Sei sulla pagina 1di 4

30 aprile '14

Le cose non sono mai semplici o semplicemente belle o felici e basta. Ma


soprattutto semplici. Le cose non sono mai semplici. Punto. Inutile
domandarsi il perch. O sei pronto alla complicatitudine delle cose o fai
prima a spalmarti sui binari di un treno.

28 aprile '14
Ho bisogno di buone domande a cui dare buone risposte davanti ad bicchiere
di buon qualcosa.

24 aprile '14
A volte mi piacerebbe davvero che la smettessi. Che smettessi per un momento
di far correre la testa. Non ti godi niente, ti crei da sola quelle ansie da
cui poi ti fai assalire e mangiare viva. Invece di cercare aiuto fai di
tutto per affogare sempre di pi nel tuo gorgo e cerchi pure di trascinare
meche non so proprio cosa dirti in questi momenti. Vorrei che ti volessi
bene anche solo la met di quanto te ne voglio io, non avresti pi ansie n
ti tortureresti pi.

10 aprile '14
Gli esseri umani sono tra le bestie pi crudeli del mondo, se non le pi
crudeli in assoluto. Uccidono i loro simili per cattiveria o interessi
materiali, non hanno compassione o solidariet. In circa 3000 anni di
storia, avevo letto, ci sono stati s e no 200 anni di pace effettiva.
Eppure esiste una qualit chiamata umanit che significa una cosa ben
precisa, diversa e ormai scomparsa.
Tutto ci mi d da pensare.
E stavamo l a parlare di fantasmi, affreschi, gatti e cimiteri,
mentre il sole ci cuoceva la testa ed i pensieri.

18 marzo '14
Ma domani la festa del pap!!! =D Comprer qualcosa di maschile, tipo
una stecca di toscani o del dopobarba, scriver una bella lettera densa di
sentimenti, aspetter che lui torni dal lavoro e.mi fumer i toscani
accendendoli con la lettera in fiamme e mi sbronzer col dopobarba siccome
contiene alcool. Sono il padre di me stesso in fondo (no, niente incesto
trans-temporale). Un padre, in fin dei conti, cosa fa? Insegna. Ti d
consigli, ti sgrida, ascolta le tue seghe mentali, viene a caccia con te o,
se non riesce a far nulla di tutto questo, ti almeno d mille motivi per
odiarlo. Il mio, invece, ha semplicemente deciso di non esistere (quindi
nemmeno posso odiarlo) quindi mi sono sempre dato consigli da solo, mi sono
sgridato da solo, mi sono raccontato le mie stesse seghe mentali mille volte
e vado a caccia da solo.
Probabilmente ho fatto un gran casino con mio figlio/me, proiettando su di
lui/me tutto quello che avrei voluto essere e non sono riuscito. Come ogni
padre che sia degno di questo nome, dopotutto.
Quindibehauguri a me.

13 marzo '14

E niente...
A me il suono della parola prugna fa ridere.

12 marzo '14
Signori, che la vita faccia schifo labbiamo capito tutti. Di certo poi non
aspettiamo di sentire le vostre lamentele per accorgercene. Quindi bon,
basta, dai fatevene una ragione. Che la vita fa s schifo, ma va anche bene
cos. Soprattutto per il fatto che, se la vita fa schifo, possiamo far
schifo anche noi senza problemi. Senza volere a tutti i costi fare bene,
meglio, ottimamente, senza dover essere buoni, egalit, libert, fraternit,
eccheccos.
Sapete invece cosa fa davvero schifo? I ragazzini che sputano fuori da
scuola, che quando poi se ne vanno lasciano un tappeto bianchiccio di sputi.
E sapete cosa fa ancora pi schifo? Le ragazzine, femmine, che sputano.
Altro che la vita, qui si parla di cose serie! Mica la vita, che la cosa
pi banale del mondo. Evvia.

11 marzo '14
-Ci
-E
-Io
-Ci

faremo del male?


probabile.
ci sto.
speravo.

6 marzo '14
Oggi ti racconto la nascita della filosofia.
Sui libri troverai scritto che la filosofia nasce nel VI secolo a.c. con
Talete. Io rispondo BALLE! La filosofia nasce con luomo, perch la
filosofia lesercizio stesso del pensiero.
In particolare la filosofia (dice Aristotele) nasce da thuma che in greco
significa sia meraviglia sia terrore (ha a che fare con il gigante
Taumante, che fa parte della schiera dei demoni Ctonici, esseri della
mitologia ancestrale, imparentati coi titani, che terrorizzavano il mondo).
Perch la filosofia nasce dal terrore (significato che preferisco rispetto a
meraviglia)?
Perch con ogni probabilit i primi uomini erano terrorizzati da qualunque
cosa, dal cielo stellato, dal mare, dalle malattie, dalla morte, tutte cose
che non conoscevano, di cui non sapevano lorigine o fenomeni che non
sapevano spiegarsi. E proprio siccome non sapevano spiegare questi fenomeni
inventarono i miti, risposte pi o meno fantasiose per spiegare i fenomeni
fino a quel momento incomprensibili. Avendo quelle risposte gli uomini
furono pi tranquilli, pi sereni, perch si ha paura solo di quello che non
si conosce, e coi miti loro erano convinti di aver trovato una spiegazione
alle cose e quindi una forma di conoscenza.
Divennero cos filomythoi, amanti del mito, prima ancora che filosophoi.
E il VI secolo a.c. cosa centra?
Centra perch a partire dal VI sec. inizia la filosofia vera e propria, la
filosofia come la intendiamo oggi, la filosofia occidentale (le filosofie
orientali esistevano gi da millenni).
Inizia cio il tentativo di dare risposta ai fenomeni non pi in modo
fantasioso, ma in modo (presunto) scientifico. Da qui Talete, i presocratici
ecc.
Unaltra cosa interessante la radice delle parola filosofia. Viene da
philin (amicizia, amore, cura) e sopha (conoscenza, sapienza). Il saggio,
colui che coltiva la sopha il sophs, ma se prendi sophs e lo scomponi
in so-phs ti accorgi che quel phs significa luce, dal greco al latino da
phs diventa photo ed la stessa radice di parole come foto-ne, fotografia ecc.
Cosa capiamo da qui? Che filosofia altro non se non la luce della
conoscenza che penetra e permea le tenebre dellignoranza, un concetto che
ritroveremo sia nella storia cristianit sia nellilluminismo del 700.
Stupefacente vero? =)
E, se ci pensi, anche oggi quando ci poniamo domande sul cosmo o sui
sentimenti o sul significato della vita ecc. (tutte domande che ci
spaventano, ci terrorizzano, thuma) non stiamo facendo altro che porci
dilemmi filosofici. E la risposta che ci diamo, qualunque essa sia, una
teoria filosofica. Piccola forse, ma magari utile ed illuminante, luminosa,
phs. =)

27 febbraio '14
Tutti idioti. Tutti poggiati su una microscopica pallina lanciata a folle
velocit nellimmenso universo. E tutti a preoccuparci per cazzate, tutti
con la paura di morire. Che idiozia.
21 febbraio '14
E mi sveglierei tutte le mattine con tre soli.
Uno in cielo, uno accanto e uno dentro.