Sei sulla pagina 1di 28

Prof. Ing.

Francesco Fulvi
francesco.fulvi@unipr.it
07-GLI STRUMENTI NATURALI DEL PROGETTO
5. ACCUMULO TERMICO
Corso di Architettura Tecnica
a.a. 2012-2013
Universit degli Studi di Parma
Facolt di Ingegneria
Corso di Laurea in Ingegneria Civile e Ambientale

Corso di Architettura Tecnica
a.a. 2012/2013
Prof. Francesco Fulvi
GLI STRUMENTI NATURALI DEL PROGETTO
5. ACCUMULO TERMICO


GLI STRUMENTI NATURALI DEL PROGETTO

1. FATTORI TERMICI
2. FATTORI SOLARI
3. DISPERSIONI
4. APPORTI
5. ACCUMULO TERMICO
6. PROTEZIONE SOLARE
7. VENTILAZIONE
8. CLIMATIZZAZIONE
Corso di Architettura Tecnica
a.a. 2012/2013
Prof. Francesco Fulvi
GLI STRUMENTI NATURALI DEL PROGETTO
5. ACCUMULO TERMICO


5. ACCUMULO TERMICO
MASSA TERMICA
INERZIA TERMICA
CONDUCIBILITA E MISCELAZIONE
SCAMBIATORI DI CALORE
ELEMENTI PORTANTI E NON PORTANTI
ACCUMULO TERMICO SOLIDO
ACCUMULO TERMICO LIQUIDO
CAMBIAMENTI DI STATO
GESTIONE DELLACCUMULO
ACCUMULO E BISOGNO TERMICO
POSIZIONAMENTI
ACCUMULO IN COPERTURA
FACCIATE SOLARI
ACCUMULO MOBILE
Corso di Architettura Tecnica
a.a. 2012/2013
Prof. Francesco Fulvi
GLI STRUMENTI NATURALI DEL PROGETTO
5. ACCUMULO TERMICO


5. ACCUMULO TERMICO
CAPACITA CALORIFICA
DIMENSIONI DELLACCUMULO
STIMA DEL BILANCIO SOLARE



Corso di Architettura Tecnica
a.a. 2012/2013
Prof. Francesco Fulvi
GLI STRUMENTI NATURALI DEL PROGETTO
5. ACCUMULO TERMICO


5. ACCUMULO TERMICO
MASSA TERMICA
ACCuMuLC 1L8MlCC e un espresslone Lecnlca che deslgna ll luogo dove lmmagazzlnare l'energla Lermlca. l
sosLenlLorl dell'energla solare usano quesLe parole per lndlcare la poslzlone dove e archlvlaLo ll calore cauuraLo
prlma della sua successlva dlsLrlbuzlone.
Lcco alcunl alLrl Lermlnl comunl: Spugna Lermlca, 8auerla solare, 8lserva dl calore.
l Lermlnl mlgllorl per l'archlLeuura passlva sono: !""#$#%& ()*$+"& ) ,-..- /)*$+"-. ln qualslasl modo lo sl
voglla chlamare, ognl lmplanLo solare ha blsogno dl una poslzlone che pu assorblre ll calore del sole
conservandolo e uullzzandolo ln dlerlLa.
La scelLa dl una MASSA 1LMlCA colnvolge la sua capaclLa e reddlmvlLa. u essere un elemenLo porLanLe o no
dell'edlclo. ln ognl caso, quesLo accumulo Lermlco dovrebbe Lrovarsl all'lnLerno della cosLruzlone, o souo, ln
modo Lale che le dlsperslonl rlscaldlno all'lnLerno.
uopo aver selezlonaLo, dlmenslonaLo e lnLrodouo l'accumulaLore, sl dovrebbe essere ancora ln grado dl
modlcare la sua dlmenslone dopo un collaudo.
lnfam, una massa Lermlca Lroppo plccola o Lroppo grande pu essere la causa dl un funzlonamenLo lnadeguaLo
dell'edlclo, che, o sl rlscaldera Lroppo rapldamenLe,
o non andra mal sumclenLemenLe ln LemperaLura.
una massa Lermlca
Lroppo grande e
Lroppo bella!
Corso di Architettura Tecnica
a.a. 2012/2013
Prof. Francesco Fulvi
GLI STRUMENTI NATURALI DEL PROGETTO
5. ACCUMULO TERMICO


INERZIA TERMICA
L'accumulo Lermlco gloca un ruolo analogo dl regolarlzzazlone.
ln una casa, con una massa Lermlca dl 1.000 LonnellaLe dl
cemenLo e qulndl una rlserva calorlca dell'ordlne dl 2.300.000
kcal Lra 21C e 10C, ll guadagno o la perdlLa dl cenLomlla
kllocalorle non modlca molLo la LemperaLura all'lnLerno.
CuesLa osservazlone vale sla per la cllmauzzazlone che per ll
rlscaldamenLo.
Le cosLruzlonl Lradlzlonall con facclaLe
Lradlzlonall dl mauonl dl Lerra o pleLra,
uullzzano solo quesLo eeuo. 8egolarlzzano
gll apporu e le dlsperslonl Lermlche
auraverso un muro senza lsolamenLo.
ulondendo l'azlone del caldo e del freddo
esLerno ln molLo Lempo, la massa lnerLe del
muro rlduce ll dlvarlo Lra la LemperaLura
lnLerna masslma e mlnlma.
L'lnL8ZlA 1L8MlCA pu essere lmmaglnaLa come l'azlone
Lermlca dl una sosLanza o dl una sLruuura. ln meccanlca
l'eeuo volano e l'lnLerazlone massa/veloclLa che esempllca ll
posLulaLo un oggeuo ln moLo Lende a rlmanere ln
moLo" (nche non va a sbauere conLro qualcosa). er la sua
quanuLa dl moLo, un pesanLe volano Lende a sLablllzzare la
veloclLa dl un meccanlsmo.
Corso di Architettura Tecnica
a.a. 2012/2013
Prof. Francesco Fulvi
GLI STRUMENTI NATURALI DEL PROGETTO
5. ACCUMULO TERMICO


L' lmporLanLe sapere ll modo col quale un maLerlale
accumulaLore assorbe ll calore e lo dlsLrlbulsce auraverso la
massa. ll cemenLo pu accumulare una grande quanuLa dl
calore. er, polche esso CCnuuCL ll calore, cl vuole una elevaLa
o sosLenuLa dlerenza dl LemperaLura amnche ll calore peneLrl
ln Luua la sua massa.
L'acqua lnvece assorbe e MLSCCLA ll calore molLo plu
emcacemenLe perche lo Lrasmeue per conduzlone e per
convezlone. Cuando la luce del sole colplsce un reclplenLe
d'acqua, le molecole alla supercle vengono rlscaldaLe, salgono
e vengono sosuLulLe da molecole plu fredde. L'eeuo neuo e
una dlsLrlbuzlone del calore ln Luuo ll reclplenLe. Ma la
sLraucazlone del calore pu provocare delle dlerenze dl
LemperaLura no a 28C Lra la sommlLa e ll fondo


lu la condumvlLa dl un maLerlale e elevaLa, mlgllore e la
poLenza dl assorblmenLo del calore e dl rlparuzlone auraverso la
massa.
Se e cosl, Lale maLerlale conduuore, e eccellenLe per l'accumulo
Lermlco, anche se le sue quallLa lsolanu sono povere: non
conslderando che la massa dl un accumulo Lermlco cosuLulsce
da se un lsolamenLo sumclenLe.
CONDUCIBILITA E MISCELAZIONE
Corso di Architettura Tecnica
a.a. 2012/2013
Prof. Francesco Fulvi
GLI STRUMENTI NATURALI DEL PROGETTO
5. ACCUMULO TERMICO


Cuando non sembra posslblle rlscaldare un locale con apporu solarl dlrem, o quando l
rlschl dl gelo dlvenLano serl per l cllml freddl, sl deve sposLare ll calore solare da un luogo o
da un corpo ad un alLro con uno 01!,23!/456 73 1!8456. L' cosl posslblle, auraverso un
uldo che non gela (soluzlonl anugelo o arla), porLare ll calore ad un maLerlale dl accumulo
(acqua, pleLra, cemenLo,..). La pareLe dello scamblaLore dovra avere una supercle
sumclenLe a conLauo con ll uldo Lermoveuore per permeuere ll passagglo dl un usso
lmporLanLe dl calore. er gll scamblaLorl llquldl, sl conslglla l'uullzzo dl Lubl non corrodlblll,
rame o plasuca per esemplo. l colleuorl ad arla non rlchledono Lubl cosLosl e possono
Lrasmeuere ll calore solare a una massa dl ghlala, dl sabbla, dl Lerra, dl acqua o alle pareu
della cosLruzlone. ln Luue le lnsLallazlonl funzlonanu per convenzlone naLurale, ll uldo
Lermoveuore deve enLrare dalla sommlLa dello scamblaLore e usclre dal basso.
SCAMBIATORI DI CALORE
Llquldo / Acqua Llquldo / Acqua Arla / Chlala
Arla / areu
Corso di Architettura Tecnica
a.a. 2012/2013
Prof. Francesco Fulvi
GLI STRUMENTI NATURALI DEL PROGETTO
5. ACCUMULO TERMICO


L' posslblle uullzzare la massa dl accumulo Lermlco ln due modl: 686,69/3 :45/!9/3; 686,69/3 949
:45/!9/3. La massa della sLruuura prlnclpale, da cul dlpende la sLablllLa meccanlca dl un edlclo, pu
glocare un ruolo dl accumulo Lermlco. CuesLa formula e lnLeressanLe per le nuove cosLruzlonl: la
fuslone eleganLe delle due funzlonl (sLruuura prlnclpale e accumulo) ln una sLruuura monolluca
rappresenLa un economla cerLa.
Cll elemenu masslccl dl sosLegno, sla ln pleLra, ln cemenLo, ln mauonl o ln Lerra coua, se sono
abllmenLe posu e lsolau convenlenLemenLe, cosuLulscono con successo l'accumulo Lermlco dl
reallzzazlonl solarl passlve.

L'accumulo Lermlco non porLa a una soluzlone eccellenLe nella rlsLruuurazlone dl edlcl eslsLenu.
Sl pu modlcare, dopo l'lnLervenLo, ll rlemplmenLo delle pareu e qulndl aumenLare o dlmlnulre la
capaclLa Lermlca dl qualslasl edlclo.
8lsognerebbe evlLare dl collocare gll elemenu non porLanu come bom o serbaLol dl acqua, ln meLallo o
ln plasuca, ln luoghl dove poLrebbero essere esposu alla caduLa della neve, al Lerremou, a ramche dl
venLo, o al peso degll elemenu superlorl.
8lcordarsl dl ssare ll plede e la LesLa dl qualslasl elemenLo pesanLe.
ELEMENTI PORTANTI E NON PORTANTI
LlemenLo porLanLe LlemenLo auLo porLanLe
Corso di Architettura Tecnica
a.a. 2012/2013
Prof. Francesco Fulvi
GLI STRUMENTI NATURALI DEL PROGETTO
5. ACCUMULO TERMICO


Le MASSL ul ACCuMuLC SCLluL sl presenLano con dlverse forme,
se solo elemenu dl sosLegno o dl sempllce rlemplmenLo. Le
upologle porLanu fondamenLall sono del prodom lndusLrlall: pezzl
dl cemenLo, elemenu prefabbrlcau, mauonl, serbaLol clllndrlcl ln
acclalo o ln bra dl veLro, blocchl dl Lerra, pannelll dl cemenLo,
eLc. La sabbla, la Lerra, la ghlala, l'argllla, la pleLra sono maLerlall
meno elaborau: possono essere lmpllau ln forma dl sacchl dl
plasuca o dl Lela, compauau, e uullzzau per rlemplre l'lnLerno del
murl, cosuLulu da gabble meLalllche, o uullzzaLe ln muraLure.
Cuesu cosuLulscono un accumulo economlco e leggero ln energla.
l murl cavl o cavernosl, le colonne e le gabble dl ghlala sl
comporLano come delle spugne Lermlche: l'arla ueplda vlaggla Lra
l vuou lungo le supercl dl scamblo e rlparusce ll calore auraverso
l'lnLera massa.
ACCUMULO TERMICO SOLIDO
Clllndro
cavo
Sacche
lmpllaLe
Murl dl
pleLra
Chlala
ln reLe
uopplo
muro cavo
Mauonl
plenl
Adobe
Corso di Architettura Tecnica
a.a. 2012/2013
Prof. Francesco Fulvi
GLI STRUMENTI NATURALI DEL PROGETTO
5. ACCUMULO TERMICO

La scelLa del reclplenu desunau al LlCulul per L'ACCuMuLC 1L8MlCC merlLa un auenzlone
parucolare. L'acqua, la salamola e alLrl llquldl che possono cosuLulre ll conLenuLo dl una varleLa
lnnlLa dl reclplenu, orono una reale posslblllLa dl accumulo Lermlco ln Luue le cosLruzlonl, sla
nuove che anuche. L' una massa d'lnerzla a buon mercaLo, moblle ed emcace. vanno bene sla
nuovl reclplenu ln commerclo, sla lom dl recupero che modelll dl recupero.
ueve essere conslderaLa nella scelLa ll prezzo al meLro cubo, l'auramva, la durablllLa, la duraLa
reale dl vlLa, la quallLa meccanlca, la faclllLa dl svuoLamenLo e dl rlemplmenLo e la posslblllLa dl
rlparazlone e sosuLuzlone.
ACCUMULO TERMICO LIQUIDO
er prevenlre la corroslone eleurolluca, occorre presLare auenzlone
all'omogenelLa o alla compaublllLa del meLalll uullzzau nella cosLruzlone del
reclplenu meLalllcl come fusu, serbaLol, Lubl, scaLole, ugelll,.
u essere agglunLo l'anu corroslvo nell'acqua poLablle. er la salamola e alLrl
llquldl forLemenLe corroslvl, l conLenlLorl adam sono Lrauau ln modo speclale.
Cgnl conLenlLore deve essere chluso ermeucamenLe perche non sl verlchl
nessuna perdlLa per evaporazlone. L, evlLare l'uullzzo dl llquldl lnammablll o
forLemenLe Losslcl come accumulaLorl Lermlcl all'lnLerno dl un edlclo.

l aconl, le brocche e le bomglle ln veLro o ln plasuca, che sono sLau rlemplu dl
LanLo ln LanLo e pol svuoLau, possono essere uullzzau dl LanLo come deposlu
Lermlcl. ulsporll ln mucchl regolarl, ln pareu, ln paruzlonl, souo ll pavlmenLo,
ovunque, a condlzlone che ll calore possa essere ragglunLo.
Corso di Architettura Tecnica
a.a. 2012/2013
Prof. Francesco Fulvi
GLI STRUMENTI NATURALI DEL PROGETTO
5. ACCUMULO TERMICO


Spesso e posslblle raddopplare l'lnLerno del voluml desunau
all'accumulo llquldo con un lnvolucro dl plasuca lmpermeablle
all'acqua. Scegllere per quesLo una plauca durablle dl quallLa ed
evlLare un esposlzlone prolungaLa alla luce naLurale, perche l raggl
ulLravlolem deLerlorano la magglor parLe delle plasuche. er
sosLenere quesu lnvolucrl leggerl, clllndrlcl o plam, quesu pallonl
meLereologlcl o quesLe bomglle dl acqua calda, doveLe dlsporre
casseforme ln legno o ln muraLura e al suolo.

L' posslblle organlzzare a placlmenLo le clsLerne e l Lubl ln bra dl
veLro, vernlclarll, rlcoprlrll con lnLonaco, o nasconderll dleLro l
paravenu.
Molu reclplenu lmpermeablll possono essere
acqulsLau a un prezzo raglonevole ln rapporLo al
volume. Molu reclplenu dl recupero vengono
LalvolLa ceduu graLulLamenLe a chl ll chlede: basLa
porLarll a casa e ammucchlarll ln glardlno nche
non sl Lrova ll modo dl usarll.
Corso di Architettura Tecnica
a.a. 2012/2013
Prof. Francesco Fulvi
GLI STRUMENTI NATURALI DEL PROGETTO
5. ACCUMULO TERMICO


CAMBIAMENTI DI STATO
Cuando una sosLanza passa dallo sLaLo solldo allo sLaLo llquldo, o al conLrarlo dalla fase llqulda alla fase sollda,
sl dlce che avvlene un 1!,23!,69/4 73 0/!/4 o dl fase. ll camblamenLo solldo/llquldo plu conoscluLo e la
Lrasformazlone reverslblle ghlacclo/acqua che avvlene a 0C. 1um l camblamenu dl sLaLo sl accompagnano ad
assorblmenLo o rllasclo dl quanuLa rllevanu dl calore. er esemplo, ll rareddamenLo dl un grammo dl acqua
Lra l 16C e l 13C fornlscono solo una calorla all'amblenLe, per denlzlone dl calorla. Al conLrarlo, la
Lrasformazlone dl un grammo dl acqua ln un grammo dl ghlacclo a 0C llbera 80 calorle: ll calore laLenLe dl
fuslone del ghlacclo. L l'evaporazlone dl un grammo dl acqua a 100C necesslLa dl 340 calorle.
Culndl duranLe un camblamenLo dl sLaLo a LemperaLura cosLanLe, gll scambl Lermlcl sono da conslderare a
causa del valorl generalmenLe elevau del calore laLenLe dl Lum l corpl.
Clascun sale euLemco passa dallo sLaLo solldo allo sLaLo llquldo ad una LemperaLura carauerlsuca,
LeorlcamenLe ben deLermlnaLa. Cuesu sall cosuLulscono delle lmporLanu rlserve dl calore con un volume
rldouo clrca 30 kcal/kg ln prosslmlLa del loro punLo dl fuslone ma sono generalmenLe Losslche, corroslve e sl
deLerlorano dopo un cenunalo dl clcll.
La 1hermocreLe e alLrl elemenu porLanu conLenenu del sall dl Clauber orono delle posslblllLa lnLeressanu
per accumulare ll calore nelle opere sLruuurall degll edlcl.
Corso di Architettura Tecnica
a.a. 2012/2013
Prof. Francesco Fulvi
GLI STRUMENTI NATURALI DEL PROGETTO
5. ACCUMULO TERMICO


La paramna, che assorbe clrca 42 kcal/kg quando fonde, e uno del maLerlall per cul ll camblamenLo dl sLaLo
sl produce ln un lnLervallo dl LemperaLura sfruuablle. Ma e corroslva, molLo facllmenLe lnammablle e
necesslLerebbe dl conLenlLorl dl veLro. 8lsognerebbe chludere ermeucamenLe l'lmballagglo dl Lum quesu
maLerlall fuslblll per evlLare l'evaporazlone. non blsognerebbe meuere del corpl lnammablll nelle sLanze
dell'ablLazlone senza l'auLorlzzazlone degll organl compeLenu.
AlLre sosLanze come ll mlele, lo zucchero, la pece, ll
blLume. assoclau a del prodom come la cellulosa, la
sabbla, ll meLallo o le bre conduurlcl, poLrebbero
allargare l'lnLervallo sfruuablle delle LemperaLure e
d'accrescere ll numero del clcll cosl come la capaclLa
calorlfera al meLro cubo. ln fuLuro posslamo
aspeuarcl uno svlluppo molLo lmporLanLe dl Lum
quesu prodom che hanno un camblamenLo dl sLaLo ll
cul uullzzo come accumulo Lermlco e ancora allo
sLaLo sperlmenLale.
rodouo

Acqua (ghlacclo)
aramna
Sale ldraLo
unLo dl
fuslone C
0
2 - 43
10 - 30
Calore laLenLe dl
fuslone kcal/kg
80
42
30
uenslLa
kg/dmc
1,0
0,8
1,4 - 1,8
8lserva Lermlca
kcal/dmc
80
33
70 - 90
d
l
l
a
L
a
z
l
o
n
e

Corso di Architettura Tecnica
a.a. 2012/2013
Prof. Francesco Fulvi
GLI STRUMENTI NATURALI DEL PROGETTO
5. ACCUMULO TERMICO


GESTIONE DELLACCUMULO
Le condlzlonl sLaglonall e glornallere dell'lsolamenLo e l'esposlzlone delle
masse Lermlche dl un edlclo cosuLulscono la base fondamenLale del
rlscaldamenLo e della cllmauzzazlone per del processl naLurall. nel caso del
rlscaldamenLo, l'esposlzlone della massa dell'accumulo al sole lnvernale
favorlsce la capLazlone del raggl e, la noue o quando ll Lempo e bruuo,
l'lsolamenLo Lermlco che avvolge l'lnLero edlclo aluLa a conservare ll
calore all'lnLerno. La cllmauzzazlone presuppone l'lnverslone dl quesLo
scenarlo: l'lsolamenLo Lermlco proLegge l'lnerzla lnLerna dal caldo sole
esuvo e, la noue, l'esposlzlone delle pareu alle sLelle faclllLa
l'lrragglamenLo del calore verso l'esLerno.
39<6594
60/!/6
una grande varleLa mezzl permeuono dl asslcurare
la CLS1lCnL uLLL'ACCuMuLC 1L8MlCC: aperLura
e chlusura del dlsposluvl lsolanu, uullzzo
dell'lnerzla Lermlca per prendere ll megllo delle
varlazlonl sLaglonall e glornallere del sole, manovra
delle proLezlonl solarl moblll, sposLamenu dl
accumulaLorl Lermlcl
L' grazle alla manovra regolare dl
Lum quesu dlsposluvl regolaLorl
che lo sLoccagglo Lermlco
conservera una LemperaLura
moderaLa duranLe Luue le
sLaglonl
Corso di Architettura Tecnica
a.a. 2012/2013
Prof. Francesco Fulvi
GLI STRUMENTI NATURALI DEL PROGETTO
5. ACCUMULO TERMICO


ACCUMULO E BISOGNO TERMICO
Le eslgenze funzlonall del comforL varlano forLemenLe a seconda delle amvlLa delle dlverse sLanze dl un'ablLazlone.
Le cuclne emeuono del calore Luuo l'anno: possono asslcurare ll proprlo rlscaldamenLo ln lnverno de
necesslLano sempllcemenLe dl un p dl venulazlone ln esLaLe.
Le camere non hanno blsogno dl superare l 13C .
Le zone a forLe amvlLa non necesslLano dl un accumulo Lermlco cosl forLe come le sLanze con amvlLa plu
sLauche.
l sogglornl hanno blsogno dl calore la sera e nel glornl fesuvl.
l souerranel, le canune e le masse dl sLoccagglo dovrebbero essere lsolau dalla LemperaLura del souosuolo.
Le serre hanno blsogno dl una LemperaLura sLablle da 10 a 24C per un Lasso dl cresclLa ommo delle planLe.
uuranLe la progeuazlone delle planLe dl un edlclo, sara prudenLe valuLare l blsognl dl rlscaldamenLo e
cllmauzzazlone dl clascun locale prlma dl conslderare l'organlzzazlone funzlonale dell'lnsleme. 8lsogna pensare a
alla locallzzazlone dello sLoccagglo Lermlco come una scelLa deLermlnanLe.
Corso di Architettura Tecnica
a.a. 2012/2013
Prof. Francesco Fulvi
GLI STRUMENTI NATURALI DEL PROGETTO
5. ACCUMULO TERMICO


POSIZIONAMENTI
Clascuna massa Lermlca llbera dl scamblare calore con l'arla dell'amblenLe souo eeuo dl una dlerenza dl
LemperaLura pu parLeclpare al rlscaldamenLo e alla cllmauzzazlone naLurale. Ceru :403=349!,69/3 sono
mlgllorl, e l'accumulo vl ragglunge ll suo masslmo rendlmenLo. Cualslasl sla la proprla conduclblllLa, l'emcacla
dl un maLerlale da sLoccagglo sara mlgllore ln lnverno, quando ll sole sara dlreuo conLro. Le pareu lnLerne e l
solal lnLermedl convengono dl plu per per conservare ll calore e dlsLrlbulrlo, perche Luuo ll calore che
lrragglano avra davanu almeno una sLanza dell'ablLazlone prlma dl usclre fuorl auraverso una facclaLa, una
coperLura o un pavlmenLo.
ln alLrl poslzlonamenu, l'accumulo assorblra megllo ll calore, porLera l'edlclo o formera una separazlone con
l'esLerno. Lo sLoccagglo a somuo, benecla della della sLraucazlone Lermlca, assorbe ll calore e l'arla duranLe
la glornaLa, l'lrraggla verso ll basso la noue seguenLe.
pareti
esterne
muri
captanti
pareti interne
solai soffitti
Corso di Architettura Tecnica
a.a. 2012/2013
Prof. Francesco Fulvi
GLI STRUMENTI NATURALI DEL PROGETTO
5. ACCUMULO TERMICO


Cl sono plu modl per Lrasmeuere ll
calore all'lnerzla Lermlca lnLerna:
l'esposlzlone dlreua al sole
d'lnverno, la convezlone naLurale, la
sLraucazlone, l colleuorl, Luuo
quesLo funzlona bene allo sLesso
modo. ln generale le pareu capLanu
sono dl unLa scura e rlcevono
dlreuamenLe l raggl solarl, le pareu
ragglanu o scaldanu sono dl qualslasl
colore.
ln clascun progeuo, delle dlsposlzlonl
dlverse per le masse Lermlche da
poslzlonare auraverso l locall,
permeueranno dl rlspondere a
dlversl programml ssando le
eslgenze spazlall e Lermlche.
Colleuore
solare
erslane scorrevoll
lucernarlo
ClsLerna
d'acqua
calda
SLoccagglo
Lermlco
perslana
camlno
ll poslzlonamenLo dl generaLorl dl calore all'lnLerno o conLro una massa che accumula calore, faclllLera
l'assorblmenLo del calore che, senza quesLo accorglmenLo, poLrebbe dlsperdersl ln surrlscaldamenLo. ll usso
del rlscaldamenLo sara plu regolare perche, duranLe ll loro funzlonamenLo, la sLufa e la caldala sLoccheranno
una parLe della loro produzlone. 8lsogna cercare dl lncorporare alla massa dello sLoccagglo, l camlnl, l sLufe,
gll scaldabagnl, le allmenLazlonl dl acqua calda, le evacuazlonl ueplde delle acque usaLe.
Corso di Architettura Tecnica
a.a. 2012/2013
Prof. Francesco Fulvi
GLI STRUMENTI NATURALI DEL PROGETTO
5. ACCUMULO TERMICO


ACCUMULO IN COPERTURA
5+."-%>-$)?(& +?@)*?-%) 5-A*)."-$)?(& ).B@&
Le masse lneru dl un !11C,C84 968 /6//4 rappresenLano una soluzlone parucolare dl
rlscaldamenLo e dl cllmauzzazlone naLurale. La formula SkyLherm sfruua una pareLe esLerna
ablLualmenLe lnuullzzaLa: ll Leuo al quale sl assoclano del sacchl dl acqua. L'operazlone dl
lsolamenLo moblle permanenLe dl coprlre e scoprlre la massa Lermlca del Leuo, quesLo e sumclenLe
ln molu cllml per garanure LoLalmenLe ll rlscaldamenLo e la cllmauzzazlone del locall lnferlorl.
CuesLo slsLema a forLe lnerzla Lermlca dlsLrlbulsce ll calore
alle facclaLe unlformemenLe. Le operazlonl, manuall o
auLomauche, sono dl manuLenzlone leggera.
ll sovraccarlco del Leuo e l rlschl dl gelo e dl perdlLe dl acqua
sono fenomenl ln correlazlone con l sacchl dl acqua. lnolLre,
Lubl dl acqua, lasLre dl cemenLo, o lo sLesso Leuo a Lerra,
fornlranno rlsulLau analoghl, qualora la loro massa e ll loro
lsolamenLo slano sumclenu. ln concluslone, l numerosl upl dl
cosLruzlonl anuche ln glro per ll mondo, possono Lrarre
beneclo dalla massa del Leuo e da un lsolamenLo moblle
assoclaLo.
Corso di Architettura Tecnica
a.a. 2012/2013
Prof. Francesco Fulvi
GLI STRUMENTI NATURALI DEL PROGETTO
5. ACCUMULO TERMICO


osslamo lmmaglnare un slsLema dl accumulo sul Leuo dlverso per ognl
cllma e adauo ad ognl sua carauerlsuca: glaclale, plovoso, nevoso, deseruco,
Lroplcale, ecc.. Le appllcazlonl plu economlche sono a base dl lneru Lermlcl
solldl, come sabbla, Lerra o cemenLo, assoclau ad un lsolamenLo moblle a
funzlonamenLo manuale. Le appllcazlonl plu compllcaLe orono delle
posslblllLa senza llmlLe: l'lsolamenLo Lermlco moblle sl sposLa
auLomaucamenLe sopra un accumulaLore ln salamola a camblamenu dl sLaLo
o sopra un alLro maLerlale molLo conduuore.

l Lem-Lerrazze possono essere collocau ln numerose poslzlonl. Ma, nel cllml
freddl del nord, ll fronLe Sud del Lem lncllnau rlceve megllo ll sole basso
dell'lnverno, e ellmlna plu facllmenLe la neve e ll ghlacclo. La messa a punLo
del Lubl d'acqua nel somuo souo un buon conduuore consenLe una buona
Lrasmlsslone del calore radlanLe al slsLema dl accumulo superlore e crea un
solldo somuo rlscaldanLe.
lsolamenLo
Sacchl d'acqua
Lamlera grecaLa
8lvesumenLo scuro
1ubl d'acqua
lsolamenLo
CemenLo
8eclplenu d'acqua
lsolamenLo
Solalo dl cemenLo
8lvesumenLo scuro
lsolamenLo
volLa ln mauonl
Sacchl d'acqua
CoperLura veLraLa
lsolamenLo moblle
1ubl d'acqua
CoperLura ln veLro
lsolamenLo moblle
Somuo radlanLe
Corso di Architettura Tecnica
a.a. 2012/2013
Prof. Francesco Fulvi
GLI STRUMENTI NATURALI DEL PROGETTO
5. ACCUMULO TERMICO


FACCIATE SOLARI
Le lACClA1L SCLA8l, ruoLaLe verso ll Sud ( nel nosLro
emlsfero boreale) e esposLe al sole ln lnverno, devono la
loro popolarlLa al loro adauamenLo, parucolarmenLe
lnLeressanLe, alle varlazlonl sLaglonall del sole. La massa
plazzaLa lmmedlaLamenLe dleLro la pareLe LrasparenLe
(veLro sso, bre dl veLro, plasuche, prodom Lrasparenu
unldlrezlonall, nesLre) e nella mlgllore poslzlone per
lnLerceuare l'energla del sole prlma che la sLessa enLrl nel
locall occupau. Cosl quesLa massa regolarlzza l'eccesso dl
luce, l'abbagllamenLo, l guadagnl e le perdlLe Lermlche.

Le appllcazlonl prauche del murl capLanu sono lmmense.
CuesLa slLuazlone verucale cosl comoda osplLa molLo
bene anche celle foLovolLalche, degll accumull Lermlcl, del
colleuorl, del camlnl solarl, delle pareu veLraLe e molu
alLrl dlsposluvl. 8lsogna adauare le dlverse forme dl
sLoccagglo alle eslgenze funzlonall e cllmauche dl
clascuna cosLruzlone: murl capLanu ln mauonl o rlemplu
d'acqua, Lubl dl bauerle solarl, maLerlall a calore laLenLe
dl fuslone, convlene lasclare qualche zona llbera ln
facclaLa per le posslblll appllcazlonl fuLure.
Corso di Architettura Tecnica
a.a. 2012/2013
Prof. Francesco Fulvi
GLI STRUMENTI NATURALI DEL PROGETTO
5. ACCUMULO TERMICO


ACCUMULO MOBILE
notte
giorno
L'ldea dl uno ACCuMuLC 1L8MlCC MC8lLL o
sposLablle e una nozlone lnLeressanLe. Sl
poLrebbe plazzare un serbaLolo ln una poslzlone
ldeale per la capLazlone duranLe le ore dl sole,
per pol LrasporLarla nel dlversl locall dove l
blsognl dl calore sono necessarl. Sl aglra ln
manlera dlversa per cllmauzzare, esponendo la
rlserva d'acqua al clelo freddo della noLe prlma
dl farla rlenLrare duranLe le ore calde.

CuesLo meLodo conslsLe nello sposLare lo
sLoccagglo dove c'e blsogno, sl poLrebbero anche
fare sparlre l colleuorl solarl ssl, consenLendo
una magglore llberLa dl progeuazlone
archlLeuonlca. u darsl che gll accumulaLorl
Lermlcl possano essere LrasporLau ln glro.
Corso di Architettura Tecnica
a.a. 2012/2013
Prof. Francesco Fulvi
GLI STRUMENTI NATURALI DEL PROGETTO
5. ACCUMULO TERMICO


CAPACITA CALORIFICA
Adobe
Mauonl
CemenLo
1erra
Sabbla
Acclalo
leLra
Acqua
Legno
MaLerlall
La CAACl1A' CALC8lllCA dl un ACCuMuLC e ll
prodouo Lra ll calore speclco (c) con la denslLa
(d) e ll volume (v) del maLerlale cosuLuenLe lo
sLoccagglo. L' ll conLenuLo uullzzablle o
dlsponlblle per C: CsL/!L. Cuando sl sceglle un
maLerlale l'oblemvo generalmenLe e dl
racchludere una quanuLa dl calore plu
lmporLanLe posslblle per unlLa dl volume.
Ma blsogna anche Lener conLo del prezzl, delle
performances e del carauere prauco dl quesu
accumulaLorl.
L'acqua col suo calore speclco elevaLo (c=1) e ablLualmenLe una buona scelLa perche ll suo calore volumlco
( q = c x d ) e eccellenLe. ll problema e quello del reclplenu. un alLro maLerlale, ll cemenLo, ha ll vanLagglo dl
essere porLanLe. Le sue quallLa meccanlche lo rendono lnLeressanLe nonosLanLe una capaclLa calorlca lnferlore, e
una spesa energeuca noLevole per la sua produzlone. La Lerra, l'adobe, la pleLra, la sabbla, sono delle scelLe
ugualmenLe eccellenu, perche possono cosuLulre degll elemenu porLanu, che necesslLano poca energla dl
combusuone per la loro produzlone e che cosLano poco.
C
s L
= v x d x c x AL
C
sL
= calore accumulaLo, kcal
v = volume, dmc
d = denslLa, kg/dmc
c = calore speclco, kcal/kg C
AL = dlerenza dl LemperaLura, C
Se 300 dmc dl acqua sl scaldano dl 3C ln una glornaLa,
avranno anche assorblLo:
300 dmc x 1 kg/dmc x 1 kcal/kg.C x 3C = 1300 kcal
Corso di Architettura Tecnica
a.a. 2012/2013
Prof. Francesco Fulvi
GLI STRUMENTI NATURALI DEL PROGETTO
5. ACCUMULO TERMICO


DIMENSIONI DELLACCUMULO
C
s L
= C
d
x !
C
sL
= calore acumulaLo
C
d
= dlsperslonl quoudlane
!= glornl dl accumulo
Le ulMLnSlCnl uLLL'ACCuMuLC, e dl conseguenza ll poLenzlale dl rlserva Lermlca dl una
cosLruzlone, varlano seguendo le performance deslderaLe. Lo scopo pressaLo ln un progeuo
passlvo e dl meuere ln opera una massa Lermlca approprlaLa per mlnlmlzzare nello sLesso
Lempo ll surrlscaldamenLo e ll declL dl rlscaldamenLo nelle condlzlonl cllmauche normall. Se e
prevlsLa una capaclLa lnsumclenLe un edlclo edlclo rlcevera plu calore dl quello che poLra
assorblre. La conseguenza: surrlscaldamenLo duranLe le ore dl sole, e sovraconsumo dl
rlscaldamenLo quando c'e ll sole. Se la capaclLa e Lroppo elevaLa, l'edlclo lmpleghera del glornl
per accumulare ll calore
Corso di Architettura Tecnica
a.a. 2012/2013
Prof. Francesco Fulvi
GLI STRUMENTI NATURALI DEL PROGETTO
5. ACCUMULO TERMICO


STIMA DEL BILANCIO SOLARE
Cuando sl sLudla una casa o una lsLallazlone solare, ll calcolo della S1lMA uLL 8lLAnClC SCLA8L cosuLulsce una
Lappa lmporLanLe che permeue dl paragonare le dlverse lsLallazlonl secondo la loro convenlenza e la loro
slLuazlone geograca.
er Lum quesu calcoll cl sl rlferlsce al dau Lecnlcl sLandard che rappresenLano le condlzlonl locall. Le lnformazlonl
seguenu sono necessarle per sLablllre del paragonl omogenel.
Cllma

Cradl-glorno dl
rlscaldamenLo all'anno
AluLudlne ln meLrl
lrazlone dl
solegglamenLo possllblle
LauLudlne ln n o S
1emperaLure esLerne dl
base, ln C
SolegglamenLo
dlsponlblle ln W/glorno

CosLruzlone

Llemenu solarl ln

Supercle
ablLablle
volume ablLablle,
o volume d'arla
lnLerno, ln mc
ulsperslonl della
cosLruzlone ln W
lsLallazlone

Supercle dl capLazlone
ln mq
lncllnazlone degll
elemenu capLanu, ln
gradl ln rapporLo
all'orlzzonLale
CrlenLazlone degll
elemenu capLanu, ln
gradl ln relazlone al Sud
1emperaLura lnLerna dl
base, ln C
lo non scaldo
abbasLanza
lo scaldo
glusLo quello
che occorre
lo scaldo
Lroppo
Corso di Architettura Tecnica
a.a. 2012/2013
Prof. Francesco Fulvi
GLI STRUMENTI NATURALI DEL PROGETTO
5. ACCUMULO TERMICO


er deLermlnare la parLe del rlscaldamenLo solare (S), sl calcolano prlma dl Luuo le
dlsperslonl LoLall dell'edlclo conslderando la LemperaLura dl base (Le) dl un glorno
carauerlsuco dl clascun mese, duranLe ll perlodo dl rlscaldamenLo. Sl Lrovera ln segulLo
la frazlone dl solegglamenLo posslblle (p) per clascun mese e sl Lrovera ll LoLale
dell'energla solare capLaLa e sLoccaLa duranLe ll corso dl clascun mese (Css).
non sl deve dlmenucare del fauorl che che preclsano le condlzlonl: lndeblmenLo
causaLo da maschere ed occulLazlonl (Cf) (proLezlonl, scherml, pllasLrl), coemclenLe dl
Lrasmlsslone (Lc) della coperLura del capLaLorl, rendlmenLo dell'lsLallazlone (r),
coemclenLe del clelo (Cc) coemclenLe del suolo (Cs) o albedo.
Sl deve qulndl dlvldere ll monLanLe quoudlano dl energla solare rlcevuLo, sLoccaLo e
dunque dlsponlblle per essere lmplegaLo (Css), per la somma delle dlsperslonl dl un
glorno carauerlsuco del mese conslderaLo (Cd). CuesLo da la percenLuale dl calore
solare (S) carauerlzzanLe quel mese.
8lpeLendo quesLa procedura per clascun mese nel perlodo dl rlscaldamenLo, pol una
volLa LoLallzzaLe le percenLuall per ognl mese (M), sl deLermlna un llmlLe superlore dl
percenLuale solare annuale (Sa), cloe un valore approsslmaLo per eccesso della parLe
annuale dl rlscaldamenLo solare.
Corso di Architettura Tecnica
a.a. 2012/2013
Prof. Francesco Fulvi
GLI STRUMENTI NATURALI DEL PROGETTO
5. ACCUMULO TERMICO


vedlamo dunque quesLe equazlonl che rlassumono Luua la sLorla.
ll monLanLe dl energla solare sLoccaLo nel corso dl un glorno carauerlsuco e dlsponlblle dunque
per essere uullzzaLo e:
Lnergla solare capLaLa kcal/glorno
Supercle dl capLazlone, mq
lauore dl occulLazlone
CoemclenLe dl Lrasmlsslone del
capLaLore
SolegglamenLo quoudlano lncldenLe, kcal/mq.glorno
lauore dl solegglamenLo posslblle
8endlmenLo dell'lsLallazlone
CoemclenLe del clelo
CoemclenLe del suolo, albedo.
arLe del rlscaldamenLo solare nel corso del mese ml
Lnergla solare capLaLa
ulsperslonl
numero dl mesl dl rlscaldamenLo
arLe annuale dl rlscaldamenLo solare
Corso di Architettura Tecnica
a.a. 2012/2013
Prof. Francesco Fulvi
GLI STRUMENTI NATURALI DEL PROGETTO
5. ACCUMULO TERMICO


LSLMlC: sla un edlclo cosLrulLo ln Colorado, a una aluLudlne dl 2.100 meLrl, a una lauLudlne dl 40n, la sua supercle
dl pavlmenLo e dl 116 mq, e ll suo volume lnLerno ablLablle dl 280mc, Crazle alla sua buona lmpermeablllzzazlone
all'arla e alla sobrleLa della sua forma, la cosLruzlone perde solo 38 kcal all'ora per meLro quadro dl pavlmenLo, duranLe
ll corso dl un glorno carauerlsuco dl dlcembre.
ll rendlmenLo globale dell'lsLallazlone capLanLe e dell'80, rlguarda l'eeuo serra, l'assorblmenLo per sLoccagglo
Lermlco, l'lnerzla lnLerna e l'lsolamenLo rlposlzlonablle. l capLaLorl verucall con dopplo veLro, hanno una supercle dl
46,3 mq dl cul ll 13 e cosuLulLo dal Lelalo e dal monLanu del serramenLo.

Culndl:
Ac= 46,3 mq p = 0,63 (solegglamenLo ln dlcembre) Cc= 1,03 (condlzlonl lnvernall)
Cf=0,83 (presenza dl monLanu) r= 0,80 Cs=1,30 (neve)
1c=0,76 (dopplo veLro) Cs=4.460 W/mq/glorno

Cd=38 W/mq x 116mq x 24 h/glorno =103.792 W/glorno

Css=Ac x Cf x Lc x Cs x p x r x Cc x Cs
=46,3 x 0,83 x 0,76 x 4460 x 0,63 x 0,80 x 1,03 x 1,30
= 94.300 W/glorno carauerlsuco dl dlcembre

S dlc = 100 (Css/Cd)
= 100 (94.300/103.792) = 89
CuesLo slgnlca che l'89 del rlscaldamenLo ln dlcembre
e fornlLo auraverso degll apporu solarl.
L per deLermlnare la parLe annuale dl rlscaldamenLo
solare, blsogna appllcare lo sLesso meLodo all'lnLero
perlodo dl rlscaldamenLo.