Sei sulla pagina 1di 20

LA MEDICINA BIOLOGICA

LUGLIO - SETTEMBRE 2003

Homoeopathicum
A cura de
Prof. Ivo Bianchi

LE LOGANIACEE
- LOGANIACEAE PRIMA PARTE

e Loganiacee sono una Famiglia botanica comprendente


circa 500 Specie originarie delle regioni tropicali. Sono essenze legnose, talvolta con habitus lianoso, a foglie intere e
opposte, provviste di stipole. I fiori sono ermafroditi e attinomorfi, usualmente riuniti in cime bipare, con perianzio formato da 5
sepali uniti in un corto tubo e da altrettanti petali saldati in una corolla tubulosa di forma allungata. L'androceo consta di 5 stami inseriti sulla corolla, mentre il gineceo riunisce 2 carpelli, uniti in
un ovario supero e biloculare, sormontato da uno stilo con stimma unico. Il frutto una bacca o una capsula.
Alla Famiglia delle Loganiaceae appartengono alcune piante da
cui si estraggono veleni molto potenti (TAB. 1), quali gli alcaloidi
stricnina e brucina. In particolare, dalle specie Strychnos toxifera e Strychnos crevauxiana gli Indigeni sudamericani ricavano il
curaro, utilizzato nella caccia per avvelenare la punta di piccole
frecce lanciate con la cerbottana.

TAB. 1

I pi importanti rappresentanti di questa Famiglia, dal punto di vista dellinteresse terapeutico fitoterapico omeopatico, sono:
Spigelia anthelmia
Gelsemium sempervirens
Ignatia amara (Strychnos Ignatii)
Nux vomica (Strychnos nux vomica).

SPIGELIA ANTHELMIA
FIG. 1

Nux vomica

Gelsemium sempervirens

CORONARO-DILATATORE
VAGOTONICO
ANTI-IPER TENSIVO

Ignatia amara

Spigelia anthelmia
Tossicit

E una pianta annuale originaria del Sud America ed ivi, un tempo, usata dagli Indigeni per la terapia delle parassitosi intestinali. Introdotta in Europa nel 700, stata scarsamente impiegata
come vermifugo, per la sua tossicit (FIG. 1).

43

LA MEDICINA BIOLOGICA

LUGLIO - SETTEMBRE 2003

 Origine: Sud America


 Costituenti principali:
Alcaloidi piridinici, spigelina (azione simile a conina e nicotina)
Oli essenziali
Tannino
Mucillagini
Myricina
Lignina
 Fitoterapia
 Parti utilizzate: pianta intera o radice secca
 Uso Terapeutico
La notevole tossicit della pianta, soprattutto di questa variet
sudamericana, ne limita limpiego terapeutico. La meno tossica
Spigelia marylandica, con areale di distribuzione nelle regioni
orientali degli Stati Uniti, viene usata come potente ed efficace
rimedio antiparassitario, attivo sia sugli elminti che sugli ossiuri. Per ottenere un buon effetto terapeutico senza danni tossici,
consigliabile far sempre seguire la somministrazione da un
purgante: senna, manna, finocchio o, meglio, solfato di magnesio.
Studi recenti hanno riproposto linteresse per luso terapeutico
di questa pianta in patologie importanti quali AIDS, neoplasie e
coronaropatie.
 Tossicit ed Effetti Secondari
Gli effetti tossici della pianta vanno dai disturbi della vista e dellequilibrio, agli spasmi e tremori muscolari, alla tachicardia. Dosi pi elevate deprimono lattivit circolatoria e la respirazione,
producendo perdita di forza muscolare. Nei bambini, i toxicon
della pianta possono provocare convulsioni anche mortali.

 Rimedi Omeopatici nella tachiaritmia:

Spigelia: Tachiaritmia violenta nel soggetto ipertiroideo, iperteso, simpaticotonico;


Tabacum: Tachiaritmia nel soggetto ipoteso, vagotonico;
Glonoine: Tachicardia parossistica, cefalea congestizia, ipertensione, vampate;
Arnica: Ipertensione arteriosa, congestione cefalica, ipertrofia
cardiaca, aritmia;
Aconitum: Angoscia, crisi ipertensive, palpitazioni e tachicardia parossistica;
Sumbul: Tachicardia ed aritmia emozionale, dolori anginosi con
ansia.
Sistema Nervoso
Emicrania occipitale e suborbitaria sn. che peggiora allalba e migliora con il tramonto (Natrium muriaticum). Nevralgia ciliare ed
orbitaria aggravata da tutti i movimenti oculari (Bryonia, Ruta,
Onosmodium).
Nevralgia del trigemino localizzata, soprattutto, in regione mascellare ed aggravata dal movimento, freddo umido e fumo di tabacco. Nevralgia toraco precordiale irradiata allarto superiore
sn. ed aggravata dallinspirazione.
Occhi
Esoftalmo basedowiano (Jodum, Lachesis, Sumbul, Lycopus)
con lacrimazione e dolori aggravati dai movimenti oculari.

 Tropismo del Rimedio


APPARATO CARDIOCIRCOLATORIO
SISTEMA NERVOSO
 Eziologia
Stress nervoso
Ipertiroidismo
Infezione streptococcica

 Omeopatia

44

SIMPATICOTONO

Aurum
metallicum

Spigelia
Sumbul

SCISSURA
TROFICA

Luesinum
METABOLICA

Apparato Cardiocircolatorio
E fondamentale rimedio omeopatico a tropismo cardiaco. Tipica
la tachicardia cos violenta da essere chiaramente avvertibile
dal malato e da potersi vedere attraverso gli abiti. Il cuore batte
violentemente pi che velocemente. Il paziente in questa situazione angosciato, immobile, non tollera i vestiti stretti. Sta meglio coricato sul fianco destro ed il capo sollevato.
E rimedio importante delle crisi anginose con dolore retrosternale irradiato al braccio ed alla scapola sinistra (Naja): il minimo
movimento peggiora il quadro clinico.

Inquadramento Neurovegetativo

SCISSURA

Sintomi Mentali
E rimedio indicato nei pazienti inquieti ed ansiosi, spesso cardiopatici. Tendenzialmente depressi, si offendono facilmente. La
paura per gli oggetti appuntiti, la fobia per aghi e spilli sono tipici del rimedio.

TAB. 2

VAGOTONO

LA MEDICINA BIOLOGICA

 Modalit
Aggravamento
Calore solare
Essere toccato
Movimento
Scosse
Aria fredda
Miglioramento
Riposo
Coricati sul lato destro
Con il capo sollevato
 Indicazioni Cliniche Generali:
Aumento dei riflessi
Spasmi
Convulsioni
Problemi nervosi da parassitosi
Strabismo
Balbuzie
Dolori periombelicali
Palpitazioni violente percettibili e visibili
Angor
Precordialgie
Tachiaritmia nellipertiroidismo
Dolori dei globi oculari (come se fossero troppo grossi ).

LUGLIO - SETTEMBRE 2003

 Omotossicologia
Spigelia disponibile in diluizione bilanciata come: SpigeliaInjeel S fiale (D8, D12, D30, D200) e forte (anche in D4).
Il rimedio omeopatico Spigelia , inoltre, contenuto, in diverse diluizioni, in alcuni farmaci omotossicologici composti: Cralonin
gocce (D2) e fiale (D1); Cactus compositum gocce (D3) e fiale
(D5); Spigelon (D3); SpigeliaHeel (D4); PectusHeel (D4);
Strophanthus compositum (D4); StaphisagriaHeel (D6); Strophantin compositum (D10); CactusHomaccord (D10, 30, 200);
Menyanthes comp. (D6) (Guna Laboratori - Milano).
Considerazioni
 Spigelia importante farmaco cardiologico ed antinevralgico presente in moltissimi preparati omeopatici composti specifici per queste indicazioni. A livello cardiologico ha sostanzialmente azione vagotonizzante, coronarodilatatrice ed antiipertensiva. A livello neurologico agisce come potente antalgico grazie, anche, alla sua azione miorilassante (TAB. 2).

GELSEMIUM SEMPERVIRENS
FIG. 2

 Patologie in cui il rimedio specificatamente indicato:


Nevralgia del trigemino
Nevralgie cervicobrachiali
Nevralgie intercostali
Nevralgie posterpetiche
Algie oculari
Iriti
Glaucoma
Emicrania oftalmica
Tachicardia parossistica
Endocardite reumatica
Insufficienza mitralica
Cardiopatia da tireotossicosi
Angina pectoris
Ipertiroidismo.
 Posologia
Nelle patologie neurologiche quali la nevralgia del trigemino con le
caratteristiche specifiche del rimedio, indicata liniezione locale sottocutanea nella forma -Injeel o, meglio, -Injeel forte. Questo farmaco anche molto utile, sempre in basse diluizioni, quale componente
importante dei cocktail neuralterapeutici (solitamente associato alla
procaina). Nelle indicazioni cardiache utile la forma -Injeel in somministrazione (anche per os) trisettimanale; si possono impiegare i
granuli nelle diluizioni 7 e 9CH , in ragione di 3-5 granuli sublinguali (mattino e sera). Nelle fobie e nelle problematiche cardiocircolatorie e nevralgiche con importante componente psicosomatica e
sintomi tipici del rimedio sono indicate le alte diluizioni in dose
200CH, MK, XMK, spesso con la classica successione giornaliera.

Gelsemium sempervirens un arbusto rampicante a fioritura precoce originario del Sud Est degli Stati Uniti, introdotto in Europa
nel 600 come pianta ornamentale per i bei fiori decorativi e profumati (FIG. 2).
 Origine: Carolina del Sud
 Costituenti Principali
Alcaloidi indolici
Gelsemicina
Gelsemina
Sempervirina
Gelsidina
Gelsevirina
Oli essenziali
Oli grassi

45

LA MEDICINA BIOLOGICA

LUGLIO - SETTEMBRE 2003

Leffetto degli alcaloidi indolici si manifesta a livello del S.N.C.


che viene inizialmente stimolato e, successivamente, depresso.
Dosi elevate abbassano la sensibilit cardiaca e la pressione arteriosa. Dosi tossiche portano a morte per paralisi respiratoria. La
sempervirina e la gelsemina provocano crampi simili a quelli indotti dalla stricnina.
La gelsemicina lalcaloide pi tossico prodotto dalla pianta: stimola il centro respiratorio, lintestino e lutero. A dosi pi elevate
ha effetto paralizzante. Provoca dilatazione bronchiale ed ha azione ipotensiva.
Lintossicazione lieve determina: midriasi, riduzione della vista,
ptosi palpebrale, astenia e depressione. A dosi pi elevate sopravviene astenia generalizzata e diminuzione dei battiti cardiaci e degli atti respiratori.
 Fitoterapia
 Parti utilizzate: radice
 Uso Terapeutico
Alcuni Autori descrivono luso di questa pianta come cardiosedativo efficace nelle extrasistolie (tintura madre). Altri Autori, peraltro, ritengono questo uso pericoloso.
La tintura madre stata anche usata per la terapia dellemicrania e delle nevralgie facciali, particolarmente in associazione con
lacido salicilico e la fenacetina.
Alcune formulazioni contenenti Gelsemium:
Gocce Cardiosedative:
1) Tintura di Gelsemium
10
Tintura di Valeriana ad 30
20-30 gocce, 3 volte al giorno
2) Tintura di Gelsemium
10
Estratto di Adonide
10
Tintura di Valeriana ad 30
20 40 gocce, 3 volte al giorno
3) Tintura di Gelsemium
10
Crataegus extr.
ad 30
20 gocce, 3 volte al giorno
 Tossicit ed Effetti Secondari
Tutte le parti della pianta, incluso il fiore ed il nettare, sono tossiche. La gelsemicina e la gelsemina sono i principi attivi pi tossici: inducono depressione a carico dei nervi motori. I sintomi tossici includono difficolt nelluso della muscolatura volontaria, rigidit e prostrazione, afasia motoria, bocca asciutta, disturbi visivi, tremore delle estremit, sudorazione profusa, depressione
respiratoria e convulsioni. In alcuni Paesi (Germania e Australia)
luso terapico vietato per la contiguit tra dose terapeutica e dose tossica.

46

 Omeopatia
Sintomi Mentali
Gelsemium grande rimedio dellansia, dellintensa emotivit e della paura, particolarmente utile prima di eventi importanti quali un
esame, uninterrogazione, un incontro o un intervento chirurgico.
Molti dei sintomi (anche fisici) del rimedio sono psicosomatici e,
in questottica, vanno lette la cefalea, la diarrea, la tachiaritmia e
linsonnia, tipiche di questo farmaco. E caratteristico di Gelsemium
linibizione intellettuale dovuta allansia, con blocco motorio, amnesia improvvisa e temporanea e manifestazioni somatiche, quali
diarrea o minzione profusa. Caratteristiche del farmaco sono lansia, ma, soprattutto, la paura ed il grande desiderio di tranquillit
che pu condurre alla ricerca di solitudine e di isolamento.
Questo farmaco indicato in molte fobie: claustrofobia, agorafobia, antropofobia, ecc. E indicato anche nei bambini che hanno paura di cadere.
Gelsemium e Ignatia sono i due grandi rimedi omeopatici delliperemotivit. Il primo indicato nellinibizione e nei tremori, il secondo negli spasmi e nelleccitazione.
Le problematiche psicologiche di Gelsemium si manifestano con
alterazioni cardiocircolatorie e, talora, con ipertensione (Aurum).
Gelsemium importante farmaco nel tabagismo e nellalcolismo,
qualora il soggetto ricerchi in queste droghe sollievo contro ansia e paura.

 Rimedi omeopatici dellansia e della paura:


Gelsemium: Inibizione intellettuale, blocco motorio, diarrea, poliuria;
Argentum nitricum: Frettolosit, ansia con diarrea ed inibizione
intellettuale;
Aconitum: Senso di spavento e terrore prima di una prova;
Stramonium: Terrore intenso, violento, irrazionale;
Opium: Blocco totale da paura;
Arsenicum album: Ansia, agitazione, astenia nel soggetto debilitato.
Apparato cardiocircolatorio
Aritmia del soggetto emotivo con tachicardia che si alterna a bradicardia e sensazione che il cuore si arresti.
Vertigini con problemi visivi correlate a nervosismo o a tabagismo.
Sistema Nervoso
Cefalea congestizia spesso provocata da calore o insolazione
(anche in relazione a sintomi influenzali o a problemi emotivi):
spesso accompagnata da obnubilamento, pesantezza e sonnolenza. Il rimedio indicato anche nellemicrania oftalmica, preceduta da aura visiva. Lemicrania di Gelsemium accompagnata da importante diminuzione dellacuit visiva e pu talora
concomitare con paresi, paralisi motorie, problemi cerebrali e tremori emotivi generalizzati (il paziente chiede di essere trattenuto) o localizzati ad una mano, ad un arto, al mento, alla palpebra, alla lingua (Zincum, Agaricus).

LA MEDICINA BIOLOGICA

Inquadramento Neurovegetativo
SIMPATICOTONO

Gelsemium
Opium

SCISSURA

Ignatia

SCISSURA
TROFICA

Luesinum
METABOLICA

TAB. 3

VAGOTONO

Paralisi facciale con le temperature calde (a frigore: Aconitum).


Le paralisi di Gelsemium possono essere conseguenza di problemi psicologici, colpi di sole o virosi.
Il rimedio indicato nelle paralisi oculari e oculo-motorie, nella
ptosi palpebrale, nella diplopia e nello strabismo. Il rimedio utile nellafonia paretica, nella difficolt di deglutizione, nelle paresi e nella difficolt del controllo degli sfinteri.
Gelsemium rimedio da prescrivere sempre nelle paralisi motorie secondarie ad ictus recenti e a mielopatie virali.
E importante tener conto di questo rimedio anche nellestrema
astenia degli arti inferiori e nellincoordinazione motoria.
Apparato genito urinario
Mestruazioni ritardanti e scarse con dolori lombosacrali e pelvici.
Travaglio di parto doloroso, prolungato ed inefficace. Il rimedio si rivelato molto utile per regolarizzare le contrazioni del
travaglio, soprattutto in associazione a Caulophyllum e Actea
racemosa.
Eiaculazione senza erezione.
Sintomi Generali
Febbre con sintomi influenzali soprattutto nel periodo caldo e umido; solitamente la febbre non molto elevata. Il paziente avverte senso di congestione, obnubilamento del sensorio con cefalea nucale ed abbattimento con sonnolenza e dolenzia generalizzata che concomita con uno stato di agitazione e di ansia.
Tipica lassenza di sete.

 Tropismo del Rimedio


MENTE
SISTEMA NERVOSO
 Eziologia
Shock affettivi determinanti reazioni psicomotorie
Shock emozionali intensi (paura ed ansia danticipazione)
Raffreddamento dopo essersi accaldati

LUGLIO - SETTEMBRE 2003

Malattie organiche gravi e debilitanti, soprattutto in ambito cardiologico


Allettamento prolungato
Stress prolungato
 Modalit
Aggravamento
Calore
Tempo caldo
Emozioni
Cattive notizie
Miglioramento
Abbondante emissione durina
Sudorazione
Movimento
 Indicazioni Cliniche Generali:
Paura ed ansia danticipazione con inibizione e turbe della memoria, tremori, diarrea e pollachiuria emotiva
Iperemotivit
Inibizione intellettuale
Insonnia per ansia danticipazione
Insonnia pensando ad un esame o ad un intervento chirurgico
Cefalea congestizia prevalentemente occipitale coinvolgente
collo, spalle e che si irradia ai globi oculari
Paralisi oculare e facciale (VII paio)
Ptosi palpebrale
Diplopia
Afonia paretica
Difficolt di deglutizione
Paresi
Diarrea emotiva
Poliuria emotiva
Tremore emotivo
Tremori generalizzati o localizzati
Turbe del ritmo cardiaco nel soggetto emotivo
Contrazioni inefficaci in corso di travaglio di parto
Febbre e sindrome influenzale nel periodo caldo.
 Patologie in cui il rimedio specificatamente indicato:
Paralisi motorie
Paresi
Encefalomieliti virali
Poliomielite
Miastenia
Ictus
Emorragia cerebrale
Aritmia
Bradicardia
Strabismo
Cefalea congestizia
Emicrania oftalmica con aura
Blefarospasmo
Insonnia
Ansia danticipazione

47

LA MEDICINA BIOLOGICA

LUGLIO - SETTEMBRE 2003

Attacchi di panico
Agorafobia, antropofobia, claustrofobia
Inerzia uterina in corso di travaglio
Sindrome influenzale.

 Posologia
Nelle patologie neurologiche quali miastenia, cefalea, tremori
etc., Gelsemium indicato alla diluizione 15 o 30CH, 2-3 volte
al giorno o nella forma -Injeel (1 fiala sublinguale alla sera x 3 volte alla settimana).
Molto utile il rimedio composto Gelsemium Homaccord che
associa farmaci complementari a Gelsemium, quali Rhus tox. e
Cimicifuga. Questo farmaco, iniettato a livello cervico scapolare
con la tecnica bio-mesoterapica, utilmente impiegato soprattutto nelle cefalee muscolo tensive. Gelsemium - Injeel forte
spesso utile in alcune forme di nevralgia facciale con le caratteristiche del rimedio.
Le alte diluizioni (200CH, MK, XMK), spesso con la classica successione giornaliera, sono indicate quando il quadro psico-comportamentale del paziente caratterizzato soprattutto da paura
ed ansia.
In particolare, nei pazienti ove una cronica condizione dansia abbia portato allinstaurarsi di problemi somatici (emicrania) o addizioni (alcolismo e/o tabagismo), indicata la prescrizione delle alte diluizioni del rimedio che va ripetuta al ripresentarsi dei sintomi.

LETTERATURA
1. BERGERET C. Nouvelle Clinique dHomeopathie Vegetale. Ed. Similia,
Paris, 1992.
2. BIANCHI I. Argomenti di Omotossicologia, vol. I, Guna Ed., Milano, 1987.
3. BIANCHI I. Repertorio Omeopatico Omotossicologico e Materia Medica, Guna Ed., Milano, 1993.
4. BRUNETON J. Pharmacognosie Tec-Doc, Ed. Paris, 1993.
5 COULAMY A., JOUSSET C. Basses Diluitions, Drainage, Homeopathie,
Ed. Similia, Paris, 2000.
6. DEMARQUE D. Pharmacologie ed Matiere Medicale Homeopathique,
CEDH Ed., Lyon, 1993.
7. FROHNE D. A Color Atlas of Poisonous Plants. Wolfe Publ., Stuttgart,
1984.
8. GUERMONPREZ M. Matiere Medicale Homeopathique. Doin Ed., Paris,
1985.
9. JAYASURIYA A. Clinical Homeopathy, Jain Publ. New Delhi, 1988.
10. MAUGINI E. Manuale di Botanica Farmaceutica, Ed. Piccin, Padova,
1983.
11. VAN HELLEMONT J. Compendium de Phytotherapie, Ed. Service Scientifique APB, Bruxelles, 1985.
12. VIGNEAU C. Plantes mdicinales. Ed. Masson, Lyon, 1985.
13. WILKINS M. I segreti delle Piante. Ed. De Agostini, Novara, 1988.

Homoeopathicum
a cura del Prof. Ivo Bianchi
Future pubblicazioni:
LE LOGANIACEE (SECONDA PARTE): La Med. Biol. 2004/1
LE SOLANACEE: La Med. Biol. 2004

 Omotossicologia

LE PAPAVERACEE: La Med. Biol. 2004

Gelsemium disponibile in diluizione bilanciata come: Gelsemium Injeel (D6, D12, D30, D200) e forte (anche in D4).
Il rimedio omeopatico Gelsemium , inoltre, contenuto, in diverse diluizioni, in alcuni farmaci omotossicologici composti: Spigelon (D3); Spigelia Heel (D4); Selenium compositum (D4);
Cuprum Heel (D6); Echinacea compositum S (D6) e forte (D8);
Gelsemium Homaccord (D2, 10, 30, 200).
Considerazioni
 Gelsemium il grande rimedio del soggetto eccitato, an-

sioso, pauroso, ma anche depresso e con desiderio di ritirarsi dall'agone della vita. I problemi cardio-circolatori e neurologici sono spesso violenti e spaventano ulteriormente il paziente. Tutto fa pensare ad un profondo squilibrio neurovegetativo che si manifesta sia a livello immunitario con le tipiche
febbri estive adinamiche, sia a livello psicologico con l'incapacit di affrontare le normali problematiche della vita di re
lazione. (TAB. 3).
(2 - continua)

48

Gi pubblicato:
LE CUPRESSACEE
La Med. Biol.,
2003/2; 43-51

LA MEDICINA BIOLOGICA

GENNAIO - MARZO 2004

Homoeopathicum
A cura de
Prof. Ivo Bianchi

LE LOGANIACEE
- LOGANIACEAE SECONDA PARTE

IGNATIA AMARA
FIG. 1

una liana con fiori bianchi a grappolo. I frutti sono globosi, verdastri o giallo-arancioni, contenenti 10 -12 grossi semi di forma
irregolare (FIG. 1) color grigio-brunastro, ricoperti da fine peluria.
I semi furono introdotti in Europa dal Padre gesuita Camelli, che
diede alla specie il nome attuale in ricordo di Ignazio di Loyola,
fondatore del suo Ordine. La pianta nota in Estremo Oriente,
dove viene utilizzata come farmaco e come veleno. Ignatia
stata utilizzata nella terapia delle gastralgie (gocce amare di
Baum).
 Origine: Isole Filippine
 Costituenti principali:
Alcaloidi indolici
Stricnina
Brucina
Acido caffeico
Acido clorogenico
Contiene gli stessi alcaloidi di Nux vomica, con maggior quantit di Brucina.
 Fitoterapia
 Parti utilizzate: semi
 Uso Terapeutico
usata come tonico nella medicina popolare; la sua tossicit
ne limita molto l'impiego.

37

LA MEDICINA BIOLOGICA

GENNAIO - MARZO 2004

 Tossicit ed Effetti Secondari


Come Nux vomica: tramite lazione sul bulbo e sul midollo spinale, ha azione tetanizzante che induce spasmi che, in taluni casi, possono condurre ad exitus.
 Omeopatia
Sintomi Mentali
Ignatia un importante rimedio omeopatico delle turbe dell'umore
e delle manifestazioni isteriformi. Il tipo sensibile solitamente un
soggetto di carattere gioioso che, in seguito a stress o contrariet
esistenziali, diventa triste, chiuso, concentrato su se stesso per
ruminare i propri pensieri e problemi da cui completamente
assorbito (FIG. 2): piange facilmente, con grande mutabilit d'umore passando dal riso al pianto.
Caratteristica mentale specifica di Ignatia la paradossalit, la
tendenza alle reazioni isteriche, alle manifestazioni plateali.
Il quadro di Ignatia si manifesta, spesso, dopo contrariet e dispiaceri, soprattutto se coincidenti con periodi di surmenage o
stress. Il paziente depresso, intensamente astenico, soprattutto al mattino (in particolare alle h. 11). Contrariamente a Phosphorus, non migliora con lassunzione di cibo, ma distraendosi.
Lansia di Ignatia non si manifesta, ma accompagnata da inibizione con mutismo, inazione, melanconia, tendenza al pianto e
ai sospiri. Frequente anche l'insonnia che ha la paradossalit
del rimedio migliorando, per esempio, con il rumore.
soggetto introverso che soffre in silenzio, compatendosi (Pulsatilla, al contrario, lamenta i propri problemi): si isola, rifiuta la

FIG. 2

FIG. 3

38

IGNATIA

NUX VOMICA

Impatto sul
Sistema Limbico

Impatto sulla
Corteccia Cerebrale

compagnia e non sopporta la consolazione. Nelle fasi acute


proprio l'angoscia che impedisce di parlare e di esprimersi: assorto nei propri pensieri e guarda nel vuoto.
Nux vomica, pur avendo una composizione chimica analoga, pu
essere nettamente distinta da Ignatia: Nux vomica generalmente pi indicata agli uomini irosi o sanguigni; Ignatia alle donne sensibili e melanconiche (FIG. 3).

 Rimedi Omeopatici dellemotivit e dellisteria:


Moschus: emotivit esagerata, esagerazione dei sintomi, reazioni paradossali, lipotimie;
Ignatia: depressione silenziosa, ansia, mutabilit, paradossalit dei sintomi;
Ambra grisea: timidezza estrema, fragilit emotiva, parestesie
isteriche, eccitazione nervosa;
Castoreum: ipereccitabilit sessuale femminile, amenorrea nervosa, isteria.
Apparato Gastroenterico
Ignatia un rimedio importante per tutte le psicosomatizzazioni
gastro-enteriche ove si manifestino i sintomi pi svariati senza
nessun substrato organico. I sintomi paradossi dominano anche
il quadro gastroenterico del rimedio.
Tipica la sensazione di fame verso le h.11, non migliorata dallassunzione di cibo. Lappetito incostante, con frequente desiderio di cibi esotici ed indigesti. Frequentemente un alimento
leggero non viene tollerato, mentre i cibi molto elaborati sono ben
digeriti. Ignatia anche rimedio delle intolleranze alimentari che
si presentino in particolari momenti di stress.
A livello gastro-enterico sono molto frequenti le manifestazioni
spasmodiche. Tipica la costrizione faringea (bolo isterico )
che viene migliorata ingerendo grossi bocconi o cibi duri e secchi. spesso presente nausea, con bocca amara ed abbondante salivazione; manifesta, talora, sintomi di appendicopatia
senza alcuna evidenza clinica o di laboratorio e stipsi con stimolo frequente, avvertito nella parte alta delladdome. Levacuazione pi dolorosa quando le feci sono molli. Rimedio indicato nella stipsi conseguente a lunghi viaggi in auto od ad
abuso di caff.
Ignatia pu essere, inoltre, rimedio della diarrea emotiva e della
terapia delle emorroidi che migliorano con la deambulazione.
Apparato Genito Urinario
Amenorrea dopo contrariet e dispiaceri, ma, talora, anche mestruazioni ravvicinate assai copiose, con flusso scuro, coagulato e maleodorante.
Il rimedio indicato nella femmina con frigidit alternata ad eccitazione sessuale. Nel maschio, un grande eretismo sessuale
accompagnato da impotenza.
Rimedio utile nel desiderio irresistibile di urinare ed impossibilit
a rilasciare gli sfinteri; enuresi notturna nelle ragazze giovani.
Apparato Respiratorio
Il rimedio indicato in alcune forme di singhiozzo, dopo assunzione di cibo ed aver bevuto.

LA MEDICINA BIOLOGICA

Inquadramento Neurovegetativo
SIMPATICOTONO

F
SCISSURA

Moschus

Ignatia

SCISSURA
TROFICA

Ambra grisea Luesinum


METABOLICA
VAGOTONO
TAB. 1

Tosse secca e stizzosa, provocata da vellichio, che aumenta con


latto di tossire. La tosse peggiora nelle ore serali, coricandosi,
e con le bevande calde.
Asma con inspirazione pi difficoltosa dellespirazione (asma nervosa con gravi accessi notturni).
Apparato Cardiocircolatorio
Ignatia uno dei rimedi pi importanti per la terapia delle palpitazioni di origine emotiva, cos intense da impedire al paziente
di addormentarsi.
Il paziente Ignatia soffre di dispnea, dolori cardiaci con irradiazione allarto superiore sinistro che simulano vere e proprie crisi
di angor senza substrato anatomo-patologico. La pressione arteriosa pu essere molto variabile e strettamente correlata alla situazione emotiva.
I sintomi cardiaci di Ignatia sono paradossali (spesso migliorano con il movimento e lesercizio fisico).
Apparato Osteo Articolare
Ignatia indicata nelle artralgie e mialgie puntiformi con tipico
andamento erratico. Specifiche del rimedio sono anche le paresi e/o paralisi isteriche di un arto o di un emisoma.
Ignatia utile anche negli spasmi dei muscoli facciali, delle palpebre, delle labbra: il paziente si morde facilmente la parte interna delle guance.
Le nevralgie dentarie ed i dolori auricolari sono pi dolorosi
quando il paziente non si alimenta, mentre migliorano con la
masticazione. Il soggetto Ignatia pu avvertire sensazioni di lussazione a livello dellarticolazione scapolo-omerale e del ginocchio.

 Tropismo del Rimedio


MENTE

GENNAIO - MARZO 2004

 Eziologia
Shock affettivi
Lutti
Dispiaceri lungamente patiti
Rimproveri (bambini o adolescenti sensibili)
Cattive notizie
Mortificazioni
Delusioni affettive
Emozioni sgradevoli
Paura
Gelosia
Soprusi.
 Modalit
Aggravamento
Dispiaceri
Consolazione
Emozioni
Freddo
Cibi dolci
Odori forti
Tabacco, caff, alcool
Dopo i pasti
Orario di aggravamento: h.11
Miglioramento
Calore
Pressione forte
Camminando
Con copiosa emissione di urine
Cibi freddi
Eruttando
Distogliendo l'attenzione dalla propria persona.
 Indicazioni Cliniche Generali:
Introversione
Melanconia silenziosa
Astenia emotiva
Ansia con inibizione
Sospiri
Tendenza al pianto
Umore variabile
Globus histericus
Turbe dellappetito
Intolleranze alimentari paradossali
Spasmo esofageo
Nausea che migliora assumendo cibo
Crampi gastrici
Dolori appendicolari sine causa
Dolori rettali aggravati da feci molli
Singhiozzo
Tosse sine materia
Dolori cardiaci migliorati dal movimento e dallesercizio
Pressione arteriosa instabile
Artralgie erratiche
Sciatalgia che migliora con il riposo

39

LA MEDICINA BIOLOGICA

GENNAIO - MARZO 2004

Emicrania
Spasmi muscolari
Parestesie nervose.
 Patologie in cui il rimedio specificatamente indicato:
Depressione esogena
Isteria
Insonnia da problemi emotivi
Reflusso esofageo
Discinesia biliare
Colonpatia spastica nervosa
Emorroidi
Tachicardia parossistica su base emotiva
Ipertensione o ipotensione su base emotiva
Dismenorrea spastica
Amenorrea secondaria a cause emotive
Frigidit femminile
Impotenza maschile.
 Posologia
Ignatia agisce sul S.N. e sulla iperreattivit emotiva in tutte le diluizioni. In particolare, nelle problematiche acute correlate ad un
evento drammatico od a un dispiacere improvviso indicata liniezione endovenosa di Ignatia-Homaccord o di Ignatia-Injeel.
Generalmente una sola iniezione seda il paziente con effetto benzodiazepino-simile. La somministrazione potr essere ripetuta
giornalmente fino al miglioramento del quadro psichico.
In pazienti particolarmente ansiosi, Ignatia in basse-medie diluizioni (9CH) pu essere buon rimedio sedativo. Le compresse di
Ignatia-Heel possono essere prescritte anche 7-8 volte al giorno secondo la situazione emozionale. Nei casi cronici si pu somministrare Ignatia alle diluizioni dalla 15 alla 200CH con cadenza settimanale. Nel paziente anziano ed emotivo indicata Ignatia-Homaccord (12 gocce prima di coricarsi anche per lunghi periodi). Se un particolare evento spiacevole alla base di manifestazioni psichiche quali introversione o depressione sono indicate le alte diluizioni (200CH, MK, XMK) con la classica successione giornaliera da ripetere ad intervalli pi lunghi (almeno un
mese), solo secondo necessit.

Ignatia D10, D30 in Acidum phosphoricum-Homaccord;


Ignatia D4, D10, D30, D200 in Plantago-Homaccord.
Considerazioni
 Ignatia uno dei pi importanti rimedi omeopatici per le turbe del comportamento e del carattere. Il farmaco, in basse diluizioni o sotto forma di composto omotossicologico, pu essere usato come una vera e propria benzodiazepina omeopatica, anche in fasi molto acute. Le alte diluizioni, somministrate ad opportuni intervalli, possono incidere profondamente sul comportamento, spesso conseguenza di traumi emotivi anche remoti: moltissimi sintomi, tra quelli pi frequentemente lamentati dai pazienti (astenia, dolori addominali, crampi, nevralgie, turbe circolatorie), riconoscono una base psicosomatica (TAB. 1).

NUX VOMICA

 Omotossicologia
Ignatia disponibile in diluizione bilanciata come:
Ignatia-Injeel S (D12, D30, D200)
Ignatia-Injeel forte S (D4, D12, D30, D200).
Il rimedio omeopatico Ignatia , inoltre, contenuto, in diverse diluizioni, in alcuni farmaci omotossicologici composti:
Ignatia D3 in Podophyllum compositum;
Ignatia D4 in Ypsiloheel, Syzygium compositum, TerebinthinaHeel, Ignatia-Heel e Sepia-Heel;
Ignatia D6 in Barijodeel, Apomorfin-Heel gocce, Strophanthin
compositum, Hormeel S e Thuja compositum;
Ignatia D8 in Selenium compositum N;

40

FIG. 4

un albero di circa 12 mt di altezza (FIG. 4) con rami glabri (talora spinosi), foglie ovali, con cinque nervature che si dipartono dalla base. Il frutto grosso come una piccola mela, contenente una polpa biancastra, gelatinosa, che include 2 4 semi
che hanno forma di bottone di circa 2 cm. : la superficie esterna, grigiastra, fittamente ricoperta di peluria (FIG. 5). Hanno
un sapore amarissimo e sono inodori. Diffusa in India, Indocina,
fino allAustralia settentrionale.

LA MEDICINA BIOLOGICA

FIG. 5

 Origine: India orientale


 Costituenti Principali
Alcaloidi Indolici
Stricnina (0.7 - 1.5%) (FIG. 6, TAB. 2)
Brucina (1.1 - 2.2%)
Vomicina
Glucoside loganina
Acido caffeinico
Oli
Stricnina e Brucina sono alcaloidi analoghi, entrambi tossici, nonostante la Brucina sviluppi 1/8 della tossicit della Stricnina.
La Stricnina agisce come inibitore della Acetilcolinesterasi a livello delle sinapsi neuromuscolari. Il diisopropilfluorofosfato (DFP)
Achcolinesterasi inibitore pi attivo della Stricnina : causa convulsioni toniche da accumulo inibite dallAtropina che non ha alcun effetto sulle convulsioni da Stricnina. Leffetto centrale della
Stricnina sembra essere quello di accelerare linizio dello spike
nei singoli neuroni in modo da aumentare lefficienza della sommazione e la probabilit di sincronizzazione. La Stricnina, ad ogni
livello del S.N., aumenta la sensibilit; per questo il dolore associato allo spasmo muscolare della convulsione tonica particolarmente intenso.
 Fitoterapia
 Parti utilizzate: semi

GENNAIO - MARZO 2004

 Uso Terapeutico
La droga che si ricava dai semi una sostanza molto velenosa
utilizzata fino a poco tempo fa in Medicina Convenzionale come
antiastenico, amaro stomacico e stimolante neurotonico. Piccole dosi di Stricnina possono essere usate per diminuire il senso
di fatica ed aumentare la capacit di lavoro muscolare. La Stricnina un classico analettico respiratorio gi usato come stimolante del S.N.
Ad alte diluizioni convulsivante e tetanizzante. Lestratto fluido
in uso nelle paralisi da lesione organica o tossica, nelle nevriti
tossiche, nel delirium tremens, ecc.
lantagonista classico dellavvelenamento da barbiturici. Pu
essere usato come cardiotonico in caso di shock e nel trattamento della miocardite.
Le pillole contenenti Stricnina sono state a lungo utilizzate come
tonico e stimolante per le dispepsie atoniche, le diarree neurogene, lincontinenza urinaria ed il prolasso anale. Talora sono stati descritti anche buoni risultati nei casi di paralisi motoria, paresi, cachessia con spiccata atrofia muscolare.
Nella terapia dei crampi, viene usata quasi esclusivamente nel
crampo dello scrivano.
Iniettata a livello oculare, la Stricnina aumenta lacuit visiva.
A livello bulbare aumenta la frequenza e profondit dellatto respiratorio mentre non sembra avere effetti diretti sulla muscolatura cardiaca, sul ritmo e sulla pressione arteriosa. Piccole dosi
di Stricnina rendono pi acuti i sensi (tatto, gusto, odorato) per
azione di tipo centrale mentre la vista acuita per azione diretta
sulle cellule retiniche.
 Tossicit ed Effetti Secondari
La Stricnina viene facilmente assorbita. Lavvelenamento si manifesta inizialmente con irrequietezza, spasmofilia ed iperriflessia
per cui, ad ogni minimo stimolo, si possono manifestare sintomi
come convulsione tonica massimale con opistotono, dita serrate a pugno e riso sardonico (contrazione dei muscoli facciali). Gli
spasmi muscolari sono molto dolorosi: il paziente, del tutto cosciente, molto sofferente; sopravviene tetano con contrazione
repentina di tutti i muscoli volontari ed arresto respiratorio con cianosi. Dopo alcuni secondi o minuti, i muscoli si rilassano e lintossicato pu muoversi senza difficolt. Dopo breve tempo, si
manifesta una breve crisi riflessoria in apparenza spontanea, in
realt provocata sempre da stimoli esterni anche minimi (un lieve tocco, un suono, un raggio di luce, una folata daria, ecc.).
Generalmente il paziente non pu sostenere pi di 3-5 attacchi
e la morte sopraggiunge dopo breve lasso di tempo dalla fine dellultima crisi per paralisi respiratoria o vasomotoria. compresente scialorrea, assai raramente vomito (il nome del farmaco
fuorviante). Se si superano le prime 2 ore, lintossicazione ha generalmente un esito favorevole residuando solo spossatezza, disturbi psichici, ittero, cecit anche duratura.
Il miglior antidoto contro lavvelenamento da Stricnina il Curaro, che blocca gli impulsi motori diretti ai muscoli scheletrici o i
Barbiturici che deprimono lattivit neuronale.
La Stricnina ha azione selettiva sul S.N.C., in particolare a livello
midollare, ove provoca iperattivit riflessoria per eliminazione di

41

LA MEDICINA BIOLOGICA

GENNAIO - MARZO 2004

STRICNINA: FORMULA

FIG. 6

ogni inibizione centrale sui neuroni spinali. Il principale effetto


farmacologico della Stricnina linduzione di convulsioni toniche,
mentre la Brucina provoca convulsioni cloniche.
Le alte dosi sembrano provocare un blocco completo della trasmissione neuro-muscolare con conseguente paralisi.
Magendie (1819) dimostr come lazione convulsivante della
Stricnina fosse indipendente dallencefalo e dovuta allinteressamento del midollo spinale: nellanimale stricnizzato ogni impulso visivo, acustico o tattile, anche lievissimo, pu scatenare
convulsioni per riduzione della resistenza sinaptica da diminuzione dellinibizione centrale.
Nux vomica instaura a livello midollare la stessa situazione di Belladonna a livello corticale. Lazione spasmodica del farmaco si
manifesta a tutti i livelli: le contrazioni vascolari determinano aumento pressorio e riduzione della diuresi. Si osserva incremento
della contrattilit uterina in gravidanza. Dosi elevate del farmaco provocano spasmi dello sfintere vescicale con ritenzione urinaria e manifestazioni paralitiche; esercita, inoltre, effetto contratturante sulla mucosa gastrointestinale aumentando il tono e la
secrezione gastrica, come tutte le sostanze amare. La motilit intestinale non viene influenzata. Produce eccitazione sul centro
vagale rallentando il battito cardiaco; il centro del respiro eccitato dalle basse dosi ed inibito da quelle alte. La Stricnina, inoltre, diminuisce la capacit dellemazia di legare O2.
 Omeopatia
Sintomi Mentali
La caratteristica fondamentale del rimedio lipersensibilit per incapacit del paziente a controllare gli effetti prodotti sulla propria
mente dai vari stimoli endogeni e/o esogeni. Questalterazione della soglia di reazione psichica porta, dopo una qualsiasi stimolazione, a grande irritabilit, fino ad eccessi di violenza. La mente
non sopporta nuovi ed inaspettati stimoli e cercher di strutturare
schemi, consuetudini a cui il paziente sar attaccato in modo minuzioso: ogniqualvolta non vengano rispettati, riaffioreranno le manifestazioni eclatanti dellirritabilit di cui, in seguito, il paziente si
pente. Poich la mancanza di controllo mentale alla base di tutta la sintomatologia, ogni fattore che riduca ulteriormente le capa-

42

cit di controllo aggrava la situazione: pertanto il lavoro intellettuale,


lalcool, il torpore conseguente ad un sonno prolungato e disturbato, le difficolt digestive dopo un pasto abbondante, diminuiscono
la capacit di frenare lesplosione delle manifestazioni dirritabilit.
Nux vomica , quindi, indicata nel paziente il cui cervello sia intossicato dal lavoro mentale, dallo scarso lavoro muscolare, dagli alimenti e dai farmaci. sempre irritato, litigioso, indignato,
scontento, rimprovera continuamente. Non sopporta rumori, odori, musica, luce, il minimo dolore. Ha scatti dira molto violenti e
passa frequentemente alle vie di fatto. Segue una fase di esaurimento. Si avr, allora, il disgusto per il lavoro, lindecisione, la
svogliatezza, lapprensivit, la paura. In questa fase il paziente
incapace di un proficuo lavoro mentale, non riesce ad applicarsi, commette errori nel parlare e nello scrivere, maldestro in
ogni lavoro manuale. Ha paura delle malattie, teme che la morte sia vicina. Nellultimo stadio della propria evoluzione il soggetto sensibile Nux vomica desidera il suicidio che non mette
in atto per paura. la storia tipo del manager: giovane brillante ed acuto, si sottopone a grande stress professionale, spreme tutto se stesso per la causa professionale fino a manifestare, dapprima, i segni dellalterazione reattivo compensatoria
del S. N. e, successivamente, quelli dellesaurimento.

 Rimedi Omeopatici dellalcolismo:

Nux vomica: alcolismo con irritabilit e violenza, grande sensibilit allalcol, gastrite;
Lachesis: alcolismo in menopausa, logorrea, gelosia patologica, epatopatia alcolica;
Acidum sulfuricum: fasi terminali dellalcolismo, cirrosi epatica,
tendenza emorragica;
Phosphorus: alcolismo con danni epatici e pancreatici, tendenza emorragica, cachessia;
Zincum metallicum: intolleranza allalcool, dispepsia ed anoressia dellalcolista.

 Rimedi Omeopatici della collera e della violenza:

Nux vomica: collera violenta con aggressione fisica e successivo pentimento;


Lycopodium: collera trattenuta con calma apparente, insulti e
propositi violenti;
Anacardium or.: violenza verbale, collera somatizzata a livello
gastro-duodenale;
Hepar sulfuris: violenza con perversione e crudelt;
Chamomilla: collera spettacolare con crisi pantoclastiche (soprattutto nei giovani);
Mercurius: collera dissimulata con propositi omicidi e suicidi
e desiderio di vendetta.
Apparato Gastroenterico
Stomaco
Inappetenza con improvviso senso di pienezza dopo aver ingerito pochissimo cibo (Lycopodium). Nausea con disgusto del cibo e, talora, anche del fumo, caff ed acqua. In particolare, il
pane ha un gusto amaro. Il soggetto Nux vomica il tipico dispeptico che presenti gravi problemi nutrizionali per difficolt di-

LA MEDICINA BIOLOGICA

gestive: desidera i cibi piccanti, amari, i condimenti, gli alcolici.


Dopo mangiato: gusto acido in bocca, sensazione di pesantezza in regione epigastrica (come Pulsatilla e Bryonia) che sopravviene caratteristicamente 1-2 ore dopo il pasto, confusione
mentale con incapacit a svolgere un lavoro intellettuale proficuo,
gonfiore epigastrico. Nux vomica ha uno spiccato tropismo per
lo stomaco che reagisce con spasmi, bruciori, coliche, aumentata sensibilit alla pressione esterna, a tutte le tipiche cause che
stanno alla base della manifestazione clinica del quadro del rimedio. La nausea, particolarmente mattutina, tipica del rimedio. Peculiari di Nux vomica sono: senso di peso, gonfiore epigastrico, pirosi 1-2 ore dopo lassunzione di cibo.
Intestino
Flatulenza e gonfiore addominale con coliche crampiformi in individui con epatomegalia e sintomi di ipertensione portale. Il gonfiore addominale porta a senso di pressione a livello dei siti erniari
inguinali e crurali e, spesso, facilita linsorgenza di unernia: lo
spasmo, tipico del quadro del rimedio, predispone allo strozzamento, soprattutto nei soggetti predisposti e nei bambini.
Retto
Il normale ritmo peristaltico avvertito e sostituito da frequenti
contrazioni spasmodiche, dolorose ed inefficaci per la progressione delle feci lungo il colon-retto: tipica stipsi del rimedio con
desiderio frequente ma inefficace di defecare. Talora pu essere presente frequente defecazione di piccole quantit di feci con
tenesmo. Emorroidi pruriginose migliorate da applicazioni fredde e correlate agli errori dietetico comportamentali tipici del rimedio.

GENNAIO - MARZO 2004

Apparato Genito Urinario


Organi urinari
Desiderio doloroso ed inefficace di urinare, minzione goccia a
goccia con stranguria. Colica renale, particolarmente destra,
con proiezione algica ai genitali e allarto inferiore, accompagnata
da stranguria. Queste situazioni sono conseguenza di raffreddamenti, abuso di stimolanti, eccessi sessuali.
Genitali maschili
Eccitazione erotica al minimo stimolo. Erezione e polluzioni frequenti, particolarmente al mattino, al risveglio. caratteristica la
grande eccitazione sessuale accompagnata da inadeguata risposta organica. Problemi di erezione conseguenti a stress e ad
onanismo precoce.
Genitali femminili
Mestruazioni anticipanti con crampi, sacralgie e nausea. Il flusso
spesso abbondante e protratto. Lutero preme spasmodicamente verso il basso. Grande eccitazione sessuale con sogni erotici ed orgasmi in donne irritabili e testarde. Doglie violente e spasmodiche con stimolo ad urinare e defecare. Indicato durante il
travaglio con contrazioni dolorose ed inefficaci.
Apparato Respiratorio
Tosse secca, spossante, persistente con tipico orario di aggravamento alle h. 3. spesso accompagnata da bruciore laringeo,
cefalea e nausea. Lasma accompagnata da senso di pienezza gastrica: migliora con laria fresca e dopo esercizio; peggiora
flettendosi e dopo un pasto. Il paziente avverte la sensazione di
una corda che stringa la parte inferiore del torace.

STRICNINA
PATHWAY
Y METABOLICO-SINTETICO
O
H
O

OH
HO

10-OSSIGERANIALE

CO2 CH3
H

IRIDODIALE

LOGANOSIDE

NH2

11

1
12

O-GIC

6
8

10

N
H

O-GIC

N
H

NH

18

19

14

15

H
O-GIC

20
21

CH3 O2C

H
CH3 O2C

O
16
17

TAB. 2
TRIPTAMINA

SCOLOGANOSIDE

STRICTOSIDINA

43

LA MEDICINA BIOLOGICA

GENNAIO - MARZO 2004

Apparato Cardiocircolatorio
Palpitazioni in posizione clinostatica: il cuore affaticato, con sensazione di flutter epigastrico. I sintomi cardiaci sono peggiorati dalle emozioni, dagli stimolanti, dallo studio protratto. Le palpitazioni parossistiche sono di breve durata.
Apparato Visivo
Possono comparire, secondo lo stadio di evoluzione del rimedio, netto aumento dellacuit visiva, fotofobia, difetti dellaccomodazione e vari disturbi legati allo stato tossico o atrofia del nervo ottico.
Strutture O.R.L.
Orecchio
Aumento delle capacit uditive: ogni rumore produce sensazione dolorosa, dolori e rumori vari allinterno dellorecchio,
debolezza dudito con molti disturbi di sottofondo.
Naso
Iperestesia sensoriale con tale ipersensibilit agli odori che alcuni, i pi forti, possono provocare lipotimia. Talora sembra che
i cibi abbiano un odore putrido; in alcuni casi non tollerato lodore del tabacco. Corizza con ostruzione nasale e congestione
cefalica, specialmente notturna: al risveglio ed in particolare allaria aperta. Durante il giorno la corizza diventa acquosa. Questa situazione ben controllata da Nux vomica, anche nei bambini o nei lattanti.
Epistassi mattutina conseguente a soppressione di emorragie
emorroidali.
Cavo orale
Cattivo gusto in bocca al mattino ed alitosi anche dopo i pasti. Al mattino la bocca secca; i cibi non hanno il gusto normale: spesso il cibo non sa di nulla o sembra amaro. Sensazione di irritazione e secchezza delle fauci inspirando aria fredda e non deglutendo. Poco muco, difficile da eliminare, con

Inquadramento Neurovegetativo
SCISSURA
METABOLICA

SIMPATICOTONO

SCISSURA
TROFICA

Hepar sulphur

Nux vomica
Lycopodium
Medorrhinum
TAB. 3

44

VAGOTONO

sensazione di costrizione e gonfiore faringeo. Algie allorecchio


interno.
Sistema Nervoso
Cefalea frontale ed occipitale degli individui con abitudini sedentarie e sottoposti a grande sforzo mentale. Questo sintomo
concomitante a problemi gastrici, epatici, addominali od emorroidari ed , generalmente, correlato ad assunzione eccessiva
di caff, altri stimolanti o ad abbondanti libagioni. Solitamente
inizia al mattino al risveglio, aumenta durante il giorno e diminuisce verso sera. La cefalea Nux Vomica aggravata dai dispiaceri, dalle arrabbiature, allaria aperta, alla luce, al sole, dai
rumori, tossendo, col tempo nuvoloso, dalla stipsi. Migliora in
ambiente caldo, premendo il capo, giacendo sul dorso (cefalea frontale), col riposo, giacendo sul lato non dolente. Coesiste sensazione di torpore, pesantezza cerebrale (come se non
si avesse dormito), sensazione di intossicazione legata ad eccessi del giorno precedente. Vertigini con temporanea perdita
di coscienza.
Apparato Osteo Articolare
Lombalgie particolarmente intense in clinostatismo e durante la
notte (impediscono di rigirarsi nel letto): per potersi rivoltare il
paziente deve, prima, mettersi a sedere. Queste algie sono
spesso relazionate a problemi addominali, emorroidari o ad eccessi sessuali. I reumatismi di Nux vomica interessano i muscoli dorsali e delle grandi articolazioni, sono aggravati dal movimento e caratterizzati da sensazione di stiramento e tensione
muscolare. Tipici del rimedio sono i vari stadi del quadro clinico della paresi: improvvisa perdita di forze degli arti inferiori al
mattino, formicolio, pesantezza e tremori delle estremit. Sciatalgia aggravata da freddo, al mattino, coricandosi sul lato interessato o movimento; migliorata da applicazioni calde e dal riposo. Accessi di spasmi muscolari generalizzati (come nelle crisi tetaniche).
Le crisi sono scatenate dalla minima stimolazione; una corrente
daria, un rumore, un contatto.
Sintomi Generali
Sonno
Il paziente Nux vomica si addormenta sulla poltrona alla sera ed
accusa grande sonnolenza dopo i pasti. Quando si corica alla
sera dorme immediatamente svegliandosi attorno alle h.3: non
riesce pi a dormire per alcune ore; i pensieri, le preoccupazioni, le ideazioni affollano la mente ipersensibile. Lestrema sensibilit sia ai pi piccoli rumori che allattivit epatica che si conclude attorno a quellora, causano risveglio. Il paziente si riaddormenta, fa sogni angosciosi da cui si sveglia stanco e svogliato. Il paziente Nux vomica migliora col sonno, anche breve
ma ininterrotto; contrariamente, dopo un sonno lungo e disturbato, si risveglia stordito e di cattivo umore.
Febbre
Febbre accompagnata da senso di calore esteso a tutto il soma;
il volto congestionato.

LA MEDICINA BIOLOGICA

 Tropismo del Rimedio


MENTE
SISTEMA NERVOSO CENTRALE
APPARATO GASTROENTERICO
 Eziologia
Abuso di stimolanti (caff, alcool, fumo) o psicofarmaci
Conseguenza di anestesie
Eccessi sessuali o masturbazione
Accessi dira
Stress
Iperstimolazione mentale (surmenage intellettuale, periodi di
lavoro notturno consensuale a scarsa attivit fisica).
 Modalit
Aggravamento
Lavoro mentale
Dispiaceri
Ira
Dopo abusi alimentari
Caff, alcool, fumo, psicofarmaci
Freddo
Tempo secco e ventoso
Al risveglio
Dopo riposo prolungato
Miglioramento
Riposo (anche di breve durata), sonno non disturbato
Tempo umido.
 Indicazioni Cliniche Generali:
Desiderio ed abuso di alcolici, caff, th, cibi piccanti e salati
Intolleranza allalcol
Desiderio di cucina raffinata
Base della lingua patinata
Sonnolenza postprandiale
Meteorismo gastrico con eruttazioni
Nausea postprandiale che migliora con il vomito
Borborigmi
Flatulenza difficoltosa
Dolore epatico
Abuso di farmaci sintomatici (digestivi, lassativi, analgesici,
sedativi, ipnotici)
Postumi di anestesia
Torcicollo da raffreddamento
Rinite da raffreddamento
Iperestesia fisica e psicologica
Tendenza spasmodica generalizzata
Iperriflessia tendinea
Intolleranza alla contraddizione, ai contrattempi, alle contrariet
Collera violenta, aggressivit, perdita del controllo, impazienza, frettolosit, impulsi omicidi e suicidi
Sedentariet
Risveglio precoce (h. 4 5)

GENNAIO - MARZO 2004

Sonno non ristoratore


Cefalea al risveglio dopo eccessi voluttuari
Rinorrea acquosa al risveglio
Asma notturna
Palpitazioni ed extrasistolie
Sintomi cardiaci correlati a problemi digestivi
Impotenza sessuale dellalcolista e del fumatore
Crampi da sforzo
Spasmi vescico-uretrali
Minzione ritardata
Ipertonia dei muscoli paravertebrali.

 Patologie in cui il rimedio specificatamente indicato:


Alcolismo
Tabagismo
Gastrite acuta
Gastrite cronica
Reflusso gastroesofageo
Ernia jatale
Colon irritabile
Stipsi algico-spastica
Emorroidite
Epilessia tonico-clonica
Spasmofilia
Tic dolorosi
Stress
Insonnia da stress
Rinite vasomotoria
Cefalea digestiva
Angor digestivo
Ipertensione del fumatore e dellalcolista
Morbo di Brger
Cistite sine causa
Dismenorrea
Sindrome premestruale
Lombalgia acuta.
 Posologia
Nux vomica utilizzata alle basse diluizioni soprattutto nelle
affezioni gastroenteriche e quando si evidenzino quadri gastro-esofagei. utile liniezione s.c. (-Injeel forte) da 1 a 3 volte alla settimana. Nelle problematiche psicologiche caratterizzate da irritabilit, spesso conseguenti a stress, sono indicate le alte diluizioni che, secondo la similitudine del quadro
clinico, vanno dalla 200CH alla XMK. Nella violenza e nellalcolismo tipo Nux vomica sono utili le 3 diluizioni sequenziali
(200CH, MK, XMK) ripetute secondo ricomparsa sintomatologica. Nelle problematiche tossiche generali, nelliperreattivit farmacologica e, spesso, per iniziare una terapia omeopatica con un farmaco depurante, si potr usare la 200CH
(frequenza settimanale o bisettimanale) o la forma -Injeel (3
volte alla settimana). Dopo un intervento chirurgico, per i postumi neuromuscolari dellanestesia, classicamente indicata la dose unica 200CH.

45

LA MEDICINA BIOLOGICA

GENNAIO - MARZO 2004

 Omotossicologia
Nux vomica disponibile in diluizione bilanciata come:
Nux vomica-Injeel S (D12, 30, 200, 1000)
Nux vomica-Injeel forte (D4, 12, 30, 200, 1000).
Il rimedio omeopatico Nux vomica , inoltre, contenuto, in diverse diluizioni, in alcuni farmaci omotossicologici composti:
Nux vomica D4 in Nux vomica-Heel, Apomorfin-Heel, Paeonia-Heel ;
Nux vomica D6 in Lithiumeel ;
Nux vomica D10, D30 in Tonico-Injeel ;
Nux vomica D13 in Mucosa compositum;
Nux Vomica D2, D10, D15, D30, D200, D1000 in Nux vomicaHomaccord.

Considerazioni

BIBLIOGRAFIA
1. BERGERET C. Nouvelle Clinique dHomeopathie Vegetale. Ed. Similia,
Paris; 1992.
2. BIANCHI I. Argomenti di Omotossicologia. Vol. I. Guna Ed., Milano; 1987.
3. BIANCHI I. Repertorio Omeopatico Omotossicologico e Materia Medica. Guna Ed., Milano; 1993.
4. BRUNETON J. Pharmacognosie. Tec-Doc Ed., Paris; 1993.
5 COULAMY A., JOUSSET C. Basses Diluitions, Drainage, Homeopathie.
Ed. Similia, Paris; 2000.
6. DEMARQUE D. Pharmacologie ed Matiere Medicale Homeopathique.
CEDH Ed., Lyon; 1993.
7. FROHNE D. A Color Atlas of Poisonous Plants. Wolfe Publ., Stuttgart;
1984.
8. GUERMONPREZ M. Matiere Medicale Homeopathique. Doin Ed., Paris,
1985.
9. JAYASURIYA A. Clinical Homeopathy. Jain Publ. New Delhi; 1988.
10. MAUGINI E. Manuale di Botanica Farmaceutica. Ed. Piccin, Padova;
1983.
11. VAN HELLEMONT J. Compendium de Phytotherapie. Ed. Service Scientifique APB, Bruxelles; 1985.
12. VIGNEAU C. Plantes mdicinales. Ed. Masson, Lyon; 1985.
13. WILKINS M. I segreti delle Piante. Ed. De Agostini, Novara; 1988.

 Nux vomica induce e cura un quadro clinico caratterizzato

dallabbassamento della soglia di sensibilit agli stimoli permettendo al S. N., da una parte, di reagire in maniera pi fine
ed efficace e determinando, dallaltra, percezioni e reazioni
molto violente e, spesso, dolorose.
Nux vomica il farmaco del manager sottoposto a stress cronico che abusa di alimenti, farmaci, fumo ed alcool.
La terapia convenzionale per le manifestazioni da stress cronico , spesso, inadeguata: innalzamento artificioso grazie alluso di psicofarmaci della soglia di reattivit agli stimoli. Questa soluzione pregna di rischi poich disattiva quelle manifestazioni che rappresentano il campanello dallarme dellorganismo in difficolt. Disinnescando questo meccanismo ed
innalzando la soglia di reattivit agli stimoli, si apre la via allinsorgenza di manifestazioni organiche: ipertensione arteriosa, infarto miocardico, ictus, diabete, epatopatia, etc.
Il farmaco omeopatico Nux vomica corregge lo squilibrio tra
la funzione mentale e fisica che la vera causa dei sintomi:
ad uguale intensit di stress, la soglia reattiva si innalza. Contemporaneamente il medico omeopata aiuter il paziente ad
individuare e ridurre le cause dello stress cronico.
Tutti i pazienti curabili e curati con benzodiazepine sarebbero, potenzialmente, meglio curati con Nux vomica, anche per
minimizzare gli effetti tossici ed additivi delle benzodiazepine.
Nux vomica (come Ignatia) non quasi mai farmaco costituzionale bens farmaco della modalit reattiva nervosa: quindi utile, molto spesso, nella Prima Fase di una strategia terapeutica omeopatica; sar doveroso cercare il farmaco costi
tuzionale di fondo nella Seconda Fase (TAB. 3).

Homoeopathicum
a cura del Prof. Ivo Bianchi
Future pubblicazioni:
LE SOLANACEE
LE PAPAVERACEE

Gi pubblicati:
LE CUPRESSACEE
La Med. Biol.,
2003/2; 43-51

LE
LOG
AN
IAC
EE

- LO
G

AN
PR
IM
IAC
A PA
EA
RT
EE

e Lo

circ gani
ac
oppo senz a 500 ee so
fi, us ste, e legn Specie no un
sepa ualm provvis ose, orig a Fa
m
in
rolla li un ente te di talvolta arie iglia
riu
iti
serit tubu in un niti stipol con delle botani
re
in
un i sulla losa di corto cim e. I fio habitu gion ca co
ma ovario coro forma tubo e bipa ri sono s liano i tropi mpren
ca
e
Alla unico. supe lla, m allung da al re, co erm so, a li. So dent
af
ro
cui Famig Il fru e bi entre ata. tretta n peria roditi foglie no es e
nt
L'
tto
I pi
stric si estra lia de un locula il gine andr i peta nzio e attin intere
sta impo
ra e nina ggon lle Lo a ba re, so ceo riu oceo co li sald format omor e
Sp dellint rtanti
cura Strych e bruc o vele ganiac cca o rmonta nisc nsta ati in o da e
G igelia eresse rappre
un
un
frecc ro, ut nos ina. In ni m eae ap a ca to da 2 ca di 5 st a co 5
Ig elsem anth tera sentan
e la ilizza crevau parti olto po parte psul uno rpelli, ami instilo
a.
ncia to ne xia co
Nu natia ium se elmia peutic ti di
un
te
ng
o fit ques
na lare nti (TA on
te co lla
con iti in
x vo amar mpe
oter ta Fa
stim
n la cacc gli In , dalle B. 1) o alcu
mic a (S rvire
apic
m
a (S trych ns
cerb ia pe dige spec , qu ne pi
TA
o iglia
ali
trych no
an
otta r av ni su
ie
B.
om , da
1
na. vele dam Strych gli al te da
nos s Igna
eopa l pu
SP
nare eric
nux tii)
no calo
tico, nto di
IGE
vom
la pu ani ric s toxif idi
sono viFI
ica)
LIA
nta avan eG.
:
.
1
di pi o
AN
ccol il
TH
e
Ge
EL
Nu
MIA
lse
x
vo
m
m
iu
ic
m
a
Ig
se
na
m
tia
pe
rv
Sp
am
ire
ig
ara
eli
ns
a
an
th
elm
ia

CO
To
ss
icit

RO

NA
R
E un
A N VA G O -D
po, a pi
T I- O T IL
an
A
IP
li. In usata ta an
O
E R N IC TAT
com trodo dagli nuale
TE
O OR
e ve tta in Indi
or
E
NS
rmifu Eu geni iginar
IV
go, ropa per la ia de
O
per nel
te l Su
la su 700 rapia d Am
,
a to st delle eric
ssic ata
a
it
sc para ed
(FIG arsa ssito ivi, un
si
. 1)
. mente inte temimpi stinaegat
a

43

46

Ho

LA

mo

A cu
Pro ra d
f. Iv e
oB
ianc
hi

ME

DIC

INA

eop

BIO

LO

GIC

ath

LU

GL

IO

icu

- SET

TEM

BR

E 20

03

LE LOGANIACEE
Prima Parte
La Med. Biol.,
2003/3; 43-48.

similima

similima.com
Virtual Medical World of Postgraduate Homoeopaths

LOGANIACEAE
Dr.Sreejitha
The important medicinal plants belonging to this family are:
1. Brucea antidysenterica
2. Curare
3. Gelsemium
4. Hoang-nan
5. Ignatia amara
6. Nuxvomica
7. Spigelia anthelmia
8. Spigelia marilandica
9. Upas tiente
Most of these plants are highly poisonous.
INDIVIDUAL DRUG PICTURE AND CLINICAL USES
(1)BRUCEA ANITIDYSENTERICA
Common name-Angustura falsa
Tincture and triturations are made from the bark
Active principle - alkaloid strychnine
Clinical - Headache; Gastric complaints.
Active principle - alkaloid strychnine
Suited to hypochondriacal persons who are gloomy and melancholic. Sad and gloomy humour on waking in the morning.
-Headache with heaviness and confusion. Headache usually in the evening, after having walked long in the Sunshine Shooting in the head <
by waking especially in the sun and also after eating.
-Acute pains in the teeth and in the gums <on drinking cold water.
-Digestion is weak. Appetite poor with Ciammy taste inside the mouth. Accumilation of saliva in the mouth forcing one to spite continually.
Sensation of heat and burning in the pit of the stomach. Sensation of throbbing in the pit of the stomach and over the entire abdomen. After a
meal, violent beating of heart, <of headache, rumbling in abdomen and frequent small, slimy evacuations followed by fainting compelling to lie
down.
-Sensation of fatigue in extremities especially in the thihgs and in the loins great weariness when walking. Disposition to stretch the limbs and
to yawn.
-Sleepiness especially after dinner, in the evening sleep troubled with frightful, terrifying dreams.
-Fever with shivering and execessive coldness<during rest.
(2)CURARE
Common name - woorare, woorali, Hoorali.
Tincture is prepared from the bark of the tree.
Active Principle - Alkaloid curarine
It is used as an arrow poison by South American Indians. It blocks the receptors, causing a flaccid paralysis of skletal muscles without
impairing sensation and consciousness. Death occurs due to paralysis of respiratory muscles. Reflex action is diminished or abolished.
-Mentally the person is depressed. With desire to be alone. Inability to think or study. Is forgetful. Feels stupid and sleepy.
-Vertigo while standing or walking Dizziness and giddiness when looking at near objects or at water. Brain feels full of fluid. Lacinating pain all
over the head. Head drawn backward with stiffness of neck. Neuralgic pain radiates to neck and face especially to right side
<from vigorous movement, mastication and coughing. Feels shattered and side of head must be held.
-Heavy eyes, ptosis of right eye and black spots before vision Lacinating pains starting from ears and reaching down legs compelling the
person to liedown.
-Facial and buccal paralysis with difficulty in swallowing. Mouth and tongue drawn to right.
-Increased thirst and appetite. Sudden hunger almost to faintness>after first mouthful of food. Great thirst esp. in evening and night. Frequent
and annoying hiccough.
-In diabetes mellitus with clear and frequent urine, sugar in urine, dry mouth, great thirst and appetite, great emaciation with extreme nervous
weakness and debility.
-Dyspnoea from threatened paralysis of respiration on falling asleep. Distressing dyspnoea <damp weather. <ascending Chronic cough,
always dry with for soreness of chest wall cough<breathing cold air, <laughing, eating, moving.
-Paralysis of extemities complete paralysis of right deltoid. Leaden heaviness of arms. Legs trembling and give way in walking.
-Fever with chill creeping up the back Chill from stomach and abdomen, spreads all over Chill without thirst.
(3) GELSEMIUM SEM PERVIRENS
Common name - yellow jasmine/Brignonia.
Tincture is made from the bark of the plant.
Active principle - Gelsemine (mydriatic).
Centres its action up on the nervous system producing varying degree of paresis both mental and bodily. Complete relaxation, prostration and
weakness of muscular system with incor-ordination. Paralysis of various groups of muscles about the eyes, throat, larynx sphincters,
extremities etc. The mental prostration is signified by examination funk, stage fright. It has many complaints brought on from emotional
excitement, fright and bad news. Alcoholic stimulants relieve all complaints where gels is useful.

http://www.similima.com/gp.28.htm (1 de 4) [16/1/2005 11:25:25]

similima

-Duilness of mental faculties. Desires to be quite, to be left alone. Inclination to commit suicide by throwing onself from a height.
-Vertigo spreading from the occiput. Staggering as if intoxicated when trying to move<from smoking <by sudden movement of the head &
walking.
-Sick headache begining in the occiput pain extending over the head causing bursting pain forechead and eyeballs esp of right side
<At loam, motion, light> by compression and lying with head high, sleep and vomiting> passing of copious clear urine.
The muscles of the face seem to be contracted making it difficult to speak. Numbness of tongue, feels thick making speech difficult
-paretic condition of throat with difficult deglutition. Sensation as if a foregin body were lodged in the throat. Post diptheritic paralysis.
-Paralysis of sphincter ani, with prolapse ani. Even soft stool in passet with difficulty.
-Paralysis of sphincter of the bladder Genitals cold and relaxed.
Spasmodic labour pains, inefficient labour pains or none at all complete atony. os widely dilated.
-Unsteady gait. Fatigue after Slightest excercise. Trembling.
-Intermittent fever, influenza. Intense chill. Chilliness, wavelike up and down back. Prostration and muscular soreness. Thirstless.
(4) HOANG - NAN
Common name - Strychnos gaultheriana/Tropical Bind - weed.
Tincture made from dried bark
Active principle - strychnine and brucine contains. (Greater quantity of brucine.)
It has great reputation as remedy for leprosy, hydrophobia, snakebites and diseases of the skin. In animals poisoned with it there is tetanic
convulsions begining in the hind legs and speading over the rest of the body
Indicated in exhaustion with numbness and tingling in hands and feet. Also in various skin affections such as eczema, pustules, boils, leprosy,
and old ulcers useful in removing the fetor and haemorhage in cancer.
-Indicated in mental lassitude and exhaustion with numbness and tingling in hands and feet
-Skin aflections such as pustular eczena, boils, carbuncles, leprosy and old ulcers.
-Useful in removing fetor and haemorrhage in cancer.
(5) IGNATIA AMARA
Common name - St. Ignatius bean.
Tincture and trituration of seeds
Active principle - Strychnine
Seeds of Ignatia contains greater proportion of strychnine than those of Nux vomica.
Ignatia produces a marked hyperaesthesia of all senses. It is one of the cheif remedies for hysteria. Especially suted to sensitive women of
nervous temparament. Rapid change of mental and physical symptoms opposite to each other. Rich in contradictory symptoms. The
superficial and eratic or changeable character of its symption is the most characterstics. Useful in complaints brought on from affects of grief
and worry, shocks, disappointment, tobacco etc.
(6). NUX VOMICA
Common name - Poison nut
Tincture and triturations are prepared from the seeds.
Active principle - strychnine and brucine
Suitable to oversensitive persons, sensitive to all impression, - noises, ordor, light etc. leading a sedentary life and those who are subjected to
a great deal of mental strain. Especially suited to digestive distrubances, portal congestion and hypochondriacal states dependent upon
indulgences in wine, stimulant, allopathic drugging and other vices. Has a prominent action upon central neruous system producing
convulsions with consciousness.
(7) SPIGELIA ANTHELMIA
Common name - pink root
Tincture prepared from dried herb.
.Tincture prepared from dried herb.
Spigelia is adapted to anaemic, scrofulous subjects of a rheumatic diathesis.
-Sadness and discouragement to the extent of suicidal mania. Afraid of pointed things, pins etc.
-Periodic neuralgic headache, left sided <every jar, step, even straining at stool, from opening mouth.<suddenly turning the head. >rest, lying
with headhigh and washing head with cold water.
-Neuralgia of fifth cranial nerve; left sided ciliary neuralgia. Eyeballs feel too large<on moving them. Convergent squint prosopalgia left sided.
Cannot bear slightest touch and motion. Periodical neuralgia from morning until sunset.
Tooth ache unbearable at night.
<cold water, openair, lying on right side
>by tobacco smoke, warmth of bed, whithst eating.
-Excellent remedy for worm afflections esp. round worms.
-Rheumatic aflections of heart. pericarditis violent palpitations. Noise in chest, like that made by a spinning wheel. Organic affections of heart
with rubbing, bellows sounds Stitches in heart synchronous with pulse<curving the chest forward and by sitting down.
-Exopthalmioc goitre with cardiac complications.
(8) SPIGELIA MARILANDICA
Common name - worm grass
Tricture - from root.
Has a predominant action on central nervous system. It produces complete mental derangement. There will be fits of laughing and cryings,
running and skipping about, wild and incoherent talk, wild, staring expression with strabismus of right eye and dilated pupil. Face will be
flushed.
-Drowsiness, on attempting erect position, the patient is seized with general tremor lasting a few seconds & leaving the patient exhausted.
(9) UPAS TIENTE
Common name - upas tree
Tincture prepared from Juice of root and bark
It is used as an arrow poison and produces tonic spasms, tetatanus and asphyxia.
-Mentally the patients are depressed and melancholic. Cold and repelling to friends Irritable and quarrelsome.
-Severe neuralgic sharp shooting pain over the foreheead, temple and eye especially of left side. Parts are painful and hot to touch >open air.
-Eyes are weak as after sexual excess lids so heavy that they close involantarily as if from irresitable drowsiness.
-Coryza with nostrils stopped up, changing every few minuted, preventing sleep. smell of manure in nose.
-Painful degluition, pain as from splinter in left side of throat making deglutition painful, as if food were prevented passing in to stomach by

http://www.similima.com/gp.28.htm (2 de 4) [16/1/2005 11:25:25]

similima

foreign body in oesophagus. Swallowing of fluids becomes difficult.


-Appetite totally lost Aversion to all food especially meat and eggs, the mere thought of which causes nausea. Eructation tasting of ingesta all
day. Flatulency sharp colic in return>passing fetid flatus .
-Pain in the region of right kidney, during the night. Frequent urging to urinate with burning in urethra. Urine scanty and dark.
-Sexual functions are diminished coition painful and followed by great depression.
-Hangnails, itching and redness of roots of nails.
-Clonic spasms of muscle, of nape of neck or extremities; frequently repeated on the slightest irritation. Muscles relaxed completely in
between.
-Fever with chilliness shivering along spine and both arms. Drawinsess.

GENERAL FEATURES
1.Over sensitiveness:Nuxvomica :- Over impressionable and sensitive to all external impression-cannot bear odors, noises, light, draught, air etc. Even harmless
words offend.
GELSEMIUM: Very sensitive to external impressions. Excitement, shocks, fright, unusal ordeals etc bring about bodily ailments.
Ignatia:- Hyperaesthesia of all senses.
Spigelia:- Very sensitive to touch. Parts touched feels chilly; send shudder through out body. Sensitive to cold, wet stormy weather.
Upas:- Increased sensitiveness to cold.
2. Depression of mind and great irritability:
Gelsemium:- Extremely nervous and irritable. Every exciting news causes diarrhoea. Desires to be let alone, doesnot wish to be spoken to yet
there is drcad of being alone. Suicidal inclination wants to throw oneself from a height.
Spigelia Marilandica:- Maniacal excitement with running and skipping, paroxysmal laughing and crying, loud and incoherent talk.
Curare:- Depression with inabilityto think or study. Very indolent and sleepy Patient desires to be let alone.
Upas:- Depression and melancholy. Irritability, moroseness and crossness very cold to friends.
Spigelia anthelmia:- Sadness and discourgement to the extent of suicidal mania. Afraid of pointed things, pins etc.
Ignatia:- Hysterical temperament predominates, melancholic with love of solitude. Changeable disposition. Alternation of foolish gaietyand
tearful sadness.
Nux Vomica: Oversensitive and hypochondriacal. Even harmless words offend. Suicidal thoughts but is afraid to die. Inpulsive with insane
desire to kill her husband whom she adores. Spitefull and malicious disposition. Quarrelsome, even to violence.
Brucea:- Gloomy, melancholic, tanciturn and hypochondriacal. Sad and gloomy humour on waking in the morning
3. Paralystic action:
Many mediciness of this family has prominent action upon spinal cord. They act as depressants and has a paralysing action upon motor
nerves with sparing of sensations.
Gelsemium:- Acts on the anterior column of spinal cord producing muscular paresis. Extreme muscular weakness, prostration and
inco-ordination. Paralysis of muscles of different parts of the-body of third nerve causing ptosis, diplopia, dimvision and strabismus of muscle,
around mouth and pharynx causing difficulty in speech and swallowing, of larynx causing hoarseness of voice and aphonia, of extremities
causing locomtor ataxia, of heart produces of sensation as if it will cease to beat if he didnt more. In cases of poisoning, death occurs due to
respiratoryparalysis from depression respiratorycentre.
Curare:- Produces motor nerve paralysis but sensations are spared. Paralysis of various parts. In eyes it produces ptosis, in face - facial and
buccal paralysis with deviation to the right. Paralysis of extremities with numbness tingling and leaden heaviess.
Upas:- Ptosis, eyelids heavy, close involantarily from irresistable drowsiness Eyes weak as after sexual excess.
Spigelia anthelmia:- Acronarcotic producing numbness of hands and feet. Squint from worm affections.
4. Spasmodic Affection:
Most of them are useful in spasms convulsion, tetanus with lock jaw, chorea etc.
Curare: Epilepsy, catalepsy There is immobility with fixed gaze on waking.
GELSEMIUM: Convulsions occuring in children and young people of nervous excitable nature. Useful in infantile spasms where there in
incessant quivering of the chin.
Upas: Tonic-clonic spasms, tetanus, violent stitches in extensors with sudden jerking of whole body followed by clonic spasms of muscles of
nape of neck and extremities. Attacks repeated spontaneously on slightest irritation. Muscle completely relaxed in between the attacks and
there is great weakness after paroxysm.
Ignalia: Hysterical spasms and convulsion especially after fright, worry, grief and also associated with difficult dentition. Epileptic convulsions
with foam at mouth. Face red or alternately pale and red.
Nux vomica: Excitability of whole nervous system with great oversensitiveness to all external impressions. Every distressing emotion brings
recurrent epileptic fits. Convulsions with consciousness spasms with tetanic rigidity of nearly all musdes of the body. In between the attacks
the musdes are relaxed.
5. Neuralgic Pain
Gelsemium: Orbital neuralgia in distinct paroxysms. with intense pain over the right eye. Bruised feeling in eyes Dim vision, diplopia, ptosis
and aversion to light.
Curare: Sharp, stitching pain over right eye with ptosis and black spots before vision. Unbearable earache. With lacinating pain starting from
ears and extendeng down to legs.
Spigelia: Facial neuralgia-left sided involving eye, zygoma, cheek, teeth & temple cannot bear slightest touch or movement with shining
swelling of affected side<from morning until sunset <motion,noise, steping etc.
Ciliary neuralgla involving left eye. Eye feel to large with severe pressing pain on turning them. Weakness of eye with ptosis redness and
photophobia.
Spigelia marilandica: Pain in and around the right eye with sensation of stiffness of eyelids strabismus of right eye with wild staring look.
Nuxvomica: Infra orbital neuralgia. with watering of eyes, orbital twitching <in morning> by lying in bed.
6. FEVER WITH PREDOMINANCE OF CHILL STATE
Brucea: Chill every other day with shaking yawning and stretching with cold feet.
Curare: Chill from stomach, on abdomen, chill creeping up the back and spreading all over chill without thirst.
Nuxromica: Cold stage predominates must be covered in all stages of fever. Excessive rigor with blueness of fingernails. Burning heat of body
especially of face. Yet cannot move or uncover without feeling chilly.
Ignacia: Chill with thirst, not relieved by external heat. During fever, itching, nettle rash all over the body.
Gelsemium: Influenza. Chillness so severe that the patient wants to be held, chill, wavelike up and down the back. Thistless. Heat and sweat

http://www.similima.com/gp.28.htm (3 de 4) [16/1/2005 11:25:25]

similima

stage prolonged and exhausting. Face flushed with a besotted look and apathy regarding his illness.
Upas: Feels chilly very easily. Shivering along spine and both arms.
7. TOBACCO AGGRAVATION
Gels: Tobacco smoking causes occipital headache. Indicated in nervous affections of cigar makers.
Ignatia: Cannot bear tobacco in any form. Toothache and congestive headache aggravated after smoking.
Nuxvomica: Gsastric disturbances from tobacco.
Spigelia: Toothache from smoking. Repugnance to tobacco smoke and snuff.
8. AGGRAVATION OF COMPLAINTS FROM COFFEE
Ignatia: <from coffee
Nuxvomica: Dyspepsia from drinking strong coffee.
Spigelia: Disike for Coffee.
An exception is Geisemium which has > from alcoholic stimulants.
9. Genarel aggravation during summer season
Brucea: Headache in the evening, after having walked long in sun
Gelsemium: General depression from heat of sun. Occiptal headache. spreading all over with dimvision and dizziness.
Spigelia: Headache increasing and decreasing with the sun.
Nuxvomica: Headache aggravated from sunshine.
10. AGGRAVATION FROM CHANGE OF WEATHER
Gelsemium: Complaints from sudden change from hot or dry to damp weather<damp, cold atmosphere.
Spigelia: Sensitive to wet, stormy weather.
Nuxvomica: Though senlsitive to cold the general< in dry weather> in wet weather.
11. ACTION ON CARDIOVASCULAR SYSTEM:
Gelemium: Irregular beating of heart; sensation as if unless on the , go the heart will stop beating. A feeling as if it were necessary to keep in
motion or else hearts action would cease to beat. Pulse soft, feeble and slow but greatly accelerated on motion.
Spigelia anthelmia: Rheumatic carditis - pericarditis with sticking pain, palpitation and dyspnoea aggravated from movement. Angina pectoris
with neuralgia extending to arms, craving for hot water which>. Dyspnoea must lie on right side with head high ,pulse weak and irregular.
Igncilia: Cardiac hyperaesthesia, palpitation<at night and during repose.
Nuxvomica: Palpitation<after eating, from coffee, from overexertion associated with nausea and heainess in chest.
Upas: Severe palpitalion <after going to bed. Pulse frequent, weak and small.
12. ACTION UPON URINARY ORGANS
Gelsemium: Partial paralysis of bladder with retension or intermittent flow. Incontinence of nervous children profuse, clear, watery urine along
with headache which> the headache.
Nuxvomica: Irritable bladder from spasmodic sphincter. Ineffectual urging and strangury. Frequent calls, passes little and often. Renal colic
with haematuria and pain extending to genitals.
Curare: Diabetes mellitus Urine clear, frequent and contains sugar. Great emaciation, dryness of mouth and thirst during evening and night
crampy pain in kidneys.
Upas: Pain in right kidney at night. Frequent urging to urinate with burning in urethra at 8.a.m urine scanty, dark brown in colour and
evacuated with great effort.
13. ACTION ON GENITALLA
Gelsemium: Dsymenorrhoea with scanty flow. Aphonia and sorethroat during menses.
In males, genital, arecold and relaxed. Spermatorrhoea without erection.
Curare: Dsymenorrhoca. Menses too early. Thick, purulent and offensive leucorrhoca.
Ignatia: Menses black scanty or too profuse, tooearly. Suppression of menses from grief.
Nuxvomica: Irregular menses. Too early and too long lasting. Dark blood. Dsymenorrhoea with constant urging to stool. Inefficient labour
pains with frequent urging for stool and frequent urination.
In males, impotence from sexual excess.
14. ACTION ON DIGESTIVE ORGANS:
Gelsemium: Gastric upset from fever, sudden emotions, fright, grief, badnews, anticipation of any unusual ordeal etc. Stool loose, yellow or
cream coloured. Paralysis of sphincter ani with disposition to prolapse ani.
Upas: Total loss of appetite with aversion to all food especially meat and egg. Eructation tasting of ingesta all day along.
Curare: Empty gone feeling in stomach Frequent and annoying hiccough.
Spigelia anthelmia: Inabilityto bear tight clothing around umbilicus. Least contact causes anguish with redness and heat of face.Hard and
difficult evacuation with frequent ineffectual urging. Itching and crawling in recturn due to worm trouble.
Ignatia: All Ione feeling in stomach Sinking in stomach > by taking a deep breath. Hiccough always after eatling and drinking, from smoking
and emotional disturbances. Aversion to ordinary diet with longing for great variety of indigestable articles. Haemorihoids with pain, haemorr
hage and prolapse. Pain <during cough Pain and worse haemor hage worse when stool is loose. Diarrhoea from fright.
Nuxvomica: Weight and pain in stomach.painful sensitiveness to least pressure. Tight clothes are insuppor table. Liver engorged with stitches
and soreness from alcohic excess. constipation with ineffectual urging constipation
and bleeding piles from abuse of allopothic drugs and other stimulants. Nausea and vomiting every morning with depression of spirits.

Contact : Dr.Sreejitha

http://www.similima.com/gp.28.htm (4 de 4) [16/1/2005 11:25:25]