Sei sulla pagina 1di 14

Studio ElettroTecnico

Ing. Gianfranco Baglieri

Via Resistenza Partigiana, 9 Modica (RG) tel. 0932-762880 / tel.. 0339-6987654

PROGETTO PRELIMINARE
Titolo / Title:

Realizzazione di un impianto Fotovoltaico da 5,98kWp nominali, connesso in rete, installato presso l'immobile destinato a civile abitazione sito in C.le Michelica Crocevie n 30/C MODICA (RG)
Premesse: L'impianto di cui all'oggetto destinato a produrre energia elettrica in bassa tensione in parallelo alla rete di distribuzione dell'ENEL, in modalit contrattuale scambio sul posto, con il godimento del programma europeo di incentivazione in conto esercizio della produzione di elettricit da fonte solare mediante impianti fotovoltaici permanentemente connessi alla rete elettrica secondo a quanto dettato dal DM 19/02/07 (nuovo Conto Energia) e la delibera dellAEGG n. 90/07 del 13/04/07. L'impianto da eseguirsi non ricade in particolari zone di rispetto ambientali o paesaggistici ne su edifici di particolare pregio architettonici ostativi alla sua realizzazione. Ai fini della regolarit urbanistica stata presentata, al Comune di Modica, comunicazione preventiva ai sensi dell'Art. 11 del D.lgs 30 maggio 2008 n.115. Il generatore fotovoltaico sar installato in retrofit, con modalit ad integrazione parziale, sulla copertura del fabbricato orientata a -60 Sud (Sud-Est), avendo quindi la stessa inclinazione e funzionalit architettonica della superficie che l'ospita. Limpianto fotovoltaico verr realizzato presso l'immobile destinato a uso civile abitazione individuato catastalmente al foglio 128 particelle 176, sito in C.le Michelica Crocevie n 30/C, Comune di Modica (RG). L'impianto fotovoltaico in oggetto verr connesso alla rete ENEL Distribuzione SpA in modalit monofase, a valle del punto centralizzato di consegna e misura fiscale dell'energia, gi attivo, numero cliente 905 071 441, di potenza impegnata 4,5kW e potenza disponibile 5,0kW identificato con il codice identificativo del punto di connessione alla rete POD IT001E90507144(1). La quantit di energia elettrica, di 9.191 kWh/anno, in produzione nel primo anno di funzionamento dell'impianto fotovoltaico in oggetto stata stimata sulla base dei dati radiometrici dellAtlante europeo della radiazione solare, nonch dai data base statistici delle radiazioni solari della zona specifica raccolti ne gli ultimi anni. DATA (mm/aa) 15/05/10 DESCRIZIONE REVISIONE

REVIS. A B

Progetto PRELIMINARE

EMISSIONE AUTHOR Resp. Tecnico

APPROVAZIONE APPROVAL Resp. U.T.

Ing. Gianfranco Baglieri

Impianto fotovoltaico da 6kW

REVIS. A

Pag. 1 di 14

Studio ElettroTecnico

Ing. Gianfranco Baglieri

Via Resistenza Partigiana, 9 Modica (RG) tel. 0932-762880 / tel.. 0339-6987654

Indice 1. Relazione Descrittiva 1.1. Scopo 1.2. Descrizione 3 3 3

2. Documenti di riferimento e normative applicabili 4 2.1. Normativa riguardante la progettazione, l'esecuzione e il collaudo dell'impianto fotovoltaico 4 3. Generalit 3.1. Descrizione generale dell'impianto 3.2. Dimensionamento dell'impianto 4. Documenti di riferimento e definizioni 5. Descrizione dell'impianto fotovoltaico 5.1. Componenti dell'impianto 5.2. Lavori svolti 6. Generatore fotovoltaico 6.1. Caratteristiche elettriche 6.2. Collegamenti elettrici fra i moduli fino al quadro di campo 6.3. Struttura di sostegno 6.4. Disposizione della struttura di sostegno 7. Quadro di campo 7.1. Descrizione Osservazione 1 7.2. Cablaggi 7.2.1. Cablaggio del quadro 7.2.2. Cablaggio dal quadro di campo all'inverter 7.2.3 Cablaggio dal convertitore al contatore dell'energia prodotta 7.2.4 Cablaggio dal contatore dell'energia prodotta al punto di connessione alla rete di distribuzione ENEL 8. Inverter 9. Punto di collegamento alla rete 10. Prescrizioni Antifrode 10.1 Terminali di uscita degli inverter 10.2 Cavo di collegamento dall'inverter al contatore 11. Allegati Disegni della disposizione dei moduli, Schema Unifilare e Planimetria catastale 6 6 7 8 9 9 9 9 9 10 10 11 11 11 11 12 12 12 12 12 12 14 14 14 14 14 14

Impianto fotovoltaico da 6kW

REVIS. A

Pag. 2 di 14

Studio ElettroTecnico

Ing. Gianfranco Baglieri

Via Resistenza Partigiana, 9 Modica (RG) tel. 0932-762880 / tel.. 0339-6987654

1.- Relazione Descrittiva


1.1 Scopo L'intervento oggetto del presente documento definire tecnicamente limpianto fotovoltaico (FV) di potenza pari a 5,98kWp di targa, da realizzarsi presso l'immobile destinato ad uso civile abitazione di propriet del Sig. Salvatore Spadaro. Limpianto destinato a produrre energia elettrica in bassa tensione in parallelo alla rete di distribuzione dell'ENEL, in modalit contrattuale scambio sul posto, con il godimento del programma europeo di incentivazione in conto esercizio della produzione di elettricit da fonte solare mediante impianti fotovoltaici permanentemente connessi alla rete elettrica. Limpianto qui proposto sar costituito da 26 moduli da 230Wp nominale di targa, per una potenza nominale complessiva 5,98kWp. Lo scopo del presente documento di definire, descrivere e fornire tutti gli elementi e le indicazioni di carattere generale necessarie per la realizzazione dell'impianto di cui all'oggetto. 1.11.2 Descrizione Limpianto fotovoltaico di 5,98kW, da realizzarsi presso l'immobile destinato ad unit abitativa , sito a Modica (RG) in C.le Michelica Crocevie, n 30/C, di propriet del Sig. Spadaro Salvatore, verr connesso in rete in modalit monofase, a valle del punto centralizzato di consegna e misura fiscale dell'energia gi attivo, numero cliente 905 071 441, di potenza impegnata 4,5kW e potenza disponibile 5,0kW identificato con il codice identificativo del punto di connessione alla rete POD IT001E90507144(1). Sulla rete dell'utente presente un sistema passivo di distribuzione di carichi elettrici in grado di assorbire completamente tutta l'energia generata dal generatore fotovoltaico in argomento. L'idea dinstallare il sistema di cui alloggetto nasce dalla volont di sperimentare le nuove tecnologie fotovoltaiche in un contesto che tiene, non solo al risparmio energetico, alla salvaguardia dellambiente, ma anche al godimento dei vantaggi economici prospettati dal programma europeo di incentivazione in conto esercizio della produzione di elettricit da fonte solare mediante impianti fotovoltaici permanentemente connessi alla rete elettrica. Non di minore importanza da ritenersi lelevata insolazione presente nella zona, lassenza di fenomeni di ombreggiamento e lo spazio sulla copertura del fabbricato a disposizione per l'installazione dellimpianto. Quindi, con l'impianto in progetto si intende conseguire un significativo risparmio energetico per la struttura servita, mediante il ricorso alla fonte energetica rinnovabile rappresentata dal Sole. Il ricorso a tale tecnologia nasce dallesigenza di coniugare: la compatibilit con esigenze architettoniche e di tutela ambientale; nessun inquinamento acustico; un risparmio di combustibile fossile; una produzione di energia elettrica senza emissioni di sostanze inquinanti. Limpianto ha una elevata valenza divulgativa delle nuove tecnologie di produzione di energia, infatti, integrandosi nella struttura di copertura di questo fabbricato, costituirebbe un esempio, tanto a livello tecnico come dal punto di vista pratico ed estetico, per la promozione e divulgazione dell'applicazione di questo tipo di tecnologia. 1.2.1 Schema generale dell'impianto fotovoltaico Il sistema fotovoltaico sar composto da 26 moduli in silicio monocristallino da 230Wp della SolarWorLd, Sunmodule Plus SW230 mono, da installarsi mediante apposita struttura in retrofit, in modalati parzialmente integrata sopra il rivestimento a tegole della copertura inclinata dell'immobile. Il generatore fotovoltaico sar strutturato in un unico campo costituito da 2 stringhe, ciascuna di esse, da 13 moduli collegati in serie. Le stringhe faranno capo a un quadro di campo dove sono installate le idonee protezioni contro cortocircuito e sovratensione. Il generatore fotovoltaico, seguendo l'orientamento e inclinazione della falda della copertura scelta per l'installazione, avr una inclinazione fissa di circa 17 con rispetto all'orizzontale e orientamento di -60 Sud (Sud/Est). Dalle caratteristiche di modularit, flessibilit e facilit dinstallazione dei componenti, la sistemazione e assemblaggio dei moduli avverr direttamente in cantiere, contenendo le lavorazioni in officina e velocizzando le fasi di montaggio dell'intero impianto. In officina verranno assemblati il quadro di campo e di interfaccia con gli inverter e la rete che saranno, nel momento idoneo, recapitati in cantiere pronti per l'installazione e collegamento alle parti d'impianto. I lavori da eseguirsi in cantiere sono prevalentemente costituiti dall'ancoraggio alla copertura del fabbricato delle strutture di sostegno mediante staffe in acciaio zincato a caldo, il fissaggio dei pannelli alle suddette strutture nonch ai lavori di tipo elettrico e di passaggio cavi. La struttura di supporto dei moduli sar costituita da un intelaiatura in alluminio anodizzato oppure realizzata in acciaio zincato a caldo. Questa verr installata sulla copertura inclinata dell'edificio a mezzo apposite staffe fissate alla soletta calcolaste del tetto rendendo il sistema di supporto stabile in modo tale da impedire un eventuale ribaltamento sotto la spinta del vento. I terminali positivi e negativi delle stringhe saranno collegati al quadro di campo. Nonostante l'inverter (convertitori CC/AC) disponga internamente delle proprie protezioni contro le sovracorrenti e le sovratensioni (scaricatori di sovratensioni), il quadro di campo sar costituito delle idonee protezioni per limitare eventuali cortocirtuiti e sovrantensioni considerando il luogo d'installazione e l'estensione dei collegamenti che potrebbero

Impianto fotovoltaico da 6kW

REVIS. A

Pag. 3 di 14

Studio ElettroTecnico

Ing. Gianfranco Baglieri

Via Resistenza Partigiana, 9 Modica (RG) tel. 0932-762880 / tel.. 0339-6987654

favorire, in caso di temporali con manifestazioni di fulmini e scariche atmosferiche indirette (da nuvola a nuvola), il concatenarsi dei campi elettromagnetici generati dai fulmini, con i conduttori di collegamento delle stringhe. Il sistema di conversione sar costituito da 1 inverter monofase multistringa a 2 ingressi indipendenti, marca Power-one, modello AURORA PVI-6000-OUT-IT con matricola n. (non ancora disponibile) . Le caratteristiche dell'inverter verranno pi avanti elencate. Le garanzie e le certificazioni di qualit dei moduli SolarWorld e dell'inverter Power-one AURORA, prodotti di larga diffusione commerciale a livello mondiale e specie in tutta Europa, conferiscono allimpianto non solo un alto valore qualitativo ma anche tecnologico. L'impianto sar gestito con sistema IT isolato; tutto limpianto eseguito a doppio isolamento in quanto nessun polo viene connesso a terra. 2.- Documenti di riferimento e normative applicabili. Linstallazione dellimpianto sar eseguita nel rispetto delle normative specificate nel bando di riferimento per il "Programma Conto Energia" con le integrazioni necessarie per rispondere alle normative non richiamate espressamente nel bando, in particolare quelle relative alle prescrizioni riguardanti la prevenzioni incendi e le disposizioni ENEL per il collegamento in parallelo alla rete di distribuzione, con speciale attenzione al corretto funzionamento dei dispositivi di sicurezza e alla immissione di energia in rete libera dai problemi di armoniche. Le principali normative e leggi di riferimento per la progettazione dell'impianto fotovoltaico sono le seguenti: 1. norme CEI/IEC per la parte elettrica convenzionale; 2. conformit al marchio CE per i componenti dell'impianto; 3. norme CEI/IEC e/o JRC/ESTI per i moduli fotocoltaici; 4. norme UNI/ISO per la parte meccanica/strutturale; 5. DPR 547/1955 e L.626/1994 per la sicurezza e la prevenzione degli infortuni sul lavoro; 6. DM n.37 del 22 gennaio 2008 per la sicurezza elettrica; 7. Unificazione Societ Elettriche (ENEL e/o altre) per le interfacce con la rete elettrica. 1.22.1. Normativa riguardante la progettazione, l'esecuzione e il collaudo dell'impianto fotovoltaico. Gli impianti fotovoltaici e i relativi componenti, le cui tipologie sono contemplate nel presente decreto, devono rispettare, ove di pertinenza, le prescrizioni contenute nelle seguenti norme tecniche, comprese eventuali varianti, aggiornamenti ed estensioni emanate successivamente dagli organismi di normazione citati: CEI 0-16: Regola tecnica di riferimento per la connessione di Utenti attivi e passivi alle reti AT ed MT delle imprese distributrici di energia elettrica CEI 11-17: Impianti di produzione, trasmissione e distribuzione di energia elettrica. CEI 11-20: Impianti di produzione di energia elettrica e gruppi di continuit collegati a reti di I e II categoria; CEI EN 60904-1(CEI 82-1): Dispositivi fotovoltaici Parte 1: Misura delle caratteristiche fotovoltaiche tensionecorrente; CEI EN 60904-2 (CEI 82-2): Dispositivi fotovoltaici - Parte 2: Prescrizione per le celle fotovoltaiche di riferimento; CEI EN 60904-3 (CEI 82-3): Dispositivi fotovoltaici - Parte 3: Principi di misura per sistemi solari fotovoltaici per uso terrestre e irraggiamento spettrale di riferimento; CEI EN 61727 (CEI 82-9): Sistemi fotovoltaici (FV) - Caratteristiche dell'interfaccia di raccordo con la rete; CEI EN 61215 (CEI 82-8): Moduli fotovoltaici in silicio cristallino per applicazioni terrestri. Qualifica del progetto e omologazione del tipo; CEI EN 61646 (82-12): Moduli fotovoltaici (FV) a film sottile per usi terrestri - Qualifica del progetto e approvazione di tipo; CEI EN 50380 (CEI 82-22): Fogli informativi e dati di targa per moduli fotovoltaici; CEI 82-25: Guida alla realizzazione di sistemi di generazione fotovoltaica collegati alle reti elettriche di Media e Bassa tensione; CEI EN 62093 (CEI 82-24): Componenti di sistemi fotovoltaici - moduli esclusi (BOS) - Qualifica di progetto in condizioni ambientali naturali; CEI EN 61000-3-2 (CEI 110-31): Compatibilit elettromagnetica (EMC) - Parte 3: Limiti - Sezione 2: Limiti per le emissioni di corrente armonica (apparecchiature con corrente di ingresso " = 16 A per fase); CEI EN 60555-1 (CEI 77-2): Disturbi nelle reti di alimentazione prodotti da apparecchi elettrodomestici e da equipaggiamenti elettrici simili - Parte 1: Definizioni; CEI EN 60439 (CEI 17-13): Apparecchiature assiemate di protezione e di manovra per bassa tensione (quadri BT); serie composta da: CEI EN 60439-1 (CEI 17-13/1): Apparecchiature soggette a prove di tipo (AS) e apparecchiature parzialmente soggette a prove di tipo (ANS); CEI EN 60439-2 (CEI 17-13/2): Prescrizioni particolari per i condotti sbarre;

Impianto fotovoltaico da 6kW

REVIS. A

Pag. 4 di 14

Studio ElettroTecnico

Ing. Gianfranco Baglieri

Via Resistenza Partigiana, 9 Modica (RG) tel. 0932-762880 / tel.. 0339-6987654

CEI EN 60439-3 (CEI 17-13/3): Prescrizioni particolari per apparecchiature assiemate di protezione e di manovra destinate ad essere installate in luoghi dove personale non addestrato ha accesso al loro uso - Quadri di distribuzione (ASD); CEI EN 60445 (CEI 16-2): Principi base e di sicurezza per l'interfaccia uomo-macchina, marcatura e identificazione - Individuazione dei morsetti e degli apparecchi e delle estremit dei conduttori designati e regole generali per un sistema alfanumerico; CEI EN 60529 (CEI 70-1): Gradi di protezione degli involucri (codice IP); CEI EN 60099-1 (CEI 37-1): Scaricatori - Parte 1: Scaricatori a resistori non lineari con spinterometri per sistemi a corrente alternata CEI 20-19: Cavi isolati con gomma con tensione nominale non superiore a 450/750 V; CEI 20-20: Cavi isolati con polivinilcloruro con tensione nominale non superiore a 450/750 V; CEI EN 62305 (CEI 81-10): Protezione contro i fulmini; serie composta da: CEI EN 62305-1 (CEI 81-10/1): Principi generali; CEI EN 62305-2 (CEI 81-10/2): Valutazione del rischio; CEI EN 62305-3 (CEI 81-10/3): Danno materiale alle strutture e pericolo per le persone; CEI EN 62305-4 (CEI 81-10/4): Impianti elettrici ed elettronici interni alle strutture; CEI EN 60099-1-2: Scaricatori. CEI 81-1: Protezione delle strutture contro i fulmini. CEI 81-3: Valori medi del numero di fulmini a terra per anno e per chilometro quadrato; CEI 81-4: Valutazione del rischio dovuto al fulmine. CEI 0-2: Guida per la definizione della documentazione di progetto per impianti elettrici. CEI 0-2: Guida per la definizione della documentazione di progetto per impianti elettrici; CEI 0-3: Guida per la compilazione della dichiarazione di conformit' e relativi allegati per la legge n. 46/1990; UNI 10349: Riscaldamento e raffrescamento degli edifici. Dati climatici; CEI EN 61724 (CEI 82-15): Rilievo delle prestazioni dei sistemi fotovoltaici - Linee guida per la misura, lo scambio e l'analisi dei dati; CEI 13-4: Sistemi di misura dell'energia elettrica - Composizione, precisione e verifica; CEI EN 62053-21 (CEI 13-43): Apparati per la misura dell'energia elettrica (c.a.) - Prescrizioni particolari Parte 21: Contatori statici di energia attiva (classe 1 e 2); EN 50470-1 ed EN 50470-3 in corso di recepimento nazionale presso CEI; CEI EN 62053-23 (CEI 13-45): Apparati per la misura dell'energia elettrica (c.a.) - Prescrizioni particolari Parte 23: Contatori statici di energia reattiva (classe 2 e 3); CEI 64-8, parte 7, sezione 712: Sistemi fotovoltaici solari (PV) di alimentazione. ENEL DV 606 - Marzo 1997 - Pannello semplificato per la protezione di interfaccia monofase per autoproduttori. GUIDA PER LE CONNESSIONI ALLA RETE ELETTRICA DI ENEL DISTRIBUZIONE Ed. 1 Dicembre 2008 - Criteri di allacciamento di impianti di produzione alla rete BT di distribuzione CEI 82-4 (EN 61173) - Protezioni contro le sovratensioni dei sistemi fotovoltaici (FV) per la produzione di energia - Guida CEI 82-8 (EN 61215) - Moduli fotovoltaici in silicio cristallino per applicazioni terrestri. Qualifica del progetto e omologazione del tipo. CEI 82-9 (EN 61727) - Sistemi fotovoltaici (FV). Caratteristiche dellinterfaccia di raccordo con la rete. CEI 22-7 (EN 60146-1-1) - Convertitori a semiconduttore - Prescrizioni generali e convertitori commutati dalla linea - Parte 1-1: Specifiche per le prescrizioni fondamentali CEI 22-8 (EN 60146-1-3) - Convertitori a semiconduttore - Prescrizioni generali e convertitori commutati dalla linea - Parte 1-3: Trasformatori e reattori CEI 22-9 (EN 50091-2) - UPS - Parte 2: Prescrizioni di compatibilit elettromagnetica (EMC) che stabiliscono i requisiti delle apparecchiature nei confronti della compatibilit elettromagnetica CEI 74-4 (EN 50091-1) - UPS - Parte 1: Prescrizioni generali e di sicurezza, che stabiliscono i requisiti nei confronti della sicurezza dei prodotti in bassa tensione in conformit alle prescrizioni della direttiva CEE n. 73/23. CEI 110-31 (EN 61000-3-2) del 4/1995, per i limiti delle armoniche in rete; in sostituzione delle norme CEI 77-3 (EN 60055-2 od IEC 555-2) CEI 110-28 (EN 61000-3-3) del 10/1995, per le fluttuazioni di tensione (flicker); in sostituzione delle norme CEI 77-4 (EN 60055-3 od IEC 555-3). CEI EN 60555-1: Disturbi nelle reti di alimentazione prodotti da apparecchi elettrodomertici e da equipaggiamenti elettrici simili. Parte 1: Definizioni. CEI EN 60445: Individuazione dei morsetti e degli apparecchi e delle estremit dei conduttori designati e regole generali per un sistema alfanumerico. CEI EN 61724: Rilievo delle prestazioni dei sistemi fotovoltaici. Linea quida per la misura, lo scambio e l'analisi dei dati. IEC 60364-7-712 Electrical installations of buildings - Part 7-712: Requirements for special installations or locations Solar. Decreto 19 settembre 1994 n. 626 (G.U. n. 265 del 12 novembre 1994) - Attuazione delle direttive 89/391/CEE, 89/654/CEE, 89/655/CEE, 89/656/CEE, 90/269/CEE, 90/270/CEE, 90/394/CEE e 90/679/CEE riguardanti il miglioramento della sicurezza e della salute dei lavoratori sul luogo di lavoro.

Impianto fotovoltaico da 6kW

REVIS. A

Pag. 5 di 14

Studio ElettroTecnico

Ing. Gianfranco Baglieri

Via Resistenza Partigiana, 9 Modica (RG) tel. 0932-762880 / tel.. 0339-6987654

Decreto 19 marzo 1996 n. 242 (G.U. n. 104 del 6 maggio 1996) - Modifiche ed integrazioni al decreto legislativo 19 settembre 1994, n. 626, recante attuazione di direttive comunitarie riguardanti il miglioramento della sicurezza e della salute dei lavoratori sul luogo di lavoro. 3.0 Generalit 3.1. Descrizione generale impianto Limpianto fotovoltaico proposto, di potenza nominale di 5,98kWp, verr connesso alla rete di distribuzione dellENEL in modalit monofase a valle del punto centralizzato di consegna e misura fiscale dell'energia. L'impianto, che opera in regime di scambio sul posto, sar dotato dei misuratori di energia necessari per la contabilizzazione dell'energia prodotta e dell'energia scambiata con la rete, regolarmente installati a seguito dell'attivazione del contratto di scambio e l'adempimento degli obblighi relativi alla regolazione dell'accesso alla rete. Il convertitore cc/ac, di tipo ad esecuzione protetta con grado di protezione IP65 per installazione da esterno, verr installato nel seminterrato dell'immobile, precisamente nell'area dell'intercapedine, in luogo sicuro, protetto dall'intemperie e dall'umidit, idoneamente ventilato e illuminato. Il contatore dell'energia prodotta, con numero di utenza (ancora non disponibile), verr installato subito a valle del gruppo di conversione e collegato allo stesso tramite cavo multipolare con neutro concentrico quale opportuna misura antifrode. Il generatore fotovoltaico, costituito da 2 stringhe da 13 moduli (per un totale complessivo di 26 moduli) verr installato, mediante apposita struttura, sopra le tegole di rivestimento della copertura inclinata dell'immobile con orientamento -60 Sud (Sud/Est) e una inclinazione di circa 17 con rispetto allorizzonte. Sulla rete dell'utente esiste un sistema passivo di distribuzione di carichi elettrici in grado di assorbire tutta l'energia generata dallimpianto in questione.

Figura 1 -Particolare di fotoaerogrametria indicante lubicazione del fabbricato,


3.2. Dimensionamento dellimpianto Per il dimensionamento del campo generatore del sistema fotovoltaico si tenuto in conto diversi fattori: - potenza impegnata; - quantit di energia elettrica consumata su base annua dallimpianto utente. Tale valore di circa 8.500kWh; - superficie disponibile; - modalit contrattuale: scambio sul posto La quantit di energia elettrica in produzione dal campo fotovoltaico stata stimata sulla base di dati radiometrici di cui alla citata norma UNI 10349 (o dellAtlante europeo della radiazione solare), nonch dai data base statistici delle radiazioni solari della zona specifica raccolti ne gli ultimi anni. Facendo uso di un software PVGIS che calcola approssimativamente lenergia generata nella localit specifica, sviluppato e messo a disposizione dal Joint Research Center della European Commission nonch dal free software

Impianto fotovoltaico da 6kW

REVIS. A

Pag. 6 di 14

Studio ElettroTecnico

Ing. Gianfranco Baglieri

Via Resistenza Partigiana, 9 Modica (RG) tel. 0932-762880 / tel.. 0339-6987654

Simulare8.2_girasole e tanti altri programmi di calcolo messi a disposizione delle diverse case fornitrici di moduli fotovoltaici e inverter, sono stati ricavati i valori qui sotto esposti. E' stata scelta per il campo fotovoltaico una potenza nominale di 5,98kWp, rientrando secondo il Decreto Ministeriale 19 febbraio 2007, per sistema contrattuale scambio sul posto, nella fascia B per potenza nominale 3 > P 20 e tipologia dimpianto fotovoltaico parzialmente integrato con tariffa incentiva di 0,404 centesimi per i kWh di energia elettrica prodotta dall'impianto fotovoltaico, entrati in esercizio a partire dal 1 gennaio 2010 e prima del 31 dicembre 2010. Assumendo nella zona di Modica (RG), ad una altitudine di 400m sul livello del mare, latitudine 3649'37.65" Nord e longitudine 1448'44.43"" Est, linstallazione di un impianto fotovoltaico costituito da 26 pannelli da 230Wp, modello Sunmodule Plus SW 230 mono della SolarWorLd, con orientamento -60 Sud (Sud/Est) ed inclinazione di circa 17 con rispetto all'orizzonte, considerando un inverter con un grado di rendimento del 96%, si pu assumere un rendimento energetico specifico approssimato, per ogni kW nominali del generatore fotovoltaico di: 1.536 kWh/anno con una riduzione di emissione di CO2 totale, per una produzione stimata di 9.191 kWh/anno di: 6.203,925 kg/anno e una riduzione di emissione di NOx totale di: 13,787 kg/anno e un risparmio energetico totale di: 2,114 TEP/anno (Tonnellata equivalente di petrolio)/anno Limpianto stato progettato per avere una potenza attiva, lato corrente alternata, superiore al 75% del valore della potenza nominale del sistema fotovoltaico, riferita alle particolari condizioni di irradianza della localit in oggetto.

Figura 2 - Stima di produzione elettrica fotovoltaica dell'impianto in progetto


In questo grafico e nella tabella a seguito riportata (Figura 3) si mostra l'energia elettrica (stimata) che si pu aspettare ogni mese da un sistema fotovoltaico con i parametri scelti (inclinazione e orientamento della copertura qui di seguito elencati). Questi mostrano inoltre la stima della media giornaliera e la produzione totale annuale. Localit 3649'37.65" Nord, 1448'44.43" Est, Altitudine: 400m s.l.m., Potenza nominale del sistema FV: 6.0 kW (silicio cristallino) Inclinazione dei moduli: 17.0 Orientamento (azimuth) dei moduli: -60.0 Stima delle perdite causato dalla temperatura: 9.1% (usando dati di temperatura locali) Perdite stimate causate dall'effectto angolare di riflessione: 3.0% Altre perdite (cavi, inverter, etc.): 7.0% Totale delle perdite di sistema FV: 19.1%

Impianto fotovoltaico da 6kW

REVIS. A

Pag. 7 di 14

Studio ElettroTecnico

Ing. Gianfranco Baglieri

Via Resistenza Partigiana, 9 Modica (RG) tel. 0932-762880 / tel.. 0339-6987654

PRODUZIONE ELETTRICA FV potenza nominale=5.98 kW, Perdite di sistema=7.0% Inclinazion=17, Orientamento= -60 Sud/Est Mese Gennaio Febbraio Marzo Aprile Maggio Giugno Luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre Dicicembre Media annuale Produzione annuale (kWh) Produzione mensile (kWh) 455 538 775 898 1023 1040 1066 1019 835 675 468 398 766 Produzione giornaliera (kWh) 15 19 25 30 33 35 34 33 28 22 16 13 25 9.191

Figura 3 - Stima di produzione elettrica fotovoltaica dell'impianto in progetto


Questi dati vengono ricavati da una media mensile di irradiazione per il sito ubicato a 3649'37.65" Nord, 1448'44.43" Est,, Altitudine: 400m s.l.m. con il seguente andamento.

Figura 4 - Irradiazione mensile media nella copertura scelta dell'immobile di cui all'oggetto
4.- Documenti di riferimento e definizioni Limpianto proposto rispetta, ove applicabile, i seguenti documenti di riferimento: - Decreto 19 febbraio 2007 - Criteri e modalit per incentivare la produzione di energia elettrica mediante conversione fotovoltaica della fonte solare, in attuazione dell'articolo 7 del decreto legislativo 29 dicembre 2003, n. 387. - Specifica tecnica dei bandi ENEA per la realizzazione di tetti fotovoltaici dimostrativi e il decreto del Ministero dellAmbiente in attuazione dei decreti ministeriali n. 99/SIAR/2000 e n. 106/SIER/2001

Impianto fotovoltaico da 6kW

REVIS. A

Pag. 8 di 14

Studio ElettroTecnico

Ing. Gianfranco Baglieri

Via Resistenza Partigiana, 9 Modica (RG) tel. 0932-762880 / tel.. 0339-6987654

5.- Descrizione dellimpianto fotovoltaico. 5.1 Componenti dellimpianto. Limpianto fotovoltaico costituito dai seguenti componenti principali : Generatore fotovoltaico Quadro di campo Inverter Quadro di rete

Figura 5 -Lay-out elettrico 5.2 Lavori da svolgere In base ai sopralluoghi effettuati nonch alla tipologia dei componenti da installare si stima che non siano necessari lavori di scasso. In particolare: Il generatore fotovoltaico sar composto da un unico campo, installato sulla copertura inclinata, con orientamento -60 Sud del corpo dell'immobile destinato ad abitazione. Il campo fotovoltaico sar costituito da 26 moduli, composti in 2 stringhe da 13 pannelli raccolte in un quadro di campo che fa capo al convertitore DC/AC; I moduli saranno fissati, mediante apposita struttura con profilati in alluminio e acciaio legato di tipo commerciale e l'impiego di bulloneria inox sulla soletta del piano di copertura, in modo ad integrazione parziale sulle tegole utilizzate quale materiale di rivestimento del tetto; Il quadro di campo verr fissato a muro tramite tasselli ad espansione in luogo protetto e di facile accesso di locale sgombero ubicato a piano sottotetto del fabbricato; L'inverter verr installato a muro tramite tasselli ad espansione nell'area garage, a piano seminterrato, dell'immobile, luogo di facile e sicuro accesso, idoneamente ventilato e illuminato. Il passaggio cavi dall'inverter (gruppo misura dell'energia prodotta) al quadro generale di distribuzione elettrica o quadro principale dell'impianto utilizzatore (ubicato subito a valle del punto centralizzato di consegna e misura ENEL) verr eseguito in tubazione in PVC flessibile posata sotto intonaco Il quadro di protezione dell'inverter nonch del gruppo di misura dell'energia prodotta, saranno installati affianco al gruppo di conversione. 6.0 Generatore fotovoltaico 6.1 Caratteristiche elettriche. Il generatore fotovoltaico proposto ha le seguenti caratteristiche: Potenza nominale del generatore : 5,98Wp Numero di moduli : 26 Modulo fotovoltaico : SolarWorld Modello modulo :Sunmodule Plus SW 230mono Tipo di modulo : silicio monocristallino Superficie del singolo campo : c.a. 44,5mqq Caratteristiche elettriche del modulo:

Impianto fotovoltaico da 6kW

REVIS. A

Pag. 9 di 14

Studio ElettroTecnico

Ing. Gianfranco Baglieri

Via Resistenza Partigiana, 9 Modica (RG) tel. 0932-762880 / tel.. 0339-6987654

Potenza nominale di targa del modulo FV Tensione a circuito aperto (Voc) Corrente di corto circuito (Isc) Tensione alla massima potenza (Vmp) Corrente alla massima potenza (Imp) Dimensioni del modulo Campo Fotovoltaico: n. moduli fotovoltaici in serie per stringa Potenza nominale stringa Tensione a circuito aperto (Voc a -10C) Tensione alla massima potenza (Vm) Tensione a massima potenza (Vm 15C/70C) Corrente a massima potenza (Im) stringa

: 230Wp : 37,40V : 8,16 A : 30,0 V : 7,68 A : 1675mmx1001mm : : : : : : 13 2.990 Wp 542 V 390V 406V - 318V 7,68 A

La potenza nominale dei moduli certificata ad un irraggiamento solare E di 1000W/m2 con distribuzione spettrale secondo la curva AM=1,5 e temperatura di cella di 25C, nonch il decadimento delle prestazioni nominali non superiore al 10% nell'arco dei primi 12 anni e non superiore al 20% in 25 anni. La superficie anteriore dei moduli FV costituita da vetro temperato in grado di resistere carichi fino a 5,4kN/m2, secondo ai test eseguiti in base alla norma IEC 61215. L'incapsulamento delle celle eseguito in EVA. I pannelli, con cornice completamente realizzata in alluminio anodizzato, comprendono i terminali di uscita, costituiti di cavi precablati a connessione rapida con caratteristiche di massima impermeabilit, nonch di diodi di bypass per minimizzare le perdite di potenza dovute ad eventuali fenomeni di ombreggiamento. Le stringhe saranno collegate ad apposito quadro di campo che far capo, tramite il quadro di protezione degli inverter, al convertitore monofase. La singola stringa, nel quadro di campo, fa capo ad un sezionatore e ad un dispositivo di protezione contro le sovratensione (scaricatore di sovratensione) idoneamente collegato all'impianto di messa a terra. Tanto i sezionatori come gli scaricatori, saranno dimensionati alle relative correnti e tensioni. Il generatore FV gestito come sistema IT, ovvero nessun polo connesso a terra. Le strutture di sostegno e fissaggio dei moduli FV saranno collegate a terra a mezzo conduttore isolato del tipo N07V-K di sezione non inferiore a 6mmq e contraddistinto dal bicolore Giallo/Verde della guaina di isolamento. 6.2 Collegamenti elettrici fra i moduli fino al quadro di campo. I collegamenti fra i moduli verranno eseguiti con il cavo in dotazione ai pannelli, unipolare MC PV-KBT3 / MC PV-KST3, di 2,5mmq di sezione. Il collegamento delle stringhe al relativo quadro di campo verra eseguito con cavo solare unipolare Solar KAB 600C di 6mmq di sezione, adatti a tensione nominale verso terra e tensione nominale (Uo/U) non inferiore a 3,5/5kV, del tipo con conduttori a corda flessibile di rame ricotto non stagnato isolati in gomma etilenpropilenica ad alta resistenza, non propagante l'incendio e a ridotta emissione di gas corrosivi, protetti da guaina in PVC di qualit Rz di colore rosso per il polo negativo e colore nero per il polo positivo. 6.3 Struttura di sostegno. I moduli saranno ancorati alla struttura di copertura a mezzo di appositi profilati metallici tipo PN 032004 (specificamente progettati per sistemi fotovoltaici) fissati su staffe in acciaio zincato installate sulla soletta del tetto calcolaste in modo tale da garantire la robustezza e stabilit sotto la spinta del vento. Questo sistema di installazione inoltre velocizza notevolmente il tempo di trasporto e di montaggio del generatore fotovoltaico. Le caratteristiche principali della struttura sono: Struttura in profilati in acciaio zincato tipo PN 032004 o similare con agganci moduli in acciaio inossidabile Bulloneria in acciaio zincato 8.8 Ingombro di campo circa 44,5m2.

Impianto fotovoltaico da 6kW

REVIS. A

Pag. 10 di 14

Studio ElettroTecnico

Ing. Gianfranco Baglieri

Via Resistenza Partigiana, 9 Modica (RG) tel. 0932-762880 / tel.. 0339-6987654

Figura 6 -Esempio di struttura, in alluminio anodizzato o acciaio zincato, per il sostegno dei moduli 6.4 Disposizione della struttura Il gruppo generatore verr installato in retrofit sulla copertura inclinata predisposta dal committente, con circa 17 di inclinazione e orientamento -60Sud (Sud/Est).

Figura 7 -Esempio di generatore fotovoltaico installato a retrofit su copertura inclinata a tegole. 7.- Quadro di campo 7.1. Descrizione. Nel lato in corrente continua (la corrente diventa alternata solo dopo le trasformazioni operate dallinverter) le stringhe costituenti il campo fotovoltaico, sono state collegata a un quadro elettrico (vedi Fig.) che rappresenta il collettore finale delle linee in cc a cui viene collegato il dispositivo di conversione cc/ac (inverter). Il quadro di campo, costruito e certificato dalla spelsberg, alloggiato in un centralino da esterno di capacit modulare di 2x12moduli DIN, eseguito in materiale termoplastico, del tipo per installazioni a doppio isolamento ed esecuzione stagna con grado di protezione IP65. Questo adeguatamente dimensionato e costruito in conformit alla Norma europea CEI EN 60439-1 (CEI 17-13/1 apparecchiature assiemate di protezione e di manovra per bassa tensione) per esecuzioni con apparecchiature di serie (AS) soggette a prove di tipo e apparecchiature non di serie (ANS) parzialmente soggette a prove di tipo. Il quadro munito di dichiarazione di conformit della spelsberg in cui viene manifestata la rispondenza, per esecuzioni ANS, alle prove di tipo (ove previsto, o per estrapolazione da apparecchiature di serie AS), previste dai paragrafi 8.2.1 fino a 8.2.7 (tabella 7) e ai requisiti previsti al paragrafo 7.10 (EN 50081-2 EN 50082-2). L'impianto fotovoltaico in oggetto strutturato in 1 quadro di campo, spelsberg modello GF2x2 800-16 USS, progettato per il collegamento di 2 stringhe, con scaricatori unipolari idonei per il funzionamento in zona di

Impianto fotovoltaico da 6kW

REVIS. A

Pag. 11 di 14

Studio ElettroTecnico

Ing. Gianfranco Baglieri

Via Resistenza Partigiana, 9 Modica (RG) tel. 0932-762880 / tel.. 0339-6987654

protezione lampo sulle interfaccia 0-1B e maggiori, completo di passacavi con diametro nominale di tenuta da 4 a 10mm per una sezione massima di collegamento di 6mmq. Questo ha le seguenti caratteristiche tecniche: sezionatore di linea per ciascuna stringa, idoneamente dimensionato alla corrente d'impiego della linea che permetter in caso di necessit il distacco della stringa; un sistema di protezione da sovratensioni (scaricatori a Terra) costituito da scaricatori di sovratensione da In=20kA, del tipo ad attacco DIN, con tensione massima di esercizio di 440Vdc e capacit di scarica della corrente di fulmine alla tensione impulsiva (8/20 ms), con Imax=40kA (DEHNguard T440).

Osservazione 1:

Figura 8 -Disposizione del quadro

Il quadro di campo cos costruito del tipo a doppio isolamento (Classe II), quindi secondo a quanto dettato dalle Norme CEI 64-8, non necessita di collegamento allimpianto di messa a terra. 7.2 Cablaggi. 7.2.1 Cablaggio del quadro. Il cablaggio allinterno del quadro verr eseguito con cavi unipolari di 6mmq di sezione, adatti a tensione nominale verso terra e tensione nominale (Uo/U) non inferiore a 450/750V, del tipo armonizzato NO7V-K senza guaina, con conduttori a corda flessibile di rame ricotto non stagnato isolato in PVC autoestinguente e contraddistinti dal Marchio IMQ di Qualit. 7.2.2 Cablaggio dal quadro di campo allinverter. Verr effettuato con cavo a doppio isolamento di sezione almeno 10mmq (doppio isolamento) unipolare FG7R, del tipo con conduttori a corda flessibile di rame ricotto non stagnato isolati in PVC di qualit Rz non propagante l'incendio e a ridotta emissione di gas corrosivi, protetti da guaina in gomma etilenpropilenica di qualit G7, colore grigio perla, non propagante l'incendio e a ridotta emissione di gas corrosivi. 7.2.3 Cablaggio dallinverter al contatore. Questo collegamento verr eseguito con cavo antifrode FG7H20R di sezione non inferiore a 6mmq, del tipo multipolare con neutro concentrico o unipolare schermato, con conduttori a corda flessibile di rame ricotto non stagnato isolati in PVC di qualit Rz non propagante l'incendio e a ridotta emissione di gas corrosivi, protetti da guaina in gomma etilenpropilenica di qualit G7, non propagante l'incendio e a ridotta emissione di gas corrosivi. 8.- Inverter L'inverter da installarsi sar del tipo monofase, marca Power one AURORA, PVI-6000-OUT-IT, matricola n. (non ancora disponibile). Questo stato scelto tra i modelli pi idonei a questa particolare applicazione. Le sue caratteristiche saranno le seguenti: Dati del collegamento del generatore FV (CC) Tensione massima d'ingresso 600 V

Impianto fotovoltaico da 6kW

REVIS. A

Pag. 12 di 14

Studio ElettroTecnico

Ing. Gianfranco Baglieri

Via Resistenza Partigiana, 9 Modica (RG) tel. 0932-762880 / tel.. 0339-6987654

Intervallo di tensione FV per MPPT DC 90 580V (Nominali 360V) Intervallo di tensione FV per MPPT a piena potenza DC 160 530V Tensione di attivazione DC 200V Numero di canali MPPT indipendenti 2 Numeri di ingressi 2 (1 per ciascun MPPT) Corrente massima per ciascun MPPT 18 Varistori lato DC 4 (2 per ogni MPTT) protezione termica Connessioni lato DC 4 (2positivi, 2 negativi) 4mm Dati di uscita dell'inverter (AC) Potenza nominale d'uscita AC 6,0 kW Connessione di rete AC monofase Tensione nominale CA/Intervallo 200-245V (180V-264V) Corrente d'uscita massima 30 A Frequenza di rete nominale 50 Hz Fattore di Potenza 1 Distorsione di corrente THD AC <3,5% THD alla potenza di targa con tensione sinusoidale Grado di rendimento max. 97,0 % Grado di rendimento europeo 96,4 % Consumo: funzionamento (Standby)/notturno 250mW Dati generali Dimensioni 740 x 325 x 195mm Peso 26 kg Tipo di protezione secondo DIN EN 60529 IP65 Intervallo temperatura di esercizio -25C /+60C (derating potenza >50C) Tipologia isolamento: Trasformatore Tecnologia raffreddamento Naturale Dispositivi di Protezione Protezione Massima tensione Unipolare/264Vms/60ms Protezione minima tensione Unipolare/188,6Vms/160ms Protezione Massima frequenza Unipolare/50,28Hz/60ms Protezione minima frequenza Unipolare/49,72Hz/60ms Protezione derivata di frequenza Unipolare/0,45Hzs/60ms L'inverter, rispondente alle normative in vigore e alla GUIDA PER LE CONNESSIONI ALLA RETE ELETTRICA DI ENEL DISTRIBUZIONE Ed. 1.1 - Dicembre 2009 (Criteri di allacciamento impianti di produzione alla rete BT/MTdi distribuzione), completo di dichiarazione di conformit alle Norme CEI 11-20 munita dal costruttore, munito di display che oltre a indica la potenza in ingresso dal campo fotovoltaico e quella istantanea immessa in rete, evidenzia la produzione giornaliera e quella totalizzata fino a quel momento. L'inverter, del tipo ad esecuzione stagna con grado di protezione IP65, installato a parete all'interno dell'area ricovero auto a piano seminterrato del fabbricato, luogo di facile e sicuro accesso, idoneamente ventilato ed illuminato. L'uscita degli inverter collegata a un quadro d'interfaccia che oltre all'idonea protezioni, di seguito elencata, alloggia un interruttore magnetotermico idoneamente dimensionato alla corrente dimpiego del circuito, coordinato alla portata della linea, quale dispositivo di interfaccia, a protezione della parte di rete abilitata al funzionamento in isola. L'inverter munito di display che indica la potenza in ingresso dal campo fotovoltaico e quella istantanea immessa in rete. All'uscita dellinverter, installato un interruttore magnetotermico bipolare da 32A del tipo con un polo protetto e neutro apribile e 4,5kA di potere d'interruzione (Bticino F81NA/32), quale dispositivo di interfaccia con il contatore dell'energia prodotta incentivata; La linea in uscita dal gruppo di contabilizzazione dell'energia incentivata collegata all'impianto utilizzatore a mezzo dorsale protetta e sezionabile da interruttore magnetotermico bipolare da 32A del tipo con un polo protetto e neutro apribile e 4,5kA di potere d'interruzione (Bticino F81NA/32), inoltre protetta da una coppia di scaricatori di sovratensioni unipolari da In=5/20kA del tipo a spinterometro con corrente impulsiva nominale di scarica (8/20) In di 20kA e corrente impulsiva massima di scarica (8/20) Imax=15/40kA per tensione continuativa di esercizio non superiore a 275V (DEHNguard DG MOD 275). Tanto gli interruttori magnetotermici come i dispositivi di protezione contro le sovratenzioni sono alloggiati in un centralino realizzato in resina termoplastica di capacit modulare DIN massima di 8 moduli del tipo per installazione a parete, ad esecuzione stagna con grado di protezione IP65 (Bocchiotti), (EC 610 02), il tutto assemblato in conformit alla Norma europea CEI EN 60439-1 (CEI 17-13/1 apparecchiature assiemate di protezione e di manovra per bassa tensione) per esecuzioni con apparecchiature di serie (AS) soggette a prove di tipo e apparecchiature non di serie (ANS) parzialmente soggette a prove di tipo. Il centralino stato accuratamente sigillato da tecnico dell'Ente distributore ENEL con idonea piombatura.

Impianto fotovoltaico da 6kW

REVIS. A

Pag. 13 di 14

Studio ElettroTecnico

Ing. Gianfranco Baglieri

Via Resistenza Partigiana, 9 Modica (RG) tel. 0932-762880 / tel.. 0339-6987654

Il quadro munito di dichiarazione di conformit in cui manifestata la rispondenza, per esecuzioni ANS, alle prove di tipo (ove previsto, o per estrapolazione da apparecchiature di serie AS), previste dai paragrafi 8.2.1 fino a 8.2.7 (tabella 7) e ai requisiti previsti al paragrafo 7.10 (EN 50081-2 EN 50082-2). 9.- Interruttore di interfaccia rete. La linea in uscita dal quadro d'interfaccia collegata alla rete di distribuzione ENEL, a mezzo linea di formazione 2(1x10mmq) N07V-K, tramite un interruttore magnetotermico bipolare da 32A del tipo con 1 polo protetto e neutro apribile e 6kA di potere dinterruzione, munito di blocco differenziale con corrente nominale dintervento differenziale di 500mA (Hager MY532 + BR264H). L'interruttore, installato nel apposito vano contatori, subito a valle del punto centralizzato di consegna e misura bidirezionale ENEL, alloggiato in un centralino da esterno in materiale termoplastico, del tipo per installazioni a doppio isolamento ed esecuzione protetta con grado di protezione non inferiore a IP40 (EC 610 02), il tutto assemblato in conformit alla Norma europea CEI EN 60439-1 (CEI 17-13/1 apparecchiature assiemate di protezione e di manovra per bassa tensione) per esecuzioni con apparecchiature di serie (AS) soggette a prove di tipo e apparecchiature non di serie (ANS) parzialmente soggette a prove di tipo. Il quadro munito di dichiarazione di conformit in cui manifestata la rispondenza, per esecuzioni ANS, alle prove di tipo (ove previsto, o per estrapolazione da apparecchiature di serie AS), previste dai paragrafi 8.2.1 fino a 8.2.7 (tabella 7) e ai requisiti previsti al paragrafo 7.10 (EN 50081-2 EN 50082-2). Il conduttore di terra dell'impianto fotovoltaico, costituito da treccia di rame isolata del tipo N07V-K di 10mmq di sezione contraddistinta dal bicolore Giallo/Verde dell'isolamento, collegato al dispersore di terra proprio ed unico dell'immobile. L'impianto di terra, costruito in ottemperanza alle vigenti norme, risulta composto dal dispersore di fatto longitudinale costituito da circa 20m di treccia nuda di rame di 35mmq di sezione, posata ad intimo contatto con il terreno a circa 1m di profondit dal piano di campagna, collegata tramite saldatura e morsetti di terra del tipo a pettine ai ferri di due dei blocchi di fondazione del fabbricato. A tale rete di terra, tramite il conduttore di terra, tramite il nodo collettore principale dell'impianto di terra, sono collegate tutte le parti metalliche che costituiscono l'impianto fotovoltaico nonch l'impianto utilizzatore. 10.- Prescrizioni antifrode 10.1 Terminali di uscita degli inverter I terminali di uscita dell'inverter sono dotati di dispositivi antifrode (ad es. sigilli o dispositivi antitamper) secondo le modalit indicate dal gestore di rete, in modo tale che i connettori di uscita non siano apribili. Lapertura dei dispositivi antifrode (ad es. sostituzione di un inverter guasto) potr essere effettuata anche senza lintervento del personale del gestore. Nel caso di interventi che necessitino lapertura dei dispositivi antifrode, il soggetto responsabile comunicher al gestore di rete, tramite fax e/o email, la necessit di eseguire lintervento con almeno 2 giorni lavorativi di anticipo rispetto allesecuzione dei lavori. Il gestore di rete provveder quanto prima al ripristino dei dispositivi antifrode, senza alcun costo a carico del soggetto responsabile. Linstallazione di dispositivi antifrode sar effettuata dal gestore di rete. 10.2 Cavo di collegamento dallinverter al contatore La linea elettrica che collega luscita dell'inverter (tramite un quadro elettrico) alle apparecchiature di misura dellenergia prodotta dotata di opportuni organi di interruzione e protezione ed costituita da un unico cavo multipolare a neutro concentrico Il cavo posato nel rispetto dei requisiti della norma CEI 11-17 e non presenta giunzioni intermedie.

Il progettista Ing. Gianfranco Baglieri Ordine degli Ingegneri di Ragusa n 514

Impianto fotovoltaico da 6kW

REVIS. A

Pag. 14 di 14