Sei sulla pagina 1di 12

NEXUS NUMERO 82

SETTEMBRE-OTTOBRE 2012

Informazioni sull'autore
Hlne Hodac un giornalista professionista per dieci anni, specializzata in salute e
nutrizione. Seguace di un approccio sistemico o di un approccio olistico alla
medicina, esplora per se pratiche energetiche e la medicina non convenzionale.



DENTI DEVITALIZZATI: VELENI IN BOCCA



Da tempo, niente di pi normale che avere alcuni denti devitalizzati. Attraverso
questa pratica, il sorriso al sicuro, ma forse non la salute. Si pensa che sempre pi dentisti,
tra cui l'attuale olistica , auspicano una estrazione razionale o sistematica.


In Francia, la devitalizzazione un atto banale che ha il grande vantaggio di evitare la
perdita dei denti e le sue conseguenze (destabilizzazione di allentamento bocca, riduzione
della massa ossea, ecc.), preserve la masticazzione e non lascia un buco sgradevole. La
tecnica non sarebbe tuttavia cos banale come si potrebbe far credere. Sarebbe infatti
problemi di salute a lungo termine cos gravi che i nostri vicini tedeschi, i precursori e motori
dodontoiatria olistica, sono favorevoli in alcuni casi al sradicamento vero e proprio,
seguendo cos le raccomandazioni di chimici, tossicologi e medici che hanno esaminato la
questione.
Su quali basi si portano a questa pratica che pu sembrare a prima vista un po
radicale, se non arcaica ? Cosa dobbiamo sapere che non sa (ancora) la maggior parte dei
nostri dentisti per fare scelte informate in merito al trattamento odontoiatrico meno
invalidante per la nostra salute ?
1

Il dente un organo vivente, vascolarizzato e innervato. Il dente devitalizzato un
dente morto. Tra i due, c' stato un irreversibile lesione della polpa (la polpa contiene nervo
e vasi sanguigni del dente), sia di origine infiammatoria o infettiva.
In tutti i casi, il nervo lesionato, e un nervo non pu essere riparato. Rimasto
invariato, la mortificazione del nervo progredisce e pu finire in cancrena. In medicina, per
tuttaltro organe che i denti, lamputazione viene eseguita. Tuttavia, i dentisti offrono un
backup alternativo del dente : la devitalizzazione o cura canalare.
Questo trattamento inizia con un anestesia locale. Poi il dentista "apre" la camera
pulpare, quindi pulisce, disinfetta ed ottura ogni radice del dente. Tale chiusura deve
raggiungere le punte delle radici per evitare problemi infettivi.

TEORIA DEL INFEZIONE FOCALE : IL RITORNO
Una infezione focale (latino Infectus, infettare, e focus, focolaio) caratterizzato dal
fatto che i microrganismi responsabili della malattia rimangono confinati in un tessuto o
organo, qu il dente devitalizzato e producono tossine che passano per il sangue, e migrano
in tutto il corpo.
Per alcuni, i denti devitalizzati sono un serbatoio enorme di germi pericolosi che sono
la causa di molti problemi di salute. Questa teoria non nuova in quanto stato
documentato gli studi dei primi del ventesimo secolo. Durante questo periodo, non si esitava
a sradicare se si sospettava un'infezione locale o remota. Questa pratica continu fino agli
anni cinquanta.
L'uso di penicillina per la cura dentale dal 1945-1947, l'evoluzione delle tecniche
endodontiche, dei prodotti anestetici e di otturazione cambiarono gradualmente lapproccio
dei medici verso i denti devitalizzati. Oggi, la posizione quasi egemonica su questo
argomento un trattamento canalare fatto bene, radio retro alveolare di controllo, pu
essere considerato completamente affidabile. Resta inteso che il rischio di infezione e di
disturbi patologici distanza assolutamente esclusa.
I progressi scientifici degli ultimi anni in materia di identificazione microbiologica, che
consente di tracciare i batteri bucco-dentari, hanno rinnovato l'interesse nelle infezioni
focali. Diversi studi recenti hanno dimostrato che alcune malattie sistemiche hanno la loro
origine nei batteri bucco-dentari. Concretamente, ci significa che possibile trovare in un
ginocchio malato microrganismi di cui il focale origina nella cavit boccale. La letteratura
scientifica (1) abbonda nel correlare la malattia sistemica e infezione dentale. Pertanto, non
possiamo fare a meno di due domande : che cosa ne della presenza di batteri nei canali
dentinali dei denti devitalizzati, delletossine prodotte da questi batteri (endotossine) e della
gravit dei disturbi che possono provocare ? Si dovesse assumere che la maggior parte, se
non tutti i denti devitalizzati sono denti infettati ?



2

SERBATOI DI BATTERI
Contrariamente alla teoria prevalente, scienziati abbastanza bene laureati come il
Prof. Boyd Haley, direttore del Dipartimento di Biochimica, Universit del Kentucky, il dottor
George Meinig, fondatore della Societ Americana di Endodonzia specialista della
devitalizzazione dentaria, o Pierre-J ean Garel, biologo, dottore s scienze, direttore di
ricerca al CNRS e professore onorario di Genetica Molecolare presso l'Universit Blaise
Pascal, Clermont-Ferrand, tengono tutti un discorso chiaro sulla tossicit dei denti
devitalizzati. Per loro, questi denti morti non sono altro che serbatoi batteri, fonti di veleno.
Lavviso di Pierre-J ean Garel definitivo: Anche se i materiali endodontici hanno
fatto enormi progressi, non siamo ancora in grado di sterilizzare la dentina ed i canali
secondari e accessori. Tuttavia, il dente devitalizzato un organo morto che ospita una
moltitudine di batteri che avvelenano lentamente il corpo distillando tossine.
Le ricerche del Prof. Boyd Haley (2) confermano anche gli effetti devastanti delle
tossine emesse dai denti devitalizzati. Inoltre, egli dice, quando il dente devitalizzato
comprende inoltre l'amalgama dentale, i batteri anaerobici del dente devitalizzato
trasformano il mercurio delamalgama in dimetilsulfuro mercurio, che un terribile veleno.
Per tutti gli scienziati che hanno studiato questo problema, non vi dubbio che la
tossicit al minimo sotto jacente se non necessariamente patente.

CASI DI REMISSIONE DEL CANCRO
Resta da chiedersi in quale momento questa tossicit pu essere pericolosa. Un
dente devitalizzato sarebbe immediatamente tossico o se ne modifica la patogenesi nel
corso del tempo, rovinando il sistema immunitario attraverso una micro diffusione di germi
che causano crisi infiammatorie croniche, evoluzione in malattia (pi o meno) grave ? I
partigiani dello sradicamento sistematico, soprattutto in Svizzera e in Germania, hanno
riportato esperienze cliniche dimostrando un significativo miglioramento dello stato di salute
dei pazienti che hanno seguito i loro consigli.
Allo stesso modo, alcune cliniche specializzate nel trattamento del cancro annunciato
tassi di recidiva molto pi bassi che altrove. Dr. Issels (3), oncologo tedesco ora deceduto,
considerava l'estrazione del dente devitalizzato come elemento essenziale del trattamento,
ed otteneva tassi di remissione ben al di sopra della media. Medici Tapparo (4) e Lechner (5)
sostengono la stessa linea terapeutica.
I medici che sostengono la moderazione preferiscono agire caso per caso, valutando
ogni dente devitalizzato e sradicando solo quelle che rivelano agenti patogeni al momento
della prova.

Hlne Hodac

3

1. - Debelian et al., (1994), Systemic diseases caused by oral microorganisms , Endod.
Dent. Traumatol., 10:57-65.
2. - Xiaojing Li, Kristin M. Kolltveit, Leif Tronstad, Ingar Olsen, Systemic Diseases Caused
by Oral Infection , Clin. Microbiol. Rev., oct. 2000, vol. 13, n 4, p. 547-558.
- Debelian et al. (1998). Anaerobic bacteremia and fungemia in patients under going
endodontic therapy: an overview , Ann. Periodontol. 3:281-287).
2. Le professeur de biochimie Boyd Haley (universit du Kentucky, Etats-Unis) a analys, in
vitro, les effets de toxines mises par des dents dvitalises, mme lorsque ces dernires ne
prsentent aucun signe clinique ou radiologique d'infection. C'est ainsi qu'il a dcouvert que
ces toxines dtriorent notamment les enzymes qui synthtisent l'ATP (l'adnosine
triphosphate), un lment essentiel au fonctionnement nergtique de la cellule.
3. Son site: www.issels.com.
Le texte concernant les dents dvitalises :
http://www.issels.com/publications/FocusOnFoci.aspx
Et sa traduction en franais: http://michel.raynaud.pagesperso-orange.fr
4. http://www.tapparo.com
5. www.dr-Lechner.de et www.totezaehne.de






DENTI SANI OPPURE INFETTATI : COME FAI A SAPERLO ?
In odontoiatria classica, la radio perialveolare l'unico strumento di valutazione
riconosciuto di dente devitalizzato : d una valutazione visiva e solo visiva. Tuttavia, questo
chiaramente insufficiente (1). Denti sani su una radio perialveolare o panoramica rivelono
spesso, dopo l'estrazione, cellule infiammatorie, granulomi, cisti e batteri. Dentisti olistici (2)
utilizzano spesso per rilevare perturbazioni fisiologiche di focali dentari, test bioenergetico o
di kinesiologia come polso di Nogier, prova del riflesso braccio teso, prova SkaSys
computer-assistita, Mora, Vega, ecc. Metodi diagnostici che fanno, ovviamente, non parte
dell'arsenale convenzionale. Tuttavia, vi un test semi-quantitativo, chiamato Oro Tox (3),
che ha recentemente ricevuto l'approvazione europea.
Si evidenzia la presenza di tossine dentali dai denti devitalizzati. Questo test
intrabuccale stato sviluppato dal professor B. Haley. Esso fornisce un semi-misura
4

quantitativa di solfuro di idrogeno (H2S), un composto chimico prodotto dai batteri anaerobici
nella cavit orale, un test semplice da implementare :
. Per un minuto, si lascia una punta di carta nel solco (alla giunzione del dente e la gengiva)
in modo da assorbire le tossine,
. Poi immergere la carta in una fiala contenente un liquido indicatore,
. Dopo 5 min, l'intensit del liquido viene confrontata con una tabella. Pi il liquido scuro,
pi ci stanno tossine.
Ci vogliono 40 a 60 per dente testato.

1. Green et 01., (1997). Radiographic and histologic periapical findings of root canal
treated teeth in cadaver , OrolSurg. Oral Med. Oral Pathol. Oral Radio/. Endod. 83:707-711.
Su 19 radice esaminate, 5 soltanto non mostravano alcune singolarit radiologica, ma
presentavano segni infiammatori allesame istologico.
Brisman, Brisman and Moses (2001). J ADA 132:191-195.
Questi studi rimettono in causa la fiabilit dei soli diagnosi radiologici per giudicare
dellinocuit dei denti devitalizzati.
2. Per trovare un dentista olistico: association Odenth.
3. www.orotox.de






TESTIMONIANZA: MI SON FATTO ESTRARRE TUTTI I MIEI DENTI DEVITALIZZATI
RENAUD ROUSSEL, E IN GRADO DI SPIEGARE PERCHE E COME SEI ARRIVATO A
QUESTA DECISIONE ?
Si tratta di un percorso ad ostacoli che si sviluppa su molti anni, sono stato le
infezioni ORL ricorrenti e ho avuto quasi tutti gli interventi possibili per questa zona :
adenoidi, del seno nasale, setto nasale, tonsille ... E nonostante tutto questo, infezioni
perduravano e si amplificavano,
Sei anni fa, ero sempre sotto antibiotici, stanco, e dimezzato ... Vorrei sottolineare
che io non fumo, lavoro nel mondo dello sport, che sto attento al il mio stile di vita e alla mia
dieta. Paglia !
5

Ho cominciato ad avere sospetti sulle otturazioni contenenti mercurio, anche se tutti i
dentisti avevano giurato loro di che non aveva niente a che fare.
In seguito a varie letture, ho contattato un medico di medicina generale che faceva la
disintossicazione da metalli pesanti, ma alla fine si suicid sotto la pressione ... ho continuato
ad documentarmi in tossicologia, ho partecipato a conferenze.
Questo ci che mi ha permesso di conoscere il lavoro del Dr. Tapparo, un
tossicologo e riconosciuto dentista tedesco. Cos l'ho contattato e gli invi una radio
panoramica.
Fin dall'inizio, mi ha detto: C una combinazione di problemi : ha 11 amalgame di
mercurio, il che suggerisce, da un lato, intossicazione al mercurio dannoso per l'organismo ;
che confermeremo con i test. Ma c' un altro problema: ha denti devitalizzati con ossa
putrefatti che necessariamente producono tossine nel corpo.
Sono andato a Monaco di Baviera, e ho fatto di tutto una batteria di test (sangue, urine, feci,
saliva, flora intestinale ...), che ha mostrato sia avvelenamento da mercurio e tossine
emesse da denti devitalizzati. In un primo momento, hanno effettuato una rimozione di
amalgama in un protocollo di sicurezza per evitare la dispersione del mercurio. La regola
aspettare 3 mesi per permettere al sistema immunitario di recuperare. Per miei 6 denti
devitalizzati: data la mia forma fisica e tenendo conto del fatto che venivo da lontano, mi
stato proposto di estrarre prima 4, quindi 2 in seguito. Ho insistito sul fatto che tutte le
estrazioni vengono eseguite in una sola volta.
Dopo un tempo di guarigione (3 settimane - 1 mese), si proceduto con
l'installazione di ponte sui denti vitali, ne ho tre, alcuni su dei buchi di pi denti. In
parallela Dr. Tapparo mi ha prescritto trattamenti chelanti di metalli pesanti, per via
endovenosa per ripristinare il sistema immunitario, probiotici per ricostituire la flora
intestinale. Questi sono i protocolli a base di vitamine, minerali e molecole naturali che ha
sviluppato con oncologi nella gestione dei pazienti affetti da cancro.

QUANTO E STATO IL COSTO DELL'OPERAZIONE?
Circa 20.000, una somma sostanzialmente simile a quello che avrei erogato in
Francia, con la differenza che non viene rimborsato.

QUALI RISULTATI AVETE RISCONTRATO ?
Ha cambiato la mia vita. Non ho mai pi fatto infezione otorine n preso un antibiotico
da 6 anni, mentre me ne prescrivevano almeno una volta al mese. Ho avuto intolleranze
alimentari che non ho pi, e vedo la mia salute migliorando di anno in anno.
Il risultato cos evidente che mi rallegro tutti i giorni di aver cacciato tutti questi
veleni del mio corpo. Si noti che i medici e gli specialisti che ho visto in Francia mi dicevano:
Signor Roussel, si in perfetta salute, tutto nella sua testa.

6






CON COSA SOSTITUIRLI ?

PER CONCILIARE L'ESTETICA E LA SALUTE, CI SONO SOLUZIONI.
VANTAGGI E SVANTAGGI.

Siamo chiari : non esiste una soluzione ideale. Garantire l'occlusione, la
masticazione, la comodit, la sostenibilit, la sicurezza e l'estetica con la sostituzione dei
denti non un compito facile. Dovrebbe essere preso in considerazione : il numero di denti
mancanti, la loro ubicazione, la qualit dei denti rimanenti e del osso in caso di impianti, le
eventuali incompatibilit con materiali gi in bocca, costo, ecc. Inoltre, come ogni praticante
difende la sua convinzione che dipendono della sua formazione, delle sue credenze e del
suo senso degli affari, la decisione diventa rapidamente Corneliana.

PROTESI MOBILE : non molto glamour , non necessariamente hanno il vento in
poppa. Eppure il miglior rapporto qualit / prezzo. E, soprattutto, il metodo meno
invasivo. Per il Dr. J ean-Pierre Garel, rappresenta la soluzione di ricostituzione nel modo
pi semplice e pi sicuro per la salute. Esistono oggi sistemi che permettono di avere ganci
in plastica bianca, molto forte (dentale sistema D), dal colore del dente, che non hanno
l'effetto di usura e linestetismo dei ganci metallici.


IL PONTE SU DENTI VIVI : permette di sostituire uno o pi denti, costruendo sui denti
adiacenti che si ridurranno per mettere una corona (su dente vivo). Questo ancora una
brutalit imposta a due denti sani. concepibile, tuttavia, meglio sui denti che hanno gi
subito un trattamento conservativo (otturazioni, per esempio). Dr. Hubert Kloos (vedi sotto)
ritiene che se i denti pilastro sono esenti da qualsiasi trattamento, meglio non toccarli, e
prendere in considerazione gli impianti. Per ponti, deve tener conto dei materiali utilizzati :
completamente biocompatibile ai sensi della medicina olistica, cio compreso senza metallo
(generatore di campi di disturbo), ma dunque pi fragile.

7

L'IMPIANTO : spesso considerato la Rolls Royce del dente mancante, rimane una
soluzione molto invasiva (in quanto avvitato e lavorato nelle ossa), la cui sostenibilit non
garantita. La tecnica molto delicata. In Francia, abbiamo impostato per lo pi impianti in
titanio. I dentisti olistici sottolineano che il titanio pu causare rigetto. I stomatologi classici gli
rispondano che con titanio puro, il problema della biocompatibilit molto marginale.
Soluzione "zirconio" (ossido di zirconio), dalla Germania, molto apprezzato per quanto
riguarda la biocompatibilit, ma il risultato pi fragile ci sono rischi di frattura minime .







INTERVISTA
DR. KLOOS HUBERT: SONO CONTRO ESTRAZIONI SISTEMATICA

Molti operatori olistici sostenitori del sradicamento di un dente devitalizzato non hanno voluto
parlare di questo argomento per evitare di essere nel mirino del loro Consiglio delOrdine. Dr.
Hubert Kloos, dentista, rappresentante in Francia del associazione tedesca GZM
(Associazione Internazionale di Odontoiatria olistica) (1), ha accettato di condividere con noi
la sua esperienza.

NEXUS: DR. KLOOS, PROFESSI LE DEVITALIZZAZIONE ?
Dr. Hubert Kloos: No, non ho mai ucciso un dente vivo, e non faccio pi di
trattamento endodontico da oltre dieci anni. Pratico, in caso di emergenza, un trattamento
canalare temporaneo in modo che il paziente non soffre pi, poi, secondo la sua richiesta, lo
rivolgo ad un dentista specializzato in endodonzia, che esegue il trattamento definitivo, se la
volont del paziente va in questa direzione.

PERCHE ? LA DISINFEZIONE DEL SISTEMA C ANALARE E DIFFICILE, SE NON
IMPOSSIBILE ?
Il canale centrale di una radice del dente sempre circondato da diversi milioni di
tubuli dentinali in tre dimensioni che favoriscono l'infiltrazione di batteri e funghi. La
sterilizzazione del canale radicolare non pu mai avvenire in quanto il diametro dei canali
laterali e tubuli dentinali troppo piccola per i nostri strumenti. Irrigazione con soluzioni
8

disinfettanti non pi efficiente : test in vitro hanno dimostrato che, nonostante la migliore
disinfezione, pi del 50% della dentina esaminata rimaneva infettata.
D'altra parte, vi il problema dei radici e la loro otturazione. Molti denti non sono nella
norma , sia per la loro anatomia, il numero di radici, il numero di canali per radice, ecc. Il
trattamento legalmente un successo quando un canale per radice bloccato - tre canali
per molari - ma in pratica, si potrebbe scoprire che i canini, il secondo premolare, le radice
radici mesio-buccali dei molari superiori e la radice mesiale di molari inferiori hanno un
canale supplementare. Un esempio: dal 1998, scientificamente provato che il 90% dei
molari superiori hanno un quarto canale nella radice mesio-buccale. Ma finora, lodontoiatria
ufficiale ritiene che tale molare adeguatamente trattata, se tre canali sono chiusi. Non
quindi irragionevole supporre che il 90% dei molari devitalizzati sono portatori massici di
batteri e di tossine, anche se sembrano perfettamente sigillate e che il controllo radiologico
soddisfacente. Inoltre, a seconda della posizione delle radici (ed i loro canalii), quelli che
saranno uno dietro l'altro non sono sempre visibile sulla radiografia, che fornisce solo una
visione sagittale. Tutte queste ragioni mi confermano che la sterilizzazione totale dei denti
devitalizzati impossibile.

I GERMI COINVOLTI NELLA INFEZIONE FOCALE SONO BEN IDENTIFICATI?
S, consciamo i batteri e le tossine emesse da questi batteri. Tuttavia, il loro trasporto
su un sito remoto contestato. Alcuni autori dicono che c trasporto dal dente verso un
organo attraverso la circolazione, altri credono che lorgano sensibile produce se stesso i
batteri attraverso una trasmissione di dati. Da parte mia, tendo verso quest'ultimo caso,
come concepisco i denti come parte di un sistema globale di informazioni di energia.

COME SI PUO ESSERE SICURO CHE UNA MALATTIA E CAUSATA DA UN DENTE
DEVITALIZZATO E NON DA UNA PARODONTOLOGIA, PLACC A DENTALE O
INFIAMMAZIONE DELLE TONSILLE ?
Non si pu essere sicuri ! E solo quando il dente devitalizzato stato rimosso, le ossa
pulito, disinfettato la zona e il sintomo a distanza scomparve che si pu dire il dente
responsabile. Ma ci sono altri fattori : l'intero sistema immunitario e reazioni energetiche
come sono intesi in agopuntura cinese. Ciascun dente parte di un sistema collegato
attraverso i meridiani in cui circolano flussi informativi.
Un esempio: se un incisivo a un acesso, un organo appartenente allo stesso
meridiano - la vescica, per esempio - pu anche ammalarsi e causare cistite. Questo non il
dente che invia i batteri, ma l'energia di comunicazione, laquale funziona anche nella
direzione opposta, dalorgano al dente. Lo stress ed i stati emotivi hanno una grande
influenza in questo processo.


9

IN PRATICA, NELLO STUDIO, COME SI FA A PROCEDERE CON UN PAZIENTE CHE HA
DEVITALIZZATO I DENTI ? COME SI FA AD ARBITRARE I FATTORI BENEFICI / RISCHI ?
Io sono contro le estrazioni sistematiche. Provo la patogenesi di ogni dente
devitalizzato con la kinesiologia, ma senza sforzo, con test braccio teso, una equivalente
interpretazione pi facile del pulso di Nogier, che fornisce una risposta inconscia del corpo
ad uno stimolo esterno. Completo con la prova Oro Tox per dimostrare la presenza di
tossine nel dente devitalizzato quando lo richiede il paziente.
Mi propongo di estrarre un dente quando mi sono convinto che il dente patogeno e
che ne derivano problemi di salute. Lascio sempre al paziente il tempo di riflettere prima
dell'estrazione.

COME SI SPIEGA CHE, NELLO STESSO PAZIENTE, ALCUNI DENTI POSSONO ESSERE
PATOGENI ED ALTRI NO, SAPENDO CHE IL SISTEMA IMMUNITARIO, CHE E
PREDOMINANTE NELL ESPRESSIONE DI UNA PATOLOGIA A DISTANZA E LO STESSO ?
In un paziente, quello che determinano la patogenesi di un dente piuttosto che un
altro il sistema informativo energetico del dente in questione e la sua capacit di gestire lo
stress e lemotivo.
Per esempio, durante gli esami di maturit, ho ogni giorno un giovane uomo che
viene con un ascesso sul dente del giudizio o un mal di denti. Il dente del giudizio
emotivamente correlato allorgano dei stress dei progetti in realizzazione. Denti del giudizio
sono da collegare anche allorgano cuore, come previsto dal energetica cinese. E lo stesso
meridiano energetico. Una forte emozione, male digerita pu risvegliare questi denti
reactogeni prima di riflettere sul cuore.

LA PAROLA FINALE ?
Primum non nocere: Mai nocere. Questo vero a tutti i livelli della vita, e per ogni
individuo, ogni paziente ed il medico o il dentista.

Intervista a cura di Hlne Hodac

1. le docteur Kloos a traduit de nombreux textes sur des recherches cliniques effectues en
Allemagne, notamment celles du Dr Lechner.
2. Vahdaty et al., Endod. Dent. Traumatol., 1993.



10





INTERVISTA
DR. GERARD DUPEYRAT : DOBBIAMO AGIRE CASO PER CASO
Medico stomatologo, ex addetto negli ospedali di Parigi, il dottor Grard Dupeyrat membro
della Societ Francese di Chirurgia Maxillo-Facciale e l'Accademia Americana di
Osteointegrazione.

NEXUS : PUO SPIEGARE PERCHE I TRATTAMENTI DENTALI SONO FONTI DI INFEZIONE
A BADA ?
Gerard Dupeyrat: la sfera buccale conosciuta per essere un focale infezioso
particolarmente sensibili : attraversata da germi estremamente numerose e varie. Sono pi
numerosi che nel retto. Inoltre, come le gengive e l'osso alveolare sono tra le parti pi
vascolarizzati - e microvascolarizzati - dallorganismo, il rischio da l, per vedere un infezione
diffondersi in tutto il corpo importante. Il rischio di infezione focale viene preso in
considerazione prima cardiochirurgia o chirurgia ortopedica, poich in questi casi, un
controllo dentale necessario prima dell'intervento. Particolare attenzione deve essere
prestata ai denti devitalizzati, come una superinfezione pu avere conseguenze
drammatiche.

QUALI SONO GLI ORGANI BERSAGLIO ?
Posson essere il polmone, il cuore, la pelle, i reni, le articolazioni, il cervello, gli
occhi ... tutti gli organi sono interessati. La discussione vera e propria non quindi chiedersi
se la teoria di infezione focale ancora valida, ma prendere in considerazione, per ogni
paziente, qual il suo rischio particolare. Si dovrebbe comprendere che un paziente
sano con un buon sistema immunitario, le conseguenze non sono le stesse per un
paziente con una malattia.

SUI DENTI DEVITALIZZATI, QUAL E LA VOSTRA POSIZIONE ?
Un dente devitalizzato, quando gestito molto bene - che non sempre il caso, di
gran lunga ! - normalmente non rischia infezione focale. Ma complicato, perch l'infezione
pu evolvere sottofondo. , per esempio, altrettanto possibile che una radice sia, prima della
devitalizzazione, parzialmente colonizzata da batteri, senza dimostrare sintomi clinici o
radiografici. Una volta il dente devitalizzato, i batteri in situ continueranno a passare
inosservati, a svilupparsi, a diffondersi ed a causare un problema all'organo bersaglio.
Questo raro, perch la saliva svolge un ruolo protettivo. Il problema cruciale che i denti
11

sono un labirinto di canali, e che dopo 30-35 anni, ci sono poche persone che non hanno
uno o pi denti devitalizzati e problemi di salute pi o meno installati.

CHE COSA SI DEVE FARE ?
Essa deve agire caso per caso, ed adottare un attitudine ragionevole e raggionata.
Non si pu paragonare una infezione focale che provoca una bronchite cronica con una che
degenera in endocardite batterica. Per lintervento di una protesi dell'anca o del ginocchio,
successo a me estrarre tutti i denti devitalizzati, compresi quelli che stanno bene. Dobbiamo
capire che per IL dente devitalizzato trattato bene, e insisto sul trattato bene , la decisione
terapeutica di rimuovere o non risulta nella valutazione del rapporto rischio / beneficio e
deve essere considerato in relazione con il paziente, il chirurgo o oncologo. Tuttavia, se il
dente viene trattata male, non c' esitazione ad avere: deve essere sradicato.

PERCHE I DENTISTI SONO SPESSO RILUTTANTI A CHIEDERE LORO CORONE SU DENTI
VITALI ?
S, questa tradizione di devitalizzazione poiche i pazienti siano rimborsare
scandalosa. Una corona su dente vivo perfettamente possibile, ma comporta un rischio di
mortificazione in un periodo di 1-2 anni, con lo sviluppo di batteri anaerobici e la formazione
di granulomi e cisti, se il trattamento stato fatto troppo vicino al nervo. Ma quando si
lontani dalla camera pulpare, completamente assurdo devitalizzare. Ma oggi, prendere
tempo non l'andamento.


Intervista a cura di Hlne Hodac

Magazine NEXUS - Chantegrel - 24580 Fleurac - FRANCE *Informazioni - tl: 05 53 03 45
09
email: librairie@nexus.fr - site web: www.nexus.fr


12