Sei sulla pagina 1di 7

________________________________________________________________________________________________

RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA

Oggetto: Impianto di videosorveglianza dei locali destinati


alla vendita di autovetture della ditta "XXX XXX"
siti in XXX XXX – XXX XXX –

Premesse
Legale rappresentante : XXX XXX - XXX XXX
C.F. legale rappresentante : XXX XXX
P.IVA e C.F. dell’attività : XXX XXX
Lavoratori attualmente in forza : 8

Precisazioni
a. La presente relazione, inerente al sistema di videosorveglianza qui descritto, si propone di realizzare
un sistema di alta qualità.
b. La ripresa e l’eventuale registrazione delle immagini degli accessi esterni così come delle aree
interne dell’attività, effettuati esclusivamente ai fini della tutela del patrimonio della ditta ed il
trattamento dei dati acquisiti tramite l’impianto di videosorveglianza è fondato sui presupposti di necessità,
liceità, proporzionalità e finalità.
c. L’utilizzo dell’impianto di sorveglianza avviene nel rispetto del Protocollo d’intesa provinciale sulla
installazione dei sistemi di sicurezza antirapina nei luoghi di lavoro. Nel rispetto della libertà e dignità del
lavoratore, così come prescritto dal comma 3 dell’art. 4 della legge n. 300/70, è stata data al lavoratore
adeguata informazione delle modalità d’uso degli strumenti e di effettuazione dei controlli, impiegati
esclusivamente per esigenze di tutela del patrimonio (rappresentato principalmente da autovetture e
accessori), nel rispetto di quanto disposto dal decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196.
d. ll sistema di videosorveglianza è attivo unicamente quando il sistema di allarme è
inserito. E’ possibile che l’impianto audiovisivo, installato per i fini e nei modi previsti dalla legge, riprenda i
lavoratori occasionalmente o anche in modo continuativo. Il datore di lavoro a mezzo il regolamento darà al
lavoratore, nel rispetto della disciplina in materia di privacy, adeguata informazione delle modalità di uso
degli strumenti e di effettuazione dei controlli e cioè, finalità dell’installazione, caratteristiche tecniche
dell’impianto, tempi di funzionamento, modalità e termini di conservazione delle immagini e soggetti
incaricati.
e. La permanenza non continua del lavoratore nelle area dell’attività, predetermina il criterio
dell’occasionalità (sporadicità) delle riprese del dipendente.
d. L’installazione delle apparecchiature di videosorveglianza si rende necessaria per motivi tutela del
patrimonio aziendale data la presenza di beni materiali ed immateriali di elevato valore economico o nel
caso di danneggiamento, intromissioni o furti denunciabili.

Requisiti di rispondenza a Norme, Leggi e Regolamenti.-


Sulla base di quanto dettato dalle disposizioni di Legge e Norme vigenti alla data di stesura della
presente relazione ed in particolare per quanto riguarda:
.- Artt. 13 e 14 del GDPR (Regolamento Europeo sulla Privacy, 679/2016
.- Deliberazione 8 aprile 2010 (Gazzetta Ufficiale n. 99 del 29 Aprile 2010).- Provvedimento in
materia di videosorveglianza
.- Decreto n. 37 del 22 Gennaio 2008 – Regolamento di attuazione dell'art. 11 quaterdecies, comma 13,
lettera a) della Legge n. 248 del 2 dicembre 2005, recante riordino delle disposizioni in materia di attività di
installazione degli impianti all'interno degli edifici, individua le specifiche prescrizioni:
- i progettisti di impianti (art. 5) devono realizzarli secondo la regola dell'arte (conformità alla normativa e
alle regole dell'UNI, CEI, ecc...);
- gli installatori (art. 7) devono rilasciare apposita certificazione di conformità;
- il committente (art. 8) è tenuto ad affidare i lavori ad imprese abilitate e ad adottare le misure necessarie
per mantenere le caratteristiche di sicurezza previste.
.- Decreto Legislativo 81 del 2008 (T.U. sulla sicurezza), individua specifici obblighi in caso di impianti da
collocare in luoghi di lavoro, sia per i committenti, che devono adottare le misure necessarie per
salvaguardare i lavoratori, ma anche per i progettisti, tenuti a rispettare i principi generali di prevenzione in
materia di salute e sicurezza. Sono previsti obblighi anche per gli installatori, che devono (art. 24) attenersi
alle norme in materia di salute e sicurezza.
.- Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 - "Codice in materia di protezione dei dati personali",
prescrive obblighi specifici per il committente, il titolare del trattamento delle immagini acquisite, ed anche
per l'installatore, che dovrà attestare la conformità dell'intervento alle disposizioni di cui al disciplinare
tecnico in materia di misure minime di sicurezza (punto 25 dell’Allegato B al codice privacy).
.- Art.4 della Legge 20 maggio 1970, n. 300 (Statuto dei lavoratori) - Norme sulla tutela della libertà e
dignità dei lavoratori, della libertà sindacale e nell'attività sindacale nei luoghi di lavoro e norme sul
collocamento che prescrive il rispetto di regole nell'utilizzo di impianti per finalità di controllo dei lavoratori.
Infine,
________________________________________________________________________________________________

.- Legge n.186 del 1/3/68 - Disposizioni concernenti la produzione di materiali, apparecchiature,


macchinari, installazioni e impianti elettrici ed elettronici.
Consistenza del sistema di videosorveglianza.-
L’impianto è costituito dai seguenti elementi, più avanti dettagliatamente descritti:
1) n. 1 telecamera (punto 1) ad ottica varifocale tipo BULLET per esterno marca GPS Standard,
modello VGON-5020HR (colore bianco) da installarsi all’interno della proprietà, con riprese
dell’area di parcheggio dell’attività, destinata alla sorveglianza di accessi esterni all’area di
esposizione vendita;
2) n. 1 telecamera DOME (punto 2) ad ottica varifocale tipo DOME per esterno marca GPS Standard,
modello VGDN-5020HR (colore bianco) da installarsi all’interno dell’area esposizione vendita
destinata alla sorveglianza dell’area in argomento;
3) n. 1 telecamera (punto 3) ad ottica fissa tipo BULLET per esterno, marca HIKVISION, modello DS-
2CD2T23GO-I5 (colore bianco) da installarsi all’esterno, nella parte posteriore del corpo A,
destinata alla sorveglianza di accessi esterni all’area di esposizione vendita;
4) n. 1 DVR videoregistratore marca HIKVISION modello DS-7604NI-K1 del tipo con riproduzione
delle registrazioni attraverso l'inserimento di una password, da installarsi all’interno di armadio,
munito di doppia chiave, all’interno del locale contabile (Punto C nelle planimetrie, locale CED),
luogo sicuro e protetto fuori dalla portata del pubblico. Questo sarà in funzionamento
esclusivamente quando il sistema di allarme dello showroom è inserito.
5) Visualizzazione delle immagini da monitor collegato alla rete LAN tramite l'inserimento di apposita
password in possesso dal legale rappresentante e di suo sostituto (rappresentante dei dipendenti).

Il posizionamento delle telecamere è funzionale alla sorveglianza dei locali e degli accessi esterni e delle
aperture per le quali si ritiene necessaria la sorveglianza, così come riportato nella planimetria allegata alla
presente relazione.
Le telecamere sono state installate in modo da inquadrare le aree più esposte al rischio di
furti o rapine e la ripresa dei dipendenti può avvenire secondo il criterio dell’occasionalità
esclusivamente al fine di tutelare maggiormente i beni aziendali.
Le telecamere installate all’esterno dei locali dell’attività, riprendono unicamente aree di
proprietà della ditta. La profondità di azione è tale da non riprendere aree non pertinenti
transitate dal pubblico.
Le immagini riprese da tutte le telecamere verranno registrate su unità hard disk attraverso l'apposito
videoregistratore di cui al punto 4) della presente relazione.
L'apparecchiatura di registrazione, nonché gli accessori per il funzionamento sono stati collocati in modo
da garantirne la sicurezza.
I dipendenti ed i clienti sono informati con appositi cartelli esposti sia all'esterno sia all'interno dei locali
dell'impresa.

Apparecchiature del Sistema di Videosorveglianza.-


Le telecamere da installarsi sono dei seguenti tipi:
♦ Telecamera marca GPS Standard, modello VGON-5020HR ad ottica varifocale F 2.8-12mm fissa per
esterno del tipo BULLET con funzione di mascheramento (colore bianco), da installarsi a piano serminterrato
all’interno dei locali, destinata alla sorveglianza di accessi esterni, deposito merce nonché sala CED,
ubicazione del DVR.
La Telecamera marca GPS Standard, modello VGON-5020HR riassume le seguenti caratteristiche:
 Telecamera Bullet: IP 2Mpx H.264 Day&Night 30 Super Led
 Sensore: 1/2.5" CMOS Hi3516D DSP
 Risoluzione massima: 1920 x 1080
 Pixels effettivi: 1945(H) x 1097(V)
 Dimensione immagine effettiva: 5.56mm(H) x 3.43mm(V), 6.53mm(Diagonal)
 Bilanciamento del bianco: ATW / MANUALE (PRESET)
 AGC: Si
 Velocità otturatore: 1/25 ~ 1/100K
 Illuminazione minima: Colore: 0.63 Lux / B/N: 0 Lux IR LED ON
 Obiettivi Varifocale: 2.8-12 mm
 Day & Night: Day & Night meccanico
 Rete: 10BASE-T, 100BASE-TX, RJ45
 Compressione video: H.264, MJPEG
 Risoluzione: 1920 x 1080(Full HD), 1280 x 720(720p), 640 x 480(VGA),704x576(4CIF),
Protocolli: IPv4, HTTP, SMTP(@V2.0), UPnP, DNS, RTSP, DDNS, RTP, TCP, UDP, RTCP, DHCP, ARP,
IGMP, ICMP, NTP(@ V2.0) / IPv6(@ V3.0)
 Frame Rate: 2.1fps ~ 25 fps
 VMD (Video Motion Detection): 4 zone configurabili per la rilevazione di movimento (3 livelli)
 Alimentazione: PoE(IEEE 802.3af/at compliant) / 12Vdc 700mA
 Temperatura ambiente: -20ºC ~ 60ºC
 Livello di Protezione: IP66
________________________________________________________________________________________________

Telecamera tipo BULLET marca GPS Standard modello VGON-5020HR con sensore CDD 1/2.5”

♦ Telecamera marca GPS Standard, modello VGDN-5020HR ad ottica varifocale F 2.8-12mm fissa per
esterno del tipo DOME (colore bianco), da installarsi all’interno dell’area esposizione vendita, destinata alla
sorveglianza dell’area in argomento.
La Telecamera marca GPS Standard, modello VGDN-5020HR riassume le seguenti caratteristiche:
 Telecamera DOME: IP 2Mpx H.264 Day&Night 30 Super Led
 Sensore: 1/2.5" CMOS Hi3516D DSP
 Risoluzione massima: 1920 x 1080
 Pixels effettivi: 1984(H) x 1225(V)
 Bilanciamento del bianco: Si, ATW / MANUALE (PRESET)
 Illuminazione minima: Colore: 0.63 Lux / B/N: 0 Lux IR LED ON
 Obiettivi Varifocale: 2.8-12 mm DC Auto Iris F1.2
 Day & Night: Tipo ICR fotocellula
 Alimentazione: PoE(IEEE 802.3af/at compliant) / 12Vdc 450mA
 Temperatura ambiente: -20ºC ~ 60ºC
 Materiali: Alluminio pressofuso
 Livello di Protezione: IP66

Telecamera tipo DOME marca GPS Standard modello VGDN-5020HR con sensore CDD 1/2.5”
________________________________________________________________________________________________

♦ Telecamera marca HIKVISION, modello DS-2CD2T23GO-I5 ad ottica varifocale F 4-6mm fissa per
esterno del tipo BULLET (colore bianco), da installarsi a pianterreno all’esterno dei locali, destinata alla
sorveglianza di uno degli accessi esterni secondari dell’attività.
La Telecamera marca HIKVISION, modello DS-2CD2T23GO-I5 riassume le seguenti caratteristiche:

 Image Sensor: 1/2.8" Progressive Scan CMOS


 Min. Illumination: Color: 0.01 Lux @ (F1.2, AGC ON), 0.028 Lux @ (F2.0, AGC ON), 0 Lux with IR
 Shutter Speed: 1/3 s to 1/100,000 s
 Slow Shutter: Yes
 Focal length: 2.8/4/6/8/12 mm
 Focus: Manual
 FOV: 4 mm, horizontal field of view: 78° 6 mm, horizontal field of view: 60°
 Lens Mount: M12
 Iris: F2.0
 Day &Night: IR cut filter
 DNR: 3D DNR
 Wide Dynamic Range: 120dB
 3-Axis Adjustment: Pan: 0° to 360°, tilt: 0° to 100°, rotate: 0° to 360°
 Video Compression: Main stream: H.265/H.264
 Sub-stream: H.265/H.264/MJPEG
 Third stream: H.265/H.264
 H.264 Type: Main Profile/High Profile
 H.264+: Main stream supports
 H.265 Type: Main Profile
 H.265+: Main stream supports
 Video Bit Rate: 32 Kbps to 16 Mbps
 Max. Resolution: 2944 × 1656
 Image Enhancement: BLC/3D DNR/HLC
 Communication Interface: 1 RJ45 10M/100M self-adaptive Ethernet port
 Operating Conditions: -30 °C to +60 °C (-22 °F to +140 °F), Humidity 95% or less (non-
condensing)
 Power Supply: 12 VDC ± 25%, PoE(802.3af 36 to 57V, class 3)
 Power Consumption: -I5: 12 VDC ± 25%, 7 W; PoE, 9 W
 -I8: 12 VDC ± 25%, 10 W; PoE, 12.5 W
 IR Range: -I5: up to 50 m
 -I8: up to 80 m
 Material: Metal
 Protection Level: IP67

Telecamera tipo BULLET marca HIKVISION modello DS-2CD2T23GO-I5 con sensore CDD 1/2.8”

♦ Videoregistratore, del tipo con riproduzione delle registrazioni attraverso l'inserimento di una password,
da installarsi all’interno di armadio, munito di doppia chiave, nel locale contabile (locale CED Punto C nelle
planimetrie), luogo sicuro e protetto fuori dalla portata del pubblico. Questo sarà in funzionamento
esclusivamente quando il sistema di allarme dello showroom è inserito, marca HIKVISION modello DS-
7604NI-K1.

Il Videoregistratore marca HIKVISION modello 7600NI-K1 riassume le seguenti caratteristiche:


________________________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________________________

Videoregistratore Digitale HIKVISION modello DS-7604NI-K1 a 4 canali con compressione Video H.264

Gestione del sistema di videosorveglianza.-


II posizionamento delle telecamere è funzionale alla sorveglianza degli accessi dall’esterno all’area
di esposizione vendita e alla stessa area per la quale si ritiene necessaria la sorveglianza, così come
riportato nella planimetria allegata alla presente relazione. Più precisamente:
1) Quattro (2) telecamere posizionate all’esterno dei locali, una sulla facciata anteriore, l’altra su quella
posteriore, destinate alla sorveglianza degli accessi esterni all’area in argomento;
2) Quattro (1) telecamere posizionate all’interno dell’area esposizione vendita, destinate alla
sorveglianza di quest’area nonché all’accesso alla sala CED (locale contabile), ubicazione del DVR;
3) un videoregistratore, del tipo con riproduzione delle registrazioni attraverso l'inserimento di una
password, da installarsi da installarsi all’interno di armadio, munito di doppia chiave, a piano
seminterrato nel locale CED.
4) Visualizzazione delle immagini da monitor collegato alla rete LAN tramite l'inserimento di apposita
password in possesso dal legale rappresentante e di suo sostituto (rappresentante dei dipendenti).

I dipendenti ed i clienti sono informati con appositi cartelli esposti sia all'esterno dei locali
dell'attività.
L'impianto di videosorveglianza sarà in funzione esclusivamente quando il sistema di allarme dello
showroom è inserito.

Fatta salva la visione da parte delle forze dell'ordine, a seguito della messa a disposizioni delle
autorità competenti per fatti delittuosi e utilizzabili esclusivamente a titolo di prova giudiziale, la visione
delle registrazioni potrà avvenire solo in presenza del titolare dell’attività, sig. XXX XXX (Legale
rappresentante della ditta) o dal suo eventuale sostituto (rappresentante dei dipendenti). A tal fine il
sistema provvederà la visione solo attraverso l'accesso al videoregistratore installato in armadio munito di
doppia serratura di cui una in possesso del titolare dell'esercizio, sig. XXX XXX, e l’altra del rappresentante
su indicato, sig. XXX XXX (Codice Fiscale XXX XXX).
La visualizzazione delle immagini non potrà costituire supporto all'accertamento dell'obbligo di
diligenza del lavoratore (o essere occasione indiretta per tale accertamento) e dell'adozione di
provvedimenti sanzionatori.
Non è previsto alcun collegamento diretto con le forze dell'ordine e pertanto non sarà possibile la
visione in tempo reale delle immagini da postazione remota.
Le inquadrature delle telecamere sono tali da cogliere un'immagine il più pertinente possibile ai soli
accessi al lotto (proprietà) o ai locali evitando, il più possibile, di inquadrare i luoghi circostanti non
pertinenti al patrimonio aziendale. E’ possibile che l’impianto audiovisivo, installato per i fini e nei modi
previsti dalla legge, riprenda i lavoratori occasionalmente o anche in modo continuativo. Il datore di lavoro a
mezzo il regolamento darà al lavoratore, nel rispetto della disciplina in materia di privacy, adeguata
informazione delle modalità di uso degli strumenti e di effettuazione dei controlli e cioè, finalità
dell’installazione, caratteristiche tecniche dell’impianto, tempi di funzionamento, modalità e termini di
conservazione delle immagini e soggetti incaricati.
Le immagini registrate non saranno in alcun modo diffuse all’esterno. Le immagini registrate non
saranno in nessun caso utilizzate per eventuali accertamenti sull’obbligo di diligenza da parte dei lavoratori
né per l’adozione di provvedimenti disciplinari.
Il trattamento dei dati ricavati dal sistema di videosorveglianza spetta esclusivamente al
Responsabile, ai soggetti da questi nominati e all'Autorità Giudiziaria e di Polizia. Ad ogni altro soggetto non
compreso nell'elencazione precedente è inibita sia la visione sia la disponibilità delle immagini e dei dati
rilevati dal sistema.
Le immagini riprese dalle telecamere saranno conservate per un periodo di 24 ore successive alla
rilevazione, fatte salve speciali esigenze di ulteriore conservazione in relazione a festività o chiusura di
uffici, nonché nel caso in cui si debba aderire ad una specifica richiesta investigativa e dell’Autorità
Giudiziaria o di Polizia Giudiziaria, dopodiché le immagini si sovrapporranno alle precedenti, cancellandole.
________________________________________________________________________________________________

Su richiesta dell’Autorità Giudiziaria o della Polizia Giudiziaria, le sole immagini utili alla ricerca dei
responsabili saranno riversate, a cura del Responsabile del trattamento, su un nuovo supporto informatico,
al fine della loro conservazione in relazione agli illeciti o alle indagini.