Sei sulla pagina 1di 2

Settimanale diocesano Trieste sbaglia bersaglio.

La mia risposta a Vita Nuova


Caro Direttore,
sapevo di avere idee politiche diverse, ma non pensavo arrivasse ad usare il settimanale diocesano
per un attacco personale scriteriato come quello messo stamane online.
Le sottopongo pertanto alcune brevi precisazioni, pregandola di pubblicarle a beneficio dei lettori e
della mia onorabilit.
Anzitutto, con riferimento alla conferenza organizzata dall'UCIIM, vado spesso a incontri di questo
genere in tutta Italia, e posso assicurarla che - a differenza di qualcuna delle persone che lei
apprezza e sostiene- non li ho mai usati per fare propaganda politica, ben sapendo che il pubblico ha
idee politiche diverse, a cominciare da quello del Movimento per la Vita Italiano, che pure presiedo
a livello nazionale.
In secondo luogo, la sfido a trovare in alcuno dei miei scritti o delle mie conferenze qualunque cosa
che possa essere ritenuta in dissonanza con il magistero e con la dottrina sociale della Chiesa.
Soprattutto, lei fa finta di non sapere quanto ampiamente noto circa la mia posizione sul ddl
riguardante le unioni civili omosessuali e sul tema dell'utero in affitto. In tutte le sedi associative e
politiche, oltre che in articoli e interviste, sempre mi sono espresso con dovizia di argomentazioni
contro questo provvedimento. Ho partecipato alla manifestazione di Piazza San Giovanni e a quella
del Circo Massimo. Sono intervenuto sabato scorso a Parigi al Forum Europeo delle organizzazioni
pro-life. Ancora ieri sono intervenuto con una lunga e argomentata demolizione del Cirinn nella
commissione giustizia della Camera (senza peraltro che fosse la mia commissione). Questa mattina
stata depositata alla Camera una proposta di legge sull'utero in affitto di cui sono primo
firmatario.
Se quando si arriver al voto il ddl non sar stato modificato impedendo ogni equiparazione delle
unioni omosessuali al matrimonio, anche noto che il sottoscritto voter contro e che lo far anche
se il governo dovesse porre sul tema la questione di fiducia.
Ci detto, per il resto mi permetta di ritenere opinabile se sia meglio collaborare col PD per
contrastarne le derive radicali o se sia preferibile collaborare con la Lega per limitarne le derive
xenofobe o con altri partiti di centro-destra pesantemente infiltrati dalla massoneria.
In tutta confidenza posso rivelarle che se la vicenda delle unioni civili mi costringer ad uscire dalla
maggioranza, lo far controvoglia, non sapendo dove trovare successivamente una casa migliore.
La difesa della vita, cos come la promozione della dottrina sociale della Chiesa e il magistero del
Papa (incluso l'attuale) chiedono un orizzonte a 360 gradi e un amore senza riserve. Il mio piccolo
gruppo di Democrazia Solidale mi ha permesso finora di farlo, senza dovermi pentire in coscienza
di alcun voto. Ho molti dubbi che ci mi sar possibile altrove.
A lei e ai lettori di Vita Nuova l'augurio di una Santa Pasqua (senza scomuniche).
On. Gian Luigi Gigli

Vita Nuova Trieste: onorevole Gigli e UCIIM, due brutte sorprese nelluovo di Pasqua.

Lonorevole Gigli oggi 18 marzo a Trieste in appoggio al candidato sindaco del PD e per tenere
una conferenza presso una associazione cattolica. Contraddizioni e incoerenze nelluovo di Pasqua.
Si apprende che oggi, 18 marzo, alle ore 17,00 allhotel Milano, lonorevole Gianluigi Gigli sar a
Trieste, insieme con lonorevole Lorenzo Dellai, per presentare in conferenza stampa la lista di
Democrazia solidale in sostegno del candidato del Partito democratico alle prossime
amministrative Roberto Cosolini. La lista si chiamer Trieste citt solidale.
Si apprende anche che alle ore 18 sempre di oggi 18 marzo, lonorevole Gigli terr una conferenza
organizzata dallUCIIM (lunione degli insegnanti cattolici) sulleducazione dei giovani alla vita.
I due fatti meritano alcune considerazioni.
Lonorevole Gianluigi Gigli parlamentare ed anche presidente del Movimento per la Vita italiano.
In passato si era reso noto per la sua strenua battaglia per la difesa di Eluana Englaro. Ci si chiede
come sia possibile che egli ora scenda in campo a Trieste in appoggio ad una amministrazione che
ha introdotto il deposito delle dichiarazioni anticipate di trattamento (DAT) che esprimevano ed
esprimono una mentalit eutanasica.
Ci si chiede anche perch egli sia stato invitato, unora dopo questa sua prossima discesa in campo a
Trieste, da una associazione cattolica come lUCIIM. Questa non dovrebbe fare campagna elettorale
e soprattutto non dovrebbe appoggiare in nessun modo liste civiche contrarie alla vita. Il fatto che
Gigli sia anche Presidente del Movimento per la Vita aggrava le responsabilit ed aumenta la
confusione dei ruoli. Se per caso la conferenza stampa fosse stata fissata dopo linvito dellUCIIM a
Gigli, cosa che per il resto non ci risulta, lUCIIM avrebbe dovuto disdire lincontro, come
speriamo far, essendoci ancora il tempo per farlo.
Infine, lonorevole Gianluigi Gigli fa parte del gruppo parlamentare di Democrazia solidale, esito
della frantumazione della piccola galassia di Lista Civica, la formazione politica di Mario Monti.
Gigli, quindi, appoggia il governo Renzi e appoggia anche lapprovazione del deleterio disegno di
legge Cirinn. Gigli, parlamentare e presidente del Movimento per la Vita, rimane in un governo
che equipara la sterilit alla procreazione e di fatto apre le porte alladozione omosessuale e
allutero in affitto.