Sei sulla pagina 1di 18

Dati rilevati dagli Enti certificatori o autocertificati

Tiratura: n.d. 15-MAR-2017


Diffusione 12/2014: 5.639 da pag. 11
Lettori Ed. I 2016: 41.000 foglio 1 / 2
Quotidiano - Ed. Firenze Dir. Resp.: Paolo Ermini www.datastampa.it

art

AUTOLINEE TOSCANE 1
Dati rilevati dagli Enti certificatori o autocertificati
Tiratura: n.d. 15-MAR-2017
Diffusione 12/2014: 5.639 da pag. 11
Lettori Ed. I 2016: 41.000 foglio 2 / 2
Quotidiano - Ed. Firenze Dir. Resp.: Paolo Ermini www.datastampa.it

AUTOLINEE TOSCANE 2
Dati rilevati dagli Enti certificatori o autocertificati
Tiratura: n.d. Nazione Toscana 15-MAR-2017
da pag. 6
Diffusione: n.d.
Lettori: n.d. foglio 1
www.datastampa.it

art

AUTOLINEE TOSCANE 4
Dati rilevati dagli Enti certificatori o autocertificati
Tiratura: n.d. 15-MAR-2017
Diffusione 12/2015: 11.036 da pag. 2
Lettori Ed. I 2016: 96.000 foglio 1 / 2
Quotidiano - Ed. Firenze Dir. Resp.: Mario Calabresi www.datastampa.it

art

AUTOLINEE TOSCANE 5
Dati rilevati dagli Enti certificatori o autocertificati
Tiratura: n.d. 15-MAR-2017
Diffusione 12/2015: 11.036 da pag. 2
Lettori Ed. I 2016: 96.000 foglio 2 / 2
Quotidiano - Ed. Firenze Dir. Resp.: Mario Calabresi www.datastampa.it

AUTOLINEE TOSCANE 6
Dati rilevati dagli Enti certificatori o autocertificati
Tiratura 12/2016: 53.490 15-MAR-2017
Diffusione 12/2016: 42.196 da pag. 10
Lettori Ed. II 2016: 550.000 foglio 1
Quotidiano - Ed. Toscana Dir. Resp.: Luigi Vicinanza www.datastampa.it

art

AUTOLINEE TOSCANE 7
data:

14 marzo 2017

Trasporti: Indagine Ipsos, toscani non soddisfatti


Tpl
Studio commissionato da Autolinee Toscane

I toscani non sono soddisfatti del servizio di trasporto pubblico locale, specie a Firenze, desiderano piu'
corse, piu' controlli sull'evasione, nuovi e confortevoli bus, maggiore puntualita' e piu' informazioni, e
sono certi che con il gestore unico il servizio potra' migliorare. E' il quadro che emerge da un'indagine
Ipsos, commissionato da Autolinee Toscane (At), azienda legata al gruppo francese Ratp, vincitrice della
gara per la gestione unica del Tpl toscano, a cui ieri la Regione Toscana ha confermato l'aggiudicazione
provvisoria dopo che una sentenza del Tar ha annullato il primo esito del bando. L'indagine e' stata
presentata oggi a Firenze dal presidente e e dall'Ad di Autolinee Toscane Bruno Lombardi e Jean Luc
Laugaa, insieme al direttore di Ipsos Italia Nando Pagnoncelli. L'indagine, spiega una nota, ha rilevato
che negli ultimi due anni i cittadini toscani hanno riscontrato un peggioramento del servizio, soprattutto
a Firenze. In particolare per il 26% del campione, il servizio e' molto e abbastanza peggiorato, mentre
solo per il 13% e' molto e abbastanza migliorato. Tendenza che a Firenze registra una forte
accentuazione negativa con il 48% che considera il servizio peggiorato. Tra le criticita' emerse ci sono il
numero di corse (un problema per il 38% degli intervistati), la tempestivita' informazioni (37%), la pulizia
(36%), la sicurezza (35%), la puntualita' (32%), la sicurezza (35%), il comfort (31%). Secondo il 31% del
campione la responsabilita' e' degli attuali gestori, per il 18% e' da attribuire ai Comuni e per il 12% alla
Regione Toscana. Secondo il 31% delle risposte spontanee, che sale al 50% se aiutata da domande ad
hoc, la soluzione e' assegnare il servizio ad unico gestore a livello regionale, che sia capace di migliorare
l'organizzazione, l'informazione all'utenza, e garantire un piu' elevato controllo del servizio, a vantaggio
dell'efficienza. "Abbiamo voluto scattare questa fotografia per comprendere il contesto in cui, tra pochi
mesi, ci troveremo ad operare - ha commentato Lombardi -. Abbiamo voluto conoscere le criticita'
percepite dai passeggeri, e le loro proposte di miglioramento per poter offrire un servizio il piu' possibile
rispondente alle esigenze".
In base all'indagine l'80% degli intervistati ha dichiarato di utilizzare e preferire il mezzo privato, ritenuto
piu' comodo e affidabile; solo un modesto 13% dichiara di usare i mezzi pubblici. Si distingue Firenze,
dove sia l'esteso servizio urbano che soprattutto la tramvia, hanno contribuito a ridurre il traffico privato
al 74%, rispetto all'88% della media regionale. "Questo dato conferma che in toscana il tpl ha un ottimo
potenziale di crescita - ha sottolineato l'Ad di Autolinee Toscane Jean Luc Laugaa -. Lo ha dimostrato
l'esperienza e il successo della tramvia, un servizio efficiente che ha convinto molti pendolari a
rinunciare al mezzo privato. La nostra sfida e' quella di rendere il servizio dei bus una alternativa alla
mobilita' privata, rispondente alla qualita' attesa, oggi non pienamente soddisfatta. Siamo pronti ad
invertire questa tendenza".
data:

14 marzo 2017

Trasporti: At, pronti a investire 563 milioni in


Toscana
"Siamo pronti ad investire in Toscana 563 milioni di euro: 119 per acquistare depositi e officine; 93
milioni per comprare l'attuale parco bus; 300 milioni per l'acquisto di nuovi bus e 51 milioni per le
tecnologie utili al controllo del servizio e tempestive informazioni agli utenti". Lo ha detto Bruno
Lombardi, presidente di Autolinee Toscane (At), azienda legata al gruppo francese Ratp, vincitrice della
gara per la gestione unica del Tpl toscano, a cui ieri la Regione Toscana ha confermato l'aggiudicazione
provvisoria dopo che una sentenza del Tar ha annullato il primo esito del bando. "Abbiamo le
competenze, l'esperienza e le risorse necessarie per potenziare l'offerta del servizio e conquistare nuovi
ute nti all'uso del trasporto pubblico - ha aggiunto -. Vogliamo trasferire in Toscana l'esperienza del
gruppo Ratp per portare il servizio a livello delle grandi citta' europee". A chi chiedeva un commento
sulla reazione di Mobit, l'azienda concorrente nell'aggiudicazione della gara regionale, all'aggiudicazione
temporanea a Autolinee Toscane, Lombardi ha sottolineato che "l'aggiudicazione provvisoria non e'
un'aggiudicazione a meta' ma un passaggio obbligatorio per arrivare a quella definitiva, dopo sara' stata
svolta una verifica dei requisti che abbiamo presentato. Questa verifica e' gia' avvenuta due anni fa e su
questo aspetto siamo molto tranquilli". "C'e' pero' il ricorso al Consiglio di stato - ha detto ancora - che il
6 aprile ascoltera' le parti. Immaginiamo che questa vicenda vada avanti fino a maggio. Siamo fiduciosi
che venga rigettata la richiesta di Mobit". Lombardi si e' detto "sorpreso che ieri il presidente di Mobit
abbia definito illegittima l'aggiudicazione provvisoria ad At. Che autorita' ha lui per dire questo? Il Tar
stesso ha detto che era legittima e ha indicato di far ripresentare i Piani economico finanziari. Poi ci sara'
il Consiglio di stato a esprimersi in merito". Se Mobit decidera' di fare ulteriori ricorsi, ha concluso, "a
questo punto manca solo l'ordalia".
data:

14 marzo 2017

Poche corse e bus poco puntuali: i toscani


insoddisfatti del Tpl
quanto emerge da unindagine Ipsos, commissionata da Autolinee Toscana. Secondo
gli intervistati il servizio negli ultimi due anni peggiorato. Maglia nera Firenze.

I toscani non sono soddisfatti del servizio di trasporto pubblico locale, specie a Firenze, desiderano pi
corse, pi controlli sullevasione, nuovi e confortevoli bus, maggiore puntualit e pi informazioni, e
sono certi che con il gestore unico il servizio potr migliorare. il quadro che emerge da unindagine
Ipsos, commissionato da Autolinee Toscane (At), azienda legata al gruppo francese Ratp, vincitrice della
gara per la gestione unica del Tpl toscano, a cui luned la Regione Toscana ha confermato
laggiudicazione provvisoria dopo che una sentenza del Tar ha annullato il primo esito del bando.
Lindagine stata presentata marted a Firenze dal presidente e e dallAd di Autolinee Toscane Bruno
Lombardi e Jean Luc Laugaa, insieme al direttore di Ipsos Italia Nando Pagnoncelli.

Negli ultimi due anni il servizio peggiorato


Lindagine ha rilevato che negli ultimi due anni i cittadini toscani hanno riscontrato un peggioramento
del servizio, soprattutto a Firenze. In particolare per il 26% del campione, il servizio molto e
abbastanza peggiorato, mentre solo per il 13% molto e abbastanza migliorato. Tendenza che a Firenze
registra una forte accentuazione negativa con il 48% che considera il servizio peggiorato. Tra le criticit
emerse ci sono il numero di corse (un problema per il 38% degli intervistati), la tempestivit
informazioni (37%), la pulizia (36%), la sicurezza (35%), la puntualit (32%), la sicurezza (35%), il comfort
(31%). Secondo il 31% del campione la responsabilit degli attuali gestori, per il 18% da attribuire ai
Comuni e per il 12% alla Regione Toscana. Secondo il 31% delle risposte spontanee, che sale al 50% se
aiutata da domande ad hoc, la soluzione assegnare il servizio ad unico gestore a livello regionale, che
sia capace di migliorare lorganizzazione, linformazione allutenza, e garantire un pi elevato controllo
del servizio, a vantaggio dellefficienza. Abbiamo voluto scattare questa fotografia per comprendere il
contesto in cui, tra pochi mesi, ci troveremo ad operare - ha commentato Lombardi -. Abbiamo voluto
conoscere le criticit percepite dai passeggeri, e le loro proposte di miglioramento per poter offrire un
servizio il pi possibile rispondente alle esigenze.

Il tpl in Toscana ha un ottimo potenziale di crescita


In base allindagine l80% degli intervistati ha dichiarato di utilizzare e preferire il mezzo privato, ritenuto
pi comodo e affidabile; solo un modesto 13% dichiara di usare i mezzi pubblici. Si distingue Firenze,
dove sia lesteso servizio urbano che soprattutto la tramvia, hanno contribuito a ridurre il traffico
privato al 74%, rispetto all88% della media regionale. Questo dato conferma che in toscana il tpl ha un
ottimo potenziale di crescita ha sottolineato lAd di Autolinee Toscane Jean Luc Laugaa . Lo ha
dimostrato lesperienza e il successo della tramvia, un servizio efficiente che ha convinto molti pendolari
a rinunciare al mezzo privato. La nostra sfida quella di rendere il servizio dei bus una alternativa alla
mobilit privata, rispondente alla qualit attesa, oggi non pienamente soddisfatta. Siamo pronti ad
invertire questa tendenza.
data:

14 marzo 2017

Trasporti, indagine Ipsos: toscani non soddisfatti


dal trasporto pubblico
Studio commissionato da Autolinee Toscane

I toscani non sono soddisfatti del servizio di trasporto pubblico locale, specie a Firenze, desiderano pi
corse, pi controlli sullevasione, nuovi e confortevoli bus, maggiore puntualit e pi informazioni, e
sono certi che con il gestore unico il servizio potr migliorare. E il quadro che emerge da unindagine
Ipsos, commissionato da Autolinee Toscane (At), azienda legata al gruppo francese Ratp, vincitrice della
gara per la gestione unica del Tpl toscano, a cui ieri la Regione Toscana ha confermato laggiudicazione
provvisoria dopo che una sentenza del Tar ha annullato il primo esito del bando. Lindagine stata
presentata oggi a Firenze dal presidente e e dallAd di Autolinee Toscane Bruno Lombardi e Jean Luc
Laugaa, insieme al direttore di Ipsos Italia Nando Pagnoncelli. Lindagine, spiega una nota, ha rilevato
che negli ultimi due anni i cittadini toscani hanno riscontrato un peggioramento del servizio, soprattutto
a Firenze. In particolare per il 26% del campione, il servizio molto e abbastanza peggiorato, mentre
solo per il 13% molto e abbastanza migliorato. Tendenza che a Firenze registra una forte
accentuazione negativa con il 48% che considera il servizio peggiorato. Tra le criticit emerse ci sono il
numero di corse (un problema per il 38% degli intervistati), la tempestivit informazioni (37%), la pulizia
(36%), la sicurezza (35%), la puntualit (32%), la sicurezza (35%), il comfort (31%). Secondo il 31% del
campione la responsabilit degli attuali gestori, per il 18% da attribuire ai Comuni e per il 12% alla
Regione Toscana. Secondo il 31% delle risposte spontanee, che sale al 50% se aiutata da domande ad
hoc, la soluzione assegnare il servizio ad unico gestore a livello regionale, che sia capace di migliorare
lorganizzazione, linformazione allutenza, e garantire un pi elevato controllo del servizio, a vantaggio
dellefficienza. Abbiamo voluto scattare questa fotografia per comprendere il contesto in cui, tra pochi
mesi, ci troveremo ad operare ha commentato Lombardi -. Abbiamo voluto conoscere le criticit
percepite dai passeggeri, e le loro proposte di miglioramento per poter offrire un servizio il pi possibile
rispondente alle esigenze. In base allindagine l80% degli intervistati ha dichiarato di utilizzare e
preferire il mezzo privato, ritenuto pi comodo e affidabile; solo un modesto 13% dichiara di usare i
mezzi pubblici. Si distingue Firenze, dove sia lesteso servizio urbano che soprattutto la tramvia, hanno
contribuito a ridurre il traffico privato al 74%, rispetto all88% della media regionale. Questo dato
conferma che in toscana il tpl ha un ottimo potenziale di crescita ha sottolineato lAd di Autolinee
Toscane Jean Luc Laugaa -. Lo ha dimostrato lesperienza e il successo della tramvia, un servizio
efficiente che ha convinto molti pendolari a rinunciare al mezzo privato. La nostra sfida quella di
rendere il servizio dei bus una alternativa alla mobilit privata, rispondente alla qualit attesa, oggi non
pienamente soddisfatta. Siamo pronti ad invertire questa tendenza.
data:

14 marzo 2017

Trasporti, At: Pronti a investire 563 milioni in


Toscana
Siamo pronti ad investire in Toscana 563 milioni di euro: 119 per acquistare depositi e officine; 93
milioni per comprare lattuale parco bus; 300 milioni per lacquisto di nuovi bus e 51 milioni per le
tecnologie utili al controllo del servizio e tempestive informazioni agli utenti. Lo ha detto Bruno
Lombardi, presidente di Autolinee Toscane (At), azienda legata al gruppo francese Ratp, vincitrice della
gara per la gestione unica del Tpl toscano, a cui ieri la Regione Toscana ha confermato laggiudicazione
provvisoria dopo che una sentenza del Tar ha annullato il primo esito del bando. Abbiamo le
competenze, lesperienza e le risorse necessarie per potenziare lofferta del servizio e conquistare nuovi
utenti alluso del trasporto pubblico ha aggiunto -. Vogliamo trasferire in Toscana lesperienza del
gruppo Ratp per portare il servizio a livello delle grandi citt europee. A chi chiedeva un commento
sulla reazione di Mobit, lazienda concorrente nellaggiudicazione della gara regionale, allaggiudicazione
temporanea a Autolinee Toscane, Lombardi ha sottolineato che laggiudicazione provvisoria non
unaggiudicazione a met ma un passaggio obbligatorio per arrivare a quella definitiva, dopo sar stata
svolta una verifica dei requisti che abbiamo presentato. Questa verifica gi avvenuta due anni fa e su
questo aspetto siamo molto tranquilli. C per il ricorso al Consiglio di stato ha detto ancora che il
6 aprile ascolter le parti. Immaginiamo che questa vicenda vada avanti fino a maggio. Siamo fiduciosi
che venga rigettata la richiesta di Mobit. Lombardi si detto sorpreso che ieri il presidente di Mobit
abbia definito illegittima laggiudicazione provvisoria ad At. Che autorit ha lui per dire questo? Il Tar
stesso ha detto che era legittima e ha indicato di far ripresentare i Piani economico finanziari. Poi ci sar
il Consiglio di stato a esprimersi in merito. Se Mobit decider di fare ulteriori ricorsi, ha concluso, a
questo punto manca solo lordalia.
data:

14 marzo 2017

Indagine Ipsos sul trasporto locale: "Utenti


insoddisfatti del servizio"
I toscani non sono soddisfatti del servizio di trasporto pubblico locale. Desiderano piu corse, piu controlli
sullevasione, nuovi e confortevoli bus, maggiore puntualita, piu informazioni. E sono certi che con il
gestore unico il servizio migliorera. Questo il quadro che emerge dall'indagine Ipsos commissionato da
Autolinee Toscane, azienda che ha vinto la gara per la gestione unica del Tpl, a cui proprio ieri la Regione
ha confermato l'aggiudicazione provvisoria. L'indagine, presentata questa mattina (14 marzo) da Bruno
Lombardi e Jean Luc Laugaa, presidente e ad di Autolinee Toscane, e da Nando Pagnoncelli, direttore di
Ipsos Italia, ha rilevato che negli ultimi due anni i cittadini hanno riscontrato un peggioramento del
servizio, in particolare a Firenze.
Andamento per il servizio: per il 26% e molto e abbastanza peggiorato, mentre solo per il 13% e molto e
abbastanza migliorato. Tendenza che a Firenze registra una forte accentuazione negativa: il 48% lo
ritiene peggiorato. Criticita e note negative: il numero di corse (un problema per il 38% degli
intervistati), la tempestivita informazioni (37%), la pulizia (36%), la sicurezza (35%), la puntualita (32%),
la sicurezza (35%), il comfort (31%). Responsabilita dei disservizi. Secondo il 31% degli intervistati la
responsabilita e degli attuali gestori, per il 18% e da attribuire ai Comuni e per il 12% alla Regione
Toscana.
La soluzione secondo At "assegnare il servizio ad unico gestore (per il 31% delle risposte spontanee,
che sale al 50% se aiutata), individuato come soggetto capace di migliorare l'organizzazione,
l'informazione all'utenza, un piu elevato controllo del servizio, a sicuro vantaggio dellefficienza".
Abbiamo voluto scattare questa fotografia del Tpl toscano per comprendere il contesto in cui, tra pochi
mesi, ci troveremo ad operare - commenta Bruno Lombardi, presidente di At . Abbiamo voluto
conoscere le criticita percepite dai passeggeri e le loro proposte di miglioramento per poter offrire un
servizio il piu possibile rispondente alle esigenze.
Proposte di miglioramento. Aumento dei controlli contro l'evasione (aspetto molto sentito dal 47% degli
intervistati), importare best practices internazionali (42%), nuovi bus (34%), piu investimenti (31%).
Siamo pronti ad investire in Toscana 563 milioni di euro: 119 per acquistare depositi e officine; 93
milioni per comprare lattuale parco bus; 300 milioni per l'acquisto di nuovi bus e 51 milioni per le
tecnologie utili al controllo del servizio e tempestive informazioni agli utenti. Abbiamo continua
Lombardi le competenze, lesperienza e le risorse necessarie per potenziare lofferta del servizio e
conquistare nuovi utenti alluso del trasporto pubblico. Vogliamo trasferire in Toscana lesperienza del
gruppo Ratp (leader mondiale nel Tpl che opera in 15 paesi del mondo) per portare il servizio a livello
delle grandi citta europee. I margini per farlo ci sono, ce lo dice la stessa indagine: l'80% degli
intervistati ha dichiarato di utilizzare e preferire il mezzo privato, ritenuto piu comodo e affidabile; solo
un modesto 13% dichiara di usare i mezzi pubblici. Si distingue Firenze, dove sia l'esteso servizio urbano
che soprattutto la tramvia, hanno contribuito a ridurre il traffico privato al 74%, rispetto all'88% della
media regionale. Questo dato conferma che in toscana il tpl ha un ottimo potenziale di crescita
conclude Jean Luc Laugaa, ad di AT Lo ha dimostrato l'esperienza e il successo della tramvia, un
servizio efficiente che ha convinto molti pendolari a rinunciare al mezzo privato. La nostra sfida e quella
di rendere il servizio dei bus una alternativa alla mobilita privata, rispondente alla qualita attesa, oggi
non pienamente soddisfatta. Siamo pronti ad invertire questa tendenza.
data:

14 marzo 2017

Tpl, Autolinee Toscane ingrana la quarta


La societ che si riaggiudicata in via provvisoria la gara ha commissionato a Ipsos un
sondaggio sui problemi lamentati dai toscani che usano i bus

FIRENZE Il giorno dopo la riaggiudicazione della gara del trasporto pubblico locale ad Autolinee
Toscane, del gruppo francese Ratp, la societ che ha battuto nuovamente il consorzio Mobit si cala gi
nei panni del gestore unico del servizio per i prossimi undici anni. Lo fa per voce del
proprio presidente Bruno Lombardi che ha annunciato 563 milioni di investimenti per acquistare
depositi, officine e bus oltre all'adozione di misure per risolvere evasione e scarsa sicurezza a bordo.
Sono proprio questi, secondo il sondaggio Ipsos commissionato dalla societ, i problemi maggiormente
sentiti dai toscani che usano i mezzi pubblici.
Nel dettaglio, secondo il sondaggio, per il 26 per cento degli utenti il servizio molto o abbastanza
peggiorato, mentre solo per il 13 per cento molto o abbastanza migliorato. Una tendenza che a Firenze
registra una forte accentuazione negativa: in questo caso, infatti, il 48 per cento lo ritiene peggiorato.
Sul fronte delle criticit, per il 38 per cento degli intervistati il problema principale sta nel numero di
corse dei mezzi pubblici, per il 37 per cento nella tempestivit delle informazioni, per il 36 per cento
nella pulizia, per il 35 per cento nella sicurezza, mentre la puntualit una nota dolente per il 32 per
cento del totale.
Abbiamo voluto scattare questa fotografia del Tpl toscano per comprendere il contesto in cui, tra pochi
mesi, ci troveremo ad operare - commenta Bruno Lombardi Abbiamo voluto conoscere le criticit
percepite dai passeggeri e le loro proposte di miglioramento per poter offrire un servizio il pi possibile
rispondente alle esigenze.
Sempre per Lombardi, siamo pronti ad investire in Toscana 563 milioni di euro: 119 per acquistare
depositi e officine; 93 milioni per comprare lattuale parco bus; 300 milioni per l'acquisto di nuovi bus e
51 milioni per le tecnologie utili al controllo del servizio e tempestive informazioni agli utenti. Abbiamo
le competenze, lesperienza e le risorse necessarie per potenziare lofferta del servizio e conquistare
nuovi utenti alluso del trasporto pubblico. Vogliamo trasferire in Toscana lesperienza del gruppo Ratp
per portare il servizio a livello delle grandi citt europee
Ad accelerare i tempi sulla riaggiudicazione, dopo l'annullamento della gara da parte del Tar, era stata la
Regione Toscana che a Mobit e Autolinee Toscane aveva chiesto di ripresentare i piani economici e
finanziari. Ora per proprio Mobit a frenare gli entusiasmi dei francesi, con la richiesta di sospensiva
del nuovo affidamento in attesa che il Consiglio di Stato si pronunci sui ricorsi presentati al Tar dai due
concorrenti. Autonlinee Toscane, per, tira dritto.
data:

14 marzo 2017

INDAGINE TPL: SOLO 4 TOSCANI SU 100 USANO IL


BUS
Secondo lo studio commissionato ad Ipsos da Autolinee Toscane ogni giorno l88% preferisce prendere
lauto. I Toscani chiedono puntualit, informazioni e sicurezza
I toscani non sono soddisfatti del servizio di trasporto pubblico locale, specie a Firenze, desiderano pi
corse, pi controlli sullevasione, nuovi e confortevoli bus, maggiore puntualit e pi informazioni, e
sono certi che con il gestore unico il servizio potr migliorare. E il quadro che emerge da unindagine
Ipsos, commissionato da Autolinee Toscane (At), azienda legata al gruppo francese Ratp, vincitrice della
gara per la gestione unica del Tpl toscano, a cui ieri la Regione Toscana ha confermato laggiudicazione
provvisoria dopo che una sentenza del Tar ha annullato il primo esito del bando. Lindagine stata
presentata oggi a Firenze dal presidente e e dallAd di Autolinee Toscane Bruno Lombardi e Jean Luc
Laugaa, insieme al direttore di Ipsos Italia Nando Pagnoncelli.
In base allindagine l88% degli intervistati ha dichiarato di utilizzare e preferire il mezzo privato (l80% su
base settimanale), ritenuto pi comodo e affidabile; solo un modesto 13% dichiara di usare i mezzi
pubblici una o due volte a settimana. Addirittura solo il 4% quotidinamente. Si distingue Firenze, dove
sia lesteso servizio urbano che soprattutto la tramvia, hanno contribuito a ridurre il traffico privato al
74%, rispetto all88% della media regionale. Questo dato conferma che in toscana il tpl ha un ottimo
potenziale di crescita ha sottolineato lAd di Autolinee Toscane Jean Luc Laugaa -. Lo ha dimostrato
lesperienza e il successo della tramvia, un servizio efficiente che ha convinto molti pendolari a
rinunciare al mezzo privato. La nostra sfida quella di rendere il servizio dei bus una alternativa alla
mobilit privata, rispondente alla qualit attesa, oggi non pienamente soddisfatta. Siamo pronti ad
invertire questa tendenza.
Lindagine, spiega una nota, ha rilevato che negli ultimi due anni i cittadini toscani hanno riscontrato
un peggioramento del servizio, soprattutto a Firenze. In particolare per il 26% del campione, il servizio
molto e abbastanza peggiorato, mentre solo per il 13% molto e abbastanza migliorato. Tendenza che a
Firenze registra una forte accentuazione negativa con il 48% che considera il servizio peggiorato. Tra le
criticit emerse ci sono il numero di corse (un problema per il 38% degli intervistati), la tempestivit
informazioni (37%), la pulizia (36%), la sicurezza (35%), la puntualit (32%), la sicurezza (35%), il comfort
(31%). Secondo il 31% del campione la responsabilit degli attuali gestori, per il 18% da attribuire ai
Comuni e per il 12% alla Regione Toscana. Secondo il 31% delle risposte spontanee, che sale al 50% se
aiutata da domande ad hoc, la soluzione assegnare il servizio ad unico gestore a livello regionale, che
sia capace di migliorare lorganizzazione, linformazione allutenza, e garantire un pi elevato controllo
del servizio, a vantaggio dellefficienza. Abbiamo voluto scattare questa fotografia per comprendere il
contesto in cui, tra pochi mesi, ci troveremo ad operare ha commentato Lombardi -. Abbiamo voluto
conoscere le criticit percepite dai passeggeri, e le loro proposte di miglioramento per poter offrire un
servizio il pi possibile rispondente alle esigenze.
data:

14 marzo 2017

TPL IN TOSCANA: UTENTI NON SODDISFATTI E


TANTE CRITICIT
di Chiara Bianchini

I toscani preferiscono altri mezzi di trasporto a quelli pubblici, lo rivela una indagine Ipsos. Le
richieste: maggiore sicurezza, pulizia e nuovi autobus.
In Toscana prevale lutilizzo del mezzo privato per spostarsi, questo il dato che emerge dallindagine
Ipsos commissionata da Autolinee Toscane. Lindagine, presentata da Bruno Lombardi e Jean Luc
Laugaa, Presidente e Amministratore delegato di Autolinee Toscane (AT), e da Nando Pagnoncelli,
direttore di Ipsos Italia, ha analizzato il servizio di trasporto pubblico locale in Toscana negli ultimi due
anni, evidenziando quali sono le criticit del servizio e quali saranno i vantaggi del gestore unico.
Lautomobile si conferma il mezzo di elezione per gli spostamenti dell80% dei toscani, solo il 13% si
sposta con i mezzi di trasporto pubblico su gomma. Negli ultimi due anni, per gli intervistati, emerso
un peggioramento del servizio, soprattutto a Firenze con un -41% rispetto al -13% percepito dal totale.
Gli utenti desiderano pi corse (un problema per il 38% degli intervistati), pi controlli sullevasione e
sicurezza (35%), nuovi e confortevoli bus (31%), maggiore puntualit (32%), pi informazioni (37%) e
pulizia (36%). La responsabilit di questi disservizi soprattutto concentrata, secondo il 31% degli
intervistati, negli attuali gestori e per il 40% nelle istituzioni locali (comuni, province e regione).
La soluzione, per la maggior parte degli utenti, il gestore unico che potr avere pi controllo sulla
situazione e garantire una informazione diffusa e certa.
Abbiamo voluto scattare questa fotografia del Tpl toscano per comprendere il contesto in cui, tra pochi
mesi, ci troveremo ad operare - commenta Bruno Lombardi, presidente di Autolinee Toscane Abbiamo
voluto conoscere le criticit percepite dai passeggeri e le loro proposte di miglioramento per poter
offrire un servizio il pi possibile rispondente alle esigenze.
Le criticit del servizio emerse dallindagine non sono del tutto negative, perch evidenziano elementi su
cui il nuovo gestore potr e dovr investire per attrarre nuovi utilizzatori dei mezzi pubblici e convincere
con un servizio migliore chi gi li utilizza quotidianamente.
Questo dato conferma che in Toscana il tpl ha un ottimo potenziale di crescita conclude Jean Luc
Laugaa, amministratore delegato di Autolinee Toscane Lo ha dimostrato l'esperienza e il successo della
tramvia, un servizio efficiente che ha convinto molti pendolari a rinunciare al mezzo privato. La nostra
sfida quella di rendere il servizio dei bus una alternativa alla mobilit privata, rispondente alla qualit
attesa, oggi non pienamente soddisfatta.
data:

14 marzo 2017

Trasporto pubblico: toscani insoddisfatti, fiorentini


ancora meno
Indagine sulla soddisfazione degli utenti: il servizio peggiorato. S ai controlli anti-
evasione

I toscani non sono soddisfatti del servizio di trasporto pubblico locale. Desiderano piu corse,
piu controlli sullevasione, nuovi e confortevoli bus, maggiore puntualita, piu informazioni. Questo il
quadro che emerge dall'indagine Ipsos commissionato da Autolinee Toscane, azienda che ha vinto la
gara per la gestione unica del Tpl, a cui proprio ieri la Regione ha confermato l'aggiudicazione
provvisoria.
L'indagine, presentata questa mattina da Bruno Lombardi e Jean Luc Laugaa, Presidente e Ad di
Autolinee Toscane, e da Nando Pagnoncelli, direttore di Ipsos Italia, ha rilevato che negli ultimi due anni
i cittadini hanno riscontrato un peggioramento del servizio, in particolare a Firenze. Per il 26% il
servizio molto e abbastanza peggiorato, mentre solo per il 13% molto e abbastanza migliorato.
Tendenza che a Firenze registra una forte accentuazione negativa: il 48% lo ritiene peggiorato.
Fra le criticit pi importanti ci sono il numero di corse (un problema per il 38% degli intervistati),
la tempestivit delle informazioni (37%), la pulizia (36%), la sicurezza (35%), la puntualita (32%),
il comfort (31%). Secondo il 31% degli intervistati la responsabilit sarebbe degli attuali gestori, per il
18% da attribuire ai comuni e per il 12% alla Regione Toscana. La soluzione, per gli utenti,
proprio assegnare il servizio ad unico gestore (per il 31% delle risposte spontanee, che sale al 50% se
aiutata), individuato come soggetto capace di migliorare l'organizzazione, l'informazione all'utenza.
Abbiamo voluto scattare questa fotografia del Tpl toscano per comprendere il contesto in cui, tra pochi
mesi, ci troveremo ad operare - commenta Bruno Lombardi, presidente di At abbiamo
voluto conoscere le criticit percepite dai passeggeri e le loro proposte di miglioramento per poter
offrire un servizio il pi possibile rispondente alle esigenze. Fra le proposte di miglioramento l'idea pi
in voga un aumento dei controlli contro l'evasione (aspetto molto sentito dal 47% degli intervistati),
importare best practices internazionali (42%), nuovi bus (34%), pi investimenti (31%).
Siamo pronti ad investire in Toscana 563 milioni di euro: 119 per acquistare depositi e officine; 93
milioni per comprare lattuale parco bus; 300 milioni per l'acquisto di nuovi bus e 51 milioni per le
tecnologie utili al controllo del servizio e tempestive informazioni agli utenti. Abbiamo continua
Lombardi le competenze, lesperienza e le risorse necessarie per potenziare lofferta del servizio e
conquistare nuovi utenti alluso del trasporto pubblico. Vogliamo trasferire in Toscana lesperienza
del gruppo Ratp (leader mondiale nel Tpl che opera in 15 paesi del mondo) per portare il servizio a
livello delle grandi citt europee.
data:

14 marzo 2017

Tpl: Nardella, contenzioso interminabile, termini al


piu' presto
Come realta' fiorentina abbiamo solo da perdere di fronte a contenziosi interminabili e rallentamenti:
mi aspetto solo che questa questione si possa risolvere al piu' presto e se lo aspettano i cittadini". Lo ha
detto il sindaco Dario Nardella, rispondendo ai cronisti che gli chiedevano del contenzioso in corso per
l'affidamento del servizio di trasporto pubblico a livello regionale. "Sono anni che si aspetta un esito
definitivo su questa gara - ha detto ancora Nardella - Visto che Firenze e' una delle aree piu' importanti
di questa partita, per noi e' importante arrivare ad un punto di chiarezza".
data:

14 marzo 2017

Trasporti: Ataf, dati diffusi At non aderenti alla


realta'
"Non sono aderenti alla realta' i dati, presentati questa mattina da Autolinee Toscane, relativi alla
soddisfazione dei clienti che quotidianamente usano il trasporto su gomma nella citta' metropolitana di
Firenze". E' quanto evidenzia Ataf Gestioni (societa' controllata da Busitalia del Gruppo Fs) rispetto
all'indagine Ipsos presentata oggi a Firenze, sull'opinione dei toscani rispetto al trasporto pubblico in
Toscana. "Le indagini commissionate - si legge in una nota -, a fine novembre 2016, da Ataf Gestioni
all'istituto di ricerca Mediatica, hanno infatti registrato un deciso miglioramento rispetto agli analoghi
rilevamenti del 2015 e risultati particolarmente premianti per la gestione attuale del servizio"."Dai
risultati certificati da Mediatica - si legge ancora - e' emerso che l'84,2% degli intervistati, +3,4% rispetto
al 2015, sono soddisf atti del servizio. Significativi miglioramenti di soddisfazione sono stati registrati
anche nei piu' importanti parametri di valutazione". Dati, osserva ancora Ataf, "che testimoniano per i
servizi bus di Firenze una realta' decisamente migliore rispetto a quella rappresentata dal gestore,
Autolinee Toscane, che effettua i propri servizi su poche linee periferiche. Un aspetto non secondario
che altera sensibilmente la valutazione di un servizio evidentemente poco conosciuto da Autolinee
Toscane, come ancor meno note sono le reali esigenze e aspettative dei 90 milioni di passeggeri che, nel
2016, hanno utilizzato, con soddisfazione, il servizio Ataf Gestioni".