Sei sulla pagina 1di 1

8 NAPOLI lunedì 23 gennaio 2006

PARLA IL TECNICO IL COMITATO “TIFOSI NAPOLETANI” E “NOI CONSUMATORI” VOGLIONO GIUSTIZIA

L’allenatore ha elo- Mancato ripescaggio, iniziano le udienze contro la Figc


giato le prove di La- NAPOLI. Oggi alle ore 9, innanzi ai Angelo Pisani, che al momento, ha già la mortificazione dei più elementari
Magistrati dell’Ufficio del Giudice di raccolto circa 50mila adesioni per diritti personali ed esistenziali dei
crimini e Grava: Pace di Napoli, iniziano le prime
udienze della cause intentate dai tifosi
quella che sarà una delle più grandi
cause di risarcimento collettivo,
napoletani, della loro dignità ed
integrità morale». Secondo l’avvocato
«Sulle fasce siamo napoletani, difesi dall’avvocato Angelo
Pisani contro la Figc difesa
definita maxi causa contro i padroni del
calcio, si legge in una nota, bisogna
Pisani, esperto di risarcimento danni
alla persona ed incaricato dal comitato
andati bene, abbia- dall’avvocato Gallavotti. Il comitato
“Tifosi Napoletani”, insieme al
stringersi ancora di più “attorno al
presidente del Napoli, Aurelio De
tifosi di redigere il ricorso, «Il
comportamento tenuto dalla Figc è
movimento “Noi Consumatori”, ha Laurentiis”. Il Comitato chiede, stato già censurato implicitamente dal
mo ripetuto il lavoro presentato una richiesta di dunque, interventi urgenti anche per Consiglio di Stato ove si pensi che ha
risarcimento danni per il mancato motivi di ordine pubblico. La squadra rimesso gli atti alla Procura, gesto non
provato in settima- ripescaggio del Napoli in serie B oltre a partenopea è confinata su «campetti da usuale da parte di un’Autorità
lanciare un appello al sindaco di Napoli, 2000 persone ove giocare al pallone e Giudicante. E, purtroppo, solo per un
na. Sono contento al presidente della Regione Campania e davvero un’impresa. Ed è pericoloso vizio di procedura il Napoli non ha
al presidente della provincia di Napoli a per le folle che il Napoli muove in potuto avere giustizia. È evidente che il
per il neo arrivato, sostenere l’azione giudiziaria contro la contesti non adeguatamente comportamento della Figc concretizza
Federcalcio per il bene ed il trionfo strutturati. Tutto ciò con gravissimo tutti gli estremi della fattispecie
sa anche difendere» Edy Reja. Per il tecnico una domenica di nuovo vincente (Agn/Lauria) dello sport. A giudizio dell’ avvocato danno economico per la società, ma con illecita, almeno, civilmente rilevante».

L’INTERVISTA | Gli è piaciuta molto la squadra dal punto di vista dell’intensità e della condizione: «Ora continuiamo così»

Reja: «Questo è il Napoli che voglio»


verità - dice Reja - è che in difesa abbiamo te- proprio da un cross perfetto dalla destra di po’ troppo sulla linea difensiva ad inizio par- tare sui guai degli avversari per vincere i cam-
SALVATORE CAIAZZA
nuto una buona condizione, non abbiamo mai Grava è arrivato il gol del vantaggio di Bo- tita - evidenzia l’allenatore -. Quando gli av- pionati. «Sinceramente - ammette Reja - pen-
NAPOLI. L’effetto sosta-natalizia sta passando. concesso niente. Carruezzo era un brutto gliacino. Proprio il terzino destro è stato uno versari sono freschi, un minimo errore ci può savo che il Frosinone perdesse a Grosseto. Ho
Il Napoli sta ritrovando finalmente la forma cliente e c’erano Bonfanti, Masini e Magnani dei migliori in campo e i complimenti del suo costare caro. Comunque, la partita È stata po- saputo che ha pareggiato nel secondo minu-
mentale e fisica persa ad inizio gennaio e i che davano fastidio sulla corsia di destra. La allenatore sono d’obbligo. «In settimana - am- sitiva. Venivamo da 2 3 partite dove non si era to di recupero. Comunque, siamo sempre so-
frutti si sono visti. Contro la Lucchese, infat- squadra è in crescita, sia dal punto di vista fi- mette Reja - abbiamo provato molto il lavoro giocato bene, non facevamo le cose con natu- pra di sei punti poiché nello scontro diretto
ti, Reja ha potuto guidare una squadra che ha sico che mentale. C’è stata una risposta posi- sugli esterni, considerato che potevamo sfrut- ralezza. L’importante era fare risultato, i tre siamo avanti. Voglio ribadire una cosa: in que-
saputo tenere bene il campo dal punto di vi- tiva. Peccato che non abbiamo sfruttato i con- tare la forza dei nostri attaccanti. Molto bene punti erano essenziali. In fase d’attacco si è ste quattordici partite che mancano dobbia-
sta dell’intensità e della condizione e forse l’u- tropiedi per poter chiudere la partita. È il Na- hanno fatto Grava e Lacrimini. Quest’ultimo lavorato bene ma per essere al top dobbiamo mo tenere alta la guardia, non dobbiamo mai
nico gol segnato da Bogliacino ha dimostrato grande quantità mollare dal punto di vista dell’intensità. Non
è un po’ troppo poco. L’impor- Se abbiamo capito come si gioca in C nelle ripartenze e sinceramen- L’importante, comunque, erano i possiamo gestire le partite, non lo sappiamo
tante, comunque, era vincere e te mi ha convinto anche in fase fare e lo abbiamo dimostrato contro il Gros-
il tecnico azzurro era soddi- e se saremo continui nel rendimento, non difensiva. Ha avuto una buona tre punti. La Torres? In casa concede seto. Qui gioca chi sta bene fisicamente poi-
sfatto anche se il Napoli avesse ci sarà alcun problema. Nelle prossime reattività. Grava è stato perfet- molto poco. Sarà un test importante per ché abbiamo dei sostituti molto competitivi».
giocato male. Buon per lui, to. Nel complesso si è vista una I tre punti contro la Lucchese hanno rida-
però, che Montervino e compa- 14 gare dovremo tenere alta la guardia squadra che può tranquilla- due squadre in ottimo stato di salute to un po’ di morale a tutto lo spogliatoio az-
gni hanno ricominciato a ma- mente far bene per il futuro. zurro. Il pensiero, però, di tutta la troupe è al-
cinare gioco tenendo a debita distanza dalla poli che voglio: sul piano dell’intensità non ab- Dobbiamo, però, alimentare questa intensità. mantenere la lucidità e avere più freddezza in la sfida di domenica prossima in casa del Sas-
porta di Reja gli attaccanti toscani. Simoni, in- biamo mai mollato. Non era facile affrontare Se si è capito come si gioca in questa catego- fase conclusiva». sari Torres. I sardi stanno viaggiando ad alti
fatti, non può rammaricarsi di nulla poiché la Lucchese». ria, se siamo continui nel rendimento, allora I punti di distacco dal Frosinone sono di livelli e tra le mura amiche riescono a dare il
dalle parti di Iezzo non è mai arrivato un se- L’impiego di Lacrimini sulla sinistra ha da- non ci saranno problemi per il Napoli». Reja nuovo aumentati. I ciociari hanno avuto la for- doppio di quello che danno in trasferta. «Que-
rio pericolo. Anzi, ad un certo punto sembra- to più equilibrio alla squadra. Soprattutto per- si è arrabbiato molto all’inizio. Gli azzurri han- tuna di pareggiare in casa del Grosseto a tem- sta squadra - conclude Reja l’abbiamo già vi-
va che la Lucchese volesse difendere lo svan- ché a sinistra c’era un giocatore di ruolo e a no concesso troppo agli avversari giochic- po praticamente scaduto altrimenti il gap dal sta all’opera nella gara d’andata. Inoltre, in ca-
taggio di un solo gol. Non si è mai spinta più centrocampo un Montervino che non si ri- chiando al limite della propria area e rega- Napoli sarebbe stato maggiore. Un po’ ci spe- sa non concede niente. È un test importante
di tanto in avanti e ha cercato solo di sfrutta- sparmia mai quando si tratta di combattere. lando qualche pallone di troppo che poteva ri- rava il tecnico in uno scivolone della seconda per due squadre in salute, cercheremo di mi-
re le ripartenze sugli attacchi del Napoli. «La Ieri hanno funzionato soprattutto le fasce, e velarsi pericoloso. «Abbiamo fraseggiato un classificata ma non si può pretendere di pun- gliorare in settimana».

L’EX AMAREGGIATO | Il tecnico è incredulo: «Non capisco la contestazione. A Napoli ho lavorato gratis»
Simoni non accetta i fischi dei tifosi
NAPOLI. È un ritorno molto amaro a Na- i fischi della Curva, ma di non aver fatto to, una ferita ancora non rimarginata sul- E dopo qualche istante Simoni rinca-
poli, per Gigi Simoni. E non per la scon- caso allo striscione». Ma anche la ver- la pelle dei tifosi: la vicenda delle libe- ra la dose del suo sfogo, ribadendo: «Mi
fitta di misura che, ammette il tecnico sione “diplomatica” di Simoni tradisce il ratorie non firmate da lui e dai calciatori sento con la coscienza completamente a
della Lucchese: «È stata meritata». Ad suo turbamento, frutto della scoperta di nell’estate del 2004, mentre il Napoli si posto nei confronti di questa città per-
irritare il solitamente flemmatico alle- una ostilità chiaramente inaspettata per avviava al fallimento. A quel punto Si- chè, in ogni caso, in qualsiasi posto del
natore di Crevalcore è stata l’accoglien- lui, che a Napoli si è sempre dichiarato moni allarga le braccia e sbotta: «A Na- mondo mi trovi, mi imbatto sempre in
za, a dir poco gelida, che una parte del- molto legato. Sulle prime, il tecnico del- poli sono rimasto per otto mesi quel- napoletani che mi ringraziano ancora
la tifoseria azzurra gli ha riservato. Una la Lucchese ha immagina- per quanto ho dato a questa piazza. È
contestazione tradottasi in una robusta to che il motivo della con- Mi sento con la coscienza a posto evidente che chi mi contesta è una mi-
salva di fischi partiti dalla Curva B al- testazione fosse legato al nima parte degli stessi».
l’ingresso in campo delle squadre, ma risentimento di una fran-
nei confronti di questa città. Giro il Molto più soft invece il commento del-
non solo. Infatti, contestualmente ai fi- gia di tifosi «per il mio non mondo e i napoletani che incontro mi l’ex tecnico azzurro sulla partita di ieri:
schi è comparso nello stesso settore uno essermi mai piegato a «Abbiamo osato quello che il Napoli ci ha
striscione durissimo e dai contenuti mol- compromessi».
ringraziano sempre per ciò che ho dato permesso di osare – ha detto- loro sono
to espliciti sull’allenatore del Napoli di E la frase sibillina celava il disappun- l’anno, prendendo soltanto due stipendi. la squadra più forte del campionato ed
Naldi. to di un allenatore che della sua distan- Nonostante le sei mensilità mai corri- hanno sfruttato bene il gol che ci hanno
Lo striscione, che è stato fatto ritira- za dagli ambienti del tifo, ovunque sia sposte – ha continuato – non ho mai fatto, perchè fino ad allora la partita era
re prima dell’inizio della gara, recava l’i- andato, ha sempre fatto una regola di vi- messo in mora il club, attenendomi a abbastanza equilibrata. Poi il Napoli ha
nequivocabile scritta “Simoni pezzo di ta. Poi, qualcuno gli fà notare che le of- quanto diceva il curatore fallimentare. E avuto 20 minuti in cui noi abbiamo sof-
m….”. Negli spogliatoi, il diretto inte- fese alla sua persona concernevano adesso – si domanda molto contrariato ferto parecchio e poteva raddoppiare».
Gigi Simoni con lo striscione alle sue spalle ressato dichiara «di aver soltanto udito qualcosa di più recente e meno sfuma- - cosa vogliono da me questi tifosi?». GIANMARIA ROBERTI

LE PAGELLE DEGLI AZZURRI VISTI DA RAFFAELE AURIEMMA

Grava e Lacrimini: per la Lucchese due spine nei fianchi


GENNARO IEZZO 6 MARCO CAPPARELLA 6 BASSO E CI RIESCONO, PERÒ QUANDO LA LUCCHESE TEN-
NON È STATA PER LUI UNA DOMENICA DI GRANDI DIF- È SEMPRE IL SOLITO, QUATTO QUATTO SE NE STA SUL- TA IL DISPERATO RECUPERO, È LUI A SALIRE IN CATTE-
FICOLTÀ, PERÒ QUANDO IL BRASILIANO FABIANO HA LA CORSIA DESTRA PER POI PIAZZARE LO SPRINT GIUSTO DRA.
CALCIATO UNA PUNIZIONE FORTE ED ANGOLATA, HA DI- QUANDO C’È LO SPAZIO GIUSTO. HA CREATO UN ASSI-
MOSTRATO DI NON ESSERE MAI DISTRATTO. NEL FINA- ST PULITO, MA NON SFRUTTATO DA CALAIÒ, MENTRE IL MARIANO BOGLIACINO 7
LE HA IPNOTIZZATO MASINI CHE AVEVA TENTATO DI BEF- PORTIERE BRUNNER GLI HA NEGATO IL GOL SU CON- SOLTANTO ADESSO STA VENENDO A GALLA QUELLA
FARLO CON UN PALLONETTO. CLUSIONE POTENTE. APPLAUSI A SCENA APERTA QUAN- QUALITÀ CHE AVEVA CONVINTO MARINO A PRENDER-
DO È USCITO: I TIFOSI HANNO CAPITO L’IMPORTANZA DI LO DALLA SAMB. È CHIARO CHE ORA LE COSE GLI RIE-
GIANLUCA GRAVA 7 QUESTO CALCIATORE PER LA SQUADRA AZZURRA. (DAL SCONO PERCHÉ HA PRESO CONFIDENZA CON LA PIAZ-
MAI COSÌ BRAVO DA QUANDO VESTE LA MAGLIA DEL 44’ st NICOLAS AMODIO SV: È RIUSCITO A TOC- ZA. SPLENDIDO IL TUFFO SUL GOL, MA È PREZIOSA OGNI
NAPOLI. SARÀ STATA LA RICHIESTA DEL DIGÌ MARINO CARE SOLO UN PAIO DI PALLONI). SUA GIOCATA, SOPRATTUTTO LE ACCELERAZIONI CEN-
DI SPINGERE DI PIÙ SULLE FASCE, MA IERI L’ESTERNO CA- TRALI CON SUGGERIMENTO IN VERTICALE.
SERTANO È STATO DAVVERO DEVASTANTE. MAI UN MO- FRANCESCO MONTERVINO 6
MENTO DI INDECISIONE NELLA FASE DIFENSIVA, HA SA- GARA VOLITIVA, SENZA SPUNTI DI PARTICOLARE RILIE- ROBERTO CARLOS SOSA 5
PUTO INSERIRSI CON PROFITTO SULLE AZIONI OFFENSI- VO, TRANNE QUELLA TRAVERSA SCHEGGIATA CON IL PAL- È UN PO’ APPESANTITO IL “PAMPA” E QUANDO TROVA
VE. IN UNA DI QUESTE HA ANCHE DISEGNATO IL TRA- Emanuele Calaiò e Roberto Sosa. I due attaccanti non hanno brillato contro la Lucchese LONETTO. MA VISTO MEGLIO, QUEL COLPO DI CLASSE AVVERSARI CHE DI TESTA LO CHIUDONO COME HA FAT-
VERSONE PER IL COLPO DI TESTA DECISIVO DI BOGLIA- È STATO IN REALTÀ UN ERRORE: SE AVESSE CROSSATO, TO BELLUCCI, PER LUI DIVENTA COMPLICATO ENTRARE
CINO. RUBEN MALDONADO 6 NON È UNA ESAGERAZIONE, L’EX SANGIOVANNESE REAL- C’ERA SOSA LIBERO DAVANTI ALLA PORTA SPALANCA- IN PARTITA.
IN SERIE C SI VINCE ANCHE COSÌ, CALCIANDO IL PALLO- MENTE HA MOSTRATO TUTTE QUESTE QUALITÀ. SOLO TA. È INDISCUSSA LA SUA GENEROSITÀ, ANCHE SE SPES-
TOMMASO ROMITO 6 NE IN TRIBUNA QUANDO LA CIRCOSTANZA LO RICHIE- AD INIZIO GARA È SEMBRATO BLOCCATO, FORSE PER L’E- SO ECCEDE NEL TENERE IL PALLONE SULLE AZIONI DI CON- EMANUELE CALAIÒ 5
BUON PER LUI CHE IL BOMBER LUCCHESE CARRUEZZO DE. TALVOLTA IL PARAGUAIANO PUÒ PURE SEMBRARE MOZIONE, POI HA COMINCIATO A PRENDERE CONFIDENZA TROPIEDE. NESSUNO POTREBBE DISCUTERLO PER L’IMPEGNO, NE
NON È RIUSCITO A CREARGLI TROPPE DIFFICOLTÀ, VISTA SCOORDINATO E POCO ELEGANTE, MA È SEMPRE CON LA PLATEA E CON IL CAMPO, MACINANDO CHILO- PROFONDE ANCHE PARECCHIO, MA NON RIESCE A TRO-
LA NON ECCESSIVA MOBILITÀ CON LA QUALE SI È PRO- QUANTO MAI EFFICACE. METRI SULLA FASCIA.
ANZI, I COMPAGNI DEVONO CER- GAETANO FONTANA 6 VARE PIÙ LA SCIOLTEZZA DELLE PRIME DOMENICHE. (Dal
DOTTO IERI. TRA LE COSE MIGLIORI, L’INTERVENTO IN CARLO CON MAGGIORE CONTINUITÀ. (DAL 38’ st AN- UN RENDIMENTO A SPRAZZI, MA L’ESPERIENZA GLI PER- 44’ st GAETANO GRIECO SV: INSIEME A BOGLIA-
SPACCATA PER NEUTRALIZZARE UNA CONCLUSIONE DI LUCA LACRIMINI 6,5 DREA CUPI SV: GIUSTO IL TEMPO DI FARE L’ESOR- METTE DI ENTRARE NEL VIVO DEL GIOCO QUANDO OC- CINO COSTRINGE LA DIFESA DELLA LUCCHESE A CHIUDE-
NAPOLIONI DAI SEDICI METRI. PULITO, PRECISO, ORDINATO, DILIGENTE E PROPOSITIVO: DIO AL SAN PAOLO CON LA MAGLIA AZZURRA). CORRE. NAPOLIONI E FABIANO PROVANO A TENERLO RE LA GARA CON UNA SERIE DI FALLI SISTEMATICI).