Sei sulla pagina 1di 7

Introduzione al terzo libro Vibhuti, le realizzazioni, i poteri.

Mi sembra necessario svolgere unintroduzione a questo libro per la notevole differenza


che, a seconda della cultura di appartenenza, della visione, della personale sensibilit, si
pu riscontrare tra gli autori che hanno tradotto e commentato gli yogasutra.
Questa diversit di mappe, di traduzione vera in generale per tutti e quattro i libri ma
per vibhuti pada esiste una difficolt in pi legata all argomento che pone delle difficolt
nel scegliere una traduzione, e ho la sensazione che sar comunque parziale e poco
soddisfacente. Su questo tema molto complesso, non mi pare ci sia un significativo
approfondimento, ma naturalmente rispetto e guardo con attenzione a tutto ci che la
tradizione e quindi la pratica potr manifestare durante la ricerca. Comunque questo
argomento produce grande confusione, ed di difficile comprensione per la cultura
occidentale: cercher di offrire qualche riflessione.
Per alcuni autori i poteri sono stati alterati, cio non ordinari, della coscienza.
Questa impostazione ha dei vantaggi, le condizioni alterate dei sensi o le percezioni
extrasensoriali possono permettere una conoscenza pi profonda della realt e della
percezione. Patanjali avvalora questa tesi quando dice che i poteri sono raggiunti anche
con luso di droghe 4.1 e aggiunge in 4.2 che le siddhi sono potenzialit naturali, che
cambiano o si sviluppano in modo diverso per ciascun individuo.
Mentre alcune persone le possiedono naturalmente, altri ne fanno esperienza con le
droghe, e per altri ancora insorgono perch latenti e quindi si manifestano con
levoluzione della coscienza (samadhi).
La lettura che prevale nei commentari di yogasutra per non orientata a stati
straordinari della psiche o a processi naturali che possono produrre una conoscenza, ma
vere e proprie capacit materiali dello yogin, usate meccanicamente, in pratca "applico il
samyama a questo o a quelloggetto e ottengo un risultato", ma questo provoca in me un
naturale scetticismo.
Ho la sensazione che gli insegnanti e gli studiosi di yoga di fronte a questo argomento
dimostrino un certo imbarazzo oppure un atteggiamento di chi sposa il miracolismo senza
nessun senso critico
Quello che appare possibile che Patanjali comprenda nelle siddhi (realizzazioni) anche
darhana, dyana e il samadhi (samyama) da qui forse la spiegazione del perch riportarle
nel quarto libro quando poteva sembrare pi naturale concludere le otto braccia della
pratica nel terzo, ma daltra parte lui stesso ci dice nel sutra 3.7 che i tre insieme hanno una
qualit diversa maggiore delle cinque precedenti.
Aggiunge nel sutra 3.38 che rivolgere questa capacit allesterno cio sul mondo manifesto
pu essere di ostacolo, perch non si focalizza il processo della consapevolezza rivolto
agli stati interiori.

Quindi nel secondo libro e prima parte del terzo dettaglia la pratica che conduce a nuove
possibilit della coscienza (samadhi), se questa viene rivolta a conoscere lesterno si
hanno le realizzazioni, sviluppate nel terzo libro, se rivolta allinterno levoluzione della
coscienza, primo libro, e successivamente gli effetti finali Kaivalya, la liberazione, nel
quarto libro.
Quindi il samyama (E necessario leggere i primi sutra del terzo libro) la precondizione,
la qualit necessaria per ottenere profondi cambiamenti, ma il samyama deve essere
rivolto al conseguimento del kaivalya, la liberazione e dedica tutto il quarto libro a questo
aspetto basilare, anzi avverte in sutra 3.51 e 3.52 necessario non attaccarsi a ci che si
conseguito, altrimenti non si pu accedere alla liberazione. Si pu dire che linsorgere delle
realizzazioni pu dare un senso di superiorit che rinforza lego.
Gli ultimi quattro sutra del terzo libro sono splendidi e indicano chiaramente ci che
Patanjali considera fondamentale, in particolare la consapevolezza del presente. Si pu
dire che per Patajali le siddhi non siano necessarie alla realizzazione tranne il samyama e
questo giustamente orientato alla ricerca interiore senza quellaura di mistero e di magia
che alla pratica e alla ricerca seria non fanno bene e rischiano di confondere le persone che
si avvicinano o perch giustamente scettiche nei confronti del miracolismo o perch
affamate di straordinario.
Credo che per una buona ricerca interiore sia sufficiente guardare la realt ordinaria con
limmenso stupore che essa merita.
Cercher ora di dare alcuni esempi credo interessanti e porter alcune testimonianze di
maestri sulle siddhi, i poteri.
Vorrei iniziare con la tradizione buddista con un piccolo racconto che riporter dal libro
di Desjardin alla ricerca del S ed. Mediterranee.
Un giorno il Buddha attraversava un fiume con i suoi discepoli,facendo ricorso al
traghettatore. In quel momento un grande yogin si mette ad attraversare il fiume
camminando sulle acque. I discepoli del Buddha (simili a tutti i discepoli del mondo,
pronti a dubitare del loro guru e del suo insegnamento) cominciano ad avere paura. Ah!
Il Maestro ci fa salire sulla barca e non ci ha mai insegnato a camminare sulle acque e
questo yogin invece cammina sui flutti. Uno dei discepoli fa quello che si fa in questi casi
quando ci si vuole rassicurare, accecare e soffocare immediatamente un dubbio; si mette a
dire:Non ha alcun valore, questo genere di potere miracoloso. Si disse il Buddha, ha un
valore,tutto ha un certo valore.
Ah si? Che valore ha?. Non sono in grado di dirtelo ora, te lo dir tra poco. Quando la
barca ha raggiunto laltra riva, il Buddha chiede al traghettatore: Quanto ti debbo? E
costui risponde: Venticinque centesimi a persona. Il Buddha dice allora al discepolo:
Ecco, quel potere miracoloso vale venticinque centesimi.
Riporter un brano interessante che mi sembra in sintonia con quanto vi ho raccontato
poco prima, tratto dallinsegnamento Zen di Shunryu Suzuki.

Una donna disse a Suzuki di aver sentito gli altri sostenere che era in grado di leggere la
mente. Quando gli fu domandato se fosse vero, rispose:no!. Nelle lezioni successive
neg di avere tali capacit.
Mel (discepola di Suzuki) sosteneva che chi era alla ricerca di miracoli o poteri
straordinari, era completamente fuori strada.La magia di sensi lordinario.
Tratto da Cetriolo storto, di D.Chadwick, ed. Ubaldini

VIBHUTI PADA
Il terzo libro: delle realizzazioni

Vibhuti, estensione, sviluppo, manifestazione, realizzazione.


Siddhi, sinonimo di vibhuti, perfezione, compimento, poteri.
Il risultato dellazione (Krya yoga) produce una nuova, pi intensa, approfondita capacit,
di percezione.
Le tre qualit principali sono in realt (dharana, dyana, samadhi).
3.1 La concentrazione (dharana) consiste nel fissare (bandh-legare) la coscienza in un
punto.
3.2 La meditazione (dhyana) la capacit di mantenere (in modo ininterrotto) la
coscienza in quel punto (pratyaya).
3.3 La meditazione quando assume solo la forma essenziale (svarupa sunyam, la natura
vuota) delloggetto e non quella della sua rappresentazione mentale dicesi
consapevolezza (samadhi).
3.4 I tre (dharana, dhyana, samadhi) applicati insieme concordano (samyama).
3.5 Padroneggiandolo si consegue la luce della conoscenza vera intuitiva (prajna).
3.6 La sua applicazione per stadi.
3.7 I tre presi insieme sono pi profondi, interni, intimi, dei precedenti.
3.8 Tuttavia sono esterni rispetto alla consapevolezza senza semi. (nirbja samadhi).
3.9 Lo stabilizzarsi del movimento (nirhoda parinama) quella trasformazione della
mente allorch viene progressivamente permeata da quella condizione di non mente
(nirhoda) che avviene fugacemente tra unimpressione che sta svanendo e quella che
prende il suo posto.

3.10 Questa condizione (nirhoda) diviene stabile con lesercizio.


3.11 Questa condizione evolve nella consapevolezza (samadhi parinam) per lassestarsi
graduale delle distrazioni e linstaurarsi della concentrazione su un unico oggetto.
3.12 Lattenzione su un punto sulloggetto (ekagrata parinam), ogni tanto scompare
(rinsorgono movimenti della coscienza) ma rimpiazzato listante successivo con un
oggetto del tutto simile.
3.13 Con ci (levoluzione della coscienza) si spiegano le modificazioni (della
percezione) che riguardano i tre campi la qualit principale di un oggetto (dharma), i
suoi attributi e lo stato in qui si trova. Modificazioni che riguardano gli elementi
(butha) e gli organi di senso (indrya).
Cio levoluzione della coscienza spiega un cambiamento profondo della percezione.
3.14 Loggetto si fonda su qualit essenziali che sono sia sopite, sia non ancora
manifestate.
3.15 La diversit delle forme (variet delle trasformazioni) dipende dalla percezione e
segue un destino un ordine naturale.
Quindi orientando il samyama su un oggetto ne possiamo avere una conoscenza pi
profonda che va al di l della nostra comprensione ordinaria.
3.16 Grazie al samyama sui tre tipi di trasformazione (parinama) la conoscenza del
passato (atita) e del futuro (anagata).
3.17 Il suono e lo scopo e lidea che vi stanno alle spalle sussistono insieme nella
mente, in uno stato confuso. Grazie al samyama sul suono avviene una separazione e
sorge la comprensione dei significati dei suoni prodotti dagli esseri viventi.
Per alcuni non la comprensione di tutte le lingue, ma la comprensione di come nasce e si
struttura il linguaggio in relazione alla coscienza.
3.18 Osservando le impressioni del passato si ottiene la conoscenza delle proprie
nascite.
Con il conoscere i Samskara, i propri condizionamenti provenienti dal passato se ne
conosce lorigine.
3.19 Grazie al samyama si pu cogliere lo stato di coscienza altrui.
3.20 non tuttavia i suoi oggetti.
Non sappiamo per la causa di questo stato mentale.
3.21 Grazie al samyama applicato alla forma del corpo, in modo da interrompere la
ricezione, come pure il contatto tra locchio e la luce, si ottiene linvisibilit.

Difficile capire se si riferisce alla capacit di svanire alla vista o alla comprensione
profonda delle propriet della luce.
3.22 Cos, allo stesso modo per i suoni.
3.23 Grazie al samyama applicato al karma oppure su segni premonitori si pu intuire
lesatto momento della propria morte.
3.24 Grazie al samyama sullamore, sulla compassione, sulla letizia e sullindifferenza
si ottengono a perfezione.
3.25 Praticando il samyama sulla forza dellelefante ne si ottiene la forza.
3.26 Grazie al samyama sullinvisibile, si ottiene la conoscenza del piccolissimo e del
grandissimo.
3.27 Grazie al samyama sul sole si consegue la conoscenza del sistema solare.
3.28 Grazie al samyama sulla luna si consegue la conoscenza della posizione delle stelle.
3.29 Grazie al samyama sulla stella polare si conosce il loro movimento.
3.30 Grazie al samyama sullombelico (chakra munipura), si percepisce lorganizzazione
del corpo.
3.31 Grazie al samyama sulla gola (vishudha) conosciamo il centro che controlla la fame
e la sete.
3.32 Grazie al samyama sul (Kurmanadi) si ottiene la stabilit.
Un punto situato alla sommit del petto.
3.33 Grazie al samyama sulla luce sotto la corona del capo (sahasrara chakra), si
acquista la capacit di entrare in contatto con gli esseri perfetti.
Si conosce la condizione spirituale degli iniziati.
3.34 con lonniscienza la conoscenza di ogni cosa.
3.35 Grazie al samyama sul cuore (anahata chakra) la natura della mente.
3.36 Nella esperienza ordinaria non c distinzione tra la pura consapevolezza e la
percezione pura grazie al samyama si conosce la loro distinzione.
3.37 Da ci un ascolto, un tocco, un vedere, un gustare, un odorare sovrasensibili. (Al di
l del normale percepire)
3.38 Questi sono poteri se la mente rivolta allesterno, ma sono ostacoli sul cammino
della consapevolezza, della realizzazione (Samadhi).

3.39 Grazie al samyama mediante lo scioglimento dei legami e la conoscenza della


mente si pu possedere entrare nel corpo dellaltro.
Anche qui due interpretazioni, la prima pi straordinaria, entrare , la possessione, il poter
esercitare azioni o influenze trasferendosi in un altro corpo. Laltra usare il potere delle
realizzazioni per influenzare, condizionare laltro sia in termini positivi che negativi.
3.40 Mediante il dominio dellenergia vitale, lo yogin in grado di levitare e di passare
senza contatto sullacqua, il fango, le spine. Quindi al di l degli ostacoli.
3.41 Grazie al controllo del respiro si irradia la luce.
3.42 Esercitando il samyama sulla relazione esistente tra lorgano delludito e letere si
ottiene un udito senza limiti.
3.43 Con il samyama con la relazione che esiste tre etere e corpo, e identificandosi con la
condizione di leggerezza propria del cotone, si ottiene il potere di muoversi attraverso
lo spazio.
3.44 La grande disincarnazione (maha videha,il fatto di essere al di fuori del proprio
corpo), unattivit inconcepibile, grazie ad essa cade il velo che copriva la luce.
3.45 Grazie al Samyama sulle caratteristiche: laspetto grossolano, quello apparente,
quello sottile, quello connettivo e il loro scopo, si ottiene il dominio sugli elementi.
3.46 A causa di ci si attua la manifestazione di poteri come diventare piccoli come un
atomo, altri poteri di questo tipo, cos come la perfezione del corpo e lindistruttibilit
delle sue qualit.
3.47 la percezione di perfezione corporea comprende le percezioni di bellezza, grazia
forza, solidit.
3.48 Grazie al samyama che si esercita sulle facolt sensoriali sulla sostanza dellessere
(svarupa) sul sentimento dellio (asmita),sulla relazione tra soggetto e oggetto si ottiene
il dominio degli organi sensoriali e motori.
3.49 Grazie a ci (il dominio degli organi sensoriali e motori) si ottiene anche la facolt
di spostarsi veloci come il pensiero, lo sviluppo della facolt di agire senza strumenti
dazione e il dominio del segreto della natura.
I sutra che seguono sono fondamentali perch ribadiscono i punti essenziali per Patanjali.
Tutti i libri (pada) tranne il secondo finiscono con sutra essenziali che parlano di uno stato
profondo di coscienza, nel primo libro il Nirbjah samadhi, il secondo ha una
continuazione naturale nel terzo dove si prospetta il Samyama, ma il terzo ci conduce nella
sua parte finale dal sutra 3.50 al sutra 3.56 al kaivalya e il quarto gli totalmente dedicato.
3.50. Soltanto nella consapevolezza della distinzione tra pensiero e consapevolezza
(purusa) si ottiene la conoscenza e il controllo di tutte le forme di percezione.

3.51 Quando poi si liberi da attaccamento rispetto a tutti questi poteri si distrugge il
seme che imprigiona. A quel punto segue la liberazione (kaivalya).
3.52 Si dovrebbe evitare qualsiasi attaccamento o orgoglio nei confronti delle tentazioni
delle entit divine che governano i vari livelli esistenziali, poich questo porterebbe
con se la possibilit di risveglio del male.
3.53 Praticando la concentrazione sul momento presente, sul momento passato e sul
momento che verr, si ottiene la conoscenza nata dalla consapevolezza della realt
suprema.
3.54 Da qui nasce la capacit di distinguere tra oggetti simili che non possono essere
indicati da specie, carattere o posizione.
3.55 La conoscenza superiore nata dalla consapevolezza della realt trascendente, e
include la cognizione di tutti gli oggetti, simultaneamente comprende tutti gli oggetti e
opera in qualunque direzione--- nel passato, nel presente e nel futuro--- e trascende il
modo di essere nel mondo.
3.56 Si consegue la liberazione (kaivalya) allorch esiste una uguale distribuzione di
purezza tra la consapevolezza e la percezione.