Sei sulla pagina 1di 3

La Cronaca

L UNEDI 8 FEBBRAIO 2010 25

Lo Sport
23ª GIORNATA AREZZO-CREMONESE 2-2

Cremo, avvio lento poi si cambia Music


Inizio dirompente dell’Arezzo che va in gol due volte
I grigiorossi reagiscono e recuperano con Coda e un’autorete
AREZZO – Dura a morire. Affi- volto pallido pare pronta a gettare la
dandosi al suo cuore di tenebra, la spugna della rassegnazione. Anche il
Cremo rimonta di rabbia due gol al- vento che ci schiaffeggia la faccia
l’Arezzo e tiene gli amaranto a debita gioca la sua parte, camuffando le
distanza in classifica. Un pareggio traiettorie a favore degli amaranto.
che equivale ad una mezza vittoria, De Oliveira continua a pompare pal-
con rincorsa coronata a fil di lana da loni nelle vene dell’Arezzo, ma in ca-
un autogol di Music. Con quel tocco sa amaranto la fiamma della vivacità
sgraziato, il terzino finisce nel girone diventa fioca. La sostituzione obbli-
dantesco dei communardoniccolai e gata di Viali con Gori (Bianchi si
dell’altra sfilza di bomber a cielo ca- sposta al centro), paradossalmente
povolto. Ma a sospingere in fondo al infonde coraggio ai grigiorossi. Al
sacco il pallone, a ben guardare, è primo starnuto di Guidetti (cross te-
stato soprattutto l’impeto di una so di Pradolin), la difesa con i cerotti
squadra che sa ribellarsi ad una sorte di Galderisi rischia di andare in coc-
che all’undicesimo è già appesa ad ci (sinistro alto). La Cremo ci crede
un sottile crine di cavallo. Troppo un pelo di più. Il bomber grigioros-
estranea ai fatti la Cremo nella pri- so, che in quanto a mira nulla invidia
ma parte, con l’onda d’urto dell’A- al fu Zanen, scarica su Giusti il pal-
rezzo a fare macerie nella nostra tre- lone che avrebbe potuto accorciarci
quarti. Gli amaranto azzannano i per direttissima le sofferenze. Ma a
grigiorossi in ogni porzione di cam- quel punto il calcio champagne del-
po, duellano sopra ogni zolla, creano l’Arezzo sta per evaporare in una nu-
e colpiscono. Ma non ci affondano. vola di acido lattico. Fietta torna ad
Le reti di Terra (al 5’) e Venitucci essere il mediano di granito contro il
(11’), sono però ferite aperte sul quale s’infrangono i sogni di gloria
conto di una Cremo che fatica a degli avversari e la Cremo si toglie il
guadagnare metri. Galderisi, in difet- guano di dosso. Un colpo di testa di

Nel secondo tempo Venturato allontanato


dominio degli ospiti dal campo per
che colpiscono il palo proteste. Musetti
con Pradolin reclama il rigore

to di difensori di ruolo, sa che l’uni- Chianese e un affondo di Maniero


co modo per portarla a casa è tenere interrotto da Paoloni sono il testa-
Guidetti e Coda lontani da Giusti. E mento spirituale che segna l’addio
chiede ai suoi di aprire a tutta la ma- alla vittoria dell’Arezzo. L'avvio di ri-
nopola del gas. Senza troppi tattici- presa è una scarica di adrenalina.
smi i padroni di casa piantano le ten- Pradolin innesta il turbo e sulla cor-
de nella metacampo grigiorossa e sa affetta Music. Nizzetto sul versan-
danno la caccia dello scalpo. Nanu, te opposto è meno incisivo. La ri-
che del calcio conosce anche le pie- scossa prende le mosse dal traverso-
ghe oltre che i ricami, vuole l’Arezzo ne radente del Prado. Un pezzo da
stretto e corto. Un monoblocco di museo. La palla sfila fra le statue di
ghisa che ha in Chianese il cuneo e cera della difesa amaranto e va ad in-
in Erpen e De Oliveira gli speroni castonarsi sul piede di Coda. Secco
d’acciaio che si conficcano nei fian- colpo ravvicinato e l’inerzia dell’in-
chi. Ad ogni accelerazione, una lace- Le due reti della Cremonese: in alto Music infila il proprio portiere, qui sopra Coda accorcia le distanze contro fa inversione a U. Galderisi
razione. Il portoghese, lanciato da un annusa le difficoltà. Gli servirebbe
liscio di Bianchi, ha fra i piedi la pri- mezzo plotone di difensori, ma la di-
ma mossa che vale lo scacco al Re. stinta gli offre solo un’overdose di at-
Viali si precipita sul luogo del mi- DOPPIO PASSO taccanti. Mette mano lo stesso al-
sfatto e ci toglie dai guai con una sci- l’impianto, inserendo forze fresche. Il
volata che lo ammacca. Il capitano pallino però è ormai nelle mani dei
rimedia una distorsione al ginocchio grigiorossi. Pradolin centra il palo
sinistro che da leggera si fa fastidiosa
e poi dolorosa. Per un po’ si trascina
Giù per Terra, niente Panico c’è l’autoreverse con un destro fin troppo preciso,
Guidetti lo ferma un paio di volte
a zonzo a fatica, ma al 25’, dopo aver "Ecchediamine!", "Perbacco!", o gioco, è uscita una partita col bernoccolo. Togni con metodi spicci. Alla terza
subito un’altra botta, ammaina ban- chissà quale altro turpiloquio avrà Per carità, qualcosa c'era da aspettarselo da volata lo stop arriva direttamente
diera e fascia. Che passa sul bicipite mai rovesciato sul guardalinee il po- quel concentrato d'adrenalina, punte e dalla bandierina del guardalinee.
giovane ma per nulla gracile di Cre- vero Bob per meritarsi la cacciata mezzepunte che è Nanu Galderisi. Però Venturato s’infuria e si accomoda in
monesi. L’Arezzo continua a correre per direttissima e tutta la toscanità nessuno si aspettava di dover incassare un tribuna, dove i tifosi aretini lo asse-
sul binario dell’alta velocità. Nem- del parterre non proprio de roi del double in dieci minuti e trovarsi così con diano ululando come apache che si
meno i No Tav riuscirebbero a fer- comunale d'Arezzo una volta preso un boccone comodo come una big bubble preparano minacciosi a stingere il
marlo. Alla seconda sbandata, i gri- posto in piccionaia. Dev'essere stato scivolata nel gozzo. Ma la bella cenerentola cerchio attorno ad una carovana di
giorossi incassano. La torre di De qualcosa di intollerabilmente grave grigiorossa (quella che ne fa quattro poi si coloni. A breve giro di posta entrano
Oliveira fa saltare la marcatura su (!) per meritarsi tanta attenzione mette a intrecciare roselline di campo) si Musetti e Varricchio. Sul primo c’è
Terra, che in elegante mezza girata dal signor Cafari che va nel Panico straccia le vesti e inizia a ruminare un gio- rigore. Grosso come una casa, ma
buca Paoloni. L’Arezzo è un torrente e combina un Cassino, dopo tutta co nuovo, ruvido e rabbioso, antipatico e Cafari Panico e i suoi collaboratori
in piena. Rossi marca visita in man- una serie di tentativi rusticani pas- pungente. Ti aspetti che a tirarla fuori dai se la sfangano imitando le tre scim-
cina, Fietta e Zanchetta non si racca- sati inosservati (o quasi). C'è uno - guai sia Guidetti e invece a togliere Gui- miette. Il problema è che continuan-
pezzano sugli inserimenti di Migliet- per esempio - che l'avremmo voluto Contrasto fra Rossi e Erpen detti è Venturato, perché una partita così è do a fischiare a casaccio si finisce
ta e Venitucci, Nizzetto non decolla e cacciare solo per il gol che ci ha fat- roba da Pradolin. Assist, palo e cambia la con lo scontentare tutti. Anche i to-
là davanti Coda e Guidetti non la ve- to dopo 4' e che invece ha continuato con una sculet- Music. Un curioso autoreverse - tra le fischiazzate del scani. A tre dal termine l’arbitro la-
dono proprio mai. Altro errore e Ve- tata col bermuda a mezz'asta dedicata alla tribuna ed signor nel Panico - che raddrizza una partita che più scia correre un evidente fallo di Gori
nitucci manda a segno il gancio alla una smerigliata di gomito sul setto di Rossi (menu di attorcigiata non si può. E se il pareggino favorisse la su Essabr e dà la stura al 2-2. La
mascella. Nizzetto scivola e regala Terra). Poi abbiamo sopportato falli da ultimo uomo, fuga definitiva del Novara? E se invece fosse un passet- Cremo cambia senso di marcia al
palla all’interno toscano che si infila trattenute da rigore, altri gomiti (Bianchi) mulinati tino in avanti? Assalto respinto o addio ai sogni di glo- contropiede pescando Varricchio in
nel deserto dei tartari e di sinistro per aria, capannelli a capocciate, calci di punta e di ria? Al posticipo l'ardua sentenza. area. Il suo destro sbilenco coglie in
buca ancora i guantoni di Paoloni. E’ tacco... deficit d'ossigeno Music e il pareggio
il marasma. L’Arezzo gonfia il petto Insomma, tra Arezzo e Cremonese, la sfida del bel f.g. è servito. Meritato e gustosissimo.
come un gallo cedrone, la Cremo dal Paolo Loda
La Cronaca dello Sport L UNEDI 8 FEBBRAIO 2010

26
PRIMA DIVISIONE / CREMONESE

LA CRONACA

I toscani durano meno di mezz’ora


Dopo il 2-0 un solo intervento di Paoloni. Giusti super su Guidetti
PRIMO TEMPO SECONDO TEMPO
5’ Sul calcio d'angolo bat- 5’ La punizione dal vertice
tuto dalla sinistra, De Oliveria dell'area di Zanchetta viene
spizzica il pallone a centro area sporcata da una deviazione
dove arriva Terra che con una della barriera e si impenna a
girata improvvisa spedisce il centro area, dove Coda prova
pallone all'incrocio dei pali: 1- lo stacco venendo però antici-
0 pato da Giusti
11’ Sulla trequarti Niz- 6’ Nizzetto conclude con
zetto scivola e perde la sfera un sinistro potente, ma troppo
favorendo Venitucci che dopo centrale
qualche passo colpisce con un 11’ Maniero supera di
chirurgico sinistro che termina slancio Cremonesi e Gori invo-
nell'angolo basso: 2-0 landosi verso l'area grigiorossa,
19’ Sul traversone dalla ma prima di calciare viene an-
sinistra di Pradolin, Guidetti ticipato dall'uscita di Paoloni
anticipa il diretto avversario 14’ Pradolin supera Mu-
con un tocco di punta, ma la sic e dal fondo effettua un
sua conclusione finisce di un cross basso sul secondo palo.
soffio sopra la traversa Puntuale il piatto di Coda che
21’ La punizione calciata gonfia la rete: 2-1
dai 25 metri da Erpen si spe- 16’ Pradolin anticipa Ter-
gna oltre il montante della ra e solo davanti al portiere
porta di Paoloni Dal sinistro di Pradolin è partito l’assist per il gol di Coda che ha riaperto la gara (foto al centro) conclude con un rasoterra che
25’ Da fondo campo Riz- si stampa contro il palo
za serve un buon pallone a 21’ Musetti finta la con-
centro area per Maniero che con un tacco prolunga per l'accorrente Chia- clusione e viene atterrato da Miglietta. L'arbitro lascia correre
nese. Colpo di testa dell'attaccante amaranto e palla alta di pochissimo 22’ Ottima intuizione di Coda che serve in area Guidetti, conclusio-
30’ Splendida triangolazione al limite dell'area tra Guidetti e Zan- ne mancina respinta da Giusti con i pugni
chetta. Il bomber della Cremo, solo davanti a Giusti, spreca l'occasione 26’ Punizione imprecisa di Zanchetta che non inquadra la porta
calciando contro il portiere in uscita 28’ PFiltrante di Zanchetta per Varricchio. Destro debole a lato
43’ Con determinazione Coda ruba palla a Togni e dalla lunetta del- 40’ Incornata alta di Cremonesi sul corner di Zanchetta
l'area spara un destro improvviso respinto in tuffo da Giusti 42’ Varricchio entra in area e con un diagonale mette il pallone al
45’ Tentativo velleitario dalla distanza di Coda. Palla lontana dallo centro dell'area dove Music anticipa Musetti spedendo il pallone nella
specchio propria porta: 2-2

Venturato ha concluso la gara in tribuna: “Ho solo chiesto spiegazioni”

“Meritavamo la vittoria”
“Inizio gestito male. Poi 6 occasioni, 2 reti e 2 rigori negati”
AREZZO - E’ un Venturato anco- si è giocato molto sul filo dei nervi
ra su di giri quello che si presenta in più che su quello della manovra.
sala stampa dopo la battaglia di Arez- “Questa - osserva il mister - è una
LA GARA IN TV
zo, ancora visibilmente innervosito
dai fatti del campo (con il suo allon-
squadra che ha voglia di raggiungere
un obiettivo importante. Mi dispiace
Stasera la differita
tanamento dal campo per proteste) e solo per i ragazzi che oggi avrebbero della gara dello Zini
degli spati (un gruppo di tifosi lo ha meritato di vincere una partita che
preso di mira una volta arrivato in tri- poteva dare un break importante al alle 21 su Studio1
buna). “Ho chiesto al guardalinee co- campionato”. Resta la reazione d’or-
me mai avesse segnalato un fuorigio- goglio, un buon auspicio per le pros- La gara disputata ieri allo
co a Guidetti - racconta il tecnico ri- sime sfide al vertice: “Per noi le pros- stadio Zini tra Arezzo e Cre-
vedendo l'episodio dell'espulsione - sime gare devono essere come spa- monese sarà trasmessa in
ma non ho offeso nessuno. Mi dispia- reggi se vogliamo recuperare qualche differita questa sera alle 21
ce perché certe cose non fanno nem- punto sul Novara e provare a giocar- sull’emittente televisiva Stu-
meno parte del mio carattere”. Ad cela fino in fondo. Certo c’è qualcosa dio1, visibile in analogico nel-
accendere l’animo del mister una ga- da migliorare”. Qualcosa da ricercare le province di Cremona, Ber-
ra dalle mille emozioni, iniziata nel in quei primi 20’ di difficoltà che gamo, Parma e Piacenza sul
peggiore dei modi e recuperata nel hanno rischiato di compromettere la ch 57, nelle province di Bre-
fnale con un autogol rocambolesco sfida di Arezzo: “Quando un avversa- scia e Mantova sul ch 40 e
dopo aver sbagliato tanto: “Nei 20’ rio di qualità come questo riesce a sulle frequenze del digitale
iniziali - commenta il tecnico grigio- metterci in difficoltà, noi dobbiamo terrestre a Milano, Monza,
rosso - abbiamo subito gli attacchi essere capaci di non prendere gol”. Como e Varese.
dell’Arezzo. Sono stati bravi loro a Filippo Gilardi Viali è uscito dal campo al 35’ per infortunio
metterci in difficoltà aggredendoci
nella nostra metacampo, mentre noi
non abbiamo saputo leggere la situa-
zione e ribattere anche buttando BRUTTA TEGOLA IL TECNICO DEGLI AVVERSARI
qualche volta la palla lontana dalla
nostra area. Abbiamo poi commesso
due ingenuità che ci sono costate due
Distorsione al ginocchio Galderisi è soddisfatto a metà:
reti”. Uno svantaggio immediato che per capitan Viali:
avrebbe potuto compromettere la ga-
ra: “Invece poi per 70’ abbiamo do-
minato il campo meritando ampia-
si teme un lungo stop “Buon inizio. Irregolare il 2-2”
mente la vittoria per quanto siamo Una brutta tegola colpisce la Amareggiato per un finale di ga- hanno offerto un ottimo spettaco-
riusciti a creare”. Un collega locale fa Cremonese e i progetti di mi- ra che ha visto sfumare tre punti lo, altrettanto non si può dire del
notare che forse in occasione dei due ster Venturato. Il capitano pesanti, Nanu Galderisi rimane direttore di gara, che con le sue
gol grigiorossi hanno pesato le inge- grigiorosso William Viali è comunque soddisfatto della pre- decisioni discutibili ha reso incan-
nuità della difesa dell’Arezzo. Ventu- stato infatti costretto ad ab- stazione della sua squadra, prefe- descente il clima. "L'azione del
rato risponde deciso: “Abbiamo crea- bandonare il terreno di gioco rendo rimarcare gli aspetti positivi pareggio è nata da un fallo grande
to 6 nitide occasioni da gol, compre- al 35' a seguito di una distor- nella sua analisi della sfida: "Ab- come una casa di Gori. Ero a cin-
so un palo e ci sono stati negati due sione al ginocchio sinistro ri- biamo gestito molto bene la fase que metri e ve lo posso assicurare.
rigori. Con la nostra pressione è nor- mediata dopo lo scontro con iniziale, riuscendo ad essere com- Detto questo però non voglio ag-
male che la difesa dell’Arezzo sia an- De Oliveira. "Si tratta di una patti ed aggressivi. Certo il ram- giungere altri commenti sulle scel-
data in difficoltà. Hanno perso tran- distrazione del collaterale marico rimane, però non possia- te arbitrali. Preferisco dire che ab-
quillità e in quei casi è facile com- mediale - afferma il dottor mo dimenticare che avendo la ro- biamo fatto certe cose buone ed
mettere qualche errore. Credo però Bozzetti - e prima di parlare sa in emergenza certe scelte sono altre un po' meno. Ora ci avvici-
che in questo caso ci sia più merito di tempi di recupero occor- state obbligate ed inoltre questo niamo verso la fase finale del cam-
della Cremonese”. Una Cremonese rerà aspettare l'esito degli pareggio è arrivato contro una pionato ed ogni gara diventa fon-
diversa dal solito, più decisa dopo il esami". Di certo le impres- squadra di ottimo livello come la damentale".
doppio svantaggio, senza paura di sioni non sono positive. Cremonese". Se le due formazioni m.z.
sporcarsi le mani in uno scontro che
L UNEDI 8 FEBBRAIO 2010 La Cronaca dello Sport
27
PRIMA DIVISIONE / CREMONESE

AREZZO CREMONESE

2 2
4-4-2 4-4-2
1 GIUSTI 1 PAOLONI

2 MUSIC 2 A. BIANCHI
5 TERRA 5 VIALI
6 TOGNI (35' PT 15 GORI)
3 RIZZA 6 CREMONESI
3 ROSSI
7 ERPEN
(32' ST 16 BAZZOFFIA) 7 NIZZETTO
4 MIGLIETTA 4 FIETTA
8 VENITUCCI 8 ZANCHETTA
10 DE OLIVEIRA 10 PRADOLIN
(25' ST 17 ESSABR) (19' ST 17 MUSETTI)

9 CHIANESE 9 CODA
11 MANIERO 11 GUIDETTI
(41' ST 18 FOFANA) (26' ST 18 VARRICCHIO)

ALL.: GALDERISI ALL.: VENTURATO

ARBITRO
CAFARI PANICO DI CASSINO
(ASSISTENTI: CIAMPA E SIGNORELLO)

RETI
5’ PT TERRA 14’ ST CODA
11’ PT VENITUCCI 42’ ST (AUT.) MUSIC

ESPULSI
VENTURATO
AL 7’ ST PER PROTESTE

AMMONITI
TERRA BIANCHI
TOGNI
ANGOLI
9 6

NOTE
SPETTATORI 2.522 (1.197 abbonati) per un incasso di 25.824,34 euro
RECUPERO: 3’ PT, 6’ ST

LE INTERVISTE
“Bravi a raddrizzare il match”
Grigiorossi soddisfatti: “Ma c’è ancora da migliorare”
Il pareggio maturato nel finale ha restituito il alla fine il pari è giusto”. Ad Alberto Bianchi Quello che è scandaloso è che gli arbitri ci
sorriso ai grigiorossi, che dopo una partita ini- è andata un po’ di traverso la direzione di gara trattano come l’ultima della classe e non come
ziata nel peggiore dei modi sono riusciti a ri- del signor Cafari Panico: “Non riesco a capire una squadra che sta lottando per i primi po-
mediare con una prova di carattere. Massimo come una squadra seconda in classifica possa sti”. Quali sono state le indicazioni di Ventu-
Coda analizza con lucidità l’incontro: “Non ci subire così tanti rigori contro e non averne rato? “Il mister mi ha chiesto di giocare alto
aspettavamo una partenza così aggressiva da mai uno a favore. A parte questo siamo stati sulla sinistra per allargare la loro difesa e non
parte dell’Arezzo - osserva l’attaccante - che bravi a raddrizzare la partita, peccato solo non permettere al terzino di salire”. Riguardo alla
nel giro di pochi minuti ha trovato il doppio essere riusciti a fare un gol nel primo tempo: prestazione, rimane il rammarico di aver con-
vantaggio. Poi dopo una fase un po’ sofferta avremmo potuto vincere”. Una Cremo che cesso quei 10’ iniziali all'Arezzo: “L’errore è
siamo riusciti a creare due palle gol con Gui- però concede ancora troppo agli avversari: stato quello di entrare in campo con l’idea di
detti che potevano permetterci di riaprire la “Non essendo primi è normale che qualcosa non prenderle. Noi dovevamo pensare a gio-
partita già nella prima frazione”. Nella ripresa dobbiamo migliorare, come ad esempio evita- care la nostra partita, anche perché quando
invece è servito un tuo guizzo da uomo area re di subire reti su palla inattiva”. Protagonista attacchiamo riusciamo sempre a essere perico-
per accorciare le distanze: “Pradolin mi ha suo malgrado di due episodi discussi, Musetti losi. Infatti - conclude - le uniche due volte
servito un ottimo pallone e io sono stato bravo racconta la propria versione dei fatti: “Nel pri- che nel primo tempo siamo scesi in avanti ab-
a farmi trovare pronto. Da quel momento li mo caso il difensore mi ha affossato. Mentre biamo sfiorato il gol”.
Max Guidetti in anticipo sul difensore brasiliano Togni abbiamo schiacciati creando molte occasioni e nel secondo è stata un’azione un po’ confusa. Matteo Zanibelli

LE PAGELLE Pradolin è decisivo. Guidetti precipitoso IL MISTER


IL MIGLIORE
PAOLONI 6: Incolpevole sul gol di
Terra, non particolarmente reattivo
sulla conclusione di Venitucci, sicu-
NIZZETTO 5,5: Lontano dalle sue
domeniche migliori, non riesce mai
a incidere nella trequarti avversa-
Roberto
Venturato
6,5
Massimo
Coda 7 ro in uscita. Alta o bassa non fa
differenza

A. BIANCHI 6: Venti minuti da in-


ria. Solo qualche fiammata peraltro
improduttiva

FIETTA 6,5: Nella prima parte


Nonostante l'ap-
proccio da di-
menticare le
sue scelte si ri-
cubo poi concede nulla. Rede deci- per lunghi tratti non sa che pesci
velano azzecca-
samente meglio quando è dirottato pigliare. Quando l'Arezzo cala tor- te. Sbotta dalla
nel cuore della difesa. Graziato per na ad essere la colonna portante panchina e fini-
un gomitata su Maniero della linea mediana sce in tribuna.
Riesce a trasmettere ai suoi
VIALI 6: Salva in recupero all'inizio ZANCHETTA 6: Impiega un po' a giocatori la giusta rabbia per
coronare la rimonta
su De Oliveira, si fa male ed esce trovare le giuste misure, poi inven-
presto (GORI 6: Entra e contribui- ta un assist non sfruttato da Gui-
sce alla rimonta anche giocando detti e si accende per ispirare la ri-
fuori ruolo) monta grigiorossa AREZZO
Giusti 7, Music 4, Terra 5,5,
Togni 5, Rizza 6,5, Erpen 6,5
CREMONESI 6,5: Come tutti i PRADOLIN 7: Nel clima battaglie- (Bazzoffia sv), Miglietta 6, Ve-
compagni fatica nella fase iniziale ro si esalta rivelandosi decisivo. nitucci 6,5, De Oliveira 6,5
Il centravanti part-time a suon ad arginare gli assalti toscani. Poi Splendido nell’assist a Coda, sfor- (Essabr 5,5), Chianese 6,5,
di gol trasforma il suo impiego riceve la fascia da capitano, si esal- tunato sul palo (MUSETTI 6,5: ini- Maniero 5,5(Fofana sv). All.:
in un contratto a tempo inde- ta e disputa una gara magistrale zia bene la sua nuova stagione) Galderisi 6,5.
terminato. Il suo ottavo centro
dà la sveglia ai compagni e se-
gna l'inizio della rimonta. Impe- ROSSI 5,5: Un primo tempo zep- GUIDETTI 5,5: Il solito Max quan- ARBITRO
gna Giusti dalla distanza, rega- po di errori, a tratti sovrastato da do punta e salta l'uomo, insolita- Cafari Panico 4: A tratti scon-
la a Guidetti un pallone d'oro Erpen. Poi ritrova misure e fiducia mente precipitoso nelle conclusio- certante. Nega un rigore netto a
zecchino. Coda vuol dire fiducia ni. Si divora due gol (VARRICCHIO Musetti e non tiene mai in pugno
e nella ripresa cambia marcia di-
la partita
ventando elemento prezioso 6: ci mette lo zampino)