production area is mainly limited to the Ionian coastal zone in the province of Reggio to
such an extent as to become a symbol of the entire area of the city. The area cultivated
with bergamot consists of the Calabrian coast, very flat and protected from the strong
winds of the Strait of Messina, thanks to the surrounding hills, for an extension of about
150 km from the sea and located about two kilometres away. Well known is the area of
cultivation of the area of Melito di Porto Salvo (RC), and in particular the villages of
Prunella and Caredia (Lacco), which every year, during the period between November and
January, contribute with their own plantations, to most harvest the fruit of the bergamot.
From a climatic point of view, the area is characterized by a microclimate that maps in
climate is classified as tropical humid temperate "area" with winds medium / strong
blowing for most of the year, hot summers without rain, early spring and late very rainy
autumn and winters with daily temperatures almost always greater than ten degrees. We
have an average of 300 sunny days a year. It prefers clay and limestone and alluvial soils.
It is grown in three species: femminello, castagnaro and fantastico. Stand out in particular
for the fruit: the femminello is more productive, but has smaller fruits of other species and
smooth, the castagnaro is vigorous with larger fruits and wrinkled, the fantastico is similar
to femminello but with pear-shaped fruits.

FRANCESCA FAVASULI