You are on page 1of 11

CHECK-UP AZIENDALE

Lanalisi tecnica che evidenzia lo stato di


salute del tuo processo produttivo ed
organizzativo
CORE S.R.L. - Via Zacchetti 6, 42124 Reggio Emilia | P. IVA: 02501650358
www.coresolution.it

Cos il check-up aziendale


Il check-up aziendale si svolge in una o due giornate interne allazienda
e ha lobiettivo di analizzare in maniera dettagliata e analitica il
processo produttivo ed organizzativo aziendale.
Lanalisi fornisce allimprenditore una fotografia reale dellazienda,
evidenziandone i punti di forza da valorizzare, le aree di miglioramento
e il potenziale inespresso che lorganizzazione potrebbe raggiungere
con piccoli accorgimenti.

Conden'al

Perch fare il check-up?


Pi di 25 anni di esperienza nel settore saranno il vostro occhio esterno
Evidenziare punti di forza e aree di miglioramento della vostra azienda
Identificare il potenziale produttivo ed organizzativo inespresso
Avere semplici suggerimenti operativi implementabili da subito
Supportare e guidare limprenditore nelle scelte strategiche e nel
raggiungimento degli obiettivi prefissati
Raccolta
da?
Presidio
di campo

Rielaborazione
e benchmarking

Aree di
intervento

Suggerimen)
concre)

Interviste

ANALISI

QUADRO AZIENDALE
Conden'al

SOLUZIONI

Come funziona?
> PRIMA DEL CHECK-UP
1. Condivisione con la direzione degli obiettivi da raggiungere
2. Panoramica generale sullazienda e presa visione dei principali indicatori* di
efficienza/produttivit (es. riepilogo di produzione PC Topp, dati di produzione)
> CHECK-UP: 1/2 GIORNI DI ANALISI FULL-TIME INTERNA ALLAZIENDA
1. Monitoraggio di campo per analizzare il processo produttivo
2. Interviste* ai capi macchina e ai responsabili degli enti correlati alla produzione
(es. Qualit, Ufficio Tecnico, Manutenzione, Programmazione, Logistica..)
3. Raccolta e ri-elaborazione dati**
4. Condivisione a fine giornata con la direzione delle principali evidenze riscontrate
> DOPO IL CHECK UP
1. Consegna del report dettagliato
2. Indicazione delle attivit chiave per il miglioramento
3. (se richiesto) Piano di intervento specifico per il raggiungimento degli obiettivi aziendali
* Previa condivisione con la direzione senza intralciare loperativit
** Se presenti
Conden'al

Cosa ricevo nel report?


Di seguito sono rappresentati una serie di esempi puramente indicativi
che illustrano sinteticamente i contenuti che limprenditore avr a
disposizione successivamente allaudit.
Il report formato da 4 parti:
1. Analisi SWOT (punti di forza, debolezza, opportunit e minacce)
2. Sintesi considerazioni scaturite da interviste delle funzioni e
presidio di campo
3. Cruscotto sullefficienza/produttivit e confronto con media di
mercato
4. Considerazioni finali e aree di intervento
Conden'al

Esempio sintetico report (1)

EXAM
P

1. Analisi SWOT (punti di forza, debolezza, opportunit e minacce)


PUNTI DI DEBOLEZZA
- Processo produHvo ineciente

PUNTI DI FORZA
- Fidelizzazione del personale

Elemen? interni
allazienda
(organizzazione)

- Scarsa formazione tecnica del personale


- Bassa produHvit in rapporto alle ore
pagate

- Capacit produHva potenziale


- Portafoglio clien?

S.W.O.T.
Elemen? esterni
allazienda
(mercato)

OPPORTUNITA
- Innovazioni

MINACCE
- Contrazione margini e instabilit mercato

- Nuovi segmen? di mercato


- Finanziamen? in formazione

- Vola?lit prezzi materia prima


- Riduzione tempi di consegna

Conden'al

LE

Esempio sintetico report (2)

EXAM
P

LE

2. Sintesi considerazioni scaturite da interviste delle funzioni e presidio di campo


> ONDULATORE

> SCATOLIFICIO

> QUALITA

> MANUTENZIONE

Considerazioni generali
- Dato di scarto e trimm
elevati rispetto alla
media di mercato
- Uso improprio
dellamido che comporta
eccessivo trasferimento
di umidit al foglio
causando imbarcatura
- []

Considerazioni generali
- Bassa produttivit ed
efficienza causata da
inefficienze tecniche (es.
guasti) e operative (es.
attrezzaggio)
- Capo reparto interrotto
spesso (disp. generali,
documentazione..)
questo denota un
processo non normato
- []

Considerazioni generali
- Mancanza di uno
standard qualitativo e di
un criterio di conformit
- Non vengono svolte
attivit preventive di
reclami e piani di
miglioramento specifici
- []

Considerazioni generali
- I macchinari non
evidenziano particolari
derive manutentive
- Non vengono effettuate
attivit di manutenzione
predittiva/preventiva ma
solo a gusto
- []

Suggerimenti tecnici
- Creare statistica
anomalie che generano
non conformit,
suddivisa per causa,
tipologia di prodotto e
cliente
- Stimolare approccio pi
proattivo sulla denuncia
delle non conformit
interne e sensibilizzare
sul tema della qualit
totale
- []

Suggerimenti tecnici
- Maggiore cura nelle
attivit di tensionamenti
e lubrificazioni
- Implementare attivit di
auto-manutenzione
- []

Suggerimenti tecnici
- Capitolato di fornitura
per materia prima
(prestazioni meccaniche,
requisiti minimi, criteri di
accettabilit)
- Per comprimere scarto
diminuire altezze carta e
riduzione di almeno il
10% delle composizioni.
- []

Suggerimenti tecnici
- Analisi e scomposizione
delle principali
inefficienze tecniche/
operative e azioni per la
risoluzione
- Piani di formazione
tecnica agli equipaggi e
gestionale al
responsabile reparto
- []

> e cos via per le altre funzioni


Conden'al

Esempio sintetico report (3)

EXAM
P

3. Cruscotto sullefficienza/produttivit e confronto con media di mercato*


Indicatore
Velocit nePa (m/min)
% Disponibilit impianto
% Inecienza (fermi)
% Scarto*
% Trimm

ONDULATORE
Azienda x
158
80%
20%
6,5%
3,5%

Media seGore
175
90%
10%
4,5%
2,8%

AREE DI INTERVENTO SUGGERITE:


- diminuire altezze carta
- riduzione di almeno il 10% delle composizioni
- lista inecienze tecniche (guas?) e pianicazione manutenzione
- focus programmazione/abbinamen?

* scarto taglierina, fogli ondulatore, pelatura bobine e anime bobine


Linea

Case-maker

SCATOLIFICIO
Indicatore
Velocit nePa (f/h)
Tempo medio avviamento (min)
Disponibilit impianto (%)
Inecienza (% fermi)
% Scarto
/mq

Azienda x
Media seGore
3000
3940
20
15
89%
85%
11%
15%
0,7%
0,50%
0,030 0,032

AREE DI INTERVENTO SUGGERITE:


> cri?cit struPurali a inizio (caricatore) e ne linea (legatrice)
impaPano su produHvit della macchina
> interven? manuten?vi su caricatore/legatrice o up-grade
> inserimento gura dell'aPrezzista

Fustellatore

Velocit nePa (f/h)


Tempo medio avviamento (min)
Disponibilit impianto (%)
Inecienza (% fermi)
% Scarto
/mq

3200
30
90%
10%
0,90%
0,035

2780
23
89%
11%
0,3%
0,023

AREE DI INTERVENTO SUGGERITE:


> inserimento gura dell'aPrezzista
> scarto anomalo: verica progePazione ucio tecnico
> costo personale direPo troppo elevato in rapporto ai volumi

Stampa

Velocit nePa (f/h)


Tempo medio avviamento (min)
Disponibilit impianto (%)
Inecienza (% fermi)
% Scarto
/mq

2100
22
80%
20%
0,40%
0,022

2300
24
88%
12%
0,3%
0,022

AREE DI INTERVENTO SUGGERITE:


> cri?cit struPurali alla linea: revisione gruppi stampa e approfondire
con?nui guas? meccanici con costruPore
> formazione sui temi strategici della stampa (inchiostri, clich, qualit
di prodoPo ed ecienza)
> favorire versa?lit dei macchinis? e far crescere gli assisten?

Piega-Incolla

Velocit nePa (f/h)


Tempo medio avviamento (min)
Disponibilit impianto (%)
Inecienza (% fermi)
% Scarto
/mq

2500
35
90%
10%
1,30%
0,028

3160
28
89%
11%
1,5%
0,030

AREE DI INTERVENTO SUGGERITE:


> stabilizzazione assePo
> cinghie usurate (malfunziona?) e pieghe non in asse
> lavorare sul processo a monte per ridurre scollato e imbarcato

* N.B.: La media di se4ore viene parametrata sulla base delle dimensioni dell'azienda (es. mq o fa4urato), se integrata, e se fa
ondulato, cartotecnica o entrambi
Conden'al

LE

Esempio sintetico report (4)

EXAM
P

LE

4. Considerazioni finali e aree di intervento


Le considerazioni finali riportano ai tre capisaldi usati per lanalisi che sono: Uomini (capitale umano e
relativo know-how, approccio, esperienza..), i mezzi/strumenti cio gli asset (es. macchinari,
strumentazione..) e i processo cio le dinamiche che governano lorganizzazione.
UOMINI
Implementare piani di formazione tecnica (cross-training) per rendere operatori versatili su pi linee
Favorire collegamento inter-funzionale e relativo livello di coinvolgimento e motivazione
Sviluppare politica di gestione risorse umane con mansionari e piani di sviluppo del personale
[]
STRUMENTI/MEZZI
Alcune linee richiedono un up-grade tecnologico (soluzione di breve periodo) piuttosto che una
sostituzione (soluzione strategica di medio/lungo termine)
strumentazioni di laboratorio da implementare come macchinari per la prove SCT, ECT, Gurley, liscio
di Bendstein
[]
PROCESSO
Declinare obiettivi aziendali alle singole funzioni per stimolare senso di identit/appartenenza che,
sommato alla definizione di target di reparto, favorisce il raggiungimento degli obiettivi
Per contenere inefficienze effettuare controlli in fase di produzione, avviamento e pre-avviamento e
valutare inserimento della figura di attrezzista
Definire meglio chi fa che cosa, istituendo un processo pi snello e controllato
[]
Conden'al

Referenze

Conden'al

Grazie
Per qualsiasi informazione:
o Carmine Crispino (consulente tecnico)
email: c.crispino@coresolution.it mobile: (+39) 331 6569896 | LinkedIn
o Emanuele Marra (responsabile commerciale)
email: marketing@coresolution.it mobile: (+39) 366 9704464 | LinkedIn

www.coresolution.it