Sei sulla pagina 1di 14

PRIMA LEZIONE

Venti parole
Luomo O homen (u men)
La donna A mulher (a muglir)
Il bambino O menino (u minnu)
La bambina A menina (a minna)
Il padre O pai (u pi)
La madre A me (a men)
Il nonno O av (u av)
La nonna A av (a av)
La casa A casa (a csa)

La via A rua (a ra)


Facile Fcil (fsil)
Difficile Dificil (difssil)
Alto Alto (ltu)
Basso Baixo (bisciu)
Buongiorno Bom dia (bonga)
Buonasera Boa tarde (boa trgi)
Buonanotte Boa noite (boa nici)
Grazie Obrigado (obrigdu)
Prego No h de que (non a gi che)

La strada A estrada (a estrda)

Dieci verbi
Essere Ser (ser)
Avere Ter (ter)
Andare Ir (ir)
Stare Estar (istr)

Bere Beber (bebr)


Dormire Dormir (dormr)
Parlare Falar (falr)
Giocare Brincar (brincr)
Cantare Cantar (cantr)

Mangiare Comer (comr)


Verbo ESSERE Presente indicativo

Verbo STARE Presente indicativo

Io sono Eu sou (eu s)

Io sto Eu estou (eu ist)

Tu sei Voc (voss )

Tu stai Voc est (voss ist)

Egli Ele (eli )

Egli sta - Ele est (eli ist)

Noi siamo Ns somos (nos smus)

Noi stiamo Ns estamos (nos istmus)

Voi siete Vocs so (vosss son)

Voi state Vocs esto (vosss istn)

Essi sono Eles so (elis son)

Essi stanno Eles esto (elis istn)

Verbo AVERE Presente indicativo


Io ho - Eu tenho (eu tgnu)
Tu hai Voc tem (voss tem)
Egli ha Ele tem (eli tem)
Noi abbiamo Ns temos (nos tmus)
Voi avete Vocs tm (vosss tem)
Essi hanno Eles tm (elis tem)
Qualche regola Algumas regras (augmas rgras)
** Larticolo definito maschile singolare (il, lo) si traduce sempre o (u).
** Larticolo definito femminile singolare (la) si traduce sempre a (a).
** Gli articoli plurali (i, gli, le) si ottengono da quelli singolari aggiungendo una s: os (us), as (as).
** Il verbo ser indica una condizione costante nelle persone o nelle cose. Io sono italiano Eu sou
italiano (eu s italianu)
** Il verbo estar sostituisce il verbo ser quando indica una condizione transitoria nelle persone o
nelle cose. Io sono stanco Eu estou cansado (eu ist cansdu)
** Il plurale regolare si ottiene dal singolare aggiungendo una s: menino-meninos, meninameninas, casa-casas, estrada-estradas...
** Ele, eles (egli, essi) diventano al femminile ela,elas (ella, esse).
ESERCIZI
Primo esercizio Traduci in portoghese
Primeiro exerccio Traduz em portugus (Primeiro esersissiu Traduz em portughes)
I bambini sono alti. La strada facile. Le bambine possono (podem) giocare. Buongiorno,
mamma. Noi siamo stanchi di (cansados de) cantare. Luomo e la donna sono felici (felizes). Rio
de Janeiro in (no) Brasile. Mangiare, bere e dormire sono verbi facili da imparare (aprender).
Grazie, nonna. La casa bassa ed a (em) Roma.
Secondo esercizio Traduci in italiano
Segundo exerccio Traduz em italiano (Segundo esersissiu Traduz em italianu)
O menino portugus. O pai das meninas italiano. Os homens esto em So Paulo. Eu gosto de
(mi piace) falar, brincar e cantar. O exerccio fcil. Obrigado, me. No h de que, Felipe. O av

e a av esto em Paris. Eu tenho uma linda (bella) casa. Boa noite, av. Eu sou espanhol. A menina
inglesa ? No, ela brasileira.

Soluzioni Esercizi della Prima Lezione


Primo esercizio Traduci in portoghese
Primeiro exerccio Traduz em portugus (Primeiro esersissiu Traduz em portughes)
Os meninos so altos. A estrada fcil. As meninas podem brincar. Bom dia, me. Ns estamos
cansados de cantar. O homem e a mulher so felizes. Rio de Janeiro est no Brasil. Comer, beber e
dormir so verbos fceis para aprender. Obrigado, av. A casa baixa e est em Roma.
Secondo esercizio Traduci in italiano
Segundo exerccio Traduz em italiano (Segundo esersissiu Traduz em italianu)
Il bambino portoghese. Il padre delle bambine italiano. Gli uomini sono a San Paolo. Mi piace
parlare, giocare e cantare. Lesercizio facile. Grazie, mamma. Prego, Filippo. Il nonna e la nonna
sono a Parigi. Io ho una bella casa. Buona notte, nonno. Io sono spagnolo. La bambina inglese ?
No, brasiliana.

SECONDA LEZIONE

Venti parole
La forchetta O garfo (u garfu)
Il cucchiaio A colher (a cuglir)
Il coltello A faca (a faca)
Ledificio O prdio (u prediu)
La stanza O quarto (u quartu)
La cucina A cozinha (a cosigna)
Il tavolo A mesa (a msa)
Il letto A cama (a cama)
La porta A porta (a porta)

Il pane O po (u pon)
Il latte O leite (u lici)
Il burro A manteiga (a manteiga)
Il formaggio O queijo (o chigiu)
Lacqua A gua (a gua)
Bello Bonito (bonito)
Bello Lindo (lindo)
Brutto Feio (fiu)
Bravo Bom (bom)
Cattivo Ruim (ruim)

La finestra A janela (a gianla)

Dieci verbi

Comprare Comprar (comprr)

Aprire Abrir (abrr)

Vendere Vender (vendr)

Chiudere Fechar (fescir)

Pagare Pagar (pagr)

Accendere Acender (assendr)

Costare Custar (custr)

Spegnere Apagar (appagr)

Regalare Presentear (presencar)

Mescolare Misturar (misturr


Verbo PARLARE Presente indicativo

Verbo PAGARE Presente indicativo

Io parlo Eu falo (eu falu)

Io pago - Eu pago (eu pagu)

Tu parli Voc fala (voss fla)

Tu paghi Voc paga (voss paga)

Egli parla Ele fala (eli fla)

Egli paga Ele paga (eli paga)

Noi parliamo Ns falamos (nos falmus)

Noi paghiamo Ns pagamos (nos pagmus)

Voi parlate Vocs falam (vosss falm)

Voi pagate Vocs pagam (vosss pagam)

Essi parlano Eles falam (elis falm)

Essi pagano Eles pagam (elis pagam)

Verbo CHIUDERE Presente indicativo


Io chiudo Eu fecho (eu fsciu)
Tu chiudi Voc fecha (voss fscia)
Egli chiude - Ele fecha (eli fscia)
Noi chiudiamo Ns fechamos (nos fsciamus)
Voi chiudete Vocs fecham (vosss fsciam)
Essi chiudono Eles fecham (elis fsciam)
Qualche regola Algumas regras (augmas rgras)
** Tutti i verbi regolari che finiscono in AR si coniugano come falar, fechar e pagar.
** DO DA (plurale DOS DAS) sono la forma contratta di DE+O e di DE+A (plurale DE+OS
DE+AS) e corrispondono sia a DEL-DELLO-DELLA (possesso), sia a DAL-DALLO-DALLA
(provenienza). I fiumi del Brasile Os rios do Brasil (us rus du Brsil). Arrivo dallItalia Eu
chego da Italia (eu scigu da Italia).
** NO NA (plurale NOS NAS) sono la forma contratta di EM+O e EM+A (plurale EM+OS e
EM+AS) e corrispondono a NEL-NELLO-NELLA. Loro abitano nella casa verde Eles moram na
casa verde (elis mram na casa vergi).

** AO (plurale AOS S) sono la forma contratta di A+O e A+A (plurale A+OS e A+AS) e
corrispondono ad AL-ALLO-ALLA. (Al femminile prende laccento per distinguerlo
dallarticolo...).
** UM-UMA (articolo indefinito UN-UNO-UNA) si adopera al plurale (UMS-UMAS) per indicare
ALCUNI. Lei ha alcuni libri - Ela tem ums livros (ela tem ums lvrus).
** I partitivi italiani DEL-DELLO-DELLA in portoghese vengono eliminati. Ho del pane e del
latte. Tenho po e leite (tegnu pon i lici).
ESERCIZI
Primo esercizio Traduci in portoghese
Primeiro exerccio Traduz em portugus (Primeiro esersissiu Traduz em portughes)
Ho un coltello, un cucchiaio e una forchetta. Hai del formaggio, per piacere (por favor) ? No, non
ne ho. Lacqua spegne il fuoco (fogo). Il pane e il latte sono sopra (sobre) il tavolo. La bambina
apre la porta (porta) e la finestra della stanza. Il bambino non cattivo, solo (s) stanco. La porta
della cucina rossa (vermelha). La mamma mescola la minestra (sopa) con (com) un cucchiaio.
Noi abitiamo in un edificio molto (muito) bello, con le porte e le finestre verdi
Secondo esercizio Traduci in italiano
Segundo exerccio Traduz em italiano (Segundo esersissiu Traduz em italianu)
A av compra leite e queijo. O po custa pouco (poco), a manteiga custa muito. A menina abre a
janela. Eu falo pouco o portugus. Voc tem uma faca, por favor ? Sim, eu tenho uma. Eu no sou
bom, sou muito ruim: no vendo nada (niente) ! A cama e a mesa so no quarto com a porta
vermelha. O av come o queijo e bebe o leite.

Soluzioni Esercizi della Seconda Lezione


Primo esercizio Traduci in portoghese
Primeiro exerccio Traduz em portugus (Primeiro esersissiu Traduz em portughes)
Eu tenho uma faca, uma colher e um garfo. Voc tem queijo ? No, eu no tenho. A gua apaga o
fogo. O po e o leite esto sobre a mesa. A menina abre a porta e a janela do quarto. O menino no
ruim, ele s cansado. A porta da cozinha vermelha. A me mistura a sopa com uma colher.
Ns moramos num prdio muito lindo, com as portas e as janelas verdes.
Secondo esercizio Traduci in italiano
Segundo exerccio Traduz em italiano (Segundo esersissiu Traduz em italianu)

La nonna compera latte e formaggio. Il pane costa poco, il burro costa molto. La bimba apre la
finestra. Io parlo poco il portoghese. Hai un coltello, per favore ? S, ne ho uno. Non sono bravo,
sono molto cattivo: non vendo niente ! Il letto e il tavolo sono nella stanza con la porta rossa. Il
nonno mangia il formaggio e beve il latte.

TERZA LEZIONE

Venti parole
Il fratello O irmo (u irmon)
La sorella A irm (a irman)
Lo zio O tio (u ciu)
La zia A tia (a cia)
Il nipote (del nonno) O neto (u netu)
La nipote (del nonno) A neta (a neta)
Il nipote (dello zio) O sobrinho (u subrgnu)
La nipote (dello zio) A sobrinha (a
subrgna)
Lungo Comprdo (cumprdu)
Corto Curto (curtu)

I numeri cardinali
Uno Um (um)
Due Dois (dois)
Tre Trs (tres)
Quattro Quatro (quatru)
Cinque Cinco (cincu)
Sei Seis (seis)
Sette Sete (seci)
Otto Oito (oitu)
Nove Nove (novi)

Piccolo Pequeno (pichnu)


Grande Grande (grangi)
Capace Capaz (caps)
Felice Feliz (fels)
Bianco Branco (brancu)
Nero Preto (pretu)
Rosso Vermelho (vermegliu)
Giallo Amarelo (amarlu)
Viola Roxo (rosciu)
Verde Verde (vergi)

Dieci Dez (des)


Verbo dovere Presente indicativo

Verbo partire Presente indicativo

Io devo Eu devo (eu devu)

Io parto Eu parto (eu partu)

Tu devi Voc deve (voss devi)

Tu parti Voc parte (voss parci)

Egli deve Ele deve (eli devi)

Egli parte - Ele parte (eli parci)

Noi dobbiamo Ns devemos (nos devmus) Noi partiamo Ns partimos (nos parcmus)
Voi dovete Vocs devem (vosss dvem)

Voi partite Vocs partem (vosss prten)

Essi devono Eles devem (elis dvem)

Essi partono Eles partem (elis prten)

Verbo avere Imperfetto


Io avevo - Eu tinha (eu cgna)
Tu avevi Voc tinha (voss cgna)
Egli aveva Ele tinha (eli cgna)
Noi avevamo Ns tinhamos (nos cgnamus)
Voi avevate Vocs tinham (vosss cgnan)
Essi avevano Eles tinham (elis cgnan)
Qualche regola Algumas regras (augmas rgras)
** I verbi Dever e Partir servono di modello per tutti i verbi regolari della II e della III
coniugazione.
** Il numero due (dois) ha la forma femminile (duas): due bambini dois meninos , due bambine
duas meninas
** Salvo alcune eccezioni sono femminili i nomi terminanti in A e : la casa a casa , il tavolo
a mesa, la mela a ma (a massn) , la sorella a irm . Sono maschili quelli derivanti dal greco
il diploma o diploma , il pianeta o planeta e quelli che indicano ruoli maschili il monarca o
monarca , loculista o oculista . Sono pure maschili il giorno o dia (u ga) e lombrello o
guardachuva (o gurda-sciva) .
** Salvo numerose eccezioni sono femminili anche i nomi terminanti in E : il ponte a ponte (a
ponci) , la fame a fome (a fomi) . Tra le eccezioni ci sono il monte o monte (u monci) , il capo
o chefe (u scfi) , lorizzonte o horizonte (u orizonci) , il dente o dente (u denci), il pettine
o pente (u penci)
** Tutti i nomi terminanti in altro modo sono invece maschili, ma anche qui ci sono delle
eccezioni, tra cui il fiore a flor , il dolore a dor , il colore a cr , la pace a paz , la luce a
luz

** Per formare il femminile dal maschile:


nei nomi terminanti in O si sostituisce la O con la A : zio-zia tio-tia , lungo-lunga compridocomprida
nei nomi terminanti in E si sostituisce la E con la A : gigante-gigantessa gigante-giganta ,
elefante-elefantessa elefante-elefanta
ai nomi terminanti con una consonante si aggiunge una A : spagnolo-spagnola espanholespanhola , un inglese-uninglese um ingls-uma inglesa
** Alcuni nomi formano il femminile cambiando O in , orfano-orfana rfo-rf , paganopagana pago-pag mentre altri cambiano O in ONA , scapolone-zitellona solteirosolteirona , piagnone-piagnona choro-chorona e altri ancora cambiano O in A, pavonepavonessa pavo-pava , leone-leonessa leo-lea .
** Gli aggettivi terminanti in E AL EL IL AZ IZ OZ sono dambo i generi : grande,
feliz, fcil, dificil, capaz
Esercizi
Primo esercizio Traduci in portoghese
Primeiro exerccio Traduz em portugus (Primeiro esersissiu Traduz em portughes)
Quando arriva (chega) il nipote di zio Giovanni ? Deve arrivare oggi (hoje). La zia di Lucia abita
(mora) nella casa rossa ? No, abita nella piccola casa gialla. La moglie (mulher) del nonno di Luca
inglese. I colori dellarcobaleno (arcoiris) sono sette. La fame brutta. Io parlo, ma tu non mi stai
ascoltando (escutando). Devo vendere cinque forchette e due cucchiai. Sei capace di mescolare il
colore rosso e il colore bianco ? Lui aveva tre grandi case con le porte nere e le finestre verdi. Voi
partite per il Brasile quando zio Filippo arriva in (na) Italia. Ho quattro figli: tre belle bambine e un
bel bambino.
Secondo esercizio Traduci in italiano
Segundo exerccio Traduz em italiano (Segundo esersissiu Traduz em italianu)
O irmo e a irm de Rafaela devem apagar a luz antes de (prima di) fechar a porta. Voc compra
sempre muita manteiga inglesa: porque no compra manteiga espanhola ? Quantos netos tem
Maria ? Ela tem s uma pequena neta: a filha de Joo. Eu devo pintar (dipingere) a mesa de branco
e as seis cadeiras (sedie) de preto. Pequena o grande, vermelha o amarela, linda o feia, eu devo
comprar uma cama ! Eles oferecem pequenas flores brancas e ns vendemos grandes flores
amarelas. Eu devo comprar seis guardachuvas antes de partir para Milano. Ele tem trs tios e duas
tias.

Soluzioni Esercizi della Terza Lezione


Primo esercizio Traduci in portoghese

Primeiro exerccio Traduz em portugus (Primeiro esersissiu Traduz em portughes)


Quando chega o sobrinho de tio Joo ? Ele deve chegar hoje. A tia de Lucia mora na casa
vermelha ? No, ela mora na pequena casa amarela. A mulher do av de Lucas inglesa. As cres
do arcoiris so sete. A fome feia. Eu falo, mas voc no me est escutando. Eu devo vender cinco
garfos e duas colheres. Voc capaz de misturar a cr vermelha e a cr branca ? Ele tinha trs
grandes casas com as portas pretas e as janelas verdes. Vocs partem para o Brasil quando tio Felipe
chega na Italia. Eu tenho quatro filhos: trs lindas meninas e um lindo menino.
Secondo esercizio Traduci in italiano
Segundo exerccio Traduz em italiano (Segundo esersissiu Traduz em italianu)
Il fratello e la sorella di Raffaella devono spegnere la luce prima di chiudere la porta. Tu compri
sempre molto burro inglese: perch non compri burro spagnolo ? Quanti nipoti ha Maria ? Ha solo
una piccola nipote: la figlia di Giovanni. Devo dipingere la tavola di bianco e le sedie di nero.
Piccolo o grande, rosso o giallo, bello o brutto, devo comprare un letto ! Loro regalano piccoli fiori
bianchi e noi vendiamo grandi fiori gialli. Devo comprare sei ombrelli prima di partire per Milano.
Lui ha tre zii e due zie.

QUARTA LEZIONE

Venti parole
La testa A cabea (a cabssa)
La faccia O rosto (u rostu)
Lorecchio A orelha (a orglia)
Locchio O olho (u ogliu)
Il naso O nariz (u nars)
Il dente O dente (u denci)
Il collo O pescoo (u pescssu)
La bocca A boca (a boca)
Il piede O p (u p)

La spalla O ombro (u ombru)


Il braccio O brao (u brassu)
Il ginocchio O joelho (u giugliu)
La mano A mo (a mon)
Il dito O dedo (u dedu)
Lunghia A unha (a ugna)
Il cuore O corao (u corassn)
Il fazzoletto O leno (u lnsu)
Lombrello O guarda-chuva (u guardasciva)
Il parasole O guarda-sol (u guardasl)

La gamba A perna (a perna)

I numeri cardinali

I giorni della settimana

Undici Onze (nsi)

Domenica Domingo (domngu)

Dodici Doze (dosi)

Luned Segunda-feira (sigunda-feira)

Tredici Treze (tresi)

Marted Tera-feira (tersa-feira)

Quattordici Quatorze (quatrsi)

Mercoled Quarta-feira (quarta-feira)

Quindici Quinze (chinsi)

Gioved Quinta-feira (chinta-feira)

Sedici Dezesseis (disesis)

Venerd Sexta-feira (sesta-feira)

Diciassette Dezessete (disesci)

Sabato Sbado (sbadu)

Diciotto Dezoito (disitu)

(I giorni della settimana sono tutti femminili


tranne Sbado e Domingo.)

Diciannove Dezenove (disenovi)


Venti Vinte (vinci)
Verbo partire Imperfetto indicativo

Verbo dovere Imperfetto indicativo

Io partivo Eu partia (eu parca)

Io dovevo Eu devia (eu deva)

Tu partivi Voc partia (voss parca)

Tu dovevi Voc devia (voss devia)

Egli partiva - Ele partia (eli parca)

Egli doveva Ele devia (eli devia)

Noi partivamo Ns partamos (nos


parcamus)

Noi dovevamo Ns devamos (nos


devamus)

Voi partivate Vocs partam (vosss


parcan)

Voi dovevate Vocs devam (vosss devan)


Essi dovevano Eles devam (elis devan)

Essi partivano Eles partam (elis parcan)


Verbo parlare Imperfetto indicativo
Io parlavo Eu falava (eu falva)
Tu parlavi Voc falava (voss falva)
Egli parlava Ele falava (eli falva)
Noi parlavamo Ns falvamos (nos
falvamus)
Voi parlavate Vocs falavam (vosss
falvan)
Essi parlavano Eles falavam (elis falvan)
Qualche regola Algumas regras (augmas rgras)
PLURALE DEI NOMI

* Il plurale dei nomi terminanti per vocale si forma, di solito, aggiungendo una S: boca-bocas,
perna-pernas, olho-olhos
* I nomi terminanti con la lettera M la cambiano in NS: homem-homens, ordem-ordens (ordineordini), margem-margens (margine-margini)
* I nomi terminanti in AL-EL-OL-UL cambiano la lettera L finale in IS: animal-animais, anel-anis,
papel-papis (carta-carte)
* I nomi terminanti in IL cambiano la lettera L finale in S se laccento cade sulla I: fuzil-fuzis (fuslfuss) (fucile-fucili), civil-civis (civl-civs) (civile-civili)
* I nomi terminanti in IL cambiano le due lettere IL finali in EIS se laccento non cade sulla I:
hbil-hbeis (bil-beis) (abile-abili), voltil-volteis (volcil-volteis) (volatile-volatili)
* I nomi terminanti in R-Z-S con laccento sullultima sillaba formano il plurale aggiungendo ES:
mulher-mulheres, nariz-narizes, anans-ananases
* I nomi che terminano in S con laccento non sullultima sillaba rimangono invariati: o ourives
os ourives (u ourvis us ourvis) (lorefice gli orefici), o pires os pires (o pris us pris) (il
piattino i piattini)
* Alcuni nomi terminanti in O (quelli che, di solito, in italiano terminano in IONE) sostituiscono
le due lettere O con le lettere ES: habitao habitaes, opinio opinies, confisso
confisses
* Altri nomi terminanti in O (quelli che, di solito, in italiano terminano in ANO) sostituiscono le
due lettere O con le lettere ES: sacristo sacristes, capito capites, po pes (pane pani)

* Altri nomi ancora terminanti in O ( e qui, solo la pratica potr dirvi quali) aggiungono
semplicemente la lettera S: irmo-irmos, cidado-cidados (cittadini-cittadini), mo-mos
Esercizi
Primo esercizio Traduci in portoghese
Primeiro exerccio Traduz em portugus (Primeiro esersissiu Traduz em portughes)
Undici uomini parlavano con le braccia incrociate (encruzados). - Lui doveva partire al (na)
marted. - Tredici bambini parlavano con la maestra (professora). - Al sabato dovevo cambiare di
abitazione (habitao). - L'uomo ha due gambe e due braccia. - L'ombrello protegge (protege) la
testa dalla pioggia (chuva). - Il parasole protegge la faccia dal sole (sol). - Due fratelli dovevano
parlare con una donna. - Loro parlavano di (sobre os) animali. - Lei ha due anelli nella mano sinistra
(esquerda).
Secondo esercizio Traduci in italiano
Segundo exerccio Traduz em italiano (Segundo esersissiu Traduz em italianu)

O menino tinha as unhas sujas (sporche) e grandes. - Dezenove mulheres estavam (erano) com
corao na mo. - A menina est com o dedo da mo doente (malato). - O leno serve para limpar
(pulire) o nariz. - A cabea est em cima do pescoo. - Ele falava (diceva) que a perna estava limpa.
- A mulher tem os olhos azuis. - Ele devia falar com voc. - A mo tem cinco dedos. - A semana tem
sete dias. - O primeiro dia da semana domingo. - O ltimo dia da semana sabado.

Soluzioni Esercizi della Quarta Lezione


Primo esercizio Traduci in portoghese
Primeiro exerccio Traduz em portugus (Primeiro esersissiu Traduz em portughes)
Onze homens falavam com os braos cruzados. - Ele devia partir na tera-feira. - Treze meninos
falavam com a professora. - No sbado eu devia mudar de habitao. - O homem tem duas pernas e
dois braos. - O guarda-chuva protege a cabea da chuva. - O guarda-sol protege o rosto do sol. Dois irmos deviam falar com uma mulher. - Eles falavam sobre os animais. - Ela tem dois anis na
mo esquerda.
Secondo esercizio Traduci in italiano
Segundo exerccio Traduz em italiano (Segundo esersissiu Traduz em italianu)
Il bambino aveva le unghie sporche e grandi. - Diciannove donne erano con (avevano) il cuore in
mano. - La bambina con (ha) il dito della mano malato. - Il fazzoletto serve per pulire il naso. - La
testa sta in cima al collo. - Lui diceva che la gamba era pulita. - La donna ha gli occhi azzurri. - Lui
doveva parlare con te. - La mano ha cinque dita. - La settimana ha sette giorni. - Il primo giorno
della settimana la domenica. - L'ultimo giorno della settimana il sabato.

QUINTA LEZIONE

Venti parole
Questo-questa-questi-queste Este-estaestes-estas (s-ci, sta, s-cis, stas)
Quello-quella-quelli-quelle Aquele-aquelaaqueles-aquelas (achli, achla, achlis,
achlas)
Questa cosa-ci Isto (stu)

Sopra Sobre (sobri)


Sotto a Debaixo de (dibisciu gi)
Prima di Antes de (ncis gi)
Dopo di Depois de (depis gi)
Qui Aqui (ach)
Qua C (c)

Quella cosa-ci Aquilo (achlu)

L A (a)

Per Para - por (para - pur)

L Al - l (al - l)

Fra Entre (entri)

Freddo Frio (friu)

Con Com (con)

Caldo Quente (chnci)

Senza Sem (sen)

Tiepido Morno (mornu)

Davanti a Diante de (dinci gi)


Dietro a Atrs de (atrs gi)

I numeri cardinali
Trenta Trinta (trinta)
Quaranta Quarenta (quarenta)
Cinquanta Cinquenta (sinquenta)
Sessanta Sessenta (sessenta)
Settanta Setenta (setenta)
Ottanta Oitenta (oitenta)
Novanta Noventa (noventa)
Cento Cento - cem (sentu - sem)
Duecento Duzentos (dusentus)
Trecento - Trezentos (tresentus)
Quattrocento Quatrocentos (quatrusentus)
Cinquecento Quinhentos (chignentus)
Seicento Seiscentos (seissentus)
Settecento Setecentos (Secisentus)
Ottocento Oitocentos (Oitusentus)
Novecento Novecentos (Novisentus)
Mille Mil (mil)

Aggettivi e pronomi
possessivi
Il mio la mia O meu a minha (u meu a
migna)
Il tuo la tua O seu a sua (u seu a sua)
Il suo la sua (di lui) O dele a dele
(u deli a deli)
Il suo la sua (di lei) O dela a dela
(u dela a dela)
Il nostro la nostra O nosso a nossa (u
nossu a nossa)
Il vostro la vostra O seu a sua (u seu a
sua)
Il loro la loro (di loro maschi) O deles
A deles (u delis a delis)
Il loro la loro (di loro femmine) O delas
A delas (u delas a delas)

Un milione Um milho (un miglin)


Un miliardo Um bilho (un biglin)
Verbo essere Imperfetto indicativo

Verbo stare Imperfetto indicativo

Io ero Eu era (eu era)

Io stavo Eu estava (eu istva)

Tu eri Voc era (voss era)

Tu stavi Voc estava (voss istva)

Egli era Ele era (eli era)

Egli stava Ele estava (eli istva)

Noi eravamo Ns ramos (nos


ramus)

Noi stavamo Ns estvamos (nos


istvamus)

Voi eravate Vocs eram (vosss eran)

Voi stavate Vocs estavam (vosss


istvan)

Essi erano Eles eram (elis eran)


Essi stavano Eles estavam (elis
istvan)
Qualche regola Algumas regras (augmas rgras)
* Per il numero cento si usa Cem davanti ai sostantivi (cento amici cem amigos), a Mil (mille) e
Milhes. Cento per formare altri numeri: centodieci cento e dez, centonovantuno centonoventa e
um.
* Il plurale degli aggettivi e dei pronomi possessivi si forma normalmente con laggiunta della
lettera S: i miei gatti os meus gatos, le tue sedie as suas cadeiras.
* Le preposizioni De (di) e Em (in) davanti ad aggettivi e pronomi dimostrativi diventano
rispettivamente D ed N: deste (di questo), nesta (in questa), daquele (di quello), naquelas (in quelle)

* La preposizione italiana per pu essere tradotta con para o con por.


Con para quando indica scopo, destinazione o termine: Mangio per vivere, non vivo per mangiare
Como para viver, no vivo para comer Lui parte per Torino Ele parte para Torino.
Con por quando indica mezzo, causa, tempo, prezzo: Mandare notizie per lettera Mandar notcias
por carta Morire per mancanza di medicine Morrer por falta de remdios
* La preposizione italiana da, quando accompagna un complemento dagente, viene tradotta usando
por: Un libro scritto da un italiano Um livro escrito por um italiano.