Sei sulla pagina 1di 9

Deteneva cocaina Arrestato un ventisettenne

A pagina sei www.libertasicilia.com

FONDATO NEL 1987 DA GIUSEPPE BIANCA

CRONACA

Portava il cibo ai due fratelli latitanti


A pagina sei e mail redazione@libertasicilia.com

CRONACA

Foti a giudizio
La vicenda giudiziaria legata alloperazione Oro blu
Le oltre 50 interrogazioni pre-

SABATO 16 2013 ANNO XXVI N.258 DIREZIONE Amministrazione e Redazione: via Mosco 51 Tel. 0931 46.21.11 - FAX 0931 / 60.006 - PUBBLICIT: Poligrafica S.r.l. via Mosco Tel. 0931 46.21.11 - Fax 0931/ 60.006 0, 0, 50 SABATO 17 NOVEMBRE MARZO 2012 ANNO XXV N. 64 DIREZIONE Amministrazione e Redazione: via Mosco 51 Tel. 0931 46.21.11 - FAX 0931 / 60.006 - PUBBLICIT: Poligrafica S.r.l. via Mosco 5151 Tel. 0931 46.21.11 - Fax 0931 / 60.006 50

QUOTIDIANO DELLA PROVINCIA DI SIRACUSA

Cronaca

Insieme a lui sar processato Marotta


POLITICA

Seduta fiume del Civico consesso

Il Gup del tribunale Patricia

sentate dai consiglieri sono state quasi tutte discusse pubblicamente; ad eccezione di una decina, non affrontate per lassenza degli interroganti e alle quali gli uffici risponderanno per iscritto. I primi interventi sono stati di Salvo Sorbello, che ha cominciato sollevando il caso del Giardino di Artemide, lo spazio verde allinterno di palazzo Vermexio, attiguo allArtemision, dal quale sono state tolte le piante esistenti in attese di collocarne di nuove. Il consigliere ha chiesto se sia stato rispettato, in ogni sua parte, il regolamento sul verde pubblico e privato. Sorbello ha evidenziato che il regolamento tutela in quanto bene pubblico, le specie vegetali erbacee, arbustive e arboree private e pubbliche,
A pagina tre

Di Marco ha disposto il rinvio a giudzio a carico dellex sottosegretario al Tesoro, Luigi Foti, e dellex amministratore delegato della Sogeas, ingegnere Giuseppe Marotta. Il giudice ha accolto la specifica richiesta avanzata dai pubblici ministeri Delia Boschetto e Marco Bisogni. I legali della difesa dei due imputati (il professore Ziccone e lavvocato Rametta per Marotta; gli avvocati Bruno e Lucio Leone per Foti) hanno insistito perch il giudice rigettasse tale richiesta.

Oltre un migliaio di persone


A pagina cinque

Un migliaio a Priolo per il lavoro

A pagina quattro

Chiesti 10 anni in appello per il Dj Salvino Alonge

Sar decisa il 21 novembre prossimo la sorte giudiziaria di Sal-

ha partecipato ieri mattina alla programmata manifestazione di protesta che si tenuta nella zona industriale priolese.

vatore Salvino Alonge, il quarantenne DJ siracusano, arrestato il 25 gennaio dello scorso anno perch accusato di abusi sessuali ai danni di due bambini che al momento dei fatti non avevano ancora compiuto dieci anni. La Corte dAppello di Catania, infatti, ha fissato per quelludienza la camera di consiglio al processo di secondo grado a carico del noto disc jockey siracusano.
A pagina tre

16 NOVEMBRE 2013, SABATO

di Arturo Messina La Casa Musicale che fond e mantenne Antonino Fiore in via Nino Bixio offr per tanti anni ai siracusani la possibilit di acquistare libri e spartiti musicali, come pure di acquistare e farsi riparare strumenti musicali. Tra i vari figli ne ebbe uno, Roberto, che assorb musica assieme al latte materno e divenne un ottimo cantante s di musica leggera ma anche di musica folcloristica. Una delle figlie, Marisa, invece eredit, s, la Casa Musicale del padre, cui poi ha aggiunto la Scuola di Musica, ma anche la passione della recitazione e del canto. Infatti quando ancora era nella scuola infantile, a quattro anni, fece parte del cast dasilo che impieg Enzo Bottiglieri (il padre del ben noto chitarrista Ermanno che per diversi ha insegnato lo strumento in Giappone) per mettere in scena al cinema Lux ( il salone Carabelli diventato da alcuni anni la sede dellASAM) La fatina Chioma doro, la sua fiaba musicale con le mie musiche. Marisa Fiore quella che una diecina danni addietro ha pubblicato la storia della musica leggera a Siracusa; contemporaneamente il prof. A. Loreto ha scritto la Storia della musica e dei musicisti a Siracusa, opere di indubbia validit per la conoscenza delle cusuzze nostrane, un retaggio di cui dobbiamo essere orgogliosi, dobbiamo mantenere e anche diffondere in tutto il mondo. In questi giorni uscita la storia del canto popolare tradizionale siracusano, curata da Tonino Bonasera, con il titolo Cori di Val dAnapo, che gi stata presentata al Club I Delfini e in questi giorni anche in un bar del viale Teracati che per la prima volta ha lodevolmente imitato il Biblos Caf di via del Consiglio Reginale, da tempo allettante i buongustai della Lavazza e delle nuove opere poetiche e letterarie. La poderosa opera fa onore innanzitutto alla casa editrice Morrone Editore che pu vantare di aver pubblicato un cos importante libro di quasi cinquecento pagine in una cos elegante veste tipografica, ricco di circa mille fotografie nonch di numerosi e preziosi contributi offerti da testimoni e protagonisti che ne fanno un monumento di sicule musical notizie che superano i confini aretusei perch vissero quegli

e-mail redazione@libertasicilia.com Cronaca di Siracusa online nel mondo

SIRACUSA

16 NOVEMBRE 2013, SABATO

Una seduta fiume del Consiglio comunale


Sorbello ha evidenzia-

Oltre cinquanta le interrogazioni presentate dai consiglieri in aula

Sullinquinamento atmosferico lamministrazione comunale ha ammesso i propri limiti economici per essere efficiente

Musica e folklore di Sicilia


I Cori di Val dAnapo servono egregiamente per mantenere la lingua siciliana e diffonderla in tutto il mondo
eventi canori o ne hanno ereditato gli echi da chi li visse e contribu a realizzare un cos prezioso patrimonio artistico culturale, di cui pu ben fregiarsi Siracusa: la tradizione popolare attraverso il canto del passato, considerando che questo ancora ununica sciccheria attuale che possiamo godere oggi e potranno godere domani coloro che ci seguiranno. Ci in considerazione che, mentre la pur cos valida opera del Loreto rimane solo allattenzione degli uomini di cultura e quella altrettanto valida di Marisa Fiore tratta dun eroico periodo ormai impallidito dallevolversi dei generi musicali, quello del folk rimane della pi viva e affascinante attualit perch quelle musiche, quelle canzoni, quei costumi, quelle feste, quelle danze rimangono ancorate alle glorie del passato, appunto attraverso questa poderosa opera curata con tanto affetto ed impegno da Tonino Bonasera, colui che fu il pupillo e quindi lerede del m Corrado Maranci, ossia del pi grande musicista folk siracusano e non solo, il pi illustre e stimato direttore de I Cori di Val dAnapo, che port in tutto il mondo, contribuendo cos meravigliosamente ad accrescere il prestigio della nostra Siracusa. Lopera curata da Tonino Bonasera e pubblicata dalla Morrone Editore acquista ancor pi importanza se si considera che essa ha una grande funzione sempre attuale, anzi si direbbe pi che del passato: ci perch attraverso il canto fa rimanere in vita non solo il passato ma anche il presente, mantenendo viva la lingua dei nostri nonni, mantenendo lidentit della nostra gente, della nostra isola. La lingua siciliana, che oggi cos a rischio di perdersi e che nessuno ce la potr pi restituire, se noi che siamo gli unici eredi la facciamo morire. Le feste, i vestiti, gli oggetti del passato, persino le canzoni possono rimanere in vita in ogni tempo perch si ripetono o perch si conservano nelle case museo o perch si cantano ma la lingua, se nessuno pi la parla, destinata ad estinguersi: gi in agonia oggi stesso perch quasi nessuno pi la parla, perch tanti hanno quasi vergogna a parlarla! Nelle scuole della Sardegna essa viene invece coltivata e, per farlo, i docenti vengono istruiti appositamente allUniversit e gli attestati che ne ricevono sono utili anche per le graduatorie . Nella scuola di Sicilia? NO!! La Grammatica del Sardo illustre di Massimo Pittau, pubblicata nel 2003 ha lo scopo di insegnare ai Sardi a parlare nuovamente la loro lingua. Lautore ha pensato di destinarla a tutti i sardi che non vogliono accettare di vedere scomparire e definitivamente la loro lingua nativa, ma anzi sperano ed operano per vederla ripresa nelluso vivo e quotidiano, addirittura in quello pubblico e ufficiale della loro terra. E si tratta di Sardi di ogni categoria e ceto sociale: docenti universitari e medi, maestri elementari ed impiegati professionisti e contadini e pastori, vecchi, adulti e giovani. In maniera pi specifica e particolare questa grammatica destinata a coloro che scrivono la lingua sarda in poesia e in prosa; destinata ad essi non perch lautore pensi con questa di insegnare a loro la lingua sarda, che anzi essi di fatto gi usano e valorizzano coi loro scritti, ma solamente affinch ne abbiano una migliore conoscenza scientifica ed una padronanza critica. Lo stesso autore scrisse queste parole a premessa: Nuoro, Monte Ortobene, luglio-agosto 2003. La mia grammatica usc in prima edizione nel 1996, la seconda lha pubblicata il Comune di Siracusa nel 2008 e lha offerta gratuitamente a chi ha promesso di studiarla; ma nulla stato finora fatto dalla Regione Siciliana. Leggendo la pregevole opera edita da Morrone Editore si dovrebbe riflettere!

to che il regolamento tutela in quanto bene pubblico, le specie vegetali erbacee, arbustive e arboree private e pubbliche, autoctone e alloctone, quando assumono una qualsiasi rilevanza ambientale e paesaggistica. Lassessore allAmbiente, Francesco Italia, ha spiegato che lintervento consistito nella eliminazione di una vegetazione fatta di piante di alianto, una specie ha detto infestante, che distrugge la vegetazione autoctona e che ha radici capaci di creare danni alle strutture. Sempre Sorbello si occupato anche dei cantieri di servizio, per sapere dallAmministrazione quali progetti siano stati presentati. Il dirigente alle Risorse umane, Vincenzo Migliore, e lingegnere capo, Andrea Figura, hanno detto che i cantieri di servizio saranno destinati ad attivit di custodia, prevalentemente nelle scuole e nei parchi. I contratti hanno una durata di 3 mesi e la selezione avviene in via prioritaria sulla base del reddito. Il Consiglio tornato a trattare il problema dellinquinamento atmosferico attraverso una terza interrogazione di Sorbello, che ha chiesto di adottare provvedimenti seri e non tavoli tecnici e riunioni inutili. Inoltre ha chiesto al sindaco di intervenire sulla Regione per capire come mai gli ultimi bollettini del sito dellArpa sulla qualit dellaria a Siracusa risalgano al 2011 e come mai sul sito del Cipa non venga comunicato il dato relativo al benzene. Il dirigente del settore Ambiente, Giuseppe

In foto, seduta del Consiglio comunale. Ortisi, ha confermato il dato di un innalzamento della presenza di idrocarburi non me-

tanici e del benzene, entrambi di natura industriale. Poi stata la volta di Cetty Vinci,

che ha proposto al sindaco di far rinascere la Film commission di Siracusa. Lufficio Film

commission, ha affermato il vice sindaco Italia, stato costituito e dotato di un gruppo di lavoro che, per la prima volta, sta realizzando un database delle produzioni cinematografiche e televisive, oltre che della pubblicit. Stanno gi arrivando le prima proposte. Cetty Vinci ha sollevato il problema dei malati oncologici che devono ricevere le terapie fuori citt e devono fare i conti con il problema della carenza dei mezzi pubblici. Il dirigente delle Politiche sociali, Rosario Pisana, ha assicurato che nel prossimo bilancio saranno previste 10 mila euro per assicurare un aiuto a questa tipologia di questi malati. Refezione scolastica: lAmministrazione ha spiegato che si sta stu-

diando, assieme alle scuole, un nuovo sistema di refezione per cessare quello del fornitore unico. Rodante ha poi sollevato il problema della fruizione di Villa Reimann e della latomie dei Cappuccini. La risposta stata che in fase di stesura un regolamento che, nel caso di villa Reimann, sar coerente con le indicazioni testamentarie. Quindi la questione delle manutenzioni stradali e del bando per lappalto di servizio. Gli uffici hanno risposto che c un residuo di spesa di 70 mila euro per il 2013 e che a breve si proceder al nuovo appalto. Rodante ha chiesto chiarimenti sullorganizzazione della Polizia municipale. Il comandante, Enzo Miccoli, ha detto che il lavoro svolto rivolto ad assicurare un numero maggiore di agenti nei servizi esterni. In questi mesi, sono stati elevati circa 16 mila verbali per violazione al codice della strada. Sul fronte dei rapporti con lutenza, si sta lavorando affinch si riesca a migliorare lapproccio con una comunicazione pi efficace.

Il decreto emesso ieri dal Gup del tribunale Patricia Di Marco

16 NOVEMBRE 2013, SABATO

16 NOVEMBRE 2013, SABATO

Processo Oro blu Lon. Foti a giudizio


Il Gup del tribunale Patricia Di
Marco ha disposto il rinvio a giudzio a carico dellex sottosegretario al Tesoro, Luigi Foti, e dellex amministratore delegato della Sogeas, ingegnere Giuseppe Marotta. Il giudice ha accolto la specifica richiesta avanzata dai pubblici ministeri Delia Boschetto e Marco Bisogni. I legali della difesa dei due imputati (il professore Ziccone e lavvocato Rametta per Marotta; gli avvocati Bruno e Lucio Leone per Foti) hanno insistito perch il giudice rigettasse tale richiesta, mentre nella passata udienza preliminare avevano avanzato uneccezione relativa ad una contestazione alternativa avanzata dai rappresentanti della pubblica accusa. I due magistrati hanno aggiunto al capo dimputazione oltre che lipotesi di reato di tentata estorsione anche (in alternativa) quella di tentata truffa ai danni della Sai 8. Il Gup aveva, per, rigettato leccezione accogliendo la tesi dei pubblici ministeri di rinviare a giudizio i due imputati. Al processo penale a carico dei due imputati si costituita parte civile proprio la Sai 8 con il patrocinio dellavvocato Nerio Diod del Foro di Milano. La vicenda quella relativa alle presunte pressioni che Foti e Marotta avrebbero fatto nei confronti di alcuni dirigenti della Sai 8. In un primo momento Foti e Marotta furono accusati accusati del reato di tentata concussione per il quale sono finiti nel febbraio dello scorso anno agli arresti domiciliari, poi revocati dal tribunale del riesame di Catania, che ha di fatto annullato lordinanza di custodia cautelare emessa dal Gip del tribunale di Siracusa. Poi la Procura della Repubblica di Siracusa ha riformulato il capo dimputazione contestando a Foti e Marotta, il reato di tentata estorsione per la quale i due pubblici ministeri ritengono avere in mano delle prove importanti relativamente al loro coinvolgimento nella vicenda Sai 8. Il caso giudiziario ormai arcinoto, legato alle presunte minacce avanzate nei confronti di due dirigenti della societ Sai 8 di rescindere il contratto per la gestione del servizio idrico integrato in provincia di Siracusa se non fosse stata favorita la ditta

Insieme allex sottosegretario sar processato anche lex amministratore delegato della Sogeas, Marotta

Pmi Day Studenti in visita ad azienda

ECONOMIA

E andata in scena ieri mattina la manifestazione dei sindaci e dei sindacati

Tutti uniti nellaffermare che serve una pressione forte sulla politica perch si sblocchino stanziamenti pubblici ed investimenti privati
Oltre
un migliaio di persone ha partecipato ieri mattina alla programmata manifestazione di protesta che si tenuta nella zona industriale priolese, presa a simbolo della crisi economica che attraversa la nostra provincia. Quasi tutti i sindaci dei ventuno comuni siracusani in fascia tricolore hanno sfilato dapprima in corteo e poi sul palco allestito nellarea degli stabilimenti del petrolchimico. E un momento importante - ha sottolineato il sindaco di Priolo, Antonello Rizza - perch soltanto stando insieme si possono creare i presupposti perch ci siano investimenti privati e stanziamenti pubblici a favore del nostro territorio. Al fianco dei sindaci tutte le sigle sindacali ad eccezione della Cisl che, come affermato dal segretario generale regionale Bernava, non ha inteso affiancare lo sciopero territoriale per poi riservarsi di scendere in piazza il 23 novembre prossimo. Siamo consapevoli che in questo momento delicato si debba andare tutti uniti - dice Paolo Zappulla, segretario provinciale della Cgil - Ci sono in ballo interessi diffusi ed importanti che riguardano il territorio siracusano, a cominciare dal risanamento ambientale che in cima alle richieste non soltanto del sindacato. La bonifica dei siti dismessi, gli investimenti anche importanti ptrevisti da Versalis, Lukoil e dalla Erg devono rapresentare un momento di sintesi per il rilancio economico della nostra provincia. Il tutto insieme ad una politica di recupero dellarea di Punta Cugno dove possibile ricreare i presupposti produttivi degli anni Ottanta a cominciare dalla realizzazione della piattaforma Vega 2. Anche il tavolo provinciale per il lavoro e lo sviluppo ha dato la propria adesione alla manifestazione di Priolo. Siamo attenti alle problematiche proposte dal territorio - dice Pippo Gianninoto, vice presidente della Camera di Commercio di Siracusa - Il nostro obittivo deve essere quello di raggiungere lunit dintenti e continuare a pressare la classe politica siracusana perch si riesca ad ottenere delle risposte dai governi nazionale e regionale in ordine alle diverse istanze che abbiamo loro sottoposto. Dobbiamo fare unazione fortissima per fare sentire il disagio della nostra popolazione. R.L.

Priolo: un migliaio in corteo per chiedere salute e lavoro

Per il quarto anno conse-

In foto, lonorevole Gino Foti.

Teleservizi di Caserta per la riscossione delle bollette insolute o a rinunciare alla realizzazione di infrastrutture come il campo pozzi di Siracusa ed il nuovo acquedotto di Augusta. Il legale difensore dellonorevole Gino Foti, avvocato Bruno Leone si astiene da ogni commento. Il fatto che per legge, il giudice delludienza preliminare, nel disporre il rinvio a giudizio, si debba astenere da qualsiasi motivazione non consente di formulare alcun commento - dice - Ma c comunque da notare che lultimo provvedimento processuale adottato

da un giudice terzo, adeguatamente motivato, lordinanza del tribunale del riesame di Catania che ha escluso la sussistenza di qualsiasi ipotesi illecita posta in essere dagli imputati. Nessun atto dindagine significativo stato acquisito successivamente a tale ordinanza - conclude Leone - Si attende fiduciosi il confronto dialettico dinanzi al giudice del dibattimento. Il processo dinanzi al tribunale penale di Siracusa in composizione monocratica stato fissato per il 14 maggio del prossimo anno. F.N.

AMBIENTE

Gli studenti dell ultimo anno di cinque istituti tecnici del-

Giornata dellenergia allo stabilimento Isab

la provincia di Siracusa parteciperanno per lintera giornata odierna, alla Giornata dell Energia Elettrica organizzata presso lo stabilimento ISAB Energy di Priolo. I ragazzi dei Licei Corbino ed Einaudi, dellIstituto Paritario Sacro Cuore di Siracusa, degli istituti Superiori Archimede di Rosolini e di Palazzolo Acreide, visiteranno lo stabilimento ISAB Energy, che produce energia elettrica dalla gassificazione dei residui della raffinazione del petrolio, e verranno a contatto col mondo della produzione di energia elettrica.

cutivo, la Piccola Industria di Confindustria Siracusa, guidata da Silvia Saraceno, ha aderito alla Giornata Nazionale delle Piccole e Medie Imprese, organizzata dalla Piccola Industria di Confindustria. Pmi day rivolta ai giovani studenti delle scuole medie superiori e si svolta stamane allo Stabilimento della Artiplast C.da Cusumano - Augusta, che si occupa di lavorazione di materie plastiche. Liniziativa ha visto questanno la partecipazione di 40 alunni delle terze classi del Liceo Scientifico "L. Einaudi" di Siracusa. I ragazzi sono stati accompagnati dalla Preside Teresella Celesti e dalle professoresse Ivana Giliberto e Lucia Valeri. Gli studenti sono stato ricevuti dal responsabile dellazienda Massimo Argentino e dai collaboratori tecnici della Artiplast che hanno presentato lazienda, quello che fa e hanno fatto visitare limpianto ai ragazzi. Erano presenti la Presidente del Comitato Piccola Industria di Confindustria Siracusa, Silvia Saraceno, il Vice Presidente del Comitato Regionale Piccola Industria di Confindustria Sicilia Seby Bongiovanni, il Segretario provinciale dellAssostampa, Aldo Mantineo. Con questa iniziativa ha detto la Presidente della Piccola Industria, Silvia Saraceno - le piccole e medie imprese di Confindustria aprono le porte agli studenti per raccontare storia, attivit e progetti futuri dellazienda. Una giornata per conoscere le competenze, la passione e i valori che appartengono al mondo delle imprese e il contributo che esse danno allo sviluppo del Paese creando ricchezza e occupazione.

In foto, un momento della manifestazione di ieri mattina a Priolo.

Ho partecipato alla manifestazione per l'am-

Amoddio: Da parte interessi politici per pensare al territorio

ECONOMIA

biente a Priolo non certo per fare passerella. Nessuno dei parlamentari nazionali o regionali intervenuto dal palco, perch i veri protagonisti sono state le persone, stanche di parole e bisognose di fatti. Cos lOn. Sofia Amoddio del PD, membro della Commissione Giustizia della Camera dei Deputati e della Giunta per le Autorizzazioni a Procedere. Il Sindaco Rizza di Priolo, giustamente ha richiamato i deputati e gli ex ministri alle loro responsabilit. Senza polemica, vorrei ricordare che sono deputato dal mese di Marzo 2013 e che nel mese di Luglio 2013 ho presentato linterrogazione con la quale ho sollevato la questione delle bonifiche, degli investimenti mancati, dei 100 milioni di Euro non spesi. Lincontro in Prefettura del 28 ottobre 2013, in cui sono intervenuti l'assessore regionale Dott. Marino e il dirigente dott. Marco Lupo, stato formalmente richiesto da me e dal Deputato Regionale Cirone Di Marco. Ho chiesto per iscritto al Ministro Orlando ed al Presidente Crocetta di inserire senza indugio nella loro agenda politica la questione delle bonifiche e dello sviluppo industriale sostenibile. A seguito della nube tossica di Melilli prosegue lOn. Amoddio - ho immediatamente presentato uninterrogazione in parlamento che ha attivato una rispo-

sta dell'ARPA e dei Vigili del Fuoco. Ho presentato un esposto alla Procura della Repubblica insieme ad altre centinaia di cittadini per linquinamento dellaria che in questi mesi ha raggiunto livelli insopportabili. Il tema delle bonifiche e dellinquinamento il tema pi importante per la nostra provincia e deve esserlo per tutti: politici, sindacati, lavoratori e cittadini. Per questo motivo auspico che si lavori per stilare un documento comune che chieda l'intervento del Ministro Orlando. Le responsabilit sono certamente di chi ha ruoli istituzionali ma solo con lunione e la consapevolezza di tutti che si possono raggiungere dei risultati, anche di quelle associazioni ambientaliste che sono volute rimanere assenti. Ognuno - continua lOn. Amoddio - deve mettere da parte i propri interessi politici, di potere ed economici e deve impegnarsi nel tentativo di far capire al Ministro ed al Governo nazionale e regionale che non c sviluppo sostenibile se non si riparte da investimenti che vanno nella direzione della tutela della salute dei lavoratori che lavorano nellarea industriale e dei cittadini che vivono in questo territorio. Il diritto al lavoro un bene primario, ma di pari grado il bene della salute e senza salute non si lavora. La manifestazione di oggi - conclude lOn. Sofia Amoddio - stata un esempio di unit e di consapevolezza che va sempre applaudito.

16 NOVEMBRE 2013, SABATO

16 NOVEMBRE 2013, SABATO

Sarebbe la persona chiave che avrebbe garantito la latitanza dei due fratelli tortoriciani

Aiut i Mignacca in latitanza Fermato un francofontese


Il provvedimento restrittivo eseguito ieri mattina dai carabinieri della Compagnia di Augusta in attesa che compaia dinanzi al Gip

Abusi su minori: il PG chiede 10 anni per un disc jockey


S ar
decisa il 21 novembre prossimo la sorte giudiziaria di Salvatore Salvino Alonge, il quarantenne DJ siracusano, arrestato il 25 gennaio dello scorso anno perch accusato di abusi sessuali ai danni di due bambini che al momento dei fatti non avevano ancora compiuto dieci anni. La Corte dAppello di Catania, infatti, ha fissato per quelludienza la camera di consiglio al processo di secondo grado a carico del noto disc jockey siracusano. Nelludienza di ieri, il procuratore generale ha chiuso la requisitoria invocando per limputato la condanna a 10 anni di reclusione, due n meno di quanti non abbia irrogato il Gup del tribunale di Siracusa, Vincenzo Panebianco, in primo grado. Il rappresentante della pubblica accusa ha ritenuto dovere, infatti, chiedere lassoluzione dellimputato per due capi dimputazione. La parte civile costituita con il patrocinio dellavvocato Matilde Lipari, ha insistito nella richiesta di mantenere la condanna inflitta in primo grado. E toccato allavvocato Francesco Piccolio del Foro di Catania, sostenere, invece, le ragioni della difesa. La vicenda nella quale stato coinvolto Alonge si riferisce ad un anno addietro, quando, a seguito della denuncia sporta dal genitore di una creatura, gli investigatori della squadra mobile della Questra di Siracusa hanno svolto indagini sul conto del noto DJ siracusano, che nel

La richiesta formulata a conclusione della requisitoria in appello

Sarebbe l'uomo chiave nell'ave-

In primo grado Salvino Alonge era stato condannato dal Gup Panebianco alla pena di dodici anni di reclusione

re favorito la latitanza dei fratelli Calogero e Vincenzino Mignacca, ritenuti esponenti di rilievo del clan dei tortoriciani, la cui latitanza stata in parte tragicamente spezzata dal blitz dei carabinieri del Gis di Messina domenica scorsa nelle campagne di Lentini. Il nuovo provvedimento di fermo di polizia giudiziaria stato notificato ieri mattina dai carabinieri della Compagnia di Augusta, a carico del francofontese Franco Incardona di 49 anni. Per lui la Procura distrettuale antimafia di Messina ha ipotizzato, come per gli altri sette indagati, il reato di favoreggiamento personale. Il fermo stato, comunque, operato dal sostituto procuratore presso il tribunale di Siracusa, Caterina Aloisi, che trasmetter gli atti alla Procura distrettuale di Messina. Secondo quanto emerso dalle indagini dei carabinieri, Incardona avrebbe svolto la funzione fondamentale di assicurare i viveri e gli altri generi di conforto ai due fratelli Mignacca durante la loro permanenza nel casolare delle campagne lentinesi dove sono stati scovati domenica scorsa. Incardona stato associato alla casa circondariale di Cavadonna, in attesa di comparire dinanzi al Gip per la convalida del fermo.

Aveva addosso dosi di cocaina 27enne finisce in carcere

In foto, Calogero e Vincenzino Mignacca. Intanto, si stanno disponendo misure speciali di protezione per Calogero Mignacca, il latitante che si trova detenuto nel carcere di Cavadnna da domenica scorsa, da quando, ci, stata posta la parola fine ad otto anni di latitanza sua e del fatello Vincenzino, che si suicidato al momento dellirruzione dei carabinieri del reparto speciale del Gis nel casolare di contrada Bugliarello nelle campagne del Lentinese. E, quindi, imminente, se non gi eseguito, il trasferimento del Mignacca in un carcere di massima sicurezza. Operazione che, ovviamente viene eseguita in ttta segretezza. R.L.

Al contrario di altri giovani

CRONACA

Riciclaggio del telaio di una moto Assolto un noto commerciante


Un
noto negoziante siracusano di motociclette insieme ad un altro imputato sono stati assolti dallaccusa di riciclaggio di una moto. La sentenza stata emessa dal Tribunale penale di Siracusa a conclusione del processo ceh ha visto imputati alla sbarra Daniele Tricomi, commerciante, che balz agli onori della cronaca negli anni Novanta quando, essendosi opposto al pagamwento del pizzo ad opera del clan Urso-Bottaro, fu gambizzato. Sentenza di assoluzione per non avere commesso il fatto anche nei confronti di Antonio Sigona, che era stato coinvolto nella vicenda perch sorpreso in sella ad una moto Honda il cui telaio risult di provenienza furtiva. Il pubblico ministero Antonio Nicastro mentre per il Sigona aveva invocato lassoluzione, aveva insistito per la condanna del Tricomi a

lla pena di 3 anni di reclusione. Il tribunale (presidente Stefania Scarlata, a latere Perna e Tripi) hanno, invece, accolto appieno le tesi della difesa dei due imputati rappresentata dagli avvocati Massimo Milazzo e Matilde Lipari. Il verdetto di assoluzione giunge a sei anni dal verificarsi dellepisodio e quindi della denuncia a piede libero delle due persone. Tutto accadde nel giugno del 2007 quando una pattuglia della Polizia di Stato ha fermato su strada una moto Honda sulla quale viaggiava il Sigona che ne era il proprietario. Ad unattenta verifica, gli investigatori hanno riscontrato la presenza di un telaio diverso dal blocco motore, risultato poi essere stato rubato. Da ci partita laccusa per i due del reato di riciclaggio.

che si erano dati appuntamento nella zona della ex Tonnara di santa Panagia, non ha avuto i riflessi pronti ed stato acciuffato dai poliziotti ed arrestato perch in possesso di cocaina. Il blitz stato fatto nel pomeriggio di ieri dagli agenti della Squadra Mobile della Questura di Siracusa, nel corso di uno specifico servizio volto al contrasto del fenomeno dello spaccio e del consumo di sostanze stupefacenti. In manette finito Ivan Rossitto (nella foto) di 27 anni, residente a Siracusa, gi noto alle forze di Polizia anche per precedenti specifici. In particolare, gli agenti notavano un gruppo di ragazzi i quali alla loro vista si davano alla fuga. Tra questi stato notato il Rossitto, il quale stato bloccato, sottoposto a perquisizione e trovato in possesso di 6 dosi di cocaina per un peso complessivo di 2 grammi e della somma di 245 euro in banconote di diverso taglio. Il Rossitto veniva tratto in arresto per detenzione di sostanze stupefacenti ai fini di spaccio e condotto nella Casa Circondariale di Contrada Cavadonna.

In foto, il dj Salvino Alonge.

frattempo aveva fatto perdere le proprie tracce permsottrarsi allarresto. E stato rintracciato cinque giorni dopo dagli investgatori che

lo ricercavano per notificargli un provvedimento di fermo di indiziato di reato, emesso dal sostituto procuratore Antonio Nicastro, che ha co-

ordinato le indagini. Gli investigatori gli hanno sequestrato un personal computer, che, su disposizione del Gup, sar consegnato al Nit, il nucleo

investigativo telematico presso la Procyra di Siracusa insieme al materiale informatico dove vi sarebbero altri riscontri alle prove del coinvolgimento

dellindagato nella brutta vicenda che lo vede protagonista. La causa scatenante sarebbe stata una festa nella quale, come in tantissime altre occasioni, Alonge era stato chiamato per animare la serata in qualit di disk jockey. Ma gli episodi contestati allindagato risalgono anche a qualche tempo prima. Della misteriosa scomparsa da casa di Alonge si era discusso a pi riprese nei social network ed in particolare sul fun club. Dal 20 gennaio scorso le voci si rincorrevano e nessuno sapeva dare alcuna spiegazione del suo allontanamento. Il mistero si fatto ancora pi fitto dal momento del ritrovamento del ciclomotore sul quale venerd scorso si era allontanato da casa. La notizia della scomparsa del dj ha incuriosito i numerosi amici e conoscenti, nessuno dei quali poteva immaginare che dietro il suo allontanamento potesse celarsi un episodio di tale natura, sul quale la Procura di Siracusa ha raccolto riscontri oggettivi, per la condanna in primo grado nei confronti dellimputato.

Autosport

S.r.l. C.da Targia 18 Siracusa Tel.0931 759918

autosport.toyota.it

Cambio della guardia in Capitaneria di porto


Cambio della guardia al coman-

La cerimonia protocollare si tenuta al piazzale IV novembre

16 NOVEMBRE 2013, SABATO

Oltre al prefetto Gradone, presente alla cerimonia il contrammiraglio Domenico De Michele

LAnm di Siracusa solidale con Bisogni


Anche lassociazione
nazionale magistrati Sottosezione di Siracusa, che si riunita ieri sera al palazzo di Giustizia, ha preso posizione a favore del magistrato Bisogni. Con rammarico continuiamo ad apprendere che una testata locale perseveri nella pubblicazione di articoli che, travalicando i limiti del legittimo esercizio del diritto di cronaca e critica, si traducono in veri e propri attacchi personali a magistrati in servizio a Siracusa - scritto nel documento diffuso alla stampa -. Soprattutto duole rilevare che il ricorso a vaghe allusioni e gratuite insinuazioni suona come un tentativo di delegittimazione sia delloperato dei singoli magistrati che dellintera Istituzione. Nel ribadire la propria solidariet ai colleghi, manteniamo ferma la convinzione che la magistratura siracusana, fedele ai valori Costituzionali, garantisce lesercizio autonomo ed indipendente della giurisdizione, impermeabile a qualsivoglia forma di condizionamento.

vita di Quartiere

16 NOVEMBRE 2013, SABATO

Rappresentanza della scuola in Polonia per definire gli accordi preliminari della sessione COMENIUS in agenda fra il 20 ed il 26 febbraio 2014

do della Capitaneria di porto di Siracusa. Ieri mattina si celebrata la cerimonia del passaggio di consegne tra il comandante uscente Luca Sancilio ed il capitano di vascello Domenico Latella che subentra. Alla cerimonia hanno partecipato il prefetto di Siracusa, Armando Gradone e, tra gli altri, il comandante della direzione marittima per la Sicilia Orientale, contrammiraglio Domenico De Michele. E stata una cerimonia particolarmente toccante perch ha sancito il saluto del comandante Sancilio da Siracusa dopo tre anni al comando della Guardia costiera siracusana. Nel discorso di commiato, il comandante Sancilio ha ricordato le fasi essenziali dellattivit con particolare riferimento allemergenza sbarchi ricordando che i suoi uomini hanno garantito la vita in mare e laccoglienza a terra per oltre 11 mila migranti sbarcati negli ultimi mesi in provincia di Siracusa. Ha poi ricordato lemergenza della nave Gelso M, arenatasi lo scorso anno nelle coste di Santa Panagia. Interventi coordinati che hanno consentito non solo di salvare i

Giuseppe Aurelio Co-

Un illustre letterato, poeta e docente universitario nato nel siracusano

19 uomini di equipaggio ma anche di mettere in sicurezza il natante e successivamente di rimuoverlo e demolirlo. Altra emergenza che ha ricordato Sancilio attinente allammutinamento del Fatima secondo, con il mistero sulla fine del comandante Bianca, ancora oggi invocato dai suoi cari. Tra gli interventi, quello relativo alla bonifica dellarea dei Calafatari e la

In foto, il comandante Domenico Latella.

riapertura dopo ventisei anni della delegazione spiaggia di Avola. Il passaggio di consegne si consumato tra il sibilo delle sirene dei mezzi navali in dotazione alla Capitaneria di porto, che hanno voluto in questo modo salutare il comandante Sancilio e dare il benvenuto al nuovo comandante Latella, proveniente dalla Capitaneria di porto di Messina.

Indagini finanziarie: workshop da luned prossimo allIsisc


Si
apriranno luned mattina all'Isisc, l'Istituto Superiore Internazionale di Scienze Criminali di Siracusa, i lavori del workshop sulle Indagini Finanziarie e Recupero dei Beni Sottratti, che proseguiranno fino a sabato 23 novembre. Il workshop organizzato in cooperazione con il Basel Institute of Governance, con sede a Basilea, in Svizzera, e l'Ufficio delle Nazioni Unite contro la Droga e il Crimine (UNODC). Saranno presenti al workshop a Siracusa circa 20 procuratori e investigatori di polizia che si occupano del contrasto alla corruzione e al riciclaggio, provenienti da diversi Paesi dellArea MENA (Nord Africa e Medio Oriente), nello specifico Egitto, Iraq, Libia, Marocco, Sudan del Sud, Tunisia e Yemen. I partecipanti al workshop entreranno in contatto con esperti internazionali, dando vita ad un proficuo scambio di esperienze in materia di contrasto alla corruzione, con ampi spazi per linterattivit e la discussione. Alla luce dei recenti eventi politici che hanno avuto come protagonisti i paesi del Nord Africa e Medio Oriente, uno dei temi pi importanti all'ordine del giorno il recupero dei beni sottratti. Il recupero dei beni illeciti e dei proventi di attivit criminose infatti uno degli elementi pi importanti nella lotta al fenomeno della corruzione, e richiede competenze investigative e analitiche specifiche, oltre che la cooperazione internazionale fra vari paesi. Obiettivo principale di questo programma di formazione pertanto quello di migliorare la capacit delle principali agenzie governative della regione MENA di analizzare, investigare e perseguire i casi di corruzione internazionale. Un altro importante scopo del programma stato inoltre quello di assistere le autorit di questi Paesi nel migliorare la capacit del proprio personale di gestire le richieste internazionali e di portare avanti una collaborazione efficace con le giurisdizioni straniere nel recupero dei beni sottratti. Il seminario, rivolto esclusivamente ad operatori stranieri, si svolger a porte chiuse, in considerazione della sensibilit delle informazioni che verranno trattate. I lavori saranno in arabo ed inglese.

APPUNTAMENTI

Un momento atteso da circa


undici anni. Domenica prossima, alle ore 10, avr luogo la posa della prima pietra della Chiesa e dei locali parrocchiali di San Giuseppe Innografo ad Augusta. Sar presente lArcivescovo monsignore Salvatore Pappalardo per celebrare insieme alla comunit parrocchiale, guidata dal parroco don Giuseppe Mazzotta, la fine di una attesa che dura dal 2002, anno in cui la parrocchia San Giuseppe Innografo ha cominciato ad operare. Allinizio lungo la strada ricorda padre Mazzotta - , poi nelle due vecchie stanze messe a disposizione da un parrocchiano, ed infine nei prefabbricati dove attualmente ci troviamo.

Augusta Nuova chiesa

Anche per il biennio

Tiche: Una missione Levantina per Iistituto Costanzo


"Destroying stereotypes-buiding a new Europe!". L'obiettivo fondamentale quello di scardinare i pregiudizi, creare sensibilit circa le soluzioni che possono aiutare i nostri ragazzi a superarli e maturare un atteggiamento aperto e tollerante nei confronti degli altri cittadini europei. Il team di studenti della scuola si riunir regolarmente per lavorare su diversi argomenti e presentazioni propedeutici agli incontri. Il prossimo si svolger proprio in Sicilia dal 20 al 26 febbraio 2014. Il progetto Comenius un programma settoriale europeo facente parte del Lifelong Learning Programme, insieme al programma Leonardo da Vinci, al progetto Erasmus e al programma Grundtvig. Le azioni Comenius nascono come programma di supporto volte a garantire lo sviluppo e la formazione scolastica, per aiutare i giovani e il personale docente a comprendere meglio le culture europee, le diverse lingue e valori. Comenius promuove lo sviluppo della conoscenza e della comprensione del valore delle diversit culturali e linguistiche in tutta Europa. Prevede il miglioramento della qualit e laumento del volume della mobilit degli scambi di allievi, personale docente e istituti scolastici nei vari Stati membri dell'Unione europea, in modo da coinvolgerli in attivit educative congiunte. Favorendo scambi culturali tra studenti, Comenius si impegna ad aiutare i giovani ad acquisire le competenze di base necessarie allo sviluppo dellindividuo, migliorare e aumentare i partenariati tra scuole dei diversi paesi dellUnione Europea, incoraggiando inoltre, l'apprendimento di lingue straniere. Il personale docente perfeziona la qualit e la dimensione europea della propria formazione, oltre a potenziare le metodologie pedagogiche e la gestione scolastica. Il progetto si rivolge a tutti gli alunni dellistruzione scolastica fino al termine degli studi secondari superiori, a tutti gli istituti scolastici, e al relativo personale, alle associazioni, alle organizzazioni senza scopo di lucro e alle Organizzazioni Non Governative che rappresentano i soggetti coinvolti nellistruzione. Possono partecipare anche i centri di ricerca che hanno come oggetto le tematiche riguardanti lapprendimento permanente e gli organismi che forniscono servizi di orientamento, consulenza e informazione scolastica. I partecipanti allattivit hanno l'opportunit di migliorare le proprie competenze, ampliare le loro conoscenze e raggiungere una pi ampia consapevolezza dellistruzione in ambito europeo. La mobilit individuale una della attivit chiave allinterno del programma di apprendimento permanente e pu riguardare sia gli alunni che i docenti. Quest'attivit permette al personale impegnato nell'istruzione scolastica di partecipare ad attivit di formazione in un paese europeo, per un periodo che pu durare fino a 6 settimane.

2013/15 il VII Istituto Comprensivo Giuseppe Aurelio Costanzo partecipa ad un importante progetto multilaterale Comenius. La stessa delegazione siracusana si infatti recata a Myslowice (Polonia). L'incontro ha dato avvio al progetto che vede coinvolte scuole secondarie inferiori di sei paesi europei: Italia, Polonia, Germania, Lituania, Spagna, Turchia. Durante il primo incontro si sono definite le linee programmatiche del percorso biennale ed stato votato il logo italiano come logo comune del progetto. Grande soddisfazione degli alunni che lo hanno realizzato grazie alla guida delle mani esperte della prof.ssa Rossella Cavaliere. Il progetto ha un titolo ambizioso:

stanzo (Melilli, 6 marzo 1843 Roma, 14 luglio 1913) il personaggio al quale intitolata la scuola di Santa Panagia stato un letterato, poeta e professore universitario italiano. Poeta e letterato, professore e Direttore del Regio Istituto Superiore di magistero femminile di Roma. Ebbe il primo indirizzo letterario da Emanuele Giarac di Siracusa. Dopo aver vissuto l'esperienza del Picciotto, frequent l'Ateneo napoletano (1861-1864) sotto Francesco De Sanctis, Luigi Settembrini, Antonio Tari, Augusto Vera, Silvio Spaventa, Federico Persico ed altri. A Napoli compose i primi versi che attirarono l'attenzione di letterati, e ispirarono al Settembrini una lunga prefazione. Nel 1869 fu chiamato dal Ministero della Pubblica Istruzione di allora all'insegnamento delle lettere italiane al Liceo di Cosenza, alla cattedra medesima lasciata dallo Zumbini, e quando nel 1878 il Ministro Francesco De Sanctis fond a Roma l'Istituto superiore di Magistero, Giuseppe Aurelio Costanzo fu chiamato ad insegnarvi letteratura, e pi tardi, alla morte del Direttore di quell'Istituto, Giovanni Prati, Costanzo ebbe affidata la Direzione. Partecip insieme ad altri, ad un volume commemorativo sullo Zola, pochi mesi dopo la morte (cfr. Per Emile Zola, numero unico a cura di Salvatore Rago, Avellino, Tip, Pergola, 7 dicembre 1902).

10

16 NOVEMBRE 2013, SABATO

SiciliAntica, Sede di

Tiche: I Borgia a villa Reimann


alla valorizzazione delle testimonianze del nostro passato, possa colmare le inevitabili carenze che un approccio di tipo esclusivamente burocratico ed accademico pu causare. Da quando si costituita e, cio, dal 15 dicembre 1996, SiciliAntica ha condotto attivit di ricerca archeologica in collaborazione con le Soprintendenze. Quest'attivit stata finalizzata alla valorizzazione e alla tutela delle aree indagate, cos da renderle fruibili dall'intera collettivit. Non occorre nessun prerequisito per partecipare alle attivit sociali: esse sono rivolte alla generalit dei cittadini, perch la realt associativa ritiene che per interessarsi di archeologia e di arte non occorra nessuna preparazione culturale specifica n sia indispensabile pos-

Presentazione del libro di Salvatore Distefano in nota oggi alle 17,00

Siracusa, partecipa alla seconda manifestazione programmata nell'ambito delle attivit sociali. Con il patrocinio del Comune di Siracusa oggi, sabato 16 novembre, dalle 17:00, presso la sala conferenze di Villa Reimann - Via Necropoli Grotticelle in Siracusa, presentazione del nuovo lavoro di Salvatore Distefano dal titolo " I Borgia del Casale: storia e vicende di una famiglia dell'aristocrazia siciliana ". La storica dell'arte Francesca Gringeri Pantano discuter con l'autore sulle nuove scoperte documentarie che raccontano le vicende isolane ed aretusee meno note della famiglia romana dei Borgia. SiciliAntica un'Associazione culturale di volontariato, dal carattere regionale, che da diversi anni opera nel territorio siciliano con nume-

rose sedi dislocate in tutta l'Isola. L'Associazione, si occupa della tutela, della valorizzazione e della salvaguardia del patrimonio culturale siciliano, collaborando con le Istituzioni preposte. I soci impegnati nelle diverse attivit coordinate e promosse dalla Presidenza Regionale e gestite e organizzate dalle Sedi Locali, non vogliono in nessun modo sostituirsi alle competenti autorit, ma operano a sostegno di queste ultime nella convinzione che soltanto una fattiva collaborazione tra le Istituzioni e tutte le persone interessate

sedere doti psicofisiche eccezionali, ma siano sufficienti la passione e la volont di dedicare parte del proprio tempo libero alla realizzazione degli scopi sociali. L'Associazione SiciliAntica promuove la ricerca scientifica portando avanti, insieme alle istituzioni preposte, numerose campagne di scavi in vari centri dell'isola (Centuripe, Agira, Catania, Patern, Vizzini), a cui fanno seguito lo studio e la conoscenza delle antiche testimonianze portate alla luce dall'indagine archeologica, grazie all'organizzazione di convegni, conferenze, seminari e alla puntuale pubblicazione degli atti di questi simposi scientifici; svolge un'importante azione di tutela del patrimonio culturale siciliano progettando e proponendo il recupero di antichi edifici, non utilizzati o in stato di abbandono e segnalando agli uffici competenti gli interventi urgenti relativi al patrimonio storico, archeologico e artistico; promuove nell'ambito della scuola di qualsiasi grado, conferenze e incontri sui beni culturali per stimolarne la conoscenza, realizzando concorsi o borse di studio in collaborazione con Enti pubblici e privati; favorisce lo sviluppo di itinerari per un turismo culturale, valorizzando le risorse artistiche, ambientali ed agrituristiche del territorio; si batte per la tutela dell'ambiente, ricreando un equilibrato rapporto tra cittadino e natura e tra la comunit e il suo passato; si propone, infine, la realizzazione di qualsiasi altra attivit inerente il campo dei beni culturali e ambientali.

Di seguito la seconda parte della lettera aper-

Un evento dai risvolti propri piuttosto preoccupanti

Tiche: Al via i nuovi corsi SPRESAL


16 NOVEMBRE 2013, SABATO

11

ta indirizzata dallassociazione culturale al Primo Cittadino di Messina a proposito della celebrazione della solennit del 4 novembre nel capoluogo peloritano. Laspetto forse pi preoccupante di tutta la vicenda del 4 novembre messinese per signor Sindaco non tanto lattacco alle coronarie del buon Gianfranco Pensavalle, ma il proliferare in rete di un crescente e conseguente sentimento di disaffezione alle Forze Armate. Sentimento che ciclicamente emerge tra talune frange della popolazione e che potrebbe sfociare pure in atti ingiustificati e violenti. E il caso del vile attentato alla Caserma Santa Barbara in Milano, conosciuta dai milanesi come la Perrucchetti, verificatosi nellottobre del 2009: tuttavia in quelloccasione, a meno di un mese dalla ricorrenza del 4 novembre, molti si unirono al coro di solidariet per gli uomini dellEsercito vittime dellattentato. Ed ancora a Bologna lanno prima, dove furono rinvenuti volantini estremisti contro la Festa delle Forze Armate, un clima alimentato dallodio man mano che si avvicinava lanniversario della strage di Nassiriya del 12 novembre del 2003. Certamente conosciamo, signor Sindaco, la sua vocazione apertamente e manifestamente pacifista, contraria a qualunque forma di violenza, ma vorremo ricordarle che il compito di ogni buon maestro quello di disincentivare e/o disinnescare atti di questo tipo, oltre che di condannare ed emarginare movimenti estremisti minoritari e violenti, mai sopiti in Italia dagli anni sessanta ad oggi. Da ultimo vogliamo regalare a Lei signor Sindaco, che in occasione della trasmissione televisiva andata in onda su Rtp il giorno 9 novembre 2013 ebbe a parlare di presunta non coerenza dei cattolici in materia di disarmo, il pensiero filosofico dellOn.le Rocco Buttiglione intervenuto alla discussione tenutasi alla Camera dei Deputati proprio il giorno 7 novembre, nella seduta dedicata alla conversione in legge del decreto-legge 10 ottobre 2013, n.114 recante proroga delle Missioni Internazionali delle Forze Armate e di Polizia. Coscienti che al riguardo ogni cattolico pu maturare e mantenere idee diverse, riportiamo di seguito il resoconto stenografico dellintervento dellOn. le Buttiglione: Voglio fare una seconda premessa di carattere e di metodo che riguarda la questione che stata sollevata del pacifismo. C stato un appello ai cattolici; io non mi proclamo mai cattolico nei miei discorsi politici e quindi non parler da cattolico, ma mi sembra, da studioso di filosofia e anche di scienza della politica, che i cattolici non sono pacifisti, i cattolici sono pacifici. Pacifico e pacifista non sono la stessa cosa e voglio spiegarlo facendo riferimento a Gandhi. Gandhi dice che bisogna opporsi al male, senza usare la forza se sei capace di opporti al male senza usare la forza e, se non ne sei capace, facendo uso della forza; opporsi al male facendo uso della forza comunque meglio, per Gandhi, che non opporsi al male, chiudersi nel proprio guscio o, addirittura, consentire la prepotenza e la violenza altrui. Sarebbe bene che i pacifisti ricordassero questo altissimo insegnamento di Gandhi, il satyagraha di Gandhi non l'acquiescenza alla violenza.. Cos si esprime lassociazione Lamba Doria illustrando la tematica in questione.

Il

Servizio di prevenzione e sicurezza negli ambienti di lavoro dellAsp di Siracusa diretto da Renato Minniti ha promosso per il terzo anno consecutivo i corsi di formazione gratuiti nei settori delledilizia, dellagricoltura e delle malattie professionali. Liniziativa, organizzata dallUnit operativa Formazione ed Epidemiologia occupazionale di cui responsabile Alba Spadafora, destinata a lavoratori, datori, rappresentanti sindacali e responsabili dei servizi di prevenzione e protezione delledilizia e dellagricoltura nonch a medici aziendali e di famiglia per quanto attiene alle malattie professionali. Liscrizione va effettuata entro il 30 novembre. I moduli sono scaricabili dal sito internet aziendale allindirizzo www.asp.sr.it. Si tratta di un importante appuntamento che rientra tra le azioni previste nel piano straordinario per la tutela della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro varato dallAssessorato regionale del-

Le adesioni a questi ambiti andranno formalizzate entro la data del 30 novembre prossimo
nelle giornate 19, 21, 28 e 29 novembre, 3, 4, 5 e 6 dicembre. Il secondo appuntamento riguarda le malattie professionali e gli aspetti clinici, giuridici ed epidemiologici e si terr il 7, 9 e 10 dicembre nella sala formazione Spresal di Siracusa, riservato ai medici competenti aziendali ed ai medici di medicina generale. Per questo evento stata avanzata la richiesta di crediti Ecm. Lobiettivo quello di fare chiarezza sugli adempimenti medico-legali relativi alle malattie professionali e conseguentemente come intervenire preventivamente nel mondo del lavoro per ridurre il rischio legato allesposizione professionale. Il terzo corso formativo dedicato allagricoltura e alla selvicoltura e si terr il 26 e 27 novembre e il 9 e 10 dicembre a Siracusa nella sala conferenze Spresal; il 3, 4, 11 e 12 dicembre nella sala conferenze dellospedale Trigona di Noto e il 10, 11, 12, 13 dicembre nella sala

A Siracusa le sessioni formative organizzate dallASP 8 si terranno presso lospedale Rizza

la Salute sottolinea il commissario straordinario dellAsp di Siracusa Mario Zappia - distinto in tre piani mirati ai settori pi soggetti ad infortuni. La sensibilizzazione e la formazione dei datori di lavoro e delle maestranze rappresenta uno dei momenti qualificanti e imprescindibili per contribuire al contenimento di tali fenomeni. Il primo corso, dedicato al settore delledilizia sulle tematiche relative alla prevenzio-

ne e alla sicurezza nei cantieri edili, si svolger nellaula formazione dellospedale Muscatello di Augusta il 20 e il 22 novembre ed dedicato ai datori di lavoro, ai coordinatori della sicurezza, e ai preposti: il 5 ed il 6 dicembre, invece, nella medesima sede lappuntamento rivolto ai lavoratori e ai rappresentanti sindacali. Il corso sar tenuto anche a Siracusa, nellaula formazione del Spresal ubicata nel presidio ospedaliero A. Rizza di viale Epipoli,

conferenze dellospedale di Lentini. Solo per la sede di Siracusa, in collaborazione con lUnit operativa Soat, verranno approfonditi, inoltre, i temi dello smaltimento dei rifiuti e della tenuta dei quaderni di campagna e verranno forniti indirizzi sulluso sostenibile dei prodotti fitosanitari. Educazione Continua in Medicina (Ecm) un programma nazionale di attivit formative, attivo in Italia dal 2002. L'Ecm prevede il mantenimento di un elevato livello di conoscenze relative alla teoria, pratica e comunicazione in campo medico. Il programma stato adottato da tutti i maggiori Paesi del mondo. In Italia obbligatorio per tutti i professionisti della Sanit con il fine di mantenersi aggiornati e competenti. Il Programma Ecm comprende l'insieme di organizzazione e controllo delle attivit formative di chiunque lo desideri effettuare, da societ scientifiche a fondazioni, a reparti, universit ed associazioni.

Iniziativa della federazione italiana laureate e diplomate istituti superiori in agenda per stamani alle 10,30

Conversazioni

Ortigia: Conversazioni a regola darte allINDA

a regola DArte: D come Donne, A come Artiste. Siracusa - Washington capolavori d'arte dall'unico Museo al mondo dedicato esclusivamente alle artiste donne Lappuntamento a Palazzo Greco, sede Inda, in Corso Matteotti 29, per la data di oggi, sabato 16 novembre alle 10.30. In armonia con le lineeguida tracciate dal Ministero degli Affari Esteri che ha eletto il 2013 Anno della Cultura Italiana negli Stati Uniti, la Fildis Siracusa lieta di invitare il pubblico interessato a un evento che ha come protagonista il mondo femminile e il mondo dellarte, due mondi che si incontrano laddove sinnesca il processo di emancipazione della donna. Ospite donore la Dott.ssa Maria Teresa Di Blasi, Critico dArte, che

presenta i capolavori del National Museum of Women in the Arts of Washington. Saluto di benvenuto del Commissario Straordinario dellInda, Dott. Alessandro Giacchetti. Introduce e presenta Maria Vittoria Fagotto Berlinghieri, Presidente Fildis, Sezione di Siracusa. Interviene Simonetta Arnone, Dirigente Scolastico Liceo Artistico "Gagini" di Siracusa. Parole dartista con le voci degli allievi dell'Ac-

cademia d'Arte del Dramma Antico. Al pianoforte note d'autore di Salvino Strano. La Fildis la Federazione italiana laureate e diplomate Istituti superiori, e fa parte della International Federation of University Women. Nata nel 1920 e dal 1922 affiliata alla Ifuw di Londra come organizzazione femminista, una delle prime presidenti ne fu Isabella Grassi. Avversata dal governo fascista, la Fildis si sciolse nel 1935

per ricostituirsi nel 1944, e partecip alla lotta per il riconoscimento del voto alle donne. Attualmente suddivisa in 14 sezioni ed riconosciuta dalla Commissione per le pari opportunit tra uomo e donna. Legato alla Fildis il Centro Studi Storia Donna, fondato nel 1980, che pubblica una rivista semestrale e raccoglie una biblioteca tematica. Gli scopi della Fildis, come quelli dell'International Federation of University Women, consistono nell'elevare il grado d'istruzione delle donne, promuovendo la cooperazione tra le laureate di tutto il mondo, valorizzando la loro attivit professionale, e studiando e incoraggiando la soluzione dei problemi sociali attraverso la collaborazione con ogni altra organizzazione femminile.

12

Rubrica a cura della Confesercenti di Siracusa


Ci allarmano le preoccupazioni riguardo a una materia cos delicata come quella relativa alla previdenza. Non vogliamo che, ancora una volta, a pagare per il combinato tra Legge Fornero e il buco dellex ente di previdenza siano solo pensionati e lavoratori. E quanto afferma Massimo Vivoli presidente Fipac Confesercenti in merito alle dichiarazioni del presidente dellInps. Non possiamo consentire continua Vivoli- di continuare a creare allarmi sociali, mentre in questa fase bisognerebbe mettere al centro proposte per una nuova legge in materia previdenziale che consenta di superare la Legge Fornero e ridare fiato e fiducia a pensionati e famiglie. Si tirano in ballo la mancanza di tranquillit e presunti problemi tecnici: noi vorremmo sapere in primo luogo perch si gestita cos male unoperazione tanto complessa in un periodo di fortissima crisi. Emergano chiare le responsabilit. Questo frastuono rischia di non fare emergere qual la reale condizione che gli anziani vivono nel nostro Paese: pensioni non adeguate alleconomia reale, spesso ai limiti della povert. Ricordiamo- conclude il presidente di Fipac che una pensione media oggi di 791 euro, mentre lattuale Legge di stabilit incide di circa 300 euro sulle tasche dei pensionati. E francamente delude molto la marcia indietro compiuta sullinnalzamento della no tax area. Per questa ragione, credo sia indispensabile trasformare questa fase di emergenza in azioni a sostegno di pensionati e lavoratori. Recessione ancora in atto, perso il 9% dal 2007. Servono interventi incisivi Continua il calo del Pil italiano: nel terzo trimestre del 2013 il prodotto interno lordo, corretto per gli effetti di calendario e destagionalizzato, diminuito dello 0,1% rispetto al trimestre precedente e dell1,9% nei confronti del terzo trimestre del 2012. A rilevarlo lIstat: con la flessione di questo trimestre, sono nove i cali congiunturali consecutivi del Pil in Italia. La diminuzione segnata in questo trimestre la sintesi di una diminuzione del valore aggiunto nei comparti dellagricoltura e dei servizi e di un aumento del valore aggiunto nellindustria. Il terzo trimestre del 2013 ha avuto tre giornate lavorative in pi del trimestre precedente e una giornata lavorativa in pi rispetto al terzo trimestre del 2012. I dati relativi al prodotto interno lordo italiano dimostrano che siamo ancora in piena recessione. Limmagine che restituiscono infatti quella di un Paese che continua a impoverirsi, anche se ad un ritmo meno veloce rispetto al recente passato: secondo i nostri calcoli, dal 2007 al 3 trimestre del 2013 la perdita cumulata di prodotto ormai del 9%. Anche la spesa delle famiglie continua a calare, e per la fine del 2013 ci attendiamo un risultato peggiore per i consumi del -2,2% previsto. Cos Confesercenti commenta i dati Istat sul prodotto interno lordo in Italia nel III trimestre. Per quanto riguarda il Pil, la variazione acquisita per il 2013 gi peggiore di due decimali rispetto a quella stimata ad ottobre dal Governo. Adesso le speranze di ripresa si concentrano nel quarto trimestre: se non riuscissimo a virare in positivo, la decrescita del nostro Pil a fine anno sar ancora pi forte. E porr unipoteca pesante sulle speranze di agganciare, nel 2014, una crescita di almeno 1 punto percentuale. Da segnalare, inoltre, che la crisi sembra colpire soprattutto il mercato interno: per questo riteniamo che sia il momento di interventi forti sul fisco per rilanciare lattivit di impresa e il rede antiusura, che dura. Faib, Fegica e Figisc chiedono incontro urgente alla Regione. Le nuove disposizioni preoccupano la categoria dei benzinai Faib, Fegica e Figisc chiedono urgentemente, in una nota congiunta, un incontro allAssessore Regionale Attivit Produttive Dott.ssa Linda Vancheri per avviare un confronto, fino ad oggi mai avvenuto con la Categoria, in merito alle disposizioni contenute sul Decreto n. 232 del 25 ottobre 2013. Un raffronto che si sarebbe dovuto consumare quantomeno nellambito della Commissione Consultiva Carburanti, organo a garanzia di una sana concertazione tra la componente pubblica e quella privata per pervenire a scelte condivise circa lo sviluppo del modello di distribuzione carburanti in Sicilia. Un provvedimento, che ci coglie pertanto di sorpresa, precisano i Presidenti delle tre sigle sindacali, e che nella sua attuale formulazione, penalizzerebbe ulteriormente i titolari della licenza di esercizio, gi gravati dal peso della crisi e delle misure fiscali che hanno ridotto significativamente il volume degli erogati a danno della sopravvivenza dei 2.400 impianti presenti sul territorio regionale. Il tema che preoccupa gli operatori del settore che con evidenza emerge dalle misure contenute nel decreto, come ad esempio il flebile obbligo del terzo prodotto piuttosto che la deroga dellArt. 6 della Legge 97/82 per lintroduzione del gasolio e delle apparecchiature self, lulteriore allargamento delle maglie a favore di una liberalizzazione che nella sua applicazione poco guarda allefficienza e allefficacia del mercato ma che sembra tendere verso il rafforzamento delle grandi lobby eco-

Inps: preoccupazione per i pensionati per gli effetti combinati della legge Fornero e del buco dellex ente di previdenza
16 NOVEMBRE 2013, SABATO

Continua il calo del Pil italiano: nel terzo trimestre del 2013 il prodotto interno lordo, corretto per gli effetti di calendario e destagionalizzato, diminuito dello 0,1% rispetto al trimestre precedente e dell1,9% nei confronti del terzo trimestre del 2012
nomiche a discapito della figura del gestore e degli interessi del consumatore finale. Importante obbligo per chi vende pesce e cefalopodi freschi A norma del DM 17 luglio 2013, recante le informazioni minime obbligatorie da indicare a tutela dei consumatori di pesce e cefalopodi freschi, nonch dei prodotti dacqua dolce, nei luoghi ove si offrano in vendita tali alimenti, chi vende pesce e cefalopodi freschi ha lobbligo di esporre presso il punto vendita in maniera ben visibile un cartello che evidenzi come in caso di consumo crudo marinato o non completamente cotto il prodotto debba essere preventivamente congelato per almeno 96 ore a - 18 C in congelatore domestico contrassegnato con tre o pi stelle. La Regione e lAzienda Sanitaria Locale nel caso di omessa esposizione del cartello applicheranno al trasgressore una sanzione amministrativa pecuniaria da 600,00 ad 3.500,00. Presso la Confesercenti disponibile per i soci operatori del settore ittico il summenzionato cartello. Modifica delle norme sui prodotti succedanei dei prodotti da fumo (sigarette elettroniche), in tema di salute e pubblicit Sulla Gazzetta Ufficiale serie generale - n. 214, del 12 settembre 2013, stato pubblicato il testo della legge 8 novembre 2013, n. 128, di conversione del decreto-legge 12 settembre 2013, n. 104, recante: Misure urgenti in materia di istruzione, universit e ricerca. La legge 128 ha apportato significative modifiche alloriginario testo del decreto legge, alcune delle quali nel senso voluto dalla Confesercenti, con riferimento alla normativa in materia di prodotti succedanei dei prodotti da fumo (e-cig, ovvero sigarette elettroniche). Nello specifico, lart. 4 della legge, al comma 5-sexies, ha soppresso il secondo periodo del comma 10-bis dellarticolo 51 della legge 16 gennaio 2003, n. 3 (legge Sirchia), aggiunto dalla legge 9 agosto 2013, n. 99, laddove prevedeva che ai prodotti succedanei dei prodotti da fumo si applicano le disposizioni vigenti per i tabacchi lavorati in materia tutela della salute dei non fumatori e di divieto pubblicitario e promozionale. Quanto alle prime, queste comportavano il divieto di fumare - e dunque, per estensione, anche di assumere i vapori dei prodotti succedanei dei prodotti da fumo - nei locali chiusi (quali, ad esempio, i pubblici esercizi), ad eccezione di quelli privati non aperti ad utenti o al pubblico. Con la soppressione del secondo periodo dellart. 51 viene ora consentita lassunzione dei vapori delle e-cig nei locali pubblici quali ristoranti, bar, ecc., mentre il divieto di utilizzo delle sigarette elettroniche continua a vigere nei locali chiusi delle istituzioni scolastiche statali e paritarie, comprese le sezioni di scuole operanti presso le comunit di recupero e gli istituti penali per i minorenni, nonch presso i centri per l'impiego e i centri di formazione professionale. Per ci che concerne i divieti pubblicitario e promozionale, il comma 5-sexies ha aggiunto allart. 51 della legge n. 3/2003 ulteriori sei commi, che, in sostanza, riguardano limitazioni alla pubblicit di liquidi o ricariche per sigarette elettroniche contenenti nicotina avente potenziali effetti di induzione al consumo nei confronti dei minori. Si sottolinea come le suddette limitazioni riguardino esclusivamente i prodotti contenenti nicotina. Queste le nuove prescri-

16 NOVEMBRE 2013, SABATO

13

dito delle famiglie, come misura per incentivare la reazione e far ripartire la nostra economia. La legge di stabilit, cos com, non abbastanza incisiva: bisogna fare di pi, o rischiamo un 2014 a crescita zero. Stanziati 20 milioni di euro per le vittime di usura e 10 milioni per quelle del racket Abbiamo una grande ambizione: rendere il nostro Paese pizzo free e usura free, liberando lItalia da pezzi dellantistato che inquinano e danneggiano leconomia legale. Lo ha detto il ministro dellInterno, Angelino Alfano, presentando al Viminale insieme al prefetto Elisabetta Belgiorno la relazione sullattivit del Comitato di solidariet per le vittime dellestorsione e dellusuranellanno 2012. Dobbiamo riaffermare -ha scandito Alfano- le regole della libera concorrenza, nelle quali il presupposto che a vincere il migliore. Quando c il pizzo -ha sottolineato il ministro- questo processo di merito si interrompe. Noi difendiamo gli usurati e le vittime del pizzo e con questo difendiamo anche leconomia legale, perch latto eroico della denuncia, supportato dallo Stato, dalle Associazioni e dalla Chiesa, costruisce percorsi di legalit. Laltro sforzo da realizzare -ha indicato il titolare del

Viminale- spezzare lisolamento di chi denuncia. Con il cono di luce acceso su queste storie, vogliamo dire che lo Stato al fianco di chi si ribella, perch chi si ribella non resta solo. Conosco storie di successo ha ricordato Alfano- che nascono proprio da una ribellione. Sono convinto che se si attiva un meccanismo di contagio virtuoso, si libera speranza e si aprono terreni alla legalit. Lo Stato -ha quindi rimarcato il ministro dellInterno- sa fare prevenzione, anche attraverso i mini-pool di esperti sul territorio, coordinati da una strategia centrale, perch il ministero dellInterno opera sul territorio ed in grado di fare rete e squadra. Per Alfano, per, necessario potenziare meccanismi di sussidariet, perch allinterno del sistema sicurezza, deve inserirsi la partecipazione dei cittadini, e si amplia la rete di prevenzione con laiuto delle associazioni e delle categorie: pi si allarga questo processo, pi si arriver a fondo e si combatteranno questi fenomeni. Perci, ha concluso Alfano, occorre una grande alleanza tra la mano pubblica, lo Stato e i cittadini. Come dimostrano i risultati di questa relazione, non parliamo solo di dati ma di un percorso di vittoria, nel quale la validazione dei risultati va di pari passo con la declinazione di una strategia antiracket

zioni: 10-ter. La pubblicit di marchi di liquidi o ricariche per sigarette elettroniche contenenti nicotina consentita a condizione che riporti, in modo chiaramente visibile la dicitura presenza di nicotina e lavvertimento sul rischio di dipendenza da nicotina. 10-quater. Entro sei mesi dalla data di entrata in vigore della disposizione, le emittenti radiotelevisive pubbliche e private e le agenzie pubblicitarie, unitamente ai rappresentanti della produzione, hanno lobbligo di adottare un codice di autoregolamentazione sulle modalit e sui contenuti dei messaggi pubblicitari relativi alle ricariche per sigarette elettroniche contenenti nicotina. 10-quinquies. vietata la pubblicit di liquidi o ricariche per sigarette elettroniche contenenti nicotina che sia trasmessa allinterno di programmi rivolti ai minori e nei quindici minuti precedenti e successivi alla trasmissione degli stessi, che attribuisca efficacia o indicazioni terapeutiche che non siano espressamente riconosciute dal Ministero della salute e rappresenti minori di anni diciotto intenti allutilizzo di sigarette elettroniche. 10-sexies. vietata la pubblicit diretta o indiretta delle ricariche per sigarette elettroniche contenenti nicotina nei luoghi frequentati prevalentemente dai minori. 10-septies. vietata la pubblicit radiotelevisiva di liquidi o ricariche per sigarette elettroniche contenenti nicotina nella fascia oraria dalle 16 alle 19. 10-octies. vietata in qualsiasi forma la pubblicit di liquidi o ricariche per sigarette elettroniche contenenti nicotina: a) sulla stampa quotidiana e periodica destinata ai minori; b) nelle sale cinematografiche in occasione della proiezione di film destinati prevalentemente alla visione da parte dei minori. La violazione delle disposizioni di cui ai commi da 10-ter a 10-octies punita con la sanzione amministrativa consistente nel pagamento di una somma da euro 5.000 a euro 25.000. La sanzione raddoppiata per ogni ulteriore trasgressione. Detta

sanzione si applica altres alle industrie produttrici e ai responsabili delle emittenti radiotelevisive e degli organi di stampa, nonch ai proprietari delle sale cinematografiche. Con loccasione, si avverte che la Confesercenti sta adoperandosi con grande impegno per la modifica del testo della legge n. 99/2013, nella parte in cui ha istituito limposta di consumo sui prodotti di cui sopra, supportando liniziativa di qui gruppi parlamentari che aderiscano alle richieste degli operatori del settore rappresentati e organizzati nella FIESEL, preoccupati per le sorti del comparto nel caso dellapplicazione, dal 1 gennaio 2014, delle nuove norme in materia. PRESSO LA CONFESERCENTI SONO APERTE LE ISCRIZIONI PER I NUOVI CORSI ABILITANTI E PREPARATORI Sono aperte le iscrizioni per frequentare i corsi abilitanti obbligatori per chi intende esercitare lattivit di vendita di generi alimentari, di somministrazione di alimenti e bevande, di ristorazione, di agente e rappresentante di commercio. Sono anche aperte le iscrizioni ai corsi preparatori obbligatori per sostenere gli esami abilitanti presso la Camera di Commercio per chi intende esercitare lattivit di agente immobiliare. I corsi per gli aspiranti commercianti nel settore degli alimenti, per chi intende esercitare lattivit di somministrazione e ristorazione hanno la durata di 100 ore articolate nellarco temporale di due mesi. Le lezioni si svolgeranno nei giorni di Luned, Mercoled e Venerd dalle ore 15.30 alle ore 19.30. Per quanto riguarda gli aspiranti agenti e rappresentanti di commercio e gli aspiranti agenti immobiliari i corsi hanno la durata di 80 ore articolate nellarco temporale di due mesi. Le lezioni si svolgeranno nei giorni di Marted e Gioved dalle ore 15.30 alle ore 19.30. Chi intendesse frequentarli pu recarsi presso la Confesercenti in Via Ticino n. 8 (Tel. 0931/22001) e compilare la scheda di iscrizione.

Stilata dal direttivo dellassociazione culturale Lamba Doria a proposito della celebrazione della solennit del 4 novembre nel capoluogo peloritano.

14

16 NOVEMBRE 2013, SABATO

Lettera aperta indirizzata al primo cittadino di Messina


Solidariet
dellAssociazione Storico Culturale Lamba Doria alle Forze Armate a seguito dellintervento del Sindaco di Messina Renato Accorinti in occasione della celebrazione della Festa del 4 novembre per lUnit Nazionale e Giornata delle Forze Armate. Di seguito il testo della lettera aperta della stessa realt associativa al Sindaco di Messina Renato Accorinti LAssociazione Storico Culturale Lamba Doria esprime profonda solidariet alle Forze Armate e al Generale di Corpo dArmata Ugo Zottin, Comandante Interregionale Carabinieri Culqualber, per il discorso pronunciato dal Sindaco di Messina Renato Accorinti in occasione della celebrazione della Festa del 4 novembre per lUnit Nazionale e Giornata delle Forze Armate tenutasi nella Citt dello Stretto in Piazza Unione Europea. Discorso dal chiaro tenore ideologico, assolutamente fuori tema nella circostanza e poco condiviso dai rappresentanti delle Istituzioni e dai tanti uomini e donne in divisa dellEsercito, della Marina, dellAeronautica e dei Carabinieri, e che ha quindi suscitato uninnegabile imbarazzo ai presenti alla cerimonia. Onorare chi ha perso la vita cosa molto importante: ho in mente tutti i partigiani che hanno lottato contro il fascismo per avere libert e pace.. E proprio al cospetto del monumento eretto dalla Citt in perenne memoria del Milite Ignoto, che il Sindaco di Messina - forse troppo concentrato emotivamente e retoricamente ad evocare un valore universale condiviso da tutti qual il valore della pace - ha omesso pi o meno consapevolmente di ricordare e commemorare, nella Giornata propriamente dedicata alle Forze Armate, i tanti soldati, marinai, avieri e carabinieri che in 152 anni di Storia Patria e nel corso di tutte le guerre in armi hanno immolato la propria vita per servire quegli ideali di unit e di fratellanza che hanno consentito oggi anche al Sindaco di indossare, certamente con orgoglio, il Tricolore nazionale. Il 4 novembre si vuole celebrare, signor Sindaco, la vittoria per lintegrit territoriale conquistata definitivamente nel 1918, e nel contempo si vuole richiamare lattenzione intorno alle nuove sfide per soddisfare la crescente richiesta di sicurezza individuale e collettiva avanzata a gran voce dai cittadini del nostro Paese in risposta ai rischi dinstabilit e alle minacce terroristiche transnazionali. Il richiamo alla memoria dei soli partigiani caduti, del resto, poteva suonare corretto e non retorico se pronunciato in occasione della Festa della Liberazione del 25 aprile, con preciso ed auspicabile richiamo ai partigiani di tutti gli schieramenti politici. Un richiamo che, palesemente fuori luogo, ha nei fatti deluso ed irritato i familiari dei tanti caduti civili e militari messinesi di tutte le guerre, compresi i militari di Messina e Provincia caduti recentemente in Afghanistan e prima ancora in Iraq di cui proprio oggi ricorre il decimo anniversario dellattentato della cruenta strage di Nassiriya dove morirono, martiri, 19 italiani nel pi grave attentato subito dalle nostre truppe dal dopoguerra. Bastava che il Sindaco prendesse preventivamente visione del messaggio del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano. Nel discorso alla Nazione il Presidente ha infatti testimoniato la vicinanza del Paese alle Forze Armate, garanti di libert e presidio delle Istituzioni democratiche, ed ha rivolto un commosso appello ai caduti di tutte le guerre e a coloro che hanno perso la vita, in Patria e all'estero, per la sicurezza del Paese e della Comunit Internazionale e per la salvaguardia della pace. Emblematico pure il richiamo allUnit Nazionale: celebrare il 4 novembre come Giornata delle Forze Armate, e insieme di quell'Unit Nazionale che esse hanno in cos larga misura contribuito a realizzare, consolidare, difendere, significa rendere omaggio a una storia incancellabile e valorizzare un impegno che continua in forme nuove a mostrarsi essenziale.. La invitiamo pertanto, signor Sindaco, a fare proprie le parole di elevatissimo spessore culturale e di altissimo valore educativo e morale pronunciate nella stessa giornata del 4 novembre dal primo Presidente Comunista della storia Repubblicana, un Presidente che ha superato il confronto con i precedenti tanto da essere rieletto. In un altro passaggio del suo discorso poi, signor Sindaco, ha tenuto ad evidenziare che le spese per la difesa sono cresciute. Se avesse letto, proprio quella mattina del 4 novembre, larticolo di Francesco Vignarca apparso sul sito on line del movimento politico di Rifondazione Comunista (http://www2.rifondazione. it/primapagina/?p=8631), avrebbe certamente notato che la Legge di Stabilit, attualmente in discussione alla Camera - a meno di stravolgimenti dellultimo momento - ha ridotto per lanno prossimo e congelato per il 2015, le spese per la Difesa. E doveroso evidenziare altres che negli ultimi anni, ed in particolare dal 2007, le spese per la Difesa si sono ridotte del 20%. E acclarato, peraltro, che per il 2013 la spesa cresciuta di poco,ma sol perch nel 2012 ha avuto una contrazione drastica del 10% circa. Auspichiamo pertanto, per il futuro, che prima di pronunciarsi sul punto il signor Sindaco sinformi pi dettagliatamente e specificamente, e non si lasci travolgere da intenti demagogici. E innegabile comunque che la spesa militare - a meno di non voler pretendere un modello di difesa disarmata qualcosa che non pu prescindere dal sostenimento di costi adeguati per mantenere uno strumento in linea al modello di difesa deciso dal Parlamento sovrano e concertato con i nostri Alleati nelle sedi appropriate, da cui discendono le

attuali 21 missioni internazionali a partecipazione italiana. Giova ricordare, sul punto, il pensiero del Presidente della Repubblica in occasione della consegna delle decorazioni dellOrdine Militare dItalia, avvenuta sempre il giorno 4 novembre. Contro facili sussulti demagogici il nostro Presidente ha efficacemente precisato che non possiamo quindi indulgere a semplicismi e propagandisti che circolano in materia di spesa militare e di dotazioni indispensabili per le Forze Armate...ancora oggi, ci si guardi dal discutere con leggerezza di una riduzione in generale dellimpegno dellItalia, sul piano militare, al servizio della Comunit internazionale. Questa settimana, per buona pace di tutti, le Camere approveranno il decreto di proroga in legge delle missioni internazionali, la cui dizione esatta della legge, seppur chilometrica, Missioni internazionali delle Forze Armate e di polizia, iniziative di cooperazione allo sviluppo e sostegno ai processi di ricostruzione e partecipazione alle iniziative delle organizzazioni internazionali per il consolidamento dei processi di pace e di stabilizzazione. Per quanto riguarda invece lagognata chiusura degli arsenali militari aiuterebbe ricordare latteggiamento di chi, in piena guerra fredda, manifestava per una Europa libera dalle armi che non poi doveva contrapporsi allUnione delle Repubbliche Socialiste Sovietiche, che nel frattempo per puntavano le loro testate nucleari contro le nostre capitali. Sicch lEuropa si arm di armi convenzionali e missili e, per buona pace di tutti i detrattori, vivemmo e viviamo ancora oggi pacifici nel nostro caro e vecchio continente. Quanto alla bandiera arcobaleno, simbolo incondizionato di Pace, ma cos eccessivamente imposta, e non proposta, durante la Cerimonia ed ostentata davanti ad ignari e impietriti Carabinieri e Soldati, il Sindaco sappia che gli eccessi sono sempre e comunque da condannare, anche se commessi in buona fede. Per tali motivi, alle Forze Armate e ai rappresentanti di tutte le Istituzioni civili e militari, presenti in Piazza Unione Europea di Messina il giorno 4 novembre 2013, e per chi ha provato grande imbarazzo e si sentito intimamente e ingiustamente offeso, giunga la nostra piena solidariet. Associazione Culturale Lamba Doria Direttivo Regionale 12 novembre 2013. Associazione Culturale Lamba Doria, viale Luigi Cadorna n. 24, 96100 Siracusa Presidente Dott. A. Moscuzza, 3495948765, Referente Regione Sicilia Dott. C. Di Bartolo, 3389090649. Cosi lassociazione Lamba Doria. La seconda parte della lettera aperta a pagina 10 su questa stesso numero.

Un refolo di serenit dopo la rescissione del rapporto con Mastrolilli e Montalbano Profilo basso per il derby di Rosolini ove Strano presenter una squadra pi veloce
dra del capoluogo. Orazio Trombatore che in settimana ha raccomandato a pi riprese maggiore attenzione, soprattutto ad uomini di esperienza come Ricca e Tasca, per evitare le distrazioni che a Rometta, domenica scorsa, hanno consentito alla squadra locale di rimontare il gol iniziale di Monaco e di vincere la partita. Profilo basso invece per il Siracusa che al posto dei proclami che hanno finora caratterizzato le vigilie degli incontri fin qui disputati, ha preferito provare schemi alternativi a quelli che prevedevano in Mastrolilli lunico terminale offensivo. In preallarme dunque Lentini e Grazioso che dovrebbero velocizzare la manovra offensiva, mentre per colmare il buco difensivo creato dalla squalifica di Matinella sono in lizza tre nomi. Aria di quiete dopo la tempesta , dunque in casa azzurra. Sperando che, questa volta, sia il Siracusa a far festa. Armando Galea

SPORT Siracusa
Passata la sfuriata dirigenziale culminata nella rescissione del rapporto con Mastrolilli e Montalbano e smentite le voci che volevano anche Di Mauro fra gli epurati, un briciolo di serenit anche per il Siracusa che, una volta tanto senza proclami , affronter domenica al Consales di Rosolini la squadra locale allenata da Orazio Trombatore. Sul fronte dei rinforzi, stata rimandata alla prossima stagione lidea Zampaglione per trovare il bomber che agli azzurri manca, sia perch il popolare Mimmo sta bene alla Vigor Lamezia ove ha messo finora a segno otto reti, ed riluttante a scendere di categoria, sia perch la societ lametina non ha alcuna intenzione di privarsi del giocatore. Situazione analoga per Ignazio Panatteri che per a Siracusa ritornerebbe di buon grado, ma solo nella prossima stagione. Calato invece linteresse per lex granata Villa e per lex azzurro Dal . Negativi

16 NOVEMBRE 2013, SABATO

15

La quiete dopo la tempesta (versione azzurra)

Holimpia, arriva il Golem Reggio Calabria Santino Sciacca: Test molto impegnativo
E il primo vero test impegnativo della stagione. LHolimpia Siracusa misurer oggi al PalAkradina (ore 19) la sua forza con una delle maggiori candidate alla promozione finale, il Golem Software Reggio Calabria. In classifica due soli punti dividono le due squadre, che hanno disputato tre gare (sulle quattro in calendario), osservando entrambe uno dei due turni di riposo previsti dai ritiri di Cutro e Cefal. La compagine calabrese, che annovera tra le sue fila due giocatrici straniere di buon livello come Nielsen e Neves, ha debuttato perdendo sul campo della Planet Strano Catania al tie-break; poi per due netti successi interni consecutivi contro laltra capolista, il Santa Teresa di Riva, ed il Castelvetrano. Sar una partita molto dura e impegnativa ha detto coach Santino Sciacca contro una squadra di tutto rispetto. Il Golem punta alla promozione, noi ad una tranquilla salvezza. Stiamo per attraversando un momento felice, siamo in testa alla classifica e vogliamo restarci. Ovvio che cercheremo il successo pieno, sfruttando il fattore campo e la spinta del nostro pubblico, che mi auguro sia presente in gran numero come nelle precedenti gare interne. A proposito del fattore entusiasmo, Sciacca puntualizza che per il momento non previsto alcun trasferimento al PalaLobello. Ci troviamo bene al Palakradina e vogliamo rimanerci. Se ne riparler, eventualmente, quando questo palazzetto sar palesemente insufficiente per ospitare il pubblico che verr ad assistere alle nostre partite. Per adesso per non un problema che mi pongo. Ci alleniamo e giochiamo qui e siamo contenti cos.

anche i sondaggi per due promettenti elementi (un difensore e un attaccante) che giocano nella primavera di una societ di B disposta a concederli in prestito ma solo a squadre in grado di garantirne limpiego , condizione che il Siracusa non pu accettare ad occhi chiusi. Ma siamo solo allinizio di una serie di trattative, alcune delle quali potrebbero risolversi positivamente, dando cos fiato alle residue speranze degli azzurri di inserirsi nel discorso promozione in cui solo in pochissimi credono. E intanto incombe il derby col Rosolini , una compagine che in casa si esalta tanto da affidare agli incontri interni lauspicio di una tranquilla salvezza e che farebbe carte false per rimandare battuta la squa-

LAlbatro torna al PalaLoBello contro il Fondi

Finalmente si riparte. Dopo la sosta forzata di due settimane, una per dar spazio alla Nazionale e unaltra imposta dal calendario, lAlbatro di mister Vinci pronta a scendere in campo, oggi alle ore 16.00 al PalaLoBello contro i forti laziali del Fondi. Due settimane provvidenziali di duro lavoro per i ragazzi del presidente Laudani, servite per ritrovare la giusta concentrazione per affrontare al meglio un match che sulla carta vede favorevoli proprio i ragazzi di mister Manzi, seconda forza di questo campionato. Abbiamo fatto un buon lavoro in queste due settimane. Domani sar una gara difficile, perch affrontiamo una squadra delle squadre pi in forma di questo girone, con giocatori di esperienza e forti fisicamente. Questo non deve essere un alibi,perch per me quando si va in campo si deve sempre cercare di dare il massimo, senza pensare al risultato. E con il Fondi cercheremo di dare il meglio di noi stessi. Nei 60 minuti voglio vedere questo atteggiamento, poi tireremo le somme a fine gara. E' sempre stato il mio credo. Il match di sabato uno snodo cruciale, ma non decisivo. Mancano ancora tante gare alla fine di questa prima fase di questo campionato ed i giochi restano ancora aperti. ".

LAlbatro in Rosa al debutto contro Messina Mister Rorapinta: Importante partire col piede giusto
Smaltita la lunga fase di preparazione,con tornei e amichevoli, ha obbligato ad un lungo lavoro, ancora naturalmente in corso, finalizzato alla creazione di un nuovo assetto, una nuova e differente organizzazione di gioco che si piega alle nuove caratteristiche delle varie componenti di squadra. Nonostante i pochi test precampionato svolti dall'Albatro "Rosa", il tecnico Rosapinta si proiettato fiduciosamente all'esordio in trasferta contro la diretta pretendente al titolo domani a Messina. "Siamo pronti a tornare in campo - ha detto Rosapinta - con ancora tanti interrogativi da sciogliere. Tutto pu succedere e tutto posso aspettarmi da una squadra cos giovane. Abbiamo lavorato bene da quando tutte le ragazze sono tornate disponibili e proseguiamo in quella fase di assemblaggio necessaria a conferire un'identit alla squadra. Vogliamo esprimere un gioco veloce ma finch non siamo in condizione perfetta e con meccanismi collaudati, spenderemo tanto. Il calendario gi tosto nei primi due turni: Messina e poi Palermo. E da tempo che aspettavamo questo momento. Domani contro Messina inizia la nosta avventura. Una squadra tanto spigolosa, ma io mi aspetto molto dalle mie ragazze. Eimportante partire col piede giusto, con una bella vittoria. Ne abbiamo le capacit; dobbiamo soltanto

mettere in campo quello che proviamo da tempo. Rimessa e contropiedi veloci, sfruttare la nostra intelligenza tattica e la velocit di alcune. Tutte disponibili per Rosapinta che si avvarr anche dellapporto di Arianna Ricupero e di Monica Campanella, ex Eos (A1) che dopo un periodo di inattivit sono tornate a calpestare i parquet della pallamano.Ci saranno tutte sia la vecchia guardia che Micciulla, Giallongo e Bellanich ha continuato Rosapinta Abbiamo rinforzato i ranghi ma non conosco le altre squadre. Soltanto dopo il girone dandata potr effettivamente stilare un primo bilancio. Il nostro obiettivo? Chiudere tra le prime tre della classe.

16

16 NOVEMBRE 2013 SABATO