Sei sulla pagina 1di 17

Corso Integrato di Fisiologia Umana

Fisiologia del Sistema Nervoso


Organizzazione generale dei sistemi motori

G. Cibelli, 2008

Anno Accademico 2007-2008

Organizzazione dei sistemi motori


I sistemi motori controllano movimenti finalizzati a un determinato scopo I movimenti consistono in un insieme pi o meno complesso di contrazioni/rilasciamenti muscolari coordinati Ciascun individuo nel corso della sua vita acquisisce e memorizza molte informazioni nuove, apprese con lesercizio I movimenti sono programmati dal sistema motorio centrale e sono eseguiti dal sistema motorio periferico
G. Cibelli, 2008

Anno Accademico 2007-2008

Equivalenza motoria
(D. Hebb) Lelaborazione delle informazioni sensoriali determina la rappresentazione interna del mondo esterno e delle condizioni in cui si trova il corpo Lelaborazione delle informazioni da parte dei sistemi motori comincia con la rappresentazione interna dei risultati che si intende conseguire con il movimento

G. Cibelli, 2008

Anno Accademico 2007-2008

Psicofisica sensoriale e psicofisica del movimento


Qualit Intensit Localizzazione Durata Frequenza di scarica Reclutamento Accuratezza del movimento Velocit
G. Cibelli, 2008

Anno Accademico 2007-2008

Organizzazione gerarchica
I centri di controllo superiori, localizzati nella corteccia cerebrale, elaborano gli aspetti pi astratti e complessi dei comandi motori I centri corticali sono connessi in maniera reciproca con centri sottocorticali (nuclei della base e cervelletto) e inviano segnali di comando agli interneuroni spinali e ai motoneuroni del tronco cerebrale e del midollo spinale

G. Cibelli, 2008

Anno Accademico 2007-2008

Vie discendenti

G. Cibelli, 2008

Anno Accademico 2007-2008

Livelli organizzativi
Lorganizzazione gerarchica seriale consiste nel fatto che circuiti nervosi, di complessit crescente, sono in grado di elaborare rappresentazioni del movimento, progressivamente pi complesse e astratte Lorganizzazione gerarchica in parallelo si affianca alla precedente attraverso circuiti, relativamente indipendenti, che contribuiscono ad aspetti differenti di una determinata azione

G. Cibelli, 2008

Anno Accademico 2007-2008

Il midollo spinale

I circuiti spinali elaborano informazioni sensoriali, provenienti dalla cute, muscoli e articolazioni, dando origine a risposte riflesse, ma anche a schemi motori pi complessi (generatori di pattern motori).
G. Cibelli, 2008

Anno Accademico 2007-2008

Innervazione motoria e sensoriale del muscolo

G. Cibelli, 2008

Anno Accademico 2007-2008

Riflesso spinale monosinaptico e riflesso transcorticale

G. Cibelli, 2008

Anno Accademico 2007-2008

10

Riflessi spinali segmentali

G. Cibelli, 2008

Anno Accademico 2007-2008

11

Il troncoencefalo
Vie mediali Vie laterali
Nel troncoencefalo sono presenti generatori centrali di pattern motori, responsabili dei movimenti ritmici della respirazione e della masticazione Regolazione della postura e dei movimenti finalizzati Sistema reticolo-spinale Sistema vestibolo-spinale Sistema rubro-spinale I circuiti neuronali del tronco encefalo sono controllati dalla corteccia cerebrale, dal cervelleto e dai nuclei della base

G. Cibelli, 2008

Anno Accademico 2007-2008

12

Il cervelletto
Le porzioni mediali partecipano al controllo della postura e della locomozione, modulando lattivit dei sistemi reticolo-spinale e vestibolo-spinale Le porzioni laterali sono connesse, in maniera reciproca, con la corteccia cerebrale e presiedono ad aspetti che riguardano la pianificazione e il controllo anticipatorio del movimento

G. Cibelli, 2008

Anno Accademico 2007-2008

13

I nuclei della base


Connessi in maniera reciproca con le aree motorie della corteccia cerebrale e del troncoencefalo Possono aumentare leccitabilit corticale e delle strutture troncoencefaliche, favorendo lattivit motoria (via diretta) Riducono leccitabilit, sopprimendo lattivit motoria (via indiretta)

G. Cibelli, 2008

Anno Accademico 2007-2008

14

Corteccia cerebrale
Tratto corticospinale laterale Tratto corticospinale mediale

Larea motoria primaria codifica differenti parametri del movimento (direzione, velocit, forza) Le aree motorie non primarie (area premotorie, aree motorie supplementari e del cingolo)

G. Cibelli, 2008

Anno Accademico 2007-2008

15

Il controllo dei movimenti


Movimenti riflessi:
Riflesso da stiramento Riflesso flessore (nocicettivo) Riflesso vestibolo-oculare

Movimenti volontari

G. Cibelli, 2008

Anno Accademico 2007-2008

16

Lanticipazione motoria

G. Cibelli, 2008

Anno Accademico 2007-2008

17