Sei sulla pagina 1di 14

ELEMENTI DI FILOSOFIA-1:

TEORIA DELLA CONOSCENZA.

LOGICA,

INTRODUZIONE
- Che cose la filosofia
- LA FILOSOFIA COME PROBLEMA DEL TUTTO.
- LA FILOSOFIA COME PROBLEMA DELLA VITA
- UNITA DEI DUE PROBLEMI
- PROBLEMA DELLA VITA E PRAGMATISMO
- FILOSOFIA E METAFISICA: metafisica come teoria dell assoluto, realta che ha in
se la ragion sufficiente del suo essere, che non ha bisogno di altro per esistere. Tutto cio
che e relativo ha bisogno di altro per esistere.
- VARI TIPI DI METAFISICHE: immanenza (idealismo materialismo) trascendenza
(idealismo realismo).
- TENTATIVI DI RINUNCIARE ALLA METAFISICA E LORO IMPOSSIBILITA.

- Filosofia e Religione
- IDENTITA DEL PROBLEMA, DIVERSITA NEL MODO DI RISOLVERLO: esseresalvezza. Filosofia e religione hanno un medesimo problema:quello della vita. Si
distinguono per il modo di risolverlo: filosofia-ragione, religione-fede. Fede come
accettazione di qualcosa che io non vedo, affidarsi a qualcuno.
- NECESSITA DELLA RIVELAZIONE PER LE VERITA SOPRARAZIONALI.
Accetto la rivelazione solo per le verita che sono superiori alla mia intelligenza,
soprannaturali. Ma perche mi dovrebbero interessare? Perche io sono elevato ad una
dimensione soprannaturale. Ma come lo so? Grazie alla rivelazione. Circolo vizioso.
Come se ne esce? Rivelazione come fatto storico che si impone (miracoli, ispirazione
dello Spirito Santo).
- NECESSITA MORALE DELLA RIVELAZIONE ANCHE PER CERTE VERITA
FILOSOFICHE: la spinta ad accettare la rivelazione si fa sentire nella stessa
difficolta nel risolvere il problema filosofico.

- Filosofia e Scienza
- Ci sono verita che non sono di competenza della filosofia, ma della scienza, e quando
un filosofo cerce di dedurre da una metafisica verita che sono di competenza della
scienza prende grossi abbagli
- ALCUNI TENTATIVI DI DISTINZIONE TRA FILOSOFIA E SCIENZA: Aristotele,
tre gradi di astrazione: fisica-matematica-metafisica. Ma la fisica di Aristotele era una
filosofia. Scheler: la tecnica e il desiderio di dominare l ambiente e di governare le forze
1

della natura. Atteggiamento tecnico pratico contrapposto all atteggiamento


contemplativo della filosofia. Vero dal punto di vista storico-filosofico ma non ci dice
nulla sulla struttura epistemologica della scienza stessa. Altre distinzioni: cause
ultime/prossime, metodo deduttivo/induttivo. Tutte contengono un anima di verita ma
vanno precisate meglio.
- FORMULAZIONE PIU ESATTA DELLA DISTINZIONE: la filosofia studia gli
aspetti piu universali della realta, la scienza gli aspetti particolari. Per aspetti piu
universali intendiamo l essere e gli aspetti connessi con l essere. Le cause supreme
sono le cause piu universali, mentre le cause prossime sono le cause particolari. Piu
si sale verso la causa universale piu la conoscenza del come diventa minima, quella
del perche massima.
- DISTINZIONI DEL METODO: Ogni uomo ha l intuizione astrattiva dell essere e
pensa secondo il pdnc. Nella conoscenza quotidiana e nella scienza la nozione di
essere pero resta sullo sfondo, e solo la ricerca filosofica che ne fa tema di ricerca.
Cosa compete all essere in quanto tale, proprieta essenziali che competono alla
natura di un ente sempre e necessariamente. Ma noi non abbiamo l intuizione
astrattiva delle essenze specifiche e percio non possiamo procedere con l analisi e la
deduzione quando vogliamo ottenere una conoscenza specifica della realta corporea
(per questo la fisica antica non era feconda).
- TEORIA DEL LEIBNIZ SULLA DISTINZIONE. Impossibile costruire a-priori una
scienza della natura.
- CARATTERE MATEMATICO DELLA SCIENZA MODERNA. Corrispondente
quantitativo di ogni fenomeno fisico: misurabilita, esattezza ed oggettivita.
- LE SCIENZE DEDUTTIVE: resta il problema delle scienze deduttive come la
matematica. Radici ontologiche della matematica?

TEORIA DELLA CONOSCENZA


Capitolo primo: Eliminazione di pregiudizi.

IL METODO CRITICO.
-

Metodo critico inteso come spregiudicatezza radicale nella ricerca, cercare di vedere
le cose come stanno senza presupporre alcuna affermazione (atteggiamento di spirito).
Due obiezioni
E una banalita. E sottinteso. Si risponde: e tuttaltro che facile, ovvio, naturale
mettersi nell atteggiamento di radicale spregiudicatezza. Nella ricerca filosofica non
ce posto per il si.
Altra obiezione: e impossibile, inattuabile. Si risponde: confusione tra il non
adoperare certe persuasioni nella costruzione filosofica ed il rinnegarle o dubitarne
come uomini. Si tratta infatti non di negare le persuasioni della vita quotidiana ma di
metterle tra parentesi, di non servirsene per la costruzione filosofica.
2

L EVIDENZA
-

l evidenza oggettiva non e altro che il vedere che le cose stanno cosi, il presentarsi
cosi delle cose
tutte le obiezioni contro l evidenza non possono che presupporre l evidenza.

LO SCETTICISMO
-

Lo scetticismo e possibile come stato danimo ma non come dottrina.


Autocontraddittorieta.

IL PROBLEMA DEL VALORE DELLA FACOLTA CONOSCITIVA.


-

E impossibile la posizione di chi vorrebbe vagliare il valore della facolta


conoscitiva, se la ragione come facolta abbia valore.
Famosa obiezione di Hegel alla filosofia critica (l indagine sul conoscere non puo
accadere altro che conoscendo)
Ma il problema di Kant non era se la ragione come facolta abbia valore ma quali
siano le conoscenze con valore e meglio ancora come sono possibili I giudizi sintetici
a priori (che lui vedeva realizzati ad esempio nella fisica di Newton).

Capitolo secondo: Fenomenologia della conoscenza.


COME CONSOCIAMO LA CONOSCENZA.
-

Certo in qualche modo sappiamo cose la conoscenza ma ne abbiamo esperienza


immediata? No! Vediamo cose colorate, non vediamo il vedere, udiamo suoni, non l
udire: sappiamo di conoscere per riflessione.
Si sbaglia partendo dalla distinzione soggetto-oggetto, che non e affatto
immediatamente data.
Identita reale-fisica/ identita intenzionale: la conoscenza e identita intenzionale. Ci
consta qualcosa che e altro da noi, presenza dell altro a noi.
Non si coglie mai il conoscere come una cosa, come un oggetto.
Cogito come risposta alle obiezioni scettiche: Cogito ergoaliquid est!

CHE COSE LA CONOSCENZA?


-

impossibile negare il concetto di conoscenza come fanno in neopositivisti, nell


esserci-per-me consiste l audizione del suono, il conoscere. La conoscenza non e
una cosa accanto alle altre.
Aristotele e Tommaso: uno e l atto del sentito e del senziente.
L identita intenzionale era stata dimenticata dalla filosofia moderna, l ha rimessa in
circolo Brentano ( e poi Husserl, Moore ecc)
3

I tentativi di negare che noi abbiamo esperienza della conoscenza non riescono (ma
non conoscenza immediata ma riflessa).

DISTINZIONE FRA ATTO E OGGETTO DI CONOSCENZA.


-

E necessario distinguere in ogni conoscenza l atto del conoscere dall oggetto


conosciuto.
L oggetto che appare, cosi come appare, e trascendente la rappresentazione. Le
sensazioni presentano le determinazioni oggettive ma non sono mai le determinazioni
oggettive stesse.
Questa distinzione e anteriore alla questione se l oggetto conosciuto sia una realta
per se stante o indipendente da noi.
Ambiguita del termine contenuto di coscienza.

FALSE POSIZIONI DEL PROBLEMA DELLA CONOSCENZA


-

E uno pseudo-problema come si possa passare dalla coscienza all essere poiche la
coscienza e precisamente manifestazione dell essere.

CONOSCENZA E RAPPRESENTAZIONE
-

Teoria errata che fa consistere la conosenza nell avere rappresentazioni. Non basta
avere rappresentazioni, bisogna esser coscienti delle rappresentazioni.
Nel soggetttvismo gnoseologico la rappresentazione diventa essa stessa oggetto di
conoscenza, questa dovrebbe poi servire a far conoscere gli oggetti esterni, di cui
sarebbero immagini
Ma la conoscenza degli oggetti anziche essere spiegata dalle rappresentazioni e
presupposta da esse (altrimenti cosa ri-conosco nell immagine?)

ORIGINE DELLE TEORIE SOPRA CRITICATE


-

Critica alla oggettivita delle qualita secondarie motivata da un esigenza di esattezza


scientifica
GALILEO: necessita di eliminare dalla fisica le nozioni qualitative, per poter dare
alla fisica il carattere di scienza rigorosa. Noi non abbiamo concetti specifici ne delle
essenze delle cose ne delle loro qualita caratteristiche, non possiamo elaborare una
scienza rigorosa sull aspetto qualitativo del mondo corporeo, ma dobbiamo limitarci
a registrarne solo l aspetto quantitativo. Esigenza giustissima: il torto era quello di
voler togliere dalla natura cio che bisognava togliere solo dalle formule fisiche.
CARTESIO: come si spiega il salto qualitativo tra fisico e fisiologico? Dal corpo non
sensitivo al corpo sensitivo? Il rischio e di introdurre una forma sostanziale (anima).
Anche il corpo sensitivo e pura estensione, tutto cio che vi e di qualitativo
appartiene alla res cogitans. Le qualita corporee sono idee, realta spirituali. E
lestensione? E anch essa un idea, ma innata, chiara e distinta quindi oggettiva.

LOCKE, BERKELEY: Locke nega che vi siano idee innate ed afferma che tutte
derivano dall esperienza sensibile. Berkeley non fa piu distinzione tra qualita
primarie e secondarie e riduce tutti gli aspetti dei corpi a idee. Nel termine idea si
confondono ideato e ideare.

Capitolo Terzo: teoria della conoscenza e critica della conoscenza.


NON SI DIMOSTRA LA VERITA DELLA CONOSCENZA IN GENERALE
-

illusione che ci sia un unica scienza che possa darci garanzia di tutte le nostre
certezze e che deriva da due motivi: a) mondo eserno b) illusione che si possa
risolvere il problema dell esistenza di qualche cosa senza determinarne anche la
natura (che un mondo di corpi esista dovrebbe dimostrare la teoria della conoscenza).

IL PROBLEMA DEL REALISMO


-

il problema del realismo non e il problema gnoseologico per eccellenza ma e un


problema metafisico. E il problema di cosa sia la realta, non se la realta sia.
Realismo come affermazione che ce essere oltre il pensiero: ma quale pensiero?
Pensiero umano.
Ma come intendiamo il pensiero umano? Matrice empiristica (soggettivismo alla
Berkeley-Hume) e metafisica (Hegel- tutto cio che esiste- il finito- non e altro che
un momento dell assoluto, che e pensiero- ragione umana come potere illimitato)
Gnoseologia e logica come studio della verita, del pensiero in quanto conosce la
realta, come e possibile una conocenza con valore?

Capitolo quarto: gli universali.


-

occorre partire dal minimo di pensato per vedere quale il carattere per cui l ens
rationis si distingue dall ente reale. La forma piu semplice di pensato e il concetto.
Carattere che compete solo all ens rationis e non all ente reale: universalita.
Universale in logica: oggetto di pensiero che puo essere predicato di piu individui.

IL PROBLEMA DEGLI UNIVERSALI


-

quale il valore dei termini universali? Questo e il problema logico (poi abbiamo il
problema psicologico e quello metafisico)
cenni storici: isagoge di Porfirio e commento di Boezio, ma problema sempre
teoreticamente presente nella storia della filosofia. Nominalismo, Concettualismo,
Realismo Esagerato, Realismo Moderato o concettualismo realistico. Si cerchera di
dimostrare il realismo moderato dimostrando che a- abbiamo nozioni universali b- tali

nozioni non si attuano nella realta come universali c- che il loro significato si attua
nelle cose reali.
Esistenza di concetti universali
-

E un fatto che abbiamo nozioni universali ed un fatto si mostra


fenomenologicamente, non si dimostra.
Questo rosso, queste due mele ma si ha presente anche il rosso, il due , la mela. Enti
che per loro natura potrebbero essere indifferentemente qui e la, mentre questo ente
concreto e necessariamente qui o la.
La nozione individuale mi presenta un questo, che e qui ed ora. La nozione
universale mi presenta un quid, una essenza, che prescinde dal qui e dall ora.

TEORIA EMPIRISTICA E CONFUTAZIONE.


-

l universale rappresenta (dicono gli empiristi) non una essenza ma un complesso di


caratteri tutti particolari che stanno in luogo di tante altre nozioni.
Ma si domanda: il carattere particolare che si considera isolato dagli altri e che sta in
luogo di considerato identico nei vari individui o come tanti caratteri uguali?
Se identico non puo essere particolare by definition
Se uguale si domanda: come si fa a dire che quei caratteri sono uguali? Bisogna dire
in cosa sono uguali, e quel quid non puo essere che definito come identico nei vari
individui (ddunque non particolare ma universale)
Questo sopra e il dibattito tra J. S. Mill e Spencer.

UNIVERSALE E COMUNE
-

gli empiristi confondono spesso universale/comune, individuale/proprio. Ma nella


realta tutto e individuale e nel nostro concetto tutto puo essere universalizzato.
(Rosmini-Sordi).

MOTIVI DELL EMPIRISMO NATURALISTICO: A- LA CONFUSIONE FRA L


ORIGINE ED IL CONTENUTO OGGETTIVO DI UNA NOZIONE
Hume: ogni concetto non e altro che un intuizione sensibile e rappresenta un oggetto
singolare. La differenza tra impressione ed idea e solo di grado, le idee non sono
altro che immagini illanguidite delle impressioni.
- Ma quale l impressione corrispondente all idea di linea retta, o del numero
203.972. Non posso certo rappresentarmele sensibilmente. Eppure esprimo giudizi
perfettamente veri, universali e necessari su di esse. Mentre l immagine sensibile
fluttua, e diversa in me ed in te tutti sempre siamo perfettamente d accordo che
203.972 e piu di 2.983. Perche il concetto e appunto diverso dall impressione
sensibile, ed e sui concetti che si costruiscono le scienze con valore.
LA MANCANZA DEL CONCETTO DI ENTE IDEALE. ERRORE COMUNE ANCHE
AL REALISMO ESAGERATO.
-

L universale e un ente ideale, ha la sua realta di universale solo nell intelletto che
lo concepisce (degno di nota il fatto che il medesimo errore stia alla radice sia del
nominalismo che del realismo esagerato).
Critica di Tommaso a Platone: credette che la forma del conosciuto necessariamente
sia nel conoscente nello stesso modo in cui e nel conosciuto. Osservo che la forma
dell oggetto inteso e nell intelletto universalmente, immaterialmente ed
immutabilmente e quindi penso che gli oggetti intesi dovessero sussitere in se stessi
in questo modo. Ma cio non e necessario. Sebbene sia necessario che vi sia nella
realta cio che l intelletto intende, tuttavia non e necessario che vi sia nel medesimo
modo.

Valore oggettivo dei concetti universali.


ESISTONO CONCETTI UNIVERSALI CON VALORE OGGETTIVO
-

Resta da escludere il concettualismo, occorre dimostrare che le nozioni universali


hanno valore oggettivo, un corrispondente nella realta. Non possiamo dimostrare che
tutte le nozioni universali hanno valore oggettivo (Il che e falso, si pensi al concetto
di chimera) ma come le nozioni universali hanno valore oggettivo.
Es. nozione universale di piacere e dolore. Con cio e dimostrato che almeno alcune
nozioni universali hanno un corrispondente nella realta, ed e escluso subito il
concettualismo., peerche e possibile che un concetto universale abbia valore
oggettivo (ab esse ad posse datur illatio)

UNIVERSALE DIRETTO E RIFLESSO


-

In ogni universale distinguiamo cio che e concepito (la natura o essenza) e il


carattere di universalita, il carattere per cui l essenza o natura e predicabile di piu
individui. L essenza e per se indifferente alla singolarita o molteplicita. Questo e
l universale diretto o anche intentio prima.
Invece l essenza come si attua nel mio intelletto, cioe come significato universale
predicabile di piu individui e detta universale riflesso, o intentio secunda.
Universale diretto: si forma dal prescindere, con l astrazione universalizzatrice, dal
modo di essere singolare dell essenza da noi considerata.
L universale riflesso si forma per una riflessione sull universale diretto, in cui
paragoniamo l universale diretto e lo paragoniamo ai singolare vedendolo predicabile
di piu singolari. Esso e un ente ideale, solo nella mia mente l essenza e astratta
dall essere individuale
L idealita dell universale sta tutta nell universalita e non tocca il contenuto, il cio
che e rappresentato.

ESPOSIZIONE DI QUESTA DOTTRINA NEL DE ENTE ET ESSENTIA.

- Esempio: all uomo in quanto uomo appartiene la razionalita , ma se predico dell


essenza dell uomo l essere una o molteplice sbaglio nell attribuzione di questo carattere
al concetto universale di uomo. Infatti se dico che all essenza uomo appartiene la
pluralita cio significherebbe che la natura umana non potrebbe mai esser una, mentre di
fatto lo e in quanto e ad es in Socrate. E similmente se dicessi che la natura umana e
una non potrebbe moltiplicarsi in piu individui (come per es in socrate e platone).
L ASTRAZIONE
-

L astrazione che ci porta all universale e un astrazione logica, non reale. E un puro
prescindere, non considerando alcuni aspetti della realta.
Questo puro prescindere puo poi restare nel campo dell individuale e allora parliamo
di astrazione impropria o distinguente (empirismo)
Ma dobbiamo ammettere come si e visto un diverso tipo di astrazione che prescinde
dalla singolarita, dal modo di essere delle cose reali.

ASTRAZIONE E A PRIORI
-

apriorita nel senso che l astrazione universalizzatrice fa essa l universale e non lo


trova gia dato nelle cose singolari (Rosmini-Sordi) nella realta tutto e singolare,
nella mente tutto e uiversale.
Se non si riconosce qui l apriori si finisce o per negare ogni tipo di scienza
(empirismo) o a dover ammettere troppo a-priori (kantismo- apriori sintetico)
L intelletto non aggiunge nulla al contenuto dell esperienza ma gli da solo un modo
di essere diversa da quello in cui si attua nelle cose reali. Ma e un prescindere non un
alterare. Cio che e concepito e il reale, non il fenomeno.

SPONTANEITA DELL ASTRAZIONE UNIVERSALIZZATRICE


-

carattere spontaneo, non voluto: intuizione astrattiva. Nostro modo di vedere


intellettivo. Abstractio totalis, considera tutto l oggetto ma in modo indeterminato.,
prescindendo dalla singolarita.
L abstractio totalis ci porta dal piano del sensibile al piano dell intellegibile, dal
piano della sensazione a quello del concetto.

L ASTRAZIONE E LA COMPOSIZIONE DI MATERIA E FORMA


-

spesso si dice che l intelletto conosce l universale perche astrae la materia dalla
forma: conoscere l universale corrisponderebbe al conoscere la forma.
Vero e che il fondamento metafisico del valore della conoscenza dell universale e
la presenza di una forma nella realta materiale: ma cio non significa che conoscere l
universale sia astrarre la forma dalla materia.
Nella realta anche la forma e individua, quindi l astrazione si compie anche sulla
forma. La forma e individua come tutto cio che esiste.
8

Astrarre significa distinguere nello spirito cio che non e distinto nella natura.

TUTTI I NOSTRI CONCETTI SONO UNIVERSALI


- Tutti I nostri concetti sono universali, non abbiamo mai conoscenza perfettamente
adeguata dell individuale come individuale (anzi, come tale non l abbiamo mai)
altrimenti la nostra conoscenza non progredirebbe.
LA CONOSCENZA DEL SINGOLARE.
-

Noi conosciamo il singolare, ma sempre riferendo I nostri concetti ad un esperienza,


e se si tratta di enti corporei questa esperienza e sempre sensibile. L intelletto
conosce il singolare corporeo sempre indirettamente, convertendo se ad phantasmata.
Per dire questo libro devo aver coscienza che quel quid che io penso come uomo, e
quello stesso quid che intuisco sensibilmente, qui e ora. Per sapere questo debbo aver
coscienza che il mio concetto di libro deriva da questo qui.

MISURA E GRANDEZZA DELL INTELLETTO


-

Obiezione: se l intelletto non coglie mai il concreto, la conoscenza intellettiva e


inferiore a quella sensitiva: la facolta piu alta non dovrebbe essere l intelletto, ma l
erlebnis, l intuizione (Bergson, Nietzsche) o il coglimento di un un universale
concreto (Hegel, Croce).
Ma l intelletto e l unico modo che l uomo ha per elevarsi dal significato che le
cose hanno per lui, polarizzato attorno all utile-nocivo, al significato che le cose
hanno in se, per avere un sapere universalmente e necessariamente valido.
Va comunque lasciato il posto agli aspetti extra-teoretici della realta (arte, affetti ecc)

DAL PIU UNIVERSALE AL MENO UNIVERSALE


- L intelletto conosce prima il piu universale e poi il meno universale. Piu univerale
infatti significa piu indeterminato e noi cominciamo dai concetti piu indeterminati. L
universale e un tutto che contiene una pluralita e conoscerlo imperfettamente significa
conoscerlo confusamente. Nel processo si va poi dall indeterminato al determinato, dal
generico allo specifico.

DOVE L INTELLETTO SCOPRE L ESSERE.


-

il primo concetto del nostro intelletto e il concetto di essere, il concetto piu


universale di tutti. Mentre l oggetto proprio dell intelletto umano nella vita presente
e la quidditas rei materialis.

La prima tesi afferma che l intelletto umano si estende di diritto a tutto l essere, la
seconda che l intelletto umano coglie la prima volta l essere nelle cose materiali. Le
cose materiali sono I primi enti che l intelletto umano conosce.
L intelletto umano non conosce se non astraendo dalle immagini sensibili, il
contenuto delle sue nozioni l intelletto lo trae dalle immagini sensibili.

RIFERIBILITA DEL CONCETTO ALL IMMAGINE


-

L intelletto umano non puo pensare attualmente nessun oggetto senza rivolgersi all
immagine, infatti l oggetto proprio del nostro intelletto e la quidditas rei materialis e
tale quidditas si realizza solo in individui corporei che possono essere rappresentati
solo nell immagine sensibile. Il particolare lo si apprende sempre col senso e l
immaginazione
I nostri concetti debbono mantenere sempre una certa riferibilita all immagine.
Infatti oggetto proprio dell intelletto umano e la quidditas rei materialis e tale
quidditas non si realizza se non in individui corporei che possono essere rappresentati
solo nell immagine sensibile.

Capitolo quinto: le verita immediatamente evidenti.


1- La verita

il problema della verita riguarda le proposizioni. Finche si resta nel mondo dei
concetti si e al di qua del vero e del falso, perche non si afferma ancora nulla.

CONOSCIAMO DELLE VERITA

si tratta di contatare che di fatto conosciamo delle verita


ma porsi un problema significa gia di fatto possedere delle verita ed essere sicuri
di possederle (es. esiste una superficie bianca di fronte a me e una verita

VERITA DI FATTO E VERITA NECESSARIE

matters of facts-relation of ideas di Hume, o verita di fatto e verita di ragione di


Leibniz.
o Le verita di fatto affermano l esistenza di qualche cosa o determinano la
natura di una cosa esistente.
o Le verita di ragione affermano un rapporto fra concetti, essenze, senza
dire se questo rapporto e attuato in realta o no.
Come ci sono realta di fatto immediatamente evidenti, cosi ci sono verita
necessarie immediatamente evidenti, ad esempio il pdid o il pdnc.

CHE COSA E LA VERITA


10

Cosa vuol dire che una proposizione e vera? Che le cose stanno cosi come io
dico, che io esprimo come stanno le cose.
La verita e dunque l adeguazione della conoscenza alla realta
E perche diciamo che le cose stanno cosi? perche vediamo che stanno cosi.
Evidenza intrinseca. Non ci puo essere altro criterio primo e fondamentale di
verita
La verita e l evidenza sono dunque realta che non si possono negare senza con
cio stesso presupporle ed affermarle.

VERITA LOGICA ED ONTOLOGICA

Verita logica o della conoscenza e quella che interessa qui: si parla anche di
verita ontologica o delle cose.
L aspetto in comune e e di essere un rapporto intelletto-realta ma
o Nella verita logica l intelletto e misurato dalle cose (rapporto tra un
intelleto e una cosa che l intelletto scopre)
o Nella verita ontologica la cosa e misurata dall intelletto (rapporto tra
una cosa e l intelletto che presiede alla sua creazione)
o La verita logica inerisce alla conoscenza.

LA VERITA LOGICA E ESPRESSA SOLO DALL ENUNCIAZIONE

Non sempre chi conosce sa di adeguarsi alla realta, non sempre esprime con la
conoscenza questo suo adeguarsi
Quando si apprende semplicemente si e nella verita ma non si conosce la verita,
ossia non si esprime ancora con la conoscenza questo rapporto di adeguazione.
Solo nell enunciazione puo trovarsi propriamente la verita come conosciuta

LA CONOSCENZA DELLA VERITA SI HA SOLO NELLA RIFLESSIONE?

Si puo presentare una difficolta: se per conoscere la verita bisogna conoscere la


conformita tra intelligenza e reale allora per vedere la verita di un enunciazione
bisognera prima riflettere sull atto conoscitivo per sapere se esso e o no
conforme alla realta
Sarebbe cioe una posizione di relismo mediato, teoria che pone l autocoscienza a
fondamento di ogni concoscenza.
Ma questo non e possibile: non si conosce infatti prima la capacita della nostra
conoscenza di adeguarsi alle cose ma piuttosto, conoscendo la verita di un
eneunciazione, si constata in atto la nostra capacita di conoscere il vero.
L intelletto vede che la sua natura e fatta per conformarsi alle cose proprio
mentre vede che attualmente vi si conforma.

2- Verita di fatto
11

LE VERITA DI FATTO SONO ENUNCIAZIONI SINTETICHE A POSTERIORI.

Le verita di fatto suppongono l esistenza del soggetto della proposizione,


intendono riferisi ad un soggetto dato hic et nunc
In queste enunciazioni il nesso soggetto-predicato e dato nell esperienza
Tali enunciazioni sono dette da kant: giudizi sintetici a posteriori:
o Sintetici perche il predicato aggiunge qualche cosa alla nozione del
soggetto
o A posteriori perche l aggiunta e compiuta in nome di un dato di fatto , di
un esperienza.
La negazione di una verita di fatto non e contraddittoria (anche se anche un puro
fatto mentre e non puo non essere)

PRIORITA DELLE VERITA DI FATTO

Non possiamo affermare il valore delle verita necessarie se non dopo aver
affermato quello delle verita di fatto.
Io non assicurarmi infatti che un essenza appartenga alla realta se non
cogliendola in un fatto e quindi affermando l esistenza di un fatto.
Cio vale anche per le essenze in quanto possibili, poiche non possiamo sapere se
le essenze che mettiamo in relazione siano possibili prima di vederle realizzare in
un fatto. La non contraddizione infatti ci da solo il formale della possibilita ma
non mi da anche il materiale (che deriva sempre da un fatto)

VERITA DI FATTO E PERCEZIONE DELL ESISTENTE

Vediamo il fondamento delle verita di fatto


Anzitutto la necessita di giudicare dipende dal carattere astratto dei nostri
concetti, che ci impone di conoscere per successive sintesi, ossia giudicando.
Partiamo sempre dalla percezione di enti esistenti che non cogliamo
adeguatamente ma solo per aspetti che dobbiamo andare poi a ricomporre in un
unita
Il nostro primo giudizio e questo e
Tommaso: dobbiamo distinguere nel giudizio due momenti
o Le sintesi dei termini
o L assenso dato a questa sintesi (ritorno sulla sintesi dei termini)
La sintesi e qualcosa di artificioso nel senso che e lo sfaccettamento in piu
concetti di qualcosa che in se e uno.
Dobbiamo poi sempre confrontare la nostra sintesi con la percezione da cui siamo
partiti e con l essenza che abbiamo analizzato.

IL GIUDIZIO DI ESISTENZA

12

Ma questo provare la sintesi dei termini non sarebbe possibile se non partissimo
dalla percezione di una realta esistente, se la conoscenza dell esistente concreto
non fosse anteriore al giudizio.
Nella percezione di un ente e gia implicito il giudizio di esistenza.
L esitente reale e sperimentato da noi immediatamentee dall esistente percepito
concretamente estraiamo il concetto di esistenza.
L esistente e sempre colto da noi in concreto: per questo non ha senso il
problema: come possiamo conoscere l esistenza se i nostri concetti esprimo solo
essenze e che non possono essere i sensi a rivelarci l esistenza.
Quando poi vogliamo esprimere concettualmente questo coglimento concreto
allore traiamo il concetto di esistenza.
Non si sente l esistenza in astratto ma si sente l esistente.
Noi possediamo la facolta di scoprire l essere delle cose cosi come abbiamo la
facolta di coglere la luminosita e i colori.
Noi percepiamo l esistente: quando vogliamo chiarire cosa esso sia dobbiamo
esprimerci con concetti astratti.

3- Verita necessarie
PASSAGGIO DALLE VERITA DI FATTO ALLE VERITA NECESSARIE

Come si passa dalle verita di fatto alle verita necessarie?


Con una intuizione astrattiva noi cogliamo significati che prescindono dal loro
modo di attuarsi, cogliamo delle essenze che possono essere universalizzate.
Tutto cio che attribuiamo non ad un soggetto individuo hic et nunc esistente ma
ad una essenza le e attribuito necessariamente ed universalmente.
Le proposizioni che hanno per soggetto un essenza sono dunque necessarie ed
universali. Necssarie perche se il predicato compete all essenza del soggetto non
potra esserci quel soggetto senza quel predicato.

L APRIORI ASTRATTIVO ALLA BASE DELLA NECESSITA E UNIVERSALITA

Ma donde nasce questa necessita? dal fatto che io prescindo da cio che nel
soggetto puo essere o non essere, essere cosi o altrimenti, cosi come l
universalita nasce dal fatto che io prescindo da quello per cui il soggetto e
questo qui e non altro.
Cio che compete al soggetto considerato come individuo, in cio che ha di
irripetibile compete ad esso solo.
Cio che invece gli compete in quanto ha una certa essenza competera anche a
tutti gli altri individui nei quali si realizza la medesima essenza.
All origine dell apriori sta l astrazione, cio che l intelletto mette di suo all
oggetto di conoscenza e l universalita.

LE VERITA NECESSARIE SONO PROPOSIONI ANALITICHE

13

Come e possibile conoscere un nesso fra essenze?


Logicamente il nesso si manifesta come essenziale, e non mero fatto, quando la
negazione del predicato porta con se anche la negazione del soggetto, ossia
quando non e possibile affermare il soggetto e negargli quel predicato senza
contraddirsi.
Kant chiama queste verita giudizi analitici: ma per lui se il predicato e identico
al soggetto allore siamo in una mera tautologia
Rispondiamo: certo nei giudizi analitici il predicato e realmente identico al
soggetto ma la nozione del predicato non e identica a quella del soggetto.
Kant nel suo concetto di giudizio analitico salda assieme due concetti che non
sono necessariamente legati:
o Tale che la sua negazione e contadditoria
o Puramente tautologico

LE VERITA NECESSARIE SONO A-PRIORI

Le verita necessarie sono a priori nel senso che il nesso tra soggetto e predicato e
visto a-priori, cioe indipendentemente dall esperienza, mentre i termini, ossia le
nozioni del sogg e pred mi son sempre date nell esperienza.
Una semplice ripetizione di fatti non mi dara mai proposizioni necessarie ed
universali.

DIFFERENZA TRA SCOLASTICA ED EMPIRISMO

Differenza tra empirismo e scolastica nell affermazione tutta la nostra


conoscenza deriva dall esperieza.
Per l empirismo tutte le proposizioni universali non sono altro che
generalizzazioni di esperienze
Per la scolastica le proposizioni universali derivano dall esperienza perche da
essa derivano tutte le nozioni ma per pronunciare una prop univ dobbiamo astrarre
una nozione universale.

14